Pianeta Infarto in Italia (Heart Care Foundation -1999)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pianeta Infarto in Italia (Heart Care Foundation -1999)"

Transcript

1 SEMINARI CUORE E LAVORO La ripresa dell attività lavorativa nei pazienti affetti da cardiopatia ischemica. Parma, 8 maggio 2009 DR. MASSIMO GUALERZI Fondazione ONLUS Don Carlo Gnocchi Parma U.O.Prevenzione e Riabilitazione Cardiovascolare Pianeta Infarto in Italia (Heart Care Foundation -1999) morti/anno per malattie cardiovascolari (20% per IMA con 187 morti/ abitanti) casi di Sindrome Coronarica Acuta: 1 persona ogni 4 1 su 4 non sopravvive rapporto uomo/donna : 6 a 1 recidiva a 12 m nell 8% dei sopravvissuti a IMA 1

2 Fabbisogno di procedure di rivascolarizzazione ( Institute for Cardiac Survey- 1998) procedure di angioplastica/anno per milione di abitanti 900 interventi di cardiochirurgia/anno per milione di abitanti 600 rivascolarizzazioni/anno per milione di abitanti Costi delle malattie CV (ISTAT ) n giornate di degenza per CI n pensioni di invalidità precoce per IM assegnate su richieste non quantizzabile la mancata produzione per assenza dal lavoro 2

3 COSA SUCCEDE OGGI EVENTO ACUTO (INFARTO MIOCARDICO ) PROCEDURE ULTRASPECIALISTICHE, RAPIDE, EFFICENTI E STANDARDIZZATE SECONDO LE PIU RECENTI LINEE GUIDA DIMISSIONE PRECOCE COSA VUOLE IL PAZIENTE --SAPERE COSA GLI E SUCCESSO --SAPERE COME FARE AD EVITARE UN NUOVO EVENTO --SAPERE QUANDO, MA SOPRATTUTTO SE, PUO TORNARE A FARE LA VITA DI PRIMA COSA VUOLE IL MEDICO --AVERE CERTEZZE. 3

4 SU COSA BISOGNA LAVORARE? COLMARE IL GAP TRA I BISOGNI SOGGETTIVI DEI PZ E L OFFERTA SANITARIA FORNIRE AI MEDICI STRUMENTI CHE CONSENTANO DI FORNIRE INDICAZIONI OGGETTIVE PRESENTE FUTURO PROSSIMO --TERAPIA SINTOMATOLOGICA --STRATIFICAZIONE RISCHIO --APPROCCIO PSICOLOGICO --EDUCAZIONE SANITARIA --RESPONSABILIZZAZIONE PAZIENTE -- DISEASE MANAGEMENT 4

5 Scopi della prevenzione secondaria incidere sulla evoluzione della cardiopatie contrastandone la progressione e inducendone la regressione approccio alla gestione dei cardiopatici dettato da nuove esigenze assistenziali procedure riabilitative COMPITI DELLA RIABILITAZIONE STABILIZZAZIONE CLINICA STRATIFICAZIONE DEL RISCHIO COUNCELLING SANITARIO VALUTAZIONE FUNZIONALE VALUTAZIONE PSICO-SOCIALE VALUTAZIONE OCCUPAZIONALE RESPONSABILIZZAZIONE DEL PAZ. 5

6 Riabilitazione Cardiovascolare (WHO-ESC 1993, US PHS 1995, UK EHC 1998, GICR 1999) Somma di interventi richiesti per garantire le migliori condizioni fisiche, psicologiche e sociali in modo che i pazienti con cardiopatia post-acuta o cronica possano riprendere il proprio ruolo nella società Componenti dell intervento riabilitativo assistenza clinica, valutazione del rischio e corretta impostazione terapeutica training fisico e prescrizione di programmi di attività fisica educazione sanitaria specifica rivolta alla correzione dei FR valutazione psicosociale ed occupazionale con interventi specifici follow up clinico e strumentale individualizzato, supporto necessario per il mantenimento di un adeguato stile di vita ed una efficace prevenzione secondaria 6

7 Obiettivi della Riabilitazione CV favorire la stabilità clinica migliorare la capacità funzionale, migliorando la tolleranza allo sforzo ridurre effettivamente il rischio di successivi eventi CV, contrastando la progressione della malattia, attraverso una efficace prevenzione secondaria favorire il reinserimento lavorativo in definitiva di migliorare la qualità di vita Indicazioni alla Riabilitazione CV pz con cardiopatia ischemica post-infarto miocardico post-bypass aortocoronarico post-angioplastica coronarica cardiopatia ischemica stabile pz sottoposti ad intervento di chirurgia valvolare pz con scompenso cardiaco cronico pz con trapianto di cuore o cuore/polmone pz operati per cardiopatie congenite pz con arteriopatia cronica obliterante periferica pz portatore di PM o defibrillatori 7

8 Tipologia dell intervento riabilitativo Riabilitazione intensiva, caratterizzata da interventi valutativi e terapeutici a pz a rischio medio-alto nella fase acuta della malattia, o in quella post-acuta in caso di riacutizzazione Riabilitazione intermedia, rivolta a pz a rischio mediobasso nella fase post-acuta, nonché alla periodica rivalutazione a lungo termine di pz a medio-alto rischio Riabilitazione estensiva, con interventi mirati al mantenimento dei risultati ottenuti Modalità organizzative della Riabilitazione CV pz complicati e ad alto rischio vanno indirizzati alle strutture riabilitative degenziali a più alto livello diagnostico-organizzativo pz a medio o basso rischio vanno gestiti presso strutture di livello intermedio o ambulatoriale Intesa in questo modo, la RC costituisce oggi lo snodo decisionale centrale del percorso assistenziale dei cardiopatici 8

9 CONSIDERAZIONE ATTUALMENTE MENO DELL 8% E SOLO IL 20% DEI CARDIOOPERATI, DEGLI INFARTUATI ITALIANI VIENE AVVIATO AD UNA STRUTTURA RIABILITATIVA Benefici della RC Miglioramento della tolleranza allo sforzo e dell autonomia funzionale riduzione dei sintomi e raggiungimento della stabilizzazione clinica, miglioramento del profilo di rischio e dello stato psico-sociale riduzione di mortalità e di morbilità riduzione delle re-ospedalizzazioni e dei costi ripresa del lavoro e minor ricorso al pensionamento 9

10 Rientro al lavoro: il ruolo delle procedure riabilitative 7 studi non randomizzati hanno documentato un maggior rientro al lavoro di cardiopatici sottoposti ad un ciclo riabilitativo (no differenze per IMA, CABG, PTCA ) Cardiac Rehabilitation, AHCPR, 1995 Ritorno al lavoro dopo Riabilitazione Brusoni (Mi) 93% Nardelli (Na) 90% Maisano (Ud) 93% Zanini (Vr) 86% Schweiger (Rho) 91% Tavazzi (PV) 90% Rossi (Veruno) 75% Mazzoleni (Monza) 93% Chieffo (Caserta) 95% 10

11 Percorso riabilitativo del pz con IMA non complicato IMA G R Mob Pass Giorni Tipo di RIAC Mob. Att 3-7 TE sm Dim. Intensiva precoce degenziale Test ergometrico Max sett. Intensiva Intermedia ambulatoriale A lungo termine... Timing dei test di valutazione funzionale e prognostica nel post BAC Pre-op BAC R x Eco Holter TEsl TEMx Giorni Tipo di RC Intensiva precoce Intensiva Intermedia Estensiva a lungo termine 11

12 Prevalenza (%) dei F.R. in studi osservazionali e di intervento in prevenzione secondaria MC95 EUROASPIRE I MC 00 EUROASPIRE II Obesità Fumo Ipertensione Ipercolesterolemia A.O. Caserta U.O. di Cardiologia Riabilitativa RIVOLUZIONE DI PENSIERO Stratificazione personalizzata del rischio Comprensione dei problemi personali Disease management Fornire indicazioni precise Personalizzare gli approcci e le valutazioni 12

13 STRATIFICARE IL RISCHIO RIVOLUZIONE DI PENSIERO Prova da sforzo come metodo per stratificare il rischio delle malattie cardiache Personalizzare gli approcci e le valutazioni 13

14 Alterato profilo di frequenza cardiaca da sforzo si associa ad un aumentato rischio prospettico di morte improvvisa e mortalità globale in una ampia coorte di soggetti asintomatici ELEVATA FREQUENZA CARDIACA DI BASE 14

15 RALLENTATO DECREMENTO DI HR NEL 1 min DI RECUPERO RECUPERO IN FREQUENZA E SOPRAVVIVENZA Sistema Nervoso Autonomo 15

16 RAPIDA RIDUZIONE ATTIVITA VAGALE ALL INIZIO DELL ESERCIZIO Precoce HR nel 1 minuto Ipertono simpatico/ridotta attività vagale Instabilità elettrica Più rapida progressione della CAD RIVOLUZIONE DI PENSIERO Individuare nuovi, più precoci e più coinvolgenti fattori di rischio Personalizzare gli approcci e le valutazioni 16

17 Fondazione ONLUS Don Carlo Gnocchi Parma U.O.Prevenzione e Riabilitazione Cardiovascolare Condizioni di rischio Non giustamente percepiti Non danno segno di se Spesso associati a condizioni di benessere A VOLTE SONO GIA MALATTIA Fondazione ONLUS Don Carlo Gnocchi Parma U.O.Prevenzione e Riabilitazione Cardiovascolare Prevenzione cardiovascolare Trovare fattori di rischio precoci, che siano fortemente predittivi in prevenzione primaria ma anche nella secondaria, utilizzando metodiche ripetibili, non invasive e poco costose. Utilizzabili per stratificare il rischio di ogni paziente al fine di personalizzare ogni approccio terapeutico. 17

18 CAPIRE LA PERSONA Determinanti del rientro al lavoro variabili cliniche : 20% - estensione dell IMA + - angina residua disfunzione ventricolare sx ++++ variabili socio-economiche: 25-30% fattori sociali - psicologici : 50% 18

19 Determinanti del rientro al lavoro sociali/economici - appartenenza a classi sociali più favorite - livello di educazione elevato - difficoltà ad ottenere facilitazioni per un impiego più favorevole psicologici: - motivazione del pz - disturbi emozionali - iperprotezione familiare - percezione di uno stress lavorativo elevato - tempo trascorso dall evento -età - instabilità sociale INTERVENTO COLLOQUI INDIVIDUALI COLLOQUI FAMILIARI COUNSELLING 19

20 Sintomi somatici dell ansia I sintomi somatici possono investire ogni sistema o apparato. sintomi cardiovascolari: tachicardia, palpitazioni, extrasistoli, variazioni dei valori della pressione arteriosa e dolori al torace o in sede precordiale. disturbi respiratori : improvvise sensazioni di soffocamento o di mancanza del respiro. disturbi gastrointestinali : con stitichezza, diarrea, nausea, vomito, bruciore o dolore gastrico. sintomi "neurovegetativi : sudorazione, sensazioni di freddo o di caldo, bocca secca, senso di vertigine o di sbandamento. disturbi del sonno : difficoltà di addormentamento o risvegli frequenti durante la notte disturbi dell'alimentazione sia con riduzione che con aumento dell'appetito. STRESS Ogni moto dell anima che si accompagni a dolore o a piacere, a speranza o a paura, è causa di un sommovimento il cui eco giunge fino al cuore. Harvey

21 MANIFESTAZIONI EMOTIVE Ansia o Depressione Facile irritabilità o apatia Disturbi del sonno Attacchi di panico Impoverimento del senso di autostima; Aumento del senso di impotenza MANIFESTAZIONI COGNITIVE Difficoltà a concentrarsi Difficoltà ad apprendere cose nuove Difficoltà a memorizzare Difficoltà a mantenere l attenzione Difficoltà ad essere creativi 21

22 MANIFESTAZIONI COMPORTAMENTALI Cercare conforto: Nelle sigarette Negli alcolici Nel cibo (ipo o iperalimentazione) Nei psicofarmaci Nelle droghe MANIFESTAZIONI FISIOLOGICHE Anomalie cardiovascolari (es. palpitazioni) Dispnea Ipertensione arteriosa Aumento della glicemia Iperidrosi Xerostomia e sudorazioni profuse Polacchiuria Nausea e vomito Inappetenza o bulimia Cefalea e disturbi del sonno Cervicalgia e lombalgia Tensione muscolare generalizzata connessa ad irrequietezza psicomotoria ed incapacità a rilassarsi Disturbi digestivi e/o alvo irregolare, ecc. 22

23 Fondazione ONLUS Don Carlo Gnocchi Parma U.O.Prevenzione e Riabilitazione Cardiovascolare STRESS EVENTO Morte del coniuge Divorzio Separazione coniugale Detenzione in carcere Morte di un parente Malattie personali Matrimonio Licenziamento Pensionamento PUNTEGGIO

24 STRESS EVENTO Malattia di un familiare Gravidanza Problemi sessuali Grossa ipoteca o mutuo Problemi con suoceri Inizio o fine della scuola Cambiamento residenza Vacanze Natale PUNTEGGIO SCALA DI HOLMES - RAHE PUNTEGGIO > 300 MASSIMO INDICE DI STRESS PUNTEGGIO TRA 300 E 150 RISCHIO PRESENTE PUNTEGGIO <150 RISCHIO MINIMO MA PRESENTE 24

25 Exposure to Traffic and the Onset of Myocardial Infarction Annette Peters, Ph.D., Stephanie von Klot, M.P.H., Margit Heier, M.D., Ines Trentinaglia, B.S., Allmut Hörmann, M.S., H. Erich Wichmann, M.D., Ph.D., and Hannelore Löwel, M.D. For the Cooperative Health Research in the Region of Augsburg Study Group N Engl J Med 2004; 351: CUORE e CERVELLO Sistema Nervoso Autonomo 25

26 CUORE e CERVELLO Sistema Nervoso Autonomo CUORE e CERVELLO Sistema Nervoso Autonomo 26

27 Depressione e scompenso cardiaco congestizio 40 Popolazione generale anziana 1 Scompenso cardiaco 2 35 Prevalenza (%) Depressione maggiore Sintomi depressivi 1 Penninx BW, et al. JAMA Jiang W, et al. Arch. Intern. Med

28 Relazione tra depressione e aumentato rischio di morte in pazienti con SCC 1.0 Mortalità in 374 pazienti con CHF (NYHA II-IV), per livello di depressione ( ) Probabilità cumulativa di sopravvivenza Non depressione Depressione lieve Depressione grave Giorni di follow-up Lieve: Beck Depression Inventory >10; grave: come lieve + screening positivo al DSM-IV Jiang W, et al. Arch. Intern. Med Le 8 scale del SF-36 Questionario sullo stato di salute, versione 1 Attività fisica (AF) Ruolo e attività fisica (RF) Dolore fisico (DF) Salute in generale (SG) Vitalità (VT) Attività sociali (AS) Ruolo e stato emotivo (RE) Salute mentale (SM) 28

29 Salute in generale (SG) Basso: Valuta una percezione pessimistica della propria salute, ritenendo possibile in futuro un peggioramento. Alto: Valuta la percezione della propria salute come eccellente. Basso: Il paziente si percepisce molto stanco e affaticato. Alto: Il paziente si percepisce sempre brillante e pieno di energie. Vitalità (VT) 29

30 Attività sociali (AS) Basso: Gravi e frequenti interferenze con le normali attività sociali, dovuti a problemi fisici o emotivi. Alto: Esercita le normali attività sociali senza alcun interferenza dovuta a problemi fisici o emotivi. Ruolo e stato emotivo (RE) Basso: Difficoltà con il lavoro o altre attività quotidiane a causa di problemi emotivi. Alto: Nessuna difficoltà con il lavoro o altre attività quotidiane a causa di problemi emotivi. 30

31 Salute Mentale (SM) Basso: Sensazioni di nervosismo e depressione per tutto il tempo. Alto: Sensazioni di serenità e tranquillità per tutto il tempo. INSEGNARE A PRENDERSI CURA DI SE STESSI 31

32 INTERVENTIONS TO IMPROVE AUTONOMIC FUNCTION LIFESTYLE MODIFICATION Exercise Social support Religiosity or faith Meditation Restoration of normal sleep Weight loss Smoking cessation Stress reduction MEDICATIONS β -Blockers Angiotensin - converting enzyme inhibitors Omega - 3 fatty acids Sistema Nervoso Autonomo RIVOLUZIONE DI PENSIERO Esercizio fisico come cardine della prevenzione e del trattamento delle malattie cardiache Ottimizzare le potenzialità del miocardio e della periferia 32

33 NUOVA TERAPIA CARDIOVASCOLARE CATEGORIA FARMACEUTICA Cardio-tonico PRINCIPIO ATTIVO Antianginoso Beta-bloccante Anti-ipertensivo Esercizio Fisico (aerobico e isometrico) Ipoglicemizzante Ipolipemizzante Ansiolitico Anti-infiammatorio Recommendation for physical activity from the CDC/ACSM Consensus Statement and Surgeon General s Report Every adult subject should participate in 30 minutes or more of moderate intensity activity on most, and preferably all, days of the week. Moderate activities: activities comparable to walking briskly at about 5 to 7 kilometers per hour Thirty minutes of moderate activity daily equates to 600 to 1200 calories of energy expended per week. 33

34 1 Age-adjusted mortality rates in men categorized by level of fitness 0 0,01 0,02 0,03 0,04 0,05 0,06 0,07 0,08 0,09 0,1 0,11 0,12 0,13 0,14 0,15 0,16 0,17 0,18 0,19 0,2 0,21 0,22 0,23 0,24 0,25 0,26 0,27 0,28 0,29 0,3 0,31 0,32 0,33 0,34 0,35 0,36 0,37 0,38 0,39 0,4 0,41 0,42 0,43 0,44 0,45 0,46 0,47 0,48 0,49 0,5 0,51 0,52 0,53 0,54 0,55 0,56 0,57 0,58 0,59 0,6 0,61 0,62 0,63 0,64 0,65 0,66 0,67 0,68 0,69 0,7 0,71 0,72 0,73 0,74 0,75 0,76 0,77 0,78 0,79 0,8 0,81 0,82 0,83 0,84 0,85 0,86 0,87 0,88 0,89 0,9 0,91 0,92 0,93 0,94 0,95 0,96 0,97 0,98 0,991 1,01 1,02 1,03 1,04 1,05 1,06 1,07 1,08 1,09 1,1 1,11 1,12 1,13 1,14 1,15 1,16 1,17 1,18 1,19 1,2 1,21 1,22 1,23 1,24 1,25 1,26 1,27 1,28 1,29 1,3 1,31 1,32 1,33 1,34 1,35 1,36 1,37 1,38 1,39 1,4 1,41 1,42 1,43 1,44 1,45 1,46 1,47 1,48 1,49 1,5 1,51 1,52 1,53 1,54 1,55 1,56 1,57 1,58 1,59 1,6 1,61 1,62 1,63 1,64 1,65 1,66 1,67 1,68 1,69 1,7 1,71 1,72 1,73 1,74 1,75 1,76 1,77 1,78 1,79 1,8 1,81 1,82 1,83 1,84 1,85 1,86 1,87 1,88 1,89 1,9 1,91 1,92 1,93 1,94 1,95 1,96 1,97 1,98 1,992 2,01 2,02 2,03 2,04 2,05 2,06 2,07 2,08 2,09 2,1 2,11 2,12 2,13 2,14 2,15 2,16 2,17 2,18 2,19 2,2 2,21 2,22 2,23 2,24 2,25 2,26 2,27 2,28 2,29 2,3 2,31 2,32 2,33 2,34 2,35 2,36 2,37 2,38 2,39 2,4 2,41 2,42 2,43 2,44 2,45 2,46 2,47 2,48 2,49 2,5 2,51 2,52 2,53 2,54 2,55 2,56 2,57 2,58 2,59 2,6 2,61 2,62 2,63 2,64 2,65 2,66 2,67 2,68 2,69 2,7 2,71 2,72 2,73 2,74 2,75 2,76 2,77 2,78 2,79 2,8 2,81 2,82 2,83 2,84 2,85 2,86 2,87 2,88 2,89 2,9 2,91 2,92 2,93 2,94 2,95 2,96 2,97 2,98 2,993 3,01 3,02 3,03 3,04 3,05 3,06 3,07 3,08 3,09 3,1 3,11 3,12 3,13 3,14 3,15 3,16 3,17 3,18 3,19 3,2 3,21 3,22 3,23 3,24 3,25 3,26 3,27 3,28 3,29 3,3 3,31 3,32 3,33 3,34 3,35 3,36 3,37 3,38 3,39 3,4 3,41 3,42 3,43 3,44 3,45 3,46 3,47 3,48 3,49 3,5 3,51 3,52 3,53 3,54 3,55 3,56 3,57 3,58 3,59 3,6 3,61 3,62 3,63 3,64 3,65 3,66 3,67 3,68 3,69 3,7 3,71 3,72 3,73 3,74 3,75 3,76 3,77 3,78 3,79 3,8 3,81 3,82 3,83 3,84 3,85 3,86 3,87 3,88 3,89 3,9 3,91 3,92 3,93 3,94 3,95 3,96 3,97 3,98 3,994 4,01 4,02 4,03 4,04 4,05 4,06 4,07 4,08 4,09 4,1 4,11 4,12 4,13 4,14 4,15 4,16 4,17 4,18 4,19 4,2 4,21 4,22 4,23 4,24 4,25 4,26 4,27 4,28 4,29 4,3 4,31 4,32 4,33 4,34 4,35 4,36 4,37 4,38 4,39 4,4 4,41 4,42 4,43 4,44 4,45 4,46 4,47 4,48 4,49 4,5 4,51 4,52 4,53 4,54 4,55 4,56 4,57 4,58 4,59 4,6 4,61 4,62 4,63 4,64 4,65 4,66 4,67 4,68 4,69 4,7 4,71 4,72 4,73 4,74 4,75 4,76 4,77 4,78 4,79 4,8 4,81 4,82 4,83 4,84 4,85 4,86 4,87 4,88 4,89 4,9 4,91 4,92 4,93 4,94 4,95 4,96 4,97 4,98 4, Relative Risk of death Categories of exercise capacity 1 to 6 METs 10 to13 METs 8 to 10 METs 6 to 8 METs >13 METs Least Fit Most Fit INDICAZIONI TERAPEUTICHE 1 Virtualmente tutti i pazienti con nota CARDIOPATIA ISCHEMICA, se stabile, dovrebbero cimentarsi in una regolare attività fisica

35 Exercise based rehabilitation vs usual medical care in 8940 pz CHD Taylor Am J Med 2004;116: INDICAZIONI TERAPEUTICHE 2 Pazienti con angina o ischemia miocardica da sforzo 2

36 Esercizio fisico in ischemia da sforzo? Circulation.2004; 109: Pazienti con angina o ischemia miocardica da sforzo 101 uomini <70 anni documentata angina / ischemia da ergotest tutti con lesioni coronariche passibili di angioplastica / stenting esclusi se IVA prox critica, >25% TC, FE<40%, malattia valvolare associata, IMA entro 2 mesi, rivascolarizzazione pregressa entro 12 mesi 47 pz: 10 min 6 volte/die al 70% HR sintomo-limitata per 15 die, poi 20 min/die + 1 volta alla settimana 60 min in Riabilitazione per 1 anno 47 pz: angioplastica/stenting Ad 1 anno tutti rivalutati con coronarografia. 3

37 88% (EXE) vs 71% (PCI) Event Free Survival at 1 year (NF IMA, STROKE, RICOVERO O PROCEDURA) INDICAZIONI TERAPEUTICHE 3 Pazienti con scompenso cardiaco Stabile I-III NYHA 4

38 HEART FAILURE AND EXERCISE Piepoli BMJ Piepoli BMJ

39 Piepoli BMJ Breathing Exercises Are Part of Meditation and Healing Reciting the mantra stabilizes the respiratory rate (Bernardi, BMJ 2001) 39

40 Synchronization of Cardiac and Vascular Effects (Reduced Vasoconstriction) Breathing rate bpm 5-6 bpm Respiration signal PP (mmhg) HR (bpm) Capillary Blood Flow Increased Heart Rate Variability Increased capillary flow Parati, Gavish and Izzo, AHA Hypertension Primer 2007 Time (sec) Time (sec) FORNIRE INDICAZIONI PRECISE PER LA RIPRESA DEL LAVORO 40

41 Valutazione occupazionale raccogliere informazioni sul dispendio energetico della attività lavorativa del paziente valutazione sul posto di lavoro responsabilità Attività lavorativa e dispendio energetico Molto leggera (< 3Met) Att. impiegatizie, commesso in negozio,cameriere, guida di autocarro*. Manovra di una gru* Leggera (3-5 Met) Moderata (5-7 Met) Pesante (7-9 Met) Molto pesante (> 9 Met) Riparare automobili, assemblare macchinari, riempire scaffali con oggetti leggeri, lavori leggeri in saldatura e carpenteria**, attaccare carta da parati** Lavori di muratura esterna**, spalare la terra**, montare uno pneumatico** Scavare un fossato**, scavare e spalare** Taglialegna**, manovale** * attenzione allo stress psicologico addizionale con incremento del carico lavorativo cardiaco. ** incremento significativo del VO2 in caso di sforzo isometrico o uso delle braccia 41

42 Cardiopulmonary Exercise Testing in Cardiomyopathy 1) Diagnosis 2) Functional assessment 2) Marker of prognosis 3) Guide for the timing of heart transplantation 4) Functional parameter to verify response to therapy Adattamenti all esercizio fisico 42

43 Cardio-Pulmonary Unit by Wasserman et al. CPX evaluates the functioning of the cardiovascular systems, lungs, and skeletal muscle and the reflex controls. The peripheral and central circulations are similar to gears between the circles Healthy subject CHF patient Measurements of VO 2 VCO 2 and ventilatory parametres during a symptomlimited exercise Under steady-state conditions VO 2 and VCO 2 measured at the mouth are equivalent to the total body O 2 consumption, CO 2 production On exercise the relationship between work output, VO 2, HR and CO is linear. 43

44 . Ventilation Pulmonary blood Flow Cardiac Output (SV x HR) O2 extraction at the muscular sites Dilation of selected vascular beds Maximal Oxygen uptake (VO 2max ) Anaerobic Threshold VCO 2 (L/min) VO 2 (L/min) Theoretical point during exercise when muscle tissue switches over anaerobic metabolism as an additional source: 50-60% VO 2max Ve increases disproportionately relative to VO 2 and work. Work below AT encompasses most daily activity. AT is reduced in cardiovascular disease. VCO 2 VCO 2 VO 2 VO 2 Normale CHF 44

45 Valutazione occupazionale confrontarle con il VO2 Max raggiunto in corso di test ergometrico: un soggetto normale é in grado di svolgere per 6-8 ore un attività lavorativa con un consumo di ossigeno pari al 35-40% della capacità aerobica massima la ripresa dell attività lavorativa può essere consigliata se la capacità funzionale del pz é almeno il doppio della domanda energetica della specifica attività lavorativa Rischio cardiovascolare e attività -1 sostanzialmente basso-moderato per la maggioranza dei pazienti, se valutati attentamente la maggior parte delle attività può essere ripresa ma con particolari accorgimenti ( è compito della riabilitazione insegnarli ai pazienti ) rischio maggiore probabilmente legato allo stress lavorativo che potrebbe trasformare in trigger un attività fisica moderata valutazione psicologica mirata 45

46 Rischio cardiovascolare e attività 2 è necessario tenere conto dei rischi ambientali (climatici e non) e delle condizioni che possono permettere uno stile adeguato di vita il training riabilitativo normale può servire per ridurre i rischi dell attività fisica, ma può essere anche efficace a ridurre la resistenza psicologica dei pazienti al rientro al lavoro e alla ripresa di attività quotidiane il training è molto utile per l attività fisica ricreativa, devono però essere date precise indicazioni al riguardo (attività fisica facilmente graduabile e priva di stress emotivo) Rischio cardiovascolare e attività -3 per i più giovani con lavori fisici pesanti, per quelli più compromessi, per le donne per gli anziani, la valutazione occupazionale e l ergoterapia, di facile organizzazione e basso costo, possono permettere una valutazione INDIVIDUALE, più precisa rispetto ai tradizionali test, aiutando il paziente e i suoi familiari a vincere le resistenze psicologiche ( spesso notevoli ) alla ripresa delle loro attività. 46

47 Rientro al lavoro Dopo un evento cardiaco rientra al lavoro, entro il primo anno, il 65-80% dei pazienti. Tale percentuale tende a diminuire negli anni successivi cicli di riabilitazione e procedure di rivascolarizzazione miocardica ( PTCA e BAC) sembravano influenzare poco il ritorno al lavoro Studio RITA ( Randomized Intervention Treatment of Angina ): n pazienti con angina: - il 40% di quelli sottoposti ad angioplastica registrano un rientro al lavoro anticipato - mentre solo il 10% dei non trattati rientro al lavoro anticipatamente Circulation 1996, Cardiologia Riabilitativa ed invalidità La consistente riduzione della mortalità nella fase acuta della cardiopatia ischemica fa prevedere un forte aumento: - della prevalenza dei casi - dell impegno terapeutico e riabilitativo protratto nel tempo Molti cardiopatici, se adeguatamente trattati e riabilitati, hanno un attesa di vita per nulla inferiore a quella dei soggetti normali e possono essere reintegrati nell attività lavorativa Vi è quindi un ruolo delle procedure riabilitative nel tentativo di ridurre l incidenza di invalidità e pensionamento precoce 47

48 Conclusioni I dati emergenti sono incoraggianti E pertanto necessario un intervento riabilitativo sistematico in tutti i cardiopatici, orientato alla prevenzione secondaria e alla qualità della vita, nel tentativo di favorire il ritorno al lavoro e di incidere sul pensionamento precoce 48

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

Le patologie stress lavoro- correlate

Le patologie stress lavoro- correlate Le patologie stress lavoro- correlate Alfonso Cristaudo U.O Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Lo Stress Cenni Storici HHans Selye (Vienna, 1907 Montreal, 1982) contribuì

Dettagli

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010 Linee guida AIAC 2010 per la gestione e il trattamento della FIBRILLAZIONE ATRIALE Antonio Raviele (Chairman) 1 Marcello Disertori (Chairman) 2 Paolo Alboni 3 Emanuele Bertaglia 4 Gianluca Botto 5 Michele

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco (G Ital Cardiol 2006; 7 (6): 387-432) 2006 CEPI Srl Per la corrispondenza: Dr. Andrea Di Lenarda S.C. di Cardiologia Università

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

IL PARERE DELL ESPERTO

IL PARERE DELL ESPERTO IL PARERE DELL ESPERTO Nei giorni più caldi e afosi dell estate, molte condizioni di disagio o malessere fisico possono essere ridotte o prevenute mediante una corretta conoscenza dei rischi e sapendo

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ Informazioni per i Pazienti Casa di cura privata Villa Garda Casa di Cura VILLA GARDA Via Monte Baldo, 89-37016 Garda (VR) Tel. 045/6208611 - Fax 045/7256132

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico)

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico) Poste Vita S.p.A. 00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 Tel.: (+39) 06 549241 Fax: (+39) 06 54924203 www.postevita.it Partita IVA 05927271006 Codice Fiscale 07066630638 Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro I rischi da stress lavoro-correlato A cura di Franca Da Re Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro Da diversi anni la psicologia e la medicina del lavoro si occupano delle patologie che possono avere

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.»

Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.» E di z i o ne //// 1/ 2 0 14 Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.» Fatti riguardanti l apnea da sonno In Svizzera circa 150 000 persone soffrono di apnea da sonno. I sintomi

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE luglio 14 TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE Anno 13 Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Rispetto al 5, diminuiscono malattie respiratorie

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie C o rs o d i L a u re a in In fe rm ie ris tic a Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROG E T T O DI AP P RE N DIME N T O IN AMB

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari 2 marzo 2007 Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat rileva presso i cittadini

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli