Guida ad un sano stile di vita

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida ad un sano stile di vita"

Transcript

1 Dipatimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche U.O. Centro Salute Mentale Guida ad un sano stile di vita se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, né in difetto né in eccesso, avremmo trovato la strada per la salute Ippocrate ( a.c.) Informazioni utili

2 Dipatimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche U.O. Centro Salute Mentale Guida ad un sano stile di vita se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, né in difetto né in eccesso, avremmo trovato la strada per la salute Ippocrate ( a.c.) Informazioni utili

3 Il presente opuscolo è stato realizzato a cura di Dott. G. Fucci I.P. L. Croari I.P. C. Macchia I.P. C. Miserocchi I.P. M. Lombardi I.P. M. Pezzi dell'u.o. Centro Salute Mentale del Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell'azienda USL di Ravenna. U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA - AZIENDA USL DI RAVENNA Composizione ed impaginazione: Claura Campanini Stampa: a cura del Centro Stampa Aziendale Ravenna: stampa agosto 2012

4 INDICE - Cosa è la Sindrome Metabolica pag. 6 - Cosa è la Malattia Cardiovascolare pag. 7 - Cosa è la glicemia pag. 9 - Cosa sono il colesterolo e i trigliceridi pag Cosa è l'obesità pag Consigli dietetici pag Attività fisica pag. 20 5

5 Nel nostro Paese circa la metà della popolazione è in sovrappeso. La causa dell eccesso di peso va ricercata da una parte nella sempre maggiore disponibilità di alimenti e dall altra in uno stile di vita sedentario. Scopo di questa Guida è quello di fornire pratiche ed utili informazioni per adottare un sano stile di vita prevenendo, così, l insorgenza di una Sindrome Metabolica e le conseguenze ad essa connesse. Cosa è la Sindrome Metabolica La Sindrome Metabolica è una condizione che pone l individuo ad altro rischio di insorgenza di malattie cardiovascolari. I soggetti con Sindrome Metabolica hanno spesso cattive abitudini e comportamenti dannosi, tanto è vero che nelle civiltà meno ricche, caratterizzate da alimentazione più semplice e maggiore attività fisica, questa malattia è molto meno frequente. Le cause della Sindrome Metabolica vanno ricercate, oltre che in una predisposizione genetica, anche in una vita sedentaria, nel soprappeso, in valori elevati di glicemia, trigliceridi e colesterolo, fattori tutti fortemente interconnessi fra loro. Anche se ci si sente bene e non sembra emergere alcun problema fisico bisogna porre attenzione ad alcuni valori che possono indicare la presenza di una Sindrome Metabolica: Peso; Glicemia a digiuno; Pressione Arteriosa; Trigliceridi; Colesterolo HDL. Tre di questi valori alterati indicano la presenza di una Sindrome Metabolica e il rischio di insorgenza di una malattia cardiovascolare è sicuramente aumentato. SINDROME METABOLICA Circonferenza Trigliceridi Colesterolo HDL Pressione Glicemia Addominale > 150 mg/dl Donna < 50 mg/dl Arteriosa a Digiuno Donna > 88 cm Uomo < 40 mg/dl > 130/85 mmhg >100 mg/dl Uomo > 102 cm 6

6 Cosa è la Malattia Cardiovascolare La Malattia Cardiovascolare è generalmente causata dalla formazione di placche aterosclerotiche che restringono progressivamente i vasi arteriosi. Quando ciò avviene si riduce l afflusso di sangue che, risultando insufficiente, può condurre a gravi problemi. Quando la parete interna di un arteria è danneggiata, ad esempio da alti valori di colesterolo o di pressione sanguigna, si forma lentamente una placca aterosclerotica. L aumento progressivo di questa placca riduce il passaggio di sangue, quindi di ossigeno e sostanze nutritive, che scorre nell arteria per raggiungere le varie parti del corpo. Quando ciò interessa i vasi arteriosi del cuore o del cervello si possono verificare gravi complicanze come l infarto cardiaco e l ictus cerebrale. La Pressione del Sangue è dovuta alla forza con cui il cuore pompa il sangue, che trasporta ossigeno e nutrimento, nelle arterie per farlo circolare in tutto il corpo. 7

7 La Pressione Alta (Ipertensione) è uno dei fattori di rischio più importanti per le malattie cardiovascolari. Per tale motivo è importante tenere sotto controllo tale valore mediante periodiche misurazioni. La Pressione del Sangue si misura con lo sfingomanometro che da due valori: la pressione massima o sistolica (quando il cuore si contrae per pompare sangue nelle arterie) e minima o diastolica (quando il cuore si rilascia). Pressione Pressione Categoria Sistolica Diastolica Normale Normale Alta (Borderline) Ipertensione I Grado (lieve) Ipertensione II Grado (moderata) 180 e oltre 110 e oltre Ipertensione di III Grado (severa) 8

8 Il controllo della Pressione Arteriosa è molto importante al fine di prevenire le complicanze dell Ipertensione: - danni alla vista per emorragia e/o occlusione dei vasi della retina; - danni renali - danni cerebrali - indurimento delle arterie periferiche - danni cardiaci Cosa è la glicemia La glicemia è la quantità di zucchero presente nel sangue. Tale valore si può misurare facilmente mediante un prelievo di sangue a digiuno da almeno 12 ore. La presenza di troppo zucchero nel sangue (Iperglicemia) può contribuire alla comparsa o all aggravarsi di altre problematiche (colesterolo e trigliceridi elevati; pressione alta; soprappeso; diabete) che insieme concorrono nella genesi e nel mantenimento della Sindrome Metabolica e delle sue gravi complicazioni. GLICEMIA E SINDROME METABOLICA Glicemia fra 70 e mg/dl Glicemia normale Glicemia fra 110 e mg/dl Glicemia aumentata se sono presenti altri due fattori si è in presenza di una Sindrome Metabolica Glicemia uguale o superiore Glicemia elevata a 126 mg/dl una condizione di rischio e può indicare la presenza di un Diabete che va confermato anche con la misurazione della emoglobina glicata 9

9 Cosa sono il colesterolo e i trigliceridi Il colesterolo è una sostanza presente nel sangue e simile al grasso. Nella giusta quantità è una sostanza necessaria per il buon funzionamento dell organismo. I trigliceridi sono i costituenti principali del tessuto adiposo e sono quindi la scorta di calorie del nostro organismo. Quando sono presenti in quantità eccessive possono provocare gravi problemi alla circolazione (formazione di pacca aterosclerotica) e quindi alla salute dell individuo. Il colesterolo e i trigliceridi viaggiano nel sangue legati a proteine (VLDV; LDL; HDL). Il fegato produce le VLDL che trasportano colesterolo e trigliceridi. Le VLDL rilasciano trigliceridi ai tessuti e diventano LDL che successivamente rilasciano ai tessuti il colesterolo. Le HDL catturano il colesterolo nel sangue, impedendo che formi una placca aterosclerotica, e lo riporta al fegato. 10

10 HDL (Colesterolo Buono): è quello che ripulisce le arterie dal colesterolo in eccesso. In questo modo le pareti delle arterie rimangono libere e il sangue scorre liberamente. LDL (Colesterolo Cattivo): è quello che trasporta colesterolo ai tessuti ma lo deposita anche sulle pareti arteriose favorendo la formazione della placca aterosclerotica. Cosa è l obesità I GRASSI IN NUMERI Valore normale Valore limite Valore patologico Colesterolo Totale minore di 200 mg/dl da 200 a 239 mg/dl superiore a 240 Colesterolo LDL minore di 100 mg/dl da 101 a 129 mg/dl superiore a 130 Colesterolo HDL superiore 50 mg/dl inferiore 50 mg/dl (donne) (donne) superiore 40 mg/dl inferiore 40 mg/dl (uomini) (uomini) Trigliceridi minore di 150 mg/dl da 151 a 199 mg/dl superiore a 200 mg/dl L obesità si verifica quando nel corpo si accumula troppo grasso. Tale accumulo è determinato dal fatto che vengono introdotte con il cibo più calorie di quanto se ne bruciano con le attività quotidiane, e da una condotta di vita sedentaria. Nell uomo il grasso si deposita soprattutto sull addome (forma a mela) mentre nella donna sui fianchi (forma a pera). Molto pericoloso è l accumulo di grasso a livello viscerale. Per tale motivo è importante la misura della circonferenza vita (deve essere inferiore a 102 cm per l uomo e 88 cm per la donna). 11

11 Molto importante ai fini della valutazione dell obesità è la misurazione dell Indice di Massa Corporea (ICM). ICM = peso espresso in Kg diviso per l'altezza in metri al quadrato Indice di Massa Corporea Sottopeso Meno di 18.5 Normopeso Soprappeso Obesità Primo Grado Obesità Secondo Grado Obesità Severa Maggiore di 40 Correlazione fra IMC e rischio di morte per malattia cardiovascolare COMPLICANZE OBESITA EVOLUZIONE UMANA? Cosa si può fare per prevenire e curare la Sindrome Metabolica? Quali provvedimenti si possono mettere in atto per ridurre i fattori di rischio? BASTANO DEI SEMPLICI CAMBIAMENTI ALLO STILE DI VITA!!! 12

12 Perdere il 5 10% del peso corporeo può aiutare a ridurre i livelli nel sangue di glicemia, trigliceridi, colesterolo e la pressione arteriosa Fare regolarmente attività fisica aerobica (ad esempio camminare a passo svelto per circa 30 minuti al giorno) aiuta a perdere peso e a ridurre tutt i fattori di rischio della Sindrome Metabolica. - Non digiunare!!! I chili persi con il digiuno vengono subito riacquistati. - Evitare diete non equilibrate!!! Determinano solo un effetto yo-yo sul peso. - Variare gli alimenti!!! Bisogna mangiare un poco di tutto mantenendo l equilibrio tra i vari elementi (zuccheri, grassi, proteine, fibre, minerali) in quanto non esiste un alimento completo. Consigli dietetici Controlla il peso e mantieniti sempre attivo: il peso corporeo rappresenta l espressione del bilancio energetico tra entrate ed uscite caloriche. L energia viene introdotta con gli alimenti ed è utilizzata dal corpo sia durante il riposo che il movimento. Se si introduce più energia di quanto se ne consuma l eccesso si accumula nel corpo sottoforma di grasso, determinando un aumento di peso oltre la norma. 13

13 Segui un buon ritmo alimentare: 3 pasti al giorno; evitare di spiluccare continuamente; fare uno spuntino a distanza di 2-3 ore dai pasti principali; usare piatti più piccoli. Mangia lentamente: appoggiare le posate tra un boccone e l altro; fare bocconi più piccoli; fare una pausa durante il pasto; masticare più a lungo. Bevi ogni giorno almeno un litro e mezzo di acqua. Bisogna bere frequentemente e in piccole quantità. Utilizza poco sale: un consumo eccessivo di sale può favorire l instaurarsi dell ipertensione arteriosa, aumentando i rischi per alcune malattie del cuore, dei vasi sanguigni, dei reni. Fonti di sodio: acqua, frutta,verdura, carne, sale da cucina, prodotti trasformati e industriali. Come comportarsi: ridurre progressivamente l uso di sale sia a tavola che in cucina; preferire il sale arricchito con iodio; limita l uso di condimenti alternativi che contengono sodio come il dado da brodo, ketchup, senape ecc; insaporisci i cibi utilizzando erbe aromatiche (aglio, cipolla, basilico, prezzemolo, rosmarino) o succo di limone e aceto; consuma saltuariamente i formaggi, patatine in sacchetto, olive da tavola, salumi che sono prodotti trasformati e ricchi di sale; con l attività sportiva moderata reintegra la perdita di liquidi attraverso la sudorazione semplicemente bevendo acqua. 14

14 Modera il consumo di alimenti e bevande dolci nella giornata: tra i dolci preferisci i prodotti da forno (contengono meno grasso e zucchero e più amido); limita il consumo di prodotti che contengono molto saccarosio e specialmente di quelli che si attaccano ai denti, come caramelle morbide e torroni; da usare con moderazione le bevande come aranciata, coca cola, succhi di frutta, caffé, tè, che apportano sostanze contenenti calorie. Non digiunare ma variare gli alimenti: il digiuno non fa dimagrire e i chili persi vengono subito ripresi. Per dimagrire bisogna mangiare un poco di tutto scegliendo gli alimenti appartenenti a tutti i diversi gruppi alimentari. Per garantire un alimentazione sana è necessario che vengano consumati quotidianamente almeno uno o più alimenti appartenenti a ciascun gruppo alimentare. Gruppi alimentari Gruppo I: gruppo proteico (carni, pesci, uova). Contengono proteine, ferro e alcune Vitamine del gruppo B e lipidi. Il fabbisogno giornaliero è pari a 10-15% dell apporto calorico. Preferire il pesce e le carni bianche (pollame, coniglio). Gruppo II: latte e derivati. Contengono calcio, proteine, alcune Vitamine del gruppo B e liposolubili (panna e burro anche se sono derivati dal latte sono classificati nel gruppo dei grassi). 15

15 Gruppo III: cereali e derivati. Contengono carboidrati complessi (amido e fibre) o glucidi (sono il carburante del nostro corpo, sono fondamentali per lo sviluppo di muscoli e cervello), proteine di medio valore biologico, Vitamine del gruppo B e fibra. Sono pane, pasta, riso, patate, cereali e biscotti, e contengono amidi. Circa la metà delle calorie introdotte durante il giorno dovrebbero provenire da carboidrati (di questi il 10% deve essere costituito da carboidrati semplici che sono contenuti nella frutta, nel miele, nello zucchero bianco e in quello di canna). Gruppo IV: legumi. Contengono proteine di medio valore biologico, ferro, alcune Vitamine del gruppo B, carboidrati e fibre. Il gruppo si compone di fagioli, lenticchie, ceci, piselli, fave, soia. In generale è meglio consumare proteine di origine vegetale che si trovano appunto nei legumi e cerali. Una buona scelta: riso e piselli; pasta e fagioli; orzo e ceci. Gruppo V: oli e grassi da condimento. Contengono lipidi, acidi grassi essenziali (omega-3) e favoriscono l assorbimento delle vitamine liposolubili (A, D, E, K e dei caroteni). Un eccessivo consumo di grassi rappresenta un fattore di rischio per l insorgenza di obesità, malattie cardiovascolari e tumori. 16

16 Come comportarsi: Modera la quantità di grassi ed oli che usi per condire e cucinare. Utilizza forme alternative per una migliore cottura degli alimenti, senza l utilizzo di grassi: tegami antiaderenti, cottura al cartoccio, forno a microonde, cottura al vapore limita il consumo di grassi da condimento di origine animale (burro, lardo, strutto, panna); preferisci i grassi da condimento di origine vegetale (olio extra vergine di oliva) usa grassi da condimento preferibilmente a crudo ed evita di riutilizzare i grassi e gli oli già cotti non eccedere nel consumo di alimenti fritti mangia più spesso il pesce sia fresco che surgelato (2-3 volte a settimana) tra le carni preferisci quelle magre e bianche (pollo, tacchino, coniglio) ed elimina il grasso visibile utilizza latte scremato o parzialmente scremato consuma porzioni ridotte di formaggi più grassi leggi le etichette contenute negli alimenti per controllare la quantità di grassi contenuti Gruppo VI: ortaggi e frutta, fonti di Vitamina A (carotene), acqua, sali minerali, fibre, zucchero e altre Vitamine. Sono ortaggi e frutta di colore giallo-arancio o verde scuro. Gruppo VII: ortaggi e frutta fonti di Vitamina C, sali minerali, fibra, altre vitamine, acqua e zucchero (ortaggi a gemma e frutta acidula: broccoli, cavolfiore, pomodori, 17

17 Utilizza la tua giusta porzione di alimento Carboidrati complessi: pane, pasta, riso, patate, legumi freschi, cereali e derivati consumarne 4-5 porzioni al giorno. È opportuno privilegiare la varietà ed è meglio consumare cereali integrali. Frutta e verdura: consumarne preferibilmente fresca e di stagione almeno 5 porzioni al giorno (2 di frutta e 3 di verdura). Proteine animali: carne, pesce, latticini, uova e proteine vegetali (legumi secchi) consumare 1-2 porzioni al giorno. Pesce almeno 2 volte a settimana; carne non più di 3 volte a settimana; uova 1-2 una volta a settimana; formaggi, salumi e legumi alternandoli tra loro 1 volta a settimana. In specifico per i latticini, si possono consumare con moderazione tutti giorni ad es. sulla pasta si possono aggiungere 2 cucchiaini di parmigiano o grana padano o pecorino (10 g), il formaggio 1-2 volte a settimana in sostituzione a una pietanza. In un giorno si possono consumare 3 porzioni di latticini: ad es. 1 bicchiere di latte al mattino, un piccolo pezzo di formaggio bianco a pranzo e uno yogurt nel pomeriggio. Latte e yogurt 1-2 porzioni al giorno preferibilmente scremati o parzialmente scremati. Grassi da consumare con moderazione. Come condimento è consigliabile consumare 1-3 porzioni di olio extravergine d oliva al giorno (1-3 cucchiai) e preferire grassi di origine vegetale. 18

18 Attenzione ai grassi nascosti presenti in vari alimenti come carni, formaggi, frutti oleosi o aggiunti nella preparazione come in biscotti, patatine fritte, brioche e dessert. Zuccheri: I dolci vanno consumati raramente, e tra questi preferire ad es. una barretta di cioccolato fondente da 30 g o un gelato piccolo o una piccola porzione di torta di mele fatta in casa. Per dolcificare è meglio il fruttosio. Fare attenzione agli zuccheri nascosti che sono carboidrati semplici come quelli presenti nella frutta e nei prodotti lattieri e soprattutto fare attenzione a quelli aggiunti a certi alimenti come bibite, caramelle, marmellata dolci, yogurt (1 bicchiere di bibita da 250 ml contiene l equivalente di 5 zollette di zucchero; 1 tavoletta di cioccolato nero da 100g contiene l equivalente di 11 zollette di zucchero). Bevande: limitare il consumo di bevande zuccherate e privilegiare il consumo di acqua (almeno 1.5 lt al giorno). Pizza: può essere mangiata una volta la settimana e il pasto precedente alla pizza dovrebbe consistere in un secondo con verdure. Consigli Non bisogna stare più di 2-3 ore senza mangiare; la frutta va consumata alla fine del pasto o come spuntino; la verdura andrebbe mangiata all inizio del pasto. 19

19 Non mangiare guardando la TV o leggendo il giornale, ma stare a tavola rilassati e sereni evitando tensioni. Essere critici con i messaggi pubblicitari ed imparare a leggere le etichette per scegliere alimenti a minor contenuto calorico. Non fare la spesa quando si è digiuni per evitare di comprare cibi ipercalorici. Attività fisica Svolgere una regolare attività fisica determina tutta una serie di benefici: migliora la condizione fisica e mentale; permette di aumentare il dispendio energetico giornaliero; mantiene la struttura muscolare; aumenta il metabolismo basale; migliora il tono dell'umore; diminuisce ansia e depressione; migliora la qualità del sonno; può favorire la vita sociale coinvolgendo amici o familiari. Preferire attività fisiche aerobiche (a bassa intensità) a quelle anaerobiche (attività basate su scatti intensi o sforzi istantanei). L'attività fisica può essere svolta in maniera furtiva (salire le scale anziché prendere l'ascensore; parcheggiare l'auto lontano; scendere dall'autobus alla fermata prima; scegliere negozi lontani ed andarci a piedi; portare a passeggio il cane, ecc,) oppure in maniera programmata scegliendo quella più congeniale (camminare a passo svelto; andare in bicicletta; fare nuoto; fare ginnastica aerobica, cyclette, calcetto, pallavolo, tennis, ecc). 20

20 Suggerimenti Iniziare l'attività programmata sempre in maniera lenta e graduale aumentare l'intensità dell'attività fisica quando i muscoli si sono scaldati non bisogna affannarsi né correre durante una camminata veloce decelerare il passo per rilassare la muscolatura l'attività deve essere svolta almeno 3 volte alla settimana ispirarsi sempre alla piramide dell'attività fisica Piramide dell'attività fisica 21

21 22

22 Numero Verde del Servizio Sanitario Regionale: Operatori qualificati rispondono da lunedì a venerdì dalle ore 8:30 alle ore 17:30 il sabato mattina dalle ore 8:30 alle ore 13:30 Sito internet Azienda USL di Ravenna: Stampa a cura del Centro Stampa dell'azienda USL di Ravenna EDITORIA N (stampa: agosto 2012)

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI La prima colazione A tavola: La prima colazione permette di migliorare l attenzione e la concentrazione, quindi il rendimento scolastico. Inizia la tua giornata

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Grassi: Grassi. 3. scegli la qualità e limita la quantità

Grassi: Grassi. 3. scegli la qualità e limita la quantità 3. Grassi: Grassi 3. scegli la qualità e limita la quantità 3. Grassi: scegli la qualità e limita la quantità 30 Per stare bene è necessario introdurre con l'alimentazione una certa quantità di grassi,

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche,

IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche, IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche, delle conoscenze, delle abilità, dei saperi e delle tradizioni

Dettagli

Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti

Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti Nei paesi industrializzati e quindi anche in Italia l ipertensione è una questione rilevante di salute pubblica. Molti casi di ipertensione sono legati

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ NUTRIENTI (O PRINCIPI NUTRITIVI): PROTEINE LIPIDI CARBOIDRATI VITAMINE ACQUA MINERALI CON FUNZIONE: PLASTICA ENERGETICA BIOREGOLATRICE PROTEINE LUNGHE CATENE DI

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE Perché rivolgersi al Medico di Famiglia? COME LO MISURIAMO? Con mezzi molto semplici, in ambulatorio 1 COME LO MISURIAMO? Uno sfingomanometro per misurare la pressione COME LO

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Lega Friulana per il Cuore CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

Introduzione Pag. 3. Il decalogo dei consigli Pag 4. Ripartizione giornaliera degli alimenti Pag. 5. Esempi di dieta Pag. 6

Introduzione Pag. 3. Il decalogo dei consigli Pag 4. Ripartizione giornaliera degli alimenti Pag. 5. Esempi di dieta Pag. 6 Introduzione Pag. 3 Il decalogo dei consigli Pag 4 Ripartizione giornaliera degli alimenti Pag. 5 Esempi di dieta Pag. 6 Frequenze settimanali Pag. 7 Attività fisica Pag. 8 La piramide della salute Pag.

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete Come costruire una sana alimentazione in famiglia Quando si fa la spesa durante i pasti alcolici consigli ai genitori come ridurre il contenuto in grassi (Società Italiana Nutrizione Umana) 1 Quando si

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ABITUDINI NUTRIZIONALI IN ITALIA ETÀ PRESCOLARE E SCOLARE ABITUDINI NUTRIZIONALI 3-53

Dettagli

DIETA E KARATE PREMESSA

DIETA E KARATE PREMESSA DIETA E KARATE PREMESSA La dieta dello sportivo è spesso mirata a bruciare le prestazioni di pochi gruppi muscolari nell arco di pochi anni. Questo purtroppo può comportare un invecchiamento precoce e

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA E una dieta ipocalorica, caratterizzata da un modulo alimentare basato su tre pasti principali: colazione, pranzo, cena con due spuntini: mattina e pomeriggi. Mangiare

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI:

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: 2016 LE 12 REGOLE DEL CUORE CONSIGLI NUTRIZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: DOTT.SSA FRANCESCA DE BLASIO BIOLOGA NUTRIZIONISTA DOTTORATO DI RICERCA IN SANITÀ PUBBLICA

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA: Come alimentarsi per star bene? http://www.inran.it/inran_lineeguida.pdf

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA: Come alimentarsi per star bene? http://www.inran.it/inran_lineeguida.pdf LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA: Come alimentarsi per star bene? http://www.inran.it/inran_lineeguida.pdf La scelta degli alimenti e basata su molteplici fattori : storia, cultura, ambiente

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE In qualità di Presidente del mi sento in dovere di portarvi a conoscenza di alcune interessanti e basilari concetti per una corretta alimentazione dei nostri figli.

Dettagli

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI Le esigenze della incessante attività del corpo umano fanno si che le numerose sostanze che lo formano (le quali sono soggette ad usura e a perdite e vanno quindi via via ricostituite e/o sostituite) e

Dettagli

Alimentazione, arteriosclerosi e malattie cardiovascolari

Alimentazione, arteriosclerosi e malattie cardiovascolari Cause L sono la causa di mortalità più frequente nei paesi occidentali industrializzati. In prima linea troviamo l infarto del miocardio come conseguenza della malattia cardiovascolare (MCV). La malattia

Dettagli

Alimentazione e reflusso gastrico

Alimentazione e reflusso gastrico Cause Il reflusso gastrico è causato dal reflusso del contenuto acido dello stomaco nell esofago. Questo succede per esempio con una pressione troppo forte sullo stomaco o perché il muscolo superiore di

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID CONVEGNO REGIONALE AMD-SID NEFROPATIA DIABETICA, IPERTENSIONE E MALATTIA CARDIOVASCOLARE SESSIONE PARALLELA PER DIETISTI E INFERMIERI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CON

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

Schema della dieta ipoproteica 1

Schema della dieta ipoproteica 1 Schema della dieta ipoproteica 1 Consigli generali: 1. Consumare settimanalmente come secondi piatti: Carne Pesce (fresco e surgelato) Formaggio fresco Prosciutto cotto al naturale Uova Legumi (freschi

Dettagli

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Consigliere Nazionale SINSeB Docente Università di Camerino Stato nutrizionale Bilancio energetico

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport ALIMENTAZIONE E SPORT Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport Argomenti: 1) Il fabbisogno energetico 2) Gli alimenti 3) L acqua 4) Vitamine, sali minerali, integratori 5) La dieta dello sportivo

Dettagli

Prova Costume? Niente Paura!

Prova Costume? Niente Paura! Prova Costume? Niente Paura! Che Cos è la Nutraceutica? SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO L alimentazione occupa un ruolo decisivo per il nostro benessere. Spesso però non conosciamo quello che mangiamo e la qualità

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.)

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) L attività fisica e l alimentazione sono entrambi comportamenti specifici e reciprocamente

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

Sana alimentazione e piramide alimentare. Dott.ssa Gabriella Paganelli

Sana alimentazione e piramide alimentare. Dott.ssa Gabriella Paganelli Sana alimentazione e piramide alimentare Dott.ssa Gabriella Paganelli Benessere Per migliorare la qualità della vita e del benessere è necessario promuovere stili di vita sani agendo in particolare sui

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di INFORMARSI È SEMPLICE, RECLAMARE È FACILE CONOSCERE I PROPRI DIRITTI È IL PRIMO PASSO PER FARLI VALERE Iniziativa organizzata con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico QUESTIONARIO SUGLI

Dettagli

Progetto Expo 2015. Questionario on-line

Progetto Expo 2015. Questionario on-line a.s. 2014.15 Progetto Expo 2015 Questionario on-line Questionario di indagine sul livello di informazione e consapevolezza in merito all alimentazione Indice Introduzione Prima sezione: Conosci le tue

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

6. Il Sale? Meglio poco

6. Il Sale? Meglio poco 6. Il Sale? Meglio poco Di quanto sale abbiamo bisogno Sia il sapore che le proprietà biologiche del sale comune (cloruro di sodio) sono legate principalmente al sodio; ogni grammo di sale contiene circa

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

L'alimentazione nel giovane sportivo

L'alimentazione nel giovane sportivo L'alimentazione nel giovane sportivo Dr.ssa Sara Perrotta Biologa Nutrizionista Le abitudini alimentari sono in grado di influenzare in maniera significativa la capacità individuale di realizzare una determinata

Dettagli

ALIMENTAZIONE E DISLIPIDEMIE

ALIMENTAZIONE E DISLIPIDEMIE ALIMENTAZIONE E DISLIPIDEMIE INTRODUZIONE Per dislipidemia s intende un alterazione del profilo dei grassi (lipidi) nel sangue (colesterolo e trigliceridi). Allo stato attuale il motivo di preoccupazione

Dettagli

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO PROGETTO ALIMENTAZIONE E CULTURA Impariamo a nutrirci per crescere meglio CIRCOLO DIDATTICO DI ARICCIA Centro Studi Regionale per l Analisi e la Valutazione del Rischio Alimentare (CSRA) - IZS Lazio e

Dettagli

PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA

PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA NOI E IL CIBO Per crescere servono calorie e principi nutritivi e la nutrizione della prima parte della vita influisce sull

Dettagli

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA Regione PIEMONTE- ASL2-Torino Ambulatorio di Cardiologia OSPEDALE S. Giovanni Bosco Tel.011-2402310 Progetto GIOTTO Responsabile Drssa Bianca BIANCHINI DIETA Ovvero MANGIARE PER LA VITA Questo piccolo

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO una corretta informazione per un benessere psicofisico Mangiare o nutrirsi? Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico Nutrirsi

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE 1-2 e 8-9 maggio 2010 GUIDA PER UNO stile di vita SALUTARE ATTIVITÁ FISICA QUOTIDIANA Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di PASSEGGIATA Per migliorare lo stile di vita: parcheggiare più

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano COMPOSIZIONE CORPOREA Maschi Femmine Acqua 35% Grasso 15% Muscoli 50% 35% 22% 43% Riserve energetiche

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

SEZIONE PROVINCIALE DI CUNEO IL PIACERE DELLA SALUTE

SEZIONE PROVINCIALE DI CUNEO IL PIACERE DELLA SALUTE SEZIONE PROVINCIALE DI CUNEO IL PIACERE DELLA SALUTE BIBLIOGRAFIA Le informazioni contenute nell opuscolo sono state acquisite da: LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE www.mipaf.it (sito ufficiale del

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE Dott.ssa Luce Ghigo Medico Chirurgo Convenzionato S.S.N. Medicina di Gruppo - Medico di R.S.A. Piani Alimentari e Terapia del Sovrappeso 1 Se è vero che le esigenze nutrizionali

Dettagli

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Mercoledì 30 novembre 2011 Bolzano Via Cesare Battisti, 27 Il cibo influenza: La salute La composizione corporea La velocità

Dettagli

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010 I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Per avere un alimentazione varia, senza assumere elevati quantitativi

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli