PROGETTO E REALIZZAZIONE DI UN INTERFACCIA SLAVE WIRELESS PER PROFIBUS-DP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO E REALIZZAZIONE DI UN INTERFACCIA SLAVE WIRELESS PER PROFIBUS-DP"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA PER L AUTOMAZIONE PROGETTO E REALIZZAZIONE DI UN INTERFACCIA SLAVE WIRELESS PER PROFIBUS-DP Relatore: Chiar.mo Prof. DANIELE MARIOLI Correlatori: Prof.ssa ALESSANDRA FLAMMINI Ing. PAOLO FERRARI Tesi di laurea di: STEFANO CAPRINI Matricola N ANNO ACCADEMICO 2003/2004

2 Il primo doveroso ringraziamento va senz altro ai miei genitori che mi hanno dato la possibilità di concludere con successo gli studi. Desidero ringraziare il Chiar.mo Prof. Daniele Marioli per avermi offerto la possibilità di lavorare a questa tesi di laurea. Tutta la mia riconoscenza e gratitudine vanno alla Prof.ssa Alessandra Flammini e all Ing. Paolo Ferrari che mi hanno seguito nel lavoro con grande disponibilità e competenza, e senza i quali non sarebbe stato possibile raggiungere tutti gli obiettivi. Un grazie anche all Ing. Emiliano Sisinni e all Ing. Alessandro Depari che mi hanno spesso aiutato nei momenti di difficoltà. Un saluto ed un ringraziamento a tutti i componenti del LABEL con i quali ho condiviso gioie e dolori (forse più i dolori ). Un saluto ai musicisti Andrea & Isa (i cugini Salsiccia), il Dani (il bassista più bravo di Brescia), Carlo (lo Smilzo), Andrea (il Cialtrone), Alessio (il Guitti), Stefano (Cellula); Marcello (il Presidente), Silvia (l Omina), Davide (l Omino), Michele (il Sèga), Francesco (il Feno), Michele (il Kimmy), Alberto (Briù), Michele (lo Skaro), Fabio (Fabius), Massimo, Giulio, Francy, Elisabetta, Annamaria, Paola, Chiara, Marta, Jasmin, Daniela, Laura, Francesca, Elena, Gregoriana, Valentina, Rossana, Mattia (Il Mex), Luca (Il Mora), Paolo (Il Drago). Un ricordo particolare per tutte le persone che ho conosciuto dentro e fuori l ambiente universitario e che per motivi di memoria non ho sopraccitato (e che me lo faranno notare a vita!).

3 Indice. INDICE INTRODUZIONE 1 CAPITOLO IL LAVORO DI TESI Generalità sul Bus di Campo Generalità sulle reti senza fili Il progetto R-Fieldbus Prodotti offerti dal mercato Possibili campi di utilizzo Sicurezza Esempi applicativi Obiettivo del lavoro di tesi Applicazioni 17 CAPITOLO PROFIBUS Caratteristiche del Protocollo PROFIBUS Principi base Modello di riferimento ISO-OSI PROFIBUS livello 1 (livello fisico) PROFIBUS livello 2 (livello dati) PROFIBUS DP livello 7 (livello applicativo) Caratteristiche di PROFIBUS DP Tipi di dispositivi PROFIBUS DP Sistemi PROFIBUS DP Sistema Mono-Master Sistema Multi-Master Funzioni di comunicazione PROFIBUS DP Trasmissione dati PROFIBUS DP Tempo di ciclo di PROFIBUS DP Sistema di configurazione di PROFIBUS DP Specifiche tecniche di comunicazione Livello Fisico: Specifiche tecniche Livello Dati : Gestione dei Token 38 I

4 Indice Struttura generica del telegramma WLAN Vantaggi delle WLAN Svantaggi delle WLAN Panoramica sugli altri standard Hiperlan Bluetooth SWAP Lo standard IEEE Tipologie di reti contemplate da Il livello MAC nello standard Metodo di accesso base: CSMA/CA DCF (Distribuited Coordination Funcion) PCF (Point Coordination Function) Il livello fisico Modulazione Spread Spectrum DSSS (Direct Sequenze Spread Spectrum) FHSS (Frequency Hopping Spread Spectrum) HR-DSSS (Standard b) OFDM (Standard a) IrDA (Infrared Device Application) DSSS vs. FHSS 68 CAPITOLO Obiettivo Generalità sull hardware Schema generale del bridge Hardware lato PROFIBUS Funzionalità dell integrato SPC Allocazione della memoria Interfaccia dell ASIC Interrupt Controller Struttura dei buffer DP Stati di funzionamento dell SPC Avvio dell SPC Ciclo di lettura Ciclo di scrittura MAX485 / SN65ALS Optoisolatori HCPL HCPL PIC18F I porti 104 II

5 Indice Porto A Porto B Porto C Porto D Porto E Circuiteria ausiliaria Hardware lato wireless Lo standard PCMCIA Specifiche fisiche Interfaccia per dispositivi di memoria Sequenza di accensione Interfaccia per dispositivi I/O Scheda wireless PIC18F I porti Porto A Porto B Porto C Porto D Porto E Master Synchronous Serial Port (MSSP) Serial Peripheral Interface (SPI) Configurazione come MASTER Configurazione come SLAVE CPLD Funzionamento della CPLD Circuiteria ausiliaria Generalità sul software Software per il lato PROFIBUS Inizializzazione ASIC SPC Routine di lettura per l SPC Routine di scrittura per l SPC Inizializzazione dell SPC Gestione scambio pacchetti con PROFIBUS Scambio dati via SPI Software lato wireless Inizializzazione della scheda wireless Funzioni I/O di basso livello Driver scheda Orinoco Implementazione protocolli IP,ICMP e ARP Implementazione protocollo UDP Gestione pacchetti ricevuti e spediti Il software per la CPLD Configurazione all interno della rete PROFIBUS Applicativo in LabView Configurazione hardware alternativa 149 III

6 Indice. CAPITOLO Verifica di funzionamento Slave PROFIBUS Ciclo di lettura Ciclo di scrittura Test della RAM Dual-Port Comunicazione della scheda Creazione di una rete PROFIBUS Scambio pacchetti all interno della rete Tempistiche scambio dati su PROFIBUS Test di robustezza ai disturbi Tempistiche Tempo di lettura Tempo di scrittura Tempo di avvio dell SPC Verifica di funzionamento Master Wireless Ciclo di lettura Ciclo di scrittura Inizializzazione della scheda wireless Connessione ad-hoc Scambio pacchetti Tempistiche per l invio e la ricezione Tempistiche per l invio di pacchetto Tempistiche per la ricezione di un pacchetto Test d insieme Test con un sensore wireless Programmazione del pannello CHATTY Programmazione del Master Programmazione della scheda Slave Risultato del test Test con più sensori wireless Risultato del test 185 CONCLUSIONI 187 APPENDICE A 189 A.1 Il protocollo Ethernet 191 A.2 Il protocollo IP (Internet Protocol) 193 A.3 Il protocollo ARP (Address Resolution Protocol) 197 A.4 Il protocollo ICMP (Internet Control Message Protocol) 200 IV

7 Indice. A.5 Il protocollo UDP (User Datagram Protocol) 202 APPENDICE B 205 BIBLIOGRAFIA 217 V

8 Indice. VI

9 Introduzione. INTRODUZIONE Negli ultimi anni in diversi settori dell automazione industriale si è vista la diffusione dei bus di campo, forme di comunicazione seriale, digitale, ad alte prestazioni, che si prevede sostituiranno in futuro la tecnologia analogica. Il protocollo PROFIBUS (Process Fieldbus) è uno tra i bus di campo più diffusi a livello mondiale. Concepito come standard nazionale tedesco (DIN 19245), è stato in seguito riconosciuto come standard europeo (EN 50170) ed ora è ratificato come standard mondiale (IEC 61158). PROFIBUS vanta oggi più di dieci milioni di nodi installati ed una vasta gamma di periferiche. In un moderno ambiente industriale sono presenti: trasduttori, azionamenti, PLC (Programmable Logic Controller), computer d automazione, controlli numerici e diventa di fondamentale importanza la comunicazione fra le periferiche. In un impianto industriale si può dedurre quindi che la maggior parte dei costi è dovuto al cablaggio di migliaia di questi dispositivi e sistemi. Gli impianti realizzati con cavi di connessione hanno bisogno di continua manutenzione e offrono anche una bassa scalabilità: infatti, l aggiunta di un solo segmento o la modifica di uno esistente, necessita di un lavoro strutturale ed è quindi molto costosa. L evoluzione dei sistemi di comunicazione wireless e la loro elevata diffusione nel mercato consumer hanno permesso una drastica riduzione dei costi dei chip di comunicazione. Questo ha suscitato l interesse dell ambiente industriale che vuole tentare l eliminazione completa dei cavi di connessione. 1

10 Introduzione. Oltre alla riduzione delle connessioni, i sensori wireless permettono un elevatissima affidabilità in tutti quegli ambienti con condizioni ambientali ostili, come vibrazione o presenza di elementi corrosivi. Le trasmissioni wireless permettono inoltre di realizzare reti distribuite anche successivamente alla costruzione dell ambiente industriale ed un elevata scalabilità delle dimensione della rete stessa. In questo lavoro di tesi si vuole realizzare una interfaccia slave per PROFIBUS DP (Device Peripheral) che svolga il ruolo di master wireless per una rete di sensori utilizzando lo standard IEEE Dal punto di vista organizzativo la tesi è strutturata in quattro capitoli. Il primo capitolo è rivolto alla descrizione del problema affrontato e alle soluzioni che il mercato attualmente offre; verranno presentati alcuni prodotti commerciali e applicazioni in questo settore. Il secondo capitolo raccoglie le conoscenze preliminari raccolte per affrontare l argomento trattato; in particolar modo sono raccolte informazioni sul PROFIBUS e sullo standard IEEE Nel terzo capitolo verrà presentato l hardware realizzato, descrivendo le caratteristiche principali dei componenti utilizzati e la descrizione dettagliata del software prodotto per il funzionamento del sistema realizzato. Il quarto capitolo raccoglie i risultati sperimentali dei test effettuati per verificare il corretto funzionamento dell hardware e il software prodotto. 2

11 CAPITOLO 1 OBIETTIVO Introduzione In questo capitolo è illustrata una panoramica generale sul Bus di Campo e le reti wireless, sul l obiettivo del lavoro di tesi e sulle esigenze attuali richieste dal mercato. 3

12 Capitolo 1: Il lavoro di tesi. 4

13 Capitolo 1: Il lavoro di tesi. 1.1 IL LAVORO DI TESI Generalità sul Bus di Campo Il settore dell industria, negli ultimi anni, è stato caratterizzato dall introduzione di una nuova tecnologia trasmissiva, i Bus di Campo. Questa struttura di comunicazione ha sostituito con il passare del tempo i sistemi trasmissivi tradizionali (tipo 4 20 ma). Il bus di campo è un sistema di comunicazione industriale digitale ad alte prestazioni. Costituisce quindi un mezzo di trasporto pubblico dei dati, il cui dominio è limitato sia geograficamente sia per quanto riguarda il settore al quale viene applicato. Fisicamente è costituito da un fascio di conduttori che permettono lo scambio di dati fra gli utenti. Per garantire un corretto scambio di dati fra le stazioni collegate, l accesso al bus viene disciplinato da un insieme di regole (Protocollo) e da un meccanismo supplementare di sicurezza. Essenzialmente, sono due gli argomenti a favore dei bus di campo: La comunicazione tramite bus di campo permette lo scambio di dati ( dati diagnostici, dati di ingresso / uscita, ecc ) che sarebbe più difficile trasmettere in altro modo. Lo scambio dei dati avviene secondo un meccanismo standard. Da queste due argomentazioni scaturiscono una serie di vantaggi: Flessibilità di estensione; Possibilità di collegamento di prodotti di fabbricanti diversi; Estensione dei campi di applicazione; Riduzione dei costi globali; Rispetto ai sistemi tradizionali esistono però anche degli svantaggi : Necessità di conoscenza superiore; Investimento in strumenti ed accessori onerosi; 5

14 Capitolo 1: Il lavoro di tesi. Compatibilità tra prodotti di fabbricanti diversi non sempre priva di problemi; Nel ramo della produzione, l implementazione della tecnologia dei bus di campo ha portato una considerevole innovazione, permettendo il passaggio dai sistemi di automazione centralizzati ai sistemi di automazione decentralizzati. E stato questo l obbiettivo di PROFIBUS per più di 10 anni. In questo periodo PROFIBUS è divenuto il leader del mercato mondiale per quanto riguarda i bus di campo. Inizialmente l attenzione era puntata sulle tecnologie comunicative, ma ora le attività si concentrano attorno all integrazione dei sistemi, l ingegnerizzazione ed in particolare i profili di sistema. Questi profili hanno fatto di PROFIBUS l unico bus di campo che si occupa sia dell automazione industriale che di quella di processo. L utilizzo di standard aperti al posto di soluzioni proprietarie assicura la compatibilità a lungo termine e l espandibilità e quindi la protezione degli investimenti esistenti. Il continuo espandersi dell informatica ha portato delle evoluzioni successive nel mondo dell automazione industriale. I sistemi a bus di campo hanno adottato i principi della scienza informatica moderna, trasformando radicalmente le infrastrutture, i sistemi di produzione e i processi. L integrazione dell informatica nell automazione apre nuove prospettive per la comunicazione globale tra i sistemi di automazione. Perseguendo questo obbiettivo, PROFIBUS è stato migliorato dalla comunicazione basata su Ethernet, portando alla nascita dello standard PROFINET Generalità sulle reti senza fili In un moderno ambiente industriale sono presenti: trasduttori, azionamenti, PLC (Programmable Logic Controller), computer d automazione, controlli numerici, e cosi via. Ogni sistema o componente generalmente si occupa del lavoro per cui è stato progettato ed inserito nell impianto industriale. 6

15 Capitolo 1: Il lavoro di tesi. L impianto così composto non è sufficiente per ottenere una qualità ottimale delle lavorazione: è importante quindi avere dei sistemi a un livello superiore ed è altrettanto importante che possano comunicare efficacemente tra di loro. Grazie a questo schema si nota che le grandezze controllate da un azionamento sono parte di un vasto insieme di parametri, detti parametri di processo, la cui conoscenza e memorizzazione nel tempo consente di correlarli alla qualità del prodotto. Le prime industrie che implementavano questo sistema utilizzavano potenti computer centrali; oggi si è passati ad un architettura più distribuita, efficiente ed economica da gestire. Questa architettura è stata resa possibile grazie all affermarsi di reti di comunicazione e interfacce standard tra i sistemi. In un impianto industriale si può dedurre quindi che la maggior parte dei costi è dovuto al cablaggio di migliaia di trasduttori e sistemi. Gli impianti realizzati con cavi di connessione hanno bisogno di continua manutenzione e offrono anche una bassa scalabilità, infatti l aggiunta di un solo segmento o la modifica di uno esistente, necessita di un lavoro strutturale ed è quindi molto costosa. L evoluzione dei sistemi di comunicazione wireless e la loro elevata diffusione nel mercato consumer hanno permesso una drastica riduzione dei costi dei chip di comunicazione. Questo ha suscitato l interesse dell ambiente industriale che vuole tentare l eliminazione completa dei cavi di connessione. Oltre alla riduzione delle connessioni, i sensori wireless permettono un elevatissima affidabilità in tutti quegli ambienti con condizioni ambientali ostili, come vibrazione o presenza di elementi corrosivi. Le trasmissioni wireless permettono inoltre di realizzare reti distribuite anche successivamente alla costruzione dell ambiente industriale ed un elevata scalabilità delle dimensione della rete stessa. 7

16 Capitolo 1: Il lavoro di tesi Il progetto R-Fieldbus Recentemente si sta sviluppando il progetto R-Fieldbus il cui obiettivo è l integrazione della tecnologia wireless a livello di Bus di Campo. Il progetto ha come obiettivo l eliminazione dei problemi di cablaggio a livello industriale in modo da permettere la facile installazione di nuovi dispositivi e risolvere i problemi relativi alla mobilitazione di periferiche quali sensori o unità di controllo. Il sistema R-Fieldbus ha lo scopo di fornire una infrastruttura wireless del tutto trasparente verso i dispositivi che utilizzeranno questa tecnologia, offrire inoltre la possibilità di scambiare dati in tempo reale per tutte quelle situazioni critiche quali la diagnosi ed il controllo e supportare inoltre applicazioni multimediali quali il trasporto di voce e video in tempo reale. L'architettura di R-Fieldbus sarà basata sull'integrazione dei protocolli di comunicazione industriali esistenti come quelli specificati nel normativa europea EN50170 e internazionale IEC Prodotti offerti dal mercato Il mercato oggi è molto interessato a soluzioni che permettano la comunicazione dei dispositivi integrando una la tecnologia wireless. Molte aziende, fra cui Siemens, offrono interessanti soluzioni per proporre dispositivi che vengano incontro a questa finalità. Fra le offerte di mercato troviamo i seguenti dispositivi: SCALANCE W744-1PRO Prodotto da: Siemens Categoria: Link / Coupler / Gateway E un modulo client Ethernet che permette di stabilire un collegamento radio con un dispositivo mobile utilizzando una interfaccia Ethernet verso la rete wireless. 8

17 Capitolo 1: Il lavoro di tesi. Il modello SCALANCE W788-1PRO implementa l infrastruttura wireless nella quale il modello SCALANCE W744-1PRO ha la possibilità di muoversi liberamente. SCALANCE W788-2PRO Prodotto da: Siemens Categoria: Link / Coupler / Gateway È un doppio access point che permette il trasferimento di un client fra celle differenti senza interruzione di segnale (roaming). Il modello SCALANCE W788-1PRO permette inoltre di stabilire una connesione verso Ethernet. Nella modalità point-to-point le due antenne orientabili permettono di offrire una connessione wireless fino a qualche centinaio di metri tra due segmenti Ethernet. E realizzato per poter funzionare in all aperto ad una escursione di temperatura variabile fra i -20 C e i +60 C Infrared Link Module (ILM) Prodotto da: Siemens Categoria: Link / Coupler / Gateway È un modulo che permette la trasmissione dei dati senza fili utilizzando i raggi infrarossi come mezzo trasmissivo ed ha le seguenti caratteristiche: Comunicazione via raggi infrarossi per PROFIBUS entro un distanza di 15 metri. Velocità di trasferimento fino a 1,5Mbit/s Facilità nell allineamento dei dispositivi Indicatori diagnostici per monitorare la presenza e la qualità della trasmissione 9

18 Capitolo 1: Il lavoro di tesi. AnyBus-X PDP-Bluetooth Prodotto da: HMS Industrial Network AB Categoria: Compinente di rete Permette la comunicazione dei dati da una rete PROFIBUS verso il nuovo standard senza fili Bluetooth TM. Questo dispositivo permette di aprire nuove strade per la comunicazione su PROFIBUS di svariati dispositivi quali PDA, telefoni cellulari e PC che implementano lo standard Bluetooth TM. Le caratteristiche principali di questo componente sono: Funzionalità di bridge fra le reti PROFIBUS & Bluetooth Tensione di alimentazione variabile e compresa fra 9 e 30 VDC Interfaccia certificata sia verso PROFIBUS che verso Bluethooth TM. PSM-ODL-RS485W2-A Prodotto da: Phoenix Contact bv Categoria: Componente di rete Il dispositivo permette la comunicazione utilizzando i raggi infrarossi all interno di una rete PROFIBUS. Le caratteristiche principali sono: Trasmissione da 0,4 m a 200 m Sistema elettronico integrato per l allineamento dei dispositivi Tensione di alimentazione variabile e compresa fra 9 e 30 VDC Led di segnalazione per la qualità e lo stato della connesione Temperatura di funzionamento da -10 C a 50 C Alta affidabilità della trasmissione dovuta a due differenti frequenze portanti per i canali di trasmissione e ricezione. 10

19 Capitolo 1: Il lavoro di tesi. SATELLINE-3AS Prodotto da: Satel Oy Categoria: Componente di rete Il dispositivo permette di creare una connessione senza fili fra le periferiche PROFIBUS. Utilizza una stretta banda radio di trasmissione operando ad una frequenza fra i Mhz con canali di 12,5 e 25 Khz in base alllo stato in cui è utilizzato. Le caratteristiche principali sono: Implementa i protocolli RS-485, RS-422, RS-232 Velocità di trasmissione di 9,6Kbit/s o 19,2 Kbit/s Tensione di alimentazione fra 9 e 30 VDC Disponibile nelle versioni con e senza display LCD. 24XStreamTM 2,4Ghz OEM RF Module Prodotto da: MaxStream Categoria: Componente di rete Il dispositivo permette di collegare uno slave a distanza utilizzando una trasmissione wireless. Il dispositivo offre da un lato una connessione su protocollo RS-485 e dall altra una connessione wireless. Con due dispositivi il trasferimento dei dati risulta essere del tutto trasparente. Le caratteristiche principali sono: Frequenza di funzionamento a 800MHz con raggio di azione di 450 m Frequenza di funzionamento a 2,4GHz con raggio di azione di 180 m Baudrate variabile a 9,6Kbps a 19,2Kbps 11

20 Capitolo 1: Il lavoro di tesi Possibili campi di utilizzo Sistemi di trasporto senza conducente; Assenza di usura ed elevata flessibilità nella guida lungo il percorso grazie alla trasmissione senza fili di dati al mezzo di trasporto. Postazione di controllo mobile; Accesso affidabile al processo grazie alla comunicazione dati tramite WLAN con apparecchiature mobili; di conseguenza il numero di pannelli operatore viene a dipendere dal numero di operatori e non più dal numero di posti dove è necessario controllare la produzione. Accesso senza fili alle apparecchiature da campo per progettazione e test senza onerosi adattamenti nel quadro elettrico. Accesso locale a documentazione di servizio e di manutenzione; Update immediato degli interventi effettuati nel sistema tramite WLAN; processi ottimizzati e ridotta incidenza degli errori grazie all'informazione online, indipendentemente dal posto d'installazione della macchina Comunicazione con nodi/partner in movimento (ad es. controllori ed apparecchiature mobili), trasloelevatori in magazzini a scaffali, linee di trasporto, nastri convogliatori, macchine rotanti Accoppiamento senza fili di segmenti di comunicazione per la veloce messa in servizio o per l'interconnessione economica in rete, dove la posa di cavi comporta costi notevoli (ad es. strade pubbliche) L'infrastruttura radio è messa a disposizione in aree aziendali estese (esternamente all'aperto) con esigenze elevate di affidabilità Comunicazione con nodi/partner in movimento (p. es. controllori ed apparecchiature mobili), trasloelevatori in magazzini a scaffali, linee di trasporto, nastri convogliatori, macchine rotanti 12

21 Capitolo 1: Il lavoro di tesi Sicurezza Un elevato grado di protezione dei dati (Security) è raggiunto grazie ai moderni meccanismi del Wi-Fi Protected Access (WPA). Sono lì definite moderne procedure, che regolano uno scambio sistematico della chiave completa di 128 bit, ma eseguono anche l'identificativo d'utente (autenticazione) di un nodo/partner. Wi-Fi Protected Access (WPA) e password provvedono alla protezione da intercettazioni e accessi esterni; per una efficace codifica dei dati è messo a disposizione l'advanced Encryption Standard (AES). IEEE 802.1x e l'impiego addizionale di RADIUS (Remote Authentification Dial In User Service) consentono il sicuro controllo d'accesso. Ulteriori meccanismi di protezione: PEAP (Protected Extensible Authentication Protocol); utilizza un Art SSL/TLS Handshake per la realizzazione di un collegamento sicuro EAP-TLS (Transport Layer Security) ) tramite certificato Client/Server EAP-TTLS (Tunneled Transport Layer Security) solo tramite certificato Server; l'identificativo d'utente è trasmesso in codice. 13

22 Capitolo 1: Il lavoro di tesi Esempi applicativi Con gli Access Point è possibile realizzare, nelle bande ISM esenti da licenza a 2,4 GHz a 5 GHz, una rete radio con omologazione per radiotrasmissione in oltre 30 paesi. Questa rete radio consente un collegamento radio molto affidabile tramite WLAN Industriali, con velocità di trasmissione che negli standard IEEE g e IEEE a arrivano fino a 54 Mbit/s. Infrastructure Mode Una rete radio può consistere già di un singolo Access Point o di un numero qualsiasi di Access Point, cosicché si possono realizzare reti a estensione superficiale (reti estese in edifici). In queste reti a copertura d'area, i nodi/partner si muovono senza interruzione della comunicazione con il passaggio automatico da un Access Point al successivo (Roaming). Il tutto avviene in modo trasparente per l'applicazione. Per il collegamento alla rete cablata è disponibile per l'access Point un'interfaccia Industrial Ethernet. Nodi/partner, come p. es. controllori mobili, l'internet Pad MOBIC o il Field PG possono muoversi liberamente nell'ambito delle radiocelle e scambiare dati con altri nodi/partner. Funzionamento punto a punto In questo modo di funzionamento vengono accoppiati tra loro due segmenti Ethernet mediante un collegamento radio, in caso di difficile installazione dei cavi (ad es. strade pubbliche). Per esempio SCALANCE W788-1PRO, prodotto da Siemens, può funzionare con fino a otto collegamenti punto a punto. Si possono così realizzare reti radio ridondanti ad elevata affidabilità. Sostituendo entrambe le antenne omnidirezionali con antenne direzionali,, si possono coprire distanze di più centinaia di metri all'esterno. In Figura 1.1 è mostrato un esempio di integrazione fra rete Ethernet Industriale, Wireless e PROFIBUS. 14

23 Capitolo 1: Il lavoro di tesi. Figura 1.1 : Esempio di integrazione fra tecnologia wired e wireless Nella figura seguente è mostrato l uso di due access point per connettere due reti Ethernet industriali utilizzando il wireless come canale intermedio. Figura 1.2 : Esempio di connessione di due reti Ethernet Industriali via wireless 15

24 Capitolo 1: Il lavoro di tesi Obiettivo del lavoro di tesi L obiettivo di questo lavoro di tesi è la realizzazione sia a livello hardware che software di un apposita interfaccia che permetta di unire i vantaggi offerti da una rete di comunicazione basata su PROFIBUS, ai vantaggi offerti da una comunicazione di tipo wireless. Il lavoro di tesi mira ad ottenere una scheda in grado di comunicare sia all interno di una rete PROFIBUS-DP (Device Peripheral), sia all interno di una rete wireless permettendo la comunicazione trasparente dei dati da una rete all altra. Verso il lato PROFIBUS la scheda deve svolgere il ruolo di slave e deve pertanto essere in grado di comunicare con il master della rete in cui è inserito. Dal lato wireless invece la scheda deve essere in grado di comunicare con uno o più dispositivi wireless. A livello di software, si deve gestire correttamente la comunicazione dei dati all interno della rete PROFIBUS, della rete wireless e gestire lo scambio dei dati da una rete all altra. La scheda da realizzare può essere pertanto vista come un bridge, cioè una sorta di ponte di comunicazione fra una rete PROFIBUS ed una rete wireless. Master Dispositivi Wireless Bridge da Realizzare PROFIBUS- DP Lato Wireless Slave Lato Profibus Figura 1.3 : Schema generale del bridge da realizzare 16

25 Capitolo 1: Il lavoro di tesi Applicazioni La scheda realizzata può trovare applicazione in tutti i casi in cui in cui la mobilità dei dispositivi è di fondamentale importanza. Ci si riferisce per esempio all utilizzo di dispositivi quali carrelli mobili, parti rotanti o all uso in situazioni in cui lo spostamento frequente del dispositivo stesso fa si che l impedimento del cavo sia considerevole per il lavoro da svolgere. In questo caso l ostacolo del cavo può essere ovviato dall uso della tecnologia senza fili; il bridge preleva i dati dal dispositivo wireless inviandoli verso PROFIBUS e viceversa. La Figura 1.4 mostra un caso in cui il bridge realizzato risolve il problema in cui il cavo rende disagevole l uso di una parte mobile quale può essere un carrello. Impedimento del cavo Master Carrello PROFIBUS-DP Movimentazione Slave Figura 1.4 : Carrello con movimentazione disagevole per via del cavo di collegamento In Figura 1.5 il cavo è sostituito da una connessione senza fili fra il bridge interfacciato con la rete PROFIBUS e un sensore wireless posto sul carrello. Comunicazione wireless Master Carrello PROFIBUS-DP Movimentazione Bridge Realizzato Slave Figura 1.5 : Carrello la cui movimentazione è resa agevole con una connessione wireless 17

26 Capitolo 1: Il lavoro di tesi. Un secondo possibile utilizzo può essere quello di accoppiatore fra due reti PROFIBUS distinte; utilizzando due medesime schede appositamente configurate, i dati provenienti dalla prima rete PROFIBUS possono essere indirizzate alla seconda rete PROFIBUS utilizzando il wireless come mezzo trasmissivo intermedio e viceversa. Master Comunicazione Wireless Master PROFIBUS-DP Bridge Realizzato Bridge Realizzato PROFIBUS-DP Lato Profibus Slave Slave Lato Profibus Figura 1.6 : Utilizzo del bridge di rete come accoppiatore. 18

27 CAPITOLO 2 PANORAMICA SUL PROFIBUS E WLAN Introduzione In questo capitolo sono raccolte tutte le informazioni teoriche necessarie per il lavoro di tesi. In particolar modo viene mostrata una panoramica riguardante il PROFIBUS e le WLAN. 19

28 Capitolo 2: PROFIBUS e WLAN. 20

29 Capitolo 2: PROFIBUS e WLAN. 2.1 PROFIBUS PROFIBUS (PROcess FIeld BUS) è insieme di protocolli, aperti e largamente diffusi per l'implementazione di bus di campo industriali, in grado di coprire un ampio spettro di applicazioni Caratteristiche del Protocollo PROFIBUS Aperto PROFIBUS permette lo scambio di dati tra dispositivi di produttori diversi senza alcuna necessità di ricorrere a speciali adattamenti dell'interfaccia. PROFIBUS è stato standardizzato inizialmente attraverso la norma tedesca DIN , in seguito con la norma Europea EN e per ultima con la certificazione internazionale IEC Indipendente dal Fornitore I dispositivi PROFIBUS sono offerti da molti produttori qualificati. Questo permette all'utente di scegliere il dispositivo più adatto e il fornitore preferito per realizzare qualsiasi applicazione. Consolidato PROFIBUS è una tecnica completa e consolidata che ha già superato il test di oltre 10 milioni di applicazioni nei campi dell'automazione degli edifici, automazione della produzione, e dell' automazione dei processi. Certificato I test di conformità ed interoperabilità eseguiti in laboratori autorizzati da parte della "PROFIBUS User Organization (PNO)", unitamente alla certificazione dei dispositivi PNO, fornisce agli utenti la piena garanzia di qualità e funzionalità, anche in caso di installazioni multi-fornitore. Ottimizzato per un ampio campo di utilizzo PROFIBUS inizialmente comprendeva le seguenti tre versioni in funzione dell'applicazione: 21

ARCHITETTURA TRADIZIONALE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO AUTOMATICO/1

ARCHITETTURA TRADIZIONALE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO AUTOMATICO/1 ARCHITETTURA TRADIZIONALE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO AUTOMATICO/1 Ogni sensore/attuatore è collegato direttamente al PLC Cablaggi relativamente semplici da eseguire Difficoltà a espandere l impianto Informazioni

Dettagli

Protocollo PROFIBUS. Prof. Salvatore CAVALIERI. Protocollo PROFIBUS 1

Protocollo PROFIBUS. Prof. Salvatore CAVALIERI. Protocollo PROFIBUS 1 Protocollo PROFIBUS Dai lucidi Prof. Salvatore CAVALIERI Università di CATANIA Protocollo PROFIBUS 1 Protocollo PROFIBUS 2 PROcess FIeld BUS (PROFIBUS) Standard Tedesco DIN 19245 Standard Europeo CENELEC

Dettagli

Profibus vs WorldFIP WorldFip centralizzato e basato sulla schedulazione

Profibus vs WorldFIP WorldFip centralizzato e basato sulla schedulazione Il Profibus PROcess FIeld BUS (PROFIBUS) è un sistema di comunicazione nato per connettere dispositivi di campo digitali diversi e/o elementi con prestazioni di basso livello, come trasmettitori, attuatori,

Dettagli

Sistemi per l automazione industriale

Sistemi per l automazione industriale Corso: Sistemi per l automazione industriale PROFIBUS Ing.. Stefano Maggi Dottore di Ricerca Dipartimento di Elettrotecnica giovedì 19 gennaio 2006 Le famiglie di PROFIBUS PROFIBUS: PROcess FIeld BUS Profibus-DP

Dettagli

PROFIBUS: bus standard per industria e building automation

PROFIBUS: bus standard per industria e building automation PROFIBUS: bus standard per industria e building automation Luca ing. Marani Softing Industrial Solutions Italia Via Sesini 20 37138 Verona Sommario Il bus di campo Profibus, si adatta perfettamente ad

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE. Reti industriali. Parte II ELEMENTI DI INFORMATICA UFC_05

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE. Reti industriali. Parte II ELEMENTI DI INFORMATICA UFC_05 Reti industriali Parte II ELEMENTI DI INFORMATICA UFC_05 1 Scenario Industriale ELEMENTI DI INFORMATICA UFC_05 2 Bus di campo (FieldBus) Utilizzati per la comunicazione a livello di cella e al livello

Dettagli

Esempio LA CONFIGURAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PROFIBUS-DP IN AMBIENTE SIEMENS STEP 7. Corso su

Esempio LA CONFIGURAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PROFIBUS-DP IN AMBIENTE SIEMENS STEP 7. Corso su Corso su LA CONFIGURAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PROFIBUS-DP IN AMBIENTE SIEMENS STEP 7 creato in esclusiva per Associazione PLC Forum www.plcforum.it versione 1.0 Prof.Ing.Salvatore Cavalieri

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Wireless LAN. Scritto da BigDaD

Wireless LAN. Scritto da BigDaD Una Wireless local area network, WLAN, è un sistema di comunicazione flessibile e implementabile nella sua estensione, o alternativo, ad una rete fissa (wired LAN). In una W-LAN viene utilizzata una tecnologia

Dettagli

Wireless LAN IEEE 802.11

Wireless LAN IEEE 802.11 Reti non cablate Wireless LAN IEEE 802.11 Eliminazione del cablaggio Riduzione costi infrastrutturali Reti temporanee Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi

Dettagli

RETI INDUSTRIALI. Sistemi di rete a cablatura tradizionale. Sistemi di rete a cablatura innovativa Bus. Introduzione GERARCHIA DI CONTROLLO

RETI INDUSTRIALI. Sistemi di rete a cablatura tradizionale. Sistemi di rete a cablatura innovativa Bus. Introduzione GERARCHIA DI CONTROLLO RETI INDUSTRIALI Ing.Francesco M. Raimondi www.unipa.it\fmraimondi Lezioni del corso di Automazione Industriale Dipartimento di Ingegneria dell Automazione e dei Sistemi GERARCHIA DI CONTROLLO Ing. F.M.

Dettagli

SIMATIC PCS 7. PCS 7: PROFINET per Process Automation

SIMATIC PCS 7. PCS 7: PROFINET per Process Automation SIMATIC PCS 7 PCS 7: PROFINET per Process Automation Page 2 L automazione industriale nelle diverse industrie PCS Processo 7 Discreto Step 7 Industrie di processo Industrie ibride Industrie manifatturiere

Dettagli

Wireless LAN IEEE 802.11

Wireless LAN IEEE 802.11 Reti non cablate Wireless LAN IEEE 802.11 Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it staff.polito.it/mario.baldi WLAN - 1 M. Baldi: si veda pagina 2 Nota di Copyright Questo insieme di

Dettagli

I FIELDBUS PROFIBUS. ITS Meccatronico Reti per l automazione 1

I FIELDBUS PROFIBUS. ITS Meccatronico Reti per l automazione 1 I FIELDBUS PROFIBUS ITS Meccatronico Reti per l automazione 1 SOMMARIO Architettura di Profibus Data Link Layer FDL Application Layer FMS Profibus DP ITS Meccatronico Reti per l automazione 2 Un po di

Dettagli

Rete cablata, senza fili e mista. Velocità di trasmissione dati. Rete cablata - wired. Rete cablata - wired

Rete cablata, senza fili e mista. Velocità di trasmissione dati. Rete cablata - wired. Rete cablata - wired Rete cablata, senza fili e mista Velocità di trasmissione dati Viene espressa in bps (bit per secondo); il bit è un unità molto piccola e per comodità vengono usate le migliaia di bit, Kbit, o i milioni

Dettagli

Controllo distribuito

Controllo distribuito I sistemi complessi di automazione industriale e di controllo di processo richiedono una notevole integrazione tra i vari sottosistemi che li compongono, tanto che li si può definire sistemi di controllo

Dettagli

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network Prof.ssa Sara Michelangeli Computer network Possiamo definire rete di computer (Computer network) un sistema in cui siano presenti due o più elaboratori elettronici ed i mezzi per connetterli e che consenta

Dettagli

Fieldbus Foundation H1

Fieldbus Foundation H1 Fieldbus Foundation H1 Stefano Panzieri FF-H1-1 User Application Blocks Ci sono tre categorie di blocchi funzione: Resources Block: descrive le caratteristiche del dispositivo, come il nome ed il numero

Dettagli

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili!

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili! Capitolo 6 Wireless LAN: via i fili! Spesso la realizzazione di una rete impone maggiori problemi nella realizzazione fisica che in quella progettuale: il passaggio dei cavi all interno di apposite guide

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

Input/Output: bus, interfacce, periferiche

Input/Output: bus, interfacce, periferiche Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 29 Input/Output: bus, interfacce, periferiche A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L

Dettagli

I bus di campo nell automazione industriale

I bus di campo nell automazione industriale I bus di campo nell automazione industriale Fabio Giorgi Introduzione Aspetti di comunicazione nell automazione industriale Esempio di cella di lavorazione Passaggio dal controllo centralizzato al controllo

Dettagli

Ing. Alessandro Pisano. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica.

Ing. Alessandro Pisano. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica. Ing. Alessandro Pisano Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica.it Cagliari, 25 settembre 2009 Impianti domotici Una opportuna interconnessione

Dettagli

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN)

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN) WLAN 802.11 1 Local Area Network (LAN) Ethernet Server Hub Internet 2 1 Wireless Local Area Network (WLAN) Ethernet Server Access Point Internet 3 Perchè le Wireless LAN Riduzione costi di manutenzione

Dettagli

Configurazione moduli I/O serie EX

Configurazione moduli I/O serie EX Configurazione moduli I/O serie EX aggiornamento: 20-12-2014 IEC-line by OVERDIGIT overdigit.com Tabella dei contenuti 1. Moduli di I/O con protocollo Modbus... 3 1.1. Parametri di comunicazione... 4 1.2.

Dettagli

Reti di calcolatori protocolli

Reti di calcolatori protocolli Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete, il

Dettagli

2 Controllo e. 1.6 Punti dati decentralizzati. 1.6.1 Saia Smart PCD3.T66x RIO Pagina 70. 1.6.2 Profibus RIO Saia PCD3.

2 Controllo e. 1.6 Punti dati decentralizzati. 1.6.1 Saia Smart PCD3.T66x RIO Pagina 70. 1.6.2 Profibus RIO Saia PCD3. 69.6 Punti dati decentralizzati thernet Profibus RS-485 PCD3.T 665 PCD3.T 76 Regolatori di 2 Controllo e camera dedicati monitoraggio e Rilevamento dei dati di consumo 3 5 Componenti Stazioni di automazione.6.

Dettagli

I BUS DI CAMPO ISOCRONI PROFIBUS DP-V2 E PROFINET I/O Versione 0.9. Francesco Venturini

I BUS DI CAMPO ISOCRONI PROFIBUS DP-V2 E PROFINET I/O Versione 0.9. Francesco Venturini I BUS DI CAMPO ISOCRONI PROFIBUS DP-V2 E PROFINET I/O Versione 0.9 Francesco Venturini INDICE Indice Capitolo 1... 1 Introduzione... 1 1.1 I BUS DI CAMPO... 2 1.1.1 VANTAGGI INTRODOTTI DAL BUS DI CAMPO...

Dettagli

Controllo distribuito

Controllo distribuito I sistemi complessi di automazione industriale e di controllo di processo richiedono una notevole integrazione tra i vari sottosistemi che li compongono, tanto che li si può definire sistemi di controllo

Dettagli

Su misura a tutte le strutture che vogliono guardare al futuro e rimanere al passo coi tempi

Su misura a tutte le strutture che vogliono guardare al futuro e rimanere al passo coi tempi Soluzione HOT SPOT Su misura a tutte le strutture che vogliono guardare al futuro e rimanere al passo coi tempi Chi viaggia per lavoro molto spesso ha la necessità di scaricare posta, inviare e-mail, trasmettere

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Giovedì 15-05-2014 1 Protocolli a turno

Dettagli

Get connected! Connecting Devices

Get connected! Connecting Devices Get connected! Connecting Devices Tecnologia Anybus di HMS Industrial Networks La gamma di prodotti Anybus di HMS Industrial Networks, che include gateway, interfacce embedded ultra-compatte e sistemi

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale Reti di Calcolatori e Internet Luca Pulina Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Sassari A.A. 2015/2016 Luca Pulina (UNISS)

Dettagli

http://mottatommaso.altervista.org

http://mottatommaso.altervista.org Standard IEEE 802 per reti LAN http://mottatommaso.altervista.org T. Motta Rete locale Rete LAN: rete di computer di dimensione limitata e senza attraversamento di suolo pubblico Sono di diversi tipi:

Dettagli

La migliore soluzione Ethernet per l automazione!

La migliore soluzione Ethernet per l automazione! PROFINET La migliore soluzione Ethernet per l automazione! Unrestricted Siemens AG 2014 All rights reserved. Siemens.it/packteam PROFINET è la soluzione ideale per ogni applicazione PROFINET NON TEME CONFRONTI!

Dettagli

Lo Stack TCP/IP: Le Basi

Lo Stack TCP/IP: Le Basi Lo Stack TCP/IP: Le Basi I livelli TCP/IP hanno questa relazione con i livelli di OSI. Lo stack di protocolli TCP/IP implementa un livello network (livello 3) di tipo: packet-switched; connectionless.

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1 MODBUS Stefano Panzieri Modbus - 1 La Storia Diventa uno STANDARD nel 1979 Nato come protocollo di comunicazione SERIALE si è successivamente adattato alle specifiche TCP/IP Permette una comunicazione

Dettagli

I protocolli wireless della famiglia IEEE 802

I protocolli wireless della famiglia IEEE 802 I protocolli wireless della famiglia IEEE 802 Davide Quaglia Reti di Calcolatori - Ethernet e 802.X 1 Problemi delle wireless LAN Interferenza e caduta di potenza del segnale Alta probabilità che il frame

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

SERCOS. Dipartimento di Ingegneria Elettrica. SERCOS Benzi 1

SERCOS. Dipartimento di Ingegneria Elettrica. SERCOS Benzi 1 SERCOS SErial Real-Time COmmunication System Francesco Benzi Dipartimento di Ingegneria Elettrica Università di Pavia SERCOS Benzi 1 SERCOS Benzi 2 SERCOS Serial Real-Time Communication System Nasce negli

Dettagli

SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA I sistemi di misura distribuiti

SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA I sistemi di misura distribuiti ferrigno@unicas.it Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA I sistemi di misura distribuiti Docente: Luigi Ferrigno MiniDAT MiniDAT MiniDAT I sistemi

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Elaborazione e trasmissione delle informazioni Le Reti di Calcolatori Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Reti di Telecomunicazione

Dettagli

LE RETI DI COMUNICAZIONE

LE RETI DI COMUNICAZIONE LE RETI DI COMUNICAZIONE (Prima parte) Settembre 2002 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

Reti di Comunicazione Orientate all'automazione Industriale

Reti di Comunicazione Orientate all'automazione Industriale Reti di Comunicazione Orientate all'automazione Industriale Sono sistemi di comunicazione tipicamente basati su trasmissione digitale seriale (RS-485) A volte possono integrare anche standard analogico

Dettagli

10 argomenti a favore dell over IP

10 argomenti a favore dell over IP Quello che i fornitori di telecamere analogiche non dicono 10 argomenti a favore dell over IP Le telecamere di rete non sono certo una novità, infatti il primo modello è stato lanciato nel 1996. Nei primi

Dettagli

DUCA-LCD96 PROFI MANUALE INTERFACCIA PROFIBUS DP

DUCA-LCD96 PROFI MANUALE INTERFACCIA PROFIBUS DP DUCA-LCD96 PROFI MANUALE INTERFACCIA PROFIBUS DP Vers. v0rb FileName: Man_Profibus_Ita_DUCA-LCD96_v0rB Pag.1 di 30 REVISIONI VER. Rev. DATA MOTIVO 0 A 27/09/11 Prima emissione 0 B 15/10/11 Aggiunti chiarimenti

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

PLC. I/O Analogici. www.webalice.it/s.pollini

PLC. I/O Analogici. www.webalice.it/s.pollini PLC I/O Analogici 1 I/O Analogici Acquisizione e gestione di segnali fisici variabili nel tempo da un valore minimo ad un valore massimo 2 I/O Analogici Trasduttori: attivi - passivi 3 I/O Analogici Trasduttori:

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

I I Field Bus sono sistemi di di comunicazione industriale per lo lo

I I Field Bus sono sistemi di di comunicazione industriale per lo lo I I Field Bus sono sistemi di di comunicazione industriale per lo lo scambio di di informazioni tra tra sistemi di di automazione e dispositivi di di campo distribuiti. Con questa nuova tecnologia è possibile

Dettagli

Una Tassonomia delle Reti

Una Tassonomia delle Reti Una Tassonomia delle Reti La tabella riporta una classificazione dei vari tipi di rete, in funzione dell ambito operativo e delle distanze coperte. AMBITO DISTANZA RETE COPERTA Edificio 100 m Reti Locali

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione

Dettagli

Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica

Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica GIUSEPPE CATAUDELLA Proposta e valutazione di procedure di sicurezza ed autenticazione compatibili

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

Misura di livello e di pressione. Istruzioni d uso. Uscita del segnale Profibus DP VEGASCAN 850. Profibus DP. out

Misura di livello e di pressione. Istruzioni d uso. Uscita del segnale Profibus DP VEGASCAN 850. Profibus DP. out Misura di livello e di pressione Istruzioni d uso Uscita del segnale Profibus DP VEGASCAN 850 0100110010100 Profibus DP in out Informazioni per la sicurezza Informazioni per la sicurezza La messa in servizio

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello del data link Regola l accesso al mezzo per reti broadcast LAN e WAN satellitari allocazione statica - a priori allocazione dinamica - in base allo

Dettagli

La tecnica proporzionale

La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Controllo direzione e flusso La tecnica proporzionale

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

Un linguaggio comune per la domotica

Un linguaggio comune per la domotica Un linguaggio comune per la domotica La trasmissione e la corretta comprensione dʼinformazioni e comandi è indispensabile per il funzionamento ottimale degli impianti domotici Sono ormai di larga diffusione

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori Il PROFIBUS Prof. Orazio Mirabella. Profibus

Corso di Reti di Calcolatori Il PROFIBUS Prof. Orazio Mirabella. Profibus Profibus Introduzione Il PROcess FIeld BUS (PROFIBUS) è un sistema di comunicazione nato per connettere dispositivi di campo digitali diversi e/o elementi con prestazioni di basso livello, come trasmettitori,

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

- Aree classificate possibili soluzioni. - Dalla pneumatica al Bus di campo

- Aree classificate possibili soluzioni. - Dalla pneumatica al Bus di campo Fieldbus Foundation Freedom to choose. Power to integrate - Aree classificate possibili soluzioni - Dalla pneumatica al Bus di campo La pneumatica La pneumatica con lo standard 3-15 PSI VANTAGGI Idonea

Dettagli

Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo

Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo Torna al programma Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo Tecnologie e sistemi di comunicazione per il controllo di generatori distribuiti e reti L. Capetta Definizione

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Systeme Helmholz. TELESERVICE con REX300 PANORAMICA AZIENDA. Febbraio 2011. Buongiorno,

Systeme Helmholz. TELESERVICE con REX300 PANORAMICA AZIENDA. Febbraio 2011. Buongiorno, Febbraio 2011 Buongiorno, siamo lieti di inviarle la presente Newsletter per aggiornarla sulle novità introdotte da Helmholz che riteniamo possano essere di Suo interesse. Nel ricordarle che Sitec è a

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

RETI LOCALI. 1 livello fisico 2 livello data link

RETI LOCALI. 1 livello fisico 2 livello data link 1 Topologie 2 Standard IEEE 802 3 Standard IEEE 802.3 (CSMA/CD) 4 Standard IEEE 802.5 (Token Ring) 5 Standard IEEE 802.11 (Wireless) 6 Bluetooth 7 Bridge RETI LOCALI 1 livello fisico 2 livello data link

Dettagli

Configurazione & Programmazione Profibus DP. in Ambiente Siemens TIA Portal

Configurazione & Programmazione Profibus DP. in Ambiente Siemens TIA Portal Configurazione & Programmazione Profibus DP in Ambiente Siemens TIA Portal Configurazione Optional: Aggiungere File GSD Inserire Masters e Slaves Inserire Sottorete Profibus DP e collegare tutte le interfacce

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Dott. Antonio Calanducci Lezione III: Reti di calcolatori Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Anno accademico 2009/2010 Reti di calcolatori Una rete

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

Nonostante queste caratteristiche comuni, le reti possono essere suddivise in due categorie:? Peer to peer (pari a pari)?

Nonostante queste caratteristiche comuni, le reti possono essere suddivise in due categorie:? Peer to peer (pari a pari)? INTRODUZIONE Una rete LAN (Local Area Network) è costituita da numerosi computer e periferiche connessi tramite un sistema di cablaggio entro un area limitata, quale il reparto di un azienda o l interno

Dettagli

Scheda di controllo 1,5 assi

Scheda di controllo 1,5 assi CHARGE POWER RUN RD 5 000000 STS SD R88A-MCW5-@ Scheda di controllo,5 assi Schede controllo assi Controllo avanzato del movimento remoto. Collegabile direttamente a un servoazionamento della serie Sigma-II

Dettagli

Gateway da PROFIBUS DP, DeviceNet, CANopen, Modbus TCP a Modbus RTU serie deltadue

Gateway da PROFIBUS DP, DeviceNet, CANopen, Modbus TCP a Modbus RTU serie deltadue BT. 02.30 DXDY/I Gateway da PROFIBUS DP, DeviceNet, CANopen, TCP a serie deltadue Integra le linee di strumentazione ASCON nel tuo sistema DX 5000 Convertitore di linea RS232/ Ripetitore / Adattatore di

Dettagli

Architetture di rete e performance con PROFINET

Architetture di rete e performance con PROFINET Architetture di rete e performance con PROFINET Paolo Ferrari Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università di Brescia, Via Branze 38-25123 Brescia (Italy) Tel: +39-030-3715445 fax: +39-030-380014

Dettagli

Field-Tests per la realizzazione di HotSpot con reti 802.11.

Field-Tests per la realizzazione di HotSpot con reti 802.11. Field-Tests per la realizzazione di HotSpot con reti 802.11. Elio Salvadori, Danilo Severina Roberto Battiti, Renato Lo Cigno Maggio 2004 Technical Report # DIT-04-024 Nel periodo da Ottobre 2003 a Marzo

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

Sistema ATM con rete NetRail. Divisione elco srl

Sistema ATM con rete NetRail. Divisione elco srl Sistema ATM con rete NetRail Divisione elco srl Introduzione Verrà di seguito descritto un sistema di gestione degli impianti automotore di tipo evoluto. Questo sistema si basa sull'utilizzo di una rete

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di Calcolatori 1. Introduzione 2. Storia 3. Topologia delle reti 4. Livelli della rete protocolli e servizi 5. Progetto dei livelli 6. Modello ISO OSI 7. Internet Protocol suite / / Modello TCP IP

Dettagli

3. I Sistemi Distribuiti

3. I Sistemi Distribuiti Sistemi Logico Programmabili Cap. 3 3. I Sistemi Distribuiti 3.1 Dai sistemi centralizzati a quelli distribuiti L uso dei calcolatori è nel bel mezzo di una rivoluzione. Dal 1945, quando cominciò l era

Dettagli

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Hub, Bridge, Switch Ethernet Tecnologia LAN dominante: Economica:

Dettagli

Evoluzione dei sistemi informatici

Evoluzione dei sistemi informatici Evoluzione dei sistemi informatici Cos è una rete? Insieme di calcolatori autonomi tra loro collegati mediante una rete di comunicazione Gli utenti sono in grado di interagire in modo esplicito con la

Dettagli

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Enrico Cavalli - enrico.cavalli@unibg.it Università di Bergamo - Anno Accademico 2008-2009 Reti Locali Reti geografiche e reti locali 2 1 Applicazioni

Dettagli

Protocolli e standard di comunicazione per la domotica e la gestione dell illuminazione

Protocolli e standard di comunicazione per la domotica e la gestione dell illuminazione Protocolli e standard di comunicazione per la domotica e la gestione dell illuminazione Ing. Susanna Spinsante Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università Politecnica delle Marche Ancona, 21

Dettagli

I sistemi BUS 7.8.1. DALI

I sistemi BUS 7.8.1. DALI 7.8.1. DALI Il sistema DALI (Digital Addressable Lighting Interface) è un nuovo standard di interfaccia digitale per sistemi elettronici di gestione dell illuminazione d interni creato dai principali produttori

Dettagli

Tecnologie Informatiche n 6

Tecnologie Informatiche n 6 LE RETI DI COMPUTER Una RETE INFORMATICA è costituita da un insieme di computer collegati tra di loro ed in grado di condividere sia le risorse hardware (periferiche accessibili dai vari computer che formano

Dettagli

Reti Wireless - Introduzione

Reti Wireless - Introduzione Reti Wireless - Introduzione Il mondo dei computer cerca da sempre appendici esterne che non abbiano bisogno di collegamenti via cavo Gli studi e gli standard che si sono susseguiti basati sulla tecnologia

Dettagli