Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1

2

3

4

5

6

7 DESCRIZIONE DE' SOLENNI FUNERALI A S A/ CATTOLICO S MARIA AMALIA WALBURGA REGINA DI SPAGNA 'DA MONSIGNOR FRANCESCO TESTA ARCIVESCOVO ED ABATE DI MONREALE * Dlla fltta Città Stato Signor nl Tmporal Suprmo Gnral Inquisitor in qullo Rgno Rgio Consiglir Clbrati nlla sua Chisa Cattdral addì 8 Novmbr 1760" FATTA DA SECONDO SINESIO 'Abat di San Tommafo dì Pigna Socio dl Collgio dll Scinz a' d Arti dlla Rgia Vnivrjìta dì Torino IN PALERMO MDCCIX Nlla Stampria d' SS Appostoli in Piazza Viglina Prdo Pitro Bntivnga CON LICENZA BE' SUPERIORI

8 ' Dum Dum liluftris Smpr flammas noftrum honos5 Rgni alt ftabit confors nomnqu vomc noma ìlluftrior /Etna tuiim tiìufqti comfqu laudfqu ìpfa Sicana manbunt Vfvus

9 ( III) JnycU ari là mi dipartir fi ch fc addì 6 d Ottobr dll* anno forfo dall' amna 9 diltta Napoli la Mafia Cattolica dlla Rgina di Spagna Maria Ama* Ha ^ffalburgad' tmmortal ricordanza qulla più fgundo VAuguftifilmo di li Con* fort djìinato da Dio a flicitar "vajìamonarchia alla qual pr la mort dl R Frdinando fuo fratllofuccdtt rjlò non vi ha dubbio dll du grandmnt turbato Sicili di cui lla ra la dlizia commofib il Rgno l'amor Ma qulla dnfa ofura nbbia di trijìzza ch fi 'vid da prima fui "volto fparfa di tutti dipinta fu pur in alcuna part diradata diminuita dal dolc Pgno ch la bnigna Rina n lafciògnrofa- * 2 mn-

10 ( IV ) mnt dl fuo tnro amor nl Ral Figliuolo noflro vraziofiffìmosovrano innalzamnto dal Jìncropiacr dl fuo maggior dalla lita novlla ch pofcia n?prvnn dll1 ffir li arrivata dopo pochi giorni di flic navigazion ai lidi di Barcllona giuliv acclamazioni d* Popoli a* 9 Madrid fra infinit di Dicmbr in finalmnt dalla Joav Jpranza ch ny ra rimafa d* avr noi a godr tuttavia pr lunga /fagian avvnir anch di lontano i prziofifftti dll fu vìlamnt occupato pr inafpttata di sì gran Donna la troppo acrba mort avvnuta addì bnficnz V afflizion prò ch il cuor d' ognuno ha «0-27 di St' tmbr dl corrnt anno 1760 è oltr mi fura tanto pili grav quanto maggior è la ch irrparabilmnt prdita fi è fatta ffndofiat com lita m (fé da improvvifa grandin attrrat tutt l imivrfalifpranz E fé lla cofa indubitata ch ogni ordin di prfinpia ch mai prfntmnt dggia in qufio comun coli infortunio dolrfi dopo mort dolndofi grato mofirarfi a la di cui yita tanta part bb nll* intra gloria flicitadllo Stato molto maggiormnt loro a' onor rifptto h' jfidono a qulli non folamnt mmoria tnuti fono i l^fcovia far palfé dolor Principi dbitori ficcom più dgli altri pubblico il pr tant ragioni frtti non mno pr lgg natural ch divina di dar fmpio a* Popoli dl vrac vivnti ma ancora all cnri loro alla loro Pr la qual cofa fubito ch sì funfia nuova da Sua

11 (V) Sua Eccllnza il Signor Vicré March fé Fogliani fu con lttra circolar rcata a Monfignor Francfco Tfla Arcivfcovo d Abat di Monral glimojfo non folamn: dal /acro dbito di rligion ma ancora dall' alta gnrazion ch a qulla pia Sovrana portava gratitudinfua vr/o tutta la Ral Cafa di li dilibrò di onorar nlla miglior manira dl tmpo comportavano mmoria \ contnto di mancar alla la dalla ch l anguri gloriofiffìma di pompa li di un sì fa* lnn funral y piuttojìo ch ritardar alla grand' Anima i dbiti fu f rag) ^ fuo dvoti/fimo animo non ffr pronto tributario dl A tal fin adunqu nlp ampio coro dlla fua Chifa cattdral la copia dll' oro la qual in gnr di d7 marmi finiffimi mufaico pr maftofafiruttura non cd a qualunqu più fuprba ri' nomata di Europa fatta innalzar con acconcio dif- pr la gno un' alta macchina voll ch più d' ogn' altro ornamnto luminofa la rndff la copia di viv faci accfidoppiri con una ifrizion 9 varj vr fi latini^ grci bn fapndo ch Carmin fit vivax virtusxprfqufpulchrù Dai lati di quftamacchina rgvanfi nl piano quattro piramidi con grojftorc nll quattro f acci dll* ampio zoccolo attorniato da tr ordini di gradini fu* quali poggiavano numrofi candlliri d' argnto di nri vlami dipinti intrcciati dll' armi Rali mdagliondi mzzo pofioa profptto dl Popolo lggvafi Nl d' ornamnti divrfifrgiato rano varj mdaglioni rifri*

12 (VI) /' ifcrhionfgunt dall' ijljfo Monfignor Arcìvfcouo compo/ìa M ARIAE A MALI AE V ALBURG AE FILIAE UXORI MATRI REGUM POTENTISSIMORUM H1SPANIARUM ET JAM UTRIUSQUE SIC1LI AE REG CORPORIS FORTUNA E ANIMI DOTI BUS SED MAGIS RELIGIONE PIETATE CETERISQUE VIRTUTIBUS SPECTATISSIMAE IN OBSERVANTIAE AC GRATI ANIMI ARGUMENTUM PONTIFEX MONREGALENSIS IN UNIVERSO PENE EUROPAE LUCTU MOESTiSS PARENTAT NlPoppoJìo lato rimptto ali* Aitar maggior qu- Jìo pigramma di Monjìgnor Niccolò Ciafaglion Duca di Villabona lnquifitorfi/cal dlla Suprma Gnral lnquijìzion di Sicilia REG1NAM NON JURE DOLES HISPANIA VIX DUM QUOD TIBI DONATAM MORS PERACERBA TULIT FUNERE AS TAEDAS ET INANES MITTE QUERELAS ABS1NT PULLA ISTINC TRISTE NEC AERA SONENT ITALI AE AMALI AMCESS1T GERMANI A TELLUS ÌTALA GRATA TIBI TU EMERITAM SUPERIS Nl

13 ( vir ) Nl d/ira lato sì fatto Epigramma dl J5 Fran* cfco Murna dll Scuol Pi Profjfordi Rttori» ca li li Rttor di qitftoardu/covil Collgio d' No» EXJTULERATLIBITINA ENSEMQUOSTAMEN UTRIQJJE TAM CARUM HESPERIAE SCINDERET AMALIAE?HAECPLACIDISVIDETILtAMOCULIS»CTUMQUEPATURAE NON EST CUR TANTUM DEXTR A LÀBORET A1T ME SIB1 PARTHENOPE QU UM N ATUM SUSTULIT OMNEM PENE H ABUIT V1X PARS ALTERA NUNC PEREO Nl manco V Epigramma ch fgu dl P Sav* rio Picciolo Majlro d' uman lttr nl Collgio d* PP Gfuiti di qujla Citta QUAE MERITO AUSONIIS UBI AMALIA CESSIT AB ORIS 1VERE IN* LACRYMAS PARTHENOPE AC TRIQUETRA POSTMODO UT EREPTAM SENSERUNT FUNERE PRIMUM HEU QUANTA LUCTUM MOESTITI A CUMUL ANT HAS INTER LACRYMAS PLAUSERE AT SIDERA TANTAM IPSA QJJOD ABSTULERINT AMBITIOSA ANIMAM Lvavan/i /opra V accnnato zoccolo otto colonn ricch d? oro d' argnto fojìnntiquattr* archi d'auri ornamnti con lggiadrodifgno gitmi 'ti 3 da' quali pnduan d' intorno cortin di rafo trinato dy ar- gn-

14 ' Mf? grito vagamnt intrcciat part da Angioli fofìnut C Vili ) cadnti in part in Nlla tribuna di una tal machina pofava V urna fcpolcral a bianco marmo di* pinta covrta da un ampio /irato di vluto crmisi /par/o di gigli dy oro avnt al di fopra il ritratto dlla dfunta Rina dalla Fama fojìnuto lo fttro diadma ral fu di un cufino locato front il fgunt grco di (lio dl Signor grca Romano Prof/for di Matmatich in Dottor Savrio di lingua nl dtto Collgio Sminario Arcivfcovilcolla vy/fonlatina dl mntovato P Murna MH ra TTMBE fcponei KAGEIPmN EYPTMFùOVSAN TO TAPTHSEIPrElS MMAFNOZ HAE HCIEi NE QUIA TAM LATE DOMINAM TREMIS URNA SUPERBI NAMQUE QUOD KUJUS HABES DUXERAT IPSA KIHIL /lavano in doloro fo attggiamnto fovra inargntat mnfol quattro Statu rapprfntantil principali virtù dlla clbrati //ima Sovrana la Rligion cioè la Nl piano ijljfo dllo zoccolo agli angoli fra l colonn Clmnza la Giujìizia la Prudnza con l quali lafciò lla a Rali Infanti a* po/ìri Npoti ad altr Princip/fV ida di bn rgnar Sdvano in fu gli archi prdttiotto altr Statu rggnti lo /lmma ral du nlla facciata antrior altrttant ngli altri lati i Gnj dolnti dll du Sicili du nlla part oppofta rapprfntanti l prim V altr i Gnj d' Rgni di Spagna fra gli angoli dgliarchi fu la cor*

15 cornic rgvanjìaltr ( ix ) quattro piramidi con vajì pini di rami di ciprffọ Sorgva quindi un ahry ordin di lgantarchitttura nl lavoro al primo corri fpondnt^ ch trminava in cupola fu la qual poggiava un gran iiafo dorato con altri quattro più piccioli d' intorno pini fini/mnt di rami di ciprffo $ più in alto vdva/? nluto d* oro una cortina ad art ngligntmnt formata di crmisi rafo di color crulo ornata fojìnutada volanti puttini in aria tnuto il giorno 8 dl corrnt Novmbr il dtto Prlato pr di frgi ch mandar ad ffttoi fimi dvoti offizj jìabilito av a con numro fi accompagnamnto d* fuoi Canonici Monaci d1 Chrici dl Sminario li li Convittori dl CollgioArcivfcovil dl Magifirato dlla Città andonn con cappa magna no» di molti Gntiluomini v/liti a bruno all or 1? dalla f uà abitazion alla Chifa cattdral 3 cantato ly officio d* Dfunti giufta il rito Eccljìafìico vjìitojì nl foprajìant Solio d* Pontificaliarrdi did principio alla gran Mjfa frvita da pini cori di J clta mujìca Numrofi^ foltofu il popolo ch dal pitofo dfidrio tratto d* implorar da Dio rtrno ripofo alla dgrì Anima dll* amatijfima Principrà follcitov' intrvnn più ragguardvol rfi dalla prfnza d' grgj Cavaliri Mitiijìri dalla propinqua Capital concorji Tra l J acr crimoni il luttuofi apparato ch V amarijfima rimmbranza di tanta prditapiù viva fnpbilrndvano dar volndo il P lato al comun cordoglio qualch fficac allviamnto conforto dopo la Mjfa con pivial vjìitopafsò nlla fua fdia coral * * dond

16 al fuo Popolo in mzzo dl Diacono dond gli è ufo in tutt l Pontificalifunzioni di ragionar Suddiacono a ridir con funbr orazion in fin fiammata l magnifich laudi dll' ottima Rina : fgundo in ciò limivr fai cojlumanza dalla vnranda antichità di mano in mano air tà nojìra tramandata coflumat nazioni cojlantmnt mantnuta fmpr mai riputato dicvol vi il tffrd* grandi y dall più colt y pr cui fu proprio ojfizio d' Vjco» virtuofi Principii funrali ncomi : nqìi pr altra ragion vramnt fé non prchè j- JtnJo i Rgi pofli dall'etrno Iddio pr fuoi luogotnnti quaggiù da Omro Pajìori d' Popoli chiamati no com in vita così dopo mort ancora jfr a* fudditi di ammajìr amnto dbbo* di lum dal frddo avllo loro parlando pr bocca di sì gravi candidi Lodatori» E' conto ad ognuno quanto qufìo laudvol cojlum Grci orazioni frqunt fuff Latini pr famigliar prjfo i Santi Padri più Jìorich tjìimonianz pr ch fra l'altr molt in forniglianti argomnti [otto l rovin dl tmpo fpolt Son dgn dlla grandzza dl divino fpirito l prdut n r/larono dlla pità di S Grgorio di Ni/fa qull ch ' fc la pr mort dlla PrincipffaPulchria dlla lmpradric F/jccil/a gran Todófio lui fimi l di Criflo la prima figliuola in tutt l fant inclinazioni la fconda mogli dl virtù (X ncll' anno 385 dlla fruttifra incarnazion Du fimilmnt v ri* ha di S Ambrogio con non minor prjuafiva dignità ch il fuo giufio dolor zlo dlla vrità gli fomminifirava - /' una pr la mort dll' Imprador Valntiniano da lui rcitata al

17 (XI ) al cof ptto dll du forll dl dfunto Princip Giù* fta Grata nl/' armo 390 V altra in commndazion dll* lmprador Todofio dtta n IP anno 395* giorno quarantino dopo la mort di lui alla prfnza di Onorio : il qual giorno ra uno di qulli y n' il quali fcondo l' antica confutudin dlla Chi /a fi rinnav Ilavano P fqui l foknni prghir pr V anim d* Dfunti Ma pr andar non piliavanti rintracciando jmpii di fcoli così rmoti ricordar mi hajìa di San Carlo Borromo grand rftaurator dll' Ecckfiaftica difciplina ch prciò mritamnt fi può cogli antichi Padri comparar l'orni li a fatta nll foknni jqui dlla Srni ([ima Anna d' Auftria Rgina di Spagna fguitato da molti altri Vfcovi nlp Italia nlla Francia dai dico quattro più rifplndntilumi dll' loqunza Monfignori Bojfut Mafchron Flchir Majfillion^ i quali tra l gravifiìm loro occupazioni non han faputo prndr più largo fcondo campo di qufio con pina fd più utilità a corrggimlo dl Grgg fultar potff trionfar la loro [ara facondia 5 fnza far parol dlla clbr orazion dl già Nunzio Apojìolico prffo la Cort Imprial di Vinna Monfignor Arcivscovo di Effo Cardinal Domnico Paffioni in ch d ora di Santa Chifa infign nom nlla Crijìiana lttraria Rpuhhlica vnrando fatta in mort dl Srni/fimo Eugnio Francfco Princip di Savoja dgna di più orrvol commndazion ch qujia mia i non * * 2 Quin-

18 ( XII ) Quindi è ch ragionvolmnt il mntovato Arcir/covo di Monral rivolf il parlar non tanto a dolr fi ch Jìa fiata V cclfa Principrà in tà di 36 anni troppo pr tmpo tolta a i frvidi voti di qufii già [noi btnavvnturati Popoli all bll fpranz dll' ampia Monarchia di Spagna dopo avrla appna con maraviglio/ ffi acclamata novlla Padrona conofciuta nl brv non ancor compiuto fpazio d' un anno non ch dopo ch colto n avjf qu* dolci frutti di onor copio/i di flicità ch rì appttava 5 quanto a moftrarci più chiaramnt nlla mafià di pr" fona in tanta grandzza poc 'iol anzi viva la mutabilità dll' uman cof tutt condizion dll* uomo d ora morta la mi fra criftiana virtù uri immagin vra pr confrva) ci di li la più nobil a lafciarn d' ogni più fallirn dur- miglior part Crn fu r orazion al fuo fin vnuta fcondo il rito dll folnni funrali funzioni dall quattro Dignità dl Capitolo da Monfignor Clbrant furon fatt l affoluzioniallo 'ntorno dl Maujolo l pubblich rali féqui di qufiogiorno Così trminaronfi poi pr altri otto fu(tgnnti continual co* più vivi fntimnti di pità con dolor rnifiid'ogni gnr di prfon oltr un gran numro di Sacri ficj dl Clro Scolar S prò nlla guifa fuf rag) ordinati in tutta la Diocfi ch s'è dtta finì qujla pia folnni tà Rgolar i dbiti procdranno nondi manco bn oltr i caldi prighi nofiri pr V trna flicitàdlla grand* Anima : n qufii n la divozion do-

19 anzi ( XIII ) dovuta al gloriofo nom di li vrranno mno ch fu di qujìì Popoli non mn Rgina ch Madr - lla fmpr nl prima amor n cuor la vivrà di tutti noi altamnt /colpita qiial imprjf Finché trran l' ufato corfo i Cili a

20 ' ( XIV ) ALL' ORAZIONE FUNERALE L' Autor dlla Dfcrizion N On ti rfiarromita Bnché dogliofa ov fé* nata avvolta in vfi ngra Bl mio /acro Pajìor candida figlia Paga d* avr di pallid viol D la Donna Ra/ la tomba afprfa U' Mort acrba in fu 7 fiorir dgli anni Ahi tanto a Mort il comun bn difpiacqu! Cadr la fo com da fip cad 7 Al fro Jbjfio d1 Aquilon o dy Aufiro Fiorito aliar pur bianco ligufiro: Coi fi l troncando di sì augujla vita Dgli ampj Rgni la nafnt fpm So bn ch in prima il tuo volr fol ra Di dar al Grgg fiilutvolpafo Chiaro mofirando in [mpiiciparol y Ch mortai gloria un rapido balno E quanto tjf il Mondo opra d* Aragna Ma qul ch il cor f ingombra onfto affanno Mi fio a giufio conforto bn ch j' oda Non fol tra l nati alm contrad Ma fu 7 Sbto dov il dolc Figlio y Dono dl Cil di li imagin blla Tnro ancor foavmnt rgna Ed oltr pur /' inófpitpirn Ov la Gnt Ibra gra dolnt D Mi profondapiaga fi rfiaura Nd

21 (XV) Nl vivo lum dl Rgal Confort D' ogni virtù Sovrana trno fpglio E nir cclfa Prol a lui fimi l / chiari fmpj a rinovar accinta Movi dunqu ficura non tmr Ch i Rgni afflitti a rvri r intnti Con più fublimi onor qulla Da t rivolgan difdgmfo il guardo ch piangi y 9 Prchè ti vggi an tanto fchiva parca Quanto giufta in lodar V alto /oggtto : Ch fé a ragion pavnta inggno d art 9 D' ornar virtù ch uman pnjiro avanza T* accogìiran bnignamnt in grmbo Anzi commoffi da natia lontat r Laudran forfè al duol fùngndo il frno La man pitofa ch lor trg il ciglio 5 Quando fapran pr tuoi vraci accnti Chi* lla pur viv allor ch il fuo mortal 'Mancò Gli occhi com pr vnto accfa fac a noi chiufi al fommo Sol aprf»

22 95 Tiuì L'onor o' x Aiis cc R Omro ra- -vin dalfommo Dìo9

23

24 ugual pi l umili torri d* R - d' baili viburni capann d' povri l fuprb mttndo la fur alla radic non mn ch dgli alti ciprfllugguagliar tutto mttr tutto In un fafio - cosi è una fort riprova dlla bllzza dlla virtù il mirarla praticata da chi pò** tndo trafgrdirnon abbia trafgrdito j potndo far dl mal fatto non lo abbia Pollo ciò flndoci noi qui infim raccolti a rndr qullo ultimo comchè trilliamo uffizio di noflra divozion riconofnza alla Spagn madr amorofifllma dl noftro amabiliflimo R non ha guari ahi pur troppo inftabil condizion dll uman cof ' noftra graziofiillmapadrona poca cura inoltrri di tnr dl voftro prò fpiritual grand Anima di Maria Amalia Walburga Rgina dll Signora o mii dilttiflìmi dfunta PrinciplTa con quanto fé flndofi bllo lgam fomma grandzza a fomma virtù avlli di favllarvi dll' acrba mort di li il grado facondia Ed oh l funzioni accoppiata nlla altrttanto raro tralafciato dl rtto vivr fé io al par ch n tngo indgnamnt di qul fanto zlo lingua il ptto i Prlati così fornito fola di qulla divina di cui avan ripina la ch dgnamnt han trattati famigliami foggttij com in mttndovi avanti agli occhi il frddo cadavr di una dll più grandi dll più dalla natura da qulla ch noi diciam fortuna favorit Rgin dl mondo formar vi fari la giuda adguata ida d' falli caduchi bni di quaggiù j ond difprgio Amalia d odio una volta v n prndr» Maria- figliuola fpofa madr di R sì iìrttamnt congiunta a quafitutti i Sovrani di Europa l ch

25 l principalicorti n fono tutt in lutto 3 pr l'amara prdita- trail il fuo fangu dall' un d* lati dalla Elttoral Ral famigliadi Saflbnia di Polonia dalp altro dalla Imprial di Aultria (a) j la prima nlla caligin dlla più rimota antichità fi nafcond prd 3 dond qualunqu altra fovrana fchiatta di vtufta ch ch_ di gnrofa originpiù lì prgia procacciai! o di drivar o di attnrci $ ia fconda vanto balla foto il rammntar di avr dati trdici Cfali all'imprio di Occidnt pr l più vall Mondo Una nafcita sì fublim doti di corpo diftfo il fuo dominio illuilri provinci dll' uno di animo la rndè dgna di uno Spofo a fi cui V altro unita all più ccllnti ad una nobil ducazion pr lignaggio pr ogni altro più rimio frgiodgno di li Cu*lo 1' Augufìo Carlo figliuolodi Filippo Quinto potntilìimor dll Spagn pronpot di Luigi il Grand R dll Galli (b) Borbonica gnt pr flic vipiù pl fuo valor già () fu colui rampollo dll' inclita li diritti cdutigli dal padr R dll du Sicili ch nl più bl fior dglianni fuoi ftrinf () Nacqu li 24 Novmbr 1724 da Fdrigo Auguflo III Rdi Polonia Elttor di Saflbnia da Maria Giofffa di Auitria figliuola dll' Imprador Giufpp I ( ) Filippo V fuccffor nlla Monarchia di Spagna di Carlo II bb XIV pr Padr Luigi Dlfino di Francia figliuolo dl R Luigi {) Carlo in vigor dlla cffion fattaglin dal Padr ricuprò il Rgno dll du Sicili da potr d' Tdfchi j fé n rndè Signor 1' anno dopo la vittoria di Bitonto la fpugnazion A 2 dll

26 4 flrinf colla fua dlira trionfal qulladlla R al Donzlla y a li in facro amabil nodo fi congiunf(d) Concorfro ad iftabilir la flicità di sì blla union- lo Spofo coli' avr tnuta lontana ufcìtol gliftflo all' incontro dl Rgno podcrofa od nmica ch flava pr fatta finalmnt fgombrar da' confini invadrlo " (): la Spofa coli' avr dati fuccffori al trono T ai quali il pacificofrutto dll vittori mai Confort tramandar fi potff(f) o mii dilttinomi torbidi fofchi sì fattamnt d' trionfi dll'invitto OiTrvaft crti giorni apparir fui mattino ch il timido Paiìorllo non fa rifolvrfi a fpignr fuori agli ufati pafchi la grggia - ma lvato alquanto il fol diradandoli fvanndo l minacciof nubi tornar liti frni così durar fino a fra? In tal guifa non altramnt è addivnuto dl Rgno di Carlo i primi nmbi dlla gurra di Amalia fonofii fotto di lfo pr lunga ftagion nlla bllzza abbondanza dlla pac _* Dirupati popoli fduti n' tabrnacoli dlla fiducia nh" in una doviziofa quit - ciafchduno fi è giaciuto fotto la fua vit abbia fatta paura fotto il fuo fico ; n' vvi fiato turbato il ripofo chi gli E una sì collant dll fortzz di Capua di Gata (i; Cotlt nozz fi clbrarono l'anno {cj II R li in prfona incontro a i Tdlchi di Siracufa di Mflìna 173S a o Maggio h' ranlì avvicinati a* contini dl Rgno di Napoli ; ch fé n ritirarono dopoché andò loro a voto lo ftratagrama la forprfa di Vltri (/) Rcttano dlla crapaflata Rgina vivnti ki Principi du Priaciplk

27 t profondacalma al di fuori * al di dntro y 5 qual largo campo nonaprf al R gio Confort dìaggiugnr all militari lodi gli fludj dlla pac! Trattavafi di fondar nuovo un nuovo Rgno di dargli Eran trafcorfi più ìcoli pr ordin così dir nuova forma ch l du Sicili unit ali* ampia Spagna non avano Principproprio Ram dall Spagn dipndvano di formar da x pr Monarchia di ma com Provinci Tornat all' antica condizion fé un particolarfìoritiilìmo fu d' uopo di mutarn in part l'antica polizia d' introdurvi altr mafiìm fapinza ftabilito E ad ogn* uno è bn conto con quanta d avvdimnto fia flato il tutto divifato Non fi è giammai vduta più rttamnt amminillrata la giuftizia j tnuti più in frno puniti i malvagì 5 in maggior colio avuti y altr lggi altri provvdimnti prmiati i buoni all onorat imprffpinti rincorati Ch dirò io dlla fclta d' Miniflri part n il favor nlla qual non ha avuta alcuna n 1' oro ^ né l pratich» ma il folo mrito? Baita il ridurvi a mnt qui ch in qufto tmpo han foflnutc prlfo di noi l vci la prfona dl Princip \ pr non riandarli tutti bafta il filtarlo fguardo a chi prnoflra fort di gran prfnt ci rgg (g) nl - qual l virtù tutt d' fuoi Antcflfori raccolt fono mutato fmbiant d fpritẹ Qulli du Rgni han ripigliatahanno V antica aria d* im- (g) V Eccllatiflìmo Sigaor Marcht Giovanni Fogliari gma t" di Ara?

28 6 imprio di maftà fchir ch n vgliano Numrof alla cuftodia prodi Bn difciplinat corrdat navi di più manir ch n fcorrono i mari pr tnrli ntti ficuri dagl' inffti Pirati Un nuovo illuftr ordin di Cavallria (h) pr iftimolo di bn _# nobilmnt adoprar in frvigio dl Princip dlla patria Importanti lgazioni affidat a' Maggiornti d' du Rgni (?) ; ond di noftra più prgiato apprlto l nazioni ftranir più conto Accadmi gnt è il nom vnuto ftudj rincorati rimfiì ; Sminarj nuovamnt iftituiti pr la ducazion pr lo ammaftramnto dlla Giovntù Coltivat favorit l fcinz l bll arti 5 prò mollo il commrcio la milizia 1' agricoltura E non (blamnt nll'intrno ma nll'trno ancora fiat fono fotto il Rgno di Carlo Dl ch faranno trni monumnti il molo di Napoli il porto di Agrignto l rgi Vill di Capodimonti di Portici a fin rcata qulla di Cafrta 5 la qual laddov farà fuprrà ad avvifo comun in bllzza in magnificnza l più rinomat Vill d' Principi di A malia l du Sicili migliori di molto d abbllit fn- ( ) L' Ordin di San Gnnaro iftituito dal R in cccagon dll lu nozz (J) La Sicilia di qua dal Faro n ha fla fola avuti quattro 4 Pitro di Bologna Princip di Camporal Ambafciador fpdito alla Impriai Cort di Vinna dopo la conchiufioo dlla pact- ; Stfano Rgio Princip di Aci Ambafciador ordinario a qulla di Spagna ; Antonino Montaprto Duca di Saota Elisabtta prtto il Rdi Polonia cioè i Giufpp Emmanullo Vntimiglia Princip di Blmoni a-lj^rcniffima Rpubblica di Vnzia

29 fnza dir nulla d* du albrghid* povri rtti nll du Mtropoli ; i quali a chi li rifguardafanno prhochè difcrdrc di ifr la povrtà umil ngltta \ di tanti altri difizj fé non ch a rndr più clbr fconcia 7 ^ opr pubblich : famofo un tal Rgno vvi altrsì concorfo il cafo nl difcopnmnto nobil Città antica già ign pin dl Yfuvio covrta mrcè il bl gnio di Carlo com nuova di Erodano da tanti fcoli dall fppliita d l gnrof fu cur quafi intra con iftupor dl mondo tutto tratta fuori con lla vnut a luc itatu_» pittur d altri si rari o pr avanzi dlla più colta antichità m* ch dir porgono ora fingolari nuovi lumi all prifchmmori d alla Itoria nuovo illuftramnto j ondchè non vi ha rudito Viaggiator ch non muova alla volta di Napoli vago di oflfrvarli di riportarnnuov tralafciarfi fotto filnzio prgrincognizioni di Amalia non ava né in fontuofìtà ch la Cort di Carlo N è da ~» n in lganza ch invidiar a qualunqu altra dll più fplndid polit Rali Corti di Europa così dll più ricch dll più bll L quali cof tikndo qual maraviglia ch Napoli ila divnuta una dll più ragguardvoli Città dl mondo 5 ch l du Sicili altro luftro altro nom altro grido abbiano ora ch pr 1' avanti non avvano? Maraviglia farbb fé i popoli mal ricofiofcnti a tant grazi amati avffro non Principi sì bnmriti sì li oflrvarono Ma i popoli li amarono tanto ch nulla più E un tal amor fnza di cui tutt l altr glori d' Principi pr lumi-

30 8 minof ch fino nulla rilivano pof il colmo alla grandzza di Carlo fu qullo ch» alla gloria di Amalia fovra di noi I dl Rgno voti dfidr j l lagrim ch noi fpargmmo alla lor dipartnza (incri tilimonj dll' amor furono gli ftrmi sì ma i più ch noi nudrimmo fmpr loro pr i 5 confguntmntad fìl più gloriofì ch non furono l acclamazioni l fll l fpranz ond iloro nuovi Rgni liaccolfro Dall poch cofch io ho fin qui adombrat dall altr molt ch dir li potrbbro giàfcorgtmii dilttinomi pr farci più d' apprlfoal noltro propofito ch mal fi potrbb pnfar Principffapiù grand più flic dlla noftra Maria Amalia E nl pur tmpo appunto ch ava lla a pattar ad una grandzza flicità maggior qual fi ra qulla di divnir Rgina dll Spagn sì in qullo tmpo appunto già lavorando dntro di li qul rio malor mfi fi andava_ ch tra pochi nl vigor dgli anni fuoi dova torla di vita ridurr iti polvr cnr tutt l fu glori l fu grandzz fnzachè tanto guaito tanta rovina impdir potuto avllrò la chiarzza dl fangu i tfori l magnificnz Trapanata Cortigiani i voti d' popoli l lagrim d' figliuoli figura di qullo mondo tutt dl Libano l affannof follcitudini d' 1' angofcia dllo Spofo è già pr li la- ; fvanit n fono l pomp Vdmmo la gran Donna faltata com i cdri ; indi a non molto pattammo più non v' ra Siamo andati in crca di li $ non fi è rinvnuto il fuo luogo? Si è innalzata pr poco più non fufli* ft

31

32 IO sì fort foavmnt gli avvìnf di anni o pr mutar di flato l virtù in li fmarono punto N pr crfr vnnro mno Dilatarono* bnsì luftro prfro più maftofa fmbianza divnndo virtù di Rgina qull {"tat rano - fìccom a poco a poco fpcchio rn- fpcialmnt dttlì di dico bn n in alto albro E quindi fu picciol fm nuovo ch fcioglindo difpigando l intrn fu parti ch virtù di Ral donzlla lvai! i rami fuoi d' ogni intorno difnd ch formatafi fu'l modllo di li la Ral Cort cnità nata fcuola di ogni buon coftum pudicizia ; di qulla oncftà com fuol accadr pudicizia io ch dovndo ffr inviolabil lgg di ogni alma sì rara sì mal nota è divnuta tra l licnz d' noftri mifri tmpi 5 ma la noftra faggia Donna fntì dirittamnt tutto il valor n comprf - dilicata n fu poco in chicchftìa patirnon n fapa adombrar Ma glofacotanto la potit ch cofa la qual alcun poiché non ci badrbb il brv tmpo noftro ragionarprmilo fé ad una ad una l virtù tutt dlla noftra Principftaridir volftìmo a al qulli* fola ci rifrangrmo ch tutt l altr in infinito formonta di prgio - ch diffondndoli fopra l uman oprazioni non folamnt dignità altramnt non ch luftro colori T flfr di virtù all virtù fomminiltra la Rligion qulla bllzza ma compart 5 non_ propriamnt ch la luc diffondndofì fovra d' corpi vaghzza ma 1' flfrdi colori ai * voglio dir già voi m' intndt h' flndo il foftgno d' Rgni d

33 d flr la virtù principal d' Rgnanti virtù fu appunto azioni di coli la fola rgola d' fntimnti 1 1 Or cotfta h' è 1' oggtto dll noftr Iodi dl noftro dolor ffndofi lla proplla lgg pr lucrna a* fuoi pani pr Invano fprava di avr luogo andamnti grazia chi non curava qulla di Dio più di una fiata ch non pota dll la fola Divina lum a' fuoi nlla fua_" ; fu intfa dir ffr fdl al Princip chi non ra fdl a Dio d : a buona quità prchè com fi può rifpttar V immagin f^non fi rifptta l' original? ch l carich dllo flato non rano d' affidarli a chi non fulf buon Criftiano fé vduta 1' avli mii dilttiffimi dporta qulla fua natia aria mifla di grazia Oh n' facri Tmpi di maflà tutta in fé raccolta tutta nl prfnt Num aitorta umil rivrnt proftrarfia' pi Altari a rndr culto d onor ai R d' R d' facri Signor d' Signori! Chi potrà mai agguagliar con parol V attnzion dì aflillva j la prparazion fpffo accolla vafi alla facra Mnfa -y con cui al Divin Sacrifizio ogni la il frvor ond compunzion al tu tuo grado 1' ammirarti fnza guardi fola nll pubblich Iliad accompagnar port in non cal l infgn dl con fnza cortggio ufita il Pgno di noftra trna gloria nh1' andar a farli Viatico d' moribondi mifta fn- confufa colla volgar gnt zachè altro la diftingufl ch la fpcial fua divozion " il fingolar fuo raccoglimnto cui fi prfntava al tribunal dlla Pnitnza? Napoli E voi ch_ B 2 av-

34 12 praticar loro l' iltffo E vramnt conciofiachè lla non ignorava ch fé da tutti Principi pr principio di natura molto avvat in cura l Rali la provaft al* PrincipiT quanto con voi crucciofa prciocché talvolta fact non più da' di rligion^* dbbono bn ducarli i loro figliuoli ficcom qui ch nati fono pr flicitar i popoli pr ffr a qulli di norma di fmplar n ad applicazion n a tmpo non prdonò n a cura né a fatica pr n' molli animi d' fuoi cari pgni i pii infondr rligioiì fntimnti ond ra ifa sì altamnt pntrata:» pr inftillar loro quali col latt l'amor dlla virtù fnza mai avr dato luogo a qui movimnti d'intmpiliva tnrzza ch pr l'ordinario impdifono all madri l'ducar virtuofamnt la loro prol Fra un bl vdr qulla cclfa Rgina nl fuo Oratorio con davanti i fuoi dlicati figliuolttitutti ginocchioni infgoar loro col fuo fmpio la rivrnza Divini iri Miftrj corrggrn ch dfi ai i loro più innocnti r* Ed oh fé in ifa li fpcchiaffroqull madri quali pr non dtrai* punto l di tmpo ai loro vani divrtimn pr tnr lungi dal loro vivr moll voluttuofo qualunqu il fia briga follcitudin trafurano la difciplina d' loro figliuoli o la diiìrifono lino a tanto adult Ma h' ffi com piant vnut già rigogliofnon poifono più raddrizzarli - l malaccort n rltrbbro confuf frattanto quanto ravvdut! frcitati dalla illuftr Dfunta voglia n rnll o ci fé di rammntar gli atti tutti di rligion man-

35 manchrbb il giorno * r 13 la voc» Non prò da prtrmttr il fuo filial amor invrfo la Ghifa fuo rifptto pr li facri Miniftri 3 ond tanto compiacvafi dllo itil dl fuo non mn rligioforal Confort di non promuovr qui al govrno dll Chif ch n polfdltrolo fpirito 3 h' ffr potifro lum fal l maltim fé non- il mrito forma dl grgg il E molto mno ' farbb da condonarli il non aggiugnr qualch motto intorno alla fua fimia carità Riconofcndo in fli la immagin* invrfo i povri pitifprifa di Gsù Grillo riguardandoli com i più cari mmbri dlla Ghifa non folamnt fntn* don pità nl fno loro l fu ricchzz ripof 3 _» di ogni mrcè fu loro larghiffima 3 n da alcuno rcata lor fuif foflnn ch noja d onta infim 3 ma ancora fu tanto lontana dal difprgiarlicon arrogant» faftidio dall' avrli a fchifo com far fogliono l prfon agiat potnti 3 ch anzi amavali tnramnt in onor conto di figliuoli tnvali non li confuf lla nl fuo tftamnto infim co' fuoi Rali dolciitimi Infanti raccomandandoli in una con qulli alla non mn magnanima carità dl R fuo Spofo limofin difponndo ch fuffro loro continuat l iftff h' lla ra ufa lor compartir? E nl vro li bata! ch intf al bifognofo tolf n pnfiro : prciò il Signor la librò n' giorni mali ai prigli colmandola di bni non al povro 3 fé a* ri difaftri la fottraff 3 ^* di gloria la fé bata in trra 1* abbandonò in mano a' fuoi nmici Né E d

36 14 rcarci o mii dilttiftimi T olirò nll* altzza dl trono ciò ftupor com tra V oro a villa di tutto ch di più grand di più lulìnghvolpuò mai apprfntar il mondo abbia la noftra Rgina_" confrvati fmpr vivi sì alti fnfl di rligion di pità Ciò crtamnt addivnn prchè la prudnt Donna non rifltt giammai di rifornir di olio la fua lampada pr lfr in qualunqu ora prtta all'incontro dl clft Spofo Oltrché afcoltava frquntmnt con fingolar ftudio la Divina parola non lafciava trapalar giorno fnzachè n impigal l prim or in onorar rndr lod a Dio in porgr a lui l fu calt prghir in diffondr il fuo cuor innanzi al Padr d' lumi dll mifricordi in mditar la Divina lgg La occupazion fua diltta ra- la lttura dll Divin Scrittur non già d' Romanzi l voi d' drammi d' libri dvoti vanno oggidì prdut tanta n hanno vaghzza incaut fconfìgiiatfigliuol di Sionn o facr Vrgini Ditlo com tratto tratto vdvat 1* Augufta Principlfavnir a nafcondrfi con voi iru dichiarandofi Grillo con voi com una di voi intrtnrfi [in fanti ragionamnti ^ 5 ditro ai quali lungamnt ch non trovava convrfazion più dolc di qulla più gioconda j ch avrbb amato mglio di lfr abbitta nlla Cafa dl Signor ch di abitar da Sovrana n' tabrnacoli d' pccatori? E non paga di cotfti familiari pii frcizj affln di riaccndr il fuo frvor coftumava ogni anno di ritirarli pr più gior» ni

37 ni pr trattar da fola afolo con Dìo pr udirlo parlar al fuo cuor nlla folitudin nl filnzio pr contmplar l vrità adunqu l maffim trn V afcoltar la Divina parola la L' o razion lt tura_ d' libri pii 1' ufar fpffocon prfon dvot l'annual fua lnto mnt ritiramnto flì rano ch nudrivano rinvigorivano sì il fuo fpirito illuftrando con nuovi lumi la di nuov fant vogli il fuo cuor infiammando E appunto ma tanto più pnofo mal ch la rndva dbol di in tal flic flato la coif il corpo ch a mifu ra l rinfrancava lo fpirito di Ed oh ammirabili vi dl Signor mifricordia vi fé mpr di vita! Voll così Iddio purgar^ pr qualch la tmpo fua diltta com oro nl cammino dlla tabulazion divglir in una il cuor di li fvogliarladagli fplndidi sì ma vani fpttacoli dlla fua da Napoli dl fuo arrivo n' lidi Ibri partnza d* principi dl govrno fo di qulla nobil tutta a lui dl fuo fmpr gloriofospo«vafta Monarchia tutta di lui rimpirla pr trarla_ Pon lla intant col morbo in fno il languido pid fuiia dorata cclfa prora L* accompagnano tra il folto duolo di fu- Jprb navi tra 1' aur olfquiof di fcondi vnti i fuoi langori Infrma prnd trra tra gli applaufì d il giubbilo d1 nuovi vaffalli 5 crfcndo a mifura d il fuo mal va- ch alla nuova Rggia fi apprflfaj lum com trutto già maturo ch pr ch da fé cad difialtadi alimnto fi ftingu com abban» nlla Rggia non più abbandonandola a a poco poco do-

38 1(5 donata tutta in Dio all lì fallaci fu Af d a mort la conduc pina di fanta fpranza placidamnt Ed h mifra li tranfitori cof di qullo mondo apprfa attaccata! Ma la bnavvnturata Principrà lo fifsò fono vri d trni i gaudj E mifri noi in ll fiifo avff il fuo cuor laddov fé fé la vanità d' bni trrni l fant azioni di li non ' invogliano dlla virtù! Anima grand di Amalia t dli fé mai ti toccano l bafi noitr cof a fdgno qullo non fcarfo tributo di noftra lod mort di mia sì grand Rgina non ci prfuad dlla prndr Chi fé n'è tolto l' orrvol incarco d al tuo bnfico Coniort ha d a t tutto qullo Ma alla grand opra ch'è tutto qullo al buon volr fono mancati ch l' inggno 1' art il tmpo l notizi più dipint particolari dll tu virtuof oprazioni modochè di t dir non ha a tutti conto volgar potuto fé non ciò h- di è E tu Padr dll mifricordi Dio di ogni confolazion faudifi l umili _" giuri noftr prghir pr l'trno ripofo di Anima a noi sì cara mitiga il noiìro dolor col confrmar profprar il noiìio tnro R (/) ch fu l'ultimo più prziofo dono ch la graziofa Madr abbia a noi fatto ch unquamai far ci potva Egli è figliuolo (/) 11 R Carlo pria di partirfi pr Ifpagna cdtt dll du Sicili lafciò il Ram gli altri Tuoi dorninj d' Italia al Srnidìmo Infant D Frdinando natogli li 12 Gnnajo 1751

39

40

41

42

43 FOLIO xxx 72S *HEGETTV CENTER *ARY

44 Xk- ^t\ hi È JJ M"' %

De Rossi, profumo di primavera Sabato 23 Marzo 2013 10:49 - DANIELE GIANNINI

De Rossi, profumo di primavera Sabato 23 Marzo 2013 10:49 - DANIELE GIANNINI DANIELE GIANNINI Frsco com un fior sboccia nl primo giorno primavra Il gol Danil D Rossi al Brasil ha s gnato simbolicamnt la fin dll invrno Il risvglio dlla natura qullo dlla Nazional stava prdndo immritatamnt

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Sttor Programmazion, Controlli La popolazion in tà da 0 a 2 anni rsidnt nl comun di Bologna Maggio 2007 La prsnt nota è stata ralizzata da un gruppo di dirignti funzionari dl Sttor Programmazion, Controlli

Dettagli

VIA CRUCIS. Gesù, Gesù mio Bene Stampatemi nel cor le vostre pene. Composta dal Sig. Abate Pietro Metastasio

VIA CRUCIS. Gesù, Gesù mio Bene Stampatemi nel cor le vostre pene. Composta dal Sig. Abate Pietro Metastasio VIA CRUCIS Composta dal Sig. Abate Pietro Metastasio (1698-1782) T eco vorrei, Signore, Oggi portar la Croce, Nella tua doglia atroce Io ti vorrei seguir. Ma troppo infermo, e lasso Donami Tu coraggio,

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia NLISI DEL TESTO LE FSI DI LVORO 1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia 4) 2 lettura: spiegazione,

Dettagli

Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT

Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT Parola della Grazia Worship Team Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT Ti servirai di me ( 2006 Giovanni Di Sano & Marta Cascio) Verse Sol#Min Si5 Fa#5 Mi Mio Signore Mio Salvatore Fatti Conoscere Sol#Min

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI Ricordami Sempre 7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI FORMATI 9 x 13 cm APERTO 9 x 13 cm CHIUSO FORMATI FORMATI 10 x 15 cm APERTO FORMATI 10 x 15 cm CHIUSO ARTE 001_AR 002_AR 003_AR ARTE 004_AR ARTE

Dettagli

LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO

LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO Abbiamo iniziato a lggr in class Nonno Tano la casa dll strgh. Lo scopo ra ascoltar comprndr. Sguir la mastra ch dava sprssività alla lttura imparar da lla a lggr.

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Al carissimo Bernardo Ciddio Michele di Thunder Bay

Al carissimo Bernardo Ciddio Michele di Thunder Bay GRIMALDI 2000 Ottobre/Novembre 2005 Società 8 Al carissimo Bernardo Ciddio Michele di Thunder Bay Michele carissimo, ho ricevuto la mensa folla di parenti ed amici erano lì to, la stima per il grande coraggio

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Rudi e Gabriella. 21 giugno 2008. Chiesa SS Pietro e Paolo Biasca. Amor ogni cosa vince. Leonardo da Vinci

Rudi e Gabriella. 21 giugno 2008. Chiesa SS Pietro e Paolo Biasca. Amor ogni cosa vince. Leonardo da Vinci Rudi e Gabriella Chiesa SS Pietro e Paolo Biasca 21 giugno 2008 Amor ogni cosa vince. Leonardo da Vinci Rudi e Gabriella Belotti Via Ginnasio 2 6710 Biasca PRIMA LETTURA Cantico dei Cantici 2, 8 10.14.16a;

Dettagli

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA Filippo Merlino Nato a Sant Arcangelo il 25/02/1957, era entrato nei carabinieri a soli 17 anni. Maresciallo Maggiore comandava la stazione dei

Dettagli

L'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide,

L'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, L'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. 1 Entrando

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

M I S T E R I D E L D O L O R E

M I S T E R I D E L D O L O R E M I S T E R I D E L D O L O R E Mio Dio, dona a tutti, a tutti gli uomini, la conoscenza di te e la compassione dei tuoi dolori. Le rosaire. Textes de, Monastère de Chambarand, Roybon 2009, p. 27 1. L

Dettagli

PREGHIERE www.ruksak.sk IL SEGNO DELLA CROCE. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. BREVIARIO INTRODUZIONE

PREGHIERE www.ruksak.sk IL SEGNO DELLA CROCE. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. BREVIARIO INTRODUZIONE PREGHIERE www.ruksak.sk IL SEGNO DELLA CROCE Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. BREVIARIO INTRODUZIONE O Dio, vieni a salvarmi. Signore, vieni presto in mio aiuto. BREVIARIO BENEDIZIONE

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE

PARROCCHIA SACRO CUORE PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 2013 1 ARCIDIOCESI DI CAPUA PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 30 OTTOBRE 2013 SULLE STADE DEL MONDO PRESIEDE DON CARLO IADICICCO MISSIONARIO FIDEI DONUM

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

IL VENERABILE DON PASQUALE UVA:

IL VENERABILE DON PASQUALE UVA: IL VENERABILE DON PASQUALE UVA: - - - - - - 11 - - - La fede: risposta d amore al Dio Amore - - - 12 Si conosce Dio per fede, e non vi è altra via sulla ter- ra per conoscerlo. E la religiosa pratica questa

Dettagli

IL PROGRAMMA Ore 17,30 Coroncina Sacro Cuore di Gesù Ore 18,00 S. Messa Breve discorso del parroco Benedizione solenne

IL PROGRAMMA Ore 17,30 Coroncina Sacro Cuore di Gesù Ore 18,00 S. Messa Breve discorso del parroco Benedizione solenne L INVITO (PAG.1) L INVITO (PAG.2) Carissimi nel Signore, il 16 giugno 2011 avremo la gioia di celebrare i 25 anni di erezione della parrocchia, avvenuta con decreto dell'arcivescovo di Palermo Cardinale

Dettagli

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e.

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e. In m o l ti pa e s i po c o svil u p p a t i, co m p r e s o il M al i, un a dell a pri n c i p a l i ca u s e di da n n o alla sal u t e e, in ulti m a ista n z a, di m o r t e, risi e d e nell a qu al

Dettagli

Chiesa di Cristo in Ferrara Studi Biblici e Riflessioni

Chiesa di Cristo in Ferrara Studi Biblici e Riflessioni Chiesa di Cristo in Ferrara Studi Biblici e Riflessioni Chiesa di Cristo, Via Paglia 37, Ferrara Telefono: 0532 760138 http://www.chiesadicristofe.org NOTA: Iniziamo la presente serie con brevi puntualizzazioni

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

La Tua volontà. Gesù è la Via, la Verità e la Vita. la-do. intro: strofa: la-gesù mostrami le Tue vie, insegnami i Tuoi sentieri.

La Tua volontà. Gesù è la Via, la Verità e la Vita. la-do. intro: strofa: la-gesù mostrami le Tue vie, insegnami i Tuoi sentieri. La Tua volontà Gesù è Via, Verità e Vita testo: Emanue Lo Piccolo, musica: Daniele Cascio Cd: Gesù è via, verità e vita Cd: Gesù è via, verità e vita -- (5) -- stro: (5) - (5) -Ciò che ci unisce è fede

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

CANTI PER LA SANTA MESSA DI NATALE 25 Dicembre 2014

CANTI PER LA SANTA MESSA DI NATALE 25 Dicembre 2014 CANTI PER LA SANTA MESSA DI NATALE 25 Dicembre 2014 ADESTE FIDELES Adeste fideles Læti triumphantes Venite, venite in Bethlehem Natum videte Regem angelorum Venite adoremus, Venite adoremus, Venite adoremus

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor!

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015 Canto d'inizio: 1 TERRA TUTTA DÀ LODE A DIO R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! 1. Servite Dio nell allegrezza, 2. Sì, il Signore

Dettagli

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA Mar iap ia Veladiano parole di scuola indice Albus Silente 9 Ogni parola 13 Da dove cominciare. Integrazione 19 Da dove cominciare. Armonia 21 Tante paure 27 Paura (ancora) 33 Dell identità 35 Nomi di

Dettagli

Apporti, Asporti e Regali

Apporti, Asporti e Regali Apporti, Asporti e Regali Collana: Ali d Amore N. 9 A Dilaila e alle anime candide dell Altra Dimensione A P P O R T I Gli apporti sono materializzazioni di oggetti, di animali, di piante o fiori, che

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me.

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me. BEATO L UOMO Beato l'uomo che retto procede e non entra a consiglio con gli empi e non va per la via dei peccatori, nel convegno dei tristi non siede. Nella legge del Signore ha risposto la sua gioia;

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Crescere nella Fede alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Due mentalità, due logiche Un cammino di fede Un corso di dottrina Due approcci educativi Strada La Rivelazione cristiana incontrare la

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

CASA ESERCIZI SPIRITUALI CASA PADRE LUIGI SUORE DELLA PROVVIDENZA VIA MOIMACCO 21, ORZANO DI REMANZACCO (UD)

CASA ESERCIZI SPIRITUALI CASA PADRE LUIGI SUORE DELLA PROVVIDENZA VIA MOIMACCO 21, ORZANO DI REMANZACCO (UD) ARCIDIOCESI DI UDINE UFFICIO DIOCESANO PER LA PASTORALE DELLA FAMIGLIA La coppia cristiana: segno di speranza pomeriiggiio dii spiiriitualliità famiilliiare domenica 27 aprile 2014 CASA ESERCIZI SPIRITUALI

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Jacopo Torriti, Incoronazione della Vergine fra i santi Francesco, Paoio, Pietro, papa Niccolò IV; Antonio da Padova, Giovanni Evangelista, Giovanni

Jacopo Torriti, Incoronazione della Vergine fra i santi Francesco, Paoio, Pietro, papa Niccolò IV; Antonio da Padova, Giovanni Evangelista, Giovanni Jacopo Torriti, Incoronazione della Vergine fra i santi Francesco, Paoio, Pietro, papa Niccolò IV; Antonio da Padova, Giovanni Evangelista, Giovanni Battista e il cardinale Colonna, 1295c., Roma, chiesa

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

SALMO RESPONSORIALE (Sal 33,12.18-22) Rit. Della grazia del Signore è piena la terra

SALMO RESPONSORIALE (Sal 33,12.18-22) Rit. Della grazia del Signore è piena la terra Di seguito una selezione di 10 brani per il SALMO RESPONSORIALE. Il Salmo segue la Prima Lettura. É una preghiera comunitaria che coinvolge tutta l'assemblea. Potrebbe essere uno dei vostri invitati a

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale Conoscere, amare, seguire, testimoniare Gesù Itinerario d incontro e di formazione; liturgico - esperienziale. «Non abbiate paura di accogliere Cristo! Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte

Dettagli

Totti, 37 anni da leggenda. Un monumento vivente. Scritto da Redazione Venerdì 27 Settembre 2013 08:39 - VALERIA META

Totti, 37 anni da leggenda. Un monumento vivente. Scritto da Redazione Venerdì 27 Settembre 2013 08:39 - VALERIA META 37 nni d lggnd Un monumnto vivnt Scritto d Rdzion VALERIA META Scrivrlo sull fccit Sn Pitro potv ffttivmnt smbrr irrivrnt pr qunto l omonimo inquino dl Vticno si si mostrto prson ll mno Così gli uguri

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

Vi ha messo tutto quello che aveva per vivere!

Vi ha messo tutto quello che aveva per vivere! XXXII dom. T.O. - B Vi ha messo tutto quello che aveva per vivere! Mc 12,38-44 Vieni Santo Spirito, manda a noi dal cielo un raggio della tua luce. Vieni Padre del poveri, vieni datore dei doni, vieni

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

L albero di cachi padre e figli

L albero di cachi padre e figli L albero di cachi padre e figli 1 Da qualche parte a Nagasaki vi era un bell albero di cachi che faceva frutti buonissimi. Per quest albero il maggior piacere era vedere i bambini felici. Era il 9 agosto

Dettagli

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Un altra speranza Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Riccardo Dossena Tutti i diritti riservati Progetto scrivere di Riccardo Dossena. Con il mio

Dettagli

Ratto al ballo. AESS Archivio di Etnografia e Storia Sociale

Ratto al ballo. AESS Archivio di Etnografia e Storia Sociale Ratto al ballo Esecuzione di Eva Tagliani Colleri (PV), 1984 registrazione di Aurelio Citelli e Giuliano Grasso Maggio 2005 Temi/Aspetti 3 Personaggi 5 Luoghi 7 Storia 9 Trascrizione fonetica 11 Esercizi

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli