LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO"

Transcript

1 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico- giuridico, ma soprattutto aspetti culturali, sociali ed economici. Ciò implica che se davvero vogliamo contrastare efficacemente il fenomeno delle diseguaglianze è necessario l impegno di tutte le istituzioni, senza trascurare l educazione civica e sociale e, proprio per questo, intendiamo iniziare dai giovani e, quindi, dalla scuola che è il momento principale della loro formazione. I dati attestano che le donne risultano ancora vittime di discriminazione in famiglia, sui luoghi di lavoro e in tutti gli ambiti della società. Gli strumenti giuridici, oggi a disposizione, sicuramente sono molto incisivi, ma è ancora lunga la strada sul piano culturale e politico per assicurare pari opportunità fra uomini e donne e, soprattutto, la consapevolezza che l integrità psicofisica, il rispetto della dignità delle donne sono diritti inviolabili. Assicurare a tutti pari dignità è un punto di partenza per costruire una società più giusta in cui la donna non solo possa svolgere la sua funzione familiare ma possa ampiamente soddisfare le sue aspirazioni professionali. L oggetto dell argomento di questo incontro sono le discriminazioni sul luogo di lavoro e, proprio per focalizzare meglio il problema, vorrei entrare subito nel vivo della discussione e iniziare immediatamente a parlare di cosa siano le discriminazioni di genere sul luogo di lavoro Discriminazioni di genere significa differenza di trattamento fra uomini e donne sui luoghi di lavoro nei settori pubblici e privati che possono riguardare: L accesso all occupazione e al lavoro, sia dipendete che autonomo : l accesso al lavoro è un momento critico in cui si possono verificare le discriminazioni che si possono concretizzare nei criteri di selezione del personale e nelle condizioni di assunzione.

2 2 Inoltre discriminazioni sul lavoro si possono realizzare nella promozione, nell attribuzione delle qualifiche,delle mansioni e nella progressione della carriera. Pertanto, per evitare forme di discriminazione nei concorsi pubblici e nelle forme di selezione al lavoro dei privati la prestazione richiesta deve essere sempre accompagnata dalle parole dell uno e dell altro sesso, fatta eccezione per quei casi in cui il riferimento al sesso costituisca un elemento essenziale per la prestazione ( come nel campo della moda o dello spettacolo) oppure nei casi espressamente previsti dai contratti collettivi; l accesso a tutti i tipi e livelli di formazione, orientamento, perfezionamento, aggiornamento e riqualificazione professionali : nessun criterio deve consentire che ci si una facilitazione nella formazione professionale che favorisca persone appartenenti all uno o all altro sesso; facile momento di discriminazione è il licenziamento e al riguardo anche ultime modifiche legislative hanno reso nulli i licenziamenti di lavoratrici, attuati a causa di matrimonio intercorrenti dal giorno della richiesta delle pubblicazioni di matrimonio fino a un anno dopo della celebrazione del matrimonio. Inoltre il Decreto Legislativo 5/2010 estende il divieto di licenziamento, già previsto dall art. 151/2001 ( fino a un anno di età del bambino) ai casi di adozione e di affidamento. Il divieto di licenziamento si applica fino ad un anno dall ingresso del minore nel nucleo familiare. In caso di adozione internazionale, il divieto opera dal momento della comunicazione della proposta di incontro con il minore adottando, ovvero dalla comunicazione dell invito di recarsi all estero per ricevere la proposta di abbinamento.

3 3 La retribuzione non deve mai essere oggetto di discriminazione. Secondo l art. 28 del D.Lgs 198/2006, la lavoratrice ha diritto ala stessa retribuzione del lavoratore quando le prestazioni richieste siano uguali o di pari valore; l accesso a prestazioni pensionistiche deve essere uguale fra uomini e donne; Inoltre non deve essere discriminato un lavoratore che si sia ribellato ad un comportamento discriminatorio ( vittimizzazione). ESEMPI CONCRETI di DISCRIMINAZIONI Sono atti discriminatori : I test di gravidanza al momento dell assunzione; I colloqui, in sede di assunzione, in cui viene richiesto se il candidato è sposato o ha figli; Il rifiuto di assunzione perché il candidato è donna; Il rifiuto di assunzione di una donna perché il lavoro prevede orari notturni; Il rifiuto di assunzione perché il candidato è incinta; Il rifiuto di assunzione di una donna perché il lavoro è pesante ( e ciò non è previsto dai contratti collettivi; Provvedimenti datoriali che escludono i periodi di maternità dalla base di calcolo per la corresponsione dei benefici di calcolo ai dipendenti; Mancata concessione di congedi parentali a cui hanno diritto i genitori lavoratori sia naturali che adottivi; Non prevedere nelle selezioni pubbliche la possibilità di posticipare l esame per le donne in stato di gravidanza; Ogni trattamento economico meno favorevole in ragione dello stato di gravidanza, nonché di maternità o paternità anche adottive;

4 4 Molestie sui luoghi di lavoro ; Molestie sessuali sui luoghi di lavoro. DISCRIMINAZIONI DIRETTE ED INDIRETTE Il divieto di discriminazione nel rapporto di lavoro è disciplinato dal D.Lgs. 198/2006 che coordina la disciplina normativa antidiscriminatoria già esistente. La disparità di trattamento tra uomo e donna nel rapporto di lavoro è una delle principali discriminazioni sul lavoro. Le discriminazioni possono essere classificate in discriminazioni dirette e discriminazioni indirette. Discriminazione diretta Le discriminazioni dirette consistono in un atto o un comportamento che produce un effetto discriminatorio e pregiudizievole nei confronti di uno o più lavoratori, in ragione del loro sesso, rispetto agli altri lavoratori in situazioni analoghe. Esempio di discriminazione diretta: il rifiuto di un datore di lavoro di assumere una lavoratrice per il suo stato di gravidanza; mancata promozione di una lavoratrice perché donna; il licenziamento di una lavoratrice durante il periodo di gravidanza; Discriminazione indiretta Le discriminazioni indirette consistono in atti o comportamenti che, pur essendo apparentemente neutri, determinano una posizione di svantaggio nei confronti dei lavoratori di un determinato sesso nei confronti dell'altro.

5 5 ESEMPIO di DISCRIMINAZIONE INDIRETTA Stabilire quale requisito di accesso ad una selezione di lavoro che uomini e donne debbano possedere un altezza minima uguale; stabilire l esclusione di una tipologia contrattuale utilizzata dalle donne (part- time) DISCRIMINAZIONE COLLETTIVA La discriminazione collettiva è un assunzione di atti, contratti e comportamenti che, discriminando i lavoratori in base al sesso, producono un danno o un trattamento diverso rispetto a quello di lavoratori di sesso diverso Esempi quando il datore di lavoro rimborsa ai soli lavoratori le spese della scuola per i figli; quando esclude dal computo del anzianità di servizio utile per progressioni automatiche di carriera le assenze dl lavoro per la fruizione dell astensione facoltativa; LE SANZIONI A CARICO DEL DATORE DI LAVORO A SEGUITO DEL D.L:vo 5/2010 con il decreto legislativo 5/2010, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, è stata recepita la direttiva comunitaria 2006/54 in tema di pari opportunità e parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e impiego.

6 6 Il decreto modifica in primis il Codice delle pari opportunità tra uomo e donna (d.lgs. 198/06). Tra le modifiche: l'estensione della nozione di discriminazione ai: - trattamenti meno favorevoli nell adozione di criteri di selezione, nelle condizioni di assunzione nonché nella promozione in ragione dello stato di maternità o paternità, anche adottive (modifica all'articolo 25); - trattamenti meno favorevoli subiti da una lavoratrice o da un lavoratore per il fatto di aver rifiutato o non essersi sottomessi a molestie (art. 30- bis). il divieto di ogni discriminazione relativa all'accesso e all'applicazione delle forme pensionistiche complementari, salvo consentire forme differenziate di trattamento tra uomini e donne giustificate da elementi di calcolo attuariale (art. 30- bis). il riconoscimento alle lavoratrici in possesso dei requisiti per la pensione di vecchiaia del "diritto di proseguire il rapporto di lavoro fino agli stessi limiti di età previsti per gli uomini". A tal proposito è stato escluso l'obbligo di comunicazione preventiva al datore di lavoro ed è stato abrogato il rinvio alla legge 604/66 che prevede il solo risarcimento, e non il reintegro, in caso di annullamento del licenziamento. (modifica all'art. 30) infine, la tutela giurisdizionale, prevista dal d.lgs. 198/06 avverso i comportamenti pregiudizievoli posti in essere dal datore, è estesa a qualsiasi reazione da parte di quest'ultimo alle attività dirette ad ottenere il rispetto del principio di parità di trattamento tra uomini e donne (art. 41- bis). La legge prevede sanzioni a carico dei datori di lavoro che non osservano le disposizioni in materia antidiscriminatoria. In particolare: inosservanza delle disposizioni riguardanti il divieto di discriminazione nell accesso al lavoro, alla formazione e alla promozione, nella progressione di carriera e nelle prestazioni previdenziali.

7 7 AMMENDA da 250 euro a 1500 euro Inottemperanza alla sentenza del giudice che accerta discriminazione di carattere collettivo AMMENDA fino a euro e arresto fino a sei mesi + 51 euro al giorno per ogni giorno di ritardo nell esecuzione del provvedimento. Inottemperanza al decreto del giudice di cessazione della condotta antidiscriminatoria Ammenda fino a euro e con l arresto fino a sei mesi A CHI SPETTA L ONERE DELLA PROVA? Spetta al datore di lavoro (convenuto) la prova dell insussistenza della discriminazione qualora il ricorrente fornisce elementi di fatto desunti anche da dati statistici relativi alle assunzioni, alle assegnazione di mansioni e qualifiche, ai trasferimenti progressioni di carriera e licenziamenti, idonei a fondare in termini preisi e concordanti, la presunzione dell esistenza di atti, patti e comportamenti discriminatori in ragione del sesso. MOLESTIA SESSUALE SUI LUOGHI di LAVORO Le molestie sessuali sul luogo di lavoro sono state oggetto di definizione normativa, in ambito giuslavoristico, a seguito della Direttiva CEE n. 2002/73, che ha fornito la definizione specifica di molestie sessuali in aggiunta a quelle di discriminazione (diretta e indiretta) e di molestie o mobbing di genere (descrivendo queste ultime, lo si ricorda, come situazioni in cui si verifica un comportamento indesiderato connesso al sesso di una persona avente lo scopo o l effetto di

8 8 violare la dignità di tale persona e di creare un clima intimidatorio, ostile, degradante, umiliante e offensivo). In particolare, le molestie sessuali sono definite dalla direttiva menzionata come tutti quei comportamenti indesiderati a connotazione sessuale, espressi in forma fisica, verbale o non verbale, aventi lo scopo o l effetto di violare la dignità di una persona, in particolare creando, anche in tal caso così come nel mobbing di genere, un clima intimidatorio, ostile, degradante, umiliante e offensivo. In ragione di tale ultima caratteristica, la molestia, sia di genere (o mobbing di genere) che sessuale, si può configurare anche quando non sia ravvisabile un intenzionalità dell autore e attraverso ogni ipotesi di comportamento, purché sia indesiderato: l elemento soggettivo in capo all autore della molestia pertanto non assume alcuna rilevanza in relazione alla concreta configurabilità della fattispecie, che può sussistere anche nel momento in cui l autore della condotta denunziata riteneva che la stessa non costituisse né una forma di molestia, né una forma di molestia a carattere sessuale. Il legislatore italiano, recependo le linee guida comunitarie, ha statuito che sono considerate come discriminazioni le molestie sessuali, ossia quei comportamenti indesiderati a connotazione sessuale, espressi in forma fisica, verbale o non verbale, aventi lo scopo o l effetto di violare la dignità di una lavoratrice o di un lavoratore e di creare un clima intimidatorio, ostile, degradante, umiliante o offensivo (art. 2 comma 1c del D.lgs. n. 145/2005, ora trasfuso nel d.lgs. 11 aprile 2006, n 198, o Codice delle Pari opportunità, all art. 26, comma 2, che replica pedissequamente la formulazione comunitaria). Da una parte, quindi, le molestie in senso lato sono caratterizzate da comportamenti motivati da ragioni riguardanti il genere (art. 26, comma 1, D.lgs 198/06), quali frequenti nella casistica

9 9 giudiziaria - la marginalizzazione al rientro della maternità, il mobbing conseguente al matrimonio, il mobbing conseguente al rifiuto di un invito a cena, ecc., mentre dall altra le molestie sessuali consistono in comportamenti aventi come contenuto proprio il sesso e la sfera dell intimità sessuale della persona. Nell esperienza concreta, la fattispecie di molestie sessuali si associa di frequente ad una più generale situazione di aggressione psicologica del lavoratore inquadrabile nel c.d. mobbing. Sono i casi in cui l atteggiamento persecutorio tenuto nei confronti del lavoratore da parte del datore di lavoro o di altro collega o superiore gerarchico ha trovato origine nel rifiuto opposto alle avances o agli atteggiamenti a connotazione sessuale. La mancata condiscendenza alle richieste di carattere sessuale del superiore gerarchico è ripagata spesso da una pressione psicologica e da una sistematica opera di boicottaggio del lavoro svolto nei confronti della vittima, con frequente irrogazione di sanzioni disciplinari e conseguente arresto della carriera, fino ad arrivare alla definitiva estromissione della vittima dal contesto lavorativo, che nel caso di licenziamento assume un carattere discriminatorio e ritorsivo. Nei casi più gravi tale situazione di molestia può proseguire anche nella vita privata della persona; si tratta in questi casi di stalking occupazionale, intendendosi per tale una forma di stalking in cui l effettiva attività persecutoria si esercita nella vita privata della vittima, ma la cui motivazione proviene invece dall ambiente di lavoro, dove lo stalker ha realizzato, subito o desiderato una situazione di conflitto, persecuzione o mobbing. Sono i casi, ad esempio, in cui il rifiuto di avances non viene accettato dal datore di lavoro o dal superiore gerarchico della vittima, la quale comincia ad essere tempestata di telefonate anche dopo l orario di lavoro, o pedinata nel tragitto casa lavoro o seguita in ogni spostamento, subendo un pregiudizio alle sue abitudini di vita associato a sofferenza psichica o paura per la propria incolumità.

10 10 Gli strumenti di tutela Già ben prima dell entrata in vigore delle disposizioni richiamate, si è registrato un attivismo giudiziario volto a definire e individuare le tecniche più appropriate per la tutela del lavoratore o della lavoratrice (nella maggior parte dei casi, purtroppo, tali condotte hanno come vittime proprio le donne), che subiscano comportamenti molesti quali quelli sopra esemplificati. In assenza di una disciplina specifica infatti, la giurisprudenza ha infatti svolto per lungo tempo un ruolo di supplenza rispetto al legislatore nell elaborazione dei precetti giuridici e delle relative sanzioni, richiamandosi principalmente ai generali principi dell ordinamento che tutelano la dignità e la libertà di autodeterminazione della persona umana. Con riguardo alla configurazione della fattispecie concreta, si è esaminata una vasta casistica dei possibili comportamenti ora tipizzati, almeno in parte (come noto manca ad oggi sia una legge sul mobbing che una legge sullo stalking), dal legislatore: si va dagli apprezzamenti allusivi, alle battute a sfondo sessuale, dagli inviti a cena tendenziosi alle telefonate continue con costanti ricadute sul piano sessuale, dalle proposte di approccio all approccio tramite baci o toccamenti anche in parti intime. La giurisprudenza, soprattutto di merito, ha svolto dunque una funzione di guida alla qualificazione giuridica delle molestie, procedendo attraverso un analisi sulla gravità e sull idoneità offensiva dei fatti addebitati alla luce dei diritti fondamentali della persona, come il diritto alla salute (art. 32 Cost) e il diritto alla dignità umana (art. 41 Cost.). Le fonti di responsabilità per il molestatore e il datore di lavoro Gli strumenti utilizzati dal giudice per accordare protezione alle vittime di molestie sessuali sono molteplici. Le opinioni di dottrina e giurisprudenza si sono orientate prevalentemente nel

11 11 ricondurre le molestie sessuali poste in essere sul luogo di lavoro alla violazione dell obbligo di sicurezza e di protezione dei lavoratori ex art c.c. In particolare, considerato che tale norma tutela non solo l integrità fisica, ma anche la personalità morale del lavoratore, l applicazione in campo lavoristico del generale principio del neminem laedere fa assumere a tale principio la forma giuridica di un autonoma obbligazione contrattuale in capo al datore di lavoro. Sul punto la prevalente giurisprudenza, principalmente di merito, ha statuito che se il datore era a conoscenza o doveva ragionevolmente sapere delle molestie e non è intervenuto per far cessare tali condotte, egli non possa esimersi da responsabilità, da cui deriva il diritto al risarcimento del danno non patrimoniale per il lavoratore, data la natura costituzionale dei beni lesi. In base a tale orientamento, ai sensi dell art c.c. l imprenditore è tenuto ad adottare nell esercizio dell impresa tutte le misure necessarie a tutelare non solo l integrità fisica ma anche la personalità morale dei dipendenti; tale obbligo di protezione impone al datore di lavoro, cui sia noto il compimento di molestie sessuali nell ambito dell impresa, di intervenire, adottando tutte le misure, anche di natura disciplinare e organizzativa, necessarie a garantire la tutela dei dipendenti. Con riferimento alla tutela risarcitoria, la giurisprudenza ha accordato alla vittima di molestie sessuali il diritto al risarcimento di tutti i tipi di danno, compresi quelli non patrimoniali, nelle componenti di danno biologico, morale ed esistenziale. Secondo un consolidato orientamento giurisprudenziale, l obbligo di risarcire tali danni grava cumulativamente sia sull autore del fatto lesivo sia sul datore di lavoro. Nel caso in cui non si possa accertare che il datore di lavoro abbia violato gli obblighi di protezione di cui all art c.c., la giurisprudenza ritiene che lo stesso potrebbe essere ritenuto responsabile in via extracontrattuale ai sensi dell art c.c. per il fatto illecito commesso dal

12 12 proprio dipendente nello svolgimento delle funzioni assegnate e in solido con lo stesso. Sotto tale profilo, è stata ammessa la prova liberatoria del datore solo nel caso in cui il dipendente autore del fatto illecito abbia agito con dolo e al di fuori di un rapporto di occasionalità necessaria con le proprie mansioni, ossia qualora l evento lesivo si sia verificato sul luogo di lavoro solo in via del tutto accidentale e casuale. Infatti, il solo dolo del commesso, di per sé, non esclude il rapporto di occasionalità necessaria con le mansioni affidategli, quando l illecito venga reso possibile oppure agevolato dal rapporto di lavoro con il committente, il quale quindi ne risponde ai sensi dell art c.c. Vengono inoltre sanzionati con la nullità, in quanto discriminatori, ai sensi dell'art. 15 della legge 300/1970 nonché ai sensi dell art. 26, comma 3 del d.lgs 198/06 cit. gli atti, i patti o i provvedimenti concernenti il rapporto di lavoro dei lavoratori o delle lavoratrici vittime delle molestie sessuali, qualora vengano adottati in conseguenza del rifiuto o della sottomissione a tali molestie. Naturalmente tali condotte hanno anche precisa connotazione di illecito penalmente rilevante.

Discriminazioni di genere in Emilia Romagna. Dati e riflessioni di un fenomeno in evoluzione

Discriminazioni di genere in Emilia Romagna. Dati e riflessioni di un fenomeno in evoluzione Discriminazioni di genere in Emilia Romagna. Dati e riflessioni di un fenomeno in evoluzione Rosa M. Amorevole per l Emilia Romagna Discriminazioni sul lavoro: analisi e strumenti di tutela. Rimini 19

Dettagli

Avv. Paolo Berti Verona 7/3/2014

Avv. Paolo Berti Verona 7/3/2014 GIURISPRUDENZA SULLA DISCRIMINAZIONE Avv. Paolo Berti Verona 7/3/2014 Maternità elicenziamento CORTED APPELLODITORINO 19/2/2013 Illicenziamentodi una lavoratrice madre è illegittimo perché fondato su una

Dettagli

Discriminazione e lavoro. Le nuove frontiere del principio di eguaglianza tra diritto comunitario e diritto nazionale

Discriminazione e lavoro. Le nuove frontiere del principio di eguaglianza tra diritto comunitario e diritto nazionale Le nuove frontiere del principio di eguaglianza tra diritto comunitario e diritto nazionale Ogni discriminazione presuppone una differenza di trattamento Non ogni differenza di trattamento è discriminatoria

Dettagli

Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro

Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Art. 1 1. E vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 25 gennaio 2010, n. 5. pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 29 del 5 febbraio 2010. testo in vigore dal: 20-2-2010

DECRETO LEGISLATIVO 25 gennaio 2010, n. 5. pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 29 del 5 febbraio 2010. testo in vigore dal: 20-2-2010 DECRETO LEGISLATIVO 25 gennaio 2010, n. 5 Attuazione della direttiva 2006/54/CE relativa al principio delle pari opportunità e della parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE

LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE NELL UNIONE EUROPEA Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse

Dettagli

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione Circolare Informativa n 5/2014 Pillole di Cassazione Pagina 1 di 7 INDICE 1) Sicurezza sul lavoro, doveri del datore e presunzione di responsabilità pag. 3 2) Le somme accantonate dal datore di lavoro

Dettagli

Verso una cultura della parità: Codice di condotta INGV e strumenti giuridici per la tutela delle vittime di molestie sul luogo del lavoro

Verso una cultura della parità: Codice di condotta INGV e strumenti giuridici per la tutela delle vittime di molestie sul luogo del lavoro Seminario sulla prevenzione e la tutela dalle molestie nei luoghi di lavoro Verso una cultura della parità: Codice di condotta INGV e strumenti giuridici per la tutela delle vittime di molestie sul luogo

Dettagli

IL MOBBING: APPUNTI PER UNA RIFLESSIONE DI GENERE

IL MOBBING: APPUNTI PER UNA RIFLESSIONE DI GENERE IL MOBBING: APPUNTI PER UNA RIFLESSIONE DI GENERE Il mobbing si realizza attuando una sorta di terrorismo psicologico, che implica un atteggiamento ostile e non etico posto in essere in forma sistematica

Dettagli

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale Tesi di laurea triennale Università degli Studi di Macerata Corso di laurea di servizio sociale Titolo della tesi: Lavoro femminile e pari opportunità Anno accademico 2012-2013 Studentessa: Michela Santarelli

Dettagli

MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO

MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO 1) Il lavoro nella Costituzione (13, 14) MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO L importanza del lavoro è immediatamente sancita dall art. 1 L Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro ed esso costituisce

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 78 15.04.2014 Licenziamento individuale: il punto dei CdL I CdL riepilogano le norme contenuti nell art. 18 dello Statuto dei

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA MOBBING SESSUALE. a) Lavoratore mobbizzato: risarcimento contrattuale o extracontrattuale

IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA MOBBING SESSUALE. a) Lavoratore mobbizzato: risarcimento contrattuale o extracontrattuale IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA MOBBING SESSUALE a) Lavoratore mobbizzato: risarcimento contrattuale o extracontrattuale Dottrina e Giurisprudenza concordano sulla definizione dell (ormai) istituto del mobbing,

Dettagli

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Circolare n. 9/09 del 28.settembre.2009* Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Mobbing nei luoghi di lavoro Nozione. Con l espressione mobbing si intende la sequenza di atti o comportamenti posti

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA SANZIONATORIO

IL NUOVO SISTEMA SANZIONATORIO FEMCA CISL Lombardia JOB ACTS IL NUOVO SISTEMA SANZIONATORIO La disciplina dei licenziamenti Il D.lgs. n. 23/2015 sul contratto a tutele crescenti, attuativo del Jobs Act, in vigore dal 7 marzo 2015 riscrive

Dettagli

RIEPILOGO COMPLETO SU: TUTELE CRESCENTI E LICENZIAMENTO

RIEPILOGO COMPLETO SU: TUTELE CRESCENTI E LICENZIAMENTO Aggiornamento Aprile 2015 Allegato1 RIEPILOGO COMPLETO SU: CRESCENTI E LICENZIAMENTO Con la presente desideriamo informare che con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del del D.Lgs. n. 23 del 04.03.2015

Dettagli

Il benessere nella pubblica amministrazione Verona, 9 febbraio 2006. Laura Calafà,, Associata di diritto del lavoro nell Universit

Il benessere nella pubblica amministrazione Verona, 9 febbraio 2006. Laura Calafà,, Associata di diritto del lavoro nell Universit Il benessere nella pubblica amministrazione Verona, 9 febbraio 2006 Dal genere al benessere: presentazione di un laboratorio di ricerca e didattica su benessere e prevenzione fenomeni complessi (discriminazioni,

Dettagli

Comitati per il contrasto al mobbing) i CUG sono previsti dalla legge(l.183/ 2010 che ha modificato il D.Lgs 165/ 2001art.57)

Comitati per il contrasto al mobbing) i CUG sono previsti dalla legge(l.183/ 2010 che ha modificato il D.Lgs 165/ 2001art.57) Carolina Pellegrini - Sono organism i INTERNI all am m inistrazione di riferim ento - E un obbligo del dirigente al vertice dell amministrazione o del responsabile del personale istituirli - Diversamente

Dettagli

Corso universitario di aggiornamento professionale Università degli Studi di Roma Tor Vergata INPS Gestione dipendenti pubblici

Corso universitario di aggiornamento professionale Università degli Studi di Roma Tor Vergata INPS Gestione dipendenti pubblici Corso universitario di aggiornamento professionale Università degli Studi di Roma Tor Vergata INPS Gestione dipendenti pubblici Stalking e violenza di genere: strumenti di prevenzione della violenza contro

Dettagli

Rassegna giurisprudenziale

Rassegna giurisprudenziale a cura dell avv. Barbara Inghilleri Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Torino via Maria Vittoria 12-10123 - Torino tel. 011/8612771-2749 consigliera.parita@provincia.torino.it www.consiglieraparitatorino.it

Dettagli

Articolo 18. La riforma dei licenziamenti individuali

Articolo 18. La riforma dei licenziamenti individuali Articolo 18 La riforma dei licenziamenti individuali Torino, 11 ottobre 2012 Corso in materia giuslavoristica Dr. Giuseppe Goffi Studio Goffi Commercialisti Associati Riferimenti normativi di base Art.

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI TUTELA DELLA DONNA E DEL FANCIULLO: LEGGE 242/1902 CARCANO Riveste un importanza notevole per aver introdotto il congedo di maternità di un mese dopo il parto, riducibile

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

I venerdì dell Avvocatura. I Licenziamenti. ante D.Lgs. 23/2015. Avv. Antonella Lo Sinno (antonella.losinno@daverioflorio.com)

I venerdì dell Avvocatura. I Licenziamenti. ante D.Lgs. 23/2015. Avv. Antonella Lo Sinno (antonella.losinno@daverioflorio.com) Arcidiocesi di Milano I venerdì dell Avvocatura I Licenziamenti ante D.Lgs. 23/2015 Avv. Antonella Lo Sinno (antonella.losinno@daverioflorio.com) 10 aprile 2015 Curia Arcivescovile Piazza Fontana, 2 Milano

Dettagli

Jobs Act Licenziamenti individuali e collettivi Nuovo sistema sanzionatorio

Jobs Act Licenziamenti individuali e collettivi Nuovo sistema sanzionatorio Jobs Act Licenziamenti individuali e collettivi Nuovo sistema sanzionatorio Illecito assunti fino al 6 marzo 2015 assunti dal 7 marzo 2015 discriminatorio Per avere licenziato il prestatore di lavoro per

Dettagli

Attuazione della direttiva 2000/43/CE per la parità di trattamento tra le persone indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica.

Attuazione della direttiva 2000/43/CE per la parità di trattamento tra le persone indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica. D.Lgs. 9-7-2003 n. 215 Attuazione della direttiva 2000/43/CE per la parità di trattamento tra le persone indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica. Pubblicato nella Gazz. Uff. 12 agosto 2003,

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

PARERE NON AVENTE ALCUN VALORE GIURIDICO VINCOLANTE. Luisa, persona con disabilità, vive in un Comune nel quale viene emanato un avviso pubblico per

PARERE NON AVENTE ALCUN VALORE GIURIDICO VINCOLANTE. Luisa, persona con disabilità, vive in un Comune nel quale viene emanato un avviso pubblico per XII Sessione Tribunale dei Diritti dei Disabili Ferrara 10 Ottobre 2009 PARERE NON AVENTE ALCUN VALORE GIURIDICO VINCOLANTE CASO 3. ʺLa colonia estiva non è per te, perchè sei una persona con disabilitàʺ

Dettagli

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE DEFINIZIONE 11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE CASISTICA RIFERIMENTI Quando il lavoratore matura i requisiti anagrafici e contributivi per accedere

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Codice di condotta per la tutela della dignità delle lavoratrici e dei lavoratori

COMUNE DI PAGLIETA Codice di condotta per la tutela della dignità delle lavoratrici e dei lavoratori COMUNE DI PAGLIETA Codice di condotta per la tutela della dignità delle lavoratrici e dei lavoratori Art. 1 Principi e finalità 1. L amministrazione Comunale garantisce a tutti coloro che lavorano nelle

Dettagli

MANUALE DEL RISARCIMENTO PER IL DANNO ALLA PERSONA

MANUALE DEL RISARCIMENTO PER IL DANNO ALLA PERSONA Novità Aprile 2014 Con Rassegna delle più significative sentenze suddivisa in base alle più importanti e attuali questioni giurisprudenziali Patrimoniale Non patrimoniale Biologico Morale Esistenziale

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA Provincia di Catania PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 Approvato con Delibera di G.M. nr. 178 del 20.12.2013 1 FONTI: Legge

Dettagli

Il nuovo rito per i licenziamenti. Il novellato art. 18 S.L Mirco Minardi

Il nuovo rito per i licenziamenti. Il novellato art. 18 S.L Mirco Minardi Il nuovo rito per i licenziamenti. Il novellato art. 18 S.L Mirco Minardi lexform.it II.1 IL VECCHIO E IL NUOVO ARTICOLO 18 S.L.. In quali casi si applica il nuovo procedimento giudiziario specifico? In

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3469 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MIGLIOLI Disposizioni per il contrasto della violenza fisica e della persecuzione psicologica

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA DA ADOTTARE NELLA LOTTA CONTRO LE MOLESTIE SESSUALI

CODICE DI CONDOTTA DA ADOTTARE NELLA LOTTA CONTRO LE MOLESTIE SESSUALI Allegato b) DIREZIONE GENERALE DIREZIONE CENTRALE RISORSE UMANE ALLEGATO ALLA CIRCOLARE N. 8/2005 CODICE DI CONDOTTA DA ADOTTARE NELLA LOTTA CONTRO LE MOLESTIE SESSUALI PREAMBOLO L'INAIL, forte di una

Dettagli

3. Forma e contenuto del contratto di somministrazione

3. Forma e contenuto del contratto di somministrazione 3. Forma e contenuto del contratto di somministrazione Il contratto di somministrazione, stipulato in forma scritta, deve contenere una serie di elementi tra cui gli estremi dell autorizzazione dell agenzia,

Dettagli

2ª COMMISSIONE PERMANENTE

2ª COMMISSIONE PERMANENTE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA 2ª COMMISSIONE PERMANENTE (Giustizia) Seduta n. 548 DISEGNI DI LEGGE IN SEDE DELIBERANTE 90º Resoconto stenografico SEDUTA DI MARTEDÌ 17 GENNAIO 2006 (Notturna)

Dettagli

Commi 1, 2 e 3: tutela reintegratoria piena o forte

Commi 1, 2 e 3: tutela reintegratoria piena o forte Commi 1, 2 e 3: tutela reintegratoria piena o forte Licenziamento nullo perché discriminatorio intimato in concomitanza del matrimonio intimato in concomitanza della gravidanza, fruizione del congedo di

Dettagli

Circolare N. 46 del 26 Marzo 2015

Circolare N. 46 del 26 Marzo 2015 Circolare N. 46 del 26 Marzo 2015 Tutele crescenti: quali regimi si applicano in caso di licenziamento? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

L. 9 dicembre 1977, n. 903. Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro

L. 9 dicembre 1977, n. 903. Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro L. 9 dicembre 1977, n. 903 Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Art. 1. E' vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda l'accesso al lavoro indipendentemente

Dettagli

Studio di Consulenza del Lavoro Pini & Associati

Studio di Consulenza del Lavoro Pini & Associati Oggetto: JOB ACT Contratto a tutele crescenti. Borgo San Lorenzo, lì 03/04/2015 Alla Clientela in indirizzo Il Governo ha approvato definitivamente il D.Lgs. 23/2015 che introduce nel nostro ordinamento

Dettagli

Sommario generale. Capitolo primo

Sommario generale. Capitolo primo Sommario generale Capitolo primo 1/1 Introduzione all opera 1/2 Note di presentazione degli autori 1/3 Sommario generale 1/4 Indice formule su CD-Rom 1/5 Elenco delle abbreviazioni utilizzate negli indici

Dettagli

Il ruolo dello psicologo nel processo del lavoro

Il ruolo dello psicologo nel processo del lavoro Il ruolo dello psicologo nel processo del lavoro 1. Rapporto di lavoro ed implicazioni di carattere psicologico. 2. Prescrizioni legali in tema di tutela della personalità del lavoratore e tipologie di

Dettagli

RESPONSABILITA DEI LAVORATORI DEL SETTORE DEL CREDITO E DELLE ASSICURAZIONI. Milano 29 ottobre 2015

RESPONSABILITA DEI LAVORATORI DEL SETTORE DEL CREDITO E DELLE ASSICURAZIONI. Milano 29 ottobre 2015 RESPONSABILITA DEI LAVORATORI DEL SETTORE DEL CREDITO E DELLE ASSICURAZIONI Milano 29 ottobre 2015 LEGGE N.300/1970 STATUTO DEI LAVORATORI - ART.18 MODIFICHE APPORTATE DALLA LEGGE N. 92/2012 : TUTELA REALE

Dettagli

Dott.ssa Margareth Stefanelli

Dott.ssa Margareth Stefanelli IL RAPPORTO DI LAVOR0 NORME CHE TUTELANO IL DIRITTO DEL LAVORO Leggi del lavoro Norme Costituzionali Codice Civile Leggi Speciali Direttive Comunitarie Tutela della maternità Lavoro minorile Integrità

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 18/05/2015 Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: JOBS ACT: come cambierà

Dettagli

JOBS ACT il punto sullo stato di attuazione della riforma

JOBS ACT il punto sullo stato di attuazione della riforma JOBS ACT il punto sullo stato di attuazione della riforma Avv. Sergio Passerini Avv. Evangelista Basile Studio legale Ichino - Brugnatelli e Associati Varese, 16 marzo 2015 I testi della riforma Decreto

Dettagli

Genitori adottivi o affidatari

Genitori adottivi o affidatari Genitori adottivi o affidatari Congedo di maternità Il congedo di maternità spetta, per un periodo massimo di cinque mesi, anche alle lavoratrici che abbiano adottato un minore. In caso di adozione nazionale,

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE PER LA PREVENZIONE DELLE MOLESTIE SESSUALI E MORALI

CODICE DI CONDOTTA DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE PER LA PREVENZIONE DELLE MOLESTIE SESSUALI E MORALI CODICE DI CONDOTTA DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE PER LA PREVENZIONE DELLE MOLESTIE SESSUALI E MORALI Articolo1 Finalità L¹Università degli studi del Molise per tutelare la dignità delle donne

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO. Approvato con deliberazione consiliare n. 86-56964/1996 30 aprile 1996

PROVINCIA DI TORINO. Approvato con deliberazione consiliare n. 86-56964/1996 30 aprile 1996 PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL CODICE DI COMPORTAMENTO PER LA TUTELA DELLA DIGNITÀ SUL LAVORO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI DELLA PROVINCIA DI TORINO Approvato con deliberazione

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 5.10.2002 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 269/15 DIRETTIVA 2002/73/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 settembre 2002 che modifica la direttiva 76/207/CEE del Consiglio relativa

Dettagli

Licenziamenti e Riforma Fornero

Licenziamenti e Riforma Fornero Licenziamenti e Riforma Fornero La legge n. 92/2012 un anno dopo Messina, 25.10.13 1 Il nuovo art. 18 La tutela del lavoratore in caso di licenziamento illegittimo Reintegra e risarcimento pieno (5 min)

Dettagli

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2015-2017 DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

Dettagli

I venerdì dell Avvocatura. I Licenziamenti. nel D.Lgs. 23/2015. Avv. Antonella Lo Sinno (antonella.losinno@daverioflorio.com)

I venerdì dell Avvocatura. I Licenziamenti. nel D.Lgs. 23/2015. Avv. Antonella Lo Sinno (antonella.losinno@daverioflorio.com) Arcidiocesi di Milano I venerdì dell Avvocatura I Licenziamenti nel D.Lgs. 23/2015 Avv. Antonella Lo Sinno (antonella.losinno@daverioflorio.com) 10 aprile 2015 Curia Arcivescovile Piazza Fontana, 2 Milano

Dettagli

Alcuni Cenni sulla legge 92/2012 (Riforma Fornero) e sulla nuova disciplina dei licenziamenti. Cenni generali sulla riforma e sulla flessibilità in

Alcuni Cenni sulla legge 92/2012 (Riforma Fornero) e sulla nuova disciplina dei licenziamenti. Cenni generali sulla riforma e sulla flessibilità in www.petraccimarin.it Alcuni Cenni sulla legge 92/2012 (Riforma Fornero) e sulla nuova disciplina dei licenziamenti. Cenni generali sulla riforma e sulla flessibilità in entrata. La riforma in questione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO COMITATO UNICO DI GARANZIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO COMITATO UNICO DI GARANZIA CODICE DI COMPORTAMENTO PER LA TUTELA DELLA DIGNITA' DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI, DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO. ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Considerato

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GESTIONE DEL PERSONALE Orario di lavoro Disciplina legale R.D.L. 15 marzo 1923, n. 692 L. 17 aprile 1925, n. 473 L. 30 ottobre 1955, n. 1079 L. 24 giugno 1992, n. 196 (art.13)

Dettagli

Studio Legale Associato

Studio Legale Associato Studio Legale Associato Avv. Amedeo Mazzocconi Avv. Loris Silenzi Avv. Stefano Massimiliano Ghio RELAZIONE SUL MOBBING NELLA GIURISPRUDENZA Convegno dell 11/ marzo / 2005 (Macerata) Il termine Mobbing

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

MOLESTIE, MOLESTIE SESSUALI NEL MONDO DEL LAVORO

MOLESTIE, MOLESTIE SESSUALI NEL MONDO DEL LAVORO MOLESTIE, MOLESTIE SESSUALI NEL MONDO DEL LAVORO Corso Universitario CORSO UNIVERSITARIO DONNE, POLITICA, ISTITUZIONI III EDIZIONE (2012) Avv. Rita Mazzanti Ferrara, 24 novembre 2012 VIOLENZA SULLE PERSONE

Dettagli

Il decreto legislativo n.23 del 4 marzo 2015. Avv. Prof. Francesco Rotondi LABLAW Studio Legale

Il decreto legislativo n.23 del 4 marzo 2015. Avv. Prof. Francesco Rotondi LABLAW Studio Legale Il decreto legislativo n.23 del 4 marzo 2015 Avv. Prof. Francesco Rotondi LABLAW Studio Legale Art. 4 Vizi formali e procedurali 1. Nell ipotesi in cui il licenziamento sia intimato con violazione del

Dettagli

Le tutele per il lavoratore in caso di licenziamento illegittimo

Le tutele per il lavoratore in caso di licenziamento illegittimo LA N ORMATIVA IN MATERIA DI LICENZIAMENTI INTRODOTTA DALLA LEGGE N. 183/2014 E DAL DECRETO LEGISLATIVO N. 23/2015 Le tutele per il lavoratore in caso di licenziamento illegittimo previste dalla legge n.

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898 Lavoro - Mobbing - Pagamento del premio di rendimento - Note di qualifica del datore - Valutazione mediocre del dipendente Svolgimento del processo

Dettagli

Diritto antidiscriminatorio

Diritto antidiscriminatorio Diritto antidiscriminatorio Catanzaro aprile 2013 avv. Alberto Guariso www.studiodirittielavoro.it Parte prima : come costruire l azione antidiscriminatoria L applicazione delle nozioni Come costruire

Dettagli

ISSN 2284-3531 Ordine internazionale e diritti umani, (2014), pp. 390-395.

ISSN 2284-3531 Ordine internazionale e diritti umani, (2014), pp. 390-395. OSSERVATORIO SULLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA N. 2/2014 2. MATERNITÀ SURROGATA: LA NORMATIVA DELL UNIONE EUROPEA NON CONTEMPLA IL DIRITTO DI UNA MADRE COMMITTENTE AD OTTENERE UN CONGEDO RETRIBUITO

Dettagli

A cura di Laura Galli

A cura di Laura Galli LA TUTELA RISARCITORIA NELLE RELAZIONI FAMILIARI A cura di Laura Galli Da anni dottrina e giurisprudenza affrontano il problema della tutela risarcitoria dell illecito qualora la vittima sia uno dei congiunti.

Dettagli

Donne dentro, oltre la violenza

Donne dentro, oltre la violenza Donne dentro, oltre la violenza VIOLENZA MORALE E DANNO PSICHICO ALLA LAVORATRICE Studio di un caso d'esperienza Studio Legale Avv. Rossella Di Costanzo - Via Torino, 2-20123 Milano LE DOMANDE DI FONDO

Dettagli

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 SENTENZA Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 Svolgimento del processo Con ricorso in data 17 dicembre 1982 Sparaco Salvatore chiedeva al Pretore di Caserta (adito) in funzione di giudice del

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/2015. del 9 gennaio 2015

CIRCOLARE N. 1/2015. del 9 gennaio 2015 CIRCOLARE N. 1/2015 del 9 gennaio 2015 OGGETTO: SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI, IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Prot. n. 23/11 Roma, Parere n. 196/04 Al Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali

Dettagli

PER. Associazioni di Promozione Sociale, di cui all art. 7 della. legge 7 dicembre 2000 n. 383, in persona del Segretario

PER. Associazioni di Promozione Sociale, di cui all art. 7 della. legge 7 dicembre 2000 n. 383, in persona del Segretario j TRIBUNALE CIVILE DI (luogo di domicilio/residenza del disabile) Ricorso ex articoli 3 e 4, comma 1, legge n. 67/2006 i PER Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, con sede legale

Dettagli

Direzione Territoriale del Lavoro di Padova Direttore Dott.ssa Rosanna Giaretta

Direzione Territoriale del Lavoro di Padova Direttore Dott.ssa Rosanna Giaretta 09.09.2015 Direzione Territoriale del Lavoro di Padova Direttore Dott.ssa Rosanna Giaretta U.O. Relazioni Sindacali e Conflitti di Lavoro Dott.ssa Giulia De Paola Il presente lavoro, che non ha alcuna

Dettagli

CODICE ETICO dell Università degli Studi di Brescia

CODICE ETICO dell Università degli Studi di Brescia CODICE ETICO dell Università degli Studi di Brescia (approvato dal Senato Accademico nella seduta del 17 maggio 2011) Preambolo 1. L Università degli Studi di Brescia (d ora innanzi Università) consapevole

Dettagli

che attua il principio della parità di trattamento fra le persone indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica (2).

che attua il principio della parità di trattamento fra le persone indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica (2). Dir. 29-6-2000 n. 2000/43/CE Direttiva del Consiglio che attua il principio della parità di trattamento fra le persone indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica. Pubblicata nella G.U.C.E. 19

Dettagli

Circolare Informativa n 49/2012. Pillole di Cassazione

Circolare Informativa n 49/2012. Pillole di Cassazione Circolare Informativa n 49/2012 Pillole di Cassazione e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 6 INDICE 1) L assegnazione a mansioni equivalenti o superiori può comunque demansionare

Dettagli

Come sta cambiando il diritto del lavoro: leggi e giurisprudenza. Bergamo, 11 giugno 2015

Come sta cambiando il diritto del lavoro: leggi e giurisprudenza. Bergamo, 11 giugno 2015 Come sta cambiando il diritto del lavoro: leggi e giurisprudenza Bergamo, 11 giugno 2015 Il rapporto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti. Confronto tra Riforma Fornero e Jobs Act IL JOBS

Dettagli

1. Cos è e come si sviluppa. In particolare concetto ed elementi che lo distinguono dal mobbing

1. Cos è e come si sviluppa. In particolare concetto ed elementi che lo distinguono dal mobbing 1. Cos è e come si sviluppa. In particolare concetto ed elementi che lo distinguono dal mobbing Straining (dall inglese «forzatura» o «mettere sotto pressione») è: una situazione di stress forzato del

Dettagli

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo)

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo) Consiglio dei Ministri n.51 - Lavoro 20 Febbraio 2015 Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi, venerdì 20 febbraio, alle ore 12.25 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio

Dettagli

Dimissione lavoratrice madre e indennità di disoccupazione

Dimissione lavoratrice madre e indennità di disoccupazione N. 75 del 12.02.2013 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Dimissione lavoratrice madre e indennità di disoccupazione La Direzione Generale per l'attività Ispettiva

Dettagli

La tutela delle lavoratrici madri

La tutela delle lavoratrici madri angela cavallo* Molte donne al giorno d oggi non conoscono ancora tutti i diritti che la legge pone a loro favore al fine di proteggerle nella delicata fase della gravidanza e al fine di supportarle nel

Dettagli

Elena Pasqualetto Università di Padova IL QUADRO GIURIDICO IN TEMA DI DISCRIMINAZIONI E MOBBING. Castelfranco Veneto, 18 febbraio 2016

Elena Pasqualetto Università di Padova IL QUADRO GIURIDICO IN TEMA DI DISCRIMINAZIONI E MOBBING. Castelfranco Veneto, 18 febbraio 2016 Elena Pasqualetto Università di Padova IL QUADRO GIURIDICO IN TEMA DI DISCRIMINAZIONI E MOBBING Castelfranco Veneto, 18 febbraio 2016 1 DISCRIMINAZIONI E MOBBING NEL DIRITTO DEL LAVORO Ricca normativa

Dettagli

IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo).

IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo). IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo). È un cambiamento radicale: si passa dalla tutela del posto di lavoro alla tutela del lavoratore. Basta precarietà. Abbiamo

Dettagli

COMMENTO SLIDE MOBBING RIFERIMENTI NORMATIVI E GIURISPRUDENZIALI

COMMENTO SLIDE MOBBING RIFERIMENTI NORMATIVI E GIURISPRUDENZIALI COMMENTO SLIDE MOBBING RIFERIMENTI NORMATIVI E GIURISPRUDENZIALI SLIDE N. 1 Nel nostro ordinamento, pur in assenza di una legge specifica sul mobbing, esistono diverse norme costituzionali, civilistiche

Dettagli

La riforma del mercato del lavoro (in entrata ed uscita): prime riflessioni sull impatto in termini di sicurezza ad ogni età Avv.

La riforma del mercato del lavoro (in entrata ed uscita): prime riflessioni sull impatto in termini di sicurezza ad ogni età Avv. La riforma del mercato del lavoro (in entrata ed uscita): prime riflessioni sull impatto in termini di sicurezza ad ogni età Avv. Maria Giovannone Responsabile Ufficio V Salute e Sicurezza sul Lavoro ANMIL

Dettagli

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE L affidamento familiare è un intervento temporaneo d aiuto e di sostegno ad un minore che proviene da una famiglia in difficoltà. Attraverso l affidamento, il bambino incontra

Dettagli

DLGS 4.3.2015 n. 23 : IL LICENZIAMENTO NEL CONTRATTO «A TUTELE CRESCENTI»

DLGS 4.3.2015 n. 23 : IL LICENZIAMENTO NEL CONTRATTO «A TUTELE CRESCENTI» DLGS 4.3.2015 n. 23 : IL LICENZIAMENTO NEL CONTRATTO «A TUTELE CRESCENTI» A cura dello studio legale Alberto Guariso Livio Neri Aggiornamento al 06.03.2015 A chi si applica il nuovo regime? 1) A tutti

Dettagli

Mini guida: job act. 1. Assunzioni e licenziamenti. 2. Reintegro o risarcimento

Mini guida: job act. 1. Assunzioni e licenziamenti. 2. Reintegro o risarcimento Mini guida: job act Contratti, licenziamenti, flessibilità, conciliazione, ammortizzatori sociali, controlli: sono i punti chiave della nuova legislazione del lavoro italiana su cui è intervenuto il Jobs

Dettagli

IL NUOVO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE

IL NUOVO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE IL NUOVO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE Avv. Ernesto Vitiello 1 IL D.LGS. N. 23 DEL 4 MARZO 2015 Tale decreto ha dato corpo, per quanto riguarda i licenziamenti, ai principi programmatici di cui alla lettera

Dettagli

LA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI DOPO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI DOPO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI DOPO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO A cura di Valerio Gastaldello, Coordinatore Uffici Vertenze Cisl del Veneto [3 luglio 2012] Presentazione La riforma del

Dettagli

La riforma del mercato del lavoro. Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n.

La riforma del mercato del lavoro. Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n. La riforma del mercato del lavoro Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n. 3249/S Disciplina in tema di licenziamenti individuali Tipologia di licenziamento

Dettagli

CODICE ETICO DELL ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

CODICE ETICO DELL ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA CODICE ETICO DELL ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Parte I: Preambolo L Alma Mater Studiorum Università di Bologna è un organizzazione complessa, i cui membri hanno formazioni diverse, ricoprono

Dettagli

Il contratto a tutele crescenti

Il contratto a tutele crescenti Il contratto a tutele crescenti Giampiero Falasca giampiero.falasca@dlapiper.com L impianto della riforma Servizi per agevolare la ricerca di una nuova occupazione Incentivi per assunzioni stabili Meno

Dettagli

5.8) CODICE DI CONDOTTA PER LA PREVENZIONE DELLE MOLESTIE SESSUALI E MORALI DELIBERA. Art.1

5.8) CODICE DI CONDOTTA PER LA PREVENZIONE DELLE MOLESTIE SESSUALI E MORALI DELIBERA. Art.1 I DIVISIONE 5.8) CODICE DI CONDOTTA PER LA PREVENZIONE DELLE MOLESTIE SESSUALI E MORALI OMISSIS DELIBERA di approvare il Codice di Condotta per la Prevenzione delle Molestie Sessuali, così come di seguito

Dettagli

CODICE ETICO DELLA COMUNITÀ UNIVERSITARIA (Emanato con D.R. n. 1381 del 28 luglio 2011; pubblicazione nel B.U. n. 94) in vigore dal 29 Luglio 2011

CODICE ETICO DELLA COMUNITÀ UNIVERSITARIA (Emanato con D.R. n. 1381 del 28 luglio 2011; pubblicazione nel B.U. n. 94) in vigore dal 29 Luglio 2011 CODICE ETICO DELLA COMUNITÀ UNIVERSITARIA (Emanato con D.R. n. 1381 del 28 luglio 2011; pubblicazione nel B.U. n. 94) in vigore dal 29 Luglio 2011 Articolo 1 (Finalità) Il Codice etico individua i principi

Dettagli

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna)

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) MATERNITÀ E CONGEDI A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) Astensione Obbligatoria o Congedo di Maternità La tutela accordata dalla legge alle lavoratrici madri

Dettagli

Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico)

Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico) Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico) La recente giurisprudenza riconosce in capo agli eredi di un soggetto deceduto

Dettagli

LEZIONI DEL 22.11.2013 E LEZIONE DEL 18. 12.2013 IL DIRITTO DEL LAVORO NELLA COSTITUZIONE:

LEZIONI DEL 22.11.2013 E LEZIONE DEL 18. 12.2013 IL DIRITTO DEL LAVORO NELLA COSTITUZIONE: LEZIONI DEL 22.11.2013 E LEZIONE DEL 18. 12.2013 I PARTE DELLA LEZIONE: IL DIRITTO DEL LAVORO NELLA COSTITUZIONE: Per diritto del lavoro si intende il complesso della normativa, di matrice nazionale e

Dettagli