TESI DI LAUREA (APPROCCIO ALL ARRESTO CARDIACO E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE SUL TERRITORIO AFFERENTE AI DEA DI RIVOLI ED ORBASSANO)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TESI DI LAUREA (APPROCCIO ALL ARRESTO CARDIACO E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE SUL TERRITORIO AFFERENTE AI DEA DI RIVOLI ED ORBASSANO)"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO TESI DI LAUREA (APPROCCIO ALL ARRESTO CARDIACO E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE SUL TERRITORIO AFFERENTE AI DEA DI RIVOLI ED ORBASSANO) DEFIBRILLAZIONE PRECOCE IN AREE EXTRA-URBANE RELATORE Prof RODOLFO BONAMINI CANDIDATO ALESSANDRO DABBENE

2 INDICE Indice Pagina 2 Abbreviazioni presenti nel testo 4 L ARRESTO CARDIACO 5 Epidemiologia 5 Eziologia 6 Fattori di rischio 7 Fisiopatologia 8 Asitolia 9 Fibrillazione Ventricolare 10 Tachicardia Ventricolare 11 Attività Elettrica senza Polso 12 Aritmia iniziale 13 Quadro Clinico 15 Prognosi 15 RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE 18 Accesso precoce 19 BLS 21 Defibrillazione 27 Defibrillatori manuali 28 ACLS 33 Valutazione primaria 33 Valutazione secondaria 34 Trattamento post-rianimatorio 36 L asistolia come conferma della morte 37 ARRESTO CARDIACO E SISTEMA DI EMERGENZA CLASSICO : DUE ESPERIENZE ITALIANE 40 L esperienza di Torino 40 L esperienza di Bologna 44 LA DEFIBRILLAZIONE PRECOCE 47 PAD 49 DAE su veicoli di servizio pubblico 51 La situazione in Italia 52 Defibrillatore semiautomatico 60 Protocollo 61 2

3 L esperienza di Piacenza 63 STUDIO RETROATTIVO: ARRESTO CARDIACO SUL TERRITORIO AFFERENTE AI DEA DI RIVOLI E ORBASSANO 67 Obiettivi 67 Territorio e popolazione 67 Il Sistema di Emergenza Sanitaria 69 Raccolta dei dati 75 Gestione dei dati 82 Risultati 84 Arresto cardiaco testimoniato da EMS 91 Tempi di intervento 92 Età media 94 Luogo di intervento 95 Confronto tra esperienze 96 Strategie per aumentare la sopravvivenza 97 CONCLUSIONI 98 Ringraziamenti 100 Indice delle figure 101 Indice delle Tabelle 102 Bibliografia 103 Sitografia 106 3

4 ABBREVIAZIONI PRESENTI NEL TESTO AC ACI ACLS AHA ATP BLS BLS-D C.O. DAE DEA DEM ECG ERC FV IMA IRC MSA MSAB MSB PAD PEA RCP ROSC SECT TV Arresto Cardiaco Automobil Club Italiano Advanced Cardiac Life Support American Heart Association Adenosina Tri-Fosfato Basic Life Support Basic Life Support Defibrillation Centrale Operativa Defibrillatore Automatico Esterno Dipartimento Emergenza Accettazione Dissociazione Elettro-Meccanica Elettrocardiogramma European Resuscitation Council Fibrillazione Ventricolare Infarto Miocardico Acuto Italian Resuscitation Council Mezzo di Soccorso Avanzato Mezzo di Soccorso Avanzato di Base Mezzo di Soccorso di Base Public Acces Defibrillator Pulsless Electric Activity Rianimazione Cardio-Polmonare Restoration Of Spontaneous Circulation Servizio di Emergenza Cardiologica Territoriale Tachicardia Ventricolare 4

5 L ARRESTO CARDIACO L arresto cardiaco è un emergenza cardiologica caratterizzata dalla cessazione improvvisa e prolungata nel tempo della funzione di pompa del muscolo miocardico con annullamento della gittata sistolica e della portata cardiaca. Ne consegue l arresto della circolazione sanguigna e della perfusione tissutale, con uno stato di anossia sistemica che provoca lesioni irreversibili a livello cerebrale fino alla morte in pochi minuti. Si definisce morte improvvisa la morte occorsa entro un ora dall inizio dei sintomi 1. Epidemiologia L incidenza dell arresto cardiaco nei paesi industrializzati è di circa 1/1.000 abitanti/anno 2, di cui il 95% circa in ambito extraospedaliero con un range che varia da 0,36 a 1,28 / abitanti in base alle diverse popolazioni e ai diversi metodi di raccolta dei dati. Tali valori sembrano essere in aumento: dal 1989 al 1996 in USA si è calcolato un aumento del 10% di morti improvvise. L incidenza aumenta con l età, ed è più bassa per le donne che per gli uomini con un rapporto di circa 2:3. L aumentare dell età diminuisce la probabilità di avere un arresto cardiaco fuori dall ospedale 3 ; in Italia muoiono ogni anno di morte improvvisa circa persone con un età media di 65 anni 4 Eziologia La morte improvvisa in ambito extraospedaliero ha un origine cardiaca nel % dei casi (tab 1). 1 J. ENGDHAL, M. HOLMBERG, B.W. KARLSON, R. LUEPKER, J. HERLITZ, The Epidemiology of out-of-hospital sudden cardiac arrest, Resuscitation 52 (2002), p ALESSANDRO CAPUCCI, DANIELA ASCHIERI, La defibrillazione precoce nel trattamento dell arresto cardiaco, Recenti progressi in medicina Vol 94, N.6 3 J. ENGDHAL, M. HOLMBERG, B.W. KARLSON, R. LUEPKER, J. HERLITZ, The Epidemiology of out-of-hospital sudden cardiac arrest, Resuscitation 52 (2002), p ALESSANDRO CAPUCCI, DANIELA ASCHIERI, La defibrillazione precoce nel trattamento dell arresto cardiaco, Recenti progressi in medicina Vol 94, N.6 5

6 Cardiopatia ischemica Cardiomiopatie Cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro Valvulopatie Malattie infiltrative Malattie infiammatorie Sindromi del QT lungo Alterazioni elettrolitiche (ipokaliemia) Tab. 1 Cause di arresto cardiaco in pazienti con cardiopatia Tra l eziologia cardiaca la patologia coronarica ne è la causa nell 80 % dei casi: in più del 90% degli studi autoptici si sono ricontrate lesioni aterosclerotiche significative a livello di almeno un vaso coronarico e nel 50% un occlusione acuta 5. Anche studi coronarografici su cadavere hanno confermato la presenza di una lesione coronarica attiva (placca fissurata in 1/3 dei casi, trombosi occlusiva o subocclusiva nei restanti 2/3) in più del 50 % dei casi, mentre coronarografie in pazienti sopravvissuti all arresto cardiaco ne hanno evidenziata la presenza dal 71 % all 84 % dei casi 6. Più raramente (meno del 30 %) l autopsia ha rilevato necrosi tessutale come segno di infarto miocardico acuto, probabilmente per il breve tempo intercorso tra l instaurarsi dell evento e la morte dell organismo 6. La tabella 2 riporta le cause di arresto cardiaco non cardiache (34-44 % dei casi). 7 5 DAVIES MJ, Anatomic feature in victimes of sudden coronary death. Coronoary artery pathology. Circulation, 1992;85(1 suppl): FALK E., Plaque ropture with severe pre-existing stenosis precipitating coronary trombosis. Characteristics of coronary arteriosclerotics plaques underlying fatalocclusive thrombi. Br Heart J, 1983, 50: J. ENGDHAL, M. HOLMBERG, B.W. KARLSON, R. LUEPKER, J. HERLITZ, The Epidemiology of out-of-hospital sudden cardiac arrest, Resuscitation 52 (2002), pp

7 Trauma Emorragia non traumatica Embolia polmonare Suicidio Patologie pneumologiche Cachessia neoplastica Overdose da oppiacei Soffocamento Annegamento Tab. 2 Cause di arresto cardiaco in pazienti senza cardiopatia Fattori di rischio Circa il 20% delle malattie coronariche ha come prima manifestazione una morte improvvisa, la quale è la prima manifestazione di cardiopatia tra il 40 % e il 60 % dei pazienti. Risulta quindi chiaro che pazienti con coronaropatia nota sono maggiormente a rischio di arresto cardiaco, mentre un efficace prevenzione primaria risulta assai difficile perché dovrebbe considerare l intera popolazione di soggetti apparentemente sani. In questa popolazione i fattori di rischio sono pertanto simili a quelli della cardiopatia ischemica 6 : - età - sesso maschile - fumo - ipertensione - obesità - diabete mellito - storia familiare di arresto cardiaco - aumento dell ematocrito Tuttavia il rischio è maggiore in pazienti portatori di patologia cardiovascolare rispetto a pazienti apparentemente sani, verificandosi in soggetti con pregresso IMA e, in ordine decrescente, in pazienti con scompenso cardiaco in classe funzionale NYHA II e III, mentre in pazienti in classe IV il decesso avviene prevalentemente per deficit di 7

8 pompa. Seguono pazienti con cardiomiopatia ipertrofica o dilatativa, valvulopatie, miocarditi, QT lungo congenito, cardiomiopatia aritmogena 8. Soggetti rianimati dopo fibrillazione o tachicardia ventricolare sopravvenuta in seguito ad IMA hanno un rischio di 17 volte superiore alla popolazione di andare incontro ad arresto cardiaco. In questi soggetti è attuabile una prevenzione secondaria con defibrillatori impiantabili 9. La morte improvvisa colpisce prevalentemente di giorno, soprattutto nelle ore del mattino e nel tardo pomeriggio. Il rischio è più elevato al mattino probabilmente per l aumento del tono vascolare, della pressione arteriosa, della frequenza cardiaca, dell aggregabilità piastrinica e della viscosità ematica. Sembra che anche la prima sigaretta o il primo bicchierino del mattino siano frequentemente associati all arresto cardiaco, così come gli stress emotivi e lavorativi: il giorno della settimana con maggior numero di casi è il lunedì, mentre il periodo dell anno è la stagione invernale, per l esposizione alle basse temperature 10. Fisiopatologia E difficile determinare il processo fisiopatologico che conduce all arresto cardiaco, a causa dell elevata eterogeneità degli studi, dei metodi d esame, dei campioni selezionati. Recenti studi sono peraltro concordi a riconoscere due meccanismi principali 11 : 1) aritmia scatenata dall ischemia provocata da una trombosi coronarica acuta 2) aritmia su danno miocardico cronico Quale che sia la patologia di base, l evento precipitante è sempre l instaurarsi di un aritmia tale da deprimere la funzione miocardica di pompa e pertanto impedire la sistole e azzerare la portata cardiaca. Ne consegue una gravissima diminuzione della pressione arteriosa e uno stato di anossia tissutale sistemica. Ne risente per primo 8 GIANCARLO ROSCIO, PIERLUIGI MOTTIRONI, Aspetti epidemiologici: vari scenari per arresto cardiaco, indicazioni per l installazione del defibrillatore automatico (DAE) nel territorio, Atti del X Congresso Nazionali GIEC, pp EUGENIO USLENGHI, Morte improvvisa e defibrillazione precoce, Congresso CRI Cuneo, 24 Maggio J. ENGDHAL, M. HOLMBERG, B.W. KARLSON, R. LUEPKER, J. HERLITZ, The Epidemiology of out-of-hospital sudden cardiac arrest, Resuscitation 52 (2002), p DAVIES MJ., Anatomic features in victims of sudden coronary death. Coronary artery patology, Circulation 1992;85 (1 suppl), pp

9 l encefalo, che dopo 15 secondi modifica il suo assetto respiratorio in anaerobiosi, consumando glucoso sufficiente ad assicurare la produzione di ATP per 4-6 minuti, dopo i quali si instaurano fenomeni di necrosi tissutale che provocano danni neurologici irreversibili fino alla morte cerebrale. Lo stesso miocardio risente dell ischemia protratta perdendo la sua potenziale capacità contrattile organizzata nell arco di 10 minuti. Le aritmie che conducono all arresto cardiaco sono quattro: 1) asistolia 2) fibrillazione ventricolare 3) tachicardia ventricolare senza polso 4) attività elettrica senza polso Asistolia L asistolia rappresenta la totale perdita di attività elettrica cardiaca. Poiché non c è depolarizzazione ventricolare, non c è neppure contrazione ventricolare. L asistolia può verificarsi come primo evento di un arresto cardiaco o può seguire una fibrillazione ventricolare o un attività elettrica senza polso. Può anche presentarsi in pazienti con blocco atrio-ventricolare di III grado nei quali non si inneschi un ritmo di scappamento. Le morti improvvise di tipo bradiaritmico, infatti, sono nella maggior parte di casi dovute a inadeguata risposta, per depressa automaticità, di un segnapassi ausiliario in assenza della funzione sinusale 12 All elettrocardiogramma è presente una completa assenza di attività elettrica. Possono tuttavia essere presenti occasionali onde P o battiti ventricolari di scappamento, detti battiti agonici 13. Fig.1 Asistolia 12 ANDREA SPAMPINATO, L arresto cardiaco non tachiaritmico: incidenza, fisiopatologia, possibilità di intervento. Atti del X Congresso Nazionali GIEC, pag AAVV, Manuale di ACLS, Masson 1997, pp

10 Fibrillazione Ventricolare (FV) La fibrillazione ventricolare (FV) definisce una condizione di attività elettrica caotica e disorganizzata. I ventricoli sono percorsi da onde di eccitazione multiple e incoordinate che si modificano in continuazione, in rapporto al fatto che ognuna di esse si trovi presso cellule che hanno recuperato o che sono ancora in fase refrattaria. I ventricoli non si contraggono in maniera efficiente per cui il circolo è interrotto. Una volta instaurata, la FV non tende a cessare spontaneamente ed è quindi una condizione terminale. All elettrocardiogramma non sono visibili complessi QRS, segmento ST, onde P e T; la frequenza è molto alta ( > 300 bpm) e il ritmo è irregolare; i complessi elettrici variano di forma, dimensione ed ampiezza, permettendo di distinguere FV ad alto voltaggio, o ad onde ampie, espressione solitamente di un insorgenza recente con più probabile successo dell elettroconversione, e a basso voltaggio, o ad onde fini, tendente all asistolia, espressione di un riscontro più tardivo in cui la rianimazione con esito positivo è più difficile. Fig.2 Fibrillazione Ventricolare ad alto voltaggio Fig.3 Fibrillazione Ventricolare a basso voltaggio 10

11 Tachicardia Ventricolare (TV) La tachicardia ventricolare è un aritmia ipercinetica caratterizzata dalla sequenza di un minimo di 3 battiti ectopici a origine ventricolare in immediata successione, aventi una frequenza superiore ai 120 al minuto. Può essere non sostenuta se dura meno di 30 secondi, sostenuta se dura di più. Il ritmo può essere leggermente irregolare. La tachicardia ventricolare interferisce con la normale funzione del cuore attraverso tre meccanismi: 1) priva il riempimento diastolico della componente dovuta alla sistole atriale; 2) l elevata frequenza riduce il tempo di riempimento diastolico del ventricolo e delle coronarie; 3) la contrazione ventricolare indotta da un focus ectopico non è coordinata in maniera fisiologica e pertanto non è completamente efficace. Viene quindi ad essere compromessa la portata cardiaca, ridotta la perfusione coronarica e frequente è l evoluzione in fibrillazione ventricolare. Se la frequenza non è troppo elevata e la funzionalità miocardica è buona, il paziente avverte sintomi di scompenso e angina e si potranno riscontrare segni di bassa portata, toni cardiaci frequenti e ritmici, polso piccolo e pressione arteriosa ridotta. Se la tachicardia è sostenuta e ad alta frequenza e il paziente ha una funzionalità cardiaca ridotta, si può avere una grave compromissione emodinamica, caduta della pressione arteriosa e assenza di polso carotideo. Si parla allora di tachicardia ventricolare senza polso, configura un quadro di arresto cardiaco ed evolve, se non trattata, in fibrillazione ventricolare. All elettrocardiogramma sono presenti complessi QRS ampi (0,12 secondi o più), ritmo usualmente regolare, onde P non visibili. Onde P possono essere occasionalmente visibili, ma rappresentano una depolarizzazione del nodo del seno con frequenza inferiore a quella ventricolare, senza rapporto con l attività ventricolare per refrattarietà del nodo AV o del sistema di conduzione più distale. Occasionalmente un impulso atriale può essere condotto regolarmente al ventricolo: si avrà un battito di cattura con ampiezza QRS regolare e intervallo RR più breve della tachicardia. Se invece l impulso atriale si somma a quello ventricolare, avremo un battito di fusione, con un complesso QRS intermedio tra quello regolare e quello della tachicardia. A 11

12 seconda della presenza o meno di questi battiti, possiamo distinguere rispettivamente una tachicardia ventricolare polimorfa o monomorfa. Fig.4 Tachicardia Ventricolare Una forma particolare di TV è la torsione di punta, in cui i complessi QRS modificano progressivamente e costantemente la propria morfologia, come se ruotassero intorno ad un immaginaria linea isoelettrica. Insorge in soggetti che presentano un QT notevolmente allungato, condizione che può essere congenita o secondaria a squilibri elettrolitici (ipopotassiemia) o all uso di alcuni farmaci (chinidina, alcune fenotiazine, antidepressivi triciclici, procainamide). La torsione di punta può risolversi spontaneamente, recidivare o evolvere in fibrillazione ventricolare. Attività Elettrica senza Polso (PEA) L attività elettrica senza polso (PEA) è caratterizzata dalla presenza di una qualsiasi attività elettrica diversa da TV o FV, ma non è palpabile alcun polso. Varie sono le situazioni che possono portare a PEA. Classicamente è stato applicato il termine di dissociazione elettromeccanica (DEM) quando in assenza di polso è presente un attività elettrica. In questa situazione si verifica una depolarizzazione elettrica organizzata del miocardio, ma non è presente un sincorno accorciamento delle fibre miocardiche e non vi è contrazione. Recenti studi ecocardiografici ed emodinamici hanno portato a proporre il termine di pseudo-dem, essendo stato dimostrato che all attività elettrica corrispondono contrazioni che producono una pressione arteriosa non dimostrabile con la palpazione del polso carotideo o con lo sfigmomanometro. Le cause più frequenti di DEM sono l ipovolemia (di origine emorragica), il tamponamento cardiaco, lo pneumotorace iperteso, l embolia 12

13 polmonare e l ipertrofia del venticolo sinistro su stenosi aortica. In caso di IMA il tamponamento è dovuto alla rottura della parete del ventricolo. Altri tipi di PEA osservati in caso di arresto cardiaco sono a complessi più larghi e possono essere provocati da ipossia, da ipotermia, da una grave iperkaliemia, dall acidosi metabolica, dall intossicazione da farmaci quali triciclici, Ca-antagonisti, β- bloccanti, digitale 14. Aritmia iniziale Quale sia più frequentemente l aritmia iniziale nell arresto cardiaco extraospedaliero è un dato molto difficile da determinare poiché la maggior parte dei rapporti proviene da rilevazioni elettrocardiografiche registrate dalla squadra di emergenza diverso tempo dopo l evento iniziale. In tali analisi la FV varia tra il 23 e il 71 %. Tuttavia, questa è una popolazione selezionata di pazienti trattati da una squadra di emergenza sanitaria e verso i quali è stata tentata la rianimazione. In diversi studi effettuati su pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero testimoniati da personale medico e su soggetti ricoverati e monitorizzati al momento del collasso, la proporzione di pazienti con FV è stata stimata essere circa dell 80-90% tra le morti improvvise di origine cardiologica. Per gli arresti cardiaci extraospedalieri la FV è stata calcolata approssimativamente, considerando l arrivo della squadra di soccorso diversi minuti dopo l evento. La vera incidenza di FV al momento dell arresto non è quindi conosciuta. Alcuni studi in cui è stato utilizzato il monitoraggio Holter evidenziano che la tachicardia ventricolare è il disturbo del ritmo iniziale nell 85% degli individui con arresto cardiaco non traumatico in ambiente extraospedaliero. I risultati sono comunque discutibili, essendo pazienti sottoposti ad Holter, quindi una popolazione selezionata con patologia cardiaca di base e assunzione di farmaci antiaritmici. In ogni caso il passaggio da TV a FV è generalmente molto rapido 15. La FV si converte in asistolia relativamente in breve tempo: 20 minuti dopo il collasso il 25% dei pazienti è ancora in FV. I pazienti trovati in arresto tardivamente e ancora in FV hanno una speranza di sopravvivenza molto bassa. 14 AAVV, Manuale di ACLS, Masson 1997, pag AAVV, Manuale di ACLS, Masson 1997, pag

14 L incidenza della morte improvvisa bradiaritmica è molto più bassa della morte tachiaritmica. Diversi studi (Myeburg 1980, Bayes De Luna 1989) hanno rilevato un incidenza dell 11%-17% in pazienti monitorizzati non più di 4 minuti dopo il collasso o sottoposti ad Holter; dopo 10 minuti la percentuale sale al 25-37%, segno della conversione in bradiaritmie delle FV o TV di prima insorgenza. In uno studio su pazienti in insufficienza cardiaca in attesa di trapianto, la bradicardia o la dissociazione elettromeccanica è stata registrata invece nel 62% dei casi 16. Riassumendo, possiamo affermare che il ritmo iniziale in una morte improvvisa ad eziologia cardiaca è una TV/FV nell 80-90% dei casi, e che questo ritmo si converte in bradiaritmia di minuto in minuto in mancanza di trattamento (tab.3). Tab. 3 Ritmo di presentazione in funzione del tempo trascorso 16 ANDREA SPAMPINATO, L arresto cardiaco non tachiaritmico: incidenza, fisiopatologia, possibilità di intervento. Atti del X Congresso Nazionali GIEC, pag 80 14

15 Quadro clinico Il paziente in arresto cardiaco perde rapidamente coscienza, in genere entro 15 secondi. Dopo il primo minuto la funzione del tronco cerebrale cessa, la respirazione diventa agonica e le pupille fisse e midriatiche; cessano i riflessi corneali e faringeo ed ogni reazione a stimoli esterni. La pressione arteriosa non è misurabile e non è palpabile alcun polso. All auscultazione non sono presenti toni cardiaci. E possibile che la perdita di coscienza sia il primo evento di una morte improvvisa, oppure che il paziente presenti una sintomatologia nell ora che precede il collasso. Più frequentemente questi sono rappresentati dal dolore toracico, dalla dispnea, dal cardiopalmo o da uno stato di malessere generale. Prognosi La meta-analisi cumulativa condotta da Graham et al. nel che ha considerato i risultati di 37 articoli della letteratura sull arresto cardiaco extraospedaliero, ne ha stimata la sopravvivenza al 6,3%. Questo dato è una media di dati molto diversi tra loro, in quanto nei diversi studi la sopravvivenza varia dallo zero al 21%. Inoltre esistono realtà in cui questo dato raggiunge ben il 70% 80% (cfr. pag. 48, tab.4) Questa enorme variabilità è dovuta a diversi fattori che, se presenti, favoriscono la sopravvivenza immediata: presenza di testimoni FV come ritmo iniziale BLS (Basic Life Support) La persistenza di fibrillazione ventricolare è a sua volta condizionata da intervallo di tempo tra il collasso e la defibrillazione BLS praticato da testimoni Se il ritmo di presentazione è l asistolia, la sopravvivenza è favorita da: presenza di testimoni intervallo di tempo tra il collasso e l arrivo del mezzo di soccorso 17 GRAHAM NICOL, IAN G STIELL, LAUPACIS ANDREAS et al., A Cumulative Meta-Analisis of the Effectiveness of Defibrillator-Capable Emergency Medical Services for Victims of Out-of-Hospital Cardiac Arrest 15

16 giovane età non uso di atropina Per quanto concerne la PEA gli studi sono discordanti e la sopravvivenza comunque è molto bassa. Sembra comunque avere un ruolo importante la presenza di testimoni che pratichino precocemente il BLS. La sopravvivenza a lungo termine tra i pazienti dimessi vivi dopo un arresto cardiaco è identica a quella degli altri pazienti di uguale età e sesso 18. Il 41-77% dei sopravvissuti ha una speranza di vita di almeno 5 anni. Questa prognosi è favorita da diversi elementi: arresto cardiaco secondario ad IMA età no scompenso cardiaco no storia di infarto miocardico In generale, quindi, i fattori modificabili determinanti la sopravvivenza sono la precocità dell intervento, la TV/FV, il ruolo dei testimoni, il BLS e, non modificabile, l età del paziente. Questi fattori verranno trattati e approfonditi più avanti. E da mettere in rilievo come l eziologia cardiaca sia preponderante tra la popolazione dei cardiopatici, essendo causa dell arresto nel 65-89% dei casi. Per le altre patologie, soprattutto quella traumatica, la rianimazione è efficace molto più raramente. Il 60-80% delle morti improvvise extraospedaliere avviene a casa del paziente. Per questi pazienti la prognosi è meno favorevole, mentre si è constatata maggior sopravvivenza per gli arresti in luoghi pubblici, più spesso sottoposti a rianimazione cardiopolmonare (RCP) per la presenza di testimoni, in pazienti con minor comorbilità 19. Infine la sopravvivenza è leggermente minore nel sesso femminile rispetto a quello maschile. Probabilmente questo dato è dovuto alla minor incidenza di eziologia cardiaca-ischemica, a minor frequenza di FV come ritmo di presentazione e a più rare manovre di BLS da parte dei testimoni. La rianimazione immediata ha più probabilità che negli uomini, ma maggiore è la mortalità durante il ricovero e quindi minore la 18 BUNCH TJ, WHITE RD, GERSH BJ et al., Long-term outcomes of out-of-hospital cardiac arrest after successful defibrillation, New Eng J Med, 348(26): , J. ENGDHAL, M. HOLMBERG, B.W. KARLSON, R. LUEPKER, J. HERLITZ, The Epidemiology of out-of-hospital sudden cardiac arrest, Resuscitation 52 (2002), p

17 sopravvivenza alla dimissione. Anche dopo la dimissione la sopravvivenza a lungo termine è più breve nelle donne che negli uomini 20. Resta da stabilire in quali condizioni neurologiche i sopravvissuti ad arresto cardiaco condurranno il resto della loro vita. Il danno neurologico è classificato nei pazienti dimessi vivi in 4 livelli funzionali 21 : livello 1 livello 2 livello 3 livello 4 recupero neurologico completo o minimi danni disturbi di memoria, difficoltà di parola, deficit motorio paziente sveglio ma con grave deficit neurologico generale paziente che non risponde, o in stato comatoso-vegetativo Il livello aumenta tanto più tempo è trascorso dall arresto alla ripresa del circolo, e questo si può approssimare ai 5-6 minuti, anche se molti pazienti adulti sopravvivono neulogicamente intatti anche dopo 10 minuti di ipossia cerebrale. In uno studio effettuato in Minnesota su un progetto di defibrillazione precoce si afferma che per la maggior parte dei sopravvissuti la qualità di vita è del tutto simile al resto della popolazione J. ENGDHAL, M. HOLMBERG, B.W. KARLSON, R. LUEPKER, J. HERLITZ, The Epidemiology of out-of-hospital sudden cardiac arrest, Resuscitation 52 (2002), pp CAPUCCI ALESSANDRO, DANIELA ASCHIERI, Tripling survival from sudden cardiac arrest via early defibrillation without traditional education in cardiopolmunary resuscitation, Circulation. 2002;106: BUNCH TJ, WHITE RD, GERSH BJ et al., Long-term outcomes of out-of-hospital cardiac arrest after successful defibrillation, New Eng J Med, 348(26): ,

18 RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE Le manovre di rianimazione cardiopolmonare hanno il principale obiettivo di ripristinare un attività cardiaca spontanea prima che si verifichino danni cerebrali permanenti, per riportare il paziente ai precedenti livelli di stato neurologico. E quindi fondamentale che il trattamento, prima ancora che adeguato, sia il più precoce possibile. Il passare del tempo è determinante per la sopravvivenza del paziente, le cui probabilità si riducono di minuto in minuto in una situazione di arresto cardiaco. Alcune manovre, come il BLS, allungano il tempo in cui è possibile una rianimazione di successo, altre, come la defibrillazione precoce, sono in grado di interrompere l arresto cardiaco e di ripristinare il ritmo anche prima dell intervento medico. L ACLS (Advanced Cardiac Life Support) è il trattamento cardiaco avanzato in uso da circa 30 anni preposto al ripristino e/o al mantenimento di un ritmo spontaneo, e può fare seguito a manovre di supporto di base (BLS) o di supporto di base con defibrillatore (BLS-D) iniziate dai primi soccorritori. Tutti gli interventi terapeutici che contribuiscono a una prognosi favorevole dopo arresto cardiaco possono essere riuniti in una catena, la cosiddetta catena della sopravvivenza. Una catena è forte quanto il suo anello più debole: tutti i quattro anelli della catena della sopravvivenza, quindi, devono essere forti ed efficienti. Essi sono: Accesso precoce ai servizi sanitari d emergenza BLS precoce Defibrillazione precoce ACLS precoce 18

19 Fig 5. Catena della Sopravvivenza Accesso precoce Nell arresto cardiaco extraospedaliero l accesso immediato ai sistemi sanitari di emergenza è di vitale importanza. Nella maggior parte dei paesi europei l accesso ai sistemi sanitari di emergenza si ottiene per mezzo di un numero telefonico unico. L European Resuscitation Council (ERC) raccomanda l uso del numero 112 in tutta Europa. Negli Stati Uniti e Canada il numero dell emergenza è il 911. In Italia si utilizza un numero specifico per le emergenze sanitarie, il 118, attivo in tutto il territorio nazionale dal Chiunque si trovi ad assistere ad un episodio di perdita di coscienza non transitoria in un individuo deve pertanto chiedere aiuto il più presto possibile. Secondo l American Heart Association (AHA) la richiesta di aiuto deve anticipare qualsiasi manovra rianimatoria, secondo il principio che la possibilità di successo dipende dal lasso di tempo tra l inizio dell emergenza e il ripristino di una efficace circolazione spontanea. Se il soccorritore non è solo è scontato dire che il tentativo di rianimazione può iniziare mentre altri avvisano il sistema di emergenza. Se il soccorritore è solo deve lasciare la vittima per il tempo necessario ad attivare i soccorsi, a meno che non ritenga di poter intervenire su una causa (rimozione di un ostruzione delle vie aeree, tamponamento di un emorragia arteriosa) o sia talmente lontano da un telefono da dover abbandonare la vittima per molte decine di minuti. In questo caso il buon senso 19

20 suggerisce di assicurare la pervietà delle vie aeree, somministrare alcuni pugni precordiali e tentare l RCP per minuti. Fig.6 Percentuali di sopravvivenza alla FV in rapporto alla precocità dell intervento AAVV, Manuale di ACLS, Masson

21 BLS Il BLS (Basic Life Support) è una procedura finalizzata a ripristinare l ossigenazione del tessuto cerebrale e cardiaco in assenza di attività cardiaca e respiratoria spontanea. Mantenendo la pervietà delle vie aree, insufflando aria verso l albero respiratorio e comprimendo il torace della vittima, qualsiasi soccorritore addestrato può rallentare il deterioramento delle cellule miocardiche e cerebrali, ritardare la conversione della FV in bradiaritmia e preservare per più tempo il paziente in uno stato per cui, al suo arrivo, la squadra di emergenza sanitaria possa rianimare il paziente con successo. Mentre in un paziente con FV, in assenza di BLS la probabilità di sopravvivenza decresce del 6 10 % per ogni minuto che passa, arrivando a percentuali prossime allo zero dopo 10 minuti, in presenza di BLS la sopravvivenza decresce del 3-4% al minuto, permettendo tempi di attesa più lunghi 24. In questo modo un cuore in arresto da diversi minuti sarà defibrillabile con maggior speranza di ripristinare un ritmo sinusale. Alcuni recenti studi, inoltre, sembrano dimostrare che 1,5-3 minuti di BLS prima della defibrillazione elettrica ne aumentino l efficacia, soprattutto se il paziente non ha ricevuto soccorso per diversi minuti. In uno studio condotto ad Oslo da Lars Wik et al. 25 su 200 pazienti in fibrillazione ventricolare, si è comparato il trattamento standard (defibrillazione immediata in caso di FV) ad un trattamento che prevedeva 3 minuti di BLS prima di erogare il primo shock. Nei pazienti per i quali i tempi di risposta del mezzo di emergenza è stato sotto i 5 minuti non si era verificata alcuna differenza tra i due gruppi, mentre in pazienti con tempi di risposta superiori a 5 minuti l esisto è stato migliore in chi ha ricevuto il BLS, con ripresa del circolo spontaneo nel 58% dei casi (38% nel gruppo di controllo, p<0,05) e sopravvivenza alla dimissione nel 22% dei casi (4% nel gruppo di controllo, p=0,006). L 89% dei pazienti sopravvissuti non ha riportato significativa riduzione dello stato neurologico. 24 ERC, Part 4: the automated external defibrillator: key link in the chain of survival. Resuscitation. 2000;46: LARS WIK, TROND BOYE HANSEN, FRODE FYLLING et al., Delaying Defibrillation to Give Basic Cardiopolmunary Resuscitation to Patients With Out-of-Hospital Ventricular Fibrillation, JAMA, March 19, 2003 Vol 289, n 11 21

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

Se si ferma il Cuore...

Se si ferma il Cuore... Giuliano Altamura in collaborazione con Alessandro Totteri e Francesco Lo Bianco Se si ferma il Cuore...... defibrillazione precoce e la vita continua La perdita di coscienza L arresto cardiaco Il dolore

Dettagli

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO Ven. Arciconfraternita della Misericordia di Firenze BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO A cura di Nora Elisa Ronchi Gruppo Formazione Sanitaria AVVERTENZA!!! LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO OPUSCOLO

Dettagli

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche Università degli Studi di Palermo Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Cardiovascolare Direttore: Prof. Pasquale Assennato Advanced Cardiac Life Support

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base A cura del dottor Umberto Gnudi 1 Generalità Elettricità cardiaca La contrazione di ogni muscolo si accompagna a modificazioni elettriche chiamate "depolarizzazioni"

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche Si nt e si d e l l e l i n e e g u i da de l 2010 dell'american Heart Association pe r R C P e d E C C Sommario Problemi principali comuni a tutti i soccorritori 1 Soccorritore non professionista RCP negli

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale:

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIFETTI SETTALI Classificazione dei difetti settali: I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIA tipo Ostium Secundum, il più comune, con deficit

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010 Linee guida AIAC 2010 per la gestione e il trattamento della FIBRILLAZIONE ATRIALE Antonio Raviele (Chairman) 1 Marcello Disertori (Chairman) 2 Paolo Alboni 3 Emanuele Bertaglia 4 Gianluca Botto 5 Michele

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

LIFEPAK CR PLUS DEFIBRILLATORE. Vivere ogni giorno in sicurezza.

LIFEPAK CR PLUS DEFIBRILLATORE. Vivere ogni giorno in sicurezza. LIFEPAK CR PLUS DEFIBRILLATORE Vivere ogni giorno in sicurezza. Sicurezza perchè La reputazione e la missione di Physio-Control sono basate sull affidabilità. Un affidabilità costruita in più di 50 anni

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Carta del rischio cardiovascolare

Carta del rischio cardiovascolare donne diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. donne non diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. uomini

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un ??? Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un infarto alcune informazioni utili a condurre la vita di ogni giorno con serenità e consapevolezza. Viene consegnata al momento

Dettagli

Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope

Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope Linee guida GIAC per Volume la diagnosi 5 Numero ed il trattamento 1 Marzo della 2002sincope LAVORO ORIGINALE Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope Task Force della Sincope, Società

Dettagli

Dispense di Esercitazioni Pratiche classe 1D A.S.2009/10. Effetti di una scarica elettrica su un corpo umano

Dispense di Esercitazioni Pratiche classe 1D A.S.2009/10. Effetti di una scarica elettrica su un corpo umano Premessa I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e d i S t a t o p e r l I n d u s t r i a e l A r t i g i a n a t o CAVOUR-MARCONI Loc. Piscille Via Assisana, 40/d-06154 PERUGIA Tel. 075/5838322 Fax 075/32371

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

NOTIZIE della Fondazione

NOTIZIE della Fondazione NOTIZIE della Fondazione SPECIALE Defibrillatori per Imola Attraverso il Centro per lo Sviluppo Economico del Territorio Imolese la Fondazione dona 30 defibrillatori alle strutture sportive imolesi 2 CSETI

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

IL PARERE DELL ESPERTO

IL PARERE DELL ESPERTO IL PARERE DELL ESPERTO Nei giorni più caldi e afosi dell estate, molte condizioni di disagio o malessere fisico possono essere ridotte o prevenute mediante una corretta conoscenza dei rischi e sapendo

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche difetti del setto interatriale difetti del setto interventricolare pervietà del dotto arterioso stenosi aortica

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Cardioaritmologia nel Lazio

Cardioaritmologia nel Lazio Cardioaritmologia nel Lazio Regione Lazio Roma, 27-28 marzo 2015 Ergife Palace Hotel PROGRAMMA AVANZATO Con il Patrocinio di ANCE Cardiologia Italiana del Territorio Sezione Regionale Lazio Coordinatori:

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Lo scompenso cardiaco nel Veneto

Lo scompenso cardiaco nel Veneto Lo scompenso cardiaco nel Veneto A cura del Coordinamento del SER Febbraio 2010 Questo rapporto è stato redatto dal Coordinamento del Sistema Epidemiologico Regionale Hanno contribuito alla sua stesura

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli