CORSO DI AGGIORNAMENTO ANNUALE PER OPERATORI DEI REGISTRI TUMORI Camerino, 8-10 settembre Qualità delle fonti informative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO DI AGGIORNAMENTO ANNUALE PER OPERATORI DEI REGISTRI TUMORI Camerino, 8-10 settembre 2009. Qualità delle fonti informative"

Transcript

1 CORSO DI AGGIORNAMENTO ANNUALE PER OPERATORI DEI REGISTRI TUMORI Camerino, 8-10 settembre 2009 Qualità delle fonti informative Antonio Russo Servizio di Epidemiologia e Biostatistica Azienda Ospedaliera San Carlo Borromeo - Milano

2 DI COSA PARLIAMO Qualità delle fonti informative utilizzate in un Registro dei Tumori per la identificazione di casi incidenti

3 DI COSA NON PARLIAMO

4 Where are we? 2004 NAACCR Data Quality Indicators Case ascertainment 92.2% (>95%) Completeness of information recorded % (< 3%) (age at diagnosis, sex, race, state/county) Death certificate only cases 0.4% ( <3%) Duplicate primary cases 0.4 per 1000 (<1) Passing EDITS 100% (100%) Timeliness 23 months

5

6 THE INFORMATICS PROGRESSION FOR CANCER REGISTRY

7

8 Uso di fonti informative per la registrazione dei tumori al 2008 Tutti i registri tumori italiani utilizzano flussi sanitari correnti. Tutti accedono a file informatizzati relativi almeno a: Dimissioni ospedaliere Mortalità ReNCaM Molti accedono a file informatizzati relativi ai referti di Anatomia Patologica CODIFICATI e NON

9

10 Supplier Data Files NICR Registration Process Automatic Data Load from 13 PAS sites, 5 Pathology labs, Radiology, General Register of Deaths, Minor Sources Raw Source Table OUTPUTS: IARC (CI5C, ACCIS, EUROCIM) Reports (Incidence, Mortality,Survival) Queries (Medics, Government) Data Extracts Feedback to Data Suppliers (completeness, etc) Revalidate IARC Checks Fail Types of validation include simple (eg. dates), cross (eg. site/sex) & minimum dataset (eg. topography) Validation Modules Pass QUALITY ASSURANCE Search for duplicates Check of Death Initiated Cases by inspection of GP notes PAS only registrations - inspection of hospital notes Registration Database Automatic Matching Routines

11 S. Tognazzo et al. European Journal of Public Health, Vol. 15, No. 6,

12 Steps to make Electronic Tumour Registration Hospital Discharge C18.4 Date Admission Histopathology TSNOMED = T67010 MSNOMED =M81403 Biopsy on Histopathology TSNOMED = T67000 MSNOMED = M84803 Biopsy on C18.4 Transverse Colon Mucinous Adenocarcinoma

13 DIMENSIONI DELLA QUALITÀ accessibilità attendibilità / consistenza robustezza delle metodologie utilizzate per l estrazione / generazione completezza livello di aggiornamento tempestività grado di dettaglio assenza di distorsioni nei dati

14 Fonti di Contesto Anagrafe Comunale Anagrafe Assistibili Fonti di tipo Statistico Epidemiologico Registro di mortalità Fonti di tipo Amministrativo Gestionale Schede di dimissione ospedaliera Flussi Sanitari Specializzati Referti di Anatomia Patologica

15 FONTI DI CONTESTO Anagrafe Comunale Anagrafe Assistibili

16 ANAGRAFE COMUNALE Persona fisica / individuo Famiglia anagrafica Nucleo famigliare Convivenza RELAZIONE CON Residenza Domicilio Dimora TERRITORIO Piano topografico Piano toponomastico Piano ecografico

17 Popolamento dell Indice Nazionale delle Anagrafi (INA): allineamento, effettuata dai Comuni, ha lo scopo di rendere coerenti i dati anagrafici ed i Codici Fiscali dei cittadini residenti presenti nelle Anagrafi comunali con quelli presenti nell Anagrafe Tributaria di Agenzia delle Entrate COMUNE Sistemi RETI MINISTERO INTERNO CNSD Comunali (SICOM) AS 1 SIATEL Porta d Accesso Comunale prtaccom Internet RUPAR Interdominio SPC Porta dei domini CNSD AS 2 PC AS n INA AGENZIA ENTRATE Protocollo di comunicazione: TCP socket-ssl Flussi: POST HTML di dati strutturati in XML Protocollo di comunicazione: TCP socket Flussi: POST HTML di dati strutturati in XML Protocollo di comunicazione: Backbone Flussi: Busta di e-gov CNSD

18 Anagrafe Comunale Enti collegati Ministero dell Interno Ministero dei Trasporti - Motorizzazione Civile Ministero della Previdenza sociale INPS Ministero delle Finanze - Agenzia delle Entrate Regioni per aggiornamento ASL Poste Italiane Enti interessati Consolati Ministero di Grazia e Giustizia e Uffici giudiziari locali INAIL ASL e Ministero della Salute Ministero della Istruzione Regione e Provincia Enti erogatori di servizi pubblici

19 ANAGRAFE COMUNALE accessibilità attendibilità / consistenza completezza assenza di distorsioni nei dati robustezza delle metodologie utilizzate per l estrazione / generazione livello di aggiornamento tempestività grado di dettaglio Dipende Nota Stranieri residenti sia appartenenti alla CE sia non appartenenti

20 ANAGRAFE DEGLI ASSISTITI Anagrafe sanitaria regionale statica aggiornata mediante flussi mensili comunicati dalle Aziende Sanitarie; Qualità della base informativa buona ma da migliorare (doppie iscrizione, dati anagrafici non certificati, ecc.); Disomogeneità delle applicazioni e delle modalità di gestione operativa (Sistema di Scelta e Revoca); Adempimento informativo verso il MEF (art. 50 Legge n. 326/2003) attuato in modalità batch

21 ANAGRAFE DEGLI ASSISTITI La NAR (Nuova Anagrafe Regionale) costituisce il nucleo dell intera infrastruttura informativa del Sistema Sanitario Regionale, poiché realizza un unica Anagrafe Centrale, unico per tutte le ASL della Regione capace di identificare : gli assistiti e i medici/pediatri di assistenza primaria la relazione medico-assistiti Allinea giornalmente i dati con SOGEI (la banca dati del MEF Ministero delle Finanze, basata sui codici fiscali) e, dall altro, dà la possibilità di gestire i dati anagrafici e sanitari degli assistiti di propria competenza, mantenendo inalterata la piena responsabilità su tali dati.

22 ANAGRAFE COMUNALE accessibilità attendibilità / consistenza completezza assenza di distorsioni nei dati robustezza delle metodologie utilizzate per l estrazione / generazione livello di aggiornamento tempestività grado di dettaglio Nota Attualmente per molte anagrafi la residenza/domicilio varia solo se l assistito vi accede per la variazione del MMG NO informazioni sulle variazioni (solo se si storicizza)

23 Fonti di tipo Statistico-Epidemiologico Registro di mortalità

24 REGISTRO DI MORTALITÀ Certificazione Raccolta delle schede Codifica Inserimento La qualità raggiunta in ognuna di queste fasi concorre a definire il livello di qualità dei dati divulgati e quindi la loro affidabilità.

25 IL CONTROLLO DI QUALITÀ ISTAT Le informazioni contenute nell archivio di mortalità devono essere il più possibile complete e corrette L Istat controlla la qualità dei dati registrati e/o codificati LA CAUSA INIZIALE di Morte deve essere codificata con i soli codici validi ai fini della codifica della causa iniziale Vi deve essere compatibilità tra l età del deceduto, la causa selezionata, il sesso Con l introduzione della ICD 10 sarà necessario sostituire l attuale sistema di regole con un piano di compatibilità che tenga conto delle indicazioni fornite dalla nuova classificazione Correzione dei dati con procedure probabilistiche e/o deterministiche e/o manuali Lo studio della mortalità, aggiornamenti: la codifica automatica, la classificazione ICD10, la formazione sulla certificazione delle cause di morte. Luisa Frova ISTAT 2 MARZO 2005

26 QUALITÀ DELLA CERTIFICAZIONE Molto spesso i medici ritengono che la denuncia di morte sia un atto burocratico senza essere consapevoli dell importanza delle informazioni fornite Può avvenire che i certificati non siano compilati correttamente. Gli errori più frequenti: Informazioni irrilevanti (es. arresto cardiaco ) Descrizione di sintomi o segni Menzione di categorie mal definite (senilità) Sequenza morbosa improbabile (la causa iniziale riportata non può verosimilmente aver dato origine alle patologie riportate ai quesiti successivi Più di una causa al quesito 1 causa iniziale La vera causa iniziale riportata al quesito 4 (altri stati morbosi rilevanti)

27

28

29

30

31 SOLO ALCUNE RIFLESSIONI Flusso della mortalità è il principale flusso informativo dei registro DCO Rapporto M/I La mortalità utilizzata è quella costruita localmente e NON la mortalità di riferimento ISTAT Problemi di codifica (tumori?, multipli e comportamento incerto ICD-X) Problemi di completezza del flusso con perdita SELETTIVA dei decessi (OUTRES)

32 casi incidenti / anno decessi per causa / anno 5% DCO

33 REGISTRO DI MORTALITÀ accessibilità attendibilità / consistenza completezza assenza di distorsioni nei dati robustezza delle metodologie utilizzate per l estrazione / generazione livello di aggiornamento tempestività grado di dettaglio?????? Nota Spesso la perdita di decessi si evidenzia in maniera indiretta se si analizzano gli indicatori di registro (rapporto M/I, sopravvivenza per sede)

34 Fonti di tipo Amministrativo-Gestionale Schede di dimissione ospedaliera

35 1. USL DI PROVENIENZA ERRATA 2. INTERV. O PROCED. SECONDARIA ERRATA 3. DATA INTERVENTO PRINCIPALE ERRATA O MANCANTE 4. DIAGNOSI SECONDARIA ERRATA 5. REGIONE E USL DI PROVENIENZA ERRATE 6. REGIONE E USL DI PROVENIENZA NON IMPOSTATE 7. INTERVENTO PRINCIPALE ERRATO DIAGNOSI PRINCIPALE ERRATA 8. DIAG. SECONDARIA INCOMPAT. ETA'/SESSO 9. DIAG. PRINCIPALE INCOMPATIBLE ETA'/SESSO 10. CODICE ISTITUTO ERRATO 11. INTERV. PRINC. INCOMPATIBILE COL SESSO 12. INTERV. O PROCED. SECOND. INCOMPATIBILE SESSO 13. DIAGNOSI PRINCIPALE NON IMPOSTATA 14. DATA DI DIMISSIONE ERRATA 15. DATA DI RICOVERO NON IMPOSTATA 16. DURATA DEGENZA DH ERRATA 17. DATA DI NASCITA NON IMPOSTATA 18. DURATA DEGENZA DH NON IMPOSTATA 19. DATA DI NASCITA ERRATA 20. DATA DI RICOVERO ERRATA 21. SESSO NON IMPOSTATO 22. SESSO ERRATO 23. REGIME DI RICOVERO NON IMPOSTATO 24. REGIME DI RICOVERO ERRATO 25. COMUNE DI RESIDENZA ERRATO O MANCANTE 26. MODALITA' DI DIMISSIONE ERRATA O MANCANTE 27. DURATA DEGENZA DH IMPOSTATA IN REGIME ORDINARIO

36 Fonti di tipo Amministrativo-Gestionale Qualità della parte anagrafica funzione dei sistemi informativi ospedalieri Qualità della parte di diagnosi e procedure funzione della cultura / organizzazione / attenzione di reparti e delle direzioni sanitarie degli ospedali e della tipologia di controlli della ASL / regione

37 La qualità della codifica dipende da: Distanza tra momento di acquisizione dell informazione e sua codifica Comprensione degli obiettivi dei dati codificati Beneficio risultante per chi codifica Gli ultimi due punti sono dovuti al fatto che la codifica è un carico di lavoro aggiuntivo che può essere anche fatto ma fatto male

38 SCHEDE DI DIMISSIONE OSPEDALIERA accessibilità attendibilità / consistenza completezza assenza di distorsioni nei dati robustezza delle metodologie utilizzate per l estrazione / generazione livello di aggiornamento tempestività grado di dettaglio??

39 Flussi Sanitari Specializzati Referti di Anatomia Patologica

40 REFERTI DI ANATOMIA PATOLOGICA accessibilità attendibilità / consistenza completezza assenza di distorsioni nei dati robustezza delle metodologie utilizzate per l estrazione / generazione livello di aggiornamento tempestività grado di dettaglio??

41

42

43 Organ System Guideline Checklist Adrenal Checklist v1.1 (Nov 2003) Ampullary Checklist v1.1 (Nov 2003) Anus Checklist v1.1 (Nov 2003) Bone Tumors Guideline v1.0 (Nov 2003) Checklist v1.1 (Dec 2003) Brain and Spinal Cord Guideline v1.1 (Sept 2004) Checklist v1.1 (Nov 2003) Breast Guideline v1.1 (Sept 2004) Checklist v1.1 (Nov 2003) Cervix Checklist v1.1. (Nov 2003) Colorectal Guideline v1.2 (April 2006) Checklist v1.2 (April 2006) Endometrium Checklist v1.1 (Nov 2003) Esophagus Checklist v1.1 (Nov 2003) Extrahepatic Duct Checklist v1.1 (Nov 2003) Eye and Adnexa Guideline v1.1 (Aug 2004) Fallopian Tube Guideline v1.1 (March 2006) Checklist v1.1 (March 2006) Gallbladder Checklist v1.1 (Nov 2003) Gastric Guideline v1.4 (March 2007) Checklist v1.3 (March 2007) Gestational Trophoblastic Dz Checklist v1.1 (Nov 2003) Larynx Guideline v1.1 (Sept 2004) Checklist v1.1 (Nov 2003) Lip And Oral Cavity Checklist v1.1 (Nov 2003) Liver Guideline v1.1 (Nov 2003) Checklist v1.1 (Nov 2003) Lung Checklist v1.1 (Nov 2003) Lymph Node - Mets Lymphoma Guideline v1.1 (Sept 2004) Checklist v1.2 (Sept 2004) Nasal Paranasal Checklist v1.1 (Nov 2003) Ovary Guideline v1.1 (Sept 2004) Checklist v1.1 (Sept 2004) Pancreas Checklist v1.1 (Nov 2003) Paraganglioma - Extra Adrenal Checklist Parathyroid Guideline v1.1 (Sept 2004) Checklist v1.1 (Sept 2004) Penis Checklist v1.1 (Nov 2003) Pleural Mesothelioma Guideline v1.2 (Feb 2006) Checklist v1.2 (Feb 2006) Prostate Guideline v1.4 (March 2007) Checklist v1.4 (March 2007) Renal Pelvis Ureter Checklist v1.1 (Nov 2003) Renal Tubular Checklist v1.1 (Nov 2003) Salivary Gland Checklist v1.1 (Nov 2003) Skin Carcinoma Checklist v1.0 (Oct 2003) Skin Melanoma Checklist v1.1 (Nov 2003) Small Bowel Checklist v1.1 (Nov 2003) Soft Tissue Guideline v1.1 (Nov 2003) Checklist v1.1 (Nov 2003) Testis Checklist v1.1 (Nov 2003) Thyroid Urinary Bladder Checklist v1.1 (Nov 2003) Vagina Checklist v1.1 (Nov 2003) Vulva Checklist v1.1 (Nov 2003)

44 INDICATORI Costruiti basandosi su la sola fonte in esame confronto / combinazione (record linkage) con altre fonti

45 INDICATORI ANAGRAFE RESIDENTI Residenti senza Codice Fiscale x classi di età e cittadinanza Differenza per classe di età e genere tra residenti e ISTAT ANAGRAFE ASSISTITI Assistiti senza codice fiscale x classi di età e luogo di nascita Differenza per classe di età e genere tra residenti e assistiti

46 INDICATORI MORTALITÀ Distribuzione per genere e classe di età delle cause di morte mal definite

47

48

49 INDICATORI MORTALITÀ Confronto della distribuzione dei decessi di almeno un anno tra dati locali e dati ISTAT per causa classe di età INRES / OUTRES

50

51 Oltre alla versione cartacea, corredata da floppy disk e in vendita presso il datashop Istat, gli annuari "Cause di morte" e "Decessi - Caratteristiche demografiche e sociali" e le stime pubblicate con la collana Informazioni, sono disponibili anche in formato elettronico sul sito dell Istituto. Sempre sul sito Istat è possibile trovare la pubblicazione Tavole di dati contenente le principali tabelle inserite nei volumi ancora in corso di pubblicazione. Il Laboratorio per l Analisi dei Dati ELEmentari (Adele), che si trova presso al sede centrale dell Istat, consente agli utenti specializzati di avere a disposizione e di trattare gli archivi di dati elementari dell indagine, operando direttamente le aggregazioni e le analisi statistiche desiderate. Il Laboratorio è sotto costante controllo da parte degli esperti dell Istat ai fini del rispetto della riservatezza dei dati individuali.

52 DIMISSIONI OSPEDALIERE INDICATORI Dimissioni per ospedale e causa Dimissioni in ospedali extraregionali per regione di appartenenza/ospedale Rapporto ricoveri oncologici / ricoveri per tutte le cause Rapporto ricoveri oncologici totali / ricoveri oncologici per sede Rapporto DRG medici / DRG chirurgici dei ricoveri oncologici Rapporto Ordinari / DH per causa

53 INDICATORI COMBINATI 1. DCI 2. Casi definiti sulla base della mortalità e di 1 ricovero in cui è avvenuto il decesso (sono 2 fonti ma finte) 3. Casi con sola fonte anatomopatologica 4. Decessi intra-ospedalieri senza certificato di decesso 5. Proporzione dei flussi utilizzati NON linkati alle anagrafi di riferimento 6. Rapporto biopsie rilevate dal flusso di AP, da SDO, da ambulatoriale e intervento maggiore

54

55

56 GRAZIE Antonio Russo Servizio di Epidemiologia e Biostatistica A.O. San Carlo Borromeo Milano

CORSO DI BASE SULLA REGISTRAZIONE DEI TUMORI Principi e Metodi

CORSO DI BASE SULLA REGISTRAZIONE DEI TUMORI Principi e Metodi CORSO DI BASE SULLA REGISTRAZIONE DEI TUMORI Principi e Metodi RHO (MI) 3 Maggio 2010 Antonio Russo Servizio di Epidemiologia e Biostatistica Azienda Ospedaliera San Carlo Borromeo - Milano Il sistema

Dettagli

I FLUSSI INFORMATIVI E LA REGISTRAZIONE DEI TUMORI. Ivan Rashid

I FLUSSI INFORMATIVI E LA REGISTRAZIONE DEI TUMORI. Ivan Rashid I FLUSSI INFORMATIVI E LA REGISTRAZIONE DEI TUMORI Ivan Rashid OBIETTIVI Come funzionano i registri tumori (RT)? Quali flussi informativi sono utilizzati dai RT? Quali flussi informativi non sono utilizzati

Dettagli

FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA

FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA Nazionali (ISTAT: sociodemografici, mortalità) Locali (Regioni, Asl, altro: ricoveri, farmaci, esenzione ticket, anagrafe, registri di patologia) Informatizzazione e possibilità

Dettagli

I Registri Tumori in Campania. Il ruolo dell Osservatorio Epidemiologico Regionale

I Registri Tumori in Campania. Il ruolo dell Osservatorio Epidemiologico Regionale Convegno Carte in Tavola Due anni di CCM e di Sanità Pubblica I Registri Tumori in Campania. Il ruolo dell Osservatorio Epidemiologico Regionale R. Pizzuti, O.E.R. Campania A. Donato, R.T. Provincia di

Dettagli

Stime di incidenza e mortalità per cause tumorali nell area di Brindisi: risultati del Registro Tumori Jonico Salentino

Stime di incidenza e mortalità per cause tumorali nell area di Brindisi: risultati del Registro Tumori Jonico Salentino Osservatorio Epidemiologico Regionale Registro Tumori Jonico-Salentino RT J-S Stime di incidenza e mortalità per cause tumorali nell area di Brindisi: risultati del Registro Tumori Jonico Salentino Prof.

Dettagli

Luisa Frova e Stefano Marchetti Istituto Nazionale di statistica

Luisa Frova e Stefano Marchetti Istituto Nazionale di statistica Quando l Indagine sulle Cause di morte può trovare sinergie con i registri regionali Un primo passo verso la specializzazione delle funzioni e l eliminazione delle sovrapposizioni Potenzialità e limiti

Dettagli

STATO di FATTO AL 31/12/2014

STATO di FATTO AL 31/12/2014 STATO di FATTO AL 31/12/2014 Studio Epidemiologico Retrospettivo Permanente sulla Malattia Neoplastica ASL VCO GENNAIO 2015 (Registro Tumori) www.registrotumorivco.org Giulio Barigelletti 1/21 Premesse

Dettagli

Come premessa alla presentazione appare opportuno precisare che lo scopo finale del progetto è quello di presentare all accreditamento i dati della

Come premessa alla presentazione appare opportuno precisare che lo scopo finale del progetto è quello di presentare all accreditamento i dati della Come premessa alla presentazione appare opportuno precisare che lo scopo finale del progetto è quello di presentare all accreditamento i dati della provincia di Caltanissetta. Per poter essere accreditati

Dettagli

ANALISI E COMMENTO AI DATI DI INCIDENZA, MORTALITA E SOPRAVVIVENZA

ANALISI E COMMENTO AI DATI DI INCIDENZA, MORTALITA E SOPRAVVIVENZA Via Marconi 66 80059 Torre del Greco (NA) ANALISI E COMMENTO AI DATI DI INCIDENZA, MORTALITA E SOPRAVVIVENZA Oltre alle tabelle e dati consultabili sul sito, riteniamo opportuno fornire alcune tabelle

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO In tutto il mondo il carcinoma della mammella è il tumore più frequente nella popolazione femminile, sia per incidenza sia per mortalità. L Organizzazione Mondiale della

Dettagli

Il cancro nelle Marche

Il cancro nelle Marche Il cancro nelle Marche La mortalità per tumori nella regione Marche Nelle Marche (1.443.000 abitanti nel periodo 1992-95), secondo i dati ISTAT, ogni anno, muoiono per cancro circa 4.000 persone (2.413

Dettagli

La gestione del flusso informativo delle schede di morte nella Regione del Veneto

La gestione del flusso informativo delle schede di morte nella Regione del Veneto La gestione del flusso informativo delle schede di morte nella Regione del Veneto Montecchio Precalcino, 22 marzo 2013 Francesco Avossa, Elena Schievano è una lunga storia Circolare regionale n. 67 del

Dettagli

Analisi dei costi oncologici in Italia

Analisi dei costi oncologici in Italia Analisi dei costi oncologici in Italia Stefano Guzzinati Registro Tumori del Veneto Seminario L impatto dei tumori sui sistemi sanitari: approcci ed esperienze a confronto Roma, 4 febbraio 2014 Perché

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE

CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE FORNITURA SOFTWARE GESTIONALE E MANUTENZIONE PER IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO/SANITARIO DELLA ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE E RICOVERI OSPEDALIERI

Dettagli

Regione Calabria ASP Catanzaro

Regione Calabria ASP Catanzaro Regione Calabria ASP Catanzaro La Registrazione dei Tumori in Regione Calabria Cosenza, 25-26 febbraio - Teatro Rendano COPERTURA: NORD=42,5% CENTRO=25,5% SUD E ISOLE=16,5% Aree coperte dai Registri di

Dettagli

IL REGISTRO TUMORI DELL ASL DELLA PROVINCIA DI BRESCIA

IL REGISTRO TUMORI DELL ASL DELLA PROVINCIA DI BRESCIA IL REGISTRO TUMORI DELL ASL DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Progetto curato dall Osservatorio Epidemiologico dell ASL della Provincia di Brescia Autori Magoni Michele, Becilli Marco Collaborazioni Il Registro

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

I percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con frattura di femore

I percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con frattura di femore La chirurgia dell anca Strumenti e metodi di valutazione della qualità dell assistenza Firenze, 4 aprile 2006 I percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con frattura di femore Paolo Francesconi

Dettagli

L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto. Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo

L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto. Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo XXXVI CONGRESSO ANNUALE AIE Bari, 29-31 ottobre 2012 Sistema

Dettagli

Anita Andreano e Antonio Russo

Anita Andreano e Antonio Russo DEFINIZIONE DI UN SET DI INDICATORI DEL PROCESSO DI DIAGNOSI E CURA DEL TUMORE POLMONARE TRAMITE METODO DELPHI-MODIFICATO E PRESENTAZIONE DEGLI INDICATORI CALCOLATI SULLA POPOLAZIONE DI DUE ASL DELLA PROVINCIA

Dettagli

Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006)

Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006) Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006) Programma triennale di attività 2008-2010 Il quadro normativo e progettuale della prevenzione nei luoghi di lavoro

Dettagli

STUDIO EPIDEMIOLOGICO PERMANENTE MALATTIA NEOPLASTICA

STUDIO EPIDEMIOLOGICO PERMANENTE MALATTIA NEOPLASTICA SOC ONCOLOGIA MEDICA - ASL VCO STUDIO EPIDEMIOLOGICO PERMANENTE MALATTIA NEOPLASTICA NEL VCO Verbania, sabato 19 settembre 2015 relatore: Giulio Barigelletti responsabile tecnico/scientifico di progetto

Dettagli

Generalità sugli standard di registrazione

Generalità sugli standard di registrazione Corso intensivo di formazione sui controlli di qualità Generalità sugli standard di registrazione C. Buzzoni 1,2 1 ISPO, Firenze 2 Banca Dati AIRTUM Salerno, 10-12 Giugno 2015 Standard di registrazione:

Dettagli

Ricoveri SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DEL POSTO LETTO

Ricoveri SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DEL POSTO LETTO Ricoveri SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DEL POSTO LETTO SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. - REA

Dettagli

Organizzazione e modalità di funzionamento del Registro Tumori della Regione Piemonte, istituito con Legge Regionale 4/2012

Organizzazione e modalità di funzionamento del Registro Tumori della Regione Piemonte, istituito con Legge Regionale 4/2012 Organizzazione e modalità di funzionamento del Registro Tumori della Regione Piemonte, istituito con Legge Regionale 4/2012 Il Registro Tumori Piemonte (RTP) raccoglie i casi di neoplasia maligna insorti

Dettagli

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova 8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova I programmi di screening per la prevenzione dei tumori della mammella, del colon retto e della cervice uterina

Dettagli

L ospedalizzazione ed i percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con ictus in Toscana

L ospedalizzazione ed i percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con ictus in Toscana Volterra, 17 maggio 2007 L ospedalizzazione ed i percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con ictus in Toscana Paolo Francesconi ARS Osservatorio Epidemiologia 1. L Ospedalizzazione nella fase

Dettagli

Neoplasia ovarica nel Veneto La valutazione dei processi di cura a partire dai dati amministrativi. Paolo Spolaore

Neoplasia ovarica nel Veneto La valutazione dei processi di cura a partire dai dati amministrativi. Paolo Spolaore Neoplasia ovarica nel Veneto La valutazione dei processi di cura a partire dai dati amministrativi Paolo Spolaore Padova, 1 ottobre 2007 Scenario Contesto demografico Crescente invecchiamento della popolazione

Dettagli

il Controllo della Qualità dei dati

il Controllo della Qualità dei dati Corso di base sulla registrazione dei tumori: principi e metodi Reggio Emilia, 3-6 Dicembre 2007. il Controllo della Qualità dei dati DEPedits, CheckRT Ivan Rashid Registro Tumori di Modena 1 Premessa

Dettagli

Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010)

Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) DECRETO n. 104 del 24.09.2012 Oggetto: Istituzione del Registro Tumori

Dettagli

Registro Tumori Cantone Ticino Svizzera

Registro Tumori Cantone Ticino Svizzera Registro Tumori Cantone Ticino Svizzera Una breve presentazione A.Bordoni, M.Ginier XXV Riunione del gruppo per l epidemiologia l e la registrazione del cancro nei paesi di lingua latina 1-22 giugno 2001,

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC PIANO ANNUALE DI ATTIVITA approvato dal CC Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale 2009-

Dettagli

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro Anni 2011-2012 A cura di: Antonella Sutera Sardo Maria Antonietta Soccio Marilena Adamo Elisa Defezza Pierina Mancuso, Vincenzo Nocera Vilma

Dettagli

Valutazione dell appropriatezza dei ricoveri dei malati oncologici terminali in Provincia di Ragusa

Valutazione dell appropriatezza dei ricoveri dei malati oncologici terminali in Provincia di Ragusa AZIENDA REGIONALE DI RIFERIMENTO per l emergenza di 2 livello OSPEDALI CIVILE MARIA PATERNO AREZZO RAGUSA REGISTRO DEI TUMORI DELLA PROVINCIA DI RAGUSA Responsabile: Dr Rosario Tumino Via Dante n. 109

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale Servizio affari generali e istituzionali e sistema informativo APPALTO CONCORSO PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Figura 1 Dati di incidenza del tumore al polmone. Banca dati Associazione Italiana Registri Tumori

Figura 1 Dati di incidenza del tumore al polmone. Banca dati Associazione Italiana Registri Tumori Impatto del fumo sui tumori del polmone in provincia di Sondrio In Italia la neoplasia del polmone è il terzo tumore più comune nei maschi, dopo quello della prostata e quelli non melanomatosi delle cute,

Dettagli

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio 1. BACKGROUND La mortalità e la morbosità materna grave correlate al travaglio o

Dettagli

Corso Alcide de Gasperi, 167 80053 Castellammare di Stabia (NA)

Corso Alcide de Gasperi, 167 80053 Castellammare di Stabia (NA) Corso Alcide de Gasperi, 167 80053 Castellammare di Stabia (NA) Registro Tumori di popolazione della Regione Campania c/o l ASL Napoli 3 Sud Andamento della patologia oncologica sul territorio di riferimento

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

Stato di salute della popolazione del comune di Bergamo

Stato di salute della popolazione del comune di Bergamo Azienda Sanitaria Locale della Direttore Generale dr.ssa Mara Azzi Direttore Sanitario dr. Giorgio Barbaglio Osservatorio Epidemiologico Dipartimento di Prevenzione Medico Atlante di Epidemiologia Geografica

Dettagli

IL REGISTRO TUMORI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

IL REGISTRO TUMORI DELLA PROVINCIA DI SALERNO IL REGISTRO TUMORI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Il Registro Tumori di popolazione della Provincia di Salerno è stato istituito con deliberazione di Giunta Provinciale n. 4093 del 27/11/1996, al precipuo

Dettagli

XXIII Convegno IMER Bologna 16 aprile 2010

XXIII Convegno IMER Bologna 16 aprile 2010 XXIII Convegno IMER Bologna 16 aprile 2010 Esperienza del Registro Malformazioni Congenite di Mantova sull integrazione dei flussi informativi Vanda Pironi*, Paolo Ricci* *Osservatorio Epidemiologico,

Dettagli

TRACCIA DI STUDIO. Tassi o quozienti

TRACCIA DI STUDIO. Tassi o quozienti TRACCIA DI STUDIO Per descrivere e quantificare aspetti epidemiologici, è necessario fare uso di rapporti tra dati legati da un nesso logico. Il risultato viene sovente moltiplicato per un multiplo di

Dettagli

7. FONTI DEI DATI, DIMENSIONI DI ANALISI E INDICATORI STATISTICI

7. FONTI DEI DATI, DIMENSIONI DI ANALISI E INDICATORI STATISTICI 7. FONTI DEI DATI, DIMENSIONI DI ANALISI E INDICATORI STATISTICI 7.1. FONTI DEI DATI Per la realizzazione dell atlante sanitario della Regione Piemonte sono state utilizzate le basi dati dei seguenti sistemi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3115 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARONI, GRILLO, BUSTO, ZOLEZZI, DALL OSSO, DAGA, DE ROSA, DI VITA, SILVIA GIORDANO, LOREFICE,

Dettagli

Privacy: regolamenti per il trattamento dei dati

Privacy: regolamenti per il trattamento dei dati Privacy: regolamenti per il trattamento dei dati Luigi Bisanti ASL di Milano Servizio di Epidemiologia Stati esteri in cui la registrazione dei tumori è regolata da normativa nazionale Australia Canada

Dettagli

Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati

Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati Convegno ANCE - Gardacuore 98 Convegno ANCE - 12-13 Settembre 1998 Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati Plinio Pinna Pintor Paradigma di Donabedian Oggetti della Verifica

Dettagli

Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia

Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia Rif.: 1300001193 Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia walter bergamaschi D.G. Sistemi Informativi Ministero della Salute Bologna, 13 ottobre 2005 "We need to shift

Dettagli

IL REGISTRO TUMORI DELL ASL DI BRESCIA

IL REGISTRO TUMORI DELL ASL DI BRESCIA IL REGISTRO TUMORI DELL ASL DI BRESCIA Dr Carmelo Scarcella DG Dr Annamaria Indelicato DS Prof. Francesco Donato Dr Rosa Maria Limina Sig. Stefano Brunelli Sig.ra Assunta Omassi Sig. Giuseppe Zani Sig.

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Livelli di Assistenza

Dettagli

DATI PRELIMINARI SULLA INCIDENZA DELLE PATOLOGIE DA SILICE IN EMILIA ROMAGNA IVAN PAREDES AZIENDA USL MODENA PARMA 27 MARZO 2009 BANCHE DATI

DATI PRELIMINARI SULLA INCIDENZA DELLE PATOLOGIE DA SILICE IN EMILIA ROMAGNA IVAN PAREDES AZIENDA USL MODENA PARMA 27 MARZO 2009 BANCHE DATI DATI PRELIMINARI SULLA INCIDENZA DELLE PATOLOGIE DA SILICE IN EMILIA ROMAGNA IVAN PAREDES AZIENDA USL MODENA INAIL SPSAL SDO ALTRE: BANCHE DATI REPARTI OSPEDALIERI MMG PROCURA DELLA REPUBBLICA BANCA DATI

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

BASI DATI IN SANITA : Problemi e opportunità

BASI DATI IN SANITA : Problemi e opportunità SAS CAMPUS 2011 Business Intelligence e Analytics nell università, nel business e nel government per la crescita del Sistema Paese Sessione Government Analytics Basi dati e valutazione della qualità in

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico

Osservatorio Epidemiologico Osservatorio Epidemiologico Registro Mortalità Registro Tumori Registro Malformazioni Congenite Banca Dati Assistito Rischi Ambientali per la Salute Catena di montaggio Recupero delle informazioni Medici

Dettagli

L epidemiologia del diabete senile

L epidemiologia del diabete senile L anziano diabetico Dall epidemiologia alla gestione multidimensionale L epidemiologia del diabete senile Paolo Spolaore Verona, 26 ottobre 2007 La popolazione nel Veneto 0 50000 100000 150000 200000 250000

Dettagli

TREND DI EVENTI SANITARI NELLA REGIONE MARCHE

TREND DI EVENTI SANITARI NELLA REGIONE MARCHE Dipartimento di Ancona Servizio Epidemiologia Ambientale Via C. Colombo, 106-60127 Ancona Tel. 07128732760 - Fax 07128732761 e-mail: Epidemiologia.AmbientaleAN@ambiente.marche.it TREND DI EVENTI SANITARI

Dettagli

Il cancro della prostata

Il cancro della prostata Il cancro della prostata Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007 Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte La prostata La prostata La prostata è una ghiandola dell apparato genitale maschile: produce e immagazzina

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute MATTONE PATIENT FILE Anagrafe delle Persone Fisiche Gianni Maglione Regione Friuli Venezia Giulia Roma 19 giugno 2007 2005 Anagrafe delle Persone Fisiche: il mandato Fornire Linee

Dettagli

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LA SITUAZIONE ITALIANA ASL con gestione diretta degli Ospedali ASL senza alcun ospedale

Dettagli

L informatizzazione dei registri sanitari

L informatizzazione dei registri sanitari CON IL PATROCINIO DELLA Associazione Nazionale Etica e Salute REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute Politiche Sanitarie L informatizzazione dei registri sanitari Dott. Giuseppe Andrea De Biase

Dettagli

Confronto di percorsi di diagnosi e trattamento tra Italia e USA

Confronto di percorsi di diagnosi e trattamento tra Italia e USA Confronto di percorsi di diagnosi e trattamento tra Italia e USA Anna Gigli Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali (IRPPS-CNR) Seminario L impatto dei tumori sui sistemi sanitari:

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

ANAGRAFI A.P.R. ED A.I.R.E.

ANAGRAFI A.P.R. ED A.I.R.E. ANAGRAFI A.P.R. ED A.I.R.E. La procedura consente all ufficio Anagrafe la gestione della popolazione residente (A.P.R.) e dei cittadini residenti all estero (A.I.R.E.), nel rispetto del DPR 30/05/1989

Dettagli

Anagrafe. Uffici Demografici / ottobre 2013

Anagrafe. Uffici Demografici / ottobre 2013 Anagrafe Gestione completa dello storico per l eliminazione dell archivio cartaceo. Ricostruzioni storiche a qualsiasi data. Individuazione operatore che esegue eventuali variazioni. Gestione completa

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA

Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA Gli accidenti cerebrovascolari sono un rilevante problema di sanità pubblica nel mondo occidentale e meno nei paesi in via

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

HEALTH SEARCH: INTERVENTI

HEALTH SEARCH: INTERVENTI Health Search HEALTH SEARCH: INTERVENTI MOTIVAZIONALI E PROCEDURE DI QUALITÀ FABIO SAMANI, GIUSEPPE VENTRIGLIA, ROBERTO NARDI, CARLO NICCOLAI, GIORGIO CARLO MONTI Il consolidamento delle attività di Health

Dettagli

TERAPIA. Sostegno alla Donna, alla Famiglia, Collaborazione con Organizzazioni ed altri Servizi

TERAPIA. Sostegno alla Donna, alla Famiglia, Collaborazione con Organizzazioni ed altri Servizi TERAPIA. Sostegno alla Donna, alla Famiglia, Collaborazione con Organizzazioni ed altri Servizi Francesca Rovera Università degli Studi dell Insubria Azienda Ospedale di Circolo Varese CARCINOMA MAMMARIO:

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Rete anatomie patologiche

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Rete anatomie patologiche LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Rete anatomie patologiche Rete delle anatomie patologiche regionali: gestione dei referti e condivisione informatizzata delle informazioni Definizione della rete

Dettagli

Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE

Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE Verona, 10 maggio 2007 A cura del CRRC-SER Centro Regionale di Riferimento per il Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Congresso Regionale Congiunto SID - AMD Padova 25 novembre 2006 Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Paolo Spolaore Scenario Contesto demografico crescente invecchiamento della popolazione

Dettagli

3.1 Tasso di ospedalizzazione (T.O.) per 1.000 residenti

3.1 Tasso di ospedalizzazione (T.O.) per 1.000 residenti 3. Ospedalizzazione Tutti gli iicatori del presente capitolo si riferiscono ai ricoveri effettuati dai residenti in regione, iipeentemente da dove siano avvenuti (all interno o all esterno della regione).

Dettagli

Epidemiologia dei tumori professionali

Epidemiologia dei tumori professionali Epidemiologia dei tumori professionali L. Miligi U.O. di Epidemiologia Ambientale Occupazionale, ISPO, Istituto per lo studio e la Prevenzione Oncologica, Firenze La sorveglianza sanitaria in esposti ad

Dettagli

Epidemiologia regionale della malattia diabetica San Bonifacio, 17 maggio settembre 2014

Epidemiologia regionale della malattia diabetica San Bonifacio, 17 maggio settembre 2014 Epidemiologia regionale della malattia diabetica San Bonifacio, 17 maggio settembre 2014 Sistema Epidemiologico Regionale-SER http://www.ser-veneto.it Fonti informative per la prevalenza del Diabete Mellito

Dettagli

TRACCIATO RECORD S.D.O.

TRACCIATO RECORD S.D.O. TRACCIATO RECORD S.D.O. FILE A1 ARCHIVIO DATI ANAGRAFICI All.: 2 Posizione NOME CAMPO Tipo Lung. DESCRIZIONE Codice 1-8 Codice istituto di ricovero AN 8 Valore ammesso: V codice identificativo della struttura

Dettagli

Il Database del Ministero della Salute

Il Database del Ministero della Salute Il Database del Ministero della Salute Giorgio Reggiardo Medi Service Data Management Unit- Genova Dati ricavati dalle informazioni contenute nelle Schede Dimissioni Ospedaliere relative agli anni 2001

Dettagli

Progetto. Mosaico. network di analisi delle terapie e studi epidemiologici

Progetto. Mosaico. network di analisi delle terapie e studi epidemiologici Progetto Mosaico network di analisi delle terapie e studi epidemiologici IMS Health IMS Health è un grande gruppo internazionale leader nel mondo nella fornitura di servizi di informazioni di mercato per

Dettagli

I TUMORI IN PROVINCIA DI MODENA NEL BIENNIO 1998-99

I TUMORI IN PROVINCIA DI MODENA NEL BIENNIO 1998-99 REGISTRO TUMORI DELLA PROVINCIA DI MODENA I TUMORI IN PROVINCIA DI MODENA NEL BIENNIO 1998-99 MASSIMO FEDERICO (1) MARIA ELISA ARTIOLI (1) ANTONIO MAIORANA (2) GIANFRANCO DE GIROLAMO (3) (1) Programma

Dettagli

MODULO HEALTH - SAMPLE TEST (rev 4) 10 domande

MODULO HEALTH - SAMPLE TEST (rev 4) 10 domande MODULO HEALTH - SAMPLE TEST (rev 4) 10 domande (16 ottobre 2008) Domanda 1 1.1 Concetti 1.1.1 Sistemi Informativi Sanitari (SIS) 1.1.1.1 Definire un Sistema Informativo Sanitario (SIS) come un sistema

Dettagli

SCHEDA DI DIMISSIONE HOSPICE

SCHEDA DI DIMISSIONE HOSPICE Delibera di Giunta N.ro 2002/589 del 15/4/2002: Tariffa giornaliera a carico del servizio sanitario regionale per la remunerazione delle prestazioni di ricovero erogato e dai centri residenziali per le

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

NOTIZIE DAI REPARTI DI SONDALO E MORBEGNO

NOTIZIE DAI REPARTI DI SONDALO E MORBEGNO NOTIZIE DAI REPARTI DI SONDALO E MORBEGNO Dati statistici relativi all attività del 2010 Anche quest anno dobbiamo segnalare un aumento del numero totale dei ricoveri nei nostri due Hospice. Per il primo

Dettagli

Offerta sanitaria e sopravvivenza di pazienti con tumore del colon nella Provincia di Palermo

Offerta sanitaria e sopravvivenza di pazienti con tumore del colon nella Provincia di Palermo Dipartimento di Scienze per la Promozione della Salute Registro Tumori della Provincia di Palermo Università degli Studi di Palermo Direttore Prof. Nino Romano Regione Sicilia AUSL 6 Palermo Dipartimento

Dettagli

CORSO LIVELLO AVANZATO DA MILLEWIN A MILLE UTILITA

CORSO LIVELLO AVANZATO DA MILLEWIN A MILLE UTILITA CORSO LIVELLO AVANZATO DA MILLEWIN A MILLE UTILITA Contenuti aggiornati al mese di Febbraio 2011 *Il presente documento è stato realizzato grazie al contributo della Società Italiana di Medicina Generale

Dettagli

Percorsi assistenziali del diabete: un esempio di monitoraggio di un percorso (PDTA) alla portata delle fonti informative correnti?

Percorsi assistenziali del diabete: un esempio di monitoraggio di un percorso (PDTA) alla portata delle fonti informative correnti? Percorsi assistenziali del diabete: un esempio di monitoraggio di un percorso (PDTA) alla portata delle fonti informative correnti? Roberto Gnavi, Giuseppe Costa Università Torino e ASL TO3 del Piemonte

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 913 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BIONDELLI, ANTEZZA, CAPONE, CARDINALE, CARRA, COCCIA, D INCECCO, GRASSI, GULLO, MARIANO, MAR-

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di neoplasia i italia (asr-eu 366,6 escluso ca. cute)

Dettagli

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio Domenico Di Lallo Roma, 18 dicembre 2012 Indice della presentazione

Dettagli

Fondamenti di. ROMA 16-18 marzo 2016. Ivan Rashid

Fondamenti di. ROMA 16-18 marzo 2016. Ivan Rashid Fondamenti di Tecniche di registrazione ROMA 16-18 marzo 2016 Ivan Rashid Base di diagnosi Basi di diagnosi aggiunti da AIRTUM 0 DCO 1 Clinica 2 Strumentale 3 Autopsia senza istologia 4 Marker tumorale

Dettagli

ARCHIVIO UNICO REGIONALE DEGLI ASSISTITI organizzazione e modalità di gestione

ARCHIVIO UNICO REGIONALE DEGLI ASSISTITI organizzazione e modalità di gestione ARCHIVIO UNICO REGIONALE DEGLI ASSISTITI organizzazione e modalità di gestione Pagina 1 di 55 SOMMARIO Sezione 1 - Gestione dei dati anagrafici dei cittadini a fini sanitari...3 Premessa...4 Scheda n.1:

Dettagli

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Complessità Sistema Sanitario e Sociosanitario Natura delle patologie stadio ed evoluzione necessità assistenziali Domanda popolazione che esprime

Dettagli

ASP Palermo. In relazione a quanto previsto dal comma 1 dell art.21 della Legge 18 giugno 2009 n. 69. INFORMAZIONI PERSONALI

ASP Palermo. In relazione a quanto previsto dal comma 1 dell art.21 della Legge 18 giugno 2009 n. 69. INFORMAZIONI PERSONALI In relazione a quanto previsto dal comma 1 dell art.21 della Legge 18 giugno 2009 n. 69. ASP Palermo INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome BECCHINA Gaspare Data di nascita 18/08/1964 Posto di lavoro e indirizzo

Dettagli

ANALISI DEI RICOVERI OSPEDALIERI PER TUMORE DEL POLMONE ANNO 2014 1

ANALISI DEI RICOVERI OSPEDALIERI PER TUMORE DEL POLMONE ANNO 2014 1 ANALISI DEI RICOVERI OSPEDALIERI PER TUMORE DEL POLMONE ANNO 2014 1 1. Data set analizzato e suoi limiti Il data set analizzato include: 1. Tutti i ricoveri avvenuti nei presidi ospedalieri dell Area Vasta

Dettagli

Milano, 28-30 Ottobre 2015. Carlotta Buzzoni 1, Donella Puliti 1, Alessandro Barchielli 1, Marco Zappa 1 e Jonas Hugosson 2 per ERSPC Working2 Group

Milano, 28-30 Ottobre 2015. Carlotta Buzzoni 1, Donella Puliti 1, Alessandro Barchielli 1, Marco Zappa 1 e Jonas Hugosson 2 per ERSPC Working2 Group Approccio Incidence based mortality per la valutazione della riduzione di mortalità per carcinoma prostatico nello studio randomizzato europeo sullo screening per tumore della prostata (ERSPC) Milano,

Dettagli

Informatizzazione delle strutture:

Informatizzazione delle strutture: Informatizzazione delle strutture: 9 anni di esperienza e Rete Oncologica Trentina Enzo Galligioni Oncologia Medica, Trento 1 Assistenza sanitaria in Trentino: Peculiarità organizzative Provincia Autonoma

Dettagli

REGISTRI TUMORI. Cosa sono? La storia

REGISTRI TUMORI. Cosa sono? La storia REGISTRI TUMORI Cosa sono? I Registri tumori sono strutture impegnate nella raccolta di informazioni sui malati di cancro residenti in un determinato territorio. Sono necessari perché in nessuna struttura

Dettagli