INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI"

Transcript

1 INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) -

2 INDICE Presetazioe Pag. Schema delle attività Pag. ^LEZIONE Itroduzioe al cocetto di successioe Pag.3 ^LEZIONE Itroduzioe all uso della calcolatrice TI89: ambieti Home, Yeditor, Graph e Table; grafico di ua successioe Pag.4 3^LEZIONE Itroduzioe al cocetto di serie umerica Pag.9 4^LEZIONE Proprietà di alcue serie umeriche Pag. 5^LEZIONE U umero atico: PIGRECO Pag. 6^LEZIONE U umero famoso: il umero e Pag.5 7^LEZIONE U esempio di geometria frattale: il fiocco di eve di Koch Pag.8 Bibliografia Pag. Verifica fiale Pag. Osservazioi sulla fase di sperimetazioe Pag.3 Questioario di gradimeto e risultati Pag.5

3 Itroduzioe alle successioi e serie: alcui esempi otevoli Presetazioe Fialità Usare la TI89 i modo critico e cotrollato Usare la TI89 per fare cogetture Usare la TI89 per cercare soluzioi diverse da quelle tradizioali a situazioi problematiche Argometi trattati Obiettivi Metodologia Successioi e serie Alcue successioi e serie otevoli Acquisire alcue coosceze di base sull uso della TI89 Acquisire i cocetti di successioe e di serie Lezioi frotali ed utilizzo del view scree per l esposizioe dei cocetti fodametali Uso di ua macchia TI89 per ogi coppia di studeti Scoperta guidata di leggi e proprietà co evetuali discussioi sulle difficoltà icotrate dall aluo Tempi di attuazioe Destiatari 5 ore circa Alui delle classi quarte PNI

4 Itroduzioe alle successioi e serie: alcui esempi otevoli SCHEMA DELLE ATTIVITA ARGOMENTO METODOLOGIA E STRUMENTI TEMPI ^LEZIONE Itroduzioe al cocetto di successioe Lezioe frotale Studio guidato ora ^LEZIONE Itroduzioe all uso della calcolatrice TI89: ambieti Home, Yeditor, Graph e Table; grafico di ua successioe Schede guidate Studio guidato View-scree TI89 3 ore 3^LEZIONE Itroduzioe al cocetto di serie umerica Lezioe frotale Studio guidato TI89 ora 4^LEZIONE Proprietà di alcue serie umeriche Studio guidato View-scree TI89 3 ore 5^LEZIONE U umero atico: PIGRECO Lezioe frotale Studio guidato TI89 ore 6^LEZIONE U umero famoso: il umero e Lezioe frotale Studio guidato TI89 ore 7^LEZIONE U esempio di geometria frattale: il fiocco di eve di Koch Lezioe frotale Studio guidato View-scree TI89 ore 8^LEZIONE Verifica fiale co la TI89 ora

5 Itroduzioe alle successioi e serie: alcui esempi otevoli I LEZIONE (u ora) Situazioe problematica: cosideriamo u segmeto AB di lughezza. Dalla geometria sappiamo che è possibile dividerlo i due parti tra loro cogrueti, grazie al teorema dell esisteza e uicità del puto medio di u segmeto. Le due parti AB e B B soo etrambe di lughezza a =a/. Possiamo ripetere la procedura di dimezzameto sul segmeto AB, otteedo u segmeto AB che rappreseta la quarta parte del segmeto AB di parteza. Determiare le lughezze a, a, a,, a dei segmeti AB, che si ottegoo iterado fio ad volte la procedura. Defiizioe di successioe umerica Esempi: La successioe: {,4,6,8,...,,... } idica l isieme dei umeri aturali pari La scrittura idica la successioe di termie geerale a = a = La scrittura a = idica la successioe di Fiboacci, che risulta defiita a = a + a per ricorreza Defiizioe di successioe mootoa Studiare il comportameto della successioe Studiare il comportameto della successioe Studiare il comportameto della successioe a = 3 a = a π = se( ) Esempio di successioe aritmetica: {,6,9,...,3,...} ( a + a ) S = può dimostrare che 3 - Defiizioe di successioe aritmetica - Si Esempio di successioe geometrica: q S = a può dimostrare che q. a = (,) - Defiizioe di successioe geometrica - Si 3

6 Itroduzioe alle successioi e serie: alcui esempi otevoli II LEZIONE ( ore) I Parte Itroduzioe all uso della calcolatrice TI89, co particolare riferimeto agli ambieti HOME, Y-EDITOR, GRAPH e TABLE. II Parte Rappresetazioe grafica di successioi co la TI Esempio : a = + 3 PASSAGGI TI89 TASTI DA PREMERE. Visualizzare la fiestra di dialogo MODE. Impostare il modo GRAPH su SEQUENCE 3 B 4. Visualizzare Y-EDITOR e digitare, a fiaco di u=, la legge di defiizioe della successioe. ( Si digiti (3*+)/(*+3). Per le lettere usare il tasto ALPHA; Si può omettere il simbolo * : viee immesso direttamete dalla TI89 che lo cosidera sottiteso. No si utilizzi l espressioe ui=, che serve per defiire le successioi i modo ricorsivo. Per selezioare e deselezioare ua legge di defiizioe di ua su successioe usare il tasto F4. I ambiete GRAPH vegoo tracciate tutte le fuzioi selezioate. ) O D (3ù j +)/(ù j +3) 3. Visualizzare Widow Editor. Impostare le variabili Widow. (mi=, max=5, plotstrt=, plotstep=, xmi=, xmax=5, xscl=, ymi=, ymax=, yscl=). Per ua dettagliata descrizioe delle stesse si veda la tabella O DD D5DDDD5DDDD 4. Visualizzare lo schermo dei grafici. (Lo stile di visualizzazioe delle successioi di default è SQUARE. Per modificarlo digitare dall ambiete Y-EDITOR d F6. Per modificare il formato grafico da Y- EDITOR digitare F 9.) O DDD 4

7 Itroduzioe alle successioi e serie: alcui esempi otevoli 5. Selezioare TRACE (F3 dall ambiete GRAPH). Spostado il cursore sul grafico co il tasto >, vegoo visualizzati sullo schermo i basso i valori di,x,y corrispodeti al puto selezioato. 6. Per determiare le coppie corrispodeti (,u) si può ache attivare l ambiete TABLE. Per otteere i 5 valori della pagia seguete digitare d D. Per otteere valori a partire da diverso da e/o cambiare il passo a,digitare F (TABLE SETUP) e iizializzare il valore di tblstrart e/o tbl ) O DDDD TABELLA N : VARIABILI WINDOW VARIABILE DESCRIZIONE VALORI STANDARD mi, max plotstrt plotstep xmi, xmax ymi, ymax xscl,yscl Valori miimo e massimo di da calcolare Numero del primo elemeto tracciato Valore icremetale di per la sola rappresetazioe grafica Estremi della fiestra di visualizzazioe Distaza fra i puti segati degli assi x e y mi=, max= plotstrt= plotstep= xmi=-, xmax= ymi=-, ymax= xscl=, yscl= Utilizzado allo stesso modo la TI89 rappresetare ache le segueti successioi, impostado la calcolatrice per otteere ua buoa visualizzazioe dei grafici : + ( ) Ex : a = ; Ex 3 : a = / 5

8 Itroduzioe alle successioi e serie: alcui esempi otevoli Situazioe problematica: Quado di ua successioe abbiamo il termie geerale, possiamo idividuare le caratteristiche, ma il ostro vero iteresse è riuscire a domiare il comportameto quado diveta molto grade e i valori della successioe sfuggoo alle elemetari possibilità di calcolo. Aalizzare il comportameto della successioe di termie geerale a = + all aumetare 3 di, utilizzado il grafico (ymax= ) e la tabella dei valori o il comado TRACE (F3). Si osserva che i valori della successioe all aumetare di si avviciao rapidamete a uo. Dall ambiete TABLE si osserva, per esempio, che per =, a=., per =5, a=.3, per =, a=., per = Primo approccio alla defiizioe di limite di ua successioe per tedete a + : DEF: lim = l p > N : m > am l < p a + Per ogi umero reale p, piccolo quato si vuole, si può sempre trovare u umero aturale tale che, per ogi m> si ha che l p < am < l + p. Co la TI89, impostata i modo da otteere ua buoa rappresetazioe grafica, e co l aiuto delle istruzioi riportate ella tabella che segue, iterpretare geometricamete la defiizioe di limite delle segueti successioi:. a = 5 7. a = a = 6

9 Itroduzioe alle successioi e serie: alcui esempi otevoli PASSAGGI TI89 TASTI DA PREMERE 7. Visualizzare la fiestra di dialogo MODE. Impostare il modo GRAPH su SEQUENCE 3 B 4 8. Visualizzare Y-EDITOR e digitare, a fiaco di u=, la legge di defiizioe della successioe. ( Si digiti /). Per le lettere usare il tasto ALPHA; Si può omettere il simbolo * : viee immesso direttamete dalla TI89 che lo cosidera sottiteso. No si utilizzi l espressioe ui=, che serve per defiire le successioi i modo ricorsivo. Per selezioare e deselezioare ua legge di defiizioe di ua su successioe usare il tasto F4. I ambiete GRAPH vegoo tracciate tutte le fuzioi selezioate. O D (3ùj +)/(ùj +3) 9. Visualizzare Widow Editor. Impostare le variabili Widow. (mi=, max=, plotstrt=, plotstep=, xmi=, xmax=, xscl=, ymi=-, ymax=, yscl=.5). Per ua dettagliata descrizioe delle stesse si veda la tabella O DD D D D D D D D - D D.5. Visualizzare lo schermo dei grafici. (Lo stile di visualizzazioe delle successioi di default è SQUARE. Per modificarlo digitare dall ambiete Y-EDITOR d F6. Per modificare il formato grafico da Y- EDITOR digitare F 9.) O DDD. Visualizzare Y-EDITOR e digitare, a fiaco di u=, la legge di defiizioe della successioe costate uguale ad ½( si digiti u=/). A fiaco di u3 digitare la legge della successioe costate uguale a /(si digiti u3=-/).. Visualizzare lo schermo dei grafici. 7

10 Itroduzioe alle successioi e serie: alcui esempi otevoli 3. Selezioare TRACE (F3 dall ambiete GRAPH). Spostado il cursore sul grafico co il tasto >, vegoo visualizzati sullo schermo i basso i valori di,x,y corrispodeti al puto selezioato. 4. Per determiare le coppie corrispodeti (,u) si può ache attivare l ambiete TABLE. Per otteere i 5 valori della pagia seguete digitare d D. Per otteere valori a partire da diverso da e/o cambiare il passo a,digitare F (TABLE SETUP) e iizializzare il valore di tblstrart e/o tbl ) O DDDD N.B. Soo da iterpretare alcui risultati che possoo veire foriti dalla calcolatrice : per esempio, per =8, ell esercizio sopra svolto il risultato è a =. Ciò o è da iterpretare suppoedo che a sia realmete poichè l algebra ci dice che ciò è impossibile. Se co il cursore evideziamo a =., ella riga di itroduzioe appare Ciò ci fa compredere che a =. è u dato scritto i modo approssimato per motivi di spazio. La stessa iterpretazioe (sempre per i limiti di approssimazioe di ogi calcolatore) si potrà dare se ache ella riga di itroduzioe ci sarà u valore di che potrà dare tutte le (max) 3 cifre decimali ulle Si osservi che lim =. Utilizzado gli esempi si formulao le defiizioi di successioi + 3 covergeti, divergeti, oscillati. 8

11 Itroduzioe alle successioi e serie: alcui esempi otevoli III LEZIONE ( ora) Situazioe problematica : I riferimeto al paradosso di Zeoe, suppoiamo che Achille si muova a velocità costate e che impieghi t miuti a coprire la distaza iiziale x che lo separa dalla tartaruga che però si è spostata di u tratto x. Per percorrere il uovo tratto, suppoiamo che Achille abbia impiegato u tempo t/ miuti, poi t/4 miuti per percorrere l ulteriore tratto x e così via. Calcolare se e i quato tempo Achille raggiugerà la tartaruga. Si osserva che La successioe dei tempi parziali si può scrivere come ua successioe geometrica di ragioe. Ifatti a =t; a =t/; a =t/4 Suppoiamo per comodità t=. Quidi avremo a = ; a =/ ; a =/4 ; Si osservi che i tempi successivi dimiuiscoo. Per percorrere x Achille ha perciò impiegato u tempo s =, per percorrere x e x u tempo s =+/, per percorrere x, x e x u tempo s 3 =+/+/4, e così via secodo la tabella qui sotto riportata spazio tempo x s = x + x s =+/ x + x + x s 3 =+/+/4 x + x + x + + x s = + ( / ) + ( / ) ( / ) il tempo da calcolare si potrà scrivere come somma dei termii della successioe geometrica di ragioe ½. ( / ) Defiizioe di somme parziali. Poiché coosciamo s = = / possiamo studiare la successioe delle somme parziali co la TI89 :possiamo disegare il grafico e osservare che al tedere di a ifiito questa coverge a. Defiizioe di serie umerica. Co la TI89 si può calcolare l espressioe s el modo seguete: 9

12 Itroduzioe alle successioi e serie: alcui esempi otevoli PASSAGGI. I ambiete HOME digitare F3-Calc ed evideziare l operatore somma. Digitare la richiesta di somma da a - dei termii della successioe a=/()^k. Nel risultato si ottiee -^(-). 3. Evideziare l ultimo risultato (-^(-)) e copiarlo ella riga di itroduzioe 4. Defiire ua successioe di termie geerale (-^(-)) 5. Ritrovata la successioe i u di Y- EDITOR selezioarla e rappresetarla. TASTI DA PREMERE " DDD (/)Zk,k,,-) C u() OD # SELEZIONARLA CON IL CURSORE 6. Co TRACE o i ambiete TABLE verificare che all aumetare di la successioe tede a. Co la TI89 si può calcolare ache il valore del limite delle s cioè la somma della serie el seguete modo : PASSAGGI TASTI DA PREMERE. I ambiete HOME digitare F3-Calc ed evideziare l operatore somma. " DDD. Digitare la richiesta di somma da a dei termii della successioe a=/()^k. Nel risultato si ottiee. (/)Zk,k,, )

13 Itroduzioe alle successioi e serie: alcui esempi otevoli IV LEZIONE (due ore) Co la TI89 e facedo riferimeto alle tabelle della III lezioe, si aalizzio le successioi delle somme parziali S ed i rispettivi grafici e la somma della serie il cui termie geerale è:. a = ( + ). a = 3. a = ( ) Osservado il diverso comportameto delle serie di termie geerale riportato egli esempi, si può dare la defiizioe di serie covergete, divergete ed oscillate. Situazioe problematica. Cosideriamo il umero fiito. Se eseguiamo la divisioe tra umeratore e deomiatore 9 otiamo che l operazioe o si arresta mai, dado sempre resto uguale ad. Possiamo, cioè, scrivere questo umero come somma di ifiiti altri el seguete modo: = Al umero periodico corrispode così la serie umerica covergete 9. = Geeralizzado l esempio sviluppato co il umero periodico, si può studiare il comportameto della serie = q che si preseta come somma dei termii di ua progressioe geometrica di primo elemeto e di ragioe q; la serie studiata è detta serie geometrica di ragioe q. Co la TI89 e facedo riferimeto alle tabelle della III lezioe, si aalizzio le successioi delle somme parziali S ed i rispettivi grafici e la somma della serie il cui termie geerale è: a = a = 3 a = ( ) a = π Esercizio: dimostrare la regola della frazioe geeratrice del umero periodico N=,345(6789).

14 Itroduzioe alle successioi e serie: alcui esempi otevoli V LEZIONE ( ore) Cei sulla storia del umero π Il umero π, usato per esprimere il rapporto fra la lughezza di ua circofereza e il suo diametro, è sempre stato oggetto di accurato studio fi dall atichità ed è legato a due problemi fodametali che riguardao il cerchio e la circofereza, cioè il problema della quadratura del cerchio e quello della rettificazioe della circofereza. Quadrare u cerchio sigifica costruire u quadrato di area uguale a quella del cerchio. Questo problema è strettamete legato a quello della rettificazioe della circofereza, che cosiste el costruire esattamete, co riga e compasso u segmeto lugo quato ua circofereza. Il simbolo π, iiziale della parola περιµετροξ (perimetro) oppure diπεριϕερεια (periferia), per esprimere il rapporto fra la lughezza di ua circofereza e il suo diametro, usato per la prima volta el 76 dal matematico britaico William Joes, divee di uso geerale dopo la pubblicazioe dell Aalisi Matematica di Eulero (748). Le ricerche sul problema della quadratura del cerchio risalgoo all atichità : il problema è affrotato el Papyrus Rhid, ora coservato al British Museum a Lodra, databile attoro al 7 a.c. e attribuito allo scrittore egiziao Ahmes. Nel papiro viee idicata come regola di quadratura, seza dare la dimostrazioe, la seguete : è equivalete al cerchio u quadrato che ha per lato gli 8/9 del diametro del cerchio. Ciò implica per π u valore di Si igora come gli egiziai possao aver otteuto ua tale precisioe. Le prime otizie riguardati il problema della rettificazioe della circofereza risalgoo acora agli Egiziai: ci giuge otizia che ai tempi di Seti I e Ramses ( che regaroo dal 3 al a.c.) furoo costruite ella città di Karak delle coloe co misure del diametro e della circofereza tale da otteere per π il valore.9. U valore migliore, isieme a u chiaro ceo alla rettificazioe della circofereza ci viee dagli Ebrei e si trova ella Bibbia, el capitolo VII del Libro dei Re. Qui si dice che il re Salomoe, sul troo di Gerusalemme dal 97 al 93 a.c., fece costruire il tempio e la reggia da u certo Hiram di Tiro, ella Feicia. Questo architetto, tra l altro, costruì ua vasca di brozo fuso di cubiti di diametro, 5 di altezza, 3 di circofereza, attribuedo, quidi, a π il valore 3. Però soltato presso i Greci il problema della determiazioe dell area del cerchio e della misura della circofereza furoo affrotati i modo sistematico e scietifico. Archimede, uo dei maggiori scieziati dell atichità vissuto a Siracusa dal 87 al a.c., ella sue opera La misura del circolo, partedo dall esagoo regolare iscritto e circoscritto al cerchio, calcolò i perimetri di questi poligoi e di quelli da questi otteuti raddoppiadoe successivamete il umero dei lati. Arrivò fio ai poligoi regolari iscritti e circoscritti di 96 lati, stabiledo la otevolissima disuguagliaza 3+/7<π <3+/7 (3.44<π <3.47). I tempi molto più receti, el 5, l oladese Adriao Mezio, grazie al perfezioameto del calcolo mediate l itroduzioe della otazioe decimale, avveuta ei secoli precedeti, trovò per π il valore 3.459, che è diverso dal valore vero solo alla settima cifra decimale. Nella speraza che π potesse risultare razioale, el periodo successivo si calcolaroo molti altri decimali : el 6 Sell calcolò fio alla 35-esima cifra dopo la virgola, eseguedo calcoli riferiti 3 al poligoo co lati. I questo periodo furoo studiate, ache mediate gli strumeti della geometria aalitica e del calcolo ifiitesimale, molte curve e si trovò che di alcue l area poteva veire espressa mediate π, che o risultò più essere legato solo al cerchio. Nel 6 π oltrepassò i cofii della geometria, perché i matematici si staccaroo dal metodo geometrico e tetaroo uove vie per calcolarlo utilizzado gli sviluppi i serie. A comiciare dal tardo 6, furoo scoperte molte serie umeriche covergeti a π. Alcue di esse soo :

15 Itroduzioe alle successioi e serie: alcui esempi otevoli. la serie di Leibitz (67) π = = ( ) ; = +. la serie di Machi (76) π = 6 ( ) 4( +...) = = ( 6 ) 4 ( ) + ( ) ; + = + ( + ) la serie di Eulero (746) π 3 = = = La serie di Leibitz e quella di Machi soo otteute a partire dallo sviluppo i serie della fuzioe + x y = arctg x = ( ), co x [, ]. Metre la serie di Leibitz è a covergeza molto = + leta, cioè occorre sommare u gra umero di termii per avere ua buoa approssimazioe di π, la serie di Machi coverge assai più rapidamete. Co essa veero determiate cifre decimali di π. Nel 766, il matematico Joha Heirich Lambert, utilizzado precedeti risultati di Eulero, dimostrò che π è u umero irrazioale. Rimaeva aperto ua altro problema: pur essedo u umero irrazioale è possibile costruire co riga e compasso u segmeto di tale lughezza. E possibile costruire co riga e compasso ache π? Questo quesito ripropoe il problema della rettificazioe della circofereza, poiché costruire u segmeto lugo π o sigifica altro che trovare u segmeto pari alla lughezza della circofereza. A questo problema fu data risposta egativa el 88 dal matematico Ferdiad Lidema, che dimostrò che π è u umero trascedete (vedi ota), e che, quidi, o si può costruire co riga e compasso u segmeto lugo π. Resta perciò affermata ache la impossibilità della rettificazioe della circofereza e della quadratura del cerchio utilizzado solo riga e compasso. Dopo la dimostrazioe di Lidema la ricerca delle cifre decimali di π cessò fi verso il 95, quado lo sviluppo dei calcolatori elettroici ad alta velocità diede uovi mezzi per il calcolo. Oggi è difficile essere al correte di tutta l attività i questo ramo, ache perché tale ricerca o ha utilità pratica é teorica. Due matematici americai della Columbia Uiversity hao stabilito ell agosto 989 u uovo primato calcolado il valore di π co più di u miliardo di decimali. N.B. U umero x si dice algebrico se soddisfa a ua equazioe algebrica del tipo a x + a x ax + a =, co, a e dove i coefficieti a k soo iteri. I umeri o algebrici soo detti trascedeti. E stato dimostrato che tutti i umeri costruibili co riga e compasso soo algebrici. 3

16 Itroduzioe alle successioi e serie: alcui esempi otevoli Situazioe problematica: si ricerchio le formule che permettoo di determiare i perimetri p e P dei poligoi regolari di lati iscritto e circoscritto ad ua circofereza di diametro uitario. O A A B T B E data ua circofereza di cetro O e diametro uitario. Sarà perciòot = /. Sia AB il lato del poligoo regolare di lati iscritto e A B il lato del poligoo regolare di lati circoscritto. Il corrispodete agolo al cetro è AOB ˆ = 36, metre AOT ˆ = 8. Applicado i oti teoremi di trigoometria si ha AH = se AB = se p= se A' T = tg A' B' = tg P= tg. Abbiamo otteuto perciò due successioi : all aumetare di p è crescete, metre P è decrescete. Quado tede a ifiito p e P covergoo alla lughezza della circofereza cioè a π. Mediate la TI89 si possoo defiire le successioi p e P. Occorre attivare co il tasto MODE l opzioe Agle Degree. Selezioado etrambe le successioi e settado ymi di WINDOW EDITOR per esempio a 6, si osservao i due grafici covergere Per determiare la covergeza a π, si può utilizzare l ambiete TABLE. Per esempio per = p= P= = p= P= =5 p= P= =56 p= P= =57 p= P= = p= P= = p= P=

17 Itroduzioe alle successioi e serie: alcui esempi otevoli VI LEZIONE (u ora) Cei sulla storia di u umero famoso: il umero e Joh Napier (o Giovai Nepero) o era u matematico di professioe. Era u ricco proprietario terriero scozzese di famiglia obile e si iteressò soltato a certi aspetti della matematica, soprattutto a quelli che si riferivao al computo ed alla trigoometria. I bastocii di Nepero erao dei parallelepipedi di lego a base quadrata, sulle cui facce erao icise delle tavole di moltiplicazioe, che si servivao di particolari teciche memoiche applicate alla trigoometria sferica. Napier afferma di aver comiciato a lavorare alla sua ivezioe dei logaritmi già dal 594; el 64, i seguito al fatto di essere veuto a coosceza della tecica matematica della prostaferesi, largamete usata egli osservatori astroomici daesi per fare i calcoli, pubblicò la sua Mirifici logarithmorum caois descriptio (Descrizioe della regola meravigliosa dei logaritmi). L idea cetrale su cui si basa l ivezioe di Napier è semplice: per mateere vicii tra loro i termii di ua progressioe geometrica delle poteze itere di u dato umero, Napier decise 7 di usare il umero (ossia, ). I termii della progressioe delle poteze cresceti soo troppo vicii tra loro: per otteere u maggior equilibrio e per evitare cifre decimali N. 7 7 L moltiplicò ciascua poteza per. Se N = ( ), allora L è il logaritmo eperiao del 7 7 umero N. Dividedo per i umeri e i logaritmi, si sarebbe potuto otteere u sistema di logaritmi co base /e. La defiizioe di logaritmo data da N., però, era diversa dalla ostra. I pricipi da lui fissati erao spiegati i termii geometrici el modo seguete: Siao dati u segmeto lieare AB e ua semiretta CDE (vedi figura) A P B C D Q E U puto P parte da A e si muove lugo AB co velocità variabile decrescete i rapporto alla sua distaza da B; cotemporaeamete u puto Q partedo da C comicia a muoversi lugo CDE co velocità costate uguale a quella che P aveva all iizio del moto. Napier chiama questa distaza variabile CQ il logaritmo della distaza PB. Napier, ovviamete, costruì le sue tavole umericamete e o geometricamete e coiò per i suoi idici di poteze il termie composto dalle due parole greche logos (ragioe o rapporto) e arithmos (umero). Napier o aveva essua idea di ua base per il suo sistema, ma compilò le sue tavole mediate ripetute moltiplicazioi, equivaleti a poteze di, ; era perfettamete al correte delle regole dei prodotti e delle poteze, i quato osservò che tutti i umeri che soo i rapporto di a hao differeze di , i logaritmi e tutti quelli che soo i rapporto di a hao differeze di ,34 i logaritmi. I queste differeze, se si sposta la virgola, si vedoo i logaritmi aturali dei umeri due e dieci e per questo o è irragioevole chiamare eperiai i logaritmi aturali, ache se questi logaritmi o soo, rigorosamete, quelli che Napier aveva i mete. Il cocetto di fuzioe logaritmica è implicito ella defiizioe di Napier e i tutte le sue ricerche sui logaritmi, ma tale relazioe o era così importate per lui: egli aveva laboriosamete costruito il suo sistema i vista della semplificazioe dei calcoli, soprattutto dei prodotti e dei quozieti, e di calcoli trigoometrici (egli chiamava logaritmo di u seo quello che oi chiamiamo logaritmo eperiao di u umero. Il sistema dei logaritmi fu pubblicato el 64 ed ebbe u immediato ricooscimeto, ma occorre sottolieare che l'ivezioe dei logaritmi o fu opera di u uomo solo: idee molto simili i proposito erao state sviluppate più o meo egli stessi ai dal matematico svizzero Jobst 5

18 Itroduzioe alle successioi e serie: alcui esempi otevoli 7 Burgi, che ivece di partire da u umero leggermete miore di ( ) scelse u umero 4 leggermete maggiore di : il umero + ; ivece di moltiplicare le poteze di questo umeor 7 8 per Burgi le moltiplicò per e elle sue tavole moltiplicò tutti gli idici delle poteze per dieci. L ivezioe dei logaritmi ebbe u iflusso otevole sulla struttura della matematica: i logaritmi veero accolti co etusiasmo da Keplero perché forivao agli astroomi u efficace strumeto per effettuare co facilità i calcoli. Si può osservare che per tutto il XVI secolo i matematici teorici, sia di professioe che dilettati, mostraroo vivo iteresse per le teciche di calcolo: ciò cotrastava ettamete co la dicotomia tra attività pratica e speculazioe teorica sottolieata da Platoe due millei prima. Dal 77 al 783 Eulero cotribuì co uove coosceze a quasi ogi braca della matematica pura ed applicata ed usò u liguaggio e ua otazioe che per molti aspetti corrispodoo a quelli usati oggi; usò la lettera e per rappresetare la base del sistema dei logaritmi aturali o eperiai ( questo simbolo apparve per la prima volta i u opera stampata ella Maccaica di Eulero pubblicata el 736. La otazioe e fu forse suggerita dalla prima lettera del termie" espoeziale" e divee presto covezioale. Dimostrare che u qualsiasi umero reale particolare, come e o π, o è u umero algebrico è solitamete abbastaza difficile. Liouville riuscì a dimostrare, i u articolo pubblicato sul suo Joural el 844 che é e é e possoo essere la radice di u equazioe di secodo grado co coefficieti iteri; pertato, dato u segmeto lieare uitario, le liee di lughezza e ed e o soo costruibili co strumeti euclidei. Passerao quasi tret ai prima che u altro matematico fracese, Charles Hermite (8-9), sviluppado le idee di Liouville, riesca a dimostrare, i u articolo pubblicato sui Comptes Redus dell Académie des Scieces del 873, che e o poteva essere la radice di essua equazioe algebrica a coefficieti razioali, ossia che e è trascedete. Il geometria il umero e compare elle equazioi di diverse curve, quale, ad esempio, la catearia. Il umero e riveste u ruolo importate ache ella teoria della probabilità ed importati applicazioi ella teoria dei umeri pura. Il umero e è ua delle più importati costati umeriche. Situazioe problematica: dato u certo capitale iiziale C, suppoedo che gli iteressi su di esso maturati potessero fruttare istataeamete, quale capitale C* maturerebbe al termie del periodo t =? Si otterrebbe u valore di C* fiito oppure o? Si ituisce e si può dimostrare che il capitale C, maturato dopo - iterruzioi, equidistati el tempo e co relativi reivestimeti, vale C = C( + / ). La risposta alla secoda domada è affermativa: al crescere di, cioè approssimadoci all istataea capitalizzazioe degli iteressi, il corrispodete capitale C tederebbe a stabilizzare il suo valore. La dimostrazioe rappreseta u importate capitolo dell Aalisi matematica. Il umero e può essere approssimato per difetto calcolado ( + / ) per u certo valore di +, per eccesso ricorredo a ( + / ). + La doppia disuguagliaza ( + / ) < e < ( + / ) cosete di precisare ulteriormete le cifre di e e il grado di precisioe dell approssimazioe, prededo valori di sempre più gradi. 6

19 Itroduzioe alle successioi e serie: alcui esempi otevoli Ua iteressate implicazioe Pesiamo di aver ivestito u capitale di ceto euro e di avere maturato ciqueceto. La cifra, però, o è sigificativa di per sé: soo diverse le valutazioi che facciamo del tipo di ivestimeto se tale icremeto è otteuto i dieci ai, i u ao o i u gioro. Questa osservazioe itroduce al cocetto di rapidità di crescita, che si ituisce essere u cocetto putuale, cioè corrispodete ad ogi x. Si può dimostrare che x Tra le diverse fuzioi espoeziali a, quella di base a=e ha ua velocità di crescita uguale al valore che essa raggiuge puto a puto. Oppure, se x idica il tempo, si può affermare che: Esiste ua fuzioe di crescita che cresce co ua rapidità uguale ai valori x raggiuti el tempo: la fuzioe di equazioe y = e. Uso della TI89 per approssimare e determiare il umero e Utilizzado la TI89 el modo idicato ella II lezioe, studiare e rappresetare la successioe a = ( + ). Facedo riferimeto alla Tabella N impostare la calcolatrice per otteere ua buoa visualizzazioe del grafico. Dallo studio della successioe determiare il umero e. Facedo riferimeto alla IV lezioe, studiare la serie di termie geerale a =. Approssimare! e determiare co questa serie il umero e. 7

20 Itroduzioe alle successioi e serie: alcui esempi otevoli VII LEZIONE ( ora) Situazioe problematica: Dato u triagolo equilatero di lato uitario, si costruisca su ogi lato, verso l estero, u triagolo equilatero di lato /3, dividedo ogi lato del triagolo dato i tre parti uguali e sul segmeto cetrale si costruisca il triagolo cacellado il segmeto stesso. Studiare le successioi costituite dai perimetri e dalle aree delle successive figure così otteute. La figura che si ottiee è detta curva di Koch chiusa o isola di Koch o fiocco di eve di Koch. Essa costituisce u esempio di figura frattale. Si può visualizzare il fiocco di eve di Koch, utilizzado l ambiete di programmazioe (PROGRAM-EDITOR) della TI89. Si studia la successioe dei perimetri delle figure otteute: idicato co p il perimetro del triagolo iiziale, di lato, si ottiee p = ((4/3)^ ) p La successioe dei perimetri è perciò ua successioe geometrica di ragioe 4/3>. Utilizzado la TI89 co le modalità viste elle lezioi II e III possiamo rappresetare la successioe dei perimetri e verificare che quado tede a +, p diverge a +. Si studia la successioe delle aree delle figure otteute.. Iterado il procedimeto otterremo A = 3 + i i= 9 i 4 rappreseta perciò la somma -esima dei primi termii della serie geometrica di i= 9 ragioe 4/9<. Utilizzado la TI89, come idicato ella terza lezioe possiamo calcolare l espressioe i 4 ( 4 9) =, e la somma della serie che risulta 9/5. Sostituedo si otterrà i= 9 4 / 9 8 perciò A = 3 = A, che rappreseta l area racchiusa dalla curva di Koch. 5 5 Si può otare che l area risulta fiita, metre il perimetro tede a ifiito. Qualche ceo sulla teoria dei frattali. La parola frattale è u eologismo coiato da Beoit Madelbrot el 97, che deriva dal latio fractus, che sigifica iterrotto, irregolare. La geometria frattale o geometria dell irregolare sta trovado ampia applicazioe ella descrizioe dei feomei aturali. E ata all iizio del 9, ma ha trovato il massimo sviluppo co l avveto degli elaboratori che hao permesso la visualizzazioe delle curve frattali. Le forme geometriche classiche soo quelle della geometria euclidea (retta, coiche, ). I atura esistoo però forme molto diverse da quelle descritte dalla geometria euclidea. Esse presetao ramificazioi (alberi, coralli, fulmii, ) o frastagliature come le coste di u isola. 8

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano L4 Iterpolazioe L4 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4.0. Esponenziale. Nella prima sezione abbiamo definito le potenze con esponente reale. Vediamo ora in dettaglio le proprietà della funzione esponenziale a,

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

Esercitazioni di Excel

Esercitazioni di Excel Esercitazioni di Excel A cura dei proff. A. Khaleghi ed A. Piergiovanni. Queste esercitazioni hanno lo scopo di permettere agli studenti di familiarizzare con alcuni comandi specifici di Excel, che sono

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

ESEMPI DIDATTICI CON CABRI Jr. A cura di P. Accomazzo C. Dané N. Nolli

ESEMPI DIDATTICI CON CABRI Jr. A cura di P. Accomazzo C. Dané N. Nolli ESEMPI DIDATTICI CON CABRI Jr. A cura di P. Accomazzo C. Dané N. Nolli I tasti utilizzati con Cabri Jr. [Y=] [WINDOW] [ZOOM] [TRACE] [GRAPH] [2ND] [DEL] [CLEAR] [ALPHA] [ENTER] Apre il menu File (F1).

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0)

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0) Numeri Complessi Un numero complesso z può essere definito come una coppia ordinata (x,y) di numeri reali x e y. L insieme dei numeri complessi è denotato con C e può essere identificato con il piano cartesiano

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Integrazione numerica

Integrazione numerica Integrazione numerica Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 6-20-26 ottobre 2009 Indice 1 Formule di quadratura semplici e composite Formule di quadratura

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Costruzioni con riga e compasso. Fabio Stumbo Dipartimento di Matematica Università di Ferrara Ferrara, I f.stumbo@unife.it

Costruzioni con riga e compasso. Fabio Stumbo Dipartimento di Matematica Università di Ferrara Ferrara, I f.stumbo@unife.it ostruzioni con riga e compasso Fabio Stumbo Dipartimento di Matematica Università di Ferrara Ferrara, I f.stumbo@unife.it INDIE 2 Indice 1 Note storiche 3 2 ostruzioni fondamentali 8 2.1 Definizione e

Dettagli