Le Imprese Sociali in Val Pellice, Val Chisone e Germanasca

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le Imprese Sociali in Val Pellice, Val Chisone e Germanasca"

Transcript

1

2

3 Le Imprese Sociali in Val Pellice, Val Chisone e Germanasca Risultati economici e sociali anno 2010 Sommario Premessa, p. 3 - Il territorio, p. 5 - I servizi socio-sanitari, p. 7 - I lavoratori dei servizi socio-sanitari, p I volontari, p I servizi sociosanitari: alcuni dati economici, p Le attività produttive con lavoratori svantaggiati, p I lavoratori delle attività produttive, p Le attività produttive: alcuni dati economici, p La programmazione partecipata, p. 17 Quali bisogni prioritari e quali risposte?, p. 18 Conclusioni, p. 20

4 Questo paper è rilasciato con la licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia. Per leggere una copia della licenza visita il sito web Questo documento è scaricabile in formato.pdf all indirizzo Coordinamento editoriale: Osservatorio sull economia civile, Camera di commercio di Torino Confezionamento e Stampa: interno Finito di stampare: maggio 2012 Collana scenari Osservatorio sull economia civile Camera di commercio di Torino via Carlo Alberto, Torino Tel Fax

5 PREMESSA Per il secondo anno di seguito, alcune delle imprese sociali che operano nel territorio della Val Pellice hanno deciso di incontrarsi per confrontarsi sulle attività svolte, sui risultati sociali ed economici raggiunti e sulle criticità incontrate. Quest anno il territorio di riferimento si è ampliato alla Val Chisone e alla Val Germanasca. Le imprese sociali hanno come obiettivo sia la produzione di un utile di Bilancio (da reinvestire in attività sociali, contrariamente ad un impresa profit che lo distribuisce tra i soci) sia il raggiungimento di obiettivi che garantiscano la crescita e la coesione sociale del territorio in cui risiedono. Per questo motivo diventa fondamentale la comunicazione dei risultati sociali ed economici agli stakeholder, per far conoscere e per ricevere un feed-back dal territorio rispetto al raggiungimento degli obiettivi sociali dell impresa. Gli incontri periodici tra le imprese sociali sia favoriscono collaborazioni sia consentono alle imprese di immaginarsi come una rete, che costruisce risposte ai bisogni del territorio e delle imprese stesse. Nel 2010 le imprese sociali che hanno aderito a quest iniziativa, sono state: - 6 cooperative sociali di tipo A e 1 ente religioso, che svolgono attività sociosanitarie RAGIONE SOCIALE SITO INTERNET/MAIL TELEFONO SEDE LEGALE DIACONIA VALDESE /91457 Torre Pellice IL RAGGIO 011/ Villa Franca P.te IL SORRISO / Luserna S.G. L ALVEARE 0121/ Pinerolo LA DUA VALADDA 0121/ Perosa Argent. LA TARTA VOLANTE / Torre Pellice TERRA DI MEZZO 0121/ Pinerolo 3

6 Le Imprese Sociali in Val Pellice, Val Chisone e Germanasca. Risultati economici e sociali anno cooperative sociali di tipo B, che svolgono attività produttive in cui almeno il 30% dei lavoratori sono soggetti svantaggiati RAGIONE SOCIALE SITO INTERNET/MAIL TELEFONO SEDE LEGALE LA NUOVA COOPERATIVA 011/ Torino NUOVI OBIETTIVI 0121/ Torre Pellice La presenza delle imprese sociali nelle Valli è una presenza storica, nella maggior parte dei casi è iniziata come un esperienza di associazionismo o di comunità religiosa e si è poi trasformata in impresa. Di seguito vengono riportati gli anni in cui hanno iniziato l attività: ANNO VAL CHISONE E VAL PELLICE COSTITUZIONE GERMANASCA DIACONIA VALDESE IL RAGGIO IL SORRISO L ALVEARE LA DUA VALADDA LA TARTA VOLANTE TERRA DI MEZZO LA NUOVA COOPERATIVA NUOVI OBIETTIVI Nella raccolta e nella elaborazione dei dati, le imprese sociali sono state accompagnate dall Osservatorio sull economia civile della Camera di commercio di Torino 1. 1 L Osservatorio sull economia civile, su richiesta delle imprese sociali, ha accompagnato il processo d identificazione delle informazioni da raccogliere e della loro elaborazione. I dati riportati nel presente documento sono stati forniti dalle imprese stesse. 4

7 IL TERRITORIO La Val Pellice, la Val Chisone e la Val Germanasca sono valli alpine collocate a sud-ovest della provincia di Torino. I residenti sono circa : in Val Pellice e in Val Chisone e Val Germanasca. I territori presi in considerazione, coincidono con i Distretti dell ASL TO3. VAL PELLICE Comuni Angrogna, Bibiana, Bobbio Pellice, Bricherasio, Luserna S.G., Lusernetta, Rorà, Torre Pellice, Villar Pellice N. Comuni 9 Totale abitanti Superficie in km² 293 Densità popolazione (ab/km²) 80 Popolazione < 14 anni (12,43% della popolazione) Popolazione > 15 e < 19 anni 982 (4,17%) Popolazione > 65 anni (25,73%) N disabili in carico ai servizi 87 N soggetti in carico ai centri di salute mentale 241 5

8 Le Imprese Sociali in Val Pellice, Val Chisone e Germanasca. Risultati economici e sociali anno 2010 VAL CHISONE E VAL GERMANASCA Comuni Fenestrelle, Inverso Pinasca, Massello, Perosa, Argentina, Perosa Argentina, Perrero, Pinasca, Pomaretto, Porte, Pragelato, Prali, Pramollo, Roure, Salza di Pinerolo, S. Germano Chisone, Sestriere, Usseaux, Villar Perosa N. Comuni 17 Totale abitanti Superficie in km² 584 Densità popolazione (ab/km²) 35 Popolazione < 14 anni (11,84% della popolazione) Popolazione > 15 e < 19 anni 801 (3,94%) Popolazione > 65 anni (26,17%) N disabili in carico ai servizi 69 N soggetti in carico ai centri di salute mentale 199 I principali enti pubblici di riferimento sono l ASL Torino 3 e la Comunità Montana del Pinerolese. 6

9 I SERVIZI SOCIO-SANITARI Nel corso del 2010 le imprese sociali hanno offerto diverse tipologie di servizi sui due territori: SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE STRUTTURE RESIDENZIALI ANZIANI STRUTTURE RESIDENZIALI DISABILI CENTRO DIURNO ANZIANI VAL PELLICE Diaconia Valdese Il Sorriso L Alveare La Tarta Volante Diaconia Valdese Il Sorriso Diaconia Valdese Il Raggio Diaconia Valdese VAL CHISONE E VAL GERMANASCA La Dua Valadda L Alveare Diaconia Valdese La Dua Valadda CENTRO DIURNO DISABILI La Dua Valadda ASILO NIDO La Dua Valadda SCUOLA PER L INFANZIA Il Sorriso SCUOLA PRIMARIA Il Sorriso ASSISTENZA SCOLASTICA DISABILI La Tarta Volante La Dua Valadda LUDOTECA La Tarta Volante CENTRI ESTIVI La Tarta Volante La Dua Valadda CENTRO AGGREGAZIONE La Tarta Volante EDUCATIVA TERRITORIALE La Tarta Volante La Dua Valadda ANIMAZIONE ANZIANI La Dua Valadda ANIMAZIONE MINORI Il Sorriso INFORMAGIOVANI La Dua Valadda PREVENZIONE USO STUPEFAC. La Tarta Volante ACCOMPAGNAMENTO INSERIMENTI LAVORATIVI La Dua Valadda La Dua Valadda EDUCAZIONE AMBIENTALE La Tarta Volante 7

10 Le Imprese Sociali in Val Pellice, Val Chisone e Germanasca. Risultati economici e sociali anno 2010 Vengono inoltre svolti servizi di: - assistenza mense scolastiche, pedicure per anziani a domicilio o in ambulatori medici (La Dua Valadda in Val Chisone e Germanasca) - pulizie e pasti in strutture residenziali (L Alveare in Val Pellice) - attività educative e riabilitative in strutture residenziali (Terra di mezzo in Val Pellice) I servizi sono stati erogati a persone 2 : TIPOLOGIA SERVIZIO ANZIANI DISABILI SALUTE MENTALE MINORI GIOVANI DISAGIO ADULTI TOTALE Assistenza domiciliare Strutture residenziali Centri diurni Asilo nido Scuola per l infanzia Scuola primaria Assistenza scolastica Ludoteca Centri estivi Centro aggregazione Educativa territoriale Animazione Informagiovani Prevenzione uso stup Accompagnamento inserimenti lavorativi Educazione ambientale Varie TOTALE Nel caso delle strutture residenziali, i centri diurni e l assistenza domiciliare si tratta del numero di utenti che possono essere seguiti in base alle procedure di accreditamento o di convenzione. Lo stesso utente può essere seguito da più servizi. 8

11 I Servizi socio assistenziali: alcuni dati economici Nello specifico, dei anziani seguiti dai servizi delle imprese sociali sono residenti in Val Pellice, Val Germanasca e Val Chisone e rappresentano il 10% della popolazione over 65 dei territori di riferimento. Inoltre, le imprese seguono con i propri servizi 143 persone con disabilità fisica, psichica o psichiatrica residenti nelle Valli, che rappresentano il 24% delle persone in carico ai servizi Le strutture in cui vengono offerti i servizi sono 26: - 9 strutture residenziali per anziani - 2 strutture residenziali per disabili - 2 centri diurni per anziani - 1 centro diurno per disabili - 3 centri diurni estivi per minori - 1 centro aggregazione giovanile - 2 asili nido - 1 scuola per l infanzia - 1 scuola primaria - 1 ludoteca - 1 camper itinerante per la prevenzione dell uso di stupefacenti - 1 centro per l educazione ambientale - 1 sportello informativo per giovani La quasi totalità dei servizi è offerto in convenzione o accreditamento con enti pubblici, le cui risorse rendono possibile l erogazione di servizi a forte interesse pubblico e che in alcuni casi garantiscono diritti esigibili dei cittadini (come previsto dai Livelli Essenziali di Assistenza, Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 29 novembre 2001). Molte attività hanno anche una componente di spesa privata, che negli anni sta aumentano. 9

12 I LAVORATORI DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI Al 31/12/2010, le imprese sociali impiegavano 498 lavoratori sui territori della Val Pellice, Val Chisone e Val Germanasca (371 in Val Pellice e 127 in Val Chisone e Val Germanasca). Un dato occupazionale significativo, soprattutto se si considera la qualità delle tipologie di contratto applicate: - 81% a tempo indeterminato - 17% a tempo determinato - 2% con contratto co.co.co. o a progetto Il 70% dei lavoratori ha un contratto full-time e il 5% sono cittadini extracomunitari. L alta percentuale di persone assunte a tempo indeterminato evidenzia l attenzione alla stabilizzazione dei lavoratori, cercando soluzioni che favoriscano la conciliazione dei tempi di vita privata e di lavoro delle persone (lo dimostra il 30% di contratti part-time) Nell 86% dei casi si tratta di occupazione femminile, che, come ben noto, rappresenta un fattore di sviluppo economico per il territorio. Una donna che lavora chiede più servizi al mercato e può garantire una maggior protezione economica alla propria famiglia, in un momento in cui l occupazione di entrambi i componenti adulti di una famiglia è messa a rischio dalla crisi economica. L indice di turn-over dei lavoratori nel 2010 è stato del 12,6%. Nel corso dell anno, 2 lavoratori sono stati assunti in regime di somministrazione e 2 persone hanno prestato servizio attraverso una borsa lavoro. Le imprese sociali offrono inoltre servizi socio-sanitari su altri territori, in cui impiegavano, al 31/12/2010, ulteriori 318 lavoratori. 10

13 I VOLONTARI Le imprese sociali affondano le loro radici nell associazionismo e questo legame non si è mai spezzato. Lo dimostra il fatto che, nel corso del 2010, hanno prestato attività di volontariato 17 persone (12 in Val Pellice e 5 in Val Chisone e Val Germanasca), direttamente per le imprese sociali che si occupano di servizi socioassistenziali. Questo aspetto non deve essere trascurato, rappresentando una ricchezza in termini di legame e partecipazione del territorio. Anzi, è opportuno rafforzarlo, creando maggiori sinergie tra le imprese sociali e le organizzazioni di volontariato. Le cooperative sociali di tipo A e la Diaconia Valdese hanno inoltre accolto presso le loro sedi della Val Pellice, Val Chisone e Val Germanasca, 17 giovani in servizio civile (10 nazionale, 2 europeo e 5 internazionale). L esperienza del servizio civile è un opportunità di crescita per i giovani come cittadini a servizio del bene comune e rappresenta anche un occasione per entrare in contatto con il mondo del lavoro. 11

14 I SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI: ALCUNI DATI ECONOMICI Il valore di un impresa per il territorio si misura anche dai risultati economici che è stata in grado di raggiungere e dalla ricchezza che ha ridistribuito ai propri lavoratori in termini di salari e stipendi. Nel 2010, i ricavi delle imprese sociali sono stati circa 17,4 milioni. Ai 498 lavoratori sono stati erogati 11,3 milioni (salari e stipendi più oneri contributivi). VAL PELLICE VAL CHISONE e GERMANASCA ALTRI TERRITORI RICAVI COSTO PERSONALE Nonostante i buoni risultati in termini di fatturato, le imprese sociali si trovano in una situazione di grave criticità per il ritardo dei pagamenti degli enti pubblici, in particolare dell Asl TO3. Al 31 gennaio 2012, le imprese sociali registravano fatture emesse, scadute e non pagate dall azienda sanitaria pari a 3,1 milioni (pari al 18,2% del fatturato del 2010), con un ritardo medio di pagamento di oltre 8 mesi. La situazione si sta aggravando di mese in mese, infatti, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, si è registrato un peggioramento nel ritardo dei pagamenti di circa 1 mese. A causa di questa criticità, nel corso del 2010, le imprese sociali hanno dovuto chiedere al sistema bancario anticipi sulle fatture emesse e corrispondere interessi passivi per Se la situazione perdurerà, verrà compromessa la capacità delle imprese di corrispondere gli stipendi ai propri dipendenti e la sussistenza stessa delle imprese, con la conseguente impossibilità di continuare ad offrire servizi socio-sanitari ai cittadini. Per la tipologia di servizi che vengono offerti, il costo del personale supera mediamente il 70% dei costi complessivi delle imprese sociali e rappresenta un costo che va corrisposto mensilmente (sia nella parte stipendi che nella parte oneri 12

15 I Servizi socio assistenziali: alcuni dati economici contributivi), a fronte di incassi su servizi erogati che possono essere pagati anche 8 mesi dopo. Questa situazione obbliga le cooperative a chiedere alle banche anticipi sulle fatture e a corrispondere loro interessi passivi, che rappresentano una maggior ricchezza distribuita allo stakeholder banca. Le stesse risorse economiche potevano invece essere investite sul territorio per lo sviluppo o l ampliamento di nuovi servizi o progettualità. Le imprese sociali offrono servizi socio-sanitari anche su altri territori, per cui nel 2010 hanno registrato ricavi per ulteriori 14,1 milioni. Agli ulteriori 318 lavoratori impiegati in tali servizi hanno erogato 8,2 milioni di salari e stipendi più oneri contributivi. Il patrimonio netto delle 7 imprese sociali era, al 31/12/2010, pari a 21,8 milioni e il capitale sociale pari a 20,6 milioni. Se si esclude la Diaconia Valdese, che ha un capitale sociale di 20,5 milioni e un patrimonio netto di 20,8, le cooperative sociali risultano poco capitalizzate. Se il ruolo delle imprese sociali deve diventare centrale nelle politiche di welfare di un territorio, queste devono recuperare credibilità anche sotto il profilo della disponibilità dei mezzi propri per affrontare quello che le aspetta. Un riconoscimento significativo in ambito sussidiario da parte di tutti i soggetti del territorio avviene se una volta ottenuta la delega, non ci si manifesta con le proprie fragilità. La tutela degli interessi dei cittadini più deboli e più fragili passa inevitabilmente attraverso grandi idee fondate su solide organizzazioni. Nessuno investirà sull'impresa sociale se questa non dimostra di sapersi capitalizzare e patrimonializzare in modo adeguato. 13

16 LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE CON LAVORATORI SVANTAGGIATI Nel corso del 2010, 2 cooperative sociali di tipo B hanno svolto attività produttive in Val Pellice, Val Chisone e Val Germanasca, impiegando lavoratori svantaggiati che difficilmente sarebbero stati assorbiti dal mercato del lavoro tradizionale. I settori in cui operano sono labour intensive, adatti a sperimentare percorsi di accompagnamento al lavoro per persone provenienti da situazioni di disagio: VAL PELLICE VAL CHISONE e GERMANASCA AFFISSIONE MANIFESTI Nuovi Obiettivi ALLESTIMENTO MANIFESTAZIONI La Nuova Cooperativa FATTORINAGGIO Nuovi Obiettivi MAGAZZINAGGIO La Nuova Cooperativa AREE VERDI La Nuova Cooperativa Nuovi Obiettivi La Nuova Cooperativa MANUTENZIONE Nuovi Obiettivi DERATTIZZAZIONE La Nuova Cooperativa La Nuova Cooperativa PULIZIE La Nuova Cooperativa La Nuova Cooperativa RACCOLTA DIFFERENZIATA La Nuova Cooperativa SEGNALETICA STRADALE La Nuova Cooperativa GESTIONE CASA VACANZE Nuovi Obiettivi GESTIONE TEATRO Nuovi Obiettivi TRASPORTI La Nuova Cooperativa I clienti a cui offrono i servizi sono diversificati, evidenziando come la diversificazione delle fonti permetta di non essere completamente dipendenti dal sostegno della spesa pubblica: - 21 servizi sono stati offerti in convenzione con enti pubblici - 25 a clienti privati - 5 a imprese non profit - 2 a enti religiosi 14

17 I LAVORATORI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Al 31/12/2010, le 2 cooperative sociali di tipo B impiegavano 37 lavoratori in Val Pellice, Val Chisone e Val Germanasca (di cui 35 in Val Pellice e 2 in Val Chisone e Germanasca), di questi l 81% aveva un contratto a tempo indeterminato e il 19% a tempo determinato. Il 35% dei lavoratori aveva un contratto full-time e il 65% part-time 3. L 32% erano donne e il 68% uomini. Il 3% erano cittadini extra-comunitari. Dei 37 lavoratori impiegati, 19 erano lavoratori svantaggiati (51% del totale, contro un obbligo di legge che prevede solo il 30%): 3 disabili, 4 in trattamento psichiatrico e 12 dipendenti da sostanze stupefacenti o alcool Ulteriori 8 soggetti svantaggiati hanno prestato servizio presso le cooperative attraverso una borsa lavoro. Nel 2010, l indice di turn-over medio è stato del 7,4 % Le cooperative sociali impiegavano al 31/12/2010 ulteriori 537 lavoratori su servizi in altri territori. 3 I contratti di lavoro applicati prevedono per un part-time meno di 38 ore alla settimana. La media delle ore dei contratti part-time delle cooperative in questione è di circa 36 ore alla settimana. 15

18 LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE: ALCUNI DATI ECONOMICI L attività delle imprese sociali è significativa soprattutto se la si osserva al di fuori della Val Pellice, Val Chisone e Val Germanasca. Il fatturato per servizi offerti sui territori di riferimento è stato infatti di soli , contro ricavi per 15,2 milioni per attività realizzate al di fuori delle Valli. VAL PELLICE VAL CHISONE E GERMANASCA ALTRI TERRITORI RICAVI COSTO PERSONALE Il 46% del fatturato in Val Pellice, Val Chisone e Germanasca deriva da affidamenti diretti da parte della pubblica amministrazione È evidente che tale attività, pur avendo una presenza sul territorio, non è particolarmente sviluppata. Nonostante ciò, distribuisce ricchezza ai 37 lavoratori per (salari e stipendi più oneri contributivi) 4, di cui a lavoratori svantaggiati. Positiva è la capitalizzazione delle 2 cooperative di tipo b: il capitale sociale risulta essere di 1,3 milioni e il patrimonio netto di 9,7 milioni. L immagine che ne deriva è di soggetti sani e in grado di partecipare alle politiche attive del lavoro ben più ampiamente di quanto oggi stia avvenendo. 4 Il valore costo del personale della cooperativa Nuova Obiettivi è stato calcolato in percentuale sul valore totale, ipotizzando come percentuale il valore del fatturato delle attività nelle Valli sul fatturato totale. 16

19 LA PROGRAMMAZIONE PARTECIPATA Le imprese sociali interagiscono con gli enti pubblici per la rilevazione dei bisogni del territorio, per la costruzione di politiche sociali e per un confronto sulle modalità di gestione dei servizi Nel corso del 2010 l interazione è avvenuta nell ambito: - dei piani di zona della Comunità montana del Pinerolese, a cui hanno partecipato 15 persone delle imprese sociali, di cui 6 avevano ricevuto una formazione specifica - delle commissioni welfare e giovani del Comune di Torre Pellice, a cui hanno partecipato 3 persone 17

20 QUALI BISOGNI PRIORITARI E QUALI RISPOSTE? Le imprese sociali sono sul territorio quotidianamente e intercettano direttamente i bisogni delle persone. Nel corso dell ultimo anno i bisogni sono cambiati, ma soprattutto è cambiata la tipologia di persone che manifestano bisogni. Non si tratta più solo di persone e famiglie storicamente fragili, ma di soggetti appartenenti un tempo alla classe media o medio bassa, che oggi si trovano senza lavoro e spesso con reti famigliari o sociali frammentate. È, quindi, urgente trovare risposte, che non possono più essere quelle di un tempo. Sono infatti cambiati i bisogni, sono cambiati i target di riferimento e soprattutto sono diminuite le risorse economiche a disposizione del welfare. La crisi non è congiunturale, bensì strutturale. Il welfare cambierà e la sua sopravvivenza dipenderà anche dalla capacità del privato sociale e degli enti pubblici di essere flessibili e veloci nell immaginare nuovi modelli di servizi e interazioni tra le parti, compresi i singoli cittadini. È tempo di riflettere e di agire. Le imprese sociali della Val Pellice, della Val Chisone e Val Germanasca vogliono sintetizzare quali, secondo loro, sono i bisogni prioritari del territorio e le possibili risposte, senza la pretesa di avere in mano la soluzione a tutti problemi, ma con il desiderio di entrare nel merito di alcuni problemi e di individuare soluzioni concrete da realizzare, pubblico e privato insieme. Le imprese sociali della Val Pellice rilevano sul territorio i seguenti bisogni prioritari: 1. perdita del lavoro da parte di persone ultra quarantacinquenni 2. conseguente perdita della casa dopo un periodo di disoccupazione prolungato 3. crescita del numero di anziani non autosufficienti che necessitano di cure 4. inserimento sociale e lavorativo di persone extra-comunitarie Le possibili risposte che hanno individuato sono: a) sviluppo di nuove attività imprenditoriali da parte delle imprese sociali in cui coinvolgere persone rimaste senza lavoro: piccoli lavori di manutenzione per la casa a prezzi contenuti, servizi di conciliazione vita e lavoro, ecc. 18

21 Quali bisogni prioritari e quali risposte? b) accordi con i centri per l impiego e le agenzie formative per tirocini e corsi di formazione professionale c) conversione di alcune strutture inutilizzate in centri residenziali, adatti ad accogliere persone rimaste senza casa. La tipologia di utenza sta cambiando, non si tratta solo più di singoli. Bisognerà quindi immaginare strutture adatte ad accogliere anche le famiglie d) potenziamento dei servizi di assistenza domiciliare Le imprese sociali della Val Chisone e Val Germanasca rilevano sul territorio i seguenti bisogni prioritari: 1) difficoltà a pagare l affitto da parte di un numero crescente di famiglie, in particolare mono-parentali 2) aumento della conflittualità all interno delle famiglie e sgretolamento delle reti sociali Le possibili risposte sono: a) attivazione di progetti di housing sociale in particolare rivolti a donne sole con minori a carico b) realizzazione di un servizio di mediazione famigliare con l obiettivo di favorire la comunicazione all interno delle famiglie e di accompagnare i figli nei cambiamenti dovuti alle separazioni 19

22 CONCLUSIONI Il lavoro svolto dalle imprese sociali della Val Pellice, Val Chisone e Val Germanasca ha come obiettivo primario quello di raccogliere e condividere alcune informazioni sulle loro realtà per conoscersi e per rappresentare all esterno il sistema di cui fanno parte. L attività di raccolta dati è già stata svolta nel Il numero delle imprese coinvolte è rimasto lo stesso (6 cooperative sociali di tipo A, 2 di tipo B ed un ente religioso), ci sono state alcune variazioni nelle imprese che hanno partecipato e il territorio è stato ampliato alla Val Chisone e Val Germanasca. E quindi possibile fare alcuni confronti, tenendo però presente quanto sopra: COOPERATIVE SOCIALI DITIPO A E ENTE RELIGIOSO - sebbene ci si trovi in una situazione di crisi economica, il numero di lavoratori è aumentato del 24%. E invece diminuita, dall 85% all 81%, la percentuale di lavoratori assunti con un contratto a tempo indeterminato - è aumentata la percentuale di occupazione femminile dall 83% all 86% e l utilizzo del part-time dal 26% al 30% - sono diminuiti da 48 a 17 le persone che hanno prestato attività di volontariato nelle imprese sociali durante l anno, mentre è rimasto costante il numero di giovani in servizio civile - i ricavi sono aumentati del 17,6% e il costo del personale (salari e stipendi più oneri contributivi) del 22,8% COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B - il numero di lavoratori impiegati è diminuito del 7,5%, mentre è aumentato dal 67,5% all 81% la percentuale di lavoratori assunti con un contratto a tempo indeterminato. l numero di lavoratori svantaggiati è rimasto pressoché costante - è aumentata la percentuale di occupazione femminile dal 27,5% al 32% ed è diminuito l utilizzo del part-time dal 72,5% al 65% - i ricavi sono aumentati del 2,8% e il costo del personale (salari e stipendi più oneri contributivi) del 18,9% 20

23 Conclusioni Da un punto di vista dell occupazione, sembrano tenere le imprese sociali che si occupano di servizi socio-assistenziali, mentre hanno più difficoltà a mantenere i livelli occupazionali le cooperative di tipo B, sebbene si registri un aumento dell utilizzo del full-time. In entrambe le tipologie di imprese aumenta l occupazione femminile. Per ciò che riguarda il fatturato, cresce nelle imprese sociali che offrono servizi socio-assistenziali e registra un lieve aumento nelle cooperative di tipo B. In entrambe aumenta il costo del personale, nel primo caso in maniera proporzionale al numero dei lavoratori, nel secondo a fronte di una diminuzione degli occupati (7,5%) ed un aumento dell utilizzo del full-time (+18%). Grazie alla raccolta, all elaborazione e alla condivisione dei dati, le imprese stanno inoltre prendendo consapevolezza di essere un sistema d imprese di una certa rilevanza, in grado di produrre servizi e benessere per la comunità in cui operano. Da questa consapevolezza sta maturando anche un idea, una visione futura di quello che potrebbe rappresentare questo sistema d imprese per il territorio: lavorare in modo congiunto e sinergico su specifiche progettualità, collegate ai bisogni e allo sviluppo locale. Le cooperative rivolgono quindi una domanda a loro stesse e agli enti pubblici: in questo momento di crisi economica, in cui è necessario far emergere e razionalizzare l utilizzo di tutte le risorse presenti su un territorio per creare sinergie ed economie di scala, come può essere utilizzato questo sistema e su quali bisogni specifici delle Valli? 21

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

MONITORAGGIO stato avanzamento lavori relativo alle amministrazioni comunali della provincia di Torino

MONITORAGGIO stato avanzamento lavori relativo alle amministrazioni comunali della provincia di Torino Torino A.N.A.S. 1 0 0 0 1 1.700.000 0 0 0 1.700.000 Torino A.R.P.A. 1 0 0 0 1 284.000 0 0 0 284.000 Torino Ala di Stura 5 3 0 2 0 362.500 310.000 0 52.500 0 Torino Angrogna 10 1 4 5 0 2.314.000 400.000

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Newsletter n. 5 L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Presentazione Nell ambito del nostro progetto sull agricoltura multifunzionale, realizzato nel quadro del Piano di sviluppo rurale (Psr),

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A

LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A Cooperazione Sociale di tipo A Impresa tra: Welfare Non Profit Occupazione di genere "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 2 Primo Censimento

Dettagli

GLI ANZIANI GLI ANZIANI. - Assistenza domiciliare. - Pasto a domicilio e mensa sociale. - Telesoccorso - Affidamento intrafamiliare - Assegno di cura

GLI ANZIANI GLI ANZIANI. - Assistenza domiciliare. - Pasto a domicilio e mensa sociale. - Telesoccorso - Affidamento intrafamiliare - Assegno di cura Guida dei Servizi ai Servizi Sociali Sociali BISOGNI BISOGNI GLI ANZIANI GLI ANZIANI Domiciliarità Avere la possibilità di continuare a vivere nel proprio ambiente di vita. Domiciliarità Avere la possibilità

Dettagli

ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere

ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere (dal Bilancio Sociale di sistema del Consorzio Comunità Brianza 2012)

Dettagli

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona Giovanni Bertin Il livello di conoscenza del sistema di offerta http://pdz.venetosociale.it La rilevazione Piani

Dettagli

Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini. Simona Benedetti

Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini. Simona Benedetti Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini Simona Benedetti Persone Persone assistite assistite In aumento anziani, famiglie e minori seguiti Anno 2007 2008 2009 2010 Anziani 1475 1718

Dettagli

REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI

REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di

Dettagli

PROGETTO SORVEGLIANZA ATTIVA ALLA PERSONA ANZIANA FRAGILE PER L ANNO 2009

PROGETTO SORVEGLIANZA ATTIVA ALLA PERSONA ANZIANA FRAGILE PER L ANNO 2009 PROGETTO SORVEGLIANZA ATTIVA ALLA PERSONA ANZIANA FRAGILE PER L ANNO 2009 Denominazione del progetto Sorveglianza attiva della persona anziana fragile. Soggetto titolare/gestore Soggetto Titolare: Società

Dettagli

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire,

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di organizzazioni

Dettagli

Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani

Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani Codice identificativo VA/Varese n 31/2005 - Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 405 del 22/06/05 e Delibera di Giunta Comunale n. 45 del 31/10/07

Dettagli

COMUNE DI MASSELLO PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE SCHEDE DI RILEVAMENTO DATI COMUNALI 7. STRUTTURE OPERATIVE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI MASSELLO PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE SCHEDE DI RILEVAMENTO DATI COMUNALI 7. STRUTTURE OPERATIVE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MASSELLO PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE SCHEDE DI RILEVAMENTO DATI COMUNALI 7. STRUTTURE OPERATIVE DI PROTEZIONE CIVILE Scheda Titolo Scheda Contenuto Codice GEO Ufficio Territoriale

Dettagli

1. IL SERVIZIO I.L.CO.M.

1. IL SERVIZIO I.L.CO.M. REPORT ATTIVITÀ SERVIZIO I.L.Co.M. 2012 1. IL SERVIZIO I.L.CO.M. Il servizio I.L.Co.M., realizzato dalla Società Pubblica Zona Ovest di Torino Srl su incarico dei Comuni di Grugliasco e Collegno in convenzione

Dettagli

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE TRA SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E ABITATIVE COMUNITA DELLA VAL DI NON AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI DISTRETTO SANITARIO OVEST STRUTTURA OSPEDALIERA CONTESTO

Dettagli

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime Rete sanitaria delle ASL Reti della sussidiarietà Rete delle RSA Le tre Reti a regime 1997 1999 2002 2004 2001 2004 2008 Soffermiamo l attenzione sul titolo: GOVERNO DELLA RETE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI

Dettagli

Sala Operativa Sociale

Sala Operativa Sociale Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute 800440022 Sala Operativa Sociale Dott.ssa Angelina Di Prinzio Roma, 09 Novembre 2010 EVOLUZIONE DELLA DOMANDA SOCIALE Dai dati quantitativi e

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

Convegno Competitività e coesione sociale: le politiche per l inclusione lavorativa delle persone disabili e svantaggiate

Convegno Competitività e coesione sociale: le politiche per l inclusione lavorativa delle persone disabili e svantaggiate Convegno Competitività e coesione sociale: le politiche per l inclusione lavorativa delle persone disabili e svantaggiate Servizio Politiche del Lavoro e Formazione Professionale Venerdì 4 Luglio 2008

Dettagli

LE PROPOSTE DEL FORUM A.S. ALLA XIII COMMISSIONE AGRICOLTURA DELLA CAMERA

LE PROPOSTE DEL FORUM A.S. ALLA XIII COMMISSIONE AGRICOLTURA DELLA CAMERA LE PROPOSTE DEL FORUM A.S. ALLA XIII COMMISSIONE AGRICOLTURA DELLA CAMERA Consegnate alla Commissione agricoltura della Camera dei deputati il 26 aprile 2012 1. Il Forum per una legge nazionale Il Forum

Dettagli

La Cooperativa Gnosis si sta impegnando in questi ultimi anni nella sperimentazione di un modello virtuoso di collaborazione con i Servizi di Salute

La Cooperativa Gnosis si sta impegnando in questi ultimi anni nella sperimentazione di un modello virtuoso di collaborazione con i Servizi di Salute La Cooperativa Gnosis si sta impegnando in questi ultimi anni nella sperimentazione di un modello virtuoso di collaborazione con i Servizi di Salute Mentale, gli Enti locali, le Associazioni dei Familiari

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 Chi siamo Il Forum nasce con l assemblea di Firenze il 21 maggio 2011. Il Forum sta raccogliendo le idealità, il lavoro, le esperienze, maturate in tutta Italia negli ultimi 10

Dettagli

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito Delega Assessorile in materia di Servizi Sociali, Rapporti con Azienda Ospedaliera e A.S.L., Casa Comunale di Soggiorno Anziani, La legge 328 del 2000, attesa per oltre un secolo, ha dotato il sistema

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 1. NUMERO AZIONE RIEQUILIBRIO PIANO DI ZONA AL 31.12.2009 3 2. TITOLO AZIONE SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Gli interventi di assistenza domiciliare a favore dei disabili

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. 2) Codice di accreditamento: NZ 02274. Albo Nazionale

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. 2) Codice di accreditamento: NZ 02274. Albo Nazionale SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMMISSIONE SINODALE PER LA DIACONIA 2) Codice di accreditamento: NZ 02274 3) Albo e classe

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Regione Calabria Le politiche conciliative nel Por Calabria FSE 2007/2013: la strategia del dual approach per garantire il gender mainstreaming

Dettagli

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ;

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PROMOZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO DI PERSONE IN STATO DI DISAGIO SOCIALE (PROGRAMMA PARI) VISTI Il Decreto Legislativo

Dettagli

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento Carta BISOGNI BISOGNI GLI ADULTI GLI ADULTI Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento in una struttura residenziale. Domiciliarità

Dettagli

INDAGINE SUI SERVIZI ALL INFANZIA NEL COMUNE DI FIRENZE E RELATIVE OPPORTUNITA OCCUPAZIONALI

INDAGINE SUI SERVIZI ALL INFANZIA NEL COMUNE DI FIRENZE E RELATIVE OPPORTUNITA OCCUPAZIONALI INDAGINE SUI SERVIZI ALL INFANZIA NEL COMUNE DI FIRENZE E RELATIVE OPPORTUNITA OCCUPAZIONALI Il sostegno alle nuove imprese nel settore dei servizi di cura per minori nasce per stimolare la creazione di

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani La realtà siciliana vive gli effetti più gravi della crisi che continua a colpire

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella

PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella 1. PREMESSA Il SIL è un servizio dell'azienda ULSS 21 di Legnago, in Staff al Dipartimento Distretto che agisce

Dettagli

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte 1 Integrazione socio-sanitaria Per integrazione socio-sanitaria

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

LE ADOZIONI LAVORATIVE

LE ADOZIONI LAVORATIVE LE ADOZIONI LAVORATIVE Il lavoro acquista sempre più rilievo nella vita dell uomo fino a diventarne l essenza stessa. L identità personale passa attraverso il ruolo che il singolo ha rispetto al contesto

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus Centro di Accoglienza di Cittiglio Centro Polifunzionale di Gavirate Fondazione FELICITA MORANDI Associazione IL PASSO onlus Luglio 2012 FONDAZIONE FELICITA MORANDI Servizi e interventi a favore dei minori

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

SETTORE D INTERVENTO: ASSISTENZA ANZIANI DISABILI DISAGIO ADULTO

SETTORE D INTERVENTO: ASSISTENZA ANZIANI DISABILI DISAGIO ADULTO PROGETTO: LA COMPAGNIA : GIOVANI E ANZIANI INSIEME ENTE: Provincia di Pesaro e Urbino SETTORE D INTERVENTO: ASSISTENZA ANZIANI DISABILI DISAGIO ADULTO RISERVA DI POSTI A FAVORE DI SOGGETTI A RISCHIO DI

Dettagli

Tab. 1 Servizi per macro aree di assistenza nella diocesi di Milano

Tab. 1 Servizi per macro aree di assistenza nella diocesi di Milano INTRODUZIONE Nel corso del 2010 si è svolto il Censimento nazionale dei servizi sanitari, socio-sanitari e socioassistenziali collegati con la Chiesa Cattolica, promosso congiuntamente dall Ufficio nazionale

Dettagli

COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO. Via Carlo Felice n.201 - telefono 070/93831 - telefax 070/9383226 SERVIZIO SOCIO CULTURALE

COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO. Via Carlo Felice n.201 - telefono 070/93831 - telefax 070/9383226 SERVIZIO SOCIO CULTURALE COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO Via Carlo Felice n.201 - telefono 070/93831 - telefax 070/9383226 SERVIZIO SOCIO CULTURALE UFFICIO SERVIZI SOCIALI Registro Generale Determinazioni n. 1669

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

Àncora Servizi e la rete assistenziale

Àncora Servizi e la rete assistenziale Àncora Servizi e la rete assistenziale IL TERRITORIO COME LABORATORIO DELLE COLLABORAZIONE PUBBLICO/PRIVATO PER UN ADEGUATO SISTEMA DI WELFARE Torino 13 Dicembre 2013 Àncora Servizi in pillole La cooperativa

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

MODELLI E STRUMENTI PER L ATTUAZIONE DI POLITICHE PER LA FAMIGLIA EFFICACI E SUSSIDIARIE

MODELLI E STRUMENTI PER L ATTUAZIONE DI POLITICHE PER LA FAMIGLIA EFFICACI E SUSSIDIARIE MODELLI E STRUMENTI PER L ATTUAZIONE DI POLITICHE PER LA FAMIGLIA EFFICACI E SUSSIDIARIE PROGETTARE COOPERANDO La corresponsabilità della Famiglia oggi: una risorsa per il futuro della società Filomena

Dettagli

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico.

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. La complessità del quadro demografico Le persone ultra sessantenni sono oltre 540.000, di cui le donne sono 261.000; gli ultra

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2014

BILANCIO SOCIALE 2014 BILANCIO SOCIALE Indice 1. Dichiarazione del Consiglio p.5 di Amministrazione 2. Profilo e identità p.7 3. Compagine sociale e partecipazione p.11 dei soci 4. Relazione Sociale p.15 5. Fatturato e valore

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste Soggetti finanziatori Progetto Scadenza ALLEANZA ASSICURAZIONI Iniziative che hanno come scopo: 1. progetti di formazione e/o inserimento professionale dei giovani finalizzati all'uscita da situazioni

Dettagli

Programma Italia- Francia Marittimo Progetto Over To Over. Dipartimento Salute e Servizi Sociali Daniela Mortello

Programma Italia- Francia Marittimo Progetto Over To Over. Dipartimento Salute e Servizi Sociali Daniela Mortello Programma Italia- Francia Marittimo Progetto Over To Over Dipartimento Salute e Servizi Sociali Daniela Mortello Mercoledì 15 aprile 2015 Le Politiche Regionali per l Invecchiamento Attivo: quadro di riferimento

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto AXIA FAMIGLIA - RETE INFORMATIVA Ambito/settore di intervento Settore E: Educazione e promozione culturale Area d intervento:

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Indagine e proposta progettuale

Indagine e proposta progettuale Indagine e proposta progettuale Silver CoHousing Condividere. Per affrontare positivamente crisi economica e mal di solitudine della terza età Direzione della ricerca: Sandro Polci E noto che la popolazione

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

Ambito Distrettuale 6.1

Ambito Distrettuale 6.1 Ambito Distrettuale 6.1 Piano di Zona 2013-2015 AREE DI INTERVENTO: OBIETTIVI STRATEGICI, PRIORITA DEL PDZ, AZIONI, TEMPI E RISORSE 4.2 AREA DISABILITA PREMESSA. Negli ultimi anni l azione progettuale

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA I SESSIONE 2004 Illustri la candidata un progetto di intervento sociale, focalizzandone

Dettagli

CONSORZIO PUBBLICO DI FUNZIONI ZONA VALDERA. Provincia di Pisa. Determinazione n 4 del 30/12/2006

CONSORZIO PUBBLICO DI FUNZIONI ZONA VALDERA. Provincia di Pisa. Determinazione n 4 del 30/12/2006 Comuni di Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme, Chianni, Crespina, Lajatico, Lari, Palaia, Peccioli, Ponsacco, Pontedera, S. Maria a Monte, Terricciola e Azienda USL n.5 Ufficio della Direzione

Dettagli

Nel caso in cui la denominazione dell'ente non sia presente nell'elenco, inserire la Denominazione nella casella sottostante.

Nel caso in cui la denominazione dell'ente non sia presente nell'elenco, inserire la Denominazione nella casella sottostante. Dati identificativi MICRO 1. Ente Comune: Denominazione Soliera Ente Associato: Denominazione Nel caso in cui la denominazione dell'ente non sia presente nell'elenco, inserire la Denominazione nella casella

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale)

MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale) MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale) 1. GENERALITÁ Nel Modulo Servizi svolti Parte II, si chiede la quantificazione dei principali servizi svolti nell anno di rilevazione

Dettagli

Oltre i 18 anni: Vita, Integrazione ed inclusione sociale nella disabilità psichica. Servizi in rete: l esperienza della Provincia di Genova

Oltre i 18 anni: Vita, Integrazione ed inclusione sociale nella disabilità psichica. Servizi in rete: l esperienza della Provincia di Genova Provincia di Genova Direzione politiche formative e del lavoro Ufficio Inclusione socio-lavorativa Oltre i 18 anni: Vita, Integrazione ed inclusione sociale nella disabilità psichica Seminario ALFaPP Sez.Tigullio

Dettagli

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara Comune di Bologna Quartiere Navile Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97 Quartiere Navile Zona Pescarola Beverara La presenza di una elevata percentuale di anziani in età avanzata, di un numero sempre

Dettagli

Le politiche di welfare e di housing adottate in Olanda per gli anziani e la domiciliarità dei servizi

Le politiche di welfare e di housing adottate in Olanda per gli anziani e la domiciliarità dei servizi Le cure domiciliari: quali possibili sviluppi tra mutamentii socio demografici, innovazione tecnologica e sostenibilità Le politiche di welfare e di housing adottate in Olanda per gli anziani e la domiciliarità

Dettagli

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia.

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia. La Dote di Regione Lombardia: un opportunità per sostenere l occupazione giovanile Paola Gabaldi Agenzia Regionale Istruzione, Formazione Lavoro, ARIFL Milano, 1 marzo 2012 Ultimi dati sulla popolazione

Dettagli

SALVAGUARDARE I SERVIZI SOCIALI

SALVAGUARDARE I SERVIZI SOCIALI Martedì 12 Aprile 2016 - ore 20.45 presso il Centro Sociale La Villa - Baricella Mandato Politico-Amministrativo 2014-2019 Obiettivo SALVAGUARDARE I SERVIZI SOCIALI Mantenimento dell attuale livello dei

Dettagli

PROGETTI di INSERIMENTO LAVORATIVO ANNO 2012

PROGETTI di INSERIMENTO LAVORATIVO ANNO 2012 PROGETTI di INSERIMENTO LAVORATIVO ANNO 2012 Ogni abitudine rende la nostra mano più ingegnosa e meno agile il nostro ingegno. Friedrich Nietzsche - E stato un anno difficile, che ha visto prevalere alcune

Dettagli

Bilancio dei Bambini

Bilancio dei Bambini Asili nido comunali: n iscritti 2009 2010 2011 Var. % anno 2011-2010 Numero di strutture Asili nido Capienza dei posti disponibili Numero posti attivati Numero iscritti 27 28 28-1.214 1.254 1.258 0,32%

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

IL RUOLO DELL ASSISTENTE SOCIALE NEL CONTESTO SOCIO-SANITARIO

IL RUOLO DELL ASSISTENTE SOCIALE NEL CONTESTO SOCIO-SANITARIO IL RUOLO DELL ASSISTENTE SOCIALE NEL CONTESTO SOCIO-SANITARIO - da operatore a promotore sociale - Dott. Marcello Candotto L IDENTITÀ DELL ASSISTENTE SOCIALE L assistente sociale è un operatore sociale

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

Ufficio di Piano - Comune di Portici REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI VOUCHER A FINALITA MULTIPLA D.D. REG. CAMPANIA N.805 DEL 7\11\2012.

Ufficio di Piano - Comune di Portici REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI VOUCHER A FINALITA MULTIPLA D.D. REG. CAMPANIA N.805 DEL 7\11\2012. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI VOUCHER A FINALITA MULTIPLA D.D. REG. CAMPANIA N.805 DEL 7\11\2012. La Regione Campania ha avviato una sperimentazione relativa alla diffusione del Voucher quale strumento

Dettagli

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L art. 3, II comma della Costituzione Italiana recita: è compito

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE PER PROMUOVERE POLITICHE DI CONCILIAZIONE NELLE RCT (reti di conciliazione territoriali)

LA CONTRATTAZIONE PER PROMUOVERE POLITICHE DI CONCILIAZIONE NELLE RCT (reti di conciliazione territoriali) LA CONTRATTAZIONE PER PROMUOVERE POLITICHE DI CONCILIAZIONE NELLE RCT (reti di conciliazione territoriali) In Regione Lombardia il tasso di attività delle donne tra i 15 e 64 anni si attesta al 62,8 %contro

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA RIORDINO E PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 1994 N. 42 IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO

Dettagli

Economia sociale e sviluppo del territorio in Emilia-Romagna. I dati della cooperazione

Economia sociale e sviluppo del territorio in Emilia-Romagna. I dati della cooperazione Regione Emilia-Romagna Assessorato Politiche Sociali Unioncamere Emilia-Romagna Bologna, 8 ottobre 2013 Economia sociale e sviluppo del territorio in Emilia-Romagna. I dati della cooperazione da Paolino

Dettagli

Il marchio di genere

Il marchio di genere Il marchio di genere Iniziative intraprese ai fini della RSI Assessorato al Welfare I Piano di azione Famiglie al futuro II Piano di azione Famiglie al futuro Marchio Famiglie al futuro Bozza Linee guida

Dettagli

FAMIGLIE AL CENTRO: Dott. Paola Mosa Roma 24 maggio 2013

FAMIGLIE AL CENTRO: Dott. Paola Mosa Roma 24 maggio 2013 FAMIGLIE AL CENTRO: funzioni di ascolto, orientamento e accompagnamento sociale delle famiglie all interno dei gruppi associati dei Medici di Medicina Generale Dott. Paola Mosa Roma 24 maggio 2013 Il contesto

Dettagli

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova 1 In sintesi: Prosegue la

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli