Guida all alimentazione dell anziano tramite internet

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida all alimentazione dell anziano tramite internet"

Transcript

1 Massa Montignoso ========================================================== Guida all alimentazione dell anziano tramite internet progetto di intervento sociale della Provincia di Massa-Carrara, anno2010 a cura di: Armanini Alberta, Baldini Mary, Balestreri Gian Paolo, Bedini Luigi, Bellè Elsa Emilia, Bison Mara, Bordigoni Maria Antonietta, Crosilla Giuliano, Del Freo Brunella, Di Mauro Luisa, Ferrari Sonia, Filiè Luciana, Mosti Silvana, Menchini Giovanni, Novani Andrea, Ricciardi Ferdinando, Vita Margherita sotto la guida di: Dott.ssa Monica Fialdini, biologa nutrizionista Prof. Antonio De Angeli,. Psicologo, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Univ. di Siena Andrea Nicoli e Ferdinando Ricciardi, esperti informatici

2 Premessa Il problema di una corretta alimentazione è molto attuale e sentito in tutte le età. Diversi studi scientifici hanno evidenziato che il problema è particolarmente importante nell anziano. Esso è infatti più predisposto a disturbi, anche gravi, quali diabete, osteoporosi, malattie cardiocircolatorie, ed altri. che, in parte, possono essere prevenuti o ridotti attraverso una corretta alimentazione. Lo scopo principale del progetto è stato quello di sensibilizzare l anziano al problema di una corretta alimentazione e fornirgli le conoscenze di base necessarie alla scelta e alla assunzione corretta degli alimenti. La novità principale del progetto risiede nel metodo con cui l anziano ha appreso le informazioni necessarie ad una corretta alimentazione: tali informazioni sono state raccolte direttamente dall anziano visitando vari siti della rete telematica, sotto la guida di un esperto nutrizionista, di uno psicologo e di uno specialista informatico. In tal modo si è raggiunto un secondo scopo, non trascurabile, che è quello di fornire all anziano gli strumenti necessari alla navigazione in rete e, più in generale, all uso delle risorse di rete. Il progetto è stato svolto attraverso l impegno dei partecipanti, che hanno raccolto le informazioni, selezionando, con l aiuto degli esperti, quelle ritenute di maggior interesse. Al fine di lasciare una traccia del lavoro svolto, abbiamo deciso di raccogliere le informazioni selezionate in una relazione finale. Visto il taglio del progetto, poteva bastare dare una lista dei link di maggiore interesse; al fine di avere una relazione esauriente, anche se non completa, abbiamo deciso di riportare i contenuti dei siti ritenuti più significativi. Nella maggior parte dei casi, tali contenuti sono stati riportati esattamente nella forma in cui erano inseriti nei siti originari. Il materiale raccolto è stato organizzato in due parti: la prima riguarda i concetti generali sull alimentazione e si articola in tre capitoli. Il primo prende in esame le necessità biologiche dell alimentazione e fornisce le linee guida per determinare i nutrienti da assumere nella dieta quotidiana. Il secondo tratta gli aspetti psicologici connessi con la necessità di alimentazione. Il terzo riguarda i criteri di scelta del cibo e fornisce le linee guida per la scelta di una dieta quotidiana. La seconda parte riguarda più specificamente la dieta degli anziani in relazione ad alcune patologie tipiche della terza età. Si articola in due capitoli. Il primo fornisce una breve rassegna di alcune patologie tipiche dell anziano; il secondo fornisce le linee guida per un alimentazione adeguata per la prevenzione o compatibile con la presenza di tali patologie. Le informazioni riportate nella relazione, anche se controllate, possono contenere inesattezze o lacune. Si spera comunque che un eventuale lettore possa essere incuriosito e sensibilizzato

3 sull importanza di una corretta alimentazione: è questo infatti uno dei principali motivi per cui abbiamo deciso di presentare i risultati in forma di relazione. Abbiamo inoltre deciso di inserire questa relazione nel sito in modo da facilitarne la lettura a chiunque possa essere interessato. Si ringrazia la Provincia di Massa-Carrara, che, con il contributo erogato, ha reso possibile l esecuzione del progetto.

4 Parte I - Concetti generali sull'alimentazione Cap. I Necessità biologiche dell'alimentazione L'organismo per sopravvivere, crescere e soddisfare le necessità abituali per il proprio mantenimento e la propria attività necessita di essere rifornito continuamente delle sostanze nutritive contenute negli alimenti. L alimentazione ha lo scopo di soddisfare due richieste principali del nostro organismo: - deve fornire l energia necessaria per il mantenimento della vita e dell attività muscolare coprendo quindi il fabbisogno calorico giornaliero (esigenze energetiche); - deve fornire materiale per la protezione, la riparazione e la costruzione dei tessuti (esigenze plastiche). I principi nutritivi si dividono in 'essenziali' e 'non essenziali'. I primi sono quelli che l'organismo non sintetizza, ossia non produce, e che quindi devono essere introdotti quotidianamente con gli alimenti; i secondi invece sono quelli che il nostro corpo è in grado di sintetizzare. I principi nutritivi che compongono gli alimenti, devono quindi fornire l energia necessaria per soddisfare tali richieste; essi sono classificati in base a precise caratteristiche chimiche in 6 diversi gruppi : proteine, carboidrati, lipidi, acqua, vitamine, sali minerali (vedere sito 1

5 _Aspetti_nutrizionali.pdf). - PROTEINE Svolgono soprattutto funzione plastica, contribuendo alla formazione della materia contrattile del muscolo, alla costituzione di ormoni (come ad esempio l insulina), di anticorpi ed enzimi (necessari alle reazioni metaboliche). Tutte le proteine ingerite, prima di poter essere assorbite dalle pareti intestinali e successivamente riversate nel sangue, devono essere digerite da specifici enzimi (proteasi), che le rompono trasformandole nelle loro componenti costitutive: gli aminoacidi. Esistono circa una ventina di diversi aminoacidi, dieci dei quali considerati essenziali, in quanto non possono essere direttamente sintetizzati dal nostro organismo (vanno quindi assunti con l alimentazione). Questo tipo di aminoacidi possiede inoltre una particolare importanza, in quanto la carenza di anche un solo aminoacido essenziale, può pregiudicare l utilizzo di tutti gli altri aminoacidi nella costruzione delle proteine. Una corretta dieta dovrà quindi permettere l assunzione di tutti gli aminoacidi essenziali, nelle giuste proporzioni: tali aminoacidi sono contenuti in modo completo solamente negli alimenti di origine animale; per questo un alimentazione vegetariana richiede molta attenzione ed alcuni abbinamenti indispensabili (come legumi con cereali). Gli alimenti con maggior contenuto proteico sono naturalmente la carne, il pesce, l uovo, il latte (ed i suoi derivati), i legumi ed alcuni cereali. - CARBOIDRATI Chiamati impropriamente zuccheri, coprono più della metà del fabbisogno calorico totale, svolgendo soprattutto azione energetica. I carboidrati sono contenuti negli alimenti in diverse forme, differenti per la loro struttura chimica. Possiamo su questa base suddividerli in: - monosaccaridi, detti anche zuccheri semplici, sono contenuti soprattutto nel miele, nella frutta e negli ortaggi. La loro caratteristica principale è 2

6 quella di poter essere direttamente assorbiti, senza subire un processo digestivo; - disaccaridi, fanno anch essi parte degli zuccheri semplici, ma, per essere assorbiti, necessitano di un processo idrolitico che li scinde in elementi più semplici; - polisaccaridi, rappresentano i carboidrati più complessi; sono costituiti da molte molecole congiunte fra loro, e sono presenti soprattutto in legumi, tuberi, cereali e loro derivati (come ad esempio la pasta ed il pane). Molto importanti per chi pratica attività sportiva risultano gli zuccheri semplici che forniscono in tempi brevi molta energia; essi vanno però assunti con moderazione perché, poco dopo essere stati ingeriti, determinano un picco del valore glicemico nel sangue (iperglicemia) ed una conseguente ed abbondante secrezione di insulina (che può indirettamente favorire l aumento delle riserve di grassi). Diverso è invece il comportamento dei carboidrati complessi, che possiedono un più elevato potere nutritivo, richiedendo però un tempo maggiore per la loro assimilazione. Essi garantiscono nel sangue un valore di glicemia costante, che consente all atleta di evitare picchi di ipoglicemia durante gli allenamenti e le competizioni. - LIPIDI (GRASSI) Forniscono una quantità di energia elevatissima, poiché il loro valore calorico è molto superiore a quello dei carboidrati e delle proteine (forniscono esattamente 9 calorie per grammo contro le 4 calorie fornite da carboidrati e proteine). Da un punto di vista chimico i lipidi possono essere suddivisi in: - lipidi semplici (trigliceridi e colesterolo); - lipidi complessi, che costituiscono le membrane cellulari; - acidi grassi saturi, sono soprattutto di origine animale, e, a temperatura ambiente, si trovano allo stato solido; 3

7 - acidi grassi insaturi, si trovano prevalentemente negli alimenti di origine vegetale, e sono allo stato liquido a temperatura ambiente. Durante le digestione i grassi assunti con gli alimenti vengono scissi in acidi grassi, assorbiti dall intestino e trasportati successivamente dal sangue nel nostro organismo. Gli acidi grassi insaturi sono solitamente più digeribili di quelli saturi, che inoltre influiscono negativamente sui livelli di colesterolo nel sangue. - SALI MINERALI Sono sostanze inorganiche indispensabili nella regolazione di numerosi processi organici (come ad esempio le reazioni enzimatiche, le contrazioni muscolari, la trasmissione di impulsi nervosi).vengono assunti con l alimentazione e possono essere suddivisi in macroelementi e oligoelementi. I più importanti sono: - calcio, indispensabile per lo sviluppo ed il ricambio delle fibre ossee, contribuisce inoltre alla contrazione muscolare. Le principali fonti di calcio sono rappresentate dal latte e dai suoi derivati. Sono ricchi di calcio anche le verdure a foglia verde e la frutta secca oleosa. - magnesio, importantissimo per il mantenimento del potenziale elettrico delle cellule nervose e muscolari; si torva principalmente nei cereali integrali, nella frutta secca oleosa e nelle albicocche. - fosforo, è uno dei costituenti delle ossa e dei denti, è presente soprattutto nel latte e nel pesce; - sodio, regola l idratazione dei tessuti e possiede un azione di ritenzione dei liquidi (per questo va assunto con moderazione); la sua fonte maggiore è costituita dal comune sale da cucina; - ferro, importantissimo componente dell emoglobina (proteina presente nei globuli rossi, responsabile del trasporto dell ossigeno nel sangue) e della mioglobina (proteina con funzione simile a quella dell emoglobina, situata però a livello muscolare). E presente soprattutto nelle carni rosse, 4

8 nelle uova, nei legumi ed in alcuni ortaggi (radicchio). Il ferro è maggiormente assimilabile se abbinato a vitamina C (ecco perché è utile condire la carne o il radicchio con il limone). - fluoro, contenuto soprattutto nei denti e nelle ossa, elemento fondamentale per la crescita, è presente nel pesce e nel riso; - iodio, importantissimo per la sintesi degli ormoni tiroidei, è presente negli alimenti di origine marina; - rame, presente in alcuni semi e nei molluschi; - zinco, ha un ruolo determinante per la crescita e per la formazione di alcuni enzimi, è presente nelle carni, nei latticini e nel pesce. - VITAMINE Svolgono un ruolo importantissimo durante il metabolismo e l assimilazione dei cibi; sono composti organici che a seconda della loro solubilità nell acqua o nei grassi vengono indicati come liposolubili (A, D, E, K) o idrosolubili (gruppo B e C). Le prime, se assunte assieme ad alimenti che contengono grassi, vengono immagazzinate dall organismo, le seconde invece, non vengono accumulate e devono quindi essere introdotte quotidianamente per soddisfare le necessità del nostro corpo. Vitamine Gruppo B: hanno un ruolo fondamentale nel metabolismo dei carboidrati e delle proteine; in particolare la vitamina B1 è indispensabile per l utilizzo dei carboidrati a livello muscolare (importantissima quindi per gli sportivi), la vitamina B6 interviene nel metabolismo delle proteine, la vitamina B12 (insieme all acido folico) interviene invece nella sintesi dei globuli rossi ed è quindi molto importante in caso di anemia. Vitamina C: detto anche acido ascorbico, interviene nella prevenzione e nella riparazione dei danni tessutali e dei microtraumi da sport, è utile per la formazione dell emoglobina e protegge l organismo dalle malattie infettive; insieme alla vitamina A ha un azione antiossidante, ossia 5

9 protegge l organismo dalla produzione di radicali liberi, che può avvinire durante l attività fisica, in caso di stress o di cattive abitudini alimentari. Vitamina E: consente di mantenere ottimale la funzionalità delle cellule durante l attività fisica (soprattutto nel caso di un impegno di tipo aerobico, in quanto aiuta la produzione di energia utilizzando ossigeno e acidi grassi). - ACQUA E forse l elemento più importante, se si pensa che costituisce circa il 70% della nostra massa corporea. L idratazione è quindi indispensabile alla vita e varia a seconda della temperatura, dell attività fisica e della dieta. L acqua è indispensabile per la termoregolazione del nostro organismo (basti pensare che attraverso il sudore il nostro corpo è in grado di abbassare la propria temperatura), per mantenere l equilibrio idrico-salino e per l eliminazione dei prodotti di rifiuto. Durante gli sforzi fisici prolungati si deve fare molta attenzione a cosa, quando e quanto bere; la disidratazione rappresenta un grave pericolo per la nostra salute in quanto disturba gravemente il sistema di termoregolazione, la traspirazione ed in casi più gravi la stessa circolazione sanguigna. E quindi buona abitudine bere spesso ed in quantità moderate, soprattutto durante gli allenamenti più lunghi, cercando sempre di prevenire la sete. Un corretto stile alimentare deve quindi tenere conto dei reali fabbisogni calorici della persona, assumendo nella giusta misura e rapporto tutti i nutrienti essenziali appena descritti. Importantissima sarà quindi la varietà e la qualità dei cibi consumati, oltreché la corretta distribuzione dei vari elementi nutritivi nell arco della giornata. Nel sito si può vedere un filmato sull importanza di alcuni nutrienti essenziali. Nella tabella I è riportata una sintesi dei nutrienti essenziali. 6

10 Tabella I Nutrienti essenziali Classe di Nutrienti Essenziali Nutrienti Aminoacidi Leucina, Isoleucina, Lisina, Metionina, Fenilalanina, Valina, Triptofano, Treonina Glucidi Glucosio Lipidi Acido linoleico Calcio, Fosforo, Sodio, Potassio, Cloro, Magnesio, Minerali Ferro, Rame, Zinco, Cobalto,Manganese, Cromo, Molibdeno, Selenio, Iodio, Fluoro Liposolubili:Retinolo, Calciferolo, Naftochinone, Tocoferolo Vitamine Idrosolubili: Tiamina, Riboflavina, Piridossina, Niacina, Biotina, Acido folico, Acido pantotenico, Acido ascorbico, Cobalamina Gli aminoacidi vengono estratti dalle proteine. Ne sono stati classificati circa 20 di cui 8 essenziali. Nel sito si possono trovare ulteriori approfondimenti sui nutrienti essenziali, con particolare riferimento alle diete vegetariane. Nel sito si trovano elencate le funzioni svolte nel nostro organismo da vitamine e sali minerali. Nel sito è disponibile un metodo per calcolare i fabbisogni giornalieri di nutrienti essenziali. A titolo di esempio in Tabella II sono riportati i fabbisogni per una persona maschile di 70 anni, alto 178cm, 73 kg di peso, che svolge attività domestica. 7

11 Tabella II Fabbisogni giornalieri Fabbisogno energetico Proteine Lipidi totali Carboidrati disponibili Fibra Acqua Calcio Fosforo Magnesio Sodio Potassio Ferro Zinco Rame Selenio Iodio Manganese kcal/giorno g/giorno 61 g/giorno 55% dell'energia totale 30 g/giorno 3,3 litri/giorno (inclusa l'acqua negli alimenti) Minerali 1000 mg/giorno 1000 mg/giorno mg/giorno mg/giorno 3200 mg/giorno 10 mg/giorno 10 mg/giorno 1,2 mg/giorno 55 mg/giorno 150 mg/giorno 1-10 mg/giorno Vitamina A Vitamina E Vitamina D Vitamina K Vitamina (Tiamina) Vitamina (Riboflavina) Biotina Acido pantotenico Vitamina C Acido folico Vitamina B6 Vitamina B12 Vitamina (Niacina) B1 B2 PP Vitamine 700 RE 8 mg/giorno 10 microg/giorno 73 microg/giorno) normalmente fornito da una dieta mista 0,88 mg/giorno 1,32 mg/giorno microg/giorno 3-12 mg/giorno 60 mg/giorno 200 microg/giorno 1,04 mg/giorno 2 microg/giorno 14,69 mg/giorno 8

12 Altri siti di interesse sono suggeriti da google sotto la chiave nutrienti essenziali. Cap. II Perché mangiamo La fame è una delle pulsioni primarie, uno stimolo intenso legato al primordiale istinto di sopravvivenza. Eppure, nonostante ciò, l'assunzione di cibo viene spesso influenzata da fattori che di ancestrale hanno ben poco. A differenza di quanto avviene negli animali, per l'uomo la fame non è il semplice risultato di bisogni fisiologici. Ce ne rendiamo conto quando al termine di un lauto pasto, nonostante la cintura dei pantaloni ci indichi chiaramente di sospendere l'assunzione di cibo, non sappiamo rinunciare ad una fetta di dolce. Altra esperienza comune riguarda l'incapacità di staccarsi da un vasetto di cioccolata, nonostante una psiche fortemente combattuta tra ingordigia, sensi di colpa ed i primi avvisagli di indigestione, ci suggerisca il contrario. Il controllo nervoso della fame Il controllo dell'assunzione di cibo nell'uomo rispecchia a pieno lo straordinario grado di efficienza e genialità con il quale è organizzato l'intero organismo. Due centri ipotalamici, influenzati da numerosi neurotrasmettitori ed ormoni, inviano segnali che spingono o meno alla ricerca di cibo. In condizioni di digiuno è attivo il centro della fame, dopo il pasto prevale quello della sazietà. Tali centri ricevono innumerevoli segnali regolatori, alcuni dei quali più rilevanti degli altri. L'intensa ricerca sui meccanismi fisiologici alla base di quel male pauroso e preoccupante chiamato obesità, ha portato alla formulazione di diverse teorie, vediamo le principali. (vedere sito 9

13 TEORIA GLUCOSTATICA TEORIA LIPOSTATICA Lo stimolo più importante sulla regolazione dell'appetito è la glicemia. Dei recettori cerebrali monitorizzano costantemente la concentrazione di glucosio nel sangue. Non appena la glicemia tende a scendere al di sotto dei valori di guardia si innesca lo stimolo della fame. Viceversa quando il glucosio ematico si alza eccessivamente il cervello capisce che non è più necessario mangiare. I centri della fame e della sazietà sono pesantemente influenzati dai depositi di grasso dell'organismo. Quando le scorte lipidiche iniziano a scarseggiare il centro della fame stimola l'assunzione di cibo. Non appena i depositi adiposi vengono ricostituiti il cervello riceve un segnale inibitorio sullo stimolo della fame. A supporto della teoria lipostatica, qualche anno fa è stato pubblicato un interessante studio sulla relazione tra leptina e sovrappeso. Quest'ormone, codificato dal "gene dell'obesità" (gene OB), agisce a livello ipotalamico, determinando il senso della sazietà. Se i depositi di grasso aumentano viene incentivata la produzione di leptina, se invece diminuiscono, l'introito calorico viene favorito dalla ridotta secrezione dell'ormone. Topi privi del gene OB, data la correlata assenza di leptina, ingrassano a vista d'occhio. Le cose non sono però così semplici nell'uomo, dato che molti obesi sono tali pur presentando elevate concentrazioni plasmatiche di leptina. Come spiegare tutto questo? La risposta è la stessa che abbiamo dato a chi ci chiedeva come mai soffrisse di ipercolesterolemia nonostante una dieta priva di colesterolo, o accusasse problemi di osteoporosi nonostante il ricorso a massicce integrazioni di calcio e vitamina D. L'organismo umano è basato su finissimi sistemi di regolazione che hanno lo scopo di mantenere l'omeostasi, cioè la stabilità e l'equilibrio dell'ambiente interno. Ne consegue che ad ogni azione segue una reazione uguale e contraria che tende a riportare il sistema in equilibrio. Per preservare la salute e migliorare l'efficienza del sistema, il corpo ricorre ad una rete integrata di segnali, in grado di interagire ed influenzarsi a vicenda. Così, 10

14 se uno di loro va in tilt, la stabilità del sistema è comunque assicurata dall'attivazione di segnali con analoga funzione. Allo stesso modo la fame è il risultato di un intricato ammasso di impulsi neuroendocrini attivati da segnali fisici, chimici, meccanici e psicologici. Valore culturale dell alimentazione Il cibo rappresenta nella storia delle culture uno dei momenti centrali della ritualità collettiva (nella Bibbia, ad esempio, il ruolo della mela come mezzo di conoscenza del bene e del male). Le colazioni di lavoro, le festività religiose, i party, le feste sono momenti particolari che permettono interazioni affettive e di comunicazione che travalicano la semplice attività del pasto. Molte frasi, utilizzate nel quotidiano, utilizzano l alimento come modo di comunicare (es. se non mangi non esci! ). Queste frasi ci indicano che alimentarsi e alimentare non sono semplici comportamenti di consumo, ma riguardano fattori biologici, socio-psicologici, nutrizionali, clinico-medici ecc. Nessuno di noi mangia solo sostanze inerti ma anche simboli, tradizioni, abitudini, associati agli alimenti e fortemente radicati nelle relazioni sociali e collettive, ma anche interne alla famiglia. Le abitudini alimentari nascono in famiglia, in fasi molto precoci come l allattamento e lo svezzamento; solo verso i 3-4 anni i bambini incontrano, con la scuola, nuovi modelli alimentari. Spesso si scontrano i due mondi, sia per gusto che per modi di preparazione e spesso le famiglie contrastano l educazione alimentare scolastica e i comportamenti del bambino ne risentono: confusione, inappetenza, capricci, ipernutrizione, ecc.. La seconda grande rivoluzione alimentare avverrà nell adolescenza, quando il desiderio di autonomia e identità si esprimerà anche seguendo scelte alimentari fuori casa e più simili a quelle dei gruppi dei coetanei che della famiglia, instaurando gerarchie diverse dove l alimento è importante non come nutriente, ma come mezzo di incontro o di piacere. 11

15 Pur se l adolescente cambia abitudini, lo stile con il quale è stato trasmesso il comportamento alimentare in famiglia lascia il segno. Fra gli stili di personalità più frequenti in soggetti che rivelano alterati comportamenti alimentari spiccano il perfezionismo e l autoritarismo dicotomico ( O così o niente! ); se troppo esasperati, questi atteggiamenti possono nuocere al buon equilibrio del comportamento. E importante non disgiungere la conoscenza cognitiva dal piacere di gustare i cibi, e rimettere l alimento al suo posto di Mezzo per la vita e non Causa di essa, riposizionandolo nel dovuto posto delle relazioni affettive e sociali. Valori psicologici dell alimentazione Attraverso il nutrirsi e l alimentarsi si sviluppano le basi psicologiche dell identità e della personalità, infatti la soddisfazione del bisogno permette la crescita e l inizio della scambio con l ambiente esterno. Fino al momento della nascita, il bambino e la madre vivono come un unico essere; la nascita rompe la simbiosi fisica e segna l inizio del percorso di separazione-individuazione per il bambino, ma anche per la mamma. Introdurre nel corpo il cibo è la primissima esperienza di differenziazione che il bambino compie, infatti mette dentro un qualcosa che è distinto da lui e che proviene da un esterno; inizia la differenziazione tra un dentro e un fuori, tra un Sé e qualcos altro. Inizia con la madre una complessa interazione basata sul soddisfacimento dei bisogni reciproci, anche del bisogno di nutrirsi e nutrire, che porterà alla formazione di una modalità interattiva denominata relazione di attaccamento. La relazione di attaccamento si instaura tra il bambino e colui che se ne prende cura, in genere la madre, ed è una modalità interattiva che pervade tutti gli aspetti dello sviluppo psicologico, sociale, relazionale. Colui che se ne prende cura infatti, 12

16 attraverso la relazione di attaccamento, fornisce al bambino la base da cui partire per il suo viaggio verso l indipendenza. Si comprende bene che l alimentazione assume fin dai primissimi istanti di vita un importanza notevole per quanto riguarda lo sviluppo oltre che fisico, anche psicologico e sociale della persona. Il cibo è il veicolo della relazione tra madre e figlio, assume carattere di piacere per il soddisfacimento dei bisogni primitivi della fame e del prendersi cura, permette lo scambio nella soddisfazione del bisogno relazionale, e, per questo motivo può diventare il mezzo per esprimere la conflittualità e l oppositività nei confronti del genitore. Con riferimento alla piramide dei bisogni di Maslow, si vede che la fame è uno dei bisogni fisiologici che stanno alla base della piramide. Gli psicologi ritengono che i vari livelli della piramide siano fortemente interagenti: una mancata soddisfazione dei bisogni di livello superiore può riflettersi in squilibri del soddisfacimento dei bisogni nei livelli inferiori e viceversa. Con riferimento alla fame, squilibri nei meccanismi di regolazione possono derivare dal non soddisfacimento di bisogni dei livelli superiori. PIRAMIDE DEI BISOGNI DI MASLOW bisogni fisiologici (I livello/base): fame, sete, sonno, potersi coprire e ripararsi dal freddo, sono i bisogni fondamentali, connessi alla sopravvivenza; bisogni di sicurezza (II livello): devono garantire all individuo protezione e tranquillità; bisogno di appartenenza (III livello): consiste nella necessità di sentirsi parte di un gruppo, di essere amato e di amare e di cooperare con gli altri (affetto, identificazione); bisogno di stima (IV livello): riguarda il bisogno di essere rispettato, apprezzato e approvato, di sentirsi competente e produttivo; bisogno di autorealizzazione (V livello): 13

17 inteso come l esigenza di realizzare la propria identità e di portare a compimento le proprie aspettative, nonché di occupare una posizione soddisfacente nel proprio gruppo Ulteriori approfondimenti si possono trovare nei siti suggeriti da google con la parola chiave psicologia e alimentazione. 14

18 Cap III Criteri di scelta dei cibi Soddisfacimento del fabbisogno giornaliero di nutrienti essenziali Nel Cap. I abbiamo imparato a calcolare i nutrienti essenziali di cui abbiamo bisogno giornalmente. Questi dipendono dal sesso, dalle caratteristiche somatiche (peso ed altezza), dall età e dal tipo di attività svolta. Ora cerchiamo di determinare in quali alimenti si possono trovare questi nutrienti essenziali. Occorre subito precisare che il fabbisogno giornaliero di nutrienti essenziali si deve intendere come fabbisogno giornaliero medio. Usualmente si indicano diete che equilibrano il fabbisogno medio giornaliero nell arco della settimana. Esiste un ampia variabilità di alimenti con cui è possibile soddisfare il fabbisogno giornaliero di nutrienti essenziali. Tali combinazioni, denominate diete, variano nel tempo e da paese a paese. Tra queste ha avuto molto successo la dieta mediterranea. Per una presentazione di tale dieta, anche da un punto di vista storico vedere il sito Per maggiori dettagli sui componenti della dieta mediterranea si veda il sito La dieta mediterranea non è semplicemente una lista di alimenti consigliati. Essa infatti rappresenta un insieme di competenze, conoscenze, pratiche e tradizioni che vanno dal paesaggio alla tavola, includendo le colture, la raccolta, la pesca, la conservazione, la trasformazione, la preparazione e, in particolare, il consumo di cibo. La Dieta Mediterranea è caratterizzata da un modello nutrizionale rimasto costante nel tempo e nello spazio, costituito principalmente da olio di oliva, cereali, frutta fresca o secca, e verdure, una moderata quantità di pesce, latticini e carne, e molti condimenti e spezie, il tutto accompagnato da vino o infusi, sempre in rispetto delle tradizioni di ogni comunità. Tuttavia, la Dieta Mediterranea (dal greco diaita, o stile di vita) è molto più che un semplice alimento. Essa promuove l'interazione sociale, poiché il pasto in comune è alla 15

19 base dei costumi sociali e delle festività condivise da una data comunità, e ha dato luogo a un notevole corpus di conoscenze, canzoni, massime, racconti e leggende. La Dieta si fonda nel rispetto per il territorio e la biodiversità, e garantisce la conservazione e lo sviluppo delle attività tradizionali e dei mestieri collegati alla pesca e all'agricoltura nelle comunità. In quanto stile di vita la dieta mediterranea prescrive anche una adeguata attività fisica. Per avere un idea su come combinare insiemi vari tipi di alimenti e l attività fisica si veda la piramide alimentare al sito e anche al sito f. In questo ultimo sito è riportata la piramide alimentare italiana elaborata recentemente.dall Istituto di Scienze dell Alimentazione dell Università La Sapienza di Roma. Vengono anche proposte le quantità dei più comuni alimenti da assumere per soddisfare il fabbisogno giornaliero mediamente richiesto da un adulto. Per ogni alimento è riportata la quantità da assumere e la frequenza. Naturalmente i fabbisogni alimentari dovrebbero essere calibrati sulla singola persona. Un modo per fare questo è quello di prendere dal sito sopra citato gli alimenti da assumere. Per ciascun alimento si può determinare il contenuto in nutrienti essenziali. A partire dal fabbisogno di nutrienti essenziali determinato come illustrato nel I capitolo, si può facilmente determinare i quantitativi di cibo da assumere. Il contenuto in nutrienti essenziali per ogni alimento può essere determinato dalle tabelle riportate nel sito o anche nel sito Tabelle più esaustive sull argomento sono riportate al sito Il sito ha scopi piuttosto ambiziosi. Si propone di migliorare la vita a coloro che lo visitano. Affronta tutti gli aspetti della vita moderna, in particolare l alimentazione, le diete, l attività fisica, etc. Di interesse un test per valutare la coscienza alimentare, cioè per valutare le proprie competenze nel settore dell alimentazione. 16

20 Un altra dieta che ha avuto grande successo è la cosiddetta dieta a zona ideata negli anni 90 negli Stati Uniti dal biochimico Barry Sears. Consiste in un metodo per mantenere la produzione di insulina in una "zona" né troppo alta né troppo bassa ed è basata sui concetti di "equilibrio" e "moderazione" degli alimenti, assunti secondo una distribuzione di macronutrienti basati sulla formula (40% carboidrati, 30% proteine, 30% grassi) nonché su una adeguata attività fisica e sul controllo quotidiano dello stress. Scelta di cibi sani La scelta del cibo sano comincia dal momento della spesa. Al sito sono riportati alcuni semplici consigli su come scegliere i vari alimenti. Per una divertente intervista a Berrino su suggerimenti da seguire nella scelta del cibo vedere Per sapere chi è Berrino vedere sito Nel sito ci sono anche utili informazioni sui criteri di scelta. Al sito è riportata una guida alla lettura delle etichette alimentari. Altri argomenti di interesse per mangiare sano si possono trovare al sito La scelta di cibi sani può risultare semplice se si seguono alcune linee guida. Innanzitutto, selezionare cibi freschi e integrali. Questo include frutta fresca e verdura, cereali integrali e legumi, frutta secca e semi, e germogli freschi. Prodotti alimentari integrali, grezzi e non trasformati, sono alimenti vitali. Essi contengono la maggior quantità di vitamine, minerali ed enzimi e forniscono al corpo la maggior quantità di nutrizione. Selezionate uova, pollame e carne di animali allevati all'aperto, nutriti con erba e privi di ormoni ed antibiotici. Scegliete i pesci con il livello più basso di contaminazione da mercurio. 17

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH La Klamath è da preferire ad altre verdi-azzurre per la sua ricchezza di nutrienti completamente naturali e perfettamente bilanciati. Inoltre svolge un'azione stimolante

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Carta del rischio cardiovascolare

Carta del rischio cardiovascolare donne diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. donne non diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. uomini

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA On. Ministro Gianni Alemanno Presidente, Prof. Ferdinando Romano Gruppo di esperti costituito presso l Istituto

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa 50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa Gruppi di N Domanda Risposta argomenti Sintomi 1. Ho 52 anni e sono iperteso. Ultimamente vedo meno bene e l ottico mi ha prescritto degli occhiali.

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli

La Vitamina A La Vitamina D

La Vitamina A La Vitamina D LE VITAMINE La Vitamina A La vitamina A o retinolo è una vitamina liposolubile che serve per la differenziazione delle cellule epiteliali, la spermatogenesi, regolazione dello sviluppo osseo, il sistema

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Linee guida per un corretto stile di vita

Linee guida per un corretto stile di vita Linee guida per un corretto stile di vita 1 Hanno collaborato alla redazione delle Linee guida : Rosanna Barbieri Angela Bardi Antonio Dispenza Maria Naldini Marina Pacetti Maria Rosa Silvestro Corrado

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli