REPORT GENOBIKE dal DNA il training su misura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPORT GENOBIKE dal DNA il training su misura"

Transcript

1 Genobike è il test che, attraverso l'analisi del DNA, individua le predisposizioni genetiche individuali utili per ottimizzare l'allenamento, migliorare la performance e mantenere più a lungo i risultati raggiunti. Sulla base del risultato dell'analisi è possibile individuare tre aspetti della propria fisiologia, tutti molto importanti per programmare l'attività fisica ottimale per il proprio organismo. Il primo è la predisposizione al tipo di sforzo, che può essere orientato alla forza esplosiva, oppure alla forza resistente. Il secondo aspetto importante che viene individuato è la capacità di lipolisi, cioè la capacità dell'organismo di eliminare il grasso corporeo. Le informazioni ottenute aiutano a modulare meglio l'attività fisica per ottenere un dimagrimento più efficace e rapido. Il terzo parametro si riferisce alla capacità antiossidante, cioè alla capacità dell'organismo di eliminare le tossine che si producono con l'attività fisica. Questo parametro è molto importante perché una scorretta capacità di eliminare le tossine (radicali liberi o ROS) può portare disturbi muscolari e articolari che influenzano negativamente l'allenamento Perché è importante conoscere questi aspetti del proprio profilo genetico? La storia del nostro organismo è determinata non solo dal nostro codice genetico, ma anche dall'incontro tra la predisposizione genetica, le influenze ambientali e lo stile di vita. Conoscendo le nostre predisposizioni genetiche è dunque possibile intervenire attivando dei correttivi, laddove siano necessari, soprattutto per quanto riguarda l'alimentazione e la programmazione dell'attività fisica. Se prendiamo in esame la capacità antiossidante, per esempio, molto si può fare per migliorare lo smaltimento dei radicali liberi con una corretta alimentazione e l'eventuale integrazione di antiossidanti. Così come per quanto riguarda la predisposizione al tipo di sforzo si può intervenire con una metodica di allenamento volta da una parte a ottimizzare le potenzialità individuali e dall'altra a compensare quegli aspetti che risultano meno favoriti.

2 IL PROGRAMMA DI ALLENAMENTO PERSONALIZZATO Genobike mette a disposizione informazioni relative ad aspetti della fisiologia dell'atleta impensabili prima della scoperta e delle ricerche scientifiche sul DNA e consente ai ciclisti e ai preparatori atletici di avere a disposizione il massimo della conoscenza per poter sviluppare un a l l e n a m e n t o personalizzato in tutte le varie fasi della preparazione e specifico per il ciclismo. Un pool di preparatori atletici, in collaborazione con squadre professionistiche e amatoriali, ha testato delle metodiche di allenamento per il ciclismo indicizzate non solo sulle caratteristiche fisiche, fisiologiche e psicologiche dei singoli atleti, ma per la prima volta in assoluto calibrata sulle caratteristiche genetiche individuali. Il programma di allenamento personalizzato Genobike propone un mix di allenamenti mirato alle varie fasi della preparazione: Periodo di preparazione fase generale Durata 6 settimane Periodo di preparazione fase speciale Durata 8 settimane Periodo di preparazione fase preagonistica Durata 6 settimane Periodo di preparazione fase agonistica Durata 4 settimane Periodo di transizione fase di recupero attivo Durata 2 settimane

3 COME SONO FATTI I NOSTRI MUSCOLI Ogni muscolo è formato da un certo numero di fasci, a loro volta costituiti da cellule chiamate fibre muscolari. Le fibre muscolari che compongono il muscolo non sono tutte uguali, ma differiscono tra loro non solo dal punto di vista anatomico, ma anche per alcune precise caratteristiche fisiologiche. All'interno di ogni muscolo si riconoscono diversi tipi di fibre classificate in base alla velocità di contrazione e alla resistenza alla fatica: FIBRE LENTE o di TIPO I (st slow twitch) Queste fibre sono a contrazione lenta (fibre rosse ricche di mioglobina, molecola ricca di ossigeno, e mitocondri, considerati le centrali energetiche dell'organismo perché forniscono alle cellule l'energia di cui hanno bisogno per tutte le loro funzioni vitali). Sono resistenti all'affaticamento e ricche di enzimi ossidativi, che permettono attività continue e prolungate; hanno un'alta capacità aerobica e quindi resistenza alla fatica. Sono fibre che crescono con difficoltà e aumentano di poco la forza. FIBRE VELOCI o di TIPO II (ft fast twitch) Queste fibre sono a contrazione rapida (fibre bianche povere di mioglobina e di mitocondri), si stancano facilmente, sono fibre potenti (grazie anche alla loro innervazione) che sviluppano velocemente massa e forza. Vengono suddivise in due sottogruppi: Fibre del tipo IIa o intermedie Sono dette a contrazione rapida ossidante in quanto, oltre a essere ricche di enzimi glicolitici, hanno un maggior quantitativo di mitocondri rispetto alle IIb (ma minore di quelle di tipo I) Fibre del tipo IIb Sono dette a contrazione rapida glicolitica in quanto scarsamente dotate di mitocondri, ma più ricche appunto di enzimi glicolitici che permettono di erogare energia velocemente senza l'utilizzo di ossigeno.

4 QUAL E IL CARBURANTE DEI NOSTRI MUSCOLI La vera benzina dei nostri muscoli è la molecola di ATP (adenosina trifosfato) ricca di energia e sempre presente all'interno delle fibre muscolari. Quando parliamo di produzione di energia attraverso il metabolismo aerobico e anaerobico ci riferiamo a meccanismi di ricostruzione delle molecole di ATP per la produzione di energia. METABOLISMO AEROBICO Il termine aerobico nella fisiologia dell'esercizio è inteso come un meccanismo che porta alla produzione dell'energia necessaria per la contrazione muscolare attraverso l'utilizzo di O2 (ossigeno). Durante il riposo, ma anche durante sforzi moderati, i muscoli lavorano in modo aerobico perché consumano in prevalenza ossigeno. Durante l'allenamento aerobico in un primo momento i muscoli per produrre energia bruciano glucosio (glucidi), in seguito (dopo circa 2 minuti di esercizio) vengono utilizzati i grassi (lipidi). GLUCIDI / LIPIDI + O2 (OSSIGENO) ENERGIA (ATP) + H2O (ACQUA) + CO2 (ANIDRIDE CARBONICA) Il meccanismo aerobico può teoricamente erogare energia all'infinito infatti i suoi elementi di scarto l'acqua e l'anidride carbonica sono facilmente smaltibili, l'acqua viene riutilizzata, l'anidride carbonica viene espirata. Come indicatore del livello di attivazione del metabolismo aerobico si utilizza il consumo di ossigeno (VO2), inteso come la quantità di ossigeno utilizzata dalle cellule per soddisfare le richieste energetiche. METABOLISMO ANAEROBICO Il metabolismo anaerobico deve essere diviso in due: alattacido, senza produzione di acido lattico, e lattacido, con produzione di acido lattico, una sostanza tossica che causa sensazione di bruciore nei muscoli e che porta a un veloce affaticamento. Sistema anaerobico alattacido Il metabolismo anaerobico alattacido non consuma ossigeno e non produce lattato. Questo sistema consente di ottenere molto rapidamente, attraverso una singola reazione chimica, l'atp di cui il muscolo necessita nel momento specifico: Pcr (fosfocreatina)+ ADP (adenosina difosfato) ATP (ENERGIA MUSCOLARE) + Cr (creatina)

5 Vista la sua scarsa disponibilità, l'esaurimento della PCr (fosfocreatina) rappresenta il grosso limite di questo processo il quale può durare solo per pochi secondi (8-1 secondi) in corrispondenza di un lavoro muscolare ad alta intensità. Esaurita la PCr (fosfocreatina) è ancora possibile per il muscolo proseguire il lavoro grazie al sistema anaerobico lattacido. Sistema anaerobico lattacido Il metabolismo anaerobico lattacido non consuma ossigeno e produce lattato. L'aumento nel muscolo di ADP (adenosina di fosfato) in corrispondenza all'esaurimento della PCr (fosfocreatina) stimola all'interno della fibra muscolare l'enzima fosforilasi che, sciogliendo il glicogeno (riserva energetica ricavata ad esempio dalla pasta e dal riso), libera del glucosio (zucchero comune) che verrà utilizzato per la riconversione di ADP in ATP. La glicolisi anaerobica (reazione chimica che non necessitano di ossigeno ma solo di enzimi specifici denominati glicolitici) porta quindi alla trasformazione di glucosio in acido lattico con recupero di energia attraverso la formazione di ATP. GLUCOSIO + ADP ATP (ENERGIA MUSCOLARE) + ACIDO LATTICO Anche se non è un sistema rapido ed efficiente come il precedente, il metabolismo anaerobico lattacido consente al muscolo di compiere lavoro ad alta intensità per circa due minuti. Oltre i due minuti condotti a ritmo massimale, la quantità di acido lattico prodotta da questo meccanismo induce l'atleta a diminuire o ad interrompere completamente la propria attività. Alla fine di un esercizio fisico, qualunque sia il tipo di sforzo prodotto, le attività metaboliche non ritornano immediatamente al loro livello di riposo, ma continuano a consumare energia per un periodo più o meno lungo secondo l'intensità dell'esercizio. Questo effetto chiamato EPOC (Excess Post-exercise Oxygen Consumption) fa sì che continuiamo a bruciare calorie anche quando l'allenamento è terminato, prolungando l'effetto benefico dell'attività sportiva.

6 CHE COS E LA FREQUENZA CARDIACA La frequenza cardiaca è il numero di battiti del cuore al minuto (bpm). Insieme alla temperatura corporea, la pressione sanguigna e il ritmo respiratorio, è una delle funzioni vitali. Essa varia in relazione alle caratteristiche fisiche del soggetto (età, peso, sesso etc.) e soprattutto in funzione delle richieste energetiche muscolari, ovvero maggiore è l'intensità dell'esercizio fisico che stiamo svolgendo maggiore sarà la frequenza cardiaca. Ecco perché la frequenza cardiaca rappresenta il così detto contachilometri organico, il misuratore dell'intensità di sforzo del nostro corpo. Possiamo stabilire alcuni livelli di frequenza cardiaca, e quindi di intensità di allenamento, attraverso queste semplici formule: FREQUENZA CARDIACA MASSIMA: FC max = 22-età FREQUENZA CARDIACA DI SOGLIA ANAEROBICA: FC anaerobica=95% FC max FREQUENZA CARDIACA DI SOGLIA AEROBICA: FC aerobica= FC anaerobica -3/4 ESEMPIO PER ATLETA DI 35 ANNI FC max = FC anaerobica FC aerobica = 185bpm = 175bpm = bpm Le su dette formule sono solo indicative e andrebbero verificate con dei test funzionali specifici quali il test Conconi, test di Mader, test di consumo di ossigeno, ecc.

7 APPENDICE 1: INFORMAZIONI NUTRIZIONALI Partendo dal presupposto che non esistono cibi che migliorano la prestazione, ma che solo una sana alimentazione garantisce il rendimento ottimale, per ognuno di noi devono essere tenute presenti le necessità quantitative e qualitative in relazione alla capacità individuale di metabolizzare gli alimenti. In poche parole, al di là di limiti fisiologici ben noti, ci sono differenze nel fabbisogno individuale di certi nutrienti che devono essere tenute in considerazione per ottenere il massimo risultato dall'attività sportiva e mantenere il proprio corpo in buona salute. ACIDI GRASSI POLINSATURI Gli omega-3 (DHA e EPA) sono soprattutto contenuti nei pesci come il salmone, lo sgombro, l'aringa, il tonno e il merluzzo. Nei semi è invece presente il precursore degli omega-3, l'acido α-linolenico (LNA). Gli acidi grassi omega-3 stimolano la sintesi di prostaglandine, ormoni con proprietà anti-infiammatorie, riducendo il rischio infiammazione con una azione preventiva nei confronti delle patologie cardiovascolari. Un aspetto che influenza l'effetto antinfiammatorio degli omega-3 è il rapporto con gli acidi grassi omega-6 (contenuti principalmente negli oli di semi) che vengono assunti con la dieta. Per un efficace effetto antinfiammatorio si dovrebbe tener conto dell'apporto dietetico non solo degli omega-3, ma anche degli acidi grassi omega-6, in quanto, affinché il livello di assunzione possa risultare efficace, è necessario riequilibrare il rapporto tra queste due forme, mantenendole in un rapporto di 5:1 (Ω6/ Ω3). ALIMENTO (1 g)? -3? -6? -6:? -3 DHA (g) EPA (g) LNA (g) Totali (g) Totali (g) Sgombro 1,4,9, 2,6,2 Salmone coho (selvatico),6,4,1 1,4,2,8 : 1,1 :1 Salmone coho (allevamento),8,3, 1,2,3,2 :1 Acciuga o alice,9,5 1,4,1,7 : 1 Tonno,8,2 1,3,1,4 : 1 Semi di lino 22,8 22,8 5,9,2 : 1 Olio di semi di lino 53,3 53,3 33,,2 : 1 Noci secche 2, 2, 12,6 16,4 : 1 Arachidi,1,1 1,5 61,9 : 1 Pistacchi secchi salati,2,2 13,6 51,8 :1 Olio di oliva,5,7 9,7 12,8 : 1 Una eccessiva assunzione di acidi grassi polinsaturi può provocare una aumentata velocità di sanguinamento e alterazione della funzione immunitaria. Si raccomanda pertanto che l'assunzione abituale di acidi grassi polinsaturi omega-3 rimanga sotto il 5% dell'energia totale della dieta, mentre per il totale omega-3/omega-6 sotto il 15%. Come è noto gli acidi grassi polinsaturi sono utili nella prevenzione dei dismetabolismi lipidici, ma necessitano di un'aumentata protezione dalle perossidazioni. E' opportuno perciò, in caso di elevata assunzione di acidi grassi polinsaturi, aumentare l'apporto di tocoferoli o altri antiossidanti.

8 APPENDICE 1: INFORMAZIONI NUTRIZIONALI ANTIOSSIDANTI Lo stress ossidativo può essere dovuto a una insufficiente attività di detossificazione dell organismo su base genetica, ma anche allo stile di vita e all ambiente in cui si vive. Per esempio il fumo di sigaretta, una eccessiva esposizione al sole o una intensa e prolungata attività fisica aumentano la produzione di radicali liberi e di conseguenza lo stress ossidativo. L'equilibrio fra radicali liberi e antiossidanti è fondamentale per evitare danni a livello dei tessuti e delle cellule che possono comportare, se non contrastati adeguatamente, una riduzione delle capacità atletiche oltre che problemi sullo stato di salute generale. L'organismo umano è in grado di difendersi normalmente dall'aggressione dei radicali liberi producendo degli antiossidanti endogeni. Ma può essere necessario integrare l apporto di antiossidanti per ovviare all'insorgenza di problemi col passare del tempo. In natura esistono moltissimi agenti antiossidanti, i principali sono: Pigmenti vegetali (polifenoli, bioflavonoidi, curcuminoidi, epigallocatechingallato EGCG) Vitamine (vitamina C, vitamina E, betacaroteni) Micronutrienti ed enzimi (selenio, rame, zinco, glutatione, coenzima Q1, melatonina, acido urico, ecc). Un ruolo particolare nell'ambito della detossificazione è svolto dagli isotiocianati. Gli isotiocianati (ITC), derivano dai glucosinolati presenti nei vegetali della famiglia delle crucifere (cavolo, cavolfiore ecc). Gli ITC hanno un effetto protettivo nei confronti delle patologie tumorali, dovuto alla loro capacità di modulare gli enzimi coinvolti nella detossificazione, inibendo gli enzimi di fase I ed attivando quelli di fase II. Va tenuto presente che ciascun antiossidante ha un campo di azione limitato, pertanto solo un'alimentazione completa ed equilibrata può garantire un'efficace azione antiossidante. Per garantirsi un sufficiente apporto giornaliero di antiossidanti è quindi consigliabile un'alimentazione equilibrata ed un consumo giornaliero di almeno 5 porzioni di frutta e verdura fresche e di stagione, molto più ricche di sostanze antiossidanti rispetto a quelle fuori stagione. Una misura della capacità degli alimenti di inattivare i radicali liberi è l'orac (Oxygen Radicai Absorbance Capacity). Di seguito una tabella riportante i cibi a maggior contenuto di antiossidanti in base al valore ORAC (per 1g di alimento). FRUTTA Prugne nere More Lamponi Mirtilli Melagrana Fragole Ciliegie Mele con buccia Arance Pesche FRUTTA SECCA Noci Nocciole Pistacchi Mandorle VERDURE Carciofi bolliti Aglio Cavolo rosso bollito Insalata rossa Broccoli bolliti Cavolo nero bollito Ravanelli Asparagi cotti Lattuga Cipolla rossa cruda SPEZIE E CONDIMENTI Cumino Pepe nero Salvia Olio extravergine d'oliva Secondo il ministero dell'agricoltura statunitense (USDA) per una efficace azione antiossidante è consigliabile una assunzione di almeno 5 ORAC al giorno.

9 APPENDICE 2: LE BASI SCIENTIFICHE DNA E CARATTERISTICHE INDIVIDUALI Determinate porzioni di DNA, i cosiddetti geni, codificano per proteine specifiche, che sono le componenti che consentono lo svolgimento delle funzioni delle cellule negli organismi viventi. Sebbene il DNA sia uguale al 99.9% in tutti gli esseri umani, esistono delle piccole variazioni nei geni, che vengono chiamate Polimorfismi o SNPs (Single Nucleotide Polymorphism). Queste varianti individuali a livello dei geni possono influenzare l'attività delle proteine, facendo sì che il metabolismo di ognuno di noi sia, entro determinati limiti, diverso da tutti gli altri. GENObike è un test del DNA mirato alla individuazione di determinati polimorfismi/snps che sono associati a diverse caratteristiche individuali e che possono influenzare, in associazione all'alimentazione e allo stile di vita, la nostra propensione ad un tipo di sforzo fisico, al dimagrimento o il rischio di sviluppare problemi legati all'attività sportiva. L'ACE (Angiotensin Converting Enzyme) è una zinco metallopeptidasi abbondantemente distribuita sulla superficie delle cellule endoteliali ed epiteliali. Gioca un ruolo chiave in 2 diversi sistemi fisiologici cioè la trasformazione di Angiotensina I in Angiotensina II (Ang II, un potente vasocostrittore) e la degradazione della bradichinina (un potente vasodilatatore). I livelli plasmatici di ACE presentano un'ampia variabilità inter-individuale e numerosi studi suggeriscono che circa il 5% di tale variabilità è imputabile al polimorfismo inserzione/delezione (I/D) a carico dell'introne 16 del gene. Tale polimorfismo è dovuto alla presenza (allele I -Inserzione) o assenza (allele D-Delezione) di una sequenza ripetuta Alu di 289 bp. La presenza dei due diversi alleli determina dei cambiamenti a livello fisiologico in grado di influenzare la predisposizione al tipo di sforzo.in generale i portatori della variante I sono avvantaggiati sul piano dell'endurance cardiorespiratoria in quanto presenterebbero alcuni parametri riguardanti l'efficienza cardiovascolare significativamente superiori, oltre a presentare una maggiore proporzione di fibre muscolari di Tipo I (fibre rosse). In contrasto, la variante D favorisce le attività di potenza e di velocità aumentando la forza muscolare in conseguenza agli effetti ipertrofici dell'incremento dell'angiotensina II, e alla maggiore percentuale di fibre bianche (o di tipo II) a livello muscolare (Fig. A). Montgomery et al Circulation 96: Myerson et al J. Appi. Physiol.; 87: Tanriverdi et al. 25 Cardiology; 14: Jones & Woods 23 Int. J. Biochem. Celi. Biol.; 35: Zhang et al. 23 Clin. Genet. 63:

10 APPENDICE 2: LE BASI SCIENTIFICHE LIPOLISI E' recentemente emerso il ruolo di un gene, FTO (fat mass and obesity associateci), nella regolazione del metabolismo lipidico e della lipolisi, cioè la capacità individuale di mobilizzare il grasso corporeo. Il polimorfismo T>A rs comporta una alterazione dell'attività genica: gli individui che portano la variante A sono predisposti ad accumulare grasso corporeo con più facilità. La variante A è anche associata ad una maggiore concentrazione plasmatica dell'ormone Leptina, influenzando così lo stimolo della fame. La costituzione genetica sembra influenzare in maniera decisiva l'accumulo di peso e modifica radicalmente l'impatto dell'attività fisica sul dimagrimento. Un recente studio condotto su un gruppo di oltre 17 persone ha mostrato che la presenza delle varianti A del gene FTO comporta una maggiore probabilità di accumulare grasso corporeo, tuttavia consente anche di ridurre l'eccesso di grasso con maggiore facilità praticando attività fisica adeguata. Nel grafico in figura B risulta evidente che nelle persone sovrappeso o obese caratterizzate da questo genotipo la pratica di attività ad alta intensità consente un dimagrimento rispetto a quelle che presentano una normale attività del gene. A parità di calorie introdotte infatti le persone caratterizzate da questo genotipo sfavorevole che svolgono attività fisica riescono a ridurre la loro percentuale di grasso corporeo fino all'8% in più rispetto a quelle che non presentano alterazioni dell'attività di FTO. Frayling et al. 27 Science 316 ; 11. Labayenetal. 21 Int J Obes (Lond) doi:1.138/ijo Andreasen et al. Diabetes. 28 Jan;57(1): Ruiz et al. Arch Pediatr Adolesc Med 164 (No. 4), Apr 21

11 APPENDICE 2: LE BASI SCIENTIFICHE STRESS OSSIDATIVO II processo di detossificazione comporta la trasformazione e la escrezione di composti potenzialmente tossici per il nostro organismo. Quando i metaboliti tossici si accumulano nell'organismo innescano dei processi metabolici che danneggiano cellule e tessuti, principalmente attraverso la formazione di radicali liberi, generando il processo dello Stress Ossidativo. La glutatione-s-transferasi M1 (GSTM1) è un enzima della fase II della detossificazione in grado di catalizzare la coniugazione di diversi agenti potenzialmente mutageni con il Glutatione. E' stato dimostrato come l'accumulo nell'organismo di metaboliti tossici sia alterato in individui che mostrano la completa mancanza di funzione di questo gene. Il gene Superossido Dismutasi 2 (SOD2) codifica per un metallo-enzima, localizzato nei mitocondri, in grado di convertire i radicali superossido in perossido d'idrogeno, svolgendo quindi un ruolo essenziale nella inattivazione dei radicali liberi generati dalla catena di trasporto degli elettroni. Numerosi studi hanno evidenziato fattori che possono modificare l'attività di SOD2, fra cui il sesso, l'età e varianti genetiche comuni. Il polimorfismo rs comporta la sostituzione di una Timina (T) in Citosina (C) che determina un cambio nella localizzazione cellulare dell'enzima in grado di modularne l'attività e, di conseguenza, la suscettibilità individuale agli agenti ossidanti. In particolare la combinazione delle mutazioni nei geni GST e SOD2 compromette l'attività detossificante dell'organismo, determinando nell'organismo l'accumulo di metaboliti tossici e mutageni che possono nel lungo periodo, aumentare il rischio di sviluppare malattie cronico-degenerative. Come si può osservare nella Fig. D l'aumento della 8-OH-dG urinaria (un marcatore dello stress ossidativo) aumenta in maniera correlata al numero di varianti sfavorevoli (SOD2-C e GSTM1-) presenti nel DNA, aumentando la suscettibilità individuale allo stress ossidativo. Bastaki et al. 26 Pharmacogenet Genomics 16(4): Hong et al. 22 Toxicology Letters 29: Palli et al. 24 Carcinogenesis Apr;25(4): Park et al. 26 Mutation Research 593; Stucker at al. 24 Carcinogenesis Apr;25(4): Wang et al. 24 Cancer Causes and Contrai 15:

12 COME LEGGERE IL TEST La scheda riassuntiva riporta il nome dei geni analizzati, il risultato dell'analisi e la valutazione complessiva dei processi metabolici. Questo test analizza il metabolismo dei grassi e, sulla base del risultato, suggerisce consigli nutrizionali per ottimizzare la propria forma fisica. L'esito del test indica quale tipo di fibre è maggiormente sviluppato e qual è la conseguente predisposizione al tipo di sforzo. Lo stress ossidativo è l'indicatore della capacità dell'organismo di eliminare le tossine che si producono durante l'allenamento

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione Pietro Santoianni Professore Emerito di Dermatologia Docente nel Dottorato di Ricerca in Dermatologia Sperimentale Dipartimento di Patologia sistematica, Sezione di Dermatologia Università di Napoli Federico

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Autore: Caner Açikada. Hacettepe University School of Sport Science and Technology, Ankara, Turkey Titolo Originale: Scientific Foundations of

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Alimentazione e Cancro

Alimentazione e Cancro Alimentazione e Cancro Dott.ssa Veronica Villani Neurologo Istituto Regina Elena Alimentazione e Cancro Non si vuole proporre una dieta Si vuole fornire una panoramica sulle ricerche effettuate per valutare

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

LABOREST Italia S.p.A Via Vicinale di Parabiago 22 20014 Nerviano - Tel. 0331415253 info@laborest.com www.laborest.com

LABOREST Italia S.p.A Via Vicinale di Parabiago 22 20014 Nerviano - Tel. 0331415253 info@laborest.com www.laborest.com VISTA vista ALADIN 200 DHA 30 capsule Ingredienti: Olio di pesce titolato in DHA, gelatina alimentare, umidificanti: glicerolo, sorbitolo.agente rivestimento:gommalacca, coloranti:e171,e172; stabilizzanti:trietilcitrato,

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Sara Grioni Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre"

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Cibo e salute: le scelte alimentari che promuovono o contrastano la progressione tumorale

Cibo e salute: le scelte alimentari che promuovono o contrastano la progressione tumorale Cibo e salute: le scelte alimentari che promuovono o contrastano la progressione tumorale L attuale impressionante diffusione delle patologie tumorali è diretta conseguenza del mutato contesto ambientale

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH La Klamath è da preferire ad altre verdi-azzurre per la sua ricchezza di nutrienti completamente naturali e perfettamente bilanciati. Inoltre svolge un'azione stimolante

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

growing young Cibi che combattano il grasso the art of Comprendere il colesterolo Vitamina D e sviluppo del cervello

growing young Cibi che combattano il grasso the art of Comprendere il colesterolo Vitamina D e sviluppo del cervello the art of growing young Settembre/Ottobre 2013 Cibi che combattano il grasso PAGINA 14 Combattere lo stress e perdere peso PAGINA 6 Comprendere il colesterolo PAGINA 22 Vitamina D e sviluppo del cervello

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

PROPR MOTOR. 104 Olympian s News

PROPR MOTOR. 104 Olympian s News PROPR MOTOR Non c è dubbio che la genetica giochi un ruolo di primo piano nella predisposizione personale alla forza muscolare e all ipertrofia. Quasi tutti gli autori riconoscono la necessità di un livello

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO Università degli Studi della Repubblica dii San Marino Università degli Studi di Parma Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA,

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

Copyright CrossFit, Inc. All Rights Reserved. CrossFit is a registered trademark of CrossFit, Inc.

Copyright CrossFit, Inc. All Rights Reserved. CrossFit is a registered trademark of CrossFit, Inc. La Training Guide CrossFit è un insieme di articoli del CrossFit Journal, scritti negli ultimi 10 anni principalmente dall allenatore Greg Glassman sui movimenti e i concetti fondamentali alla base del

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli