L Etica, la sostenibilità e il Bilancio Sociale come strumento di comunicazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Etica, la sostenibilità e il Bilancio Sociale come strumento di comunicazione"

Transcript

1 L Etica, la sostenibilità e il Bilancio Sociale come strumento di comunicazione Rimini, venerdì 16 ottobre 2009 S. Bassi, Fultura s.r.l.

2 Obiettivi dell intervento Evidenziare come sostenibilità e comunicazione sono fattori critici di successo Ascoli Piceno 2009 Prima crisi: economia e reazione della concorrenza Indicare standard e modelli di rendicontazione accreditati per la stesura del bilancio di sostenibilità Seconda crisi: un prodotto vecchio? Terza crisi: promo-commercializzazione ed e-turismo Capacità di accedere al mercato e competitività nella comunicazione

3 Perché comunicare con il Bilancio? Il Bilancio d esercizio è considerato da tempo lo strumento per eccellenza di comunicazione con gli stakeholder. La crescente attenzione dei mercati finanziari: Dow Jones Sustainability Index (DJSI): sostenibilità complessiva FTSE4Good Index Series: CSR Climate Disclosure Leadership Index (CDLI): ambiente Ethibel Sustainability Index s Excellence Global Register Climate Disclosure Leadership Index Il Codice Civile ha recentemente modificato l art per specificare meglio i contenuti della relazione sulla gestione del bilancio, rendendo così di fatto l informativa sulla sostenibilità praticamente obbligatoria Il bilancio di sostenibilità è lo strumento più completo per trasmettere la corretta immagine delle strategie di sviluppo dell azienda

4 Codice Civile, art comma 1 Fonte:

5 Codice Civile, art comma 2 Testo vigente Nuovo testo Fonte:

6 La comunicazione ambientale Negli ultimi decenni si è notevolmente sviluppata l attenzione del mondo dell impresa per gli aspetti ambientali delle proprie attività. A conferma di questa accresciuta sensibilità, i dati relativi alle certificazioni di conformità alla norma ISO come quelli relativi all adozione del Regolamento EMAS e alla diffusione dell Ecolabel nei prodotti immessi sul mercato - segnano un costante incremento. Se questi fattori si stanno ritagliando dunque un posto sempre più importante nell ambito delle strategie aziendali, un ruolo altrettanto fondamentale viene assumendo la comunicazione ambientale. Questa attività è infatti cruciale per far conoscere al mercato, ai consumatori in genere e agli altri soggetti coinvolti a vario titolo nelle attività dell organizzazione le implicazioni ambientali e i risultati eco-sostenibili raggiunti e perseguiti.

7 La nuova norma ISO 14063:2006 "Environmental management Environmental communication Guidelines and examples" Guida insieme pratica e teorica a una corretta comunicazione interna ed esterna - delle performance ambientali dell organizzazione: principi generali, pianificazione, strategie, modalità di realizzazione. L applicazione della norma ISO prescinde anche dall adozione o meno di un sistema di gestione ambientale (SGA). In questo senso infatti, pur essendo a tutti gli effetti una norma della famiglia ISO 14000, essa conserva una propria valida autonomia. La norma fornisce esempi e suggerimenti, nonché riferimenti a linee guida esistenti che aiutano a migliorare la qualità di rapporti e relazioni ambientali. È allo studio, in un prossimo futuro, l adozione del documento anche in italiano, come norma UNI ISO 14063

8 Il cliente non vuole e non deve essere colpevolizzato Perché la sostenibilità nel turismo? Importanti ricerche confermano che il consumatore è sempre più attento ai valori e ai comportamenti dell impresa, alla qualità del prodotto, al rispetto dei diritti umani dell ambiente. In questi ultimi anni siamo di fronte ad un consumatore capace di cercare informazioni sull organizzazione, sulla sua filiera produttiva, sul suo rapporto con gli stakeholder; un consumatore dotato di una consapevolezza nuova che chiede all impresa anche un maggior livello di innovazione. ma si aspetta che l attenzione alla sostenibilità sia intrinseca nel prodotto/servizio acquistato I cambiamenti più attesi dal consumatore sembrano quindi essere quelli del miglioramento delle qualità intrinseche del prodotto e della ricerca di maggiore sostenibilità dell intera filiera produttiva. Il fornitore del servizio ha pertanto un fortissimo interesse a rendere visibile la propria strategia di sostenibilità, quale garanzia di qualità e affidabilità

9 una strada obbligata Il Turismo Sostenibile è in ascesa: la domanda dei consumatori sta crescendo, l industria dei viaggi sta sviluppando nuovi programmi di green travel, e i governi stanno creando nuove linee guida per incoraggiare soluzioni applicative sostenibili nel settore turistico. L attenzione all aspetto sostenibilità può diventare un potente strumento per sviluppare il business. convegni e il turismo di business stanno diventando particolarmente sensibili e ricettivi Ma cosa significa, effettivamente, Turismo Sostenibile? E come può essere credibilmente misurato e rappresentato per costruire la fiducia dei consumatori, promuoverne l efficacia.

10 L opportunità di differenziarsi La Sostenibilità è l opportunità di business per eccellenza Il turismo deve e può cogliere l occasione I nuovi strumenti di marketing sono uno dei fattori critici di successo più efficaci L etica, l ambiente, la responsabilità sociale e più in generale la sostenibilità sono diventati elementi imprescindibili per rimane sul mercato. In situazioni di crisi quale quella attuale, diventano fattori differenzianti e di successo, sia a livello aziendale/ locale che a livello di sistema paese. Il turismo non fa difetto a questa regola, anzi in questo settore forse più che in altri, la sensibilità alla sostenibilità diventa strumento di marketing e comunicazione. Il Bilancio di Sostenibilità è uno degli strumenti più efficaci per evidenziare l impatto che un organizzazione genera sulla collettività e consente di gestire la fiducia e il consenso dei vari stakeholders di riferimento (clienti, cittadini, azionisti, istituzioni, forze economiche, forze ).

11 Turismo sostenibile: tra gestione e comunicazione Il turismo durevole è caratterizzato da un ragionevole sfruttamento della diversità biologica e da una gestione accorta delle risorse, e può essere realizzato soprattutto con la collaborazione delle istituzioni e delle popolazioni locali, che devono essere le prime a trarre vantaggio da questa attività. (Dichiarazione di Berlino del 1997) Le linee guida e le procedure gestionali per lo sviluppo di un turismo sostenibile sono applicabili a tutte le forme di turismo in tutti i tipi di destinazioni, incluso il turismo di massa e le varie forme di turismo di nicchia. I principi di sostenibilità si riferiscono agli aspetti ambientali, economici e socio-culturali dello sviluppo turistico, e il giusto equilibrio deve essere raggiunto tra queste tre dimensioni al fine di garantire una sostenibilità di lungo termine. (WTO 2004) Il turismo sostenibile richiede la partecipazione informata di tutti i soggetti coinvolti, oltre che una leadership politica in grado di assicurare una vasta partecipazione e consenso. Raggiungere l'obiettivo di un turismo sostenibile è un processo continuo e richiede un monitoraggio costante degli impatti, introducendo misure preventive e/o correttive quando necessario. (WTO 2004)

12 Evoluzione nella comunicazione del business XX sec. XXI sec. Processo Contenuto Focus su azionisti (shareholder) Basato sulla carta stampata Informazione standardizzata Informazione controllata dall impresa Reporting periodico Performance finanziaria Risultati del passato Costo storico Certificazione dei conti Orientamento nazionale Sistema essenzialmente statico Regolamenti guidati dall impresa Focus su stackeholder Basato sul web Informazione personalizzata Informazione da fonti varie Reporting continuo Misure di performance più ampie Più enfasi su prospettive future Informazioni basate sul valore sostanziale (fair value) Affidabilità dei sistemi sottostanti Orientamento globale Modello in continuo cambiamento Soddisfazione domande del mercato e centralità del cliente

13 Il Bilancio di Sostenibilità è la rappresentazione dei valori, delle strategie dell impresa e degli effetti che la sua attività produce sul contesto socio - culturale e sull ambiente. Strumento di gestione d impresa: rilevazione, monitoraggio e rendicontazione delle performance ambientali, sociali ed economiche e confronto con le proprie strategie Mezzo di comunicazione delle strategie e dell efficacia dei processi di gestione d impresa Garanzia di affidabilità, qualità e durabilità del prodotto/servizio per i clienti

14 Ambito: Tripple Bottom Line (Bruntland 1987) «lo Sviluppo sostenibile è uno sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni» (WCED,1987)

15 Componenti del Bilancio di Sostenibilità Fonte: prof. Mario Mazzoleni

16 Chi può redigere e comunicare un bilancio di sostenibilità? Fonte: prof. Mario Mazzoleni Tutti, coerentemente con il proprio settore di business e le proprio dimensioni

17 Gli stackeholders Finanziamenti e costo del capitale Immagine/ reputazione Comunità Partner Finanziari Investimenti Azionist i Impresa Pubblica Ammministrazione Finanziamenti, incentivi, sanzioni Clienti Vendite, marchio, fidelizzazione Risorse Umane Fornitori Filiera, condizioni vantaggiose, costi Produttività/costi

18 Storia, contesto di riferimento e valori di riferimento Visione e Missione Assetto Istituzionale e organizzativo Obiettivi strategici Programma evolutivo e scelte distintive Identità aziendale Codice etico Strategie di sviluppo Politica e dichiarazione ambientale SGA Analisi processo Indicatori ambientali (inputoutput) Performance economica Performance sociale Performance ambientale Contenuti Dati significativi di gestione (Key performance indicators, Key success factors) Calcolo del Valore Aggiunto Distribuzione del Valore Aggiunto Capacità di investimento Valutazione risultati Proposte di miglioramento SSL Formazione Incentivi Supporto a comunità locali Filantropia Bilancio di Sostenibilità

19 Codice Etico Codice di Autodisciplina Corporate governance D. Lgs 231/2001 AA1000. Identità aziendale Codice etico Strategie di sviluppo EMAS / ISO Ecolabel Agenda 21 Green procurement Carbon foot-print Strumenti e input* Performance economica Performance sociale Performance ambientale IAS/IFRS SWOT analisys Management reporting Valutazione risultati Proposte di miglioramento ISO Management SA 8000 / ISO OHSAS Capitale Intellettuale Customer Satisfaction Bilancio di Sostenibilità * La scelta degli strumenti di input al bilancio di sostenibilità, qui parzialmente elencati a titolo puramente illustrativo, dipende sempre dal settore di business e dalle dimensioni d impresa

20 Obiettivi strategici BT Analisi di mercato BT Obiettivi economici BT Obiettivi ambientali BT Obiettivi sociali BT Processo Obiettivi strategici M/L Vision e codice etico Analisi di mercato M/L Obiettivi economici M/L Obiettivi ambientali M/L Obiettivi sociali M/L Analisi consuntivi rispetto agli obiettivi Identificazioni azioni correttive Ripianificazione dei risultati Analisi di mercato Definizione KPI (STD) Rilevazione dati per natura e destinazione Dati di mercato e benchmark Management rpt Operating rpt

21 Bilancio di Sostenibilità: struttura di riferimento del documento Chi Siamo: presentazione dell azienda Dialogo con gli stakeholder I risultati economici e il valore aggiunto I lavoratori I clienti Gli azionisti I finanziatori I fornitori La pubblica amministrazione La comunità locale L'ambiente e le generazioni future La fonte dei dati e gli standard utilizzati

22 Bilancio di Sostenibilità: possibile struttura dei capitoli Chi Siamo Presentazione della società La storia I servizi gestiti La Missione e i Valori La gestione della sostenibilità Gli strumenti di governo Il governo della Responsabilità Sociale d'impresa Dialogo con gli stakeholder Quali sono gli stakeholder specifici della società Le iniziative di ascolto, dialogo e coinvolgimento Il dialogo sul Bilancio di Sostenibilità I risultati economici e il valore aggiunto I risultati di gestione La distribuzione del valore aggiunto

23 Bilancio di Sostenibilità: possibile struttura dei capitoli I lavoratori Gli obiettivi e i risultati La composizione Il turnover Le diversità e le pari opportunità La formazione e lo sviluppo professionale La remunerazione e gli incentivi La salute e la sicurezza Le relazioni industriali La comunicazione interna I clienti - Gli obiettivi e i risultati I circoli culturali - La composizione - La politica dei prezzi - La qualità del prodotto/servizio - La sicurezza e garanzia del prodotto/ servizio - Le relazioni con i clienti (CRM)

24 Bilancio di Sostenibilità: possibile struttura dei capitoli Gli azionisti - Gli obiettivi e i risultati - La composizione - La corporate governance e la tutela degli azionisti - La distribuzione dei dividendi - L'andamento del titolo in borsa I finanziatori - Le relazioni con gli investitori - Le relazioni con gli analisti finanziari I fornitori - La composizione dei fornitori e la filiera - La ricaduta sul territorio - La qualificazione e la selezione dei fornitori - La gestione dei contratti - Le relazioni con i fornitori

25 Bilancio di Sostenibilità: possibile struttura dei capitoli La pubblica amministrazione - L approccio - I rapporti con i Comuni e gli altri Enti locali - I rapporti con gli Enti regolatori - I progetti di ricerca La comunità locale - L approccio - La comunicazione - L'educazione ambientale - Le relazioni con i media - Le sponsorizzazioni e le liberalità - Le prescrizioni e le compensazioni ambientali relative ai nuovi o infrastrutture - Le associazioni l azienda partecipa - Le cause pendenti

26 Alcuni KPI di riferimento per la dimensione interna Non esaustivo

27 Alcuni KPI di riferimento per la dimensione esterna Non esaustivo

28 A quali linee guida riferirsi? s s Global Reporting Initiative (GRI): linee guida per il bilancio di sostenibilità e standard di reporting (dal 2002, disponibili anche gli standard per i Tour operators) Il Global Sustainable Tourism Criteria (GSTC): citeri per la gestione del Turismo Sostenibile Gruppo di studio per la statuizione dei principi di redazione del Bilancio Sociale (GBS): indicazioni per unificare contenuti e forma del bilancio sociale garantendo una maggiore confrontabilità fra bilanci di imprese diverse e tra bilanci della stessa impresa ma di esercizi diversi l AccountAbility AA1000: standard internazionale di processo definito dall ISEA per l implementazione in azienda di un processo di Account, Auditing e Reporting orientato alla CSR (Customer Social responsibility) altre linee guida internazionale riguardanti la responsabilità etico-sociale: Q-RES, SA8000, LBG, Sigma Project, The Copenhagen Center, OECD Guidelines for Multinational Enterprises, UN Global Compact

29 Linee guida per la struttura del documento e KPI Global Reporting Initiative (GRI) è un organizzazione network-based che, dal 1997, ha aperto la strada allo sviluppo degli standard (STD) di reporting del Bilancio di Sostenibilità. Dal 2002, GRI è stata costituita come ente internazionale indipendente (Fondazione) con sede in Olanda,. Opera in network a livello a livello mondiale, con soggetti accreditati e sotto la supervisione da parte di organi governativi. A marzo 2009, nel consiglio di Amsterdam, GRI ha sancito la Dichiarazione su Trasparenza e Reporting, invitando i governi a richiedere la divulgazione ESG (Environmental, Social and Governance) da parte delle aziende.

30 Il rispetto dei principi GRI consente di sviluppare un reporting di sostenibilità sicuramente completo e consistente con i requisiti di trasparenza, affidabilità e comparabilità dei dati

31 Check list e KPI specifiche per il Turismo sostenibile La partnership globale per il turismo sostenibile (GSTC Partnership) è una coalizione di oltre 40 organizzazioni che lavorano insieme per promuovere una maggiore comprensione delle pratiche di turismo sostenibile e l'adozione di principi universali del turismo sostenibile. GSTC - che è stato avviato da Rainforest Alliance, United Nations Environment Programme (UNEP), Fondazione delle Nazioni Unite, e United Nations World Tourism Organization (UNWTO) - ha lanciato i Criteri per il Turismo Sostenibile al World Conservation Congress nel mese di ottobre Questi criteri stanno diventando lo standard minimo che ogni business del turismo dovrebbe aspirare a raggiungere. Il GSTC e il STSC (Sustainable Tourism Stewardship Council) si uniranno nel 2010 per formare il Tourism Sustainability Council (TSC). Nel TSC prenderanno parte rappresentanti delle nazioni Unite e del mondo accademico, rappresentanti governativi, operatori dell industria turistica e istituzioni focalizzate sulla salvaguardia dell ambiente e della responsabilità sociale.

32 I GSTC rappresentano lo sforzo per arrivare alla comune comprensione del Turismo Sostenibile e dovranno rappresentare i principi minimi a cui qualsiasi operatore nel business del turismo deve aspirare. Sono organizzati in 4 ambiti: Effettuare una pianificazione sostenibile efficace Massimizzare i benefici sociali ed economici per le comunità locali Valorizzare e rafforzare il patrimonio culturale e minimizzare gli impatti negativi Ridurre gli impatti negativi sull ambiente e minimizzare gli impatti negativi

33 Benefici tangibili in termini di efficacia, efficienza e risultati economici Immagine: miglioramento della reputazione, valorizzazione di immagine e maggiore visibilità; Fatturato: acquisizione di competitività (fidelizzazione / acquisizione clienti); Efficienza:innalzamento del grado di motivazione e delle competenze del personale; Compliancy: Innalzamento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro e aumento dell attrattività per la forza lavoro qualificata; Efficienza:miglioramento del clima interno con riflessi sulla produttività; Efficacia: miglioramento dei processi aziendali e dei sistemi di gestione e controllo interno e sviluppo della capacità pianificazione e di anticipazione degli eventi; Immagine: miglioramento dei rapporti con la comunità locale e con le Istituzioni e qualificazione delle relazioni con le istituzioni finanziarie;

34 Oltre la comunicazione Gestione strategica dello sviluppo durevole dell impresa Compliancy istituzionale Leva organizzativa e gestionale Comunicazione

35 la creazione del valore d impresa Creazione del valore effettivo per l azienda Comportamento Socialmente responsabile Conseguimento dei benefici Bilancio di sostenibilità Creazione del valore potenziale per l azienda Rilevazione sistematica dei risultati Corretta comunicazione

36 Grazie per la partecipazione Stefania Bassi Fultura s.r.l.

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

Linee Guida OCSE destinate alle Imprese Multinazionali. OECD Guidelines for Multinational Enterprises

Linee Guida OCSE destinate alle Imprese Multinazionali. OECD Guidelines for Multinational Enterprises Linee Guida OCSE destinate alle Imprese Multinazionali OECD Guidelines for Multinational Enterprises 2011 Linee Guida OCSE destinate alle Imprese Multinazionali 2011 La qualità della versione italiana

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

PROCESS DESIGN: STRUMENTI, ESEMPI E METODI

PROCESS DESIGN: STRUMENTI, ESEMPI E METODI PROCESS DESIGN: STRUMENTI, ESEMPI E METODI G. Noci e E. Pizzurno I N D I C E 1. LA RILEVANZA DELLA PROBLEMATICA AMBIENTALE 246 2. LE OPZIONI STRATEGICHE A DISPOSIZIONE DELLE IMPRESE 247 3. IL PROCESSO

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE Domanda per la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (d.m. 12/12/2000 e s.m.i.) dopo il primo biennio

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 18.7.2001 COM(2001) 366 definitivo LIBRO VERDE Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese (presentato dalla Commissione) INDICE

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L Agenzia delle Entrate La sua funzione strategica, a servizio dei cittadini e

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Leadership in Energy and Environmental Design

Leadership in Energy and Environmental Design LEED Leadership in Energy and Environmental Design LEED è lo standard di certificazione energetica e di sostenibilità degli edifici più in uso al mondo: si tratta di una serie di criteri sviluppati negli

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE EUROPEO

PROJECT MANAGEMENT PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE EUROPEO PROJECT MANAGEMENT PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE EUROPEO Gestire il turismo con successo Project Management per lo sviluppo sostenibile europeo Project Management per lo Sviluppo Sostenibile Europeo Prima

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli