Trattamento farmacologico della fibrillazione atriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trattamento farmacologico della fibrillazione atriale"

Transcript

1 Trattamento farmacologico della fibrillazione atriale Dr. Dr. Domenico Caponi Dipartimento di di Cardiologia Asti Università di di Torino

2 Vantaggi del RITMO SINUSALE Miglioramento dell emodinamica emodinamica, della tolleranza allo sforzo e della qualità di vita Riduzione degli eventi tromboembolici Non complicanze dovute a terapia anticoagulante Aumento della sopravvivenza

3 Meccanismi della FA Trigger Extrasistolia Substrato Anatomico: Dilatazione Dilatazione dell atrio, dell atrio, Fibrosi, Fibrosi, Ipertrofia. Ipertrofia. Elettrofisiologico: Accorciamento Accorciamento ERP, ERP, Dispersione Dispersione ERP, ERP, Mancanza Mancanza di di adattamento adattamento dell ERP dell ERP alla alla frequenza, frequenza, ritardo ritardo o o blocco blocco nella nella conduzione conduzione intraatriale. intraatriale. FA Triangolo di Coumel Sistema Nervoso Autonomo Vagale (bradicardia) Adrenergico

4 Strategie terapeutiche Farmaci antiaritmici Farmaci che modificano il substrato Terapia ablativa

5 1749 Quinidine: AAD per la FA Quinidine: J.B. de SENAC mostrò l efficacia nel trattamento del cardiopalmo 1785 Digitalis 1936 Procainamide 1954 Disopyramide 1962 Beta Blocking agents 1972 Amiodarone 1978 Propafenone 1982 Flecainide 1984 Sotalolo 1995 Ibutilide 1996 Dofetilide 1998 Azimilide

6 Antiarrhythmic drugs Class IA Action Prolong repolarization Drugs Quinidine Procainamide Disopyramide I IB Sodium Channel Blockad Shorten repolarization Lidocaine Mexiletine Tocainide Phenytoin IC Little effect on repolarization Encainide Flecainide Propafenone moricizine(?) Vaughan Williams Classification II III IV Miscellaneous Beta-Adrenergic Blockade Prolong Repolarization (Potassium Channel Blockade; Other) Calcium Channel Blockade Miscellaneous Actions Propanolol Esmolol Acebutolol l-sotalol Ibutilide Dofetilide Sotalol (d,l) Amiodarone Bretylium Verapamil Diltiazem Bepridil Adenosine Digitalis Magnesium

7 Antiarrhythmic Drugs Class I A

8 QUINIDINE: : Review of studies Authors Reference N pts Dose Eff. % S.E. % Bjerkelund AMS Sol 1200mg Hall-Wood BHJ Sol 1200mg Gunning BHJ Bis 1000mg 64 - Byrne-Quin BHJ Bis 750mg 54 4 Hillestad BHJ Ret 1200mg Sodemark BHJ Bis 1000mg Gaita EHJ Hdq 1000mg Richiardi Card Hdq 1000mg Hohnloser JACC Sol 1000mg Mean 48,7% 21,8%

9 QUINIDINE: meta-analysis 808 patients (6 RC trials of quinidine vs placebo in maintaining SR after cardioversion of AF) from 1970 to AF duration from 1 month to 10 years - longitudinal patient follow-up to assess the efficacy: 3, 6, 12 months - digoxin and anticoagulation were optional - SR was achieved in 82-86% 86% of cases by DC cardioversion - recurrences of AF were documented by ECG S.E. Coplen. Circ 1990;82:1106

10 L efficacia e la sicurezza della CHINIDINA nel mantenimento del RS dopo CV. Una meta-analisi analisi di 6 randomized control trials Percent of Patients in SR Efficacia: 69,4 45,1 57,7 33,3 Time (months) 50, ,7 Quinidine Control Mortalità: 2,9% (12/413) 2,9% vs 0,8% 0,8% (3/387) S.E. Coplen. Circ 1990;82:1106

11

12

13 Torsade des pointes class I/III drugs structural heart disease (present( in 86% of pts in quinidine meta-analysis) analysis) coexisting causes 80% (diuretics; BAV; LQTS) females early appearance

14 Antiarrhythmic Drugs Class I C

15 PROPAFENONE Authors Reference N pts Dose (mg) Eff. % S.E. % (stop) Antman JACC (5) Hammil AJC (11) Kerr AJC (15) Portfield AJC Gaita EHJ (10) Antman JACC (8) Richiardi Card (10) Bellandi Card (0) UKPPSVT Circul Mean 54,6% 24,1%

16 FLECAINIDE Authors Reference N pts Dose (mg) Eff. % S.E. % Berns AJC Van Gelder AJC Pritchett AJC Peitersen AJC Anderson AJC Leclerq NFA Clementy AJC Fapis EHJ Mean 63,8% 34,1%

17 Cardiac Arrhythmia Suppression Trial (CAST) 1498 pts randomized to encainide vs placebo 641 pts randomized to flecainide vs placebo AMI < 6 month, EF: < 40%, suppression VPB > 80%, non sustained VT > 90%. NEJM 1991;324:

18 Cardiac Arrhythmia Suppression Trial (CAST) Total death Arrhythmic death Follow-up: 10 months Drugs Placebo p Total Mortality 7.7% 3.0% Arrhythmic death 4.5% 1.2% NEJM 1991;324:

19 Cardiac Arrhythmia Suppression Trial (CAST) In pts with CHD and depressed EF Class I antiarrhythmic drugs increase mortality the increased total mortality is attributable to negative inotropic effects the increased arrhythmic mortality is attributable to major arrhythmic events NEJM 1991;324:

20 SOTALOL follow-up > 6 months Authors Reference N pts Dose (mg) Eff. % S.E. % Juul Moeller Circ Antman JACC Nobile NFA Reimond AJC Hohnloser JACC Mean 60,6% 26,4%

21 AMIODARONE Authors Reference n pts Dose (mg) Eff. % S.E. % Podrid AHJ Horowitz JACC Gold AJC Blewens AIM Bellandi Card Chun AJC / Roy NEJM Mean 72% 22%

22 Long term efficacy of Amiodarone to maintain SR: CTAF study Roy D et al. NEJM 2000; 342:

23 Nuovi farmaci antiaritmici

24 Nuovi farmaci antiaritmici Atrial selective drugs: Vernakalant AVE0118 AZD7009 Amiodarone congeners: Dronedarone SSR149744C ATI-2042 I Na I to I Kur I KATP I Kr I Ks Others: Dofetilide Azimilide Tedisamil Rotigaptide 5-HT 4 receptor antagonists M 2 -receptor blocker I KAch

25 Dofetilide: classe III I Na I to I Kur I KATP I Kr I Ks Blocca I Kr PdA e periodo refrattario QT Reverse use dependency No effetto inotropo negativo Clearance renale T ½ 10h I KAch

26 Dofetilide: orale DIAMOND Study FE <35% Petersen O.D. Circulation 2001

27 Dofetilide: : DIAMOND- Study Sinus rhythm after cardioversion 1518 pts pts with HF NYHA II/IV +65% RS Tdp 3.3% 76% in 72 ore Petersen O.D. NEJM 1999

28 EMERALD Study EMERALD Study Maintenance Mantenimento of of Sinus del RS Rhythm dopo 1 at at anno 1 yr 427 pz convertiti in RS 100 P < 0.05 P < % mg 250 mcg 500 mcg 1000 mcg Placebo Sotalol Dofetilide Sospensioni 3%, Torsade de Pointes 1%, morte improvvisa 1 (0.2%) Guanzon, Ann Pharmacother 2004;38(7-8):1142 8):1142

29 Dofetilide e FA Sommario Efficacia simile agli altri antiaritmici No inotropismo negativo (utilizzabile nello scompenso) Priva di effetti collaterali sistemici (ottima tollerabilità) Rischio di Torsade de Pointes (1,5-3,5%) Più alto nelle donne 75% nei primi 3 giorni di terapia Monitoraggio del QT e aggiustamento della dose (funzione renale). Inizio terapia in ospedale

30 Azimilideclasse III III Azimilide classe I Na I to I Kur I KATP I Kr I Ks Blocca IKr & IKs No reverse use dependency Lunga emivita (4gg) Clearance 90% epatica 10% renale I KAch

31 All-cause mortality among patients in atrial fibrillation at baseline. Pratt et al. J Am Coll Cardiol 2004;43:1211 6

32 658pz pz con: FA persistente e sintomatica Terapia anticoagulante CVE programmata Azimilide Placebo Sotalolo Conclusion: This study demonstrates that the anti-arrhythmic efficacy of azimilide is slightly superior to placebo but significantly inferior to sotalol in patients with persistent AF. Lombardi, Eur Heart J 2006;27:2224

33 A-COMET II II effetti proaritmici dei farmaci Sospensione dei farmaci per QT > 525 msec: 3,5% sotalolo,, 7, 6% AZ The modest anti-arrhythmic efficacy and high rate of torsade de pointes and marked QTc prolongation limit azimilide utilization for the treatment of AF. Lombardi, Eur Heart J 2006;27:2224

34 482 pts seguiti con TTM per 6 mesi P= 0,29 AZ: 2 morti aritmiche, 1 TdP Page, JCE Ott. 2007

35 Azimilide e FA Sommario Scarsa efficacia Scarsi effetti collaterali sistemici (ottima tollerabilità) No inotropismo negativo (utilizzabile nello scompenso) Significativo allungamento del QT Eventi proaritmici 1-4%

36 Tedisamil I Na I to I Kur I KATP I Ca I Kr I Ks Blocca canali multipli (Ito, IK-ATP, IKr, IKs, IKur) Prolunga il potenziale d azione più nell atrio che in ventricolo T ½ 10h I KAch

37 Tedisamil in recent onset AF 201 pz con FA/FlA 3-48h, randomizzati a due dosi di Tedisamil i.v. (0.4 mg/kg o 0.6 mg/kg) o placebo Ted 0.4 mg/kg Ted 0.6 mg/kg Placebo. % cardioversion A Fib A Flu Tempo medio di conversione: min 1 TdP e una TV monomorfa (1.8%) > QTc in dosi di 0,6 mg/kg Hohnloser S, JACC 2004;44:99

38 Dronedarone Dronedarone I Na I to I Kur I KATP I Kr I Ca I Ks Analogo amiodarone Classe III (blocco I Kr I Ks, I to ) Anche effetti di classe IB, II, IV Emivita giorni Non contiene iodio Kr, I KAch

39 H O I O C 2 H 5 (CH 2 ) 2 N C 2 H 5 Amiodarone O C 4 H 9 I CH 3 SO 2 N I 2 CH 3 SO 2 NH O H O C 4 H 9 (CH 2 ) 3 N C 4 H 9 Dronedarone O C 4 H 9 H Wei Sun, et al. Circulation 1999;100:

40 199 pazienti con FA persistente randomizzati a placebo o 3 dosi di dronedarone recidiva di FA Studio DAFNE FA persistente cardiovertiti e RS RS a 6 mesi: mesi: Dronedarone 35% 35% Placebo % No Proaritmia QT QT > sec sec solo solo con con mg mg Toubul EHJ 2003

41 1237 pts con almeno 1 episodio di FA nei pr 3 mesi randomizzati in 2:1 ratio (dronedarone( dronedarone/placebo) Età media: 63 anni, FE media di 58% Esclusi: pts con NHYA III-IV, IV, bradicardia< 50/min, creatinemia > 1,7 mg Dronedarone 800 mg. F-up 1 anno (visite e TTM) Singh,, NEJM Settembre 2007

42 Euridis-Adonis endpoint primario endpoint primario Prolungamento del tempo della prima recidiva (116 vs 53 giorni) endpoint secondari Ridurre la frequenza cardiaca (102 vs 117 bpm) Ridurre l ospedalizzazione (21 vs 32% pz) Singh,, NEJM 2007;357

43 Euridis-Adonis Adonis: : effetti collaterali Nessun effetto proaritmico (nessun episodio di TdP, arit. ventr.0,7 vs 0,5%) Effetto tossici polmonari, epatici e tiroidei sovrapponibili al placebo Singh,, NEJM 2007;357

44 Endpoint primario: Studio ERATO: Riduzione della frequenza ventricolare (ad un Holter 24h) dopo 14 giorni di trattamento in FA permanente. 174 pazienti con FA > 6 mesi, età media 66 anni, 40% con CHF, che assumevano contemporaneamente: Placebo (n=89) Dronedarone 400 mg (n=85) Statina 22.5% 22.4% Digitale 46.1% 40.0% ACE-I I o AIIRA 48.3% 50.6% Calcio antagonisti 16.9% 29.4% Anticoagulanti orali 89.9% 85.9% Antiaggreganti 11.2% 20.0% Beta-bloccanti 51.7% 55.3% Diuretici (diversi dallo spironolactone) 36.0% 50.6% Spironolactone 10.1% 11.8% FANS 5.6% 5.9%

45 ERATO: Risultati endpoit primario Il Dronedarone diminuisce significativamente la frequanza ventricolare. Determina un effetto additivo se associato a digitale, β-bloccanti e Ca-antagonisti antagonisti. 100 Frequenza cardiaca ( bpm ) Placebo Dronedarone 400 mg BID P< Cambiamento rispetto a basale ( bpm ) Baseline Giorno 14

46 ANDROMEDA: ANtiarrhythmic trial trial with with DROnedarone in in Moderate to to severe CHF Evaluating morbidity DecreAse Trial di mortalità con dronedarone comparato con placebo in pazienti con insufficienza moderata e severa indipendentemente dalla storia aritmica Kober et al: Increased mortality after dronedarone therapy for severe heart failure NEJM 2008;358:

47 ANDROMEDA 627 pazienti consecutivi ospedalizzati Con (o sospetta) ) CHF sintomatica (classe NYHA II IV) IV) con: Almeno un episodio di scompenso cardiaco nel mese precedente Trattato con diuretici LVEF <0.35 Randomizzati tra Placebo e Dronedarone 400mg BID Kober et al: Increased mortality after dronedarone therapy for severe heart failure NEJM 2008;358:

48 Studio ANDROMEDA Studio interrotto precocemente F/up a 2 mesi: significativo aumento di mortalità nel gruppo dronedarone rispetto al placebo (8,1%vs 3.8%) In retrospettiva: mortalità più alta nei pazienti in cui era stato sospeso ACEi o ARB per aumento di creatinemia. Kober et al: Increased mortality after dronedarone therapy for severe heart failure NEJM 2008;358:

49 ATHENA TRIALS STUDY DESIGN Qualifying patients with paroxysmal / persistent AF 4628 pts hemodynamically stable age 75 years or 70 years with 1 risk factor: hypertension; diabetes; prior stroke/tia; LA 50 mm; LVEF 0.40 Dronedarove 400 mg BID vs Placebo minimum 12 month follow-up History of CHF NYHA II/III LVEF< 0.45 LVEF< 0.35 Placebo (N=2327) Dronedarone (N=2301) All patients (N=4628) 515 (22%) 464 (20%) 979 (21%) 285/2281 (13%) 87/2281 (4%) 255/2263 (11%) 92/2263 (4%) 540/4544 (12%) 179/4544 (4%) N Engl J Med 2009;360:668-78

50 Primary Endpoint TIME TO FIRST CARDIOVASCULAR HOSPITALIZATION OR DEATH CARDIOVASCULAR MORTALITY Dronedarone reduced the incidence of hospitalization due to cardiovascular events or death in patients with AF N Engl J Med 2009;360:668-78

51 Studio DIONYSOS (risultati( preliminari) 504 pazienti con FA persistente cardiovertiti e randomizzati a dronedarone (400mg) e amiodarone (600mg per 28 gg e poi 200mg al dì) d End-point primario: : Fibrillazione atriale documentata all ecg o interruzione del del farmaco per per intolleranza o inefficacia Follow-up medio di di 7 mesi: mesi: 55, 55, 3% 3% dei dei pazienti trattati con con amiodarone hanno raggiunto l endpointl primario contro il il 73,4% dei dei pazienti trattati con con dronedarone Minori effetti cardiaci avversi ( ( bradicardia e e prolungamento del del QT) QT) e e un un maggior numero di di effetti effetti collaterali gastrointestinali si si sono sono verificati nel nel braccio trattato con con dronedarone

52 Dronedarone e FA Sommario Efficacia dimostrata verso placebo. Risultati preliminari non provano una migliore efficacia rispetto all amiodarone amiodarone ma presenta un miglior profilo di tollerabilità No inotropismo negativo (utilizzabile nello scompenso non grave e con creatininemia <1.6mg/dl) Priva di effetti collaterali sistemici (non alterazioni tiroidee o polmonari) Non riportate Torsioni di Punta

53 Vernakalant I Na I to I Kur I KATP I Kr I Ca I Ks Blocco frequenza dipendente dei canali del Na+ e del K+ (Ikur,, Ito,Ikach Ikach) Prolunga selettivamente il periodo refrattario atriale ma non quello ventricolare Non incremento di QTc e QRS Non effetti collaterali significativi T ½ 3h I KAch

54 Atrial arrhytmia Conversion Trial Phase III ACT I Trial ((Vernakalant) 336 pz con FA 3h 45 giorni, randomizzati ad infusione di placebo o RDS (3 mg/kg in 10 min + 2 mg/kg in 10 min dopo 15 min se necessario) sario). % cardioversione a 90 min FA 3h-7 7 giorni FA giorni 52 P= No prolungamento QT e QRS No TdP No effetti su PA o FC No effetti avversi, escluso una transitoria alterazione del gusto 0 RDS1235 Placebo RDS 1235 Placebo Tempo medio di conversione: 11 min Pratt C, Eur Heart J, 2005; 26:506 (abtr( abtr)

55 Vernakalant orale nel mantenimento del RS (Phase IIATrial) ) dopo CV 171 pz con FA 72h 180 giorni, randomizzati a placebo o Vernakalant (300 mg o 600 mg bid) seguiti per 28 giorni P= RS % No prolungamento QT o QRS No TdP 5 % Bradicardia mg 300 mg Placebo Pratt C, Heart Rhythm 2007

56 Quale il futuro dei nuovi farmaci antiaritmici? Dofetilide e Azimilide : efficacia ed effetti proaritmici simili ai farmaci già disponibili Dronedarone: : efficace, no effetti proaritmici,, buon profilo di tollerabilità (confermare i dati di comparazione con amiodarone) Nuovi FF atriospecifici :: apparente elevata efficacia, tollerabilità e assenza di effetti proaritmici (da verificare con trials clinici)

57 Strategie terapeutiche Farmaci antiaritmici Farmaci che modificano il substrato Terapia ablativa

58 Incidenza di di FA in in pts con scompenso cardiaco trattati con ACE-i i o antagonisti dell Angiotensina II II TRACE Study Study (1999) Pz post IMA e FE 36% 5.3% 2.8% Riduzione RR 45% Riduzione RA 2.5% Freedom of AF SOLVD AF Trial (2003) Pz con HF e FE 30% 5.3% 23.9% Riduzione RR 78% Riduzione RA 18.6% Val-HeFT Sub-study study (2005) Pz con HF Placebo 7,9% /2709pts CHARM (2006) Pz con HF (6.75%) 177/2700pts (5.50%) Valsartan 5,1% Riduzione RR 37% Riduzione RA 2.8% 50 0 Placebo Riduzione RR 18% Riduzione RA 1.2% Candesartan

59 Incidenza di di FA in in pts con ipertensione arteriosa LIFE Study Study(2005) Pz ipertesi 4% 5,7% Riduzione RR 33% Riduzione RA 1.7%

60 RAAS Bradykinin Fibroblast proliferation Collagen accumulation Hypertrophy Apoptosis Fibrosis Conduction block Atrial dilatation MAPK mitogen activated protein kinase ACE AT II Atrial Fibrillation Ca++ overload AERP shortening Electrical remodelling Delayed depolarization Enhanced automaticity Increased PV focal activity Gaita 2008

61 Prospective studies (in associazione con Amiodarone)

62 Irbesartan nella prevenzione della FA FA (2002) 22pz Amiodarone 29.0% Casi FA dopo follow-up medio di 254 giorni 9pz Amiodarone + Irbesartan 11.0% 89% 71% Riduzione RR 35% Riduzione RA 18% Madrid A, Circulation 2002;106:

63 Uso dell Enalapril nel nelmantenimento del del RS RS in in pazienti con FA FA persistente sottoposti a CVE 145pz pz con FA (30% ipertesi, 16% valvolari) 70pz Amiodarone + Enalapril 75pz Amiodarone CVE Pz in RS dopo follow-up 270 giorni Riduzione RR 63% Riduzione RA 17% ACEi 74.3% (52( 52/70pts) no ACEi 57.3% (43( 43/75pts) 104/145 /145pz pz Asn > 40mm Riduzione RR 52% L Enalapril riduce il rischio di FA soprattutto in pz con Asn > 40mm Ueng KC et al. Eur Heart J 2003; 24:2098

64 Losartan: prevenzione delle recidive di di Fibrillazione Atriale in in pazienti ipertesi Proportion of patients free of recurrence (%) Long Rank Losartan + amiodarone (111 pts) Amlodipina + amiodarone (111 pts) Follow-up (weeks( weeks) Riduzione RA 24% -24% 24% FA parox 222pz parox e ipertensione arteriosa 111pz Amiodarone + Amlodipina 111pz Amiodarone + Losartan ricorrenza di FA dopo follow-up medio di 299 giorni 39/111 pz (35%) Amiodarone + Amlodipina 13/111 pz (11%) Amiodarone + Losartan Fogari R et al. J Cardiovasc Pharmacol 2006;47:46-50

65 Metanalisi (2005): suddivisione degli studi per per patologia Riduzione del rischio relativo di FA del 28% che aumenta al 44% nei pts con HF Healey et al. JACC 2005

66 Valsartan for prevention of ofrecurrent atrial fibrillation GISSI-AF Investigators 57% dei pazienti assume ACE-I pts 1442 pts 62% M, età 67 aa,, 85% ipertesi, 8% HF Con storia di FA negli ultimi 6 mesi, ma in RS al momento dell arruolamento 722 pts Valsartan (80 mg 320 mg) 720 pts 720 pts Placebo N Engl J Med 2009; 360:

67 Recidiva di FA dopo follow-up di 1 anno Valsartan non ha ha mostrato una riduzione delle recidive di di FA FA (51.4% nel nel gruppo valsartan vs. vs. 52.1% nel nel gruppo di di controllo) Nel Nel 26,9% dei dei pazienti trattati con valsartan più piùdi di una recidiva si si è verificata senza differenza significativa rispetto al al gruppo di di controllo (27,9%) N Engl J Med 2009; 360:

68 Ulteriori studi sono necessari per verificare la efficacia e il ruolo degli ACEi e ARB nella prevenzione della FA, in particolare per valutare il loro ruolo in differenti popolazioni ad alto rischio di pazienti (insufficienza cardiaca, ipertrofia ventricolare sinistra, diabete mellito) Anche se sarà confermata l efficacia dei farmaci antagonisti del sistema renina-angiotensina, il loro utilizzo permetterà solo di ridurre la percentuale dei pazienti con FA da trattare

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010 Linee guida AIAC 2010 per la gestione e il trattamento della FIBRILLAZIONE ATRIALE Antonio Raviele (Chairman) 1 Marcello Disertori (Chairman) 2 Paolo Alboni 3 Emanuele Bertaglia 4 Gianluca Botto 5 Michele

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

INSUFFICIENZA CARDIACA CONGESTIZIA. L unica associazione di Benazepril & Spironolattone

INSUFFICIENZA CARDIACA CONGESTIZIA. L unica associazione di Benazepril & Spironolattone INSUFFICIENZA CARDIACA CONGESTIZIA L unica associazione di Benazepril & Spironolattone Angiotensina II e Aldosterone: 2 fattori chiave Durante la progressione dell insufficienza cardiaca, una riduzione

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE Dott.ssa M.Pasquali VITAMINA K K1 fillochinone K2 menachinone (Carl Peter) Henrik Dam (1895-1976) Glutammato Proteina noncarbossilata

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base A cura del dottor Umberto Gnudi 1 Generalità Elettricità cardiaca La contrazione di ogni muscolo si accompagna a modificazioni elettriche chiamate "depolarizzazioni"

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche Università degli Studi di Palermo Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Cardiovascolare Direttore: Prof. Pasquale Assennato Advanced Cardiac Life Support

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

[CRITICAL APPRAISAL] Critical Appraisal di uno studio di intervento: come giudicare la qualità metodologica

[CRITICAL APPRAISAL] Critical Appraisal di uno studio di intervento: come giudicare la qualità metodologica [CRITICAL APPRAISAL] Critical Appraisal di uno studio di intervento: come giudicare la qualità metodologica Stesura: Luglio 2006 A cura di: Alessandro Battaggia, Area Cardiovascolare SIMG Titolo: Critical

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie C o rs o d i L a u re a in In fe rm ie ris tic a Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROG E T T O DI AP P RE N DIME N T O IN AMB

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco (G Ital Cardiol 2006; 7 (6): 387-432) 2006 CEPI Srl Per la corrispondenza: Dr. Andrea Di Lenarda S.C. di Cardiologia Università

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Cardioaritmologia nel Lazio

Cardioaritmologia nel Lazio Cardioaritmologia nel Lazio Regione Lazio Roma, 27-28 marzo 2015 Ergife Palace Hotel PROGRAMMA AVANZATO Con il Patrocinio di ANCE Cardiologia Italiana del Territorio Sezione Regionale Lazio Coordinatori:

Dettagli

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013 N Nuum meerroo 11 22001144 IIN NFFO OR RM MA AZ ZIIO ON NEE IIN ND DIIP PEEN ND DEEN NTTEE EE A AG GG GIIO OR RN NA AM MEEN NTTO O SSA AN NIITTA AR RIIO O EDITORIALE. Missing, proprio missing FORUM CLINICO

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale FCSA - SIMG componenti della task-force FCSA Guido Finazzi Responsabile del Centro Emostasi e Trombosi Divisione di Ematologia Ospedali

Dettagli

Aggiornamento delle linee guida europee per il trattamento dell ipertensione arteriosa:

Aggiornamento delle linee guida europee per il trattamento dell ipertensione arteriosa: L i n e e g u i d a 7 Aggiornamento delle linee guida europee per il trattamento dell ipertensione arteriosa: Giuseppe Mancia, 1 Stéphane Laurent, 2 Enrico Agabiti-Rosei, 3 Ettore Ambrosioni, 4 Michel

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE

IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE I.P. FABRIZIO MONTAGNA IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DENTISTI ITALIANI Edizioni Promoass FABRIZIO MONTAGNA IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA LA TERAPIA EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2 Sinossi delle raccomandazioni 3 3. Pazienti con neoplasie solide e TEV (TVP, EP) 6 3.1 Eparine e

Dettagli

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene A breve termine Riflesso barocettivo A lungo termine Controllo volemia Quota introduzione liquidi RPT GC Pa Volume liquidi corporei Rene Diuresi Un modo per regolare la Pa è quello di aggiungere o sottrarre

Dettagli

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I)

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ESEMPIO 1 (continua): La costruzione del modello di Cox viene effettuata tramite un unico comando. Poiché il modello contiene una covariata categoriale

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE S. Morlino, T. Ranca/,C. Fiorino, V. Carillo, C. Cozzarini, G. Fellin, V.

Dettagli

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale:

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIFETTI SETTALI Classificazione dei difetti settali: I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIA tipo Ostium Secundum, il più comune, con deficit

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche difetti del setto interatriale difetti del setto interventricolare pervietà del dotto arterioso stenosi aortica

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Lo scompenso cardiaco nel Veneto

Lo scompenso cardiaco nel Veneto Lo scompenso cardiaco nel Veneto A cura del Coordinamento del SER Febbraio 2010 Questo rapporto è stato redatto dal Coordinamento del Sistema Epidemiologico Regionale Hanno contribuito alla sua stesura

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli

LEVOSIMENDAN NELL INSUFFICIENZA CARDIACA ACUTA

LEVOSIMENDAN NELL INSUFFICIENZA CARDIACA ACUTA LEVSIMEDA ELL ISUFFIIEZA ARDIAA AUTA 30 marzo 2015 16:30 18:30 ardiocentro Ticino - Sala Zwick PRGRAMMA IL SIMPSI SARÀ AREDITAT 2 REDITI DA: SGAR - SSAR SIETÀ SVIZZERA DI AESTESIA E RIAIMAZIE SGI-SSMI

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

ASPETTI DI PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE NELL ANZIANO

ASPETTI DI PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE NELL ANZIANO ASPETTI DI PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE NELL ANZIANO MESSAGGI CHIAVE Dott. Alessandro Battaggia SIMG Area Critical Appraisal 10 gennaio 2011 La dimensione epidemiologica della prevenzione cardiovascolare

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope

Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope Linee guida GIAC per Volume la diagnosi 5 Numero ed il trattamento 1 Marzo della 2002sincope LAVORO ORIGINALE Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope Task Force della Sincope, Società

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica?

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? La gestione dei pazienti in terapia anticoagulante orale (TAO) con complicanza emorragica gastrointestinale presenta aspetti problematici

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera G. M. Zanini Convegno AFI-AFTI l impatto delle nuove normative comunitarie sulla produzione dei farmaci per uso sperimentale e sulla

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli