I.T.C. A. Zanon Udine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.T.C. A. Zanon Udine"

Transcript

1 1 I.T.C. A. Zanon Udine Guida ad una corretta alimentazione Dispensa a cura di Prof. Mirella De Michele Prof. Roberto Zanelli Edizione 2009 rivista e ampliata dalla prof. Mirella De Michele

2 2 L'uomo, essendo un essere eterotrofo, è costretto ad alimentarsi. Gli alimenti, demoliti e poi assorbiti per via gastroenterica, finiscono nel sangue e, per mezzo di esso, raggiungono i diversi tessuti del corpo dove esplicano le loro funzioni, che sono: - energetica - plastica - bioregolatrice. La funzione di un alimento dipende dal tipo di principio nutritivo che esso contiene. I principi nutritivi sono:

3 3 METABOLISMO Per metabolismo intendiamo tutte le trasformazioni biochimiche e biofisiche che si realizzano all interno dell organismo, comprese le trasformazioni subite dai principi alimentari introdotti nell organismo tramite i processi della nutrizione. In ogni istante il nostro organismo costruisce e distrugge molecole e strutture. Questi eventi nel loro insieme, vengono definiti metabolismo. Esistono due fasi: anabolismo e catabolismo. Nella fase anabolica si costruisce, passando da strutture semplici a strutture complesse, con consumo di energia. Nella fase catabolica si distrugge, passando da strutture complesse a strutture semplici, con liberazione di energia. I due grandi controllori del metabolismo sono il Sistema Nervoso Centrale e il Sistema Endocrino. STRUTTURE SEMPLICI ANABOLISMO energia METABOLISMO STRUTTURE COMPLESSE CATABOLISMO energia STRUTTURE SEMPLICI

4 4 ENERGIA In dietologia viene utilizzata come unità di misura la caloria. La caloria è la quantità di energia necessaria per innalzare la temperatura di 1 ml di acqua da 14.5 a Essendo una unità di misura troppo piccola che comporterebbe numeri molto grandi, viene utilizzato un suo multiplo, ossia la Kilocaloria che equivale a 1000 calorie. Il fabbisogno energetico dell organismo e la resa energetica degli alimenti si misurano in Kilocalorie che per convenzione vengono chiamate calorie. 1 Kcal equivale a 4,2 Kilojoule. 1 megajoule equivale a 239 calorie. L energia viene utilizzata per - costruire e ricostruire - compiere lavoro - riserva (nel tessuto adiposo e, sottoforma di glicogeno, nel parenchima epatico)

5 5 Il fabbisogno alimentare. Il fabbisogno alimentare o energetico (FA) di un individuo deve essere, di norma, pari al suo metabolismo totale (MT), ossia alla quantità di energia che si ottiene sommando il metabolismo basale (MB), che corrisponde alle esigenze energetiche di un individuo in totale riposo, con il metabolismo di lavoro (ML), cioè l'energia spesa dall'organismo per sostenere le diverse attività fisiche, unitamente all'azione dinamico-specifica degli alimenti (ADS), ovvero l'energia necessaria per assimilare un alimento. Il fabbisogno alimentare varia da individuo ad individuo, in rapporto ai seguenti fattori: sesso; età; razza; peso corporeo; temperatura ambiente; fisica. In particolare, questo ultimo fattore rappresenta uno degli aspetti più importanti per il calcolo del fabbisogno alimentare; basti pensare che, per espletare lavori leggeri sono necessarie 2,5 Kcal./min. contro le 10 Kcal./min. per lavori molto pesanti.

6 6 Un'alimentazione troppo abbondante rispetto al fabbisogno di calorie per la propria età, costituzione ed attività fisica provoca un aumento di peso corporeo. Se tale aumento risulta eccessivo, può favorire la comparsa di malattie, come: diabete, gotta, ipertensione. Se invece si assumono meno calorie di quelle necessarie, si ha perdita di peso e dimagrimento.

7 7 Calcolo del metabolismo basale Il nostro organismo ha bisogno di energia non solo per svolgere attività fisiche o intellettuali, ma anche per il mantenimento delle sue funzioni fondamentali, ad esempio mantenere costante la temperatura corporea. Il metabolismo basale è la misura di questa energia: esso rappresenta la quantità di energia consumata a riposo in posizione supina, ad temperatura confortevole da un individuo a digiuno da almeno 8 ore. Dato che nessuno di noi trascorre 24 ore su 24 in posizione supina, il nostro consumo reale di energia (fabbisogno alimentare) è sempre maggiore del metabolismo basale e dipende da molti fattori come il luogo in cui viviamo (clima altitudine), le nostre condizioni fisiche, il periodo, dell anno e l attività che svolgiamo. Esistono diversi metodi per calcolare il proprio metabolismo basale. Qui di seguito riportiamo alcuni metodi che ci consentono il calcolo del metabolismo basale e poi del fabbisogno alimentare 1^ metodo. Ci consente con l ausilio delle tabelle A, B, C di calcolare metabolismo totale e stabilire il vostro reale bisogno di energia, in base alla attività che svolgiamo Procedimento: a) Utilizzando la tabella A riportata qui a fianco, stabilite l area della vostra superficie corporea. Ricercate la vostra altezza nella colonna di sinistra e il vostro peso in quella di destra, poi unite i due punti con un righello: il punto in cui il righello incrocia la colonna centrale vi darà l indicazione della vostra superficie corporea espressa in metri quadrati. Tabella A

8 8 b) Utilizzando la tabella B, procedete al calcolo del vostro metabolismo basale. Esso si calcola moltiplicando il valore della vostra superficie corporea per il valore riportato nella tabella B (Kcal/m 2 ). c) La tabella C indica le Kcal che vanno aggiunte al metabolismo basale in base alla vostra occupazione. Con questo calcolo otterremo il metabolismp totale ossia il fabbisogno alimentare. FA= MB+ ML FA= fabbisogno alimentare MB= metabolismo basale ML= metabolismo di lavoro Tabella B Età Sesso maschile Sesso femminile Tabella C Attività Kcal necessarie oltre il metabolismo basale Sedentaria (es. studente) Leggera (es. uomo d affari) Moderata (es. operaio) Pesante (es. atleta e oltre professionista) N.B.: le cifre sono solo indicative e variano da persona a persona, in base alle attività specifiche.

9 9 Esempio di calcolo del fabbisogno alimentare: Calcoliamo il metabolismo totale di Carlo, individuo di sesso maschile di 25 anni alto 1.80 metri il cui peso è pari a 75 Kg. che svolge una attività di tipo pesante (atleta professionista). FA= MB+ Ml Per calcolare il metabolismo basale MB valutiamo l area della superficie corporea utilizzando la tabella A a pag. 7 Risulta pari a 1.85 m 2 Moltiplichiamo questo valore per 967 (data ricavato nella tabella B a pag 8 1,85 x 967=1788 questo è il metabolismo basale del nostro soggetto a tale dato aggiungiamo il metabolismo di lavoro che è pari a circa 2000 kcal FA= = 3788 Kcal

10 10 2^ metodo: Il fabbisogno alimentare o energetico totale (FA) si calcola moltiplicando il valore di MB (metabolismo basale secondo FAO/WHO tab. 1), per il LAF (valore unico), identificando per quest ultimo il valore corretto in base all età (tab. 2 e 3). FA= MB x LAF Tab. 1 - Metabolismo Basale (metodi Commission of the European Communities-LARN 1996) Età in anni MASCHI Kcal/giorno FEMMINE Kcal/giorno < 3 59,5 x peso corporeo 31 58,3 x peso corporeo ,7 x peso corporeo ,3 x peso corporeo ,7 x peso corporeo ,4 x peso corporeo ,3 x peso corporeo ,7 x peso corporeo ,6 x peso corporeo ,7 x peso corporeo ,9 x peso corporeo ,2 x peso corporeo > 75 8,4 x peso corporeo ,8 x peso corporeo Il peso corporeo va espresso in kg. Tab. 2 - LAF giornaliera per gli adolescenti Viene considerata solo l attività moderata (metodi Commission of the European Communities-LARN 1996) Età in anni MASCHI FEMMINE ,65 1, ,58 1,50 Tab. 3 - LAF giornaliera per adulti e anziani (metodi Commission of the European Communities-LARN 1996) Classe di età e livello di attività LAF Comprese le attività fisiche auspicabili LAF Senza le attività fisiche auspicabili UOMINI anni - leggero 1,55 1,41 - moderato 1,78 1,70 - pesante 2,10 2, anni 1,51 1,40 > 75 anni 1,51 1,33 DONNE anni - leggero 1,56 1,42 - moderato 1,64 1,56 - pesante 1,82 1, anni 1,56 1,44 > 75 anni 1,56 1,37 Per attività fisica auspicabile si intendono le attività consigliate ai soggetti sedentari per il mantenimento del tono muscolare e cardiocircolatorio.

11 11 Esempi di calcolo del fabbisogno alimentare con il secondo metodo. Calcolare il fabbisogno alimentare di Enrico, individuo di sesso maschile di 17 anni alto 1.76 cm, il cui peso è pari a 65 Kg. che svolge una attività fisica moderata. Calcolo sulla base della tabella N1, il metabolismo basale. MB=17. 7x = 1800,5 Kcal. Quindi servendomi della tabella N2 calcolo il fabbisogno alimentare moltiplicando il metabolismo basale e per FA= 1800 x1,58= 2844,79Kcal Calcolare il fabbisogno alimentare di Giulia, individuo di sesso femminile di 25 anni alto 1.65cm, il cui peso è pari a 58 Kg. che svolge una attività fisica leggero (nel tempo libero pratica ginnastica aerobica). MB=14.7x = 1348,6 Kcal FA= 1348,6 x 1.55= 2090 kcal. Calcolare il fabbisogno alimentare di Carlo, individuo di sesso femminile di 25 anni alto 1.80cm, il cui peso è pari a 75 Kg. che svolge una attività fisica pesante (atleta professionista). MB=15.3 x = 1826,5 Kcal FA = 1826,5 x 2,10 = 3835,65 Kcal. Il dato coincide con quello calcolato a pag. 9 con il metodo 1

12 12 Tuttavia il metodo considerato più preciso per il calcolo del fabbisogno alimentare di un individuo è quello di analizzare una giornata tipo, attribuendo a ciascuna frazione di tempo l appropriato costo energetico (Fe). Tab. 4 - Fattori di moltiplicazione del metabolismo basale per valutare il dispendio energetico in periodi di attività (fonte: FAO/WHO) Attività Adolescenti Adulti M F M F Sonno Leggera 1,6 1,5 1,7 1,7 Moderata 2,5 2,2 2,7 2,2 pesante 3,8 2,8 Esempio. Calcolare il fabbisogno alimentare di Gloria, soggetto di sesso femminile di 16 anni alta 1,75 dal peso di 55 Kg. La sua giornata è la seguente: 9 ore di sonno 8 ore tra scuola e casa (attività leggera) 6,5 ore attività esterna moderata 30 minuti di palestra (attività pesante) MB= 13.4 x 55= 1430 Kcal MB orario= 1430/24= Kcal Fe sonno= x 9 = 536,22 Kcal Fe scuola, casa = 59,58 x 1,5 x 8= 714,96 Kcal Fe esterna =59,58 x 2,2 x 6,5 = Kcal Fe palestra = 59,58 x 6 x 0,6 = 178,74 Kcal Sommando FA = 636, , , ,74 = Kcal

13 13 TABELLA DISPENDIO ENERGETICO NELLE VARIE ATTIVITA (riferita ad adulto medio) Kcal/ora Maschio Femmina A letto Seduto In piedi Camminando Lavoro d ufficio Lavori domestici leggeri Cucinare Lucidare, pulire le finestre Lavoro di lavanderia Meccanico garagista Elettricista Camionista Manovale Falegname Guidare il trattore Potatura Spalatura Tratto da Principi di Scienza dell alimentazione G.B. Cignacco e altri; USL 11 PN DISPENDIO CALORICO MEDIO PER ORA PER ATTIVITA SPORTIVE SPORT Kcal/h SPORT Kcal/h velocità 500 rugby 500 corsa mezzofondo 930 velocità 960 sci fondo 750 fondo 750 maratona 700 lotta 900 lanci 460 boxe 600 su pista 400 ginnastica 450 ciclismo su strada 220 scherma 600 pattinaggio dietro motociclista su strada controvento. 360 singolo 800 tennis 350 doppio 350 velocità 720 velocità 700 nuoto artistico 600 fondo 450 pallacanestro 600 calcio 400 pallavolo 500 pallanuoto 600 Tratto da: L alimentazione Raimondi e altri; Ed. La Goliardica Trieste

14 14 Tabella dispendio calorico nelle diverse attività sportive e non Nella seguente tabella sono riportati i dispendi energetici di diverse attività fisiche. I valori sono espressi in Kcal per chilogrammo di peso corporeo. Per ottenere una stima del consumo calorico totale moltiplica il valore di tabella per il tuo peso corporeo e dividilo o moltiplicalo per il tempo impiegato in tale attività. Esempio: calcolare il dispendio calorico di un soggetto, che pesa 53 Kg e che pratica pattinaggio per 20 minuti. Dalla tabella ricaviamo il dispendio calorico per Kg per ora, che per il pattinaggio è di 7 Kcal. Moltiplichiamo 7Kcal per il peso del nostro soggetto: 7x53= 371Kcal/ora. Per ottenere il dispendio energetico in 20 minuti moltiplichiamo 371 per 20 (i minuti di attività) e dividiamo il risultato per 60 (i minuti che compongono l'ora)=123.5kcal Attività (1 ora) Acqua gym Aerobica -insegnamento- Aerobica, moderata Aerobica, intensa Aerobica, leggera Arco tiro con arco Automobile -riparazione- Arrampicata Basket, partita Basket, leggero Beach Volley Bicicletta, <16 Km/h attività ludica Bicicletta, >32 Km/h gara Bicicletta, Km/h, bassa intensità Bicicletta, 20-26Km/h, moderata intensità Bicicletta, 22-26Km/h, alta intensità Kcal*Kg/h 7,0 5,0 3,5 3,0 7,0 1 10,0

15 15 Bicicletta, 26-30Km/h, alta intensità -ritmo gara- Biliardo Bowling Boxe, generale Boxe, punching bag Boxe, sparring Calcio libero Calcio gara Canoa, on camping trip Canoa remi, >10 Km/h, vigorosa intensità Canoa, competizione Canoa remi, leggera intensità Canoa, remi, moderata intensità Canoa Carichi pesanti -TRASPORTO- Cura di bambini da seduti, (vestizione, alimentazione ecc.) Cura di bambini stando in piedi Cacciare Camminare lentamente, 4 Km/h Camminare velocemente, 6 Km/h 12,0 2,5 3,0 12,0 9,0 7,0 10,0 12,0 12,0 3,0 7,0 3,5 3,0 3,5 5,0 2,80 4,30 Camminare trasportando un bambino o un peso di circa 7Kg 3,5 Cantare Corsa, 16 Km/h Corsa, 17.5 Km/h Corsa, 8 Km/h Corsa, 8.5 Km/h Corsa, 9.6 Km/h 1, ,0 10,0

16 16 Corsa, 10.7 Km/h Corsa, 11.2 Km/h Corsa, 12Km/h Corsa, 13.7 Km/h Corsa, 14.4 Km/h Corsa, cross country Corsa, generale Costruire, modellismo Cucinare Cricket Danza, aerobica, moderna, twist Danza veloce Danza lenta Danza, generale Dormire Equitazione trotto Football americano competizione Football americano generale Freccette Frisbee generale Frisbee competizione Giardinaggio Golf, generale Ginnastica, generale Guidale l automobile Hockey su prato Hockey su ghiaccio 11,0 11,5 12,5 1 15,0 9,0 5,5 2,5 5,0 5,5 3,0 4,5 0,93 6,5 9,0 2,5 3,0 3,5 5,0 1,90

17 17 Equitazione generale In piedi a riposi Jogging, generale Judo, karate, kick boxing, tae kwan do Leggere ad alta voce Kayak Moto-cross Nuotare stile libero vigorosa intensità Nuotare stile libero leggera/moderata intensità Nuotare, dorso Nuotare, rana Nuotare, farfalla Nuoto libero Nuoto sincronizzato Rugby Skateboard Salire le scale Scendere le scale Seduti a riposo Scrivere a macchina Svegli,fermi, sdraiati a letto Pattinaggio Palla a mano Pescare seduti Pescare in piedi Pescare, generale Pallavolo non competitiva; 6-9 giocatori 1,50 7,0 10,0 1,50 5,0 10,0 10,0 11,0 10,0 5,0 15,84 5,20 1,43 2,00 1,10 7,0 12,0 2,5 3,5 3,0

18 18 Passeggiare a 3.2 Km/h, slow pace Passeggiare a 4.8Km/h Passeggiare, 5.6Km/h, in salita Passeggiare, 6.4 Km/h, con ritmo veloce Passeggiare su prato Passeggiare con stampelle Pallanuoto Pallavolo in acqua Ping pong Pulire ad elevata intensità Pulizia della casa in genere Pulire, leggera, moderata intensità Salto con lo sci Simulatore di sci di fondo Sci di fondo ritmo gara Sci di fondo moderata intensità Sci di fondo leggera intensità Sci di fondo massima intensità Sci di fondo vigorosa intensità Sci discesa leggera intensità Sci discesa moderata intensità Sci discesa vigorosa intensità, gara Scherma Salire le scale Sollevamento pesi o body building, vigorosa intensità Sollevamento pesi leggera or moderata intensità Softball 2,5 3,5 5,0 10,0 3,0 4,5 3,5 2,5 7,0 9,5 1 7,0 16,5 9,0 5,0 3,0

19 19 Squash Stretching, yoga Surf Spazzare Trasportare pesi in casa Trasportare pesi usando le scale o in salita Tai chi Tennis, doppio Tennis, generale Tennis, singolo Tuffi, da trampolino o piattaforma Volleyball competitivo 12,0 3,0 3,0 9,0 7,0 3,0

20 20 TABELLA DI VALUTAZIONE DEL PROPRIO PESO MODO D USO. Unite con un righello i metri corrispondenti alla statura (riga verticale di sinistra) con i chilogrammi relativi al peso (riga verticale di destra). Il punto d incontro della linea tracciata dal righello con la riga centrale indicherà la fascia nella quale si colloca la condizione staturo-ponderale indagata. (Fonte: Istituto Nazionale della Nutrizione, 1986)

21 21 CALCOLO DEL PESO IDEALE Esistono varie formule di calcolo rapido. Se ne illustrano due qui di seguito. 1 - Secondo un criterio estremamente semplice, le persone vengono distinte in tre categorie, a seconda della circonferenza del polso sinistro. Se il polso sinistro misura il peso ideale è x uomini Tipologia x donne x uomini Tipologia x donne 20 cm Brevilinea 18 cm 75H-56=Kg Brevilinea 68H-49=Kg cm Normolinea cm 75H-61=Kg Normolinea 68H-56=Kg 16 cm Longilinea 14 cm 75H-67=Kg Longilinea 68H-59=Kg Esempio: qual è il peso ideale di una persona di sesso femminile il cui polso sinistro misura cm 18 di circonferenza? Soluzione: SESSO F CIRCONFERENZA DEL POLSO cm 18 TIPOLOGIA Brevilinea ALTEZZA m 1,68 CALCOLO= 68 x H 49 = 68 x 1, Kg da confrontare con quello reale 2 Un altro indicatore, comunemente utilizzato per la valutazione del proprio peso, è l indice di massa corporea (IMC). Esso non tiene conto né dell età, né del sesso. Si calcola secondo la seguente formula : IMC = Peso Kg Altezza m 2 = (20 25 normopeso) Valori indicativi IMC maschi femmine Sottopeso Inferiore a 20.0 Inferiore a 18.7 Peso accettabile Obesità 1 (soprappeso) Obesità 2 (medio grado) Obesità 3 (alto grado) Superiore a 40.0 Superiore a 40.0 Esempio: la stessa persona dell esempio utilizzato nel primo criterio in questa pagina otterrà Soluzione: IMC = Kg = 65 = 23,2 (risulta normale) m 2 1,68 2

22 22 Introduzione ad una dieta equilibrata. Stabilita la quantità di calorie necessaria, è fondamentale, affinchè la nostra alimentazione sia equilibrata, che nella nostra dieta siano presenti tutti i principi nutritivi nella giusta proporzione, in quanto nessun alimento ne possiede l'intero fabbisogno. Le calorie necessarie per mantenere una buona salute dovrebbero essere così fornite: composizione dieta giornaliera proteine lipidi animali 12% 10% carboidrati complessi 48% lipidi vegetali 20% carboidrati semplici 10% Fibra alimentare > 30 g Colesterolo < 300 mg Cloruro di sodio <5 g + sali minerali e vitamine

23 23 Nella tabella successiva viene riportata un esempio di dieta di 2400 Kcal con una corretta ripartizione tra i principi nutritivi ossia equilibrata. * 1g di proteine sviluppa 4 Kcal ** 1g di lipidi sviluppa 9Kcal ** 1g di carboidrati sviluppa 4Kcal Alimentazione equilibrata Ripartizione calorica fra i 3 principi nutritivi per una dieta di circa Kcal./giorno (g.) 12% PROTEINE 288 Kcal. = 72 g* 30% LIPIDI 720 Kcal. = 80 g** 58% CARBOIDRATI Kcal. = 348 g***

24 24 I gruppi alimentari Nella tabella successiva sono presentati, divisi in sette gruppi, gli alimenti che normalmente compongono la nostra dieta. Il criterio usato in questa classificazione è stato quello di raggruppare gli stessi in base alla similarietà del carattere nutritivo, con conseguente possibilità di sostituzione fra gli alimenti di ogni singolo gruppo. ALIMENTI PLASTICI (utilizzati prevalentemente per la formazione e riparazione dei tessuti e per l accrescimento) ALIMENTI ENERGETICI (utilizzati prevalentemente per fornire calore, lavoro ed altre forme energetiche) ALIMENTI PROTETTIVI (utilizzati prevalentemente per regolare le reazioni metaboliche) Gruppo 1 Gruppo 2 Gruppo 3 Gruppo 4 Gruppo 5 Gruppo 6 Gruppo 7 latte e derivati (latte di mucca fresco, condensato, evaporato, in polvere; latte di capra; yoghurt, giuncata, latticini, formaggi) carne, pesce, uova (carne e frattaglie di manzo, di vitello, di cavallo, di pecora, di agnello, di maiale, di pollame e di selvaggina; carni conservate e insaccate; pesce fresco, surgelato, essicato, salato, etc.; uova) legumi secchi (fagioli, lenticchie, fave, piselli, ceci, cicerchie) cereali e derivati (pane bianco, integrale, grissini, gallette, crackers, fette biscottate, biscotti, pasta alimentare, farina e fiocchi di riso, di mais, di avena; panettoni, cornetti, etc.) zucchero e miele e derivati grassi e olii vegetali (burro, margarina, lardo, strutto, olio di oliva, olio di semi) Ortaggi verdi e gialli e frutta verde (bietole, broccoli, cavolfiori, cavoli, verze, cicoria, spinaci, scarole, indivie, lattuga, fagiolini verdi, piselli freschi, zucchine, carote, patate, zucca; albicocche, banane, mele, pere, pesche, susine, etc.) Agrumi e pomodori (arance, limoni, mandarini, pompelmi, fragole, pomodori)

25 25 Ripartizione dei pasti nell'arco della giornata. Un altro importante problema da affrontare è la ripartizione dei pasti nell'arco della giornata. E' preferibile ricorrere a 5 pasti, ripartendo il consumo calorico in questo modo: cena colazione spuntino merenda pranzo Particolare attenzione merita la prima colazione, che, ad ogni età, dovrebbe essere sostanziosa e rappresentare ¼, o perlomeno il 20% degli introiti calorici giornalieri. Nella figura sotto riportata, vediamo tre esempi di composizione di una prima colazione integrata in una dieta-base di Kcal./giorno. Alimenti quantità Alimenti quantità Alimenti quantità - latte 250 g. - latte 250 g. - pane (toast) 80 g. - zucchero (5 cuc.) 25 g. - malto 25 g. - formaggio 30 g. - pane o 80 g. - biscotti o 70 g. - prosciutto crudo 40 g. fette biscottate(4) 30 g. fiocchi d avena 40 g. - spremuta agrumi 200 g. - marmellata/miele 30 g. - corn flakes 30 g. - miele 25 g. - una mela (pera) - una banana Apporto calorico 603 Kcal. Apporto calorico 607 Kcal. Apporto calorico 603 Kcal.

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :07/07/2015 num :15.105

LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :07/07/2015 num :15.105 Centro Agroalimentare Roma Via Tenuta del Cavaliere, 1-00012 Guidonia-Montecelio (RM) Tel: 06.60.50.12.01 - Fax : 06.60.50.12.75 www.agroalimroma.it LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :07/07/2015 num

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

La normativa vigente stabilisce l obbligatorietà di visite e/o esami strumentali per ogni disciplina sportiva agonistica.

La normativa vigente stabilisce l obbligatorietà di visite e/o esami strumentali per ogni disciplina sportiva agonistica. La ASL RM A è partcolarmente attenta a sviluppare strategie di prevenzione individuale e collettiva, ritenendo l educazione a corretti stili di vita e la relativa informazione, strumenti fondamentali che

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :02/07/2015 num :15.102

LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :02/07/2015 num :15.102 Centro Agroalimentare Roma Via Tenuta del Cavaliere, 1-00012 Guidonia-Montecelio (RM) Tel: 06.60.50.12.01 - Fax : 06.60.50.12.75 www.agroalimroma.it LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :02/07/2015 num

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA On. Ministro Gianni Alemanno Presidente, Prof. Ferdinando Romano Gruppo di esperti costituito presso l Istituto

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE

I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE ANALISI COLLANA RICERCHE N. 43 GIUGNO 2002 I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE a cura di Tiziana Bonifacio Vitale, Alessio Favaro, Paola Stradi

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifi ca di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV www.scienzavegetariana.it

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Come ridurre il rischio di cancro Un informazione della Lega contro il cancro Un alimentazione equilibrata rafforza la salute 1 Indice Editoriale 5 Una sana

Dettagli

Riassunto delle ammissioni "programma talenti SMS" anno scolastico 10/11

Riassunto delle ammissioni programma talenti SMS anno scolastico 10/11 Riassunto delle ammissioni "programma talenti SMS" anno scolastico 0/ Classi di prima Richiesta di documentazione all'uefs 75 Domande accettate secondo i criteri previsti 5 68.0% artisti 9 ( 8 musica,

Dettagli

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta FAQ 1) Come si entra in Guardia di Finanza? Risposta 2) Quali sono i limiti di età per partecipare ai concorsi? Risposta 3) Quali titoli di studio occorrono per partecipare ai concorsi? Risposta 4) Si

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

ALLEGATO 5 CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI

ALLEGATO 5 CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI ALLEGATO 5 CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI (i prodotti DOP e IGP che l OEA è tenuto ad offrire sono evidenziati in grassetto e sottolineati) REQUISITI QUALITATIVI DI CARATTERE GENERALE

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

La salute vien mangiando!

La salute vien mangiando! La salute vien mangiando! Sede Legale: Monza 20052 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it - C.F. / P. IVA Sede Legale: Monza 20052 02734330968 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it

Dettagli

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott.

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott. L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA a cura del Dott. Samorindo Peci Appunti dell autore Ho fatto in modo di realizzare questo

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Sara Grioni Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre"

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c RSB0001 In quale/i dei disegni proposti l area tratteggiata é maggiore dell area lasciata invece bianca? a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. b) In nessuno dei due. c) Nel disegno contrassegnato

Dettagli

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice pag. 1 / 20 Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione Indice Versione lunga / Novembre 2011 2 Piramide alimentare svizzera

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Linee guida per un corretto stile di vita

Linee guida per un corretto stile di vita Linee guida per un corretto stile di vita 1 Hanno collaborato alla redazione delle Linee guida : Rosanna Barbieri Angela Bardi Antonio Dispenza Maria Naldini Marina Pacetti Maria Rosa Silvestro Corrado

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~ Dr Schàr Foodservice ri Chi è affetto da celiachia non deve assolutamente rinunciare a mangiare al ristorante; attenendosi ad alcune regole e suggerimenti è possibile consumare i propri pasti al ristorante,

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

Sicurezza alimentare. Come usare e conservare correttamente i prodotti alimentari

Sicurezza alimentare. Come usare e conservare correttamente i prodotti alimentari Sicurezza alimentare Come usare e conservare correttamente i prodotti alimentari Indice Introduzione 3 1. La sicurezza inizia al momento dell acquisto 4 2. La dispensa moderna: il vostro frigorifero 6

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

Esercizi di calcolo combinatorio

Esercizi di calcolo combinatorio CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi di calcolo combinatorio Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability di Sheldon Ross, quinta

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

RESIDUI DI PRODOTTI FITOSANITARI SU ORTOFRUTTICOLI FRESCHI ED IN ALTRE MATRICI ALIMENTARI, CAMPIONATI IN EMILIA-ROMAGNA NELL'ANNO 2007

RESIDUI DI PRODOTTI FITOSANITARI SU ORTOFRUTTICOLI FRESCHI ED IN ALTRE MATRICI ALIMENTARI, CAMPIONATI IN EMILIA-ROMAGNA NELL'ANNO 2007 Sezione Provinciale di Ferrara Sede Operativa: Via Bologna,534 44100 Chiesuol del Fosso (Fe) Tel. 0532 901211 Fax 0532 901241 RESIDUI DI PRODOTTI FITOSANITARI SU ORTOFRUTTICOLI FRESCHI ED IN ALTRE MATRICI

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO: LE SORPRESE DELLA BUONA TAVOLA

LA SALUTE VIEN MANGIANDO: LE SORPRESE DELLA BUONA TAVOLA LA SALUTE VIEN MANGIANDO: LE SORPRESE DELLA BUONA TAVOLA Dipende soltanto da noi essere in un modo piuttosto che in un altro. Il nostro corpo è un giardino e il suo giardiniere è la nostra volontà. Spetta

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Gennaio. Gennaio in cucina

Gennaio. Gennaio in cucina Nel proporre questo calendario culinario ci siamo ispirati a Vincenzo Tanara e alla sua opera Economia del cittadino in villa. Tanara, studioso di scienze naturali ed agricoltura, vissuto nell'area bolognese,

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria

Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria PIÙ ORTAGGI, LEGUMI E FRUTTA Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria Manuale per la formazione dell insegnante Progetto MiPAAF Qualità Alimentare (approvato con D.M. 591/7303/02 del 23/12/2002)

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli