Relatore: Dott. Massimo Spattini - Medico Chirurgo Specialista in Scienza dell Alimentazione - Specialista in Medicina dello

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relatore: Dott. Massimo Spattini - Medico Chirurgo www.massimospattini.it Specialista in Scienza dell Alimentazione - Specialista in Medicina dello"

Transcript

1 Relatore: Dott. Massimo Spattini - Medico Chirurgo Specialista in Scienza dell Alimentazione - Specialista in Medicina dello Sport Board Certified in Anti-aging & Regenerative Medicine (ABAARM USA) Docente all Università Sapienza di Roma al Corso Benessere e stili di vita

2 Se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento e di esercizio fisico nén in eccesso nén in difetto, avremmo trovato la strada della salute. Ippocrate ( a.c.)

3 E possibile la "Spot reduction" cioè la perdita di grasso localizzato tramite l allenamento dei muscoli in prossimità dell area dove è presente l accumulo l di grasso?

4 Le correnti conoscenze sul rifornimento di energia indicano che l esercizio l fisico stimola la mobilizzazione dei grassi attraverso ormoni che agiscono sui depositi di grasso tramite la circolazione sanguigna

5 Le aree in cui vi è maggior concentrazione di grasso o maggior attività enzimatica probabilmente forniscono le maggiori quantità di energia

6 Non c erano c sono evidenze che gli acidi grassi siano rilasciati in misura maggiore dalle zone adipose situate sopra i muscoli stimolati dall esercizio fisico

7 Per dimostrare l inconsistenza della "Spot reduction" sono state confrontate le pliche cutanee (cioè lo spessore dello strato pelle-grasso) degli avambracci destro e sinistro di alcuni giocatori di tennis ad alto livello

8 Grasso sottocutaneo nell arto dominante, che tra l altro era significativamente più ipertrofico a causa dell allenamento continuo dovuto al tennis, simile a quello nell altro avambraccio

9 Per alcuni autori questa sarebbe la chiara dimostrazione che l esercizio non causa una riduzione del grasso di deposito nella zona allenata (tratto da "Nutrition, exercise and healt" Frank Katch William Mc Ardle 1993)

10 Limiti di questo approccio sperimentale tennisti ad alto livello atleti con una bassa percentuale di grasso corporeo la plica a livello dell avambraccio èmolto modesta a prescindere dall effetto dell allenamento

11 Migliore sarebbe stato un confronto tra atleti provvisti più o meno della stessa percentuale corporea di grasso distinti in due gruppi: uno che utilizza prevalentemente gli arti superiori (p.es. canoisti) l altro gli arti inferiori (p.es. sciatori)

12 Ma allora èpossibile la Spot Reduction In letteratura esiste uno studio condotto dal Dott. Marco Neri, noto tecnico del settore "Fitness" e dal Prof. Antonio Paoli dell Istituto di Fisiologia dell Universit Universitàdi Padova, e pubblicato dall "European Journal of Phisiology".

13 Sono stati allestiti due gruppi di lavoro composti sia da uomini che da donne (uno di studio, l altro l di controllo) e sono stati sottoposti ad allenamenti tri-settimanali simili come tipo di esercizi, ma diversi nell impostazione degli stessi

14 Gruppo di studio: minuti di allenamento a circuito dove si allenano in triset i gruppi nei quali si vuole verificare l eventuale l perdita di grasso localizzato (tricipiti, addominali, fianchi), intervallati da una stazione aerobica (step o cyclette).

15 Il gruppo di controllo eseguiva invece un circuito di sole stazioni aerobiche (step, cyclette, tapis roulant) sempre per un totale di minuti Entrambi i gruppi alla fine dell allenamento allenavano i muscoli non sollecitati nel circuito precedente con serie e pause di 60 secondi

16

17 Cyclette Step Tapis roulant Cyclette Step Tapis roulant Cyclette Panca inclinata con 2 manubri Trazioni lat machine davanti Alzate laterali braccia Bicipiti alternati da seduto Tricipiti su panca Crunch addominali Torsioni con asta da seduto x1060 3x1060 3x1060 3x1060 3x2050 3x2050 1x200

18 A tutti i soggetti era stato chiesto di mantenere il loro regime alimentare abituale Alla fine dell esperimento, esperimento, dopo 6 settimane, entrambi i gruppi erano significativamente dimagriti

19

20

21 Èinteressante notare come gli spessori delle pliche erano diminuiti in maggior misura sui muscoli inseriti nel circuito del gruppo di studio (tricipiti, addome, fianchi) Interessante èanche il fatto che nelle donne èrisultato molto significativo anche il calo riguardante le pliche delle cosce

22 Alternanza di esercizi che riguardano gli arti superiori, il tronco e gli arti inferiori RISULTATO maggiore azione di stimolo sul sistema circolatorio che consente una maggior mobilizzazione dei liquidi dove sono in eccesso

23 Per anni, gli scienziati hanno detto agli atleti che la spot reduction non funziona. Per esempio, non potete perdere grasso nelle braccia eseguendo curls ed estensioni del tricipite. Queste conclusioni erano basate su studi volumetrici che hanno valutato le variazioni della massa magra e della massa grassa nelle braccia e nelle gambe, dopo aver eseguito esercizi specifici per queste zone per diverse settimane.

24 I ricercatori danesi, guidati dal Dr. Bente Stallknecht del Panum Institute di Copenhagen, hanno dimostrato che la spot reduction è efficace. I ricercatori hanno utilizzato un tracciatore radioattivo (133Xe) per misurare le variazioni della massa grassa durante l esecuzione l di un elevato numero di ripetizioni di estensioni del ginocchio, che risulta essere il più sensibile rispetto alla misurazione della variazione di densità ottenibile dalle braccia e dalle gambe.

25 I ricercatori hanno inoltre studiato la circolazione sanguigna e la riduzione del grasso nel tessuto adiposo dei muscoli che vengono allenati e nel tessuto adiposo attorno ai muscoli della gamba che non viene allenata. Dopo 30 minuti di estensioni a una gamba, i soggetti hanno cambiato le gambe ed hanno eseguito delle ripetizioni per 120 minuti utilizzando più peso. La circolazione sanguigna e la riduzione del grasso migliorano attorno ai muscoli che lavorano.

26 Lo studio dei ricercatori ha portato alla conclusione che specifici esercizi possono determinare la spot reduction in quanto la circolazione sanguigna ed il grasso utilizzato sono elevati nel tessuto adiposo adiacente ai muscoli utilizzati. La spot reduction è più efficace durante gli allenamenti ad alta intensità in quanto genera più calore nei muscoli e innesca un elevato numero di catecolamine (ormoni quali l adrenalina).

27 L eccesso di grasso locale, aumenta il grasso perivascolare cioè il grasso dentro le arteriole. Questo, produce molecole di segnale che interferiscono con l insulina e alterano il flusso sanguigno in risposta all insulina. (Yudkin Js. Vasocrine signaling form perivascular fat: a mechanism linking insulin resistance to vascular disease)

28 In un recente studio pubblicato nel Journal of Physiology èstata provata l esistenza l di un ormone, l Angiotensina II,, prodotto dal tessuto adiposo in grado di ridurre l afflusso di sangue e causare l inibizione della combustione dei grassi nel tessuto adiposo e muscolare scheletrico. Quando il flusso sanguigno èbasso, aumenta la produzione di ANG II. Molte persone con pressione alta sono curate con ACE-inibitori che diminuiscono la produzione di ANG II.

29 L Angiotensina II, stimola l aumento l del grasso non solo tramite la riduzione del flusso sanguigno, ma anche tramite altri meccanismi: - ANG II causa la stimolazione degli adrenorecettori alfa2, che inibiscono la mobilizzazione dei grassi - ANG II aumenta l attivitl attivitàdegli enzimi che accumulano i grassi (glicerofosfato deidrogenasi e acido grasso sintetasi) - ANG II aumenta la resistenza insulinica - I livelli di ANG II sono aumentati dal cortisolo, dal fumo, dalla dieta ad alto apporto di grassi e dagli estogeni.

30 Le basi fisiologiche della E risaputo che quando una persona si mette a dieta perde il grasso più rapidamente nelle zone dove ègià più magra

31 Per esempio un uomo che si mette a dieta per evidenziare gli addominali diminuiràsì il suo giro vita, ma le "maniglie dell amore" e quel grasso che nasconde gli addominali tenderanno a resistere

32 La maggior parte del grasso perso èa discapito del grasso intraddominale viscerale e non di quello sottocutaneo che "copre" gli addominali

33 non ci sono spiegazioni fisiologiche di come si possa bruciare di più il grasso adiacente al muscolo Inoltre come si può distinguere il grasso viscerale da quello sottocutaneo; come può l allenamento l del muscolo orientare la lipolisi verso quest ultimo? ultimo?

34 L energia del muscolo proviene da due fonti: 1. dal glicogeno e dai trigliceridi depositati nelle cellule muscolari, che sono poi trasformati in ATP; 2. dal sangue, che apporta glucosio che deriva dalla nutrizione e acidi grassi che derivano anch essi dalla nutrizione o dalla lipolisi del tessuto adiposo

35 Il grasso ènormalmente depositato sotto forma di trigliceridi nelle cellule adipose Per svuotare questi adipociti si deve indurre un processo chiamato lipolisi

36 Durante una dieta ipocalorica si stimolano due differenti processi: 1.la lipolisi del tessuto adiposo che fa sìs che il grasso sotto forma di acidi grassi passi dalle cellule adipose nel sangue

37 2.lo stimolo della B-ossidazione B dei grassi, cioè quel processo tramite il quale gli acidi grassi trasportati nel sangue e captati da cellule come quelle muscolari vengono bruciati per produrre energia

38 I principali ormoni che stimolano lalipolisi lipolisi sono: l adrenalina e la noradrenalina, che agiscono su degli specifici recettori che sono distinti in Recettori Alpha-adrenergici adrenergicie RecettoriBeta Beta-adrenergiciadrenergici

39 Quelli che interessano per il tessuto adiposo sono gli Alpha(α)-2-adrenergici adrenergicied i B1, B2 e B3 adrenergici Il tessuto adiposo presenta sia i recettori αche quelli B Quando si legano ai Brecettori stimolano la lipolisi, invece quando si legano agli α la inibiscono

40 Nell uomo il tessuto adiposo nella regione addominale ha in proporzione una minor percentuale di recettori Beta adrenergici e maggiore di Alpha

41 nella donna sono maggiormente presenti i Beta nella regione addominale e gli Alpha nella zona dei glutei e delle cosce

42 Noi possiamo in parte migliorare la situazione usando delle sostanze che stimolino direttamente i recettori B (clenbuterolo, efedrina, caffeina) e altre che inibiscono il recettore α-2 (yoimbina)

43 Fattore importante per la distribuzione di grasso corporeo sono gli ormoni: il testosterone fa accumulare nel giro vita e gli estrogeni nella parte inferiore del corpo, ma esiste anche un 2 2 fattore molto importante: la circolazione

44 Quando la circolazione è rallentata aumenta la esterificazione degli acidi grassi cioè tre acidi grassi NEFA vengono strutturati con una molecola di glicerolo in un trigliceride che è la forma di deposito del grasso nelle cellule adipose

45 Il grasso contenuto negli adipociti non èstabile ma èin continuo rinnovamento Bloccando l ingresso l dei grassi nella cellula adiposa in specifiche zone si avrebbe un maggiore effetto di dimagrimento localizzato

46 Ogni qualvolta il flusso di sangue èridotto, nuovi acidi grassi possono entrare più facilmente nella cellula adiposa L obiettivo: incrementare in maniera importante il flusso del sangue in una determinata zona, per squilibrare il rinnovamento degli acidi grassi

47 Per ottenere questo effetto non èsufficiente aumentare il flusso del sangue anche di molto ma saltuariamente, ma bisogna farlo in maniera quasi permanente

48 Bisogna attaccare quella zona più volte al giorno, se si vuole vedere un notevole dimagrimento localizzato, almeno tre volte per un minimo di 15 in maniera da stimolare il flusso sanguigno

49 Per evitare un sovrallenamento di tipo psicologico e fisico (con conseguente catabolismo) la strategia migliore per un dimagrimento localizzato èuna combinazione di interventi mirati a migliorare il flusso sanguigno in quella zona in maniera attiva ma anche passiva.

50 Utile è quindi l utilizzo l di: apparecchi elettrostimolatori massaggi manuali Idromassaggi Integratori che abbiano un effetto drenante e benefico sulla circolazione (equiseto, betulla, Ginko Biloba, flavonoidi, niacina) Creme ad uso topico con principi attivi lipolitici e vasoattivi (yoimbina, capsaicina, caffeina, aminofillina, forskolina)

51 Dobbiamo utilizzare tutte le armi a nostra disposizione per vincere la battaglia contro il grasso localizzato e la cellulite iniziandola il più presto possibile

52

53

54

55 DIMINUZIONE DELLA STIMOLAZIONE INSULINICA - Modifiche alimentari che riducono il rilascio di insulina: Fibre Grassi buoni a favore di quelli cattivi Carboidrati buoni a favore di quelli cattivi AUMENTO DELLA CAPACITÁ DI RISPOSTA CELLULARE ALL INSULINA - Agenti che modificano la risposta di insulina a livello cellulare: Cromo Acido Lipoico Magnesio CoQ10

56 Due diete isocaloriche uguali variate solo in quantitàe tipo di fibre (50 g a 1:1 solubile/insolubile contro 1:2 solubile vs. insolubile) per 6 settimane in pazienti con diabete di tipo 2 (alto contenuto di fibre contro scarso contenuto di fibre). La dieta ricca di fibre ha diminuito l'area sotto la curva delle 24 ore della glicemia e la concentrazione di insulina del 10% e 12%, rispettivamente. La dieta ricca di fibre ha ridotto la concentrazione totale di colesterolo plasmatico del 6.7%, la concentrazione dei trigliceridi del 10,2%, e la concentrazione del colesterolo LDL del 12,5%.

57 Dopo il consumo di nove porzioni di fibre arrichite con pane (pane bianco arricchito con 31,2 g di fibre insolubili al giorno) o di controllo (pane bianco) per un periodo di tempo di 72 ore, è stata valutata la sensibilità all'insulina in tutto il corpo. La maggiore assunzione di fibre alimentari insolubili per 3 giorni, ha migliorato significativamente la sensibilità all'insulina del corpo intero.

58 Diete ad alto contenuto di grassi monoinsaturi riducono i trigliceridi a digiuno e la concentrazione di colesterolo LDL del 19% e del 22%, rispettivamente, e causano un aumento modesto delle concentrazioni di HDL senza alterare le concentrazioni di LDL. Non ci sono prove che diete ricche di grassi monoinsaturi possano indurre un aumento di peso nei pazienti con diabete mellito,, a condizione che l'apporto energetico sia controllato.

59 162 soggetti sani sono stati scelti a caso per un controllo con dieta isoenergetica per 3 mesi contenente un alta percentuale di acidi grassi saturi e monoinsaturi. La sensibilità all'insulina è stata significativamente compromessa con la dieta di acidi grassi saturi (-10%, p = 0.03), ma non è stata modificata dalla dieta con acidi grassi monoinsaturi (+2%, NS) (p = 0.05 per la differenza tra le diete). La secrezione di insulina a non è stata influenzata. Gli effetti favorevoli di sostituire una dieta di acidi grassi monoinsaturi,, con una dieta di acidi grassi saturi nella sensibilità insulinica, sono stati osservati soltanto per un assunzione di grassi sotto la media (37%).

60 Una diminuzione della stimolazione insulinica, richiede modificazioni dietetiche che riducono l'assunzione di alimenti che provocano un aumento degli zuccheri nel sangue e quindi di insulina. I carboidrati (e in misura minore, le proteine ) sono i macronutrienti principali che causano aumenti di zuccheri nel sangue. Pertanto le opzioni sono: - cambiare la quantità dei carboidrati e sostituirli con i grassi (che non determinano alcuna risposta glicemica) e/o - cambiare la qualità dei carboidrati

61 Cibi con un basso GI hanno anche un basso GL, mentre cibi con un medio o alto GI possono variare il GL da molto basso a molto alto,, dipende dai carboidrati presenti in una porzione. Pertanto, si può ridurre il GL nella dieta limitando alimenti che hanno sia un GI alto e un elevato contenuto di carboidrati. Il GL permette quindi una valutazione della quantità e della qualità del carboidrati nella dieta.

62 Cromo Acido α-lipoico CoQ10 Vitamina D Magnesio Vitamina C,E e altri antiossidanti Acidi grassi Omega 3 Vanadio

63 Una supplementazione con cromo migliora la glicemia, l insulina, l il colesterolo, HbA1c nel diabete di tipo 2 in modo dose-dipendente. dipendente. Una dose di cromo superiore (1000 mcg) può essere più efficace nei casi più gravi di resistenza insulinica. Il meccanismo d d azione del cromo coinvolge un aumento del legame con l insulinal insulina,, un maggiore numero di recettori dell insulina, e una maggiore fosforilazione del recettore dell'insulina.

64 mg di acido α-lipoico al giorno, possono migliorare la sensibilità insulinica in pazienti con diabete di tipo mg di acido α-lipoico al giorno possono migliorare la microcircolazione e polineuropatia diabetica.

65 120 mg di CoQ10 al giorno, migliorano il controllo glicemico e la pressione arteriosa in pazienti con diabete di tipo mg di CoQ10 al giorno, migliorano HbA1c e la pressione arteriosa in pazienti con diabete di tipo 2.

66 Correlazione positiva tra concentrazioni di 25 (OH)D e sensibilità all insulina. Effetto negativo di ipovitaminosi D sulla funzione delle cellule beta. Soggetti con ipovitaminosi D sono a maggior rischio di insulino resistenza e Sindrome Metabolica. Aumentando 25(OH)D da 10 a 30 ng/ml, può migliorare la sensibilità insulinica del 60%.

67 Una supplementazione con Magnesio, è stato dimostrato essere associata a: - Rischio inverso di malattie cardiovascolari negli uomini - Rischio inverso di Sindrome metabolica - Miglioramenti nel metabolismo del glucosio e dell'insulina - Miglioramenti nelle aritmie cardiache

68 L olio di pesce nella dieta, ha effetti benefici sull insulinemia,, sui lipidi plasmatici,, e sul metabolismo del glucosio insulino-stimolato stimolato in ratti diabetici lievemente insulino-resistenti.

69 Moderato, e costante esercizio aerobico (aumento del metabolismo basale e brucia grassi) Aumento della massa muscolare (esercizi contro resistenza) Smettere di fumare Perdere peso (5-10% del peso iniziale è in grado di dimostrare un significativo miglioramento) Diminuire lo stress cronico (adeguato sonno etc.) Dieta mediterranea a basso GL

70 Cromo: generalmente 1000 mcg al giorno se insulino-resistenti; probabilmente più efficace, se carente, ma difficile da provare Vitamina D: test di 25(OH)D e supplemento a seconda dei casi (o integrare UI al giorno) Magnesio: generalmente mg; se presenti sintomi di deficienza, aumentare il dosaggio CoQ10: mg al giorno; generalmente integrare in pazienti con sindrome metabolica o diabete anche se ipertesi Acido α-lipoico: 600 mg se pazienti diabetici o specificamente con neuropatia periferica; probabilmente utile a dosaggi più bassi nel migliorare la resistenza all'insulina

71 EPA/DHA: 1 gr al giorno come prevenzione cardiovascolare (o nella dieta come due porzioni di pesce); se l innalzamento l dei TG non rientra, 3 g al giorno Vanadio: non più di mg a lungo tempo; preoccupazioni in merito ad alte dosi a lungo termine Biotina: 4-88 mg; sembrano sicuri Antiossidanti: una miscela di antiossidanti è specificamente raccomandata: - Vitamina C: mg - Zinco: mg - Selenio: 200 mcg

72 Tè verde: consumare nella dieta e/o 200 mg o più al giorno di polifenoli (catechine del tèt verde) Cannella: consumare nella dieta e/o 1 gr al giorno Fieno Greco: consumare nella dieta (alquanto complicato consumare 15 gr al giorno); uno studio di controllo ha dimostrato risultati positivi con 1 gr al giorno di estratto idroalcolico Gymnema, Coccinia Grandis, Aloe, Panax: studi hanno dimostrato un aumento della secrezione di insulina come meccanismo di azione American Ginseng: dati positivi presi in punti temporali specifici prima di un pasto; effetti variabili a seconda del contenuto in estratto di ginsenosidi

73 La resistenza insulinica e la risultante iperinsulinemia, causano una cascata di eventi che predispongono al rischio cardiovascolare, al diabete, all ipertensione, all infiammazione, alla sindrome dell ovaio policistico (PCOS), alla steatosi non alcolica (NASH) alla demenza, al tumore del colon e della mammella, e ad altri tipi di tumori. L attenzione dovrà essere rivolta verso l identificazione di quei pazienti insulino resistenti,, per iniziative aggressive e interventi mirati Dieta, corretto stile di vita, e un integrazione nutrizionale/botanica mirata (medica nutrizionale) può influenzare positivamente la sensibilità all'insulina e portare a risultati migliori.

74

75

76 Carico tossico opprimente (esogeno + endogeno) Alterata escrezione (stitichezza o diminuzione del tempo di transito; disfunzione renale) Combustibili inefficienti (macronutrienti non bilanciati) Carenza di sostanze disintossicanti (antiossidanti,, cofattori, agenti coniuganti) Sregolazione degli enzimi disintossicanti

77

78

79

80 I supporti nutrizionali per la disintossicazione,, includono: - Vitamina B2 (riboflavina) - Vitamina B3 (niacina) - Vitamina B6 (piridossina) - Acido Folico - Glutatione tripeptide - BCAA (leucina, glicina, isoleucina) Supporti antiossidanti di protezione sono necessari per la gestione dell ossigeno reattivo; ; includono: - β-carotene (pro vitamina A) - Acido Ascorbico (vitamina C) - Tocoferoli (vitamina E) - CoQ10 (ubichinone) - Minerali (selenio, zinco, rame, manganese)

81 Composti tiolici presenti in aglio, cipolle, verdure crocifere, flavonoidi, silimarina e antocianidine forniscono anch essi supporto antiossidante. Questi composti includono aminoacidi: - Cisteina - N-acetil cisteina - Metionina - Taurina - Glicina - Glutammina - Ornitina - Arginina - Acido glucuronico necessari nei loro rispettivi pathways - Glutatione

82

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO Università degli Studi della Repubblica dii San Marino Università degli Studi di Parma Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA,

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Biochimica della Nutrizione

Biochimica della Nutrizione Università di Roma Tor Vergata - Scienze della Nutrizione Umana Biochimica della Nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano 2011 VITAMINA C VITAMINA E VITAMINA C: FUNZIONA DA AGENTE RIDUCENTE Donatore monoelettronico

Dettagli

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione Pietro Santoianni Professore Emerito di Dermatologia Docente nel Dottorato di Ricerca in Dermatologia Sperimentale Dipartimento di Patologia sistematica, Sezione di Dermatologia Università di Napoli Federico

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Copyright CrossFit, Inc. All Rights Reserved. CrossFit is a registered trademark of CrossFit, Inc.

Copyright CrossFit, Inc. All Rights Reserved. CrossFit is a registered trademark of CrossFit, Inc. La Training Guide CrossFit è un insieme di articoli del CrossFit Journal, scritti negli ultimi 10 anni principalmente dall allenatore Greg Glassman sui movimenti e i concetti fondamentali alla base del

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH La Klamath è da preferire ad altre verdi-azzurre per la sua ricchezza di nutrienti completamente naturali e perfettamente bilanciati. Inoltre svolge un'azione stimolante

Dettagli

ggi sempre più persone danno molta importanza al peso e all'aspetto fisico.

ggi sempre più persone danno molta importanza al peso e all'aspetto fisico. ggi sempre più persone danno molta importanza al peso e all'aspetto fisico. O Infatti, viviamo in una società che sta attraversando una vera e propria rivoluzione nel mondo della salute. Ma nonostante

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

La Vitamina A La Vitamina D

La Vitamina A La Vitamina D LE VITAMINE La Vitamina A La vitamina A o retinolo è una vitamina liposolubile che serve per la differenziazione delle cellule epiteliali, la spermatogenesi, regolazione dello sviluppo osseo, il sistema

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

LABOREST Italia S.p.A Via Vicinale di Parabiago 22 20014 Nerviano - Tel. 0331415253 info@laborest.com www.laborest.com

LABOREST Italia S.p.A Via Vicinale di Parabiago 22 20014 Nerviano - Tel. 0331415253 info@laborest.com www.laborest.com VISTA vista ALADIN 200 DHA 30 capsule Ingredienti: Olio di pesce titolato in DHA, gelatina alimentare, umidificanti: glicerolo, sorbitolo.agente rivestimento:gommalacca, coloranti:e171,e172; stabilizzanti:trietilcitrato,

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA On. Ministro Gianni Alemanno Presidente, Prof. Ferdinando Romano Gruppo di esperti costituito presso l Istituto

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

Le tecnologie Baldan Group Le tecnologie Baldan Group

Le tecnologie Baldan Group Le tecnologie Baldan Group Le Le tecnologie tecnologie Baldan Baldan Group Group Le tecnologie Baldan Group Le tecnologie Baldan Group Epilazione progressiva e permanente in totale sicurezza. Epilazione Pharma Epil progressiva System

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ Informazioni per i Pazienti Casa di cura privata Villa Garda Casa di Cura VILLA GARDA Via Monte Baldo, 89-37016 Garda (VR) Tel. 045/6208611 - Fax 045/7256132

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene A breve termine Riflesso barocettivo A lungo termine Controllo volemia Quota introduzione liquidi RPT GC Pa Volume liquidi corporei Rene Diuresi Un modo per regolare la Pa è quello di aggiungere o sottrarre

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

MANUALE QUALITA Doc. 13 Preparazione del paziente al prelievo venoso e raccomandazioni per la raccolta dei campioni biologici

MANUALE QUALITA Doc. 13 Preparazione del paziente al prelievo venoso e raccomandazioni per la raccolta dei campioni biologici Indice!"#$"%!&$'!(!""$'!)$%&*$%+, $'!(!""$'!)$%&*$%+, $'!$!"$'+, $-+$./ " 0/ *!'# 1 ( #2 / 3 1 3 2 $ 3 + 4 -(4 -( 5 5 6-6 - # 7 78 '7 Prelievo venoso 1) PREPARAZIONE DEL PAZIENTE PRIMA DEL PRELIEVO E importante

Dettagli