Rassegna. D. Battistini 1, N. Piana 2, P. De Feo 1. G It Diabetol Metab 2007;27:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna. D. Battistini 1, N. Piana 2, P. De Feo 1. G It Diabetol Metab 2007;27:129-137"

Transcript

1 G It Diabetol Metab 2007;27: Rassegna Strategie cognitivo-comportamentali per incoraggiare l uso dell attività fisica nello stile di vita delle persone con diabete Il progetto Io Muovo la Mia Vita D. Battistini 1, N. Piana 2, P. De Feo 1 1 Dipartimento di Medicina Interna, Sezione Medicina Interna, Scienze Endocrine e Metaboliche, Università di Perugia, Perugia; 2 Dottore di Ricerca in Pedagogia, Facoltà di Scienze della Formazione, Università degli Studi Milano-Bicocca, Milano Corrispondenza: prof. Pierpaolo De Feo, DIMI, via E. dal Pozzo, Perugia G It Diabetol Metab 2007;27: Pervenuto in Redazione il Accettato per la pubblicazione il Parole chiave: attività fisica, diabete, obesità, maratona, autobiografia narrativa, tecniche cognitivo-comportamentali, stile di vita Key words: physical activity, diabetes, obesity, marathon, narrative autobiography, cognitive behavioural strategies, life style RIASSUNTO I crescenti livelli di inattività fisica e la facile disponibilità di cibo ad alta densità calorica stanno portando un numero sempre maggiore di persone a sviluppare condizioni patologiche quali l obesità, l insulino-resistenza e il diabete mellito di tipo 2. L inattività fisica è responsabile di circa 2 milioni di morti all anno nel mondo e causa del 10-16% di casi di diabete, di cancro del colon, di cancro della mammella e del 22% dei casi di cardiopatia ischemica. Identificare strategie che facilitino la partecipazione all attività motoria in quantità adeguata a produrre benefici, rappresenta una particolare sfida per coloro che lavorano nel campo sanitario. In questa rassegna sono presentate le differenti strategie che sono state usate per promuovere e mantenere i cambiamenti di comportamento nei riguardi dell attività fisica, includendo teorie basate su interventi, approcci interpersonali, individuali o di gruppo, strumenti motivazionali, approcci ecologici e interventi plurimi. Vengono, inoltre, riportati i dati preliminari del progetto Io Muovo la Mia Vita che coinvolge un gruppo di diabetologi, pazienti con obesità e/o diabete che hanno l obiettivo di correre la Maratona di Milano e utilizza un nuovo promettente modello che sta sperimentando l uso dell autobiografia narrativa come strategia cognitivo-comportamentale di gruppo per favorire l adesione di persone con obesità e/o diabete a un impegnativo programma di attività fisica. SUMMARY Cognitive behavioural strategies to promote an active life style - The project: I Move My Life Physical inactivity causes about 2 million deaths worldwide annually. Globally, it is estimated to cause about 10-16% of cases each of breast cancer, colon cancers and diabetes, and about 22% of ischemic heart disease. There is a large evidence in literature about the beneficial effects of regular aerobic physical activity with a significant dose response relationship. This review summarizes the effective strategies used to augment physical activity levels of diabetic population. In addition, a novel cognitive behavioural approach based on the use of narrative autobiography is introduced. The innovative project I Move My

2 130 D. Battistini et al. Life involves a group of endocrinologists and their patients affected by obesity and/or diabetes in a one year training programme to run the Milano City Marathon. Periodically, all participants report to the entire group their feelings, beliefs and difficulties in a written form. The preliminary results show that narrative autobiography is a potent instrument to increase the adherence of participants to the training programme and the perception of participants to be a compact group which shares and fights against the same problem. Introduzione In confronto alla prima metà del secolo scorso la nostra società sta diventando sempre più sedentaria. I crescenti livelli di inattività fisica e la facile disponibilità di cibo ad alta densità calorica stanno portando un numero sempre maggiore di persone a sviluppare condizioni patologiche quali l obesità, l insulino-resistenza e il diabete mellito di tipo 2 (DM2). In un recente documento, l Organizzazione Mondiale della Sanità sostiene: L inattività fisica è responsabile di circa 2 milioni di morti all anno nel mondo e causa del 10-16% di casi di diabete, di cancro del colon, di cancro della mammella e del 22% dei casi di cardiopatia ischemica 1. La situazione è allarmante non solo per i Paesi industrializzati, ma anche per quelli in via di sviluppo 2. È ben documentato dagli studi della letteratura scientifica che crescenti livelli di attività fisica giocano un ruolo chiave nella prevenzione e terapia dell obesità, del diabete e della condizione di insulino-resistenza 3. Società scientifiche come l American College of Sports Medicine e il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie statunitense (Centres for Disease Control and Prevention), hanno fornito raccomandazioni su quanta attività fisica si dovrebbe fare per mantenere lo stato di salute e ridurre i fattori di rischio per un gran numero di malattie 3. Queste linee guida raccomandano di praticare un minimo di 30 minuti consecutivi di attività fisica moderata, almeno 5 giorni alla settimana, preferibilmente tutti i giorni 3. Il Ministero della Sanità del Regno Unito ha pubblicato nel 2004 una rassegna sul rapporto tra attività fisica e salute 4. La rassegna ha concluso che in molte persone, senza dover ridurre l introito calorico, minuti di attività fisica ogni giorno potrebbero essere sufficienti per prevenire lo sviluppo dell obesità. Inoltre, le persone che sono state obese e hanno perso peso, dovrebbero aver bisogno di minuti di attività al giorno al fine di mantenere tale perdita di peso 4. Questi suggerimenti hanno un ruolo importante nei soggetti con insulino-resistenza o DM2, poiché la maggior parte di questi individui è obesa o in sovrappeso. Il problema è che circa il 65% della popolazione adulta dei Paesi anglosassoni 4 e circa l 80% di quella italiana (dati ISTAT 2006) non pratica i livelli minimi di attività fisica consigliati dalle società scientifiche per migliorare e mantenere la salute. Inoltre, la quantità di attività fisica tende a ridursi significativamente con l età proprio nel periodo della vita in cui si riduce la sensibilità insulinica e ciò contribuisce ad aumentare l incidenza del DM2 con l invecchiamento. Identificare strategie che facilitino la partecipazione all attività motoria in quantità adeguata a produrre benefici, rappresenta una particolare sfida per coloro che lavorano nel campo sanitario. In realtà, non vi sono molti lavori focalizzati sulle strategie ottimali per promuovere e mantenere l attività fisica in questi pazienti. A questo riguardo, le linee guida delle Società Scientifiche raccomandano che gli interventi di attività fisica siano basati su un valido costrutto teorico. Tuttavia, non ci sono ancora dimostrazioni definitive su quale sia la struttura teorica da preferire o la migliore combinazione di esse. A breve termine, è stata dimostrata l efficacia nello stimolare sostanziali incrementi nell attività fisica mediante strumenti motivazionali come pedometri, sensori portatili che misurano il dispendio energetico e suggerimenti sul tipo di attività fisica, ma sono richieste ulteriori strategie per mantenere i cambiamenti di comportamento a lungo termine. Il counseling per l attività fisica ha dimostrato una sua efficacia per periodi fino a due anni in pazienti con DM2. Le ricerche future dovrebbero identificare gli effetti a lungo termine di questo tipo di intervento e la produttività dei diversi metodi di somministrazione. In questa rassegna saranno presentate le differenti strategie che sono state usate per promuovere e mantenere i cambiamenti di comportamento nei riguardi dell attività fisica, includendo teorie basate su interventi, approcci interpersonali, individuali o di gruppo, strumenti motivazionali, approcci ecologici e interventi plurimi. Successivamente, saranno riassunte le conclusioni di queste ricerche, suggerite alcune raccomandazioni e proposto un nuovo promettente modello sperimentale per le ricerche future. Teorie per indurre la modifica del comportamento Capire i fattori che motivano le persone a essere fisicamente attive è essenziale per lo sviluppo di interventi efficaci per la promozione dell attività motoria. Numerosi modelli teorici sono stati proposti e usati con l obiettivo di definire il comportamento nei confronti dell attività fisica. I modelli proposti includono: il modello di percezione della salute (health belief model) 5, la teoria di motivazione per la prevenzione (protection motivation theory) 6, entrambi basati sul concetto che la modifica comportamentale è legata alla tendenza di proteggersi nei confronti delle malattie e a cercare di migliorare la propria salute. Altri modelli utilizzati sono: la teoria dell auto-efficacia (self efficacy theory) 7 che si basa sulla fiducia nella capacità di modificare il proprio comportamento, la teoria dell azione motivata (theory of reasoned action) 8 che esamina l intenzione della persona nel mettere/non mettere in pratica un nuovo comportamento, il modello socio-cognitivo (social cognitive model) 9 che esplora le influenze ambientali, i fattori personali e le caratteristiche stesse del comportamento e i modelli teorici di cambiamento (transtheoretical model of behaviour change) 10 che propongono che le persone si muovono attraverso stadi, nel momento in cui decidono di cambiare passando da uno stadio a uno successivo o precedente.

3 Strategie cognitivo-comportamentali per incoraggiare l uso dell attività fisica nello stile di vita delle persone con diabete 131 In realtà, non c è un accordo sul miglior modello o sulla migliore combinazione di modelli da usare per cambiare il comportamento nei confronti dell attività fisica. Molte ricerche sono a favore dell uso nella popolazione generale di un modello transteorico di cambiamento 11. Attualmente, abbiamo ulteriori ricerche a favore dell efficacia di questo modello anche per la promozione dell attività fisica in persone con DM Nel modello transteorico di cambiamento del comportamento sono stati identificati 5 stadi: pre-contemplativo, contemplativo, in preparazione, in azione e in mantenimento 15. La progressione da uno stadio all altro non sempre avviene secondo una rigida sequenza e le persone possono in ogni momento progredire in avanti o ricadere indietro in uno o più stadi. Il modello propone che diverse strategie di intervento dovrebbero essere usate nei differenti stadi di cambiamento per aiutare il progredire della persona verso uno stadio più alto o per evitare le ricadute. La definizione di ogni stadio è presentata nella tabella 1 insieme ai consigli per le strategie più appropriate. Il modello transteorico di cambiamento del comportamento incorpora tre componenti che sono l auto-efficacia (fiducia nella capacità di cambiare), il bilancio decisionale (pro e contro del cambiamento) e i processi cognitivi e comportamentali del cambiamento (dieci strategie usate dalle persone nel cambiare il comportamento). Nel 2001, una metanalisi di 71 lavori pubblicati ha analizzato i risultati degli interventi con i modelli transteorici per promuovere l attività fisica nella popolazione generale, e la relazione tra i livelli di attività fisica e i singoli componenti alla base della struttura del modello (stadi di cambiamento, bilancio decisionale, auto-efficacia e processi di cambiamento) 11. I risultati di questa metanalisi hanno supportato fortemente l applicazione del modello transteorico per l attività fisica, visto che ogni componente differiva attraverso gli stadi nella direzione prevista dalla teoria 11. Il modello transteorico sembra essere un buon modello per scegliere una base teorica per capire e influenzare il comportamento verso l attività fisica anche nelle persone con DM2. Mau et al. hanno dimostrato la validità di questo modello in soggetti con DM2 o a rischio di DM2, riportando gli stadi di cambiamento e il movimento tra gli stadi in riferimento ai cambiamenti di comportamento nei confronti dell esercizio fisico 13. Anche l American College of Sport Medicine consiglia l uso del modello transteorico per promuovere l attività nelle persone con DM2 16. Ciò spiega perché numerosi studi hanno usato questo modello come una struttura teorica per gli interventi di promozione dell attività in persone con diabete 12,14, Approcci interpersonali Una rassegna sugli interventi di attività fisica rivolti a persone adulte o anziane ha dimostrato che gli interventi efficaci hanno usato strategie comportamentali o cognitivo-comportamentali, mentre sono risultati poco efficaci gli interventi basati sulla semplice educazione alla salute o sulla prescrizione dell esercizio fisico 20. Le strategie usate per l approccio interpersonale includono l individuazione degli obiettivi, l auto-monitoraggio, il feedback, il supporto, il controllo degli stimoli e l educazione alla prevenzione delle ricadute. Due approcci interpersonali rilevanti nella promozione dell attività fisica sono il colloquio motivazionale (motivational interviewing) e il counseling per l attività fisica (physical activity consultation). Colloquio motivazionale Il colloquio motivazionale (motivational interviewing) è stato originariamente proposto per il trattamento delle dipendenze ed è descritto come una strategia centrata sul paziente che viene consigliato a esaminare e risolvere le incertezze nei confronti della modifica del suo comportamento 21. Tabella 1 Gli stadi del cambiamento nei confronti dell attività fisica e le strategie di counseling appropriate per ciascuno stadio. Stadio Definizione Strategia appropriata Pre-contemplativo Sedentario, non intende cambiare Informazione e consigli sui rischi della nei successivi 6 mesi condizione di sedentarietà e sui benefici dell attività motoria Contemplativo Sedentario, ma pensa di diventare Bilancio decisionale (analisi dei pro e attivo nei successivi 6 mesi dei contro della modifica). Colloquio motivazionale In preparazione Ha già fatto qualche tentativo Programmare degli obiettivi realistici per diventare attivo e stabilire il supporto In azione Attivo, ma da meno di 6 mesi Rinforzo dei risultati e dei benefici ottenuti. Consigli sul superamento di eventuali ostacoli Mantenimento Attivo da più di 6 mesi Prevenzione delle ricadute, di infortuni e proposta di attività alternative

4 132 D. Battistini et al. Durante il colloquio motivazionale vengono esplorati i sentimenti di conflitto relativi a un comportamento sbagliato. Attraverso un ascolto riflessivo e domande aperte, l individuo è incoraggiato a esprimere le proprie motivazioni, la soluzione dei problemi ai propri limiti, per cambiare e formulare nuovi traguardi. Un punto fondamentale dell intervento è la responsabilità personale nel cambiare. Il colloquio motivazionale è generalmente applicato a persone nello stadio precontemplativo, dove l incertezza nel cambiare raggiunge il picco. Il colloquio motivazionale è stato recentemente applicato al cambiamento d approccio verso l attività fisica. Uno studio pilota, randomizzato, ha esaminato l efficacia di aggiungere le strategie di colloquio motivazionale al programma di controllo comportamentale del peso per donne con DM2 22. Le partecipanti a cui è stato somministrato il colloquio motivazionale hanno dimostrato in modo significativo una migliore risposta, in quanto hanno monitorato più spesso la glicemia e raggiunto un miglior controllo della glicemia in seguito al trattamento 22. Anche la frequenza di esercizio e la registrazione dell introito calorico aumentavano, sebbene in maniera non significativa 22. Harland et al. hanno valutato l efficacia del colloquio motivazionale, breve e intenso, con o senza incentivi economici per promuovere l attività fisica nella popolazione 23. La percentuale dei partecipanti che riferivano un aumento di attività fisica dopo 12 settimane era significativamente maggiore in tutti i gruppi dell intervento rispetto ai controlli 23. La percentuale dei partecipanti che aumentava la propria attività non era diversa tra i gruppi che avevano un colloquio motivazionale breve o intenso. Tuttavia, un maggior numero di partecipanti che aveva ricevuto insieme al colloquio motivazionale intenso anche gli incentivi economici ha aumentato l attività fisica rispetto agli altri gruppi di intervento. Gli incrementi di attività fisica riferiti a 12 settimane non erano mantenuti a un anno, indipendentemente dall intensità dell intervento 23. Diversi limiti metodologici sono presenti in questo studio, ed è chiaro che un ulteriore ricerca è richiesta per stimare accuratamente l efficacia del colloquio motivazionale nel promuovere e mantenere l attività motoria. Counseling per l attività fisica Il counseling è simile al colloquio motivazionale 24. L approccio è centrato sull individuo ed è semi-strutturato con delle variabili basate sui bisogni dell individuo 24. Il counseling per l attività fisica è spesso basato sul modello transteorico della modifica comportamentale e, di norma, è costituito da una discussione vis a vis con un individuo, che ingloba una serie di strategie basate sull evidenza di promuovere e mantenere l attività motoria. Le strategie usate includono: l analisi dell attuale comportamento, il bilancio decisionale, il supporto sociale, lo stabilire obiettivi precisi e la prevenzione delle ricadute. Uno studio pubblicato nel 2005 da Rollnick et al. ha descritto l importanza dello stile del consulente per indurre la modifica comportamentale, sottolineando il valore di una linea guida piuttosto che di un atteggiamento direttivo, dove fondamentalmente il paziente decide se cambiare o meno il proprio comportamento e come fare per cambiarlo 25. Coloro che promuovono la salute sono propensi a rimanere un passo indietro nella consulenza, in modo da evitare la persuasione, incoraggiando invece il paziente a prendersi la responsabilità del cambiamento comportamentale, ed esplorare e sviluppare le proprie motivazioni e i propri traguardi. Anche lo stile di vita di chi conduce la consulenza gioca un ruolo nello stimolare i pazienti con DM2 a cambiare il proprio comportamento sedentario. Il consiglio sulle abitudini di vita da parte di medici che hanno un corretto stile di vita ha più efficacia rispetto al consiglio dei medici che hanno un cattivo stile di vita 26. Durante il counseling la comunicazione non verbale è una dinamica importante che influenza il bilancio decisionale del paziente. Questo concetto è stato ben espresso dal filosofo latino Lucius Annaeus Seneca, che ha scritto in una delle sue lettere a Lucilio: le persone credono molto di più ai loro occhi che alle loro orecchie. Un numero di esperimenti randomizzati e controllati supporta l uso del counseling per la promozione dell attività fisica nella popolazione in generale e, in particolare, nella popolazione con diabete. Riguardo alle persone con diabete, due studi pilota randomizzati hanno dimostrato l efficacia del counseling per la promozione dell attività fisica a breve termine (1 mese) in soggetti con DM1 e DM2 17,18. Lo studio di Kirk et al. ha dimostrato l efficacia del counseling per la promozione dell attività fisica a distanza di 6-12 mesi in soggetti con DM2 14. I partecipanti assegnati ai gruppi di intervento hanno ricevuto un counseling sull attività fisica all inizio e a 6 mesi con telefonate di supporto da 1 a 3 mesi dopo ogni consulenza. I partecipanti nel gruppo di controllo hanno ricevuto un trattamento standard in cui veniva promossa l attività fisica con un foglio illustrativo sui benefici dell esercizio nel diabete. L analisi dei risultati ottenuti a sei e dodici mesi rispetto al basale ha incluso i parametri di attività fisica (auto-compilazione di un questionario, monitoraggio dell attività, stati e processi comportamentali verso l attività), variabili fisiologiche (pressione sanguigna, BMI, funzionalità cardiorespiratoria), variabili biochimiche (Hb glicosilata, profilo lipidico, fibrinogeno) e parametri di qualità della vita. Rispetto al gruppo di controllo, i partecipanti che ricevevano il counseling hanno dimostrato consistenti miglioramenti nelle misure oggettive e soggettive dei livelli di attività fisica, la progressione attraverso stadi di modifica comportamentale verso l esercizio e un incremento nella frequenza d uso dei 10 processi di modifica comportamentale. Dal basale al 6-12 mese il gruppo di intervento ha avuto una crescita media di 150 minuti di attività fisica moderata e di 130 minuti di attività fisica vigorosa. Effetti favorevoli sono stati anche documentati nel controllo glicemico, funzionalità cardiorespiratoria, pressione sanguigna, colesterolo totale e in alcuni parametri della qualità della vita. Al contrario, il gruppo di controllo ha avuto una diminuzione nei livelli di attività fisica e un deterioramento nel controllo glicemico 14. Ciò sottolinea il fatto che la semplice educazione, quando si limita a essere istruzione e illustrazione sul diabete, come avviene di routine, non ha efficacia nello stimolare il cambiamento comportamentale verso l attività fisica in soggetti con DM2. In uno studio analogo di Chun et al. è

5 Strategie cognitivo-comportamentali per incoraggiare l uso dell attività fisica nello stile di vita delle persone con diabete 133 stata valutata l efficacia del counseling per l attività fisica, sempre basato sul modello transteorico del cambiamento comportamentale e strutturato in stadi di comportamento, in un periodo di più di tre mesi 12. Questo studio ha usato un gruppo di controllo che ha ricevuto i consigli educativi standard. Anche in questo studio il gruppo di intervento, rispetto al controllo, ha mostrato significativi miglioramenti nella fase di cambiamento comportamentale verso l esercizio, nei livelli di attività fisica, glicemia a digiuno ed emoglobina glicosilata. Il gruppo di controllo non ha dimostrato significativi cambiamenti 12. Infine, Di Loreto et al. hanno dimostrato una efficace promozione dell attività motoria per più di due anni in soggetti con DM2, mediante un counseling, somministrato da medici, per l attività fisica 32. L intervento usato in questo studio è stato individualizzato e ha incorporato strategie cognitivo-comportamentali simili a quelle prima descritte senza che l intervento fosse strutturato in stadi di cambiamento comportamentale 32. A ogni intervento il partecipante riceveva una consulenza di base riguardo all attività fisica e questo era supportato da una chiamata telefonica un mese dopo e da appuntamenti ambulatoriali ogni 3 mesi. Il gruppo di controllo riceveva l abituale trattamento in forma di consigli educativi generici. Dopo 2 anni il gruppo di intervento documentava un incremento di sette volte nei livelli di attività fisica, oltre a una significativa riduzione del BMI e dell emoglobina glicosilata. Il gruppo di controllo aveva un significativo aumento del BMI e cambiamenti non significativi nei livelli di attività fisica o dell emoglobina glicosilata. L analisi post-hoc dell intervento dimostrava che maggiore era il dispendio energetico dovuto all attività fisica praticata nel tempo libero e maggiori erano gli effetti benefici in numerosi parametri biologici e nel risparmio dei costi 33. Nella tabella 2 sono riportati gli effetti benefici previsti in relazione a incrementi progressivi nel dispendio energetico dei pazienti con DM2 33. Questi dati dovrebbero essere usati durante la consulenza per l attività fisica per influenzare positivamente il processo di bilancio decisionale dei pazienti. Per cambiare comportamento una persona dovrebbe percepire un incentivo 7, così il counseling dovrebbe essere individualizzato in modo da convincere il paziente che un attività fisica regolare è la giusta strategia per realizzare i propri traguardi. A questo riguardo è molto efficace capire le aspettative del paziente perché questo permette di centrare la conversazione sui risultati individuali. Nella popolazione generale la consulenza per l attività fisica è stata sperimentata con varie modalità che includono contatti vis a vis, sessioni di gruppo, contatti con medici per via telefonica o attraverso internet. Nel DM2 la maggior parte di consulenze per l attività fisica è stata eseguita mediante il contatto diretto, faccia a faccia. Questo metodo può richiedere tempo e c è un po di confusione su quale sia la figura professionale più idonea per questo tipo di interventi. A nostro avviso il diabetologo, esperto di tecniche cognitivo-comportamentali, è in grado di gestire il counseling in maniera efficace nella maggior parte dei casi, soprattutto perché rappresenta la figura professionale a cui la persona con diabete si rivolge per risolvere il suo problema. Il diabetologo deve essere in grado di capire se esistono disturbi della personalità che richiedono la consulenza di uno specialista psicologo o, se necessario, di uno psichiatra. Interventi di gruppo Le sessioni d esercizio strutturate con interventi di gruppo sono state criticate per non avere basi teoriche, perché formano un limitato numero di persone veramente motivate, per non utilizzare un approccio individualizzato, centrato sulla persona, e per avere un elevato tasso di ritiri. Un lavoro preliminare di Dishman (dati non pubblicati) ha documentato che circa la metà degli individui che inizia un programma d esercizio di questo tipo, si ritira nei primi 6 mesi. Tuttavia, le sessioni di gruppo possono servire come un importante supporto per gli individui e potrebbero essere più utili per coloro che necessitano di un ulteriore consiglio e guida, dopo il counseling individuale. Tabella 2 Benefici attesi dal camminare a passo svelto (km/settimana) in pazienti con diabete mellito di tipo 2, dopo 2 anni di attività 33. Km / settimana BW (kg) -1,2-1,6-2,0-2,4-3,2-4 Cir. vita (cm) -2,4-3,2-4,0-4,8-6,2-8,0 HBA 1c (%) -0,3-0,4-0,5-0,6-0,8-1,0 PA max (mmhg) -2,1-2,8-3,5-4,2-5,6-7,0 PA min (mmhg) -1,2-1,6-2,0-2,4-3,2-4,0 FC riposto (bpm) , COL HDL (mg/dl) +2,1 +2,8 +3,5 +4,2 +5,6 +7,0 TG (mg/dl) ,1-48,2-55,2-57,4-68,4 CHD (% a 10 anni) -1,2-1,6-2,0-2,4-3,2-4,0 Insulina (UI/die) Farmaci ( /anno) CHD: rischio di coronoropatia

6 134 D. Battistini et al. Alcune ricerche indicavano che corsi di esercizio strutturati su interventi di gruppo potrebbero essere più efficaci nella popolazione anziana che nella popolazione generale. Kirk et al. hanno indagato l adesione a tali corsi di gruppo nei pazienti sottoposti a riabilitazione cardiaca 34. I risultati hanno documentato che l 83% dei pazienti in riabilitazione cardiaca stava ancora partecipando ai corsi di attività motoria dopo 6 mesi. Questa ricerca inoltre ha dimostrato che le persone con diabete avevano un tasso significativamente minore di adesione rispetto alle persone senza diabete 34. In teoria, una conveniente strategia per ottenere elevati livelli di aderenza e per non sprecare tempo e soldi, potrebbe consistere in una iniziale consulenza con esercizi individualizzati seguita da attività di gruppo una volta che i pazienti migliorano il proprio stadio di comportamento. Strumenti motivazionali Pedometri Molte ricerche hanno documentato il beneficio di camminare per la persone con DM2. Camminare ha un immediato effetto sui livelli di glicemia 35. Inoltre, camminare regolarmente migliora la funzionalità cardiorespiratoria, la composizione corporea, l Hb glicosilata, il profilo lipidico e l insulino-resistenza 36,37. In uno studio prospettico di gruppo, Gregg et al. riportano che le persone con diabete che camminano per lo meno 2 ore alla settimana, rispetto alle persone inattive con diabete, hanno un 39% in meno di tasso di mortalità da tutte le cause e un 34% in meno di tasso di mortalità cardiovascolare 38. Di Loreto et al. hanno dimostrato un significativo beneficio oltre che in termini di salute anche da un punto di vista economico da un intervento di counseling per l attività fisica che ha primariamente promosso il camminare 34. In un periodo di due anni, i costi a carico del servizio sanitario nazionale si sono ridotti nel gruppo di intervento in media di circa 1000 euro per persona all anno (Tab. 2) 34. I pedometri sono stati recentemente promossi dai media come strumenti efficaci per promuovere la camminata, con l obiettivo di raggiungere passi al giorno. Tudor Locke et al. hanno dimostrato che i pedometri sono efficaci strumenti motivazionali per promuovere la camminata in persone con DM2 per un periodo da 4 a 16 settimane 39. Comunque, il cambiamento non veniva mantenuto a 24 settimane 39. Anche Mutrie et al. hanno dimostrato che l incremento nel numero dei passi con i pedometri era evidente solo a breve termine ma dopo 52 settimane i livelli di attività erano ritornati al minimo 40. Alcune ricerche recenti con il pedometro si sono focalizzate sull identificare la migliore strategia da combinare con l uso dello strumento. L evidenza ha trovato appropriato l obiettivo dei passi al giorno, come un obiettivo universale, indipendente dalle variazioni riportate nei sottogruppi di popolazioni differenti 39. La ricerca indica che i futuri programmi di camminata dovrebbero essere basati su obiettivi personalizzati con l obiettivo finale di raggiungere i 30 minuti al giorno di attività fisica. A questo riguardo, ricerche condotte da Baker et al., hanno dimostrato che l obiettivo passi (pedometro) è più efficace dell obiettivo tempo 41. Monitor del dispendio energetico La recente disponibilità di strumenti portatili per il monitoraggio del dispendio energetico offre una misurazione diretta dell attività quotidiana più accurata in confronto ai pedometri. Uno di questo strumenti, il Sensewear Armband (Body Media, Inc.) è stato convalidato in soggetti normali a riposo e durante l attività e in un piccolo gruppo di soggetti con DM2, come misurazione dell attività fisica giornaliera 42. In 6 soggetti con diabete il confronto con la tecnica dell acqua doppiamente marcata ha dimostrato una significativa correlazione (r = 0,9696, p = 0,0014) e gli autori hanno evidenziato un limite stretto di conformità tra i due metodi 42. Il Sensewear ArmBand usa un insieme di sensori per raccogliere l informazione per calcolare il dispendio energetico quali il movimento, il flusso di calore, la temperatura corporea, la temperatura ambientale vicina e la risposta galvanica della cute insieme a dati come sesso, età, altezza e peso 43. Dal punto di vista pratico il Sensewear Armband potrebbe essere usato in soggetti con DM2 per ottenere informazioni su: livello di metabolismo basale dei pazienti (dispendio energetico medio durante le ore di riposo); dispendio energetico consumato mediante l attività fisica spontanea, moderata o a elevata intensità; stato di adattamento fisico registrando il picco di METS raggiunti durante un esercizio molto intenso; ore e qualità di sonno (costante o intermittente); accuratezza di un diario di attività fisica. Inoltre, l analisi del monitoraggio del dispendio energetico può essere usata per discutere col paziente se i target di attività fisica sono stati raggiunti e per programmare insieme i passi successivi da raggiungere, allo scopo di aumentare l aderenza a lungo termine a una regolare attività fisica 43. Approccio ambientale Gli interventi di attività fisica di gruppo o individuali, sebbene molto utili, difficilmente portano un cambiamento vero nella popolazione. L attività fisica è influenzata da molti fattori che includono fattori intra- e interpersonali, regolamenti e condizioni ambientali 44. Idealmente gli interventi di promozione dell attività fisica dovrebbero controllare tutte le variabili, ma questo non è sempre possibile a causa della complessità e del costo di tali approcci. Alcuni semplici interventi ambientali hanno dimostrato significativi effetti sui livelli di attività fisica. Un esempio è il programma point of decision prompts. Questo può essere organizzato con dei cartelli posti vicino agli ascensori per motivare le persone a scegliere di usare le scale invece dell ascensore. Questa è una sola componente di un intervento teoricamente molto complesso in cui il collocamento dell avviso

7 Strategie cognitivo-comportamentali per incoraggiare l uso dell attività fisica nello stile di vita delle persone con diabete 135 è l unico intervento sull attività fisica. Kahn et al. hanno rivalutato l uso di questi interventi nel 2002, notando inizialmente che i livelli base dell uso delle scale erano bassi, con solo un 12% circa di potenziali partecipanti che le usavano 45. Con la presenza dei cartelli l aumento medio nell uso delle scale saliva al 53,9% 45. Una sistematica revisione della letteratura è stata condotta per determinare l impatto di interventi complessi sociali e ambientali sull attività fisica e sui comportamenti alimentari 46. Un classico approccio multicomportamentale è il modello di intervento del programma di prevenzione del diabete USA (DPP) 47 e dello studio di prevenzione del diabete finlandese (FPS) 48. Il DPP ha incluso una iniziale fase di intervento di durata di 24 settimane, che includeva le seguenti componenti: 16 sessioni di auto-gestione di auto-comportamento, classi di attività sorvegliate fornite due volte alla settimana, un istruttore che gestiva incontri almeno ogni 2 mesi e accesso a uno staff di supporto sullo stile di vita, come dietologi, esperti nel comportamento e specialisti dell attività motoria. La fase di mantenimento poi coinvolgeva l incontro dei partecipanti con i loro istruttori ogni due mesi, tramite una chiamata telefonica. L intervento del FPS era meno intenso rispetto al DPP e consisteva in consulenze individuali associate a classi strutturate di attività fisica e passeggiate di gruppo 48. Entrambi gli studi erano disegnati con lo scopo di raggiungere la massima potenzialità di cambiamento dello stile di vita, ed entrambi raggiungevano tale obiettivo con successo. Nel DPP il 75% dei partecipanti all intervento ha raggiunto l obiettivo di almeno 150 minuti di attività fisica settimanale 47, nel FPS l 86% dei volontari del gruppo di intervento ha raggiunto l obiettivo di più di 240 minuti a settimana 48. In realtà, l applicabilità di questi interventi nella pratica quotidiana è difficilmente proponibile. Però molto possiamo apprendere dal disegno di questi interventi. Entrambi gli interventi presentavano componenti multiple, includendo possibilmente tutti i potenziali elementi che si erano dimostrati promuovere il cambiamento comportamentale verso l esercizio fisico. Entrambi erano centrati su un modello individuale di trattamento e sullo sviluppo di capacità cognitivo-comportamentali, raccomandati anche dalla maggior parte di rassegne sull attività fisica. Conclusioni e progetto Io Muovo la Mia Vita Il cambiamento di comportamento nei confronti dell esercizio fisico è complesso. I cambiamenti a breve termine dei livelli di attività fisica sono raggiungibili attraverso interventi come pedometri basati su programmi, suggerimenti nelle scelte, consulenza per l attività fisica e classi strutturate di esercizio. Il cambiamento a lungo termine è più difficile da raggiungere e non è stato ancora ben studiato. Un limitato numero di ricerche suggerisce che le seguenti componenti sono necessarie a promuovere e mantenere il cambiamento comportamentale a lungo termine: sviluppo di capacità cognitivo-comportamentali, supporto continuativo e approccio individualizzato. Per mettere in atto e mantenere il cambiamento della popolazione verso l attività fisica, saranno richiesti interventi a livelli più complessi. In generale c è la necessità di essere molto più focalizzati sulla ricerca nell area del miglioramento dell adesione a un programma di attività fisica in persone con insulino-resistenza e DM2. Aree che sarà necessario approfondire sono: 1) esaminare la validità dei modelli attuali di cambiamento comportamentale e dello sviluppo di nuovi modelli di guida per la promozione dell attività fisica; 2) studi con una maggior durata. In particolare, interessa se i cambiamenti comportamentali vengono mantenuti nel tempo una volta che gli interventi vengono interrotti, mettendo quindi in discussione la necessità di un intervento continuo per mantenere il cambiamento comportamentale; 3) molti studi hanno dimostrato che gli interventi di consulenza per l attività fisica sono efficaci per promuovere e mantenere l attività fisica per un periodo maggiore di due anni. Comunque, prestare questo tipo di intervento alle persone può essere dispendioso, in tempo e denaro. Possiamo prestare questi interventi usando altri metodi, come computer o siti web, materiale scritto, sessioni di gruppo; 4) studi diretti ad accrescere la quantità d attività fisica svolta tra coloro che si occupano di promuovere la salute e programmi di attività fisica che coinvolgono pazienti con diabete e medici diabetologi; 5) pedometri e interventi nelle scelte sembrano dare incrementi nell attività fisica rapidi ma non duraturi. A questo riguardo la tecnologia attuale mette a disposizione sensori del dispendio energetico con lettura istantanea e allarmi per gli obiettivi che potrebbero essere un approccio promettente. Nei prossimi anni sarà valutata l efficacia della trasmissione automatica dei valori di dispendio energetico depositati da questi dispositivi in un diario web accessibile ai medici, che potrebbero supportare i loro pazienti con ; 6) uso dei media per convincere le persone obese sedentarie a usare strategie pubblicitarie, e far testimoniare persone che, grazie al miglioramento dello stile di vita, hanno avuto la possibilità di percepire in prima persona i vantaggi che si ottengono in termini di qualità di vita grazie all attività fisica. In quest ultima prospettiva si colloca il progetto sperimentale in corso che si chiama Io Muovo la Mia Vita (www.iomuovolamiavita.diabeteitalia.it). Promotori dell iniziativa sono Diabete Italia con il Gruppo Attività Fisica e il Centro Marathon del dott. Gabriele Rosa. L obiettivo è quello di sensibilizzare l opinione pubblica sull efficacia dell attività fisica aerobica per curare obesità e DM2. Gli strumenti utilizzati sono i media (stampa, TV, sito web di Diabete Italia) per raccontare una sfida che dura un anno: un gruppo di persone con solo obesità o con obesità e DM2, e i loro medici, partendo da zero comincia sotto la guida di uno dei più grandi esperti al mondo di maratona (dott. Gabriele Rosa di Brescia) un programma che li porterà attraverso tappe intermedie (10 km a marzo, 21 km a giugno) a tentare di completare la maratona di Milano (ottobre 2007).

8 136 D. Battistini et al. L impresa maratona viene proposta per attirare l interesse dell opinione pubblica e far passare il messaggio che tutti possono ritenere fattibile: Una moderata attività fisica come camminare 4-5 km al giorno, tutti i giorni, serve a curare obesità e diabete. Quindi la maratona è solo una scusa per valorizzare l attività fisica compatibile con lo stato di obesità e DM2. La sfida maratona servirà anche a rinforzare da un punto di vista emotivo la convinzione che chi si impegna, grazie alla costanza, può ottenere risultati impensabili. Nella sfida i medici non sono spettatori passivi ma si mettono in gioco al pari dei loro pazienti per testimoniare al meglio che credono nella validità del messaggio. Sono coinvolti 18 Centri Diabetologici universitari, ospedalieri e territoriali distribuiti in modo omogeneo in tutta Italia. Ogni centro partecipa con 3 persone: 1 medico, 1 soggetto con obesità viscerale e 1 con DM2 (di durata 1-5 anni), in più parteciperanno come testimonial Dario Laruffa, giornalista conduttore del TG2 RAI e lo scrittore Giannermete Romani che sta curando la stesura di un libro su tutta la storia. L età dei partecipanti è compresa tra 20 e 65 anni. In totale si inizia con 56 persone seguite per la preparazione atletica dal Centro Marathon di Brescia con test da sforzo e curva acido lattico. A inizio e fine esperienza sono determinati la composizione corporea e i principali fattori di rischio cardiovascolare. Inoltre, per tutta la durata del progetto, il gruppo viene seguito attraverso un sostegno pedagogico che si avvale dell approccio narrativo-autobiografico come utile strumento per analizzare e descrivere meglio le emozioni e i vissuti dei partecipanti. Da un punto di vista del counseling per l attività fisica, i partecipanti al progetto (tranne qualche medico) sono classificabili negli stadi di cambiamento 2 e 3 della tabella 1: stadio contemplativo (la maggior parte) o in preparazione (una minoranza). La novità delle strategie per indurre la modifica del comportamento sperimentate per la prima volta con il progetto Io Muovo la Mia Vita sono l uso dell approccio narrativo-autobiografico, finora utilizzato per favorire l accettazione di una condizione patologica, e la visibilità data ai singoli partecipanti, ciascuno dei quali è testimonial del progetto nella sua area geografica. L approccio autobiografico inserito nel progetto Io Muovo la Mia Vita permette un rafforzamento ulteriore di quelli che sono gli scopi del progetto stesso: conoscenza, consapevolezza, azione e, infine, cooperazione. La persona, scrivendo di sé, raggiunge una maggior consapevolezza della sua condizione psicofisica, potendo esprimere e fissando sulla carta la propria esperienza. Nella sua apparente semplicità, il fatto di scrivere di sé e ascoltare le storie e i vissuti degli altri, genera apprendimenti significativi e permette di fissare i cambiamenti in corso condividendoli con altre persone che vivono e attraversano la stessa esperienza. In ogni incontro di gruppo avviene che ciascuno, attraverso la narrazione e la scrittura, dona una piccola parte di sé agli altri, favorendo la conoscenza reciproca e la condivisione dei vissuti e delle emozioni legate all esperienza del progetto Io Muovo la Mia Vita, quali paura, inadeguatezza, entusiasmo, pessimismo, sofferenza. Questo crea una grandissima solidarietà. La consapevolezza di essere un gruppo, fa sì che l essere insieme non venga mai meno, che ciascuno si prenda cura di sé ma anche dell altro, che l ottimismo ma anche la fatica e la paura di non farcela diventino patrimonio collettivo da affrontare e gestire insieme. In Io Muovo la Mia Vita la scrittura autobiografica dà esperienza di riflessività e raccoglimento personale, si fa dunque narrazione da leggere e condividere in gruppo, fino a diventare testimonianza collettiva. E proprio la responsabilizzazione dei partecipanti con una valenza non solo privata ma pubblica aumenta fortemente l adesione all attività fisica e al gruppo. La forza di questo strumento educativo, è proprio quella di fissare con la scrittura le tappe del percorso, per valorizzarlo, per non dimenticare, per testimoniare anche al di fuori e oltre l obiettivo maratona che cambiare è possibile e che questo cambiamento può migliorare la propria vita. Infatti, se è prevedibile che non tutti ce la faranno a completare i 42 km della maratona, è altrettanto sicuro che tutti ci proveranno a cambiare la loro vita di sedentari, in quanto si sentono al centro della gestione del loro problema di obesità o di diabete. Per approfondire questi aspetti è utile la lettura delle impressioni dei partecipanti raccolte attraverso la scrittura autobiografica nel sito web del progetto: Nota: per un aggiornamento sul progetto Io Muovo la Mia Vita vedi pag Bibliografia 1. Web site: pa/en/index.html 2. Hossain P, Kawar B, El Nahas M. Obesity and diabetes in the developing world A growing challenge. N Engl J Med 2007; 356: Pate R, Pratt M, Blair S, Haskell W, Macera C, Bouchard C. Physical activity and public health: a recommendation from the Centers for Disease Control and Prevention and the American College of Sports Medicine. JAMA 1995;273: Chief Medical Office. At least five a week: Evidence of the impact of physical activity and it s relationship to health: Waterloo, UK: Department of Health, Becher MH, Maiman LA. Sociobehavioural determinants of compliance with health care and medical care recommendations. Medical Care 1975;13: Rodgers RW. A protection motivation theory of fear appeals and attitude change. J Psychol 1975;91: Bandura A. Towards a unifying theory of behaviour change. Psychol Rev 1977;84: Fishbein M, Ajzen I. Belief, attitude, intention and behavior. NY: Addison-Wesley Bandura A. Social cognitive theory. In: Vasta R, ed. Annals of child development. Greenwich, CT: Jai Press LTD 1989, vol 6, pp Proshaska JO, Marcus BH. The transtheoretical model: application to exercise. In: Dishman R, ed. Advances in exercise adherence. Georgia: Human Kinetics 1994, pp Marshall SJ, Bidddle SJH. The transtheoretical model of behaviour change: A meta-analysis of applications to physical activity and exercise. Ann Behav Med 2001;23: Chun-Ja K, Ae-Ran H, Ji-Soo Y. The impact of a stage matched intervention to promote exercise behaviour in participants with type 2 diabetes. Int J Nurs Stud 2004;41:

9 Strategie cognitivo-comportamentali per incoraggiare l uso dell attività fisica nello stile di vita delle persone con diabete Mau MK, Glanz K, Severino R, Grive JS, Johnson B, Curb JD. Mediators of lifestyle behaviour change in Native Hawaiians: Initial findings from the Native Hawaiian Diabetes Intervention Program. Diabetes Care 2001;24: Kirk A, Mutrie N, MacIntyre P Fisher M. Effects of a 12-month physical activity counselling intervention on glyceamic control and on the status of cardiovascular risk factors in people with type 2 diabetes. Diabetologia 2004;47: Rollnick S, Mason P, Butler C. Health behaviour change. London: Churchill Livingstone American College of Sports Medicine. Exercise and type 2 diabetes. Med Sci Sports Exerc 2000;32: Hasler T, Fisher BM, MacIntyre PD, Mutrie N. Exercise consultation and physical activity in patients with type 1 diabetes. Prac Diab Int 2000;17: Kirk AF, Higgins LA, Hughes AR, Fisher BM, Mutrie N, Hillis S et al. A randomised controlled trial to study the effect of exercise consultation on the promotion of physical activity in people with type 2 diabetes: A pilot study. Diabetic Med 2001;18: Ji-Soo Y, Ae-Ran H, Hyun-Chul L, Chun-Ja K. Development and validation of a computerized exercise intervention programme for patients with type 2 diabetes mellitus in Korea. Yonsei Med J 2003;44: King A. Interventions to promote physical activity by older adults. Journal of Gerontology 2001;56: Miller W, Rollnick S. Motivational interviewing: Preparing people to change addictive behavior. New York: The Guilford Press Smith DE, Heckemeyer CM, Kratt PP, Manson DA. Motivational interviewing to improve adherence to a behavioural weightcontrol program for older obese women with NIDDM. Diabetes Care 1997;20: Harland J, White M, Drinkwater C, Chinn D, Farr L, Howel D. The Newcastle exercise project: a randomised controlled trial of methods to promote physical activity in primary care. BMJ 1999;319: Loughlan C, Mutrie N. Conducting an exercise consultation: Guidelines for health professionals. J Inst Health Educ 1995;33: Rollnick S, Butler CC, McCambridge J, Kinnersley P, Elwyn G, Resnicow K. Consultations about changing behaviour. BMJ 2005;331: Wells KB, Lewis CE, Leake B, Ware JE Jr. Do physicians preach what they practice? A study of physicians health habits and counseling practices. JAMA 1984;252: The Writing Group for the Activity Counseling Trial research Group. Effects of physical activity counseling in primary care. The Activity Counseling Trial: A randomized controlled trial. JAMA 2001;286: Calfas KJ, Long BJ, Sallis JF, Wooten WJ, Pratt M, Patrick K. A controlled trial of physician counseling to promote the adoption of physical activity. Prev Med 1996;25: Stevens W, Hillsdon M, Thorogood M, McArdle D. Cost effectiveness of a primary care based physical activity intervention in year old men and women: a randomised controlled trial. Br J Sports Med 1998;32: Loughlan C, Mutrie N. An evaluation of the effectiveness of the three interventions in promoting physical activity in a sedentary population. Health Education Journal 1997;65: Lowther M, Mutrie N, Scott EM. Promoting physical activity in a socially and economically deprived community: 12 month randomised control trial of fitness assessment and exercise consultation. J Sports Sci 2002;20: Di Loreto CD, Fanelli C, Lucidi P, Murdolo G, Cicco A, Parlanti N et al. Validation of a counselling strategy to promote the adoption and the maintenance of physical activity by type 2 diabetic subjects. Diabetes Care 2003;26: Di Loreto CD, Fanelli C, Lucidi P, Murdolo G, Cicco A, Parlanti N et al. Make your diabetic patients walk: Long term impact of different amounts of physical activity on type 2 diabetes. Diabetes Care 2005;28: Kirk A, King V, Ednie H. Long term adherence to a community based phase IV cardiac rehabilitation programme. Journal of Sports Science 2005;abstract book: Fritz T, Rosenqvist U. Walking for exercise immediate effects on blood glucose levels in type 2 diabetes. Scan J Prim Health Care 2001;19: Walker KZ, Piers LS, Putt RS, Jones JA, O Dea K. Effects of regular walking on cardiovascular risk factors and body composition in normoglycemic women and women with type 2 diabetes. Diabetes Care 1999;22: Yamanouchi K, Shinozaki T, Chikada K, Nishikawa T, Katsunori S, Shimozu S et al. Daily walking combined with diet therapy is a useful means for obese NIDDM patients not only to reduce body weight but also to improve insulin sensitivity. Diabetes Care 1995;18: Gregg EW, Gerzoff RB, Caspersen CJ, Williamson DF, Narayan V. Relationship of walking to mortality among US adults with diabetes. Arch Intern Med 2003;163: Tudor-Locke C, Bell RC, Myers AM, Harris SB, Ecclestone NA, Lauzon N et al. Controlled outcome evaluation of the First Steps Program: a daily physical activity intervention for individual with type II diabetes. Int J Obes Relat Metab Disord 2004;28: Mutrie N, Galloway L, MacDonald P, McDonald S. Will pedometers help people maintain the walking habit? Journal of Sports Science 2005;23: Baker G, Mutrie N. Are pedometers useful motivational tools for increasing walking in sedentary adults? walk21_ch/zurich_proceedings/baker.pdf [online] Mignault D, St-Onge M, Karelis AD, Allison DB, Rabasa-Lhoret R. Evaluation of the portable Healthwear Armband a device to measure total daily energy expenditure in free-living type 2 diabetics individuals. Diabetes Care 2005;28: De Feo P, Di Loreto C, Ranchelli A, Fatone C, Miccio M, Gambelunghe G et al. Alternative indicators of metabolic control. Diabetes Res Clin Pract 2006;74:S Sallis J, Owen N. Ecological models of health behavior. In: Glanz K, Lewis F, Rimer B, eds. Health behaviour and health education. 3 rd ed. San Francisco: Jossey-Bass 2002, pp Kahn, EB, Ramsey LT, Brownson RC, Heath GW, Howze EH, Powell KE et al. The effectiveness of interventions to increase physical activity. American Journal of Preventive Medicine 2002;22: Dyann M, Matson-Koffman DM, Brownstein N, Jennifer A, Neiner M, Greaney A. Site-specific literature review of policy and environmental interventions that promote physical activity and nutrition for cardiovascular health: What works? Am J Health Promot 2005;19: Diabetes Prevention Program Research Group. Reduction in the incidence of type 2 diabetes with lifestyle intervention or metformin. N Engl J Med 2002;346: Tuomilehto J, Lindstrom J, Eriksson JG, Valle T, Hamalainen H, Ilanne-Parikka P. Prevention of type 2 diabetes mellitus by changes in lifestyle among subjects with impaired glucose tolerance. N Engl J Med 2001;344:

L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2

L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2 L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2 Bologna 22 febbraio 2014 Ida Blasi Diabetologia & Metabolismo U.O. C. di Medicina Interna Direttore: Stefano Bombarda Ospedale

Dettagli

ATTIVITÀ FISICA E ALIMENTAZIONE NELLA PREVENZIONE E CURA DEL DIABETE Santa Maria di Sala, 3 novembre 2013

ATTIVITÀ FISICA E ALIMENTAZIONE NELLA PREVENZIONE E CURA DEL DIABETE Santa Maria di Sala, 3 novembre 2013 ATTIVITÀ FISICA E ALIMENTAZIONE NELLA PREVENZIONE E CURA DEL DIABETE Santa Maria di Sala, 3 novembre 2013 Ester Vitacolonna Università «G. d Annunzio» Chieti- Pescara Salute: "Uno stato di completo benessere

Dettagli

IL FITNESS METABOLICO

IL FITNESS METABOLICO Esercizio fisico e fattori di rischio cardiovascolari : dalla teoria alla pratica IL FITNESS METABOLICO Dott.ssa C. Baggiore L'esercizio fisico è parte integrante del piano di trattamento del Diabete Mellito.

Dettagli

IL PARERE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE LA MOTIVAZIONE ALL ATTIVITA FISICA. Donato Zocchi MMG

IL PARERE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE LA MOTIVAZIONE ALL ATTIVITA FISICA. Donato Zocchi MMG IL PARERE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE LA MOTIVAZIONE ALL ATTIVITA FISICA Donato Zocchi MMG La medicina perfetta Proviamo a sognare e immaginiamo la medicina perfetta per il diabete o ancora meglio

Dettagli

La promozione dell attività fisica. Relazione epidemiologica

La promozione dell attività fisica. Relazione epidemiologica La promozione dell attività fisica Relazione epidemiologica Fabio Voller Osservatorio di Epidemiologia Agenzia Regionale di Sanità Toscana fabio.voller@ars.toscana.it Agenzia regionale di sanità della

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI Si definisce capacità aerobica la capacità dell individuo di svolgere un lavoro di intensità moderata utilizzando il meccanismo aerobico, che sfrutta i grassi e i carboidrati

Dettagli

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol Introduzione La dislipidemia è ampiamente noto essere uno dei più importanti fattori di rischio cardiovascolari. Molto si è scritto in letteratura negli ultimi anni a proposito della riduzione di questo

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma DOTT.SSA CINZIA CIANFROCCA Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma PREVENIRE E MEGLIO CHE CURARE: LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE

Dettagli

Esercizio fisico nel diabetico 29 gennaio 2011

Esercizio fisico nel diabetico 29 gennaio 2011 Esercizio fisico nel diabetico 29 gennaio 2011 Dr.ssa C. Baggiore 20 dicembre 2006 DPP: prevenzione del diabete in soggetti ad alto rischio per la malattia N = 3234 IFG e IGT, senza diabete 40 Placebo

Dettagli

SPORT E SALUTE Prevenire per contenere i costi Torino, 12 luglio 2014

SPORT E SALUTE Prevenire per contenere i costi Torino, 12 luglio 2014 CONVEGNO SPORT E SALUTE Prevenire per contenere i costi Torino, 12 luglio 2014 DANNI DELLA SEDENTARIETA E BENEFICI DELL ESERCIZIO FISICO dr. Giuseppe PARODI Responsabile S.S. Medicina dello Sport / Centro

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER "ATTIVITÀ FISICA"?

CHE COSA SI INTENDE PER ATTIVITÀ FISICA? LA SALUTE La salute viene definita dall'o.m.s. come "uno stato di equilibrio bio-chimico, psico-fisico ed affettivo-relazionale". Quando tutte queste componenti sono in equilibrio, allora si può affermare

Dettagli

L attività fisica per guadagnare Salute

L attività fisica per guadagnare Salute ADCS Associazione Diabetici Camuno Sebina L attività fisica per guadagnare Salute edizione 2012 in collaborazione con Città di Darfo Boario Terme Comune di Lovere Comune di Rogno L ATTIVITÀ FISICA PER

Dettagli

PROFADIA ASL di MILANO

PROFADIA ASL di MILANO PROFADIA ASL di MILANO Background La patologia diabetica mostra una chiara tendenza, in tutti i paesi industrializzati, ad un aumento sia dell incidenza sia della prevalenza. L accresciuta prevalenza nel

Dettagli

Risk factors for deaths

Risk factors for deaths App per il consumatore: la nuova frontiera dell etichettatura Prof. Alessandro Casini Nutrizione Clinica, AOUCareggi Università di Firenze Risk factors for deaths Prevalence of overweight (BMI>25 kg/m

Dettagli

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali Six randomised controlled trials were included in the review. Because of the differences in patient characteristics, interventions and outcomes between the studies, it was not possible to perform a meta-analysis.

Dettagli

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG)

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG) CORSO ACTIVE DOCTORS ACTIVE PEOPLE: ATTIVITÀ/ESERCIZIO FISICO COME PRESCRIZIONE MEDICA? Milano, 3 dicembre 2011 L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio

Dettagli

FARE MOVIMENTO. Risultati PASSI 2007-2009 ASLCN1 STILI DI VITA E MALATTIA. Risultati PASSI 2007\2009 ASLCN1

FARE MOVIMENTO. Risultati PASSI 2007-2009 ASLCN1 STILI DI VITA E MALATTIA. Risultati PASSI 2007\2009 ASLCN1 STILI DI VITA E MALATTIA Dott.ssa Alessandra Ardizzone Medicina Interna Ospedale di Fossano Dipartimento di Medicina Antiinvalidante Risultati PASSI 2007-2009 ASLCN1 278.000 residenti di età 18-69 anni

Dettagli

Autocontrollo e tecnologie nell esercizio fisico stru1urato: Calcolo del consumo calorico. Vincenzo Paciotti

Autocontrollo e tecnologie nell esercizio fisico stru1urato: Calcolo del consumo calorico. Vincenzo Paciotti Autocontrollo e tecnologie nell esercizio fisico stru1urato: Calcolo del consumo calorico Vincenzo Paciotti L autocontrollo può perme1ere alla persona con DM2 di : a. affrontare modificazioni dell'alimentazione

Dettagli

Attività Fisica. Alberto Arlotti. Regione Emilia-Romagna Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Servizio Sanità Pubblica

Attività Fisica. Alberto Arlotti. Regione Emilia-Romagna Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Servizio Sanità Pubblica Attività Fisica Alberto Arlotti Regione Emilia-Romagna Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Servizio Sanità Pubblica Inattività Fisica fattore di rischio inafferrabile Luogo Oggetto Quantità???

Dettagli

DESG Teaching Letter 1

DESG Teaching Letter 1 DESG Teaching Letter 1 IPOGLICEMIZZANTI ORALI I pazienti affetti da diabete mellito non-insulino-dipendente sono generalmente meno informati e meno motivati sul trattamento del loro disturbo metabolico

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Mente sana in un corpo sano. Come sempre, la saggezza antica non commette errori: camminare, andare in bicicletta, passeggiare,

Dettagli

LO STILE DI VITA PER IL DIABETE MELLITO TIPO 2. Andrea Pizzini

LO STILE DI VITA PER IL DIABETE MELLITO TIPO 2. Andrea Pizzini LO STILE DI VITA PER IL DIABETE MELLITO TIPO 2 Andrea Pizzini STORIA DEL DIABETE TIPO 2 Funzione della β-cellula (%) 100 80 60 40 20 0 IFG - IGT -12-10 -8-6 -4 Anni dalla diagnosi Diagnosi di Diabete -2

Dettagli

Medicina di Genere in Diabetologia

Medicina di Genere in Diabetologia Medicina di Genere in Diabetologia Valeria Manicardi Direttore Unità Internistica Multidisciplinare Osp. Montecchio. Coordinatore Diabetologia Interaziendale AUSL di Reggio Emilia La Medicina di Genere

Dettagli

Come fare attività fisica nella vita quotidiana

Come fare attività fisica nella vita quotidiana Come fare attività fisica nella vita quotidiana 1 OMS - Regional Office for Europe Cammino e bicicletta http://www.euro.who.int/eprise/main/who/progs/trt /modes/20021009_1 In Europa la maggior parte degli

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

Can virtual reality help losing weight?

Can virtual reality help losing weight? Can virtual reality help losing weight? Can an avatar in a virtual environment contribute to weight loss in the real world? Virtual reality is a powerful computer simulation of real situations in which

Dettagli

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna La frutta secca, un alternativa alimentare ideale Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna Cos è la frutta secca Frutti oleosi (noci, nocciole, mandorle, ecc) (in

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2290 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Istituzione delle figure professionali di esperto in scienze delle

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

Epidemiologia dell obesità

Epidemiologia dell obesità Epidemiologia dell obesità Obesità Paradossalmente,visto il grado di malnutrizione esistente sul pianeta, l obesità costituisce oggi uno dei problemi di salute pubblica più visibile e tuttavia ancora

Dettagli

ALIMENTI, MENTI E MOVIMENTI: PERCORSI DI CAMBIAMENTO NEL SETTING FAMIGLIA

ALIMENTI, MENTI E MOVIMENTI: PERCORSI DI CAMBIAMENTO NEL SETTING FAMIGLIA PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2005-2006 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2005-2006 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 284-28.11.05 BURP 13 30.03.06) ALIMENTI, MENTI E MOVIMENTI:

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2012

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2012 PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2012 DATI GENERALI DEL PROGETTO TITOLO: Counseling motorio ed Attività Fisica Adattata quali azioni educativo-formative per ridefinire il percorso terapeutico e migliorare

Dettagli

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE Lo screening e il trattamento della depressione. Quali sono le strategie più convenienti? Recentemente, due articoli e un editoriale sono apparsi sul British Medical Journal per discutere dei programmi

Dettagli

Consapevolezza nel dichiarare le volontà: la prospettiva del medico di medicina generale

Consapevolezza nel dichiarare le volontà: la prospettiva del medico di medicina generale Consapevolezza nel dichiarare le volontà: la prospettiva del medico di medicina generale Dott.Marco Clerici Medico di medicina generale 12 settembre 2015 Direttive anticipate: distinzione Direttive anticipate

Dettagli

Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini

Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini Università dell età libera 2014-2015 Conferenze di informazione salute e movimento Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini Indice INTRODUZIONE 23 ore e mezzo L ATTIVITA FISICA IL NORDIC WALKING

Dettagli

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale L audit come strumento di implementazione delle linee guida sulla gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Storia naturale

Dettagli

Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre

Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre Dr. Marisa Conte MODIFICHE METABOLICHE DURANTE LA GRAVIDANZA Lattogeno placentare Compenso

Dettagli

Precontemplazione. Mantenimento Contemplazione

Precontemplazione. Mantenimento Contemplazione LA RUOTA DEL CAMBIAMENTO (Prochaska J., Di Clemente C., 1980) Precontemplazione Mantenimento Contemplazione Azione Determinazione o Preparazione TEORIA DEGLI STADI DEL CAMBIAMENTO (Prochaska J., Di Clemente

Dettagli

MONITORAGGIO DELLO STILE DI VITA DEL MEDICO E DEI PROPRI PAZIENTI. Milano, II congresso nazionale Medico Cura te Stesso 4-5 Marzo 2010

MONITORAGGIO DELLO STILE DI VITA DEL MEDICO E DEI PROPRI PAZIENTI. Milano, II congresso nazionale Medico Cura te Stesso 4-5 Marzo 2010 MONITORAGGIO DELLO STILE DI VITA DEL MEDICO E DEI PROPRI PAZIENTI Milano, II congresso nazionale Medico Cura te Stesso 4-5 Marzo 2010 Roberto Perissin Amministratore Delegato Sensormedics Italia Srl, Terapista

Dettagli

Shift work and chronic disease: the epidemiological evidence

Shift work and chronic disease: the epidemiological evidence Shift work and chronic disease: the epidemiological evidence X-S. Wang, M. E. G. Armstrong, B. J. Cairns, T. J. Key and R. C. Travis Cancer Epidemiology Unit, University of Oxford, Oxford, UK. Occupational

Dettagli

Prevenire e curare diabete mellito tipo 2 e obesità con l esercizio fisico e il miglioramento dello stile di vita

Prevenire e curare diabete mellito tipo 2 e obesità con l esercizio fisico e il miglioramento dello stile di vita Prevenire e curare diabete mellito tipo 2 e obesità con l esercizio fisico e il miglioramento dello stile di vita Progetto per Fondazione Giulio Loreti Onlus Pierpaolo De Feo, Paolo Brunetti Messaggi Chiave

Dettagli

Il consiglio dell operatore sanitario

Il consiglio dell operatore sanitario Il consiglio dell operatore sanitario I programmi di prevenzione sono oggi sempre più articolati e vedono il coinvolgimento di un numero sempre più ampio ed eterogeneo di soggetti. In un approccio intersettoriale,

Dettagli

L OBESITÀ NELL ADULTO

L OBESITÀ NELL ADULTO Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana Centro Multidisciplinare per la Diagnosi e la Terapia dell Obesità e dei Disturbi del Comportamento Alimentare L OBESITÀ NELL ADULTO 2 SEMINARIO: L OSPEDALE PROMUOVE

Dettagli

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA L uso della bilancia impedenziometrica è consigliato ad adulti di età compresa tra 18 e 99 anni. Bambini tra 5 e 17 anni possono utilizzare la bilancia

Dettagli

La promozione del Movimento nei percorsi di cura e guarigione

La promozione del Movimento nei percorsi di cura e guarigione La promozione del Movimento nei percorsi di cura e guarigione Dott.ssa Barbara Ilari U.O. Medicina dello Sport Ausl Reggio Emilia American Cancer Society Guidelines on Nutrition and Physical Activity for

Dettagli

Fitness e risposte affettive

Fitness e risposte affettive Federazione Ginnastica d Italia C.R. Lombardia CORSO di FORMAZIONE ATTIVITA MOTORIA ED ESERCIZIO FUNZIONALE NEI GRANDI ADULTI MILANO, sabato 5 ottobre 2013 Fitness e risposte affettive Matteo Vandoni Ricercatore

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

LA PREVENZIONE. Campobasso 2 aprile 2014

LA PREVENZIONE. Campobasso 2 aprile 2014 LA PREVENZIONE Campobasso 2 aprile 2014 Antimo Aiello U.O.C. Diabetologia-Endocrinologia ASL CAMPOBASSO Da ARNO - Diabete 2011 Previsioni OMS sulla futura prevalenza del diabete mellito nelle varie regioni

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione

AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione La Clinical Governance in Diabetologia Cernobbio 8 10 ottobre 2008 Target glicemico e outcomes cardiovascolari: lo studio QUASAR e le evidenze

Dettagli

Lo stile di vita: dai grandi trial ai team diabetologici

Lo stile di vita: dai grandi trial ai team diabetologici AUTORE Claudio Tubili Mauro Rossini Maria Grazia Carbonelli Direttivo Regionale ADI Lazio Titolo Relazione Lo stile di vita: dai grandi trial ai team diabetologici campione durata - RR(%) Malmo, 1991 181

Dettagli

L attività motoria per prevenire e controllare il diabete mellito PIERO MELANDRI

L attività motoria per prevenire e controllare il diabete mellito PIERO MELANDRI L attività motoria per prevenire e controllare il diabete mellito PIERO MELANDRI CONOSCENZE STORICHE Non si può mantenersi in salute basandosi soltanto sul tipo di alimentazione, ma a questo bisogna affiancare

Dettagli

GESTIONE DI UNO STUDIO NUTRIZIONALE

GESTIONE DI UNO STUDIO NUTRIZIONALE GESTIONE DI UNO STUDIO NUTRIZIONALE Esperienze pratiche in uno studio nutrizionale e gestione della compliance Dott.ssa Tiziana Stallone Biologo nutrizionista, PhD Referente Regionale e Coordinatore della

Dettagli

PROGETTO LEONARDO Aggiornamento

PROGETTO LEONARDO Aggiornamento PROGETTO LEONARDO Aggiornamento Gennaio 2007 2 Risultati conseguiti Esiti iniziali e andamenti Riscontri Questionario rilevazione soddisfazione paziente 3 Modello attuativo Personale attualmente 30 Care

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

Dai risultati del sistema di sorveglianza OKkio alla SALUTE agli interventi di prevenzione dell obesità infantile

Dai risultati del sistema di sorveglianza OKkio alla SALUTE agli interventi di prevenzione dell obesità infantile Dai risultati del sistema di sorveglianza OKkio alla SALUTE agli interventi di prevenzione dell obesità infantile Paola Nardone 1 e Gianfranco Mazzarella 2 per il Comitato Tecnico di OKkio alla SALUTE

Dettagli

Il tumore della mammella: Stili di Vita

Il tumore della mammella: Stili di Vita Il tumore della mammella: Stili di Vita Studi in corso in Piemonte A. Pezzana SoSD Dietetica e Nutrizione clinica Presidio ospedaliero Torino Nord Emergenza San Giovanni Bosco A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria

Dettagli

LA RISTORAZIONE IN AMBIENTE DI LAVORO UNA IMPORTANTE OCCASIONE DI PREVENZIONE

LA RISTORAZIONE IN AMBIENTE DI LAVORO UNA IMPORTANTE OCCASIONE DI PREVENZIONE Convegno nazionale SIAN Vicenza 21 settembre 2012 Priorità ed aspetti emergenti della nutrizione in Italia LA RISTORAZIONE IN AMBIENTE DI LAVORO UNA IMPORTANTE OCCASIONE DI PREVENZIONE EMILIA GUBERTI Servizio

Dettagli

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA?

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Cernusco Lombardone 11-05-2013 L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Dott Ivano Baragetti Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale Bassini, Cinisello Balsamo Azienda Ospedaliera ICP Milano IN UN

Dettagli

venerdì 12 Settembre 2014 Associazione Diabetici Roma G www.associazionediabeticiromag.org Seguici su:

venerdì 12 Settembre 2014 Associazione Diabetici Roma G www.associazionediabeticiromag.org Seguici su: SELEZIONE EZIONE RASSEGNA A STAMPA venerdì 12 Settembre 2014 Associazione Diabetici Roma G www.associazionediabeticiromag.org Seguici su: 1 settembre 2014 3 settembre 2014 2 settembre 2014 Una nuova formulazione

Dettagli

Esercitazioni sul tema:

Esercitazioni sul tema: Corso di formazione: Quale EBP nei Dipartimenti di Sanità Pubblica. Analizzare, condividere, sperimentare attività efficaci Esercitazioni sul tema: Empowerment del cittadino nella prevenzione del rischio

Dettagli

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo La situazione nutrizionale e le abitudini alimentari hanno un impatto

Dettagli

La prescrizione dell esercizio fisico come farmaco

La prescrizione dell esercizio fisico come farmaco La prescrizione dell esercizio fisico come farmaco Gustavo Savino Farmacologo, Medico dello sport UO tutela della Salute nelle Attività Sportive AUSL Modena Numerose evidenze scientifiche dimostrano che

Dettagli

LA DIETA NELLE PATOLOGIE CRONICHE. Do#. Antonio Verginelli

LA DIETA NELLE PATOLOGIE CRONICHE. Do#. Antonio Verginelli LA DIETA NELLE PATOLOGIE CRONICHE Do#. Antonio Verginelli In Italia, come in tu5 i Paesi a elevato livello socio- economico, le patologie non trasmissibili sono, a#ualmente quelle che incidono maggiormente

Dettagli

COMUNE DI SAN DONATO MILANESE

COMUNE DI SAN DONATO MILANESE COMUNE DI SAN DONATO MILANESE Prevalenza passata e futura del sovrappeso nel mondo (adulti e bambini) Reproduced from the Organization for Economic Co-operation and Development. Lancet 2011;378:815-25

Dettagli

PROMOZIONE DELL ATTIVITÀ FISICA I GRUPPI DI CAMMINO. SANTO ALFONZO Direttore S.Pre.S.A.L. ASL CN1 CUNEO SAVIGLIANO MONDOVI

PROMOZIONE DELL ATTIVITÀ FISICA I GRUPPI DI CAMMINO. SANTO ALFONZO Direttore S.Pre.S.A.L. ASL CN1 CUNEO SAVIGLIANO MONDOVI PROMOZIONE DELL ATTIVITÀ FISICA I GRUPPI DI CAMMINO SANTO ALFONZO Direttore S.Pre.S.A.L. ASL CN1 CUNEO SAVIGLIANO MONDOVI Gli stili di vita rappresentano un fattore determinante della salute che può essere

Dettagli

Tra il dire e il fare. Fabio Lucidi Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione

Tra il dire e il fare. Fabio Lucidi Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione Tra il dire e il fare Fabio Lucidi Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione Cominciamo con un esempio: prevenire l Obesità è un obiettivo strategico di molte istituzioni e

Dettagli

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Firenze, 2-3 Dicembre 2011 Aula Magna del Seminario Arcivescovile Maggiore L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Mauro Vannucci Elena Tamburini Il 62% delle visite dal medico danno

Dettagli

Prove di efficacia dell attività fisica: analisi della letteratura 31/03/04 15.11

Prove di efficacia dell attività fisica: analisi della letteratura 31/03/04 15.11 Prove di efficacia dell attività fisica: analisi della letteratura 31/03/04 15.11 1 Le conoscenze storiche.. Non si può mantenersi in salute basandosi soltanto sul tipo di alimentazione, ma a questa bisogna

Dettagli

IL COUNSELING NELL APPROCCIO ALL ABUSO ABUSO E ALLA DIPENDENZA DA ALCOL

IL COUNSELING NELL APPROCCIO ALL ABUSO ABUSO E ALLA DIPENDENZA DA ALCOL Alessandria, 6 giugno 2009 IL COUNSELING NELL APPROCCIO ALL ABUSO ABUSO E ALLA DIPENDENZA DA ALCOL Le persone si lasciano convincere più facilmente dalle ragioni che esse stesse hanno scoperto piuttosto

Dettagli

Sempre in salute in bici

Sempre in salute in bici Sempre in salute in bici Giorgio Pasetto Dottore in Scienze Motorie Consigliere Comunale del Comune di Verona La nostra società ha visto nell arco degli ultimi dieci/quindici anni una evoluzione continua

Dettagli

Lo Studio DAMA. Giovanna Masala

Lo Studio DAMA. Giovanna Masala Lo Studio DAMA Giovanna Masala SC. Epidemiologia Molecolare e Nutrizionale Istituto per la Prevenzione Oncologica ISPO, Firenze g.masala@ispo.toscana.it Lo studio DAMA* è un trial randomizzato fattoriale

Dettagli

Il calcolatore di bolo nella gestione dei pazienti con diabete mellito

Il calcolatore di bolo nella gestione dei pazienti con diabete mellito Il calcolatore di bolo nella gestione dei pazienti con diabete mellito Presentazione del caso (1) Il counting dei carboidrati 1 si conferma componente essenziale nel contesto della terapia medico-nutrizionale

Dettagli

Il punto di vista del Medico di famiglia

Il punto di vista del Medico di famiglia Comprendere e tutelare i diritti dei pazienti con BPCO Il punto di vista del Medico di famiglia G. Bettoncelli Il malato è padrone e colui che lo assiste è suo servitore Antica Regola dell Ospedale Santo

Dettagli

OBESITA E STILE DI VITA Parma, 6 Maggio 2004

OBESITA E STILE DI VITA Parma, 6 Maggio 2004 OBESITA E STILE DI VITA Parma, 6 Maggio 2004 Prof. Eugenio Del Toma Presidente Onorario Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica (ADI) Obesità e.globesità epidemia del terzo millennio! L

Dettagli

Crescita sana e nutrizione nei bambini Gabriele Riccardi Cattedra di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, Università Federico II, Napoli

Crescita sana e nutrizione nei bambini Gabriele Riccardi Cattedra di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, Università Federico II, Napoli Roma, Barilla 4 maggio Center 2010 for Food & Nutrition Presentazione del position paper Crescita sana e nutrizione nei bambini Gabriele Riccardi Cattedra di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo,

Dettagli

L Attività Fisica come Farmaco

L Attività Fisica come Farmaco L Attività Fisica come Farmaco Journal of Applied Physiology 2005 Effetti dell esercizio e della dieta sulle malattie croniche (Roberts( e Barnard) Metanalisi di 424 pubblicazioni Conclusioni: Le malattie

Dettagli

per una buona salute Claudio Andreoli

per una buona salute Claudio Andreoli Alimentazione e stili di vita per una buona salute Claudio Andreoli «Uno stile di vita non corretto può aumentare il rischio di tumori o di malattie cardiache?» UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facolta

Dettagli

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell Introduzione Il diabete mellito di tipo 2 rappresenta un problema medico estremamente rilevante per l ampia diffusione della patologia e per la morbilità a essa associata. Mentre si è affermata la necessità

Dettagli

La Giunta regionale toscana è intenzionata

La Giunta regionale toscana è intenzionata 10 Toscana: Alimentazione e salute La Giunta regionale toscana è intenzionata a rafforzare il progetto di studio già in atto sul rapporto tra alimentazione e salute. Lo scopo è di monitorare i comportamenti

Dettagli

Obiettivo. Alimentazione e prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari: rassegna dell evidenza. Programma. Programma

Obiettivo. Alimentazione e prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari: rassegna dell evidenza. Programma. Programma Obiettivo Alimentazione e prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari: rassegna dell evidenza Passare in rassegna l evidenza relativa al ruolo dell alimentazione nella prevenzione primaria delle

Dettagli

Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA. Responsabile Dott. A.

Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA. Responsabile Dott. A. Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA Responsabile Dott. A. Paccagnella Una breve premessa Se sfogliamo un giornale femminile, viaggiamo

Dettagli

Come aiutare le persone a motivarsi al cambiamento

Come aiutare le persone a motivarsi al cambiamento Come aiutare le persone a motivarsi al cambiamento Valter Spiller Psicologo, Psicoterapeuta Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze ASL 3 Genova Il contributo del Counseling Motivazionale in Diabetologia

Dettagli

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4 1 Accesso Note 1-2 1. Individua i pazienti affetti da Sindrome Metabolica utilizzando l algoritmo per la diagnosi secondo l ATP III fra tutti i pazienti con BMI > 27 o affetti da uno dei disordini che

Dettagli

IL RUOLO DELL EDUCAZIONE EDUCAZIONE TERAPEUTICA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE

IL RUOLO DELL EDUCAZIONE EDUCAZIONE TERAPEUTICA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE II Convegno PREVENIRE LE COMPLICANZE DEL DIABETE: DALLA RICERCA DI BASE ALL ASSISTENZA ASSISTENZA IL RUOLO DELL EDUCAZIONE EDUCAZIONE TERAPEUTICA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE Dott. Paolo Di Berardino

Dettagli

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M.

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. Nizzoli RUOLO DEL COMPENSO GLICEMICO The Diabetes control and complications

Dettagli

Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012

Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012 Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012 Quando i fatti cambiano, io cambio il mio modo di pensare e voi cosa fate?. (Keines) Una delle prime cose da fare nella gestione del

Dettagli

La promozione dell attività fisica nel paziente in sovrappeso ed obeso nelle Cure Primarie:

La promozione dell attività fisica nel paziente in sovrappeso ed obeso nelle Cure Primarie: La promozione dell attività fisica nel paziente in sovrappeso ed obeso nelle Cure Primarie: un esperienza di counseling condotta nell Azienda Sanitaria di Cesena (2002-2003) Promoting physical activity

Dettagli

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO DIPARTIMENTO DI MEDICINA DI LABORATORIO GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E CODICE: IOP.CPOsan.09 REV 6 del 06/07/10 Pag. 1 di 5 1. SCOPO E APPLICABILITA Scopo di questa

Dettagli

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata Dipartimento delle Professioni Sanitarie Guida al percorso di assistenza nutrizionale in riabilitazione cardiologica Servizio Dietetico Responsabile: Dr.ssa Maria Luisa Masini 1. Effetti benefici di una

Dettagli

GRUPPI DI CAMMINO COMUNE DI ISEO

GRUPPI DI CAMMINO COMUNE DI ISEO GRUPPI DI CAMMINO COMUNE DI ISEO PREMESSA La pratica di attività motoria moderata e costante rappresenta uno strumento sia di prevenzione delle malattie sia di promozione della salute per ogni individuo.

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Direttore: Prof. Anna Tagliabue

Dettagli

Campagna europea 2014/2015 Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress lavoro-correlato Le Buone Pratiche

Campagna europea 2014/2015 Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress lavoro-correlato Le Buone Pratiche Campagna europea 2014/2015 Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress lavoro-correlato Le Buone Pratiche La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda.

Dettagli

MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004)

MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004) Ministero della Salute Commissione oncologica nazionale (D.M. 26.5.2004) MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004) PER UN PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE Roma, ottobre 2006

Dettagli

Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica

Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica Questo modulo è proposto in versione ridotta a scopi dimostrativi! e non rappresenta l effettiva durata del prodotto finale Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica Stefania Agrigento

Dettagli

IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA

IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA IL DIABETE IN ITALIA ASPETTI EPIDEMIOLOGICI E MODELLI ASSISTENZIALI IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA DIABETE MELLITO CONTESTO ASSISTENZIALE

Dettagli