Gli stati di shock SHOCK - DEFINITION SHOCK-NEW CONCEPTS MORTALITY FROM SHOCK

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli stati di shock SHOCK - DEFINITION SHOCK-NEW CONCEPTS MORTALITY FROM SHOCK"

Transcript

1 Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Anno Accademico 2006/07 SHOCK - DEFINITION Gli stati di shock Giuseppe Foti Dipartimento di Medicina Perioperatoria e Terapie Intensive Università degli Studi Milano-Bicocca Ospedale San Gerardo, Monza Direttore Prof. A. Pesenti 1 A profound reduction in the effective delivery of oxygen to tissues leads first to reversible and then, if prolonged, to irreversible cellular injury. Occurs first at cellular level If allowed, can progress to organ failure, and death SHOCK-NEW CONCEPTS MORTALITY FROM SHOCK Shock is probably the most common and important problem in critical care medicine. Cardiogenic shock represents one of the most important complications of IHD, the number one cause of mortality in the US. Hypovolemic and/or extracardiac obstructive shock are major contributors to trauma-associated morbidity and mortality. Septic shock is the 13th most frequent cause of death in the US. Shock causes or contributes to multiple organ dysfunction syndrome (MODS), organ failure, and death. Septic Shock 35 to 40% Cardiogenic Shock 60 to 90% Hypovolemic Shock Highly variable Parillo JE 1999

2 PHYSIOLOGY OF PERFUSION PHYSIOLOGICAL RESPONSE TO SHOCK Basics Body cells require a constant supply of oxygen and nutrients and elimination of carbon dioxide and waste products Needs fulfilled by circulatory system in conjunction with respiratory and gastrointestinal systems Perfusion is dependent on three components of the circulatory system Systemic response Progressive vasoconstriction Increased blood flow to major organs Shunted from skin, GI etc Increased respiratory rate and volume Decreased urine output Decreased gastric activity MECCANISMI DELLO SHOCK ISCHEMIA CELLULARE METABOLISMO ANAEROBIO MECCANISMI DI COMPENSO DELLO SHOCK IPOTENSIONE BAROCETTORI ACIDOSI LATTICA VASOPARALISI S.N.SIMPATICO VASOCOSTRIZIONE TACHICARDIA PERMEABILITA CAPILLARE PRECAPILLARE ARTERIOSA CONTRATTILITA DEPRESSIONE MIOCARDICA EDEMA IPOVOLEMIA 7 RIDUZIONE P IDROSTATICA CAPILLARE AUMENTO VOLUME INTRAVASCOLARE RIDISTRIBUZIONE FLUSSO ORGANI VITALI 8

3 MECCANISMI DI COMPENSO DELLO SHOCK Fenomeno di Starling o autotrasfusione IPOFISI ACTH ADH CORTISOLO S.N.SIMPATICO ADRENALINA NORADRENALINA RENINA/ANGIOTENSINA ALDOSTERONE V Liquido interstiziale A Vasocostrizione precapillare Pressione idrostatica RITENZIONE NA/ACQUA p.osmotica P.idrostatica Aumento del volume intravascolare 9 10 MANIFESTAZIONI SISTEMICHE DI SHOCK IPOTENSIONE ACIDOSI LATTICA IPOTENSIONE Pressione sistolica <90 mmhg o ridotta rispetto al basale DI di 40 SHOCK mmhg o del 30% NON E SINONOMO 11 12

4 FISIOPATOLOGIA DELLO SHOCK PA = C.O. x S.V.R Come si presenta il pz in shock ALTERAZIONI DELLO STATO MENTALE Come è la cute? Fredda, sudata, marezzata Calda, arrossata Pallida Cianosi a mantellina E le GIUGULARI? Distese Non Visibili Il pz può essere Agitato, non collaborante Combattivo, aggressivo Disorientato, confuso Soporoso, in coma 15 16

5 TEMPO DI RIEMPIMENTO CAPILLARE Positivo se >2 secondi E negativo nello shock neurogeno:il paziente non è vasocostretto Alla valutazione della diuresi può esserci Oligo/anuria Urine torbide COMPENSATED SHOCK STAGES OF SHOCK Body defense mechanisms attempt to preserve major organs Precapillary sphincters close, blood is shunted Increased heart rate and strength of contractions Increased respiratory function, bronchodilation

6 COMPENSATED SHOCK UNCOMPENSATED SHOCK Will continue until problem solved or shock progresses to next stage Can be difficult to detect with subtle indicators Tachycardia Decreased skin perfusion Alterations in mental status Some medications such as propranolol can hide signs and symptoms (B- blockers) Easier to detect than compensated shock Prolonged capillary refill time Marked increase in heart rate Decreased BP IRREVERSIBLE SHOCK Compensatory mechanisms fail, cell death begins, vital organs falter Patient may be resuscitated but will die later of (ARDS, renal and liver failure, sepsis, MOF) Organs have been deprived of O2 for too long and cells have died causing organ failure Development of DIC (Disseminating Intravascular Coagulopathy) TYPES OF SHOCK IPOVOLEMICO Emorragia SI/NO Trauma SI/NO MECCANICO OSTRUTTIVO Cardiaco Non Cardiaco PNX Embolia Polmonare DISTRIBUTIVO Allergico Neurogeno Pallido, Giugulari Piatte, Disidratato/Sanguinante Cianotico, Giugulari Gonfie, Pletorico Roseo, Giugulari +/-, Ben Perfuso S. Spinale, Iatrogeno (Vasodilatatori, Sedativi etc) Settico

7 HYPOVOLEMIC SHOCK Shock due to loss of intravascular fluid volume Possible causes Internal or external hemorrhage Traumatic hemorrhage Long bone or open fractures Severe dehydration from GI losses Plasma losses from burns Diabetic ketoacidosis Excessive sweating External Bleeding S. Hemorrhage EMORRAGICO = bleeding Body cannot tolerate greater than 20% blood loss. NON E The average adult male has about 6 L of blood. CIANOTICO!!!!! Blood loss of 1 L can be dangerous in adults; in pediatrics, loss of ml is serious

8 Amount of bleeding and physiologic changes Shock Initial Management Blood loss (ml) Blood loss (% blood volume) Pulse rate (beats/min) Blood pressure Respiratory rate Urine output (ml/hr) CNS mental satus Class I Up to 750 Up to 15% <100 = or or more Slightly anxious Class II % > Midly anxioius Class III % > Anxious and confused Class IV 2000 or more 40% or more 140 or more >40 Negligible Confused, lethargic Adapted from Am Coll Surg Comm Trauma 1988 Oxygenate the patient Venous access (almeno 2 > 16 G) Central venous catheter Arterial catheter EKG monitoring Pulse oximetry Hemodynamic support (MAP<60 mmhg) Fluid Challenge Vasopressors for patients unresponsive to fluids 30 Controlling External Bleeding Direct Pressure and Elevation Direct pressure is the most common and effective way to control bleeding. Elevation controls bleeding. Wrap a pressure dressing around the wound once bleeding is controlled. If bleeding continues, apply additional dressings on top. SCOPRI DA DOVE PERDE E TAPPA IL BUCO!!! Esami semplici seguiti da più complessi Anamnesi Ematemesi,melena,esplorazione rettale Ecografia SNG FAST AAA EGDS Rx Torace e Bacino NON ACCOPPARLO PER FARE DIAGNOSTICA RAFFINATA TAC 13 32

9 Classificazione circolatoria Classe I Classe II Classe III Classe IV F.C. (bpm) < 100 > 100 > 100 > 100 Normale Normale <90 < 70 P.A.S. (mmhg) Questa classificazione va bene per tutti? Quasi! Bambini Ipertesi: Classe III per diminuzione PAS > 30 % del basale Anamnesi: β bloccanti, Ca antagonisti, antiaritmici etc. Perché il pz. è ipossico? Perchè il pz, è ipoteso? Posso scoprirlo in Radiodiagnostica? NO! Classificazione emodinamica Classe I Classe II Classe III Classe IV Freq. cardiaca < 100 >100 >100 >100 Press. art. sistolica (mmhg) Normale Normale < 90 < 70 Stabile Instabile Radiologia PS

10 Test di infusione rapida Quando:-pz. ipotesi Come: ml cristalloidi in Perché: -Valutare l entità e l attività della emorragia Approccio diagnostico al pz. Ipoteso: Classe III Rx torace Rx Bacino Test infusione rapida + FAST FC, PAS Classificazione operativa del paziente Risposta positiva Ritorno in Classe I-II per almeno 15 dopo lo stop dell infusione rapida Risposta transitoria Ritorno transitorio in classe I-II e successivo scivo lam ento in Classe III-IV entro 15 stop infu sio ne rap id a Risposta negativa Permanenza costante in Classe III-IV Stabile In stab ile In stab ile Non spiegano l ipotensione Considera S. spinale: clinica Infusione insufficiente: rivaluta S. cardiogeno: TTE Sospetta dissecazione aortica: TEE Risposta positiva Radiodiagnostica Rx bacino per fratture

11 POSITIONING IS NOT TRIVIAL!! Versamento addominale in ECO FAST Positioning of patient Supine with legs elevated inches Upright if cardiogenic shock with pulmonary edema MECCANICO OSTRUTTIVO CARDIOGENIC SHOCK Inability to pump enough blood to supply all body parts Primary cause is severe left ventricular failure (AMI, CHF) Other causes Chronic progressive heart disease Rupture of papillary heart muscles or intraventricular septum End-stage valvular disease Usually have pulmonary edema Oxygen or CPAP or Tube IV (TKO) EKG monitor Consider Dopamine to elevated BP (CO) 2-20mcg/min Consider Dobutamine to increase contractile force with little effect on the HR 2-20mcg/min Specific Therapy PTCA, Trombolysis, CABG IABP

12 MECCANICO OSTRUTTIVO Obstructive Shock Tension PNX Pulmonary Embolism Storia Allettata, recente intervento, obesità, insuff. Venosa etc Gambe DDimeri Ecocardio AngioTC Trombolisi, Eparina, Chirurgia Cardiac Tamponade Storia Uremia, Febbre, IMA, Coltellata Ecocardio Pericardiocentesi Pneumothorax Storia Trauma, molto raro in PNX spontaneo Clinica Iperfonesi, no MV, deviazione trachea Decompressione d urgenza Tension PNX Cardiac Tamponade Spesso: PNX normoteso + Ventilazione meccanica Sospetta dopo intubazione Drena prima di andare in S.O. Ipotensione severa DIAGNOSI CLINICA NON RADIOLOGICA! Emodinamica accettabile Attendi Rx Giugulari non visibili NON E IL PROBLEMA PRINCIPALE CIANOSI Segno poco affidabile (emorragia associata)

13 Cardiac Tamponade in Trauma Più frequente nel trauma aperto Sufficienti ml Triade di Beck: Ipotensione, JVD, toni cardiaci ovattati Ecocardiogramma Pericardiocentesi spesso inefficace Pericardial window, toracotomia d emergenza DISTRIBUTIVE SHOCK NEUROGENIC SHOCK Shock resulting from inadequate peripheral resistance due to widespread vasodilation Common causes Spinal cord injury Central nervous system injuries No sympathetic response Relativa Bradi, cute rosea Tetra/paraparesi Liquidi, Amine, stare calmi, non farsi fregare Distributive Shock Allergic Reactions Vasodilation = produces drop in BP Bronchoconstriction = dyspnea Laringeal Edema Anaphylaxis Signs & Symptoms Adrenalina s.c. o e.v. Antistaminici, Steroidi, Fluidi. Tubo se Tirage, cornage, distress

14 DISTRIBUTIVE SHOCK septic shock Shock resulting from systemic vasodilation Systemic increased vascular permeability Usually a result of gram (-) bacteria infection Trova il focolaio settico Esegui Tutti I prelievi possibili e POI parti con Antibioticoterapia Ampio Spettro(entro 1 ora) 7 MODS Multiple organ dysfunction syndrome Consequence of inability of the body to maintain end organ perfusion Progressive failure of two or more organ systems after a severe injury or illness Septic shock most common cause Mortality 60-90% GENERAL SHOCK MANAGEMENT Treat the primary cause, but in the mean time

15 Management of Shock INTRAVENOUS THERAPY Shock begins when DO2 (delivery of oxygen) to the cells is inadequate to meet metabolic demand The major therapeutic goals in shock therefore are sufficient tissue perfusion and oxygenation Early diagnosis remains a major problem Reasons for procedure Administration of drugs Fluid replacement Obtaining blood samples INFUSIONI VENOSE ScVO2 = adeguatezza trasporto/consumo O2 POSIZIONARE CATETERI VENOSI CORTI, DI GROSSO CALIBRO ( ALMENO 2) Introduttore CVC dopo Cosa ci faccio?: PVC ScvcVO

16 SvO 2 ~ Trasporto /Consumo O 2 (Hgb,SpO2,C.O.) SvO 2 ~ Trasporto /Consumo O 2 (Hgb,SpO2,C.O.) SvO 2 SvO 2 VO 2 DO 2 VO 2 DO 2 SvO 2 ~ Trasporto /Consumo O 2 (Hgb,SpO2,C.O.) SvO 2 Early Goal-Directed Therapy in the Treatment of Severe Sepsis and Septic Shock Rivers E, Nguyen B, Havstadt S, Ressler J, Muzzin A, Knoblich B, Peterson E, Tomlanovich M and the EGDT Collaborative Group N Engl J Med, Vol 345, N 19. November 8, 2001 DO 2 VO 2 64

17 Early Goal-Directed Therapy in the Treatment of Severe Sepsis and Septic Shock Standard Therapy EGDT In hospital mortality (%) MISURIAMO LA SATURAZIONE Lactate (mmol/l) 7-72hrs DAL CVC Se RedCell < 70 (%) % 0-6 hrs Dobutamine (%) 0-6 hrs p 3.9± ± < < mg/day Hydrocortisone +50 μg Fludrocortisone SAPS II 7-72 hrs 43±11 37±11 < categorie di fluidi endovena CRISTALLOIDI = Attraversano liberamente le membrane capillari (Fisiologica, ringer, glucosata 5%) > 70% on MV > 50% Lung Sepsis COLLOIDI = Grosse Molecole che contengono sostanze che restano in circolo Ex: Proteine (albumina), o PFC o sintetiche (Emagel, Voluven) 67 68

18 Vantaggi e svantaggi dei colloidi vs cristalloidi Vantaggi Svantaggi Colloidi Minori volumi infusi Costosi Aumento prolungato Coagulopatia del volume plasmatico (destrano> amidi) Minimo edema periferico Allergie Cristalloidi Prezzo Miglioramento emodinamico di breve durata Rimpiazzo del liquido Edema periferico interstiziale IPOTERMIA Effects of Inotropic Agents and Vasodilators Drug Receptor CO SVR Dose Range ADRENALINA Noradrenalina Dopamina Dobutamina Vasopressina α, β 1, (β 2 ) α, β 1 β 1, DR, (α) β 1, β 2 Angiotensin III µg/min 2-20 µg/min Antico proverbio dell intensivista americano: LEVOPHED Usa Vasocostrittore DOPO (noradrenalina) ottimizzazione della lead Gittata to Cardiaca DEATH 72

19 MAINTAINING BODY TEMP. Keep as close to normal as possible Protect patient from elements Remove wet clothing Cover patient, but don t get them too warm, causing vasodilation 73 Volume replacement with isotonic solution NS/LR PRBC s Definitive treatment is the OR! Complications of blood products Immunologic reactions: Acute or delayed hemolytic reactions Febrile reactions Acute lung injury Posttrasfusion purpura Addison KM, Donald RK. UpToDate 2004

20 Complications of blood products Intravascular volume overload: Pulmonary edema (particularly FFP, because his hyperoncotic properties) Hypotermia: Cardiac irritability Coagulation abnormalities Peripheral vasoconstriction Complications of blood products Coagulopathy: Diffuse intravascular coagulation produced by injured or underperfused tissue Dilution of platelets and coagulation factor pools Addison KM, Donald RK. UpToDate 2004 Addison KM, Donald RK. UpToDate 2004 Complications of blood products Complications of blood products Citrate toxicity: Metabolic alkalosis: since metabolism of citrate generates bicarbonate Reduction in plasma concentration of ionized calcium due to complexing of calcium with citrate Acute lung injury: Trasfusion of alloreactive plasma antibodies contained with red cell products or FFP can lead to agglutination and activation of leukicytes with resultant acute lung injury and noncariogenic pulmonary edema Addison KM, Donald RK. UpToDate 2004 Taichman DB, Hansen-Flaschen J. UpToDate 2004

21 Complications of blood products Posttrasfusion purpura: Thrombocytopenia develops approximately 7 to 10 days after transfusion. Persons who lack the platelet antigen HPA-1a (PIA1) may become sensitized through transfusion of platelets expressing this protein. Patients with this complication may benefit from treatment with high dose intravenous immunoglobulin, and should receive only washed cells or HPA-1a negative cells Addison KM, Donald RK. UpToDate 2004 n = 1548 Van den Berghe G. et al Intensive insulin therapy in critically ill patients. NEJM 2001; 345(19):

LO SHOCK. Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche

LO SHOCK. Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche LO SHOCK Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche Obiettivi Identificare un bambino in stato di shock Differenziare lo shock compensato da quello scompensato Saper porre

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA Scompenso cardiaco Sindrome in cui non c è adeguata risposta cardiaca alla richiesta tissutale Sintomi e segni tipici ed evidenza obiettiva di una disfunzione miocardica

Dettagli

FISIOPATOLOGIA. dello SHOCK

FISIOPATOLOGIA. dello SHOCK FISIOPATOLOGIA dello SHOCK SHOCK O COLLASSO CARDIOCIRCOLATORIO insufficienza acuta del circolo periferico, causata da uno squilibrio tra massa liquida circolante e capacità del letto vascolare Si verificano:

Dettagli

TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA. Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara

TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA. Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara Valutazione iniziale del paziente con emorragia digestiva

Dettagli

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese.

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese. L urgenza medica tra pronto soccorso e reparto Varese 25 ottobre 2014 Quando e come trattare l ipertensione arteriosa nell urgenza? Ictus Sindrome coronarica acuta/edema polmonare acuto A.M. Maresca Dipartimento

Dettagli

PRINCIPALI CAUSE DELLO SHOCK:

PRINCIPALI CAUSE DELLO SHOCK: Shock Percorso diagnostico terapeutico di orientamento FISIOPATOLOGIA E in atto una situazione di shock quando a causa di una disfunzione cardiovascolare si crea un inadeguata perfusione degli organi vitali.

Dettagli

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Definire il SIGNIFICATO di Classificare i vari TIPI di RICONOSCERE precocemente l instaurarsi dello stato di Saper TRATTARE lo DEFINIZIONE Lo è un GRAVE

Dettagli

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Dott. C G Piccolo Responsabile UOS Roma est UOC SUES Roma Città Metropolitana Direttore Dott. L De Angelis Definizione di scompenso cardiaco acuto (acute

Dettagli

SHOCK. DOTT. Nicola Menestrina

SHOCK. DOTT. Nicola Menestrina SHOCK DOTT. Nicola Menestrina DEFINIZIONE SINDROME CARATTERIZZATA DA UNA IPOPERFUSIONE TISSUTALE SISTEMICA ACUTA CHE CONDUCE AD UNA IPOSSIA DEI TESSUTI E ALLA DISFUNZIONE DEGLI ORGANI VITALI SHOCK SETTICO

Dettagli

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ SHOCK

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ SHOCK WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ SHOCK La diagnosi di shock conclamato è per lo più facile, più complicato può essere individuare gli aspetti clinici iniziali (riconoscimento e valutazione dello stadio dello

Dettagli

Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera

Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera L INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA DAL TERRITORIO ALLA MEDICINA D URGENZA Nola 28 SETTEMBRE 2010 Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera Pietro Di Cicco

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA A cura di: Dott.ssa R. Fiorentini Dott.ssa E. Palma QUANTITA E COMPOSIZIONE DEI LIQUIDI CORPOREI IL 60% del peso corporeo di un adulto è costituito da liquidi. I

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera Lo shock Lo shock è uno stato di sofferenza dell organismo, grave e progressivo, potenzialmente mortale, dovuto a ridotta perfusione ai tessuti, in seguito a caduta della Pressione Arteriosa che

Dettagli

Pressione Positiva Continua CPAP

Pressione Positiva Continua CPAP FADOI ANIMO Bologna, 17 maggio 2010 La ventilazione non invasiva Pressione Positiva Continua CPAP Dott. G. Bonardi Pneumologia e Fisiopatologia Respiratoria Medicina Generale Az.Ospedaliera Ospedale Civile

Dettagli

L importanza della prono - supinazione nell Insufficienza Respiratoria Acuta

L importanza della prono - supinazione nell Insufficienza Respiratoria Acuta L importanza della prono - supinazione nell Insufficienza Respiratoria Acuta Riccardo Francesconi CENNI ESSENZIALI DI FISIOPATOLOGIA POLMONARE APPLICATA ALLA RIANIMAZIONE Sistema di conduzione Sistema

Dettagli

Premessa. Le basi dello shock

Premessa. Le basi dello shock SHOCK Premessa Lo shock è una condizione patologica pericolosa per la vita del paziente, ad insorgenza più o meno rapida, che si sviluppa come conseguenza di diverse malattie o lesioni. Nel 1852 un chirurgo

Dettagli

Trieste 15 Novembre 2012

Trieste 15 Novembre 2012 Creazione, implementazione e sperimentazione del critical pathway della persona affetta da scompenso cardiaco acuto sinistro all interno dell U.O. U.T.I.C. della A.O. Spedali Civili di Brescia. Trieste

Dettagli

GC Ingresso letto arterioso

GC Ingresso letto arterioso Ritorno venoso GC Ingresso letto arterioso Eiezione CUORE Riempimento Patr Ra RV Ingresso cuore Rv Il flusso di sangue che torna al cuore (RV) = flusso immesso nel letto arterioso (GC). GC e RV sono separati

Dettagli

Roma, 3 Novembre 2011

Roma, 3 Novembre 2011 Quali strumenti diagnostici e come ventilare in Pronto Soccorso dott. Fabrizio Giostra Medicina d Urgenza e Pronto Soccorso Direttore dott. Mario Cavazza Policlinico S.Orsola-Malpighi, Bologna Roma, 3

Dettagli

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012 SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE RIPASSO anno 2012 OBIETTIVI 1. RICONOSCERE I PRINCIPALI SINTOMI DELLE PRINCIPALI SINTOMATOLOGIE MEDICHI 2. IMPOSTARE IL GIUSTO TRATTAMENTO IMA SINTOMATOLOGIA? IMA Retrosternale,

Dettagli

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza Il ruolo dell infermiere L infermiere di terapia intensiva con l anestesista, è responsabile dell assistenza del potenziale donatore, fino alla comunicazione

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. INFARTO MIOCARDICO ACUTO. LIPOTIMIA. SHOCK.

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. INFARTO MIOCARDICO ACUTO. LIPOTIMIA. SHOCK. INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. INFARTO MIOCARDICO ACUTO. LIPOTIMIA. SHOCK. Andrea Lupo U.O. Anestesia e Rianimazione Ospedale Infermi Rimini Novembre 2006 È impossibile semplificare l insemplificabile......

Dettagli

PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO. Diagnosi di ALI o ARDS da virus H1N1

PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO. Diagnosi di ALI o ARDS da virus H1N1 PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO SpO2 < 90% con O 2 in maschera a 10 l/min Acidosi respiratoria con ph < 7.25 Evidenza clinica di imminente distress

Dettagli

Approccio al bambino in stato di shock

Approccio al bambino in stato di shock Approccio al bambino in stato di shock Marcella Gaffuri Terapia Intensiva Neonatale e Pediatrica UOdO Pediatria Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata Verona Shock: argomenti trattati Fisiopatologia

Dettagli

Cause di malattia Genetiche:

Cause di malattia Genetiche: omeostasi Cause di malattia Genetiche: relativamente poche e derivano da alterazioni a carico di uno o più geni. Esempio: sindrome di Down (dovuta a trisomia del cromosoma 21); sindrome di Turner (dovuta

Dettagli

Percorso assistenziale dell arresto cardio-respiratorio extra ospedaliero Triage e trattamento in Pronto Soccorso

Percorso assistenziale dell arresto cardio-respiratorio extra ospedaliero Triage e trattamento in Pronto Soccorso Percorso assistenziale dell arresto cardio-respiratorio extra ospedaliero Triage e trattamento in Pronto Soccorso Claudio Begliardi Ghidini Pronto Soccorso Medicina d Urgenza O.C. S.Maria delle Croci -

Dettagli

LO SHOCK Cors r o s B as a e s.. Relat a ore: Mo M nitore C RI R oberto Va V l a erian a i

LO SHOCK Cors r o s B as a e s.. Relat a ore: Mo M nitore C RI R oberto Va V l a erian a i LO SHOCK Corso Base. Relatore: Monitore CRI Roberto Valeriani Lo shock è l insieme dei sintomi che sopravvengono quando l organismo subisce un aggressione acuta. Questo stato patologico esprime la reazione

Dettagli

POLMONARE IN GRAVIDANZA CON INSTABILITÀ EMODINAMICA. dott. Enrico Bernardi

POLMONARE IN GRAVIDANZA CON INSTABILITÀ EMODINAMICA. dott. Enrico Bernardi APPROCCIO ALL EMBOLIA POLMONARE IN GRAVIDANZA CON INSTABILITÀ EMODINAMICA dott. Enrico Bernardi Sommario Ipotesi Diagnosi Terapia Epidemiologia Il TEV (TVP+EP) rappresenta la prima causa di morte materna

Dettagli

ELEMENTI DI FISIOLOGIA CARDIOVASCOLARE... 2. La portata cardiaca... 2 I determinanti dello stroke volume... 2. La pressione del sangue...

ELEMENTI DI FISIOLOGIA CARDIOVASCOLARE... 2. La portata cardiaca... 2 I determinanti dello stroke volume... 2. La pressione del sangue... ELEMENTI DI FISIOLOGIA CARDIOVASCOLARE... 2 La portata cardiaca... 2 I determinanti dello stroke volume... 2 La pressione del sangue... 4 Portata cardiaca e pressione arteriosa.... 5 LO SHOCK.... 6 Segni

Dettagli

www.regione.piemonte.it/sanita 1

www.regione.piemonte.it/sanita 1 1 PREMESSA L infarto miocardico acuto (IMA) e l angina instabile (AI) fanno parte di un gruppo di malattie globalmente definite sindromi coronariche acute (SCA). Gli aspetti elettrocardiografici di esordio

Dettagli

Effetti dell attivita fisica. Dott. Pietro Palermo

Effetti dell attivita fisica. Dott. Pietro Palermo Effetti dell attivita fisica Dott. Pietro Palermo Perché fare attività fisica? Ad ognuno il proprio spazio Fare attività fisica non vuol dire solo evitare di ingrassare! Determinanti della Capacità di

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

LO SHOCK La parola shock, indica una sollecitazione violenta (urto), a cui l organismo è sottoposto in risposta a gravi alterazioni emodinamiche la

LO SHOCK La parola shock, indica una sollecitazione violenta (urto), a cui l organismo è sottoposto in risposta a gravi alterazioni emodinamiche la LO SHOCK La parola shock, indica una sollecitazione violenta (urto), a cui l organismo è sottoposto in risposta a gravi alterazioni emodinamiche la cui causa può essere vascolare, cardiogena, neurogena,

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

Assistenza al neonato in ipotermia

Assistenza al neonato in ipotermia Assistenza al neonato in ipotermia Laura Brombin Sabrina Gibin NEONATO CON ENCEFALOPATIA IPOSSICO ISCHEMICA AFISSIA PERINATALE è un evento raro ( 3-5 neonati / 1.000 nati vivi ) Conseguenze su vari organi

Dettagli

Morte encefalica e mantenimento del Donor: l importanza del fattore tempo.

Morte encefalica e mantenimento del Donor: l importanza del fattore tempo. Morte encefalica e mantenimento del Donor: l importanza del fattore tempo. Sara Tomasini, Maria Concetta Lanza, Matteo Vincenzi, Massimo Neri, Marco Zanello* U.O.C. Anestesia e Rianimazione, IRCCS delle

Dettagli

CPAP nell edema edema polmonare acuto

CPAP nell edema edema polmonare acuto CPAP nell edema edema polmonare acuto Nola 28 settembre 2010 G. Foccillo Un po di storia.. 1912 Maintenance of lung expansion during thoracic surgery (S. Brunnel) 1936 Left-sided heart failure with pulmonary

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE (aggiornamento del 9 ottobre 2009) PREMESSA La Circolare ministeriale del 1 ottobre 2009 definisce la gestione

Dettagli

Lo shock. Insieme di sintomi che sopravvengono quando l organismo subisce un aggressione acuta, come meccanismo di reazione e difesa.

Lo shock. Insieme di sintomi che sopravvengono quando l organismo subisce un aggressione acuta, come meccanismo di reazione e difesa. Lo shock Insieme di sintomi che sopravvengono quando l organismo subisce un aggressione acuta, come meccanismo di reazione e difesa. Emorragia Ustioni Ferite gravi Fratture imponenti Contrazione Card.

Dettagli

Assistenza infermieristica alla persona in condizioni di criticità vitale. Shpetim Daca Coordinatore Infermieristico Terapia Intensiva

Assistenza infermieristica alla persona in condizioni di criticità vitale. Shpetim Daca Coordinatore Infermieristico Terapia Intensiva Assistenza infermieristica alla persona in condizioni di criticità vitale 01/12/2014 1 Scompenso cardiaco Lo scompenso cardiaco può essere definito da un punto di vista: Clinico miocardiopatie, valvulopatie,

Dettagli

Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: ed organizzative dell infermiere. Sulle sponde del Ticino.

Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: ed organizzative dell infermiere. Sulle sponde del Ticino. Sulle sponde del Ticino Novara, 14-15 gennaio 2011 Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: competenze tecnico-professionali ed organizzative dell infermiere Cinzia Delpiano S.C. Cardiologia

Dettagli

CASO CLINICO EMBOLIA POLMONARE. Dr. Ermanno Angelini

CASO CLINICO EMBOLIA POLMONARE. Dr. Ermanno Angelini CASO CLINICO Dr. Ermanno Angelini ANAMNESI PZ. ANNI 78,SESSO FEMMINILE. FUMATRICE(20 SIGARETTE AL GIORNO). IPERTESA (ENALAPRIL 20mg/die). NO INTERVENTI CHIRURGICI. VITA SEDENTARIA PER MOLTE ORE DEL GIORNO.

Dettagli

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad Ritorno venoso GC Ingresso nel letto arterioso Eiezione Riempimento CUORE P ad Ra RV Ingresso cuore Rv Mediamente, il volume di sangue che torna al cuore (RV), è uguale a quello che viene immesso nel letto

Dettagli

LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE

LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE La Chetoacidosi Diabetica Definizione La chetoacidosi diabetica è causata da una carenza assoluta o relativa di insulina con

Dettagli

Assistenza infermieristica alla persona in condizioni di criticità vitale. Shpetim Daca Coordinatore Infermieristico Terapia Intensiva

Assistenza infermieristica alla persona in condizioni di criticità vitale. Shpetim Daca Coordinatore Infermieristico Terapia Intensiva Assistenza infermieristica alla persona in condizioni di criticità vitale 01/12/2014 1 Monitoraggio della pressione in arteria polmonare Determinazioni della gittata cardiaca Monitoraggio della saturazione

Dettagli

EDEMA POLMONARE Aspetti fisio-patologici ed Approccio clinico

EDEMA POLMONARE Aspetti fisio-patologici ed Approccio clinico EDEMA POLMONARE Aspetti fisio-patologici ed Approccio clinico Dr.ssa Helen POSER Università degli Studi di Padova Dip. Scienze Cliniche Veterinarie EDEMA POLMONARE Accumulo di liquido nell interstizio

Dettagli

Introduzione alla Crush Syndrome

Introduzione alla Crush Syndrome Introduzione alla Crush Syndrome Prof. Paolo Zuccoli Primario Anestesia e Rianimazione Un po di storia Prima citazione nella letteratura tedesca nel 1909 Citazioni nella letteratura bellica medica britannica

Dettagli

Ipotensione Ortostatica. Raffaello Furlan

Ipotensione Ortostatica. Raffaello Furlan Ipotensione Ortostatica Raffaello Furlan OUT LINE Definizione e Diagnosi Etiopatogenesi Cause Problematiche particolari Terapia Definizione Ipotensione Ortostatica: diminuzione della pressione arteriosa

Dettagli

Rianimazione Neonatale. rianimazione alla nascita Circa l 80% l < 1500 g. deve essere rianimato

Rianimazione Neonatale. rianimazione alla nascita Circa l 80% l < 1500 g. deve essere rianimato Rianimazione Neonatale Circa il 10% dei neonati necessita di rianimazione alla nascita Circa l 80% l dei neonati con peso alla nascita < 1500 g. deve essere rianimato La necessita di rianimazione puo essere

Dettagli

Valutazione del paziente dopo intervento chirurgico. Lazzeri Marta A.O. Ospedale Niguarda Ca Granda MILANO

Valutazione del paziente dopo intervento chirurgico. Lazzeri Marta A.O. Ospedale Niguarda Ca Granda MILANO Valutazione del paziente dopo intervento chirurgico Lazzeri Marta A.O. Ospedale Niguarda Ca Granda MILANO The natural history of postoperative atelectasis is usually one of spontaneous reinflation. 65

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

Valutazione delle condizioni dell infortunato

Valutazione delle condizioni dell infortunato Definizione Definizione di valutazione Valutazione delle condizioni dell infortunato Raccolta delle informazioni e insieme delle manovre atte a stabilire il tipo di assistenza necessaria per non fare aggravare

Dettagli

Eventi climatici estremi in area urbana ed effetti sulla salute umana: le ondate di calore estive

Eventi climatici estremi in area urbana ed effetti sulla salute umana: le ondate di calore estive Eventi climatici estremi in area urbana ed effetti sulla salute umana: le ondate di calore estive Marina Baldi (m.baldi@ibimet.cnr.it) Istituto di Biometeorologia, CNR-Ibimet, Roma Dicembre 2013 Pathways

Dettagli

RCP RIANIMAZIONE CARDIO- POLMONARE 30 : 2

RCP RIANIMAZIONE CARDIO- POLMONARE 30 : 2 RCP RIANIMAZIONE CARDIO- POLMONARE 30 : 2 In presenza di polso e/o di segni di circolo II scenario III scenario S. Arterioso Sanguinamento Spruzzo Flusso Continuo S.Venoso Emorragia Interna S. Capillare

Dettagli

Gestione del rischio KPC nella donazione e trapianto di organi

Gestione del rischio KPC nella donazione e trapianto di organi CNT Centro Nazionale Trapianti ISS 5 giugno 2012 Gestione del rischio KPC nella donazione e trapianto di organi Francesco Procaccio ISS-CNT - Roma Neuro ICU University City Hospital - Verona CNT Centro

Dettagli

La regolazione della circolazione è caratterizzata da:

La regolazione della circolazione è caratterizzata da: Per regolazione della circolazione si intendono tutti i meccanismi di controllo che assicurano il normale svolgimento delle funzioni circolatorie in condizioni di riposo e in condizioni di aumentate esigenze.

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

La rilevazione dei parametri vitali del. I parametri vitali del monitoraggio emodinamico NURSING

La rilevazione dei parametri vitali del. I parametri vitali del monitoraggio emodinamico NURSING NURSING MINERVA ANESTESIOL 2003;69:289-96 I parametri vitali del monitoraggio emodinamico S. CELOTTO, M. NESCI, A. LUCCHINI, S. BELLANI, M. BOMBINO VITAL SIGNS OF HEMODYNAMIC MONITORING The aim of hemodynamic

Dettagli

Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014. Laboratorio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, U.O. Cardiologia, A.O.U. di Parma

Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014. Laboratorio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, U.O. Cardiologia, A.O.U. di Parma Diagnosi e Terapia delle Aritmie Cardiache: Ablazione transcatetere endoepicardica di Tachicardia Ventricolare in paziente con Malattia di Anderson-Fabry Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014 Laboratorio

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova

CROCE ROSSA ITALIANA. Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova CROCE ROSSA ITALIANA Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova 1 SALUTE-MALATTIA Definizione dell OMS: La salute è uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente

Dettagli

lavoro cardiaco senza compromettere la perfusione coronarica (Harkin) Anni 60: spostamento di volume intravascolare con palloni di latex

lavoro cardiaco senza compromettere la perfusione coronarica (Harkin) Anni 60: spostamento di volume intravascolare con palloni di latex CONTROPULSATORE AORTICO Anni 50: la perfusione coronarica avviene prevalentemente durante la diastole Anni 60: l aspirazione di sangue arterioso durante la sistole con reinfusione durante la diastole riduce

Dettagli

Studio di marcatori molecolari di ipertensione essenziale ed eventi cardiovascolari associati

Studio di marcatori molecolari di ipertensione essenziale ed eventi cardiovascolari associati IDENTIFICAZIONE DEL CASO INDICE (MALATO/PROPOSITO) / FAMILIARE (campo obbligatorio, barrare se non interessa) Nome: Data di nascita: - Sesso: M F; Etnia e provenienza: -del proposito ; - della Madre, -

Dettagli

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA)

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Percorso Sepsi Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Giulio Toccafondi Centro Gestione Rischio Clinico,

Dettagli

COMPLICANZE RESPIRATORIE

COMPLICANZE RESPIRATORIE ATELETTASIA: collasso di gruppi di alveoli che continuano ad essere vascolarizzati (ma non sono più ventilati! Quindi c è un alterazione degli scambi O2/CO2) Più l atelettasia dura nel tempo, più difficile

Dettagli

passaggio unidirezionale del liquido interstiziale dai tessuti alla circolazione sistemica estremità a fondo cieco (capillari linfatici)

passaggio unidirezionale del liquido interstiziale dai tessuti alla circolazione sistemica estremità a fondo cieco (capillari linfatici) sistema linfatico passaggio unidirezionale del liquido interstiziale dai tessuti alla circolazione sistemica estremità a fondo cieco (capillari linfatici) 51 pareti formate da un singolo strato di endotelio

Dettagli

territorio E dopo il ricovero?

territorio E dopo il ricovero? L insufficienza respiratoria sul territorio E dopo il ricovero? Paolo Groff Pronto Soccorso-MURG Ospedale Madonna del Soccorso San Benedetto del Tronto Razionale BPCO: successo della NIV in termini i di

Dettagli

LiDCO System: le ragioni di una scelta

LiDCO System: le ragioni di una scelta Corsi STAT Congresso Nazionale a Corsi (11-13 febbraio 2005) UDINE Italy LiDCO System: le ragioni di una scelta L. Belloni, A. Natale A.O.R.N. SAN SEBASTIANO A.O.R.N. San Sebastiano MISURAZIONE DELLA GITTATA

Dettagli

U.O. Medicina e Chirurgia d Urgenza ed Accettazione Direttore Dott. Vito Procacci PROTOCOLLO OPERATIVO VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA

U.O. Medicina e Chirurgia d Urgenza ed Accettazione Direttore Dott. Vito Procacci PROTOCOLLO OPERATIVO VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA U.O. Medicina e Chirurgia d Urgenza ed Accettazione Direttore Dott. Vito Procacci PROTOCOLLO OPERATIVO VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA CPAP INSUFFICIENZA DI SCAMBIO

Dettagli

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT Si prega il medico di famiglia di rispondere con accuratezza ad ogni singola domanda The Medical Attendant is requested to take particular

Dettagli

LO SHOCK IN ETÀ PEDIATRICA

LO SHOCK IN ETÀ PEDIATRICA Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche UOC di Genetica ed Immunologia Pediatrica Direttore Prof. Carmelo Salpietro UOS Pediatria Medica d Urgenza Direttore:

Dettagli

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia Trauma addominale: ruolo dell infermiere nel Trauma Team Dott.ssa Maria Lombardi Coordinatrice attività infermieristiche Dipartimento Area Critica A.O.U. S. Govanni di Dio E Ruggi d Aragona SALERNO 1 Note

Dettagli

L URGENZA MEDICA IN REPARTO

L URGENZA MEDICA IN REPARTO L URGENZA MEDICA TRA PRONTO SOCCORSO E REPARTO Domande e risposte L URGENZA MEDICA IN REPARTO Paola Marvasi URGENZA STABILIZZATA IN PS URGENZA CHE SI MANIFESTA IN REPARTO: Sepsi severa shock Insufficienza

Dettagli

Alterazioni equilibrio acidobase

Alterazioni equilibrio acidobase Alterazioni equilibrio acidobase In base all equazione di HendersonHasselbalch ph = pk+ log [HCO 3 ] [CO 2 ] Acidosi: rapporto HCO 3 /CO 2 ph. Se diminuzione dipende da: HCO 3 acidosi metabolica (nonrespiratoria)

Dettagli

haemodynamic monitoring

haemodynamic monitoring haemodynamic monitoring Mostcare Up è l unico monitor in grado di seguire in tempo reale, di battito in battito, ogni minima variazione emodinamica del paziente. L algoritmo brevettato basato sul metodo

Dettagli

CVHD (Chronic Valvular Heart Disease)

CVHD (Chronic Valvular Heart Disease) CVHD (Chronic Valvular Heart Disease) Endocardiosi valvolare Degenerazione mixomatosa valvolare Dott. ALBERTO MANZI Medico Veterinario - Rappresenta la più comune patologia cardiaca del cane (75 % dei

Dettagli

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Corso Base Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Cardiopatia ischemica Definisce un quadro di malattie a diversa eziologia che interessano l integrita del cuore nelle quali il fattore

Dettagli

I TRAUMI DEL TORACE. www.fisiokinesiterapia.biz

I TRAUMI DEL TORACE. www.fisiokinesiterapia.biz I TRAUMI DEL TORACE www.fisiokinesiterapia.biz La principale causa di una emergenza toracica è rappresentata dai traumi toracici. Nel mondo occidentale il 20-25% delle morti traumatiche sono dovute ad

Dettagli

Congresso Nazionale IRC. Expo Napoli Congress Palace, Napoli 6-7 Giugno 2008

Congresso Nazionale IRC. Expo Napoli Congress Palace, Napoli 6-7 Giugno 2008 Congresso Nazionale IRC Expo Napoli Congress Palace, Napoli 6-7 Giugno 2008 ACCURATEZZA DIAGNOSTICA DELL ECOGRAFIA ECOGRAFIA TORACO-POLMONARE NELLA VALUTAZIONE DEI PAZIENTI CON INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

Dettagli

39.1. SHOCK. (vale per tutto il capitolo) I edizione. In collaborazione con il dott. Enrico Strocchi. 39. Shock...1

39.1. SHOCK. (vale per tutto il capitolo) I edizione. In collaborazione con il dott. Enrico Strocchi. 39. Shock...1 1 39. SHOCK I edizione In collaborazione con il dott. Enrico Strocchi (vale per tutto il capitolo) 39. Shock...1 39.1. SHOCK E COLLASSO CARDIO-CIRCOLATORIO...3 39.1.1. Tipi di shock... 3 39.1.2. Shock

Dettagli

Le complicanze acute: l ipoglicemia la sindrome iperosmolare la chetoacidosi

Le complicanze acute: l ipoglicemia la sindrome iperosmolare la chetoacidosi Le complicanze acute: l ipoglicemia la sindrome iperosmolare la chetoacidosi Paziente diabetico con accesso in PS: Indicazioni all ospedalizzazione. Hospital Admission Guidelines for Diabetes Complicanze

Dettagli

IL PAZIENTE con trauma TORACICO

IL PAZIENTE con trauma TORACICO Corso di Laurea in Infermieristica INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA CRITICA Medicina Urgenza e Rianimazione Dr. Michele Bertelli IL PAZIENTE con trauma TORACICO Sommario IL TRAUMA TORACICO... 2 Definizione

Dettagli

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. LUNG FAILURE (EPA, ARDS, etc.) Compromissione dello scambio gassoso IPOSSIEMIA PUMP FAILURE (BPCO, cifoscoliosi, etc.) Compromissione della ventilazione IPOSSIEMIA

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI 4. ABBREVIAZIONI 5. APPROCCIO TERAPEUTICO FASI NOME/COGNOME (Funzioni) FIRMA DATA Redazione Verifica Approvazione Pagina 2 di 7 1.

Dettagli

Medicazioni a pressione negativa: Proposta di un registro regionale. L. Traldi & P.L. Ipponi

Medicazioni a pressione negativa: Proposta di un registro regionale. L. Traldi & P.L. Ipponi Medicazioni a pressione negativa: Proposta di un registro regionale L. Traldi & P.L. Ipponi DO YOU SPEAK NEGATIVE PRESSURE WOUND THERAPY LANGUAGE POTENZIALITÀ DELLA NPWT IN CHIRURGIA GENERALE: TRA EVIDENZA

Dettagli

competenze applicabili ai PoCT Il suo uso è sinergico con lo standard definito

competenze applicabili ai PoCT Il suo uso è sinergico con lo standard definito Congresso Nazionale Interdisciplinare Buona pratica clinica e ricerca scientifica nell urgenza-emergenza emergenza Innovazione tecnologica nell ambito della medicina d emergenza-urgenza Workshop: Le alterazioni

Dettagli

TEST COAGULATIVI anno 2012

TEST COAGULATIVI anno 2012 17 novembre 2012 1 TEST COAGULATIVI anno 2012 200000 150000 100000 50000 0 savona pietra albenga cairo Presidio esami per DH esami per esterni esami urgenti per interni esami routine per interni INTERNI

Dettagli

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Incidenti stradali Annegamento Incidenti domestici Caratteristiche dei traumi pediatrici Tipo di trauma Traumi associati Differenze

Dettagli

Shock settico: trattare già dal Triage?

Shock settico: trattare già dal Triage? Pillola d emergenza SETTEMBRE 2011, Numero 37 In questa pillola di Agostino Nocerino due aggiornamenti di rilievo: - Shock settico: trattare già dal triage? - Il monitoraggio emodinamico avanzato del bambino

Dettagli

QUANDO PER UN TEMPO ABBASTANZA LUNGO C E UNA RIDUZIONE DEL FLUIDO O UNA DILATAZIONE DEI TUBI O UN DANNEGGIAMENTO DELLA POMPA.

QUANDO PER UN TEMPO ABBASTANZA LUNGO C E UNA RIDUZIONE DEL FLUIDO O UNA DILATAZIONE DEI TUBI O UN DANNEGGIAMENTO DELLA POMPA. QUANDO PER UN TEMPO ABBASTANZA LUNGO C E UNA RIDUZIONE DEL FLUIDO O UNA DILATAZIONE DEI TUBI O UN DANNEGGIAMENTO DELLA POMPA. IPOVOLEMIA VASODILATAZIONE PERIFERICA INSUFFICIENZA CARDIACA SHOCK IPOVOLEMICO

Dettagli

Chetoacidosi diabetica (DKA)

Chetoacidosi diabetica (DKA) Università degli studi di Parma Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento dell Età evolutiva Prof. M. Vanelli Chetoacidosi diabetica (DKA) 1 È responsabile della maggior parte dei ricoveri nonché della

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

Regolazione della circolazione

Regolazione della circolazione Regolazione della circolazione Le funzioni circolatorie vengono regolate da meccanismi che ne assicurano il normale svolgimento in condizioni di riposo e in condizioni di aumentate esigenze. La regolazione

Dettagli

Gestione del paziente con dolore toracico montagna P.se

Gestione del paziente con dolore toracico montagna P.se Gestione del paziente con dolore toracico montagna P.se Territorio Pronto soccorso S. Marcello P.se U.O. Medicina III S. Marcello P.se Riferimento alle Linee guida ESC, adattando i percorsi al nostro territorio

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE Struttura La porzione più esterna della corticale, la zona glomerulare, è costituita da piccole cellule mentre la porzione centrale,

Dettagli

La sepsi: il paradigma dell emergenza intraospedaliera

La sepsi: il paradigma dell emergenza intraospedaliera La sepsi: il paradigma dell emergenza intraospedaliera Giulio Minoja Dipartimento di Anestesia e Rianimazione Azienda Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi VARESE giulio.minoja@ospedale.varese.it 1 Sepsi:

Dettagli

Ipotensione Ortostatica

Ipotensione Ortostatica Ipotensione Ortostatica Raffaello Furlan Dichiaro di non aver legami di tipo economico o professionale con industrie o organizzazioni, per i quali può configurarsi un conflitto di interesse riguardante

Dettagli

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE Classificazione dell Iperglicemia in Ospedale 1) Diabete mellito noto diabete diagnosticato e trattato prima del ricovero 2) Diabete mellito

Dettagli