Relatore: Dott. Massimo Spattini - Medico Chirurgo Specialista in Scienza dell Alimentazione - Specialista in Medicina dello

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relatore: Dott. Massimo Spattini - Medico Chirurgo www.massimospattini.it Specialista in Scienza dell Alimentazione - Specialista in Medicina dello"

Transcript

1 Relatore: Dott. Massimo Spattini - Medico Chirurgo Specialista in Scienza dell Alimentazione - Specialista in Medicina dello Sport Board Certified in Anti-aging & Regenerative Medicine (ABAARM USA) Docente all Università Sapienza di Roma al Corso Benessere e stili di vita

2 Se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento e di esercizio fisico nén in eccesso nén in difetto, avremmo trovato la strada della salute. Ippocrate ( a.c.)

3 E possibile la "Spot reduction" cioè la perdita di grasso localizzato tramite l allenamento dei muscoli in prossimità dell area dove è presente l accumulo l di grasso?

4 Le correnti conoscenze sul rifornimento di energia indicano che l esercizio l fisico stimola la mobilizzazione dei grassi attraverso ormoni che agiscono sui depositi di grasso tramite la circolazione sanguigna

5 Le aree in cui vi è maggior concentrazione di grasso o maggior attività enzimatica probabilmente forniscono le maggiori quantità di energia

6 Non c erano c sono evidenze che gli acidi grassi siano rilasciati in misura maggiore dalle zone adipose situate sopra i muscoli stimolati dall esercizio fisico

7 Per dimostrare l inconsistenza della "Spot reduction" sono state confrontate le pliche cutanee (cioè lo spessore dello strato pelle-grasso) degli avambracci destro e sinistro di alcuni giocatori di tennis ad alto livello

8 Grasso sottocutaneo nell arto dominante, che tra l altro era significativamente più ipertrofico a causa dell allenamento continuo dovuto al tennis, simile a quello nell altro avambraccio

9 Per alcuni autori questa sarebbe la chiara dimostrazione che l esercizio non causa una riduzione del grasso di deposito nella zona allenata (tratto da "Nutrition, exercise and healt" Frank Katch William Mc Ardle 1993)

10 Limiti di questo approccio sperimentale tennisti ad alto livello atleti con una bassa percentuale di grasso corporeo la plica a livello dell avambraccio èmolto modesta a prescindere dall effetto dell allenamento

11 Migliore sarebbe stato un confronto tra atleti provvisti più o meno della stessa percentuale corporea di grasso distinti in due gruppi: uno che utilizza prevalentemente gli arti superiori (p.es. canoisti) l altro gli arti inferiori (p.es. sciatori)

12 Ma allora èpossibile la Spot Reduction In letteratura esiste uno studio condotto dal Dott. Marco Neri, noto tecnico del settore "Fitness" e dal Prof. Antonio Paoli dell Istituto di Fisiologia dell Universit Universitàdi Padova, e pubblicato dall "European Journal of Phisiology".

13 Sono stati allestiti due gruppi di lavoro composti sia da uomini che da donne (uno di studio, l altro l di controllo) e sono stati sottoposti ad allenamenti tri-settimanali simili come tipo di esercizi, ma diversi nell impostazione degli stessi

14 Gruppo di studio: minuti di allenamento a circuito dove si allenano in triset i gruppi nei quali si vuole verificare l eventuale l perdita di grasso localizzato (tricipiti, addominali, fianchi), intervallati da una stazione aerobica (step o cyclette).

15 Il gruppo di controllo eseguiva invece un circuito di sole stazioni aerobiche (step, cyclette, tapis roulant) sempre per un totale di minuti Entrambi i gruppi alla fine dell allenamento allenavano i muscoli non sollecitati nel circuito precedente con serie e pause di 60 secondi

16

17 Cyclette Step Tapis roulant Cyclette Step Tapis roulant Cyclette Panca inclinata con 2 manubri Trazioni lat machine davanti Alzate laterali braccia Bicipiti alternati da seduto Tricipiti su panca Crunch addominali Torsioni con asta da seduto x1060 3x1060 3x1060 3x1060 3x2050 3x2050 1x200

18 A tutti i soggetti era stato chiesto di mantenere il loro regime alimentare abituale Alla fine dell esperimento, esperimento, dopo 6 settimane, entrambi i gruppi erano significativamente dimagriti

19

20

21 Èinteressante notare come gli spessori delle pliche erano diminuiti in maggior misura sui muscoli inseriti nel circuito del gruppo di studio (tricipiti, addome, fianchi) Interessante èanche il fatto che nelle donne èrisultato molto significativo anche il calo riguardante le pliche delle cosce

22 Alternanza di esercizi che riguardano gli arti superiori, il tronco e gli arti inferiori RISULTATO maggiore azione di stimolo sul sistema circolatorio che consente una maggior mobilizzazione dei liquidi dove sono in eccesso

23 Per anni, gli scienziati hanno detto agli atleti che la spot reduction non funziona. Per esempio, non potete perdere grasso nelle braccia eseguendo curls ed estensioni del tricipite. Queste conclusioni erano basate su studi volumetrici che hanno valutato le variazioni della massa magra e della massa grassa nelle braccia e nelle gambe, dopo aver eseguito esercizi specifici per queste zone per diverse settimane.

24 I ricercatori danesi, guidati dal Dr. Bente Stallknecht del Panum Institute di Copenhagen, hanno dimostrato che la spot reduction è efficace. I ricercatori hanno utilizzato un tracciatore radioattivo (133Xe) per misurare le variazioni della massa grassa durante l esecuzione l di un elevato numero di ripetizioni di estensioni del ginocchio, che risulta essere il più sensibile rispetto alla misurazione della variazione di densità ottenibile dalle braccia e dalle gambe.

25 I ricercatori hanno inoltre studiato la circolazione sanguigna e la riduzione del grasso nel tessuto adiposo dei muscoli che vengono allenati e nel tessuto adiposo attorno ai muscoli della gamba che non viene allenata. Dopo 30 minuti di estensioni a una gamba, i soggetti hanno cambiato le gambe ed hanno eseguito delle ripetizioni per 120 minuti utilizzando più peso. La circolazione sanguigna e la riduzione del grasso migliorano attorno ai muscoli che lavorano.

26 Lo studio dei ricercatori ha portato alla conclusione che specifici esercizi possono determinare la spot reduction in quanto la circolazione sanguigna ed il grasso utilizzato sono elevati nel tessuto adiposo adiacente ai muscoli utilizzati. La spot reduction è più efficace durante gli allenamenti ad alta intensità in quanto genera più calore nei muscoli e innesca un elevato numero di catecolamine (ormoni quali l adrenalina).

27 L eccesso di grasso locale, aumenta il grasso perivascolare cioè il grasso dentro le arteriole. Questo, produce molecole di segnale che interferiscono con l insulina e alterano il flusso sanguigno in risposta all insulina. (Yudkin Js. Vasocrine signaling form perivascular fat: a mechanism linking insulin resistance to vascular disease)

28 In un recente studio pubblicato nel Journal of Physiology èstata provata l esistenza l di un ormone, l Angiotensina II,, prodotto dal tessuto adiposo in grado di ridurre l afflusso di sangue e causare l inibizione della combustione dei grassi nel tessuto adiposo e muscolare scheletrico. Quando il flusso sanguigno èbasso, aumenta la produzione di ANG II. Molte persone con pressione alta sono curate con ACE-inibitori che diminuiscono la produzione di ANG II.

29 L Angiotensina II, stimola l aumento l del grasso non solo tramite la riduzione del flusso sanguigno, ma anche tramite altri meccanismi: - ANG II causa la stimolazione degli adrenorecettori alfa2, che inibiscono la mobilizzazione dei grassi - ANG II aumenta l attivitl attivitàdegli enzimi che accumulano i grassi (glicerofosfato deidrogenasi e acido grasso sintetasi) - ANG II aumenta la resistenza insulinica - I livelli di ANG II sono aumentati dal cortisolo, dal fumo, dalla dieta ad alto apporto di grassi e dagli estogeni.

30 Le basi fisiologiche della E risaputo che quando una persona si mette a dieta perde il grasso più rapidamente nelle zone dove ègià più magra

31 Per esempio un uomo che si mette a dieta per evidenziare gli addominali diminuiràsì il suo giro vita, ma le "maniglie dell amore" e quel grasso che nasconde gli addominali tenderanno a resistere

32 La maggior parte del grasso perso èa discapito del grasso intraddominale viscerale e non di quello sottocutaneo che "copre" gli addominali

33 non ci sono spiegazioni fisiologiche di come si possa bruciare di più il grasso adiacente al muscolo Inoltre come si può distinguere il grasso viscerale da quello sottocutaneo; come può l allenamento l del muscolo orientare la lipolisi verso quest ultimo? ultimo?

34 L energia del muscolo proviene da due fonti: 1. dal glicogeno e dai trigliceridi depositati nelle cellule muscolari, che sono poi trasformati in ATP; 2. dal sangue, che apporta glucosio che deriva dalla nutrizione e acidi grassi che derivano anch essi dalla nutrizione o dalla lipolisi del tessuto adiposo

35 Il grasso ènormalmente depositato sotto forma di trigliceridi nelle cellule adipose Per svuotare questi adipociti si deve indurre un processo chiamato lipolisi

36 Durante una dieta ipocalorica si stimolano due differenti processi: 1.la lipolisi del tessuto adiposo che fa sìs che il grasso sotto forma di acidi grassi passi dalle cellule adipose nel sangue

37 2.lo stimolo della B-ossidazione B dei grassi, cioè quel processo tramite il quale gli acidi grassi trasportati nel sangue e captati da cellule come quelle muscolari vengono bruciati per produrre energia

38 I principali ormoni che stimolano lalipolisi lipolisi sono: l adrenalina e la noradrenalina, che agiscono su degli specifici recettori che sono distinti in Recettori Alpha-adrenergici adrenergicie RecettoriBeta Beta-adrenergiciadrenergici

39 Quelli che interessano per il tessuto adiposo sono gli Alpha(α)-2-adrenergici adrenergicied i B1, B2 e B3 adrenergici Il tessuto adiposo presenta sia i recettori αche quelli B Quando si legano ai Brecettori stimolano la lipolisi, invece quando si legano agli α la inibiscono

40 Nell uomo il tessuto adiposo nella regione addominale ha in proporzione una minor percentuale di recettori Beta adrenergici e maggiore di Alpha

41 nella donna sono maggiormente presenti i Beta nella regione addominale e gli Alpha nella zona dei glutei e delle cosce

42 Noi possiamo in parte migliorare la situazione usando delle sostanze che stimolino direttamente i recettori B (clenbuterolo, efedrina, caffeina) e altre che inibiscono il recettore α-2 (yoimbina)

43 Fattore importante per la distribuzione di grasso corporeo sono gli ormoni: il testosterone fa accumulare nel giro vita e gli estrogeni nella parte inferiore del corpo, ma esiste anche un 2 2 fattore molto importante: la circolazione

44 Quando la circolazione è rallentata aumenta la esterificazione degli acidi grassi cioè tre acidi grassi NEFA vengono strutturati con una molecola di glicerolo in un trigliceride che è la forma di deposito del grasso nelle cellule adipose

45 Il grasso contenuto negli adipociti non èstabile ma èin continuo rinnovamento Bloccando l ingresso l dei grassi nella cellula adiposa in specifiche zone si avrebbe un maggiore effetto di dimagrimento localizzato

46 Ogni qualvolta il flusso di sangue èridotto, nuovi acidi grassi possono entrare più facilmente nella cellula adiposa L obiettivo: incrementare in maniera importante il flusso del sangue in una determinata zona, per squilibrare il rinnovamento degli acidi grassi

47 Per ottenere questo effetto non èsufficiente aumentare il flusso del sangue anche di molto ma saltuariamente, ma bisogna farlo in maniera quasi permanente

48 Bisogna attaccare quella zona più volte al giorno, se si vuole vedere un notevole dimagrimento localizzato, almeno tre volte per un minimo di 15 in maniera da stimolare il flusso sanguigno

49 Per evitare un sovrallenamento di tipo psicologico e fisico (con conseguente catabolismo) la strategia migliore per un dimagrimento localizzato èuna combinazione di interventi mirati a migliorare il flusso sanguigno in quella zona in maniera attiva ma anche passiva.

50 Utile è quindi l utilizzo l di: apparecchi elettrostimolatori massaggi manuali Idromassaggi Integratori che abbiano un effetto drenante e benefico sulla circolazione (equiseto, betulla, Ginko Biloba, flavonoidi, niacina) Creme ad uso topico con principi attivi lipolitici e vasoattivi (yoimbina, capsaicina, caffeina, aminofillina, forskolina)

51 Dobbiamo utilizzare tutte le armi a nostra disposizione per vincere la battaglia contro il grasso localizzato e la cellulite iniziandola il più presto possibile

52

53

54

55 DIMINUZIONE DELLA STIMOLAZIONE INSULINICA - Modifiche alimentari che riducono il rilascio di insulina: Fibre Grassi buoni a favore di quelli cattivi Carboidrati buoni a favore di quelli cattivi AUMENTO DELLA CAPACITÁ DI RISPOSTA CELLULARE ALL INSULINA - Agenti che modificano la risposta di insulina a livello cellulare: Cromo Acido Lipoico Magnesio CoQ10

56 Due diete isocaloriche uguali variate solo in quantitàe tipo di fibre (50 g a 1:1 solubile/insolubile contro 1:2 solubile vs. insolubile) per 6 settimane in pazienti con diabete di tipo 2 (alto contenuto di fibre contro scarso contenuto di fibre). La dieta ricca di fibre ha diminuito l'area sotto la curva delle 24 ore della glicemia e la concentrazione di insulina del 10% e 12%, rispettivamente. La dieta ricca di fibre ha ridotto la concentrazione totale di colesterolo plasmatico del 6.7%, la concentrazione dei trigliceridi del 10,2%, e la concentrazione del colesterolo LDL del 12,5%.

57 Dopo il consumo di nove porzioni di fibre arrichite con pane (pane bianco arricchito con 31,2 g di fibre insolubili al giorno) o di controllo (pane bianco) per un periodo di tempo di 72 ore, è stata valutata la sensibilità all'insulina in tutto il corpo. La maggiore assunzione di fibre alimentari insolubili per 3 giorni, ha migliorato significativamente la sensibilità all'insulina del corpo intero.

58 Diete ad alto contenuto di grassi monoinsaturi riducono i trigliceridi a digiuno e la concentrazione di colesterolo LDL del 19% e del 22%, rispettivamente, e causano un aumento modesto delle concentrazioni di HDL senza alterare le concentrazioni di LDL. Non ci sono prove che diete ricche di grassi monoinsaturi possano indurre un aumento di peso nei pazienti con diabete mellito,, a condizione che l'apporto energetico sia controllato.

59 162 soggetti sani sono stati scelti a caso per un controllo con dieta isoenergetica per 3 mesi contenente un alta percentuale di acidi grassi saturi e monoinsaturi. La sensibilità all'insulina è stata significativamente compromessa con la dieta di acidi grassi saturi (-10%, p = 0.03), ma non è stata modificata dalla dieta con acidi grassi monoinsaturi (+2%, NS) (p = 0.05 per la differenza tra le diete). La secrezione di insulina a non è stata influenzata. Gli effetti favorevoli di sostituire una dieta di acidi grassi monoinsaturi,, con una dieta di acidi grassi saturi nella sensibilità insulinica, sono stati osservati soltanto per un assunzione di grassi sotto la media (37%).

60 Una diminuzione della stimolazione insulinica, richiede modificazioni dietetiche che riducono l'assunzione di alimenti che provocano un aumento degli zuccheri nel sangue e quindi di insulina. I carboidrati (e in misura minore, le proteine ) sono i macronutrienti principali che causano aumenti di zuccheri nel sangue. Pertanto le opzioni sono: - cambiare la quantità dei carboidrati e sostituirli con i grassi (che non determinano alcuna risposta glicemica) e/o - cambiare la qualità dei carboidrati

61 Cibi con un basso GI hanno anche un basso GL, mentre cibi con un medio o alto GI possono variare il GL da molto basso a molto alto,, dipende dai carboidrati presenti in una porzione. Pertanto, si può ridurre il GL nella dieta limitando alimenti che hanno sia un GI alto e un elevato contenuto di carboidrati. Il GL permette quindi una valutazione della quantità e della qualità del carboidrati nella dieta.

62 Cromo Acido α-lipoico CoQ10 Vitamina D Magnesio Vitamina C,E e altri antiossidanti Acidi grassi Omega 3 Vanadio

63 Una supplementazione con cromo migliora la glicemia, l insulina, l il colesterolo, HbA1c nel diabete di tipo 2 in modo dose-dipendente. dipendente. Una dose di cromo superiore (1000 mcg) può essere più efficace nei casi più gravi di resistenza insulinica. Il meccanismo d d azione del cromo coinvolge un aumento del legame con l insulinal insulina,, un maggiore numero di recettori dell insulina, e una maggiore fosforilazione del recettore dell'insulina.

64 mg di acido α-lipoico al giorno, possono migliorare la sensibilità insulinica in pazienti con diabete di tipo mg di acido α-lipoico al giorno possono migliorare la microcircolazione e polineuropatia diabetica.

65 120 mg di CoQ10 al giorno, migliorano il controllo glicemico e la pressione arteriosa in pazienti con diabete di tipo mg di CoQ10 al giorno, migliorano HbA1c e la pressione arteriosa in pazienti con diabete di tipo 2.

66 Correlazione positiva tra concentrazioni di 25 (OH)D e sensibilità all insulina. Effetto negativo di ipovitaminosi D sulla funzione delle cellule beta. Soggetti con ipovitaminosi D sono a maggior rischio di insulino resistenza e Sindrome Metabolica. Aumentando 25(OH)D da 10 a 30 ng/ml, può migliorare la sensibilità insulinica del 60%.

67 Una supplementazione con Magnesio, è stato dimostrato essere associata a: - Rischio inverso di malattie cardiovascolari negli uomini - Rischio inverso di Sindrome metabolica - Miglioramenti nel metabolismo del glucosio e dell'insulina - Miglioramenti nelle aritmie cardiache

68 L olio di pesce nella dieta, ha effetti benefici sull insulinemia,, sui lipidi plasmatici,, e sul metabolismo del glucosio insulino-stimolato stimolato in ratti diabetici lievemente insulino-resistenti.

69 Moderato, e costante esercizio aerobico (aumento del metabolismo basale e brucia grassi) Aumento della massa muscolare (esercizi contro resistenza) Smettere di fumare Perdere peso (5-10% del peso iniziale è in grado di dimostrare un significativo miglioramento) Diminuire lo stress cronico (adeguato sonno etc.) Dieta mediterranea a basso GL

70 Cromo: generalmente 1000 mcg al giorno se insulino-resistenti; probabilmente più efficace, se carente, ma difficile da provare Vitamina D: test di 25(OH)D e supplemento a seconda dei casi (o integrare UI al giorno) Magnesio: generalmente mg; se presenti sintomi di deficienza, aumentare il dosaggio CoQ10: mg al giorno; generalmente integrare in pazienti con sindrome metabolica o diabete anche se ipertesi Acido α-lipoico: 600 mg se pazienti diabetici o specificamente con neuropatia periferica; probabilmente utile a dosaggi più bassi nel migliorare la resistenza all'insulina

71 EPA/DHA: 1 gr al giorno come prevenzione cardiovascolare (o nella dieta come due porzioni di pesce); se l innalzamento l dei TG non rientra, 3 g al giorno Vanadio: non più di mg a lungo tempo; preoccupazioni in merito ad alte dosi a lungo termine Biotina: 4-88 mg; sembrano sicuri Antiossidanti: una miscela di antiossidanti è specificamente raccomandata: - Vitamina C: mg - Zinco: mg - Selenio: 200 mcg

72 Tè verde: consumare nella dieta e/o 200 mg o più al giorno di polifenoli (catechine del tèt verde) Cannella: consumare nella dieta e/o 1 gr al giorno Fieno Greco: consumare nella dieta (alquanto complicato consumare 15 gr al giorno); uno studio di controllo ha dimostrato risultati positivi con 1 gr al giorno di estratto idroalcolico Gymnema, Coccinia Grandis, Aloe, Panax: studi hanno dimostrato un aumento della secrezione di insulina come meccanismo di azione American Ginseng: dati positivi presi in punti temporali specifici prima di un pasto; effetti variabili a seconda del contenuto in estratto di ginsenosidi

73 La resistenza insulinica e la risultante iperinsulinemia, causano una cascata di eventi che predispongono al rischio cardiovascolare, al diabete, all ipertensione, all infiammazione, alla sindrome dell ovaio policistico (PCOS), alla steatosi non alcolica (NASH) alla demenza, al tumore del colon e della mammella, e ad altri tipi di tumori. L attenzione dovrà essere rivolta verso l identificazione di quei pazienti insulino resistenti,, per iniziative aggressive e interventi mirati Dieta, corretto stile di vita, e un integrazione nutrizionale/botanica mirata (medica nutrizionale) può influenzare positivamente la sensibilità all'insulina e portare a risultati migliori.

74

75

76 Carico tossico opprimente (esogeno + endogeno) Alterata escrezione (stitichezza o diminuzione del tempo di transito; disfunzione renale) Combustibili inefficienti (macronutrienti non bilanciati) Carenza di sostanze disintossicanti (antiossidanti,, cofattori, agenti coniuganti) Sregolazione degli enzimi disintossicanti

77

78

79

80 I supporti nutrizionali per la disintossicazione,, includono: - Vitamina B2 (riboflavina) - Vitamina B3 (niacina) - Vitamina B6 (piridossina) - Acido Folico - Glutatione tripeptide - BCAA (leucina, glicina, isoleucina) Supporti antiossidanti di protezione sono necessari per la gestione dell ossigeno reattivo; ; includono: - β-carotene (pro vitamina A) - Acido Ascorbico (vitamina C) - Tocoferoli (vitamina E) - CoQ10 (ubichinone) - Minerali (selenio, zinco, rame, manganese)

81 Composti tiolici presenti in aglio, cipolle, verdure crocifere, flavonoidi, silimarina e antocianidine forniscono anch essi supporto antiossidante. Questi composti includono aminoacidi: - Cisteina - N-acetil cisteina - Metionina - Taurina - Glicina - Glutammina - Ornitina - Arginina - Acido glucuronico necessari nei loro rispettivi pathways - Glutatione

82

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse.

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 7 PANCREAS Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. Isole del Langherans Contengono da poche centinaia

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

Il ciclo nutrizione / digiuno

Il ciclo nutrizione / digiuno Il ciclo nutrizione / digiuno Aspetti generali La fase di assorbimento è il periodo che va dalle 2 alle 4 ore successive all assunzione di un pasto. Durante questo intervallo si verifica un transitorio

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

Alimentazione ed integrazione nello sportivo

Alimentazione ed integrazione nello sportivo Alimentazione ed integrazione nello sportivo ITALO GUIDO RICAGNI Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari

Dettagli

La nutrizione nello sport

La nutrizione nello sport La nutrizione nello sport Una corretta alimentazione deve coprire in modo ottimale il fabbisogno energetico e plastico di un individuo, tenendo conto della fase di accrescimento, dell attività muscolare

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

Ancora una volta uno stile di vita non corretto con una dieta poco equilibrata ed abitudini sedentarie può influire negativamente sulla salute

Ancora una volta uno stile di vita non corretto con una dieta poco equilibrata ed abitudini sedentarie può influire negativamente sulla salute Premessa La cellulite Un corretto stiile dii viita No al problema della cellulite Ancora una volta uno stile di vita non corretto con una dieta poco equilibrata ed abitudini sedentarie può influire negativamente

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI.

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI. CARBOIDRATI. I carboidrati rappresentano la principale fonte di energia delle cellule. Essi fungono da combustibile di pronto e facile impiego e di maggior rendimento. I CARBOIDRATI possono essere divisi

Dettagli

Guida pratica Combinata Elettrostimolatore + cardiofitness (ciclocamera e tapis roulant)

Guida pratica Combinata Elettrostimolatore + cardiofitness (ciclocamera e tapis roulant) Guida pratica Combinata Elettrostimolatore + cardiofitness (ciclocamera e tapis roulant) Guida pratica combinata rev00 Pagina 1 di 17 Premessa Questa guida pratica è solamente indicativa e non sostituisce

Dettagli

Come consigliare la giusta. terapia antiossidante V. 1.0 23.01.2007

Come consigliare la giusta. terapia antiossidante V. 1.0 23.01.2007 Come consigliare la giusta terapia antiossidante V. 1.0 23.01.2007 Programmare terapie antiossidanti Al fine di migliorare la propria qualità della vita è essenziale determinare il livello dello stress

Dettagli

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE 1-2 e 8-9 maggio 2010 GUIDA PER UNO stile di vita SALUTARE ATTIVITÁ FISICA QUOTIDIANA Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di PASSEGGIATA Per migliorare lo stile di vita: parcheggiare più

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO.

RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO. RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO. Introduzione Le ultime raccomandazioni nutrizionali italiane per il trattamento del diabete mellito sono state stilate nel 1990 dal

Dettagli

SOVRALIMENTAZIONE E SOTTOALIMENTAZIONE

SOVRALIMENTAZIONE E SOTTOALIMENTAZIONE SOVRALIMENTAZIONE E SOTTOALIMENTAZIONE Nelle ultime 3 lezioni abbiamo analizzato le 3 principali macromolecole che si trovano nei cibi: i carboidrati, le proteine e i lipidi. Si è parlato delle funzioni

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa CLORELLA Contenuto 1 8 0 c o m p r e s s e d a 5 0 0 m g d i Chlorella Pyrenoidosa frantumata Clorella Bio con marchio di produzione Biologica della Comunità Europea Indicazioni Disintossicante, stai di

Dettagli

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Indice VII Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione XIII XV XVII parte prima Alimentazione, benessere e salute 1. Le regole fondamentali 3 Perché bisogna

Dettagli

COME PERDERE GRASSO SENZA PERDERE MASSA MAGRA (MUSCOLI)

COME PERDERE GRASSO SENZA PERDERE MASSA MAGRA (MUSCOLI) Savigliano, 16 aprile 2011 COME PERDERE GRASSO SENZA PERDERE MASSA MAGRA (MUSCOLI) ENRICO ARCELLI Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Milano COME DIMAGRIRE SENZA PERDERE MUSCOLI Parlerò

Dettagli

STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM

STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM 10 MAGGIO 2014, ore 08:30 Centro Analisi Monza MONZA (MB) STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM Specialista in Medicina Interna Numero pazienti esaminati 340 15,88 84,12 Maschi Femmine Analisi

Dettagli

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

In quale aree del corpo può essere usato lo Slim Lipo SoftLaser?

In quale aree del corpo può essere usato lo Slim Lipo SoftLaser? Slim Lipo SoftLaser Cos è lo Slim Lipo SoftLaser? Lo Slim Lipo SoftLaser è un laser diodo efficace, testato, per uso estetico, innocuo, indolore e sicuro. Emette una luce laser a bassa frequenza con una

Dettagli

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro. ANUPSA VERONA «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.» Circolo Ufficiali di Castelvecchio 13 febbraio 2014 1 Dott.ssa F. Dopo gli

Dettagli

Gianluca Tognon. Biologo, specialista in scienza dell alimentazione www.studiotognon.net

Gianluca Tognon. Biologo, specialista in scienza dell alimentazione www.studiotognon.net Gianluca Tognon Biologo, specialista in scienza dell alimentazione www.studiotognon.net L ABC DELL ALIMENTAZIONE: I GRUPPI DI ALIMENTI Gruppo 1: CARNI, PESCI, UOVA Proteine nobili, Ferro, alcune Vitamine

Dettagli

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento L o l i o d i c a n a p a n e l l a l i m e n t a z i o n e L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

POLICLINICO MILITARE DI ROMA DIRETTORE MAGG. GEN. M.A. GERMANI

POLICLINICO MILITARE DI ROMA DIRETTORE MAGG. GEN. M.A. GERMANI POLICLINICO MILITARE DI ROMA DIRETTORE MAGG. GEN. M.A. GERMANI 1 DISLIPIDEMIA NEL SOGGETTO AFFETTO DA SINDROME COL.ME ALTAMORE GIUSEPPE POLICLINICO MILITARE CELIO DIPARTIMENTO DI MEDICINA CAPO U.O.C. DI

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

di glucosio da parte di tutte le cellule, facilitandone il trasporto transmembranario 2. aumenta l utilizzazione

di glucosio da parte di tutte le cellule, facilitandone il trasporto transmembranario 2. aumenta l utilizzazione non c Ormone ipoglicemizzante, causa un forte abbassamento della glicemia (70-100 mg/100 ml) perché esalta i processi responsabili della sottrazione di glucosio dal sangue e inibisce i processi responsabili

Dettagli

Sommario. Prefazione 5 Chi è Andrea Biasci 7 Chi siamo 8 A chi si rivolge il libro 8 Una scrittura alternativa 9

Sommario. Prefazione 5 Chi è Andrea Biasci 7 Chi siamo 8 A chi si rivolge il libro 8 Una scrittura alternativa 9 Sommario Prefazione 5 Chi è Andrea Biasci 7 Chi siamo 8 A chi si rivolge il libro 8 Una scrittura alternativa 9 Capire dove siamo 11 I numeri che contano 11 La scala delle priorità 12 Bilancia e circonferenze

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

ATTIVITA FISICA NEL DIABETE Paolo Mughetti-Università di Verona

ATTIVITA FISICA NEL DIABETE Paolo Mughetti-Università di Verona ATTIVITA FISICA NEL DIABETE Paolo Mughetti-Università di Verona In questa relazione cerchero di tracciare gli elementi fondamentali del rapporto tra esercizio e diabete, tenendo presente le peculiarità

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

l integrazione sportiva nella pratica della MTB

l integrazione sportiva nella pratica della MTB l i lintegrazione i sportiva nella pratica della MTB Integrazione Sportiva L integrazione sportiva serve a sostenere la PRESTAZIONE dello sportivo nel pieno rispetto dei suoi PROCESSI FISIOLOGICI, con

Dettagli

Modelli dietetici: Evidenze scientifiche ed epidemiologiche

Modelli dietetici: Evidenze scientifiche ed epidemiologiche Modelli dietetici: Evidenze scientifiche ed epidemiologiche Valeria del Balzo Unità di Ricerca di Scienza dell Alimentazione e Nutrizione Umana Dipartimento di Medicina Sperimentale Sapienza Università

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

.Morire di fatica e di fame

.Morire di fatica e di fame .Morire di fatica e di fame cause di mortalità indigenza malattie infettive ed epidemie morti per parto e guerre Il cancro era raro e si pensava che l origine fosse genetico o virale e si rapportasse poco

Dettagli

FAME, APPETITO E SAZIETA

FAME, APPETITO E SAZIETA FAME, APPETITO E SAZIETA 1 FAME Necessità di un organismo ad assumere cibo Nel sistema nervoso centrale, a livello ipotalamico, si distinguono due zone il centro della fame il centro della sazietà La prima

Dettagli

Meglio informati sul colesterolo e sugli altri lipidi nel sangue

Meglio informati sul colesterolo e sugli altri lipidi nel sangue Informazioni per i pazienti Meglio informati sul colesterolo e sugli altri lipidi nel sangue Quelli con l arcobaleno Tutte le guide Mepha sono disponibili al sito www.mepha.ch Per scandire il «QR-Code»

Dettagli

Cosa è il diabete mellito

Cosa è il diabete mellito Cosa è il diabete mellito Il diabete mellito è una malattia a carico del metabolismo. L'origine del nome diabete mellito è greca, e fa riferimento alla caratteristica del miele di essere particolarmente

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi.

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Le proteine Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Per avere un idea più precisa, basti pensare che tutti i muscoli del nostro corpo sono composti da filamenti di proteine

Dettagli

Strategie nutrizionali negli sport di endurance

Strategie nutrizionali negli sport di endurance Strategie nutrizionali negli sport di endurance Relatore Jacopo Zuffi Ferrara 18-01-2012 Relazione tra l'intensità di esercizio e consumo energetico L'energia necessaria per soddisfare le richieste energetiche

Dettagli

INTEGRATORI LIFECODE A SUPPORTO DEGLI SPORT DI ENDURANCE (Ciclismo, Nuoto e Corsa sulle medie/lunghe distanze, Triathlon, Escursionismo)

INTEGRATORI LIFECODE A SUPPORTO DEGLI SPORT DI ENDURANCE (Ciclismo, Nuoto e Corsa sulle medie/lunghe distanze, Triathlon, Escursionismo) INTEGRATORI LIFECODE A SUPPORTO DEGLI SPORT DI ENDURANCE (Ciclismo, Nuoto e Corsa sulle medie/lunghe distanze, Triathlon, Escursionismo) Lifecode è un azienda italiana che produce integratori di qualità,

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO

RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica Associazione Medici Diabetologi Gruppo di studio diabete e nutrizione RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO Dott.

Dettagli

FARMACI e DOPING. Legge 14 Dicembre 2000, n. 376

FARMACI e DOPING. Legge 14 Dicembre 2000, n. 376 FARMACI e DOPING Legge 14 Dicembre 2000, n. 376 Art. 1 "Costituiscono doping la somministrazione o l assunzione o la somministrazione di farmaci o di sostanze biologicamente o farmacologicamente attive

Dettagli

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali HORMONAL PROFILES Valutazione degli equilibri ormonali Quando l organismo è sottoposto a malattie, infiammazione, sforzi fisici, stili di vita scorretti, oppure durante periodi particolari della vita (menopausa,

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI.

INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI. INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI. Prof. Roberto Calcagno Ho già trattato in un precedente articolo dell indice glicemico degli alimenti ( G.I. Glicemic Index), ora vorrei integrare questo concetto

Dettagli

La termoregolazione. I processi vitali avvengono in condizioni ottimali solo in ambito di temperature molto ristrette (circa 37 c.).

La termoregolazione. I processi vitali avvengono in condizioni ottimali solo in ambito di temperature molto ristrette (circa 37 c.). Indice La termoregolazione Il metabolismo energetico Lo stress metabolico: significato e possibili conseguenze La corretta alimentazione ed idratazione dello sportivo Il doping Esigenze nutrizionali PRIMA

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi ,3(5/,3,'(0,( 1. Iperlipidemie Le iperlipidemie, ed in particolar modo l ipercolesterolemia, rappresentano sicuramente il più riconosciuto ed importante fattore di rischio per l insorgenza dell aterosclerosi

Dettagli

GLUCONEOGENESI. Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio

GLUCONEOGENESI. Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio GLUCONEOGENESI Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio CATABOLISMO ANABOLISMO OSSIDAZIONI Produzione di ATP RIDUZIONI Consumo di ATP La GLUCONEOGENESI è un PROCESSO ANABOLICO La gluconeogenesi

Dettagli

INDICE. Kyäni Sunrise pag 2. Kyäni Nitro pag 6. Kyäni Sunset pag 8. Vantaggi e Ingredienti. Riassunto linea Kyäni

INDICE. Kyäni Sunrise pag 2. Kyäni Nitro pag 6. Kyäni Sunset pag 8. Vantaggi e Ingredienti. Riassunto linea Kyäni 1 INDICE Kyäni Sunrise pag 2 Kyäni Nitro pag 6 Kyäni Sunset pag 8 2 Kyäni Sunrise Vantaggi Aiuta a stimolare l'energia Supporta la funzione cognitiva Aumenta Supporto Cellulare Consente un'efficace gestione

Dettagli

Gian Pasquale Ganzit Luca Stefanini DIABETE E ATTIVITÀ FISICA

Gian Pasquale Ganzit Luca Stefanini DIABETE E ATTIVITÀ FISICA Gian Pasquale Ganzit Luca Stefanini DIABETE E ATTIVITÀ FISICA A cura di: Gian Pasquale Ganzit e Luca Stefanini Istituto di Medicina dello Sport, Torino SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58

Dettagli

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 Data: 10/01/2011 Paziente: ROSSI MARIO ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA Glicemia Insulinemia Indice HOMA ANALITA DESCRIZIONE

Dettagli

Profilo Pr di Prodot Pr t odot o t Direzione Medica 28/02/2012

Profilo Pr di Prodot Pr t odot o t Direzione Medica 28/02/2012 Profilo di Prodotto Direzione Medica 28/02/2012 Introduzione Sommario La cellulite e il razionale di prodotto I componenti di Fortilase Cll Cell Bromelina Estratto dicaffèverde Estratto di Meliloto Estratto

Dettagli

Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo

Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo L equilibrio tra proteolisi e sintesi determina la crescita, l ipertrofia e l atrofia del muscolo L equilibrio è anche importante per l omeostasi generale

Dettagli

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA INTRODUZIONE Un corretto regime alimentare è in grado di soddisfare il fabbisogno nutrizionale di un individuo sano. Esistono casi in cui è necessario

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE Dott.ssa Luce Ghigo Medico Chirurgo Convenzionato S.S.N. Medicina di Gruppo - Medico di R.S.A. Piani Alimentari e Terapia del Sovrappeso 1 Se è vero che le esigenze nutrizionali

Dettagli

Integratori Pre workout e Post workout

Integratori Pre workout e Post workout Integratori Pre workout e Post workout Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione Italiana Fitness Segreteria Associazione Italiana Medici e Fitness Gruppo

Dettagli

Copyright 2012 all right reserved www.tuttodukan.com

Copyright 2012 all right reserved www.tuttodukan.com Dopo 15 anni nel mondo del fitness e dell alimentazione Low-carb, abbiamo ricevuto oltre 30.000 email, la maggior parte di queste riguardava il perchè la zona addominale non si sviluppa e non si ottengono

Dettagli

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014 ESERCIZIO FISICO E DIABETE Prof. Nicola Candeloro Campobasso 9 Aprile 2014 Steve Redgrave 5 volte oro olimpico (1984,1988,1992,1996,2000) Diabete tipo 1 Effetti del training sul metabolismo energetico

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE Struttura La porzione più esterna della corticale, la zona glomerulare, è costituita da piccole cellule mentre la porzione centrale,

Dettagli

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi:

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi: Legumi I legumi sono considerati la carne dei poveri per il loro contenuto proteico. Sono utilissimi ai vegetariani e ai vegani (questi, a differenza dei vegetariani, non utilizzano neanche i latticini

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI:

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: 2016 LE 12 REGOLE DEL CUORE CONSIGLI NUTRIZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: DOTT.SSA FRANCESCA DE BLASIO BIOLOGA NUTRIZIONISTA DOTTORATO DI RICERCA IN SANITÀ PUBBLICA

Dettagli

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana Che cos è il Diabete Cause e conseguenze. Lilly Cos è il Diabete Il Diabete Mellito è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING

L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING 1 - ALLENAMENTO FISICO O TRAINING L ALLENAMENTO consente di raggiungere e mantenere l organismo e/o le varie prestazioni a ben definiti livelli ottimali di

Dettagli

INTEGRAZIONE. L integrazione è il nuovo confine con cui si confronta la prestazione sportiva.

INTEGRAZIONE. L integrazione è il nuovo confine con cui si confronta la prestazione sportiva. INTEGRAZIONE L integrazione è il nuovo confine con cui si confronta la prestazione sportiva. Recenti polemiche riprese ad arte dai media hanno portato ad una perversa identificazione tra Integrazione e

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto Riassunto 1 Introduzione 1.1 Premessa 1.2 Spesa sanitaria e cardiopatia ischemica 1.3 Fattori di rischio coronarico come causa di cardiopatia ischemica 1.3.1 Prospettive future 1.3.2 Nutrizione e malattie

Dettagli

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, nè in difetto nè in eccesso, avremmo

Dettagli

ATTIVITA' FISICA INDICE E ALIMENTAZIONE. ESEMPIO DI Pag. PROGRAMMA MOTORIO. Testi e commendi a cura di Dr.ssa Francesca Pavan

ATTIVITA' FISICA INDICE E ALIMENTAZIONE. ESEMPIO DI Pag. PROGRAMMA MOTORIO. Testi e commendi a cura di Dr.ssa Francesca Pavan FISICA INDICE FISICA Pag. 1 FISICA Pag. 8 E ALIMENTAZIONE ESEMPIO DI Pag. 9 PROGRAMMA MOTORIO Testi e commendi a cura di Dr.ssa Francesca Pavan Sessione Grafica a cura di Daiana Ormenese Immagini e disegni

Dettagli

celluli laser tm slim.code

celluli laser tm slim.code CELLULITE: NON TUTTE LE DONNE SONO UGUALI! Tutte noi abbiamo un amica che mangia qualsiasi cosa desideri senza avere un grammo di cellulite! Tuttavia, la maggior parte delle donne, nonostante i loro sforzi

Dettagli

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana Che cos è il Diabete CAUSE E CONSEGUENZE. Lilly Cos è il Diabete Il DIABETE MELLITO è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

IL FITNESS METABOLICO

IL FITNESS METABOLICO Esercizio fisico e fattori di rischio cardiovascolari : dalla teoria alla pratica IL FITNESS METABOLICO Dott.ssa C. Baggiore L'esercizio fisico è parte integrante del piano di trattamento del Diabete Mellito.

Dettagli

8 Errori in Palestra che ti Impediscono di Fare Progressi

8 Errori in Palestra che ti Impediscono di Fare Progressi 8 Errori in Palestra che ti Impediscono di Fare Progressi Capita spesso di non vedere risultati nonostante tutto l impegno e la fatica durante l allenamento. Spesso commettiamo qualche sbaglio che non

Dettagli

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

METABOLISMO DEL GLICOGENO

METABOLISMO DEL GLICOGENO METABOLISMO DEL GLICOGENO Struttura del glicogeno DEMOLIZIONE DEL GLICOGENO: GLICOGENOLISI 1) distacco progressivo di unità glucosidiche con formazione di glucosio-1- fosfato: enzima: glicogeno fosforilasi

Dettagli

MeMo SYSTEM DIMAGRIRE E UNA COSA SERIA

MeMo SYSTEM DIMAGRIRE E UNA COSA SERIA MeMo SYSTEM DIMAGRIRE E UNA COSA SERIA Meno Peso Molto Benessere Un emergenza che non ha stagione, quella dei chili in eccesso. In Europa sono ben 130 milioni le persone obese, mentre il 53% della popolazione

Dettagli

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale DIABETE MELLITO Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica Patologia multisistemica e multifattoriale Parametri clinici: iperglicemia glicosuria - poliuria - polidipsia cheto-acidosi

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

COSA SONO LE PROTEINE IN POLVERE:

COSA SONO LE PROTEINE IN POLVERE: PROTEINE. Definizione di proteine: Le sono i mattoni della massa muscolare; costituiscono il 90% del peso del sangue a secco, l 80% dei muscoli ed il 70% della pelle. Provvedono alla costruzione connettiva

Dettagli

IL DIMAGRIMENTO LOCALIZZATO: SOGNO O REALTÀ? Testo e disegni di Stelvio Beraldo

IL DIMAGRIMENTO LOCALIZZATO: SOGNO O REALTÀ? Testo e disegni di Stelvio Beraldo IL DIMAGRIMENTO LOCALIZZATO: SOGNO O REALTÀ? Testo e disegni di Stelvio Beraldo ASPETTI DELL'OBESITÀ I figli di genitori obesi hanno forti probabilità di divenire anche essi obesi. Si passa dal 40% se

Dettagli

LA RISPOSTA ALL INSULINA NON E UGUALE PER TUTTI NOTA BENE: DOPO QUESTO ARTICOLO VI DARO IL MENU DI PAOLINO.

LA RISPOSTA ALL INSULINA NON E UGUALE PER TUTTI NOTA BENE: DOPO QUESTO ARTICOLO VI DARO IL MENU DI PAOLINO. LA RISPOSTA ALL INSULINA NON E UGUALE PER TUTTI NOTA BENE: DOPO QUESTO ARTICOLO VI DARO IL MENU DI PAOLINO.. MA SE AVRETE LETTO QUANTO SCRITTO FINORA, CAPIRETE ANCHE PERCHE PAOLINO MANGIA COSI. Ma soprattutto

Dettagli

PREVENZIONE. Il rischio cardio-oncologico: ecco le armi per contrastarlo

PREVENZIONE. Il rischio cardio-oncologico: ecco le armi per contrastarlo PREVENZIONE Il rischio cardio-oncologico: ecco le armi per contrastarlo Uno stile di vita salutare, prevenendo le malattie cardiovascolari e oncologiche, abbassa il rischio cardio-oncologico e realizza

Dettagli

Sedentarietà. Un adeguata attività fisica è fondamentale per prevenire l epidemia mondiale di malattie croniche

Sedentarietà. Un adeguata attività fisica è fondamentale per prevenire l epidemia mondiale di malattie croniche Sedentarietà Almeno il 60% della popolazione mondiale è al di sotto dei livelli di attività raccomandati di attività motoria (30 minuti al giorno di attività moderata) Un adeguata attività fisica è fondamentale

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

Capitolo 1. Dimagrimento e calo ponderale

Capitolo 1. Dimagrimento e calo ponderale Introduzione Numerosi anni di esperienza nel settore Fitness come Personal Trainer mi hanno consentito di assistere ai meravigliosi e strabilianti mutamenti fisici di centinaia di persone; le loro manifestazioni

Dettagli

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO PROGETTO ALIMENTAZIONE E CULTURA Impariamo a nutrirci per crescere meglio CIRCOLO DIDATTICO DI ARICCIA Centro Studi Regionale per l Analisi e la Valutazione del Rischio Alimentare (CSRA) - IZS Lazio e

Dettagli

Parma 29 Settembre 2013

Parma 29 Settembre 2013 28-29 settembre 2013 Centro Congressi Palacassa Fiere di Parma In collaborazione con Tecniche Nuove Parma 29 Settembre 2013 Dott. Massimo Spattini i Specialista in Scienza dell Alimentazione Specialista

Dettagli