Nel caso in cui la denominazione dell'ente non sia presente nell'elenco, inserire la Denominazione nella casella sottostante.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nel caso in cui la denominazione dell'ente non sia presente nell'elenco, inserire la Denominazione nella casella sottostante."

Transcript

1 Dati identificativi MICRO 1. Ente Comune: Denominazione Soliera Ente Associato: Denominazione Nel caso in cui la denominazione dell'ente non sia presente nell'elenco, inserire la Denominazione nella casella sottostante. 2. Indirizzo dell'ente: PIAZZA REPUBBLICA SOLIERA 3. Telefono con prefisso: 059/ Fax con prefisso: 059/ Tipo di ente: Comune X Distretto ASL Comunità montana Consorzio Comprensorio Altra associazione di comuni Altro (specificare) 7. Se l'ente comprende più di un comune, indicare quali comuni ne fanno parte: Comune 1 Comune 2 Comune 3 Comune 4 Comune 5 Comune 6 Comune 7 Comune 8 Comune 9 Comune 10 Comune 11 Comune 12 Comune 13 Comune 14 Comune 15 Comune 16 Comune Indicare le quote trasferite ad altri enti per gli interventi e i servizi sociali gestiti in forma associata nel 2005: tot. (Totale tavola trasferimenti) 9. Dati del compilatore: Nome Cognome Telefono Fax X Tiziana Balestri 059/ /

2 TRASFERIMENTI VERSO ALTRI ENTI 8. Indicare le quote da trasferire ad altri enti per gli interventi e i servizi sociali gestiti in forma associata nel 2005: tot della zona Ad altri comuni di altre zone Comunità Montana AUSL per deleghe Consorzio Associazione di Comuni Unione di Comuni Provincia Totale Famiglie e Minori Giovani 0 Disabili Dipendenze 0 Anziani Immigrati Disagio Adulti 0 Multiutenza 0 Indistinti Totale

3 RISORSE 9. Indicare le entrate provenienti da altri enti e le risorse proprie : 0 BILANCIO PREVENTIVO PER MICROAREE Entrate da comuni fuori zona Entrate da comuni in zona Entrate da U.E. Entrate dirette dalla Stato Entrate dalla Regione Entrate dalla Provincia Altre entrate (donazioni..) Risorse Proprie del Comune (SOLO PER I COMUNI) Totale entrate altri enti Totale Risorse Famiglie e Minori ( nota 1) Giovani ( nota 1) Disabili (nota 2) Dipendenze (nota 3) Anziani (nota 4) Immigrati (nota 5) Disagio Adulti (nota 6) Multiutenza 0 0 Indistinti ( nota 7) Totale IL CALCOLO AUTOMATICO FORNISCE UN CONTROLLO DA UTILIZZARE PER LA VERIFICA DELLA CONGRUITA' DEI DATI IMMESSI (Calcolo differenza (tot spese di area scheda + traferimenti area) - (tot. Entrate da utenza + fondo sanitario scheda + Totale entrate (col B+C+D+E+F+G+H)) nota 1: Legge 285/97 - Promozione Diritti infanzia e adolescenza; L.R. 1/2000 Servizi per l infanzia; L.R. 21/96 - Giovani; L. 476/98 - Adozioni internazionali; L. 269/98 - Abuso; L. 149/ Adozione e affidamento dei minori; L.R. 27/89 nota 2: L.R. 29/97 Interventi per autonomia e integrazione, programmi di iniziativa regionale/programmi finalizzati (assegni di cura) nota 3: DPR 309/90 e L 45/99; programma di iniziativa regionale dipendenze/programma finalizzato nota 4 : programmi di iniziativa regionale /programmi finalizzati (assegni di cura, qualificazione lavoro di cura) nota 5: Dlgs.vo 286/98 - Immigrazione nota 6: L.R. 47/88 Nomadi; DPCM 15/12/ Senza Fissa dimora: programmi di iniziativa regionale/programmi finalizzati (detenuti, prostituzione, donne in difficoltà) nota 7: L. 328/00 - Piani di zona

4 Famiglia e Minori A Attività di Servizio sociale professionale Servizio sociale professionale (compresa tutela legale minori) SI Intermediazione abitativa e/o assegnazione alloggi 3 Servizio per l'affido minori SI 4 Servizio per l'adozione minori SI Interventi di sostegno alla genitorialità si C 1 Interventi per l'integrazione sociale dei soggetti deboli o a rischio 2 Attività ricreative, sociali, culturali SI 5000 educativo-assistenziali e per l'inserimento lavorativo dei minori 1 Sostegno socio-educativo scolastico D Assistenza domiciliare a famiglie con minori E 1 Assistenza domicilare socio-assistenziale 5a Assegno di cura 1 Servizi di supporto (esclusa la mensa scolastica, salvo le agevolazioni alle famiglie povere) SI Trasporto sociale (escluso il trasporto scolastico, salvo le agevolazioni alle famiglie povere) SI 2990 UFFICIO CASA SI F per il pagamento di interventi e servizi Contributi economici per cure o prestazioni sanitarie SI Retta per asili nido SI 2055 SI Contributi economici per i servizi scolastici solo sostegno economico SI Contributi economici per l'inserimento lavorativo 15 Contributi economici a integrazione del reddito familiare SI Contributi economici per affido familiare SI Contributi generici ad associazioni sociali SI Trasferimenti ad aziende municipalizzate per agevolazioni tariffarie sui trasporti 19 Contributi per l'alloggio fondo sociale per l'alloggio SI G a ciclo diurno o semi-residenziale Asilo Nido SI Servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia SI Centri diurni estivi 5 Ludoteche / laboratori 6 Centri di aggregazione / sociali centri estivi nido e materna SI centri estivi 6/11 anni SI H comunitarie e residenziali 1 residenziali 2 Centri estivi o invernali (con pernottamento) I Pronto intervento sociale 1 unità di strada, ecc

5 SI 1 2 Giovani Compartecipazione degli utenti Compartecipazione del S.S.N. A Attività di Servizio sociale professionale Servizio sociale professionale SI Interventi per l'integrazione sociale dei soggetti deboli o a rischio SI Attività ricreative, sociali, culturali SI Centri Sociali 99 Centri di aggregazione giovanile SI Programmi intergenerazionali 99 Attività di informazione e prevenzione nei luoghi di divertimento 99 Attivita' di strada con gruppi infornmali SI Informagiovani Sale Prova e Registrazione Musicale SI 8600 Spazio Giovani Limidi - spazio Ragazzi Sozzigal SI 4000 C educativo-assistenziali e per l'inserimento lavorativo 99 Progetti di civile D Assistenza domiciliare E 1 Assistenza domiciliare socio-assistenziale 2 Assistenza Domiciliare Integrata con servizi sanitari 5b Assegno di cura Servizi di supporto 2 Trasporto sociale Compartecipazione degli utenti F per il pagamento di interventi e servizi Contributi per servizi alla persona 5 Contributi economici per cure o prestazioni sanitarie 7 Retta per centri diurni 15 Contributi economici ad integrazione del reddito familiare 16 Contributi economici per affido familiare 17 Contributi generici ad associazioni sociali SI Compartecipazione degli utenti Compartecipazione del S.S.N. G a ciclo diurno o semi-residenziale H comunitarie e residenziali 1 residenziali I Pronto intervento sociale 1 unità di strada, ecc

6 Disabili A Attività di Servizio sociale professionale Interventi per l'integrazione sociale dei soggetti deboli o a rischio 2 Attività ricreative, sociali, culturali SI Gestione pratiche invalidi civili SI educativo-assistenziali e per l'inserimento lavorativo dei C disabili Sostegno socio-educativo scolastico SI D Assistenza domiciliare Assistenza domicilare socio-assistenziale 2 Assistenza Domiciliare Integrata con servizi sanitari SI Servizi di prossimità (buonvicinato) 4 Telesoccorso e teleassistenza 5a Assegno di cura E Servizi di supporto Trasporto sociale (compreso trasporto scolastico se non compreso nel diritto allo studio) SI F per il pagamento di interventi e servizi Contributi per servizi alla persona 5 Contributi economici per cure o prestazioni sanitarie 7 Retta per centri diurni 11 Contributi economici per trasporto 14 Contributi economici per l'inserimento lavorativo SI Contributi economici ad integrazione del reddito familiare SI Contributi economici per affido familiare 17 Contributi generici ad associazioni sociali SI Trasferimenti ad aziende municipalizzate per agevolazioni tariffarie sui trasporti G a ciclo diurno o semi-residenziale SI Centri diurni estivi 5 Ludoteche / laboratori 6 Centri di aggregazione/sociali H comunitarie e residenziali 1 residenziali 2 Centri estivi o invernali (con pernottamento) I Pronto intervento sociale 1 unità di strada, ecc

7 Dipendenze A Attività di Servizio sociale professionale 1 Interventi per l'integrazione sociale dei soggetti deboli o a rischio 2 Attività ricreative, sociali, culturali C educativo-assistenziali e per l'inserimento lavorativo D Assistenza domiciliare 1 Assistenza domicilare socio-assistenziale 3 Servizi di prossimità (buonvicinato) 4 Telesoccorso e teleassistenza 5a Assegno di cura E Servizi di supporto 2 Trasporto sociale F per il pagamento di interventi e servizi Contributi per servizi alla persona 5 Contribuuti economici per cure o prestazioni sanitarie 7 Retta per centri diurni 14 Contributi economici per l'inserimento lavorativo 15 Contributi economici ad integrazione del reddito familiare 17 Contributi genericiad associazioni sociali G a ciclo diurno o semi-residenziale 6 Centri di aggregazione/sociali H comunitarie e residenziali 1 residenziali I Pronto intervento sociale I 1 unità di strada, ecc.

8 Anziani A Attività di Servizio sociale professionale Servizio sociale professionale SI Intermediazione abitativa e/o assegnazione alloggi B Integrazione sociale 1 Interventi per l'integrazione sociale dei soggetti deboli o a rischio 2 Attività ricreative, sociali, culturali D Assistenza domiciliare Assistenza domiciliare socio-assistenziale SI Assistenza Domiciliare Integrata con servizi sanitari SI Servizi di prossimità (buonvicinato) 4 Telesoccorso e teleassistenza SI a assegno di cura SI SI E Servizi di supporto 2 Trasporto sociale F per il pagamento di interventi e servizi Contributi per servizi alla persona 5 Contributi economici per cure o prestazioni sanitarie 7 Retta per centri diurni SI Contributi economici per trasporti 15 Contributi economici ad integrazione del reddito familiare SI Contributi economici per affido familiare 17 Contributi generici ad associazioni sociali SI Trasferimenti ad aziende municipalizzate per agevolazioni tariffarie G a ciclo diurno o semi-residenziale SI Centri di aggregazione/sociali H comunitarie e residenziali residenziali SI Centri estivi o invernali (compresi i soggiorni climatici o termali) SI

9 Immigrati A Attività di Servizio sociale professionale Servizio sociale professionale SI Intermediazione abitativa e/o assegnazione alloggi SI Interventi per l'integrazione sociale dei soggetti deboli o a rischio 2 Attività ricreative, sociali, culturali SI Servizi di mediazione culturale C educativo-assistenziali e per l'inserimento lavorativo E Servizi di supporto 2 Trasporto sociale (compreso trasporto scolastico se non incluso nel diritto allo studio) F per il pagamento di interventi e servizi Contributi economici per cure o prestazioni sanitarie SI Retta per prestazioni semi-residenziali SI 400 SI Contributi economici ad integrazione del reddito familiare SI Contributi generici ad associazioni sociali G a ciclo diurno o semi-residenziale 4 Centri diurni estivi 6 Centri di aggregazione / sociali H comunitarie e residenziali 1 residenziali 2 Centri estivi o invernali (con pernottamento) 3 Area attrezzata per nomadi Pronto intervento sociale I 1 unità di strada, ecc

10 Disagio Adulti A Attività di Servizio sociale professionale Servizio sociale professionale SI Intermediazione abitativa e/o assegnazione alloggi Interventi per l'integrazione sociale dei soggetti deboli o a rischio SI Attività ricreative, sociali, culturali C educativo-assistenziali e per l'inserimento lavorativo D Assistenza domiciliare E 1 Assistenza domiciliare socio-assistenziale 2 Assistenza Domiciliare Integrata con servizi sanitari 5b Assegno di cura Servizi di supporto 2 Trasporto sociale F per il pagamento di interventi e servizi SI Contributi per servizi alla persona 5 Contributi economici per cure o prestazioni sanitarie 7 Retta per centri diurni SI SI Contributi economici ad integrazione del reddito familiare SI Contributi economici per affido familiare 17 Contributi generici ad associazioni sociali G a ciclo diurno o semi-residenziale H comunitarie e residenziali 1 residenziali I Pronto intervento sociale SI

11 Multiutenza L Segretariato sociale, informazione e consulenza per l'accesso alla rete dei servizi Amministrativi SI M N Prevenzione e sensibilizzazione 1 Attività di informazione e sensibilizzazione: campagne informative etc. 2 Attività di prevenzione Azioni di sistema e spese di organizzazione Piani di zona 2 Sistema informativo e osservatori 3 Sistemi di qualità 4 Formazione del personale SI Ricerca 6 Altri interventi che favoriscono la programmazione e la crescita del sistema 7 Interventi per favorire la realizzazione dell'integrazione socio-sanitaria 8 Spese di organizzazione (personale amministrativo, tecnico e di gestione) 9 Spese per autorizzazioni al funzionamento

SCHEDE REGIONALI DI SPESA DISTINTE PER AREE DI INTERVENTO DEL COMUNE DI RIMINI

SCHEDE REGIONALI DI SPESA DISTINTE PER AREE DI INTERVENTO DEL COMUNE DI RIMINI SCHEDE REGIONALI DI SPESA DISTINTE PER AREE DI INTERVENTO DEL COMUNE DI RIMINI 2 MICRO 2007 1. Ente Comune: Denominazione RIMINI Ente Associato: Denominazione PREVENTIVO PER MICROAREE 2007 Dati identificativi

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 Ministero Lavoro e le Politiche sociali Conferenza le Regioni e le Province Autonome Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 SEGRETO STATISTICO, OBBLIGO DI

Dettagli

TABELLA DELLE SPESE SOCIALI E SOCIO- SANITARIE

TABELLA DELLE SPESE SOCIALI E SOCIO- SANITARIE PIANO DI ZONA 2005/2007 Comune di Bellaria Igea-Marina Comune di Poggio Berni TABELLA DELLE SPESE SOCIALI E SOCIO- SANITARIE Comune di Rimini Comune di Santarcangelo di Romagna PROGRAMMA ATTUATIVO 2007

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI - ANNO 1 Indice delle tavole statistiche A) Spesa a livello regionale per interventi e servizi sociali dei comuni singoli e associati Tavola

Dettagli

MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale)

MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale) MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale) 1. GENERALITÁ Nel Modulo Servizi svolti Parte II, si chiede la quantificazione dei principali servizi svolti nell anno di rilevazione

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

INDICE. Classificazione Interventi e Servizi Regione Campania per la promozione della sicurezza sociale

INDICE. Classificazione Interventi e Servizi Regione Campania per la promozione della sicurezza sociale INDICE Classificazione Interventi e Servizi Regione Campania per la promozione della sicurezza sociale Cod. Clas. AREA WELFARE D'ACCESSO A1 A1 Segretariato Sociale A2 D1 Servizio Sociale Professionale

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2012 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2011 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

Il Nomenclatore nazionale dei servizi e degli interventi sociali

Il Nomenclatore nazionale dei servizi e degli interventi sociali 28 Sistema informativo locale 2008 3.2.7. Il Nomenclatore nazionale dei servizi e degli interventi sociali Il sistema informativo delle politiche sociali insegue da tempo una definizione esaustiva, articolata

Dettagli

NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Versione 2 Anno 2013

NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Versione 2 Anno 2013 2013 NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Versione 2 Anno 2013 Indice 1. La struttura del Nomenclatore 2. Le voci del Nomenclatore 3. La classificazione dei presidi residenziali socio-assistenziali

Dettagli

PIANO DI ZONA 2011-2013

PIANO DI ZONA 2011-2013 PIANO DI ZONA 2011-2013 NOMENCLATORE INTERREGIONALE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI In.Re.Te. C.I.S.S-AC Codice Denominazione Descrizione tot parz Non tot parz Non X X A1 Segretariato sociale/porta

Dettagli

NOMENCLATORE NAZIONALE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI

NOMENCLATORE NAZIONALE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI NOMENCLATORE NAZIONALE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI REGIONE LOMBARDIA VER. 21-03-09 Vista l urgenza che si è venuta a determinare in merito alla diffusione/pubblicazione del documento, le integrazioni

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5

Dettagli

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona Giovanni Bertin Il livello di conoscenza del sistema di offerta http://pdz.venetosociale.it La rilevazione Piani

Dettagli

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI 1 SEZ.A. DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE A1. Suddivisione della popolazione per sesso e classi di età e stranieri

Dettagli

NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI, SANITARI E SOCIOSANITARI PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PIANI DI ZONA (PDZ)

NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI, SANITARI E SOCIOSANITARI PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PIANI DI ZONA (PDZ) NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI, SANITARI E SOCIOSANITARI PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PIANI DI ZONA (PDZ) REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA - DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTEGRAZIONE

Dettagli

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 1 di 40 INDICE 1. ELENCO DEI SERVIZI DISPONIBILI 1.1 Il sistema integrato dei Servizi Sociali 1.2 Gli interventi erogati dall'ente di Ambito Sociale 2. SCHEDE DESCRITTIVE

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE SETTORE SOCIALE SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 FUNZIONI DEI SERVIZI SERVIZIO SOCIO-ASSISTENZIALE Il Settore è preposto ad assicurare alle persone e alle famiglie un sistema

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

Guida alla compilazione del questionario

Guida alla compilazione del questionario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2007 Guida alla compilazione del questionario 1. AVVERTENZE GENERALI I dati richiesti nel questionario riguardano gli interventi

Dettagli

Gestione Associata dei Servizi Sociali TRASFERIMENTO SERVIZI FUNZIONE SERVIZI SOCIALI. - Relazione Tecnica -

Gestione Associata dei Servizi Sociali TRASFERIMENTO SERVIZI FUNZIONE SERVIZI SOCIALI. - Relazione Tecnica - TRASFERIMENTO - Relazione Tecnica - I servizi oggetto della funzione fondamentale dei servizi sociali Ai sensi art. 58 della Legge regionale 27 dicembre 2011, n. 68 Norme sul sistema delle autonomie locali,

Dettagli

GLOSSARIO DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI SOCIALI

GLOSSARIO DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI SOCIALI GLOSSARIO DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI SOCIALI A1_01 Sportelli di segretariato sociale Intervento sociale volto ad informare e orientare la cittadinanza sulle risorse territoriali e sulle modalità per

Dettagli

COMUNE DI POGGIO TORRIANA - PROVINCIA DI RIMINI-

COMUNE DI POGGIO TORRIANA - PROVINCIA DI RIMINI- COMUNE DI POGGIO TORRIANA - PROVINCIA DI RIMINI- REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013,

Dettagli

Tabella 1 - CLASSIFICAZIONE INTERVENTI E SERVIZI

Tabella 1 - CLASSIFICAZIONE INTERVENTI E SERVIZI Tabella 1 - CLASSIFICAZIONE INTERVENTI E SERVIZI Interventi e servizi Informazione, orientamento, sensibilizzazione, prevenzione Sportelli di segretariato sociale Intervento sociale volto ad informare

Dettagli

Regione Piemonte - Azienda Sanitaria Locale CN2 Alba Bra

Regione Piemonte - Azienda Sanitaria Locale CN2 Alba Bra MODELLO A) ENTRATE Regione Piemonte - Azienda Sanitaria Locale CN2 Alba Bra dati di bilancio Avanzo di amministrazione gestione socio assistenziale : CONSUNTIVO 212 (accertamenti impegni) 1= 1. euro -

Dettagli

N. procedimenti per i quali non sono stati rispettati i tempi di conclusione

N. procedimenti per i quali non sono stati rispettati i tempi di conclusione CONTRIBUTI SUSSIDI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALSIASI NATURA A PERSONE, ENTI PUBBLICI E PRIVATI AREA Processi Tipologia di N. tot dei N. per i quali non sono stati rispettati gli standard procedimentali/

Dettagli

Report Piani di Zona dati web. mercoledì 23 settembre 2009 Pagina 1 di 5

Report Piani di Zona dati web. mercoledì 23 settembre 2009 Pagina 1 di 5 Report Piani di Zona dati web mercoledì 23 settembre 2009 Pagina 1 di 5 Comune San Bonifacio Cod Area Macrotipologia Microtipologia Nome precedent Nome Finalità resp gestione Soggetti erogatori D5 Disabili

Dettagli

CONTRIBUTI SUSSIDI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALSIASI NATURA A PERSONE, ENTI PUBBLICI E PRIVATI

CONTRIBUTI SUSSIDI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALSIASI NATURA A PERSONE, ENTI PUBBLICI E PRIVATI Catalogo processi, tipologia dei procedimenti e valutazione del rischio area: CONTRIBUTI AREA DI RISCHIO Processi Tipologia di procedimenti Valutazione del Rischio Contributi economici per soggetti disagiati,

Dettagli

IL NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE TOSCANA VERSIONE I 2009

IL NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE TOSCANA VERSIONE I 2009 Allegato A - IL NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE TOSCANA VERSIONE I 2009 Parte I Introduzione: identità e finalità Parte II Il contenuto informativo caratteristiche dei servizi

Dettagli

MacroFramiglia Tipologia servizio Denominazione Indirizzo Comune Prov ATS Telefono1 Fax Email Posti Autor.

MacroFramiglia Tipologia servizio Denominazione Indirizzo Comune Prov ATS Telefono1 Fax Email Posti Autor. 61139 Sociale Interventi Informazione, orientamento, 6114 Sociale Interventi Informazione, orientamento, 61141 Sociale Interventi Informazione, orientamento, Sportelli di Segretariato Sociale SEGRETARIATO

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. 159 1. SCOPO DEL REGOLAMENTO L I.S.E.E. è lo strumento di valutazione

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE WELFARE E SERVIZI EDUCATIVI

DIREZIONE CENTRALE WELFARE E SERVIZI EDUCATIVI DIREZIONE CENTRALE WELFARE E SERVIZI EDUCATIVI Affari Generali e Controlli interni 1) affari generali: a. gestione amministrativa di tutto il personale della Direzione Centrale, sulla base delle attestazioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

UFFICIO SOCIALE Area Minori

UFFICIO SOCIALE Area Minori Responsabile: Molinelli Mariagrazia Assistente Sociale: Buscarini Giorgia Orario: mercoledì dalle 8,30 alle 11,00 Linea telefonica: 0523 887617 Linea telematica: ufficiosociale@comune.sarmato.pc.it ufficiotributi@comune.sarmato.pc.it

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 16 dicembre 2014, n. 206. Regolamento recante modalità attuative del Casellario dell assistenza, a norma dell articolo

Dettagli

FONDO SOCIALE REGIONALE

FONDO SOCIALE REGIONALE FONDO SOCIALE REGIONALE FONDO NAZIONALE POLITICHE SOCIALI FONDO REGIONALE ASSISTENZA SOCIALE FONDO SOCIALE REGIONALE RIPARTITO AL TERRITORIO - 2013 TRASFERIMENTO ORDINARIO: 1^ RIPARTO (FRAS) Euro 18.000.000,00

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE SPESA SOCIALE DEI COMUNI IN GESTIONE SINGOLA E ASSOCIATA DEL PIANO DI ZONA CONSUNTIVO 2012

GUIDA ALLA COMPILAZIONE SPESA SOCIALE DEI COMUNI IN GESTIONE SINGOLA E ASSOCIATA DEL PIANO DI ZONA CONSUNTIVO 2012 Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato GUIDA ALLA COMPILAZIONE SPESA SOCIALE DEI COMUNI IN GESTIONE SINGOLA E ASSOCIATA DEL PIANO DI ZONA CONSUNTIVO 2012 INDICE DEL DOCUMENTO PREMESSA...

Dettagli

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia comunità Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia 01 Il Servizio prevede incontri di formazione rivolti ad insegnanti e genitori delle Scuole dell Infanzia di Caselle, Sommacampagna e Custoza.

Dettagli

2.1.2 Servizi sociali

2.1.2 Servizi sociali 2.1.2 Servizi sociali Roma Capitale, nell ambito delle proprie competenze, assicura alle persone e alle famiglie un sistema integrato di interventi e servizi sociali con livelli quantitativi e qualitativi

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 06-07-2009 (punto N. 16 ) Delibera N.580 del 06-07-2009

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 06-07-2009 (punto N. 16 ) Delibera N.580 del 06-07-2009 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 06-07-2009 (punto N. 16 ) Delibera N.580 del 06-07-2009 Proponente GIANNI SALVADORI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE

Dettagli

Regione Lazio. Tassonomia delle strutture e dei servizi sociali del Lazio. (Aggiornata al 30 giugno 2011)

Regione Lazio. Tassonomia delle strutture e dei servizi sociali del Lazio. (Aggiornata al 30 giugno 2011) Regione Lazio Tassonomia delle strutture e dei servizi sociali del Lazio (Aggiornata al 30 giugno 2011) Sommario Famiglia, Minori e giovani... 4 Servizi residenziali e semiresidenziali... 5 Servizi all'infanzia...

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA RIORDINO E PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 1994 N. 42 IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO

Dettagli

Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti

Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti P Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti RESENTAZIONE Lavorare per incrementare i servizi sul territorio e rendere maggiormente fruibili quelli già esistenti. Con questo spirito

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N.

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. 159 Approvato con deliberazione del consiglio dell unione n

Dettagli

I LIVELLI ESSENZIALI DELLE PRESTAZIONI SOCIALI (LIVEAS) DOCUMENTO DELLE REGIONI PER L AVVIO DEL CONFRONTO CON LO STATO

I LIVELLI ESSENZIALI DELLE PRESTAZIONI SOCIALI (LIVEAS) DOCUMENTO DELLE REGIONI PER L AVVIO DEL CONFRONTO CON LO STATO I LIVELLI ESSENZIALI DELLE PRESTAZIONI SOCIALI (LIVEAS) DOCUMENTO DELLE REGIONI PER L AVVIO DEL CONFRONTO CON LO STATO 1. Considerazioni preliminari I mutamenti intervenuti nel quadro costituzionale rispetto

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna:

Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna: Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna: la legislazione di riferimento, alcune priorità di lavoro e di prospettiva Ferrara 15 gennaio 2013

Dettagli

L offerta dei servizi sociali, sociosanitari e lavorativi nell Ambito territoriale di Mola di Bari. Azione n. 3

L offerta dei servizi sociali, sociosanitari e lavorativi nell Ambito territoriale di Mola di Bari. Azione n. 3 L offerta dei servizi sociali, sociosanitari e lavorativi nell Ambito territoriale di Mola di Bari Azione n. 3 Progetto RIPSO - Ricerca, Innovazione, Povertà Sociale Codice POR 06032 c 0022 POR PUGLIA

Dettagli

Allegato A alla Convenzione Costitutiva

Allegato A alla Convenzione Costitutiva ALLEGATO A VALDARNO INFERIORE PARTE I - convenzione della Società della Salute Art. 5, comma 1, lettera d) e art.19, comma 1- ATTIVITA DELL AREA SOCIO ASSISTENZIALE da ricomprendere nella descrizione delle

Dettagli

Comune di San Giuliano Terme

Comune di San Giuliano Terme Spese per sopravvivere Servizi sanitari Socialità Conciliazione Famiglia-lavoro Servizi sociali e socio-sanitari Utenze e tributi istruzione Casa Abitanti 31.066 - Famiglie 12.992 Dati ISTAT 31/12/2012

Dettagli

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. partner. dei cittadini. Vademecum 2007/2008

Assessorato alle Politiche Sociali. partner. dei cittadini. Vademecum 2007/2008 Assessorato alle Politiche Sociali partner dei cittadini Vademecum 2007/2008 Cari concittadini, questa guida ai servizi sociali del Comune di Cagliari è una prima risposta concreta, all esigenza e al diritto

Dettagli

DISTRETTO DI SESTO SAN GIOVANNI PIANO ZONALE DEI FINANZIAMENTI PER IL MANTENIMENTO E LO SVILUPPO DEI SERVIZI

DISTRETTO DI SESTO SAN GIOVANNI PIANO ZONALE DEI FINANZIAMENTI PER IL MANTENIMENTO E LO SVILUPPO DEI SERVIZI PIANO ZONALE DEI FINANZIAMENTI PER IL MANTENIMENTO E LO SVILUPPO DEI SERVIZI ANNO 2009 ASILI NIDO CRITERI DI RIPARTO: 1. Inserimento bambini portatori di handicap ( 4.000,00 per portatore di handicap);

Dettagli

ANAGRAFICA REGIONALE DEI SERVIZI SOCIALI. (DGR n. 145 del 12/06/2013)

ANAGRAFICA REGIONALE DEI SERVIZI SOCIALI. (DGR n. 145 del 12/06/2013) ANAGRAFICA REGIONALE DEI SERVIZI SOCIALI (DGR n. 145 del 12/06/2013) Premessa L art.21 della legge 328/2000 stabilisce che lo Stato, le Regioni, le Province e i Comuni istituiscano un sistema informativo

Dettagli

coop soc mn Based on Albo Cooperative Sociali

coop soc mn Based on Albo Cooperative Sociali DENOMINAZIONE ALMACOOP ONLUS SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE COMUNE PROVI NCIA TELEFONO Mantova MN 03761880877 VILLAGGIO SOS DI MANTOVA SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE - ONLUS Mantova MN 0376222697 COOPERATIVA

Dettagli

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza LA GIUNTA REGIONALE vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali) e, in particolare gli articoli 2 (Diritto alle prestazioni),

Dettagli

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali Il settore dei servizi sociali comprende varie aree: anziani, handicap, minori, disagio. AREA ANZIANI L'assistenza alle persone

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

FAMIGLIA E POLITICHE SOCIALI. Data aggiornamento 13/05/2014 MONITORAGGIO TEMPI PROCEDIMENTALI ANNO 2014

FAMIGLIA E POLITICHE SOCIALI. Data aggiornamento 13/05/2014 MONITORAGGIO TEMPI PROCEDIMENTALI ANNO 2014 DIREZIONE FAMIGLIA E POLITICHE SOCIALI MONITORAGGIO TEMPI PROCEDIMENTALI ANNO 2014 Data aggiornamento 13/05/2014 BREVE DESCRIZIONE DEL CON INDICAZIONE DI TUTTI I RIFERIMENTI ASILI DI CASEGGIATO D.Lgs.

Dettagli

MODULO 5 DATI CONTABILI

MODULO 5 DATI CONTABILI MODULO 5 DATI CONTABILI 1. GENERALITÁ Il Modulo Dati Contabili raccoglie informazioni riguardanti le entrate accertate e gli impegni di spesa corrente per ciascuna Funzione/Servizio. Le informazioni richieste

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE E SPORT Il Servizio è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio, alla promozione e valorizzazione delle attività sportive, motorie e

Dettagli

REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI

REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. Partner dei cittadini. socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010

Assessorato alle Politiche Sociali. Partner dei cittadini. socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010 Assessorato alle Politiche Sociali Comune di Cagliari Partner dei cittadini socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010 Breve guida per tutti i cittadini ai servizi sociali del Comune di Cagliari Comune

Dettagli

La provincia di Rieti Assessorato ai servizi sociali

La provincia di Rieti Assessorato ai servizi sociali La provincia di Rieti Assessorato ai servizi sociali Le Province, alla luce della riforma del titolo V della Costituzione hanno assunto un nuovo e diverso ruolo; si riduce la loro possibilità di erogare

Dettagli

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire,

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di organizzazioni

Dettagli

Responsabile dell Ufficio di Piano

Responsabile dell Ufficio di Piano Unione, Comunità Montana, Azienda di Servizi alla Persona: la nuova geografia istituzionale per la programmazione e la gestione dei servizi sociali e dei servizi socio sanitari del Distretto di Vignola

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

Bilancio dei Bambini

Bilancio dei Bambini Asili nido comunali: n iscritti 2009 2010 2011 Var. % anno 2011-2010 Numero di strutture Asili nido Capienza dei posti disponibili Numero posti attivati Numero iscritti 27 28 28-1.214 1.254 1.258 0,32%

Dettagli

Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste

Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N 1 TRIESTINA Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste Programma attuativo annuale - anno 2015 1 OBIETTIVI Piano di Zona 2013-2015

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI In conformità alla L. 328/2000 e al D. Lgs 109/1998, come modificato dal D. Lgs 130/2000, visto il D.P.C.M. 242/2001 ed i principi

Dettagli

PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 del Piano di Zona Accordo di programma 2005-2007 della Zona Sociale Ravenna- Cervia - Russi

PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 del Piano di Zona Accordo di programma 2005-2007 della Zona Sociale Ravenna- Cervia - Russi PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 del Piano di Zona Accordo di programma 2005-2007 della Zona Sociale Ravenna- Cervia - Russi (comprensivo del PIANO TERRITORIALE PROVINCIALE PER AZIONI DI INTEGRAZIONE SOCIALE A

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Decreto ministeriale 8 marzo 2013 Definizione delle modalità di rafforzamento del sistema dei controlli dell'isee. (G.U. 27 giugno 2013, n. 149) Vista la legge 8 novembre 2000, n. 328; IL MINISTRO DEL

Dettagli

Scheda Associazione da inserire in banca dati CSV Pavia e Provincia

Scheda Associazione da inserire in banca dati CSV Pavia e Provincia Scheda Associazione da inserire in banca dati CSV Pavia e Provincia Denominazione DATI ANAGRAFICI Sigla/Acronimo Preferenza per la sigla: Sì No Sede legale Sede operativa (se diverso da sede legale) per

Dettagli

CONSORZIO PUBBLICO DI FUNZIONI ZONA VALDERA. Provincia di Pisa. Determinazione n 4 del 30/12/2006

CONSORZIO PUBBLICO DI FUNZIONI ZONA VALDERA. Provincia di Pisa. Determinazione n 4 del 30/12/2006 Comuni di Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme, Chianni, Crespina, Lajatico, Lari, Palaia, Peccioli, Ponsacco, Pontedera, S. Maria a Monte, Terricciola e Azienda USL n.5 Ufficio della Direzione

Dettagli

GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE REGIONALI PER IL PIANO DI ZONA

GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE REGIONALI PER IL PIANO DI ZONA PROVINCIA DI CREMONA Servizio Servizi Sociali in collaborazione con gli Uffici di Piano di Crema, Cremona e Casalmaggiore GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE REGIONALI PER IL PIANO DI ZONA Aggiornamento:

Dettagli

Posizione Organizzativa n. 4

Posizione Organizzativa n. 4 Posizione Organizzativa n. 4 Settore: Pubblica Istruzione - Servizi Socio-Educativi Cultura - Sport - Spettacolo- Tempo Libero La struttura indicata, concorre con gli altri Servizi, al perseguimento delle

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA FAMIGLIA, INFANZIA ADOLESCENZA E MINORI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Pablo Picasso Maternità INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia)

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia) DENOMINAZIONE SERVIZIO 01 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CON SERVIZI SANITARI Il servizio di assistenza domiciliare integrata consiste in interventi da fornire ai cittadini al fine di favorire la permanenza

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE PER LE POLITICHE D INTEGRAZIONE CONCERNENTE L IMMIGRAZIONE

PROGRAMMA REGIONALE PER LE POLITICHE D INTEGRAZIONE CONCERNENTE L IMMIGRAZIONE PROGRAMMA REGIONALE PER LE POLITICHE D INTEGRAZIONE CONCERNENTE L IMMIGRAZIONE Osservatorio Regionale per l Integrazione e la Multietnicità SCHEDA DI PRESENTAZIONE PROGETTI AREA IMMIGRAZIONE FONDO ANNO

Dettagli

Interventi Sociali anno 2010

Interventi Sociali anno 2010 Comune di Pesaro Assessorato Servizi Sociali Interventi Sociali anno 2010 Pesaro, 14 maggio 2011 Popolazione residente del Comune di Pesaro al 31/12/2010 fascia di età italiani % stranieri % totale 0-14

Dettagli

in zona urbana (comuni di Trento e Rovereto) esternalizzato in zona urbana esternalizzato in zona extraurbana

in zona urbana (comuni di Trento e Rovereto) esternalizzato in zona urbana esternalizzato in zona extraurbana Allegato parte integrante Allegato 2 1. ATTIVITA SOCIO-ASSISTENZIALI DI LIVELLO LOCALE 1.1 Corrispettivi per i servizi di livello locale erogati nel 2012 Corrispettivo giornaliero o orario da applicare

Dettagli

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE I.S.E.E. Comune di Caselette ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI Il presente regolamento è finalizzato all individuazione delle condizioni economiche richieste per l accesso alle prestazioni comunali agevolate,

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan VENETO: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO ALLA

Dettagli

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine.

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine. Relazione, ai sensi dell art. 20 dello Statuto Comunale, sulla situazione e sullo stato di bisogno dei cittadini più in difficoltà. Anno di riferimento: 2009 Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

UFFICIO di PIANO ATTIVITA DI PROGRAMMAZIONE DELLA III ANNUALITA DELLA II TRIENNALITA 2013-2015. aggiornato al 12/11/2015

UFFICIO di PIANO ATTIVITA DI PROGRAMMAZIONE DELLA III ANNUALITA DELLA II TRIENNALITA 2013-2015. aggiornato al 12/11/2015 UFFICIO di PIANO ATTIVITA DI PROGRAMMAZIONE DELLA III ANNUALITA DELLA II TRIENNALITA 2013-2015 aggiornato al 12/11/2015 Modalità di riparto utilizzato dalla Regione Campania e dallo Stato II annualità

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio Premessa Progressivo aumento del numero degli anziani ripensamento dell assistenza Integrazione dell assistenza sanitaria e dei servizi alla persona

Dettagli

Rapporto sulla rilevazione delle diverse forme di sostegno offerte alle famiglie del territorio comunale nell anno 2012

Rapporto sulla rilevazione delle diverse forme di sostegno offerte alle famiglie del territorio comunale nell anno 2012 1 Rapporto sulla rilevazione delle diverse forme di sostegno offerte alle famiglie del territorio comunale nell anno 2012 1. PREMESSA I dati di seguito riportati sono stati elaborati traendo i relativi

Dettagli