IL TRATTAMENTO DELL OBESITA : i paradossi imperanti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL TRATTAMENTO DELL OBESITA : i paradossi imperanti"

Transcript

1 IL TRATTAMENTO DELL OBESITA : i paradossi imperanti Già nel II secolo d.c., il famoso medico greco Galeno di Pergamo dedicò un trattato alla <<Dieta dimagrante>>. Già allora l'autore raccomandava che lo scopo dovesse essere non la vanità personale di carattere estetico, ma piuttosto il benessere fisico, che della dieta è la diretta conseguenza. Raccomandazione del tutto inascoltata fino ai giorni nostri, se è vero, come è vero, che la quasi totalita' (circa l'80 %) dei tentativi di cura è ispirata proprio da motivazioni estetiche ed è indirizzata verso le forme di obesità gluteo- femorali che oltre ad essere le meno pericolose da un punto di vista metabolico, sono anche le meno rispondenti alle terapie, avendo quel grasso, geneticamente determinato, connotazioni benefiche per l'organismo, che non lo cede volentieri. Sono invece quasi del tutto trascurate le obesità addominali, che maggiormente influiscono sull'aspettativa di vita, essendo gravate dalle complicanze metaboliche già esaminate, e che sono anche quelle più facilmente reversibili, rappresentando una scorta energetica di rapida utilizzazione. Questo paradosso fa sì che giovani donne si dannino l'anima per migliorare il profilo dei lori fianchi, mentre donne più in là con gli anni e gli uomini di tutte le età accarezzino con leggerezza il profilo dei loro addomi, del tutto inconsapevoli dei rischi nascosti. La stessa inconsapevolezza che ha reso possibile, come in nessun altro campo della medicina (forse solo per la cura della calvizie), il diffondendersi di mistificazioni e di frodi, anche da parte di medici (se così si possono ancora chiamare) che con proposte miracolistiche e promesse di facili scorciatoie immettono le ignare vittime in spirali da cui è poi molto difficile uscire. L'esempio più macroscopico è l'uso delle <<bombe dimagranti>>, cocktail di più sostanze messe insieme senza il più elementare criterio scientifico e somministrate senza tener conto della singolarità della persona, del suo stato fisiologico e patologico. Sostanze che fanno sì dimagrire, ma a prezzo di gravi alterazioni metaboliche (sono decine i casi di decessi riportate dalle cronache) e con l'assoluta certezza di riprendere più chili di prima appena un simile trattamento venga sospeso. Altro paradosso è quello di persone in sovrappeso che, non essendo in grado di seguire un regime alimentare costante, fanno brevissime e drastiche cure dimagranti (vedi soggiorni di due settimane nelle famose <<cliniche della salute>>), perdendo ovviamente chili, che però vengono ripresi con gli interessi per l'effetto boomerang, non appena quelle insostenibili diete sono sospese. 92

2 Queste persone sono destinate ad entrare nella weight cycling syndrome o sindrome della fluttuazione del peso o, più volgarmente, sindrome dello yo-yo. Alcuni studi hanno dimostrato che gli individui che subiscono numerose o ampie oscillazioni del peso corporeo sono ad aumentato rischio di cardiopatia coronarica e mortalità rispetto a quelli con peso stabile, associandosi ad un aumentata incidenza di ipertensione e ad una diminuzione del colesterolo-hdl nelle donne, fenomeno che non si osserva negli uomini. Il paradosso consiste nel fatto che queste persone, volendo combattere un lieve sovrappeso, si ritrovano francamente obesi: quando si dimagrisce in fretta, infatti, si perdono soprattutto acqua e muscoli e poco tessuto adiposo, quando si riacquista peso si riacquista soprattutto grasso. In questo modo viene modificata la composizione dell'organismo in senso peggiorativo, con sempre meno muscoli e sempre più grasso, soprattutto a livello addominale, con un numero sempre maggiore di adipociti nella fase espansiva, che non diminuisce durante il dimagramento. La cura dell'obesità non permette scorciatoie. L obesità è una condizione cronica, e cronicamente va trattata. Non è concepibile un trattamento di pochi mesi di dieta sostenuta da una terapia farmacologica. E' indispensabile un programma a lunga scadenza che preveda la ristrutturazione delle abitudini alimentari e una modificazione dello stile di vita. Non per nulla in greco dìaita significa stile di vita. Quindi risultati a lungo termine possono derivare soltanto da una forte automotivazione e dalla conoscenza dei meccanismi che fanno ingrassare e fanno dimagrire e la scelta di dimagrire deve essere vissuta non come una privazione, ma come strategia di prevenzione. Poichè vi è uno squilibrio del bilancio energetico, o per eccesso di introduzione calorica o per difetto del dispendio energetico (ma nella maggioranza dei casi le due condizioni coesistono, pur con differente grado di responsabilità), la via obbligata è la correzione di entrambe queste situazioni. Nessun programma può prescindere dalla ristrutturazione di un regime alimentare, che deve essere impostato non tanto su prescrizioni molto restrittive, quanto su una modificazione delle abitudini alimentari, ristabilendo le proporzioni ottimali fra le grandi categorie di nutrienti (carboidrati, lipidi e proteine). 93

3 Certo il bilancio energetico deve diventare negativo e l'organismo deve consumare se stesso, ma se la dieta è eccessivamente ristretta è facile che se ne perda il controllo e che venga abbandonata. La terapia dell obesità non deve essere finalizzata a raggiungere un teorico peso ideale, ma a ottenere un decremento di peso moderato (perdita del 10%), il cosiddetto peso ragionevole, che possa essere mantenuto a lungo. Le diete troppo drastiche possono causare qualche complicanza : a carico del sistema nervoso centrale (cefalea, difficoltà a concentrarsi); cardiovascolari (ipotensione posturale, aritmie, atrofia miocardica); gastrointestinali (nausea, stipsi, diarrea); genitourinarie (irregolarità mestruali, perdita della libido, calcolosi renale); generali (letargia, intolleranza al freddo, alitosi, secchezza cutanea, perdita di capelli, attacchi gottosi acuti, anormalita' idro-elettriche, bilancio azotato negativo); fino, in casi estremamente rari, alla morte improvvisa, probabilmente dovuta ad aritmie cardiache. La dieta giusta deve essere soft, graduale e leggera, che tenga conto dei gusti del soggetto, che non generi depressione invece che benessere. Purtroppo molte volte la famiglia, composta da grandi mangiatori, non aiuta. La specie umana ha la capacità di adattarsi entro certi limiti alla variazione di disponibilità energetica aumentando i consumi quando l offerta è alta e diminuendoli quando l offerta è scarsa. Quando l introito alimentare è scarso avviene un adattamento metabolico con diminuzione del consumo. Il principio generale è quello di limitare il consumo di alimenti ricchi di grassi, soprattutto di quelli saturi, visto che nei Paesi occidentali il contenuto energetico dell alimentazione quotidiana è in gran parte rappresentato dal suo contenuto lipidico. Il rischio di tale impostazione è un insufficiente assunzione di calcio e di vitamine liposolubili, per cui è sempre opportuno l uso regolare di alimenti naturali a basso contenuto lipidico, come latte e yogurt. Pochè la trasformazione del glucosio in grasso dipende dalla risposta insulinica, conviene suddividere la razione alimentare in più pasti, in modo che a parità di calorie ingerite venga ridotto il picco glicemico postprandiale e quindi la risposta insulinica e, di conseguenza, il potere ingrassante. Ma la correzione dell'obesità in una società opulenta e sedentaria come la nostra non può essere incentrata solo su un ridotto apporto calorico. 94

4 Altrettanto necessario è accrescere il consumo energetico con programmi di attività fisica che tengano conto dell'età, delle condizioni cardiocircolatorie e delle condizioni dell'apparato locomotore del singolo soggetto. (vedi pag. ) Un calo ponderale ragionevole è di circa 1 kg alla settimana. Capita spesso che dopo alcune settimane incoraggianti si dimagrisca più lentamente. Infatti nella prima fase si ha sempre una perdita di liquidi, accompagnata da perdita di sodio, che spiega una maggior perdita di peso nelle prime settimane, che non può essere mantenuta nei periodi successivi. Se questo fenomeno non è compreso, può ingenerare sfiducia e frustrazione E' anche facile che nel periodo pre-mestruale ci sia un maggiore appetito in relazione al ridursi di serotonina ipotalamica: l'assunzione compulsiva di carboidrati in questa fase può essere spiegato con gli effetti esercitati da tali nutrienti sulla sintesi della serotonina stessa. Può essere indispensabile utilizzare farmaci, purchè ci siano giuste indicazioni e tempi e modi corretti. Non esistono ancora farmaci che <<sciolgano>> il grasso. Ma esistono farmaci capaci di modificare il comportamento alimentare agendo sui neurotrasmettitori cerebrali, perchè favoriscono l'insorgenza di segnali di sazietà e inibiscono la pulsione verso un eccesso di cibi (sibutramina); o che che interferiscono con l'assorbimento intestinale dei grassi attraverso l inibizione della lipasi intestinale (orlistat); o farmaci, come la metformina e i glitazoni, utilizzati nel trattamento dei pazienti diabetici di tipo 2, che si dimostrano capaci, oltre che di migliorare la funzionalità dell insulina, di diminuire la sensazione di fame a livello ipotalamico. Sono di recentissima immissione in commercio in Italia farmaci (gli antagonisti dei cannabinoidi) in grado di regolare l appetito e stimolare la termogenesi, inducendo un maggior consumo. In passato (ma spesso ancora adesso) sono stati usati gli ormoni tiroidei, che inducono prevalentemente la perdita di massa magra, cioè di muscolo, effetto dannoso che non realizza l'obiettivo primario che è quello di far perdere massa adiposa, oltre alla possibilità di scatenare una sintomatologia da tireotossicosi, con ripercussioni anche gravi sul sistema cardio-circolatorio. Sono stati usati (e ancora adesso) i diuretici che inducono perdita di acqua e sali minerali: la perdita di acqua non ha alcun senso potendo essere rapidamente reintegrata; la perdita di sali, specie di potassio, puo' essere dannosa. Infine può essere utile un appoggio psico-comportamentale che faccia scomparire il cibo dal centro dell'esistenza, rimuovendo i meccanismi inconsci che interpretano gli alimenti come vettori di tranquillità e di gratificazione. Insomma non più il cibo come droga. 95

5 L INDUSTRIA DEL DIMAGRAMENTO : alcuni esempi di diete non propriamente equilibrate. I chili in eccesso si vorrebbero perderli tutti e subito e non pessa giorno senza che vengano proposte, attraverso i maggiori mezzi di informazione, mirabolanti soluzioni del problema. Sono promesse ingannevoli e chi le propone sa di proporre il falso. Accenniamo ad alcuni esempi di diete, alcune decisamente fantasiosi, altre anche raccomandabili: la dieta ipnotica: agisce nell inconscio ascoltando un CD, puntando a trovare attraverso messaggi subliminali motivazioni naturali per un alimentazione equilibrata: la dieta del minestrone: da non proseguire per più di 15 giorni; la dieta del fantino: dieta urto da non proseguire per più di tre giorni; la dieta del gruppo sanguigno: ad ogni gruppo sanguigno la sua dieta in base al momento della sua apparizione nell evoluzione del genere umano; la dieta dei colori: consumare almeno 5 porzioni al giorno di frutta o ortaggi, scegliendo 5 prodotti di colore diverso; la dieta dei limoni: consumo quasi esclusivo di limoni; la dieta del sesso: sfrutta l attività sessuale per perdere peso; la dieta della vodka: basata sul fatto che contiene meno calorie del vino; la dieta della patata: se ne dovrebbe consumare almeno un chilo al giorno; la dieta dissociata : consiste nel prendere ogni giorno, tranne la domenica in cui l alimentazione è libera, un solo alimento a volontà, scelto tra latticini, legumi, frutti, uova, carni, pesci, sperando che con l aiuto della noia l appetito diminuisca, non considerando la privazione di nutrienti indispensabili); la dieta Atkins: prevede una forte riduzione dei carboidrati, semplici e complessi, e un aumento del consumo di proteine, specie di origine animale. Vi è uno squilibrio dal punto di vista metabolico per l eccesso di proteine e di grassi ed è molto povero in fibre, per cui si consigliano supplementi di crusca. dieta Zona: anche questa si basa sulla riduzione dei carboidrati in favore delle sostanze proteiche. Le proteine vengono degradate aumentando l acidosi plasmatica che alla lunga provoca una demineralizzazione dell osso per fornire carbonato di calcio allo scopo di tamponare lo squilibrio; dieta dell Indice Glicemico: prende in considerazione la velocità con la quale i carboidrati aumentano la glicemia e di conseguenza la secrezione d insulina da parte del pancreas, che concorre all aumento di peso. Concetto condivisibile, però c è da dire che quello che conta davvero non è l indice glicemico del 96

6 singolo alimento ma di tutta la dieta, e la dieta mediterranea ha un incice è favorevole essendo ricca di fibre. dieta ipocalorica bilanciata: una sorta di versione leggera della dieta mediterranea, con una riduzione dei vari nutrienti Per non parlare di spot promozionali di prodotti dietetici, di pomate e persino di cerotti, in grado di far perdere l adipe in precise parti del corpo, pur continuando a mangiare quel che si vuole, senza muoversi. Forse la magistratura dovrebbe occuparsi maggiormente delle pubblicità menzognere, soprattutto quando è coinvolta la salute. Alcuni miti da sfatare La pasta non va mai abbinata alla carne: al contrario, se nello stesso pasto vengono abbinati i principali gruppi nutritivi (carboidrati, grassi, proteine) il metabolismo viene facilitato; il pesce è ricco di fosforo e fa bene alla memoria: non è il fosforo ad aiutare la memoria, ma le vitamine B2 e B12, che si trovano in spinaci, broccoli, uova, carne e derivati del latte; la frutta fresca non va mangiata a fine pasto: la frutta a fine pasto può provocare gonfiore solo se associata a un pranzo abbondante o a problemi di coliti; la carne rossa combatte l anemia: tutte le carni, anche quelle bianche, combattono l anemia perché contengono ferro: la differenza di colore tra i vari tipi di carne dipende semplicemente dalla percentuale di mioglobina, una proteina che serve a ossigenare i muscoli; lo zucchero di canna ha meno calorie di quello bianco: la differenza è minima (362 kcal ogni 100 g lo zucchero di canna, 392 quello bianco). Però lo zucchero di canna contiene più vitamine e minerali, che vengono persi nel processo di raffinazione di quello bianco; i cibi integrali sono più leggeri: basta leggere l etichetta per accorgersi che questa affermazione è falsa: per dimagrire bisogna abolire i grassi: i grassi aiutano il nostro corpo ad assorbire le vitamine liposolubili. Ogni giorno andrebbero assunti almeno 2 o 3 cucchiai di olio IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA Recentemente nelle linee guida sull obesità sono state introdotte le metologie chirurgiche che agiscono in modo diverso sull apparato digerente, come trattamento efficace nei soggetti obesi di classe III in cui tutte le altre misure, come diete, esercizio 97

7 fisico, variazioni delle misure comportamentali e trattamento farmacologico, si siano rivelate inefficaci o sconsigliate. Negli Stati Uniti dove la chirurgia dell obesità è molto più diffusa che in Italia, una selezione di 136 studi che includevano pazienti, in maggioranza donne, con un età media di 39 anni e un IMC di 46,9, ha dimostrato che la perdita di peso è stata del 61,2%, con una mortalità del tutto trascurabile. I più comuni interventi chirurgici sono: stimolazione gastrica impiantabile (IGS), che consiste nella trasmissione di segnali elettrici di lieve intensità alla parete dello stomaco. Il sistema IGS è costituito da uno stimolatore impiantabile, da un programmatore, da un rilevatore e un software, qualcosa di molto simile ad un pacemaker cardiaco; bendaggio gastrico regolabile, che consiste nell applicazione di una protesi di silicone attorno alla parte craniale dello stomaco, che assume una forma a clessidra: tale nastro che può essere gonfiato o sgonfiato a seconda delle esigenze di ogni singolo paziente; palloncino intragastrico Bioenterics, che consiste in un palloncino morbido ed espansibile riempito con una soluzione fisiologica, che determina un senso di sazietà al soggetto che lo usa; gastroplastica: intervento che riduce la capacità gastrica eseguendo una tubulizzazione della piccola curvatura gastrica, dal cardias all antro, che rallenta il transito alimentare, preservando la funzione pilorica e il feed-back ormonale; by-pass digiuno ileale: metodica che oggi ha significato puramente storico in quanto abbandonato per le gravi complicazioni che ne derivavano; diversione bilio-pancreatica: intervento parzialmente demolitivo e irreversibile consistente, in pratica, nel creare due intestini paralleli, in uno dei quali passa il cibo, mentre nell altro i succhi gastrici e la bile, due tratti che si ricongiungono a poca distanza dal colon; by-pass gastrico: consiste nella creazione di una piccola tasca gastrica separata dalla restante porzione di stomaco; questo intervento rappresenta una buona possibilità terapeutica perché poco invasivo, con buoni risultati a breve e medio termine, con ridotto numero di complicanze; resezione gastrica: ripartizione dello stomaco in due tasche: una prossimale di piccole dimensioni e una distale più ampia, comunicanti attraverso un piccolo stoma. Intervento analogo al più recente bendaggio gastrico regolabile. Permangono alcuni problemi aperti, quali: l efficacia in classi di popolazione differenti dalle donne giovani; gli effetti collaterali nel tempo (deficit di vitamine, diarrea, reinterventi); l affidabilità delle procedure nelle persone anziane. 98

8 Le tecniche chirurgiche summenzionate potrebbero essere sostituite un dispositivo, simile a un pacemaker, attualmente in fase di sperimentazione. Tale apparecchio, denominato VBloc, viene impiantato con chirurgia laparoscopica sul nervo vago in prossimità della bocca dello stomaco. Tale nervo svolge un ruolo cruciale nella digestione: invia allo stomaco l ordine di dilatarsi, di contrarsi, di spingere il cibo nel intestino; regola la secrezione degli acidi gastrici e degli enzimi digestivi; è coinvolto nella trasmissione degli stimoli della fame e della sazietà. Le scariche elettriche ad alta frequenza blocca temporaneamente la sua funzione, producendo un precoce senso di sazietà e un minore assorbimento dei nutrienti. 99

Istruzioni per l uso

Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Un periodo ristretto nel tempo di restrizioni alimentari per dimagrire o curare / prevenire una patologia Modo di alimentarsi, abitudine alimentare Siamo programmati per ingrassare

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione!

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione! UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet La soluzione! Conviene far studi sui regimi (alimentari) più opportuni per gli uomini ancora in salute. Ippocrate Il secondo millennio

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi ,3(5/,3,'(0,( 1. Iperlipidemie Le iperlipidemie, ed in particolar modo l ipercolesterolemia, rappresentano sicuramente il più riconosciuto ed importante fattore di rischio per l insorgenza dell aterosclerosi

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

Sedalfam. Descrizione

Sedalfam. Descrizione L attenzione al peso corporeo e all indice glicemico e ad un corretto metabolismo non è solo oggetto di interesse estetico, ma di importanza fondamentale per la prevenzione di molte malattie quali diabete,

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Da un punto di vista ormonale NON TUTTE LE CALORIE SONO UGUALI!!!

Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Da un punto di vista ormonale NON TUTTE LE CALORIE SONO UGUALI!!! Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Il concetto che una caloria è una caloria sta alla base di molte delle strategie proposte per perdere peso In accordo al principio: si mangia troppo ci si muove

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 Organizzazione non lucrativa di utilità sociale- Onlus sita in Demonte (CN) via Colle dell Ortica n 21-12014 Cod. Fisc. 96081720045 Tel.017195218 RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 OBIETTIVO Migliorare

Dettagli

FAME, APPETITO E SAZIETA

FAME, APPETITO E SAZIETA FAME, APPETITO E SAZIETA 1 FAME Necessità di un organismo ad assumere cibo Nel sistema nervoso centrale, a livello ipotalamico, si distinguono due zone il centro della fame il centro della sazietà La prima

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Mercoledì 30 novembre 2011 Bolzano Via Cesare Battisti, 27 Il cibo influenza: La salute La composizione corporea La velocità

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Fisiopatologia della Nutrizione e Diagnosi di Malnutrizione

Fisiopatologia della Nutrizione e Diagnosi di Malnutrizione Fisiopatologia della Nutrizione e Diagnosi di Malnutrizione Francesco Lombardi Riabilitazione Neurologica Intensiva Ospedale S. Sebastiano di Correggio AUSL di RE Malnutrizione = Terapia sbagliata non

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

FALSI MITI E FALSE DIETE: CONSIGLI PRATICI PER DIMAGRIRE IN SALUTE. http://www.dietagratis.com

FALSI MITI E FALSE DIETE: CONSIGLI PRATICI PER DIMAGRIRE IN SALUTE. http://www.dietagratis.com FALSI MITI E FALSE DIETE: CONSIGLI PRATICI PER DIMAGRIRE IN SALUTE 1. Introduzione 2. Test: scopri se sei in sovrappeso 3. Peso corporeo e metabolismo: come funzionano 4. I falsi miti da sfatare 5. Le

Dettagli

Modelli dietetici: Evidenze scientifiche ed epidemiologiche

Modelli dietetici: Evidenze scientifiche ed epidemiologiche Modelli dietetici: Evidenze scientifiche ed epidemiologiche Valeria del Balzo Unità di Ricerca di Scienza dell Alimentazione e Nutrizione Umana Dipartimento di Medicina Sperimentale Sapienza Università

Dettagli

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può Sale e salute Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può causare gravi problemi alla salute. La quantità

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

Prova Costume? Niente Paura!

Prova Costume? Niente Paura! Prova Costume? Niente Paura! Che Cos è la Nutraceutica? SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO L alimentazione occupa un ruolo decisivo per il nostro benessere. Spesso però non conosciamo quello che mangiamo e la qualità

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA Tutti i gruppi alimentari (carboidrati, grassi, proteine) sono importanti per lo svolgimento dell attività sportiva, ma è utile fare alcuni distinguo sul tipo di alimenti

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

/LQHH JXLGD SHU XQD FRUUHWWR DOLPHQWD]LRQH QHO SD]LHQWH FRQ LQVXIILFLHQ]D UHQDOH FURQLFD

/LQHH JXLGD SHU XQD FRUUHWWR DOLPHQWD]LRQH QHO SD]LHQWH FRQ LQVXIILFLHQ]D UHQDOH FURQLFD ,168)),&,(1=$5(1$/(&521,&$,5& 1. Obesità L I.R.C. può essere definita come la diminuzione della funzionalità renale che si instaura a seguito di una malattia renale cronica od alla cronicizzazione di una

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi.

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Le proteine Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Per avere un idea più precisa, basti pensare che tutti i muscoli del nostro corpo sono composti da filamenti di proteine

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it I macronutrienti 1 Ogni alimento può essere composto da: Carboidrati Proteine Grassi Questi sono conosciuti come macronutrienti 2 Il cibo va forse valutato solo in funzione del suo apporto calorico? ASSOLUTAMENTE

Dettagli

LA RISPOSTA ALL INSULINA NON E UGUALE PER TUTTI NOTA BENE: DOPO QUESTO ARTICOLO VI DARO IL MENU DI PAOLINO.

LA RISPOSTA ALL INSULINA NON E UGUALE PER TUTTI NOTA BENE: DOPO QUESTO ARTICOLO VI DARO IL MENU DI PAOLINO. LA RISPOSTA ALL INSULINA NON E UGUALE PER TUTTI NOTA BENE: DOPO QUESTO ARTICOLO VI DARO IL MENU DI PAOLINO.. MA SE AVRETE LETTO QUANTO SCRITTO FINORA, CAPIRETE ANCHE PERCHE PAOLINO MANGIA COSI. Ma soprattutto

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

L integrazione in gravidanza

L integrazione in gravidanza L integrazione in gravidanza Dr. Italo Guido Ricagni Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari in gravidanza

Dettagli

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa CLORELLA Contenuto 1 8 0 c o m p r e s s e d a 5 0 0 m g d i Chlorella Pyrenoidosa frantumata Clorella Bio con marchio di produzione Biologica della Comunità Europea Indicazioni Disintossicante, stai di

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane

SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane Al fine di perdere peso e costruire muscoli in modo efficace, sono necessari cambiamenti nella tua dieta e un adeguato esercizio fisico

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Il SERVIZIO DI DIETOLOGIA AIED offre: Visite mediche specialistiche Elaborazione diete computerizzate personalizzate

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE

MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE U.O.S.D. TERAPIA NUTRIZIONALE Centro di Riferimento Regionale per la Nutrizione Artificiale Domiciliare INRCA IRCCS Ancona Responsabile Dott. Paolo Orlandoni MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE

Dettagli

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE Gli acidi grassi omega 3 rappresentano una risorsa fondamentale per la nostra salute, in grado di svolgere numerose funzioni preventive e terapeutiche. Rappresentano un

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

Alimentazione nel mondo. I.C. D.Galimberti Bernezzo

Alimentazione nel mondo. I.C. D.Galimberti Bernezzo Alimentazione nel mondo Nord/Sud Una divisione economica più che geografica Situazione mondiale Il 35% dell intera popolazione della terra ha un alimentazione insufficiente, inferiore cioè a 2000 Kcal

Dettagli

ACQUA E SALUTE. Spoleto giugno 2004. Oliviero Sculati Unità di Nutrizione ASL di Brescia

ACQUA E SALUTE. Spoleto giugno 2004. Oliviero Sculati Unità di Nutrizione ASL di Brescia ACQUA E SALUTE Spoleto giugno 2004 Oliviero Sculati Unità di Nutrizione ASL di Brescia TUTTE LE FORME DI VITA, noi compresi, ESISTONO IN UNA SOLUZIONE ACQUOSA SOGGETTO: a 30 ANNI 70 Kg 49 litri di H

Dettagli

Migliora la tua alimentazione senza rinunciare al piacere di pane, pasta pizza e dolci

Migliora la tua alimentazione senza rinunciare al piacere di pane, pasta pizza e dolci Migliora la tua alimentazione senza rinunciare al piacere di pane, pasta pizza e dolci Da comfort food a safe comfort food. L alimentazione moderna è ricca di cibi acidificanti e ad alto tenore glicemico

Dettagli

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN)

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L intestino?il cervello della pancia. Come mantenere naturalmente

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport ALIMENTAZIONE E SPORT Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport Argomenti: 1) Il fabbisogno energetico 2) Gli alimenti 3) L acqua 4) Vitamine, sali minerali, integratori 5) La dieta dello sportivo

Dettagli

A LEZIONE DI SALUTE 2013 CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO. Prima la Colazione Poi la Merenda Rompidigiuno. Dott.ssa Lucia Ablondi Biologa Nutrizionista

A LEZIONE DI SALUTE 2013 CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO. Prima la Colazione Poi la Merenda Rompidigiuno. Dott.ssa Lucia Ablondi Biologa Nutrizionista A LEZIONE DI SALUTE 2013 CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO Prima la Colazione Poi la Merenda Rompidigiuno Dott.ssa Lucia Ablondi Biologa Nutrizionista MIUR 14/10/2011 Linee guida per l Educazione Alimentare

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole LA FENIL CHETO NURIA O PKU Malattie Rare Informazioni per le scuole LA FENILCHETONURIA LA FENILCHETONURIA O PKU E LA PIU FREQUENTE MALATTIA CONGENITA DEL METABOLISMO DELLE PROTEINE GLI ERRORI CONGENITI

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

la digestione, l assorbimento, l alimentazione

la digestione, l assorbimento, l alimentazione la digestione, l assorbimento, l alimentazione 1 LA DIGESTIONE Digestione meccanica, il cibo è macinato, rimescolato e insalivato Digestione chimica, il cibo è scomposto in sostanze più semplici dall azione

Dettagli

OBESITA. 11 Aprile 2013

OBESITA. 11 Aprile 2013 OBESITA 11 Aprile 2013 L obesità è una patologia cronica caratterizzata dall eccessivo accumulo di tessuto adiposo nell organismo ed è causata da fattori ereditari e non ereditari che determinano un introito

Dettagli

L alimentazione. Erminia Ebner Dietista Specializzata Scienze della Nutrizione Umana Scuola dello Sport C.O.N.I. Roma. Centro Tecnico Federale FIB

L alimentazione. Erminia Ebner Dietista Specializzata Scienze della Nutrizione Umana Scuola dello Sport C.O.N.I. Roma. Centro Tecnico Federale FIB L alimentazione nella ll disciplina di i li Bocce Erminia Ebner Dietista Specializzata Scienze della Nutrizione Umana Scuola dello Sport C.O.N.I. Roma Centro Tecnico Federale FIB Michelangelo Giampietro

Dettagli

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA?

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Cernusco Lombardone 11-05-2013 L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Dott Ivano Baragetti Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale Bassini, Cinisello Balsamo Azienda Ospedaliera ICP Milano IN UN

Dettagli

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE 1-2 e 8-9 maggio 2010 GUIDA PER UNO stile di vita SALUTARE ATTIVITÁ FISICA QUOTIDIANA Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di PASSEGGIATA Per migliorare lo stile di vita: parcheggiare più

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA

LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA 35 Perché si diventa grassi? INTRODUZIONE DI ENERGIA DISPENDIO DI ENERGIA Cibo Bevande Esercizio fisico Metabolismo Si diventa grassi quando le calorie in entrata superano

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

La digestione degli alimenti

La digestione degli alimenti La digestione degli alimenti Le sostanze alimentari complesse (lipidi, glucidi, protidi) che vengono introdotte nell organismo, devono subire delle profonde modificazioni che le trasformano in sostanze

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Momenti di Gloria La medicina incontra lo sport: i muscoli Genova 18 aprile 2013 Alimentazione e sport Luca Spigno La dieta dello sportivo è diversa da quella del soggetto sedentario? Come dobbiamo nutrirci

Dettagli

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115 Sommario Introduzione Conosci l indice glicemico e perdi peso senza sacrifici 7 Capitolo 1 La glicemia dei cibi e i meccanismi che fanno ingrassare 13 Capitolo 2 L importanza dell indice glicemico 33 Capitolo

Dettagli

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo!

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Prof. Augusto Santi Alimentazione e giovani sportivi IERI E OGGI Cent anni fa: giochi di movimento, pane e acqua Oggi: giochi al computer e merendine

Dettagli

Capitolo 1. Dimagrimento e calo ponderale

Capitolo 1. Dimagrimento e calo ponderale Introduzione Numerosi anni di esperienza nel settore Fitness come Personal Trainer mi hanno consentito di assistere ai meravigliosi e strabilianti mutamenti fisici di centinaia di persone; le loro manifestazioni

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Cosa è il diabete mellito

Cosa è il diabete mellito Cosa è il diabete mellito Il diabete mellito è una malattia a carico del metabolismo. L'origine del nome diabete mellito è greca, e fa riferimento alla caratteristica del miele di essere particolarmente

Dettagli

NUTRIZIONE CORRELATA ALLA FASE DELLA PATOLOGIA E AL TRATTAMENTO CHIRURGICO Valutazione dello stato nutrizionale MNA-SGA Misure antropometriche Anamnesi alimentare 1. abitudini 2. preferenze 3. cambiamenti

Dettagli

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di materiali per fare funzionare il nostro corpo È il carboidrato

Dettagli

DIMAGRIRE. giorno per giorno RIZA

DIMAGRIRE. giorno per giorno RIZA RIZA DIMAGRIRE giorno per giorno Come rendere più leggeri i cibi che ci piacciono Cosa mangiare ai pasti, negli spuntini e fuori casa I condimenti, le cotture e gli abbinamenti light DIMAGRIRE giorno

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

Ferro funzionale: mioglobina, enzimi i respiratori Ferro di deposito: ferritina, emosiderina Ferro di trasporto: transferrina

Ferro funzionale: mioglobina, enzimi i respiratori Ferro di deposito: ferritina, emosiderina Ferro di trasporto: transferrina L anemia sideropenica (cause ed effetti) FERRO (Fe) TIPOLOGIE NELL ORGANISMO Ferro funzionale: emoglobina, mioglobina, enzimi i respiratori i Ferro di deposito: ferritina, emosiderina Ferro di trasporto:

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro. ANUPSA VERONA «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.» Circolo Ufficiali di Castelvecchio 13 febbraio 2014 1 Dott.ssa F. Dopo gli

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

PERDERE GRASSO, NON MUSCOLO!

PERDERE GRASSO, NON MUSCOLO! PERDERE GRASSO, NON MUSCOLO! UNA LINEA DI INTEGRATORI A BASE PROTEICA PER NUTRIRSI MEGLIO E DIMAGRIRE BENE Solo i prodotti LineaMed, per la loro composizione dietetico-nutrizionale, sono compatibili con

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore I TUMORI Il Rapporto Mondiale dell Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, dell Organizzazione Mondiale della Sanità, evidenzia come il cancro sia divenuto uno dei maggiori problemi per la sanità

Dettagli

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata Dipartimento delle Professioni Sanitarie Guida al percorso di assistenza nutrizionale in riabilitazione cardiologica Servizio Dietetico Responsabile: Dr.ssa Maria Luisa Masini 1. Effetti benefici di una

Dettagli

DA MADRE. Èla madre che -

DA MADRE. Èla madre che - DA MADRE a figlio 2 Èla madre che - durante la gravidanza e l allattamento - dona al figlio tutto il calcio necessario a formare lo scheletro. Durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, il

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELL UOMO

ALIMENTAZIONE NELL UOMO ALIMENTAZIONE NELL UOMO Alimentazione e Nutrizione Corpo umano come macchina chimica che utilizza l energia chimica degli alimenti (quando si spezzano i legami chimici tra gli atomi che formano le macromolecole

Dettagli