Filippo Druda LO SVILUPPO IN ANDROID

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Filippo Druda LO SVILUPPO IN ANDROID"

Transcript

1 1 Classe 5 A Candidato Filippo Druda LO SVILUPPO IN ANDROID

2 2 L'EVOLUZIONE TECNOLOGICA NON HA MAI DANNEGGIATO NESSUNO..

3 ABSTRACT Istituto Tecnico Industriale Don Orione Fano 3 Il progresso tecnologico riguardante la telecomunicazione ha portato un susseguirsi di innovazioni. Con tali strumenti è stata creata una nuova applicazione per migliorare lo stile di vita dei ragazzi o adulti che si approcciano allo studio. Una nuova via per studiare, per ripassare sfruttando la mobilità dello smartphone.

4 ABSTRACT (ENGLISH VERSION) 4 Technological progress of telecommunications has brought a number of innovations. With these tools, a new application to improve the method of study of children or adults has been created. Smartphone mobilibity combined with applications pave the way for a new way to study.

5 INDICE Istituto Tecnico Industriale Don Orione Fano 5 INTRODUZIONE PAG. 6 1 L'ARTE DELLO STUDIO PAG STUDIARE, PERCHE'?... PAG. 8 2 LO SVILUPPO DELLA TECNOLOGIA MOBILE... PAG L'IDEA.... PAG I PRIMI PROTOTIPI... PAG LO SVILUPPO CONTINUO... PAG I SISTEMI OPERATIVI... PAG CENNI STORICI PAG DIFFUSIONE DI ANDROID NEL MONDO... PAG ARCHITTETTURA DI ANDROID... PAG LINUX KERNEL... PAG LIBRARIES... PAG ANDROID RUNTIME... PAG APPLICATION FRAMEWORK... PAG APPLICATIONS... PAG APPLICAZIONI ANDROID E ACTIVITIES... PAG ACTIVITIES... PAG CICLO DI VITA DI UN ACTIVITY... PAG EASY STUDIO : LO STUDIO PAG INTRODUZIONE ALL'APPLICAZIONE... PAG IL SUO FUNZIONAMENTO... PAG RISULTATI... PAG. 25

6 6 INTRODUZIONE Nei nostri tempi, il cellulare e' diventato parte integrante della nostra vita, indifferentemente da adulti o bambini. Il cellulare e' strumento di vitale importanza ed e' una delle invenzioni tecnologiche piu' importanti. Sia per lavoro, sia per la vita quotidiana, sia per puro divertimento, ognuno oramai possiede questo attrezzo elettronico. Non si sa se e' un bene o un male, perche' molte persone esagerano sull'utilizzo. Spesso ci si ritrova a farne un uso intenso senza accorgersene. Ciò comporta a una scarsa attenzione del mondo che ci circorda, specialmente della famiglia, degli amici. Ci si perde all'interno di uno schermo per ore e ore. Il cellulare comunque non e' uno strumento per immobilizzare le persone. E' uno strumento utilissimo per essere aggiornati, per contattarsi, per fotografare momenti della tua vita che in un futuro potranno essere rivisiti. Figura 1: Simpatico esempio della mancanza di attenzioni a un figlio, causato dallo smartphone

7 CAPITOLO 1 Istituto Tecnico Industriale Don Orione Fano 7 L'ARTE DELLO STUDIO Studiare. Molte persone non conoscono i vari significati di questa parola, la maggior parte l'attribuiscono subito all'atto del leggere e ricordare ciò che leggiamo. Cercando con Google la parola studiare, si possono trovare i seguenti 5 significati: Figura 2: Risultato della ricerca sulla parola studiare Quello che si vuol dire è che lo studio non è attribuito alla lettura. Lo studio è inventare, esaminare, applicarsi, dedicarsi e approfondire.

8 1.1 STUDIARE, PERCHE'? Istituto Tecnico Industriale Don Orione Fano 8 Perché studiare? Se lo studente si appassiona dell insegnante, anche se inizialmente è dubbioso, è quasi sempre preso dalla bellezza che l insegnante ha incontrato e che cerca di trasmettere agli studenti. Questo è il metodo perché il ragazzo studi, e di conseguenza ottenga ottimi risultati. Lo studio non nuoce, se non è obbligatorio. Innamorarsi di una materia, di un capitolo o di un semplice paragrafo, susciterà alla persona un sentimento molto forte che lo porterà ad approfondire maggiormente. CAPITOLO 2 LO SVILUPPO DELLA TECNOLOGIA MOBILE L'enorme sviluppo della tecnologia mobile che porta uno strumento indispensabile nei nostri giorni 2.1 L'IDEA Martin Cooper inventò il famoso telefono cellulare, direttore della sezione Ricerca e sviluppo della Motorola, che fece la sua prima telefonata da un cellulare il 3 aprile Cooper raccontò che l'idea ispiratrice del telefono cellulare gli venne dalla visione del telefilm Star Trek in cui il Capitano Kirk usava un dispositivo analogo. 2.2 I PRIMI PROTOTIPI Il primo cellulare creato pesava 1,1 kg, le dimensioni del telefono con cui Cooper ha effettuato la chiamata erano di 230 millimetri, 127 millimetri per 44,4 millimetri. È stato un prototipo che impiegava circa dieci ore per caricarsi con cui eri in grado di parlare per 30 minuti. 10 anni dopo, nel 1983, il Motorola DynaTAC 8000X è comparso sul mercato con un costo di poco più di È stato il primo nella storia dei telefoni cellulare ad essere rilasciato commercialmente offrendo 30 minuti di conversazione, con la possibilità di memorizzare 30 numeri con un tempo di attesa di 6 ore. Le dimensioni e il peso dei

9 prodotti sono stati ridotti e in aggiunta alla tipica tastiera telefonica a 12 tasti, aveva 9 dei tasti speciali per la memorizzazione, l invio, richiamata, blocco, volume. 2.3 LO SVILUPPO CONTINUO Lo sviluppo continuo del cellulare ha portato all'invenzione di un telefono computer o così detto smartphone, passando dagli schermi LCD monocromatici ai primi schermi a colori, ora con tecnologia a LED e alla funzionalità touch screen. La grafica sempre più definita e l'impiego di menù sempre più complessi fino all'uso delle icone. 2.4 I SISTEMI OPERATIVI Android rappresenta il sistema operativo per dispostivi mobile più utilizzato al mondo, si stima che al momento più di un miliardo di persone lo utilizzi. Basata su kernel Linux, anche se il suo target sono i dispositivi mobili, l architettura di Android ha poco da invidiare a quelle dei comuni sistemi operativi per desktop o laptop CENNI STORICI Il sistema operativo Android fu inizialmente sviluppato da Android Inc., un azienda americana che venne acquisita nel 2005 da Google. Passati alle dipendenze di Google, gli sviluppatori Andy Rubin, Rich Miner, Nick Sears e Chris White, realizzarono una piattaforma basata sul kernel Linux che venne ufficialmente presentata il 5 novembre A tale applicativo, seguì nel 2008 il rilascio della prima versione del Software Development Kit (SDK) per la realizzazioni di applicazioni Android. Da quel momento la piattaforma Android ebbe una crescita incredibile, subendo numerosi aggiornamenti in poco tempo. A tale fine, in figura sono riportate le principali versioni del sistema operativo presentate nel corso degli anni. Ad eccezione delle prime due versioni di Android che prendono il nome di robottini (i.e., Astro Boy e Bender) tutte le versioni seguenti utilizzano nomi, in ordine alfabetico, di dolcetti.

10 Tra le prime versioni, è importante ricordare la distribuzione Froyo, la quale introduce 10 importantissime novità come la Dalvik Virtual Machine e il Just In Time Compiler. Figura 3: Lista delle versioni Android presentate. 2.5 DIFFUSIONE DI ANDROID NEL MONDO Dai dati riportati in Figura 4, relativi al mese di Aprile 2013, si può notare che il sistema operativo per smartphone più diffuso al mondo è Android: installato nel 74% dei terminali venduti. In seconda posizione si colloca invece ios che raggiunge il 19% della quota di mercato. Altri sistemi operativi presenti nel mercato, ma con quote molto più esigue, sono Microsoft (Windows Phone), Blackberry e Symbian. L ampia diffusione del sistema operativo Android nel mondo è uno dei motivi principali per cui è stato scelto questo particolare applicativo nell ambito del progetto in questione. Prendendo in considerazione queste statistiche, si può facilmente affermare che la grande maggioranza degli alunni avranno a disposizione un dispostivo Android da utilizzare in fase di sviluppo e test.

11 11 Figura 4: Diffusione percentuale dei differenti sistemi operativi per smartphone nel mondo. 2.6 ARCHITTETTURA DI ANDROID Il sistema operativo Android è basato su kernel Linux e consiste in una struttura formata da vari livelli o layer, ognuno dei quali fornisce al livello superiore un astrazione del sistema sottostante. I layer principali sono quattro: linux kernel, libraries, application framework, e applications. In Figura 5 viene riportata l archittettura del sistema Android riportando per ogni livello anche i blocchi costitutivi principali. Nei seguenti ognuno dei quattro layer verrà ampiamente descritto.

12 12 Figura 5: Architettura Android LINUX KERNEL Il sistema operativo Android è basato su Kernel Linux 2.6 e 3.x a partire dalla versione 4.0 Ice Cream Sandwitch. Il Kernel Linux permette di costruire il livello di astrazione per tutto l hardware sottostante: includendo cioè i driver per la gestione del WiFi, Bluetooth, GPS, fotocamera, touchscreen, audio, USB driver, etc. Pertanto, ogni produttore di smarphone dovrà modificare questa parte dell architettura al fine di rendere il dispositivo pienamente compatibile con il sistema operativo Android. L astrazione hardware permette ai livelli superiori e agli sviluppatori una programmazione ad alto livello senza preoccuparsi del tipo di hardware che monta il telefono (i.e., la stessa applicazione deve funzionare anche su hardware differenti).

13 Trattandosi di un sistema operativo per dispositivi mobili, al kernel Linux standard 13 sono stati aggiunti ulteriori moduli per fornire una miglior adattabilità, come: Binder (IPC) Driver: driver dedicato che permette la comunicazione tra processi con un costo computazionale minore e quindi con un più basso consumo di batteria. Power Management: sezione progettata per permettere alla CPU di adattare il proprio funzionamento per non consumare energia se nessuna applicazione o servizio ne fa richiesta. Un ultima precisazione riguarda la differenza tra i termini Linux e kernel Linux. Il termine Kernel sta ad indicare il cuore di un qualsiasi sistema operativo. Pertanto dire che Android è basato su Kernel Linux, non significa implicare che questo sistema operativo rappresenti l ennesima distribuzione Linux. Non è così, il suo nucleo è fondato su Linux, ma si tratta di un sistema operativo completamente diverso. Ad esempio non è possibile eseguire qualsiasi pacchetto linux su Android LIBRARIES Il livello immediatamente superiore (riportato in Figura 3 con il colore verde) è rappresentato da un insieme di librerie standard sviluppate in C\C++ che rappresentano il core vero e proprio di Android. In particolare tra di esse troviamo: Surface Manager (SM): è un componente di notevole importanza poiché ha il compito di gestire le View, ovvero gli elementi che compongono l interfaccia grafica, controllando e gestendo le diverse finestre visibili a schermo. Ad esempio la SM impedisce la sovrapposizione disordinata in caso di più finestre aperte contemporaneamente. OpenGL ES: realizzata al fine di poter utilizzare grafica 2D e 3D all interno di una stessa applicazione. Premette di ottimizzare l esecuzione delle operazioni di calcolo e rendering 3D. Scalable Graphics Library (SGL): questa libreria permette di ottimizzare il rendering 2D. Utilizzata soprattutto da Surface Manager e Window Manager (il quale verrà in seguito illustrato). Media Framework: insieme delle librerie necessarie per gestire molti formati per immagini, audio e video (e.g., MPEG4, H.264, MP3, AAC, JPG, e PNG).

14 FreeType: utilizzato per la gestione dei font. 14 SQLite: libreria che implementa un Database Management System (DBMS) di tipo relazionale. Questa libreria consente la creazione, la manipolazione e l'interrogazione efficiente di database. Oltre ad essere particolarmente efficiente tale libreria non richiede alcuna configurazione. WebKit: browser-engine, non è un browser vero e proprio e quindi andrà integrato in diversi tipi di applicazioni. SSL: librerie per gestire i Secure Socket Layer e i relativi problemi legati alla sicurezza. Libc: implementazione della libreria standard C libc ottimizzata per i dispositivi basati su Linux embedded ANDROID RUNTIME Ciò che distingue il sistema operativo Android da una implementazione mobile di Linux è il Runtime, elemento formato dalle core libraries e dalla Dalvik Virtual Machine (DVM). Core libraries: includono buona parte delle funzionalità fornite dalle librerie standard di Java a cui sono state aggiunte librerie specifiche di Android. Dalvik Virtual Machine: Dalvik è una macchina virtuale, progettata da Dan Bornstein, ottimizzata per sfruttare la poca memoria presente nei dispositivi mobili. Essa consente di far girare diverse istanze della macchina virtuale contemporaneamente nascondendo al sistema operativo sottostante (i.e., linux kernel) la gestione della memoria e dei thread. La Dalvik Virtual Machine differisce dalla tradizionale macchina virtuale java (Java Virtual Machine (JVM)): mancano infatti la gestione delle eccezioni, l'architettura è orientata ai registri ed il bytecode con cui lavora non è Java. Come si può infatti notare in Figura 6 la DVM è in grado di eseguire codice contenuto all interno di file di estensione.dex (Dalvik EXecutable) ottenuti a partire dal byte-code Java. La scelta di non utilizzare il byte-code Java nasce dall esigenza di risparmiare quanto più spazio possibile per la memorizzazione ed esecuzione delle applicazioni. DVM permette infatti di diminuire la dimensione di un

15 archivio jar di circa il 50% trasformando il byte-code Java in byte-code per la DVM. 15 Tale operazione si basa sulla condivisione delle informazioni legate al byte-code che verrebbero ripetute più volte occupando spazio inutile. Figura 6: Java Byte Code e Dalvik Executable Al fine di fornire maggiori dettagli in merito alla creazione e all esecuzione di file.dex da parte della Dalvik Virtual Machine, in Figura 7 è riportato il ciclo di vita di un file APK (Android Package) soffermandosi sia sulla fase di creazione sia su quella di installazione. In merito alla fase di creazione dell APK, a partire dal codice Java viene prodotto il file.dex utilizzando lo schema riportato in Figura 6. In seguito l APK viene realizzato unendo file.dex, risorse, e eventuale codice nativo. Mentre per quanto riguarda la fase di installazione il file.dex viene estratto dall APK e trasformato in file.odex (Optimixed Dalvik Exectuable). Tali file rappresentano la parte ottimizzata di un'applicazione prima di poterla avviare. Con questo tipo di file il boot può essere eseguito molto velocemente, in quanto parte dell applicazione è già precaricata nella cache.

16 16 Figura 7: Ciclo di vita di un APK Sfruttando un architettura register-based (orientata all'utilizzo dei registri) rispetto alla tradizionale stack-based (orientata all'utilizzo dello stack) la DVM permette di migliorare il meccanismo di generazione del codice riducendo di circa il 47% le istruzioni ed impiegando il 32% di tempo in meno in fase di esecuzione. Viene in seguito riportato un esempio al fine di comprendere meglio la differenza tra le due architetture considerando l operazione di somma tra due addendi. b = c+d Una macchina stack-based prima di eseguire l'operazione e inserire nello stack il risultato, deve caricare gli addendi; pertanto l operazione in questione viene tradotta nel seguente codice JVM: ILOAD d, ILOAD c, IADD, ISTORE b; In una VM register-based, invece, gli addendi sono caricati in zone diverse di un registro e anche il risultato è memorizzato nel registro stesso. Di conseguenza la stessa espressione si traduce nel seguente codice: IADD a,b,c; In conclusione è facile notare come il codice utilizzato da un architettura registerbased è notevolmente più efficiente rispetto ad un architettura stack-based. A partire dalla versione 2.2 di Android la DVM implementa il Just In Time (JIT) compiler,

17 elemento che interpreta le applicazioni nel momento in cui vengono eseguite rendendo 17 Android un sistema operativo a compilazione dinamica. In dettaglio il JIT permette di trasformare il Dalvik byte-code in codice nativo ottimizzando e velocizzando il sistema operativo stesso. Proprio come la JVM, anche la DVM utilizza il Garbage Collector (GC) per la gestione automatica della memoria. Tramite questo sistema vengono liberate in runtime le porzioni di memoria che non dovranno più essere successivamente utilizzate dalle applicazioni. Questo permette di ridurre il numero di bug e memory leak in fase di sviluppo. In sintesi, la scelta della DVM è stata fatta da Google per due principali motivi: un bytecode che occupa minor spazio su disco e una virtual machine orientata ai registri che risulta essere molto più veloce delle tradizionali virtual machine orientate allo stack. Dalla versione di Android 5.0 (Lollipop), la Dalvik virtual machine è ufficialmente sostituita dalla runtime APPLICATION FRAMEWORK Tutte le librerie viste finora vengono poi utilizzate da un insieme di componenti di più alto livello che costituiscono l Application Framework (AF). Si tratta di un insieme di API e componenti per l esecuzione di funzionalità ben precise e di fondamentale importanza in ciascuna applicazione Android. Questo framework è basato su classi Java che vengono eseguite direttamente nella DVM. Vengono in seguito descritte le principali componenti dell AF. Activity Manager: come verrà in seguito illustrato, l Activity rappresenta uno degli elementi principali che compongono una applicazione. In dettaglio, ogni applicazione avrà un activity per ogni schermata della sua interfaccia grafica. L Activity Manager si occupa di controllare il ciclo di vita delle Activity, tenendo traccia in uno stack ordinato le schermate in base all ordine di visualizzazione. Windows Manager: gestisce le finestre relative a differenti applicazioni. Content Providers (CP): permettono alle applicazioni di avere accesso a dati condivisi. View System: è il componente che fornisce gli strumenti per gestire elementi grafici di diverso tipo. Ad esempio un area di testo può essere facilmente implementata

18 attraverso la classe TextView che astrae la gestione di elementi grafici di più basso 18 livello. Package Manager (PM): si occupa della gestione delle applicazioni dal punto di vista della loro installazione/disinstallazione nei dispositivi. Telephony Manager: fornisce vari servizi per un interazione più diretta con le funzionalità telefoniche del dispositivo. Resource Manager: gestisce tutte le risorse appartenenti ad un applicazione (e.g., immagini, tracce audio, video, etc). Location Manager: rende immediato l accesso a tutti gli hardware in grado di individuare la posizione del dispositivo. Permette quindi di realizzare con pochi passaggi servizi location-based; Notification Manager: dà la possibilità allo sviluppatore di interagire con vari sistemi utilizzati per notificare determinati eventi APPLICATIONS Il livello più alto dello stack è costituito dalle applicazioni: non soltanto quelle native come per esempio il sistema di gestione dei contatti, il calendario, l applicazione per l invio di SMS e tante altre, ma anche quelle provenienti da altre fonti. Android non differenzia le applicazioni di terze parti da quelle già incluse nel telefono, esso garantisce infatti gli stessi privilegi a tutte le categorie di applicazioni.

19 CAPITOLO 3 Istituto Tecnico Industriale Don Orione Fano 19 APPLICAZIONI ANDROID E ACTIVITIES I componenti fondamentali utilizzati per realizzare una App Android sono 4: Activity, Service, Broadcast, Receiver e Content Provider; ciascuno di questi si ottiene estendendo una classe predefinita della libreria che implementa le API Android. Ogni applicazione è pertanto formata da uno o più di questi componenti. Non è detto che li contenga tutti: ad esempio potrebbe essere costituita da due activity e da un service, senza avere broadcast receiver né content provider. Tuttavia, nella stragrande maggioranza dei casi, le applicazioni comprendono almeno un attività. Pertanto si può affermare che le attività rappresentano i componenti fondamentali delle applicazioni Android. Attività (Activities): La loro definizione ufficiale è una singola cosa precisa che l utente può fare ; per questo quasi tutte le activity interagiscono con l utente per mezzo dello schermo o della testiera. Normalmente si fa coincidere una activity con una singola schermata di una App (un menu, una lista, una pagina web, etc.). Le attività sono probabilmente il modello più diffuso in Android, e si realizzano estendendo la classe base android.app.activity. Servizio (Services): sono lanciati per eseguire un operazione caratterizzata da una lunga durata di esecuzione e dalla mancanza di interazione diretta con l utente; in sostanza i service, sono eseguiti in sottofondo mentre l utente si dedica ad altro (oppure non utilizza il dispositivo). Ad esempio si può riprodurre un brano MP3, mentre l utente utilizza delle attività per fare altro. Broadcast Receiver: sono utilizzati per intercettare il verificarsi di particolari eventi globali del sistema (come ad esempio il cambiamento di connessione alla rete), o definiti dal programmatore per mezzo di intent allo scopo di attivare funzionalità o eseguire altri processi (servizi o attività). Ad esempio lo si può utilizzare se si desidera compiere un azione quando si scatta una foto o quando parte la segnalazione di batteria scarica.

20 Content Provider: Sono impiegati per gestire l accesso a insiemi di dati strutturati 20 principalmente per il recupero di informazioni e dati di sistema (eventi del calendario, nominativi della rubrica, etc.). Nei seguenti paragrafi viene illustrato in dettaglio il concetto di Activity riportando informazioni in merito alla sua definizione e al suo ciclo di vita. 3.1 ACTIVITIES Le activity di un App Android sono come le finestre di un applicazione per computer: tablet e smartphone hanno però degli schermi che non permettono di affiancare una o più finestre di lavoro. Per questo motivo una sola activity alla volta può essere in esecuzione su un dispositivo mobile, o meglio più activity possono essere contemporaneamente in esecuzione, ma solo una può essere attiva e visibile sullo schermo; le altre rimangono ibernate finchè l utente non decide di passare ad una di esse. Le Activities sono organizzate in uno stack, dove l attività in cima è quella visualizzata in quel momento. La visualizzazione di una nuova screen corrisponde quindi allo start() di una nuova activity che viene conseguentemente posta in cima allo stack. Al fine di fornire una più chiara spiegazione, in Figura 8 viene raffigurato lo stack delle activity Android. Figura 8: Stack delle Activity Android

21 CICLO DI VITA DI UN ACTIVITIES Ogni volta che l utente preme un pulsante modificando la visualizzazione sullo schermo del dispositivo viene eseguita una nuova activity e viene ibernata la precedente; viceversa premendo il tasto back viene ripristinata l activity precedentemente ibernata. Altri fattori esterni possono cambiare lo stato di activity e lanciarne di nuove, ad esempio la ricezione di una telefonata. La classe Activity definisce alcuni metodi che possono essere ridefiniti e che sono invocati dal sistema operativo Android ogni volta che cambia lo stato di attivazione di un oggetto istanza della classe. Il continuo passaggio di stato di una activity dallo stato di ibernazione allo stato di attivazione e viceversa è noto come ciclo di vita di una activity. Figura 9 rappresenta lo schema dei passaggi di stato di una activity e dei relativi metodi invocati dal sistema operativo. Il sistema operativo Android normalmente termina le activity per recuperare spazio di memoria, ma nulla vieta di terminare da codice una activity. In genere questa operazione viene effettuata quando si desidera che a una nuova attivazione della activity sia creata una nuova istanza della stessa, invece di ripristinare quella precedente. A questo scopo esiste il metodo finish che forza l arresto della activity: il ciclo di vita della activity viene sempre completato per cui saranno invocati tutti i metodi presenti nello schema precedente fino all invocazione del metodo ondestroy.

22 22 Figura 9: Ciclo di vita di un Activity Android

23 CAPITOLO 4 Istituto Tecnico Industriale Don Orione Fano 23 EASY STUDIO : LO STUDIO INTRODUZIONE ALL'APPLICAZIONE EasyStudio è un applicazione per smartphone su sistemi operativi android. L'app è basata sull'idea di migliorare,aiutare e coinvolgere lo studio dei giovani in modo semplice ma allo stesso tempo innovativo. Il suo punto di forza nonché la caratteristica principale è la sua mobilità, poiché lo smartphone è divenuto un oggetto di uso comune, ed è quindi alla portata di ognuno. All'interno dell'applicazione è possibile trovare una lista di autori che coprono una fascia temporale compresa tra '800 e '900, epoche di grande importanza per la letteratura italiana, attualmente oggetto di studio durante il quinto anno di scuola superiore. Associato ad ogni poeta viene corrisposta la corrente letteraria a cui esso appartiene, il periodo in cui è vissuto ed infine il luogo di nascita. Figura 10: Suddivisione dell'applicazione Premendo sull'autore desiderato, si aprirà una schermata di riepilogo riguardante la vita e le opere del personaggio scelto. In questo modo potrà essere facilitata la ricerca, la memorizzazione e l'apprendimento dei contenuti del poeta in questione.

24 Ciò permette all'applicazione di essere un metodo alternativo allo studio che diverrà 24 quindi semplice e veloce. 4.2 IL SUO FUNZIONAMENTO Easy Studio è stata creata con l' ADT (Android Development Tools ) usando il linguaggio Java e utilizzando file XML. Si è utilizzata una Custom List View che otteneva dati da un file.json situato su un server. Ottenute le informazioni necessarie dal file, li carica sulla lista individualmente fino ad arrivare al completo. Figura 11: Porzione di codice che preleva dati dal file.json Stampata la schermata iniziale, si gestisce gli eventi tramite altri xml. Gli xml sono dei file di impostazione di pagina, infatti lo scopo è per lo più grafico dell'applicazione. Questa applicazione avrà effetti positivi sull'apprendimento dei giovani.

25 RISULTATI Istituto Tecnico Industriale Don Orione Fano 25 EasyStudio verrà pubblicato a breve nel PlayStore e sarà disponibile per tutti i dispositivi con sistema operativo Android. Verranno implementate altre funzioni tra cui: Possibilità di verificare le conoscenze apprese tramite questionario Recensire un autore in modo da stipulare una classifica Possibilità di creare un proprio riassunto in base alle proprie conoscenze EasyStudio verrà utilizzato sicuramente per un nuovo metodo di studio sperando di coinvolgere sempre di più altre persone. E' una nuova idea per migliorare lo stile di vita delle persone, e di essere sempre pronti e preparati. Potrebbe essere utilizzato dalle scuole come metodo di insegnamento e di ripasso, consigliando agli studenti di ripassare prima di una verifica o di un interrogazione.

26 26

27 BIBLIOGRAFIA Istituto Tecnico Industriale Don Orione Fano 27 [1] Android World, [2] Wikipedia, [3] Stack Overflow,

Scuola Professionale e Filologica Geom. F.Borgogna Vercelli

Scuola Professionale e Filologica Geom. F.Borgogna Vercelli Scuola Professionale e Filologica Geom. F.Borgogna Vercelli Corsi ANDROID 2013/2014 Benvenuti nel mondo dinamico dello sviluppo di applicazioni per smartphone e tablet Android Corsi ANDROID 2013/2014 L

Dettagli

ANDROID. Domenico Talia. Università della Calabria. talia@dimes.unical.it

ANDROID. Domenico Talia. Università della Calabria. talia@dimes.unical.it ANDROID Domenico Talia Università della Calabria talia@dimes.unical.it Sistemi Operativi per Mobile! I sistemi operativi per sistemi mobili seguono i principi dei SO classici ma devono gestire risorse

Dettagli

Programmazione in ambiente

Programmazione in ambiente Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Programmazione in ambiente Android Laura Montanini - laura.montanini@univpm.it Corso di Tecnologie per le TLC 2013-2014

Dettagli

Sistemi Mobili e Wireless Android Introduzione alla piattaforma

Sistemi Mobili e Wireless Android Introduzione alla piattaforma Sistemi Mobili e Wireless Android Introduzione alla piattaforma Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Cos'è Android?

Dettagli

Tecniche di progettazione e sviluppo di applicazioni mobile

Tecniche di progettazione e sviluppo di applicazioni mobile Slide del corso FSE Tecniche di progettazione e sviluppo di applicazioni mobile svolto presso AREA Science Park Padriciano - Trieste - Italy diegozabot@yahoo.it Android Introduzione diegozabot@yahoo.it

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE PIATTAFORME

INTRODUZIONE ALLE PIATTAFORME INTRODUZIONE ALLE PIATTAFORME Android ios Windows Phone 8 Android 2 Cos è Android? Un moderno open-source sistema operativo Componenti: Linux kernel Java Core applications 3 Perché è stato un successo

Dettagli

L ambiente di sviluppo Android Studio

L ambiente di sviluppo Android Studio L ambiente di sviluppo Android Studio Android Studio è un ambiente di sviluppo integrato (IDE, Integrated Development Environment) per la programmazione di app con Android. È un alternativa all utilizzo

Dettagli

Programmazione Android

Programmazione Android Programmazione Android Giovanni Perbellini, Stefano Cordibella Università di Verona EDALab S.r.l. Agenda Introduzione Android Overview Ambiente di sviluppo Esempi Helloworld Weather 2 1 Cos è Android?

Dettagli

Motorola Phone Tools. Guida rapida

Motorola Phone Tools. Guida rapida Motorola Phone Tools Guida rapida Sommario Requisiti minimi...2 Operazioni preliminari all'installazione Motorola Phone Tools...3 Installazione Motorola Phone Tools...4 Installazione e configurazione del

Dettagli

Motorola Phone Tools. Guida rapida

Motorola Phone Tools. Guida rapida Motorola Phone Tools Guida rapida Contenuto Requisiti minimi... 2 Operazioni preliminari all'installazione Motorola Phone Tools... 3 Installazione Motorola Phone Tools... 4 Installazione e configurazione

Dettagli

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Sistema operativo Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Architettura a strati di un calcolatore

Dettagli

Sistemi Mobili e Wireless Android Primi passi

Sistemi Mobili e Wireless Android Primi passi Sistemi Mobili e Wireless Android Primi passi Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Ambiente di sviluppo L'ambiente

Dettagli

Didit Interactive Solution

Didit Interactive Solution Didit Interactive Solution Didit Interactive Solution Moonway.it Versione Italiana Data: Settembre 2008 Contenuti Introduzione... 3 Componenti Windows Richiesti... 3 Guidelines Generali di Configurazione...

Dettagli

MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School

MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School Area Sviluppo Software Autore: Sergio Gandola Revisione: 2 Data: 07/06/13 Titolo: Documentazione Tecnica Diario File:Documentazione Tecnica.pdf Sito: http://inno-school.netsons.org/

Dettagli

Istruzioni per l installazione del software per gli esami ICoNExam (Aggiornate al 15/01/2014)

Istruzioni per l installazione del software per gli esami ICoNExam (Aggiornate al 15/01/2014) Istruzioni per l installazione del software per gli esami ICoNExam (Aggiornate al 15/01/2014) Il software per gli esami ICON può essere eseguito su qualunque computer dotato di Java Virtual Machine aggiornata.

Dettagli

MODEM ADSL Wi-Fi GUIDA RAPIDA. Navigazione senza fili ad alta velocità Modalità ECO Collega in modo semplice PC, tablet e smartphone

MODEM ADSL Wi-Fi GUIDA RAPIDA. Navigazione senza fili ad alta velocità Modalità ECO Collega in modo semplice PC, tablet e smartphone MODEM ADSL Wi-Fi GUIDA RAPIDA Navigazione senza fili ad alta velocità Modalità ECO Collega in modo semplice PC, tablet e smartphone Per la Dichiarazione Ambientale vai su www.telecomitalia.com/sostenibilita

Dettagli

Il.NET Framework. By Dario Maggiari. L architettura del.net Framework è riassunta, nel complesso, nella figura seguente:

Il.NET Framework. By Dario Maggiari. L architettura del.net Framework è riassunta, nel complesso, nella figura seguente: Il.NET Framework By Dario Maggiari L architettura del.net Framework è riassunta, nel complesso, nella figura seguente: Il cuore del.net Framework è costituito dal CLR (Common Language Runtime) che, secondo

Dettagli

Android. Android. Sviluppo di applicazioni. Dalvik 19/03/2011. A. Ferrari

Android. Android. Sviluppo di applicazioni. Dalvik 19/03/2011. A. Ferrari Android Android A. Ferrari Android è un sistema opera8vo per disposi8vi mobili. Inizialmente sviluppato da Startup Android Inc. acquisita poi nel 2005 da Google Inc. Il cuore di Android è un kernel Linux.

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

Android world. Sviluppare app per Android. Un insieme di software per dispositivi mobili (smartphone, tablet, portatili...)

Android world. Sviluppare app per Android. Un insieme di software per dispositivi mobili (smartphone, tablet, portatili...) Android world Un insieme di software per dispositivi mobili (smartphone, tablet, portatili...) Contiene un Sistema Operativo, software middleware e applicazioni varie Sviluppato da Open Handset Alliance,

Dettagli

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1 Struttura dei Componenti Servizi di un sistema operativo System Call Programmi di sistema Struttura del sistema operativo Macchine virtuali Progettazione e Realizzazione

Dettagli

Capitolo 1 Installazione del programma

Capitolo 1 Installazione del programma Capitolo 1 Installazione del programma Requisiti Hardware e Software Per effettuare l installazione del software Linea Qualità ISO, il computer deve presentare una configurazione minima così composta:

Dettagli

NOTE OPERATIVE. Prodotto Inaz Download Manager. Release 1.3.0

NOTE OPERATIVE. Prodotto Inaz Download Manager. Release 1.3.0 Prodotto Inaz Download Manager Release 1.3.0 Tipo release COMPLETA RIEPILOGO ARGOMENTI 1. Introduzione... 2 2. Architettura... 3 3. Configurazione... 4 3.1 Parametri di connessione a Internet... 4 3.2

Dettagli

Software. Definizione, tipologie, progettazione

Software. Definizione, tipologie, progettazione Software Definizione, tipologie, progettazione Definizione di software Dopo l hardware analizziamo l altra componente fondamentale di un sistema di elaborazione. La macchina come insieme di componenti

Dettagli

Basi Android. Android si definisce open. Con8ene tecnologie open source. Il codice di Android è open. Licenza Open Source Apache 2.

Basi Android. Android si definisce open. Con8ene tecnologie open source. Il codice di Android è open. Licenza Open Source Apache 2. Basi Android 1 Android Cosa è Android? Android è un insieme di strumen8 e librerie per sviluppare applicazioni mobili è più di un SO Android si definisce open Con8ene tecnologie open source Linux Il codice

Dettagli

Moduli di Fatturazione Elettronica

Moduli di Fatturazione Elettronica Moduli di Fatturazione Elettronica Installazione della macchina virtuale ed utilizzo 1.1 del 14/07/2014 LAIT LAZIO INNOVAZIONE TECNOLOGICA S.P.A. Sede operativa: Via Adelaide Bono Cairoli, 68 00145 Roma

Dettagli

Una novità di Microsoft per il lancio sul mercato di Microsoft Visual Studio 2005 è stata quella sia

Una novità di Microsoft per il lancio sul mercato di Microsoft Visual Studio 2005 è stata quella sia STRUMENTI DI APPROCCIO PER IL CORSO VISUAL BASIC 2005 Versione Express Edition Premessa Versioni Express Edition di Visual Studio 2005 Una novità di Microsoft per il lancio sul mercato di Microsoft Visual

Dettagli

Approccio stratificato

Approccio stratificato Approccio stratificato Il sistema operativo è suddiviso in strati (livelli), ciascuno costruito sopra quelli inferiori. Il livello più basso (strato 0) è l hardware, il più alto (strato N) è l interfaccia

Dettagli

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software di sistema e software applicativo I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software soft ware soffice componente è la parte logica

Dettagli

Classificazione del software

Classificazione del software Classificazione del software Classificazione dei software Sulla base del loro utilizzo, i programmi si distinguono in: SOFTWARE Sistema operativo Software applicativo Sistema operativo: una definizione

Dettagli

Android. Anatomia di una applicazione

Android. Anatomia di una applicazione Android Anatomia di una applicazione Elementi di base Gli elementi di base per costruire una applicazione Android sono cinque: Activity Intent Broadcast Receiver Service Content Provider 2 Activity (1/3)

Dettagli

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access 1) Introduzione a Microsoft Access Microsoft Access è un programma della suite Microsoft Office utilizzato per la creazione e gestione di database relazionali. Cosa è un database? Un database, o una base

Dettagli

Android development. Sviluppo di Mobile Apps sul sistema operativo di Google

Android development. Sviluppo di Mobile Apps sul sistema operativo di Google Android development Sviluppo di Mobile Apps sul sistema operativo di Google Agenda Giorni: Gio 14/04/2011 Ven 15/04/2011 Gio 21/04/2011 Ven 22/04/2011 Suddivisione: Mattina: teoria Pomeriggio: pratica

Dettagli

Sommario. Introduzione... 11

Sommario. Introduzione... 11 Introduzione... 11 1. Prima di cominciare... 13 Da Windows a Windows 7...13 Le novità di Windows 7...15 La barra delle applicazioni...16 Il menu Start...17 Gli effetti Aero...18 Windows 7 e il Web...19

Dettagli

MANUALE D USO Agosto 2013

MANUALE D USO Agosto 2013 MANUALE D USO Agosto 2013 Descrizione generale MATCHSHARE è un software per la condivisione dei video e dati (statistiche, roster, ) delle gare sportive. Ogni utente abilitato potrà caricare o scaricare

Dettagli

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC 1 Introduzione Indice Accesso all applicazione 3 Installazione di Vodafone Applicazione Centralino 3 Utilizzo dell Applicazione Centralino con accessi ad internet

Dettagli

GUIDA UTENTE WEB PROFILES

GUIDA UTENTE WEB PROFILES GUIDA UTENTE WEB PROFILES GUIDA UTENTE WEB PROFILES... 1 Installazione... 2 Primo avvio e registrazione... 5 Utilizzo di web profiles... 6 Gestione dei profili... 8 Fasce orarie... 13 Log siti... 14 Pag.

Dettagli

Linux Day 2015. ANDROID ed i suoi derivati. Pavia, 24 ottobre 2015. Marco Giorgi NUTRIA LUG

Linux Day 2015. ANDROID ed i suoi derivati. Pavia, 24 ottobre 2015. Marco Giorgi NUTRIA LUG Linux Day 2015 NUTRIA LUG Pavia, 24 ottobre 2015 ANDROID ed i suoi derivati Quant'è davvero open un dispositivo Android e come renderlo ancora più libero CHI SONO Membro del team di sviluppo DEFT Linux

Dettagli

PORTALE PER GESTIONE REPERIBILITA Manuale e guida O.M. e ufficio distribuzione

PORTALE PER GESTIONE REPERIBILITA Manuale e guida O.M. e ufficio distribuzione PORTALE PER GESTIONE REPERIBILITA Manuale e guida O.M. e ufficio distribuzione Portale Numero Verde Vivisol pag. 1 di 31 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. SCHERMATA PRINCIPALE...4 3. REPERIBILITÀ...5 4. RICERCA

Dettagli

L Informatica al Vostro Servizio

L Informatica al Vostro Servizio L Informatica al Vostro Servizio Faticoni S.p.A. è Certificata UNI ENI ISO 9001:2008 N. CERT-02228-97-AQ-MILSINCERT per Progettazione, Realizzazione, Manutenzione di soluzioni Hardware e Software Soluzioni

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014 Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO BASE DI INFORMATICA Il corso di base è indicato per i principianti e per gli autodidatti che vogliono

Dettagli

Guida all Utilizzo dell Applicazione Centralino

Guida all Utilizzo dell Applicazione Centralino Guida all Utilizzo dell Applicazione Centralino 1 Introduzione Indice Accesso all applicazione 3 Installazione di Vodafone Applicazione Centralino 3 Utilizzo dell Applicazione Centralino con accessi ad

Dettagli

La soluzione intelligente per gestire la vostra flotta taxi

La soluzione intelligente per gestire la vostra flotta taxi La soluzione intelligente per gestire la vostra flotta taxi Dite addio ai vostri vecchi terminali di bordo, alle ore passate vicino alle colonnine in attesa di una chiamata, alle polemiche con i colleghi

Dettagli

Aggiornamento Software e Firmware nuova release Datalogger

Aggiornamento Software e Firmware nuova release Datalogger Aggiornamento Software e Firmware nuova release Datalogger SISGEO ha recentemente rilasciato una nuova versione del software Smart Manager Suite che viene fornito con la nuova release dei Datalogger portatili

Dettagli

Bike SetApp MANUALE D USO Versione 2.30

Bike SetApp MANUALE D USO Versione 2.30 Bike SetApp MANUALE D USO Versione 2.30 Bike SetApp 2.30 Pag. 1 Introduzione Bike SetApp è un app studiata per memorizzare su un dispositivo Android (telefono, tablet o PC) i settaggi principali delle

Dettagli

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS)

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) 2014 Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di

Dettagli

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 PAG. 2 DI 38 INDICE 1. PREMESSA 3 2. SCARICO DEL SOFTWARE 4 2.1 AMBIENTE WINDOWS 5 2.2 AMBIENTE MACINTOSH 6 2.3 AMBIENTE

Dettagli

Il CMS Moka. Giovanni Ciardi Regione Emilia Romagna

Il CMS Moka. Giovanni Ciardi Regione Emilia Romagna Il CMS Moka Giovanni Ciardi Regione Emilia Romagna Moka è uno strumento per creare applicazioni GIS utilizzando oggetti (cartografie, temi, legende, database, funzioni) organizzati in un catalogo condiviso.

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

14 maggio 2010 Versione 1.0

14 maggio 2010 Versione 1.0 SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN SISTEMA PER LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA DAGLI UTENTI, NEI CONFRONTI DI SERVIZI RICHIESTI ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, ATTRAVERSO L'UTILIZZO DI EMOTICON. 14 maggio

Dettagli

Guida Utente PS Contact Manager GUIDA UTENTE

Guida Utente PS Contact Manager GUIDA UTENTE GUIDA UTENTE Installazione...2 Prima esecuzione...5 Login...7 Registrazione del programma...8 Inserimento clienti...9 Gestione contatti...11 Agenti...15 Archivi di base...16 Installazione in rete...16

Dettagli

GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER

GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER (vers. 2.0.0) GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER (vers. 2.0.0)... 1 Installazione... 2 Prima esecuzione... 7 Login... 8 Funzionalità... 9 Gestione punti... 10 Caricare punti...

Dettagli

JCLOUD... PORTA IL TUO BUSINESS SULLA NUVOLA

JCLOUD... PORTA IL TUO BUSINESS SULLA NUVOLA JCloud Web Desktop JCLOUD... PORTA IL TUO BUSINESS SULLA NUVOLA OVUNQUE TI TROVI JCloud è il desktop che ti segue ovunque, è sufficiente una connessione ad internet ed un browser HTML5 per accedere ai

Dettagli

Scansione. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424

Scansione. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424 Scansione In questo capitolo sono inclusi i seguenti argomenti: "Nozioni di base sulla scansione" a pagina 4-2 "Installazione del driver di scansione" a pagina 4-4 "Regolazione delle opzioni di scansione"

Dettagli

Tale attività non è descritta in questa dispensa

Tale attività non è descritta in questa dispensa Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2014 1 Nota preliminare L installazione e l uso di Eclipse richiede di aver preliminarmente installato Java SE SDK Tale attività non è descritta in questa

Dettagli

Guida introduttiva all'applicazione per dispositivi mobili ios

Guida introduttiva all'applicazione per dispositivi mobili ios Guida introduttiva all'applicazione per dispositivi mobili ios L'applicazione mobile SanDisk +Cloud consente di accedere ai contenuti e gestire il proprio account dal proprio dispositivo mobile. Con l'applicazione

Dettagli

ICT TRAINING Giornata Formativa di Alfabetizzazione Digitale SVILUPPO DI UNA APP

ICT TRAINING Giornata Formativa di Alfabetizzazione Digitale SVILUPPO DI UNA APP ICT TRAINING Giornata Formativa di Alfabetizzazione Digitale SVILUPPO DI UNA APP SVILUPPO DI UNA APP Premessa Breve guida per lo sviluppo di App che segue le varie fasi di realizzazione. Nelle quattro

Dettagli

Applicazione Mobile GPL4i

Applicazione Mobile GPL4i Applicazione Mobile GPL4i Copyright 2010 2014 JetLab S.r.l. Tutti i diritti riservati Copyright 2014 2015 JetLab S.r.l. Tutti i diritti riservati GPL4i è un marchio di JetLab S.r.l. Microsoft, Windows,

Dettagli

Quaderni di formazione Nuova Informatica

Quaderni di formazione Nuova Informatica Quaderni di formazione Nuova Informatica Airone versione 6 - Funzioni di Utilità e di Impostazione Copyright 1995,2001 Nuova Informatica S.r.l. - Corso del Popolo 411 - Rovigo Introduzione Airone Versione

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Sviluppo su Android. Linux Day Torino 2010

Sviluppo su Android. Linux Day Torino 2010 Sviluppo su Android Linux Day Torino 2010 Francesco Ronchi francesco.ronchi@gmail.com - www.synesthesia.it Cos'è Android Sistema operativo dedicato ai device mobili: cellulari, palmari, tablet, navigatori...

Dettagli

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP)

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP) Le diverse componenti HARDWARE, pur opportunamente connesse ed alimentate dalla corrette elettrica, non sono in grado, di per sé, di elaborare, trasformare e trasmettere le informazioni. Per il funzionamento

Dettagli

Installazione Qt/Qt Quick per target Android

Installazione Qt/Qt Quick per target Android Tutorial Qt-Italia.org Installazione Qt/Qt Quick per target Android Prima edizione, Giugno 2015 P. S e r e n o ( h t t p : / / w w w. q t - i t a l i a. o r g ) P a g. 1 19 Questo tutorial è rilasciato

Dettagli

Corso App modulo Android. Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com

Corso App modulo Android. Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com Corso App modulo Android Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com Strumentazione: PC + smartphone Android + cavo micro USB per connessione Framework Phonegap SDK di Android JDK (Java) Eclipse (opzionale)

Dettagli

La posta elettronica in cloud

La posta elettronica in cloud La posta elettronica in cloud www.kinetica.it Cosa significa avere la posta elettronica in cloud? I tuoi archivi di posta non sono residenti su un computer o un server della tua rete, ma su un server di

Dettagli

Android come eseguire il backup del telefono e trasferire contatti e dati.

Android come eseguire il backup del telefono e trasferire contatti e dati. Android come eseguire il backup del telefono e trasferire contatti e dati. Aggiornamento a un nuovo smartphone è un momento emozionante per gli utenti, in quanto finalmente arrivare a dire addio a un cellulare

Dettagli

Un Sistema Location-based per la mappatura degli Access Point

Un Sistema Location-based per la mappatura degli Access Point 1 Un Sistema Location-based per la mappatura degli Access Point Pasquale Cautela pasquale.cautela@studio.unibo.it Marco Peca marco.peca@studio.unibo.it Rosario Salpietro rosario.salpietro@studio.unibo.it

Dettagli

Virtualizzazione VirtualBox 4.1.2 su Host Windows

Virtualizzazione VirtualBox 4.1.2 su Host Windows Virtualizzazione VirtualBox 4.1.2 su Host Windows La virtualizzazione, quando riferita all informatica, consiste nella creazione di una versione virtuale di una risorsa normalmente fornita fisicamente.

Dettagli

Windows Vista, il nuovo sistema operativo Microsoft che cerca le giuste risposte ai quesiti di sicurezza

Windows Vista, il nuovo sistema operativo Microsoft che cerca le giuste risposte ai quesiti di sicurezza Windows Vista, il nuovo sistema operativo Microsoft che cerca le giuste risposte ai quesiti di sicurezza Microsoft Windows è il sistema operativo più diffuso, ma paradossalmente è anche quello meno sicuro.

Dettagli

MovEmail. Windows Mobile

MovEmail. Windows Mobile MovEmail Windows Mobile INDICE Introduzione...3 GUIDA ALL INSTALLAZIONE DEL MovEmail Client......4 Requisiti minimi di compatibilità...4 Installa il FASTWEB MovEmail Client...5 Configura il FASTWEB MovEmail

Dettagli

VoiceSurvey. DOTVOCAL S.r.l. Via Greto di Cornigliano 6 R, 16152 Genova. Tel. +39 010 65 63 452, Fax +39 010 65 63 552. sito: http://www.dotvocal.

VoiceSurvey. DOTVOCAL S.r.l. Via Greto di Cornigliano 6 R, 16152 Genova. Tel. +39 010 65 63 452, Fax +39 010 65 63 552. sito: http://www.dotvocal. VoiceSurvey DOTVOCAL S.r.l. Via Greto di Cornigliano 6 R, 16152 Genova Tel. +39 010 65 63 452, Fax +39 010 65 63 552. sito: http://www.dotvocal.com INSTANT S.r.l. Via Sorio 47, 35141 Padova Tel. +39 049

Dettagli

Radio R 4.0 IntelliLink Domande frequenti. Italiano. Ottobre 2015. Elenco dei contenuti

Radio R 4.0 IntelliLink Domande frequenti. Italiano. Ottobre 2015. Elenco dei contenuti Elenco dei contenuti 1. Audio... 1 2. Phone... 2 3. Apple CarPlay... 3 4. Android Auto... 3 5. Gallery... 5 6. Other... 5 1. Audio D: Come posso passare da una sorgente audio all altra (ad es. tra radio

Dettagli

27/03/2013. Contenuti

27/03/2013. Contenuti Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Contenuti Virtualizzazione - 3 Macchina virtuale - 4 Architetture delle macchine virtuali - 6 Tipi di virtualizzazione - 7 Monitor della

Dettagli

DOCUVISION IL DOCUMENTALE DI PASSEPARTOUT

DOCUVISION IL DOCUMENTALE DI PASSEPARTOUT DOCUVISION IL DOCUMENTALE DI PASSEPARTOUT La App Documentale (detta anche Docuvision) permette di attivare il modulo tramite il quale si possono acquisire direttamente i documenti prodotti da Mexal Express

Dettagli

Nuova ECDL ONLINE COLLABORATION

Nuova ECDL ONLINE COLLABORATION PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER Nuova ECDL ONLINE COLLABORATION CONCETTI FONDAMENTALI USO DI DISPOSITIVI MOBILI APPLICAZIONI SINCRONIZZAZIONE 4. COLLABORAZIONE MOBILE 4.1. Concetti fondamentali 4.1.1 Identificare

Dettagli

Sistemico Srl unip. Via Ceresani, 8. 60044 Fabriano AN. Tel 0732 251820. Powered by Sistemico

Sistemico Srl unip. Via Ceresani, 8. 60044 Fabriano AN. Tel 0732 251820. Powered by Sistemico 2014 Sistemico Srl unip. Via Ceresani, 8 Powered by Sistemico 60044 Fabriano AN Tel 0732 251820 INDICE INDICE 2 Istallazione della APP... 3 Per Android... 3 Per IOS 4 Avvio APP... 5 Collegamento elettrocardiografo

Dettagli

Informatica. Prof. A. Longheu. Introduzione a Java

Informatica. Prof. A. Longheu. Introduzione a Java Informatica Prof. A. Longheu Introduzione a Java 1 Code-Name Green Nome del progetto Sun con l obiettivo di fornire intelligent consumer-electronic devices. Il risultato fu Oak Un linguaggio basato su

Dettagli

Introduzione alla Progettazione per Componenti

Introduzione alla Progettazione per Componenti Introduzione alla Progettazione per Componenti Alessandro Martinelli 6 ottobre 2014 Obiettivo del Corso Il Progetto Software Reale Il Componente Software La Programmazione Ad Oggetti Fondamenti di Informatica

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Installazione SOFTWARE JDK ECLIPSE 03/03/2011 2 ALGORITMI E PROGRAMMI PROBLEMA ALGORITMO PROGRAMMA metodo risolutivo linguaggio di

Dettagli

Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013 P.O.N. FSE A.S. 2013/2014 SCHEDA PROGETTUALE MODULO. Obiettivo: C Azione: 1 Riferimento interno:

Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013 P.O.N. FSE A.S. 2013/2014 SCHEDA PROGETTUALE MODULO. Obiettivo: C Azione: 1 Riferimento interno: ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE GUGLIELMO MARCONI Piazza Poerio 2, 70126 Bari - Tel.080-5534450 Fax.080-5559037 - www.marconibari.it - info@marconibari.it Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013

Dettagli

ftp://188.11.12.52 www.ezviz7.com

ftp://188.11.12.52 www.ezviz7.com MOVITECH S.r.l. Via Vittorio Veneto n 63-22060 CARUGO (CO) Tel. 031 764275/6 - Fax 031 7600604 www.movitech.it - info@movitech.it COME UTILIZZARE IL CLOUD HIKVISION Hikvision, numero 1 al mondo nella produzione

Dettagli

ARGO DOC Argo Software S.r.l. e-mail: info@argosoft.it -

ARGO DOC Argo Software S.r.l. e-mail: info@argosoft.it - 1 ARGO DOC ARGO DOC è un sistema per la gestione documentale in formato elettronico che consente di conservare i propri documenti su un server Web accessibile via internet. Ciò significa che i documenti

Dettagli

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Chiamate del sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progettazione e realizzazione

Dettagli

Installare un nuovo programma

Installare un nuovo programma Installare un nuovo programma ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Installare un nuovo programma sul computer installazione Quando acquistiamo

Dettagli

WWW.MEDPERVOI.NET. Nome del gruppo: GEM CHIODI GLORIA CONTI ELEONORA VITALI MELISSA

WWW.MEDPERVOI.NET. Nome del gruppo: GEM CHIODI GLORIA CONTI ELEONORA VITALI MELISSA WWW.MEDPERVOI.NET Nome del gruppo: GEM CHIODI GLORIA CONTI ELEONORA VITALI MELISSA INDICE PRESENTAZIONE INTRODUZIONE COME REALIZZARE UN SITO CON IL CMS: cos è un cms ; COME REALIZZARE IL BLOG: Cos è un

Dettagli

Manuale LiveBox WEB ADMIN. http://www.liveboxcloud.com

Manuale LiveBox WEB ADMIN. http://www.liveboxcloud.com 2014 Manuale LiveBox WEB ADMIN http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa

Dettagli

Impostare il browser per navigare in sicurezza Opzioni di protezione

Impostare il browser per navigare in sicurezza Opzioni di protezione Impostare il browser per navigare in sicurezza Opzioni di protezione Data la crescente necessità di sicurezza e tutela dei propri dati durante la navigazione in rete, anche gli stessi browser si sono aggiornati,

Dettagli

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC 3456 IRSplit Istruzioni d uso 07/10-01 PC 2 IRSplit Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Installazione 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

Virtualizzazione e Macchine Virtuali

Virtualizzazione e Macchine Virtuali Virtualizzazione e Macchine Virtuali Gabriele D Angelo, Ludovico Gardenghi {gda, garden}@cs.unibo.it http://www.cs.unibo.it/~gdangelo/ http://www.cs.unibo.it/~gardengl/ Università di Bologna Corso di Laurea

Dettagli

BcsWeb 3.0. Manuale utente. Rev. 3 (luglio 2012)

BcsWeb 3.0. Manuale utente. Rev. 3 (luglio 2012) BcsWeb 3.0 Manuale utente Rev. 3 (luglio 2012) Alceo Servizi di telematica Santa Croce, 917 30135 Venezia Tel. +39 0415246480 Fax +39 0415246491 www.alceo.com Sommario 1. INTRODUZIONE 3 Convenzioni utilizzate

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

'LVSHQVD :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL

'LVSHQVD :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL 'LVSHQVD 'L :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL ',63(16$',:,1'2:6,QWURGX]LRQH Windows 95/98 è un sistema operativo con interfaccia grafica GUI (Graphics User Interface), a 32 bit, multitasking preempitive. Sistema

Dettagli

Manuale LiveBox WEB ADMIN. http://www.liveboxcloud.com

Manuale LiveBox WEB ADMIN. http://www.liveboxcloud.com 2014 Manuale LiveBox WEB ADMIN http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa

Dettagli

MOTOROLA RHOELEMENTS SVILUPPA UNA APPLICAZIONE CHE FUNZIONI SU DIVERSI DISPOSITIVI E CON DIFFERENTI SISTEMI OPERATIVI.

MOTOROLA RHOELEMENTS SVILUPPA UNA APPLICAZIONE CHE FUNZIONI SU DIVERSI DISPOSITIVI E CON DIFFERENTI SISTEMI OPERATIVI. MOTOROLA RHOELEMENTS SVILUPPA UNA APPLICAZIONE CHE FUNZIONI SU DIVERSI DISPOSITIVI E CON DIFFERENTI SISTEMI OPERATIVI. MOTOROLA RHOELEMENTS BROCHURE COSÌ TANTI DISPOSITIVI MOBILE. VOLETE SVILUPPARE UNA

Dettagli

Google Apps for Education

Google Apps for Education Google Apps for Education dalla condivisione in Drive a Classroom Istituto Comprensivo di Bellano GAFE Insieme di servizi e applicazioni on -line 2 Cloud Computing Che cos è? Cloud Computing Un insieme

Dettagli

n-joyn n-joyn. di Samuele Del Monte Samuele Del Monte tel3334369224 delmonte58gmail.com

n-joyn n-joyn. di Samuele Del Monte Samuele Del Monte tel3334369224 delmonte58gmail.com n-joyn. di Samuele Del Monte N-Joyn è un applicazione destinata a smartphone e tablet che consente di monitorare l afflusso degli utenti nei vari punti di interesse, senza doversi fisicamente recare sul

Dettagli

REGISTRO FACILE (Software per il produttore dei rifiuti)

REGISTRO FACILE (Software per il produttore dei rifiuti) REGISTRO FACILE (Software per il produttore dei rifiuti) Gestire i rifiuti non è mai stato così semplice INDICE: Pag. 1. Caratteristiche 2 2. Installazione 3 3. Richiesta per l attivazione 5 4. Attivazione

Dettagli

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Sistemi Operativi Modulo 2 Schema di un Sistema di Calcolo Programmi Dati di Input Calcolatore Dati di output Modello di von Neumann Bus di sistema CPU Memoria Centrale Memoria di Massa Interfaccia Periferica

Dettagli

Componenti Web: client-side e server-side

Componenti Web: client-side e server-side Componenti Web: client-side e server-side side Attività di applicazioni web Applicazioni web: un insieme di componenti che interagiscono attraverso una rete (geografica) Sono applicazioni distribuite logicamente

Dettagli