Condivisione di protocolli specifici: Angioplastica primaria e Rescue

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Condivisione di protocolli specifici: Angioplastica primaria e Rescue"

Transcript

1 Unità Operativa di Cardiologia I UTIC / Area critica Ospedale San Camillo - Forlanini ROMA IL PAZIENTE CON PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE SOTTOPOSTO A TRATTAMENTO INVASIVO Condivisione di protocolli specifici: Angioplastica primaria e Rescue Raffaele Piccari

2 Background scientifico Il ruolo del professionista infermiere, alla luce della evoluzione tecnologica e clinica, ci spinge ad organizzare il nostro piano di lavoro secondo un metodo scientifico (il Problem Solving), avvalendoci di strumenti costruiti ad hoc, secondo criteri di provata efficacia basati sull evidenza scientifica, che ci debbono permettere di costruire ed applicare dei sistemi di valutazione della nostra performance Una pratica professionale fondata sull evidenza scientifica è quindi un nuovo modello di pratica clinica nel quale le decisioni assunte sono il risultato dell integrazione tra l esperienza e l utilizzo esplicito e giudizioso delle migliori evidenze scientifiche disponibili.

3

4 NURSING MANAGEMENT NURSING MANAGEMENT ANSIA DOLORE TORACICO RISCHIO DI IPOVOLEMIA RISCHIO D ARITMIA Scale VMD (Hamilton-CDS-HADS) DISIDRATAZIONE - VASODILATATORI STATI EMORRAGICI IPO-IPERCINETICHE RIDOTTA PERFUSIONE MIOCARDICA RIDOTTA PERFUSIONE CEREBRALE Obiettivo: MOBILIZZAZIONE PRECOCE, PREVENZIONE COMPLICANZE, OTTIMIZZAZIONE RISORSE

5 (1) NURSING MANAGEMENT Ansia: Al momento dell ingresso dell utente una delle prime diagnosi che deve eseguire l infermiere e l individuazione dello stato d ansia da parte dell utente sottoposto a PCI. L ansia e messa in relazione con il nuovo ambiente, l incertezza del futuro legata al fattore salute, l immobilita a letto e, inoltre, dal pericolo di vita,. L Obbiettivo dell assistenza infermieristica e quello di monitorare lo stato d ansia dell utente.

6 Hospital Anxiety and Depression Scale Scala ospedaliera dell ansia e della depressione Applicazione: sindrome depressiva, disturbi ansiosi in varie patologie Campo: Prevalentemente studi scientifici Durata: 5-15 minuti Risultati: 0-42 punti. Si ottengono due sub-scale per il sintomo di ansia e depressione con un rispettivo risultato da 0 a 21 (21 punti= massima presenza del sintomo) Ai pazienti viene chiesto di scegliere una risposta delle quattro date per ogni domanda. Dovrebbero dare una risposta immediata ed essere dissuasi dal pensare troppo a lungo alla risposta. Le domande riguardanti l ansia sono segnate con A e quelle riguardanti la depressione con D. Il punteggio per ogni risposta è dato tra parentesi prima della domanda. Zigmond AS, Snaith RP: The Hospital Anxiety and Depression scale. Acta Psychiatr Scand, 67: , 1983.

7 (1) NURSING MANAGEMENT Valutazione livelli A e D all ingresso e dopo 72 ore mediante l Hospital Anxiety and Depression Scale (HADS): Sottoscale HADS_A e HADS_D; 7 item per ognuna scala, con somma finale dei punteggi ottenuti; Livelli considerati significativi per score 8.* *Bjelland I, Dahl AA, Haug TT, Neckelmann DOG. The Validity of the Hospital Anxiety and Depression Scale. An updated literature review. J Psychosom Res 2002;52:69 77.

8 (1) NURSING MANAGEMENT Arruolati n = 115 Ansia 57% 64% 43% Score HADS_A 8 all'ingresso Score HADS_A <8 all'ingresso 36% Score HADS_D 8 all'ingresso Score HADS_D <8 all'ingresso Piccari R. et al: Cardionursing 2005 Firenze 02/05/2005

9 Risultati Arruolati n = 115 HADS Piccari R. et al: Cardionursing 2005 Firenze 02/05/2005

10 (2) NURSING MANAGEMENT DOLORE TORACICO: VALUTARE I SEGNI CLINICI DELL UTENTE ESEGUIRE ECG a 12 derivazioni Eseguire esami ematochimici quali: Emocromo, PTT/INR, Marcatori, chimica. Lo stato di ansieta e/o depressione puo incrementare la domanda di ossigeno da parte del miocardio contribuendo al dolore ischemico.

11 Linee guida

12 (3) NURSING MANAGEMENT RISCHIO DI IPOVOLEMIA DISIDRATAZIONE VASODILATATORI STATI EMORRAGICI

13 (3) NURSING MANAGEMENT RISCHIO DI IPOVOLEMIA: DISIDRATAZIONE L obbiettivo e quello di prevenire e trattare in maniera preventiva l eventuale deficit di volume idrico. E dimostrata la correlazione tra la disidratazione e la nefropatia da mezzo di contrasto ; tutti i pazienti devono essere idratati per os o, nei casi a rischio, e.v (90 c.c. di soluzione fisiologica allo 0,9% pre e post procedura adeguando il carico alla funzione ventricolare sinistra. L idratazione e di particolare importanza nei pazienti con insufficienza renale di vario grado (soprattutto se ad origine diabetica)

14 (3) NURSING MANAGEMENT RISCHIO DI IPOVOLEMIA: EMORRAGIA LEGATA ALL USO DI ANTI-COAGULANTI E/O ANTI- AGGREGANTI La prevenzione inizia in ambiente emodinamico!!!!!.

15 (3) NURSING MANAGEMENT RISCHIO DI IPOVOLEMIA: Sito di puntura: EMORRAGIA LEGATA ALL USO DI ANTI-COAGULANTI E/O ANTI- AGGREGANTI l uso d Inibitori IIB-IIIA, di sostanze anticoagulanti, l uso d aspirina e di Clopidogrel, comporta che l utente arriva nell unita operativa con valori coagulativi alti e, questo, può provocare una maggiore incidenza delle complicanze nell assistenza post-procedura. Incidenza delle complicanze che possono aumentare se associato a valori coagulativi alti si aggiunge un tempo di permanenza del catetere arterioso >delle 4-6 ore descritti dalle Guidelines internazionali oltre che all età avanzata dell utente e altre patologie vascolari e non accertate (e possono avvenire in ± il 14% dei casi d esame emodinamico. Smith et al. ACC/AHA Percutaneous Coronary Intervention Guidelines JACC:Vol. 37, No. 8,2001 june 15, 2001:2239i-lxvi)

16 (3) NURSING MANAGEMENT La maggior parte dei pazienti arriva in reparto con gli introduttori in situ. Per la rimozione degli introduttori attendere che l ACT (Activity Clotting Time) 150 sec. In letteratura e comprovata l efficacia di una infiltrazione di Lidocaina (1%-2%) peri-introduttore per diminuire il dolore durante l estrazione e durante la compressione, diminuendo cosi la probabilita di una reazione vasovagale.

17 (3) NURSING MANAGEMENT Dopo l estrazione degli introduttori, si tampona la parte manualmente o meccanicamente, si provvedera a disinfettare la zona con sostanza iodofora e a coprirla con una medicazione compressiva. Controllo parametri vitali e polsi periferici ogni 15 per 1 ora, ogni 30 per 1 ora ogni ora per 4 ore In seguito controllare l estremita 6 ore dopo l estrazione degli introduttori. Qualora si sia formato un ematoma sara utile misurare il diametro della radice della coscia interessata e monitorare la presenza dei polsi ( tibiale posteriore e dorsale del piede).

18 CORRELAZIONE FRA INTERVENTI INFERMIERISTICI E COMPLICAZIONI DELL ACCESSO ARTERIOSO DOPO INTERVENTI CORONARICI PERCUTANEI SEVERA CORRELAZIONE FRA ATTI INFERMISTICI E COMPLICANZE VASCOLARI Rimozione precoce degli introduttori Sistema di compressione usato per l emostasi Abilità tecnico-professionali degli operatori nella rimozione degli introduttori. SANDBAG Standard of Angioplasty Nursing Technique to Diminish Bleeding Around the Groin Juran N.B. at al, Cleveland Clinic Foundation, Ohio, USA Am J. Critic Care 1999 Sep;8(5):303-13

19 DEVICE POST-PCI Oggi si usano diverse metodiche relazionate all esame emodinamico che contemplano diversi siti d accesso e differenti metodiche d emostasi. Alcune sono direttamente applicate negli ambulatori d Emodinamica con uso di device a base di collagene (Angioseal, Vasoseal ) o device con sutura esterna (Perclose ).ù Altri dispositivi usati sono quelli meccanici (Compressar o C-Clamp ) o pneumatici (Femostop II.

20 DEVICE POST-PCI 2004 Radi Medical Systems AB

21 COMPLICANZE VASCOLARI PERIFERICHE EMATOMA FEMORALE (Classificazione secondo il diametro) Lieve = fino a 3 cm. Moderato = fra 3 e 5 cm Severo = oltre i 5 cm PSEUDOANEURISMA EMATOMA RETROPERITONEALE ISCHEMIA ARTERIOSA FISTOLA ARTERO-VENOSA

22 Complication of Cardiac Catheterization Incidence (%) Complication Brachial Femoral Arrhythmias 0.45 (54) 0.45 (54) Vascular emboli thrombosis (17,54) (17,54) Stroke 0.06 (54) 0.06 (54) Myocardial infarction (17,54) (17,54) Death (41,54) (41,54) Susan L. Woods et al Cardiac Nursing IV Edition 2003

23 (3) NURSING MANAGEMENT

24 (3) NURSING MANAGEMENT RISULTATI: Osp. San Camillo-Forlanini I div. Cardiologia-Area Critica Ematoma si (Ø < 3cm) Ematoma no Gruppo A Comp.manuale (40 n) Gruppo B FemoStop II (40 n) p 12 (30%) 10 (25%) ns 28 (70%) 30 (75%) ns Piccari R..et al Cardionursing Firenze 23/05/2004

25 (3) NURSING MANAGEMENT Studio Disegno N Eta Formazione ematomi FemoStop/manuale p Simon A. RCT Multic. 720 (16,4% Vs 12,6%) ns Rivista Am J.Cr Care 1998 Magosaki N. RCT ±10 (16% Vs 10%) ns J Card 1999 Kennet G. RCT ±11 (16% Vs 19%) ns Walker S.B. RCT 274 (9,1% Vs 18,1%) < 0.03 Am Heart J 1999 Int J Nur Pract 2001 Piccari R..et al Cardionursing Firenze 23/05/2004

26 Effectiveness of Mechanical Compression Devices in Attaining Hemostasis After Femoral Sheath Removal Objective: To summarize the best available evidence on the effectiveness of mechanical compression devices used to obtain hemostasis following femoral sheath removal after cardiac interventional procedures. Results: Twelve studies met the inclusion criteria; however, only 3 were included in the meta-analysis. The results of meta-analysis indicated that the mechanical compression technique was the most effective for preventing formation of hematomas. The prevalence of bleeding did not differ significantly for different methods of compression. American Journal of Critical Care. 2002;11: Tina Jones, RN, BN, MNSc, Critical Care Cert and Helen McCutcheon, RN, RM, BA, MPH, PhD. From the Department of Clinical Nursing, Royal Adelaide Hospital (TJ) and Adelaide University (TJ, HM), Adelaide, South Australia, Australia.

27 (4) NURSING MANAGEMENT RISCHIO DI ARITMIA: Le aritmie possono essere ipo-percinetiche. Le piu frequenti sono le aritmie da riperfusione. Tali aritmie sono considerate aritmie benigne. Il RIVA ( ritmo idioventricolare accellerato) e caratterizzato da 6 o piu extrasistole consecutive a bassa frequenza ( bpm) e nella maggior parte dei casi e autolimitante. Si verifica frequentemente dopo interventi cardiochirurgici e dopo rivascolarizzazione miocardica ( da riperfusione)

28 (4) NURSING MANAGEMENT RISCHIO DI ARITMIA: Accelerated Idioventricular Rhythm RATE RHYTHM Ventricular bpm REGULAR Atrial None P-Wave Absent QRS Complex >.10 second BMJ VOLUME MARCH 2002

29 MOBILIZZAZIONE La presenza dell introduttore femorale ( via normalmente usata per la PCI) contribuisce alla prolungata immobilita a letto Diversi RCT hanno dimostrato come la precoce rimozione degli introduttori, il Ø degli introduttori usati, l utilizzo di una terapia anticoagulante ridotta al minimo, l utilizzo di accessi differenti dalla via femorale e l utilizzo di Device per l emostasi possono ridurre in maniera significativa il tempo di immobilizzazione a letto.

30

31 K T Koch, a J J Piek Heart 1999;81:53-56 ( January ) Two hour ambulation after coronary angioplasty and stenting with 6 F guiding catheters and low dose heparin Objective To evaluate the feasibility and safety of ambulation of patients two hours after elective coronary angioplasty or stenting, or both. Results : 300 of 359 consecutive eligible patients were included for two hour ambulation. Stent implantation was performed in 32% of the procedures. The Heart 1999;81:53-56 ( January mean (SD) time to haemostasis was 9.6 (3.2) minutes. Bleeding at ambulation occurred in five patients (1.7%), and nine patients (3.0%) reached the secondary end point of haematoma > 5 5 cm at 48 hour follow up. All were treated conservatively without further sequelae. There was no late bleeding or vascular complications. Conclusion: Ambulation two hours after elective balloon angioplasty or stent implantation with 6 F guiding catheters by the femoral route and low dose heparin is feasible and safe, with a low incidence of puncture site complications. This early ambulation protocol facilitates a short hospital stay.

32 MODULISTICA Azienda Ospedaliera S. Camillo Forlanini Cardiologia 1 Area Critica SCHEDA CONTROLLI POST CATETERISMO CARDIACO Cognome e nome Sottoposto a BIO CVG PTCA STENT per via Femorale Radiale Data: / / Terapia eseguita Sintrom Ticlopidina ASA Clopidogrel Inib IIb IIIa Reo Pro Eparina sc Eparina (X) Ora rientro: EMOSTASI VNS Localizzaz. Linee ECG Monitor P.A. Polsi Sanguin. Cambio medic. ACT PTT Emo Azot. Cr. Diuresi Rim. Intr. Manuale FemoStop Endovasc T. 0 30' 60' 90' 2 ore 3 ore 4 ore 5 ore 6 ore 8 ore 10 ore Valutazione infermieristica riguardo al 1 Rischio aritmico 5 Sanguinamento/ematoma piano assistenziale sulla prevenzione del 2 Rischio miocardico 6 Pseudoaneurisma complicanze: 3 Rischio nefropatico 7 Ematoma retroperitoneale Firma infermiere (efficace SI -- non efficace NO) 4 Neurovegetativo VNS: riportare localizzazione. 1 Sito di accesso vascolare 3 Prossimalmente al sito di accesso 5 Dolore tipico cardiaco 7 Cefalea 2 Distalmente al sito di accesso 4 Zona lombare/schiena 6 Dolore addominale Piccari,R-Fiori,F et al. Manuale Cardionursing Centro Scientifico Editore 2005 pag

33 MODULISTICA Piccari,R-Fiori,F et al. Manuale Cardionursing Centro Scientifico Editore 2005 pag

34 MODULISTICA Piccari,R-Fiori,F et al. Manuale Cardionursing Centro Scientifico Editore 2005 pag

35 (1)CONCLUSIONI Il nursing cardiovascolare e quella attività assistenziale infermieristica verso pazienti affetti da cardiopatie e vasculopatie note e presunte. Nel pianificare gli interventi di nursing l infermiere deve considerare i problemi fisiologici, sociali, e comportamentali risultanti o riguardanti il cardiopatico, quale conseguenza della malattia o dell adeguamento ad essa.

36 (2)CONCLUSIONI Lo scopo della pratica di nursing cardiovascolare e di portare il paziente ad una qualita di vita accettabile e compatibile con le sue condizioni cardiovascolari. Per portare a termine queste fasi del processo di nursing cardiovascolare e sviluppare capacita critiche e decisionali, l infermiere cardiologico deve avere una corretta e solida preparazione scientifica e clinica.

37

38

Protocollo Assistenziale

Protocollo Assistenziale Protocollo Assistenziale Gestione del paziente sottoposto a Redatto da Infermiere Tiziano Mazzoni Infermiera specialista* Paola Lorenzani * master I liv Area Critica Verificato Approvato 1 Indice Finalità

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA Bassi Fulvia Franceesconi Stefania UTIC CARDIOLOGIA Presidio Ospedaliero

Dettagli

" IL NUOVO INFERMIERE DI CADIOLOGIA"

 IL NUOVO INFERMIERE DI CADIOLOGIA " IL NUOVO INFERMIERE DI CADIOLOGIA" Novara, 10 maggio 2013 Altomare Consiglia Ospedale Luigi Sacco Milano Ablazione con Catetere Singolo Tradizionale Irrigato Non Irrigato Ablazione con Device One-Shot

Dettagli

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale Maggio 25 Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale L impiego degli anticoagulanti orali nei pazienti con cardiopatia ischemica Dott. Paolo Bellotti Savona Razionale alla base

Dettagli

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante Con particolare riferimento all impianto di CIEDs Guido Rossetti S.C. Cardiologia A.S.O. S.Croce e Carle - Cuneo CHEST 2012 Raccomandazioni

Dettagli

Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica

Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica 118 Territorio 118 PS Spoke UO cardiologia Spoke PS Hub Reparti di degenza Azienda AUSL UO cardiologia Hub Oggetto Scopo Campo di

Dettagli

SULLE SPONDE DEL TICINO

SULLE SPONDE DEL TICINO SULLE SPONDE DEL TICINO PTA CAROTIDEA Presentazione clinico- assistenziale di un caso e tecnologia G.Sasso, P.Fecchio Divisione di Cardiologia Ospedale degli Infermi Rivoli Direttore Ferdinando dr. Varbella

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto [Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto Titolo originale: "Advising patients on dealing with acute chest pain" Autori: A Khavandi, K Potts

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

IL CONTROPULSATORE AORTICO

IL CONTROPULSATORE AORTICO Alessandro Chiuppani Michela Bambagioni Tuberi IL CONTROPULSATORE AORTICO UO di Cardiologia, Ospedale Maggiore, Bologna Generalità del contropulsatore La contropulsazione aortica e una tecnica di assistenza

Dettagli

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT Paolo Sorrenti FASE PRE IMPIANTO ü Preparazione del paziente all ingresso ü Preparazione del laboratorio di elettrofisiologia ü Preparazione

Dettagli

La pratica clinica extraospedaliera

La pratica clinica extraospedaliera La pratica clinica extraospedaliera Focus sui problemi aperti nella gestione territoriale del rischio TEV 1. Pazienti medici 2. Pazienti oncologici medici 3. Quale durata della profilassi nei pazienti

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ROBERTA ROSSINI. roberta_rossini@yahoo.it ESPERIENZA LAVORATIVA. Posizione attuale

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ROBERTA ROSSINI. roberta_rossini@yahoo.it ESPERIENZA LAVORATIVA. Posizione attuale F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROBERTA ROSSINI Indirizzo VIA EUGENIO MONTALE, 11 24020 GORLE (BG), ITALY Telefono 3472548176-035216205 Fax 035400491 E-mail roberta_rossini@yahoo.it

Dettagli

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Paolo Rubartelli - Genova Key points: Chi usa la fibrinolisi nello STEMI, deve essere pronto a integrare, in maniera individualizzata, la strategia farmacologica

Dettagli

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Francesco Di Pede Dipartimento Cardiologico ULSS 10 Portogruaro-San Donà di Piave CIRCA IL 20% DEI PAZIENTI IN FIBRILLAZIONE

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

PROTOCOLLO SULLA GESTIONE DEGLI ANTIAGGREGANTI NEL PERIOPERATORIO REGIONE PIEMONTE- ASL 2 OSPEDALE TORINO NORD EMERGENZA SAN GIOVANNI BOSCO

PROTOCOLLO SULLA GESTIONE DEGLI ANTIAGGREGANTI NEL PERIOPERATORIO REGIONE PIEMONTE- ASL 2 OSPEDALE TORINO NORD EMERGENZA SAN GIOVANNI BOSCO ASL 2-Torino P.O. San Giovanni Bosco N documento Pagina 1 di 8 PROTOCOLLO SULLA GESTIONE DEGLI ANTIAGGREGANTI NEL PERIOPERATORIO Data emissione 1-10-2008 Revisione n Data revisione 1-10-2010 REGIONE PIEMONTE-

Dettagli

Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici. Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana

Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici. Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana Guanti in vinile Stent coronarici Valvola aortica percutanea Mammografo

Dettagli

Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale. Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona

Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale. Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona Sala Cloroformizzazione Ospedale Galliera 1888 Sala Chirurgica Ospedale Galliera

Dettagli

Lo sviluppo di demenza in pazienti anziani con deficit cognitivo e fibrillazione atriale cronica: ruolo della risposta ventricolare.

Lo sviluppo di demenza in pazienti anziani con deficit cognitivo e fibrillazione atriale cronica: ruolo della risposta ventricolare. 57 Congresso MiCo Milano Convention Center 21/11/2012-24/11/2012 Lo sviluppo di demenza in pazienti anziani con deficit cognitivo e fibrillazione atriale cronica: ruolo della risposta ventricolare. Mastrobuoni

Dettagli

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica: l alternativa alla chirurgia Negli ultimi venti anni la Radiologia Interventistica si è guadagnato il prezioso ruolo

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO. Divisione : Cardiologia 2 Dr. S. Marra

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO. Divisione : Cardiologia 2 Dr. S. Marra AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO Divisione : Cardiologia 2 Dr. S. Marra CPSI FARRIS Barbara GALLONE Giuseppe OLLINO Nadia Dott.ssa ANDRIANI Monica 2 C. M. Maschio 58 anni

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

Le esperienze italiane. I modelli: Regione Emilia-Romagna

Le esperienze italiane. I modelli: Regione Emilia-Romagna Le esperienze italiane. I modelli: Regione Emilia-Romagna Rossana De Palma Convegno Le reti sanitarie Milano 7 Giugno 2010 Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale Disposizioni legislative regionali Piano

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER EMODINAMICA E CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA

CONSENSO INFORMATO PER EMODINAMICA E CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA CONSENSO INFORMATO PER EMODINAMICA E CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA 1 Intestazione Ospedale UNITA OPERATIVA DI CARDIOLOGIA INVASIVA Responsabile: Dr... CONSENSO INFORMATO PER EMODINAMICA E CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA

Dettagli

Evidence Based Nursing

Evidence Based Nursing Relazione di: Achille Di Falco Referente Area Sale Operatorie Struttura Interaziendale Servizio dell Assistenza Azienda Ospedaliera di Padova. Coordinatore di ricerca ISIRI- International Institute of

Dettagli

Sulle sponde del Ticino. Formazione specialistica, certificazione di. nuove unità tecniche infermieristiche nei

Sulle sponde del Ticino. Formazione specialistica, certificazione di. nuove unità tecniche infermieristiche nei Sulle sponde del Ticino Novara, 15-16 gennaio 2010 Formazione specialistica, certificazione di competenze avanzate ed inserimento di nuove unità tecniche infermieristiche nei Laboratori Interventistici

Dettagli

APPROCCIO RADIALE PER PROCEDURE CORONARICHE INVASIVE: UN ANALISI A TUTTO CAMPO DI VANTAGGI E LIMITI

APPROCCIO RADIALE PER PROCEDURE CORONARICHE INVASIVE: UN ANALISI A TUTTO CAMPO DI VANTAGGI E LIMITI APPROCCIO RADIALE PER PROCEDURE CORONARICHE INVASIVE: UN ANALISI A TUTTO CAMPO DI VANTAGGI E LIMITI Giovanni Amoroso, Mascia Sarti, Anna Sonia Petronio Sezione Interna di Cardiologia Invasiva - Dipartimento

Dettagli

Foglio informativo per il paziente

Foglio informativo per il paziente DIPARTIMENTO CARDIO-TORACO-VASCOLARE E DI AREA CRITICA STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA VASCOLARE DOTT. ENRICO VECCHIATI - DIRETTORE ANGIOPLASTICA STENTING DELLE CAROTIDI Foglio informativo per il paziente

Dettagli

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Nicoletta Riva Centro di Ricerca Malattie Tromboemboliche e Terapie Antitrombotiche Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale,

Dettagli

Una scossa al cuore!

Una scossa al cuore! Una scossa al cuore! Aritmie ad alto rischio: il punto di vista del cardiologo intensivista. Cosa è cambiato in Utic. Dott. Antonio Anastasia Aiuto cardiologo Utic Casa di cura Villa Verde Utic Unità

Dettagli

Pasquale Caldarola Dir Dipartimento Cardiologico ASL Provinciale di Bari

Pasquale Caldarola Dir Dipartimento Cardiologico ASL Provinciale di Bari Pasquale Caldarola Dir Dipartimento Cardiologico ASL Provinciale di Bari FOLLOW UP DEI PAZIENTI CON SCOMPENSO CARDIACO: IMPORTANZA DELL UTILIZZO DEL TELEMONITORAGGIO E DELL INTEGRAZIONE CON I SUPERGRUPPI

Dettagli

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA?

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? M.M. Lirici SESSIONE SIC-SICE Sistema ABC ACTIVITY BASED COSTING Gli elementi che generano il costo sono quelli che richiedono una prestazione

Dettagli

CAROTID ARTERY STENTING. Paolo CIOFFI

CAROTID ARTERY STENTING. Paolo CIOFFI CAROTID ARTERY STENTING Paolo CIOFFI SOMMARIO INDICAZIONI ACCURATA SELEZIONE DEI PAZIENTI MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale. TECNICHE Successo Insuccesso AHA Guidelines

Dettagli

ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di:

ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di: ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di: dott. BATTISTA Rossano Primario U.O.C. Cardiologia-UTIC Osp. di Piedimonte Matese INFORMAZIONI PERSONALI Cognome/Nome

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - Struttura Complessa di Cardiologia

Dirigente ASL I fascia - Struttura Complessa di Cardiologia INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 31/01/1977 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Lassandro Pepe Leonardo I Fascia ASL DI TARANTO - TA Dirigente ASL I fascia

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

Osservatorio. Trattamento in Pronto Soccorso dell infarto acuto del miocardio. L esperienza dell Ospedale San Camillo di Roma

Osservatorio. Trattamento in Pronto Soccorso dell infarto acuto del miocardio. L esperienza dell Ospedale San Camillo di Roma Osservatorio Vol. 93, N. 10, Ottobre 2002 Trattamento in Pronto Soccorso dell infarto acuto del miocardio. L esperienza dell Ospedale San Camillo di Roma Paolo Salvini 1, Pietro Tanzi 1, Antonio Terranova

Dettagli

gestione della sincope

gestione della sincope 5 Convegno di Formazione Teorico Pratico Multidisciplinare: La Sincope e le Perdite Transitorie di Coscienza di Sospetta Natura Sincopale Royal Carlton Hotel, Bologna, 10 11 marzo 2011 Il ruolo degli infermieri

Dettagli

Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti

Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti CAD VALVULOPATIA MIOCARDIOPATIA ecocardiografia + +++ ++ SPECT +++ - - MRI ++ + +++

Dettagli

Il rientro da Hub a Spoke: criticità e. medici ed infermieristici. Dott. Fabiola SANNA CAD Dipartimento Cardiologico CAS SSavD UTIC - AOU Novara

Il rientro da Hub a Spoke: criticità e. medici ed infermieristici. Dott. Fabiola SANNA CAD Dipartimento Cardiologico CAS SSavD UTIC - AOU Novara Il rientro da Hub a Spoke: criticità e proposte, aspetti medici ed infermieristici. Dott. Gianfranco PISTIS Dir. Dipartimento Cardiovascolare AO Alessandria Dott. Fabiola SANNA CAD Dipartimento Cardiologico

Dettagli

SELEZIONE DEI PAZIENTI. MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale TECNICHE

SELEZIONE DEI PAZIENTI. MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale TECNICHE SELEZIONE DEI PAZIENTI MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale TECNICHE SELEZIONE DEL PAZIENTE COMPLICANZE 0-1% SELEZIONE DEL PAZIENTE Valutazione polispecialistica: Collaborazione

Dettagli

Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso.

Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso. Servizio di Emodinamica ASL TO5- Moncalieri Pietro Gaetano Pier Giuseppe Greco-Lucchina Primiano Lombardi Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso. Caso clinico DN G uomo

Dettagli

AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2. Relazione dei primi 18 mesi di attività

AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2. Relazione dei primi 18 mesi di attività AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2 Relazione dei primi 18 mesi di attività Per cardiopatia congenita si intende comunemente una importante anomalia strutturale del cuore

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

Preparazione del paziente in sala

Preparazione del paziente in sala 6. Th Turin Cardiovascular Nursing Convention Sostituzione della valvola aortica per via transapicale (TA TAVI) TransApical Transcatheter Aortic Valve Implantation Preparazione del paziente in sala Bonetti

Dettagli

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference: il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Alessandro Filippi, Pasqualino Sforza, Pier Claudio Barsesco Area Cardiovascolare, SIMG Le patologie croniche saranno

Dettagli

Introduzione. Introduzione 7

Introduzione. Introduzione 7 Introduzione In Italia angina e infarto uccidono più uomini di qualsiasi altra malattia e le donne ne sono colpite sei volte più del tumore al seno. Alla base di queste patologie c è una malattia delle

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Proposta di Corso per Master di 1 livello in: Infermieristica di area cardiovascolare

Proposta di Corso per Master di 1 livello in: Infermieristica di area cardiovascolare Proposta di Corso per Master di 1 livello in: Infermieristica di area cardiovascolare Coordinatore del corso: Prof. Cesare Fiorentini Anno accademico 2012/2013 1 Premessa Il Piano Sanitario Nazionale 2006

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

XXVII Congresso Nazionale GISE STUDIO AFTER. Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry. Pietro Mazzarotto Ospedale San Carlo - Roma

XXVII Congresso Nazionale GISE STUDIO AFTER. Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry. Pietro Mazzarotto Ospedale San Carlo - Roma XXVII Congresso Nazionale GISE Genova 3-6 OTTOBRE 2006 STUDIO AFTER Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry Pietro Mazzarotto Ospedale San Carlo - Roma per i Ricercatori dello studio AFTER Test

Dettagli

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma Confronto dei Criteri, degli Indicatori e degli Standard scelti per la valutazione multi-dimensionale dell attività di 4 Strutture Complesse di Ematologia certificate ISO 9001-2000 Dr. Michele Cedrone,

Dettagli

Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili

Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili Andrea Donato Patient Management and Service Solutions Manager Medtronic Italia Spa Alcune considerazioni

Dettagli

Medical prac/ce work shops : Incontri di formazione e conoscenza per lo studio medico : Il Cardiopa+co con Comorbilita

Medical prac/ce work shops : Incontri di formazione e conoscenza per lo studio medico : Il Cardiopa+co con Comorbilita Circolo cuoreinsalute MIP «Medico In Pra+ca» Medical prac/ce work shops : Incontri di formazione e conoscenza per lo studio medico : 24 giugno 2015 Gravesano Osteria del Reno Il Cardiopa+co con Comorbilita

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

I massimi esperti mondiali alla XXXI edizione delle Giornate Cardiogiche Torinesi

I massimi esperti mondiali alla XXXI edizione delle Giornate Cardiogiche Torinesi I massimi esperti mondiali alla XXXI edizione delle Giornate Cardiogiche Torinesi EVOLUZIONE DELLA ANATOMIA PATOLOGICA CARDIACA NELLA VALUTAZIONE DELLE CAUSE DI MORTE IMPROVVISA, E SENSIBILI PROGRESSI

Dettagli

Impianto transcatetere di protesi aortica (TAVI): indicazioni e risultati

Impianto transcatetere di protesi aortica (TAVI): indicazioni e risultati Impianto transcatetere di protesi aortica (TAVI): indicazioni e risultati Antonio Marzocchi Santa Margherita Ligure, 17 febbraio 2012 Traccia della presentazione Progetto TAVI Emilia Romagna Risultati

Dettagli

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco.

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Heart Failure History Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale di Fossano e Mondovi (CN) Gheorgiade Comparazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Ianni Giulia Data di nascita 28/03/1970

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Ianni Giulia Data di nascita 28/03/1970 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Ianni Giulia Data di nascita 28/03/1970 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI LATINA Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa

Dettagli

FOLLOW-UP: NECESSARIO, UTILE O INUTILE?

FOLLOW-UP: NECESSARIO, UTILE O INUTILE? FOLLOW-UP: NECESSARIO, UTILE O INUTILE? Dott. Chiara Medini Unità Operativa di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare Arcispedale S. Anna Ferrara Direttore Dott. F. Mascoli La diagnostica non invasiva della

Dettagli

Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico

Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico Convegno Regionale Impegno per la Salute 3 Novembre 2013, Santa Maria di Sala Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico Franco Giada M.Vettori, A.Cosma,

Dettagli

BARBARA SUARDI (Personale di comparto SSN)

BARBARA SUARDI (Personale di comparto SSN) Servizio di Prenotazione Esami Informazioni sul docente: BARBARA SUARDI (Personale di comparto SSN) Settore scientifico-disciplinare: Scienze Infermieristiche Generali (MED/45) nome: BARBARA cognome: SUARDI

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG?

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? II Giornata Cardiologica del Tigullio Santa Margherita Ligure 12 febbraio 2011 SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? Dott. Sandro Orlandi _ S.S.D.

Dettagli

La sincope: Modalità di codifica

La sincope: Modalità di codifica GIAC Volume 6 Numero 3 Settembre 2003 NOTE DI ECONOMIA SANITARIA La sincope: Modalità di codifica a cura di AIAC e Medtronic G Ital Aritmol Cardiostim 2003;3:152-157 S econdo il recente accordo Stato-Regioni,

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Agosto 2004 Fellowship per il campo scientifico-didattico-editoriale rilasciata dalla Societa Europea di Cardiologia (ESC)

CURRICULUM VITAE. Agosto 2004 Fellowship per il campo scientifico-didattico-editoriale rilasciata dalla Societa Europea di Cardiologia (ESC) CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cognome Luigi Ascione Data di nascita 03/05/1957 QUALIFICA DIRIGENTE MEDICO DI I LIVELLO Amministrazione AZIENDA OSPEDALIERA MONALDI Incarico Attuale DIRIGENTE

Dettagli

Ecocolordoppler. scheda 01.03 Diagnostica per immagini

Ecocolordoppler. scheda 01.03 Diagnostica per immagini scheda 01.03 Diagnostica per immagini Cos è L ecocolordoppler è l esame di prima scelta per la diagnosi di patologie dei vasi sanguigni arteriosi e venosi. I vantaggi di questa metodica sono rappresentati

Dettagli

Francesconi Federica (U.O. Pronto Soccorso Faenza) Ravenna, 7 novembre 2012 Triage L infermiere triagista deve essere in grado di riconoscere nel più breve tempo possibile un dolore di origine cardiaca

Dettagli

Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori

Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori Shpetim Daca Coordinatore Infermieristico 17/12/2014

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA Rete ospedaliera Il sistema urgenza-emergenza in Italia, secondo quanto regolamentato dalle linee guida 1/96 in applicazione del DPR 27 marzo

Dettagli

Siamo pronti per nuovi programmi nazionali, e a quali benefici potrebbero portare?

Siamo pronti per nuovi programmi nazionali, e a quali benefici potrebbero portare? Siamo pronti per nuovi programmi nazionali, e a quali benefici potrebbero portare? Il cuore Francesco Grigioni Istituto di Cardiologia Università di Bologna Agenzia sanitaria e sociale regionale PREVALENZA

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - medicina e chirugia accettazione e urgenza

Dirigente ASL I fascia - medicina e chirugia accettazione e urgenza INFORMAZIONI PERSONALI Nome Calandra Salvatore Data di nascita 04/07/1967 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico AZIENDA OSPEDALE PIEMONTE Dirigente

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

Continuous Renal Replacement Therapy. Paolo Montomoli Infermiere SOD Anestesia e T.I. Az. U.O.Careggi Firenze

Continuous Renal Replacement Therapy. Paolo Montomoli Infermiere SOD Anestesia e T.I. Az. U.O.Careggi Firenze Continuous Renal Replacement Therapy Paolo Montomoli Infermiere SOD Anestesia e T.I. Az. U.O.Careggi Firenze CRRT: principi fisici Ultrafiltrazione: movimento di acqua attraverso una membrana semipermeabile

Dettagli

Pressione Positiva Continua CPAP

Pressione Positiva Continua CPAP FADOI ANIMO Bologna, 17 maggio 2010 La ventilazione non invasiva Pressione Positiva Continua CPAP Dott. G. Bonardi Pneumologia e Fisiopatologia Respiratoria Medicina Generale Az.Ospedaliera Ospedale Civile

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

LE CRONICITA IN MEDICINA GENERALE

LE CRONICITA IN MEDICINA GENERALE Università Vita-Salute San Raffaele Facoltà di Medicina e Chirurgia LE CRONICITA IN MEDICINA GENERALE Dott. Andrea Mangiagalli Medico di Famiglia Università Vita-Salute San Raffaele Facoltà di Medicina

Dettagli

PATOLOGIE VASCOLARI NEL DIABETE Dott. Maurizio Merlo S.C.D.O. Chirurgia Vascolare 1 AOCP DEFINIZIONE Sindrome clinica ad andamento cronico dovuta alla riduzione della portata t ematica distrettuale tt

Dettagli

L Urgenza alla Moviola

L Urgenza alla Moviola L Urgenza alla Moviola a cura del Dipartimento di Emergenza Urgenza Ospedale di Circolo Fondazione Macchi Varese 08 giugno 2010 Un caso complicato di sindrome coronarica acuta Alessandro Orrù,, Marco Torretta,

Dettagli

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Meeting scientifico Giovanni Introcaso Servizio di Medicina di laboratorio Centro

Dettagli

PROGRAMMA PRELIMINARE

PROGRAMMA PRELIMINARE PROGRAMMA PRELIMINARE GIOVEDI 14 MARZO 2013 09:00 16:00 Competence Medica 13:00 16:00 Competence Infermieristica AULA PLENARIA 15:00 16:30 Assemblea Generale AIAC 16:30-18:00 Simposio: I progetti e le

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

Curriculum F ORMA. Informazioni. Settore professionale. Nome(i) / Cognome(i) Fax. .it, scelsi@aniarti.it. Cittadinanza. Luogo e Data di nascita

Curriculum F ORMA. Informazioni. Settore professionale. Nome(i) / Cognome(i) Fax. .it, scelsi@aniarti.it. Cittadinanza. Luogo e Data di nascita F ORMA TO E U ROPEO P ER IL C URRICUL UM Curriculum Vitae Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Silvia Scelsi Telefono(i) Fax E-mail s_scelsi@yahoo.it, sscelsi@ares118..it, scelsi@aniarti.it

Dettagli

GE Healthcare MAC 5500. Sistema ECG diagnostico

GE Healthcare MAC 5500. Sistema ECG diagnostico GE Healthcare MAC 5500 Sistema ECG diagnostico Caratteristiche principali del MAC 5500 Frutto delle dimostrate capacità innovative di GE nel campo dell acquisizione e dell analisi ECG, il MAC 5500 è il

Dettagli

ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C.

ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C. Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 46/22 del 22.9.2015 ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C. Scheda La terapia intensiva coronarica rappresenta

Dettagli

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminello 42 02100 RIETI Tel. 0746 2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821180577 UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE TERAPIA ANTALGICA Responsabile

Dettagli

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio o strumento innovativo? Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio

Dettagli

PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE

PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE Colais P, Pinnarelli L, Perucci CA, Braga M, Davoli M, Fusco D Bari, 29-31 ottobre 2012 Background (1) In

Dettagli

CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE

CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE www.clinicaveterinariagransasso.it www.veterinaryechocardiography.eu TRATTAMENTO DEL DOTTO ARTERIOSO PERVIO (PDA) Patent Ductus Arteriosus

Dettagli

CURRICULUM VITAE E STUDIORUM del Prof. Federico Lombardi. Studi Universitari Università di Milano, Laurea in Medicina e Chirurgia 110/110 e lode; 1973

CURRICULUM VITAE E STUDIORUM del Prof. Federico Lombardi. Studi Universitari Università di Milano, Laurea in Medicina e Chirurgia 110/110 e lode; 1973 CURRICULUM VITAE E STUDIORUM del Prof. Federico Lombardi Nome Luogo e data di nascita Federico Lombardi Brescia 28:1:49 Stato Civile Coniugato con tre figli Cittadinanza Italiana Maturità Liceo Classico

Dettagli

Studio Multicentrico sulla mobilizzazione post impianto pacemakers e defibrillatori impiantabili

Studio Multicentrico sulla mobilizzazione post impianto pacemakers e defibrillatori impiantabili Studio Multicentrico sulla mobilizzazione post impianto pacemakers e defibrillatori impiantabili Sulle sponde del Ticino Stresa, 8 maggio 2015 CTS afd L.Plebani CPSI A.Federzoni SSvD Elettrofisiologia-Cardiostimolazione

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

Cooperativa Etruria Medica Ospedale della Valdichiana

Cooperativa Etruria Medica Ospedale della Valdichiana Cooperativa Etruria Medica Ospedale della Valdichiana ARTERIOPATIA OSTRUTTIVA PERIFERICA E RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: VALIDAZIONE DI UN NUOVO TEST DIAGNOSTICO IN MEDICINA GENERALE P alpazione- I

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA Le 12 derivazioni dell ECG di superficie completo. Caratteristiche di un vettore: Grandezza Direzione Polarità

Dettagli

VALUTAZIONE VASCOLARE E SCELTE TERAPEUTICHE. Walter Dorigo. Chirurgia Vascolare Università di Firenze

VALUTAZIONE VASCOLARE E SCELTE TERAPEUTICHE. Walter Dorigo. Chirurgia Vascolare Università di Firenze VALUTAZIONE VASCOLARE E SCELTE TERAPEUTICHE Walter Dorigo Chirurgia Vascolare Università di Firenze ECOCOLORDOPPLER AL LETTO DEL PAZIENTE IN AMBITO INTENSIVISTICO Quando? Pazienti ricoverati per patologia

Dettagli