Uno non può pensare bene, amare bene, dormire bene, se non ha mangiato bene. Virginia Wolf

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Uno non può pensare bene, amare bene, dormire bene, se non ha mangiato bene. Virginia Wolf"

Transcript

1

2 Uno non può pensare bene, amare bene, dormire bene, se non ha maniato bene. Virinia Wolf

3 I edizione: settembre 8 FARMAGOURMET (tutti i diritti riservati) 8417 SALERNO Via Torrione 161 Tel/Fax Proetto ed ideazione rafica Ferdinando Basile È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata, compresa la fotocopia, anche ad uso interno o didattico. Per la lee italiana la fotocopia è lecita solo per uso personale purchè non dannei li autori. Quindi oni fotocopia che eviti l acquisto di un libro è illecita e minaccia la sopravvivenza di un modo di asmettere la conoscenza. Chi fotocopia un libro, chi mette a disposizione i mezzi per fotocopiare, chi comunque favorisce questa pratica commette un furto e opera ai danni della cultura.

4 Mariano Arusta Sandro Gentile PREGIUDIZI NELL ALIMENTAZIONE del Diabetico... e non solo CON LE TABELLE NUTRIZIONALI

5

6 FARMAGOURMET Una buona ristorazione prevede il rispetto dei principi fondamentali di una sana alimentazione. Mantenere il Peso Forma è il sono di tutti. Quando si parla di peso certamente si fa riferimento all alimentazione e quindi alla DIETA. Una sinificativa percentuale di popolazione ha necessità di viilare costantemente sulle proprie abitudini alimentari, avendo però sempre presente pasti punitivi e tavole desolate. L idea FARMAGOURMET nasce dalla necessità di cercare di risolvere le attuali problematiche della nuizione che, nel mondo Farmacia nel quale vivo, iornalmente venono sottoposte. Pazienti affetti da malattie quali colesterolo, diabete, obesità, ipertensione, sono obbliati al consumo di medicinali idonei, ma overanno certamente un validissimo sosteno in una alimentazione equilibrata. FARMAGOURMET vuole offrire la possibilità anche di maniar fuori senza pericolo di asredire le norme iuste per la propria salute affidandosi ai Ristoratori che hanno scelto di diventare associati di Farmaourmet anche ataverso la prevenzione. A tale scopo sono state predisposte alcune veine tematiche che informeranno il pubblico sulle patoloie più diffuse consiliando la dieta iusta per ciascun individuo. La descrizione della patoloia che sarà spieata nel manuale è contenuta nel pannello che sarà esposto contemporaneamente nelle veine di tutte le farmacie secondo un calendario della prevenzione (oni mese è dedicato ad una patoloia). Dott. Mario Grimaldi Presidente di Farmaoumet

7 ABBREVIAIZIONI, SIMBOLI, SIGLE, DEFINIZIONI Ca cc de dl Fe Kcal ml M Na os amidi ateroeno lucidi disaccaridi edibile rassi saturi lipidi monosaccaridi polisaccaridi simbolo del calcio centimeo cubo al iorno decilio (decima parte del lio) simbolo del ferro rammo kilocalorie (calorie) millirammo (decima parte del rammo) millilio (millesima parte del lio) simbolo del manesio simbolo del sodio (cloruro di sodio = sale da cucina) orale (in enere si riferisce all assunzione di farmaci per bocca) zuccheri a suttura chimica complessa che comporta elevato rischio di aterosclerosi e quindi di malattie ad essa correlata (infarto, ictus, ombosi, ecc.) zuccheri zuccheri a suttura mediamente complessa parte commestibile di un alimento al netto deli scarti rassi contenuti neli alimenti di oriine animale, dotati di elevato potere ateroeno rassi zuccheri semplici zuccheri a suttura chimica complessa

8 TABELLE NUTRIZIONALI PAG TABELLA 1 TABELLA TABELLA 3 TABELLA 4 TABELLA 5 TABELLA 6 TABELLA 7 TABELLA 8 TABELLA 9 TABELLA 1 Principi alimentari Composizione chimica deli alimenti Alimenti ricchi in VITAMINA C Alimenti ricchi in SODIO Alimenti ricchi in POTASSIO Alimenti ricchi in FERRO Tempi e tecniche di sconelamento Conservazione dei vari alimenti Composizione dei principali formai Tempo medio di diestione asico 48/49 5/

9

10 PREMESSA Quanti luohi comuni, quanti preiudizi esistono sull alimentazione ancora oi! Basta frequentare la sala d attesa di uno studio medico specie poi se si atta di un diabetoloo o di quella nuova e misteriosa fiura definita dietolo e di ascoltare le confidenze ed i consili pratici che si scambiano fra loro i pazienti, così per inannare il tempo... Cose non chieste dai pazienti e cose non spieate dai medici! Eppure oni tanto una domanda chiave fa comprendere quante difficoltà si inconino nel adurre in pratica i dettami di una «dieta» anche la più dettaliata e pinola, quanto imprecise e spreiudicate siano oppo spesso le informazioni diffuse in campo alimentare dai mass media. L esperienza del rapporto quotidiano con persone che devono modificare il proprio stile di vita e, quindi, il proprio modo di alimentarsi, ci ha indotti a ricercare una maniera semplice per colmare almeno alcune di queste lacune. Abbiamo così pensato di partire dai preiudizi alimentari per risalire ai comportamenti corretti ed alle scelte nuizionali iuste, cercando di mettere un po di ordine a credenze più o meno consolidate e palesi errori, iustiziando, ad esempio, mele per diabetici, spinaci ricchi di ferro, formai mari e quant alo ci sia capitato di affrontare in ambulatorio a colloquio con i nosi pazienti, cui questo lavoro è destinato. Con questo libro ci cimentiamo per la seconda volta nel campo dell alimentazione confortati dal successo che ha riscosso un precedente volume, intitolato «Dizionario alimentare per il diabetico e... non solo» al cui stile è ispirato anche questo lavoro. Abbiamo perciò chiesto alla rafica e al colore di aiutarci nel rendere più chiara e semplice la consultazione del testo. Le voci sono elencate in ordine alfabetico e molte di esse si concludono con la tabella di composizione dell alimento, spesso confrontato con ali simili o sostitutivi. Diverse tabelle conclusive formano un appendice dedicata ad informazioni aiuntive sulla composizione deli alimenti o sul loro contenuto di vitamine, sali minerali, ed alo ancora. Ci auuriamo sinceramente di aver fatto cosa utile a tutti coloro che hanno volia di saperne di più su come maniare melio ed in modo più sano. Gli autori

11 GUIDA ALLA CONSULTAZIONE Gli alimenti sono elencati in ordine alfabetico e per onuno di essi viene riportato il contenuto in rammi di proteine, rassi e zuccheri riferito a 1 rammi di prodotto privato deli scarti. In oni caso, la composizione dell alimento viene preceduta dall indicazione della parte che è effettivamente possibile consumare partendo da 1 rammi di prodotto base (parte edibile). Ad esempio, è possibile consumare solo il 39% di 1 rammi di noci secche. Per tipo di impostazione data a questo volume sono presenti solo un numero limitato di alimenti, mene ali venono citati per confronto.

12 Per molti alimenti viene indicato anche il contenuto di fibre alimentari (in rammi rispetto a 1 di parte edibile) vitamine, colesterolo. Il lettore può ovare alla fine del volume un appendice con varie tabelle dedicate alle principali fonti e funzioni dei più importanti alimenti, al loro contenuto in acqua, l elenco deli alimenti più ricchi in vitamine e sali minerali. Particolare cura, è stata dedicata alle tabelle sulla composizione di frutta, leumi e veetali, alle principali bevande non alcoliche ed al contenuto in rassi di molti formai.

13 1 Mariano Arusta Sandro Gentile ALIMENTAZIONE VEGETARIANA L ALIMENTAZIONE ESCLUSIVAMENTE VEGETARIANA È SANA Oni tipo di alimentazione non equilibrata per le varie componenti alimentari (lipidi-lucidi-proteine-sali mineralivitamine-ecc) è pericolosa sul luno periodo. In queste condizioni si possono realizzare carenze di calcio, Vitamina B1, ferro, ecc., soprattutto nei bambini che ne hanno un fabbisono più elevato. ALIMENTI CONSERVATI FRESCHI GLI ALIMENTI CONSERVATI SONO DA PREFERIRE A QUELLI FRESCHI La conservazione deli alimenti presuppone, in molti casi, un procedimento di bollitura con aiunta di vari conservanti chimici, non sempre salutari. I conservanti naturali sono in enere aiunti in dosi variabili: i più frequentemente usati sono cloruro di sodio (il sale comune), bicarbonato di sodio e zucchero. Non sempre sull etichetta del prodotto è indicata con precisione la quantità dei conservanti aiunti. Per tutte queste raioni sono da preferire li alimenti freschi... o al massimo... surelati. Gli scatolami ed i prodotti conservati in enere sono sconsiliati ali ipertesi.

14 PREGIUDIZI NELL ALIMENTAZIONE 13 ANGURIA L ANGURIA È UN CIBO ADATTO AL DIABETICO VERO Alimento tipicamente mediterraneo (anche se oriinario dell Africa ed ormai diffuso in tutte le reioni temperate), leato alla... sete estiva... Rispetto ali ali frutti, ha un contenuto in zuccheri e calorie totali decisamente inferiore, il che ne iustifica un consumo maiore, ma sempre nelle opportune quantità. COMPOSIZIONE (Parte edibile rispetto al totale = 5%) Proteine,4 Lipidi Glucidi 3,7 Kcalorie 16 Fibre alimentari, ASPARTAME L ASPARTAME È UN DOLCIFICANTE NON ADATTO ALLA COTTURA VERO Per tale motivo non è utilizzabile neli alimenti sottoposti a cottura. Inole, le bevande dolcificate con aspartame non devono essere conservate a luno. È l unico dolcificante utilizzabile liberamente in ravidanza. L UNICO DOLCIFICANTE ACALORICO RESISTENTE ALLA COTTURA È IL CICLAMATO Aspartame: i nomi del commercio: SUAVITER, HERMESETAS GOLD, TAC, ASPARTAME. Non ha reousto, ha potere dolcificante volte superiore allo zucchero (1 compressa dolcificata quanto un cucchiaino di zucchero). Dose massima iornaliera 4 /k di peso corporeo (vale dire in media 14 compresse).

15 14 Mariano Arusta Sandro Gentile BANANA LA BANANA È TROPPO DOLCE PER CUI È SCONSIGLIATA AL DIABETICO VERO E È a i frutti più ricchi di zuccheri, per cui se ne consilia un consumo ridotto al diabetico. Tuttavia, basta adeuare la razione in rapporto al suo contenuto di zuccheri, confrontandoli con quelli contenuti in ali frutti meno dolci. Ad esempio, basta ridurre di circa un terzo la razione di banane, rispetto alla razione prevista a base di mele. Contiene diverse vitamine (Tiamina, Riboflavina, Niacina, Vitamina A e C). COMPOSIZIONE (Parte edibile rispetto al totale = 65%) Proteine 1, Lipidi,3 Glucidi 15,4 Kcalorie 65 Fibre alimentari 1,8 (Consulta anche la TABELLA sulla frutta fresca e la TABELLA 3 sul contenuto di vitamina C) BIRRA LA BIRRA È MENO CALORICA DEL VINO PER CUI PUÒ ESSERE CONSUMATA LIBERAMENTE VERO E Bevanda in oni caso moderatamente calorica anche se meno del vino (5 Kcalorie in media). Il tipo analcolico ha maiore contenuto in zuccheri perchè ne viene impedita la fermentazione e quindi la asformazione in alcol. Alimento poco adatto al diabetico sia che si atti del tipo comune che di quello analcolico. COMPOSIZIONE (CONFRONTA CON LE VOCI: VINO E AMARO) (Parte edibile rispetto al totale = 1%) Birra comune Contenuto alcolico = 5% (medio variabile secondo le qualità) Proteine,3 Lipidi Glucidi 4 Kcalorie 47 Birra Analcolica Proteine,3 Lipidi Glucidi 17,4 Kcalorie 66

16 PREGIUDIZI NELL ALIMENTAZIONE 15 BURRO IL BURRO PUÒ ESSERE CONSUMATO LIBERAMENTE PERCHÈ È UN CONDIMENTO NATURALE Il burro è ricchissimo di rassi saturi che favoriscono l elevazione della colesterolemia. Pertanto, i diabetici, che dovrebbero limitare l apporto di rassi saturi, devono ridurre al minimo il consumo. I diabetici, come tutte le persone a rischio per le malattie cardio-vascolari, dovrebbero preferire come condimento l olio di oliva. COMPOSIZIONE (CONSULTA ANCHE LE VOCI: OLII DIETETICI, OLIO D OLIVA, OLIO DI SEMI) Acqua Proteine Lipidi Glucidi Kcalorie Burro Olio di Oliva Olio di Semi Mararina 14,4 17, ,8,6 83, ,1, CAFFÈ UN CAFFÈ DOPO PASTO AIUTA A DIGERIRE VERO La caffeina contenuta nel caffè provoca un aumento delle secrezioni asiche accorciando i tempi di svuotamento dello stomaco. È ricco di niacina *. Naturalmente bisona ricordarsi di non usare zucchero ma un dolcificante acalorico! COMPOSIZIONE (Composizione per 1 di caffè tostato, in polvere) Proteine 1,4 Lipidi 15,4 Glucidi 8,5 Kcalorie 87 * Niacina: detta anche Ac. Nicotinico (Vit. del complesso B) Vedi Aspartame.

17 16 Mariano Arusta Sandro Gentile CARCIOFI I CARCIOFI SI POSSONO CONSUMARE LIBERAMENTE VERO I carciofi contenono solo il,5 % di zucchero per 1 di parte edibile e sono molto ricchi di fibre. Possono perciò essere consumati liberamente nell ambito del computo calorico previsto dall alimentazione di ciascun diabetico. Il carciofo contiene però una sostanza, l inulina, che è uno zucchero abbastanza indiesto e responsabile di meteorismo * e fastidiosa flatulenza *. COMPOSIZIONE (Parte edibile totale = 34%) Proteine,7 Lipidi, Glucidi,5 Kcalorie Fibre alimentari 5,5 * Meteorismo: onfiore dell addome dovuto a as; flatulenza: emissioni di abbondanti as dall intestino. CIOCCOLATO IL CIOCCOLATO È MENO CALORICO DELLO ZUCCHERO Il cioccolato è più calorico dello zucchero! Infatti 1 di cioccolato valono circa 54 calorie, razie all elevato contenuto di zuccheri e rassi. È ricco di Sali, specie MAGNESIO e POTASSIO. COMPOSIZIONE (Parte edibile rispetto al totale = 1%) Proteine Lipidi Glucidi Kcalorie Fibre alimentari Cioccolato al latte Cioccolato al latte nocciolato Cioccolato fondente Crema di nocciole 7,3 7, 6,6 6,9 36,3 36,9 33,6 3,4 5,8 48,6 49,7 58, , 4,8 8

18 PREGIUDIZI NELL ALIMENTAZIONE 17 CIPOLLA LA CIPOLLA È UN ALIMENTO POVERO DI ZUCCHERI VERO E La cipolla contiene poco meno di 6 di lucidi per oni 1 di prodotto. La si può utilizzare per miliorare il sapore deli alimenti. Diversamente va consumata con più moderazione in insalate di cipolle, cipolle ripiene, frittata di cipolle. COMPOSIZIONE (CONSULTA ANCHE LA TABELLA 4) (Parte edibile rispetto al peso totale = 83%) Proteine 1, Lipidi,1 Glucidi 5,7 Kcalorie 6 Fibre alimentari 1 CRACKERS E GRISSINI I CRACKERS E I GRISSINI POSSONO ESSERE MANGIATI LIBERAMENTE AL POSTO DEL PANE Il contenuto di acqua di tutti i cereali secchi o fette biscottate è inferiore a quella del pane, per cui a porzioni di peso uuale corrispondono più rammi di farina, se li alimenti sono secchi. Nella preparazione di crackers e rissini viene aiunta una variabile quantità di rassi che mancano nella maior parte dei tipi di pane. TIPI DIVERSI DI FARINACEI A CONFRONTO (contenuto per 1 di parte dibile) Tipo Proteine Lipidi Glucidi Kcalorie Crackers Fette biscottate Grissini Pane all olio Pane Pane interale Pasta comune Pasta all uovo Semolino Riso 9,4 11,3 1,3 7,7 8,6 7,5 1,9 13, 11,8 6,7 1, 6, 13,9 5,8,4 1,3 1,4,4,5,4 8,1 8,3 68,4 57,5 66,9 48,5 79,1 77,9 76,9 8,

19 Mariano Arusta Sandro Gentile DADO DA BRODO DA CARNE IL DADO DA BRODO RICCO DI CARNE È UN ALIMENTO AD ALTO VALORE NUTRIZIONALE Un dado da brodo si ricava ataverso l esazione ripetuta mediante la bollitura in acqua delle sostanze proteiche solubili da carni private di rasso, ossa, ecc. Il dado da brodo così ottenuto contiene solo il 5% di esatto di carne, fino al % di rassi (specialmente rassi saturi) ed ha un elevato contenuto di sale. È pertanto un alimento con scarso valore nuizionale. COMPOSIZIONE (Parte edibile rispetto al peso totale = 1%) Proteine 15,7 Lipidi,7 Glucidi 5, Kcalorie 5 FAVE LE FAVE SONO SCONSIGLIATE AL DIABETICO PER L ELEVATO CONTENUTO DI ZUCCHERI Come tutti i leumi, anche le fave hanno un discreto contenuto di fibre e di zuccheri complessi, anche se sono più povere di enambi rispetto ali ali leumi. Hanno una composizione nuizionale simile ai piselli. Sono un alimento consiliato al diabetico, nelle opportune quantità. COMPOSIZIONE (FAVE FRESCHE: CONFRONTA ANCHE CON LE VOCI PISELLI E LEGUMI) (Parte edibile rispetto al peso totale = 6%) Proteine 5, Lipidi,4 Glucidi 4,5 Kcalorie 41 Fibre alimentari 5,

20 PREGIUDIZI NELL ALIMENTAZIONE 19 FIBRE ALIMENTARI LE FIBRE ALIMENTARI SONO FATTE DI ZUCCHERI NOCIVI ALL ORGANISMO Parte dei veetali (frutta, verdura, cereali, leumi interi, ecc.) non dieribile dall intestino umano, costituita da una rete di fibre veetali come la cellulosa (carboidrato complesso simile ali amidi della pasta). Solo i ruminanti sono in rado di dierire le fibre e di assorbirle come zuccheri. Le fibre veetali, per quanto non assorbibili dall uomo, reolano le funzioni intestinali, aumentando il volume e la morbidezza delle feci, facilitandone l eliminazione. Rallentano inole l assorbimento di zuccheri semplici e rassi e riducono il livello del colesterolo nel sanue. Tutte queste azioni risultano molto utili all oranismo umano ed è per questo che i veetali non devono mai mancare sulla tavola di onuno. La quantità iornaliera di fibre raccomandata e compresa a 5 e 3. Fibre insolubili in acqua Cellulose, Emicellulose, Linine. Fibre solubili in acqua Pectina, Gomme, Guar, Glucomannani, Polisaccaridi di riserva. FORMAGGI UNA PORZIONE DI FORMAGGIO ED UN INSALATA POSSONO RISOLVERE IL PROBLEMA DELLA CENA ANCHE TUTTE LE SERE Esistono svariati tipi di formaio più o meno fresco o staionato. Derivano tutti dalla parte burrosa del latte, per cui contenono una quantità variabile di rassi animali (e quindi saturi): si calcoli che 1 di formaio possono contenere da a 47 di rassi animali, da 5 a 17 di colesterolo e da 5 a 53 kcalorie. Ne è consiliato un uso moderato (1- volte a settimana) al diabetico in normopeso (mai comunque come fine pasto dopo aver maniato un secondo piatto). Le persone in sovrappeso o francamente obese devono limitarne fortemente l'uso, così come coloro che hanno valori elevati di colesterolo e iliceridi. Non ascurabile il contenuto di sodio, per cui i formai sono sconsiliati anche alle persone ipertese. CONSULTARE LE TABELLE 4 (Alimenti ricchi in SODIO) e 9 (Composizione dei principali formai)

21 Mariano Arusta Sandro Gentile FORMAGGI MAGRI I FORMAGGI MAGRI SONO DA PREFERIRE A QUELLI GRASSI VERO E Nessun formaio può essere definito veramente maro, perchè più o meno tutti hanno un contenuto di rassi (ed in particolare di rassi saturi) consistente. I così detti formai freschi come fior di latte, mozzarella, provola o ricotta, hanno un contenuto di rassi minore (dal 16,1 al 6,7%) rispetto a quelli più staionati, ma ancora considerevole. In questo senso i latticini possono essere considerati più mari deli ali derivati del latte. Tra i formai freschi è preferibile la ricotta fresca di vacca. CONSULTA RICOTTA E FORMAGGI (VEDI TABELLA 9) FRAGOLE LE FRAGOLE SONO RICCHE DI ZUCCHERI Le fraole hanno, come la quasi totalità della frutta estiva, uno scarso contenuto di zucchero (5/6 oni 1 di fraole al netto deli scarti) e quindi adatte al diabetico. Sono invece ricche di vitamina C, che forniscono in quantità simile a quella deli arumi. CONSULTA LA TABELLA (Parte edibile rispetto al peso totale = 94%) Proteine,9 Lipidi,4 Glucidi 5,3 Kcalorie 7 Fibre alimentari 1,6

22 PREGIUDIZI NELL ALIMENTAZIONE 1 FRITTURE I CIBI FRITTI SONO POCO SALUTARI PER TUTTI E QUINDI ANCHE PER IL DIABETICO VERO Nella frittura i cibi si arricchiscono dei rassi usati per questo particolare tipo di cottura. Inole, molti cibi prima di essere fritti venono ricoperti con farina o pane rattuiato e poi dorati con battuto di uova, il che aumenta la quota di rassi attenuti... e quindi le calorie! Tutto ciò rende i cibi più calorici e meno dieribili. COMPOSIZIONE: UN ESEMPIO PATATEParte edibile rispetto al peso totale = 83% Proteine Lipidi Glucidi Kcalorie,1 1, 17,9 85 PATATINE FRITTE Parte edibile rispetto al peso totale = 1% in busta Proteine Lipidi Glucidi Kcalorie 5,3 9,6 58,5 57 FRUTTA SECCA LA FRUTTA SECCA È SCONSIGLIABILE AL DIABETICO VERO La frutta secca è ricca di zucchero per cui va consumata con molta moderazione e sempre nel computo calorico complessivo previsto. Rispetto ai prodotti freschi, da cui deriva, la frutta secca è molto più povera di acqua per cui, a parità di peso, il suo valore nuitivo lobale si iplica. COMPOSIZIONE (CONFRONTA ANCHE CON LA TABELLA 3) Paina seuente: i valori nuizionali della frutta secca

23 Mariano Arusta Sandro Gentile SEGUE FRUTTA SECCA COMPOSIZIONE (CONFRONTA ANCHE CON LA TABELLA 3) Parte edibile Acqua Proteine Lipidi Glucidi Kcalorie Castane S. Albicocche S. s. Datteri S. s. Fichi S. mandorlati Fichi S. Mandorle dolci Noci fresche Noci S. Prune S. s. Uva sultanina 1 1 9/ ,1 5, 17,3,3 19,4 5,1 19, 3,5 9,3 17,1 6, 5,,7 5, 3,5 1,5 14,3, 1,9 3,4,5,6 4,,7 55,3 57,7 68,1,5,6 6 66,5 63,1 58, 58 4,6 5,5 5,1 55 7, Ferro 5, Ferro,7 Ca 6 Fe 3 Fe 3 Ferro 3,9 Ferro 3,3 S. secchi; s. snocciolate. FRUTTOSIO IL FRUTTOSIO È UNO ZUCCHERO ADATTO AL DIABETE Nomi commerciali: SIONON, TAC, DIETOR, ecc. In enere è mescolato a sorbitolo, mannitolo, saccarina. È rapidamente assorbito dall intestino ed, in piccola quantità, viene direttamente utilizzato dal feato senza l intervento dell insulina. In dosi più elevate viene in parte asformato in lucosio e necessita di insulina per essere utilizzato. Inole, assunto in dosi eccessive può provocare acidosi. L assunzione sistematica di fruttosio stimola il feato a produrre iliceridi. Per questo motivo il fruttosio è poco indicato per il diabetico obeso. DOLCIFICANTI CALORICI (CIRCA 4 Kcal/) Zucchero del commercio (lucosio + fruttosio) Fruttosio (Sion, Tac, Dietor ecc) Mannitolo Xilitolo Sorbitolo

24 PREGIUDIZI NELL ALIMENTAZIONE 3 FUNGHI I FUNGHI SONO SCONSIGLIATI AL DIABETICO I funhi sono un alimento a basso contenuto di carboidrati; quindi consiliabili anche se non sono per tutti uualmente dieribili e soprattutto... non fidatevi deli esperti... Parte edibile Acqua Proteine Lipidi Glucidi Kcalorie Funhi coltivati Funhi porcini ,4 9,, 3,9,3,7 4,5 1, 8 6 GELATO IL GELATO È UN ALIMENTO SEMPRE VIETATO AL DIABETICO Piccole quantità di elato (melio se alla frutta o tipo hiacciolo) possono essere consumate di tanto in tanto dal diabetico in buon equilibrio licemico, a patto che venano ridotte equivalenti quantità di ali elementi (carboidrati e calorie). Una buona pratica può essere quella di confezionare da se hiaccioli al sapore di arumi freschi (preferire il limone) o di ali frutti (esistono essenze di molti frutti nei neozi di articoli per dolcieri), con aiunta di dolcificanti sintetici. Proteine Lipidi Glucidi Kcalorie Colesterolo Gelati al latte Cassata (elato) 4, 3,7 13,6 13,6,7 8,

25 4 Mariano Arusta Sandro Gentile GRAPPA UN GRAPPINO, UN AMARO DOPO PASTO AIUTANO A DIGERIRE Una diestione ià laboriosa dopo un pasto abbondante viene ravata da ole 1 calorie circa... con un bicchierino! L alcol (o etanolo) è contenuto in quota variabile in birra, vino, aperitivi, diestivi, liquori. Qualunque sia la sua oriine può fornire 7 calorie per rammo, e... viene assorbito rapidamente. Birra chiara Vino secco Porto secco Vermouth secco Acquavite di vino Brandy, Gin, Conac, Vodka, Whisky Grappa BEVANDE ALCOLICHE Alcol (%) Zuccheri (%) Calorie x 1 cc,7 1,7 17, 15, ,6 3,5 acce 4, 4, INSACCATI GLI INSACCATI INFLUENZANO I LIVELLI DI COLESTEROLO DEL SANGUE, PER CUI VANNO CONSUMATI CON MODERAZIONE VERO Sono alimenti particolarmente ricchi in rassi saturi ed in colesterolo. Il loro consumo frequente è sconsiliato sia per un alimentazione sana che per la tavola del diabetico. Solo un uso molto limitato e del tutto sporadico ne può essere consentito e solo in accordo con li indirizzi enerali della dieta nel suo complesso. COMPOSIZIONE Parte edibile Proteine Lipidi Glucidi Kcalorie Capocollo Coppa Cotechino Mortadella (suino) Pancetta (mara) Prosciutto cotto Salame ,8 3,6 17, 14,7 1,7 19,8 6,7 4, 33,5 4,3 8,1 5,3 14,7 7,3 1,4,6 1,5,9 1,

26 PREGIUDIZI NELL ALIMENTAZIONE 5 INSALATA L INSALATA È UN ALIMENTO IDEALE PER IL DIABETICO VERO L insalata è ricca di acqua e di fibre ed è molto povera di calorie. Quindi può essere consumata liberamente, anche in notevole quantità, per la sensazione di sazietà asica che può determinare... a condizione però che vena poco condita! COMPOSIZIONE (CONSULTA LE TABELLE E 4) (Parte edibile rispetto al peso totale = 8%) Proteine 1,8 Lipidi,4 Glucidi, Kcalorie 19 Fibre alimentari 1,5 KIWI IL KIWI È RICCO DI VITAMINA C E DI ZUCCHERI VERO E Vero È uno dei frutti più ricchi di vitamina C (85 x 1 di parte commestibile). Tuttavia, il contenuto di vitamina C è variabile in rapporto alla provenienza del frutto. Si calcola infatti che le specie coltivate in Italia ne siano meno ricche di quelle importate. Falso Il contenuto di zuccheri è di circa 9 per oni 1 di parte edibile e quindi sovrapponibile al contenuto di circa 1 di pere. COMPOSIZIONE (CONSULTA LA TABELLA 4) (Parte edibile rispetto al peso totale = 87%) Proteine 1, Lipidi,6 Glucidi 9 Kcalorie 44 Fibre alimentari,

27 6 Mariano Arusta Sandro Gentile LATTE SCREMATO IL LATTE SCREMATO È PRIVO DI CALORIE Il latte di vacca perde le calorie leate al suo contenuto in funzione del processo di scrematura, ma conserva quelle leate ai carboidrati ed alle proteine (circa 35 Kcalorie per lio) COMPOSIZIONE Parte edibile rispetto al peso totale = 1% Proteine Lipidi Kcalorie Colesterolo Latte intero Latte parzialmente scremato Latte totalmente scremato 3,3 3,5 3,6 3,6 1,5, LEGUMI I LEGUMI AUMENTANO LA GLICEMIA E SONO DIFFICILI DA DIGERIRE I leumi, razie alla loro ricchezza di fibre, favoriscono l accelerazione del ansito intestinale rallentando l assorbimento di zuccheri e rassi. Sono quindi, a parità di peso, più utili ai diabetici della pasta e del riso. Il loro involucro fibroso è composto essenzialmente da cellulosa, per cui i succhi asici lo attaccano più lentamente, favorendo una più luna permanenza nello stomaco. Da tali raioni nasce il preiudizio alimentare. COMPOSIZIONE Parte edibile* Fibre Proteine Lipidi Glucidi Kcalorie Ceci (secchi) Faioli (freschi) Fave (fresche) Lenticchie (secche) Piselli (secchi) ,6 4,8 5 13,8 15,7,9 1, 5,,7 1,7 6,3,8,4 1 46,9,7 4,5 51,1 48, * Rispetto al peso totale (% su 1 di prodotto).

28 PREGIUDIZI NELL ALIMENTAZIONE 7 MASCARPONE IL MASCARPONE È PARTICOLARMENTE GRASSO, PER CUI È SCONSIGLIATO A TUTTI VERO Si atta di un alimento particolarmente rasso, impieato anche per la preparazione di dolci (tiramisù), contenuto in varia percentuale anche nel fior di ricotta. Per l elevato contenuto dei rassi saturi è sconsiliato al diabetico e non solo. COMPOSIZIONE (CONSULTA LA TABELLA 9) (Parte edibile rispetto al peso totale = 1%) Proteine 7,6 Lipidi 47 Glucidi,3 Kcalorie 455 MELA 1 LA MELA È UNO DEI POCHI FRUTTI CONSENTITI AL DIABETICO E COMUNQUE DA PREFERIRE A TUTTI GLI ALTRI È uno dei luohi comuni più diffusi, probabilmente basato anche su detti popolari (una mela al iorno...). Hanno un contenuto di calorie a 34 e 45 per 1 e quindi si collocano in posizione intermedia rispetto al cocomero rosso (16) ed a frutti come i loti (65), le banane (65), l'uva (61). Inole, il contenuto di zuccheri di una mela renetta non è molto diverso da quello di una mela delizia! Mele Mele cotte COMPOSIZIONE (CONFRONTA CON LA TABELLA 3 SULLA FRUTTA FRESCA) Parte edibile Acqua 85, 84,3 Proteine,,3 Lipidi 5 1, Glucidi 1 6,3 Kcalorie Fibre,6 1,7

29 8 Mariano Arusta Sandro Gentile MELA LA MELA È UN ALIMENTO IDEALE PER LO SPUNTINO TRA I PASTI VERO La mela fornisce zuccheri di pronta disponibilità che venono assorbiti rapidamente e che possono correere e/o prevenire eventuali ipolicemie a somminisazioni di insulina. Infatti le pectine in essa contenute donano anche una momentanea sensazione di sazietà asica che consente di iunere al pasto successivo con meno appetito. RAPIDITÀ DI INNALZAMENTO GLICEMIA CON ALCUNI ALIMENTI Zucchero non disciolto Coca cola Pane fresco / secco Frutta fresca 3-5 min 1-3 min 4-9 min 5-7 min MELA 3 MANGIANDO DUE MELE AL GIORNO SI ABBASSANO I LIVELLI DI COLESTEROLO NEL SANGUE VERO Alcuni studi sperimentali sembrerebbero indicare che nell intestino dell uomo le pectine contenute nella mela si rionfiano assorbendo acqua, con la tendenza a formare come un reticolo elatinoso che riduce l assorbimento del colesterolo. Questo meccanismo invocato per spieare l effetto ipocolesterolemizzante riferito alla mela è in realtà analoo a quanto si realizza con molti alimenti ricchi di fibre veetali. CONSULTA LE VOCI: MELA, MELA, 3, 4 e 5 Consulta la Tabella sulla frutta fresca

30 PREGIUDIZI NELL ALIMENTAZIONE 9 MELA 4 e 5 LE MELE COTTE CONTENGONO PIÙ ZUCCHERO DI QUELLE CRUDE Durante la cottura viene dispersa parte dell acqua e quella vena acidula caratteristica di oni tipo di meta cruda e lo zucchero può così manifestare liberamente tutto il suo usto, senza però... aumentare rispetto al frutto crudo! LE MELE NON FANNO INGRASSARE MA FANNO DIMAGRIRE Quanta eneria inoiata... in buona fede! (CONSULTA LE VOCI: MELA, MELA, MELA 3) MERENDINE LE MERENDINE AL PAN DI SPAGNA DEL COMMERCIO DEVONO ESSERE CONSUMATE CON CAUTELA VERO Si atta di alimenti ad elevato contenuto calorico e di zuccheri semplici. Il contenuto di rassi saturi è sempre piuttosto elevato rispetto al totale. Sono alimenti non adatti al diabetico, anche in buon equilibrio licemico... e non solo al diabetico. COMPOSIZIONE MERENDINE Parte edibile Proteine Lipidi Glucidi Kcalorie Fibre Al pan di spana Con marmellata Farcite ,4 5,5 6, 13,1,3 15,1 6,7 69,6 67, ,1 1 1,9

31 3 Mariano Arusta Sandro Gentile MIELE IL MIELE NON CONTIENE ZUCCHERO E PUÒ ESSERE CONSUMATO AL SUO POSTO Nell antichità era il solo dolcificante conosciuto. Contiene sia fruttosio che acqua ed è perciò meno calorico dello zucchero di canna o di barbabietola. Contiene diverse vitamine del ruppo B, C, Niacina, acido pantotenico ed almeno una dozzina di olioelementi (Cromo, Selenio, Cloro, Zolfo, Manesio, Sodio, Fosforo, Mananese, Ferro, ecc...). Possiede inole un potere dolcificante superiore a quello dello zucchero, a parità di peso. COMPOSIZIONE Proteine Lipidi Glucidi Kcalorie Miele Zucchero raffinato,6 8,3 14, OLII DIETETICI GLI OLII DIETETICI SONO PIÙ MAGRI DEGLI ALTRI E QUINDI PIÙ ADATTI NELLE DIETE IPOCALORICHE Niente di più falso! Si atta di olii di semi sottoposti al medesimo attamento deli ali olii. La differenza consiste nel fatto che l aiunta di alcune vitamine sintetiche autorizza la dicitura OLIO DIETETICO e spesso... un corposo aumento del prezzo! NON ESISTONO OLII DIETETICI! CONFRONTA CON LE VOCI: OLIO DI SEMI e OLIO D OLIVA

32 PREGIUDIZI NELL ALIMENTAZIONE 31 OLIO DI SEMI L OLIO DI SEMI È DA PREFERIRE ALL OLIO D OLIVA Olii di arachidi, irasole, mais, soia sono tutti salutari e comparabili all olio di Oliva per le proprietà enerali, quando impieati crudi, ma non certo per il sapore. Non bisonerebbe però mai usare li olii di semi per cuocere o friere: li acidi polinsaturi in essi contenuti sviluppano alle alte temperature i cosi detti radicali liberi, potenzialmente nocivi all oranismo. OLIO DI OLIVA L OLIO DI OLIVA È NOCIVO ALLE ARTERIE L olio di oliva è l elemento base della dieta mediterranea, considerata come la più indicata per prevenire l aumento del colesterolo nel sanue e la formazione di placche all interno delle arterie (malattia conosciuta come arteriosclerosi). Rispetto ai rassi animali contiene solo minime quantità di rassi saturi (dannosi). Inole il suo usto ricco lo rende preferibile ali olii di semi e la scarsa quantità di rassi polinsaturi lo rende adattissimo alla cottura. COMPOSIZIONE Acqua Proteine Lipidi Glucidi Kcalorie Burro Olio di Oliva Olio di semi Mararina 14,1 13,8,6 83, ,1,

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA

TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA Cereali e derivati Avena 16,9 6,9 55,7 10,6 389 Farina di avena 12,6 7,1 72,9 7,6 388 Farina di castagne 5,8 3,7 71,6 10,9 323 Farina di ceci 21,8 4,9 54,3 13,8 334 Farina

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010 I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Per avere un alimentazione varia, senza assumere elevati quantitativi

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

A.U.S.L. n 2 AZIENDA SANITARIA REGIONALE DELL UMBRIA Unità Organica di Nefrologia e Dialisi

A.U.S.L. n 2 AZIENDA SANITARIA REGIONALE DELL UMBRIA Unità Organica di Nefrologia e Dialisi Unità Oranica di Nefroloia e Dialisi Il rene a dieta: limitiamo il fosforo Livelli elevati di fosforo possono causare iperparatiroidismo, aterosclerosi, patoloie cardiovascolari. Il cardine del trattamento

Dettagli

17. La dieta normale

17. La dieta normale 17. La dieta normale La parola dieta deriva dal reco dìaita e vuol dire modo di vivere. Nel linuaio comune la parola dieta sembra avere assunto il sinificato di dieta dimarante. Nei decenni passati, quando

Dettagli

TABELLA DEI CARBOIDRATI

TABELLA DEI CARBOIDRATI TABELLA DEI CARBOIDRATI Per una ottimale riuscita del programma dietetico-nutrizionale LineaMed è di fondamentale importanza assortire in modo corretto gli alimenti che compongono il pasto principale (pranzo).

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO Dr.ssa SABRINA BUGOSSI DIETISTA L alimentazione rappresenta uno dei cardini fondamentali nella terapia del diabete mellito Più che parlare di

Dettagli

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n.

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n. CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI marzo 2015 TABELLA DELLE

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA Regione PIEMONTE- ASL2-Torino Ambulatorio di Cardiologia OSPEDALE S. Giovanni Bosco Tel.011-2402310 Progetto GIOTTO Responsabile Drssa Bianca BIANCHINI DIETA Ovvero MANGIARE PER LA VITA Questo piccolo

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ NUTRIENTI (O PRINCIPI NUTRITIVI): PROTEINE LIPIDI CARBOIDRATI VITAMINE ACQUA MINERALI CON FUNZIONE: PLASTICA ENERGETICA BIOREGOLATRICE PROTEINE LUNGHE CATENE DI

Dettagli

Schema della dieta ipoproteica 1

Schema della dieta ipoproteica 1 Schema della dieta ipoproteica 1 Consigli generali: 1. Consumare settimanalmente come secondi piatti: Carne Pesce (fresco e surgelato) Formaggio fresco Prosciutto cotto al naturale Uova Legumi (freschi

Dettagli

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Docente: Dr. Luca La Fauci Biologo Nutrizionista & Tecnologo Alimentare Lezione 2 Principi nutritivi, tabelle nutrizionali e corretto regime

Dettagli

LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA

LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA MACRO & GROCERY 1 PIANO PERSONALIZZATO Il fatto che stai leggendo questo ebook significa che conosci l'importanza della giusta nutrizione Quando cerchiamo

Dettagli

Informazioni sugli elementi nutritivi

Informazioni sugli elementi nutritivi Informazioni sugli elementi nutritivi Nella terra e nello spazio Gli zuccheri Gli zuccheri (detti anche glucidi o carboidrati)) sono i composti organici più comuni sulla Terra. Le piante li producono con

Dettagli

PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport

PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport La nutrizione nell'attività fisica e nei vari sport

Dettagli

------------------------------------ Eye To Food Peso attuale 84 Kg Altezza 175 cm. Età 25 anni ------------------------------------

------------------------------------ Eye To Food Peso attuale 84 Kg Altezza 175 cm. Età 25 anni ------------------------------------ mercoledì 7 agosto 2013 12:28:27 Dieta semplice Apporto calorico per circa (1705) Kcalorie ------------------------------------ Eye To Food Peso attuale 84 Kg Altezza 175 cm. Età 25 anni ------------------------------------

Dettagli

Limone Meglio se bevuto a digiuno o lontano dai pasti, il succo di limone aiuta a

Limone Meglio se bevuto a digiuno o lontano dai pasti, il succo di limone aiuta a Limone Meglio se bevuto a digiuno o lontano dai pasti, il succo di limone aiuta a digerire i grassi grazie alla sua componente di acido citrico, utile anche contro l acidità di stomaco. Cocktail digestivo

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

Mangiare sano, informazioni su alcuni alimenti

Mangiare sano, informazioni su alcuni alimenti Mangiare sano, informazioni su alcuni alimenti Aglio: ha effetto antibiotico, antivirale, antiossidante, abbassa il colesterolo nel sangue e previene i trombi AAA Agnello: anche nelle parti magre contiene

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID CONVEGNO REGIONALE AMD-SID NEFROPATIA DIABETICA, IPERTENSIONE E MALATTIA CARDIOVASCOLARE SESSIONE PARALLELA PER DIETISTI E INFERMIERI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CON

Dettagli

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI Le esigenze della incessante attività del corpo umano fanno si che le numerose sostanze che lo formano (le quali sono soggette ad usura e a perdite e vanno quindi via via ricostituite e/o sostituite) e

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI Grammature dei generi alimentari al netto degli scarti (salvo diversa indicazione) per fasce scolari GENERI ALIMENTARI

Dettagli

Per poter rispondere alle ultima domande dell articolo precedente sarà sufficiente far riferimento allo schema sottostante:

Per poter rispondere alle ultima domande dell articolo precedente sarà sufficiente far riferimento allo schema sottostante: COME CALCOLARE IL PROPRIO NUMERO DI BLOCCHI Per poter rispondere alle ultima domande dell articolo precedente sarà sufficiente far riferimento allo schema sottostante: DETERMINAZIONE BLOCCHI ZONA SECONDO

Dettagli

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI La prima colazione A tavola: La prima colazione permette di migliorare l attenzione e la concentrazione, quindi il rendimento scolastico. Inizia la tua giornata

Dettagli

La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la

La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la carne, ma contengono una certa quantità di materia non

Dettagli

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali

Dettagli

Il controllo del peso e l educazione alimentare nel paziente diabetico tipo II

Il controllo del peso e l educazione alimentare nel paziente diabetico tipo II Il controllo del peso e l educazione alimentare nel paziente diabetico tipo II Alimentazione equilibrata èil primo trattamento della malattia diabetica èparte integrante della terapia per ottenere un compenso

Dettagli

mix di frutta & verdura

mix di frutta & verdura mix di frutta & verdura Uno dei modi migliori di concentrare il vostro fabbisogno giornaliero di frutta e verdura in un solo bicchiere. In effetti, assicurarvi di assumere tutta la frutta e la verdura

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE. Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A.

ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE. Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A. ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A. Nutraceutica Nome dato a quella branca della ricerca scientifica, svolta in numerosi laboratori, sugli alimenti

Dettagli

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO DETOX 7 7 GIORNI PER STARE MEGLIO Buongiorno!!! complimenti per aver scelto il nostro programma nutrizionale DETOX-7! Per dieta DETOX s intende un programma alimentare che ha lo scopo di eliminare le tossine

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

6. Il Sale? Meglio poco

6. Il Sale? Meglio poco 6. Il Sale? Meglio poco Di quanto sale abbiamo bisogno Sia il sapore che le proprietà biologiche del sale comune (cloruro di sodio) sono legate principalmente al sodio; ogni grammo di sale contiene circa

Dettagli

Pizzero. euro 7,50 prezzo al pubblico consigliato. 180 g

Pizzero. euro 7,50 prezzo al pubblico consigliato. 180 g Linea DietaZero Forever, alimenti bilanciati per l equilibrio del peso Pizzero Preparazione Aprire la busta e versare il contenuto in una ciotola aggiungendo 8 gr di olio extravergine di oliva e 30 gr

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

100 gr carote. 100 gr zucchine. 100 gr finocchio. 10 gr sale. Olio evo gr 10. Succo limone n 1.

100 gr carote. 100 gr zucchine. 100 gr finocchio. 10 gr sale. Olio evo gr 10. Succo limone n 1. il progetto è stato sviluppato da 5 alunni di seconda, in un arco temporale di circa 2 mesi. I ragazzi dopo aver appreso le nozioni base sulle farine alternative e i loro valori nutrizionali (prodotti

Dettagli

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE 1-2 e 8-9 maggio 2010 GUIDA PER UNO stile di vita SALUTARE ATTIVITÁ FISICA QUOTIDIANA Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di PASSEGGIATA Per migliorare lo stile di vita: parcheggiare più

Dettagli

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI RISTORAZIONE DA SVOLGERE PRESSO LA CASA ALBERGO

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Crema di broccoletti

Crema di broccoletti 1 VITACuISINE Crema di broccoletti CREMA DI BROCCOLETTI, MOZZARELLA DI BuFALA E SCAMORZA AFFuMICATA 2 cime di broccoli 30 g di olio extravergine 10 g di sale fino 4 g di capperi dissalati 60 g di mozzarella

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

ALIMENTAZIONE E DIALISI

ALIMENTAZIONE E DIALISI Dipartimento Medicine Specialistiche Direttore: dr. Giovanni Q.Villani Ospedale Guglielmo da Saliceto Piacenza Nefrologia e Dialisi Direttore: dr. Roberto Scarpioni ALIMENTAZIONE E DIALISI L alimentazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Viale Golgi n. 19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 LINEE GUIDA ALIMENTARI DIINDIRIZZO PER LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DEL SOVRAPPESO E DELL OBESITA

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

accettati maggiormente dalla comunità scientifica. I gruppi sanguigni, si sa, sono quattro e a ciascuno di loro corrisponde una tipologia metabolica.

accettati maggiormente dalla comunità scientifica. I gruppi sanguigni, si sa, sono quattro e a ciascuno di loro corrisponde una tipologia metabolica. I GRUPPI SANGUIGNI Il dottor Peter D Adamo, naturopata, nel corso degli anni ha sviluppato una teoria che lega gli alimenti ai gruppi sanguigni. I concetti essenziali di questa dieta si fondano sul presupposto

Dettagli

La dieta della gravidanza

La dieta della gravidanza La dieta della gravidanza La gravidanza è un evento fondamentale nella vita degli individui e, grazie alle nuove acquisizioni nel campo della nutrizione, oggi possiamo con la corretta alimentazione evitare

Dettagli

bevanda al sapore di cappuccino bevanda al sapore di cappuccino euro 15,00 prezzo al pubblico consigliato 102 g

bevanda al sapore di cappuccino bevanda al sapore di cappuccino euro 15,00 prezzo al pubblico consigliato 102 g bevanda cappuccino Aggiungere una busta Zero a 250 ml d acqua e mescolare fino al completo scioglimento. Si può consumare subito o riscaldare a fuoco lento o in forno ventilato fino alla consistenza desiderata.

Dettagli

Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio)

Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio) Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio) INTRODUZIONE Questo articolo, frutto del personale lavoro di studio e ricerca di Mauro Tronti, volontario AMMI affetto da Malattia

Dettagli

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI ALLEGATO D CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI 1 INDICE Presentazione del dietetico pag. 3 Vitto comune (esempio di giornata base) pag. 4 Calcolo

Dettagli

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti L ALFABETO DELLA CORRETTA NUTRIZIONE Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti delle membrane cellulari hanno destato negli ultimi anni maggior interesse. E ormai

Dettagli

Menù completo per 6 giorni

Menù completo per 6 giorni La BagBox LYOdiet completa contiene: 48 buste così suddivise: 12 buste di Purè ( carote-finocchi, piselli, zucca, zucchine-pomodori) 6 buste di Vellutate (funghi, pomodoro, verdura) 6 buste di Bevande

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

CITTA DI PORTICI ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - TABELLE DIETETICHE E GRAMMATURE DEGLI ALIMENTI -

CITTA DI PORTICI ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - TABELLE DIETETICHE E GRAMMATURE DEGLI ALIMENTI - CITTA DI PORTICI PROCEDURA APERTA - PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO Dl RISTORAZIONE SCOLASTICA COMPRESO I LAVORI Dl ADEGUAMENTO DEL CENTRO Dl COTTURA E DEI REFETTORI DEI PLESSI SCOLASTICI. ALLEGATO 2 AL

Dettagli

Dieta anticolesterolo

Dieta anticolesterolo venerdì 15 agosto 2014 11:40:15 Dieta anticolesterolo Apporto calorico per circa (1350) Kcalorie ------------------------------------ Nuova Paziente Peso attuale 64 Kg Altezza 175 cm. Età 18 anni ------------------------------------

Dettagli

Subocclusione intestinale e Nutrizione

Subocclusione intestinale e Nutrizione Subocclusione intestinale e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire,

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

Da allora, la dieta Atkins è stata popolare in tutto il mondo e molti altri libri sono stati scritti su di essa.

Da allora, la dieta Atkins è stata popolare in tutto il mondo e molti altri libri sono stati scritti su di essa. Dieta Atkins 1 Dieta Atkins: ecco tutto quello che c è da sapere. Dal menu, alla descrizione delle 4 fasi. Dalla versione per vegetariani, fino alla Dieta Atkins in versione Pdf La dieta Atkins è una dieta

Dettagli

Menù espresso per 14 giorni LC 1

Menù espresso per 14 giorni LC 1 Menù espresso per 14 giorni LC 1 Introduzione La tabella di pasti per 14 giorni è un ottimo punto di partenza che può aiutarti a capire rapidamente i cibi sani e gustosi che il programma dietetico ti propone

Dettagli

L'alimentazione in escursione

L'alimentazione in escursione CopyrightDeposit.com No. 0030877 L'alimentazione in escursione L'alimentazione in escursione Il tipo di alimentazione in montagna è di grande importanza, anche quando stiamo affrontando una breve gita,

Dettagli

ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE MENU E TABELLA DIETETICA CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU Le tabelle dietetiche e menù devono essere

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Elvira Khakimova. Finder 184. Spirelab

Elvira Khakimova. Finder 184. Spirelab Elvira Khakimova Finder 184 Spirelab ELVIRA KHAKIMOVA 23-01-2012 F1954 25% LOW 50% MEDIUM 75% HIGH 100% Carni Agnello 9% Anatra 0% Cavallo 0% Cinghiale 0% Coniglio 0% Fagiano 0% Lepre 0% Maiale 0% Manzo

Dettagli

Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno

Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno Avvertenze Le informazioni racchiuse in questo documento non sono da intendere come indicazioni mediche, ma sono a fini educativi e di intrattenimento.

Dettagli

Alimentazione del nuotatore. Daniela Stehrenberger Dietista diplomata

Alimentazione del nuotatore. Daniela Stehrenberger Dietista diplomata Alimentazione del nuotatore Daniela Stehrenberger Dietista diplomata Programma 1. Alimentazione di base composizione equilibrata dei pasti assunzione di liquidi 2. Particolarità dell alimentazione del

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

ESERCITAZIONI PER TRATTAMENTO DIETETICO NEL DIABETE DI TIPO I IL CALCOLO dei CARBOIDRATI. De Michieli Franco

ESERCITAZIONI PER TRATTAMENTO DIETETICO NEL DIABETE DI TIPO I IL CALCOLO dei CARBOIDRATI. De Michieli Franco ESERCITAZIONI PER TRATTAMENTO DIETETICO NEL DIABETE DI TIPO I IL CALCOLO dei CARBOIDRATI De Michieli Franco COS E IL CALCOLO DEI CARBOIDRATI E la tecnica che permette l acquisizione da parte del paziente

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli