PROVINCIA DI MASSA-CARRARA Settore Agricoltura e Foreste

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI MASSA-CARRARA Settore Agricoltura e Foreste"

Transcript

1 All. C1 DD 6584/2007 Dec. di Medaglia d oro al V.M. PROVINCIA DI MASSA-CARRARA Settore Agricoltura e Foreste Piano Provinciale dei Servizi di Sviluppo Agricolo e Rurale (PPSSAR) anno 2007 L.R. 34/2001 e succ. mod. BANDO SERVIZIO C1 SERVIZIO SPECIALISTICO DI CONSULENZA DI SUPPORTO AL RISPETTO DEI REQUISITI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO PUNTO C1 DEL PPSSAR OBIETTIVI DEL BANDO Con il presente bando sono offerti aiuti a favore di aziende agricole, zootecniche e forestali ubicate sul territorio della Provincia di Massa-Carrara, per l acquisizione di servizi di consulenza/assistenza per l anno 2007, ai sensi della L.R n.34 come modificata dalla L.R n.35 (di seguito, per brevità indicata come L.R 34/2001). Il servizio di cui al presente bando si prefigge di aiutare gli imprenditori agricoli a sostenere i costi di consulenza utile all individuazione delle principali problematiche aziendali connesse al rispetto delle norme di sicurezza sui luoghi di lavoro. 2. SERVIZIO OFFERTO ALLE AZIENDE E MODALITA DI EROGAZIONE Consiste nell offerta di un servizio rivolto a supportare le aziende agricole zootecniche e forestali per il rispetto delle norme di sicurezza del lavoro. Le azioni di consulenza possono riguardare: problematiche relative alla meccanizzazione delle aziende agricole, zootecniche e dei cantieri forestali; informazione sugli adempimenti relativi alle procedure per la sicurezza sul lavoro; supporto tecnico alla definizione delle procedure per la sicurezza sul lavoro; supporto tecnico all applicazione delle procedure aziendali definite; supporto tecnico all adeguamento delle procedure per la sicurezza sul lavoro. Il soggetto prestatore dei servizi di consulenza specialistica all avvio dell attività di consulenza redige una verifica iniziale della situazione aziendale, con la quale vengono individuati i problemi e gli aspetti critici inerenti l oggetto del servizio richiesto (es. sicurezza sul lavoro), corredata da un progetto tecnico di consulenza, definito dal responsabile tecnico del servizio e da questo sottoscritto congiuntamente al beneficiario, che definisce in dettaglio gli interventi di adeguamento necessari ed il numero di visite aziendali previste. Nel corso dell anno il prestatore garantisce un costante supporto, sia mediante le visite in azienda preventivate che offrendo l accesso al beneficiario a forme di assistenza mediante sportelli informativi locali, telefono, fax, , supporti informatici e telematici. Il responsabile tecnico deve inoltre garantire una periodica verifica dello stato di attuazione del progetto di consulenza che si completa con la redazione, al termine del periodo di attività, di una relazione tecnica finale riportante gli obiettivi conseguiti sottoscritta congiuntamente dal responsabile stesso e dal beneficiario. Il servizio di consulenza di supporto al rispetto dei requisiti in materia di sicurezza sul lavoro deve comprendere tutti gli aspetti relativi alle norme da rispettare da parte dell azienda con un numero di visite aziendali, da un minimo di due ad un massimo di sei, stabilite al momento della redazione del progetto tecnico di consulenza 1

2 3. SOGGETTI BENEFICIARI I soggetti ammessi a beneficiare dei servizi di assistenza tecnica e consulenza descritti nel presente bando sono gli imprenditori agricoli e forestali ai sensi del codice civile, in possesso di partita IVA, singoli od associati e le cooperative agricole, titolari di aziende agricole ubicate sul territorio della Provincia di Massa-Carrara e che diano nella domanda esplicita indicazione del prestatore dei servizi, individuato autonomamente fra quelli in possesso dei titoli indicati all articolo 5, comma 3 della L.R. 34/2001 come di seguito specificato. 4. PRESTATORI DEI SERVIZI I prestatori dei servizi oggetto del presente bando sono autonomamente scelti dai soggetti beneficiari (imprenditori agricoli, di seguito definiti richiedenti) fra gli enti assistenza tecnica delle organizzazioni professionali agricole, le associazioni di cooperative agricole, le associazioni di prodotto giuridicamente riconosciute, le associazioni di allevatori e loro unioni e qualsiasi altro soggetto privato abilitato alla attività di consulenza in campo agricolo-forestale. Di tale scelta autonoma dei prestatori, i richiedenti devono dare esplicita indicazione nella domanda di partecipazione al bando, pena l esclusione. Nella domanda di accesso al regime di aiuto, i richiedenti dovranno indicare il nominativo del soggetto prestatore in possesso del titolo professionale, o di eventuali ulteriori requisiti previsti dalla normativa comunitaria in materia, abilitanti alla consulenza in campo agricolo e rurale. Nel caso in cui i prestatori di servizi siano soggetti collettivi, i beneficiari dovranno riportare l indicazione del rappresentante legale del soggetto prestatore ed il nominativo del responsabile tecnico del servizio, per il quale è tassativamente richiesto il possesso del titolo professionale abilitante alla consulenza in campo agricolo e rurale. Nei casi di assistenza di tipo zoosanitario il responsabile tecnico del servizio dovrà essere in possesso del titolo professionale abilitante a svolgere consulenza in campo veterinario. Sono esclusi, quali prestatori dei servizi di consulenza tecnica, soggetti che esercitino attività di produzione e/o vendita di mezzi tecnici per l agricoltura, soggetti collettivi che svolgano attività di controllo e certificazione ai sensi delle normative comunitarie, nazionali e regionali o si avvalgano di tecnici che esercitino a vario titolo tali attività. Sono altresì esclusi, quali prestatori dei servizi di consulenza tecnica, quei soggetti ed i loro collaboratori, che gestiscono, direttamente od indirettamente, fasi e procedimenti connessi con l erogazione di aiuti e sussidi nel settore agricolo e dello sviluppo rurale. E vietato indicare quale prestatore dei servizi un soggetto dipendente anche a tempo determinato, al momento della domanda, dell azienda beneficiaria. 5. REGIME DI AIUTO Il costo riconosciuto per questo servizio, esclusa IVA e per ciascuna visita in azienda, è pari a 160,00. Possono essere richieste da un minimo di due ad un massimo di sei visite in azienda. Il contributo pubblico è pari all 80 per cento del costo del servizio per azienda, IVA esclusa ed è pari ad euro 128,00 a visita. La restante quota, pari a euro 32,00 a visita, è a totale carico dell azienda beneficiaria. Sono altresì a totale carico dell azienda le eventuali ulteriori quote dovute per prestazioni aggiuntive rispetto a quelle strettamente attinenti le azioni ammesse a contributo pubblico. 6. PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Data indizione bando e presentazione domande: 21 Maggio 2007 scadenza: 20 giugno 2007 Le domande di adesione dovranno essere presentate esclusivamente mediante l utilizzo della Dichiarazione Unica Aziendale (DUA), secondo la procedura prevista dal Decreto del Direttore di 2

3 ARTEA n. 142 del 05/12/2006 così come modificato dal Decreto del Direttore di ARTEA n. 38 del 22/03/2007, presso uno dei seguenti sportelli ARTEA e presso eventuali altri sportelli che risulteranno convenzionati con ARTEA alla data di presentazione della domanda: CAA Centro CIA Aulla Piazza dell'abbazia, 14. Tel fax CAA COLDIRETTI TOSCANA SRL Fivizzano Via Predetti. Tel fax CAA UN.AGRI. SRL Aulla Via della Resistenza, 52/m. Tel fax CAA SISA SRL Aulla Via Resistenza 52/Ab. Tel fax CAA COLDIRETTI TOSCANA SRL Massa Largo Matteotti n. 22. Tel fax CAA COLDIRETTI TOSCANA SRL Aulla Piazza Nenni. Tel fax CAA COLDIRETTI TOSCANA SRL Pontremoli Piazza Bologna. Tel fax C.A.A.C.O.P. AGRI di Massa-Carrara Fivizzano, Via Pedretti, 22 tel 0585/92165 fax 0585/ L adesione al presente bando potrà avvenire mediante le seguenti modalità: 1) inoltro della Dichiarazione Unica Aziendale dall azienda in modalità telematica, mediante firma digitale, sul sistema informativo di ARTEA che dovrà pervenire entro le ore del giorno 20 giugno 2007; 2) inoltro della Dichiarazione Unica Aziendale a mezzo posta tramite raccomandata A/R, assicurata o posta celere o consegnata a mano, presso il soggetto delegato dall azienda alla tenuta del fascicolo aziendale (Centro Servizi o ARTEA) entro le ore del giorno 20 giugno 2007 con le seguenti modalità: - a mezzo posta: in tal caso la DUA deve essere sottoscritta e accompagnata da fotocopia di un documento d identità valido o di riconoscimento del richiedente ai sensi dell art. 38 DPR 445/2000; - tramite consegna a mano: in tal caso la DUA deve essere sottoscritta in presenza del dipendente addetto ovvero sottoscritta e presentata unitamente a fotocopia di un documento d identità valido o di riconoscimento del richiedente ai sensi dell art. 38 DPR 445/2000; Al fine dell ammissibilità dell istanza contenuta nella DUA fa fede la data di ricezione e non quella del timbro postale. La data di ricezione è attestata dalla data dell operazione di registrazione nel Sistema informativo di ARTEA da parte dello sportello del Centro Servizi (CAA) o di ARTEA e tale operazione dovrà avvenire entro le ore del giorno 20 giugno Nella domanda deve essere obbligatoriamente indicato il prestatore dei servizi autonomamente individuato dal richiedente, specificandone il possesso del titolo di studio e del titolo professionale abilitante alla consulenza in campo agricolo e rurale. Nel caso in cui il richiedente abbia autonomamente individuato, quale prestatore dei servizi, un soggetto collettivo (enti, associazioni, cooperative ecc.), dovrà essere indicato il nominativo del responsabile tecnico del servizio in possesso del titolo professionale abilitante alla consulenza in campo agricolo e rurale. Il prestatore dei servizi, nella domanda del richiedente, appone la propria firma per accettazione. Alla domanda nel sistema DUA il richiedente deve obbligatoriamente allegare una nota sintetica, da esso sottoscritta unitamente al responsabile tecnico del servizio, contenente la Verifica iniziale della situazione aziendale ed il Progetto tecnico di consulenza riportante il numero di visite specialistiche richieste; 3

4 Dichiarazioni del prestatore Nella domanda il prestatore deve obbligatoriamente dichiarare: - di non essere dipendente, anche a tempo determinato, dell azienda beneficiaria; - di non svolgere azioni di promozione o pubblicitarie relative a prodotti o attività riferibili a produttori di mezzi tecnici singoli od associati, ai loro marchi commerciali o ad altri segni distintivi; - di non gestire, direttamente od indirettamente, fasi e procedimenti connessi con l erogazione di aiuti e sussidi nel settore agricolo e dello sviluppo rurale; - di non svolgere attività di controllo e certificazione né di avvalersi di tecnici che esercitino dette attività. - di essere informato che l'acquisizione e il trattamento anche informatico dei dati contenuti nella presente dichiarazione e nei relativi allegati è effettuato per le finalità e le attività previste dalla normativa che disciplina l'attività di Artea, nonché per le attività ad esse connesse, anche ai fini dei controlli da parte degli Organismi Comunitari, nazionali, regionali, di ARTEA o degli Organismi con essa convenzionati, che con la sottoscrizione della presente dichiarazione, sono autorizzati al trattamento dei dati nel rispetto della normativa sulla tutela della riservatezza. - che il fascicolo del prestatore è aggiornato in merito al titolo di studio e titolo professionale abilitante la consulenza specialistica (posseduti dal tecnico che fornisce direttamente in azienda il servizio, nel caso di soggetti collettivi) e che le informazioni in esso contenute sono riportate esattamente nell Anagrafe di Artea; Dichiarazioni del richiedente Il richiedente, nella domanda, deve obbligatoriamente dichiarare: - di essere imprenditore agricolo singolo od associato ai sensi del codice civile; - di essere in possesso di partita IVA ed indicarla; - di non aver presentato analoga domanda per i bandi di consulenza specialistica C2 e C3; - che il fascicolo aziendale è regolarmente aperto e aggiornato in ogni sua parte e che le informazioni in esso contenute sono riportate esattamente nell Anagrafe di Artea; - di conoscere che la comunicazione di avvio del procedimento avviene ai sensi delle vigenti disposizioni; - di essere consapevole che le dichiarazioni contenute nella dichiarazione e nei relativi allegati sono rese ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000; - di essere consapevole delle responsabilità penali a cui può andare incontro, ai sensi dell'art. 76 del D.P.R. 445/2000, qualora rilasci dichiarazione mendaci, formi atti falsi o ne faccia uso; - di non essere sottoposto a pene detentive e/o a misure accessorie interditive o limitative della capacità giuridica e di agire; - di dare accesso in ogni momento e senza restrizioni, ad impianti aziendali, sedi amministrative ed appezzamenti, nonché a tutta la documentazione necessaria ai fini dell'istruttoria e dei controlli. Impegni del richiedente Il richiedente, nella domanda, deve infine obbligatoriamente impegnarsi: a) a non sostituire, nel corso dell anno il soggetto prestatore dei servizi autonomamente scelto ed a non modificare alcuna delle attività precedentemente indicate nella domanda di contributo; b) a fornire direttamente e/o tramite il soggetto prestatore alla Provincia, ove richiesti, i dati necessari al monitoraggio degli interventi; c) a fornire alla Provincia la documentazione necessaria all erogazione del saldo dell aiuto concesso; d) a fornire alla Provincia, ove richiesta, ogni informazione utile a valutare l effettiva e corretta erogazione del servizio; 4

5 e) a consentire eventuali controlli ed ispezioni, in riferimento all assistenza tecnica per la quale si sia ricevuto il contributo, effettuate da parte di personale a ciò incaricato dalla Provincia; f) a comunicare alla Provincia, con la massima tempestività, l eventuale avvenuta cessazione o modificazione del servizio per qualsiasi causa intervenuta; g) a comunicare gli aggiornamenti della consistenza zootecnica alla Banca Dati Nazionale dell'anagrafe bovina; h) a rispettare le vigenti disposizioni in materia di identificazione e registrazione del bestiame; Qualora il richiedente intenda avvalersi della possibilità di percepire una anticipazione del 50% dell aiuto richiesto nella domanda dovrà darne specifica evidenza, impegnandosi, nel caso di richiesta di anticipo, alla stipula di apposita fideiussione. Il richiedente dovrà altresì indicare le precise modalità di corresponsione dell anticipo. 7. PRIORITA Per acquisire priorità nella formazione delle graduatorie provinciali delle domande pervenute il richiedente, ove ne abbia le condizioni, potrà dichiarare il possesso dei requisiti a cui sono attribuiti punteggi secondo le seguenti priorità: Requisiti Punteggi - Imprenditori iscritti agli albi provinciali disciplinati dalla normativa regionale Punti 10 - Imprenditori agricoli che ricevono più di ,00 euro/anno in pagamenti diretti (reg. Punti 9 (CE) 1782/2003 articolo 14 c.2) - Imprenditori che abbiano in corso di realizzazione (compresa l annualità del collaudo) interventi che beneficiano dei finanziamenti delle misure del PSR Toscana e Punti Imprenditori agricoli che non hanno beneficiato del regime di aiuti della l.r. 34/2001 e/o dalla misura 114 del PSR Toscana per l acquisizione di servizi di consulenza nella Punti 7 precedente annualità - Aziende in cui siano presenti, in regola con le normative vigenti, segmenti del processo produttivo relativi alla commercializzazione e trasformazione dei prodotti, ovvero almeno una delle seguenti strutture: 1. cantina aziendale, 2. frantoio aziendale, 3. caseificio aziendale, Punti 6 4. macello aziendale, 5. mieleria aziendale o utilizzo di mieleria consortile, 6. essiccatoio aziendale, 7. per la produzione aziendale di composte e marmellate di frutta, 8. spaccio aziendale dei prodotti - Aziende che, alla data di approvazione del presente Bando, siano in regime di controllo CEE, oppure in regime di conversione, per quanto riguarda l agricoltura biologica (Reg. Punti 5 CEE 2091/92 e succ. modificazioni) - Aziende che soddisfino una delle seguenti condizioni: a) che abbiano rispettato, per l anno 2006, le norme igienico-sanitarie previste dal D.P.R. 54/97 o che non devono sottostare, per deroga di legge, a tale regime; b) allevamento di razze locali a rischio di estinzione di cui alla Misura 6 Misure agroambientali Azione 3.3 del PSR, con una consistenza di almeno 3UBA come da registro di stalla al 31/12/2006; c) con animali iscritti ai libri genealogici o ai registri anagrafici della provincia di Massa Carrara al 31/12/2006; Punti 4 d) che ricadono in zone comprese nelle aree parco (comprese le aree contigue) dei Parchi Nazionali e Regionali ricadenti nel territorio provinciale oppure ricadenti nelle A.N.P.I.L. riconosciute al 31/12/2006; e) che ricadono nei comuni di Zeri, Pontremoli, Comano, Casola in Lunigiana f) che presentano domanda di accesso al Servizio specialistico di consulenza di supporto al rispetto dei requisiti in materia di sicurezza sul lavoro di cui all'azione 4.4 C1 del PPSSAR 2007 della Provincia di Massa-Carrara 5

6 In caso di situazione di parità fra diverse domande è data priorità alle domande avanzate dagli imprenditori più giovani. Così come previsto dalle disposizioni di Artea in merito alla DUA, tali dichiarazioni dovranno essere supportate da idonea documentazione che dovrà essere obbligatoriamente contenuta nel fascicolo aziendale ai fini dell attribuzione del punteggio di priorità relativo alla condizione della quale si dichiara il possesso. 8. ISTRUTTORIA La Provincia procede, nel rispetto di quanto determinato dalla L. 241/1990, all istruttoria delle domande pervenute entro 30 giorni dalla data di scadenza del bando, fatte salve modalità diverse che verranno determinate nella convenzione generale tra ARTEA, CAA e Provincia di Massa Carrara. L istruttoria prevede la verifica di ammissibilità delle domande con riferimento a: - alla completa e corretta compilazione delle domande rispetto alle prescrizioni contenute nel presente bando; - verifica dei requisiti di accesso richiesti e valutazione delle eventuali condizioni di priorità; - rispetto dei termini di presentazione della domanda; - conformità dell attività di consulenza/assistenza indicata in domanda con le tipologie previste dal presente bando; - verifica della corrispondenza tra il contributo richiesto ed il costo dei servizi indicati dal presente bando. Successivamente agli esiti dell istruttoria, la Provincia provvede all approvazione della graduatoria unitamente al programma attuativo; detta graduatoria riporterà le domande ammissibili a beneficiare del regime di aiuti e finanziate sino alla concorrenza delle risorse regionali e provinciali disponibili, anche a mezzo della rimodulazione consentita come disposto al punto 7 del PPSSAR 2007, nonché le eventuali domande ammissibili ma non finanziate per insufficienza di fondi e quelle non ammissibili. A seguito dell approvazione delle graduatorie riportanti le domande ammissibili e finanziate, ammissibili ma non finanziate per insufficienza di fondi e non ammissibili, le Province inviano a ciascun richiedente specifica comunicazione per informarlo dell esito della domanda presentata e delle relative motivazioni; per i soggetti ammessi e finanziati la comunicazione richiama anche la tipologia di servizi per i quali è stata avanzata la richiesta, il prestatore prescelto dal beneficiario, il numero minimo di visite in azienda previste, i costi relativi ai servizi (quota pubblica, quota a carico dell azienda, IVA), le modalità di rendicontazione da seguire. I contributi (eventuali anticipazioni e saldi) saranno erogati secondo l ordine delle graduatorie sino all esaurimento dei fondi disponibili. Ai richiedenti ammessi a beneficiare dei contributi di cui al presente bando è corrisposta un anticipazione pari al 50% del contributo concesso, qualora richiesta in domanda e garantita da corrispondente fideiussione presentata entro 30 giorni dall approvazione della graduatoria prevista dal presente bando. L importo dell anticipazione è corrisposto ai richiedenti dall ARTEA (Agenzia Regionale Toscana Erogazione in Agricoltura). La Provincia invierà ad ARTEA l elenco di liquidazione entro 45 giorni dall approvazione della graduatoria prevista dal presente bando che provvederà al pagamento secondo le modalità indicate dal beneficiario. 9. EROGAZIONE DEL SALDO 6

7 L'erogazione del saldo del contributo è subordinato alla consegna alla Provincia di Massa-Carrara entro e non oltre il 31/12/2007 della seguente documentazione, che deve essere inoltrata per posta tramite raccomandata A/R, assicurata o posta celere (per il rispetto dei termini di presentazione fa fede la data di invio dell ufficio postale): 1) relazione tecnica finale, od intermedia nel caso di stati annuali di avanzamento di progetti pluriennali, redatta dal prestatore dei servizi, e da questo sottoscritta congiuntamente al beneficiario, descrittiva dei servizi prestati, dei relativi obiettivi conseguiti e del numero di visite effettuate in azienda, redatta secondo la modulistica appositamente predisposta. Alla relazione tecnica finale, od intermedia nel caso di stati annuali di avanzamento di progetti pluriennali, devono essere allegate altresì la verifica iniziale della situazione aziendale e il relativo progetto tecnico di consulenza come specificato al punto 2 del presente bando; 2) la fattura quietanzata deve essere emessa dal prestatore dei servizi ed intestata all'azienda beneficiaria e riportante la seguente dicitura L.R. 34/2001 PSR Toscana misura 114 reg. (CE) 1698/2005, per l utilizzo dei servizi di consulenza per Azione 4.4-C1 Servizio specialistico di consulenza di supporto al rispetto dei requisiti in materia di sicurezza sul lavoro resi nell anno 2007 per il PPSSAR della Provincia di Massa-Carrara. ; la fattura deve recare: l'imponibile, corrispondente al costo complessivo del servizio richiesto in accordo col presente bando; la quota complessiva a carico pubblico; la quota complessiva a carico dell azienda; l'importo dell'iva a totale carico dell'azienda; l eventuale anticipo percepito sulla quota pubblica; l importo a saldo; 3) il documento che dimostri l avvenuto pagamento, in data compatibile con il periodo di eligibilità, quale quietanza della fattura; i pagamenti possono essere effettuati solo tramite: - bonifico bancario o postale, documentato con la copia della ricevuta del bonifico rilasciata dalla banca o dall ufficio postale che lo esegue, completa di numero proprio di identificazione e data di emissione, causale di pagamento con numero di fattura a cui si riferisce, dati identificativi dell ordinante il pagamento, importo pagato corrispondente a quanto indicato sulla quietanza; nel caso di presenza di più bonifici deve essere identificabile quello relativo al pagamento della fattura oggetto di quietanza; - bollettino di conto corrente postale - vaglia postale, documentati dalla copia della ricevuta del bollettino o del vaglia riportante nella causale i dati identificativi del documento di spesa di cui si dimostra il pagamento (nome del destinatario del pagamento, numero e data della fattura pagata, tipo di pagamento acconto o saldo); - assegno bancario o postale (al portatore, non trasferibile, circolare), accompagnato da una liberatoria a firma del ricevente il pagamento che attesta l avvenuta liquidazione e riporta gli estremi dell assegno, la banca emittente, gli estremi della fattura pagata e la data del pagamento; la liberatoria deve essere redatta nelle forme previste per le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà di cui all articolo 47 del d.p.r. 445/2000 ed in essa deve essere riportato il riferimento alle sanzioni penali previste dall articolo 76 dello stesso d.p.r. 445/2000 in caso di dichiarazioni non veritiere, di formazione, o uso di atti falsi. Nel caso in cui la documentazione di cui ai precedenti punti 1), 2) e 3) pervenisse oltre la data del 31/12/2007, la Provincia di Massa-Carrara procederà alla revoca del contributo e al recupero dell'eventuale importo erogato quale anticipo. La Provincia provvede ad effettuare la verifica, preventivamente all erogazione del saldo, previo esame della documentazione tecnica e contabile presentata, ovvero: - della corrispondenza tra il soggetto prestatore dei servizi indicato all atto della domanda e quello che sottoscrive la relazione tecnica finale; - della corrispondenza tra le attività indicate all atto della domanda di aiuto e quelle contenute nella relazione tecnica finale e del rispetto del numero minimo di visite aziendali previste dal bando; 7

8 - della corrispondenza degli importi fatturati (esclusa IVA) con gli importi ammessi a contributo; - della corretta intestazione e compilazione della fattura come precedentemente definito. Per l erogazione degli aiuti per la consulenza/assistenza previsti dalla l.r. 34/2001 la Provincia si avvale di ARTEA. La Provincia per tutte le domande di saldo ammesse a finanziamento, provvederà ad inoltrare ad ARTEA gli elenchi di liquidazione. Artea provvederà alla liquidazione secondo le modalità indicate dal beneficiario. 10. MODALITA DI CONTROLLO La Provincia si riserva di acquisire dai beneficiari dei contributi concessi tutte le informazioni utili al monitoraggio ed alla valutazione dei servizi di assistenza di cui al presente bando. Per l anno 2007 il controllo della Provincia circa il corretto impiego delle risorse assegnate ai beneficiari per acquisire i servizi di consulenza/assistenza di cui al presente bando è così articolato: Controllo della veridicità dei dati contenuti nelle autocertificazioni Verifica, entro il primo semestre dell anno 2007, su di un campione pari ad almeno il 10 per cento del totale, della veridicità delle dichiarazioni rilasciate all atto della domanda dal richiedente e dal prestatore. In relazione ad eventuali dichiarazioni false nell ambito di autodichiarazioni rilasciate ai sensi del d.p.r. 445/2000 valgono le sanzioni penali e civili previste dalla normativa. Rilevazione della realizzazione dei servizi Rispetto dell effettiva e corretta erogazione dei servizi rilevata, presso un campione di aziende pari almeno al 5 per cento, mediante intervista diretta agli agricoltori beneficiari degli aiuti per l acquisizione dei servizi. Tale intervista, condotta a mezzo di un questionario uniformato a livello regionale, dovrà permettere la verifica di: - Rispondenza delle attività svolte con quelle descritte nella domanda presentata per l accesso agli aiuti; - La corrispondenza del soggetto prestatore dei servizi con quello indicato all atto della domanda; - Il numero delle visite realizzate dal prestatore alla data del controllo. La rilevazione diretta mediante intervista dovrà essere effettuata dal personale incaricato dalla Provincia prima dell erogazione dei saldi degli aiuti. 11. MODALITA DI REVOCA DEI CONTRIBUTI ED INTERVENTI SANZIONATORI Cause di revoca dei finanziamenti In riferimento alle azioni di cui all articolo 2 lettere e) ed f) della l.r. 34/2001, i finanziamenti concessi ai beneficiari per l utilizzo di servizi di consulenza sono revocati nei seguenti casi: - Interruzione prima del termine dei servizi ammessi al finanziamento, tempestivamente comunicata dal beneficiario alla Provincia; - Sostituzione del soggetto prestatore dei servizi, ancorché comunicata dal beneficiario alla Provincia; è fatta comunque salva la discrezionalità della Provincia stessa a valutare se le cause che hanno determinato tale sostituzione rivestono carattere di imprevedibilità e debbono perciò ritenersi giustificate; per i servizi di durata pluriennale (punto 4.3, lettere B1 e B2 del PPSSAR 2007) è consentita la sostituzione nel caso di perdita da parte del soggetto prestatore dei titoli indicati all articolo 5, comma 3 della l.r. 34/2001, o di eventuali ulteriori requisiti previsti dalla normativa comunitaria in materia, abilitanti alla consulenza in campo agricolo e rurale; - Realizzazione di un numero complessivo di visite inferiore al minimo previsto dal bando; - Presentazione di una fatturazione a saldo per un importo diverso, da quanto indicato nella domanda di aiuto, in riferimento ai servizi prestati; - Presentazione di una domanda di saldo corredata da documentazione incompleta o non conforme a quanto indicato al precedente punto 9. Erogazione del saldo; - Presentazione della domanda di saldo oltre il termine del 31 dicembre

9 Cause di revoca dei finanziamenti e sanzioni - In riferimento alle azioni di cui all articolo 2 lettere e) ed f) della l.r. 34/2001, i finanziamenti concessi ai beneficiari sono revocati ed il beneficiario è escluso per tre anni dagli aiuti previsti dalla L.R. 34/2001 nei seguenti casi: - Interruzione prima del termine dei servizi ammessi al finanziamento non comunicata dal beneficiario alla Provincia; - Sostituzione del soggetto prestatore dei servizi prescelto non comunicata dal beneficiario alla Provincia; - Realizzazione di servizi diversi da quelli indicati all atto della domanda; - Rifiuto da parte del beneficiario di fornire la documentazione o le informazioni richieste dalla Provincia o dal personale da questa incaricato. Nei casi di revoca, ove il beneficiario abbia percepito anticipazione, la Provincia provvede al recupero avvalendosi della fidejussione. Cause di riduzione e cessazione dei finanziamenti Ai sensi dell articolo 4, comma 6 della l.r. 34/2001, per i soggetti beneficiari che richiedono di aderire ad un medesimo progetto di assistenza tecnica diretta per tre anni continuativi, a partire dal quarto anno il regime di aiuto viene ridotto del 50 per cento e cessa del tutto a partire dal settimo anno. Allo scopo le Province e l ARTEA provvedono ad identificare con procedura informatizzata tali eventuali fattispecie e ad applicare quando dovuto la riduzione o la cessazione dell erogazione degli aiuti. Responsabile del procedimento Dott. Agr. Pier Luigi Giannetti Il Dirigente Dott. Lorenzo Paolini 9

SERVIZIO DI SUPPORTO ALLE SCELTE GESTIONALI E PRODUTTIVE RIVOLTE AL MIGLIORAMENTO GLOBALE DEL RENDIMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE E FORESTALI BANDO ANNO

SERVIZIO DI SUPPORTO ALLE SCELTE GESTIONALI E PRODUTTIVE RIVOLTE AL MIGLIORAMENTO GLOBALE DEL RENDIMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE E FORESTALI BANDO ANNO SERVIZIO DI SUPPORTO ALLE SCELTE GESTIONALI E PRODUTTIVE RIVOLTE AL MIGLIORAMENTO GLOBALE DEL RENDIMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE E FORESTALI BANDO ANNO 2007 OBIETTIVI DEL BANDO Con il presente bando sono

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO SERVIZIO AGRICOLTURA

PROVINCIA DI PRATO SERVIZIO AGRICOLTURA allegato C alla determinazione n. del B1 SERVIZIO DI SUPPORTO ALLE SCELTE GESTIONALI E PRODUTTIVE RIVOLTE AL MIGLIORAMENTO GLOBALE DEL RENDIMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE E FORESTALI - Con il seguente servizio

Dettagli

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda 5. PROCEDURE 5.1 Presentazione della domanda Le domande di contributo dovranno essere predisposte e presentate esclusivamente utilizzando gli appositi servizi on-line ad accesso riservato, integrati nel

Dettagli

Direzione Formazione Professionale Lavoro

Direzione Formazione Professionale Lavoro Direzione Formazione Professionale Lavoro Provincia di Novara DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO INERENTE IL BANDO PROVINCIALE RELATIVO ALLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI

Dettagli

ART AAgenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura

ART AAgenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura Struttura di supporto giuridico e contabile Manuale Procedimentale per i Centri di servizio convenzionati Piano Zootecnico Regionale Misura 4

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali Allegato 1 L.R. 24/2007 e D.G.R. n. 26-12334 del 12/10/2009 Contributo

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE

DISPOSIZIONI ATTUATIVE ALLEGATO 1 LEGGE 313/2004 DISCIPLINA DELL APICOLTURA Interventi per l ammodernamento delle sale di smielatura e dei locali per la lavorazione di prodotti apistici DISPOSIZIONI ATTUATIVE FINALITA In applicazione

Dettagli

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL Indice ART. 1 (FINALITÀ).......... 2 ART. 2 (INTERVENTI AMMISSIBILI)...... 2 ART. 3 (DESTINATARI)........ 2 ART. 4 (MODALITÀ E TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE)...... 2 ART. 5 (COSTI AMMISSIBILI).........

Dettagli

100 milioni di euro per i nuovi bandi

100 milioni di euro per i nuovi bandi Seminario - Lamezia Terme - venerdì 28 gennaio 2011 100 milioni di euro per i nuovi bandi Misure 1.2.1 e 1.2.3 Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale BANDI 121-123 ISTRUZIONI

Dettagli

1 Premessa... 2. 2 Anagrafe Aziendale... 2. 2.1 Scopi... 2. 2.2 Documenti aziendali... 2. 2.3 Fascicolo Aziendale... 2. 2.4 Interscambio dati...

1 Premessa... 2. 2 Anagrafe Aziendale... 2. 2.1 Scopi... 2. 2.2 Documenti aziendali... 2. 2.3 Fascicolo Aziendale... 2. 2.4 Interscambio dati... Allegato A) al Decreto del Direttore n. 32 del 31/03/2015 Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale nell Anagrafe delle Aziende Agricole di ARTEA e per la gestione della

Dettagli

MODALITA DI RENDICONTAZIONE PROGETTI

MODALITA DI RENDICONTAZIONE PROGETTI AVVISO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DELLE CAMERE DI COMMERCIO, DEI PATLIB (PATENT LIBRARY), DEI PIP (PATENT INFORMATION POINT) E DELLE UNIONI REGIONALI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PER ATTIVITA DI SUPPORTO

Dettagli

Allegato 1 alla D.G.R. n. del

Allegato 1 alla D.G.R. n. del Allegato 1 alla D.G.R. n. del MISURA INVESTIMENTI Programma Nazionale di Sostegno (PNSV) FINALITÀ AMBITO DI APPLICAZIONE E DURATA DELLA MISURA SOGGETTI AMMISSIBILI AL SOSTEGNO COMUNITARIO TIPOLOGIE DI

Dettagli

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Da inviare (su carta intestata dell ente) a: Dichiarazione di Spesa FINALE numero del / / Oggetto: La concessione del contributo/finanziamento è avvenuto

Dettagli

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DELLA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA

Dettagli

IL DIRIGENTE DEL SETTORE

IL DIRIGENTE DEL SETTORE A.G.C. 11 - Sviluppo Attività Settore Primario - Settore Tecnico Amministrativo Provinciale Agricoltura e Centri Provinciali di Informazione e Consulenza in Agricoltura (CE.PI.C.A.) Salerno - Decreto dirigenziale

Dettagli

Settore 3 Servizi al Cittadino

Settore 3 Servizi al Cittadino Settore 3 Servizi al Cittadino Deliberazione della G.R. n.104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie,

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica

Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica 1. PREMESSA Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo

Dettagli

Data di ri-pubblicazione bando: 25/01/2008

Data di ri-pubblicazione bando: 25/01/2008 Data di ri-pubblicazione bando: 25/01/2008 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DI AUTOVEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE E PER LA CONVERSIONE DEI SISTEMI DI ALIMENTAZIONE. 1 Oggetto e

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione Progetto E-Inclusion Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie Disciplinare di rendicontazione (Premessa) A seguito della pubblicazione dell Avviso per la presentazione di progetti e modalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

Allegato A PIANO AGRICOLO REGIONALE DGRT 976 del 14 novembre 2011 Bando per l attuazione della scheda di misura 6.3.11: Agricoltura sociale

Allegato A PIANO AGRICOLO REGIONALE DGRT 976 del 14 novembre 2011 Bando per l attuazione della scheda di misura 6.3.11: Agricoltura sociale Allegato A PIANO AGRICOLO REGIONALE DGRT 976 del 14 novembre 2011 Bando per l attuazione della scheda di misura 6.3.11: Agricoltura sociale Beneficiari: 1) Imprenditori agricoli ai sensi dell art. 2135

Dettagli

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31.

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012 Misure di sostegno dei piccoli comuni L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Delibera della G.R. n. 48/38 del 01.12.2011 Misure attuative BANDO Assegnazione

Dettagli

ART AAgenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura

ART AAgenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura U.D.Revisione contabile e conservazione dei provvedimenti di autorizzazione Manuale Procedimentale per i Centri di servizio convenzionati Piano

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AGC 18 SETTORE 02 SPORT, TEMPO LIBERO E SPETTACOLO

REGIONE CAMPANIA AGC 18 SETTORE 02 SPORT, TEMPO LIBERO E SPETTACOLO REGIONE CAMPANIA AGC 18 SETTORE 02 SPORT, TEMPO LIBERO E SPETTACOLO AVVISO PUBBLICO RELATIVO ALLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINANZIARI PER MANIFESTAZIONI E INTERVENTI CULTURALI DI RILIEVO NAZIONALE, REGIONALE

Dettagli

Misura Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali codice 114 (art. 20, a, iv, art. 24 del reg.

Misura Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali codice 114 (art. 20, a, iv, art. 24 del reg. Misura Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali codice 114 (art. 20, a, iv, art. 24 del reg. CE1698/05) Riconoscimento degli organismi abilitati all erogazione di

Dettagli

DOMANDA DI CONTRIBUTO

DOMANDA DI CONTRIBUTO Alla CAMERA DI COMMERCIO DI VICENZA Ufficio Promozione, Via Montale, 27 36100 VICENZA da spedire via PEC all indirizzo cameradicommercio@vi.legalmail.camcom.it o tramite raccomandata A.R.(non sono ammesse

Dettagli

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO 1. FINALITA La Camera di Commercio di Catanzaro - per il tramite della sua Azienda Speciale

Dettagli

ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE

ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE La presente guida contiene le istruzioni per la compilazione dei moduli per

Dettagli

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA Erogazione di contributi in conto capitale alle P.M.I. del settore turistico e del settore agricolo localizzati nel territorio provinciale

Dettagli

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993.

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Allegato A Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Anno 2014 A. Finalità La Regione Basilicata nell ambito delle

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione SETTORE E FILIERA DELLA NAUTICA (in attuazione della DGR n. 611/2008) Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione INDICE PREMESSA...

Dettagli

Comune di Pozzuolo del Friuli

Comune di Pozzuolo del Friuli Comune di Pozzuolo del Friuli INTERNET sito web: www.comune.pozzuolo.udine.it e-mail: protocollo@com-pozzuolo-del-friuli.regione.fvg.it Via XX Settembre, 31 33050 POZZUOLO DEL FRIULI (UD) C.F.: 80010530303

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

Comune di Pollone. Il Responsabile del Servizio commercio e attività produttive

Comune di Pollone. Il Responsabile del Servizio commercio e attività produttive Comune di Pollone (Provincia di Biella) OGGETTO: supporto al settore rurale nel territorio del Comune di Pollone. Concessione contributi a fondo perduto per la realizzazione di spacci vendita latte e prodotti

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA ALLEGATO A CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA 1. Premessa Il Reg. (CE) n. 1782/2003 ha stabilito, in via obbligatoria, l istituzione da parte degli

Dettagli

La Responsabile dell Area

La Responsabile dell Area BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI STRAORDINARI A SOSTEGNO DELL AFFITTO IN FAVORE DI NUCLEI FAMILIARI CON LAVORATORI COLPITI DALLA CRISI ECONOMICA La Responsabile dell Area In applicazione

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 REGIONE VENETO Direzione Regionale Mobilità Bando pubblico per la concessione di finanziamenti agevolati per il settore

Dettagli

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA ANNO 2011. Art. 1 - Oggetto e finalità

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA ANNO 2011. Art. 1 - Oggetto e finalità BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA ANNO 2011 Art. 1 - Oggetto e finalità La Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 1579 del 17/06/2008 pag. 1/7 L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE Modalità per la concessione e la liquidazione delle agevolazioni

Dettagli

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova Provincia di Mantova Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova ART.1 FINALITA La Provincia di Mantova e la Camera di Commercio di Mantova

Dettagli

COMUNE DI GIAVE Provincia di Sassari

COMUNE DI GIAVE Provincia di Sassari COMUNE DI GIAVE Provincia di Sassari SERVIZIO SOCIO ASSISTENZIALE L.R. 1/2011 ART. 3 BIS MISURE DI SOSTEGNO DEI PICCOLI COMUNI AZIONE 1 BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

1. Controlli di ricevibilità 2. Controlli di ammissibilità a) Controllo tecnico-amministrativo

1. Controlli di ricevibilità 2. Controlli di ammissibilità a) Controllo tecnico-amministrativo Allegato 1 Istruzioni per il controllo delle domande di aiuto presentate ai sensi del bando regionale 2008/2009 - Misura di ristrutturazione e riconversione dei vigneti nell ambito delle disposizioni attuative

Dettagli

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it 5. PROCEDURE Le gestione del bando, che comprende le attività di ricezione e istruttoria delle domande, concessione e revoca delle agevolazioni, controllo degli interventi realizzati, è affidata alla Direzione

Dettagli

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE Allegato alla Determinazione n. 538/18555 del 17.12.2013 Piano straordinario per lo sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia Finanziamenti ai nidi e micronidi privati, già esistenti e

Dettagli

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA REGIONE LAZIO STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO PROGRAMMAZIONE TURISTICA DETERMINAZIONE N. G01236 del 29/10/2013 Proposta n. 16879 del

Dettagli

NORME DI QUALIFICAZIONE 2013

NORME DI QUALIFICAZIONE 2013 SISTEMA DI QUALIFICAZIONE PER FORNITURE DI GAS NATURALE NORME DI QUALIFICAZIONE 2013 Premessa: Brescia Trasporti S.p.A. intende istituire un proprio sistema di qualificazione al fine di selezionare operatori

Dettagli

DIREZIONE PARCHI, TERRITORIO, AMBIENTE, ENERGIA

DIREZIONE PARCHI, TERRITORIO, AMBIENTE, ENERGIA DIREZIONE PARCHI, TERRITORIO, AMBIENTE, ENERGIA UFFICIO ATTIVITÀ TECNICHE ECOLOGICHE Servizio Politica Energetica Qualità dell Aria Inquinamento Acustico ed Elettromagnetico Rischio Ambiente SINA Via Passolanciano,

Dettagli

BANDO ROTTAMAZIONE CALDAIE 2008/09. Premessa

BANDO ROTTAMAZIONE CALDAIE 2008/09. Premessa DIREZIONE PARCHI, TERRITORIO, AMBIENTE, ENERGIA UFFICIO ATTIVITÀ TECNICHE ECOLOGICHE Servizio Politica Energetica Qualità dell Aria Inquinamento Acustico ed Elettromagnetico Rischio Ambiente SINA Via Passolanciano,

Dettagli

DPREG 47/2011 Testo coordinato privo di valore legale

DPREG 47/2011 Testo coordinato privo di valore legale Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di finanziamenti agevolati tesi a favorire l aggregazione delle imprese agricole di produzione primaria e di quelle di trasformazione di prodotti

Dettagli

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione) REGOLAMENTO di ESECUZIONE dell articolo 8, comma 72, della legge regionale 18 gennaio 2006, n. 2, (legge finanziaria 2006), riguardante i criteri e le modalità di presentazione delle domande, di erogazione

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 ASSESSORATO DELL INDUSTRIA SERVIZIO ENERGIA BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 PERSONE FISICHE E SOGGETTI GIURIDICI PRIVATI DIVERSI DALLE IMPRESE Art. 24, L.R. 29 maggio 2007, n. 2 (LEGGE FINANZIARIA

Dettagli

Guida alla compilazione dell Atto d Impegno

Guida alla compilazione dell Atto d Impegno P O R F E S R L A Z I O 2 0 0 7-2013 A V V I S O P U B B L I C O I N S I E M E X V I N C E R E Guida alla compilazione dell Atto d Impegno (Art. 15, co. 1 dell Avviso Pubblico Insieme per Vincere approvato

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità IL FONDO ROTATIVO PER KYOTO PAGAMENTI E RENDICONTAZIONE Antonio Rattà, Roma 17 aprile 2015 Definizione E il processo di consuntivazione

Dettagli

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 MISURA 114 UTILIZZO DEI SERVIZI DI CONSULENZA AZIONE 1 Servizi di consulenza agricola rivolti agli imprenditori agricoli 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA 1.1

Dettagli

Facsimile di istanza di liquidazione di contributi da riprodurre su carta intestata dell organismo richiedente

Facsimile di istanza di liquidazione di contributi da riprodurre su carta intestata dell organismo richiedente Facsimile di istanza di liquidazione di contributi da riprodurre su carta intestata dell organismo richiedente Spett.le Camera di Commercio I.A.A. U.O. Promozione P.zza della Vittoria, 3 42121 Reggio Emilia

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali

Articolo 1 Finalità generali Allegato A Deliberazione della G.R. n. 104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie, private e degli

Dettagli

COMUNE DI APOLLOSA Provincia di Benevento

COMUNE DI APOLLOSA Provincia di Benevento COMUNE DI APOLLOSA Provincia di Benevento Prot. 6262 BANDO DI CONCORSO Legge 9 dicembre 1998, n. 431 art. 11- Fondo Nazionale per il sostegno all accesso alle abitazioni in locazione. Erogazione contributi

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL RESPONSABILE DELL UFFICIO DI PIANO

AVVISO PUBBLICO IL RESPONSABILE DELL UFFICIO DI PIANO AVVISO PUBBLICO IL RESPONSABILE DELL UFFICIO DI PIANO In esecuzione delle seguenti deliberazioni del Coordinamento Istituzionale n. 21 del 26.11.2009, n. 16 del 11.05.2010 e n. 06 del 15.03.2011; VISTO

Dettagli

Allegato parte integrante "CRITERI PER L'EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEL VOLONTARIATO DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE 13 FEBBRAIO 1992, N.

Allegato parte integrante CRITERI PER L'EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEL VOLONTARIATO DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE 13 FEBBRAIO 1992, N. Allegato parte integrante "CRITERI PER L'EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEL VOLONTARIATO DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE 13 FEBBRAIO 1992, N. 8" Le presenti direttive si applicano in attuazione degli

Dettagli

3. SOGGETTI BENEFICIARI

3. SOGGETTI BENEFICIARI - Contributi per la creazione di start-up nel campo delle biotecnologie e delle scienze per la vita in provincia di Varese. Approvato con determinazione n.314 del 16/07/2014 1. PREMESSA Camera di Commercio

Dettagli

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ RELATIVE AI SERVIZI TERRITORIALI ED ALLE POLITICHE SOCIO-SANITARIE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA. ANNO 2007 Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Dettagli

Art. 2 Soggetti beneficiari

Art. 2 Soggetti beneficiari BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE ALLE IMPRESE COLPITE DALL ESONDAZIONE DEL FIUME SERCHIO NELLA PROVINCIA DI PISA Art. 1 Finalità

Dettagli

Art. 1. Beneficiari. Art. 2. Tipologia degli interventi

Art. 1. Beneficiari. Art. 2. Tipologia degli interventi BANDO PER LA SELEZIONE DI SOGGETTI A CUI CONCEDERE DEI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE ATTIVITA COMMERCIALI E ARTIGIANALI DI CAREGGINE Art. 1 Beneficiari Nell ambito delle iniziative promosse dall Amministrazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Legge 1995023 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Norme per i consorzi fidi di garanzia collettiva tra piccole e medie imprese. Norme interpretative e di modifica delle leggi

Dettagli

Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12

Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 36/ 20 DEL 26.7.2005 Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12 Art. 1 Ai fini dell applicazione delle presenti direttive e criteri di

Dettagli

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI 1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus promuove un avviso in collaborazione con il Fondo

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

Legge Regionale n. 12 del 23 maggio 2008 art. 10 - Programma meccanizzazione agricola. D.G.R. n. 40-9269 Del 21/07/2008. Istruzioni operative

Legge Regionale n. 12 del 23 maggio 2008 art. 10 - Programma meccanizzazione agricola. D.G.R. n. 40-9269 Del 21/07/2008. Istruzioni operative Allegato 1 Legge Regionale n. 12 del 23 maggio 2008 art. 10 - Programma meccanizzazione agricola. D.G.R. n. 40-9269 Del 21/07/2008. Istruzioni operative A) PREMESSA L articolo 10 della L.R. n. 12 del 23

Dettagli

1 I documenti dovranno essere prodotti in formato PDF e trasmessi esclusivamente attraverso la casella di posta elettronica certificata del

1 I documenti dovranno essere prodotti in formato PDF e trasmessi esclusivamente attraverso la casella di posta elettronica certificata del ALLEGATO B L.R. 26/09 Bando regionale per la concessione dei contributi di cui all art. 6 ai soggetti del commercio equo e solidale individuati dalla Regione Emilia-Romagna senza fini di lucro - Anno 2013.

Dettagli

BANDO DISPONIBILITA. 2.629,00

BANDO DISPONIBILITA. 2.629,00 COMUNE DI GONNOSNÒ PROVINCIA DI ORISTANO Ufficio Servizio Sociale Professionale Via Oristano, 30-09090 GONNOSNÒ P.I. 00069670958 E-mail: protocollo@pec.comune.gonnosno.or.it 0783/931678 0783/931679 L.R.

Dettagli

Provincia di Arezzo Piano Provinciale dei Servizi di Sviluppo Agricolo e Rurale

Provincia di Arezzo Piano Provinciale dei Servizi di Sviluppo Agricolo e Rurale Provincia di Arezzo Piano Provinciale dei Servizi di Sviluppo Agricolo e Rurale BANDO Per l accesso ai Servizi di Assistenza Tecnico Gestionale, di Consulenza alla qualificazione e commercializzazione

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013.

Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA SOSTITUZIONE DI GENERATORI DI CALORE Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013. 1. FINALITÀ DELL INIZIATIVA La Provincia di

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

Art. 2 SOGGETTI AMMESSI A PRESENTARE DOMANDA E REQUISITI DI AMMISSIBILITA

Art. 2 SOGGETTI AMMESSI A PRESENTARE DOMANDA E REQUISITI DI AMMISSIBILITA pro Bando per il sostegno di progetti a favore dei Centri Sociali per anziani della provincia di Milano (D.G.P. atti n. 283290 13.3\2008\405 /2008 del /12/2008) ART. 1. - OGGETTO La Provincia di Milano

Dettagli

Criteri e modalità per l erogazione di contributi regionali a sostegno delle associazioni di promozione sociale per l anno 2008.

Criteri e modalità per l erogazione di contributi regionali a sostegno delle associazioni di promozione sociale per l anno 2008. Allegato alla Delib.G.R. n. 40/5 del 22.7.2008 Criteri e modalità per l erogazione di contributi regionali a sostegno delle associazioni di promozione sociale per l anno 2008. 1. Premessa L art. 12 della

Dettagli

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per interventi relativi alla progettazione in materia di efficienza energetica con elevati standard di qualità (es. CasaClima, Leed e simili) superiori

Dettagli

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori BOZZA DIRETTIVE REGIONALI PER L ATTUAZIONE DELLA SOTTOMISURA 6.1 Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori PORTATA FINANZIARIA Le risorse disponibili per il presente bando ammontano a 20.000.000,00.

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE IN MATERIA DI EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI. Indice

ISTRUZIONI OPERATIVE IN MATERIA DI EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI. Indice Allegato alla D.D. 21 novembre 2003, n. 292 ISTRUZIONI OPERATIVE IN MATERIA DI EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI 1. PARTE GENERALE 1.1 Generalità dell erogazione dei contributi 1.2 Controlli Indice 2. MODALITA

Dettagli

4) Polizza fidejussoria bancaria e/o assicurativa emessa da istituti all uopo autorizzati per un importo pari al contributo erogabile.

4) Polizza fidejussoria bancaria e/o assicurativa emessa da istituti all uopo autorizzati per un importo pari al contributo erogabile. Allegato n. 1 ELENCO DOCUMENTI OCCORRENTI PER L EROGAZIONE DELL ANTICIPO 1) Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ex art. 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, conforme al facsimile A allegato,

Dettagli

Alla CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PARMA Servizio Affari Economici PEC: protocollo@pr.legalmail.camcom.it

Alla CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PARMA Servizio Affari Economici PEC: protocollo@pr.legalmail.camcom.it Riservato all Ufficio Agevolazioni Economiche PROT. AGEF- Spese ammesse: Euro Contributo richiesto: Euro Spese finanziabili: Euro Contributo concesso: Euro Associaz. di categoria di riferimento: Riservato

Dettagli

Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014

Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014 Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014 Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale nel Sistema Informativo di ARTEA e per la gestione della Dichiarazione

Dettagli

PROVINCIA DI TRIESTE AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture

PROVINCIA DI TRIESTE AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture PROVINCIA DI TRIESTE AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITÀ DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Allegato 3 UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Programma Sviluppo Rurale FEASR 2007 2013 Art. 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) 1698/05 Allegato

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI ALLEGATO 1 - DOMANDA (I dati riportati nella domanda devono corrispondere a quelli inseriti nel form on line per l assegnazione del numero di protocollo) PROT. N.. DEL.. (Inserire numero e data del protocollo

Dettagli

Criteri per la rendicontazione

Criteri per la rendicontazione L.R.34/2004 Programma pluriennale per le Attività Produttive 2011/2015 Misura 1.7 Supporto per la Partecipazione dei giovani ai Processi di innovazione Piano Giovani 2011/2013 Misura 6 Giovani ambasciatori

Dettagli

Destinatari e requisiti

Destinatari e requisiti ALL. 1 COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA BANDO PER L ACCESSO, L ASSEGNAZIONE E L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI DESTINATI PER LA TRASFORMAZIONE A GAS METANO E GPL DEGLI AUTOVEICOLI PRIVATI (contributi

Dettagli

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Allegato 1 al decreto n. ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Modalità e condizioni per la presentazione della domanda di contributo per le assicurazioni nel settore OCM Vitivinicolo Campagna 2010 1 Sommario

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione Web Lombardia, di seguito denominata GWL,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI

DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI SETTORE ENERGIA, TUTELA DELLA QUALITA' DELL'ARIA E DALL'INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO E ACUSTICO Il Dirigente Responsabile:

Dettagli

C I T T À D I C O N E G L I A N O

C I T T À D I C O N E G L I A N O Prot. n. 25391/A.E.P. BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER LA DIFFUSIONE DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE 1. Presentazione Il presente bando disciplina le procedure per la presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia ALLEGATO A CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI AVVISO 526 FINANZIAMENTI ON-LINE (GEFO) 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione

Dettagli