Nicola De Bortoli Medico Chirurgo Specialista in Gastroenterologia Ricercatore Universitario U.O. Gastroenterologia Universitaria Università di Pisa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nicola De Bortoli Medico Chirurgo Specialista in Gastroenterologia Ricercatore Universitario U.O. Gastroenterologia Universitaria Università di Pisa"

Transcript

1 Nicola De Bortoli Medico Chirurgo Specialista in Gastroenterologia Ricercatore Universitario U.O. Gastroenterologia Universitaria Università di Pisa

2 INDICE Prefazione Pag. 3 Introduzione Pag. 4 Dieta Mediterranea patrimonio dell umanità Pag. 5 Ruolo dell alimentazione nell attività lavorativa Pag. 8 Obesità e sovrappeso Pag. 9 Suggerimenti per una corretta alimentazione per il lavoro e per la vita Pag. 9 Gruppi alimentari Pag. 13 Per concludere. Pag. 16

3 PREFAZIONE L obesità sta crescendo in modo importante sia nei paesi sviluppati, sia nei paesi in via di sviluppo. L impatto dell aumento di peso corporeo sul rischio di salute e mortalità è così alto che l obesità oggi è considerata uno dei maggiori problemi per la salute pubblica generale. Di pari passo all aumento dei problemi di sovrappeso, si è verificata una vera e propria esplosione di soluzioni dimagranti miracolose. In realtà, la maggior parte di queste non ha alcuna evidenza scientifica di efficacia e, quel che è peggio, spesso sono strategie potenzialmente dannose per la salute. Fortunatamente oggi la ricerca scientifica sul trattamento del sovrappeso e dell obesità è in grado di fornirci soluzioni efficaci: ad esempio molte ricerche hanno dimostrato che una perdita di peso corporeo di circa il 10% è in grado di diminuire significativamente le principali complicanze mediche associate al sovrappeso. Modifiche dello stile di vita, come ad esempio adottare uno stile di vita attivo facendo del sano movimento, è importante nel dimagrimento ma ancor più per il mantenimento del peso: numerose ricerche pubblicate negli ultimi anni hanno dimostrato che moderati livelli di attività fisica (anche camminare 30 minuti al giorno) sono già sufficienti per ridurre il rischio di mortalità e utili per mantenere a lungo un peso salutare. Fondamentale in un percorso di dimagrimento risulta la motivazione (e quindi il fissarsi obiettivi ragionevoli da raggiungere), lavorare sulle resistenze e gli ostacoli alla perdita di peso, imparare a gestire le occasioni sociali (quasi sempre intorno alla tavola...), la fame emotiva ( appena torno da lavoro devo aprire il frigorifero ), ponendo attenzione sui progressi e sui risultati ottenuti. Stare bene a tavola affronta aspetti importanti del mondo che gira attorno all alimentazione: dal significato della vera Dieta Mediterranea, ormai dichiarata Patrimonio immateriale dell Umanità, alla definizione di sovrappeso e obesità e della loro importanza sulla nostra salute sia fisica che mentale. Tema centrale risulta essere la relazione tra lavoro e alimentazione, con suggerimenti pratici nella scelta quotidiana dei cibi, soprattutto per chi, per motivi lavorativi, mangia fuori o comunque ha poco tempo per organizzarsi il pasto. Alimentarsi bene significa stare meglio, vivere meglio e magari lavorare anche meglio. Dott.ssa Giada Guidi Dietista Consulente U.O. Gastroenterologia Universitaria AOU Pisana, Università di Pisa 3

4 INTRODUZIONE Parlare di alimentazione è divenuta un arte diffusa. Non serve in realtà avere informazioni scientifiche o dati statistici. Basta esprimere la propria opinione e parlare. Fin dall antichità, dai tempi dei greci, agli albori della nascita delle scienze mediche, il primo interesse dell uomo è stato guardare e correlare la propria alimentazione con il proprio stato di salute. La frase che dà il titolo a questo pamphlet cita proprio una delle massime più importanti e più vere nella storia dell uomo già individuata, compresa e divulgata da Hippocrate nel 400 a.c. fa che il cibo sia la tua medicina e la tua medicina sia il tuo cibo. 4

5 DIETA MEDITERRANEA PATRIMONIO DELL UMANITÀ Nell autunno del 2010 l UNESCO inserisce la Dieta Mediterranea nella sua prestigiosa lista come patrimonio culturale immateriale dell umanità. La Dieta Mediterranea (dal greco la parola dieta διαιτα- significa stile di vita) è molto più che un semplice alimento. Essa promuove l interazione sociale, poiché il pasto in comune è alla base dei costumi sociali e delle festività condivise da una data comunità e ha dato luogo a un notevole corpus di conoscenze, canzoni, massime, racconti e leggende. Dobbiamo il riconoscimento e il riscontro scientifico delle proprietà della Dieta Mediterranea ad Ancel Keys, biologo e fisiologo statunitense che studiò sul campo gli effetti benefici della dieta sulla salute. La Dieta Mediterranea è l insieme delle abitudini alimentari dei popoli del bacino del Mediterraneo, che si sono consolidate nei secoli e sono rimaste pressoché immutate fino al boom economico degli anni 50. Questo insieme di abitudini consiste principalmente nel consumo di: Olio d oliva Cereali Ortaggi Legumi Frutta La Dieta Mediterranea prevede anche un consumo moderato di pesce, carne bianca, latticini e uova, mentre il consumo di carne rossa e vino è limitato rispetto alle diete di altre zone del mondo. La Dieta Mediterranea presenta le seguenti caratteristiche fondamentali: Basso contenuto di acidi grassi saturi Ricchezza di carboidrati e fibre Alto contenuto di acidi grassi monoinsaturi (derivati dall olio d oliva) Olio d oliva Come dimostrato dagli studiosi, non è la quantità di grassi consumata nella dieta, ma è la qualità che fa la differenza. E per questo che l olio di oliva è diventato l alimento grasso principale della Dieta Mediterranea: i grassi che esso fornisce hanno effetti benefici sull organismo in quanto controllano il rischio cardiovascolare e contrastano lo stress ossidativo del corpo umano dovuto ai radicali liberi. 5

6 Frutta e ortaggi La frutta e gli ortaggi occupano il posto principale nella Dieta Mediterranea, in quanto essa è caratterizzata in particolare dal consumo di alimenti di origine vegetale, compresa la pasta, la verdura di stagione, soprattutto a foglie e la frutta. Il consumo di frutta (anche secca) e ortaggi garantisce l apporto di sostanze nutrienti come vitamine e minerali e allo stesso tempo riduce l apporto calorico della dieta, poiché frutta ed ortaggi contengono molta acqua e la fibra ha un effetto saziante. In ogni stagione vi sono ampie possibilità di scelta di ortaggi e frutta. E consigliabile cominciare a consumare frutta a partire dalla prima colazione e negli spuntini fuori pasto. Cereali Il fabbisogno alimentare nel bacino mediterraneo, già anni fa, era soddisfatto per il 60-70% da alimenti derivanti dai cereali. Il grano duro, in particolare, è un elemento che accomuna tutte le popolazioni del Mediterraneo, in quanto costituisce la materia prima di alimenti come pasta, pane, cous-cous, bulgur e altri. Tali cereali venivano consumati prevalentemente nella forma whole ovvero integrale, ancora oggi fortemente consigliata. La pasta dal canto suo è diventata negli ultimi cento anni un cibo importante e diffuso a livello mondiale. Legumi Con il termine legumi si intendono i semi commestibili delle piante appartenenti alla famiglia delle leguminose, che possono essere consumati allo stato fresco, secco, surgelati e conservati. I legumi freschi hanno un elevato contenuto di acqua e caratteristiche nutrizionali che li fanno rientrare nel gruppo delle verdure e degli ortaggi. I legumi secchi sono un ottima fonte di proteine: ne contengono infatti più del doppio dei cereali e più delle stesse carni, ma di qualità inferiore. Le caratteristiche nutrizionali dei legumi conferiscono agli stessi un buon potere energetico. Ad eccezione della soia, i legumi sono poveri di grassi e particolarmente indicati nelle diete. Appartengono alla famiglia dei legumi: fagioli, lenticchie, piselli, fave, cicerchie, lupini, ceci e soia. 6

7 Vino Il vino è la bevanda storica del bacino del Mediterraneo: veniva prescritto già da Ippocrate nel IV secolo a.c. per la cura delle ferite e come bevanda nutriente, antipiretica, purgante e diuretica. Pur essendo materia di ampio dibattito, la scienza ha riconosciuto alcuni effetti benefici del vino sulla salute umana. Alcuni dei composti, presenti in modo particolare nel vino rosso, sono ritenuti almeno in parte responsabili della riduzione del rischio cardiovascolare e dell arteriosclerosi. Ciò non toglie che, trattandosi di bevanda alcolica, essa sia fortemente sconsigliata durante le ore di lavoro, mentre se ne possa fare un consumo moderato durante i pasti. Nonostante il grande potere e riconoscimento scientifico dell effetto benefico della dieta mediterranea, che è rappresentata nelle sue caratteristiche fondamentali nella figura sotto, la popolazione italiana, e allo stesso livello tutte le popolazioni del Mediterraneo, hanno negli ultimi 50 anni cambiato notevolmente le abitudini di vita standardizzandosi complessivamente su uno stile di vita alimentare simile alle popolazioni anglo-sassoni e americane. 7

8 RUOLO DELL ALIMENTAZIONE NELL ATTIVITÀ LAVORATIVA Da dove partiamo. Secondo una stima dell Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) circa il 50% delle patologie maschili e il 25% di quelle femminili, in Europa, sono legate a stili di vita non salutari: dieta scorretta e sbilanciata, abitudine al fumo di tabacco, consumo eccessivo e inappropriato di bevande alcoliche e attività fisica insufficiente. Il sovrappeso e l obesità sono responsabili dell 80% dei casi di diabete di tipo 2, del 35% delle cardiopatie ischemiche, del 55% di ipertensione arteriosa e causano milioni di morti l anno. Alimentazione e lavoro Secondo un rapporto dell Ufficio Internazionale del Lavoro un regime alimentare troppo povero o un alimentazione troppo ricca sul luogo di lavoro può provocare una perdita di produttività. Lo stesso rapporto testimonia che solo quei lavoratori che hanno messo al centro delle proprie attenzioni la scelta di piani alimentari per controllare o ridurre il peso corporeo, hanno osservato una riduzione dei giorni di malattia ed un maggiore stato di benessere generale. Una corretta dieta per i lavoratori deve prendere in considerazione, sia le proprietà energetiche e nutritive dei vari cibi, sia il tipo di lavoro svolto (sedentario, vario, leggero, pesante), l ambiente (temperatura, umidità, ecc.), l orario di lavoro (continuato, turni), il tipo di alimentazione abituale (nazionalità, religione, ecc.) e le attività extralavorative (sport, hobby). Per evitare la diminuzione della resistenza alla fatica e della prontezza dei riflessi, i pasti consumati durante il lavoro devono essere non troppo abbondanti, facilmente digeribili e prevalentemente costituiti da carboidrati (pane, pasta, riso soprattutto integrali), legumi, frutta e verdura (alimenti ad alto contenuto di sali minerali) e da un adeguato apporto idrico. Nel lavoro mentale, che di solito si associa a sedentarietà, l alimentazione deve essere particolarmente attenta in quanto il dispendio energetico è minimo (lavorare stando seduti non fa consumare calorie). È consigliabile scegliere di consumare cibi integrali (pane e pasta), in quanto conservano meglio i principi nutritivi come vitamine e fattori di crescita e portare al lavoro frutta fresca da consumare, come spuntino, durante il giorno. In un piano alimentare adeguato è consigliabile limitare il consumo di alimenti dolci e ridurre di conseguenza il consumo di bevande zuccherate, in quanto incrementano notevolmente i livelli di glicemia in pochissimo volume. 8

9 OBESITÀ E SOVRAPPESO L obesità è una condizione medica caratterizzata da un eccessivo accumulo di grasso corporeo con comprovati effetti negativi sulla salute, una conseguente riduzione dell aspettativa di vita e un aumentato rischio di insorgenza di malattie cardiovascolari. Il termine obesità deriva dal latino obesitas, che significa grasso, grosso e paffuto. L obesità è una patologia tipica, anche se non esclusiva, delle società dette del benessere e risulta sempre collegata ad altre malattie come le disfunzioni cardiocircolatorie, il diabete mellito tipo 2, patologie a carico del sistema osteoarticolare, ictus, sindrome da apnea notturna e più recentemente anche con qualche tipo di tumore. L obesità oggi è comunque stata riconosciuta a livello internazionale come una malattia multifattoriale. Essa è infatti comunemente causata da una combinazione di eccessivo apporto calorico, mancanza di attività fisica, predisposizione genetica e da una serie differente di co-fattori come assunzione di farmaci, disfunzioni metaboliche, disturbi della sfera dell umore, ansia e depressione, accompagnati da disturbi psicologici. Recenti studi hanno dimostrato come l approccio psicologico, associato al trattamento nutrizionale della malattia, risulta uno dei metodi più consigliati e di prima linea per il trattamento e la guarigione del paziente obeso. Non ci sono prove che le persone possano ingrassare a causa di un metabolismo lento. Solo malattie endocrine come l ipotiroidismo diagnosticato possono essere concausa di incrementi di peso corporeo. SUGGERIMENTI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE PER IL LAVORO E PER LA VITA Come ormai abbiamo letto nelle pagine precedenti, seguire delle regole alimentari sicuramente migliora il nostro rendimento fisico e rappresenta, a tutti gli effetti, un investimento importante sulla nostra vita. Anche se una persona è normopeso e gode di un discreto stato di salute, non ha motivi validi per non darsi delle regole e non impostare le proprie scelte alimentari solo sul gusto o sui messaggi pubblicitari. In fin dei conti, seguire una dieta sana non è poi così complicato e le poche regole che si devono seguire lasciano ampio margine di organizzazione. Ecco alcuni suggerimenti di tipo organizzativo con alcuni consigli pratici. 9

10 COSA FARE PER STARE IN FORMA 1) COME SCEGLIERE IL PROPRIO PIATTO: a. ¼ con porzioni di verdura b. ¼ con porzioni di frutta c. ¼ con proteine d. ¼ con cereali Almeno il 50% del piatto deve essere dedicato alla componente vegetale (frutta e verdura). 10

11 2) COSA MANGIARE SE HO IL TURNO DI NOTTE Non bere molto durante i pasti ma aumentare l assunzione di acqua fuori dai pasti (iniziando 30 minuti dopo). Portarsi delle spremute di frutta (spremuta di arancia o frullato con mix di frutta) da sorseggiare come spuntino durante le ore notturne. Si sconsiglia di mangiare troppi grassi prima del turno notturno perché impegnano troppo lo stomaco e l intestino nella fase digestiva. 3) PERCHE IL SALE E LE BEVANDE ZUCCHERATE SONO SCONSIGLIATI Il sale è un alimento utile ma va consumato con estrema attenzione. E una delle prime cose da ridurre o da abolire del tutto nelle persone che presentano ipertensione arteriosa. Il sale in alta concentrazione nell alimentazione riduce l assorbimento di calcio e di ferro a livello duodenale. Le bevande zuccherate sono dannose non tanto per il loro contenuto, ma in quanto aumentano l apporto di calorie senza saziare. Consideriamo che una lattina di una bevanda dolce al sapore di cola contiene mediamente Kcal. 4) RUOLO DELL ATTIVITA FISICA Svolgere attività fisica e trovare il giusto tempo per farlo è un ulteriore occasione per farsi del bene. Recenti studi hanno dimostrato che una costante attività fisica aerobica (camminata a passo svelto, corsa, nuoto, tennis, canottaggio ) migliora la qualità della vita e aumenta la probabilità di perdere peso. Un recente studio ha dimostrato che quando si svolge attività fisica costante nel tempo si ottiene un allungamento della vita media. La costante attività fisica è stata correlata ad una riduzione dei livelli di colesterolo totale e soprattutto del colesterolo cattivo (LDL) in favore di un aumento di quello buono (HDL). Infine l attività fisica previene malattie cardiovascolari, diabete mellito, ictus e ovviamente obesità. 11

12 12 5) LA PIRAMIDE DELL ATTIVITA FISICA L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha condiviso e supportato la creazione della piramide dell attività fisica e motoria, che illustra le regole da seguire per uno stile di vita salutare. Alla base della piramide sono indicate le attività da svolgere quotidianamente, man mano che si sale verso i gradini più alti si incontrano le attività da svolgere con minore frequenza.

13 FRUTTA E VERDURA Mangiare frutta e verdura offre benefici per la salute. Le persone che mangiano più frutta e verdura nell ambito di una dieta equilibrata, hanno un dimostrato minor rischio di sviluppare malattie croniche. Frutta e verdura forniscono nutrienti vitali per la salute come il potassio, le fibre, la vitamina C e l acido folico. La maggior parte dei frutti sono a basso contenuto di sodio, grassi e calorie. La frutta può essere consumata fresca, secca, in scatola o surgelata ALCUNI PICCOLI SUGGERIMENTI Tenere la frutta in una ciotola sul tavolo, sul desk al lavoro, o in borsa da utilizzare come spuntino. Acquistare frutta fresca e di stagione. Aggiungere sempre la frutta a una ricetta o un dolce. La verdura così come la frutta sono ricche di fibra alimentare. La verdura, soprattutto, migliora la funzione intestinale. Verdura fresca come carote, sedani e finocchi potrebbero essere mangiati come piccoli spuntini. In famiglia bisogna provare a dare per primi il buon esempio e far vedere ai bambini che è utile mangiare frutta e verdura ogni giorno, in modo che seguano il buon esempio anche imitando le nostre abitudini. Includere la frutta a colazione è un ottimo modo di iniziare la giornata. Ad esempio cereali con banane, pesche, fragole e mirtilli. É utile bere succo di arancia e di pompelmo al 100%. 13

14 PROTEINE Gli alimenti a base di proteine includono sia fonti animali (carne, pollame, pesce, uova), sia vegetali (fagioli, piselli, lenticchie, prodotti a base di soia, noci e semi). Abbiamo tutti bisogno di proteine, ma senza esagerare. Recentemente si è diffusa la credenza popolare secondo la quale mangiare tante proteine favorisca il controllo del peso corporeo. Molte persone mangiano una quota troppo elevata di proteine al giorno. Teoricamente non bisognerebbe superare 1 gr di proteine per Kg di peso corporeo considerando sia quelle animali che vegetali ALCUNI PICCOLI SUGGERIMENTI La prima regola è variare le fonti di proteine. I nostri secondi piatti non devono essere composti solo da carne ma anche da pesce, uova, soia, fagioli, piselli. Utilizzare il pesce almeno 1-2 volte a settimana. Mangiare il pesce al posto della carne e del pollame. Scegliere i pesci sulla base della stagionalità e della freschezza. Ridurre la quantità di carne bianca o rossa a non più di 1-2 volte alla settimana. Scegliere sempre carne magra. Preferire controfiletto e carne macinata che contengono meno grassi. Togliere sempre il grasso o la pelle dalla carne. Mangiare proteine vegetali più spesso (almeno 2 volte a settimana, come secondo piatto). Scegliere fra: fagioli bianchi, rossi, neri, cannellini, piselli, ceci, lenticchie, prodotti di soia (Tofu, Tempeh, hamburger vegetali) come secondo piatto accompagnato da verdure. Mangiare uova almeno una volta a settimana. 2-3 uova a settimana apportano validi nutrienti e non aumentano il rischio di malattie cardiache. Il tuorlo d uovo contiene colesterolo e grassi saturi. Ridurre latte e formaggi. Il latte non deve necessariamente essere consumato tutti i giorni. Preferire quello magro. Formaggio come secondo piatto non più di una volta a settimana. 14

15 CEREALI INTEGRALI Qualsiasi alimento a base di cereali integrali come grano, kamut, riso, avena, mais e orzo contiene la giusta quota di carboidrati e fibre. I carboidrati dovrebbero essere la fonte maggiore di energia durante la giornata. Sicuramente le fonti di carboidrati raffinati sono molto più comuni e disponibili ma molto meno consigliati di quelli integrali. I cereali integrali contengono tutte le parti del chicco del cereale: la buccia, il germe e l endosperma. La buccia rappresenta la componente di fibra, il germe rappresenta invece la parte più ricca di proteine e vitamine, l endosperma la parte contenente la concentrazione più elevata di zuccheri. Per questo motivo mangiare cereali integrali significa mangiare tutto del chicco e non solo la parte più ricca di calorie ALCUNI PICCOLI SUGGERIMENTI Considerare piccoli cambiamenti nelle proprie abitudini. Sostituire poco alla volta i cereali raffinati con quelli integrali. Ad esempio mangiare pane 100% integrale, biscottate integrali per la colazione e utilizzare pasta e riso integrale al posto di riso e pasta bianca. Preparare piatti con cereali integrali significa avere una glicemia più bassa dopo mangiato. Ad esempio minestroni con orzo o riso integrali. Iniziare a considerare cereali meno conosciuti ma molto ricchi come la quinoa, il bulgur. Scegliere pane o pasta con farro o kamut. Utilizzare anche nella preparazione di dolci farine differenti come grano saraceno, miglio, avena. Leggere sempre l etichetta degli alimenti e scegliere quelli che includono i cereali integrali ai primi posti per tutti i preparati come pane, pasta, dolci o biscotti. Aumentare la presenza di farina integrale negli alimenti permette di ridurre l assorbimento degli zuccheri e di introdurre con un piatto di pasta anche minerali come ferro, rame, zinco, magnesio, vitamine del gruppo B, vitamina E ed altri antiossidanti. Queste proprietà sono assenti nelle farine bianche. 15

16 PER CONCLUDERE... Questo piccolo libretto ha come finalità principale quella di dare alcune informazioni utili per la gestione dell alimentazione nei differenti momenti della giornata. Se siamo bravi ed oculati nelle nostre scelte ci renderemo conto, nel giro di poco tempo, di avere una buona forma fisica e più energia. Il nostro intento non è quello di suggerire una dieta con l indicazione dei grammi dei differenti alimenti da consumare, poiché ognuno di noi ha delle esigenze e delle richieste differenti. Chiunque goda di un buon stato di salute e di un equilibrato peso corporeo deve solo avere l accortezza di rendere molto varia la propria alimentazione. Chi deve invece affrontare un percorso per dimagrire e perdere peso in eccesso dovrebbe rivolgersi al proprio medico o a figure professionali qualificate come i dietisti che hanno la preparazione e la formazione più adatta per conoscere e saper aiutare in questo percorso. Non esistono pillole miracolose che permettano di mangiare illimitate quantità di cibo senza prendere peso. Esiste solo la capacità di considerare il peso corporeo non solo come una caratteristica del nostro aspetto fisico, ma come una potenziale malattia da curare e seguire come qualsiasi altra. 16

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche,

IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche, IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche, delle conoscenze, delle abilità, dei saperi e delle tradizioni

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI Le esigenze della incessante attività del corpo umano fanno si che le numerose sostanze che lo formano (le quali sono soggette ad usura e a perdite e vanno quindi via via ricostituite e/o sostituite) e

Dettagli

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI:

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: 2016 LE 12 REGOLE DEL CUORE CONSIGLI NUTRIZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: DOTT.SSA FRANCESCA DE BLASIO BIOLOGA NUTRIZIONISTA DOTTORATO DI RICERCA IN SANITÀ PUBBLICA

Dettagli

Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno

Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno Avvertenze Le informazioni racchiuse in questo documento non sono da intendere come indicazioni mediche, ma sono a fini educativi e di intrattenimento.

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO una corretta informazione per un benessere psicofisico Mangiare o nutrirsi? Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico Nutrirsi

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI La prima colazione A tavola: La prima colazione permette di migliorare l attenzione e la concentrazione, quindi il rendimento scolastico. Inizia la tua giornata

Dettagli

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi:

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi: Legumi I legumi sono considerati la carne dei poveri per il loro contenuto proteico. Sono utilissimi ai vegetariani e ai vegani (questi, a differenza dei vegetariani, non utilizzano neanche i latticini

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI DIETA VEGETARIANA Nella realizzazione di una dieta vegetariana frequentemente viene seguito un percorso che passa attraverso un procedimento di eliminazione di gruppi di cibi dall architettura tipica della

Dettagli

Prova Costume? Niente Paura!

Prova Costume? Niente Paura! Prova Costume? Niente Paura! Che Cos è la Nutraceutica? SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO L alimentazione occupa un ruolo decisivo per il nostro benessere. Spesso però non conosciamo quello che mangiamo e la qualità

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo!

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Prof. Augusto Santi Alimentazione e giovani sportivi IERI E OGGI Cent anni fa: giochi di movimento, pane e acqua Oggi: giochi al computer e merendine

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.)

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) L attività fisica e l alimentazione sono entrambi comportamenti specifici e reciprocamente

Dettagli

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE 1-2 e 8-9 maggio 2010 GUIDA PER UNO stile di vita SALUTARE ATTIVITÁ FISICA QUOTIDIANA Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di PASSEGGIATA Per migliorare lo stile di vita: parcheggiare più

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

notizie Le alternative alla carne per vegetariani e non solo Tofu

notizie Le alternative alla carne per vegetariani e non solo Tofu notizie Le alternative alla carne per vegetariani e non solo Quali possono essere le alternative alla carne per vegetariani e non solo? Volendo seguire una dieta bilanciata ed equilibrata, le proteine

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia Nell elaborazione del piano dietetico proposto alle scuole della Provincia di Pavia, l U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell A.S.L. tiene conto delle indicazioni riportate da: L.A.R.N. (1996)

Dettagli

TECNOLOGIE E MODELLI ORGANIZZATIVI OTTIMALI NEI SERVIZI DI RISTORAZIONE

TECNOLOGIE E MODELLI ORGANIZZATIVI OTTIMALI NEI SERVIZI DI RISTORAZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione TECNOLOGIE E MODELLI ORGANIZZATIVI OTTIMALI NEI SERVIZI DI RISTORAZIONE RISTORAZIONE Ristorazione 2004 Milano, 23-24 settembre 2004 Dr.

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA: Come alimentarsi per star bene? http://www.inran.it/inran_lineeguida.pdf

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA: Come alimentarsi per star bene? http://www.inran.it/inran_lineeguida.pdf LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA: Come alimentarsi per star bene? http://www.inran.it/inran_lineeguida.pdf La scelta degli alimenti e basata su molteplici fattori : storia, cultura, ambiente

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali ALIMENTAZIONE, RISCHIO CARDIOVASCOLARE E METABOLICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali ALIMENTAZIONE, RISCHIO CARDIOVASCOLARE E METABOLICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali ALIMENTAZIONE, RISCHIO CARDIOVASCOLARE E METABOLICO Relatore: Dott.ssa Chiara Becchetti Assegnista di ricerca Brescia 19/03/2015

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE In qualità di Presidente del mi sento in dovere di portarvi a conoscenza di alcune interessanti e basilari concetti per una corretta alimentazione dei nostri figli.

Dettagli

Cambio qualcosa, rischio di meno. scelgo gli alimenti e controllo il peso: FORMAZIONE PER IL PERSONALE OSPEDALIERO

Cambio qualcosa, rischio di meno. scelgo gli alimenti e controllo il peso: FORMAZIONE PER IL PERSONALE OSPEDALIERO Cambio qualcosa, rischio di meno scelgo gli alimenti e controllo il peso: FORMAZIONE PER IL PERSONALE OSPEDALIERO l alimentazione ha migliorato la salute dopo la seconda guerra mondiale, la disponibilità

Dettagli

Educazione all alimentazione Per la prevenzione del sovrappeso e dell obesità infantile

Educazione all alimentazione Per la prevenzione del sovrappeso e dell obesità infantile Educazione all alimentazione Per la prevenzione del sovrappeso e dell obesità infantile Ciss Consorzio intercomunale per i servizi socio sanitari Il CISS, Consorzio Intercomunale per i Servizi Socio Sanitari,

Dettagli

LA DIETA VEGETARIANA

LA DIETA VEGETARIANA LA DIETA VEGETARIANA Le persone che seguono un alimentazione vegetariana sono, a dispetto dell opinione generale, tante. Può essere utile perciò cercare di capire qualcosa di più riguardo questo tipo di

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ABITUDINI NUTRIZIONALI IN ITALIA ETÀ PRESCOLARE E SCOLARE ABITUDINI NUTRIZIONALI 3-53

Dettagli

Gianluca Tognon. Biologo, specialista in scienza dell alimentazione www.studiotognon.net

Gianluca Tognon. Biologo, specialista in scienza dell alimentazione www.studiotognon.net Gianluca Tognon Biologo, specialista in scienza dell alimentazione www.studiotognon.net L ABC DELL ALIMENTAZIONE: I GRUPPI DI ALIMENTI Gruppo 1: CARNI, PESCI, UOVA Proteine nobili, Ferro, alcune Vitamine

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti L ALFABETO DELLA CORRETTA NUTRIZIONE Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti delle membrane cellulari hanno destato negli ultimi anni maggior interesse. E ormai

Dettagli

LA TUA MAPPA DEL TESORO IN 4 SEMPLICI PASSI PER RAGGIUNGERE LA TUA FORMA PERFETTA CON JUICE PLUS

LA TUA MAPPA DEL TESORO IN 4 SEMPLICI PASSI PER RAGGIUNGERE LA TUA FORMA PERFETTA CON JUICE PLUS LA TUA MAPPA DEL TESORO IN 4 SEMPLICI PASSI PER RAGGIUNGERE LA TUA FORMA PERFETTA CON JUICE PLUS 4 Semplici passi per creare il tuo stile di vita 1. Decidi cosa vuoi e cosa credi = cosa vuoi ottenere e

Dettagli

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA Regione PIEMONTE- ASL2-Torino Ambulatorio di Cardiologia OSPEDALE S. Giovanni Bosco Tel.011-2402310 Progetto GIOTTO Responsabile Drssa Bianca BIANCHINI DIETA Ovvero MANGIARE PER LA VITA Questo piccolo

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica Tutti noi abbiamo dei periodi di stanchezza, solitamente transitoria, dovuti a cause conosciute come per esempio lo stress o il superlavoro, questa stanchezza

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

Come scegliere gli alimenti per una alimentazione sana ed equilibrata?

Come scegliere gli alimenti per una alimentazione sana ed equilibrata? Come scegliere gli alimenti per una alimentazione sana ed equilibrata? Gli alimenti di cui disponiamo sono tantissimi e molti sono anche i modi per realizzare una dieta salutare. Ognuno di noi ha quindi

Dettagli

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA Speciale FARINE di Maurizio De Pasquale www.orlandipasticceria.com LA RICERCA DELLE PROTEINE N utrirsi bene è fondamentale

Dettagli

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole ALIMENTAZIONE BENESSERE BELLESSERE Le proprietà farmacologiche, salutistiche, estetiche del cibo La mancanza di equilibrio tipica dell alimentazione moderna è spesso correlata al determinismo di molte

Dettagli

Sedalfam. Descrizione

Sedalfam. Descrizione L attenzione al peso corporeo e all indice glicemico e ad un corretto metabolismo non è solo oggetto di interesse estetico, ma di importanza fondamentale per la prevenzione di molte malattie quali diabete,

Dettagli

L alimentazione equilibrata

L alimentazione equilibrata L alimentazione equilibrata ( R. Pellati, 2005) Macronutrienti Percentuale % Quantità Calorie Proteine 12-15 80-90 g/die Grassi 25-30 75-85 g/die Carboidrati Fibra 55-60 --- 360-390 g/die 20-30 g/die 1

Dettagli

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Al fine di comporre correttamente la propria dieta è bene conoscere le qualità dei principali alimenti che in base alle loro principali caratteristiche nutrizionali

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

SE MANGIO COTOLETTA CADO SUI SASSI LA PANCIA M INGROSSA E CASCANO LE OSSA NON PRENDO MEDICINE. BEVIAMO L ARANCIATA

SE MANGIO COTOLETTA CADO SUI SASSI LA PANCIA M INGROSSA E CASCANO LE OSSA NON PRENDO MEDICINE. BEVIAMO L ARANCIATA RAP SANO ASCOLTA IL RAP SE MANGIO COTOLETTA DOPO UNA CORSETTA NELLA FRUTTA VITAMINE NON PRENDO MEDICINE. SE MANGIO CARBOIDRATI TRA DOLCI E SALATI IO ACCUMULO ENERGIA E POI VOLO VIA. MANGIO CEREALI E MI

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

ALIMENTAZIONE E BENESSERE

ALIMENTAZIONE E BENESSERE NICOLETTA PROIETTI Consulente alimentare DIRETTIVO A.L.B.A. ALIMENTAZIONE E BENESSERE PROGETTO POHEFA Materiale divulgativo incontri ROCCADIMEZZO FOSSA UN ATLETA DI NOME CHARMIS VINCE DELLE GARE IN BASE

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

Istituto Comprensivo Castelverde - ROMA. Anno scolastico 2013/2014. Dott.sse Valeria Morena e patrizia leggeri

Istituto Comprensivo Castelverde - ROMA. Anno scolastico 2013/2014. Dott.sse Valeria Morena e patrizia leggeri PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Istituto Comprensivo Castelverde - ROMA Anno scolastico 2013/2014 DI UNA SANA E CORRETTA ALIMENTAZIONE Dott.sse Valeria Morena e patrizia leggeri Istituto Zooprofilattico

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi ,3(5/,3,'(0,( 1. Iperlipidemie Le iperlipidemie, ed in particolar modo l ipercolesterolemia, rappresentano sicuramente il più riconosciuto ed importante fattore di rischio per l insorgenza dell aterosclerosi

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

Alimentazione, arteriosclerosi e malattie cardiovascolari

Alimentazione, arteriosclerosi e malattie cardiovascolari Cause L sono la causa di mortalità più frequente nei paesi occidentali industrializzati. In prima linea troviamo l infarto del miocardio come conseguenza della malattia cardiovascolare (MCV). La malattia

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

LA GRAVIDANZA: LA BUONA ALIMENTAZIONE IN UN CORPO CHE CAMBIA

LA GRAVIDANZA: LA BUONA ALIMENTAZIONE IN UN CORPO CHE CAMBIA Newsletter Maggio 2014 GRAVIDANZA E CIBO a cura di Dr.ssa Marianna Drigo, Dietista e Consulente Nutrizionale LA GRAVIDANZA: LA BUONA ALIMENTAZIONE IN UN CORPO CHE CAMBIA La gravidanza è un evento biologico

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE. Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A.

ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE. Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A. ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A. Nutraceutica Nome dato a quella branca della ricerca scientifica, svolta in numerosi laboratori, sugli alimenti

Dettagli

I NUTRIENTI E L ENERGIA

I NUTRIENTI E L ENERGIA I NUTRIENTI E L ENERGIA Carboidrati, proteine, lipidi, vitamine, minerali ma cosa sono? E, soprattutto, quanti ce ne servono? Vediamo un po nel dettaglio. Gli alimenti sono sostanze assunte dagli organismi

Dettagli

Consapevoli e sani. 1. Mantenete il peso corporeo entro valori normali. 2. Fate almeno 30 minuti di movimento al giorno.

Consapevoli e sani. 1. Mantenete il peso corporeo entro valori normali. 2. Fate almeno 30 minuti di movimento al giorno. Dieci suggerimenti della Lega svizzera contro il cancro Consapevoli e sani Un'alimentazione sana e movimento sufficiente possono ridurre il rischio di ammalarsi di cancro. Non è mai troppo tardi per iniziare

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

colesterolo sotto controllo

colesterolo sotto controllo Come tenere il colesterolo sotto controllo LAVORIAMO INSIEME PER PROTEGGERE LA TUA VITA Cos è il colesterolo alto (ipercolesterolemia)? Come succede a molti di noi, non hai mai pensato al colesterolo o

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli