CRONACA DI UNA SINDROME CORONARICA ACUTA ANNUNCIATA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRONACA DI UNA SINDROME CORONARICA ACUTA ANNUNCIATA"

Transcript

1 11 aprile 2011 CRONACA DI UNA SINDROME CORONARICA ACUTA ANNUNCIATA

2 Caso clinico M.B., maschio, 50 anni Motivo della visita: inviato presso l Ambulatorio di Cardiologia per controllo in paziente con recente sindrome coronarica acuta Porta in visione il foglio di dimissione del ricovero, avvenuto 1 mese prima: Diagnosi alla dimissione: Infarto miocardico acuto senza sopraslivellamento del tratto ST in sede antero-laterale, trattato mediante angioplastica coronarica percutanea con stent medicato su discendente anteriore

3 STENT vs conventional therapy in UA/NSTEMI Cochrane Database Syst Rev Mar 17;(3):CD Early invasive versus conservative strategies for unstable angina and non-st elevation myocardial infarction in the stent era. Hoenig MR, Aroney CN, Scott IA. Compared to a conservative strategy for UA/NSTEMI, an invasive strategy is associated with reduced rates of refractory angina and rehospitalization in the shorter term and myocardial infarction in the longer term. However, the invasive strategy is associated with a doubled risk of procedure-related heart attack and increased risk of bleeding and procedural biomarker leaks. Available data suggest that an invasive strategy may be particularly useful in those at high risk for recurrent events.

4 Foglio di dimissione

5 Foglio di dimissione Referto coronarografia: discendente anteriore ateromasica, mostra grossolane irregolarità di parete con stenosi critica al tratto medio, subito dopo l emergenza del II diagonale Ecocardiogramma: spessori parietali nei limiti, cinesi globale conservata (FE 50%), ipocinesia apicale, insufficienza mitralica di grado lieve, versamento pericardico assente

6 Dati anamnestici Attualmente asintomatico per angor, dispnea e cardiopalmo Anamnesi patologica remota: Tonsillectomia, appendicectomia Anamnesi fisiologica (fino al ricovero): - vita sedentaria (rappresentante, passa molte ore in macchina) - fumatore (20-30 sigarette al dì da 30 anni); attualmente fuma 15 sigarette/die - alimentazione: caffè al mattino, un panino a pranzo, cena abbondante

7 Parametri - PA = 130/80 mmhg - FC = 68 bpm ritmico - Soffio sistolico 2/6 Levine sul focolaio mitralico - Non soffi carotidei - Non segni di stasi polmonare - ECG: bradicardia sinusale; PQ nei limiti; alterazioni della fase di ripolarizzazione ventricolare in sede anterolaterale Laboratorio: Colesterolo totale 143 mg/dl HDL 45 mg/dl Trigliceridi 120 mg/dl LDL 74 mg/dl Glicemia 92 mg/dl Creatinina 1 mg/dl Funzione epatica nella norma

8 Terapia Cardioaspirin 100 mg, 1 compressa a pranzo Acido acetilsalicilico (ASA) Plavix 75 mg, 1 compressa dopo cena Clopidogrel Dilatrend 6.25 mg, 1 compressa mattina e sera Carvedilolo Crestor 10 mg, 1 compressa la sera Rosuvastatina

9 Punto di domanda: Il cardiologo prescrive ecg da sforzo al cicloergometro ed ecocardiogramma di controllo e raccomanda di continuare la terapia in atto Voi vi sareste comportati così? Siete d accordo con il cardiologo?

10 Interrogativi Vorreste fare altre domande al paziente? Vorreste visitarlo meglio? Anamnesi familiare: padre deceduto per infarto miocardico acuto all età di 53 anni, nonno paterno deceduto per infarto a 50 anni

11 Interrogativi Vorreste fare altre domande al paziente? Vorreste visitarlo meglio? Peso 86 Kg Altezza 1.75 m IMC 28 kg/m 2 (v.n.20-25) Polsi tibiali iposfigmici a destra Non soffi o masse pulsanti addominali

12 Aterosclerosi sintomatica: patologia sistemica Aterosclerosi coronarica 44.6% Malattia cerebrovascolare 16.6% Vasculopatia periferica 4.7% Bhatt DL, et al. JAMA 2006;295:180

13 Aterosclerosi sintomatica: patologia sistemica Aterosclerosi coronarica 8.4% 4.7% 1.6% Malattia cerebrovascolare 1.2% Vasculopatia periferica Il 16% di questi pazienti ha malattia polivasale sintomatica Bhatt DL, et al. JAMA 2006;295:180

14 Emerge un nuovo sintomo Interrogando meglio il paziente: egli riferisce la comparsa da circa 1 anno di dolore al polpaccio destro quando cammina il dolore compare dopo circa 400 metri e passa dopo 5 minuti di riposo

15 Claudicatio intermittens Dolore a livello del polpaccio e, meno frequentemente, a livello della coscia e del gluteo, indotto dall esercizio fisico e alleviato dal riposo Gravità dei sintomi variabile (da moderata a severa, fino al dolore a riposo) Causa: ischemia muscolare causata dalla riduzione del flusso ematico arterioso (stenosi o ostruzione vaso arterioso)

16 Claudicatio intermittens Dolore a livello del polpaccio e, meno frequentemente, a livello della coscia e del gluteo, indotto dall esercizio fisico e alleviato dal riposo Gravità dei sintomi Vasculopatia variabile (da periferica moderata a severa, fino al dolore a riposo) Causa: ischemia muscolare causata dalla riduzione del flusso ematico arterioso (stenosi o ostruzione vaso arterioso)

17 Punto di domanda: Che domande fareste per capire se si tratta di Claudicatio?

18 Come indagare la claudicatio Ha mai dolore ai muscoli delle gambe quando cammina? In quale punto avverte precisamente il dolore? Me lo indica con le mani? Di che tipo è il dolore? Tipo crampi, fitte, scosse Sente dolore alle ginocchia o alle anche? Ce l ha anche a riposo, quando è seduto o a letto? Dopo quanti metri di cammino inizia il dolore? Ad esempio da casa al supermercato o alla fermata dell autobus Se si ferma passa? E dopo quanti minuti di riposo?

19 Punto di domanda: Tua zia di 68 anni, obesa ed ipertesa, lamenta dolore al gluteo che migliora quando cammina. E sintomo di claudicatio? Un paziente maschio di 72 anni, fumatore e dislipidemico, riferisce «fitte» ai polpacci quando cammina. Le fitte a volte compaiono dopo 2 metri di cammino a volte dopo 1 km. E sintomo di claudicatio? Un paziente maschio di 50 anni, ex-fumatore, diabetico, cardiopatico ischemico, lamenta dolore al polpaccio sinistro quando cammina. Che domande fareste?

20 Claudicatio intermittens Classificazione di Fontaine Stadio Presentazione clinica I IIa IIb III IV Asintomatico Claudicatio lieve (> 200 metri) Claudicatio moderato-severa Dolore ischemico a riposo Ulcerazioni o gangrena Terapia medica Possibile intervento di rivascolarizzazione

21 Claudicatio Mortalità La mortalità dei pazienti con claudicatio intermittens è aumentata del 12%/anno Il 66% delle morti è dovuto a infarto del miocardio, il 10% a ictus Muluk SC, et al. J Vasc Surg 2001;33:251

22 Vasculopatia periferica Storia naturale Initial clinical presentation Asymptomatic PAD 20-50% Atypical leg pain 40-50% Claudication 10-35% Critical limb ischemia 1-2% 1-year outcomes 5-year CV morbidity and mortality Nonfatal CV events (MI or stroke) 20% Mortality 15-30% Alive with 2 limbs 50% Amputation 25% CV mortality 25% CV causes 75% Non CV causes 25% Modificato da: Hirsch AT, et al. J Am Coll Cardiol 2006;47:1239

23 Vasculopatia periferica Storia naturale Initial clinical presentation Asymptomatic PAD 20-50% Atypical leg pain 40-50% Claudication 10-35% Critical limb ischemia 1-2% 5-year CV morbidity and mortality Nonfatal CV events (MI or stroke) 20% Mortality 15-30% 1-year outcomes Vasculopatia periferica = equivalente di malattia coronarica poichè conferisce un rischio di sviluppare Alive with 2 limbs un evento cardiovascolare maggiore simile 50% a quello di un paziente con pregresso infarto del miocardio Amputation 25% CV mortality 25% CV causes 75% Non CV causes 25% Modificato da: Hirsch AT, et al. J Am Coll Cardiol 2006;47:1239

24 Se Se 1 anno fa al nostro paziente fossero stati fatti un anamnesi ed un esame obiettivo più approfonditi A quali ulteriori esami diagnostici avrebbe dovuto essere sottoposto? Come sarebbe stato trattato? Avremmo potuto evitargli l infarto?

25 Sliding doors What if one split second sent your life in two completely different directions? There are two sides to every story

26 Riassumendo: 1 anno fa Fattori di rischio cardiovascolare: Sesso maschile Età 49 anni (> 45 anni) Familiarità di primo (e secondo) grado per malattia cardiovascolare precoce Fumo Ipercolesterolemia? Ipertensione? Basso HDL-c? Sintomi: Claudicatio intermittens

27 Se Se 1 anno fa al nostro paziente fossero stati fatti un anamnesi ed un esame obiettivo più approfonditi A quali ulteriori esami diagnostici avrebbe dovuto essere sottoposto? Come sarebbe stato trattato? Avremmo potuto evitargli l infarto?

28 Ankle-Brachial Index (ABI) Semplice esecuzione Non invasivo Poco costoso Sensibilità 79%-95% Specificità 95%-100% Hirsch AT, et al. J Am Coll Cardiol 2006;47:1239

29 ABI = normale Stop >1.3 = incomprimibile Ecocolorodoppler arterioso arti inferiori <0.9 = patologico Terapia Hirsch AT, et al. J Am Coll Cardiol 2006;47:1239

30 ABI: un esempio DESTRA PAS omerale = 135 mmhg ATA = 130 mmhg ATP = 135 mmhg ABI = 135/140 = 0.96 SINISTRA PAS omerale = 140 mmhg ATA = 110 mmhg ATP = 105 mmhg ABI = 110/140 = 0.78 Come interpretate questo risultato?

31 Ankle-Brachial Index E un raccomandato test di screening della vasculopatia periferica Ha significato prognostico Hirsch AT, et al. J Am Coll Cardiol 2006;47:1239

32 ABI e rischio cardiovascolare (RCV) Rischio cardiovascolare a 10 anni Moderato 10-20% ABI Alto >=20% Basso <10% Inserendo l ABI nella stratificazione del rischio cardiovascolare, al 19% degli uomini ed al 36% delle donne viene attribuita una diversa categoria di rischio Fowkes FG, et al. JAMA 2008;300:197

33 ABI ed eventi cardiovascolari Mehler PS, et al. Circul 2003;107:753

34 Se Se 1 anno fa al nostro paziente fossero stati fatti un anamnesi ed un esame obiettivo più approfonditi A quali ulteriori esami diagnostici avrebbe dovuto essere sottoposto? Come sarebbe stato trattato? Avremmo potuto evitargli l infarto?

35 Altri test diagnostici? Duplex ultrasonography to detect hemodynamically significant carotid stenosis may be considered in asymptomatic patients with symptomatic PAD, coronary artery disease (CAD), or atherosclerotic aortic aneurysm, but because such patients already have an indication for medical therapy to prevent ischemic symptoms, it is unclear whether establishing the additional diagnosis of ECVD in those without carotid bruit would justify actions that affect clinical outcomes (Class of Recommendation: IIb; Level of Evidence: C) Basso livello di evidenza Il Doppler dei vasi epiaortici non modificherebbe l approccio terapeutico Brott TG, et al. Circulation 2011

36 Altri test diagnostici? Exercise testing in asymptomatic persons without known CAD: evaluation of asymptomatic men older than 45 years and women older than 55 years who are at high risk for CAD due to other diseases (e.g., peripheral vascular disease) (Class of Recommendation: IIb) Basso grado di raccomandazione Pazienti già candidati a terapia medica massimale ACC/AHA 2002 Guideline Update for Exercise Testing

37 Se Se 1 anno fa al nostro paziente fossero stati fatti un anamnesi ed un esame obiettivo più approfonditi A quali ulteriori esami diagnostici avrebbe dovuto essere sottoposto? Come sarebbe stato trattato? Avremmo potuto evitargli l infarto?

38 Terapia Rischio cardiovascolare globale Obiettivo principale: ridurre il rischio cardiovascolare (RCV) agendo sui principali fattori di rischio (FR)

39 Fattori di rischio ed equivalenti di malattia cardiovascolare Fattori di rischio: Età (M 45, F 55 ) Sesso maschile Sedentarietà Storia familiare di MCV (M <55; F <65) Fumo Basso HDL (<40 mg/dl) Ipertensione (o terapia antiipertensiva) Fattori protettivi: Alto HDL ( 60 mg/dl) Equivalenti: Insufficienza renale cronica Diabete mellito NCEP ATP III guidelines 2004

40 Diabetica Non diabetica Pressione arteriosa sistolica (mmhg) Calcolo del RCV individuale (mg/dl) anni anni anni anni anni anni (mmoll) Non fumatrice Donne Fumatrice Non fumatore Uomini Fumatore (mg/dl) Non diabetico Diabetico anni anni anni anni anni anni (mmoll) Calcolo del rischio cardiovascolare a 10 anni <5% 5-10% 10-15% 15-20% 20-30% Oltre 30%

41 Vasculopatia periferica Fattori di rischio principali Diabete Fumo sigaretta Ipertensione Ipercolesterolemia Rischio aumentato -0, Criqui MH, et al. Circulation 2005;112:2703

42 Fattori di rischio e targets Più sono i fattori di rischio maggiore è il rischio FR RCV elevato Più stringenti sono gli obiettivi terapeutici per: peso, LDL, fumo, PA, glicemia per: attività fisica, HDL-C

43 Punto di domanda: Quali sono i FR che il paziente sicuramente presentava 1 anno fa? Familiarità per MCV precoce ( non modificabile) Sedentarietà Alimentazione non adeguata ( sovrappeso) FUMO + presentava già un equivalente di malattia cardiovascolare

44 Come scegliere la terapia? Recommendations (high level of evidence) by Guidelines Effectiveness Safety Costs = appropriato = cautela = attenzione

45 Come scegliere la terapia? Recommendations (high level of evidence) by Guidelines Effectiveness Riduzione obiettivo primario (RCV) + Controllo dei FR e dei sintomi

46 Target terapeutici Paziente ad altissimo rischio Fattori di rischio Target Iario Target IIario Farmaci di scelta Raccomandazione /Evidenza Dieta IMC <25 kg/m I/B Sedentarietà Ipertensione arteriosa Aumento attività fisica giornaliera <140/90 - Dislipidemia LDL <70 mg/dl HDL >40 (M), >50 (F) Non HDL <100 mg/dl - - I/B ACE-inibitori Statine Diabete HbA1c <7% - - IIa/C Fumo Cessazione - Terapia comportamentale, terapia sostitutiva con nicotina, bupropione, vareniclina Terapia antiaggregante IMC = indice di massa corporea Non HDL: calcolato secondo la formula (Colesterolo totale-hdl) HbA1c = emoglobina glicata - - Aspirina I/A I/A IIa/B I/B I/B Mancia G, et al. Journal of Hypertension 2009, 27:2121 Grundy SM, et al. Circulation 2002;106;3143

47 Target terapeutici Paziente ad altissimo rischio Fattori di rischio Target Iario Target IIario Farmaci di scelta Raccomandazione /Evidenza Dieta IMC <25 kg/m I/B Sedentarietà Ipertensione arteriosa Aumento attività fisica giornaliera <140/90 - Dislipidemia LDL <70 mg/dl HDL >40 (M), >50 (F) Non HDL <100 mg/dl - - I/B ACE-inibitori Statine Diabete HbA1c <7% - - IIa/C Fumo Cessazione - Terapia comportamentale, terapia sostitutiva con nicotina, bupropione, vareniclina Terapia antiaggregante IMC = indice di massa corporea Non HDL: calcolato secondo la formula (Colesterolo totale-hdl) HbA1c = emoglobina glicata - - Aspirina I/A I/A IIa/B I/B I/B Mancia G, et al. Journal of Hypertension 2009, 27:2121 Grundy SM, et al. Circulation 2002;106;3143

48 Come scegliere la terapia? Dieta Riduzione RCV Cessazione fumo Attività fisica Ipolipemizzanti (statine) Anti-aggreganti (aspirina) Anti-ipertensivi (ACE-I)

49 Come scegliere la terapia? Recommendations (high level of evidence) by Guidelines Effectiveness Safety Costs Riduzione obiettivo primario (RCV) + Controllo dei FR e dei sintomi Patologie concomitanti Effetti collaterali Interazione tra farmaci Metabolismo Costi

50 Come scegliere la terapia? Insufficienza renale, disturbi GI Effetti collaterali Interazione tra farmaci Costi

51 Come scegliere la terapia? Insufficienza renale, disturbi GI Effetti collaterali Interazione tra farmaci Costi Dieta Cessazione fumo (terapia comportamentale) Attività fisica

52 Come scegliere la terapia? Insufficienza renale, disturbi GI Effetti collaterali Interazione tra farmaci Costi Dieta Cessazione fumo Attività fisica Statine Aspirina ACE-inibitori

53 Come scegliere la terapia? Riduzione RCV Insufficienza renale, disturbi GI Effetti collaterali Interazione tra farmaci Costi Dieta Cessazione fumo Attività fisica Statine Aspirina ACE-inibitori

54 Come scegliere la terapia? Un esempio: esercizio fisico Effectiveness Safety Costs Riduzione del RCV globale Correzione dei FR Miglioramento dei sintomi Sicuro Nessun costo

55 Arch Intern Med 2003, 163:

56 34% la riduzione del rischio CV associato con una modica attività fisica è confrontabile a quello del trattamento farmacologico Arch Intern Med 2003, 163:

57 Esercizio fisico: effetto sui FR Correzione dei FR: 1.Riduzione PAS 3.4 mmhg e PAD 2.4 mmhg 2. Riduzione LDL-C 5%; TG 3.7%; 3. Aumento HDL-C 4.7% 4. Riduzione A1c 0.5-1% Facilita: Cessazione del fumo a lungo termine Mantenimento della perdita di peso a lungo termine Circulation 2003;107;

58 Esercizio fisico: sintomi Follow-up 12 weeks-15 months Walking distance Exercise vs Antiplatelet therapy Leng GC, et al. Cochrane Database Syst Rev 2000

59 Un esempio: terapia antiaggregante Riduzione RCV Insufficienza renaledisturbi GI Effetti collaterali Interazione tra farmaci Costi Asa 100 mg Clopidogrel 75 mg Ticlopidina 250 mg x 2 Farmaci di scelta: I scelta: acido acetilsalicilico 100 mg/die II scelta: ticlopidina 250 mgx2/die clopidogrel 75mg/die

60 Terapia antiaggregante: quale scegliere? Hirsch et al. J Am Coll Cardiol 2006;47:1239 CAPRIE Steering Committee. Lancet 1996;348:1329

61 Un esempio: terapia antiaggregante Riduzione RCV Insufficienza renaledisturbi GI Effetti collaterali Interazione tra farmaci Costi Asa 100 mg 2.40 euro/mese Clopidogrel 75 mg euro/mese Ticlopidina 250 mg x euro/mese Farmaci di scelta: I scelta: acido acetilsalicilico 100 mg/die II scelta: ticlopidina 250 mgx2/die clopidogrel 75mg/die

62 Punto di domanda: 1 anno fa che tipo di terapia avremo scelto per il nostro paziente?

63 Caso clinico: 1 anno fa Sig.re M.B., Fumatore, forte familiarità per malattia cardiovascolare precoce, sovrappeso, vita sedentaria Diagnosi: arteriopatia obliterante periferica arti inferiori Pr/ Esercizio fisico programmato Pr/ Alimentazione qualitativamente controllata e ben distribuita Pr/ Cardioaspirin 100 mg S/ 1 compressa al giorno a stomaco pieno Pr/ statina? Pr/ ACE-inibitore?

64 Take home messages L ATEROSCLEROSI è una PATOLOGIA SISTEMICA: un attento esame obiettivo, accurata anamnesi personale e familiare sono strumenti accurati e necessari per sospettare e diagnosticare la patologia e attuare un adeguata prevenzione Il paziente con claudicatio intermittens ( ARTERIOPATIA OBLITERANTE PERIFERICA) muore per infarto miocardico o ictus È necessario trattare a target ciascun fattore di rischio cardiovascolare per ridurre la probabilità che si verifichi un EVENTO CARDIOVASCOLARE Per scegliere la terapia ci devono guidare sempre tre elementi cardine: - Effectiveness - Safety - Costs

65 Se Se 1 anno fa al nostro paziente fossero stati fatti un anamnesi ed un esame obiettivo più approfonditi A quali ulteriori esami diagnostici avrebbe dovuto essere sottoposto? Come sarebbe stato trattato? Avremmo potuto evitargli l infarto?

66 Caso clinico Dimentichiamo qualcosa nella nostra prescrizione?

67 visit Activities MODERATE ACTIVITY Ballroom and line dancing Biking on level ground or with few hills Canoeing General gardening Sports where you catch and throw (baseball, softball, volleyball) Tennis (doubles) Using your manual wheelchair Using hand cycler Walking briskly Water aerobics VIGOROUS ACTIVITY Aerobic dance Biking faster than 10 miles per hour Fast dancing Heavy gardening (digging, hoeing)hiking uphill Martial arts (such as karate) Race walking, jogging, or running Sports with a lot of running (basketball, hockey, soccer) Swimming fast or swimming laps Tennis (singles)

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

RISCHIO CARDIOVASCOLARE

RISCHIO CARDIOVASCOLARE AZIENDA SANITARIA LOCALE LANCIANO VASTO - CHIETI CORSO DI AGGIORNAMENTO AZIENDALE PER MEDICI DI MEDICINA GENERALE ANNO 2013 RISCHIO CARDIOVASCOLARE A cura di Docente MMG: dr.ssa Stefania Plessi Docente

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un ??? Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un infarto alcune informazioni utili a condurre la vita di ogni giorno con serenità e consapevolezza. Viene consegnata al momento

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Aferesi terapeutica. Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano

Aferesi terapeutica. Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano Aferesi terapeutica Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano Sommario: breve e dolce Parte 1: i dati 1 Parte 3: la lipidoaferesi 3 Colesterolo buono e colesterolo

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa 50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa Gruppi di N Domanda Risposta argomenti Sintomi 1. Ho 52 anni e sono iperteso. Ultimamente vedo meno bene e l ottico mi ha prescritto degli occhiali.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Carta del rischio cardiovascolare

Carta del rischio cardiovascolare donne diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. donne non diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. uomini

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

Aggiornamento delle linee guida europee per il trattamento dell ipertensione arteriosa:

Aggiornamento delle linee guida europee per il trattamento dell ipertensione arteriosa: L i n e e g u i d a 7 Aggiornamento delle linee guida europee per il trattamento dell ipertensione arteriosa: Giuseppe Mancia, 1 Stéphane Laurent, 2 Enrico Agabiti-Rosei, 3 Ettore Ambrosioni, 4 Michel

Dettagli

Lo scompenso cardiaco nel Veneto

Lo scompenso cardiaco nel Veneto Lo scompenso cardiaco nel Veneto A cura del Coordinamento del SER Febbraio 2010 Questo rapporto è stato redatto dal Coordinamento del Sistema Epidemiologico Regionale Hanno contribuito alla sua stesura

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche difetti del setto interatriale difetti del setto interventricolare pervietà del dotto arterioso stenosi aortica

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE luglio 14 TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE Anno 13 Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Rispetto al 5, diminuiscono malattie respiratorie

Dettagli

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ Informazioni per i Pazienti Casa di cura privata Villa Garda Casa di Cura VILLA GARDA Via Monte Baldo, 89-37016 Garda (VR) Tel. 045/6208611 - Fax 045/7256132

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA

GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA LA COLONSCOPIA: CHE COS È E PERCHÉ VIENE ESEGUITA La colonscopia è un esame che permette di visualizzare l intestino ed individuare o escludere la

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Linee guida cliniche per promuovere la cessazione dell abitudine al fumo

Linee guida cliniche per promuovere la cessazione dell abitudine al fumo Ministero della Salute Istituto Superiore di Sanità Linee guida cliniche per promuovere la cessazione dell abitudine al fumo Aggiornamento 2008 Guida breve per la realizzazione degli interventi Osservatorio

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

Linee guida cliniche per promuovere la cessazione dell abitudine al fumo. Osservatorio Fumo, Alcol e Droga

Linee guida cliniche per promuovere la cessazione dell abitudine al fumo. Osservatorio Fumo, Alcol e Droga Linee guida cliniche per promuovere la cessazione dell abitudine al fumo Osservatorio Fumo, Alcol e Droga Osservatorio Fumo, Alcol e Droga Linee guida cliniche per promuovere la cessazione dell abitudine

Dettagli

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie C o rs o d i L a u re a in In fe rm ie ris tic a Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROG E T T O DI AP P RE N DIME N T O IN AMB

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010 Linee guida AIAC 2010 per la gestione e il trattamento della FIBRILLAZIONE ATRIALE Antonio Raviele (Chairman) 1 Marcello Disertori (Chairman) 2 Paolo Alboni 3 Emanuele Bertaglia 4 Gianluca Botto 5 Michele

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope

Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope Linee guida GIAC per Volume la diagnosi 5 Numero ed il trattamento 1 Marzo della 2002sincope LAVORO ORIGINALE Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope Task Force della Sincope, Società

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale:

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIFETTI SETTALI Classificazione dei difetti settali: I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIA tipo Ostium Secundum, il più comune, con deficit

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) Indirizzo(i) LO CONTE Maurizio Viale Tigli, 20, I, 83031, Ariano Irpino - (AV) Telefono(i) +390825871118 / +390825824605 Mobile +39335415735

Dettagli

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco (G Ital Cardiol 2006; 7 (6): 387-432) 2006 CEPI Srl Per la corrispondenza: Dr. Andrea Di Lenarda S.C. di Cardiologia Università

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

L Innovazione nel trattamento delle Dislipidemie

L Innovazione nel trattamento delle Dislipidemie Direttore Scientifico: Carlo B. Giorda L Innovazione nel trattamento delle Dislipidemie Alberto Corsini, Stefano Bellosta, Carlo B. Giorda, Enzo Manzato, Gerardo Medea, Roberto Pontremoli, Massimo Uguccioni

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

IL PARERE DELL ESPERTO

IL PARERE DELL ESPERTO IL PARERE DELL ESPERTO Nei giorni più caldi e afosi dell estate, molte condizioni di disagio o malessere fisico possono essere ridotte o prevenute mediante una corretta conoscenza dei rischi e sapendo

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE La presentazione dei dati per molte ricerche mediche fa comunemente riferimento a frequenze, assolute o percentuali. Osservazioni cliniche conducono sovente

Dettagli

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari 2 marzo 2007 Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat rileva presso i cittadini

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli