Condivisione di protocolli specifici: Angioplastica primaria e Rescue

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Condivisione di protocolli specifici: Angioplastica primaria e Rescue"

Transcript

1 Unità Operativa di Cardiologia I UTIC / Area critica Ospedale San Camillo - Forlanini ROMA IL PAZIENTE CON PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE SOTTOPOSTO A TRATTAMENTO INVASIVO Condivisione di protocolli specifici: Angioplastica primaria e Rescue Raffaele Piccari

2 Background scientifico Il ruolo del professionista infermiere, alla luce della evoluzione tecnologica e clinica, ci spinge ad organizzare il nostro piano di lavoro secondo un metodo scientifico (il Problem Solving), avvalendoci di strumenti costruiti ad hoc, secondo criteri di provata efficacia basati sull evidenza scientifica, che ci debbono permettere di costruire ed applicare dei sistemi di valutazione della nostra performance Una pratica professionale fondata sull evidenza scientifica è quindi un nuovo modello di pratica clinica nel quale le decisioni assunte sono il risultato dell integrazione tra l esperienza e l utilizzo esplicito e giudizioso delle migliori evidenze scientifiche disponibili.

3

4 NURSING MANAGEMENT NURSING MANAGEMENT ANSIA DOLORE TORACICO RISCHIO DI IPOVOLEMIA RISCHIO D ARITMIA Scale VMD (Hamilton-CDS-HADS) DISIDRATAZIONE - VASODILATATORI STATI EMORRAGICI IPO-IPERCINETICHE RIDOTTA PERFUSIONE MIOCARDICA RIDOTTA PERFUSIONE CEREBRALE Obiettivo: MOBILIZZAZIONE PRECOCE, PREVENZIONE COMPLICANZE, OTTIMIZZAZIONE RISORSE

5 (1) NURSING MANAGEMENT Ansia: Al momento dell ingresso dell utente una delle prime diagnosi che deve eseguire l infermiere e l individuazione dello stato d ansia da parte dell utente sottoposto a PCI. L ansia e messa in relazione con il nuovo ambiente, l incertezza del futuro legata al fattore salute, l immobilita a letto e, inoltre, dal pericolo di vita,. L Obbiettivo dell assistenza infermieristica e quello di monitorare lo stato d ansia dell utente.

6 Hospital Anxiety and Depression Scale Scala ospedaliera dell ansia e della depressione Applicazione: sindrome depressiva, disturbi ansiosi in varie patologie Campo: Prevalentemente studi scientifici Durata: 5-15 minuti Risultati: 0-42 punti. Si ottengono due sub-scale per il sintomo di ansia e depressione con un rispettivo risultato da 0 a 21 (21 punti= massima presenza del sintomo) Ai pazienti viene chiesto di scegliere una risposta delle quattro date per ogni domanda. Dovrebbero dare una risposta immediata ed essere dissuasi dal pensare troppo a lungo alla risposta. Le domande riguardanti l ansia sono segnate con A e quelle riguardanti la depressione con D. Il punteggio per ogni risposta è dato tra parentesi prima della domanda. Zigmond AS, Snaith RP: The Hospital Anxiety and Depression scale. Acta Psychiatr Scand, 67: , 1983.

7 (1) NURSING MANAGEMENT Valutazione livelli A e D all ingresso e dopo 72 ore mediante l Hospital Anxiety and Depression Scale (HADS): Sottoscale HADS_A e HADS_D; 7 item per ognuna scala, con somma finale dei punteggi ottenuti; Livelli considerati significativi per score 8.* *Bjelland I, Dahl AA, Haug TT, Neckelmann DOG. The Validity of the Hospital Anxiety and Depression Scale. An updated literature review. J Psychosom Res 2002;52:69 77.

8 (1) NURSING MANAGEMENT Arruolati n = 115 Ansia 57% 64% 43% Score HADS_A 8 all'ingresso Score HADS_A <8 all'ingresso 36% Score HADS_D 8 all'ingresso Score HADS_D <8 all'ingresso Piccari R. et al: Cardionursing 2005 Firenze 02/05/2005

9 Risultati Arruolati n = 115 HADS Piccari R. et al: Cardionursing 2005 Firenze 02/05/2005

10 (2) NURSING MANAGEMENT DOLORE TORACICO: VALUTARE I SEGNI CLINICI DELL UTENTE ESEGUIRE ECG a 12 derivazioni Eseguire esami ematochimici quali: Emocromo, PTT/INR, Marcatori, chimica. Lo stato di ansieta e/o depressione puo incrementare la domanda di ossigeno da parte del miocardio contribuendo al dolore ischemico.

11 Linee guida

12 (3) NURSING MANAGEMENT RISCHIO DI IPOVOLEMIA DISIDRATAZIONE VASODILATATORI STATI EMORRAGICI

13 (3) NURSING MANAGEMENT RISCHIO DI IPOVOLEMIA: DISIDRATAZIONE L obbiettivo e quello di prevenire e trattare in maniera preventiva l eventuale deficit di volume idrico. E dimostrata la correlazione tra la disidratazione e la nefropatia da mezzo di contrasto ; tutti i pazienti devono essere idratati per os o, nei casi a rischio, e.v (90 c.c. di soluzione fisiologica allo 0,9% pre e post procedura adeguando il carico alla funzione ventricolare sinistra. L idratazione e di particolare importanza nei pazienti con insufficienza renale di vario grado (soprattutto se ad origine diabetica)

14 (3) NURSING MANAGEMENT RISCHIO DI IPOVOLEMIA: EMORRAGIA LEGATA ALL USO DI ANTI-COAGULANTI E/O ANTI- AGGREGANTI La prevenzione inizia in ambiente emodinamico!!!!!.

15 (3) NURSING MANAGEMENT RISCHIO DI IPOVOLEMIA: Sito di puntura: EMORRAGIA LEGATA ALL USO DI ANTI-COAGULANTI E/O ANTI- AGGREGANTI l uso d Inibitori IIB-IIIA, di sostanze anticoagulanti, l uso d aspirina e di Clopidogrel, comporta che l utente arriva nell unita operativa con valori coagulativi alti e, questo, può provocare una maggiore incidenza delle complicanze nell assistenza post-procedura. Incidenza delle complicanze che possono aumentare se associato a valori coagulativi alti si aggiunge un tempo di permanenza del catetere arterioso >delle 4-6 ore descritti dalle Guidelines internazionali oltre che all età avanzata dell utente e altre patologie vascolari e non accertate (e possono avvenire in ± il 14% dei casi d esame emodinamico. Smith et al. ACC/AHA Percutaneous Coronary Intervention Guidelines JACC:Vol. 37, No. 8,2001 june 15, 2001:2239i-lxvi)

16 (3) NURSING MANAGEMENT La maggior parte dei pazienti arriva in reparto con gli introduttori in situ. Per la rimozione degli introduttori attendere che l ACT (Activity Clotting Time) 150 sec. In letteratura e comprovata l efficacia di una infiltrazione di Lidocaina (1%-2%) peri-introduttore per diminuire il dolore durante l estrazione e durante la compressione, diminuendo cosi la probabilita di una reazione vasovagale.

17 (3) NURSING MANAGEMENT Dopo l estrazione degli introduttori, si tampona la parte manualmente o meccanicamente, si provvedera a disinfettare la zona con sostanza iodofora e a coprirla con una medicazione compressiva. Controllo parametri vitali e polsi periferici ogni 15 per 1 ora, ogni 30 per 1 ora ogni ora per 4 ore In seguito controllare l estremita 6 ore dopo l estrazione degli introduttori. Qualora si sia formato un ematoma sara utile misurare il diametro della radice della coscia interessata e monitorare la presenza dei polsi ( tibiale posteriore e dorsale del piede).

18 CORRELAZIONE FRA INTERVENTI INFERMIERISTICI E COMPLICAZIONI DELL ACCESSO ARTERIOSO DOPO INTERVENTI CORONARICI PERCUTANEI SEVERA CORRELAZIONE FRA ATTI INFERMISTICI E COMPLICANZE VASCOLARI Rimozione precoce degli introduttori Sistema di compressione usato per l emostasi Abilità tecnico-professionali degli operatori nella rimozione degli introduttori. SANDBAG Standard of Angioplasty Nursing Technique to Diminish Bleeding Around the Groin Juran N.B. at al, Cleveland Clinic Foundation, Ohio, USA Am J. Critic Care 1999 Sep;8(5):303-13

19 DEVICE POST-PCI Oggi si usano diverse metodiche relazionate all esame emodinamico che contemplano diversi siti d accesso e differenti metodiche d emostasi. Alcune sono direttamente applicate negli ambulatori d Emodinamica con uso di device a base di collagene (Angioseal, Vasoseal ) o device con sutura esterna (Perclose ).ù Altri dispositivi usati sono quelli meccanici (Compressar o C-Clamp ) o pneumatici (Femostop II.

20 DEVICE POST-PCI 2004 Radi Medical Systems AB

21 COMPLICANZE VASCOLARI PERIFERICHE EMATOMA FEMORALE (Classificazione secondo il diametro) Lieve = fino a 3 cm. Moderato = fra 3 e 5 cm Severo = oltre i 5 cm PSEUDOANEURISMA EMATOMA RETROPERITONEALE ISCHEMIA ARTERIOSA FISTOLA ARTERO-VENOSA

22 Complication of Cardiac Catheterization Incidence (%) Complication Brachial Femoral Arrhythmias 0.45 (54) 0.45 (54) Vascular emboli thrombosis (17,54) (17,54) Stroke 0.06 (54) 0.06 (54) Myocardial infarction (17,54) (17,54) Death (41,54) (41,54) Susan L. Woods et al Cardiac Nursing IV Edition 2003

23 (3) NURSING MANAGEMENT

24 (3) NURSING MANAGEMENT RISULTATI: Osp. San Camillo-Forlanini I div. Cardiologia-Area Critica Ematoma si (Ø < 3cm) Ematoma no Gruppo A Comp.manuale (40 n) Gruppo B FemoStop II (40 n) p 12 (30%) 10 (25%) ns 28 (70%) 30 (75%) ns Piccari R..et al Cardionursing Firenze 23/05/2004

25 (3) NURSING MANAGEMENT Studio Disegno N Eta Formazione ematomi FemoStop/manuale p Simon A. RCT Multic. 720 (16,4% Vs 12,6%) ns Rivista Am J.Cr Care 1998 Magosaki N. RCT ±10 (16% Vs 10%) ns J Card 1999 Kennet G. RCT ±11 (16% Vs 19%) ns Walker S.B. RCT 274 (9,1% Vs 18,1%) < 0.03 Am Heart J 1999 Int J Nur Pract 2001 Piccari R..et al Cardionursing Firenze 23/05/2004

26 Effectiveness of Mechanical Compression Devices in Attaining Hemostasis After Femoral Sheath Removal Objective: To summarize the best available evidence on the effectiveness of mechanical compression devices used to obtain hemostasis following femoral sheath removal after cardiac interventional procedures. Results: Twelve studies met the inclusion criteria; however, only 3 were included in the meta-analysis. The results of meta-analysis indicated that the mechanical compression technique was the most effective for preventing formation of hematomas. The prevalence of bleeding did not differ significantly for different methods of compression. American Journal of Critical Care. 2002;11: Tina Jones, RN, BN, MNSc, Critical Care Cert and Helen McCutcheon, RN, RM, BA, MPH, PhD. From the Department of Clinical Nursing, Royal Adelaide Hospital (TJ) and Adelaide University (TJ, HM), Adelaide, South Australia, Australia.

27 (4) NURSING MANAGEMENT RISCHIO DI ARITMIA: Le aritmie possono essere ipo-percinetiche. Le piu frequenti sono le aritmie da riperfusione. Tali aritmie sono considerate aritmie benigne. Il RIVA ( ritmo idioventricolare accellerato) e caratterizzato da 6 o piu extrasistole consecutive a bassa frequenza ( bpm) e nella maggior parte dei casi e autolimitante. Si verifica frequentemente dopo interventi cardiochirurgici e dopo rivascolarizzazione miocardica ( da riperfusione)

28 (4) NURSING MANAGEMENT RISCHIO DI ARITMIA: Accelerated Idioventricular Rhythm RATE RHYTHM Ventricular bpm REGULAR Atrial None P-Wave Absent QRS Complex >.10 second BMJ VOLUME MARCH 2002

29 MOBILIZZAZIONE La presenza dell introduttore femorale ( via normalmente usata per la PCI) contribuisce alla prolungata immobilita a letto Diversi RCT hanno dimostrato come la precoce rimozione degli introduttori, il Ø degli introduttori usati, l utilizzo di una terapia anticoagulante ridotta al minimo, l utilizzo di accessi differenti dalla via femorale e l utilizzo di Device per l emostasi possono ridurre in maniera significativa il tempo di immobilizzazione a letto.

30

31 K T Koch, a J J Piek Heart 1999;81:53-56 ( January ) Two hour ambulation after coronary angioplasty and stenting with 6 F guiding catheters and low dose heparin Objective To evaluate the feasibility and safety of ambulation of patients two hours after elective coronary angioplasty or stenting, or both. Results : 300 of 359 consecutive eligible patients were included for two hour ambulation. Stent implantation was performed in 32% of the procedures. The Heart 1999;81:53-56 ( January mean (SD) time to haemostasis was 9.6 (3.2) minutes. Bleeding at ambulation occurred in five patients (1.7%), and nine patients (3.0%) reached the secondary end point of haematoma > 5 5 cm at 48 hour follow up. All were treated conservatively without further sequelae. There was no late bleeding or vascular complications. Conclusion: Ambulation two hours after elective balloon angioplasty or stent implantation with 6 F guiding catheters by the femoral route and low dose heparin is feasible and safe, with a low incidence of puncture site complications. This early ambulation protocol facilitates a short hospital stay.

32 MODULISTICA Azienda Ospedaliera S. Camillo Forlanini Cardiologia 1 Area Critica SCHEDA CONTROLLI POST CATETERISMO CARDIACO Cognome e nome Sottoposto a BIO CVG PTCA STENT per via Femorale Radiale Data: / / Terapia eseguita Sintrom Ticlopidina ASA Clopidogrel Inib IIb IIIa Reo Pro Eparina sc Eparina (X) Ora rientro: EMOSTASI VNS Localizzaz. Linee ECG Monitor P.A. Polsi Sanguin. Cambio medic. ACT PTT Emo Azot. Cr. Diuresi Rim. Intr. Manuale FemoStop Endovasc T. 0 30' 60' 90' 2 ore 3 ore 4 ore 5 ore 6 ore 8 ore 10 ore Valutazione infermieristica riguardo al 1 Rischio aritmico 5 Sanguinamento/ematoma piano assistenziale sulla prevenzione del 2 Rischio miocardico 6 Pseudoaneurisma complicanze: 3 Rischio nefropatico 7 Ematoma retroperitoneale Firma infermiere (efficace SI -- non efficace NO) 4 Neurovegetativo VNS: riportare localizzazione. 1 Sito di accesso vascolare 3 Prossimalmente al sito di accesso 5 Dolore tipico cardiaco 7 Cefalea 2 Distalmente al sito di accesso 4 Zona lombare/schiena 6 Dolore addominale Piccari,R-Fiori,F et al. Manuale Cardionursing Centro Scientifico Editore 2005 pag

33 MODULISTICA Piccari,R-Fiori,F et al. Manuale Cardionursing Centro Scientifico Editore 2005 pag

34 MODULISTICA Piccari,R-Fiori,F et al. Manuale Cardionursing Centro Scientifico Editore 2005 pag

35 (1)CONCLUSIONI Il nursing cardiovascolare e quella attività assistenziale infermieristica verso pazienti affetti da cardiopatie e vasculopatie note e presunte. Nel pianificare gli interventi di nursing l infermiere deve considerare i problemi fisiologici, sociali, e comportamentali risultanti o riguardanti il cardiopatico, quale conseguenza della malattia o dell adeguamento ad essa.

36 (2)CONCLUSIONI Lo scopo della pratica di nursing cardiovascolare e di portare il paziente ad una qualita di vita accettabile e compatibile con le sue condizioni cardiovascolari. Per portare a termine queste fasi del processo di nursing cardiovascolare e sviluppare capacita critiche e decisionali, l infermiere cardiologico deve avere una corretta e solida preparazione scientifica e clinica.

37

38

Protocollo Assistenziale

Protocollo Assistenziale Protocollo Assistenziale Gestione del paziente sottoposto a Redatto da Infermiere Tiziano Mazzoni Infermiera specialista* Paola Lorenzani * master I liv Area Critica Verificato Approvato 1 Indice Finalità

Dettagli

COMPLICANZE POST PTCA DI INTERESSE INFERMIERISTICO

COMPLICANZE POST PTCA DI INTERESSE INFERMIERISTICO IL PAZIENTE CON PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE SOTTOPOSTO A TRATTAMENTO INVASIVO COMPLICANZE POST PTCA DI INTERESSE INFERMIERISTICO Sergio Bartolini Azienda Ospedaliera S. Camillo Forlanini Dipartimento Cardiovascolare

Dettagli

Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: ed organizzative dell infermiere. Sulle sponde del Ticino.

Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: ed organizzative dell infermiere. Sulle sponde del Ticino. Sulle sponde del Ticino Novara, 14-15 gennaio 2011 Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: competenze tecnico-professionali ed organizzative dell infermiere Cinzia Delpiano S.C. Cardiologia

Dettagli

L approccio radiale nella Cardiologia Interventistica: Aspetti assistenziali tra benefici e complicanze

L approccio radiale nella Cardiologia Interventistica: Aspetti assistenziali tra benefici e complicanze Struttura Complessa di Cardiologia Universitaria Città della Scienza e della Salute, Torino Direttore: Prof. Fiorenzo Gaita L approccio radiale nella Cardiologia Interventistica: Aspetti assistenziali

Dettagli

GESTIONE ACCESSI VASCOLARI DALL'EMODINAMICA ALLA DEGENZA

GESTIONE ACCESSI VASCOLARI DALL'EMODINAMICA ALLA DEGENZA GESTIONE ACCESSI VASCOLARI DALL'EMODINAMICA ALLA DEGENZA CPSE ANELLA RIZZO Struttura Complessa di Cardiologia 2 Ospedaliera A.O.U. San Giovanni Battista, Molinette di Torino TIPOLOGIA DI PAZIENTI CHE AFFERISCONO

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA Bassi Fulvia Franceesconi Stefania UTIC CARDIOLOGIA Presidio Ospedaliero

Dettagli

" IL NUOVO INFERMIERE DI CADIOLOGIA"

 IL NUOVO INFERMIERE DI CADIOLOGIA " IL NUOVO INFERMIERE DI CADIOLOGIA" Novara, 10 maggio 2013 Altomare Consiglia Ospedale Luigi Sacco Milano Ablazione con Catetere Singolo Tradizionale Irrigato Non Irrigato Ablazione con Device One-Shot

Dettagli

Trattamento emostatico dopo la rimozione di un catetere in arteria femorale in paziente sottoposto a coronarografia.

Trattamento emostatico dopo la rimozione di un catetere in arteria femorale in paziente sottoposto a coronarografia. Trattamento emostatico dopo la rimozione di un catetere in arteria femorale in paziente sottoposto a coronarografia. Infermieri: Marilena De Angelis, Elvio Di Rado e Luana Gattafoni. BACKGROUND La formazione

Dettagli

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale Maggio 25 Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale L impiego degli anticoagulanti orali nei pazienti con cardiopatia ischemica Dott. Paolo Bellotti Savona Razionale alla base

Dettagli

Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica

Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica 118 Territorio 118 PS Spoke UO cardiologia Spoke PS Hub Reparti di degenza Azienda AUSL UO cardiologia Hub Oggetto Scopo Campo di

Dettagli

LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA

LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA E DELLA DEGENZA Antonella Corona Sala Cardiologia Interventista, Presidio ospedaliero Santa Corona Pietra Ligure (SV), ASL2 STROKE

Dettagli

PREPARAZIONE DEL PAZIENTE AL CATETERISMO CARDIACO

PREPARAZIONE DEL PAZIENTE AL CATETERISMO CARDIACO PREPARAZIONE DEL PAZIENTE AL CATETERISMO CARDIACO Il giorno che precede la prova RILEVAZIONE PARAMETRI VITALI : P.A., POLSO PERIFIERICO E CENTRALE ESECUZIONE ECG FORMATO 3X4 + II DERIVAZIONE RILEVAZIONE

Dettagli

La rete cardiologica per la SCA:

La rete cardiologica per la SCA: La rete cardiologica per la SCA: quali vantaggi per le persone con diabete dall organizzazione e dalle innovazioni tecnologiche? Antonio Manari U.O. Cardiologia i Interventistica ti ti Azienda Ospedaliera

Dettagli

SULLE SPONDE DEL TICINO

SULLE SPONDE DEL TICINO SULLE SPONDE DEL TICINO PTA CAROTIDEA Presentazione clinico- assistenziale di un caso e tecnologia G.Sasso, P.Fecchio Divisione di Cardiologia Ospedale degli Infermi Rivoli Direttore Ferdinando dr. Varbella

Dettagli

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante Con particolare riferimento all impianto di CIEDs Guido Rossetti S.C. Cardiologia A.S.O. S.Croce e Carle - Cuneo CHEST 2012 Raccomandazioni

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

www.regione.piemonte.it/sanita 1

www.regione.piemonte.it/sanita 1 1 PREMESSA L infarto miocardico acuto (IMA) e l angina instabile (AI) fanno parte di un gruppo di malattie globalmente definite sindromi coronariche acute (SCA). Gli aspetti elettrocardiografici di esordio

Dettagli

ANGIOPLASTICA CORONARICA CONSENSO INFORMATO CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA PER EMODINAMICA E

ANGIOPLASTICA CORONARICA CONSENSO INFORMATO CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA PER EMODINAMICA E Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e Area Critica Cardiologia Interventistica Dott. Antonio Manari - Direttore CONSENSO INFORMATO PER EMODINAMICA E CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA ANGIOPLASTICA CORONARICA

Dettagli

Premessa: la Cardiologia interventistica ha rivoluzionato

Premessa: la Cardiologia interventistica ha rivoluzionato pubblicazioni Vantaggi assistenziali dell Approccio radiale vs femorale per le procedure percutanee coronariche invasive di Luca Guidi, Infermiere, Az Osp L. Sacco Premessa: la Cardiologia interventistica

Dettagli

IMPIANTO TRANSCATETERE ( FEMORALE E TRANSAPICALE) DELLA VALVOLA AORTICA : GESTIONE ASSISTENZIALE PRE, INTRA E POST. Lantero Patrizia Giovannini Elda

IMPIANTO TRANSCATETERE ( FEMORALE E TRANSAPICALE) DELLA VALVOLA AORTICA : GESTIONE ASSISTENZIALE PRE, INTRA E POST. Lantero Patrizia Giovannini Elda IMPIANTO TRANSCATETERE ( FEMORALE E TRANSAPICALE) DELLA VALVOLA AORTICA : GESTIONE ASSISTENZIALE PRE, INTRA E POST PROCEDURA Lantero Patrizia Giovannini Elda IMPIANTO TRANSCATETERE (FEMORALE E TRANSAPICALE)

Dettagli

non fa più paura: O. Valsecchi dipartimento cardiovascolare, ospedali riuniti di Bergamo.

non fa più paura: O. Valsecchi dipartimento cardiovascolare, ospedali riuniti di Bergamo. 19-2012_19-2012 08/02/12 10.09 Pagina 185 La coronarografia non fa più paura: ridotte Le complicanze maggiori, permangono quelle Legate alla puntura arteriosa? O. Valsecchi dipartimento cardiovascolare,

Dettagli

LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È

LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È La fibrillazione atriale è l aritmia più comune nella popolazione. Durante la il ritmo del cuore non è più controllato dalla normale centralina (il nodo del seno), ma da

Dettagli

Linee guida e albero delle decisioni nelle Sindromi Coronariche Acute (SCA)

Linee guida e albero delle decisioni nelle Sindromi Coronariche Acute (SCA) Linee guida e albero delle decisioni nelle Sindromi Coronariche Acute (SCA) A cura di Giuseppe Calcagnini Dipartimento di Scienze Cardiovascolari e Respiratorie Università di Roma la Sapienza Premessa

Dettagli

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto [Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto Titolo originale: "Advising patients on dealing with acute chest pain" Autori: A Khavandi, K Potts

Dettagli

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI)

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Equivalenza degli antiaggreganti nelle SCA? STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Lo studio PCI-CURE Lancet 2001; 358: 427

Dettagli

APPROFONDIMENTI IN CARDIOLOGIA CORSO FAD 16 NOVEMBRE 31 DICEMBRE 2015

APPROFONDIMENTI IN CARDIOLOGIA CORSO FAD 16 NOVEMBRE 31 DICEMBRE 2015 APPROFONDIMENTI IN CARDIOLOGIA CORSO FAD 16 NOVEMBRE 31 DICEMBRE 2015 Ble Consulting srl id. 363 numero ecm 143001, edizione 1 Responsabile scientifico: Pasquale Guarini Destinatari dell attività formativa:

Dettagli

CARATTERISTICHE angina SENSAZIONE

CARATTERISTICHE angina SENSAZIONE Dolore coronarico: gravativo, oppressivo, costrittivo, retrosternale, a morsa, in crescendo,con irradiazioni anche extratoraciche Dolore da dissecazione aortica: lacerante, precordiale e/dorsale, andamento

Dettagli

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 1 SURVEY: ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 ISPIT è partito nel mese di OTTOBRE 2009 concluso nel mese di FEBBRAIO 2010. Sono stati reclutati 1585 PAZIENTI in 67 CENTRI ISPAF è

Dettagli

DAL 118 ALL UTIC. Relatore: Luigi Giugno Infermiere Emodinamica. AO Polo Universitario San Paolo Milano

DAL 118 ALL UTIC. Relatore: Luigi Giugno Infermiere Emodinamica. AO Polo Universitario San Paolo Milano DAL 118 ALL UTIC Relatore: Luigi Giugno Infermiere Emodinamica AO Polo Universitario San Paolo Milano DAL 118 ALL UTIC DAL 118 ALL UTIC OBIETTIVI Sinergia tra UCC ed EMODINAMICA Continuità assistenziale

Dettagli

Chiusura dell auricola: Perché? A quali pazienti?

Chiusura dell auricola: Perché? A quali pazienti? Cardio-Nursing TORINO 25 27 OTTOBRE 2012 Chiusura dell auricola: Perché? A quali pazienti? Francesco Fisichella Chiusura dell auricola sinistra sinistra con device Perché? Premessa LA F.A. CRONICA N.V.

Dettagli

Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi. Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa

Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi. Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa Definizione Una sindrome coronarica acuta èun quadro clinico

Dettagli

CHIUSURA PERCUTANEA DELL AURICOLA SINISTRA: DELLA SALA DI EMODINAMICA E DELLA DEGENZA

CHIUSURA PERCUTANEA DELL AURICOLA SINISTRA: DELLA SALA DI EMODINAMICA E DELLA DEGENZA Antonella Corona S.S. Emodinamica Ospedale Santa Corona Caterina Varaldo S.C. Cardiologia Ospedale San Paolo CHIUSURA PERCUTANEA DELL AURICOLA SINISTRA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA

Dettagli

Dr.ssa Isabella Sensini

Dr.ssa Isabella Sensini Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Dire8ore Prof. Massimo Volpe Facoltà di Medicina e Psicologia, Università di Roma Sapienza Anno Accademico 2013-2014 Dr.ssa Isabella Sensini

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

Cateterismo cardiaco e coronarografia

Cateterismo cardiaco e coronarografia Cateterismo cardiaco e coronarografia Nel suo significato più ampio indica l inserzione di un catetere all interno delle cavità cardiache (destra e sinistra). Viene eseguito per: analizzare campioni di

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

SONO STATO TRATTATO CON UN ANGIOPLASTICA CORONARICA. COSA PUÒ SUCCEDERMI ADESSO?

SONO STATO TRATTATO CON UN ANGIOPLASTICA CORONARICA. COSA PUÒ SUCCEDERMI ADESSO? SONO STATO TRATTATO CON UN ANGIOPLASTICA CORONARICA. COSA PUÒ SUCCEDERMI ADESSO? Nel 2010 in Italia sono state effettuate più di 140.000 angioplastiche coronariche percutanee (PCI), perlopiù con impianto

Dettagli

NOMENCLATURA E MODALITA DI SEGNALAZIONE

NOMENCLATURA E MODALITA DI SEGNALAZIONE REAZIONI ED EVENTI AVVERSI: NOMENCLATURA E MODALITA DI SEGNALAZIONE Alberto Bosi Cattedra di Ematologia Università degli Studi di Firenze CONVEGNO AIRT 2013 BOLOGNA 13 APRILE 2013 DOVERE DI NOTIFICA Decreto

Dettagli

PERCORSO DI APPRENDIMENTO CLINICO ASSISTENZIALE IN AMBITO CARDIOLOGICO PRESSO IL P.O. MARIA VITTORIA - ASLTO2

PERCORSO DI APPRENDIMENTO CLINICO ASSISTENZIALE IN AMBITO CARDIOLOGICO PRESSO IL P.O. MARIA VITTORIA - ASLTO2 A.S.L. TO 2 Azienda Sanitaria Locale Torino Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Sede TO2 Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina PERCORSO DI APPRENDIMENTO

Dettagli

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc PATRIZIA NOUSSAN Servizio di Cardiologia e UTIC GIACOMO PAOLO VAUDANO Servizio di Neuroradiologia-Radiologia d Urgenza OSP. SAN GIOVANNI BOSCO ASL TORINO

Dettagli

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT Paolo Sorrenti FASE PRE IMPIANTO ü Preparazione del paziente all ingresso ü Preparazione del laboratorio di elettrofisiologia ü Preparazione

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA

EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA Terza causa di morte (10-12%) e prima di disabilità Prevalenza 6,5% (tra i 65-84 aa.) 194.000 Ictus/anno 907.000 Disabili SPREAD 2003 EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA Stenosi carotidea Sintomatologia

Dettagli

La Gestione Perioperatoria del Paziente Cardiopatico in Chirurgia non Cardiaca

La Gestione Perioperatoria del Paziente Cardiopatico in Chirurgia non Cardiaca La Gestione Perioperatoria del Paziente Cardiopatico in Chirurgia non Cardiaca Obiettivi dell incontro Epidemiologia OBIETTIVO DELL INCONTRO Parlare dei nuovi orientamenti nel trattamento dell operando

Dettagli

Red Alert for Women s Heart. Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE

Red Alert for Women s Heart. Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE Red Alert for Women s Heart Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE Molti sono gli allarmi rossi legati al genere e alle malattie cardiovascolari. Di seguito sono descritti i risultati più importanti

Dettagli

CPS infermiera AIROLDI BARBARA CPS infermiera ZANI MONICA Cardiochirurgia. AOU Novara

CPS infermiera AIROLDI BARBARA CPS infermiera ZANI MONICA Cardiochirurgia. AOU Novara NURSING DEL PAZIENTE CONTROPULSATO CPS infermiera AIROLDI BARBARA CPS infermiera ZANI MONICA Cardiochirurgia terapia intensiva AOU Novara NURSING DEL PAZIENTE CONTROPULSATO Il rapporto tra infermiere e

Dettagli

Fase intraospedaliera, reti e percorsi

Fase intraospedaliera, reti e percorsi Fase intraospedaliera, reti e percorsi Parte endovascolare Il neuroradiologo interventista Trattamento endovascolare dello stroke ischemico Trattamento endovascolare dello stroke emorragico Salvatore Mangiafico

Dettagli

Trieste 15 Novembre 2012

Trieste 15 Novembre 2012 Creazione, implementazione e sperimentazione del critical pathway della persona affetta da scompenso cardiaco acuto sinistro all interno dell U.O. U.T.I.C. della A.O. Spedali Civili di Brescia. Trieste

Dettagli

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s Metodo adeguato di valutazione, valorizzazione e gestione della complessità??

Dettagli

Documento informativo: un dispositivo medicoper la chiusura dell auricola atriale sinistra (LAA)

Documento informativo: un dispositivo medicoper la chiusura dell auricola atriale sinistra (LAA) Documento informativo: un dispositivo medicoper la chiusura dell auricola atriale sinistra (LAA) Informazioni sul dispositivo medico La fibrillazione atriale (FA) in sé non è una patologia potenzialmente

Dettagli

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA Scompenso cardiaco Sindrome in cui non c è adeguata risposta cardiaca alla richiesta tissutale Sintomi e segni tipici ed evidenza obiettiva di una disfunzione miocardica

Dettagli

IL CONTROPULSATORE AORTICO

IL CONTROPULSATORE AORTICO Alessandro Chiuppani Michela Bambagioni Tuberi IL CONTROPULSATORE AORTICO UO di Cardiologia, Ospedale Maggiore, Bologna Generalità del contropulsatore La contropulsazione aortica e una tecnica di assistenza

Dettagli

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Paolo Rubartelli - Genova Key points: Chi usa la fibrinolisi nello STEMI, deve essere pronto a integrare, in maniera individualizzata, la strategia farmacologica

Dettagli

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Francesco Di Pede Dipartimento Cardiologico ULSS 10 Portogruaro-San Donà di Piave CIRCA IL 20% DEI PAZIENTI IN FIBRILLAZIONE

Dettagli

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CON DOLORE TORACICO

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CON DOLORE TORACICO LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CON DOLORE TORACICO Poggiardo, 12 Ottobre 2013 Relatore Inf. Marco Loderini DOLORE TORACICO Sindrome caratterizzata da sensazione dolorosa a carico del torace,

Dettagli

Lo sviluppo di demenza in pazienti anziani con deficit cognitivo e fibrillazione atriale cronica: ruolo della risposta ventricolare.

Lo sviluppo di demenza in pazienti anziani con deficit cognitivo e fibrillazione atriale cronica: ruolo della risposta ventricolare. 57 Congresso MiCo Milano Convention Center 21/11/2012-24/11/2012 Lo sviluppo di demenza in pazienti anziani con deficit cognitivo e fibrillazione atriale cronica: ruolo della risposta ventricolare. Mastrobuoni

Dettagli

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL PAZIENTE IPERTESO NELLO STUDIO DEL MEDICO DI FAMIGLIA Traduzione Pratica Ho idea del livello di rischio cardiovascolare del paziente iperteso che

Dettagli

La pratica clinica extraospedaliera

La pratica clinica extraospedaliera La pratica clinica extraospedaliera Focus sui problemi aperti nella gestione territoriale del rischio TEV 1. Pazienti medici 2. Pazienti oncologici medici 3. Quale durata della profilassi nei pazienti

Dettagli

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI L attuale organizzazione del Sistema 1-1-8 della Regione Toscana ha evidenziato, fra l altro, una rilevante criticità in merito alla problematica riguardante i Trasporti

Dettagli

Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici. Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana

Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici. Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana Guanti in vinile Stent coronarici Valvola aortica percutanea Mammografo

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ROBERTA ROSSINI. roberta_rossini@yahoo.it ESPERIENZA LAVORATIVA. Posizione attuale

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ROBERTA ROSSINI. roberta_rossini@yahoo.it ESPERIENZA LAVORATIVA. Posizione attuale F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROBERTA ROSSINI Indirizzo VIA EUGENIO MONTALE, 11 24020 GORLE (BG), ITALY Telefono 3472548176-035216205 Fax 035400491 E-mail roberta_rossini@yahoo.it

Dettagli

GIORNATA CONTRO LA FIBRILLAZIONE ATRIALE. 3 ottobre 2015 Verona / Palermo

GIORNATA CONTRO LA FIBRILLAZIONE ATRIALE. 3 ottobre 2015 Verona / Palermo CONTRO LA 3 ottobre 2015 Verona / Palermo 2015 POSTER - LOCANDINA 32015 OTTOBRE VERONA - P.zza Cittadella PALERMO - P.zza Bologni 10:00-18.00 32015 OTTOBRE VERONA - P.zza Cittadella PALERMO - P.zza Bologni

Dettagli

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ A cura del Dott. Sergio Fasullo DTA CON ALTERAZIONI ECG

Dettagli

PROTOCOLLO SULLA GESTIONE DEGLI ANTIAGGREGANTI NEL PERIOPERATORIO REGIONE PIEMONTE- ASL 2 OSPEDALE TORINO NORD EMERGENZA SAN GIOVANNI BOSCO

PROTOCOLLO SULLA GESTIONE DEGLI ANTIAGGREGANTI NEL PERIOPERATORIO REGIONE PIEMONTE- ASL 2 OSPEDALE TORINO NORD EMERGENZA SAN GIOVANNI BOSCO ASL 2-Torino P.O. San Giovanni Bosco N documento Pagina 1 di 8 PROTOCOLLO SULLA GESTIONE DEGLI ANTIAGGREGANTI NEL PERIOPERATORIO Data emissione 1-10-2008 Revisione n Data revisione 1-10-2010 REGIONE PIEMONTE-

Dettagli

MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Curriculum Vitae Dr Badin Adolfo Data di Nascita 19/03/1955 Qualifica Dirigente Medico di I livello : IAS Amministrazione USL

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

ICTUS CEREBRALE E RISCHIO EMORRAGICO

ICTUS CEREBRALE E RISCHIO EMORRAGICO GESTIONE DEI FARMACI ANTIAGGREGANTI E ANTICOAGULANTI IN SPECIFICI CONTESTI CLINICI Rimini 15 marzo 2011 Dipartimento Malattie Cardiovascolari U.O. Medicina Interna - Angiologia ICTUS CEREBRALE E RISCHIO

Dettagli

Follow up nel post IMA: il ruolo dell attività fisica

Follow up nel post IMA: il ruolo dell attività fisica Barabino & Partners Attività fisica nel paziente ad alto rischio cardiovascolare Follow up nel post IMA: il ruolo dell attività fisica Rho, 27 settembre 2012 Dr Michela Palvarini U.O.S.D. Cardiologia Riabilitativa

Dettagli

Emergenze cardiocircolatorie Infarto acuto del miocardio Edema polmonare acuto

Emergenze cardiocircolatorie Infarto acuto del miocardio Edema polmonare acuto Emergenze cardiocircolatorie Infarto acuto del miocardio Edema polmonare acuto Barbara Narduzzi O Obnubilamento Offuscamento delle facoltà sensitive D Dispnea Difficoltà respiratoria D Dolore toracico

Dettagli

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA?

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? M.M. Lirici SESSIONE SIC-SICE Sistema ABC ACTIVITY BASED COSTING Gli elementi che generano il costo sono quelli che richiedono una prestazione

Dettagli

Come affrontare una rivascolarizzazione percutanea elettiva in paziente in terapia con NOAC per FANV

Come affrontare una rivascolarizzazione percutanea elettiva in paziente in terapia con NOAC per FANV Come affrontare una rivascolarizzazione percutanea elettiva in paziente in terapia con NOAC per FANV Antonietta Ledda Cardiologia P.O. Cervello - Palermo 2 ottobre 2015 Tavola Rotonda NAO E CARDIOPATIA

Dettagli

Le esperienze italiane. I modelli: Regione Emilia-Romagna

Le esperienze italiane. I modelli: Regione Emilia-Romagna Le esperienze italiane. I modelli: Regione Emilia-Romagna Rossana De Palma Convegno Le reti sanitarie Milano 7 Giugno 2010 Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale Disposizioni legislative regionali Piano

Dettagli

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica: l alternativa alla chirurgia Negli ultimi venti anni la Radiologia Interventistica si è guadagnato il prezioso ruolo

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia

Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia L obiettivo ultimo della riabilitazione cardiologica Recuperare e mantenere al livello più elevato possibile le condizioni fisiologiche, psicologiche,

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

Cause più frequenti di dolore toracico Ischemia miocardica con coronaropatia Altre patologie cardiovascolari atero-trombotica

Cause più frequenti di dolore toracico Ischemia miocardica con coronaropatia Altre patologie cardiovascolari atero-trombotica ANMCO/SIMEU Position Paper Percorso di valutazione del Dolore Toracico Settembre 2007 Dolore toracico: qualsiasi dolore, dalla base del naso all ombelico anteriormente e dalla 12 vertebra posteriormente,

Dettagli

Il rischio in cardiologia interventistica

Il rischio in cardiologia interventistica Il rischio in cardiologia interventistica Dott Mohd Kubbajeh Dott Giuseppe Fucà Cardiologia interventistica Procedure cruente a carattere diagnostico e/o terapeutico Procedure in laboratorio di emodinamica

Dettagli

Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale. Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona

Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale. Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona Sala Cloroformizzazione Ospedale Galliera 1888 Sala Chirurgica Ospedale Galliera

Dettagli

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Nicoletta Riva Centro di Ricerca Malattie Tromboemboliche e Terapie Antitrombotiche Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale,

Dettagli

Dott. Giovanni Ferrari

Dott. Giovanni Ferrari Manifestazioni cardiache delle malattie neurologiche acute Comobrain Ottobre 2009 Dott. Giovanni Ferrari Dimensioni del problema George Khechinashvili, 2002 Analisi multivariata della mortalità

Dettagli

gestione della sincope

gestione della sincope 5 Convegno di Formazione Teorico Pratico Multidisciplinare: La Sincope e le Perdite Transitorie di Coscienza di Sospetta Natura Sincopale Royal Carlton Hotel, Bologna, 10 11 marzo 2011 Il ruolo degli infermieri

Dettagli

Idoneità alla guida e sincope *

Idoneità alla guida e sincope * TITOLETTO ARTICOLO Idoneità alla guida e sincope * Introduzione Occorre inizialmente sottolineare come tutti i dati disponibili suggeriscano che lo stato clinico del conducente di un autoveicolo, se si

Dettagli

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 Importanza dell identificazione precoce del paziente critico Cause dell arresto cardiorespiratorio nell adulto Identificare e

Dettagli

Una scossa al cuore!

Una scossa al cuore! Una scossa al cuore! Aritmie ad alto rischio: il punto di vista del cardiologo intensivista. Cosa è cambiato in Utic. Dott. Antonio Anastasia Aiuto cardiologo Utic Casa di cura Villa Verde Utic Unità

Dettagli

Evidence Based Nursing

Evidence Based Nursing Relazione di: Achille Di Falco Referente Area Sale Operatorie Struttura Interaziendale Servizio dell Assistenza Azienda Ospedaliera di Padova. Coordinatore di ricerca ISIRI- International Institute of

Dettagli

lavoro cardiaco senza compromettere la perfusione coronarica (Harkin) Anni 60: spostamento di volume intravascolare con palloni di latex

lavoro cardiaco senza compromettere la perfusione coronarica (Harkin) Anni 60: spostamento di volume intravascolare con palloni di latex CONTROPULSATORE AORTICO Anni 50: la perfusione coronarica avviene prevalentemente durante la diastole Anni 60: l aspirazione di sangue arterioso durante la sistole con reinfusione durante la diastole riduce

Dettagli

Management delle sindromi coronariche acute: i nuovi standard terapeutici nelle Linee Guida

Management delle sindromi coronariche acute: i nuovi standard terapeutici nelle Linee Guida Management delle sindromi coronariche acute: i nuovi standard terapeutici nelle Linee Guida Ciro Indolfi, MD, FACC, FESC Division of Cardiology Magna Graecia University Catanzaro Centro di Riferimento

Dettagli

Medico Chirurgo. Specialista in Cardiologia

Medico Chirurgo. Specialista in Cardiologia BEATA OSTROWSKA Medico Chirurgo Specialista in Cardiologia ISTRUZIONE 1987 Liceo Scientifico H.Sawicka Kielce (Polonia) Maturità Scientifica CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA 1998 2000 Internato

Dettagli

STENOSI DELLE CAROTIDI

STENOSI DELLE CAROTIDI STENOSI DELLE CAROTIDI Quali sono le principali arterie che portano sangue al cervello? Ogni persona ha due carotidi che decorrono nel collo uno a destra ed uno a sinistra; si possono apprezzare le loro

Dettagli

Congresso Regionale Anìmo Marche Civitanova Marche 30 Maggio 2012 COMPETENZE INFERMIERISTICHE NELL AMBITO DEL PAZIENTE SOTTOPOSTO A PREVENZIONE CHIRURGICA DELL ICTUS CEREBRALE Infermiere coordinatore Milena

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO. Divisione : Cardiologia 2 Dr. S. Marra

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO. Divisione : Cardiologia 2 Dr. S. Marra AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO Divisione : Cardiologia 2 Dr. S. Marra CPSI FARRIS Barbara GALLONE Giuseppe OLLINO Nadia Dott.ssa ANDRIANI Monica 2 C. M. Maschio 58 anni

Dettagli

Foglio informativo per il paziente

Foglio informativo per il paziente DIPARTIMENTO CARDIO-TORACO-VASCOLARE E DI AREA CRITICA STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA VASCOLARE DOTT. ENRICO VECCHIATI - DIRETTORE ANGIOPLASTICA STENTING DELLE CAROTIDI Foglio informativo per il paziente

Dettagli

APPROCCIO RADIALE PER PROCEDURE CORONARICHE INVASIVE: UN ANALISI A TUTTO CAMPO DI VANTAGGI E LIMITI

APPROCCIO RADIALE PER PROCEDURE CORONARICHE INVASIVE: UN ANALISI A TUTTO CAMPO DI VANTAGGI E LIMITI APPROCCIO RADIALE PER PROCEDURE CORONARICHE INVASIVE: UN ANALISI A TUTTO CAMPO DI VANTAGGI E LIMITI Giovanni Amoroso, Mascia Sarti, Anna Sonia Petronio Sezione Interna di Cardiologia Invasiva - Dipartimento

Dettagli

5th JMC Joint Meeting with Mayo Clinic. Torino 15-16 ottobre 2009. Arrivo in P.S.: Triage e percorsi diagnostici

5th JMC Joint Meeting with Mayo Clinic. Torino 15-16 ottobre 2009. Arrivo in P.S.: Triage e percorsi diagnostici 5th JMC Joint Meeting with Mayo Clinic Torino 15-16 ottobre 2009 Arrivo in P.S.: Triage e percorsi diagnostici ASOU San Giovanni Battista di Torino Pronto Soccorso di Medicina Elisabetta Vacca - Franco

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo SANNA MICHELA VICOLO TURI, 38-19038 SARZANA SP Telefono 338 7982690 Fax E-mail MICHELASANNA@ALICE.IT

Dettagli

La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica. Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU

La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica. Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU Stretto controllo glicemia nei pazienti Critici Intensive insulin therapy in critically

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

SELEZIONE DEI PAZIENTI. MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale TECNICHE

SELEZIONE DEI PAZIENTI. MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale TECNICHE SELEZIONE DEI PAZIENTI MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale TECNICHE SELEZIONE DEL PAZIENTE COMPLICANZE 0-1% SELEZIONE DEL PAZIENTE Valutazione polispecialistica: Collaborazione

Dettagli