La salute viene mangiando...bene

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La salute viene mangiando...bene"

Transcript

1 La salute viene mangiando...bene

2 ATTIVANZIANO La Salute Viene Mangiando...Bene Redazione testi a cura di Paola Trabucco Copertina ideata e realizzata da Flavio Mollicone Impaginazione di Flavio Mollicone Pubblicazione a cura dell Adoc Nazionale Sede Nazionale: Via Chiana, Roma Tel Fax Progetto realizzato con il contributo del Fondo per l Associazionismo (ex lege 383/2000) Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Linee di indirizzo 2012

3 L alimentazione fornisce al nostro corpo l energia e i mattoni indispensabili alla vita e non solo. Come le moderne ricerche hanno dimostrato, infatti, vi è un collegamento stretto tra il cervello e la pancia, garantito sia dalla connessione sistema nervoso autonomo/sistema nervoso enterico, sia dalla contemporanea presenza, nel cervello e nel tratto gastrointestinale, dello stesso gruppo di ormoni. Il cervello enterico è, a sua volta, in stretto collegamento col sistema endocrino e col sistema immunitario. Il nostro addome si presenta quindi come un importante complesso neuro-endocrino-immunitario integrato che svolge funzioni con un largo margine di autonomia ma che, al tempo stesso, subisce pesanti influenze sia dall esterno (cibo, input visivi, ecc.) sia dall interno (emozioni, convinzioni, abitudini ecc.). Mangiare, quindi, non serve solo a ricostituire le riserve energetiche e strutturali, ma serve anche a influenzare i sistemi di regolazione generale dell organismo (sistema nervoso, immunitario, endocrino). Solo questo può fornire un idea dell enorme importanza di una buona alimentazione per la salute psico-fisica. Questo discorso riguarda un organismo nell interezza della sua vita, quindi anche nella fase dell invecchiamento. L invecchiamento è un processo che interessa tutti gli organismi viventi e che comporta modificazioni biologiche. Nell uomo si assiste a tali modificazioni del corpo e delle sue funzioni, seguite da un processo di adattamento psicofisico, già dopo i 30 anni. Tale fenomeno è graduale e progressivo, anche se variabile da individuo ad individuo. Tuttavia la vecchiaia può assumere un significato positivo e può essere vissuta nel modo giusto, non è soltanto il momento della saggezza, ma può essere anche quello della creatività. La modalità di invecchiamento non può prescindere dalla personalità e dalle esperienze del singolo individuo, la vecchiaia rappresenta la sintesi del significato dell esistenza: è nella vecchiaia che si può rag- 5

4 giungere la saggezza. Recenti ricerche hanno evidenziato la possibilità di sviluppare situazioni creative proprio nella vecchiaia; studi condotti con modalità diverse hanno dato risultati differenti rispetto al passato, si è infatti compreso che si può mantenere la propria efficienza psichica globale se si è motivati e se si sfruttano le risorse residue, ad esempio mediante l allenamento mentale. Attualmente si è dimostrato che l anziano è più lento, riflessivo, ma non meno efficiente. Per invecchiare senza sviluppare demenza senile è necessario che ogni persona mantenga attive le funzioni cerebrali. Per creatività si intende l espressione di sé stesso, le cui modalità di esecuzione sono vastissime. Un esempio storico eclatante è Sofocle che morì a 80 anni: Iofone, figlio legittimo, per avere l eredità prima della sua morte lo portò in tribunale dichiarandone l infermità di mente. Ebbene, Sofocle diede esempio di grande creatività quando, per mostrare la sua lucidità, recitò a memoria dei versi. Ancora, si pensi a Giuseppe Verdi, Alessandro Manzoni, Monet, Picasso, Goja, Rembrandt, Charlie Chaplin che nella vecchiaia produssero le loro opere migliori. Pablo Picasso,Vecchio Seduto, Nell età senile la funzione della creatività si può manifestare nelle piccole azioni quotidiane, come ad esempio nella creazione di pietanze originali. Questo può valere individualmente o in diverse condizioni di aggregazione, ad esempio all interno della coppia o di un gruppo. Qualora vengano evidenziate le capacità creative, la qualità della vita migliorerà radicalmente. È fondamentale prendere coscienza del fatto che la vecchiaia non è una malattia e che è importante prendersi cura della propria saggezza come una conquista che permette di vivere al meglio la propria vita. La vita da anziani, a meno che non siano presenti patologie particolari, può essere vissuta senza grandi rinunce prendendo semplici accorgimenti, perché mangiare bene significa vivere bene e in piena salute. Ad oggi sappiamo, ormai in maniera conclamata, che una buona alimentazione può prevenire l insorgere di svariati problemi di salute. Viceversa una scorretta nutrizione può aggravare situazioni di salute precarie o addirittura danneggiare lo stato fisico portando alla nascita di malattie dovute alla carenza di determinati nutrienti. Nell anziano la malnutrizione è talvolta associata ad un cattivo metabolismo dei nutrienti che può essere spiegato da diversi fattori legati ad aspetti psicologici, dovuti a malattie croniche, associati all uso di farmaci o assimilato ad invalidità. I cambiamenti fisici, psichici e sociali, potendo influenzare le scelte alimentari sia sul piano quantitativo che qualitativo, possono portare alla comparsa di obesità o malnutrizione influenzando in modo significativo lo stato di salute. Nel caso di patologie o problemi specifici è necessario essere seguiti da un medico e/o da un nutrizionista che saranno in grado di formulare una dieta specifica, è quindi importante monitorare le proprie condizioni fisiche eseguendo le analisi che il medico di famiglia o il geriatra consigliano. Possiamo però parlare di consigli nutrizionali generalizzati quando affrontiamo un discorso meno specifico, di seguito trat- 6 7

5 teremo alcune regole da seguire e alcuni consigli che vi suggeriamo di adottare nel vostro quotidiano. Ogni giorno si svolgono decine di attività in maniera automatica, tali abitudini sono strumenti potenti, crearne di buone sostituendo quelle cattive, può aiutare a trasformare radicalmente la propria vita migliorandola. In questa guida saranno dunque forniti alcuni utili suggerimenti che, se seguiti abitualmente, porteranno numerosi giovamenti. Un alimentazione poco corretta è la causa principale di obesità, sovrappeso e molte malattie cardiovascolari. Mangiare in modo corretto può aiutare, invece, non solo a mantenersi in forma, ma anche a prevenire le tante malattie cardiovascolari che un alimentazione errata può causare. L Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) ha elaborato le nuove Linee Guida per una Sana Alimentazione. Seguendo queste regole, elaborate da un gruppo di esperti, è possibile mangiare meglio e con gusto, proteggendo comunque la propria salute. Si tratta di consigli che consentono di star bene, prevenendo le più comuni malattie, ma senza mortificare il gusto ed il piacere della buona tavola. I nostri 15 consigli 1. Bere ogni giorno acqua in abbondanza; 2. Fare attività fisica. Mantenersi sempre attivo; 3. Fare 5 pasti al giorno; 4. Variare spesso le proprie scelte a tavola; 5. Mangiare più ortaggi e frutta; 6. Consumare sempre verdure nei pasti principali; 7. Aumentare il consumo di legumi; 8. Variare il più possibile fra i diversi tipi di cereali; 9. Proteine: mai eccedere, ma consumare almeno un secondo piatto al giorno; 10. Grassi: scegliere la qualità e limitare la quantità; 11. Limitare zuccheri, dolci, bevande zuccherate; 12. Sale: utilizzarne poco; 13. Vino: bere solo durante i pasti e in quantità controllata 14. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te 15. Avere consapevolezza delle porzioni 8 9

6 1 BERE OGNI GIORNO ACQUA 2 IN ABBONDANZA FARE ATTIVITÀ FISICA MANTENERSI ATTIVI L acqua è un elemento fondamentale che garantisce una corretta attività fisiologica e cellulare dell organismo. Con il passare degli anni il senso della sete diminuisce, è quindi importante impegnarsi a mantenere una corretta idratazione. Assecondare sempre il senso di sete e possibilmente tentare di anticiparlo bevendo 1,5-2 litri d acqua al giorno in inverno e 2-3 litri d estate. Bere frequentemente e in piccole quantità. È sbagliato evitare di bere per il timore di sudare eccessivamente o di ingrassare. Durante e dopo l attività fisica si deve bere per reintegrare le perdite dovute alla sudorazione. Se si desidera acquistare acqua imbottigliata, è necessario leggere sull etichetta i valori del residuo fisso e del sodio scegliendo il prodotto in cui questi ultimi sono più bassi. Prendere la buona abitudine di fare un po di moto ogni giorno: cammina, sali e scendi le scale, svolgi piccoli lavori domestici. In caso di peso eccessivo occorre consultare il medico, ridurre le entrate energetiche mangiando meno e aumentare le uscite energetiche svolgendo un attività fisica specifica. In caso di sottopeso è necessario rivolgersi al proprio medico, mantenere un giusto livello di attività fisica e un alimentazione equilibrata. Devono essere evitate le diete drastiche del tipo fai da te che possono essere dannose. Sarebbe corretto iniziare precocemente l attività fisica mantenendo questa consuetudine per tutta la vita. La mancanza di esercizio fisico nelle persone anziane può acuire i deficit e gli svantaggi dipendenti dall età conducendo a varie patologie, più o meno gravi

7 COME FARE Praticare un attività fisica leggera almeno tre volte la settimana, per almeno mezz ora ogni volta. L attività fisica deve essere graduale e seguita da personale qualificato, sotto il consiglio del medico. Si dovrebbe mantenere un livello di attività fisica equilibrato alternando esercizi in riduzione o assenza di carico (come il nuoto o esercizi in acqua che permettono di non affaticare le articolazioni) a esercizi leggeri (come passeggiate, bicicletta, marcia essenziali per il ri-modellamento osseo, la mobilizzazione e il ricambio del calcio). Dovrebbero essere alternati e variati i tipi di attività fisica, sono raccomandate le attività all aria aperta e sconsigliati, invece, gli esercizi irregolari e faticosi. Per l attività fisica si consiglia di alternare esercizi e periodi di riposo, iniziando e terminando le sessioni con periodi di riscaldamento, rallentando il ritmo. Le persone che sono rimaste inattive per periodi molto lunghi, specialmente a seguito di una malattia, dovrebbero fare una visita medica prima di iniziare ad esercitarsi o riprendere un lavoro fisico molto faticoso. I livelli di attività fisica dovrebbero essere graduali, facendo attenzione a non fare sforzi intensi in breve tempo. I benefici dell attività fisica Stimola e tonifica le funzioni cardiovascolari e respiratorie Aumenta l apporto di sangue al muscolo cardiaco Contribuisce al mantenimento della forza muscolare e dell elasticità articolare Migliora il coordinamento dei movimenti e la rapidità dei riflessi Influenza favorevolmente l umore Aiuta a regolare l appetito Favorisce il sonno Previene l osteoporosi Consuma energia che aiuta il controllo del peso 3 Fare 5 pasti al giorno Fare almeno 5 pasti al giorno è fondamentale per mantenere il metabolismo attivo e per evitare attacchi di fame. Suddividere quindi la giornata in colazione, spuntino mattutino, pranzo, merenda e cena. Iniziare la giornata con una ricca colazione, intervallare i pasti principali con un paio di spuntini costituiti da un frutto, o uno snack ai cereali, o uno yogurt. Non sempre se ne sente la necessità, ma nelle fasi di digiuno prolungate il nostro organismo tende a consumare massa magra

8 4 Variare spesso le scelte a tavola Non esiste un alimento che da solo contenga tutti i principi nutritivi necessari, dobbiamo quindi mangiare molti alimenti diversi. Per aiutarci a scegliere quali cibi mangiare, tutti i più comuni alimenti sono stati divisi in sette gruppi fondamentali. Ognuno contiene determinati principi nutritivi e i sette gruppi insieme contengono tutti i principi nutritivi essenziali al fabbisogno energetico e nutritivo. Come regola fondamentale per la nostra alimentazione bisognerà inserire nella dieta quotidiana, o settimanale, almeno un alimento per ogni gruppo fondamentale; in questo modo saremo sicuri di procurarci tutte le sostanze necessarie ed avere quindi una dieta equilibrata, ossia una dieta che non serve a ingrassare o dimagrire, ma per avere buona salute. Ovviamente questo vale solo nel caso in cui non siano presenti patologie. I SETTE GRUPPI FONDAMENTALI I CARNE, PESCE, UOVA Il gruppo comprende: tutte le carni, gli insaccati e i salumi (prosciutto crudo e cotto, salame, mortadella), tutti i pesci, molluschi, crostacei, uova. Questo gruppo fornisce principalmente: proteine, ferro (milza e fegato), vitamine B1, PP, B2, B12, iodio (alimenti marini), vitamine liposolubili tipo A, D, K, lipidi (in abbondanza in carni rosse e salumi). Consigli: mangiare più spesso carni magre (pollo, tacchino, coniglio, pesce azzurro) rispetto a quelle grasse (manzo, maiale, insaccati) II LATTE e DERIVATI Il gruppo comprende tutti i tipi di latte, di formaggi e di yogurt. Questo gruppo fornisce principalmente proteine, calcio (in grande abbondanza), vitamine del gruppo B, fosforo. Consigli: se si è in sovrappeso preferire latte parzialmente scremato e formaggi magri. Evitare di mangiare il formaggio associato alla carne o uova o affettati ed insaccati perché tutti questi alimenti sono ricchi in proteine e devono essere, quindi, consumati alternandoli nei vari pasti della settimana. ATTENZIONE: il formaggio non serve a completare un pasto come da tradizione. III CEREALI e TUBERI Il gruppo comprende tutti i tipi di pane e di pasta, anche quella all uovo, gnocchi, riso, orzo, farro, segale, avena, ogni tipo di prodotto da forno (crackers, fette biscottate), mais, semolino, polenta, cereali soffiati e in fiocchi (tipo corn flakes), patate, castagne. Questo gruppo fornisce principalmente carboidrati (in prevalenza sotto forma di amido), proteine, vitamine B1, PP, fibra (cibi integrali), lipidi (panini all olio, biscotti, pizza). Consigli: questo gruppo, insieme a quello dei legumi, dovrebbe costituire la parte principale della dieta, è meglio preferire cibi integrali.

9 IV LEGUMI V GRASSI DA CONDIMENTO FRUTTA E VERDURA VI VII Il gruppo comprende fagioli, ceci, piselli, lenticchie, fave, soia. Questo gruppo fornisce principalmente: proteine, ferro, carboidrati (in prevalenza sotto forma di amido), vitamine B1,B2,PP, calcio, fibra. Consigli: chi è vegetariano o chi mangia poca carne deve ricavare le proteine da questo gruppo insieme a quello dei cereali e tuberi (i due gruppi insieme possono sostituire la carne). I legumi sono molto nutrienti, più economici della carne e privi di grassi, uno dei piatti tradizionali della cucina italiana, la pasta e fagioli, condita con olio di oliva, rappresenta uno degli alimenti più completi ed equilibrati. Il gruppo comprende burro, lardo, strutto, panna, pancetta, guanciale, margarina, olio di oliva, olio di semi e anche alcune preparazioni alimentari a base di grassi come maionese, creme spalmabili dolci a base di panna, ecc. Questo gruppo fornisce principalmente lipidi (anche in grande quantità), vitamine liposolubili gruppo A/E. Consigli: i grassi non vanno mai eliminati del tutto dalla dieta perché contengono principi nutritivi essenziali (come l acido linoleico contenuto nell olio di oliva), ma il loro consumo deve essere moderato e bisogna stare attenti perché sono spesso nascosti in vari cibi come salse e sughi o nei dolci. È meglio preferire grassi vegetali (olio di oliva) rispetto ai grassi animali (burro, panna). (VITAMINA A) Questo gruppo comprende tutta la frutta e la verdura colorata in giallo-arancione e verde scuro (carote, albicocche, pesche, pomi, melone, peperoni gialli e verdi, spinaci, bietola, zucca gialla, cicoria, broccoli, agretti, invidia, radicchio verde, ecc). Questo gruppo fornisce principalmente provitamina A (carotene), vitamina C, minerali, fibre, vitamina B, carboidrati (sotto forma di zuccheri nella frutta). Consigli: questo gruppo ed il successivo sono importantissimi per la nostra dieta perché forniscono la maggior parte delle vitamine e contengono sostanze che prevengono molte malattie come l infarto e il tumore, dovrebbero essere presenti giornalmente nella dieta. È meglio se questi alimenti vengono consumati freschi e a crudo. FRUTTA E VERDURA (VITAMINA C) Questo gruppo comprende tutti gli ortaggi a gemma e la frutta di gusto acidulo, broccoli, cavolfiore, cavolo verza, radicchio rosso, lattuga, pomodori, arancia, limone, pompelmo, mandarino, fragole, lamponi, more, ananas, kiwi, tutti gli altri tipi di frutta (anche se contengono minori quantità di vitamina C). Questo gruppo fornisce principalmente vitamina C, vitamina A, minerali, fibre, vitamina B, carboidrati (sotto forma di zuccheri nella frutta)

10 5 MANGIARE PIU ORTAGGI 6 E FRUTTA CONSUMARE VERDURE NEI PASTI PRINCIPALI È consigliato consumare quotidianamente più porzioni di ortaggi e frutta fresca. Questi alimenti infatti sono fondamentali perché ricchi di sostanze importanti come gli antiossidanti, vitamine, sali minerali e nutrienti. Oramai troviamo i vari ortaggi in ogni periodo dell anno, ma bisogna sapere che sia gli ortaggi, che la frutta, hanno una loro stagionalità e conoscerla è importante per poter scegliere un prodotto naturalmente ricco di tutte le sue caratteristiche nutrizionali e che ci gratifica anche dal punto di vista del palato. Le tabelle nelle pagine seguenti ci aiuteranno a capire il momento giusto per acquistare ogni ortaggio e frutta. Contengono poche calorie, le fibre in esse contenute in fase digestiva aumentano la massa del bolo alimentare favorendo la sazietà e velocizzando il transito intestinale. Rendono inoltre l assimilazione del pasto stesso più graduale e addirittura riescono a non far assorbire circa il 20% delle calorie degli altri alimenti presi insieme, pertanto è consigliato fare in modo che siano sempre presenti a pranzo e a cena, anche se non sono sempre di facile reperimento e preparazione, specie se si mangia fuori casa

11 20 21

12 22 23

13 7 AUMENTARE IL CONSUMO 8 DI LEGUMI VARIARE I DIVERSI TIPI DI CEReALI Per una corretta alimentazione è indicato inserire nella propria dieta legumi sia freschi che secchi un paio di volte alla settimana. Ovviamente i legumi freschi, rispetto a quelli secchi, hanno un contenuto di acqua di gran lunga superiore (60-90% contro il 10-13%) e quindi, a parità di peso, un contenuto proteico e glucidico inferiore, un valore calorico più basso e un contenuto di vitamine e sali minerali più alto. I bassi consumi di legumi rappresentano un fattore negativo dal punto di vista nutrizionale, ma anche dal punto di vista della salute, in quanto questi alimenti sono in grado di abbassare la colesterolemia grazie al buon contenuto in lecitina. Di questo gruppo fanno parte ceci, lenticchie, fagioli, piselli, cicerchie, fave, lupini, arachidi e soia. Con il termine cereale si designa un gruppo di piante erbacee dal cui frutto o cariosside si ottengono alimenti e prodotti alimentari di altissima valenza nutrizionale. I cereali di più largo consumo sono il frumento, il mais, l orzo, il riso e la segale, mentre quelli meno conosciuti sono la quinoa, il grano saraceno, l amaranto e il kamut. Depauperare i cereali delle loro componenti considerate più rustiche e (a torto) indigeste come la crusca e il prezioso germe, come accade per le farine raffinate di uso comune, ha reso il prodotto (tra cui pasta, pane, dolci da forno) decisamente meno utile dal punto di vista nutrizionale. A fronte del minor apporto in fibre, minerali e vitamine, i prodotti che utilizzano farine raffinate contengono più o meno le stesse calorie dell omologo integrale e un indice glicemico superiore. L eccessivo consumo di questi carboidrati è anche stato considerato responsabile dell aumento dei casi di obesità e di diabete nei paesi industrializzati. I prodotti integrali (come il grano, il farro, il riso, l orzo) sono molto più ricchi di sostanze nutritive importantissime per la nostra salute, tra cui proteine, minerali (come il calcio, il magnesio e il potassio), vitamine del gruppo B e vitamina E (contenuta anche nel germe del grano) e fibre. Queste ultime mantengono in salute tutto il nostro intestino, in particolare il colon, e contrastano disturbi comuni come il meteorismo, la sindrome del colon irritabile, la stitichezza cronica o la diarrea. Inoltre le fibre idrosolubili dei nostri cereali integrali riducono l assorbimento di grassi come il colesterolo e di zuccheri in fase digestiva. A parità di quantità, poi, una porzione di 24 25

14 pasta, pane o riso integrale sazia prima e più a lungo, ragion per cui questi ottimi alimenti sono da privilegiare proprio nelle diete dimagranti. Tuttavia ci sono altri aspetti da prendere in considerazione. Mangiare sempre e solo cereali integrali non è corretto; essi, infatti, contengono acido fitico, una sostanza che dal punto di vista biochimico contrasta l assorbimento del ferro presente negli altri alimenti, quindi è meglio alternarli anche agli omologhi raffinati che non danno questo tipo di problema, soprattutto se si soffre di anemia sideropenica. Inoltre, dal momento che dei cereali integrali viene consumato tutto, incluso l involucro esterno o crusca, è meglio scegliere prodotti biologici per essere sicuri che non siano contaminati da agenti chimici nocivi come gli anticrittogamici. Chi abbia anche solo il sospetto di celiachia o intolleranza al glutine deve fare attenzione e scegliere i cereali, integrali o meno, adatti alla propria dieta giornaliera. Come consumare i cereali integrali? Esattamente come tutti gli altri, creando gustose ricette con le farine, con il riso, con il pane e con la pasta. Per la prima colazione, ad esempio, sono molto indicati i fiocchi integrali d avena da gustare con il latte o con lo yogurt. Il pane, la pasta, i cereali da bollire e usare per le insalate miste, sono reperibili in commercio, mentre le farine possono essere utili per preparare torte, biscotti, focacce, pane fatto in casa e pizza. Nei negozi di alimentazione bio, ma anche nei supermercati più forniti, si trovano tutti i possibili prodotti derivati dai cereali integrali, tra cui riso, miglio, avena, orzo, kamut (grano khorosan), e naturalmente il frumento. Non resta che fare qualche esperimento culinario e scoprire il cereale integrale che piace di più! 9 PROTEINE: MAI ECCEDERE, MA CONSUMARE ALMENO UN SECONDO PIATTO AL GIORNO Il fabbisogno giornaliero di proteine nobili va sempre soddisfatto, quindi si deve consumare almeno un secondo piatto al giorno. Possiamo anche dividerlo nei due pasti principali, ma in questo caso attenti alla porzione! Se non si è vegetariani le fonti animali sono quelle principali, ma non è vero che non fanno ingrassare e che sono solo nutrimento per il muscolo come alcuni dicono. In realtà alle proteine animali, salvo poche pietanze più magre, sono associate quantità di grassi rilevanti. In un orata di mezzo chilo ad esempio è presente l equivalente in grassi di quasi 2 cucchiai d olio, certo sono grassi prevalentemente omega-3, ma pur sempre calorici. Esagerare non è quindi consigliabile, tanto più che lo smaltimento di porzioni eccessive può affaticare fegato e reni

15 10 GRASSI: SCEGLI LA QUALITA E LIMITA LA QUANTITÀ È importante moderare la quantità di grassi ed oli usati per condire e cucinare, limitare il consumo di grassi da condimento di origine animale (burro, lardo, strutto, panna), preferendo quelli di origine vegetale (soprattutto olio extravergine di oliva e oli di semi), non eccedere nel consumo di alimenti fritti prediligendo differenti modalità di cottura. È raccomandabile mangiare più spesso il pesce, soprattutto fresco (2-3 volte a settimana) prediligendo il pesce azzurro in quanto ricco di omega 3 e calcio (alici, sgombro, sardina, aringa, aguglia etc.). Tra le carni sono consigliate quelle magre. Nella propria dieta si possono inserire le uova un paio di volte a settimana facendo attenzione alle modalità di cottura. Si dovrebbe prediligere il latte parzialmente scremato e non eccedere con i formaggi, soprattutto quelli stagionati, perché contengono una quantità elevata di grassi. Una piccola eccezione è consentita per il parmigiano che è importante per l assimilazione del calcio e quindi può essere un valido aiuto contro l osteoporosi. I grassi da condimento sono quei grassi che vengono aggiunti agli altri cibi per migliorarne il gusto o per permetterne la cottura. Poiché i lipidi sono presenti anche in forma nascosta in molti alimenti (latte, formaggio, uova, dolci, frutta secca e altri), bisogna tener conto degli uni e degli altri, se si vuole osservare una alimentazione equilibrata, per non esagerare con la quantità totale dei grassi. I grassi da condimento possono essere di origine animale (burro, lardo, strutto) e vegetale (olio d oliva, oli di semi, margarina). I grassi possono essere saturi o insaturi. Questa differenza è insita nella struttura molecolare dell acido grasso, che è uno dei componenti dei grassi, insieme al glicerolo. I grassi di origine animale sono saturi ossia costituiti da una catena carboniosa satura costituita unicamente da legami singoli C-C, mentre quelli di origine vegetale sono insaturi presentano doppi legami nella catena carboniosa. Si suddividono in: acidi grassi monoinsaturi o monoenoici, se è presente un solo doppio legame C=C (ad esempio acido oleico C 18:1); acidi grassi polinsaturi o polienoici, se sono presenti due o più doppi legami C=C (ad esempio acido linoleico C 18:2, acido linolenico C 18:3, acido arachidonico C 20:4). La presenza di doppi legami C=C influenza la temperatura di fusione degli acidi grassi. Il metabolismo di grassi saturi e insaturi attiva gli stessi enzimi, e l organismo non è in grado di regolare questa competizione enzimatica. Pertanto, è importante mantenere l equilibrio corretto nell assunzione di questi due tipi di grassi. Di seguito l elenco dei grassi da condimento: Burro: è ottenuto dalla panna del latte che, sbattuta in macchine dette zangole, perde quasi tutta la sua acqua. Ne rimane il 15% (18% massimo). Quindi 100 grammi di burro contengono grammi di grasso. Il burro contiene una discreta quantità di vitamina A. Lardo: è il grasso sottocutaneo del dorso e dei fianchi del maiale; la pancetta invece è il grasso del ventre e il guanciale è la parte grassa del collo. A differenza del lardo, pancetta e guanciale sono costituiti non solo da grasso, ma anche da carne. Strutto: è il grasso interno del maiale, fuso e purificato. Olio di oliva: è ricavato dalla spremitura 28 29

16 meccanica delle olive. La legge prevede una suddivisione in base all acidità: olio extravergine, con acidità fino all 1%; sopraffino vergine, con acidità fino all 1,5%; fino vergine, con acidità fino al 3%; vergine, con acidità fino al 4%. Gli oli con acidità superiore al 4%, e quindi ricavati dalla parte dura che rimane dopo la spremitura (la sansa ), devono essere miscelati con oli di qualità migliore prima di poter essere messi in commercio. L olio di oliva contiene acidi grassi principalmente mono-insaturi e vitamina E. Oli di semi: sono estratti da vari tipi di semi, non per spremitura, ma per estrazione della parte oleosa dalla farina dei semi. I semi più usati sono di mais, girasole e arachide. Questi oli contengono acidi grassi principalmente poli-insaturi. Margarina: è stata fabbricata per la prima volta nella seconda metà del 1800, per dare un alternativa meno costosa al burro. E di consistenza e colore simile al burro, ma il suo valore nutrizionale è diverso. La margarina domestica è composta quasi completamente con ingredienti di origine vegetale. 11 LIMITARE ZUCCHERI, DOLCI E BEVANDE ZUCCHERATE Abituarsi a moderare il consumo di alimenti e bevande dolci. Tra i dolci sono da preferire quelli che contengono meno grassi e zucchero e più amido, come ad esempio biscotti, torte non farcite. Utilizzare in quantità controllata marmellate, confetture di frutta, miele e creme è il comportamento più corretto. Un ottimo sostituto dello zucchero, che si può utilizzare sia per dolcificare bevande sia in cucina per preparare deliziosi dolci e dessert, può essere rappresentato dalla stevia in quanto è naturale, non apporta calorie e non ha controindicazioni (nemmeno a lungo termine). La stevia è una pianta conosciuta già nell antichità da alcune tribù d indiani del Sud America che la utilizzavano abitualmente per dolcificare bevande e alimenti ed è originaria di una zona a cavallo del confine tra il Paraguay ed il Brasile. Deve la sua diffusione a un botanico italiano, Santiago Bertoni, che ne studiò le caratteristiche e i possibili usi. Tutti possono trarre beneficio dall uso della stevia, ma in particolare i diabetici, chi per problemi di peso deve ridurre l apporto calorico e i bambini. Di questa pianta si possono usare le foglie fresche, in polvere, il concentrato liquido, bustine e compresse dolcificanti. Attenzione però a leggere bene l etichetta e controllare che si tratti di stevia pura e non addizionata ad edulcoranti o dolcificanti sintetici che possono essere nocivi per la salute

17 COME USARE LA STEVIA Un esempio di utilizzo di questa pianta è per dolcificare la limonata. Il gusto del limone si sposa perfettamente con quello della stevia neutralizzando il retrogusto di liquirizia. Basta spremere un limone in un litro di acqua, aggiungere la punta di un cucchiaino di estratto in polvere di stevia, agitare bene, assaggiare e regolare con altra stevia o limone se occorre, e il gioco è fatto. Si può provare anche con il sorbetto al limone o anche con altri dolci al limone come semifreddi, mousse, ecc. 12 SALE: UTILIZZARNE POCO Limitare l apporto di sodio è indispensabile per gli individui affetti da ipertensione, pertanto per ridurre l uso del sale si possono sfruttare dei perfetti sostituti naturali che oltretutto sono anche molto saporiti: cipolla, porri, erba cipollina, sedano, aceto, limone, dragoncello, alloro, cumino, timo, basilico, prezzemolo, zafferano, paprica. Il sale è un composto minerale che viene comunemente impiegato in cucina per esaltare il sapore degli alimenti. Il sale marino integrale contiene numerosi elementi tra cui lo iodio contenuto, un componente essenziale per una dieta equilibrata che aiuta a mantenere la pelle, le unghie ed i capelli in salute, prevenendo una serie di problemi tra cui quelli alla tiroide. Il sale purtroppo in molte cucine viene usato in modo eccessivo e non ci si rende conto che a lungo andare si danneggia la salute, mentre invece una quantità corretta di iodio può portare vari benefici al corpo. Una persona abituata ad aggiungere il sale ad ogni pietanza si troverà in difficoltà nell interrompere o limitare questa abitudine di condimento perché ci si abitua facilmente ad abusarne, ma la buona noti

18 PREPARAZIONE DI UN ALTERNATIVA AL SALE Ingredienti: Tre cucchiai di origano essiccato. Tre cucchiai di aglio in polvere. Un cucchiaio di paprika. Un cucchiaio di senape in polvere. Due cucchiaini di timo secco. Un cucchiaino di cipolla in polvere. Un cucchiaino di aneto 13 VINO: SOLO DURANTE I PASTI E IN QUANTITÀ CONTROLLATA Se si desidera consumare del vino deve essere fatto con moderazione durante i pasti. Ridurre od eliminare l assunzione di alcool se si è in sovrappeso, obesi o se si presenta una familiarità per diabete e obesità. Preparazione: Mettere i vari ingredienti in un frullatore ed azionarlo finché il composto non è totalmente tritato ed ha raggiunto lo stato di povere. Per condire basta una semplice spolverata sopra i vostri cibi per sostituire il sale in maniera intelligente, così da evitare i problemi legati alla quantità eccessiva di sodio a cui magari eravate fin ora abituati. Le spezie e le erbe aromatiche sono difatti ideali ad insaporire al posto del sale: in base alle pietanze ed ai gusti ci sono molteplici scelte da provare e gustare. ATTENZIONE: limitare i condimenti alternativi contenenti sodio (dado da brodo, ketchup, senape etc.)

19 LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE AVERE CONSAPEVOLEZZA DELLE PORZIONI Si deve fare attenzione alle conserve casalinghe. Non lasciare raffreddare un alimento già cotto fuori dal frigorifero a lungo e senza coprirlo. Non scongelare gli alimenti di origine animale in ambiente non protetto. Evitare il contatto nel frigorifero tra ali- menti diversi. Non avere eccessiva fiducia nella capacità del frigorifero di conservare troppo a lungo i cibi: non svolge nessuna azione di bonifica e non conserva in eterno gli alimenti. Sapere cosa possiamo permetterci di mangiare, cosa ci fa bene, cosa invece ci gonfia e ci fa stare male è molto importante. Molto spesso anche se la quantità di cibo che si assume è elevata, la qualità degli alimenti scelti è scarsa e, pur ingrassando, non si raggiungono i fabbisogni minimi di tutti i nutrienti. Oltre ciò, una quantità eccessiva di cibo influisce sulla digestione causando malessere. Alzarsi da tavola quando non si è ancora completamente sazi è un metodo antico e ancora valido per mantenere le porzioni adeguate. Variare la dieta, preferendo gli alimenti di stagione ne è un altro. Più tecnicamente è consigliato rivolgersi a un professionista per un indagine alimentare approfondita, ciò potrà permettere di scoprire se si sta assumendo la giusta quantità di calorie e se sono presenti nella propria alimentazione tutti i nutrienti di cui si necessita

20 Se il vostro motto è più condito è, più buono è allora il vostro palato non dei più raffinati. Chi pensa che per rendere un alimento saporito in cucina bisogna per forza usare una discreta quantità di condimenti, non è un cuoco completo! Le moderne tecniche di cucina ci permettono di insaporire al meglio gli alimenti anche con condimenti minimi. Padelle e teglie antiaderenti o in vetroceramica, vaporiere, sottovuoto, vaporizzatori per l olio rendono semplice preparare pietanze succulente a ridotto contenuto calorico. Attenzione però ai tempi di cottura, tempi lunghi di cottura denaturano i nutrienti e spesso producono radicali liberi così nocivi per l invecchiamento cellulare. Con le giuste conoscenze e un po di pratica e attenzione, anche a casa si può mangiare tutti i giorni come se si fosse al ristorante, ma senza rischi per la linea né per la salute, e allora anche il mantenimento del peso corporeo, che a tanti sembra così CONCLUSIONI difficile, sarà un esperienza felice! Per poter imparare a cucinare nel modo più sano e corretto è basilare fare una spesa consapevole e organizzata. Per prima cosa è necessario fare una lista della spesa, prima di uscire, decidere che cosa cucinare nei giorni successivi e annotare tutti gli ingredienti sulla lista. Inoltre, usare la lista significa risparmiare tempo e denaro a ogni visita al supermercato. Fare la spesa a stomaco pieno è una regola fondamentale per la spesa; con la fame, tutto sembrerà molto invitante, soprattutto gli alimenti ricchi di grassi e di sodio, che non sono propriamente sani. Preferire gli alimenti freschi rispetto a quelli conservati perché contengono meno grassi e meno sodio. Gli alimenti freschi, inoltre, spesso hanno più sapore, sono più colorati e contengono maggiori quantità di vitamine, minerali e fibre rispetto ai corrispondenti conservati. Se si comprano alimenti di scorta, come pizze surgelate, carne o zuppe in scatola, è opportuno scegliere quelli a basso contenuto di grassi e di sodio. Sulla maggior parte degli alimenti c è un etichetta che riporta le informazioni nutrizionali e può aiutare a capire se l alimento è adatto per una corretta alimentazione. A prima vista le etichette potrebbero risultare un tantino confuse, ma una volta imparato a interpretarle faciliteranno l organizzazione della spesa e la pianificazione dei pasti. Si deve sempre confrontate gli alimenti simili e scegliere quello con minore contenuto di grassi e sodio e con minore apporto calorico. Ad esempio, un alimento è considerato a ridotto contenuto di sodio se contiene, a porzione, meno del 5% della dose giornaliera raccomandata di sodio. I buoni utensili da cucina possono aiutare a seguire una dieta meno ricca di sale e di grassi. I recipienti antiaderenti possono far diminuire la quantità di olio o di burro quando si fa soffriggere la carne o la verdura. Tra le alternative più utili ricordiamo i recipienti di ghisa o quelli in vetroceramica. La vaporiera per le verdure, che si può inserire all interno di quasi tutte le pentole, può aiutare a preparare le verdure bollite senza usare né burro né olio. I piatti che costituiscono una dieta sana di solito non sono troppo elaborati. Il difficile è abbandonare le abitudini di preparazione e cottura più dannose per la salute. Per tenere sotto controllo la pressione e migliorare la salute, imparare a preparare i pasti usando meno sale e meno grassi. Alcuni consigli per cotture sane: Invece di friggere, cuocere alla griglia o in camicia, arrostire o saltare in padella. Usare la carne affumicata o sotto sale con moderazione ed eliminare il grasso in eccesso dalla carne di vitello, da quella di maiale e dalla carne bianca. Cuocere il pesce al cartoccio, per non far disperdere l aroma e i succhi. Far saltare le cipolle, i funghi e le altre verdure in una piccola quantità di brodo poco salato o di acqua, anziché nel burro o nell olio. Usare i derivati del latte scremati, ad esempio i formaggi freschi scremati o la panna acida scremata, anziché quelli che conten

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana.

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana. Oggetto: Menù Primavera/Estate delle mense scolastiche per le scuole dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado (Redatto dalla Dott.ssa Chiara Perrone dietista specialista) Viene sempre garantita

Dettagli

Zucchine trifolate. ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE

Zucchine trifolate. ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE 2 Zucchine trifolate ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE 6 zucchine 1 cipolla 1 spicchio di aglio 50 g di scalogno 20 g di pinoli 50 g di prezzemolo 50 g di aceto di vino bianco 50 g di zucchero Olio extra

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

ACCIUGHE E VONGOLE ANCHE NEI MESI FREDDI ECCO LE RICETTE DEL PROF. MIGLIACCIO

ACCIUGHE E VONGOLE ANCHE NEI MESI FREDDI ECCO LE RICETTE DEL PROF. MIGLIACCIO ACCIUGHE E VONGOLE ANCHE NEI MESI FREDDI ECCO LE RICETTE DEL PROF. MIGLIACCIO Il Prof. Pietro Antonio Migliaccio, nutrizionista e Presidente della Società Italiana di Scienza dell alimentazione (SISA),

Dettagli

6. Il Sale? Meglio poco

6. Il Sale? Meglio poco 6. Il Sale? Meglio poco Di quanto sale abbiamo bisogno Sia il sapore che le proprietà biologiche del sale comune (cloruro di sodio) sono legate principalmente al sodio; ogni grammo di sale contiene circa

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

CANNELLONI RICOTTA E SPINACI

CANNELLONI RICOTTA E SPINACI Ricettario Primi BRODO VEGETALE Preparare la verdura (sedano, carota, cipolla) e gli aromi (maggiorana, timo, alloro, basilico) e farli cuocere in acqua per un'ora a fuoco moderato. Colare il brodo ed

Dettagli

Ricette per una Dieta Mista con DietaVita

Ricette per una Dieta Mista con DietaVita Ricette per una Dieta Mista con DietaVita Le nostre ricette DietaVita sono studiate secondo i principi di una dieta equilibrata e varia, e ognuna fornisce circa 500-600 calorie. Snack e bevande contenenti

Dettagli

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete Come costruire una sana alimentazione in famiglia Quando si fa la spesa durante i pasti alcolici consigli ai genitori come ridurre il contenuto in grassi (Società Italiana Nutrizione Umana) 1 Quando si

Dettagli

Ricette da Gustare: sapore e qualità dei prodotti. Calleris in tavola.

Ricette da Gustare: sapore e qualità dei prodotti. Calleris in tavola. La natura soddisfa il palato con un alimentazione sana ed equilibrata. Fagioli, lenticchie, ceci, piselli, soia, da apprezzare in zuppe e piatti ricchi di proteine vegetali, vitamine e sali minerali. Legumi

Dettagli

Spuntino - un frutto o uno yogurt magro, due volte a settimana si può sostituire con 20 gr di noci o mandorle - a metà mattina e di pomeriggio;

Spuntino - un frutto o uno yogurt magro, due volte a settimana si può sostituire con 20 gr di noci o mandorle - a metà mattina e di pomeriggio; DIETA da 1400 KC Colazione 1) 200 ml latte parzialmente scremato, 2 fette biscottate con un cucchiaino di marmellata, un caffè con un cucchiaino di zucchero 2) 200 ml latte parzialmente scremato, 30 gr

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

Ricette di Andreas Caminada

Ricette di Andreas Caminada Zuppa di gulasch 600 g di cipolle 800 g di carne di manzo 20 g di paprika in polvere (piccante o dolce) 10 g di cumino 1 tazza di brodo 1 spicchio d'aglio peperoncino buccia di 1/2 limone 3 peperoni rossi

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

IL MARE IN TAVOLA MENU. Antipasti: 1. Bottarga e pomodori. 2. Cozze alla marinara. 3. Fagioli cannellini e gamberetti.

IL MARE IN TAVOLA MENU. Antipasti: 1. Bottarga e pomodori. 2. Cozze alla marinara. 3. Fagioli cannellini e gamberetti. IL MARE IN TAVOLA MENU Antipasti: 1. Bottarga e pomodori 2. Cozze alla marinara 3. Fagioli cannellini e gamberetti Primi piatti: 4. Spaghetti alle cozze e vongole veraci in bianco 5. Spaghetti alla bottarga

Dettagli

Alimentazione al Nido d Infanzia

Alimentazione al Nido d Infanzia L ALIMENTAZIONE AL NIDO D INFANZIA L alimentazione riveste un ruolo importante nella vita di ognuno e sicuramente deve essere particolarmente attenta quando si rivolge a bambini piccoli come gli ospiti

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

Ricettario tabella dietetica Asilo Nido

Ricettario tabella dietetica Asilo Nido DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione Ricettario tabella dietetica Asilo Nido Primi BRODO VEGETALE Preparare la verdura (sedano, carota, cipolla) e gli aromi (maggiorana,

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani!

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! Cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione Le Gusto ti permette di fare una scelta facile e veloce,

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

MENU DI NATALE 2015. Crostini avogado e olive. Zucca con passolina e pinoli. Vellutata di giri. Risotto melograno e broccoli.

MENU DI NATALE 2015. Crostini avogado e olive. Zucca con passolina e pinoli. Vellutata di giri. Risotto melograno e broccoli. MENU DI NATALE 2015 Crostini avogado e olive Zucca con passolina e pinoli Vellutata di giri Risotto melograno e broccoli Polpettone vegano Insalata ricca Torta Sacher VEG Crostini avogado e olive ingredienti:

Dettagli

Piano a Lungo Termine

Piano a Lungo Termine Piano a Lungo Termine Il piano a lungo termine deve essere condotto in quattro fasi per un cambiamento permanente delle abitudini alimentari. Ideale per rompere vecchi schemi, imparare a pianificare i

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO una corretta informazione per un benessere psicofisico Mangiare o nutrirsi? Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico Nutrirsi

Dettagli

TAGLIATELLE FARRO ORZO E AVENA CON RICOTTA E POMODORINI

TAGLIATELLE FARRO ORZO E AVENA CON RICOTTA E POMODORINI I prodotti della linea Vivien Pro Salus sono ottimi abbinati con tutti i tipi di ortaggi e legumi di stagione. TAGLIATELLE FARRO ORZO E AVENA CON RICOTTA E POMODORINI 250g di Tagliatelle F.O.A., 1 porro,

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA E una dieta ipocalorica, caratterizzata da un modulo alimentare basato su tre pasti principali: colazione, pranzo, cena con due spuntini: mattina e pomeriggi. Mangiare

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Alimentazione e cancro Relatore: Marialuigia Troncon Data 15 gennaio 2014 Sede Sala Piccolotto I dieci e più principi per la prevenzione dei tumori Mantenersi

Dettagli

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI La prima colazione A tavola: La prima colazione permette di migliorare l attenzione e la concentrazione, quindi il rendimento scolastico. Inizia la tua giornata

Dettagli

sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA

sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA COZZE PASTELLATE - 2 Kg di cozze - 2 uova - 2 cucchiai di farina - ½ bicchiere di birra - sale - pepe Preparazione: Prendere le cozze, dopo averle

Dettagli

menu di legumi a tavola Falafel di fave secche 400 Kcal a porzione

menu di legumi a tavola Falafel di fave secche 400 Kcal a porzione prodotti a tavola menu di legumi 64 400 g di fave secche 1 mazzetto di finocchietto selvatico 200 g di ricotta 2 uova 2 spicchi d aglio pangrattato q.b. sale e pepe olio per friggere 1 cucchiaio di farina

Dettagli

MOZZARELLA IN CARROZZA

MOZZARELLA IN CARROZZA Ricette di pane pane raffermo a fette passata di pomodoro salata mozzarella origano olio PIZZETTE tagliare a fette non troppo sottili il pane raffermo,disporlo in una teglia, versarvi sopra qualche cucchiaio

Dettagli

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Dieta e Menu per DIABETE DELL ADULTO DI TIPO 2 Menu per una giornata tipo dedicato a persone adulte che soffrono di diabete di tipo 2 Complimenti per aver

Dettagli

Crema di broccoletti

Crema di broccoletti 1 VITACuISINE Crema di broccoletti CREMA DI BROCCOLETTI, MOZZARELLA DI BuFALA E SCAMORZA AFFuMICATA 2 cime di broccoli 30 g di olio extravergine 10 g di sale fino 4 g di capperi dissalati 60 g di mozzarella

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Aperitivi per tutte le occasioni Ricetta presentata da: Kathi Rüegger Tulipani

Aperitivi per tutte le occasioni Ricetta presentata da: Kathi Rüegger Tulipani Corso Cucina Pag. 1 di 5 per tutte le occasioni Ricetta presentata da: Obiettivi del corso: Conoscenza degli ingredienti (carne e verdure) Farcitura e preparazione dei vari stuzzichini Contenuto del corso

Dettagli

STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) dosi per 10 porzioni

STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) dosi per 10 porzioni STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) 1 tacchino (peso complessivo di 6 kg circa) 1 kg di castagne 150 g di burro mollica di pane raffermo cipolla sedano rosmarino

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Subocclusione intestinale e Nutrizione

Subocclusione intestinale e Nutrizione Subocclusione intestinale e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire,

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

www.ricettegustose.it Pagina 1

www.ricettegustose.it Pagina 1 www.ricettegustose.it Pagina 1 Indice primi piatti di pesce 1 Iscriviti alla NewsLetter per conoscere tutte le nuove ricette inserite Bucatini pesce spada e olive nere Farfalle patate e trota salmonata

Dettagli

Quattro semplici ricette per un pesce speciale: la platessa. Delizie. dei. Mari del Nord

Quattro semplici ricette per un pesce speciale: la platessa. Delizie. dei. Mari del Nord Quattro semplici ricette per un pesce speciale: la platessa P Delizie dei Mari del Nord h D alle fredde e basse acque del Mare del Nord alle nostre tavole, la platessa porta con sé tutte le qualità che

Dettagli

RICETTARIO Menù invernale

RICETTARIO Menù invernale RICETTARIO Menù invernale Condimenti Parmigiano Reggiano per insaporire i primi piatti Olio extravergine di oliva per la preparazione dei piatti e per il condimento a crudo Succo di limone, erbe aromatiche

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni!

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Tutte le ricette di questo mese sono frutto di esperienza, creatività e. passaparola, e sono redatte da Eleonora Berto, presenza quotidiana al banchetto de

Dettagli

SALSA KETCHUP. Ingredienti: cipolla pomodori freschi pelati maizena sale zucchero aceto

SALSA KETCHUP. Ingredienti: cipolla pomodori freschi pelati maizena sale zucchero aceto SALSA KETCHUP Il libretto è la raccolta di alcune ricette cucinate dalla cuoca della nostra mensa, Letizia Bambagioni, per i bambini delle scuole di Scandicci. Le ricette, inserite nel menù stagionale

Dettagli

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO DETOX 7 7 GIORNI PER STARE MEGLIO Buongiorno!!! complimenti per aver scelto il nostro programma nutrizionale DETOX-7! Per dieta DETOX s intende un programma alimentare che ha lo scopo di eliminare le tossine

Dettagli

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali

Dettagli

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio

Dettagli

SALSE SUGHI & CONDIMENTI

SALSE SUGHI & CONDIMENTI SALSE SUGHI & CONDIMENTI CREMA DI AVOGADOS Per condire insalate 1 avogado maturo 100 gr di yogurt intero bianco 50 gr di olio extra vergine di oliva 1 limone spremere il succo ½ cucchiaino di sale fino

Dettagli

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Dieta e Menu per DIVERTICOLOSI Menu per una giornata tipo dedicato a persone che soffrono di diverticolosi Complimenti per aver scaricato questo menu, ciò

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

Le ricette del BEN ESSERE mangiare SANO CON GUSTO

Le ricette del BEN ESSERE mangiare SANO CON GUSTO Unità Operativa Igiene degli Alimenti e Nutrizione DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA Via Gramsci n.12 40121 BOLOGNA Tel. 051/6079711 Fax 051/6079872 Come mangiare per GUADAGNARE SALUTE Le ricette del BEN

Dettagli

ZUPPA DI CEREALI E LEGUMI MISTI

ZUPPA DI CEREALI E LEGUMI MISTI E MIE R IC E T T E ZUPPA DI CEREALI E LEGUMI MISTI Ingredienti: Legumi secchi o freschi a scelta Cereali misti a scelta Carota, sedano, cipolla dorata, aglio Salvia, rosmarino Olio extravergine di oliva

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

Le Ricette. di mamma Giuseppina

Le Ricette. di mamma Giuseppina Ricetta del Patrono 4 pugnetti di farro (come riso), cipolla abbondante, sedano abbondante, olio di oliva a discrezione, pelati di pomodoro o salsa di pomodori (si possono aggiungere anche 2 patate). Tritare

Dettagli

PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport

PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport La nutrizione nell'attività fisica e nei vari sport

Dettagli

Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno

Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno Avvertenze Le informazioni racchiuse in questo documento non sono da intendere come indicazioni mediche, ma sono a fini educativi e di intrattenimento.

Dettagli

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010 I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Per avere un alimentazione varia, senza assumere elevati quantitativi

Dettagli

RICETTARIO APRILE 2015

RICETTARIO APRILE 2015 RICETTARIO APRILE 2015 RISOTTO CON FIORI DI BORRAGINE, MANDORLE E LIMONE GRATTUGIATO DI SORRENTO - 280 g di riso, 2-3 mazzetti di fiori di borragine, - 1 scalogno, - 1 l di Brodo vegetale (per la preparazione

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in le ricette di Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in atmosfera protettiva per poterla cucinare

Dettagli

Ente Nazionale Protezione Animali. Vegan menù per festeggiare e lasciare vivere 3

Ente Nazionale Protezione Animali. Vegan menù per festeggiare e lasciare vivere 3 Ente Nazionale Protezione Animali Vegan menù per festeggiare e lasciare vivere 3 - Antipasti: humus di ceci con crostini finocchi con salsa tahin vellutata di carote ed arachidi insalata russa - Primi:

Dettagli

Ingredienti. 2,5 kg di zucchine. 1 litro di aceto (oppure 1/2 litro aceto e 1/2 litro di vino bianco) olio extravergine di oliva. 1 etto di zucchero

Ingredienti. 2,5 kg di zucchine. 1 litro di aceto (oppure 1/2 litro aceto e 1/2 litro di vino bianco) olio extravergine di oliva. 1 etto di zucchero Zucchine sott'olio Questo è il procedimento per preparare le zucchine sott'olio e può essere utile anche per conservare altre verdure: peperoni, melanzane, funghi ecc... Ingredienti 2,5 kg di zucchine

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID CONVEGNO REGIONALE AMD-SID NEFROPATIA DIABETICA, IPERTENSIONE E MALATTIA CARDIOVASCOLARE SESSIONE PARALLELA PER DIETISTI E INFERMIERI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CON

Dettagli

- RICETTE di PESCE -

- RICETTE di PESCE - - RICETTE di PESCE - ZUPPA ALLA MARANESE (per 4 persone) 2 Kg di pesce misto (passera, cefalo, ghiozzo,anguilla, ecc) tutto di piccola taglia Mezza cipolla Aceto ½ bicchiere di vino bianco 2 coste di sedano

Dettagli

Da allora, la dieta Atkins è stata popolare in tutto il mondo e molti altri libri sono stati scritti su di essa.

Da allora, la dieta Atkins è stata popolare in tutto il mondo e molti altri libri sono stati scritti su di essa. Dieta Atkins 1 Dieta Atkins: ecco tutto quello che c è da sapere. Dal menu, alla descrizione delle 4 fasi. Dalla versione per vegetariani, fino alla Dieta Atkins in versione Pdf La dieta Atkins è una dieta

Dettagli

TABELLE GRAMMATURE E RICETTE

TABELLE GRAMMATURE E RICETTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERV. IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE TABELLE GRAMMATURE E RICETTE SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA RICETTE PRIMI PIATTI GRAMMATURE Scuole dell Infanzia(g) GRAMMATURE Scuole Primarie

Dettagli

Ricette Bielorusse. Frittelle sottili. Caviale di funghi. Zacirka con latte

Ricette Bielorusse. Frittelle sottili. Caviale di funghi. Zacirka con latte Ricette Bielorusse Frittelle sottili 1 tazza di farina, 2 tazze di latte, 1 cucchiaino di zucchero, 4 cucchiai di lardo o burro, Miscelate le uova, lo zucchero, il sale, la farina e metà del latte. Mescolate

Dettagli

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE ALCUNI 12 cucchiai di verdure stufate 6 tazzine piccole di riso Basmati 12 tazzine di acqua calda 3 cucchiai da tavola di parmigiano grattugiato 1 cucchiaio di olio extravergine

Dettagli

Schema della dieta ipoproteica 1

Schema della dieta ipoproteica 1 Schema della dieta ipoproteica 1 Consigli generali: 1. Consumare settimanalmente come secondi piatti: Carne Pesce (fresco e surgelato) Formaggio fresco Prosciutto cotto al naturale Uova Legumi (freschi

Dettagli

7 MODI PER AMARSI DI PIÙ

7 MODI PER AMARSI DI PIÙ 7 MODI PER AMARSI DI PIÙ Napoletana verace con due grandi passioni: i viaggi e il cibo. Dell amore per la buona e sana cucina ne ha fatto un lavoro, quello di nutrizionista, e uno stile di vita. Facili

Dettagli

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA Speciale FARINE di Maurizio De Pasquale www.orlandipasticceria.com LA RICERCA DELLE PROTEINE N utrirsi bene è fondamentale

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Riso venere con asparagi mantecato al caprino

Riso venere con asparagi mantecato al caprino Riso venere con asparagi mantecato al caprino Gli asparagi contengono asparagina o acido aspartico (la sostanza che conferisce l odore pungente) che sembra avere proprietà diuretiche. Come tutti gli ortaggi,

Dettagli

Ricette 2015. Alcune idee per i vostri piatti

Ricette 2015. Alcune idee per i vostri piatti Ricette 2015 Alcune idee per i vostri piatti Indice Indice generale Riso orientale alle verdure by DEB...3 Carciofini in agrodolce...4 Mezzemaniche cozze e fagioli...5 Pasta al ragù di melanzane...6 Spaghetti

Dettagli

DIMAGRITE COME LE STAR

DIMAGRITE COME LE STAR DIMAGRITE COME LE STAR APPETITE STOP FAT BURNER METABOLISM BOOST COME DEVE ESSERE LA MIA ALIMENTAZIONE? LISTA DEGLI ALIMENTI COSA POSSO MANGIARE? PERCHÉ NON POSSO CONSUMARE INDICAZIONI PER 30 GIORNI

Dettagli