di Krista Scott-Dixon i per perdere peso 156 Olympian s News / mind & body

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Krista Scott-Dixon www.precisionnutrition.com i per perdere peso 156 Olympian s News / mind & body"

Transcript

1 di Krista Scott-Dixon i e d i l g i s n o i c i r g a m per perdere 156 Olympian s News / mind & body peso

2 Non detesti anche tu quelli che sono magri per natura? Sai, quelli che mangiano tutto quello che vogliono ma non mettono su un etto. Sembrano essere benedetti con una specie di metabolismo magico. La loro vita è piena di bignè al cioccolato e buffet a base di pasta. Di certo, quelli di noi che si sforzano di buttare giù i rotoli di grasso in eccesso non possono imparare niente di utile da questi esseri fortunati. GIUSTO? Sbagliato. Inizialmente, ridevo dell idea che potesse essere difficile mangiare di più. Insomma, anche una ra gazzina minuta con un po di determinazione e salse e bistecche a sufficienza può mettere insieme il fabbisogno calorico prestabilito per aumentare di peso. Però, più parlavo con queste persone e più capivo che per loro è naturalmente difficile mangiare in eccesso e capivo anche che la loro magrezza naturale ha più a che fare con la loro impostazione mentale e i loro comportamenti che con le loro caratteristiche genetiche. Ho pensato che molte loro esperienze e idee potevano essere utili per i LE. Così ho parlato con un altro gruppo di persone naturalmente magre per capirne di più. Le persone hanno risposto alle mie domande dandomi delle informazioni preziose. Anche se ci sono indubbiamente delle differenze fisiologiche fra le persone naturalmente magre e le persone naturalmente più pesanti, non è solo una questione di genetica o di metabolismo. Le persone naturalmente magre pensano e agiscono in modo diverso anche. cosa possono avere in comune quelli che vogliono dimagrire e quelli che vogliono mettere su massa? Durante un seminario recente a Toronto ho avuto l opportunità di parlare con alcuni ragazzi del programma di allenamento Scrawny to Brawny (S2B) (da esile a massiccio). Abbiamo parlato delle loro difficoltà a ingrossare, il problema opposto a quello vissuto da quelli nel programma di allenamento Lean Eating (LE) (dimagrimento). Poi però ho capito che abbiamo tutti molto in comune. Dopotutto, i LE stanno cercando di dimagrire. Vogliono imparare a mangiare meno. Gli S2B stanno cercando di diventare più grossi e più pesanti. Devono imparare a mangiare di più. Entrambi i gruppi devono imparare dei nuovi modelli alimentari che sono contrari alle loro inclinazioni e abitudini alimentari normali. Foto: Eric Jacobson cibo, carburante ed emozioni il cibo come carburante Una delle cose più importanti dell impostazione naturalmente magro è che il cibo è solo cibo. A qualcuno il cibo piace più che ad altri ma in generale il cibo non è nient altro che cibo. Non è una ricompensa o un appiglio. Non ha un significato profondo, non è un rifugio. Foto: nsphotography - Fotolia.com À Il cibo è solo una fonte di energia. A volte scherzo con altri miei amici magri che se potessimo trarre tutto quello di cui abbiamo bisogno da una pillola sarebbe davvero comodo. Conosco il buon cibo e ho anche preso delle lezioni di cucina. Mi piace il sapore del buon cibo ma non è un ossessione. À Il cibo deve semplicemente darmi l energia sufficiente per affrontare la giornata e svolgere gli allenamenti. Il cibo è solo una cosa che mi serve per tenere a bada la fame. Non importa se mangio sempre spaghetti per molti giorni di fila, come in realtà è successo durante l adolescenza. Lo svantaggio di questa impostazione è che molte persone naturalmente magre hanno abitudini alimentari scadenti. Spesso mangiano qualsiasi cosa hanno a disposizione invece di preoccuparsi della qualità del cibo e dei nutrienti assunti. L altro problema è che molte persone naturalmente magre non danno molta importanza all alimentazione. Prima di intraprendere il programma S2B, mangiare non rientrava fra le loro priorità, c erano molte altre cose più importanti dell alimentazione. À Per me è ancora molto difficile dedicare il tempo sufficiente a mangiare tutto quello di cui ho bisogno. À [Mangiare] era un qualcosa che dovevo fare prima di potermi occupare di cose più importanti. Per le persone naturalmente magre, il cibo è solo uno strumento che non domina le giornate, perciò non pensano continuamente a mangiare. Questo però significa che spesso non sono delle priorità neanche la preparazione dei pasti e la salubrità degli alimenti. w w w.olympian.it Olympian s News / mind & body 157

3 i consigli dei magri per perdere peso alimentazione emotiva Molte delle persone naturalmente magre erano confuse circa il concetto di alimentazione emotiva. Capivano il concetto in teoria ma non lo comprendevano. Il cibo è solo un carburante, perciò per loro il cibo non può avere significati più profondi e addirittura di contrasto alla depressione. À L intero concetto del cibo di conforto o del mangiare quando si è depressi per cercare di sentirsi meglio mi suona molto strano. À Per i miei amici sovrappeso, mangiare quello che vogliono sembra essere la cosa più importante ancora più importante della loro salute. Mangiano per alleviare la depressione, per sentirsi meglio. Parlano di alimenti senza i quali non possono vivere, roba come patate, patatine fritte, dolci carboidrati. Per me è difficile capire come le persone possano trovare conforto nel cibo. come si capisce quando è l ora di mangiare? Molti LE hanno difficoltà a capire quando possono mangiare. Alcune persone sovrappeso dicono di avere sempre fame. Altri tendono a confondere la fame di testa (cioè il desiderio psicologico di cibo) con la fame fisica (cioè il bisogno fisiologico reale di cibo). È la differenza fra l aver voglia e l aver bisogno di cibo. Le persone naturalmente magre seguono sempre quanto dettato dallo stomaco o dagli orari dei pasti predeterminati e solitamente infrequenti. Spesso le persone naturalmente magre addirittura si scordano di mangiare. Foto: Eric Jacobson pasti, fame e sazietà À Mangio in base all ora o se mi viene una discreta fame. La colazione non è un problema perché corrisponde a quando entro in macchina. Anche il pranzo non è un problema perché tutti staccano a mezzogiorno. Di solito la cena corrisponde a quando mia moglie comincia ad avere fame. À Aspetto fino a che lo stomaco comincia a protestare per la fame. Non guardo mai l orologio. Mangio quando ne ho voglia. A volte mangio quando il lavoro me lo permette. della sazietà e smettono di mangiare al primo accenno di questi segnali. Un S2B ha detto che spesso si scorda che sta mangiando e molti dei suoi pasti si concludono perché deve uscire per fare qualcos altro. Le persone naturalmente magre non si sentono obbligate a pulire il piatto se non è necessario, non sembrano aver interiorizzato il messaggio c è chi muore di fame. À Al ristorante o quando le porzioni sono grandi, lascio gli avanzi nel piatto oppure li porto a casa. Non ho problemi a lasciare il cibo nel piatto se mi sento sazio a sufficienza. affamati o abbuffati? Immaginiamo una progressione dalla fame all abbuffata. 1 è pari al digiuno, roba tipo spedizione nel deserto senza niente da mangiare per giorni; 10 è pari a un abbuffata tale che l esofago sta per scoppiare. Prima di cominciare il programma S2B ho chiesto alle persone naturalmente magre a quale livello di questa progressione si sentirebbero a posto. Cosa significa appropriato e normale per loro? In gran parte hanno risposto che si sentirebbero a posto fra 4 e 6, un valore molto inferiore a quanto indicherebbero i tanti di noi inclini a sovralimentarsi. Una persona naturalmente magra ha detto addirittura che sarebbe orientata a 3: quanto basta per togliermi la fame. In realtà, in molti hanno detto che la sensazione di sazietà da loro cattive sensazioni. À Sentirmi sazio non mi fa sentire a mio agio e mi rende più lento. À Se mangio troppo non mi sento bene né fisicamente né mentalmente. À Detesto sentirmi come a 10 nella progressione della sazietà. È una cosa solo fastidiosa e inutile. Come se il mio stomaco interrompesse il funzionamento del cervello con segnali tipo sei esageratamente sazio. À Non ti senti miserevoli quando sei pieno come un uovo? Mi ricordo di quando una volta ho saltato un pasto per poi abbuffarmi a un buffet. In seguito me ne sono pentito così tanto che ho fatto una croce sui buffet. "Se mangio troppo non mi sento bene nè fisicamente nè mentalmente... Perciò, per i S2B una delle difficoltà maggiori è cominciare a mangiare. Non vogliono mangiare se non hanno veramente fame. Come si capisce quando è l ora di smettere di mangiare? Le persone naturalmente magre sono come il classico invitato snob che arriva in ritardo quanto basta per farsi notare e se ne va presto dando l idea di avere di meglio da fare. Se ne vanno sempre prima che le cose si facciano patetiche o che arrivi la polizia. In altre parole, sanno quando smettere di mangiare prima che sia troppo tardi. Sono attenti ai segnali fisici 158 Olympian s News / mind & body w w w. o l y m p i a n. i t

4 Quindi, come ha detto un partecipante, la parte più difficile del programma S2B è Mangiare tanto, riempirsi fino a sentirsi male. Mi ricordo che la prima sera sono andato a letto con la sensazione di avere un pallone incastrato nello stomaco. Sembravo uno scherzo della natura un uomo incinta di 8 mesi. Comunque, la gran parte delle persone magre ha preso con filosofia l esperienza delle sensazioni date dal mangiare di più e trovavano interessante il modo in cui alla fine il corpo si era abituato al cambiamento nell assunzione calorica. È stato detto che la dimensione delle porzioni era in larga parte una questione di abitudine e che se una persona magra può imparare a mangiare di più, allora altri possono imparare a mangiare meno. À L S2B è impegnativo però sto cominciando ad abituarmici. Intendo dire che la quantità che precedentemente avrebbe causato sazietà pari a 9-10, adesso è paragonabile a 7-8. Credo che possa funzionare anche al contrario per qualcuno che sta cercando di perdere peso. À Sono rimasto sorpreso quando la mia porzione di 300 g di carne è aumentata a g senza però darmi problemi. voglie, intrattenimento e velocità non tutti i pasti devono essere spettacolari Anche se alcuni S2B si sono autodefiniti dei palati difficili, in molti apprezzano il buon cibo in generale, senza però pensare che ogni pasto debba essere un evento elaborato. Come ha detto David Kessler in The End of Evereating e come osserva Brian Wansink in Mindless Eating, i produttori di cibo sanno che le persone tendono a mangiare di più quando hanno più scelte a disposizione. Quasi tutti mangiano di più a un buffet che a un pasto con piatto unico. Inoltre, le persone mangiano di più quando si possono fare tante esperienze insieme, tipo consistenze croccanti, consistenze cremose, varie combinazioni di gusti, tanti colori ecc. (pensate a un gelato con la guarnizione, a delle ali di pollo con la salsa o a un piatto di nachos). Questo perché gli esseri umani sono stimolati dalla varietà. Più cerchiamo cose varie e ricompensanti in un pasto e più rischiamo di sovralimentarci. Le persone naturalmente magre non si aspettano che ogni pasto sia stimolante o particolarmente interessante. Ovviamente apprezzano un buon pranzo elaborato ma lo considerano un evento raro. L unica cosa che manca è uno spettacolo pirotecnico. velocità Ho chiesto ai S2B a quale velocità mangiano di solito. Cosa interessante, le risposte sono state molto diverse. Alcuni vanno di corsa perché considerano mangiare una scocciatura. Altri tendono a prendersela con calma e a distrarsi. Una persona naturalmente magra ha detto che impiega minuti per terminare un pasto. Un altra persona ha detto che, adesso che deve mangiare di più, la sua lentezza nel mangiare è particolarmente evidente a colazione perché faccio tardi a lavoro perché non riesco a finire la colazione abbastanza velocemente! Mi ci vogliono oltre 40 minuti per finirla tutta e a volte non ci riesco nemmeno!. avete mai delle voglie? Le persone naturalmente magre si sono divise in due gruppi su quest argomento. Alcuni hanno detto di non aver mai voglia di niente in particolare, indipendentemente da quanto sia attraente o gustosa. Come ha detto una persona naturalmente magra: Non mangio molti zuccheri e posso tranquillamente astenermi quando tutti gli altri ordinano il dessert. Sono contrario anche a un eccesso di grassi. Elimino sempre il grasso in eccesso dalle bistecche, compro la carne macinata più magra e non uso cose tipo il burro. Fra quelli che hanno delle voglie a volte, quasi tutti concordano che i carboidrati semplici ciambelle, prodotti da forno, pizza e gelato sono i più allettanti. Altra cosa interessante, i vogliosi adorano il cioccolato. À Soffro sicuramente di una dipendenza da cioccolato. Se in casa ho del latte al cioccolato lo scovo e lo mangio, tutto. Lo so che non è una cosa saggia ma ho una dipendenza grave. Adesso sto provando a mettere ogni tanto uno o due pezzi di cioccolato fondente con l 85% di cacao nei miei superfrullati, noto che mi aiuta con le voglie. Però non è comunque una buona idea lasciarmi da solo in una stanza con un uovo di Pasqua da mezzo chilo. Comunque, una differenza fondamentale fra le persone naturalmente magre e quelle più pesanti è che spesso le persone naturalmente magre usano strategie diverse per gestire le voglie. Raramente cedono alle voglie, di solito cercano di concentrarsi su qualcos altro e spesso allontanano l alimento desiderato oppure capiscono che ne vogliono solo un assaggio. À A volte uso le voglie come delle specie di sfide, per capire quanta autodisciplina ho per resistere alle tentazioni. Di solito dopo un po mi scordo della voglia. La maggior parte delle volte in cui riesco a superare una voglia è perché non ho semplicemente a portata di mano le cose di cui ho voglia e sono troppo pigro o immotivato per uscire e comprarle. À Se voglio davvero del cioccolato ne prendo una barretta, però raramente la mangio tutta. Mi rendo conto che di solito quello che mi manca è solo il gusto. Il mio w w w. o l y m p i a n. i t Olympian s News / mind & body 159

5 i consigli dei magri per perdere peso stomaco può anche essere già pieno ma mi sento soddisfatto solo se mangio un pezzetto di cioccolata. Per esempio, la settimana scorsa sono passato davanti a un vassoio di cioccolatini e mi è venuta una forte voglia di cioccolato. Prima di cominciare il programma S2B avrei mangiato solo una barretta e poi me ne sarei andato ma siccome adesso voglio ottenere dei risultati con questo programma e voglio impegnarmi meglio che posso, ho fatto qualcosa di diverso. La cosa può sembrare strana, comunque, ho messo in bocca un cioccolatino assaporandone per un po il gusto, poi però l ho sputato nel cestino e mi sono mangiato una banana. Dopo mi sono sentito stupido, però avevo soddisfatto la mia voglia, dopodiché ho proseguito la mia giornata come al solito. À Gran parte delle volte non è un problema perché non compro queste cose, quindi non le ho in casa. Giro un po per casa per vedere se ho qualcosa, di solito non ho niente, così alla fine mangio un frutto (prima del S2B) o un frullato (dopo il S2B). Di solito mi rimetto a lavorare a qualcosa e così me ne dimentico. Una persona ha confessato di incappare in delle abbuffate occasionali. In questo caso cerca di usare la strategia di non tenere in casa gli alimenti oggetto di voglie. À Se succede di avere a portata di mano le cose di cui ho voglia mi abbuffo (per questo ho chiesto alla mia ragazza di non tenere in casa determinate cose e se ci sono di non farmelo sapere). Posso mangiare una busta intera di biscotti al cioccolato inzuppati nel latte nel giro di 12 ore. Credo che le radici delle abbuffate risalgano all infanzia. Eravamo quattro fratelli, di cui tre più o meno della stessa età. Dovevamo dividerci i dolci e mangiarli velocemente, altrimenti li avrebbe mangiati qualcun altro! Beh, in fin dei conto anche quelli naturalmente magri hanno dei punti deboli! attività fisica e dispendio calorico perdere (e non riguadagnare) peso. Non sorprende che le persone naturalmente magre sono persone spesso in movimento, magari per dei lavoretti, per delle commissioni o per portare fuori il cane. À Sono una persona con molta energia, sono molto attivo. Faccio tante cose, sono sempre in movimento. Per me è molto difficile restare seduto per periodi prolungati. Questa qualità mi ha anche aiutato a diventare uno dei pochi che non è stato accettato all asilo: non potevo stare fermo e allora non c era il Ritalin! Il mio lavoro come fisioterapista è piuttosto fisico: devo spostare arti e dimostrare esercizi. Direi che sposto alcune migliaia di chilogrammi nel corso di una giornata di lavoro piena (parti corporee, carico/scarico di bilancieri, manubri, macchine ecc.). À Ho un lavoro molto attivo (sudo almeno una volta nel corso di una giornata poco impegnativa) che mi impegna per molte ore. Lavoro in piedi per gran parte del giorno spostandomi spesso. Quando gli altri cominciano a rallentare io vado ancora a piena velocità. Inoltre, vado in palestra due volte la settimana e faccio pattinaggio sul ghiaccio due volte la settimana al mattino presto. Faccio anche tanti lavoretti. À Anche se ho un lavoro sedentario, in realtà mi muovo molto. Non riesco a capire come le persone riescano a restare seduti come delle patate per ore e ore. Io diventerei pazzo! À Cammino di continuo quando sono a lavoro e cammino anche quando sono al telefono. Cammino così tanto che mi sono procurato una frattura da stress in entrambi i piedi, in due momenti distinti! Lavoro per andare da casa all università, da casa al centro, nei pressi dell università, visitando nuove città (quando lavoravo come guida turistica), facendo una passeggiata per godermi il bel tempo Anche se ho un lavoro sedentario, in realtà mi muovo molto... Foto: Jane Doe - Fotolia.com le persone naturalmente magre sono persone attive Molti pensano che per dimagrire sia sufficiente andare in palestra qualche volta la settimana. Eppure, dati empirici indicano che nel lungo periodo le attività fuori della palestra (le cose giornaliere come le faccende di casa, i piccoli spostamenti, i lavoretti, le brevi camminate ecc.) contribuiscono al dimagrimento. La ricerca mostra che restarsene seduti per molte ore al giorno ostacola notevolmente la perdita di grasso, pur andando in palestra ogni giorno. Restare fermi per gran parte del giorno è controproducente, anche se siete tecnicamente attivi grazie agli allenamenti regolari. Questo movimento che genera termogenesi non riconducibile all attività fisica sportiva, è molto importante per farci Foto: avali - Fotolia.com sostegno sociale, messaggi e comportamenti ingordigia Molte persone naturalmente magre sono sensibili ai messaggi sociali sull ingordigia ed evitano di mangiare troppo perché la percepiscono come una cosa socialmente inopportuna. À Credo che una parte di me equipari il mangiare troppo all ingordigia e ogni tanto sento il bisogno di ricordarmi che il punto non è comportarsi come un maiale ma semplicemente crescere e alimentare la forza e la potenza. 160 Olympian s News / mind & body w w w. o l y m p i a n. i t

6 I Lean Eater detestano sprecare il cibo e di solito risolvono il problema mangiando gli avanzi. Le persone naturalmente magre, invece, evitano lo spreco di cibo usando porzioni più piccole. À Per me lo spreco di cibo (mangiando troppo) è sempre stata la cosa più difficile da gestire e colpevolizzante. I miei genitori ci dicevano chiaramente che non era bello sprecare il cibo quando nel mondo ci sono persone che muoiono di fame (le immagini dei bambini etiopi malnutriti durante le carestie degli anni 80 sono impresse nella mia mente). Forse è per questo che tendo a mettere nel piatto solo quello che mangerò (porzioni più piccole), prendendone di più solo se ho ancora fame, invece di rischiare di dover buttare via il cibo. Una persona naturalmente magra cresciuta in una famiglia con pochi soldi è consapevole del costo del cibo, perciò sta attenta a non esagerare. À Quando ero piccolo, mi sentivo in colpa se prendevo più cibo. Perciò, cercavo di limitarmi a una porzione ogni tanto ne prendevo una seconda se mi era offerta. Non volevo finire le scorte settimanali troppo velocemente perché non potevamo comprarne altre. eventi sociali Come istruttore Lean Eating, so che una delle cose più difficili per i Lean Eater sono gli eventi sociali. Le persone possono sentirsi pressate a mangiare, oppure trovano difficile resistere a una situazione dove c è molto cibo. Molti si preoccupano che gli altri li osservino giudicando quanto mangiano. Così mi sono chiesto se gli S2B hanno lo stesso problema e ho chiesto: Vi trovate a un evento sociale o familiare e alcune persone vi spingono a mangiare ma voi non avete fame. Cosa fate?. Le loro risposte sono state molto interessanti. Nessuno di loro si sente obbligato a mangiare quando non ha fame, indipendentemente da quante volte la nonna invita a mangiare qualche altro dolcetto. À La mia famiglia offre continuamente cibo. Forse fa parte della cultura tedesca: Chi vuole wurstel e formaggio per colazione e poi un po di birra???, declino l offerto educatamente. À In quasi tutti gli eventi sociali o familiari il cibo sembra essere l attrazione principale. Sono tantissime le volte in cui amici e parenti mi hanno spinto a mangiare o a bere quando non volevo o non avevo fame. Per me la sensazione di sentirmi pieno è così innaturale che nessun tipo di invito o senso di colpa può smuovermi dalla mia resistenza accanita al mangiare di più. Se una persona naturalmente magra cede alla pressione degli altri, cerca di essere creativa. À Quando al mio rifiuto si risponde comunque con un piatto pieno (nella cultura indiana non bisogna mai rifiutare il cibo perché può essere considerata maleducazione), accetto l offerta, mangio il boccone necessario e poi trovo un modo per scaricare il piatto da qualche parte. À Prendo la quantità socialmente accettabile più piccola possibile. Ne mangio un boccone o due e poi schiaccio il resto e lo spargo per il piatto. Le persone naturalmente magre non temono di offendere le persone. Sono cortesi nel loro rifiuto oppure fanno dello humour. Comunque non cedono e alla fine a cedere sono gli altri. À Se mi offrono del cibo che non voglio rifiuto cortesemente. Posso prenderne un boccone piccolo o una cucchiaiata tanto per provare qualcosa di nuovo, però non mangio perché pressato. Di solito mi tocco lo stomaco e dico che devo stare attento alla dieta. Prima era uno scherzo perché ero molto magro ma adesso è vero perché recentemente ho messo su qualche chilogrammo. La gente capisce e non sembra offendersi. À Ho scoperto che dopo aver detto no una volta o due la mia determinazione aumenta, è bello sapere che la gente capisce quando dici semplicemente no. immagine di se e identità Adesso una cosa che non mi aspettavo. Ho sempre pensato che le persone magre volessero essere più muscolose, pensavo alla proverbiale insicurezza del magrolino di 45 kg. Non sapevo che molte persone naturalmente magre sono in realtà ben contente di essere magre. Molti vogliono essere più magri o più leggeri per lo sport che fanno. Molti hanno detto di voler essere molto magri, con poco grasso corporeo. Solo pochi hanno detto di sentire la pressione che sperimentano le donne circa la magrezza. Il cibo sembra essere l attrazione principale... À Psicologicamente non è facile determinare se per me va bene o è appropriato essere grosso e forte. Ho sempre pensato di dover fare del mio meglio, nonostante la mia taglia e la poca forza, non il contrario. Ero un atleta veloce, rapido e intelligente e vedevo quelli più grossi e più forti come degli avversari che dovevo battere grazie al talento, alla rapidità e all intelligenza. Non pensavo di essere in grado di sviluppare forza e potenza pari alla loro. Quindi adesso è una cosa piuttosto interessante vedermi sviluppare queste caratteristiche (a questa età!). Proprio come i Lean Eater devono imparare a immaginarsi come delle persone in forma o addirittura atletiche per dimagrire, le persone naturalmente magre devono imparare a immaginarsi muscolose. Affinché il comportamento cambi, deve cambiare anche l identità. Foto: Gudellaphoto - Fotolia.com w w w. o l y m p i a n. i t Olympian s News / mind & body 161

7 i consigli dei magri per perdere peso e se foste obesi? Spesso per gli obesi è difficile immaginare quali sono i pensieri e le sensazioni delle persone naturalmente magre. Così ho chiesto agli S2B di riflettere sulla situazione opposta: Qual è una cosa che proprio non riesci a capire circa le persone obese o che si sovralimentano?. Molte persone naturalmente magre non riescono proprio a capire l assunzione di alcuni alimenti, specialmente in quantità eccessive. À Anche solo vedere le patatine fritte del fast food mi da la nausea, però tante persone le mangiano. Mi rendo conto di essere una sorta di marziano, perché l industria alimentare continua a produrre un sacco di questa roba (cose molto grasse e artificiali). Vedo queste cose nei carrelli della spesa e ho difficoltà a capire come possono mangiare una roba del genere. Altre persone naturalmente magre hanno detto che le persone obese non sembrano calcolare correttamente le porzioni. À Durante un buffet a base di cioccolata su una nave da crociera, io e la mia ragazza abbiamo riempito i nostri piccoli piatti da dessert con quella che pensavamo fosse una grossa quantità di dolci (5-6 pezzi). Alla fine riuscimmo a mangiarne solo mezzo piattino in due. Una signora si sedette al nostro tavolo. Era piuttosto bassa (circa 155 cm) e probabilmente pesava più di 135 kg. Aveva fatto una cupola su un piatto normale. Riuscì a finire tutto e fece anche il bis. Ero sbalordito che questa signora fosse riuscita a mangiare così tanto in così poco tempo per poi farsi un altro piatto pieno (preciso che aveva il braccialetto per diabetici). squilibrio fra desideri e azioni Le persone naturalmente magre sono sconcertate dalle persone che vogliono perdere peso ma non mangiano meno. À È sconvolgente quello che molte persone mangiano. L altro giorno ero a pranzo con un amico. Sta cercando di perdere qualche chilo di troppo Prima di ordinare mi aveva parlato della sua routine di allenamento, poi ha ordinato un doppio cheeseburger con pancetta. À Non capisco perché non hanno una sorta di pulsante mentale di arresto. Perché non possono smettete di mangiare troppo e il cibo spazzatura? Spesso sanno che dovrebbero farlo ma non riescono a farlo. addirittura fatto un corso Precision Nutrition doppio, il marito ha fatto lo Scrawny to Brawny e la moglie ha fatto il Lean Eating (mi immagino i compromessi sulla scelta degli alimenti e delle porzioni!). Ciò significa che i mariti S2B hanno potuto osservare e comparare direttamente esperienze e punti di vista diversi. À Mia moglie mangia in modo emotivo. Quando ha una giornata storta mangia un biscotto per sentirsi meglio. Ne è consapevole e sta cercando di superare quest abitudine. Io invece non ho mai avuto lo stimolo a mangiare per nervosismo o per noia. Questa difficoltà a capire non significa che le persone naturalmente magre non hanno compassione per le difficoltà degli obesi. Molti sono semplicemente sbalorditi da quello che vedono e si rendono conto dello squilibrio che c è fra gli obiettivi e i bisogni delle persone e i loro comportamenti. À I miei amici sovrappeso dicono sempre di volersi mettere a dieta, sempre. Il problema non è la mancanza di consapevolezza. Uno di loro ha fatto la dieta Weight Watchers per un po e ha perso 20 kg, però pochi mesi dopo li aveva ripresi tutti. Perciò il problema di questa persona non è che non sa come fare. À Dopo una cena normale, il mio amico passa il resto della serata a mangiare patatine, pezzi di torta, biscotti e gelato. Pensa di comportarsi in modo salubre perché mette un po di mirtilli nella ciotola del gelato e beve tè invece di bevande gassate! Una volta mi ha chiesto incredulo come ci riesco, come riesco a esercitare una tale disciplina costante e inamovibile. À Gli ho detto che le cose non stanno così. Il punto è che non ho voglia, né desiderio di mangiare quella roba. Mentre lui mangia cibo spazzatura per tutta la sera, io dico no grazie quando me lo offre e come spuntino serale mangio una scatoletta di tonno. A dire la verità, mangiare tanto come fa lui mi sembra disgustoso. Ogni tanto posso anche concedermi un pezzo di torta o un biscotto ma le sue quantità mi sembrano ripugnanti. À Tempo fa ho letto un articolo che diceva che la sovralimentazione influenza i recettori della dopamina nel cervello proprio come fanno la cocaina e altri farmaci che danno dipendenza. Mi sembra che questa cosa descriva molto bene il comportamento dei miei amici e le differenze fra di noi. Sembrano in preda a un urgenza, quasi inarrestabile, come dei dipendenti del mangiare in azione. Quindi, quell aspetto di me che considerano disciplina è secondo me una non dipendenza. Molti S2B sono sposati con donne che hanno problemi di peso. Alcuni hanno Le persone naturalmente magre sono sconcertate della persone che vogliono perdere peso ma non mangiano meno. Foto: PeJo - Fotolia.com 162 Olympian s News / mind & body w w w. o l y m p i a n. i t

8 Una volta sono andato al supermercato con il mio amico della dieta Weight Watchers. Il suo carrello era pieno di torte, biscotti e patatine. Gli dissi che se voleva dimagrire doveva cominciare ad assumere il controllo della sua dieta già nel supermercato. Se faceva entrare quella roba in casa, poi l avrebbe mangiata. Se non voleva mangiarla, doveva decidersi subito e toglierla dal carrello. Detto questo, l amico si girò verso una commessa sovrappeso e sorridendo le disse i magri non possono capire. La commessa rise e disse proprio così. Ovviamente comprò tutta quella roba. Questo significa che le persone naturalmente magre si appostano agli scaffali dei supermercati, giudicando i nostri carrelli e chiedendosi se siamo dei pazzi? Ovviamente no. Né significa che essere una persona naturalmente magra è sinonimo di buona salute. Significa soltanto che le loro esperienze e i loro punti di vista suggeriscono che gran parte dell alimentazione compulsiva è indotta, origina dal periodo della nostra infanzia, dalle nostre opinioni, dai messaggi sociali e dalle abitudini familiari. riassunto e consigli consigli per dimagrire dalle persone naturalmente magre Come potete imparare a pensare e ad agire come una persona naturalmente magra, così da ottenere dei benefici per la riduzione del grasso? Ecco alcuni consigli: Dovete capire che avete il controllo delle vostre abitudini alimentari, indipendentemente dalla vostra fisiologia. Il cibo è solo cibo, non deve essere usato come ricompensa o sfogo emotivo. Riorganizzate le vostre priorità e date al cibo una giusta collocazione, cioè quella di una cosa che è buona e ci sostiene ma che non dove dominare i nostri pensieri. Prestate attenzione ai segnali fisici. Cominciate a mangiare quando avete fame fisicamente e fermatevi quando siete fisicamente pieni. Date un altro significato a sazietà. Fermatevi prima di sentirvi pieni. Dovete capire che le voglie sono passeggere. Ignorate le voglie, distraetevi e non tenete in casa cibi pericolosi. Muovetevi più che potete. Dire di no al cibo nei momenti di socialità non è proibito. Più siete decisi e più le persone ci faranno l abitudine. Affinché cambino i comportamenti deve cambiare la propria identità. Quelli magri devono immaginarsi più grossi e più muscolosi. Quelli più pesanti devono immaginarsi come degli atleti magri. La dimensione delle porzioni è importante. Forse avete un idea sbagliata di cosa sia una porzione giusta. Per cambiare è necessario impegnarsi. Più vi impegnate a fare pasti più piccoli (o più grandi) e più il corpo ci si abituerà. Comportatevi in modo coerente con i vostri obiettivi. Se vi comportate in un modo che vi danneggia, o cambiate i vostri comportamenti o cambiate i vostri obiettivi. In ogni caso, siate realistici e onesti circa quello che state facendo. ultime considerazioni di una persona naturalmente magra: Una cosa che tengo a precisare è che l essere magro non è sinonimo di buona salute. Prima del S2B non godevo di buona salute. Cerco di favorire un dialogo aperto fra le persone su salute e alimentazione, a volte però le persone sembrano aver paura di parlare del fatto che stanno cercando di migliorare il loro stato di salute. Penso che spesso debbano fare maggiore attenzione alla salute sia quelli molto magri sia quelli sovrappeso, però gli obiettivi sono leggermente diversi. Io (che cerco di guadagnare peso) parlo spesso con il mio amico che cerca di perdere peso e cerchiamo di trovare un punto di accordo. Anche se abbiamo obiettivi diversi possiamo motivarci a vicenda a diventare persone più sane e più felici. Krista Scott-dixon inviata a tradurre a Massimo...???? w w w. o l y m p i a n. i t Olympian s News / mind & body 163

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007 Milano, giugno 2007 Tempi che corrono Ore 8.30 Maria si siede al tavolo con la sua colazione: cappuccio, brioche e una spremuta d'arancia. Comincia a sfogliare il giornale, ma è distratta... Non dalla

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli