Copyright Dr.ssa Francesca Pavan Giornata di aggiornamento in nutrizione Comune di Eraclea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Copyright Dr.ssa Francesca Pavan Giornata di aggiornamento in nutrizione Comune di Eraclea"

Transcript

1 1

2 Testi e commenti a cura di Dr.ssa Francesca Pavan Sessione grafica a cura di Daiana Ormenese 2

3 Indice Perchè ci alimentiamo pag. 4 I gruppi alimentari e la piramide alimentare pag. 8 I fabbisogni calorici: proteine, lipidi, glucidi e micronutrienti pag. 13 Alimentazione e salute: sovrappeso, obesità e magrezza pag. 19 Le regole per una sana alimentazione pag. 24 Vero o Falso? pag. 36 Allergie e intolleranze alimentari pag. 42 3

4 PERCHE' CI ALIMENTIAMO? Il significato biochimico della alimentazione è quello di fornire l'energia e i nutrienti necessari al nostro organismo per effettuare tutta quella serie di funzioni fisiologiche che permettono non solo la sopravvivenza di ogni singolo individuo ma anche la sua capacità a relazionare con l'ambiente esterno. L'alimentazione ha tuttavia altri significati legati alla sfera emozionale di ogni persona. L alimentazione ed i problemi ad essa connessi infatti rappresentano un aspetto essenziale della vita dell uomo: fin dalla nascita si è influenzati dall'ambiente che ci circonda e il cibo rappresenta uno dei primi mezzi di comunicazione per il bambino. Attraverso il nutrimento si verifica il principale mezzo di interscambio nel momento in cui l individuo affronta i primi passi della vita e si determina il rapporto con le figure parentali, in particolar modo con la madre. Tutto il mondo del bambino gravita intorno all alimentazione: le emozioni più importanti, i dispiaceri, le soddisfazioni sono strettamente associate ai diversi aspetti della funzione nutritiva. Il vissuto delle prime esperienze diventa sicuramente importante nel dare un impronta decisiva a quello che sarà il comportamento alimentare dell adulto. Con lo sviluppo successivamente verranno attribuiti al cibo una serie di significati psicologici e sociali più allargati ed estesi all intera società. La scelta dei cibi è strettamente legata al suo valore simbolico e in particolare ai sentimenti che suscita e il processo di alimentazione non è solo un meccanismo di regolazione della soglia fame-sazietà ma assume numerose altre funzioni e sfumature tra cui il piacere di una gratificazione personale, una modalità di relazione sociale, il significato simbolico-funzionale attribuitogli dall individuo stesso. Sfide e ricatti sono ricorrenti nella prima infanzia e l alimentazione risente di queste modalità relazionali; in adolescenza alcuni comportamenti rappresentano un segno di evoluzione, un bisogno di affermazione e verifica delle proprie energie, altri si trasformano in veri e propri giochi di potere fra adulto e adolescente. 4

5 Il cibo dunque ed in genere il comportamento alimentare di un individuo si presta ad assumere funzioni non solo nutritive e fisiologiche, ma anche psicologiche, emotive e relazionali: anche per questo è facile acquisire atteggiamenti, corretti o scorretti, che successivamente insegnamo e trasmettiamo ai più piccoli: 1. la pretesa di abituare i bambini a comportamenti predicati ma non seguiti dagli altri componenti della famiglia (un esempio: il genitore che per colazione beve velocemente un caffè e che rimprovera il figlio di non avere la buona abitudine di mangiare al mattino); 2. l ostinazione di far mangiare il bambino anche quando non ha appetito utilizzando le più bizzarre strategie: imboccamenti, distrazioni come giochi, televisione e simili, promesse di gelati o dolci a fine pasto; 3. l'abitudine di consolare o premiare il bambino con alimenti graditi confezionati come merendine con sorpresa o snack salati con gioco: (spesso pubblicizzati come salutari poiché arricchiti di vitamine e sali minerali indispensabili per la crescita ma ricchi di conservanti!!) 4. La possibilità di mangiare qualsiasi cosa a qualsiasi ora; assecondando sempre la volontà del bambino creando così una monotonia di base alla sua alimentazione. Nel bambino la motivazione razionale nasce solo se trainata da quella affettiva. Non basta valorizzare le proprietà nutrizionali di un alimento ed evidenziare i suoi effetti positivi sulla salute: questi argomenti che da soli non risultano convincenti neanche per l adulto, lo sono ancor meno per il piccolo consumatore!! Ottenere l accettazione di un alimento significa vincere la naturale diffidenza che il bambino prova per tutto ciò che è a lui sconosciuto o che non risponde ad un sapore semplice e già collaudato. L elemento ludico rimane comunque l ingrediente essenziale: il gioco rappresenta una tattica di avvicinamento al tema nutrizione. 5

6 Caratteristiche sensoriali La percezione delle caratteristiche sensoriali di un alimento ovvero ciò che un alimento ci trasmette è il risultato della stimolazione dei sensi a differenti livelli di intensità. Le caratteristiche sensoriali che coinvolgono il cibo sono: - aspetto: caratteristica sensoriale di un alimento percepita soprattutto attraverso la vista, ma secondariamente elaborata anche con l aiuto degli altri sensi, come per esempio il tatto; - sapore: combinazione della sensazione gustativa ed olfattiva a cui talvolta può contribuire anche la percezione di natura termica; - consistenza: caratteristica percepita soprattutto attraverso il tatto e le sensazioni di movimento. E fondamentale comunque evidenziare come le caratteristiche sensoriali del cibo siano determinate in fin dei conti dalla interazione di tutti i cinque sensi al fine di dare una percezione completa dell alimento. Aspetto, sapore e consistenza vengono infatti trasmessi contemporaneamente attraverso i sensi di gusto, tatto, olfatto (per esempio: se si mangia con il naso tappato la percezione dei sapori apparentemente diminuisce), vista (il colore ed altre caratteristiche dell aspetto influenzano il giudizio sull alimento e sulla sua qualità) e udito (sono stati recentemente condotti degli studi tra sonorità e gradevolezza dei cibi e si è riscontrato che, tra i bambini, i suoni più accettabili e gradevoli sono quelli legati all idea di croccantezza e fragranza poiché conferiscono al bambino un maggior senso di potenza, quasi di successo a qualche duro ostacolo). La qualità del cibo si colloca quindi su due livelli: un livello sensoriale e un livello psicologico più nascosto ma ugualmente importante (l associazione tra un alimento e la 6

7 situazione piacevole in cui è stato consumato, la forma e i colori del suo confezionamento, la partecipazione attiva alla sua preparazione). Si devono inoltre ricordare che oltre alle caratteristiche sensoriali molti altri fattori e microfattori possono interferire nelle scelte alimentari di un individuo e definire motivazioni psicologiche inconsce: abitudini familiari, tradizioni regionali, mode tra i coetanei, condizionamenti pubblicitari. Il comportamento alimentare dell individuo è la risultante di molteplici fattori: l ambiente geografico, la razza, la cultura, le mode, l età, lo stato sociale, e non è cosa facile modificare acquisizioni ormai radicate nel corso degli anni, né superare abitudini alimentari che sono state acquisite quand eravamo bambini e che fanno parte dello stile di vita di ognuno di noi. E dunque fondamentale l EDUCAZIONE ALIMENTARE come mezzo di prevenzione per il raggiungimento del buono stato di salute di ogni uomo tanto quanto l'uso di vaccinazioni, farmaci e visite mediche per curarne la sua salute ed è altrettanto importante che l educazione alimentare cominci già dalle prime fasi di vita del bambino determinando così conoscenze e abitudini corrette relative alle esigenze nutrizionali, l igiene degli alimenti, la prevenzione delle malattie alimentari, insomma ciò che nel suo insieme è definito come comportamento alimentare. E' bene ricordare che circa il 35% della popolazione italiana oggi è in sovrappeso di cui il 10% presenta già obesità cronica; di questi recenti dati il più triste è sicuramente che i bambini italiani sono i più obesi di tutta Europa poiché circa il 30% della popolazione infantile ad oggi in Italia è in sovrappeso. E' un dato triste ed allarmante che tuttavia deve essere considerato ora che la prevenzione può rappresentare ancora un mezzo utile per la risoluzione di tale problema e non un semplice campanello d'allarme da trascurare fingendo che il problema non esista. Un individuo educato dal punto di vista nutrizionale saprà applicare per tutta la vita senza difficoltà ciò che gli è stato insegnato, e inoltre con il suo esempio trasferirà agli altri il suo modello di comportamento alimentare. 7

8 I GRUPPI ALIMENTARI E LA PIRAMIDE ALIMENTARE Un'alimentazione razionale, adatta a mantenere lo stato di buona salute ed una buona efficienza dell'organismo, deve innanzitutto assicurare un apporto di energia adeguato al reale fabbisogno energetico. Il fabbisogno energetico viene espresso attraverso la caloria: essa è l'unità di misura riferita all'energia chimica contenuta negli alimenti. Non tutti i nutrienti producono energia e dunque caloria, ma solo glucidi, grassi e proteine. Accanto a questo aspetto quantitativo dell'alimentazione di tutti i giorni va però tenuto presente anche l'aspetto qualitativo: non è corretto soddisfare le nostre esigenze energetiche con un solo alimento in base alle calorie che questo può offrire al nostro organismo ma è importante considerare anche la composizione in principi nutritivi dei cibi che compongono la nostra dieta (protidi, lipidi, carboidrati, vitamine e sali minerali) e fare in modo che essa sia quanto più possibile variata ed equilibrata, ossia comprenda tutte le diverse categorie di alimenti, allo scopo di assicurare sistematicamente al nostro organismo tutti i principi nutritivi necessari. In natura non esiste un alimento perfetto e completo che contenga tutte le sostanze utili nella giusta quantità: variare in modo equilibrato il menù permette di soddisfare il gusto, di combattere la monotonia dei sapori ed evita pericolosi squilibri nutrizionali causati da una dieta troppo uniforme. Dato però che l uomo mangia ALIMENTI e non PRINCIPI NUTRITIVI, è importante trovare un metodo che renda più facile la scelta dei cibi con i quali comporre agevolmente un alimentazione corretta e completa. Per assicurarsi ogni giorno senza problemi le quantità consigliate di principi nutritivi è sufficiente mangiare in modo variato, scegliendo tipi differenti di alimenti secondo pochi e semplici criteri. 8

9 Allo scopo di facilitare questa operazione i nutrizionisti hanno diviso la vasta gamma di alimenti in 5 gruppi, secondo le loro caratteristiche nutritive principali; per assicurarsi un alimentazione corretta è sufficiente fare in modo che quotidianamente ogni gruppo sia rappresentato sulla nostra tavola da almeno una porzione dei cibi che ne fanno parte, avendo cura anche di variare abitualmente le scelte nell ambito di ciascun singolo gruppo, alternando i vari cibi nei diversi pasti della giornata. I 5 gruppi di alimenti e le loro qualità nutritive sono: Il gruppo cereali e tuberi comprende: pane, pasta, riso, altri cereali minori quali mais, avena, orzo, farro oltre che patate. Questi alimenti costituiscono per l uomo la più importante fonte di amido e quindi di carboidrati e di energia facilmente utilizzabile. I cereali e derivati, in particolare, apportano buone quantità di vitamine del complesso B, nonché di proteine che, pur essendo di scarsa qualità, possono, se unite a quelle dei legumi, dare origine a una miscela proteica di alto valore biologico paragonabile a quello delle proteine animali. Sono da preferire, in linea generale, i prodotti meno raffinati, in quanto più ricchi di fibra naturale, definiti anche prodotti integrali. Il gruppo costituito da frutta e ortaggi - comprendente anche legumi freschi rappresenta una fonte importantissima di fibra, di provitamina A (presente soprattutto in carote, peperoni, pomodori, albicocche, meloni, etc ) di vitamina C (presente sopratutto in agrumi, fragole, kiwi, pomodori, peperoni, etc ), di altre vitamine e dei più diversi minerali (di particolare importanza il potassio). Da sottolineare anche la rilevante presenza, in questo gruppo, di componenti minori, come gli antiossidanti, che svolgono una preziosa azione protettiva contro numerose malattie. Gli alimenti di questo gruppo, grazie alla loro grande varietà e alla differente produzione stagionale, consentono le più ampie possibilità di scelta ed è opportuno che siano sempre presenti in abbondanza sulla tavola, a cominciare se possibile anche dalla Prima Colazione. 9

10 Il gruppo latte e derivati comprende il latte, lo yogurt, i latticini e i formaggi. La funzione principale del gruppo è quella di fornire calcio, in forma altamente assimilabile. Gli alimenti di questo gruppo gruppo contengono, inoltre, proteine di ottima ottima qualità ed alcune vitamine (soprattutto B2 e A). Nell ambito di questo gruppo sono da preferire il latte e lo yogurt parzialmente scremato, i latticini e i formaggi meno grassi. Il gruppo carne, pesce e uova, ha la funzione principale di fornire minerali (in particolare zinco, rame e ferro altamente assimilabile), oltre a proteine di ottima qualità biologica e vitamine importanti come le vitamine del complesso B; nell ambito di questo gruppo sono da preferire le carni magre di qualsiasi tipo, (che siano esse bovine, avicole, suine,etc ) e il pesce. Va invece moderato, per quanto riguarda la quantità, il consumo di prodotti con un maggiore contenuto di grassi. Per le uova, infine, un consumo accettabile per soggetti sani è quello di 2 uova alla settimana. In questo gruppo è conveniente da un punto di vista nutrizionale includere i legumi secchi (fagioli, piselli, ceci, lenticchie, etc ) ampliando così la possibilità di scelte e alternative. Ciò perché i legumi, oltre a rilevanti quantità di amido e di fibra forniscono anch essi quei nutrienti principali che sono caratteristici della carne, del pesce e delle uova, come ferro, altri minerali e notevoli quantità di proteine di buona qualità biologica. 10

11 Il gruppo dei grassi da condimento comprende tanto i grassi di origine vegetale quanto quelli di origine animale. Il loro consumo deve essere contenuto, sia perchè i grassi rappresentano una fonte concentrata di energia sia perché alcuni di essi concorrono a provocare un aumento del livello di colesterolo nel sangue, che favorisce i processi dell aterosclerosi. Va comunque tenuto presente il loro ruolo nell esaltare il sapore dei cibi e nell apportare Acidi Grassi Essenziali (A.G.E.), fondamentali per la prevenzione delle cardiopatie, e vitamine liposolubili, delle quali favoriscono anche l assorbimento. E bene preferire quelli di origine vegetale, in particolare l olio extravergine di oliva, meglio se usati a crudo, e consumare con moderazione quelli di origine animale (come burro, panna, lardo, strutto, etc ). Evitare sempre la riutilizzazione di olii e grassi già cotti!!! L acqua è il costituente corporeo presente in maggior quantità: bel il 60% circa del nostro corpo è costituito da sola acqua; viene persa e consumata in continuazione e deve quindi essere continuamente reintegrata (con le bevande e con gli alimenti) perché, pur non fornendo energia, essa rappresenta il veicolo di tutti i nutrienti e per questo è fondamentale per la vita: infatti l acqua è coinvolta in tutte le reazioni che avvengono nel nostro corpo e svolge importanti funzioni vitali come il mantenimento della temperatura corporea, la digestione e l'assorbimento dei nutrienti, la circolazione sanguigna. In quale proporzione i singoli gruppi di alimenti devono essere presenti nella nostra giornata alimentare ce lo dice in modo semplice la Piramide Alimentare. Il dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti per rendere più chiari e facilmente comprensibili i criteri di una sana alimentazione ha scelto un'immagine simbolica rappresentata da una piramide tagliata secondo linee orizzontali nella quale sono stati inseriti a diversi livelli gli alimenti. Alla base della piramide sono collocati gli alimenti da consumare più frequentemente mentre in cima sono collocati quegli alimenti da consumare in quantità limitata. La piramide alimentare può essere considerata la rappresentazione grafica del modello di dieta mediterranea, il tipo di alimentazione che ad oggi viene considerato più salutare non solo per il mantenimento di un buon peso corporeo ma anche per la prevenzione di patologie cardiovascolari e di alcuni tumori. 11

12 LA BASE Alla base della piramide si trovano gli alimenti del gruppo cereali da consumare ogni giorno 3 volte/die in quantità da decidersi in base al consumo energico. 1 LIVELLO Al 1 livello si trova il gruppo di ortaggi e frutta da consumare ciascuna almeno 2 volte al giorno. Più in alto e dunque da assumere in quantità più moderate, troviamo il gruppo latticini da consumare solo 1 volta al giorno. 2 LIVELLO Proseguendo verso l'alto troviamo alimenti il cui consumo deve verificarsi con frequenza settimanale: si tratta di cibi proteici come legumi, pesce, carni e uova. L'APICE All'apice della piramide si trovano i grassi da condimento e lo zucchero, da assumersi in piccole dosi e con moderazione. 12

13 I FABBISOGNI CALORICI: PROTEINE, LIPIDI, GLUCIDI E MICRONUTRIENTI Il fabbisogno calorico di ogni organismo consiste nella quantità di energia necessaria ogni giorno per sopravvivere; viene soddisfatto dalle calorie che rappresentano il combustibile della vita e che sono contenute in quantità variabili in tutti gli alimenti attraverso la loro diversa composizione in grassi, carboidrati, amidi più zuccheri e proteine. 1 grammo di grassi = 9 Kilocalorie 1 grammo di carboidrati = 4 Kilocalorie 1 grammo di proteine = 4 Kilocalorie Se una persona introduce un numero di calorie maggiore al suo fabbisogno ingrassa, se introduce un numero di calorie inferiore a quello richiesto dal suo organismo dimagrisce. Affinchè il corpo assuma le calorie degli alimenti, essi devono essere ridotti nei diversi nutrienti che li compongono mediante il processo digestivo: questi componenti vengono in seguito assorbiti nel circolo sanguigno per essere distribuiti in tutto il corpo. Un'alimentazione giornaliera equilibrata dovrebbe essere suddivisa in: CARBOIDRATI % GRASSI % PROTEINE % 13

14 CARBOIDRATI E GLUCIDI I carboidrati (amidi + zuccheri) sono composti che dopo il processo digestivo nell'organismo vengono scomposti in glucosio, uno zucchero che le cellule possono poi usare come combustibile per le loro funzioni. Per questo motivo si dice che essi svolgono una funzione energetica nel nostro organismo. I carboidrati possono essere semplici (zucchero) o complessi (amido) in base alla facilità e rapidità con cui vengono scomposti a glucosio. I carboidrati semplici sono rappresentati dagli zuccheri che troviamo nella frutta, nel miele, nel semplice zucchero da cucina mentre i carboidrati complessi, rappresentati soprattutto dall'amido, costituiscono prevalentemente patate, legumi e cereali. PROTEINE Le proteine sono costituenti essenziali per la formazione dei muscoli e svolgono per questo una funzione plastica nel nostro corpo. Le proteine sono presenti nella carne, nel pesce, nei legumi e nel latte e suoi derivati. GRASSI O LIPIDI I grassi sono essenziali per la vita e assieme ai carboidrati svolgono una funzione energetica per l'organismo; essi diventano pericolosi solo quando assunti in quantità eccessive. Oltre alla loro primaria funzione energetica i grassi hanno il compito di trasportare e permettere l'assorbimento delle vitamine liposolubili (Vit A, D, E e K), di produrre e depositare alcuni ormoni e collaborano ai processi di difesa dell'organismo. 14

15 VITAMINE E MINERALI Le vitamine e i minerali costituiscono i micronutrienti ovvero quelle sostanze contenute negli alimenti che non hanno potere energetico e dunque non determinano introduzioni di calorie nell'organismo ma possiedono un'importante funzione regolatrice all'interno delle diverse funzioni del nostro corpo. Le vitamine sono molecole che l'organismo non è in grado di sintetizzare ma indispensabili per la regolazione dei processi metabolici e il nostro corpo può procurarsele solo introducendole con gli alimenti. Esse si dividono in: liposolubili, ovvero le vitamine che si sciolgono all'interno dei grassi e che dunque possono essere trasportate e immagazzinate all'interno dell'organismo solo tramite i lipidi: VITAMINA A (Retinolo) VITAMINA E (Tocoferolo) Funzioni: per la crescita e la protezione della Funzioni: per proteggere le cellule contro i pelle, delle mucose, delle ossa e dei denti; per radicali liberi; per stimolare il sistema la visione nelle ore crepuscolari. immunitario. Fonti principali: vegetali gialli e verdi, fegato, Fonti principali: vegetali a foglie verdi, oli uova, latte e derivati. d'oliva e di semi, fegato e tuorlo d'uovo. VITAMINA D (Calciferolo) VITAMINA K Funzioni: per la normale crescita e il Funzioni: essenziale per la coagulazione rafforzamento del sangue. delle ossa, per controllare l'assorbimento del calcio. Fonti principali: vegetali a foglie verdi, Fonti principali: latte, tonno, salmone, tuorlo cavolfiori, verze, broccoli, latte. d'uovo; è sintetizzata per esposizione della pelle ai raggi solari. 15

16 Idrosolubili, sono le vitamine che si sciolgono in acqua e che a differenza delle vitamine liposolubili non possono essere accumulate nell'organismo: per questo devono essere assunte quotidianamente con gli alimenti. VITAMINA C (Acido ascorbico) Funzioni: per aumentare le VITAMINA B1 (Tiamina) difese naturali Funzioni: per il funzionamento del sistema dell'organismo contro le malattie infettive; per nervoso e dell'apparato muscolare. facilitare l'assorbimento gastroenterico del ferro Fonti principali: cereali integrali, pane e pasta, (Fe); per il benessere di ossa, denti e vasi sanguigni. carne di maiale, lievito. Fonti principali: verdura e frutta, specialmente agrumi, latte e fegato. VITAMINA B2 (Riboflavina) VITAMINA B6 (Piridossina) Funzioni: per trasformare l'energia contenuta negli Funzioni: per il metabolismo delle proteine. alimenti in energia utilizzabile dall'organismo, per la Fonti principali: carne, fegato, legumi e cereali. protezione delle mucose. Fonti principali: fegato, latte, carne, vegetali verdi. VITAMINA B12 (Cianocobalamina) ACIDO FOLICO Funzioni: per l'accrescimento, per il sistema Funzioni: sintesi di acidi nucleici, formazione nervoso. delle cellule del sangue. Fonti principali: carne, pesce, latte, molluschi. Fonti principali: germe di grano, lievito di birra e vegetali verdi. NIACINA BIOTINA Funzioni: nei processi energetici dell'organismo. Funzioni: sintesi degli acidi grassi. Fonti principali: pollame, cereali, legumi, frutta. Fonti principali: tuorlo d'uovo, fegato, vegetali verdi. E' sintetizzata nel lume intestinale. ACIDO PANTOTENICO Funzioni: per il metabolismo delle proteine, dei grassi e dei carboidrati, per la formazione degli ormoni. Fonti principali: fegato, tuorlo d'uovo, pappa reale, legumi, pesce. 16

17 I minerali sono presenti sotto forma di sali in quantità variabili in tutti gli alimenti. Non forniscono energia ma sono indispensabili all'organismo poiché permettono la formazione delle ossa e dei denti, la regolazione dell'equilibrio idroelettrolitico e contribuiscono ai processi vitali delle cellule. Essi si dividono in:.sali minerali, presenti in quantità notevoli nell'organismo. CALCIO (Ca) FOSFORO (P) Funzioni: per la formazione e il mantenimento di Funzioni: per la formazione e il mantenimento ossa e denti, per la coagulazione del sangue, per la di ossa e denti, per regolare l'equilibrio acido- conduzione di impulsi nervosi. base nell'organismo. Fonti principali: latte, formaggi e yogurt, vegetali a Fonti principali: latte, formaggi, carne, pesce, foglia verde, legumi secchi, sardine. frutta secca. SODIO (Na) MAGNESIO (Mg) Funzioni: per l'equilibrio acido-base, per la Funzioni: per l'attivazione di molte reazioni regolazione del bilancio idrico, per la funzionalità chimiche, per la funzionalità nervosa. nervosa. Fonti principali: latte, cereali non decorticati, Fonti principali: la maggior parte degli alimenti, vegetali a foglie verdi, legumi, frutta secca. tranne la frutta. POTASSIO (K) Funzioni: per FERRO (Fe) l'equilibrio acido-base, per la Funzioni: componente dell'emoglobina nei regolazione del bilancio idrico, per la funzionalità globuli rossi, per la prevenzione di alcune cardiaca. forme di anemia e per le difese immunitarie Fonti principali: in tutti gli alimenti di origine dell'organismo. vegetale e animale. Fonti principali: latte e derivati, ferro, carni, vegetali a foglia verde, legumi e cereali, frutta. IODIO (I) Funzioni: componente degli ormoni della tiroide. Fonti principali: pesci, frutti di mare, latte. 17

18 Oligoelementi, presenti in piccole quantità ma comunque indispensabili per la vita umana. RAME (Cu) ZINCO (Zn) Funzioni: per la sintesi di emoglobina, per la Funzioni: per la sintesi di proteine e formazione anticorpi, come costituente di molti enzimi della matrice dell'osso, come costituente di enzimi. digestivi e dell'enzima responsabile del Fonti principali: fegato, molluschi, frutta secca, trasporto di anidride carbonica nel globulo pollame, cereali. rosso. Fonti principali: latte, fegato, frutti di mare. MANGANESE (Mn) CROMO (Cr) Funzioni: per l'accrescimento e lo sviluppo Funzioni: per l'utilizzazione dei carboidrati delle ossa, per il metabolismo lipidico. e dei grassi. Fonti principali: cereali, legumi, frutta, thè. Fonti principali: grassi, oli vegetali, carne, molluschi, cereali non decorticati. FLUORO (F) Funzioni: per il mantenimento delle ossa e dei denti. Fonti principali: in tutti gli alimenti e nelle acque. 18

19 ALIMENTAZIONE E SALUTE: SOVRAPPESO, OBESITA' E MAGREZZA CONTROLLARE IL PESO E MANTENERSI IN FORMA Il peso corporeo è l'espressione concreta del bilancio energetico tra entrate ed uscite caloriche. L'energia viene introdotta con i cibi e utilizzata dal corpo non solo durante l'attività fisica ma anche durante il riposo determinando così il metabolismo basale. Se si introduce più energia di quanta se ne consuma, l'eccesso calorico si accumula nel corpo sotto forma di grasso e si manifesta come aumento di peso. L'OBESITA' Quantità eccessive di grasso corporeo costituiscono un rischio per la salute e sono un fattore di rischio per la cardiopatia coronarica, il diabete, l'ipertensione e addirittura alcuni tipi di cancro. L'eccesso di grasso corporeo può essere valutato con una semplice formula, il Body Mass Index, e in tal modo essere classificato secondo la seguente tabella: Peso (kg) Bmi = [ h (m) ]² 19 < Bmi < 25 NORMOPESO 25 < Bmi < 30 SOVRAPPESO 30 < Bmi < 35 OBESITA' DI 1 GRADO 35 < Bmi < 40 OBESITA' DI 2 GRADO Bmi > 40 OBESITA' DI 3 GRADO Tanto maggiore è l'eccesso di peso e tanto maggiore è il rischio per queste malattie. L'attenzione al peso, quindi, va posta sin dall'infanzia, perchè il bambino obeso sarà con buone probabilità in futuro un adulto obeso. 19

20 LA MAGREZZA Problema inverso all'obesità, ma altrettanto grave è quello della magrezza. Sempre più adolescenti e giovani vengono quotidianamente incitati dai moderni modelli estetici proposti dai mass media a ridurre il peso a valori così bassi da non essere più compatibili con uno buono stato di salute diminuendo così la resistenza delle difese immunitarie, la robustezza delle ossa e le stesse capacità mentali. Qui di seguito viene riportato un facile schema di lettura del proprio indice di rischio sulla base di peso e altezza di un individuo. Come si usa Uniamo con un righello i metri corrispondenti alla statura (riga verticale di sx) con i chilogrammi relativi al peso (riga verticale di dx). Il punto d'incontro della linea tracciata dal righello con la riga centrale indicherà la fascia nella quale si colloca il nostro peso (sottopeso, normale, sovrappeso, obeso). La riga centrale (IMC) rappresenta l'indice di massa corporea o Body Mass Index. 20

21 IL PESO: QUANTO E' CONSIGLIABILE MANGIARE PER RESTARE IN FORMA Esistono delle tabelle che indicano i valori medi di fabbisogno energetico (chilocalorie) per adulti italiani tra i 18 e i 60 anni in funzione del peso e del tipo di attività condotta. E' importante ricordare che questi valori sono indicativi e che poi possono variare enormemente da soggetto a soggetto in base a età, sesso e conformazione fisica. Oggi la maggior parte delle persone ha la possibilità di scegliere tra un'ampia varietà di alimenti: tutti i cibi possono avere una loro collocazione all'interno di un'alimentazione che corrisponde alle nostre esigenze nutrizionali, psicologiche e sociali. Nessun cibo è proibito e non esistono cibi buoni e cibi cattivi. 21

22 La chiave per il controllo del peso è scoprire il giusto equilibrio alimentare. Una corretta gestione del proprio peso corporeo infatti non consiste solo ed inevitabilmente nel perderlo, ma nell'assumerne il controllo! La parola dieta ha assunto il significato di un programma dietetico da seguire per un periodo limitato di tempo e da interrompere una volta raggiunto il peso corporeo desiderato. Un corretto regime alimentare invece deve essere tale da poter essere mantenuto nel tempo, deve consentire di non riacquistare peso e controllare con successo il peso idoneo raggiunto. Oggi più che mai la riduzione del peso corporeo viene considerata un indice di successo ; è invece importante capire la necessità di puntare alla qualità della riduzione del peso, non solo alla quantità: il peso può essere perduto per riduzione della massa grassa ma, in caso di diete troppo drastiche o sbilanciate anche per la riduzione della massa magra (muscolo), fondamentale per consentire il proseguimento della perdita di peso soprattutto dopo il 1 2 mese dall'inizio del programma alimentare restrittivo. Questo è uno dei motivi per cui chi perde peso rapidamente lo riacquista altrettanto rapidamente. Idealmente la riduzione del peso dovrebbe essere costituita per l'80% della massa grassa e per non più del 20% dalla massa magra, raggiungibili solo con un programma alimentare adeguato associato necessariamente all'attività fisica che ci permette di spendere più calorie e di aumentare il metabolismo basale. Un peso stabile, che rientra nei limiti della norma, contribuisce a far vivere meglio e più a lungo. Riportare il peso entro i valori normali e soprattutto mantenerlo nella norma richiede un po' di disciplina alimentare ma anche un po' di sport, oggigiorno davvero indispensabile per contrastare la vita sedentaria a cui siamo obbligati. Anche i piccoli eccessi, se prolungati per anni, possono provocare rilevanti aumenti di peso e per controllare il peso occorre fare le scelte giuste. Mantenere il peso nella norma è più facile non solo con uno stile di vita fisicamente attivo ma anche osservando semplici regole di comportamento alimentare. 22

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione)

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Comune di Bologna Settore Istruzione (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Anno 2012 a cura di: Alves Carpigiani Nutrizionista Responsabile della U.O. Igiene Nutrizione Controllo pasti nidi

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

Informazioni sugli elementi nutritivi

Informazioni sugli elementi nutritivi Informazioni sugli elementi nutritivi Nella terra e nello spazio Gli zuccheri Gli zuccheri (detti anche glucidi o carboidrati)) sono i composti organici più comuni sulla Terra. Le piante li producono con

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE In qualità di Presidente del mi sento in dovere di portarvi a conoscenza di alcune interessanti e basilari concetti per una corretta alimentazione dei nostri figli.

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO Dr.ssa SABRINA BUGOSSI DIETISTA L alimentazione rappresenta uno dei cardini fondamentali nella terapia del diabete mellito Più che parlare di

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

ISTRUZIONI PER MANGIAR SANO PER GRANDI E PICCOLI

ISTRUZIONI PER MANGIAR SANO PER GRANDI E PICCOLI EDUCAZIONE ALIMENTARE PER TUTTA LA FAMIGLIA PRIMA PARTE ISTRUZIONI PER MANGIAR SANO PER GRANDI E PICCOLI PRIMA PARTE IL PERCORSO DEGLI ALIMENTI Gli alimenti, dopo essere stati ingeriti, arrivano al tubo

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Consigliere Nazionale SINSeB Docente Università di Camerino Stato nutrizionale Bilancio energetico

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Al fine di comporre correttamente la propria dieta è bene conoscere le qualità dei principali alimenti che in base alle loro principali caratteristiche nutrizionali

Dettagli

Una buona alimentazione mantiene sano il nostro organismo e può farlo funzionare al meglio.

Una buona alimentazione mantiene sano il nostro organismo e può farlo funzionare al meglio. Mangiando pallavolo 2 Una buona alimentazione mantiene sano il nostro organismo e può farlo funzionare al meglio. Questo è valido per qualsiasi persona "normale, ma ancor di più lo è per coloro che praticano

Dettagli

Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura

Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura Progetto Pilota Oikos e Téchne 2011/2012 Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura Considerazioni sui risultati del sondaggio Abitudini alimentari e convivialità (campione di 662 studenti tra 14 e 19 anni)

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO una corretta informazione per un benessere psicofisico Mangiare o nutrirsi? Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico Nutrirsi

Dettagli

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione Gli alimenti sono indispensabili alla vita. Consentono all organismo di

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

Presentazione. [Digitare il testo]

Presentazione. [Digitare il testo] Presentazione Il Menù scolastico rappresenta il frutto di un lavoro svolto nel corso degli ultimi mesi con l obiettivo di rimodulare la varietà delle pietanze nell ottica di una dieta bilanciata. Tiene

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti L ALFABETO DELLA CORRETTA NUTRIZIONE Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti delle membrane cellulari hanno destato negli ultimi anni maggior interesse. E ormai

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE 15 L aspettativa di vita.........................................17 La grande illusione.........................................17

Dettagli

La sorveglianza e l igiene della nutrizione nei menù

La sorveglianza e l igiene della nutrizione nei menù La sorveglianza e l igiene della nutrizione nei menù Prof. Agostino Messineo Direttore Dip. Prevenzione ASL RMH Dr.ssa Paola Abetti Dirigente SIAN distretto H4 Pomezia Ardea Alla parola dieta è spesso

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

L'alimentazione in escursione

L'alimentazione in escursione CopyrightDeposit.com No. 0030877 L'alimentazione in escursione L'alimentazione in escursione Il tipo di alimentazione in montagna è di grande importanza, anche quando stiamo affrontando una breve gita,

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione ALIMENTAZIONE Appunti di lezione CORRETTA ALIMENTAZIONE Un adolescente (13-15 anni) Ha bisogno per crescere di: Energia e Nutrienti Ossia di alimentarsi, ma con misura nè troppo, ne troppo poco. Il termine

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

Aspetti pratici dell alimentazione del calciatore dilettante

Aspetti pratici dell alimentazione del calciatore dilettante AIAC Associazione Italiana Allenatori Calciatori Grosseto Aspetti pratici dell alimentazione del calciatore dilettante Dott. Marco Buccianti Dietista consulente settore giovanile FC Grosseto calcio 2006/2007

Dettagli

UNITà 8 la dieta equilibrata

UNITà 8 la dieta equilibrata unità La dieta equilibrata I termini e i concetti fondamentali 1 dieta equilibrata e peso corporeo Una dieta equilibrata è data da comportamenti alimentari e da uno stile di vita tali da mantenere un buono

Dettagli

Quali sono le regole di base per una corretta nutrizione?

Quali sono le regole di base per una corretta nutrizione? L'ALIMENTAZIONE classi 5^ A-B Scuola Primaria "B. Caccin" a.s. 2006/07 Quali sono le regole di base per una corretta nutrizione? Gli alimenti forniscono al nostro corpo l'energia di cui ha bisogno. Essi

Dettagli

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA Regione PIEMONTE- ASL2-Torino Ambulatorio di Cardiologia OSPEDALE S. Giovanni Bosco Tel.011-2402310 Progetto GIOTTO Responsabile Drssa Bianca BIANCHINI DIETA Ovvero MANGIARE PER LA VITA Questo piccolo

Dettagli

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero Qualunque cibo introdotto nel corpo umano viene trasformato, tramite reazioni chimiche, nei suoi costituenti elementari che sono proteine, lipidi, carboidrati, vitamine, minerali e acqua, perché è solo

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

L alimentazione e l allenamento del calciatore

L alimentazione e l allenamento del calciatore L alimentazione e l allenamento del calciatore 1. Come alimentarsi nel precampionato 2. Come alimentarsi durante il campionato 3. L alimentazione del giovane calciatore 4. Differenze tra calciatore professionista

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Città Metropolitana di Genova All. A CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEI MENU Il menù è soggetto a validazione da parte del competente

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Progetto Expo 2015. Questionario on-line

Progetto Expo 2015. Questionario on-line a.s. 2014.15 Progetto Expo 2015 Questionario on-line Questionario di indagine sul livello di informazione e consapevolezza in merito all alimentazione Indice Introduzione Prima sezione: Conosci le tue

Dettagli

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano I prodotti più comunemente utilizzati per una colazione completa e varia sono: Bevande: caffè latte, tè, cioccolata calda, succhi e centrifugati

Dettagli

LA GRAVIDANZA: LA BUONA ALIMENTAZIONE IN UN CORPO CHE CAMBIA

LA GRAVIDANZA: LA BUONA ALIMENTAZIONE IN UN CORPO CHE CAMBIA Newsletter Maggio 2014 GRAVIDANZA E CIBO a cura di Dr.ssa Marianna Drigo, Dietista e Consulente Nutrizionale LA GRAVIDANZA: LA BUONA ALIMENTAZIONE IN UN CORPO CHE CAMBIA La gravidanza è un evento biologico

Dettagli

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it I macronutrienti 1 Ogni alimento può essere composto da: Carboidrati Proteine Grassi Questi sono conosciuti come macronutrienti 2 Il cibo va forse valutato solo in funzione del suo apporto calorico? ASSOLUTAMENTE

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Pesce al mercurio, carne alla diossina,

Pesce al mercurio, carne alla diossina, Pesce al mercurio, carne alla diossina, latte contaminato con inchiostro, mozzarelle blu, verdura e frutta con pesticidi: ma allora cosa possiamo mangiare? Martedì 16 ottobre 2012 Dr.ssa Vera Merzario

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di INFORMARSI È SEMPLICE, RECLAMARE È FACILE CONOSCERE I PROPRI DIRITTI È IL PRIMO PASSO PER FARLI VALERE Iniziativa organizzata con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico QUESTIONARIO SUGLI

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID CONVEGNO REGIONALE AMD-SID NEFROPATIA DIABETICA, IPERTENSIONE E MALATTIA CARDIOVASCOLARE SESSIONE PARALLELA PER DIETISTI E INFERMIERI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CON

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO IN ETA SCOLARE

L ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO IN ETA SCOLARE L ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO IN ETA SCOLARE A cura della dott.ssa Teresa Canali In età scolare si impostano e consolidano le abitudini alimentari del bambino, pertanto è in questa fase della vita che la

Dettagli

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali.

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Prima di affrontare un'attività sportiva, viene da chiedersi cosa e quanto è meglio mangiare. Ma quello che si può consumare

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung pag. 1 / 5 Società Svizzera di Nutrizione SSN, Ufficio federale della sanità pubblica UFSP / 2o11 Dolci, snack salati e alcolici In piccole quantità. Oli,

Dettagli

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115 Sommario Introduzione Conosci l indice glicemico e perdi peso senza sacrifici 7 Capitolo 1 La glicemia dei cibi e i meccanismi che fanno ingrassare 13 Capitolo 2 L importanza dell indice glicemico 33 Capitolo

Dettagli

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA Speciale FARINE di Maurizio De Pasquale www.orlandipasticceria.com LA RICERCA DELLE PROTEINE N utrirsi bene è fondamentale

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport ALIMENTAZIONE E SPORT Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport Argomenti: 1) Il fabbisogno energetico 2) Gli alimenti 3) L acqua 4) Vitamine, sali minerali, integratori 5) La dieta dello sportivo

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

2. Caratteristiche di una alimentazione equilibrata

2. Caratteristiche di una alimentazione equilibrata Dipartimento delle Professioni Sanitarie Guida al percorso di assistenza nutrizionale in riabilitazione cardiologica Servizio Dietetico Responsabile: Dr.ssa Maria Luisa Masini 2. Caratteristiche di una

Dettagli

Alimentazione e Podismo

Alimentazione e Podismo Alimentazione e Podismo 1.La corsa La corsa è l attività atletica più antica, e pertanto la più spontanea per l essere umano. Milioni di anni di evoluzione hanno fatto sì che la macchina uomo abbia un

Dettagli