P.O.R. Campania Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T."

Transcript

1 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione CRB SOFTWARE DIVISION SRL A2) Forma giuridica SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA A3) Codice Fiscale Partita IVA A4) Sede legale CASALNUOVO DI NAPOLI NAPOLI Comune Provincia CAP VIA NAPOLI N 159 Via e n. civico A5) Telefono Fax A6) Legale Rappresentante CICCARELLI NICOLA VLADIMIRO AMMINISTRATORE UNICO Cognome Nome Qualifica A7) Atto costitutivo (1) REPERTORIO N RACCOLTA N /12/2050 Estremi Scadenza A8) Capitale sociale (1) di cui versato A9) Iscrizione al Registro delle Imprese NAPOLI /07/2002 Di Al n Dal A10) Iscrizione all INPS NAPOLI -FERRARIS 12/02/2004 INFORMATION TECNOLOGY Ufficio di Dal Settore A11) Categoria di impresa (2) ANNO Periodo di riferimento Effettivi ULA Fatturato Totale di bilancio A12) Incaricato dell impresa per la pratica EMANUELA RASTRELLI MADDALUNO Sig. Tel. Fax A13) Indirizzo cui inviare la corrispondenza CASLNUOVO DI NAPOLI NAPOLI Comune Provincia CAP VIA NAPOLI N 159 Via e n. civico (1) Solo per le società ed i consorzi; (2) Tutti i dati devono riguardare l ultimo esercizio contabile chiuso e sono calcolati su base annua. Per le imprese di costituzione recente i cui conti non sono stati ancora chiusi, i dati sono stimati in buona fede ad esercizio in corso. Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto

2 B) DATI SUL PROGRAMMA DI INVESTIMENTI B1) Ubicazione dell unità locale oggetto dell investimento: Comune CASALNUOVO DI NAPOLI Provincia NAPOLI CAP Via e n civico VIA NAPOLI N 159 Telefono 081/ Fax 081/ B2) Tipologia del programma di investimenti ACQUISTO MACCHINARI E ATTREZZATURE, ACQUISIZIONE SOFTWARE, SUPPORTI INFORMATIVI B3) Date effettive o previste relative al programma: B3.1) Data (gg/mm/aaaa) di avvio a realizzazione del programma B3.2) Data (gg/mm/aaaa) di ultimazione del programma 1/1/ /12/2010 B4) Spese del programma (al netto dell IVA) a fronte delle quali si richiedono le agevolazioni Voci di spesa Spese dirette Importo in migliaia di Euro A Progettazione, direzione lavori, piano marketing,accessorie B Impianti C Macchinari, attrezzature e strumenti ,00 D Immobilizzazioni immateriali ,00 TOTALE ,00 C) ELEMENTI PER IL CALCOLO DEL VALORE TECNICO DEL PROGETTO C1) Caratteristiche innovative e qualitative del progetto, sia ai fini dell incremento di efficienza della macchina gestionale, sia in funzione del completamento/ potenziamento di infrastrutture ICT già esistenti: La società CRB Software Division opera da anni nel settore ICT, focalizzando le proprie attività nello sviluppo di software su commessa. Nel tempo ha differenziato il proprio business in altre aree dello stesso settore allargando la propria offerta alle seguenti attività: Consulenza informatica System Integration Servizi di assistenza e manutenzione Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto

3 Progetti di ricerca avanzata Installazione di impianti di rete Appare evidente che, rispetto allo sviluppo software, vero core business aziendale, i processi produttivi associati alle nuove aree presentano dinamiche diverse che hanno comportato l utilizzo di nuovi strumenti gestionali sviluppati nel tempo ed adattati di volta in volta alle nuove esigenze. Il programma di investimento previsto dalla CRB Software Division si basa su di una trasformazione radicale della gestione del business tramite una ristrutturazione dei processi aziendali secondo il paradigma del Business process management. A tale scopo saranno realizzati gli strumenti che svolgeranno un ruolo decisivo nel supportare le azioni e le scelte del management e la trasformazione infrastrutturale per l orchestrazione dei processi individuati. L investimento nasce quindi dalla necessità di effettuare una forte innovazione organizzativa, di processo e di prodotto, che mediante l analisi delle attività necessarie per definire, ottimizzare, monitorare e integrare i processi aziendali, consenta la creazione di un processo orientato a rendere efficiente ed efficace il business dell azienda. L acronimo BPM (Business Process Management) indica una via intermedia fra la gestione d'impresa e l'information Technology, ed è riferito a processi operativi, che interessano variabili quantitative e sono ripetuti su grandi volumi quotidianamente. Un processo del genere è adatto all'automazione, mentre i processi di carattere strategico-decisionale utilizzano la tecnologia come un supporto che difficilmente può sostituire l'attività umana. Tali operazioni sono attualmente svolte da software differenti che non comunicano tra loro, da programmi che misurano i dati e altri che contengono la descrizione dei processi "aggiornabile" con i dati dell'operatività. E necessario creare un infrastruttura in grado di governare la complessità che si occupi di rilevare degli indicatori di prestazione chiave (KPI) che forniscono dei resoconti sintetici sull'operatività dei processi, e consentono un dettaglio dell'indicatore che può arrivare dal globale della società al singolo operatore/macchina/commessa. Per poter effettuare la trasformazione/innovazione citata è necessario rivedere l architettura del sistema informativo della CRB SD, riadattandola in ottica SOA (Services Oriented Architecture). In tal modo i processi di business dell'azienda vengono erogati sotto forma di servizi IT, realizzando un complesso middleware di comunicazione tramite il quale è possibile modificare, in maniera relativamente semplice, le modalità di interazione tra i servizi e la combinazione con cui gli stessi vengono utilizzati nel processo. Per consentire di veicolare tutti i processi esistenti (riadattati secondo il nuovo middleware) in un unico punto di accesso, è prevista la ristrutturazione del sistema informativo aziendale con un operazione di riadattamento del portale aziendale. Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto

4 A questo proposito saranno implementati i seguenti nuovi componenti: Modulo di gestione finanziaria Crm (Customer Relationship Management) E-commerce Il primo modulo consentirà l automatizzazione della gestione finanziaria per migliorare le prestazioni e i processi decisionali, aumentando aumentare la visibilità dei dati statistici finanziari consentire. La soluzione finanziaria, basandosi sul middleware SOA sarà integrata con altri strumenti software già in uso in azienda ed utilizzando potenti strumenti analitici, offrirà vari sistemi per riportare, analizzare e pubblicare le informazioni finanziarie. Il secondo modulo (CRM) ottimizzerà la gestione delle relazioni con i clienti integrandosi con le tecnologie già in uso in azienda. Sarà così possibile condividere i dati e consentire al personale di vendita di rispondere tempestivamente alle domande dei clienti, ai responsabili della pianificazione del marketing di studiare i risultati delle campagne di marketing ed ai manager di stabilire il valore delle relazioni con i clienti. L ultimo modulo prevede la possibilità di incrementare il canale e-commerce aziendale per la vendita dei prodotti (Hardware e software) della CRB SD. Tutto il progetto sarà poi strutturato nell ambito di una più generale razionalizzazione delle risorse hardware attualmente utilizzate in azienda con un ampliamento del parco macchine e muovendosi verso la virtualizzazione delle macchine per garantirne un uso ottimale. La virtualizzazione consente ad un server fisico di ospitare più macchine virtuali e di aggregare più server, infrastrutture di storage e reti in pool condivisi di risorse, allocandoli in modo dinamico, sicuro e affidabile alle applicazioni in base alle esigenze. a) azioni specifiche da svolgere, con particolare riguardo alle modalità organizzative e gestionali L introduzione all interno dell azienda CRB SD di un sistema come quello descritto nel punto C1 richiede particolare attenzione alla fase iniziale di disegno dei processi di business. L infrastruttura da realizzare deve governare la complessità ed individuare degli indicatori di prestazione chiave (KPI) che forniscono dei resoconti sintetici sull'operatività dei processi. Il potenziamento del modulo di ecommerce aziendale deve essere tale da riuscire a veicolare tutta l offerta commerciale in un unico punto. Inoltre, occorre tenere presente che esistono differenti strumenti e diversi livelli di integrazione per Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto

5 quanto riguarda il sistema di CRM. Un ottimo sistema CRM comprende una serie di infrastrutture sia a livello di front office (nella relazione con l'esterno vera e propria), sia a livello di back office, per analizzare e misurare dati e i risultati raggiunti. Gli strumenti a disposizione studiati per instaurare con il cliente un rapporto individuale, sono: chat online; forum di discussione; una banca dati contenente le risposte alle domande più frequentemente poste dagli utenti (FAQ); un indirizzo a cui rivolgersi; servizi informativi forniti anche su altri strumenti (come SMS da inviare al proprio cellulare, o l'utilizzo della tecnologia WAP) Ticket on-line per la segnalazione di problemi o per la richiesta di assistenza; Tracciamento interno di ogni comunicazione "da" e "per" il cliente; Preventivi e Fatture rivolte al cliente; Storia dei pagamenti effettuati dal cliente; Analisi della navigazione, per utenti profilati, con l'ausilio di web analyzer. Una delle problematiche più sentite nel mondo dell'e-commerce è indubbiamente la sicurezza nelle modalità di pagamento. Ad oggi, le modalità più diffuse sono il bonifico bancario, il contrassegno e il pagamento con la carta di credito, sicuramente più interessato da questo problema. Per ovviare a tale problematica, Il portale sarà dotato di un sistema di collegamento con la banca sella per l esecuzione delle transazioni tipiche del commercio elettronico tramite un componente generalizzato per interfacciarsi con il sistema di crittografazione fornito dalla struttura tecnica della banca sella. Sarà, inoltre, necessario dotare la rete interna delle misure necessarie a garantire la sicurezza dei dati raccolti, da attacchi esterni o da guasti imprevisti. Inoltre, è opportuno precisare che gran parte dei moduli software da sviluppare saranno progettati e realizzati ad hoc per la Crb SD in quanto fra i prerequisiti fondamentali della società vi è la possibilità di accedere in modo completo ai sorgenti di ogni elemento del sistema (ad esclusione ovviamente dei componenti di natura sistemistica tipo DBMS, APPLICATION SERVER, etc). b) gli interventi da realizzare potenzieranno le attività della filiera produttiva (impianti di trasformazione, punti vendita aziendali, introduzione e/o sviluppo dell e-commerce): L intervento proposto ha fra le sue attività il potenziamento del sistema di ecommerce. Tale potenziamento verrà raggiunto nell adozione di politiche commerciali che consentono la formalizzazione di tutta l offerta CRB in un contesto di ecommerce. Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto

6 La filiera produttiva, inoltre, subirà un notevole potenziamento predisponendosi in ottica di ebusiness tramite il middleware in architettura SOA che si basa su di un paradigma secondo il quale l'organizzazione e l'utilizzazione delle risorse distribuite possono essere sotto il controllo di domini di proprietà differenti. Esso Fornisce un mezzo uniforme per offrire, scoprire, interagire ed usare le capacità di produrre gli effetti voluti consistentemente con presupposti e aspettative misurabili. Nell'ambito di un'architettura SOA è quindi possibile modificare, in maniera relativamente più semplice, le modalità di interazione tra i servizi, oppure la combinazione nella quale i servizi vengono utilizzati nel processo, così come risulta più agevole aggiungere nuovi servizi e modificare i processi per rispondere alle specifiche esigenze di business: il processo di business non è più vincolato da una specifica piattaforma o da un'applicazione ma può essere considerato come un componente di un processo più ampio e quindi riutilizzato o modificato. L'architettura orientata ai servizi si presenta particolarmente adatta dal momento che agevola l'interazione tra le diverse realtà aziendali permettendo, al contempo, alle attività di business di sviluppare processi efficienti, sia internamente che esternamente ed aumentarne la flessibilità e l'adattabilità. c) il progetto è a completamento/potenziamento di infrastrutture di Information & Communication Technology già esistenti: L investimento programmato da CRB ha come obiettivo la velocizzazione e la semplificazione della gestione dei processi aziendali. L infrastruttura che sarà realizzata dovrà consentire un puntuale monitoraggio dei processi interni al fine di consentire al management di fare analisi e prendere decisioni sulla base di dati oggettivi. Queste operazioni attualmente sono effettuate con l utilizzo di software differenti che non comunicano tra loro, da programmi che misurano i dati e altri che contengono la descrizione dei processi. E necessario quindi creare un infrastruttura in grado di governare la complessità che si occupi di rilevare degli indicatori di prestazione chiave (KPI) che forniscono dei resoconti sintetici sull'operatività dei processi e consentono un dettaglio dell'indicatore che può arrivare dal globale della società al singolo operatore/macchina/commessa. L investimento prevede una ristrutturazione del sistema informativo interni all azienda in ottica SOA (Services Oriented Architecture). In questo modo tramite al realizzazione di un sistema middleware, i processi aziendali vengono erogati sotto forma di servizi IT. I moduli che implementeranno i contenuti del portale, siano essi di gestione finanziaria o di CRM, si integreranno perfettamente con quelli già in uso. In questo modo sarà più semplice condividere i dati all interno dell azienda a beneficio di chi la gestisce. Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto

7 d) il progetto prevede il miglioramento dell organizzazione aziendale (riduzione della sottoccupazione aziendale, riconversione e/o incremento occupazionale, ecc.) e della sicurezza sui luoghi di lavoro: Il progetto apporterà una notevole variazione delle dinamiche organizzative interne all azienda, in quanto, analizzando i cardini su cui si basa si può notare che: Orientamento verso un architettura orientata ai servizi: da un punto di vista architetturale la SOA offre una modalità di gestione pragmatica ed estremamente potente. Le informazioni ed i processi, abitualmente racchiusi all interno delle applicazioni, diventano un set di servizi, disponibili trasversalmente a tutta l infrastruttura software. Ciò comporta i seguenti vantaggi organizzativi: o Interconnessione su larga scala delle applicazione e dei sistemi esistenti o Riduzione significativa dell impatto organizzativo e metodologico connesso con l introduzione di nuove applicazioni software o Riduzione delle problematiche connesse con il change management o Ridefinizione e valorizzazione delle modalità di utilizzo dei sistemi esistenti, orchestrati mediante l introduzione di processi o iter automatizzati. o Riduzione dei costi di integrazione o modifica del software o Riduzione del rischio di vendor lock-in Adozione di un CRM aziendale: Con l adozione di questo modulo software si vuole avere a disposizione un processo per gestire le attività di marketing cercando di collegare in momenti fortemente interattivi tutti i sistemi di supporto al marketing stesso. In particolare, il fine è di porre le aree aziendali che si interfacciano con il cliente nelle condizioni di operare in sintonia e con un elevato effetto sinergico per acquisire, condividere e sfruttare tutte le informazioni relative al cliente. In tale prospettiva, il CRM rappresenta una modalità di gestione del business che rappresenta al tempo stesso una filosofia organizzativa focalizzata sull apprendimento continuo, con l obiettivo di fornire al cliente maggior valore. Inserimento di un Modulo di Business Intelligence: la introduzione dei KPI ( Key Performance Indicator o sistemi di misurazioni delle performance) sono un prezioso aiuto per il miglioramento e l ottimizzazione dei processi produttivi e logistici. Questo sistema di misurazione prevede di poter costruire e definire, con estrema facilità e rapidità, numerose misure di performance del sistema produttivo logistico; queste vanno da indicatori di misure complessive (vendite, scorte, ecc.) a indicatori con un elevato livello di dettaglio (ritardi, ecc.). Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto

8 Virtualizzazione dell Hardware: Per virtualizzazione si intende, in letteratura, la creazione di una versione virtuale di una risorsa normalmente fornita fisicamente. Qualunque risorsa hardware o software può essere virtualizzata: sistemi operativi, serventi, memoria, spazio disco, sottosistemi. La virtualizzazione permette l ottimizzazione delle risorse e la capacità di far fronte a esigenze specifiche secondo il più classico paradigma dell on demand Appare evidente che, con l adozione del modello alla base del progetto, si renda necessario anche una formazione adeguata del personale affinchè vi sia piena visibilità delle caratteristiche innovative introdotte e molto probabilmente un incremento occupazionale per acquisire know-how adeguato alla nuova organizzazione. a) il progetto prevede la realizzazione di nuovi prodotti e/o la diversificazione di alcuni altri e/o la certificazione di qualità delle produzioni/servizi aziendali E importante sottolineare che la società CRB SD svolge una forte azione di system integrator e di consulenza per molti dei clienti aziendali nel campo dell IT. L inserimento di alcune tecnologie all interno dell azienda, tramite il programma di finanziamento, stimolerà sicuramente il processo di acquisizione delle competenze necessarie all introduzione delle tematiche oggetto del progetto (SOA, CRM, BUSINESS INTELLIGENCE, VIRTUALIZZAZIONE) direttamente presso i clienti finali, trasformando quella che attualmente è una soluzione in un prodotto da offrire alla clientela medio-grande. In pratica, la realizzazione del progetto comporta la creazione di un know-how interno che verrà speso per le attività di consulting nel mondo dell IT che l azienda normalmente svolge. b) Incremento percentuale del Valore Aggiunto aziendale atteso con gli interventi cofinanziati a regime: Il progetto di innovazione della CRB Software Dision srl consentirà all azienda di raggiungere importanti valori di incremento della capacità di produrre ricchezza. Gli effetti positivi dell investimento si rifletteranno sotto il duplice aspetto dell efficientamento della macchina gestionale e di nuove opportunità di business. Il programma di investimento previsto dalla CRB Software Division si basa su di una trasformazione radicale della gestione del business tramite una ristrutturazione dei processi aziendali secondo il paradigma del Business process management. A tale scopo saranno realizzati gli strumenti che svolgeranno un ruolo decisivo nel supportare le azioni e le scelte del management e la trasformazione infrastrutturale per l orchestrazione dei processi individuati. L investimento nasce quindi dalla necessità di effettuare una forte innovazione organizzativa, di processo e di prodotto, che mediante l analisi delle attività necessarie per definire, ottimizzare, monitorare e Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto

9 integrare i processi aziendali, consenta la creazione di un processo orientato a rendere efficiente ed efficace il business dell azienda. L intervento proposto ha fra le sue attività il potenziamento del sistema di ecommerce. Tale potenziamento verrà raggiunto nell adozione di politiche commerciali che consentono la formalizzazione di tutta l offerta CRB in un contesto di ecommerce. La filiera produttiva, inoltre, subirà un notevole potenziamento predisponendosi in ottica di ebusiness tramite il middleware in architettura SOA che si basa su di un paradigma secondo il quale l'organizzazione e l'utilizzazione delle risorse distribuite possono essere sotto il controllo di domini di proprietà differenti. Gli elementi che qualificano l incremento di valore aggiunto aziendale si possono riassumere come segue: ottimizzazione dei processi aziendali; sviluppo di nuovi servizi\processi offerti ai clienti; apertura verso nuovi sbocchi di mercato; miglioramento del rendimento globale dell impresa; miglioramento degli indici economici e di occupazione; completamento della filiera e individuazione di un idonea collocazione sul mercato; riduzione dei costi di gestione; Il risultato positivo atteso dell incremento del Valore Aggiunto aziendale, lo si può verificare dalla riclassificazione di Bilancio, procedura di particolare importanza ai fini di una migliore comprensione ed interpretazione dei fattori di rilievo della gestione aziendale. Nello schema di riclassificazione scalare a Valore Aggiunto del Conto Economico, l indice del Valore Aggiunto risulta dalla differenza tra la produzione lorda ed il consumo di beni e servizi: Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto

10 VOCE ANTE INVESTIMENTO POST INVESTIMENTO (anno 2008) (anno 2011) + Ricavi netti di vendita prodotti/servizi , ,00 + Rimanenze finali Rimanenze iniziali VALORE DELLA PRODUZIONE , ,00 - Costi delle materie prime , ,00 - Costo del personale, spese generali e di servizi (amministrative, contoterzisti, ) , ,00 - Ammortamenti, oneri finanziari di gestione, affitti , ,00 CONSUMI netti , ,00 VALORE AGGIUNTO , ,00 = INCREMENTO % DEL VALORE AGGIUNTO ATTESO 122,4% L incremento % atteso uguale a 122,4. è ottenuto dal raffronto tra il Valore Aggiunto relativo all anno 2008 (ultimo bilancio approvato) pari ad ,00 e quello previsionale relativo al 2011 pari ad ,00. Si fa riferimento all anno 2011 in quanto anno a regime (anno solare successivo a quello dell investimento), prevedendo la chiusura dell investimento nel Le previsioni di bilancio relative all anno 2011 vedono un incremento del fatturato del 13% circa. Le previsione di crescita del fatturato sono state stimate tenendo in considerazione unicamente i fattori incrementativi legati all investimento e non già le stime legate ai programmi di sviluppo in essere. Il dato, quindi, di crescita del fatturato è ottenuto in virtù dell investimento in oggetto finalizzato ad aumentare l efficienza della macchina aziendale oltre che ad incrementarne la produttività. Il valore positivo 122,4% sta a significare il salto in avanti in termini di innovazione da parte dell azienda e di come questa innovazione incida positivamente sull andamento gestionale. c) Sostenibilità economica, deducibile dal rapporto fra costo totale del progetto e fatturato annuo aziendale: Per la costruzione di tale rapporto i valori di riferimento sono i seguenti: I/F = SE Dove: I = costo totale del progetto F = fatturato annuo aziendale Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto

11 SE = indice di sostenibilità economica Per cui dato il costo totale del progetto pari a ,00 ed un fatturato annuo di ,00, l Indice di sostenibilità economica (SE) risulta essere pari a = 0,113 In letteratura tale indice economico/produttivo esprime la produttività dell investimento in termini di fatturato (fonte: Giorgio Giaccardi, Uff. Studi CCIAA Milano, Impresa e Stato n ). L analisi (fonte: Michael R. Tyran, Gli Indici Aziendali, Il Sole 24 Ore) condotta, nel caso specifico indica che il valore di 0,113 esprime il valore delle vendite prodotto dall investimento. In termini di sostenibilità economica un investimento si può considerare sostenibile se inferiore al fatturato pre-intervento, quindi minore di 1; nel caso specifico il valore è pari a 0,113 La sostenibilità economica può essere ulteriormente verificata mediante un analisi che si divide in due fasi (fonte: ARTEA Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura): 1. la prima è basata sull esame delle fonti di finanziamento; 2. la seconda sui risultati del conto economico attesi a seguito dell investimento. Dal prospetto che segue è possibile rinvenire le fonti dalle quali l azienda attingerà per finanziare l investimento: questo al fine di dimostrare come l azienda intende far fronte al costo del progetto per la parte non soggetta a contributo. Come si può vedere l azienda ritiene di sostenere l investimento per la propria quota unicamente mediante l ausilio dei mezzi propri. Fonti di finanziamento IMPIEGHI FONTI COSTO COMPLESSIVO DEL PROGETTO CONTRIBUTO RICHIESTO PARTECIPAZIONE DE RICHIEDENTE di cui: fondi propri prestiti a breve/medio termine (<5) mutui (durata..anni) altro (specificare) Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto

12 Nel secondo prospetto la sostenibilità economica viene dimostrata analizzando il Conto Economico aziendale calcolato nello schema di riclassificazione scalare a Valore Aggiunto. Confrontandone il risultato attuale con quello previsto è possibile rinvenire la sostenibilità economica in termini di positività del risultato atteso dopo l intervento. Dalla tabella seguente si evince la chiara possibilià di sostenere l investimento per la capacità dell impresa di produrre ricchezza. Conto Economico VOCE ANTE INVESTIMENTO POST INVESTIMENTO (anno 2008) (anno 2011) + Ricavi netti di vendita prodotti/servizi , ,00 + Rimanenze finali Rimanenze iniziali VALORE DELLA PRODUZIONE , ,00 - Costi delle materie prime , ,00 - Costo del personale, spese generali e di servizi (amministrative, contoterzisti, ) , ,00 - Ammortamenti, oneri finanziari di gestione, affitti , ,00 CONSUMI netti , ,00 VALORE AGGIUNTO , ,00 = INCREMENTO % DEL VALORE AGGIUNTO ATTESO 122,4% Dall analisi dei due indici si rinviene la sostenibilità economica dell investimento che conferma e accredita dal un lato la valutazione di congruità della sostenibilità del progetto e dall altro la sussistenza di un equilibrio economico-finanziario dell investimento previsto. d) Sostenibilità ambientale, in presenza di interventi e/o macchinari che consentono di ridurre le emissioni in atmosfera ovvero di migliorare la gestione dei rifiuti aziendali : La sostenibilità ambientale viene favorita dal progetto in esame nei seguenti elementi: 1) Riduzione del consumo di carta: riuscire a creare l infrastruttura di base del progetto consentirà una notevole riduzione delle attività manuali che comportano uno scambio di documenti in forma cartacea, gestendo tutta l operatività tramite documenti elettronici 2) Riduzione consumo energetico: la virtualizzazione comporta un notevole risparmio in termini di consumi, riuscendo a gestire più server virtuali in un unico server fisico. Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto

13 3) Gli strumenti di collaborazione introdotti lato CRM ridurranno sensibilmente le trasferte aziendali (con conseguente riduzione di consumi tipici da carburante) e le comunicazioni telefoniche. C3) Rilevanza della componente giovanile e femminile a) Età del richiedente (impresa individuale) - Età media dei soci (per Società di persone) - Età dell'amministratore unico ovvero media dei componenti il consiglio di amministrazione (per Società di capitali): Età dell Amministratore unico: 32 anni b) Sesso del richiedente (impresa individuale), Sesso prevalente dei soci (per Società di persone), dell'amministratore Unico ovvero prevalente fra i componenti del consiglio di amministrazione (per Società di capitali): Sesso dell Amministratore unico: maschio Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto

14 D) - Allegato Tecnico Spese agevolabili Descrizione (In k/euro) A) PROGETTAZIONE Progettazione 0,00 Direzione dei lavori 0,00 Piano di marketing e accessorie 0,00 TOTALE A) PROGETTAZIONE 0,00 TOTALE SPESE DI PROGETTAZIONE AMMISSIBILI 0,00 B) IMPIANTI Elettrico 0,00 Telematico 0,00 TOTALE B) IMPIANTI 0,00 C) MACCHINARI, ATTREZZATURE E STRUMENTI C.1) Macchinari Macchinario 1 0,00 Macchinario 2 0,00 Macchinario 3 18,80 TOTALE MACCHINARI 18,80 C.2) Attrezzature Attrezzatura 1 0,00 Attrezzatura 2 0,00 Attrezzatura 3 0,00 TOTALE ATTREZZATURE 0,00 C.3) Strumenti Strumento 1 0,00 Strumento 2 0,00 Strumento 3 0,00 TOTALE STRUMENTI 0,00 TOTALE C) MACCHINARI, ATTREZZATURE E STRUMENTI 18,80 D) IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Programmi informatici 0,00 Acquisizione tecnologia 0,00 TOTALE D) IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 98,40 TOTALE INVESTIMENTO Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto

15 Il sottoscritto Nicola Vladimiro Ciccarelli Nato a Pomigliano D Arco il 03/02/1977 residente in Pomigliano D Arco via Abate Felice Toscano n 169 Comune Pomigliano D Arco (Na) CAP Provincia Na in qualità di /titolare/legale rappresentante/ dell impresa denominata: Crb Software Division forma giuridica società a responsabilità limitata con sede legale in via Napoli n 159 Comune Casalnuovo di Napoli CAP Provincia Na Iscritta al registro delle imprese di Napoli con il n C.F P.IVA DICHIARA ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445 del 28/12/2000, consapevole delle sanzioni penali, nel caso di dichiarazioni non veritiere e falsità negli atti, richiamate dall art. 76 che tutte le notizie fornite nella presente Scheda tecnica, composta di n. 15, e nell altra documentazione a corredo del modulo di domanda corrispondono a verità. Napoli 5/10/2009 IL LEGALE RAPPRESENTANTE(3) (3) Allegare copia di un documento di identità in corso di validità e sottoscritto, avendo cura che tale copia sia leggibile. In caso di cittadini extracomunitari occorre invece l autenticazione da parte di un pubblico ufficiale (circoscrizione, notaio o ambasciata). Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto

16 Relazione Tecnica Committente: Crb Software Division s.r.l. P.O.R. Campania Relazione Tecnica Progetto CRB BPM Committente: CRB Software Division s.r.l. Napoli, 01/10/2009 Studio Tecnico Ing. Paolo Vitiello Iscritto all albo degli Ingegneri della provincia di Napoli - N Pagina 1 di 13

17 Relazione Tecnica Committente: Crb Software Division s.r.l. SOMMARIO PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PROGETTUALI PREVISTI... 4 PIANIFICAZIONE QUADRO ECONOMICO CONCLUSIONI Studio Tecnico Ing. Paolo Vitiello Iscritto all albo degli Ingegneri della provincia di Napoli - N Pagina 2 di 13

18 Relazione Tecnica Committente: Crb Software Division s.r.l. PREMESSA La presente relazione è finalizzata ad illustrare i lavori che verranno eseguiti da parte della società CRB Software Division in base all opportunità legata alla partecipazione all Obiettivo Operativo P.O.R. Campania (Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto ). La relazione intende verificare l innovazione organizzativa (di processo e di prodotto) mediante l utilizzo delle nuove tecnologie dell informazione, adottate dalla soluzione progettuale presentata. Lo scopo principale e individuare una soluzione progettuale che tramite lo sviluppo della I.C.T. consenta una reingegnerizzazione dei processi organizzativi interni ed inter-aziendali. L innovazione riguarderà non solo specifiche o isolate funzioni, ma deve estendersi in modo capillare sia nei prodotti sia nei processi aziendali. Il sottoscritto Ing. Paolo Vitiello, nato a Napoli il 20/02/1966 e residente a Napoli in via Nicotera n. 32, C.F. VTLPLA66B20F83VJ, ha avuto l incarico della stesura della presente relazione tecnica dalla Società CRB Software Division s.r.l. Il documento si articola nei seguenti paragrafi: Descrizione degli interventi progettuali previsti Pianificazione Costi Conclusioni Studio Tecnico Ing. Paolo Vitiello Iscritto all albo degli Ingegneri della provincia di Napoli - N Pagina 3 di 13

19 Relazione Tecnica Committente: Crb Software Division s.r.l. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PROGETTUALI PREVISTI La società CRB Software Division opera da anni nel settore ICT, focalizzando le proprie attività nello sviluppo di software su commessa. Nel tempo ha differenziato il proprio business in altre aree dello stesso settore allargando la propria offerta alle seguenti attività: Consulenza informatica System Integration Servizi di assistenza e manutenzione Progetti di ricerca avanzata Installazione di impianti di rete Appare evidente che, rispetto allo sviluppo software, vero core business aziendale, i processi produttivi associati alle nuove aree presentano dinamiche diverse che hanno comportato l utilizzo di nuovi strumenti gestionali sviluppati nel tempo ed adattati di volta in volta alle nuove esigenze. Il programma di investimento nasce, quindi dalla necessità di effettuare una forte innovazione organizzativa, di processo e di prodotto, che mediante l analisi delle attività necessarie per definire, ottimizzare, monitorare e integrare i processi aziendali, consenta la creazione di un processo orientato a rendere efficiente ed efficace il business dell azienda. L acronimo BPM (Business Process Management) indica una via intermedia fra la gestione d'impresa e l'information Technology, ed è riferito a processi operativi, che interessano variabili quantitative e sono ripetuti su grandi volumi quotidianamente. Un processo del genere è adatto all'automazione, mentre i processi di carattere strategico-decisionale utilizzano la tecnologia come un supporto che difficilmente può sostituire l'attività umana. L innovazione introdotta dal progetto CRB BPM dovrebbe velocizzare e semplificare la gestione e il miglioramento dei processi aziendali. Per ottenere questi obiettivi, il sistema da realizzare deve monitorare l'esecuzione dei processi, consentire ai manager di fare analisi e cambiare tecnologia e organizzazione sulla base di dati concreti, piuttosto che in base ad opinioni soggettive. Studio Tecnico Ing. Paolo Vitiello Iscritto all albo degli Ingegneri della provincia di Napoli - N Pagina 4 di 13

20 Relazione Tecnica Committente: Crb Software Division s.r.l. Tali operazioni sono attualmente svolte da software differenti che non comunicano tra loro, da programmi che misurano i dati e altri che contengono la descrizione dei processi "aggiornabile" con i dati dell'operatività. E necessario creare un infrastruttura in grado di governare la complessità che si occupi di rilevare degli indicatori di prestazione chiave (KPI) che forniscono dei resoconti sintetici sull'operatività dei processi, e consentono un dettaglio dell'indicatore che può arrivare dal globale della società al singolo operatore/macchina/commessa. La metodologia corretta per realizzare ed implementare la CRB BPM può essere così sintetizzata: 1. Identificazione del processo analizzato 2. Definizione dei confini (processi fornitori processi clienti) 3. Definizione di input e output scambiati tra gli attori del processo 4. Definizione delle attività e delle relative procedure che ne regolano lo svolgimento 5. Analisi dei tempi (durata delle attività) 6. Definizione delle prestazioni attese (indici di valutazione) 7. Definizione delle responsabilità di processo La Soluzione Per poter effettuare la trasformazione/innovazione citata in precedenza è necessario rivedere l architettura del sistema informativo della CRB SD, riadattandola in ottica SOA (Services Oriented Architecture). In tal modo i processi di business dell'azienda vengono erogati sotto forma di servizi IT, realizzando un complesso middleware di comunicazione tramite il quale è possibile modificare, in maniera relativamente semplice, le modalità di interazione tra i servizi e la combinazione con cui gli stessi vengono utilizzati nel processo. Risulterà più agevole, quindi, aggiungere nuovi servizi e modificare i processi per rispondere alle specifiche esigenze di business: il processo di business non è più vincolato da una specifica piattaforma o da un'applicazione ma può essere considerato come un componente di un processo più ampio e quindi riutilizzato o modificato. Contestualmente all innovazione legata al middleware SOA il progetto CRB BPM si basa sulla scelta del motore di engine dell orchestrazione, che ha portato a focalizzare l'attenzione su un particolare linguaggio di workow, chiamato BPEL4WS, in grado di orchestrare i Web service coinvolti nell'esecuzione delle applicazioni. BPEL4WS rappresenta un linguaggio standard e Studio Tecnico Ing. Paolo Vitiello Iscritto all albo degli Ingegneri della provincia di Napoli - N Pagina 5 di 13

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione Topway S.r.l. A2) Forma giuridica Società a responsabilità limitata A3) Codice Fiscale 03305660619

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione Mavi Drink A2) Forma giuridica srl A3) Codice Fiscale 03196350361 Partita IVA 03196350361 A4) Sede

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione ALBA GAMMA S.R.L. A2) Forma giuridica SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA A3) Codice Fiscale 01196940629

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione 1..2..PRINT S.R.L. A2) Forma giuridica Società a Responsabilità Limitata A3) Codice Fiscale 05464751212

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione COOPERATIVA SOCIALE L UOMO E IL LEGNO A2) Forma giuridica COOPERATIVA SOCIALE A3) Codice Fiscale

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione ATELIER VACANZE SRL A2) Forma giuridica SOCIETA' A RESPONSABILITA'LIMITATA A3) Codice Fiscale 5275911211

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE ALLEGATO N. 5 A1) Denominazione A2) Forma giuridica GREEN VULCANO SRL SRL A3) Codice Fiscale 10544871006 Partita IVA 10544871006

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione RAMOS A2) Forma giuridica Società a responsabilità limitata A3) Codice Fiscale 07526020636 Partita

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A1) Denominazione S.I.T.I. SOCIETA ITALIANA TURISMO INTERNAZIONALE S.R.L. A2) Forma giuridica Società a responsabilità

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione ITAL DATA S.R.L. A2) Forma giuridica SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA A3) Codice Fiscale 07513530639

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione SEMAK SRL A2) Forma giuridica Società a Responsabilità Limitata A3) Codice Fiscale 03973380656 Partita

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA

Dettagli

La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia

La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia Il 2006 ha registrato alcuni segnali positivi di ripresa, sia dell'economia italiana che dell Information

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione SCACCO MATTO A2) Forma giuridica COOPERATIVA SOCIALE A3) Codice Fiscale 02615730617 Partita IVA

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze

Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze Strumenti: una business intelligence per la P.A. Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze LA Business Intelligence per la P.A. La Business

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

Premio Innovazione ICT Smau business Bari 2011

Premio Innovazione ICT Smau business Bari 2011 Premio Innovazione ICT Smau business Bari 2011 0 La metodologia Rilevanza per l impresal Innovatività Benefici di business Candidature 81 Imprese e PA finaliste 16 Imprese e PA vincitrici 6 1 Le categorie

Dettagli

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I.

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. Profilo La Società Hermes nasce nel 2010 per portare sul mercato le esperienze maturate da un team di specialisti e ricercatori informatici che hanno operato per anni come

Dettagli

PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO!

PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO! I N F I N I T Y P R O J E C T PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO! L avvento del web 2.0 ha modificato radicalmente il modo di pensare e sviluppare i processi aziendali. Velocità, precisione, aggiornamento continuo

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ELETECNO ST Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

DARE VALORE alle RISORSE e alla loro PIANIFICAZIONE: il caso SICURITALIA SAP INNOVATION FORUM 2013

DARE VALORE alle RISORSE e alla loro PIANIFICAZIONE: il caso SICURITALIA SAP INNOVATION FORUM 2013 DARE VALORE alle RISORSE e alla loro PIANIFICAZIONE: il caso SICURITALIA SAP INNOVATION FORUM 2013 Sicuritalia: quadro di una realtà innovativa Sicuritalia è leader in Italia nel settore della sicurezza

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione Devdata A2) Forma giuridica S.r.l. A3) Codice Fiscale 06017551216 Partita IVA 06017551216 A4) Sede

Dettagli

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili Var Group, attraverso la sua società di servizi, fornisce supporto alle Aziende con le sue risorse e competenze nelle aree: Consulenza, Sistemi informativi, Soluzioni applicative, Servizi per le Infrastrutture,

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP integrata CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è un ERP innovativo, flessibile

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

CRITERI PER LA CORRESPONSIONE DI CONTRIBUTI PER L AREA DI INFORMA- TION AND COMMUNICATION TECHNOLOGY ANNO 2013 ART. 1

CRITERI PER LA CORRESPONSIONE DI CONTRIBUTI PER L AREA DI INFORMA- TION AND COMMUNICATION TECHNOLOGY ANNO 2013 ART. 1 1305 Allegato alla determinazione dirigenziale n. 108 dell 8/2/2013 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI CUNEO CRITERI PER LA CORRESPONSIONE DI CONTRIBUTI PER L AREA DI INFORMA- TION

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO

ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO REGIME DI AIUTI DE MINIMIS EX REG. (CE) N. 1998/2006 PER L INNOVAZIONE

Dettagli

IL GESTIONALE A MISURA D AZIENDA. piccola media azienda

IL GESTIONALE A MISURA D AZIENDA. piccola media azienda IL GESTIONALE A MISURA D AZIENDA piccola media azienda 6 ad hoc revolution è il software gestionale su misura per le piccole e medie imprese. Ad Hoc Revolution gestisce in modo integrato tutti i processi

Dettagli

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Soluzioni per la gestione di risorse e servizi A supporto dei vostri obiettivi di business Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Utilizzate

Dettagli

CRM - Nuova visione organizzativa per eccellere nella soddisfazione dei clienti

CRM - Nuova visione organizzativa per eccellere nella soddisfazione dei clienti CRM - Nuova visione organizzativa per eccellere nella soddisfazione dei clienti Cos è il CRM Customer Relationship Management Che cos è un cliente? In quanti modi definire il CRM? I vantaggi di CRM. Il

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax @jobiz.com - www.jobiz.com uno strumento dinamico per fare e-business che cos'è e.cube ECMS le quattro aree configurazione

Dettagli

Premio Innovazione ICT

Premio Innovazione ICT Premio Innovazione ICT Sistemi gestionali, Business Intelligence e CRM Produzione di omogeneizzatori e di pompe ad alta pressione Dipendenti: 30 Fatturato: 8 milioni di Euro L integrazione tra sistema

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

soluzioni per il personale

soluzioni per il personale Foto Rocco Toscani soluzioni per il personale Forgital Group rappresenta da cinque generazioni la forza e l esperienza nella forgiatura dei metalli. Da sempre, a trasformare il metallo in prodotti di alta

Dettagli

Come ottenere la flessibilità aziendale con un Agile Data Center

Come ottenere la flessibilità aziendale con un Agile Data Center Come ottenere la flessibilità aziendale con un Agile Data Center Panoramica: implementare un Agile Data Center L obiettivo principale è la flessibilità del business Nello scenario economico attuale i clienti

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento Bando di concorso per la concessione di contributi alle pmi per favorire lo sviluppo di progetti, prodotti, servizi, processi e modelli organizzativi innovativi nonche l adozione di tecnologie e servizi

Dettagli

Contributi in conto capitale CCIAA Cuneo per l area di information and communication technology Bando anno 2014

Contributi in conto capitale CCIAA Cuneo per l area di information and communication technology Bando anno 2014 PAGINA 19 Contributi in conto capitale CCIAA Cuneo per l area di information and communication technology Bando anno 2014 Informiamo le aziende che la Camera di Commercio di Cuneo, in collaborazione con

Dettagli

Knowledge Box Spring 2011. Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA

Knowledge Box Spring 2011. Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA Knowledge Box Spring 2011 Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA Maria Pia Giovannini DigitPA Responsabile Ufficio Sistemi per l efficienza della gestione delle risorse

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far

Dettagli

Software Servizi Progetti. per la Pubblica Amministrazione e le Aziende

Software Servizi Progetti. per la Pubblica Amministrazione e le Aziende Software Servizi Progetti per la Pubblica Amministrazione e le Aziende SOLUZIONI AD ELEVATO VALORE AGGIUNTO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LE AZIENDE Maggioli Informatica unitamente ai suoi marchi Cedaf,

Dettagli

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Forum Banche e PA 2012 Roma, 23 24 Febbraio 2012 Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Monica Pellegrino Research Analyst, ABI Lab Roma, 23 Febbraio 2012-1- Agenda L evoluzione

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. RELAZIONE TECNICO-ECONOMICA IMPRESA

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ACCESSO AI SERVIZI DIGITALI IN MODALITA CLOUD COMPUTING

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ACCESSO AI SERVIZI DIGITALI IN MODALITA CLOUD COMPUTING BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ACCESSO AI SERVIZI DIGITALI IN MODALITA CLOUD COMPUTING Programma Operativo Regionale (P.O.R.) parte FESR, Regione del Veneto, Programmazione 2007-2013

Dettagli

PRESENTAZIONE Taurus Informatica S.r.l. Area Lotus

PRESENTAZIONE Taurus Informatica S.r.l. Area Lotus Pag. 1 di 9 PRESENTAZIONE Taurus Informatica S.r.l. Sommario...2 IL MONDO LOTUS...2 LA NOSTRA ESPERIENZA...4 Formazione...4 Sviluppo e Sistemi...4 LA NOSTRA PROPOSTA...8 Area formazione...8 Area sviluppo...8

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Con RICOH è più facile

Con RICOH è più facile Con RICOH è più facile RICOH aiuta le aziende ad aumentare l efficienza e l efficacia della gestione documentale, dei processi informativi e dei flussi di lavoro. RICOH si propone come unico partner di

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.8

Dettagli

DOTAZIONE FINANZIARIA

DOTAZIONE FINANZIARIA BANDO BENEFICIARI BANDO IMPRESA DIGITALE Il Bando Impresa digitale è un iniziativa di Regione Lombardia, insieme alle Camere di Commercio di Milano, di Monza e Brianza, di Varese, di Cremona, di Lecco,

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso RETELIT Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.9 Innovare la comunicazione aziendale

Dettagli

Mobile & wireless. Fatturazione Elettronica

Mobile & wireless. Fatturazione Elettronica Mobile & wireless Con applicazioni Mobile & Wireless si intendono le applicazioni a supporto dei processi aziendali che si basano su: rete cellulare, qualsiasi sia il terminale utilizzato (telefono cellulare,

Dettagli

lo standard della comunicazione tra farmacia e distributore farmaceutico

lo standard della comunicazione tra farmacia e distributore farmaceutico lo standard della comunicazione tra farmacia e distributore farmaceutico 4 4 5 6 6 IL PROTOCOLLO WWW.FARMACLICK.IT I SERVIZI L ARCHITETTURA LA CERTIFICAZIONE 3 IL PROTOCOLLO Farmaclick è un nuovo modo

Dettagli

L EVOLUZIONE MIDRANGE dei sistemi ERP I MODULI TECNOLOGICI

L EVOLUZIONE MIDRANGE dei sistemi ERP I MODULI TECNOLOGICI L EVOLUZIONE MIDRANGE dei sistemi ERP Euro-E3 è il software per la gestione aziendale semplice, potente ed integrato. La procedura è sviluppata in ambiente Microsoft.NET, che rappresenta il riferimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. COMO Scienze e Tecnologie dell Informazione Corso di laurea triennale - Classe n. 26 Scienze e tecnologie informatiche Caratteristiche e obiettivi del corso Il corso di Laurea

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A1) Denominazione KOKO SAS DI SANDRO FUSCO A2) Forma giuridica SOCIETA IN ACCOMANDITA SEMPLICE A3) Codice Fiscale

Dettagli

CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT

CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT V I N F I N I T Y P R O J E C T CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT Infinity CRM Il Cliente a 360 CRM COMMUNICATION CMS E COMMERCE B2B AD HOC E COMMERCE B2C ACQUISIZIONE PROTOCOLLAZIONE CLASSIFICAZIONE VERSIONING

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE ALLEGATO N. 5 A1) Denominazione CENTRO BENESSERE DOTT.SSA MEROLLA A2) Forma giuridica S.A.S. A3) Codice Fiscale 07769380630 Partita

Dettagli

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi Obiettivi La struttura di un sistema informativo di una organizzazione, negli aspetti che permettono di comprenderne la relazione

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

Il Cliente al centro della nostra missione

Il Cliente al centro della nostra missione Il Cliente al centro della nostra missione SOLUZIONI CRM COMPLETE Agicoom propone e progetta soluzioni CRM complete utilizzando VTE software tra i più innovativi e all avangardia presenti sul mercato che

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni ai sensi dell articolo 24, comma 3 bis del D.L.

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Anno Accademico: 2008/2009 4 parte DOCENTI: Prof.ssa Cecilia Rossignoli Dott. Gianluca Geremia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale

Dettagli

Ricca - Divisione I.T.

Ricca - Divisione I.T. Ricca - Divisione I.T. Information Technology & Security Partner Profilo B.U. e Offerta Servizi Ricca Divisione I.T. Information Technology & Security Partner La Mission La nostra missione è divenire il

Dettagli

Web LIMS. web solutions per i laboratori di analisi

Web LIMS. web solutions per i laboratori di analisi Web LIMS web solutions per i laboratori di analisi I MO LA SOLUZIONE Web LIMS LIMS è l acronimo di Laboratory Information Management System, ovvero il sistema informativo gestionale dedicato ai laboratori

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA Microsoft Dynamics: soluzioni gestionali per l azienda Le soluzioni software per il business cercano, sempre più, di offrire funzionalità avanzate

Dettagli

Integrazione ed elaborazione di dati real-time

Integrazione ed elaborazione di dati real-time 76 Integrazione ed elaborazione di dati real-time Le nuove tecnologie dell automazione hanno permesso di acquisire e rendere disponibili enormi quantità di segnali. Spesso risulta complesso utilizzare

Dettagli

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 Comune di Sospirolo P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi

II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi DA CHE COSA E COMPOSTO COME SI ACCEDE CHI LO USA A CHE COSA SERVE Risorse hardware e software: - Server - LAN (router, HUB Firewall,..) - Storage - pacchetti

Dettagli

Gestione per processi: utilità e sfide. Ettore Bolisani DTG Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali Università di Padova

Gestione per processi: utilità e sfide. Ettore Bolisani DTG Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali Università di Padova Gestione per processi: utilità e sfide Ettore Bolisani DTG Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali Università di Padova 1 Ingegneria industriale Ingegneria gestionale Didattica: KNOWLEDGE

Dettagli

punto cassa e retail operations gestione fiscale gestione commerciale CRM acquisti amministrazione e controllo business intelligence

punto cassa e retail operations gestione fiscale gestione commerciale CRM acquisti amministrazione e controllo business intelligence 2 Pensate per ottimizzare l'efficienza di tutti i processi di vendita, garantendo al Cliente finale un'ottima esperienza d'acquisto, le soluzioni DMSQL Retail integrano le funzionalità di front e back-office,

Dettagli

Circolarità Anagrafica- Sistema Informativo dell'amministrazione Regionale

Circolarità Anagrafica- Sistema Informativo dell'amministrazione Regionale Circolarità Anagrafica- Realizzazione della piattaforma infrastrutturale regionale Obiettivo dell intervento è la realizzazione della circolarità anagrafica come l insieme delle regole, procedure e applicazioni

Dettagli

Dalla strategia all implementazione: proposte concrete per l innovazione nella P.A.

Dalla strategia all implementazione: proposte concrete per l innovazione nella P.A. Milano, 18 novembre 2009 Gestione della conformità alle normative, Dematerializzazione e Collaborazione in tempo reale: il valore di una piattaforma integrata per gli Enti Pubblici Locali Dalla strategia

Dettagli

MANUALE Freight Taxi

MANUALE Freight Taxi MANUALE Freight Taxi UIRNet_USG_FT_REV_B Codice Revisione Data UEJ4DDS10007_LJ4A686DDS11 1 21-02-2013 UIRNet S.p.A. Via F. Crispi 115, 00187 - Roma (IT) contactcenter@uirnet.it www.uirnet.it INDICE 1 Introduzione...

Dettagli

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics La suite Microsoft Dynamics comprende soluzioni integrate, flessibili e semplici da utilizzare per automatizzare i

Dettagli

Una Azienda di Logistica si differenzia sul mercato innanzitutto per la capacità di gestire flussi multi segmento con l ausilio di un sistema informativo integrato. Se un'azienda vuole operare nel mercato

Dettagli

Strumenti per la gestione del personale a portata di mano PROFESSIONISTI E ASSOCIAZIONI

Strumenti per la gestione del personale a portata di mano PROFESSIONISTI E ASSOCIAZIONI Strumenti per la gestione del personale a portata di mano PROFESSIONISTI E ASSOCIAZIONI HR Infinity è la suite Zucchetti per la gestione del personale studiata e realizzata specificatamente per permettere

Dettagli

SIMPLY, è il software per conoscere IN TEMPO REALE l andamento economico e finanziario della tua azienda.

SIMPLY, è il software per conoscere IN TEMPO REALE l andamento economico e finanziario della tua azienda. SIMPLY, è il software per conoscere IN TEMPO REALE l andamento economico e finanziario della tua azienda. Direct Costing o Full Costing MCL (Margine di Contribuzione Lordo) MCN (Margine di Contribuzione

Dettagli

Fondo FINTER per l innovazione delle imprese del terziario (commercio - sistema fieristico e servizi - turismo)

Fondo FINTER per l innovazione delle imprese del terziario (commercio - sistema fieristico e servizi - turismo) Fondo FINTER per l innovazione delle imprese del terziario (commercio - sistema fieristico e servizi - turismo) TIPOLOGIA DELLE PROPOSTE PROGETTUALI La misura di agevolazione promuove e ammette tipologie

Dettagli