Calma: soluzione di alimentazione Studiato appositamente per aiutare a mantenere il comportamento di alimentazione del bambino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Calma: soluzione di alimentazione Studiato appositamente per aiutare a mantenere il comportamento di alimentazione del bambino"

Transcript

1 Calma: soluzione di alimentazione Studiato appositamente per aiutare a mantenere il comportamento di alimentazione del bambino I neonati allattati al seno sono in grado di nutrirsi con successo usando principalmente il vuoto intraorale e un movimento della lingua simile a quello dell allattamento per far fuoriuscire il latte da Calma dott.ssa Donna Geddes

2 2 MEDELA Calma Consente ai bambini di mantenere il comportamento di alimentazione appreso al seno.

3 Il latte materno lo standard di riferimento Sono pochi gli interventi che possono reggere il confronto con l allattamento al seno in termini di promozione della salute della madre e del suo bambino. Esistono diverse prove scientifiche a sostegno di questa affermazione, e sistematiche revisioni della letteratura hanno dimostrato che la somministrazione di latte materno può modificare in modo permanente la crescita e lo sviluppo biologici, neurali e sociali di un individuo 1. The Lancet 2 fa a questo proposito una dichiarazione profonda: Se divenisse disponibile un nuovo vaccino in grado di prevenire la morte di un milione di bambini o più all anno, e fosse inoltre economico, sicuro e somministrato oralmente senza bisogno di essere sottoposto alla catena del freddo, diventerebbe subito un imperativo per la salute pubblica. Il latte materno può fare tutto questo e anche di più. Date queste considerazioni, la nutrizione con latte materno dovrebbe essere considerata il normale standard per tutti i neonati. Il latte umano è specifico per la specie e nel corso dell evoluzione si è adattato per rispondere alle esigenze nutrizionali del neonato, supportandone la crescita, lo sviluppo e la sopravvivenza 3. Il latte materno facilita l adattamento all ambiente extrauterino fornendo qualcosa di più del semplice nutrimento. I componenti unici e in continuo mutamento del latte umano hanno anche vantaggi in termini di sviluppo e immunitari. Il latte materno è un fluido biologico estremamente complesso: è ricco di anticorpi che proteggono dalle infezioni, cosa che il latte in polvere non può fare. Inoltre, il latte materno regola la crescita tramite ormoni, modulatori di crescita e fattori di crescita che non sono presenti nei sostituti artificiali. Alcuni componenti fondamentali del latte materno hanno una funzione unica. Gli oligosaccaridi, ad esempio, agiscono come esche per i vari patogeni, prevenendo il loro attacco alle pareti dell intestino. Ricerche recenti hanno dimostrato che il latte umano è una fonte unica di cellule staminali multipotenti 4. Queste cellule vive hanno un immenso potenziale di differenziazione, sono quindi molto importanti nello sviluppo neonatale e offrono inoltre un target promettente per la terapia con le cellule staminali e la ricerca sul cancro al seno. Questa scoperta ha sottolineato ulteriormente il valore del latte umano per i neonati e i bambini piccoli. I vantaggi dell allattamento al seno vanno al di là degli aspetti nutrizionali, dello sviluppo e immunitari. La madre e il bambino traggono entrambi beneficio dal legame che si instaura tra loro. Ci sono tuttavia molti casi in cui un neonato non è in grado di nutrirsi direttamente al seno ma può comunque beneficiare dei vantaggi del latte materno. L Organizzazione mondiale della sanità (OMS) dichiara: La maggior parte delle madri può allattare al seno e dovrebbe farlo, così come la maggior parte dei neonati può e dovrebbe essere allattata al seno. Nei rari casi in cui i neonati, per motivi di salute, non possano o non debbano essere allattati al seno, bisogna scegliere la migliore alternativa possibile: latte materno estratto o, nel caso questo non sia disponibile, latte fornito da una banca del latte 5. In qualunque modo il bambino riceva il latte, questa dovrebbe essere la norma, e una formazione adeguata, le conoscenze e una catena di supporto aiutano a far sì che la sua fornitura sia lo standard di riferimento per tutti i neonati. MEDELA 3

4 Le sfide da affrontare nella somministrazione del latte materno estratto Ci sono casi in cui una madre non può allattare al seno, per motivi di salute, sociali o di lavoro. L estrazione del latte dal seno è una sfida, e oggi esistono molte soluzioni che supportano questo processo. Tuttavia, anche la successiva somministrazione del latte al bambino presenta delle complessità. Lo scopo principale, quando non si allatta al seno, è creare un esperienza per il bambino che sia il più simile possibile all allattamento al seno per evitare che debba apprendere un nuovo metodo di alimentazione. La ricerca ha dimostrato che il modo in cui un bambino si nutre al seno è molto diverso dalla tecnica che utilizza per alimentarsi da una tettarella standard 6 9. I neonati che si nutrono al seno utilizzano principalmente il vuoto intraorale (pressione negativa). Al contrario, quando si utilizza una tettarella standard, il latte può defluire liberamente senza che sia necessario ricorrere al vuoto, e il flusso avviene tramite compressione. Inoltre, è noto che i muscoli utilizzati per l alimentazione al seno sono diversi da quelli usati con una tettarella standard 10,11. Questo implica che il bambino debba apprendere una tecnica di alimentazione diversa. I risultati di alcuni studi dimostrano che l uso di una tettarella standard può essere connesso a malocclusioni e all abitudine della spinta linguale 12,13, che possono a loro volta portare al rischio di otite media 14. Mettendo a confronto l allattamento al seno e la tecnica convenzionale di allattamento con la bottiglia, è stato riscontrato che nei neonati nutriti al seno si rileva una maggiore stabilità fisiologica rispetto a quelli che prendono il latte dalla bottiglia. In particolare, la saturazione di ossigeno è maggiore durante l allattamento al seno rispetto alla tecnica convenzionale di allattamento con la bottiglia Con lo sviluppo dell iniziativa di OMS / UNICEF Ospedali amici dei bambini ( Baby Friendly Hospital Initiative ) 5,21, la nutrizione a bicchiere è divenuta un alternativa alla nutrizione con bottiglia, poiché è stato ipotizzato che possa aiutare a evitare la confusione del capezzolo che può insorgere nel bambino quando beve da una tettarella artificiale. Tuttavia, per la nutrizione a bicchiere deve essere adottato un adeguato allenamento, in quanto esiste il rischio di aspirazione se la tecnica utilizzata non è corretta 22. Inoltre, anche la fuoriuscita del latte può diventare un problema significativo, causando una riduzione della quantità di latte ingerita 23. Studi effettuati sull utilizzo della nutrizione a bicchiere hanno dimostrato che, rispetto alla nutrizione con bottiglia, la prima non offre alcun beneficio significativo nel supportare l allattamento al seno dopo la dimissione 24,25. La promozione dell allattamento al seno è fondamentale ed è sempre la scelta migliore. Tuttavia, non essendo sempre possibile, è necessario trovare alternative sicure e basate sulla ricerca. La ricerca e la sua continua evoluzione Medela continua a essere coinvolta in ricerche di base e all avanguardia. Un progetto di ricerca è durato quasi 20 anni grazie alla speciale collaborazione con il Gruppo di ricerca sull allattamento umano Hartmann dell Università dell Australia Occidentale (UWA). Grazie a questi studi, Medela è il partner ideale delle madri e le aiuta a estrarre il proprio latte dal seno usando tiralatte basati sulla ricerca. La ricerca sui tiralatte 2-Phase di Medela ha portato la dott.ssa Donna Geddes dell UWA a effettuare esami da ultrasuoni sul seno umano in fase di allattamento. Questa innovazione ha rovesciato le teorie sull anatomia del seno esistenti da più di 160 anni MEDELA

5 Ricerca e dimostrazioni Effettuando ecografie del seno in fase di allattamento, la dott.ssa Donna Geddes ha cominciato a mettere in discussione i grafici presentati nei testi di anatomia. Il modello standard del seno si basava sui sezionamenti anatomici eseguiti su cadaveri da Sir Astley Cooper, che ne pubblicò i risultati nel Da allora sono state fatte pochissime ricerche sull argomento. Le ricerche condotte presso il laboratorio Hartmann hanno portato ad alcune scoperte rivoluzionarie, che hanno capovolto la maggior parte delle convinzioni esistenti sull anatomia del seno in fase di allattamento (Figura 1). Le scoperte fondamentali sono state: Figura 1 Anatomia del seno in fase di allattamento 26 l Il numero dei dotti è compreso tra 4 18 e non tra l I dotti si ramificano in prossimità del capezzolo l I seni lattiferi, convenzionalmente descritti, non esistono l I dotti possono trovarsi vicino alla superficie della pelle, cosa che li rende facilmente comprimibili l La maggior parte del tessuto ghiandolare si trova entro 30 mm dal capezzolo Questa ricerca ha quindi portato a ulteriori domande. Se i seni lattiferi non esistono, che meccanismo utilizza il bambino per succhiare il latte dal seno? Si è dato quindi avvio a nuove ricerche. La visione convenzionale della suzione infantile deriva da uno studio accurato svolto principalmente negli anni Si basava sulle precedenti convinzioni in merito all anatomia del seno in fase di allattamento e dichiarava che i seni lattiferi venivano trascinati nella bocca del bambino, mentre l azione peristaltica della lingua estraeva il latte dai dotti. L assenza dei seni lattiferi mette in discussione questa teoria, e le ulteriori ricerche della dottoressa Geddes hanno rivelato che la chiave dell estrazione del latte è la pressione negativa (vuoto intraorale) 30. Le scoperte principali della nuova ricerca sono state: l Il vuoto è la chiave dell estrazione del latte l La lingua si muove verso l alto e verso il basso senza peristalsi accentuata l Il capezzolo è compresso in modo uniforme lungo tutta la sua lunghezza l La punta del capezzolo non raggiunge il punto di unione tra palato duro e palato molle MEDELA 5

6 1 5 1 l Lingua in posizione sollevata l Il vuoto e la lingua tengono il capezzolo in posizione l La lingua non comprime la base del capezzolo 2 l Lingua nella posizione più bassa posizione abbassata l Vuoto massimo l Il latte defluisce nella cavità orale 4 l La lingua e il palato molle ritornano nella posizione iniziale l Il latte defluisce nella faringe l La mandibola si abbassa l La lingua e il palato molle si muovono verso il basso l Il vuoto aumenta l I dotti si espandono l Il latte comincia a defluire 3 l La lingua si solleva leggermente l Il vuoto diminuisce l Il latte defluisce sotto il palato molle Figura 2 Il ciclo di suzione 30 Durante un ciclo di suzione (Figura 2), il vuoto comincia alla base, aumenta con l abbassamento della lingua e raggiunge il livello massimo quando la lingua si trova nel punto più basso. È a questo punto che fluisce il latte. La lingua quindi si solleva e ritorna nella posizione iniziale, coincidente con il valore di vuoto della linea base; a questo punto, il flusso di latte si interrompe. Vuoto (mmhg) Linea base Pausa Suzione Poppata Deglutizione Respiro Respirazione Respirazione tracciato Tempo (sec) Figura 3 Esempio di una traccia sincronizzata di uno schema suzione-deglutizione-respirazione 31 Il grafico qui in alto (Figura 3) mostra un vuoto normale ( ) di circa 40 mmhg e un picco di vuoto di circa 290 mmhg. La respirazione (grafico in basso) è abbastanza regolare, tranne quando il bambino deglutisce, dal momento che i bambini non possono respirare e deglutire contemporaneamente. Si noti che la deglutizione può avvenire anche durante un ciclo di suzione e che le deglutizioni non avvengono a distanza regolare. Durante una pausa, il ritmo della respirazione accelera leggermente, ma viene mantenuto un vuoto normale. Ogni neonato ha uno schema suzionedeglutizione-respirazione personale, che diventerà più efficace con la crescita MEDELA

7 Dalla teoria alla pratica Le ricerche dimostrano chiaramente che durante l allattamento al seno il bambino è in grado di mantenere un vuoto normale, restare attaccato al seno, respirare regolarmente e quindi rimanere calmo e tranquillo. Con queste premesse, Medela ha deciso di sviluppare Calma (Figura 4), una soluzione di alimentazione basata sul comportamento naturale di alimentazione del neonato. La valvola integrata di Calma che controlla il vuoto consente al bambino di creare un vuoto intraorale per far defluire il latte. Il bambino si alimenta effettuando un movimento della lingua verso l alto e verso il basso e può mantenere un vuoto normale durante la suzione, la deglutizione e la respirazione. Figura 4 Calma In seguito allo sviluppo di Calma, sono stati avviati due progetti di ricerca, che hanno portato alla pubblicazione di tre articoli sottoposti a revisione paritaria. La prima con il Gruppo di Ricerca sull Allattamento Umano Hartmann dell Università dell Australia Occidentale 32,33 e la seconda con il dott. Mizuno dell Università Showa di Tokyo 34. Gruppo di Ricerca sull Allattamento Umano Hartmann Il team all Università dell Australia occidentale ha condotto una ricerca con l obiettivo di mettere a confronto l allattamento al seno e la tettarella che rilascia il latte con l applicazione del vuoto. I risultati riscontrati sono stati i seguenti: 1. Movimento della lingua e posizionamento del capezzolo in bocca Sono state effettuate ecografie per misurare il movimento e la posizione del capezzolo. 2. Creazione del vuoto intraorale durante l allattamento Il vuoto intraorale e la suzione sono stati misurati per mezzo di un trasduttore di pressione collegato a un piccolo tubo di silicone posizionato all interno della bocca del bambino lungo il seno/tettarella. 3. Ritmo di respirazione durante l allattamento La respirazione è stata registrata mediante pletismografia induttiva respiratoria 4. Battito cardiaco e saturazione dell ossigeno nel sangue durante l allattamento Battito cardiaco e saturazione dell ossigeno sono stati misurati mediante un pulsiossimetro 5. Schemi generali di suzione, deglutizione, respirazione e pausa Tutti i bambini (n. 17) sono nati dopo 38 settimane di gestazione (nati a termine) senza anomalie orali come palatoschisi o anchiloglossia, e sono stati alimentati interamente con latte materno. Ciascun bambino è stato monitorato per due interi cicli, uno di allattamento al seno e l altro di somministrazione di latte materno estratto tramite tettarella che rilascia il latte a seguito di applicazione del vuoto (in seguito chiamata Calma, si veda Figura 4). MEDELA 7

8 Risultati ➀ Movimento della lingua e posizionamento del capezzolo in bocca Lo studio della dottoressa Geddes et al. 33 ha dimostrato che sia nell allattamento al seno sia con l uso della tettarella che rilascia il latte a seguito dell applicazione del vuoto i bambini hanno utilizzato un movimento della lingua simile (Figura 5). Quando la lingua si abbassava, il capezzolo e la tettarella si espandevano uniformemente lungo tutta la lunghezza. C era, tuttavia, come previsto, una maggiore espansione del capezzolo (3,1 mm) rispetto a quella della tettarella (1,5 mm), a causa di una diversa flessibilità. IL LATTE FLUISCE I Lingua in basso I Vuoto consistente NESSUN FLUSSO DI LATTE I Lingua in alto I Poco vuoto Calma Seno Figura 5 - Movimento verso l alto e verso il basso della lingua durante l estrazione del latte al seno (pannello superiore) e con Calma (pannello inferiore). Durante l allattamento al seno, il rapporto della posizione del capezzolo con il punto di unione tra palato duro e palato molle (Figura 6) è stato considerato clinicamente importante. Questo studio ha adottato tale punto come riferimento per valutare se i bambini modificassero la posizione del capezzolo durante l allattamento al seno o con la tettarella. Palato duro Punta del capezzolo Punto di unione tra palato duro e palato molle Lingua Palato molle Spazio per il latte Figura 6 Anatomia interna della bocca di un neonato e posizione del capezzolo con la lingua abbassata (vuoto consistente, flusso di latte). La distanza può essere misurata dalla punta del capezzolo al punto di unione tra palato duro e palato molle. 8 MEDELA

9 I risultati hanno dimostrato che i bambini tendevano a posizionare la tettarella più vicino al punto di unione tra palato duro e palato molle rispetto al capezzolo quando avevano la lingua in alto (7,8 mm rispetto a 6,9 mm), mentre la distanza da tale punto era simile quando la lingua era in basso (4,7 mm rispetto a 5,3 mm). Si è concluso che il bambino era in grado di posizionare sia il capezzolo sia la tettarella in una posizione ottimale all interno della bocca, e impiegava un adeguato movimento della lingua per facilitare l estrazione del latte. ➁ Vuoto intraorale e trasferimento del latte I bambini sono riusciti a mantenere il vuoto normale sia con la tettarella che rilascia il latte a seguito dell applicazione del vuoto sia se allattati al seno. Il vuoto normale variava, fino a raggiungere circa -40 mmhg al seno e -30 mmhg con la tettarella che rilascia il latte a seguito dell applicazione del vuoto. Questa differenza è collegata alla soglia di vuoto necessaria per estrarre il latte dalla tettarella che rilascia il latte a seguito dell applicazione del vuoto, nonché alla funzione del vuoto normale. Il vuoto normale è importante per il posizionamento del capezzolo e la tenuta al seno. Per il posizionamento e la tenuta della tettarella può essere sufficiente un vuoto meno forte di quello necessario per il posizionamento e la tenuta del capezzolo e seno. Durante la suzione, i bambini hanno registrato anche una velocità di trasferimento del latte al minuto simile con i due metodi, e hanno impiegato quasi la stessa quantità di tempo per l alimentazione (Tabella 1). Inoltre, durante la suzione nutritiva (ad es. flusso di latte), i bambini erano in grado di fare pause e di mantenere il vuoto normale allo stesso modo sia durante l allattamento al seno sia con la tettarella. Questo indica che i bambini avevano il controllo dell assunzione di latte e del ritmo naturale di suzione-deglutizione-respirazione. Soprattutto, tutti i bambini sono stati in grado di trovare il proprio schema di alimentazione individuale con la tettarella che rilascia il latte a seguito dell applicazione del vuoto, allo stesso modo che con l allattamento al seno, e sono riusciti a mantenere il vuoto intraorale normale durante le fasi di suzione nutritiva e non nutritiva. Seno Tettarella Trasferimento nutritivo del latte (g/min) 23,6 ± 14,8 20,3 ± 13,5 Durata dell alimentazione (s) 623 ± ± 336 Durata pausa nutritiva (s) 3,2 (1,9 5,7) 2,8 (1,8 4,5) Tabella 1 Trasferimento del latte e pause durante l allattamento al seno/tettarella. Non sono state osservate differenze significative (p > 0,05) 33. MEDELA 9

10 ➂ Schemi suzione-deglutizione-respirazione Tutti i bambini sono riusciti ad applicare il proprio schema di suzione individuale. Durante l allattamento al seno o con la tettarella che rilascia il latte a seguito dell applicazione del vuoto il ritmo di respirazione e quello di suzione erano simili. Inoltre, confrontando il numero di suzioni per deglutizione e il numero di suzioni per respiro, non sono state riscontrate differenze tra le poppate e l alimentazione con tettarella (Tabella 2). Questo risultato indica che il coordinamento di suzione-deglutizione-respirazione non è stato compromesso dall uso della tettarella. I bambini erano in grado di coordinare con perfetta sicurezza il proprio schema di suzione-deglutizionerespirazione e di estrarre il latte in maniera efficace. Ritmo respiratorio (respiri/min) Ritmo di suzione (poppate/min) Poppate per deglutizione Poppate per respiro Seno 59 ± ± 19 3,1 1,7 Tettarella 55 ± ± 28 2,7 1,7 Tabella 2 Coordinazione suzione-deglutizione-respirazione durante l allattamento al seno/tettarella. Non sono state osservate differenze significative (p > 0,05) 32. ➃ Battito cardiaco e saturazione dell ossigeno nel sangue Sono stati rilevati valori simili del livello di saturazione dell ossigeno nel sangue e del battito cardiaco sia durante l alimentazione con la tettarella che con l allattamento al seno (Figura 7). Non ci sono state differenze rilevabili nel battito cardiaco, indicazione del fatto che la tettarella non ha provocato stress né infastidito il neonato. Il ritmo costante della respirazione che i neonati avevano sia durante l allattamento al seno che con l utilizzo della tettarella ne è una prova (Tabella 2). Questo indica che la tettarella consente una rimozione sicura e coordinata del latte 32. A. Saturazione ossigeno nel sangue B. Battito cardiaco Saturazione ossigeno (%) Battito cardiaco (bpm) Tettarella Seno Figura 7 - Il grafico A rappresenta la saturazione di ossigeno del neonato (%), durante l alimentazione con la tettarella (arancione, 98,6%) e al seno (grigio, 98,6%). Il grafico B rappresenta il battito cardiaco del neonato (battiti al minuto, bpm) durante l alimentazione con la tettarella (arancione, 162 bpm) e l allattamento al seno (grigio, 161 bpm). Non sono state osservate differenze significative (p > 0,05) MEDELA

11 Università Showa Anche il dott. Mizuno dell Università Showa di Tokyo ha condotto un progetto di ricerca, basandosi sull ipotesi che i movimenti della mandibola e della gola (movimento periorale) e l angolazione della bocca siano simili durante l alimentazione con una tettarella che rilascia il latte con l applicazione del vuoto (poi chiamata Calma) e l allattamento al seno 34. Hanno partecipato allo studio un totale di 20 bambini sani nati a termine di età compresa tra 1 e 8 mesi. Prima di nutrire i neonati, sono stati fatti dei segni sulla mascella, sulla gola e a lato dell occhio come indicato dai cerchi colorati in Figura 8. Le poppate sono state videoregistrate e il movimento tra questi segni è stato poi analizzato con la tecnica di trasformazione lineare diretta. Occhio Distanza occhiomandibola Occhio Distanza occhiogola Mandibola Gola Mandibola Gola Angolazione della bocca Figura 8 Misurazione dei movimenti della mandibola e della gola (periorale) e angolazione di apertura della bocca 34. MEDELA 11

12 Risultati I risultati contenuti nella Tabella 3 dimostrano che non vi era alcuna differenza significativa in entrambe le misurazioni della distanza tra occhio-mandibola e occhio-gola quando i bambini erano alimentati con la tettarella che rilascia il latte a seguito dell applicazione del vuoto o allattati al seno. Inoltre, i bambini aprivano la bocca con un angolazione simile durante l allattamento al seno/tettarella 34. Movimento della mandibola (cm) Movimento della gola (cm) Angolazione della bocca (gradi) Seno 2,6 ± 0,5 3,9 ± 0,7 145 ± 10 Tettarella 2,5 ± 0,5 4,3 ± 1,7 141 ± 10 Tabella 3 Movimenti periorali e angolazione della bocca durante l allattamento al seno/tettarella. Non sono state osservate differenze significative (p > 0,05) 34. Questi risultati sono importanti poiché studi precedenti hanno riportato che l angolazione della bocca è di quando si utilizza una tettarella standard. Durante l allattamento, è risaputo che l angolazione di apertura della bocca è molto più ampia rispetto all alimentazione con la convenzionale bottiglia; infatti, un angolo di apertura inferiore a 135 viene considerato un attaccamento non appropriato 36. Questo studio ha dimostrato che quando i neonati erano nutriti con la tettarella con rilascio del latte a seguito dell applicazione del vuoto, con una base ampia e specificamente progettata, l angolo di apertura della bocca era molto più ampio e non era diverso da quello misurato durante l allattamento al seno (145 al seno, 141 tettarella). Il dott. Mizuno dichiara che è stato accettato ampiamente che l alimentazione con bottiglia differisce in molti modi dall allattamento al seno. Tuttavia, i risultati ottenuti in questo studio hanno rivelato che questa tettarella di nuova concezione, con base ampia e strutturalmente rinforzata, riduce il rischio di collasso della tettarella stessa e fornisce un attacco più aperto per il neonato. Inoltre, il dott. Mizuno suggerisce che questa innovativa tettarella possa diminuire i problemi di allattamento al seno correlati all utilizzo della bottiglia MEDELA

13 Vantaggi per il bambino Un bambino in condizioni di allattamento ben avviate crea un ritmo di suzione individuale, succhiando la quantità di latte necessaria secondo il ritmo più adatto per lui. Questo ritmo consente il mantenimento di un battito cardiaco e di livelli di saturazione dell ossigeno buoni, grazie alla capacità di poppare, deglutire, respirare e fare pause durante l allattamento. Durante l alimentazione con la tettarella che rilascia il latte a seguito dell applicazione del vuoto, i bambini sono stati in grado di succhiare il latte in modo simile all allattamento al seno, garantendosi così un alimentazione stabile, rilassata e tranquilla anche senza allattamento al seno. I principali risultati di questa nuova ricerca, che ha messo a confronto da un punto di vista scientifico l allattamento al seno e l alimentazione con la tettarella che rilascia il latte a seguito dell applicazione del vuoto, hanno evidenziato che tali metodi di nutrizione non presentano differenze degne di nota in merito a: l Movimento della lingua, posizione del capezzolo e uso del vuoto intraorale per estrarre il latte l La coordinazione di suzione, deglutizione, respirazione e pausa l Il ritmo di trasferimento del latte e la durata della poppata l Angolazione di apertura della bocca (attacco) e movimento della mascella e della gola l Stabilità fisiologica misurata tramite battito cardiaco e saturazione di ossigeno E per i neonati nati prematuri? Allattamento al seno di neonati prematuri Sebbene il numero di bambini prematuri allattati al seno non sia costante tra le diverse parti del mondo, l incidenza e la durata dell allattamento al seno di neonati prematuri restano comunque inferiori rispetto a quelle dei bambini nati a termine 37. È stato rilevato un rapporto inversamente proporzionale tra età gestazionale del bambino e durata dell allattamento al seno L incidenza più bassa è probabilmente correlata alle difficoltà legate all allattamento al seno che i bambini prematuri e i loro genitori si trovano ad affrontare. Per il neonato, tali difficoltà sono comunemente associate a immaturità, complicazioni mediche, minore resistenza, debole vuoto intraorale, scarsa coordinazione di suzione-deglutizione-respirazione e/o ad altre problematiche che riducono la capacità dei neonati di applicare la propria tecnica di alimentazione naturale. Anche le madri dei neonati prematuri devono affrontare sfide legate all allattamento al seno. Potrebbero infatti non avere una quantità sufficiente di latte a causa di problemi fisiologici ed emotivi in parte derivati da un parto prematuro e dalla separazione madre-bambino. In base alla collocazione e alle circostanze familiari, potrebbe anche essere difficile per le madri stare sempre vicino ai neonati. Inoltre, il loro latte potrebbe aver bisogno di essere fortificato (soprattutto per bambini nati di peso inferiore a 1,5 kg 41 ) e/o potrebbero non essere in grado di allattare al seno a causa di eventuali infezioni o assunzioni di medicinali. MEDELA 13

14 Affrontare le sfide La necessità di una soluzione di alimentazione ospedaliera per aiutare i neonati prematuri e a termine più deboli a raggiungere l obiettivo di essere allattati al seno il più possibile risulta evidente. Vi è la necessità di un dispositivo di alimentazione che associ le strategie di maggior successo per aiutare i bambini a perfezionare le proprie abilità di alimentazione orale e di attaccamento al seno: alimentazione a ritmo autonomo 42 e allenamento alla formazione del vuoto 43. Il miglioramento delle abilità di alimentazione orale non accelera solamente il raggiungimento della poppata completa, ma abbrevia anche la degenza in ospedale. Riduce inoltre il rischio di infezioni ospedaliere e l onere finanziario che grava sulle famiglie e sulla società, permettendo alla famiglia di ricongiungersi in tempi più brevi e agevolando lo sviluppo di un interazione e di un legame più appropriati tra madre e neonato. Calmita è la soluzione di alimentazione ospedaliera di Medela basata sulla ricerca e progettata per agevolare lo sviluppo dell alimentazione orale neonatale. Si tratta di un dispositivo di alimentazione che consente ai neonati prematuri e nati a termine di allenare e applicare il loro comportamento di suzione naturale, con particolare attenzione su un movimento adeguato della lingua e sulla creazione del vuoto, inclusa la capacità di mantenere un vuoto normale per poppare, deglutire e respirare. Uno studio randomizzato e controllato con una strategia intention-to-treat che ha coinvolto 100 neonati prematuri è stato effettuato al fine di testare l effetto di Calmita sullo sviluppo dell alimentazione orale infantile 44. In aggiunta, lo schema di movimento della lingua utilizzato dal neonato prematuro durante l allattamento al seno e con il dispositivo di ricerca Calmita è stato misurato attraverso esami ecografici 45. Esiti dello studio randomizzato e controllato: l Dimissione anticipata L uso di Calmita ha ridotto in modo significativo la durata della degenza, aiutando il bambino a soddisfare più rapidamente i criteri di dimissione. In molte UTIN, la nutrizione orale efficace è considerata uno dei criteri chiave per la dimissione. l Comportamento naturale di alimentazione La valvola integrata controllata dal vuoto di Calmita consente un comportamento di alimentazione naturale, in quanto è il neonato stesso a controllare il flusso del latte. Pertanto, il bambino è in grado di fermarsi e respirare mentre il latte non fluisce. l Incremento della pratica dell allattamento al seno in ospedale Calmita aumenta la possibilità del neonato di essere allattato al seno. Consentendo un azione meccanica e un movimento della lingua simili all allattamento al seno, favorisce e protegge l allattamento al seno. Ulteriori informazioni su Calmita sono disponibili su 14 MEDELA

15 Bibliografia 1 Ip,S. et al. Breastfeeding and maternal and infant health outcomes in developed countries. Evid Rep Technol Assess (Full Rep) 153, (2007). 2 The Lancet. A warm chain for breastfeeding. Lancet 1990;336: Goldman, A.S., Chheda, S. e Garofalo, R. Evolution of immunologic functions of the mammary gland and the postnatal development of immunity. Pediatr Res 43, (1998). 4 Cregan, M.D. et al. Identification of nestinpositive putative mammary stem cells in human breastmilk. Cell Tissue Res 329, (2007). 5 OMS e UNICEF. Strategia globale per l alimentazione dei neonati e dei bambini (Organizzazione Mondiale della Sanità, Ginevra, 2003). 6 Mizuno, K. e Ueda, A. Changes in Sucking Performance from Nonnutritive Sucking to Nutritive Sucking during Breast- and Bottle- Feeding. Pediatr Res 59, (2006). 7 Nowak, A., Smith, W. e Erenberg, A. Imaging evaluation of breast-feeding and bottle-feeding systems. J Pediatr Gastroenterol Nutr 126, S130 S134 (1995). 8 Tamura, Y., Matsushita, S., Shinoda, K. e Yoshida, S. Development of perioral muscle activity during suckling in infants: a crosssectional and follow-up study. Dev Med Child Neurol 40, (1998). 9 Mathew, O.P. e Bhatia, J. Sucking and breathing patterns during breast- and bottle-feeding in term neonates. Effects of nutrient delivery and composition. Am J Dis Child 143, (1989). 10 Gomes, C.F., Trezza, E.M., Murade, E.C. e Padovani, C.R. Surface Electromyography of facial muscles during natural and artificial feeding of infants. J Pediatr (Rio J) 82, (2006). 11 Nyqvist, K.H., Farnstrand, C., Eeg-Olofsson, K.E. e Ewald, U. Early oral behaviour in preterm infants during breastfeeding: an electromyographic study. Acta Paediatr 90, (2001). 12 Labbok, M.H. e Hendershot, G.E. Does breast-feeding protect against malocclusion? An analysis of the 1981 Child Health Supplement to the National Health Interview Survey. Am J Prev Med 3, (1987). 13 Davis, D.W. e Bell, P.A. Infant feeding practices and occlusal outcomes: a longitudinal study. J Can Dent Assoc 57, (1991). 14 Brown, C. e Magnuson, B. On the physics of the infant feeding bottle and middle ear sequela: Ear disease in infants can be associated with bottle feeding. Int J Pediatr Otorhinolaryngol 54, (2000). 15 Howard, C.R. et al. Physiologic stability of newborns during cup- and bottle-feeding. Pediatrics 104, (1999). 16 Meier, P. & Anderson, G.C. Responses of small preterm infants to bottle- and breast-feeding. MCN Am J Matern Child Nurs 12, (1987). 17 Marino, B. Oxygen saturations during breast and bottle feedings in infants with congenital heart disease. J Pediatr Nurs 10, (1995). 18 Meier, P. Bottle- and breast-feeding: effects on transcutaneous oxygen pressure and temperature in preterm infants. Nurs Res 37, (1998). 19 Chen, C.H., Wang, T.M., Chang, H.M. e Chi, C.S. The effect of breast- and bottle-feeding on oxygen saturation and body temperature in preterm infants. J Hum Lact 16, (2000). 20 Goldfield, E.C., Richardson, M.J., Lee, K.G. e Margetts, S. Coordination of sucking, swallowing, and breathing and oxygen saturation during early infant breast-feeding and bottlefeeding. Pediatr Res 60, (2006). 21 UNICEF. Facts for life (United Nations Children s Fund, New York, 2010). 22 Jones, E. Transition from tube to breast in Feeding and Nutrition in the preterm infant (ed. Jones, E. e King C.) pp (Elsevier Churchill Livingstone, Oxford, 2005). 23 Dowling, D.A., Meier, P.P., DiFiore, J.M., Blatz, M.A. e Martin, R.J. Cup-Feeding for Preterm Infants: mechanics and safety. J Hum Lact 18, 13 (2002). 24 Flint, A., New, K. e Davies, M.W. Cup feeding versus other forms of supplemental enteral feeding for newborn infants unable to fully breastfeed. Cochrane Database Syst Rev 2, 1 17 (2007). 25 Collins, C.T., Makrides, M., Gillis, J. e McPhee, A.J. Avoidance of bottles during the establishment of breast feeds in preterm infants. Evid Based Child Health 5, , (2010). 26 Ramsay, D.T., Kent, J.C., Hartmann, R.A. e Hartmann,P.E. Anatomy of the lactating human breast redefined with ultrasound imaging. J Anat 206, (2005). 27 Ardran, G.M., KEMP, F.H. e Lind, J. A Cineradiographic Study of Breast Feeding. Br J Radiol 31, (1958). 28 Woolridge, M.W. The anatomy of infant sucking. Midwifery 2, (1986). 29 Jacobs, L.A., Dickinson, J.E., Hart, P.D., Doherty, D.A. e Faulkner, S.J. Normal nipple position in term infants measured on breastfeeding ultrasound. J. Hum. Lact. 23, (2007). 30 Geddes, D.T., Kent, J.C., Mitoulas, L.R. e Hartmann, P.E. Tongue movement and intra-oral vacuum in breastfeeding infants. Early Hum Dev 84, (2008). 31 Sakalidis, V.S. et al. Longitudinal changes in suck-swallow-breathe, oxygen saturation, and heart rate patterns in term breastfeeding infants. J Hum Lact 29, (2013). 32 Sakalidis, V.S. et al. Oxygen saturation and suck-swallow-breathe coordination of term infants during breastfeeding and feeding from a teat releasing milk only with vacuum. Int J Pediatr 2012, ID (2012). 33 Geddes, D.T. et al. Tongue movement and intraoral vacuum of term infants during breastfeeding and feeding from an experimental teat that released milk under vacuum only. Early Hum Dev 88, (2012). 34 Segami, Y., Mizuno, K., Taki, M. e Itabashi, K. Perioral movements and sucking pattern during bottle feeding with a novel, experimental teat are similar to breastfeeding. J Perinatol 33, (2013). 35 Aizawa, M., Mizuno, K. e Tamura, M. Neonatal sucking behavior: comparison of perioral movement during breast-feeding and bottle feeding. Pediatr Int 52, (2010). 36 Hoover, K. Visual assessment of the baby s wide open mouth. J Hum Lact 12, 9 (1996). 37 Callen, J. e Pinelli, J. A review of the literature examining the benefits and challenges, incidence and duration, and barriers to breastfeeding in preterm infants. Adv Neonatal Care 5, (2005). 38 Kaufman, K.J. e Hall, L.A. Influences of the social network on choice and duration of breastfeeding in mothers of preterm infants. Res Nurs Health 12, (1989). 39 Hill, P.D., Ledbetter, R.J. e Kavanaugh, K.L. Breastfeeding Patterns of Low-Birth-Weight Infants After Hospital Discharge. Acta Obstet Gynecol Scand 81, (2002). 40 Nyqvist, K.H. e Ewald, U. Successful breast feeding in spite of early mother-baby separation for neonatal care. Midwifery 13, (1997). 41 American Academy of Pediatrics Section on Breastfeeding. Breastfeeding and the use of human milk. Pediatrics 129, e827 e841 (2012). 42 Lau, C. e Schanler, R.J. Oral feeding in premature infants: advantage of a self-paced milk flow. Acta Paediatr 89, (2000). 43 Pinelli, J. e Symington, A.J. Non-nutritive sucking for promoting physiologic stability and nutrition in preterm infants. Cochrane Database Syst Rev CD001071, 1 34 (2005). 44 Simmer, K., Kok, C., Nancarrow, K., Hepworth, A.R. e Geddes, D.T. Novel feeding system to promote establishment of breastfeeds after preterm birth: a randomised controlled trial [poster]. 17th Annual Congress Perinatal Society of Australia and New Zealand, April 2013, Adelaide, Australia (2013). 45 Geddes, D.T., Nancarrow, K., Kok, C.H., Hepworth, A. e Simmer, K. Investigation of milk removal from the breast and a novel teat in preterm infants [poster]. 16th International Society for Research on Human Milk and Lactation Conference, 27 settembre 1 ottobre 2012, Trieste, Italia (2012). MEDELA 15

16 Medela AG Lättichstrasse 4b 6341 Baar, Switzerland International Sales Medela AG Lättichstrasse 4b 6340 Baar Svizzera Telefono Fax Italy Medela Italia Srl Via Turrini, Loc. Bargellino Calderara di Reno (BO) Italy Phone Fax Medela AG/ref. master doc /C MITIT/ / /A

Sito UNICEF Italia: www.unicef.it/allattamento

Sito UNICEF Italia: www.unicef.it/allattamento L allattamento al seno esclusivo è il modello di riferimento o normativo rispetto al quale tutti i metodi alternativi di alimentazione devono essere misurati in termini di crescita, salute, sviluppo, e

Dettagli

Presentazione della gamma Natural Philips Avent. Philips AVENT. Per iniziare la vita al meglio.

Presentazione della gamma Natural Philips Avent. Philips AVENT. Per iniziare la vita al meglio. Presentazione della gamma Natural Philips Avent Philips AVENT. Per iniziare la vita al meglio. Presentazione della gamma Natural Philips AVENT per l alimentazione del bambino Philips AVENT: Per aiutare

Dettagli

Gli standard UNICEF Amici dell allattamento nella formazione universitaria Margherita Locatelli - Ostetrica Tutor IBCLC, Corso di Laurea in

Gli standard UNICEF Amici dell allattamento nella formazione universitaria Margherita Locatelli - Ostetrica Tutor IBCLC, Corso di Laurea in Gli standard UNICEF Amici dell allattamento nella formazione universitaria Margherita Locatelli - Ostetrica Tutor IBCLC, Corso di Laurea in Ostetricia Amico dell Allattamento Materno Dichiarazione di conflitto

Dettagli

Accrescimento e composizione corporea nel prematuro

Accrescimento e composizione corporea nel prematuro Accrescimento e composizione corporea nel prematuro Lorella Giannì U.O. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Direttore Prof. Fabio Mosca Fondazione Cà Granda Ospedale Policlinico Università degli

Dettagli

Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale

Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale La trasfusione placentare: fisiologia Taglio precoce e tardivo: effetti nel nato a termine e pretermine Gestione del III stadio del travaglio

Dettagli

Programma della Formazione A Distanza (FAD) "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute"

Programma della Formazione A Distanza (FAD) Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute Formazione A Distanza "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute" del Istituto Superiore di Sanità e verifica dei contenuti equivalenti nel corso OMS/UNICEF 20 ore. A

Dettagli

Prodotti per l allattamento per ospedali + professionisti

Prodotti per l allattamento per ospedali + professionisti Prodotti per l allattamento per ospedali + professionisti Michael Larsson Presidente del consiglio di amministrazione Medela AG passione per la perfezione In che modo Medela supporta le madri che allattano

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 DGR 2705 del 29 dicembre 2014. Istruzioni per la stesura dei programmi regionali

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 DGR 2705 del 29 dicembre 2014. Istruzioni per la stesura dei programmi regionali PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 DGR 2705 del 29 dicembre 2014 Istruzioni per la stesura dei programmi regionali Il documento rappresenta una guida per la stesura dei programmi da parte dei

Dettagli

Numero Libretto sanitario Pediatrico. codice sanitario. cognome. nome. nato/a a. data di nascita. indirizzo. telefono. variazioni di indirizzo

Numero Libretto sanitario Pediatrico. codice sanitario. cognome. nome. nato/a a. data di nascita. indirizzo. telefono. variazioni di indirizzo Numero Libretto sanitario Pediatrico codice sanitario cognome nome nato/a a data di nascita indirizzo telefono variazioni di indirizzo Indicazioni generali sulle problematiche odontoiatriche dell età evolutiva

Dettagli

Diploma di Maturità Magistrale ad indirizzo psico-socio-pedagogico

Diploma di Maturità Magistrale ad indirizzo psico-socio-pedagogico CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome VALENTINA BENEDETTI Data di nascita 17/02/1974 Qualifica Dirigente medico Amministrazione Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina

Dettagli

Quadro di riferimento per promuovere la salute e ridurre le inequità

Quadro di riferimento per promuovere la salute e ridurre le inequità Quadro di riferimento per promuovere la salute e ridurre le inequità http://www.euro.who.int/en/health-topics/health-policy/health-2020-the-europeanpolicy-for-health-and-well-being 2 obiettivi strategici

Dettagli

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno Azienda Usl 7 di Siena Azienda Sanitaria delle zone Senese, Alta Val d'elsa, Amiata Val d'orcia e Valdichiana Senese DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Il libretto è stato elaborato dal gruppo di lavoro multidisciplinare

Dettagli

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA 1 ottobre 2011 IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA Dott.ssa Elena Fachinat DATI EPIDEMIOLOGICI : Prevalenza stimata di ipotiroidismo conclamato in gravidanza : 0,3-0,5% Prevalenza stimata di ipotiroidismo subclinico

Dettagli

POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI

POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI INTRODUZIONE Questa Azienda sostiene e promuove l allattamento al seno in quanto modalità naturale di alimentazione del neonato,

Dettagli

Calesca Per riscaldare il latte materno in modo delicato, sicuro e senza l impiego di acqua

Calesca Per riscaldare il latte materno in modo delicato, sicuro e senza l impiego di acqua Calesca Per riscaldare il latte materno in modo delicato, sicuro e senza l impiego di acqua Per riscaldare e scongelare il latte materno in modo delicato, quando necessario. Sicuro, igienico, semplice

Dettagli

Report risultati attività di Terapia Manuale Osteopatica presso il Reparto di Neonatologia dell O.C. S. Spirito Pescara

Report risultati attività di Terapia Manuale Osteopatica presso il Reparto di Neonatologia dell O.C. S. Spirito Pescara Report risultati attività di Terapia Manuale Osteopatica presso il Reparto di Neonatologia dell O.C. S. Spirito Pescara Tel. 085.4170732- Fax 085.4172587 www.aiot.edu 1 Introduzione L Accademia Italiana

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI

ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI REVISIONE MARZO 2014 INTRODUZIONE Questa Azienda sostiene e promuove l allattamento al seno in quanto modalità naturale di alimentazione

Dettagli

Guida all organizzazione ed alla gestione del corso

Guida all organizzazione ed alla gestione del corso Guida all organizzazione ed alla gestione del corso Perché questo corso? Nel 1990, con la Dichiarazione degli Innocenti, l UNICEF gettava le basi dell Iniziativa Ospedale Amico del Bambino (Baby Friendly

Dettagli

La crisi morde la salute dei bambini

La crisi morde la salute dei bambini Intervista a Mario De Curtis, Ordinario di Pediatria dell' Università di Roma Sapienza La crisi morde la salute dei bambini I figli di madri straniere più a rischio di parto prematuro anche per carenza

Dettagli

IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE

IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE DOTT. LUIGI GRECO PEDIATRA DI FAMIGLIA BERGAMO VICE PRESIDENTE DELLA S.I.P. DOTT.SSA ELVIRA VERDUCI RICERCATORE

Dettagli

OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno

OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno Informazioni per le strutture interessate al riconoscimento Introduzione... p. 2 I. Proposte... p. 2 II. Prospettive.

Dettagli

Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno

Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di: Identificare donne che possono avere problemi con l allattamento al seno Discutere

Dettagli

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Dettagli

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp.

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp. Al mio bambino fragili ali appena nate, piccola voce che canta, nuovo cuoricino che batte, non temere la tua nascita, né il mondo poichè sei l infinito. Il sole risplende, la terra gira, per darti il benvenuto

Dettagli

Swiss Infant Feeding Study SWIFS

Swiss Infant Feeding Study SWIFS Swiss Infant Feeding Study SWIFS Ricerca nazionale sull'alimentazione della prima infanzia e sulla salute materna e pediatrica nel primo anno di vita - 2013 1. Premessa I molteplici benefici per lo sviluppo

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

MUSICOTERAPIA STRUMENTO PER LO SVILUPPO PSICOMOTORIO DEL PREMATURO

MUSICOTERAPIA STRUMENTO PER LO SVILUPPO PSICOMOTORIO DEL PREMATURO Cordella Elena Simona Teraèpia Intensiva Neonatologica Ricercatore EBN MUSICOTERAPIA STRUMENTO PER LO SVILUPPO PSICOMOTORIO DEL PREMATURO INTRODUZIONE La musicoterapia è una disciplina che utilizza l elemento

Dettagli

Il Supporto Respiratorio non Invasivo nel neonato

Il Supporto Respiratorio non Invasivo nel neonato Il Supporto Respiratorio non Invasivo nel neonato Ruolo del trattamento infermieristico Mirjana Petojevic Infermiera Professionale SC Neonatologia e TIN Ospedale dei Bambini «V.Buzzi», ICP Milano Direttore:

Dettagli

Gravidanza, parto e allattamento: i dati del territorio. Venezia 3 Novembre 2015 Stefania Porchia

Gravidanza, parto e allattamento: i dati del territorio. Venezia 3 Novembre 2015 Stefania Porchia Gravidanza, parto e allattamento: i dati del territorio Venezia 3 Novembre 2015 Stefania Porchia Valorizzare i flussi informativi: cosa serve, cosa c è, cosa manca. Come mettere insieme le risorse? Confrontabilità

Dettagli

Fusetti Carla Garavaglia Maria Teresa. Azienda Ospedaliera L. Sacco Polo Universitario- Milano

Fusetti Carla Garavaglia Maria Teresa. Azienda Ospedaliera L. Sacco Polo Universitario- Milano TRATTAMENTO ROUTINARIO DEL MONCONE OMBELICALE DEL NEONATO VERSUS NESSUN TRATTAMENTO: UNO STUDIO RANDOMIZZATO CONTROLLATO Fusetti Carla Garavaglia Maria Teresa Azienda Ospedaliera L. Sacco Polo Universitario-

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Mamma che latte! www.salute.gov.it

Mamma che latte! www.salute.gov.it Consigli alle mamme sull'allattamento al seno Mamma che latte! Mamma che latte! 3 INDICE Allattare al seno il tuo bimbo con amore e facilità pag 4 Allattamento al seno unico e speciale pag 6 Vicino al

Dettagli

L approccio odontoiatrico al paziente affetto da Sindrome di Down

L approccio odontoiatrico al paziente affetto da Sindrome di Down L approccio odontoiatrico al paziente affetto da Sindrome di Down Dr Claudio Gallo Servizio di Odontoiatria di Comunità Azienda ULSS 14 Presidio Ospedaliero di Piove di Sacco (PD) Apparato stomatognatico

Dettagli

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare?

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? L Orizzonte di Lorenzo Nostro figlio ha un problema al cuore. Che fare? Bergamo 3/10/2010 Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? A. Borghi

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 163 del 14 Luglio 2008

Gazzetta Ufficiale N. 163 del 14 Luglio 2008 Gazzetta Ufficiale N. 163 del 14 Luglio 2008 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 15 aprile 2008 Istituzione del Comitato nazionale multisettoriale per l'allattamento materno. IL MINISTRO DELLA SALUTE Premesso

Dettagli

Parole chiave Nutrizione, neonato pretermine, latte materno, latte in formula, fortificante del latte materno

Parole chiave Nutrizione, neonato pretermine, latte materno, latte in formula, fortificante del latte materno NUTRIZIONE DEL NATO PRETERMINE O DI BASSO PESO Dott. G. Salvia UO di Neonatologia e Unità di Terapia Intensiva Neonatale Ospedale Buon Consiglio Fatebenefratelli, Napoli RIASSUNTO Tra le maggiori preoccupazioni

Dettagli

Auscultazione intermittente Vs CTG continuo

Auscultazione intermittente Vs CTG continuo Corso pre congressuale Valutazione del benessere fetale in travaglio Auscultazione intermittente Vs CTG continuo Nicoletta Telleri Da: La sorveglianza del benessere fetale in travaglio di parto. Linea

Dettagli

Sistema di fototerapia a LED BiliSoft

Sistema di fototerapia a LED BiliSoft GE Healthcare Sistema di fototerapia a LED BiliSoft Terapia intensiva, semplice come avvolgere un bambino in una coperta Bilisoft, una nuova generazione di fototerapia intensiva delicata Il sistema di

Dettagli

Potente semplicità. Sorprendentemente conveniente.

Potente semplicità. Sorprendentemente conveniente. Potente semplicità. Sorprendentemente conveniente. Kodak 8000/8000C Sistema per esami panoramici e cefalometrici digitali Un grande prodotto, reso ancora migliore Il nostro impegno è rivolto a migliorare

Dettagli

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Risk Management in ambito ostetrico Manuela Ghilardi A.O. Ospedali Riuniti di Bergamo 32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Contenuti

Dettagli

Linee guida per l'allattamento al seno

Linee guida per l'allattamento al seno Politica aziendale relativa all allattamento al seno e all alimentazione dei bambini adottata presso l Ospedale di Lucca Linee guida per l'allattamento al seno Allegato alla deliberazione del Direttore

Dettagli

La carta dei servizi del percorso nascita nel nostro territorio. Maria Luisa Livello Servizio Consultori Familiari ASL Lecco

La carta dei servizi del percorso nascita nel nostro territorio. Maria Luisa Livello Servizio Consultori Familiari ASL Lecco La carta dei servizi del percorso nascita nel nostro territorio Maria Luisa Livello Servizio Consultori Familiari ASL Lecco Il percorso nascita, la prevenzione dei tumori femminili e gli/le adolescenti

Dettagli

La tecnologia, la scienza, il progresso hanno portato significativi. miglioramenti nella vita di tutti i giorni.

La tecnologia, la scienza, il progresso hanno portato significativi. miglioramenti nella vita di tutti i giorni. moilk srl c/o Parco Tecnologico Padano - via Einstein snc - loc. Cascina Codazza 26900 -odi tel +39 0371 4662200 call center, +39 0371 4662410 direct fax +39 0371 4662410 www.moilk.eu info@moilk.eu moilk

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI VIA M. COPPINO 26, 12100 CUNEO AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI VIA M. COPPINO 26, 12100 CUNEO AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Indirizzo istituzionale VIA M. COPPINO 26, 12100 CUNEO Telefono istituzionale 0171/642726 Fax istituzionale 0171/642260 E-mail istituzionale

Dettagli

Giovedì 27 novembre 09:00 12:30 LE BOTTEGHE DEI SAPERI CORSI PRE CONGRESSUALI

Giovedì 27 novembre 09:00 12:30 LE BOTTEGHE DEI SAPERI CORSI PRE CONGRESSUALI Giovedì 27 novembre 09:00 12:30 LE BOTTEGHE DEI SAPERI CORSI PRE CONGRESSUALI CORSO 1 SIMP SIEOG Diagnosi e counselling delle malformazioni cardiache feto-neonatali Screening ecografico in utero Di Luzio

Dettagli

Lezione 16. Come rendere la tua comunità amica del bambino

Lezione 16. Come rendere la tua comunità amica del bambino Lezione 16. Come rendere la tua comunità amica del bambino Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado: Discutere la politica sanitaria nazionale o locale sull allattamento al

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Via Novellina, 129 - Varese Telefono 0332/281856 Fax 0332/299423 E-mail C.F. massimo.agosti@ospedale.varese.it

Dettagli

DIETA E STILI DI VITA

DIETA E STILI DI VITA Salute del bambino e sicurezza alimentare: analisi del rischio di d adenti chimici e fattori associati a stili di vita ISS Roma 22-23 23 giugno 2005 DIETA E STILI DI VITA Marco Silano, M.D. Dipartimento

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE Kristiina Hayrinen, Kaija Saranto, Pirkko Nykanen. International Journal of Medical Infomratics

Dettagli

IL LATTE DI DONNA NELL ALIMENTAZIONE DEI NEONATI PREMATURI: DALLA TRADIZIONE ALLA BIOINGEGNERIA CONSENSUS DEVELOPMENT CONFERENCE EXPO 2015

IL LATTE DI DONNA NELL ALIMENTAZIONE DEI NEONATI PREMATURI: DALLA TRADIZIONE ALLA BIOINGEGNERIA CONSENSUS DEVELOPMENT CONFERENCE EXPO 2015 IL LATTE DI DONNA NELL ALIMENTAZIONE DEI NEONATI PREMATURI: DALLA TRADIZIONE ALLA BIOINGEGNERIA CONSENSUS DEVELOPMENT CONFERENCE EXPO 2015 EVENTO PROMOSSO DA: FONDAZIONE IOLANDA MINOLI, ONLUS E ASSOCIAZIONE

Dettagli

I CLASSE II CLASSE III CLASSE

I CLASSE II CLASSE III CLASSE MALOCCLUSIONI CLASSIFICAZIONE DI ANGLE GUARDARE I PRIMI MOLARI PERMANENTI Malocclusione scheletrica Alterazione dei rapporti di combaciamento dei denti determinata da difetti di crescita della mascella

Dettagli

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia? I Congresso Internazionale Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?, soddisfazione dei professionisti e governo assistenziale 13 novembre 2007 1 2 1 OBIETTIVO dello

Dettagli

IL MECCANISMO HONEST BROKER MANTIENE LA PRIVACY NELLO SCAMBIO DI DATI TRA STRUTTURE SANITARIE E CENTRI DI RICERCA MEDICA

IL MECCANISMO HONEST BROKER MANTIENE LA PRIVACY NELLO SCAMBIO DI DATI TRA STRUTTURE SANITARIE E CENTRI DI RICERCA MEDICA IL MECCANISMO HONEST BROKER MANTIENE LA PRIVACY NELLO SCAMBIO DI DATI TRA STRUTTURE SANITARIE E CENTRI DI RICERCA MEDICA Andrew D. Boyd, Charlie Hosner, Dale A. Hunscher, Brian D. Athey, Daniel J. Clauw,

Dettagli

Respiratore Neonatale Quality for life

Respiratore Neonatale Quality for life Giulia Giulia Respiratore Neonatale Quality for life Giulia Una nuova sfida nel campo della ventilazione neonatale MIGLIORAMENTI Il nuovo GIULIA è stato integrato con le seguenti funzioni: Modalità di

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

PROCEDURA CONSEGNA PER L'ALLATTAMENTO NEONATO/MAMMA PRIMA POPPATA E POPPATE SUCCESSIVE

PROCEDURA CONSEGNA PER L'ALLATTAMENTO NEONATO/MAMMA PRIMA POPPATA E POPPATE SUCCESSIVE AOU Sassari U.O. Neonatologia e TIN NIDO POCEDUA CONSEGNA NEONATO /MAMMA PE L'ALLATTAMENTO Produzione Qualità isk Mangement POCEDUA CONSEGNA NEONATO/MAMMA PE L'ALLATTAMENTO PIMA POPPATA E POPPATE SUCCESSIVE

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Multicentre Growth Reference Study, MGRS, 1997-2003, www.who.int/childgrowth/standards)

Multicentre Growth Reference Study, MGRS, 1997-2003, www.who.int/childgrowth/standards) Curve della crescita Raccomandate dalla Maschi Statura e peso Statura e peso Statura e peso Circonferenza del cranio Circonferenza del cranio Circonferenza del cranio BMI BMI Peso in rapporto alla statura

Dettagli

Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA

Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=20640 Pagina 1 di 2 28/03/2014 quotidianosanità.it Venerdì 28 MARZO 2014

Dettagli

Come fare attività fisica nella vita quotidiana

Come fare attività fisica nella vita quotidiana Come fare attività fisica nella vita quotidiana 1 OMS - Regional Office for Europe Cammino e bicicletta http://www.euro.who.int/eprise/main/who/progs/trt /modes/20021009_1 In Europa la maggior parte degli

Dettagli

Dott.ssa Rita Imeneo 1

Dott.ssa Rita Imeneo 1 Dott.ssa Rita Imeneo 1 INDAGINI 2007 Regione Piemonte Questionario Emergenze Ospedaliere Progetto GCA: indagine delle Direzioni Sanitarie dei Presidi Ospedalieri pemontesi (escluse le aree critiche) Variabile

Dettagli

Dirigente Medico di Pediatria dal 28.07.90 a tutt oggi. 17.09.96 a tutt oggi AUSL PALERMO-Via G.Cusmano

Dirigente Medico di Pediatria dal 28.07.90 a tutt oggi. 17.09.96 a tutt oggi AUSL PALERMO-Via G.Cusmano in relazione a quanto previsto dal comma 1 dell art.21 della Legge 18 giugno 2009 n. 69 AUSL 6 Palermo INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome Terranova Rosa Rita Data di nascita 01.12.1952 Posto di lavoro

Dettagli

Allenamento individualizzato di potenza-aerobica di un giovane calciatore d elite poco allenato

Allenamento individualizzato di potenza-aerobica di un giovane calciatore d elite poco allenato Traduzione F. Sassi Allenamento individualizzato di potenza-aerobica di un giovane calciatore d elite poco allenato Iñigo Mujika, Juanma Santisteban, Paco Angulo, Sabino Padilla Il normale allenamento

Dettagli

La sfida del futuro. Il programma DREAM e la cura pediatrica. Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italy

La sfida del futuro. Il programma DREAM e la cura pediatrica. Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italy La sfida del futuro Il programma DREAM e la cura pediatrica Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italy Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italia Tel. +39.06.8992225 / Fax. +39.06.89922525

Dettagli

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Atmosfera in sala travaglio Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Libertà di movimento in travaglio Assunzione cibi e liquidi Monitoraggio continuo o intermittente?

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Tempo di lettura 4 minuti. (Charlie Chaplin) Tutto quello da sapere sull Implantologia dentale

Tempo di lettura 4 minuti. (Charlie Chaplin) Tutto quello da sapere sull Implantologia dentale Tempo di lettura 4 minuti (Charlie Chaplin) Tutto quello da sapere sull Implantologia dentale 10 buone ragioni per sorridere 1 Sorridere migliora il nostro umore. L atto del sorridere rilascia, oltre a

Dettagli

PROBLEMI DEL SENO. Ost. Giovo Maura

PROBLEMI DEL SENO. Ost. Giovo Maura PROBLEMI DEL SENO Ost. Giovo Maura 1 SESSIONE 14 OBIETTIVI DIAGNOSTICARE E TRATTARE CAPEZZOLI PIATTI, INVERTITI E LUNGHI LINFEDEMA DA MONTATA LATTEA INGORGO E STASI DEL LATTE DOTTI GALATTOFORI BLOCCATI

Dettagli

Medicazioni a pressione negativa: Proposta di un registro regionale. L. Traldi & P.L. Ipponi

Medicazioni a pressione negativa: Proposta di un registro regionale. L. Traldi & P.L. Ipponi Medicazioni a pressione negativa: Proposta di un registro regionale L. Traldi & P.L. Ipponi DO YOU SPEAK NEGATIVE PRESSURE WOUND THERAPY LANGUAGE POTENZIALITÀ DELLA NPWT IN CHIRURGIA GENERALE: TRA EVIDENZA

Dettagli

Ossigeno ad alti flussi nella bronchiolite: un passo avanti? G.Barlocco; S.Falorni; L.Bertacca U.O.C. Pediatria e Neonatologia Grosseto

Ossigeno ad alti flussi nella bronchiolite: un passo avanti? G.Barlocco; S.Falorni; L.Bertacca U.O.C. Pediatria e Neonatologia Grosseto Ossigeno ad alti flussi nella bronchiolite: un passo avanti? G.Barlocco; S.Falorni; L.Bertacca U.O.C. Pediatria e Neonatologia Grosseto Lancet Vol 368 July 22,2006 Rosalind L Smyth, Peter J M Openshaw

Dettagli

Alimentazione del neonato in emergenza

Alimentazione del neonato in emergenza PROTEZIONE CIVILE EDUCATIONAL www.casaleinforma.it/pcivile Alimentazione del neonato in emergenza Quando l allattamento al seno della mamma non è possibile, bisogna ricorrere all allattamento artificiale.

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE. RELENZA 5 mg/dose polvere per inalazione in contenitore monodose zanamivir

FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE. RELENZA 5 mg/dose polvere per inalazione in contenitore monodose zanamivir FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE RELENZA 5 mg/dose polvere per inalazione in contenitore monodose zanamivir Legga attentamente tutto questo foglio prima di iniziare ad usare questo

Dettagli

International MotherBaby Childbirth Initiative (IMBCI)

International MotherBaby Childbirth Initiative (IMBCI) International MotherBaby Childbirth Initiative (IMBCI) 10 passi per l assistenza ottimale all Unità MadreBambino* nei servizi alla maternità Un iniziativa di International MotherBaby Childbirth Organization

Dettagli

2014 Docente a contratto Master I livello Scienze Osteopatiche Pediatriche Università degli studi di Milano-Bicocca

2014 Docente a contratto Master I livello Scienze Osteopatiche Pediatriche Università degli studi di Milano-Bicocca ! F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome E-mail GINA BARLAFANTE gina.barlafante@alice.it gina.barlafante@aiot.edu ISTRUZIONE E FORMAZIONE Titolo di studio 1988 Laurea

Dettagli

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione 76 16. Rifiuto del seno Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO Introduzione In alcune comunità il rifiuto del seno da parte del bambino è una delle ragioni più comuni che provocano la sospensione dell allattamento

Dettagli

Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller

Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller Già nella vita fetale ci sono sensibilità alla luce, al suono, al dolore, movimenti coordinati

Dettagli

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN I Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN DOTT.SSA Francesca Plaja Unità di degenza del neonato Lettino Culla termica Isola neonatale Culla termica Isola

Dettagli

Scheda prodotto: sp_vsign200_cardiolinespa_05_ita1.doc 24/09/2014 1/6

Scheda prodotto: sp_vsign200_cardiolinespa_05_ita1.doc 24/09/2014 1/6 vsign200 vsign200 è un monitor paziente di piccole dimensioni, leggero (1,9 kg/4.2 lbs) ed affidabile (IPX2 a prova di urti e spruzzi d'acqua). Il suo design rende efficace la cura dei pazienti in ambiente

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

Con noi arrivi PRIMO Nello Sport e nella Vita!

Con noi arrivi PRIMO Nello Sport e nella Vita! Opuscolo informativo per ottenere il benessere psicofisico degli sportivi, professionisti e amatoriali. Con noi arrivi PRIMO Nello Sport e nella Vita! Energy & Mental Coaching Nutrizione Sportiva Raggiungi

Dettagli

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento.

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento. 14. Problemi del seno 59 Sessione 14 PROBLEMI DEL SENO Introduzione Esistono numerosi problemi del seno che a volte rendono difficile l allattamento: Capezzoli piatti o invertiti, capezzoli molto lunghi

Dettagli

Percorsi decisionali per la gestione del bambino e dell adolescente 7-14 luglio Tabarka (Tunisia)

Percorsi decisionali per la gestione del bambino e dell adolescente 7-14 luglio Tabarka (Tunisia) Percorsi decisionali per la gestione del bambino e dell adolescente 7-14 luglio Tabarka (Tunisia) Fabio Mosca Unità di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Dipartimento per la Salute della Donna,

Dettagli

D-7537-2009. Più vicini che mai all ideale CALEO

D-7537-2009. Più vicini che mai all ideale CALEO D-7537-2009 Più vicini che mai all ideale CALEO 02 Caleo Qual è l ambiente migliore per i neonati pretermine? ARRIVI PRECOCI Quando i bambini nascono prematuri, si ritrovano ad affrontare un mondo pieno

Dettagli

STRATEGIA GLOBALE PER L ALIMENTAZIONE DEI NEONATI E DEI BAMBINI

STRATEGIA GLOBALE PER L ALIMENTAZIONE DEI NEONATI E DEI BAMBINI STRATEGIA GLOBALE PER L ALIMENTAZIONE DEI NEONATI E DEI BAMBINI Organizzazione Mondiale della Sanità ii. STRATEGIA GLOBALE PER L ALIMENTAZIONE DEI NEONATI E DEI BAMBINI Organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

Anziani e rischio nutrizionale

Anziani e rischio nutrizionale Firenze, 5 ottobre 2011 Anziani e rischio nutrizionale Fattori fisiologici Fattori patologici PREVALENZA MALNUTRIZIONE PROTEICO-ENERGETICA PER DIFETTO FINO A 85% Fattori socio-economici Fattori psicologici

Dettagli

Il massaggio pediatrico cinese sui punti di agopuntura massaggio di un neonato bambino più grande bambini ospedalizzati

Il massaggio pediatrico cinese sui punti di agopuntura massaggio di un neonato bambino più grande bambini ospedalizzati Silvia Guerra Note introduttive/1 Nella medicina cinese, la pelle è l organo che nel neonato media tutti i processi fisiologici ed i rapporti con l esterno, assumendo grandi potenzialità terapeutiche.

Dettagli

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Agenzia Sanitaria Regionale Area Rischio infettivo Unità Gestione Rischio e Sicurezza Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Pietro Ragni Reggio Emilia,

Dettagli

Titolo del progetto (2) L organizzazione degli interventi di una equipe multidisciplinare nel follow-up del neonato pretermine.

Titolo del progetto (2) L organizzazione degli interventi di una equipe multidisciplinare nel follow-up del neonato pretermine. Lazio Ospedale Pediatrico Bambino Gesù (Roma) (1) Educazione e Formazione delle neo mamme di neonati nati prematuramente e trasferiti presso OPBG per complicanze nel periodo neonatale con insorgenza di

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

La Simulazione in situ in Pediatria

La Simulazione in situ in Pediatria La Simulazione in situ in Pediatria Dott. Marco de Luca Responsabile Programma Simulazione DEA Pronto Soccorso A.O.U. Meyer Firenze www.meyer.it/simulazione In quale ambito nasce la simulazione? Eventi

Dettagli

Il progetto 6 + 1. (Conoscere per prevenire) Sviluppo e valutazione di interventi di prevenzione primaria nel campo della salute infantile

Il progetto 6 + 1. (Conoscere per prevenire) Sviluppo e valutazione di interventi di prevenzione primaria nel campo della salute infantile Il progetto 6 + 1 (Conoscere per prevenire) Sviluppo e valutazione di interventi di prevenzione primaria nel campo della salute infantile Ministero della Sanità: Programma speciale ex art. 12, comma 2,

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

ST. CAMILLUS MISSION HOSPITAL KARUNGU PROGETTO PMTCT

ST. CAMILLUS MISSION HOSPITAL KARUNGU PROGETTO PMTCT ST. CAMILLUS MISSION HOSPITAL KARUNGU PROGETTO PMTCT Prevention of Mother To Child Transmission of HIV/AIDS Prevenzione della Trasmissione da Mamma a Bambino Periodo coperto: maggio 2008 aprile 2009 BACKGROUND

Dettagli

Progetto aziendale anni 2010-2011

Progetto aziendale anni 2010-2011 Rev. 11.02.10 Pag. 1 di 12 Indice 1.0 Premessa Pag. 2 2.0 Introduzione Pag. 3 3.0 Obiettivo generale Pag. 5 4.0 Obiettivi specifici Pag. 5 5.0 Destinatari Pag.6 6.0 Azioni Pag. 6 7.0 Responsabilità e tempi

Dettagli

Internet e social media per la medicina

Internet e social media per la medicina La letteratura scientifica per la qualità dei Servizi Sanitari Internet e social media per la medicina Eugenio Santoro eugenio.santoro@marionegri.it www.twitter.com/eugeniosantoro Laboratorio di Informatica

Dettagli

CARRIERA UNIVERSITARIA E POSIZIONE ASSISTENZIALE

CARRIERA UNIVERSITARIA E POSIZIONE ASSISTENZIALE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Daliento Luciano Via Ognissanti 65.35129 Padova Telefono +39 3389391942 Fax +39 049 8211802 E-mail Luciano.daliento@unipd.it

Dettagli