STIMA DELL INDIVIDUALITÀ PSICO-FISIOLOGICA DI OPERATORI DI CALL CENTER DURANTE L ATTIVITÀ LAVORATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STIMA DELL INDIVIDUALITÀ PSICO-FISIOLOGICA DI OPERATORI DI CALL CENTER DURANTE L ATTIVITÀ LAVORATIVA"

Transcript

1 Evaluation fo psyco-physiological characteristics of call center operators during the job activity STIMA DELL INDIVIDUALITÀ PSICO-FISIOLOGICA DI OPERATORI DI CALL CENTER DURANTE L ATTIVITÀ LAVORATIVA SINTESI DEL LAVORO Alcuni importanti indicatori psicologici (ricavati da test psicometrici) e fisiologici (frequenza cardiaca e attività elettrodermica cutanea) sono stati registrati nel corso della normale attività lavorativa in un gruppo di operatori di call center. Differenze interindividuali relativamente stabili nel tempo sono più facilmente evidenziabili per mezzo degli indicatori psicologici e, fra quelli fisiologici, i più sensibili in tale contesto risultano la frequenza cardiaca e la sua variabilità. L attività elettrodermica cutanea, d altra parte, si conferma, in tutti gli individui, come il più sensibile e rapido indicatore di risposta alle sollecitazioni dell ambiente di lavoro. AUTORI (*) R. Piacentini, P. Sirabella; (**) A. Colosino, P. Montanari; (***) F. Davide. (*) Università di Roma La Sapienza - Dip. di Fisiologia e Farmacologia. (**) ISPESL - Dip. Documentazione, Informazione e Formazione, Roma. (***) Telecom Italia S.P.A. In Prevenzione Oggi (ISPESL), n.4, 2001; pp:

2

3 1. PREMESSA 1.1 Natura e sviluppo dei call centers In termini generali, i call centers sono strutture attraverso cui un organizzazione di qualunque natura gestisce i contatti telefonici con i propri utenti, per fornire informazioni/assistenza sui prodotti/servizi forniti. Di tali strutture, la cui nascita risale agli anni sessanta, tutte le più importanti aziende commerciali attualmente si servono per: assorbire reclami; migliorare, personalizzandolo, il rapporto con la clientela; pubblicizzare e vendere beni. I call centers rappresentano una delle forme di occupazione in più forte crescita praticamente in tutti i Paesi, industrializzati e non. Secondo previsioni del 1998 (Datamonitor) nel 2002 sarebbero state impiegate in essi più di 2 milioni di persone in Europa e 5 in America, e tali previsioni si sono rivelate inesatte per difetto. Anche le dimensioni economiche del fenomeno risultano impressionanti, se si pensa che nel 1999 il mercato totale dei servizi e della tecnologia connessi ai call centers ammontava a 7.1 miliardi di dollari, e che una stima minima del tasso annuo di sviluppo di tale mercato è del 40%. Il ritardo dell Italia rispetto alle altre nazioni europee nella diffusione dei call centers sembra che debba essere rapidamente colmato: se nel 1994 i call centers attivi erano 39 con 1500 addetti, nel 2000 risultavano già 1.020, e si prevede diventeranno circa alla fine del L importanza del fattore umano Secondo l analisi di autorevoli esperti nel settore, tuttavia, se i call center stanno aumentando in numero ed efficienza, essi corrono il rischio di una progressiva perdita di efficacia [S. Bagnara et al, 2001]. Per fronteggiare la situazione, considerata la preferenza attribuita dalla clientela alla qualità del contatto personale diretto rispetto al generale scarsissimo consenso ottenuto dai risponditori automatici, elemento essenziale risultano essere gli operatori. Diventa quindi ovvia l importanza di fattori quali: la riorganizzazione del lavoro attraverso la valorizzazione ed incentivazione delle capacità individuali, in modo da rendere soddisfatto e collaborativo un personale in genere poco motivato, isolato e scarsamente assistito; il rafforzamento dell identità sociale e professionale degli operatori e del loro know-how, attraverso programmi di formazione e aggiornamento continui, e delle loro capacità di comunicazione e interazione con i colleghi, per la messa in comune di specifiche abilità e competenze personali nell ambito di un lavoro di squadra. Il ruolo strategico degli operatori per la riuscita ed il buon funzionamento di un call center è considerato più rilevante della tecnologia e degli strumenti di gestione della conoscenza in esso impiegati. Da questo punto di vista è significativo l orientamento del settore verso il personale giovane (25/30 anni), a contratto part-time e con abilità e competenze di medio livello, per tentare di sfruttare al massimo le caratteristiche di flessibilità mentale e facile apprendimento di modalità operative altamente variabili e soggette ad aggiornamento ed evoluzione continui. 1.3 Caratteristiche individuali e prevenzione dello stress Nel miglioramento delle condizioni di lavoro nei call centers, grande cura è stata generalmente dedicata, finora, all ergonomicità delle postazioni ed alla facilità d uso ed efficacia degli strumenti di lavoro disponibili (terminali, reti, data base, etc.) considerando gli operatori come un collettivo di cui registrare, al più, le necessità o preferenze medie. La crescente complessità e importanza delle funzioni svolte, tuttavia, suggeriscono che per ottenere una working performance ottimale le caratteristiche o necessità individuali vadano tenute in debito conto [S. Bagnara et al., 2001] In tale contesto, una stima della loro maggiore o minore variabilità, oltre che interessante in sé diventa anche essenziale per quantificare i costi/benefici di una rimodulazione delle strategie aziendali. Specifica attenzione, per la loro complessità ed importanza, meritano la valutazione dello stress e la sua possibile prevenzione. Se, da un lato, è generale l accordo sulla stretta correlazione, anche se non sempre necessariamente di segno negativo, esistente fra stress ed entità e persistenza delle stimolazioni, dall altra esiste una grande eterogeneità nelle definizioni di stress adeguate ad una sua valutazione oggettiva [per una concisa ed esauriente visitazione dell abbondante letteratura sul tema, vedi D. Bartlett, 1998]. La maggior parte di tali definizioni oscillano fra un punto di vista più tradizionale, risalente a circa 50 anni fa, che mette in risalto il ruolo dei fattori stressogeni ambientali e comunque esterni all individuo, ed un punto di vista più recente [Burchfield S.R., 1985], che sottolinea l importanza, come indicatori del livello di stress, delle alterazioni di parametri psicologici e fisiologici rispetto ai valori normali. Nella prospettiva a lungo termine in cui il nostro lavoro intende collocarsi, mirante ad alleviare e prevenire gli effetti dello stress fra gli operatori di call center, entrambi i punti di vista sono, ovviamente da considerare. Tuttavia il punto di partenza necessario e inevitabile, nonostante tutte le difficoltà ad esso inerenti, rimane la caratterizzazione delle differenze individuali di natura psicologica e fisiologica stimabili all interno di una popolazione di operatori. 2. METODOLOGIA La caratterizzazione psicologica e fisiologica individuale, attraverso indicatori opportuni, di operatori telefonici offertisi volontariamente di collaborare allo studio è stata effettuata presso un call center di Telecom Italia (187 - Roma Nord). I dati analizzati sono stati raccolti nell ambito di un più generale progetto di ricerca sull ottimizzazione delle condizioni di lavoro degli operatori telefonici, finanziato dalla C.E. e denominato progetto Angelo. 2.1 Struttura dei dati I dati si riferiscono a 15 individui, 12 femmine e 3 maschi, tutti di età compresa fra i 25 ed i 43 anni, selezionati fra una trentina di operatori telefonici coinvolti in un ampia indagine articolata in varie sessioni sperimentali (denominate A2, B1, B2, C1, C2, C3, D1 in base alla successione cronologica e ad alcune differenze nell organizzazione del lavoro, non rilevanti nel presente contesto) della durata di 3 giorni ciascuna e intervallate di circa due settimane l una dall altra. I criteri di selezione sono unicamente dipesi dalla necessità di analizzare informazione fisiologica e psicologica completa ed omogenea per tutti i soggetti. Un sottoinsieme dei dati esaminati in questo lavoro, pienamente rappresentativo della loro tipologia, è riportato nelle Tabelle 2 e Test psicometrici In Prevenzione Oggi (ISPESL), n.4, 2001; pp:

4 Per caratterizzare gli operatori dal punto di vista psicologico sono stati utilizzati tre test psicometrici, diversi per il tipo di informazione fornita e per la scala di validità temporale dei risultati: 1) Eysenck Personality Questionnaire (EPQ); 2) Mashlach Burnout Inventory (MBI); 3) Profile of Mood States (POMS). L EPQ [Eysenck and Eysenck, 1975] è costituito da 100 domande a risposta binaria sí/no, e fornisce informazioni sulle fondamentali caratteristiche di personalità del soggetto. Dato che la personalità è una caratteristica che si mantiene costante nel tempo, il test è stato eseguito solamente una volta da ciascun operatore. L elaborazione delle risposte produce valori numerici riferibili a tre dimensioni ortogonali (indipendenti) nello spazio dei descrittori della personalità: la dimensione della Estroversione/Introversione (E), correlabile alla generale integrazione del soggetto nell ambiente circostante; la dimensione del Neuroticismo (N), relazionato al grado di disadattamento personale e sociale; la dimensione dello Psicoticismo (P) relazionato a tendenze paranoidi e comportamenti antisociali (Tab. 1). Dalle risposte al test EPQ è inoltre possibile ricavare una stima numerica (L) della tendenza del soggetto a porsi in buona luce, a costo di sacrificare, coscientemente o inconscientemente, la sincerità. Ciò si ottiene valutando la coerenza complessiva delle risposte fornite a domande simili. L MBI [C. Maslach et al, 1996] è costituito da 22 domande che prevedono risposte su una scala temporale numerica che va da 0 (=mai) a 6 (=ogni giorno). Esso fornisce informazioni sul modo di rapportarsi con l ambiente di lavoro in base all elaborazione di tre parametri indipendenti che stimano il livello di burnout del soggetto. Tali parametri sono definiti come: Esaurimento Emotivo [E], Depersonalizzazione [D] e Realizzazione Personale [P]. Ovviamente, la variabile P è inversamente correlata ad E e D, in quanto stima di soddisfazione, mentre le altre sono stime di insoddisfazione. Essendo il livello di burnout una variabile che può modificarsi nel tempo, il test è stato fatto ripetere agli operatori all inizio di ogni sessione sperimentale. Il POMS [D.L. McNair et al, 1981] è costituito da 64 domande che servono a stimare 6 diverse qualità dell umore: i soggetti devono indicare su una scala numerica (0-5) l intensità con cui, nel periodo immediatamente precedente al test, hanno avvertito un particolare stato emotivo/umorale. In considerazione del fatto che lo stato umorale può variare molto rapidamente (anche nel corso della giornata) questo test è stato fatto ripetere ad ogni operatore all inizio di ogni giornata di sperimentazione. 2.3 Dati fisiologici Come indicatori dello stato psicofisiologico sono stati scelti la frequenza del battito cardiaco o Heart Rate (HR) e la attività elettrica cutanea o Galvanic Skin Response (GSR) che, essendo strettamente correlati all attività di entrambe le branche del sistema nervoso autonomo (ortosimpatico e parasimpatico) forniscono informazioni circa le reazioni automatiche, non controllabili dalla volontà del soggetto, a stimoli esterni e interni [Greenfield and Sternback, 1998; Boucsein and Ottmann, 1996]. Inoltre tali indicatori sono relativamente semplici da misurare con metodologie non invasive e non limitanti l attività lavorativa [Fig. 1]. Tutte le registrazioni fisiologiche hanno avuto una durata standard di circa minuti e gli operatori nel corso di una stessa giornata lavorativa possono aver eseguito più registrazioni, a seconda della loro disponibilità. La frequenza cardiaca (HR) è stata misurata per mezzo di un sensore, D-YS (Nellcor), fissato per mezzo di una clip ad un lobo dell orecchio dell operatore (Fig. 1A). Il sensore registra le oscillazioni di flusso sanguigno (e quindi le contrazioni cardiache) per mezzo di una sorgente IR posta su un lato del lobo e di un fotorivelatore posto sull altro. Il segnale viene acquisito e processato da una scheda DSP (Digital Signal Processing) della Texas Instrument, che fornisce ogni 7 secondi la frequenza cardiaca media calcolata in questa finestra temporale [Kelsey, 1991]. La stima della attività elettrica cutanea (GSR) si può effettuare attraverso una misura della conduttanza cutanea fra due elettrodi posti sulle falangi medie delle dita indice e medio (zone psicologicamente attive) della stessa mano, e fornisce informazioni circa l attività delle ghiandole sudoripare, che riflette le variazioni dello stato psicoemotivo-attenzionale del soggetto [W. Boucsein, 1992]. Applicando ai capi degli elettrodi una bassa tensione continua (+0.5 V) si può misurare la conduttanza cutanea per mezzo del semplice circuito schematizzato in Fig. 1C, [Fowles, 1981; Venables, 1973], con una frequenza di campionamento pari a 0.5 Hz. Il segnale GSR è in realtà la somma di due distinte componenti denominate tonica e fasica che vanno separate e considerate separatamente in quanto veicolano informazioni differenti anche se complementari. L alta non-stazionarietà del segnale GSR rende difficile, tuttavia, sfruttare a questo scopo le classiche tecniche spettrali del tipo FFT. Un metodo empirico molto usato si basa sull osservazione [W. Boucsein, 1992; Lykken et al., 1971; Lim et al., 1997] che la componente fasica possiede un andamento caratterizzato da picchi sempre positivi a rapida salita (τ 0.5 sec) e recupero molto più lento (τ 4-6 sec), per una durata temporale totale di circa secondi, che si sovrappongono alle lente variazioni della componente tonica. Nella Figura 4 sono mostrate le componenti fasica e tonica di uno dei segnali GSR in Figura Analisi delle componenti principali (PCA) La Analisi delle Componenti Principali (PCA) è una delle tecniche più usate nella statistica multivariata [H.H. Harman, 1976] perchè consente di eliminare la ridondanza presente in una struttura di dati del tipo riportato in Tabella 2, semplificandone l analisi e l interpretazione. Molto brevemente, essa consente di rappresentare le unità statistiche (nel presente caso, i soggetti esaminati) in un nuovo sistema di riferimento della stessa dimensionalità di quello delle variabili (nel presente caso, i descrittori psicologici) originali, ma in cui gli assi [componenti principali] sono tutti ortogonali fra loro. Tali assi vengono individuati, a partire da quelli originali, attraverso una serie di rototraslazioni, in modo che ciascuno di essi, in ordine decrescente, rappresenti la maggior quantità possibile della variabilità (informazione) presente nei dati. 3. RISULTATI 3.1 Individualità psicologica La base dati costituita dai descrittori di tutti gli operatori, per ciascuno dei tre test psicometrici, è stata sottoposta ad una PCA, e nelle prime due componenti principali risulta condensato almeno il 70% della variabilità (informazione) 4

5 presente nei dati relativi a ciascun test. La Figura 2 riporta la distribuzione di tutti gli operatori esaminati nel piano delle prime due componenti principali (PC1, PC2), estratte dalle variabili relative al test EPQ (Tab. 1). Il risultato della applicazione a tale distribuzione di due diversi algoritmi oggettivi di clusterizzazione (K-means, Ward) consente di individuare, sulla base delle caratteristiche stabili della personalità stimate dalle variabili del test EPQ, almeno 4 tipologie caratteriali distinte. Il peso relativo di ciascuna delle variabili originali sulle due componenti principali è indicato nell inserto alla Figura (Tabella dei factor loadings ). Le Figura 3 riporta i dati degli operatori per i quali i test MBI (pannello A) e POMS (pannello B) sono stati eseguiti almeno tre volte in sessioni sperimentali distinte, e simboli uguali corrispondono allo stesso operatore. È importante sottolineare che anche in questo caso le componenti principali sono estratte da dati relativi all intera popolazione (Tab. 2) e corrispondono, nel caso di POMS ed MBI, alla prima somministrazione del test. Per ciascun operatore, i simboli iscritti in un cerchio in entrambi i pannelli individuano questi dati (training set), mentre gli altri dati si riferiscono a somministrazioni dei test distanziate nel tempo (test set). Questo consente di verificare quanto si mantengano costanti, negli stessi individui, le caratteristiche umorali e comportamentali stimate dai due test. I dati del test MBI riferiti allo stesso soggetto sono abbastanza ben separati, con poche eccezioni, da quelli degli altri soggetti (Fig. 3A), mentre i dati del test POMS (Fig. 3B) evidenziano che lo stato dell umore nell arco di tempo considerato (circa due mesi e mezzo), possiede una variabilità intraindividuale molto maggiore (Tab. 4), rendendo impossibile la distinzione fra soggetti. Data la relativa costanza nel tempo dei corrispondenti descrittori, è possibile (e interessante) esaminare la struttura di correlazione fra i dati forniti dai test EPQ ed MBI. La Tabella 5 mostra che gli individui estroversi sembrano essere relativamente immuni dall esaurimento emotivo e che, d altra parte, quest ultimo stato contrasta l attivazione dei meccanismi di mascheramento. 3.2 Individualità fisiologica Nella Figura 5 sono mostrati due tipici segnali di frequenza cardiaca (HR) e impedenza cutanea (GSR) registrati nel corso delle varie sessioni sperimentali. La Tabella 3 contiene le variabili fisiologiche registrate per ciascun operatore (laddove disponibili) nel corso della prima e dell ultima sessione sperimentale utile. La Figura 6 illustra la variabilità intra ed interindividuale della frequenza cardiaca (pannello A) e delle componenti tonica e fasica (pannelli B e C, rispettivamente) dell impedenza cutanea, per tutti gli operatori dei quali erano disponibili almeno tre registrazioni per entrambi i segnali. Considerando separatamente sia le frequenze cardiache medie che le loro deviazioni standard (DS), gli individui risultano, ad una classica analisi della varianza (test F) significativamente distinti l uno dall altro (p < 0.01, Tab. 6). Tale distinguibilità appare evidente dalla Figura 6A, in cui ogni punto rappresenta, di ogni individuo, la media delle frequenze medie registrate nelle diverse sessioni (ascissa) e la media delle corrispondenti deviazioni standard (ordinata). Risultati di chiarezza analoga non si ottengono considerando il segnale GSR come tale, benchè la sua componente tonica mostri differenze interindividuali più elevate di quella fasica (Tab. 6). Ciò è interpretabile in base al significato attribuito alle due componenti: la componente fasica (ad alta frequenza) rifletterebbe la rapida attivazione/disattivazione) delle ghiandole sudoripare in seguito a stimoli di varia natura, fornendo informazioni circa le modalità di risposta a questi ultimi; la componente tonica (a bassa frequenza), d altra parte, rifletterebbe le variazioni lente di umidificazione degli strati interni della pelle, relativamente indipendenti dalle stimolazioni esterne e più legate alle caratteristiche individuali del soggetto [Montagu, 1966]. In base alle considerazioni di cui sopra, acquistano significato anche le correlazioni osservate fra le variabili fisiologiche ed un indice dell intensità della stimolazione prodotta dalla attività lavorativa, il call rate, ovvero la frazione di tempo durante il quale, nel corso della registrazione, l operatore risulta impegnato nel contatto telefonico con i clienti. Mentre la frequenza cardiaca risulta completamente scorrelata al call rate, una correlazione positiva è osservabile sia per la componente tonica che per quella fasica della GSR, con una - per la verità lieve - prevalenza di quest ultima (Tab. 7). 4. DISCUSSIONE Il rapido arricchirsi quantitativo e qualitativo delle funzioni attribuibili ai call centers in un azienda moderna, ed il riconoscimento della sua importanza nel vitale settore del Customer Relationship Management (CRM) hanno stimolato, nell ultimo decennio, l impegno ad affrontare sistematicamente molte delle complesse problematiche ad esso collegate. Il presente studio si colloca nell ambito di un considerevole sforzo di questo tipo intrapreso dalla più importante azienda italiana nel ramo delle telecomunicazioni, Telecom Italia, e riporta i risultati ottenuti nella fase pilota del lavoro. Quanto si voleva chiarire, assumendo l equivalenza, per tutti gli operatori, degli stessi strumenti tecnici disponibili e delle generali condizioni di lavoro, riguarda i seguenti punti: 1) significatività delle differenze interindividuali di natura psicologica e fisiologica all interno di un gruppo relativamente omogeneo; 2) costanza nel tempo delle risposte dei singoli individui a determinati stimoli esterni; 3) influenza di tali risposte sulla working performance. Rispetto ai punti 1) e 2), i descrittori di personalità stabili nel tempo forniti dal test EPQ distribuiscono gli operatori in classi ben distinte (Fig. 2), mentre la presenza di una forte variabilità dello stato umorale dei singoli individui nel periodo considerato (circa un paio di mesi), è rilevabile dai risultati del test POMS in Fig. 3B. Nel corso dello stesso periodo, tuttavia, il modo di rapportare se stessi con l attività lavorativa, stimato dai descrittori del test MBI, tende a mantenersi relativamente stabile, consentendo una buona differenziazione delle caratteristiche individuali (Fig. 3A). La maggiore facilità a riconoscere come appartenenti ad uno stesso cluster i dati riferiti allo stesso soggetto nel caso del test MBI, rispetto al POMS, sembra indicare che la stabilità nel tempo della percezione che ogni individuo ha del proprio rapporto con il lavoro é poco influenzata dalla variabilità dell umore. Verso la stessa conclusione di carattere generale, ovvero la presenza - pur all interno di una popolazione così ristretta e selezionata di operatori - di significative differenze individuali, convergono i risultati ottenuti dall analisi degli indicatori fisiologici. In particolare, la frequenza cardiaca media e la sua variabilità intorno alla media (Fig. 6A) si dimostrano i descrittori di gran lunga più adatti a caratterizzare l uno rispetto all altro i singoli individui. Questo risulta perfettamente coerente con la nota sensibilità della funzione cardiaca ad In Prevenzione Oggi (ISPESL), n.4, 2001; pp:

6 influenze di tipo nervoso, metabolico ed ormonale, che le consentono di riflettere efficacemente un ampio spettro di situazioni sia fisiologiche che patologiche [Colosimo et al., 1997; Jacobs et al., 1994]. Rispetto alla frequenza cardiaca, l impedenza cutanea si rivela molto più adatta a riflettere, con prontezza praticamente istantanea nella sua componente fasica, l accadimento di eventi che coinvolgono le funzioni cognitive ed attentive [Ohman et. al., 1993]. A questo scopo si confronti, nella Figura 5, l aumento nella variabilità del segnale di impedenza cutanea all aumentare del flusso di telefonate (call rate) per entrambi i soggetti. A differenza che nel caso della frequenza cardiaca, le differenze fra una registrazione e l altra di impedenza cutanea all interno dello stesso individuo, si rivelano dello stesso ordine di grandezza di quelle fra individui diversi (Fig. 6B,C), a conferma del tipo di informazione sostanzialmente diverso veicolato dai due segnali. Si noti, in proposito, la congruenza con i caratteri di individualità tipici della frequenza cardiaca unicamente della componente tonica della GSR (Tab. 6). Il pieno sfruttamento dell informazione presente nei segnali GSR, la cui ricchezza é ben documentata dai meccanismi fisiologici attribuiti alle componenti tonica e fasica [Boucsein, 1992], rimane comunque legato sia ad un affidabile procedura di filtraggio che ad una interpretazione fisiologica pienamente convincente di ciascuna delle componenti suddette. Tali considerazioni, insieme ai risultati riportati in Tabella 7, consentono di affermare che i segnali di GSR, ottimizzando opportunamente le condizioni di registrazione e di analisi, sono i più adatti a quantificare possibili correlazioni fra le caratteristiche individuali degli operatori e quello che appare, al momento, come il più semplice e robusto indicatore di working performance, cioé il numero di contatti telefonici espletati nell unità di tempo (call rate). È interessante menzionare, inoltre, che l unica correlazione significativa (r = 0.83), fra variabili psicologiche e fisiologiche osservata in questo lavoro è quella fra la variabile V (vigore) del test POMS e la variabilità intraindividuale della frequenza cardiaca (DS HR). Ancorché molto elevata, tale correlazione risulta al momento di difficile interpretazione, in mancanza di una precisa definizione operativa della prima e/o di una chiara relazione fra la seconda e gli altri descrittori dello stato dell umore. La principale conclusione del presente studio è che le differenze fra individui nello stato dell umore e nelle risposte fisiologiche agli stimoli durante l attività lavorativa sono molto consistenti, e possono variare significativamente, per uno stesso individuo, in un breve arco di tempo (giorni). Tale conclusione, ottenuta da un indagine pilota su un campione relativamente piccolo ed omogeneo, dovrebbe applicarsi a maggior ragione a popolazioni più numerose ed eterogenee. Se da una parte ciò mette in dubbio la reale efficacia di qualunque strategia di prevenzione delle stress rigidamente basata sulle medie di parametri psicofisiologici individuali, dall altra pone in primo piano problemi di grande interesse nella definizione delle soglie di stress, ma piuttosto difficili da affrontare in uno studio metodologicamente rigoroso. Fra essi, soprattutto la correlazione fra variabili ambientali e personali, e, all interno di queste ultime, le interazioni fra fattori psicologici (soggettivi) e fisiologici (oggettivi), sembrano rilevanti nel determinare la qualità delle risposte (working performance) a stimoli di crescente intensità e durata. Soluzioni sempre più conclusive a tali problemi verranno da un ampliamento della base dati disponibile e dal conseguente ulteriore affinamento delle tecniche di analisi, secondo l approccio qui delineato. RINGRAZIAMENTI Si desidera ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione del programma della C.E. Angelo, da cui questo lavoro origina; gli operatori e i dirigenti del servizio 187 (Sezione Roma Nord) di Telecom Italia per la collaborazione prestata; i colleghi del Dip.to di Ing. Elettronica dell Università di Roma, Tor Vergata e del Dip.to di Fisica Applicata dell Univ. di Linkopping (Svezia) per la messa a punto degli apparati di misura. Un ringraziamento particolare va alle dottoresse Maria Meo e Marica Chiara Polzonetti per l assiduo contributo fornito nella raccolta dei dati psicometrici e, infine, al dr. Alessandro Giuliani, dell Ist. Sup. di Sanità, per le proficue discussioni sull uso degli strumenti statistici. 6

7 SENSORI DI VARIABILI FISIOLOGICHE USATI NEL PRESENTE LAVORO FIGURA 1 Fig. 1 - I pannelli (A) e (B) mostrano i sensori utilizzati per la misura della frequenza cardiaca (HR) e dell attività elettrica cutanea (GSR), rispettivamente. Il primo è costituito da una sorgente (LED) e da un rivelatore (fotodiodo) di radiazione infrarossa, applicati al lobo dell orecchio, che registrano le oscillazioni di flusso ematico dovute all azione della pompa cardiaca. Il secondo consiste di una coppia di elettrodi del tipo Ag+/AgCl collegati elettricamente alla pelle per mezzo di un gel elettrolitico isotonico con il sudore (NaCl, M) per evitare artefatti elettromiografici, e posti sulla stessa mano per evitare artefatti elettrocardiografici [Bouscin, 1992; Fowles and Venables, 1981]. Nel pannello C è riportato lo schema circuitale semplificato per quest ultimo tipo di misura: Rpelle>> Rx; ed Re = resistenza interna della sorgente di CC. Per altri particolari, vedi [Venables and Christie, 1973]. In Prevenzione Oggi (ISPESL), n.4, 2001; pp:

8 CLASSIFICAZIONE PSICOLOGICA DEGLI OPERATORI DAI RISULTATI DEL TEST EPQ FIGURA 2 2 PC2 (31.30%) FACTOR LOADINGS PC1 PC2 E N P L PC1 (45.20%) Cluster 1 Cluster 2 Cluster 3 Cluster Fig. 2 - Nel piano delle prime due componenti principali estratte dai parametri EPQ in Tabella 1, due diversi algoritmi di clusterizzazione, l uno supervisionato (K-means) e l altro non supervisionato (Ward) evidenziano la presenza di 4 raggruppamenti significativi, evidenziati dalle ellissi. La % di variabilità totale spiegata da ciascuna delle due componenti è indicata in corrispondenza del rispettivo asse. L inserto alla figura contiene le proiezioni delle variabili originali sulle due componenti (factor loadings), e consente una stima del contributo delle prime alla definizione delle seconde. I factor loadings > 0.50 sono evidenziati in rosso. 8

9 Variabilità intraviduale dei descrittori psicologici FIGURA 3 FACTOR LOADINGS Operatore PC2 (31.0%) PC1 PC2 E P D Operatore 2 Operatore 3 Operatore 7 Operatore PC1 (42.3%) A (MBI test) PC2 (13.13%) FACTOR LOADINGS PC1 PC2 T A S Operator 1 Operator 2 Operator 3 Operator 7 Operator 14 3 D V C PC1 (74.02%) B (POMS test) Fig. 3 - I pannelli A e B si riferiscono ai risultati dei test MBI e POMS, rispettivamente. Lo stesso simbolo si riferisce allo stesso operatore, e i dati relativi riguardano almeno tre diverse sessioni sperimentali. I factors loadings > 0.5, nell inserto sono evidenziati in rosso. In Prevenzione Oggi (ISPESL), n.4, 2001; pp:

10 SEPARAZIONE DELLE COMPONENTI TONICA E FASICA DEL SEGNALE GSR FIGURA 4 Fig. 4 - La separazione fra le due componenti e stata effettuata col metodo di Lykken et al., [1971], che consiste nell identificare i picchi fasici, determinare il livello tonico del segnale interpolando con delle spezzate (spline) i punti di inizio e fine dei picchi fasici e, infine, estrarre la componente fasica dal segnale totale sottraendo ad esso il livello tonico precedentemente determinato 10

11 FIGURA 5 SEGNALI FISIOLOGICI REGISTRATI NEL CORSO DELL ATTIVITÀ LAVORATIVA DEGLI OPEERATORI Fig. 5 - I quattro pannelli fanno riferimento a due operatori in condizioni di differente call rate (basso ed alto). I riquadri (a) e (b) di ciascun pannello contengono le serie temporali corrispondenti alla registrazione dei segnali HR e GSR, rispettivamente, mentre nell ultimo riquadro, (c), sono mostrate le chiamate pervenute all operatore nel corso della registrazione. In Prevenzione Oggi (ISPESL), n.4, 2001; pp:

12 12 FIGURA 5 Fig. 5 - I quattro pannelli fanno riferimento a due operatori in condizioni di differente call rate (basso ed alto). I riquadri (a) e (b) di ciascun pannello contengono le serie temporali corrispondenti alla registrazione dei segnali HR e GSR, rispettivamente, mentre nell ultimo riquadro, (c), sono mostrate le chiamate pervenute all operatore nel corso della registrazione. SEGNALI FISIOLOGICI REGISTRATI NEL CORSO DELL ATTIVITÀ LAVORATIVA DEGLI OPEERATORI

13 VARIABILITÀ INTER ED INTRAINDIVIDUALITÀ DEI SEGNALI FISIOLOGICI FIGURA 6 Fig. 6 - Ciascun segnale di ciascun operatore è stato caratterizzato attraverso i parametri: valore medio globale e deviazione standard (DS) relativa. In ciascun pannello, le coordinate dei punti relativi agli operatori si riferiscono alle medie dei parametri suddetti registrati nelle diverse sessioni. Le barre riportate per ciascun punto indicano le DS associate al valor medio in ascissa (barra orizzontale) e in ordinata (barra verticale). I pannelli si riferiscono a segnali di frequenza cardiaca (A) e attività elettrodermica nelle sue componenti tonica (B) e fasica (C), questi due ultimi normalizzati a modulo = 1. In Prevenzione Oggi (ISPESL), n.4, 2001; pp:

14 VARIABILI PSICOLOGICHE CALCOLATE DA TEST PSICOMETRICI TABELLA 1 Test Variabili Significativo Note Eysenck Personality Test (EPQ): Profile of Mood States (POMS): Maslach Burnout Index (MBI): E Estroversione/Introversione (1) N Neuroticismo (2) P Psicoticismo (3) L Mascheramento (4) T A S D V C Tensione/Ansietà Aggressività/Ostilità Sforzo/Fatica Depressione/Abbattimento Vigore Confusione E Esaurimento emotivo (5) D Depersonalizzazione (6) P Realizzazione Personale (7) (1) Le persone introverse (basso valore di E ) sono tranquille, schive e riservate, non aggressive, e tendono ad uno stile di vita regolare ed uniforme. Le persone estroverse (alto valore di E ) sono socievoli, impulsive, spesso ottimiste, spensierate, ma anche facilmente irritabili ed aggressive. (2) Persone a cui corrisponde un alto punteggio di N sono descritte come ansiose, preoccupate, di umore variabile e spesso depresse, particolarmente esposte a disturbi psicosomatici. (3) Le persone a cui corrisponde un alto punteggio di P sono solitamente solitarie, poco dotate di sensibilità sociale e fortemente aggressive. (4) Questo indice stima la coerenza delle risposte fornite a domande dal significato simile. (5) (Basso:< 17; Medio:17-26; Alto: > 27). (6) (Basso: < 6; Medio: 7-12; Alto: > 13). (7) (Basso: > 39; Medio: 32-38; Alto: < 31). 14

15 STRUTTURA DELLA BASE DI DATI FISIOLOGICI ESAMINATI IN QUESTO LAVORO TABELLA 2 OPERATORE SESSIONI EPQ MBI POMS (*) E N P L E P D T A S D V C A $ Operatore 1 C C C $ Operatore 2 C D A $ Operatore 3 C C Operatore 4 C $ D Operatore 5 A $ D Operatore 6 A $ C A $ Operatore 7 B C Operatore 8 B $ Operatore 9 B $ Operatore 10 B $ Operatore 11 A $ Operatore 12 A $ Operatore 13 A $ A $ Operatore 14 B C Operatore 15 B $ Il simbolo $ nell ultima colonna indica le unità statistiche (righe della matrice) utilizzate nell estrazione delle componenti principali in Figura 2 e Figura 3A, B (learning set). La temporizzazione delle registrazioni è individuata dal codice alfanumerico delle sessioni (colonna 2) e dalla giornata relativa. In Prevenzione Oggi (ISPESL), n.4, 2001; pp:

16 TABELLA 3 STRUTTURA DELLA BASE DI DATI FISIOLOGICI ESAMINATI IN QUESTO LAVORO OPERATORI SESSIONI <H R> DS HR DS GSRton DS GSRfas Call Rate bpm bpm µs (x 0.5) µs (x 0.5) Tcall/Ttot Operatore 1 C Operatore 2 C Operatore 3 C Operatore 4 C Operatore 5 C Operatore 6 C Operatore 7 C Operatore 8 B Operatore 9 B Operatore 10 B Operatore 11 B Operatore 12 C Operatore 13 B Operatore 14 B Operatore 15 B / / 0.36 La tabella riporta i valori numerici delle variabili fisiologiche calcolate da un sottoinsieme rappresentativo dei dati utilizzati in questo lavoro. VARIABILITÀ INTRAVIDUALE STIMATA DAI TEST POMS E MBI TABELLA 4 Operatore <d>mbi <d>poms Significatività p < P < P < P < P < 0.01 La tabella riporta la distanza media fra i punti (almeno tre, in ogni caso) relativi allo stesso operatore nello spazio (normalizzato, e quindi indipendente dai fattori di scala) delle componenti principali estratte dalle variabili MBI (colonna 2) e POMS (colonna 3). I due vettori contenenti le distanze fra tutti i punti dello stesso operatore nei due spazi sono state analizzate con un t-test e trovati significativamente diversi fra loro (colonna 4). 16

17 STRUTTURA DI CORRELAZIONE FRA I DESCRITTORI PSICOLOGICI TABELLA 5 Estroversione Neuroticismo Psicoticismo Mascheramento Esaurimento Emotivo Realizzazione Personale Depersonalizzazione I coefficienti di correlazione ( r di Pearson) si riferiscono a dati registrati nel corso della stessa sessione sperimentale. Le correlazioni significative (entrambe di segno negativo) sono sottolineate. DISTINGUIBILITÀ DEGLI OPERATORI DAI DESCRITORI FISIOLOGICI TABELLA 6 <HR> DS HR <GRS Ton.> DS GRS Ton. <GRS Fas.> DS GRS Fas. F P < 0.01 (F crit = 3.04) P < 0.1 (F crit. = 1.87) I coefficienti di correlazione ( r di Pearson) si riferiscono a dati registrati nel corso della stessa sessione sperimentale. CORRELAZIONI GLOBALI FRA DESCRITTORI FISIOLOGICI E CALL RATE TABELLA 7 <HR> DS HR <GRS Ton.> DS GRS Ton. <GRS Fas.> DS GRS Fas. Call Rate I valori sincronicamente registrati per entrambe le variabili e mediati lungo periodo della singola registrazione, sono stati correlati ( r di Pearson) con il call rate misurato durante la registrazione (vedi anche Tabella 3). In Prevenzione Oggi (ISPESL), n.4, 2001; pp:

18 [11] H.H. HARMAN, (1976): Modern Factor Analysis, 3rd edition, Chicago Univ. Press, Chicago. BIBLIOGRAFIA [1] S. BAGNARA: et al. (2002), Call & Contact Center, Il Sole 24 Ore, Milano. [2] D. BARTLETT, (1998): Stress: perspectives and processes, Open University Press, Buckingam- Philadelphia. [3] W. BOUCSEIN (1992): Electrodermal Activity Plenum Press, New York and London. [4] W BOUCSEIN,W.OTTMANN (1996): Psychophysiological Stress Effects from the Combination of Night-Shift Work and Noise, Biological Psychology, n. 42, [5] S.R. BURCHFIELD, (1985): Stress: psychological and physiological interactions, Hemisphere-London. [6] A. COLOSIMO et al. (1997): Estimating a cardiac age by means of the Heart Rate Variability (HRV), Amer. J. Physiol., n. 273, 1841-H1847. [7] H.J. EYSENCK,S.B.G.EYSENCK, (1975): Manual for the Eysenck Personality Inventory, Hodder & Stoughton, London. [12] S.C. JACOBS, et al. (1994): Use of Skin Conductance changes during mental stress testing as an index of autonomic arousal in cardiovascular research, Amer. Heart Journal, vol. 128, n. 6 part. 1; [13] D.T. LYKKEN, P.H. VENABLES (1971): Direct Measurement of Skin Conductance: A Proposal of Standardization, Psychophysiology, vol. 8, n. 5, [14] C.L. LIM, et al. (1997): Decomposing Skin Conductance into Tonic and Phasic Components, Int. J. Psychophys., Vol. 25, [15] C. MASLACH et al., (1996): Maslach Burnout inventory manual, Consulting Psychologist Press, Palo Alto, Ca. [16] D. M. MCNAIR, M. LORR, L.F. DROPPLEMAN, (1981): Manual for the Profile of the Mood States, Ed.TS Educational and Industrial Testing Service, San Diego. [17] J.D. MONTAGU, E.M. COLES (1966): Mechanism and Measurement of the Galvanic Skin Response. Psychological Bullettin, vol. 65, n. 5, [18] A. OHMAN, et al. (1993): Gateways to consciousness: Emotion, Attention and Electrodermal Activity. In: Progress in Electrodermal Research: , Nato ASI Series, Series A: Life Sciences, vol [19] P.H. VENABLES, M.J. CHRISTIE (1973): Mechanism, Instrumentation, Recording Techniques, and Quantification of Response, In: Electrodermal Activity in Psychological Research Ac. Press, New York and London. [8] D.C. FOWLES, et al. (1981): Publication Recommendation for Electrodermal Activity, Psychophysiology, vol.18, n. 3, [9] N.S. GREENFIELD R.D. STERNBACK, (1998): Handbook of Psychophysiology, 1998, Open University Press, Buckingham- Philadelphia. [10] R.M. KELSEY (1991): Electrodermal Lability and Myocardial Reactivity to Stress, Psychophysiology, vol. 28, n. 6,

19 SUMMARY RESUME RIASSUNTI Certains indicateurs psychologiques importants (issus de tests psychométriques) et physiologiques (fréquence cardiaque et activité électrodermique cutanée) ont été enregistrés lors d une normale activité de travail chez un groupe d opérateurs d un call center. Des différences interindividuelles stables dans le temps sont plus facilement mises en évidence grâce aux indicateurs psychologiques et, parmi ceux physiologiques, les plus sensibles dans ce contexte résultent la fréquence cardiaque et sa variabilité. L activité électrodermique cutanée, d autre part, se confirme, chez tous les individus, comme l indicateur le plus sensible et le plus rapide de réponse aux sollicitations de l environnement du lieu de travail. Some major psychological (derived from psychometric tests) and physiological indicators (cardiac frequency and cutanous electrodermal activity) were recorded during normal job activity in a group of call center operators. Differences between individuals, relatively stable in time are easier to identify using psychological indicators, and among the physiological indicators, cardiac frequency and its variability are the most sensitive ones. Cutaneous electordermal activity is confirmed in all individuals as the most sensitive and rapid indicator of response to pressure in the work environment. SINTESIS DEL TRABAJO Algunos importantes indicadores psicológicos (obtenidos de tests psicométricos) y fisiológicos (frecuencia cardíaca y actividad electrodérmica cutánea) fueron registrados durante la normal actividad laboral en un grupo de operadores de call center. Diferencias interindividuales relativamente estables en el tiempo se evidencian con mayor facilidad por medio de los indicadores psicológicos y, entre los fisiológicos, los más sensibles en este contexto resultan ser la frecuencia cardiaca y su variabilidad. La actividad electrodérmica cutánea, por otra parte, se confirma, en todos los individuos, como el más sensible y más rápido indicador de respuesta a las condiciones del ambiente de trabajo. ZUSAMMENFASSUNG DER ARBEIT Während der normalen Arbeitsaktivität einer Gruppe von Angestellten eines Call- Centers wurden einige wichtige (mit Hilfe von psychometrischen Tests erhobene) psychologische und physiologische Indikatoren (Pulsfrequenz und Messungen der elektrodermischen Aktivität) erhoben. Individuelle, über einen gewissen Zeitraum relativ stabile Differenzen sind mit den psychologischen Indikatoren leichter zu erfassen, während sich unter den physiologischen Indikatoren in diesem Zusammenhang die Pulsfrequenz mit ihren Schwankungen am präzisesten erweist. Die elektrodermische Aktivität hingegen bestätigt bei allen Personen ihren Wert als schnellster und sensibelster Ergebnisindikator bei Belastungen durch das Arbeitsumfeld. In Prevenzione Oggi (ISPESL), n.4, 2001; pp:

20 20

online La situazione operativa. In ambito aziendale i processi decisionali richiedono assunzioni di responsabilità a vari LABORATORIO 1

online La situazione operativa. In ambito aziendale i processi decisionali richiedono assunzioni di responsabilità a vari LABORATORIO 1 LABORATORIO 1 Scelta tra preventivi per l acquisto di un impianto di Luca CAGLIERO Materie: Informatica, Matematica, Economia aziendale (Triennio IT) L attività da svolgere in laboratorio, di carattere

Dettagli

Scheda n. 10: PCA - parte seconda

Scheda n. 10: PCA - parte seconda Scheda n. 10: PCA - parte seconda November 25, 2008 1 Il piano principale Con il comando: > biplot(pca) si ottiene un immagine del piano principale, con la proiezione dei dati e dei vecchi assi (le vecchie

Dettagli

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come 49 Motori brushless 1. Generalità I motori brushless sono idealmente derivati dai motori in DC con il proposito di eliminare il collettore a lamelle e quindi le spazzole. Esistono due tipi di motore brushless:

Dettagli

come migliorare la PRESTAZIONE

come migliorare la PRESTAZIONE .... BIOFEEDBACK E SPORT:. come migliorare la PRESTAZIONE Ogni stimolo, ogni situazione scaturisce in noi una risposta a livello fisiologico, mentale ed emozionale. Questa risposta influenza il nostro

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio.

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio. SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE PILOTA DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS SUI CALL CENTER COMMERCIALI DELLE PRINCIPALI IMPRESE DI VENDITA DI ELETTRICITA E DI GAS Finalità e obiettivi I

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING Il biofeedback consiste nella retroazione di un processo fisiologico, rilevato su una persona, che normalmente si svolge fuori

Dettagli

Pivot è bello. Principali. misure di variabilità. Il contesto è di tipo matematico, in particolare riguarda l uso di dati numerici e delle loro

Pivot è bello. Principali. misure di variabilità. Il contesto è di tipo matematico, in particolare riguarda l uso di dati numerici e delle loro Pivot è bello Livello scolare: 1 biennio Abilità Conoscenze interessate Predisporre la struttura della Distribuzioni delle matrice dei dati grezzi con frequenze a seconda del riguardo a una rilevazione

Dettagli

Analizza/Confronta medie. ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107. Test t. Test t. t-test test e confronto tra medie chi quadrato

Analizza/Confronta medie. ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107. Test t. Test t. t-test test e confronto tra medie chi quadrato Analizza/Confronta medie ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107 t-test test e confronto tra medie chi quadrato C.d.L. Comunicazione e Psicologia a.a. 2008/09 Medie Calcola medie e altre statistiche

Dettagli

LA CORRELAZIONE LINEARE

LA CORRELAZIONE LINEARE LA CORRELAZIONE LINEARE La correlazione indica la tendenza che hanno due variabili (X e Y) a variare insieme, ovvero, a covariare. Ad esempio, si può supporre che vi sia una relazione tra l insoddisfazione

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 12-Il t-test per campioni appaiati vers. 1.2 (7 novembre 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

La gestione dei progetti informatici

La gestione dei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La gestione dei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Gestione - 1 Scopo

Dettagli

RICERCA SULL ADOZIONE. IMPLICAZIONI PER L INTERVENTO. Jesús Palacios Università di Siviglia

RICERCA SULL ADOZIONE. IMPLICAZIONI PER L INTERVENTO. Jesús Palacios Università di Siviglia RICERCA SULL ADOZIONE. IMPLICAZIONI PER L INTERVENTO Jesús Palacios Università di Siviglia Milano, 10 giugno, 2011 Ricerca sull adozione La ricerca sull adozione é un fenomeno relativamente recente Si

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Capacità decisionali e working memory nei bambini con ADHD

Capacità decisionali e working memory nei bambini con ADHD Capacità decisionali e working memory nei bambini con ADHD Rosa Angela Fabio, Patrizia Oliva Università degli Studi di Messina Nei processi di scelta, le conseguenze, positive o negative, immediatamente

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo

Psicologia dello Sviluppo Psicologia dello Sviluppo DESCRIVE i cambiamenti dell essere umano nei comportamenti e nelle competenze (motorie, percettive, sociali, emotive, comunicativo-linguistiche, cognitive) in funzione del trascorrere

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

Strumenti per la progettazione, il controllo ed il miglioramento della Qualità

Strumenti per la progettazione, il controllo ed il miglioramento della Qualità Strumenti per la progettazione, il controllo ed il miglioramento della Qualità - Tecniche e Strumenti avanzati per la progettazione ed il miglioramento QFD, FMEA Prof. Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Il concetto di correlazione

Il concetto di correlazione SESTA UNITA Il concetto di correlazione Fino a questo momento ci siamo interessati alle varie statistiche che ci consentono di descrivere la distribuzione dei punteggi di una data variabile e di collegare

Dettagli

Elaborazione dati in Analisi Sensoriale

Elaborazione dati in Analisi Sensoriale Elaborazione dati in Analisi Sensoriale Si è parlato di interpretazione corretta dei risultati ottenuti; a questo concorrono due fattori: affidabilità e validità. Se i test fossero stati ripetuti con lo

Dettagli

Cos e EDV Global Foundation?

Cos e EDV Global Foundation? Cos e EDV Global Foundation? EDV Global Foundation si propone di diventare un organizzazione leader a livello mondiale in tema di violenza domestica, contribuendo a combattere per la sua eliminazione.

Dettagli

Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Anno Accademico 2010 2011 Rev 30/03/2011

Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Anno Accademico 2010 2011 Rev 30/03/2011 Università degli Studi di Padova Facoltà di Psicologia, L4, Psicometria, Modulo B Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Anno Accademico 2010 2011 Rev 30/03/2011 Statistica descrittiva e inferenziale

Dettagli

Articolo. Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick

Articolo. Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick Ref.: MPS352A Murata Power Solutions www.murata-ps.com Articolo Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick Paul Knauber, Field Applications Engineer, Murata Power Solutions

Dettagli

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Davide Giglio Introduzione alle eti Elettriche e reti elettriche costituite da resistori, condensatori e induttori (bipoli),

Dettagli

BENCHMARKING SERVIZIO CONTACT CENTER PUBLIC UTILITIES

BENCHMARKING SERVIZIO CONTACT CENTER PUBLIC UTILITIES BENCHMARKING SERVIZIO CONTACT CENTER PUBLIC UTILITIES a cura di Gianluca Loparco 1 (gianluca.loparco@tin.it) Modello gestionale e parametri di funzionamento dei contact center. Il benchmarking rivolto

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U ALLEGATO 5 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine di

Dettagli

Esercitazioni per il corso di Microonde 2005/2006: CENNI DI TEORIA DELL ERRORE. Ing. Ricci Andrea Simone

Esercitazioni per il corso di Microonde 2005/2006: CENNI DI TEORIA DELL ERRORE. Ing. Ricci Andrea Simone Esercitazioni per il corso di Microonde 2005/2006: CENNI DI TEORIA DELL ERRORE Ing. Ricci Andrea Simone INCERTEZZA DI MISURA - Introduzione X SISTEMA Y Misura > complesso di attività volte alla valutazione

Dettagli

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ Prof. Francesco Tottoli Versione 3 del 20 febbraio 2012 DEFINIZIONE È una scienza giovane e rappresenta uno strumento essenziale per la scoperta di leggi e

Dettagli

Un caso di bonifica acustica in ambiente industriale Andrea Cerniglia hilbert@venus.it

Un caso di bonifica acustica in ambiente industriale Andrea Cerniglia hilbert@venus.it Un caso di bonifica acustica in ambiente industriale Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da Antinquinamento, anno V N. 3, settembre 1998, Tecniche Nuove) Una traccia che mostra come sia possibile

Dettagli

La variabilità della frequenza cardiaca

La variabilità della frequenza cardiaca Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia C Corso integrato di metodologia medico-scientifica e scienze umane II Fisica ed epistemologia La variabilità della frequenza cardiaca Prof. C. Cammarota Dipartimento

Dettagli

LA PREVISIONE DELLA DOMANDA. Corso di Gestione della Produzione prof. De Toni, ing. Fornasier 1

LA PREVISIONE DELLA DOMANDA. Corso di Gestione della Produzione prof. De Toni, ing. Fornasier 1 LA PREVISIONE DELLA DOMANDA Corso di Gestione della Produzione prof. De Toni, ing. Fornasier 1 MANUFACTURING PLANNING & CONTROL SYSTEM Resource planning Production planning Demand management Master production

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

FORMAZIONE UMANA GLOBALE

FORMAZIONE UMANA GLOBALE FORMAZIONE UMANA GLOBALE Effetti di un breve ciclo di sessioni di Meditazione Vigile sulla qualità di vita, la riduzione del livello di stress e il miglioramento di alcune abilità cognitive di un campione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA. Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA. Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525 2 LEZIONE Statistica descrittiva STATISTICA DESCRITTIVA Rilevazione dei dati Rappresentazione

Dettagli

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 Marco Riani mriani@unipr.it http://www.riani.it RIPASSO SULLE MATRICI 1 Addizione tra matrici Moltiplicazione Matrice diagonale Matrice identità Matrice trasposta

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG42U

STUDIO DI SETTORE SG42U ALLEGATO 2 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG42U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli Servqual: applicazioni e limiti del modello Tonino Pencarelli servqual Il Servqual è costituito da due serie di 22 domande predefinite: la prima serie di domande misura le aspettative generiche dei clienti

Dettagli

Altri metodi di indicizzazione

Altri metodi di indicizzazione Organizzazione a indici su più livelli Altri metodi di indicizzazione Al crescere della dimensione del file l organizzazione sequenziale a indice diventa inefficiente: in lettura a causa del crescere del

Dettagli

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1.

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. 6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. Introduzione Secondo un recente studio comparativo dell OECD, gli Stati Uniti hanno

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO INDAGINI SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO, SUL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E SULLA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO RELATIVE ALL ANNO 2013 Documento

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI Seregni Roberta (Roberta.seregni@libero.it), M Martinelli Il presente lavoro di ricerca si è

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva PSICOLOGIA COGNITIVA L attribuzione causale Attribuzione causale Nel processo di formazione di impressioni siamo altresì interessati a cogliere le cause, le determinanti di un comportamento ATTRIBUZIONE

Dettagli

ANALISI GRAFICHE PER IL CONTROLLO DELLA QUALITA : ESEMPI DI APPLICAZIONI

ANALISI GRAFICHE PER IL CONTROLLO DELLA QUALITA : ESEMPI DI APPLICAZIONI ANALISI GRAFICHE PER IL CONTROLLO DELLA QUALITA : ESEMPI DI APPLICAZIONI (sintesi da Prof.ssa Di Nardo, Università della Basilicata, http://www.unibas.it/utenti/dinardo/home.html) ISTOGRAMMA/DIAGRAMMA

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Osservare: sembra facile!

Osservare: sembra facile! Milano 7 maggio 2011 Strumenti di valutazione funzionale nei percorsi di vita delle persone con autismo. Introduzione Susanna Villa IRCCS Eugenio Medea Associazione La Nostra Famiglia Conegliano (TV).

Dettagli

Norma UNI EN ISO 13849-1

Norma UNI EN ISO 13849-1 Sistemi di comando per la sicurezza delle macchine Norma UNI EN ISO 13849-1 Parti dei sistemi di comando legate alla sicurezza. Parte 1: principi generali per la progettazione. Per.Ind. Antonio Rigutto

Dettagli

Introduzione all elaborazione di immagini Part II

Introduzione all elaborazione di immagini Part II Introduzione all elaborazione di immagini Part II Obiettivi delle tecniche di elaborazione di immagini: miglioramento di qualità (image enhancement) ripristino di qualità o restauro (image restoration)

Dettagli

L insegnamento di Analisi Sensoriale nei corsi di studio delle Scienze e Tecnologie Alimentari

L insegnamento di Analisi Sensoriale nei corsi di studio delle Scienze e Tecnologie Alimentari L insegnamento di Analisi Sensoriale nei corsi di studio delle Scienze e Tecnologie Alimentari Portavoce: Prof. Mario Bertuccioli (Università degli Studi di Firenze) Componenti del grippo ASi Bertuccioli

Dettagli

Percezioni del cliente in merito al servizio

Percezioni del cliente in merito al servizio Corso di Marketing Strategico Percezioni del cliente in merito al servizio Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Le percezioni del cliente in merito al servizio Marketing dei servizi Le percezioni

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI DEL PERSONALE (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 1. Generalità Il Comune di Avigliano valuta il proprio personale

Dettagli

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva Brugnaro Luca Progetto formativo complessivo Obiettivo: incrementare le competenze degli operatori sanitari nelle metodiche

Dettagli

RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO

RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO CORSO Di FORMAZIONE ASL CN2 ALBA-BRA 05/07/2012 Dr. Musto Domenico Dirigente Medico S.Pre.S.A.L. ASL AT Asti D.L.GS 81/2008 E RISCHI DA

Dettagli

CLIMA SOCIALE E STRESS LAVORO-CORRELATO DEGLI OPERATORI PSICHIATRICI: STUDIO EMPIRICO NELLA COMUNITÀ TERAPEUTICO

CLIMA SOCIALE E STRESS LAVORO-CORRELATO DEGLI OPERATORI PSICHIATRICI: STUDIO EMPIRICO NELLA COMUNITÀ TERAPEUTICO CLIMA SOCIALE E STRESS LAVORO-CORRELATO DEGLI OPERATORI PSICHIATRICI: STUDIO EMPIRICO NELLA COMUNITÀ TERAPEUTICO RIABILITATIVA PASSAGGI Serantoni Grazia (1), Gargano Maria Teresa (2), De Crescente Marino

Dettagli

Progettazione del processo

Progettazione del processo Progettazione del processo produttivo Il miglioramento della qualità e della produttività ha maggiore efficacia quando è parte integrante del processo di realizzazione del prodotto. In particolare l uso

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Introduzione e Statistica descrittiva

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Introduzione e Statistica descrittiva Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Introduzione e Statistica descrittiva Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Introduzione

Dettagli

Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto.

Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto. Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto. novembre 2006 Progetto RdS Trasmissione e distribuzione Rapporto TTD Tecnologie T&D Approvato Pag. 1/22 Committente Ministero

Dettagli

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato A cura di Thomas Schael e Gloria Sciarra (irso e Butera e Partners) Il Citizen Relationship Management (CRM) in

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

3 Tecniche di misura della postura e del movimento

3 Tecniche di misura della postura e del movimento 3 Tecniche di misura della postura e del movimento Esistono diverse tecniche di analisi della postura e del movimento che possono essere classificate in base alla strumentazione utilizzata. Di seguito

Dettagli

Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale

Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale Un importante tema dello sviluppo organizzativo è la valutazione della redditività degli investimenti. Quando si tratta, come per la

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Rocco Micciolo Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di

Dettagli

PROVINICA DI LIVORNO SEGRETARIATO GENERALE

PROVINICA DI LIVORNO SEGRETARIATO GENERALE PROVINICA DI LIVORNO SEGRETARIATO GENERALE Benessere Organizzativo e analisi di clima nella Provincia di Livorno anno 2014 Premessa Cosa si intende per Benessere Organizzativo Il Benessere organizzativo

Dettagli

SENSO DI COMUNITÀ IN UN CORSO ON LINE: COSTRUZIONE DI UN QUESTIONARIO

SENSO DI COMUNITÀ IN UN CORSO ON LINE: COSTRUZIONE DI UN QUESTIONARIO TECNOLOGIE EMERGENTI E COSTRUZIONE DI CONOSCENZA 27-28 MARZO 2007 SENSO DI COMUNITÀ IN UN CORSO ON LINE: COSTRUZIONE DI UN QUESTIONARIO Vittore Perrucci,, Stefano Cacciamani,, Giulia Balboni Università

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico Competenza matematica n. BIENNIO, BIENNIO Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica BIENNIO BIENNIO Operare sui dati comprendendone

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE Giuseppe Clerico, Università del Piemonte orientale, Facoltà di Giurisprudenza, Dipartimento di Scienze giuridiche ed economiche Negli ultimi cinquantanni

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG87U

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG87U ALLEGATO 21 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG87U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine di

Dettagli

Informazione tecnica Correnti di dispersione capacitiva

Informazione tecnica Correnti di dispersione capacitiva Informazione tecnica Correnti di dispersione capacitiva Indicazioni per il dimensionamento degli inverter senza trasformatore Sunny Boy, Sunny Mini Central, Sunny Tripower Tutti i moduli FV, grazie a un

Dettagli

U 1 . - - . - - Interfaccia. U m

U 1 . - - . - - Interfaccia. U m Introduzione La teoria delle reti logiche tratta problemi connessi con la realizzazione e il funzionamento di reti per l elaborazione dell informazione (il termine logico deriva dalla stretta parentela

Dettagli

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi October 26, 2008 1 Variabili aleatorie Per la definizione rigorosa di variabile aleatoria rimandiamo ai testi di probabilità; essa è non del tutto immediata

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Premessa. Presentazione Ricerca

Premessa. Presentazione Ricerca Premessa In ambito sanitario, come nell ambito sociale, la soddisfazione del cliente rappresenta il punto di riferimento sotteso al concetto di: QUALITA. Al riguardo la letteratura sulla qualità dei Servizi

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali SECONDO APPUNTAMENTO CON LA SPERIMENTAZIONE IN AGRICOLTURA Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali La statistica descrittiva rappresenta la base di partenza per le applicazioni

Dettagli

La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio

La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio Obiettivi, contenuti, modalità della valutazione del movimento Prof. Mancini Roberto Valutare gli aspetti qualitativi del movimento Considerare con

Dettagli

I PRINCIPI MULTIMEDIALI

I PRINCIPI MULTIMEDIALI I PRINCIPI MULTIMEDIALI (dal sito www.nicky.it/materiali%20tic/mayer.doc) Il principio multimediale afferma che gli studenti apprendono meglio dalle parole e dalle immagini piuttosto che solo dalle parole,

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

I NUOVI TRAGUARDI NELLE MISURE ACUSTICHE Andrea Cerniglia hilbert@venus.it

I NUOVI TRAGUARDI NELLE MISURE ACUSTICHE Andrea Cerniglia hilbert@venus.it I NUOVI TRAGUARDI NELLE MISURE ACUSTICHE Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da RCI, anno XXV N.8, agosto 1998, Tecniche Nuove) Una panoramica sulle potenzialità offerte dalla strumentazione e

Dettagli

Ing. Simone Giovannetti

Ing. Simone Giovannetti Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Ing. Simone Giovannetti Firenze, 29 Maggio 2012 1 Incertezza di Misura (1/3) La necessità di misurare nasce dall esigenza

Dettagli

Esperienze di Apprendimento Automatico per il corso di Intelligenza Artificiale

Esperienze di Apprendimento Automatico per il corso di Intelligenza Artificiale Esperienze di Apprendimento Automatico per il corso di lippi@dsi.unifi.it Dipartimento Sistemi e Informatica Università di Firenze Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Introduzione

Dettagli

1) FIBRE ROSSE A CONTRAZIONE LENTA (Tipo I) 2) FIBRE BIANCHE INTERMEDIE (Tipo IIa) 3) FIBRE BIANCHE A CONTRAZIONE RAPIDA (Tipo IIb)

1) FIBRE ROSSE A CONTRAZIONE LENTA (Tipo I) 2) FIBRE BIANCHE INTERMEDIE (Tipo IIa) 3) FIBRE BIANCHE A CONTRAZIONE RAPIDA (Tipo IIb) LE FIBRE MUSCOLARI La fibra muscolare è considerata l' unità funzionale del muscolo scheletrico o, più semplicemente, una delle tante cellule che lo compongono. Ogni muscolo è infatti formato da un certo

Dettagli

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 Marco Riani mriani@unipr.it http://www.riani.it LA CLASSIFICAZIONE CAP IX, pp.367-457 Problema generale della scienza (Linneo, ) Analisi discriminante Cluster Analysis

Dettagli

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca PANORAMICA Scopi e obiettivi del trattamento Ridurre i sintomi dell ADHD Ridurre i sintomi in comorbidità Ridurre il

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Analisi della risorsa eolica Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Spettro di frequenza del vento Zona di lavoro di una torre anemometrica (tempi di campionamento

Dettagli

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli