I.T.C. A. Zanon Udine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.T.C. A. Zanon Udine"

Transcript

1 1 I.T.C. A. Zanon Udine Guida ad una corretta alimentazione Dispensa a cura di Prof. Mirella De Michele Prof. Roberto Zanelli Edizione 2009 rivista e ampliata dalla prof. Mirella De Michele

2 2 L'uomo, essendo un essere eterotrofo, è costretto ad alimentarsi. Gli alimenti, demoliti e poi assorbiti per via gastroenterica, finiscono nel sangue e, per mezzo di esso, raggiungono i diversi tessuti del corpo dove esplicano le loro funzioni, che sono: - energetica - plastica - bioregolatrice. La funzione di un alimento dipende dal tipo di principio nutritivo che esso contiene. I principi nutritivi sono:

3 3 METABOLISMO Per metabolismo intendiamo tutte le trasformazioni biochimiche e biofisiche che si realizzano all interno dell organismo, comprese le trasformazioni subite dai principi alimentari introdotti nell organismo tramite i processi della nutrizione. In ogni istante il nostro organismo costruisce e distrugge molecole e strutture. Questi eventi nel loro insieme, vengono definiti metabolismo. Esistono due fasi: anabolismo e catabolismo. Nella fase anabolica si costruisce, passando da strutture semplici a strutture complesse, con consumo di energia. Nella fase catabolica si distrugge, passando da strutture complesse a strutture semplici, con liberazione di energia. I due grandi controllori del metabolismo sono il Sistema Nervoso Centrale e il Sistema Endocrino. STRUTTURE SEMPLICI ANABOLISMO energia METABOLISMO STRUTTURE COMPLESSE CATABOLISMO energia STRUTTURE SEMPLICI

4 4 ENERGIA In dietologia viene utilizzata come unità di misura la caloria. La caloria è la quantità di energia necessaria per innalzare la temperatura di 1 ml di acqua da 14.5 a Essendo una unità di misura troppo piccola che comporterebbe numeri molto grandi, viene utilizzato un suo multiplo, ossia la Kilocaloria che equivale a 1000 calorie. Il fabbisogno energetico dell organismo e la resa energetica degli alimenti si misurano in Kilocalorie che per convenzione vengono chiamate calorie. 1 Kcal equivale a 4,2 Kilojoule. 1 megajoule equivale a 239 calorie. L energia viene utilizzata per - costruire e ricostruire - compiere lavoro - riserva (nel tessuto adiposo e, sottoforma di glicogeno, nel parenchima epatico)

5 5 Il fabbisogno alimentare. Il fabbisogno alimentare o energetico (FA) di un individuo deve essere, di norma, pari al suo metabolismo totale (MT), ossia alla quantità di energia che si ottiene sommando il metabolismo basale (MB), che corrisponde alle esigenze energetiche di un individuo in totale riposo, con il metabolismo di lavoro (ML), cioè l'energia spesa dall'organismo per sostenere le diverse attività fisiche, unitamente all'azione dinamico-specifica degli alimenti (ADS), ovvero l'energia necessaria per assimilare un alimento. Il fabbisogno alimentare varia da individuo ad individuo, in rapporto ai seguenti fattori: sesso; età; razza; peso corporeo; temperatura ambiente; fisica. In particolare, questo ultimo fattore rappresenta uno degli aspetti più importanti per il calcolo del fabbisogno alimentare; basti pensare che, per espletare lavori leggeri sono necessarie 2,5 Kcal./min. contro le 10 Kcal./min. per lavori molto pesanti.

6 6 Un'alimentazione troppo abbondante rispetto al fabbisogno di calorie per la propria età, costituzione ed attività fisica provoca un aumento di peso corporeo. Se tale aumento risulta eccessivo, può favorire la comparsa di malattie, come: diabete, gotta, ipertensione. Se invece si assumono meno calorie di quelle necessarie, si ha perdita di peso e dimagrimento.

7 7 Calcolo del metabolismo basale Il nostro organismo ha bisogno di energia non solo per svolgere attività fisiche o intellettuali, ma anche per il mantenimento delle sue funzioni fondamentali, ad esempio mantenere costante la temperatura corporea. Il metabolismo basale è la misura di questa energia: esso rappresenta la quantità di energia consumata a riposo in posizione supina, ad temperatura confortevole da un individuo a digiuno da almeno 8 ore. Dato che nessuno di noi trascorre 24 ore su 24 in posizione supina, il nostro consumo reale di energia (fabbisogno alimentare) è sempre maggiore del metabolismo basale e dipende da molti fattori come il luogo in cui viviamo (clima altitudine), le nostre condizioni fisiche, il periodo, dell anno e l attività che svolgiamo. Esistono diversi metodi per calcolare il proprio metabolismo basale. Qui di seguito riportiamo alcuni metodi che ci consentono il calcolo del metabolismo basale e poi del fabbisogno alimentare 1^ metodo. Ci consente con l ausilio delle tabelle A, B, C di calcolare metabolismo totale e stabilire il vostro reale bisogno di energia, in base alla attività che svolgiamo Procedimento: a) Utilizzando la tabella A riportata qui a fianco, stabilite l area della vostra superficie corporea. Ricercate la vostra altezza nella colonna di sinistra e il vostro peso in quella di destra, poi unite i due punti con un righello: il punto in cui il righello incrocia la colonna centrale vi darà l indicazione della vostra superficie corporea espressa in metri quadrati. Tabella A

8 8 b) Utilizzando la tabella B, procedete al calcolo del vostro metabolismo basale. Esso si calcola moltiplicando il valore della vostra superficie corporea per il valore riportato nella tabella B (Kcal/m 2 ). c) La tabella C indica le Kcal che vanno aggiunte al metabolismo basale in base alla vostra occupazione. Con questo calcolo otterremo il metabolismp totale ossia il fabbisogno alimentare. FA= MB+ ML FA= fabbisogno alimentare MB= metabolismo basale ML= metabolismo di lavoro Tabella B Età Sesso maschile Sesso femminile Tabella C Attività Kcal necessarie oltre il metabolismo basale Sedentaria (es. studente) Leggera (es. uomo d affari) Moderata (es. operaio) Pesante (es. atleta e oltre professionista) N.B.: le cifre sono solo indicative e variano da persona a persona, in base alle attività specifiche.

9 9 Esempio di calcolo del fabbisogno alimentare: Calcoliamo il metabolismo totale di Carlo, individuo di sesso maschile di 25 anni alto 1.80 metri il cui peso è pari a 75 Kg. che svolge una attività di tipo pesante (atleta professionista). FA= MB+ Ml Per calcolare il metabolismo basale MB valutiamo l area della superficie corporea utilizzando la tabella A a pag. 7 Risulta pari a 1.85 m 2 Moltiplichiamo questo valore per 967 (data ricavato nella tabella B a pag 8 1,85 x 967=1788 questo è il metabolismo basale del nostro soggetto a tale dato aggiungiamo il metabolismo di lavoro che è pari a circa 2000 kcal FA= = 3788 Kcal

10 10 2^ metodo: Il fabbisogno alimentare o energetico totale (FA) si calcola moltiplicando il valore di MB (metabolismo basale secondo FAO/WHO tab. 1), per il LAF (valore unico), identificando per quest ultimo il valore corretto in base all età (tab. 2 e 3). FA= MB x LAF Tab. 1 - Metabolismo Basale (metodi Commission of the European Communities-LARN 1996) Età in anni MASCHI Kcal/giorno FEMMINE Kcal/giorno < 3 59,5 x peso corporeo 31 58,3 x peso corporeo ,7 x peso corporeo ,3 x peso corporeo ,7 x peso corporeo ,4 x peso corporeo ,3 x peso corporeo ,7 x peso corporeo ,6 x peso corporeo ,7 x peso corporeo ,9 x peso corporeo ,2 x peso corporeo > 75 8,4 x peso corporeo ,8 x peso corporeo Il peso corporeo va espresso in kg. Tab. 2 - LAF giornaliera per gli adolescenti Viene considerata solo l attività moderata (metodi Commission of the European Communities-LARN 1996) Età in anni MASCHI FEMMINE ,65 1, ,58 1,50 Tab. 3 - LAF giornaliera per adulti e anziani (metodi Commission of the European Communities-LARN 1996) Classe di età e livello di attività LAF Comprese le attività fisiche auspicabili LAF Senza le attività fisiche auspicabili UOMINI anni - leggero 1,55 1,41 - moderato 1,78 1,70 - pesante 2,10 2, anni 1,51 1,40 > 75 anni 1,51 1,33 DONNE anni - leggero 1,56 1,42 - moderato 1,64 1,56 - pesante 1,82 1, anni 1,56 1,44 > 75 anni 1,56 1,37 Per attività fisica auspicabile si intendono le attività consigliate ai soggetti sedentari per il mantenimento del tono muscolare e cardiocircolatorio.

11 11 Esempi di calcolo del fabbisogno alimentare con il secondo metodo. Calcolare il fabbisogno alimentare di Enrico, individuo di sesso maschile di 17 anni alto 1.76 cm, il cui peso è pari a 65 Kg. che svolge una attività fisica moderata. Calcolo sulla base della tabella N1, il metabolismo basale. MB=17. 7x = 1800,5 Kcal. Quindi servendomi della tabella N2 calcolo il fabbisogno alimentare moltiplicando il metabolismo basale e per FA= 1800 x1,58= 2844,79Kcal Calcolare il fabbisogno alimentare di Giulia, individuo di sesso femminile di 25 anni alto 1.65cm, il cui peso è pari a 58 Kg. che svolge una attività fisica leggero (nel tempo libero pratica ginnastica aerobica). MB=14.7x = 1348,6 Kcal FA= 1348,6 x 1.55= 2090 kcal. Calcolare il fabbisogno alimentare di Carlo, individuo di sesso femminile di 25 anni alto 1.80cm, il cui peso è pari a 75 Kg. che svolge una attività fisica pesante (atleta professionista). MB=15.3 x = 1826,5 Kcal FA = 1826,5 x 2,10 = 3835,65 Kcal. Il dato coincide con quello calcolato a pag. 9 con il metodo 1

12 12 Tuttavia il metodo considerato più preciso per il calcolo del fabbisogno alimentare di un individuo è quello di analizzare una giornata tipo, attribuendo a ciascuna frazione di tempo l appropriato costo energetico (Fe). Tab. 4 - Fattori di moltiplicazione del metabolismo basale per valutare il dispendio energetico in periodi di attività (fonte: FAO/WHO) Attività Adolescenti Adulti M F M F Sonno Leggera 1,6 1,5 1,7 1,7 Moderata 2,5 2,2 2,7 2,2 pesante 3,8 2,8 Esempio. Calcolare il fabbisogno alimentare di Gloria, soggetto di sesso femminile di 16 anni alta 1,75 dal peso di 55 Kg. La sua giornata è la seguente: 9 ore di sonno 8 ore tra scuola e casa (attività leggera) 6,5 ore attività esterna moderata 30 minuti di palestra (attività pesante) MB= 13.4 x 55= 1430 Kcal MB orario= 1430/24= Kcal Fe sonno= x 9 = 536,22 Kcal Fe scuola, casa = 59,58 x 1,5 x 8= 714,96 Kcal Fe esterna =59,58 x 2,2 x 6,5 = Kcal Fe palestra = 59,58 x 6 x 0,6 = 178,74 Kcal Sommando FA = 636, , , ,74 = Kcal

13 13 TABELLA DISPENDIO ENERGETICO NELLE VARIE ATTIVITA (riferita ad adulto medio) Kcal/ora Maschio Femmina A letto Seduto In piedi Camminando Lavoro d ufficio Lavori domestici leggeri Cucinare Lucidare, pulire le finestre Lavoro di lavanderia Meccanico garagista Elettricista Camionista Manovale Falegname Guidare il trattore Potatura Spalatura Tratto da Principi di Scienza dell alimentazione G.B. Cignacco e altri; USL 11 PN DISPENDIO CALORICO MEDIO PER ORA PER ATTIVITA SPORTIVE SPORT Kcal/h SPORT Kcal/h velocità 500 rugby 500 corsa mezzofondo 930 velocità 960 sci fondo 750 fondo 750 maratona 700 lotta 900 lanci 460 boxe 600 su pista 400 ginnastica 450 ciclismo su strada 220 scherma 600 pattinaggio dietro motociclista su strada controvento. 360 singolo 800 tennis 350 doppio 350 velocità 720 velocità 700 nuoto artistico 600 fondo 450 pallacanestro 600 calcio 400 pallavolo 500 pallanuoto 600 Tratto da: L alimentazione Raimondi e altri; Ed. La Goliardica Trieste

14 14 Tabella dispendio calorico nelle diverse attività sportive e non Nella seguente tabella sono riportati i dispendi energetici di diverse attività fisiche. I valori sono espressi in Kcal per chilogrammo di peso corporeo. Per ottenere una stima del consumo calorico totale moltiplica il valore di tabella per il tuo peso corporeo e dividilo o moltiplicalo per il tempo impiegato in tale attività. Esempio: calcolare il dispendio calorico di un soggetto, che pesa 53 Kg e che pratica pattinaggio per 20 minuti. Dalla tabella ricaviamo il dispendio calorico per Kg per ora, che per il pattinaggio è di 7 Kcal. Moltiplichiamo 7Kcal per il peso del nostro soggetto: 7x53= 371Kcal/ora. Per ottenere il dispendio energetico in 20 minuti moltiplichiamo 371 per 20 (i minuti di attività) e dividiamo il risultato per 60 (i minuti che compongono l'ora)=123.5kcal Attività (1 ora) Acqua gym Aerobica -insegnamento- Aerobica, moderata Aerobica, intensa Aerobica, leggera Arco tiro con arco Automobile -riparazione- Arrampicata Basket, partita Basket, leggero Beach Volley Bicicletta, <16 Km/h attività ludica Bicicletta, >32 Km/h gara Bicicletta, Km/h, bassa intensità Bicicletta, 20-26Km/h, moderata intensità Bicicletta, 22-26Km/h, alta intensità Kcal*Kg/h 7,0 5,0 3,5 3,0 7,0 1 10,0

15 15 Bicicletta, 26-30Km/h, alta intensità -ritmo gara- Biliardo Bowling Boxe, generale Boxe, punching bag Boxe, sparring Calcio libero Calcio gara Canoa, on camping trip Canoa remi, >10 Km/h, vigorosa intensità Canoa, competizione Canoa remi, leggera intensità Canoa, remi, moderata intensità Canoa Carichi pesanti -TRASPORTO- Cura di bambini da seduti, (vestizione, alimentazione ecc.) Cura di bambini stando in piedi Cacciare Camminare lentamente, 4 Km/h Camminare velocemente, 6 Km/h 12,0 2,5 3,0 12,0 9,0 7,0 10,0 12,0 12,0 3,0 7,0 3,5 3,0 3,5 5,0 2,80 4,30 Camminare trasportando un bambino o un peso di circa 7Kg 3,5 Cantare Corsa, 16 Km/h Corsa, 17.5 Km/h Corsa, 8 Km/h Corsa, 8.5 Km/h Corsa, 9.6 Km/h 1, ,0 10,0

16 16 Corsa, 10.7 Km/h Corsa, 11.2 Km/h Corsa, 12Km/h Corsa, 13.7 Km/h Corsa, 14.4 Km/h Corsa, cross country Corsa, generale Costruire, modellismo Cucinare Cricket Danza, aerobica, moderna, twist Danza veloce Danza lenta Danza, generale Dormire Equitazione trotto Football americano competizione Football americano generale Freccette Frisbee generale Frisbee competizione Giardinaggio Golf, generale Ginnastica, generale Guidale l automobile Hockey su prato Hockey su ghiaccio 11,0 11,5 12,5 1 15,0 9,0 5,5 2,5 5,0 5,5 3,0 4,5 0,93 6,5 9,0 2,5 3,0 3,5 5,0 1,90

17 17 Equitazione generale In piedi a riposi Jogging, generale Judo, karate, kick boxing, tae kwan do Leggere ad alta voce Kayak Moto-cross Nuotare stile libero vigorosa intensità Nuotare stile libero leggera/moderata intensità Nuotare, dorso Nuotare, rana Nuotare, farfalla Nuoto libero Nuoto sincronizzato Rugby Skateboard Salire le scale Scendere le scale Seduti a riposo Scrivere a macchina Svegli,fermi, sdraiati a letto Pattinaggio Palla a mano Pescare seduti Pescare in piedi Pescare, generale Pallavolo non competitiva; 6-9 giocatori 1,50 7,0 10,0 1,50 5,0 10,0 10,0 11,0 10,0 5,0 15,84 5,20 1,43 2,00 1,10 7,0 12,0 2,5 3,5 3,0

18 18 Passeggiare a 3.2 Km/h, slow pace Passeggiare a 4.8Km/h Passeggiare, 5.6Km/h, in salita Passeggiare, 6.4 Km/h, con ritmo veloce Passeggiare su prato Passeggiare con stampelle Pallanuoto Pallavolo in acqua Ping pong Pulire ad elevata intensità Pulizia della casa in genere Pulire, leggera, moderata intensità Salto con lo sci Simulatore di sci di fondo Sci di fondo ritmo gara Sci di fondo moderata intensità Sci di fondo leggera intensità Sci di fondo massima intensità Sci di fondo vigorosa intensità Sci discesa leggera intensità Sci discesa moderata intensità Sci discesa vigorosa intensità, gara Scherma Salire le scale Sollevamento pesi o body building, vigorosa intensità Sollevamento pesi leggera or moderata intensità Softball 2,5 3,5 5,0 10,0 3,0 4,5 3,5 2,5 7,0 9,5 1 7,0 16,5 9,0 5,0 3,0

19 19 Squash Stretching, yoga Surf Spazzare Trasportare pesi in casa Trasportare pesi usando le scale o in salita Tai chi Tennis, doppio Tennis, generale Tennis, singolo Tuffi, da trampolino o piattaforma Volleyball competitivo 12,0 3,0 3,0 9,0 7,0 3,0

20 20 TABELLA DI VALUTAZIONE DEL PROPRIO PESO MODO D USO. Unite con un righello i metri corrispondenti alla statura (riga verticale di sinistra) con i chilogrammi relativi al peso (riga verticale di destra). Il punto d incontro della linea tracciata dal righello con la riga centrale indicherà la fascia nella quale si colloca la condizione staturo-ponderale indagata. (Fonte: Istituto Nazionale della Nutrizione, 1986)

21 21 CALCOLO DEL PESO IDEALE Esistono varie formule di calcolo rapido. Se ne illustrano due qui di seguito. 1 - Secondo un criterio estremamente semplice, le persone vengono distinte in tre categorie, a seconda della circonferenza del polso sinistro. Se il polso sinistro misura il peso ideale è x uomini Tipologia x donne x uomini Tipologia x donne 20 cm Brevilinea 18 cm 75H-56=Kg Brevilinea 68H-49=Kg cm Normolinea cm 75H-61=Kg Normolinea 68H-56=Kg 16 cm Longilinea 14 cm 75H-67=Kg Longilinea 68H-59=Kg Esempio: qual è il peso ideale di una persona di sesso femminile il cui polso sinistro misura cm 18 di circonferenza? Soluzione: SESSO F CIRCONFERENZA DEL POLSO cm 18 TIPOLOGIA Brevilinea ALTEZZA m 1,68 CALCOLO= 68 x H 49 = 68 x 1, Kg da confrontare con quello reale 2 Un altro indicatore, comunemente utilizzato per la valutazione del proprio peso, è l indice di massa corporea (IMC). Esso non tiene conto né dell età, né del sesso. Si calcola secondo la seguente formula : IMC = Peso Kg Altezza m 2 = (20 25 normopeso) Valori indicativi IMC maschi femmine Sottopeso Inferiore a 20.0 Inferiore a 18.7 Peso accettabile Obesità 1 (soprappeso) Obesità 2 (medio grado) Obesità 3 (alto grado) Superiore a 40.0 Superiore a 40.0 Esempio: la stessa persona dell esempio utilizzato nel primo criterio in questa pagina otterrà Soluzione: IMC = Kg = 65 = 23,2 (risulta normale) m 2 1,68 2

22 22 Introduzione ad una dieta equilibrata. Stabilita la quantità di calorie necessaria, è fondamentale, affinchè la nostra alimentazione sia equilibrata, che nella nostra dieta siano presenti tutti i principi nutritivi nella giusta proporzione, in quanto nessun alimento ne possiede l'intero fabbisogno. Le calorie necessarie per mantenere una buona salute dovrebbero essere così fornite: composizione dieta giornaliera proteine lipidi animali 12% 10% carboidrati complessi 48% lipidi vegetali 20% carboidrati semplici 10% Fibra alimentare > 30 g Colesterolo < 300 mg Cloruro di sodio <5 g + sali minerali e vitamine

23 23 Nella tabella successiva viene riportata un esempio di dieta di 2400 Kcal con una corretta ripartizione tra i principi nutritivi ossia equilibrata. * 1g di proteine sviluppa 4 Kcal ** 1g di lipidi sviluppa 9Kcal ** 1g di carboidrati sviluppa 4Kcal Alimentazione equilibrata Ripartizione calorica fra i 3 principi nutritivi per una dieta di circa Kcal./giorno (g.) 12% PROTEINE 288 Kcal. = 72 g* 30% LIPIDI 720 Kcal. = 80 g** 58% CARBOIDRATI Kcal. = 348 g***

24 24 I gruppi alimentari Nella tabella successiva sono presentati, divisi in sette gruppi, gli alimenti che normalmente compongono la nostra dieta. Il criterio usato in questa classificazione è stato quello di raggruppare gli stessi in base alla similarietà del carattere nutritivo, con conseguente possibilità di sostituzione fra gli alimenti di ogni singolo gruppo. ALIMENTI PLASTICI (utilizzati prevalentemente per la formazione e riparazione dei tessuti e per l accrescimento) ALIMENTI ENERGETICI (utilizzati prevalentemente per fornire calore, lavoro ed altre forme energetiche) ALIMENTI PROTETTIVI (utilizzati prevalentemente per regolare le reazioni metaboliche) Gruppo 1 Gruppo 2 Gruppo 3 Gruppo 4 Gruppo 5 Gruppo 6 Gruppo 7 latte e derivati (latte di mucca fresco, condensato, evaporato, in polvere; latte di capra; yoghurt, giuncata, latticini, formaggi) carne, pesce, uova (carne e frattaglie di manzo, di vitello, di cavallo, di pecora, di agnello, di maiale, di pollame e di selvaggina; carni conservate e insaccate; pesce fresco, surgelato, essicato, salato, etc.; uova) legumi secchi (fagioli, lenticchie, fave, piselli, ceci, cicerchie) cereali e derivati (pane bianco, integrale, grissini, gallette, crackers, fette biscottate, biscotti, pasta alimentare, farina e fiocchi di riso, di mais, di avena; panettoni, cornetti, etc.) zucchero e miele e derivati grassi e olii vegetali (burro, margarina, lardo, strutto, olio di oliva, olio di semi) Ortaggi verdi e gialli e frutta verde (bietole, broccoli, cavolfiori, cavoli, verze, cicoria, spinaci, scarole, indivie, lattuga, fagiolini verdi, piselli freschi, zucchine, carote, patate, zucca; albicocche, banane, mele, pere, pesche, susine, etc.) Agrumi e pomodori (arance, limoni, mandarini, pompelmi, fragole, pomodori)

25 25 Ripartizione dei pasti nell'arco della giornata. Un altro importante problema da affrontare è la ripartizione dei pasti nell'arco della giornata. E' preferibile ricorrere a 5 pasti, ripartendo il consumo calorico in questo modo: cena colazione spuntino merenda pranzo Particolare attenzione merita la prima colazione, che, ad ogni età, dovrebbe essere sostanziosa e rappresentare ¼, o perlomeno il 20% degli introiti calorici giornalieri. Nella figura sotto riportata, vediamo tre esempi di composizione di una prima colazione integrata in una dieta-base di Kcal./giorno. Alimenti quantità Alimenti quantità Alimenti quantità - latte 250 g. - latte 250 g. - pane (toast) 80 g. - zucchero (5 cuc.) 25 g. - malto 25 g. - formaggio 30 g. - pane o 80 g. - biscotti o 70 g. - prosciutto crudo 40 g. fette biscottate(4) 30 g. fiocchi d avena 40 g. - spremuta agrumi 200 g. - marmellata/miele 30 g. - corn flakes 30 g. - miele 25 g. - una mela (pera) - una banana Apporto calorico 603 Kcal. Apporto calorico 607 Kcal. Apporto calorico 603 Kcal.

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale L energia introdotta con gli alimenti è utilizzata dall organismo e restituita all ambiente sotto forma di calore (soprattutto)

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport ALIMENTAZIONE E SPORT Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport Argomenti: 1) Il fabbisogno energetico 2) Gli alimenti 3) L acqua 4) Vitamine, sali minerali, integratori 5) La dieta dello sportivo

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Al fine di comporre correttamente la propria dieta è bene conoscere le qualità dei principali alimenti che in base alle loro principali caratteristiche nutrizionali

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Domenica 12 ottobre ore 18.00, Sala Consiliare - Bagnoli I. (AV)

Domenica 12 ottobre ore 18.00, Sala Consiliare - Bagnoli I. (AV) Il circolo socio-culturale Palazzo Tenta 39 presenta la 9ª conferenza tematica: «Obesità: patologia in crescita nell età infantile» Domenica 12 ottobre ore 18.00, Sala Consiliare - Bagnoli I. (AV) Intervento

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

I.T.C. A. Zanon Udine

I.T.C. A. Zanon Udine 1 I.T.C. A. Zanon Udine Guida ad una corretta alimentazione Dispensa a cura di Prof. Mirella De Michele Si ringrazia il prof. Roberto Zanelli per la preziosa collaborazione 2 L'uomo, essendo un essere

Dettagli

La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la

La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la carne, ma contengono una certa quantità di materia non

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli

ATTENTI AL VOSTRO PESO

ATTENTI AL VOSTRO PESO ATTENTI AL VOSTRO PESO IL BILANCIO ENERGETICO PITONE REALE (Phytus regius) Classe dei RETTILI Un pasto ogni 10-12 giorni UOMO (Homo sapiens sapiens) Classe dei MAMMIFERI 2 o 3 pasti al giorno 1.1 Per quale

Dettagli

Per impostare una dieta equilibrata è necessario:

Per impostare una dieta equilibrata è necessario: DIETA: dal greco διαιτα e dal latino diaeta significa regime di vita, tenore di vita, modo di vivere, ed è sinonimo di alimentazione corretta e razionale stabilita su misura o meglio personalizzata, in

Dettagli

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero Qualunque cibo introdotto nel corpo umano viene trasformato, tramite reazioni chimiche, nei suoi costituenti elementari che sono proteine, lipidi, carboidrati, vitamine, minerali e acqua, perché è solo

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione In collaborazione con il 2 Circolo Didattico Anno scolastico 2008 \ 2009 A cura del Prof. Piero Verdecchia Relazione IMC e Sport praticati. Anno

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

Silvano Rodato. Conoscere gli alimenti Scienza e cultura dell alimentazione per i servizi di enogastronomia e di sala e vendita. Quaderno Operativo

Silvano Rodato. Conoscere gli alimenti Scienza e cultura dell alimentazione per i servizi di enogastronomia e di sala e vendita. Quaderno Operativo 1 2 3 4 5 Silvano Rodato Conoscere gli alimenti Scienza e cultura dell alimentazione per i servizi di enogastronomia e di sala e vendita Quaderno Operativo (Nome e Cognome): Quaderno operativo di......

Dettagli

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti L ALFABETO DELLA CORRETTA NUTRIZIONE Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti delle membrane cellulari hanno destato negli ultimi anni maggior interesse. E ormai

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di INFORMARSI È SEMPLICE, RECLAMARE È FACILE CONOSCERE I PROPRI DIRITTI È IL PRIMO PASSO PER FARLI VALERE Iniziativa organizzata con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico QUESTIONARIO SUGLI

Dettagli

TABELLA DEI CARBOIDRATI

TABELLA DEI CARBOIDRATI TABELLA DEI CARBOIDRATI Per una ottimale riuscita del programma dietetico-nutrizionale LineaMed è di fondamentale importanza assortire in modo corretto gli alimenti che compongono il pasto principale (pranzo).

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA LEZIONE 16 IGIENE ALIMENTARE PER LO SPORTIVO

IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA LEZIONE 16 IGIENE ALIMENTARE PER LO SPORTIVO IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA LEZIONE 16 IGIENE ALIMENTARE PER LO SPORTIVO Nozioni generali Fin dai tempi dei primi giochi olimpici (776 a.c.) l alimentazione degli atleti era controllata al fine di ottimizzare

Dettagli

Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura

Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura Progetto Pilota Oikos e Téchne 2011/2012 Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura Considerazioni sui risultati del sondaggio Abitudini alimentari e convivialità (campione di 662 studenti tra 14 e 19 anni)

Dettagli

ALIMENTAZIONE E ATTIVITÀ FISICA

ALIMENTAZIONE E ATTIVITÀ FISICA ALIMENTAZIONE E ATTIVITÀ FISICA Nell uso comune si tende a utilizzare i termini sport e attività fisica come sinonimi, anche se dal punto di vista metabolico non sono la stessa cosa. Quindi, prima di parlare

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

La dieta della gravidanza

La dieta della gravidanza La dieta della gravidanza La gravidanza è un evento fondamentale nella vita degli individui e, grazie alle nuove acquisizioni nel campo della nutrizione, oggi possiamo con la corretta alimentazione evitare

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione ALIMENTAZIONE Appunti di lezione CORRETTA ALIMENTAZIONE Un adolescente (13-15 anni) Ha bisogno per crescere di: Energia e Nutrienti Ossia di alimentarsi, ma con misura nè troppo, ne troppo poco. Il termine

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER MANGIAR SANO PER GRANDI E PICCOLI

ISTRUZIONI PER MANGIAR SANO PER GRANDI E PICCOLI EDUCAZIONE ALIMENTARE PER TUTTA LA FAMIGLIA PRIMA PARTE ISTRUZIONI PER MANGIAR SANO PER GRANDI E PICCOLI PRIMA PARTE IL PERCORSO DEGLI ALIMENTI Gli alimenti, dopo essere stati ingeriti, arrivano al tubo

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali.

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Prima di affrontare un'attività sportiva, viene da chiedersi cosa e quanto è meglio mangiare. Ma quello che si può consumare

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

DELL ATTIVITÁ FISICA

DELL ATTIVITÁ FISICA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA corso di laurea in educazione fisica e tecnica sportiva T. T. DIDATTICA ATTIVITÁ MOTORIA. RICREATIVA E DEL TEMPO LIBERO gianpiero.grassi@unimi.it gianpiero.grassi@unipv.it

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA Regione PIEMONTE- ASL2-Torino Ambulatorio di Cardiologia OSPEDALE S. Giovanni Bosco Tel.011-2402310 Progetto GIOTTO Responsabile Drssa Bianca BIANCHINI DIETA Ovvero MANGIARE PER LA VITA Questo piccolo

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Informazioni sugli elementi nutritivi

Informazioni sugli elementi nutritivi Informazioni sugli elementi nutritivi Nella terra e nello spazio Gli zuccheri Gli zuccheri (detti anche glucidi o carboidrati)) sono i composti organici più comuni sulla Terra. Le piante li producono con

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Come Eseguire la dieta Zona

Come Eseguire la dieta Zona Come Eseguire la dieta Zona 1 blocco è dato da 7g di proteine + circa 3 g di grassi + circa 9 g di carboidrati. La pasta, come tutti i derivati delle farine, viene generalmente evitata è consigliato dunque

Dettagli

L'alimentazione in escursione

L'alimentazione in escursione CopyrightDeposit.com No. 0030877 L'alimentazione in escursione L'alimentazione in escursione Il tipo di alimentazione in montagna è di grande importanza, anche quando stiamo affrontando una breve gita,

Dettagli

Prefazione METABOLISMO DI RIPOSO

Prefazione METABOLISMO DI RIPOSO Prefazione Questo lavoro, non vuole essere un trattato o una rigorosa guida di come e che cosa deve mangiare uno sportivo. Voglio invece presentare una serie d idee e informazioni nate da teorie e confermate

Dettagli

FABBISOGNO ENERGETICO E REGOLAZIONE DEL PESO CORPOREO

FABBISOGNO ENERGETICO E REGOLAZIONE DEL PESO CORPOREO SPECIALE: "ALIMENTAZIONE E SPORT" FABBISOGNO ENERGETICO E REGOLAZIONE DEL PESO CORPOREO Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Fabbisogno energetico nello sportivo - La diminuzione del peso corporeo - L'aumento

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

PARTE 2 : Aspetti applicativi

PARTE 2 : Aspetti applicativi PARTE 2 : Aspetti applicativi LA RAZIONE ENERGETICA GIORNALIERA (suddivisione dell energia) ETG = Energia Totale Giornaliera In caso di allenamenti intensi e regolari: 55-60% ETG 15-20% ETG 25-30% ETG

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE In qualità di Presidente del mi sento in dovere di portarvi a conoscenza di alcune interessanti e basilari concetti per una corretta alimentazione dei nostri figli.

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE. Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A.

ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE. Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A. ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A. Nutraceutica Nome dato a quella branca della ricerca scientifica, svolta in numerosi laboratori, sugli alimenti

Dettagli

Diete a scambi. Dieta da 1000 kcal per diabetici

Diete a scambi. Dieta da 1000 kcal per diabetici Diete a scambi Dieta da 1000 kcal per diabetici 1 farinaceo 2 fette biscottate oppure 3 biscotti Plasmon 2,5 farinacei Pasta o riso g 30 al sugo o in brodo + pane g 25 oppure pasta o riso g 15 + legumi

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

1 2 3 4 5 Quaderno Operativo

1 2 3 4 5 Quaderno Operativo 1 2 3 4 5 Quaderno Operativo (Nome e Cognome): Quaderno operativo di...... Via: Città: Tel.: E-mail: Scuola: Via: Classe:... Sez.:... Alimentazione & Territorio - Quaderno operativo CULTURA ALIMENTARE

Dettagli

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Consigliere Nazionale SINSeB Docente Università di Camerino Stato nutrizionale Bilancio energetico

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUTRIZIONE

ALIMENTAZIONE e NUTRIZIONE Istituto Arrigo Serpieri BOLOGNA DOMENICA SARDARO ALIMENTAZIONE e NUTRIZIONE 27 aprile 2013 BOLOGNA DEFINIZIONE DI ALIMENTAZIONE Atto consapevole e cosciente che consiste nell introdurre nel nostro corpo

Dettagli

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI Fabbisogno energetico dei cani a diversi stati fisiologici (kcal/em). PESO CORPOREO (kg) MANTENIMENTO (kcal/em) TARDA GRAVIDANZA

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici

Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici Inserire il codice Meccanografico della Scuola e salvare il "file con nome" riportando

Dettagli

La sorveglianza e l igiene della nutrizione nei menù

La sorveglianza e l igiene della nutrizione nei menù La sorveglianza e l igiene della nutrizione nei menù Prof. Agostino Messineo Direttore Dip. Prevenzione ASL RMH Dr.ssa Paola Abetti Dirigente SIAN distretto H4 Pomezia Ardea Alla parola dieta è spesso

Dettagli

Grassa o secca, quando la tosse ti prende, Lisomucil ti aiuta.

Grassa o secca, quando la tosse ti prende, Lisomucil ti aiuta. Guida150x210Adolescenza 20-03-2007 14:59 Pagina 1 Grassa o secca, quando la tosse ti prende, Lisomucil ti aiuta. Cod. 60514621 www.automedicazione.it Sono medicinali. Leggere attentamente il foglio illustrativo.

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

UNITà 8 la dieta equilibrata

UNITà 8 la dieta equilibrata unità La dieta equilibrata I termini e i concetti fondamentali 1 dieta equilibrata e peso corporeo Una dieta equilibrata è data da comportamenti alimentari e da uno stile di vita tali da mantenere un buono

Dettagli

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA E una dieta ipocalorica, caratterizzata da un modulo alimentare basato su tre pasti principali: colazione, pranzo, cena con due spuntini: mattina e pomeriggi. Mangiare

Dettagli

L alimentazione nello sport

L alimentazione nello sport N 2 ottobre 2006 Sport e salute a cura di Giorgio Prosperi L alimentazione nello sport Mi piacerebbe iniziare subito col dirvi come alimentarsi durante gli allenamenti e le gare, ma non mi piace, avrei

Dettagli

Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri

Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri Si può calcolare la massa magra in vari modi. Con la plicometria, il più comune, oppure usando la bilancia impedenziometrica, che tuttavia

Dettagli

Valore energetico e calorie

Valore energetico e calorie Valore energetico e calorie Il valore energetico dei cibi viene comunemente espresso in Calorie. In realtà, la cosiddetta Caloria è una Chilocaloria ( = 1.000 calorie) ed indica tecnicamente la quantità

Dettagli

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO L.A.R.N. (livelli di assunzione giornalieri raccomandati di energia) da tener presenti nella definizione delle grammature. ETA MASCHI

Dettagli

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID CONVEGNO REGIONALE AMD-SID NEFROPATIA DIABETICA, IPERTENSIONE E MALATTIA CARDIOVASCOLARE SESSIONE PARALLELA PER DIETISTI E INFERMIERI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CON

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI.

INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI. INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI. Prof. Roberto Calcagno Ho già trattato in un precedente articolo dell indice glicemico degli alimenti ( G.I. Glicemic Index), ora vorrei integrare questo concetto

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli