Luca Lussardi - Universit` a Cattolica del Sacro Cuore Dalla citt` a ideale alle cellule: l ubiquit` a della matematica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Luca Lussardi - Universit` a Cattolica del Sacro Cuore Dalla citt` a ideale alle cellule: l ubiquit` a della matematica"

Transcript

1

2 Lo studio della matematica costituisce un educazione formativa della mente. La matematica sviluppa tutte le facoltà dell ingegno, affina in particolare le facoltà logiche, educa e rende più retta l intuizione, insegna a ragionare, a parlare con precisione e a non accontentarsi di sole vuote parole.

3 Dalla città ideale alle cellule: l ubiquità della matematica Luca Lussardi Università Cattolica del Sacro Cuore Brescia ITAS G. Pastori - Brescia 10 marzo 2015

4 L inizio di una storia Sbarcarono là dove grandi mura vedrai e di Cartagine l arce che sorge; e tanto terreno comprarono chiamandolo Birsa, dal nome di ciò che avevan fatto, quanto del luogo potessero cingere con pelle taurina tagliata. Virgilio, Eneide, libro I, versi

5 Ricostruzione dell antica Cartagine (800 a.c. circa)

6 Il problema di Didone

7 Il problema di Didone Tra tutte le figure piane di perimetro assegnato

8 Il problema di Didone Tra tutte le figure piane di perimetro assegnato trovare quella che racchiude area massima

9 La natura massimizza e minimizza

10 La natura massimizza e minimizza

11 La soluzione di Steiner (1838) al problema di Didone

12 La soluzione di Steiner (1838) al problema di Didone La soluzione del problema di Didone è il cerchio

13 given perimeter. La soluzione di Steiner (1838) al problema di Didone La soluzione del problema di Didone è il cerchio F I d l t La soluzione deve essere convessa

14 the same N th of ne fig So suppose that F is convex, an equal area and equal perimeters.

15 the same No N th of ne fig Posso ragionare su metà figura e ribaltare per simmetria So suppose that F is convex, an equal area and equal perimeters.

16 C A B B A C Steiner s idea was and BC, andto change. Thus, H i bounded by AB a the analogous regi the area and shap rigid shapes that triangle with base altitude is maxim

17 B B C C A Ogni angolo al vertice B deve essere retto: A C trian Steiner s ideaaltit was and BC, Aandto not change. B Thus, H i bounded by AB a the analogous regi the area and shap rigid shapes that triangle with base altitude is maxim

18 B B C C A Ogni angolo al vertice B deve essere retto: A A triangolo = 1 2 b c sin α C trian Steiner s ideaaltit was and BC, Aandto not change. B Thus, H i bounded by AB a the analogous regi the area and shap rigid shapes that triangle with base altitude is maxim

19 La soluzione di Steiner è corretta? Occhio alla logica!

20 La soluzione di Steiner è corretta? Occhio alla logica! Sostanzialmente sì,

21 La soluzione di Steiner è corretta? Occhio alla logica! Sostanzialmente sì, ma è incompleta:

22 La soluzione di Steiner è corretta? Occhio alla logica! Sostanzialmente sì, ma è incompleta: abbiamo infatti dimostrato solo che

23 La soluzione di Steiner è corretta? Occhio alla logica! Sostanzialmente sì, ma è incompleta: abbiamo infatti dimostrato solo che se una soluzione esiste

24 La soluzione di Steiner è corretta? Occhio alla logica! Sostanzialmente sì, ma è incompleta: abbiamo infatti dimostrato solo che se una soluzione esiste allora è il cerchio

25 La soluzione di Steiner è corretta? Occhio alla logica! Problemi: Sostanzialmente sì, ma è incompleta: abbiamo infatti dimostrato solo che se una soluzione esiste allora è il cerchio

26 La soluzione di Steiner è corretta? Occhio alla logica! Problemi: Sostanzialmente sì, ma è incompleta: abbiamo infatti dimostrato solo che se una soluzione esiste allora è il cerchio Come dimostrare che una soluzione al problema di Didone deve esistere?

27 La soluzione di Steiner è corretta? Occhio alla logica! Problemi: Sostanzialmente sì, ma è incompleta: abbiamo infatti dimostrato solo che se una soluzione esiste allora è il cerchio Come dimostrare che una soluzione al problema di Didone deve esistere? Potrebbe anche non esistere una soluzione?

28 La soluzione di Steiner è corretta? Occhio alla logica! Problemi: Sostanzialmente sì, ma è incompleta: abbiamo infatti dimostrato solo che se una soluzione esiste allora è il cerchio Come dimostrare che una soluzione al problema di Didone deve esistere? Potrebbe anche non esistere una soluzione? In matematica è fondamentale avere anche dimostrazioni astratte di esistenza

29 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie

30 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali:

31 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali: 1, 2, 3,...,

32 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali: 1, 2, 3,..., 1, 2, 3,...,

33 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali: 1, 2, 3,..., 1, 2, 3,..., 1 2, 2 3, 15 8,...

34 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali: 1, 2, 3,..., 1, 2, 3,..., 1 2, 2 3, 15 8,... Numeri irrazionali:

35 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali: 1, 2, 3,..., 1, 2, 3,..., 1 2, 2 3, 15 8,... Numeri irrazionali: 2, 3, 3 3 2, 5...,

36 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali: 1, 2, 3,..., 1, 2, 3,..., 1 2, 2 3, 15 8,... Numeri irrazionali: 2, 3, 3 2,..., π, e,

37 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali: 1, 2, 3,..., 1, 2, 3,..., 1 2, 2 3, 15 8,... Numeri irrazionali: 2, 3, 3 2,..., π, e,... Esistono due numeri irrazionali a, b tali per cui a b è razionale? 3 5

38 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali: 1, 2, 3,..., 1, 2, 3,..., 1 2, 2 3, 15 8,... Numeri irrazionali: 2, 3, 3 2,..., π, e,... Esistono due numeri irrazionali a, b tali per cui a b è razionale? Consideriamo il numero irrazionale

39 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali: 1, 2, 3,..., 1, 2, 3,..., 1 2, 2 3, 15 8,... Numeri irrazionali: 2, 3, 3 2,..., π, e,... Esistono due numeri irrazionali a, b tali per cui a b è razionale? Consideriamo il numero irrazionale 2. Si possono presentare due casi: 3 5

40 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali: 1, 2, 3,..., 1, 2, 3,..., 1 2, 2 3, 15 8,... Numeri irrazionali: 2, 3, 3 2,..., π, e,... Esistono due numeri irrazionali a, b tali per cui a b è razionale? Consideriamo il numero irrazionale 2. Si possono presentare due casi: 2 2 è razionale. 3 5

41 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali: 1, 2, 3,..., 1, 2, 3,..., 1 2, 2 3, 15 8,... Numeri irrazionali: 2, 3, 3 2,..., π, e,... Esistono due numeri irrazionali a, b tali per cui a b è razionale? Consideriamo il numero irrazionale 2. Si possono presentare due casi: 2 2 è razionale. Ho risolto il problema: 3 5

42 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali: 1, 2, 3,..., 1, 2, 3,..., 1 2, 2 3, 15 8,... Numeri irrazionali: 2, 3, 3 2,..., π, e,... Esistono due numeri irrazionali a, b tali per cui a b è razionale? Consideriamo il numero irrazionale 2. Si possono presentare due casi: 2 2 è razionale. Ho risolto il problema: a = b =

43 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali: 1, 2, 3,..., 1, 2, 3,..., 1 2, 2 3, 15 8,... Numeri irrazionali: 2, 3, 3 2,..., π, e,... Esistono due numeri irrazionali a, b tali per cui a b è razionale? Consideriamo il numero irrazionale 2. Si possono presentare due casi: 2 2 è razionale. Ho risolto il problema: a = b = è irrazionale. 3 5

44 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali: 1, 2, 3,..., 1, 2, 3,..., 1 2, 2 3, 15 8,... Numeri irrazionali: 2, 3, 3 2,..., π, e,... Esistono due numeri irrazionali a, b tali per cui a b è razionale? Consideriamo il numero irrazionale 2. Si possono presentare due casi: 2 2 è razionale. Ho risolto il problema: a = b = è irrazionale. Ho risolto il problema: 3 5

45 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali: 1, 2, 3,..., 1, 2, 3,..., 1 2, 2 3, 15 8,... Numeri irrazionali: 2, 3, 3 2,..., π, e,... Esistono due numeri irrazionali a, b tali per cui a b è razionale? Consideriamo il numero irrazionale 2. Si possono presentare due casi: 2 2 è razionale. Ho risolto il problema: a = b = è irrazionale. Ho risolto il problema: pongo a = 2 2 e b = 2, allora 3 5

46 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali: 1, 2, 3,..., 1, 2, 3,..., 1 2, 2 3, 15 8,... Numeri irrazionali: 2, 3, 3 2,..., π, e,... Esistono due numeri irrazionali a, b tali per cui a b è razionale? Consideriamo il numero irrazionale 2. Si possono presentare due casi: 2 2 è razionale. Ho risolto il problema: a = b = è irrazionale. Ho risolto il problema: pongo a = 2 2 e b = 2, allora a b = 3 5

47 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali: 1, 2, 3,..., 1, 2, 3,..., 1 2, 2 3, 15 8,... Numeri irrazionali: 2, 3, 3 2,..., π, e,... Esistono due numeri irrazionali a, b tali per cui a b è razionale? Consideriamo il numero irrazionale 2. Si possono presentare due casi: 2 2 è razionale. Ho risolto il problema: a = b = è irrazionale. Ho risolto il problema: pongo a = 2 2 e b = 2, allora a b = ( 2 2) 2 = 3 5

48 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali: 1, 2, 3,..., 1, 2, 3,..., 1 2, 2 3, 15 8,... Numeri irrazionali: 2, 3, 3 2,..., π, e,... Esistono due numeri irrazionali a, b tali per cui a b è razionale? Consideriamo il numero irrazionale 2. Si possono presentare due casi: 2 2 è razionale. Ho risolto il problema: a = b = è irrazionale. Ho risolto il problema: pongo a = 2 2 e b = 2, allora 3 5 a b = ( 2 2) 2 = =

49 Das ist nicht Mathematik. Das ist Theologie Numeri razionali: 1, 2, 3,..., 1, 2, 3,..., 1 2, 2 3, 15 8,... Numeri irrazionali: 2, 3, 3 2,..., π, e,... Esistono due numeri irrazionali a, b tali per cui a b è razionale? Consideriamo il numero irrazionale 2. Si possono presentare due casi: 2 2 è razionale. Ho risolto il problema: a = b = è irrazionale. Ho risolto il problema: pongo a = 2 2 e b = 2, allora che è razionale! a b = ( 2 2) 2 = = 2 2 = 2 3 5

50 Un problema simile che non ha soluzione

51 Un problema simile che non ha soluzione Variante del problema di Didone:

52 Un problema simile che non ha soluzione Variante del problema di Didone: Tra tutte le figure piane di perimetro assegnato

53 Un problema simile che non ha soluzione Variante del problema di Didone: Tra tutte le figure piane di perimetro assegnato trovare quella di area minima

54 Un problema simile che non ha soluzione Variante del problema di Didone: Tra tutte le figure piane di perimetro assegnato trovare quella di area minima Se pretendiamo di avere come soluzione una figura piana che ha una certa estensione (area positiva)

55 Un problema simile che non ha soluzione Variante del problema di Didone: Tra tutte le figure piane di perimetro assegnato trovare quella di area minima Se pretendiamo di avere come soluzione una figura piana che ha una certa estensione (area positiva) allora questo nuovo problema non ha una soluzione.

56 Un problema simile che non ha soluzione Variante del problema di Didone: Tra tutte le figure piane di perimetro assegnato trovare quella di area minima Se pretendiamo di avere come soluzione una figura piana che ha una certa estensione (area positiva) allora questo nuovo problema non ha una soluzione. Fissiamo ad esempio 2p = 8 cm.

57 Un problema simile che non ha soluzione Variante del problema di Didone: Tra tutte le figure piane di perimetro assegnato trovare quella di area minima Se pretendiamo di avere come soluzione una figura piana che ha una certa estensione (area positiva) allora questo nuovo problema non ha una soluzione. Fissiamo ad esempio 2p = 8 cm.

58 Un problema simile che non ha soluzione Variante del problema di Didone: Tra tutte le figure piane di perimetro assegnato trovare quella di area minima Se pretendiamo di avere come soluzione una figura piana che ha una certa estensione (area positiva) allora questo nuovo problema non ha una soluzione. Fissiamo ad esempio 2p = 8 cm.

59 Un problema simile che non ha soluzione Variante del problema di Didone: Tra tutte le figure piane di perimetro assegnato trovare quella di area minima Se pretendiamo di avere come soluzione una figura piana che ha una certa estensione (area positiva) allora questo nuovo problema non ha una soluzione. Fissiamo ad esempio 2p = 8 cm

60 Un problema simile che non ha soluzione Variante del problema di Didone: Tra tutte le figure piane di perimetro assegnato trovare quella di area minima Se pretendiamo di avere come soluzione una figura piana che ha una certa estensione (area positiva) allora questo nuovo problema non ha una soluzione. Fissiamo ad esempio 2p = 8 cm L area può diventare arbitrariamente piccola

61 Un altro problema che non ha soluzione

62 Un altro problema che non ha soluzione Un altra variante del problema di Didone:

63 Un altro problema che non ha soluzione Un altra variante del problema di Didone: Tra tutte le figure piane di area assegnata

64 Un altro problema che non ha soluzione Un altra variante del problema di Didone: Tra tutte le figure piane di area assegnata trovare quella di perimetro massimo

65 Un altro problema che non ha soluzione Un altra variante del problema di Didone: Tra tutte le figure piane di area assegnata trovare quella di perimetro massimo Anche questo problema non ha una soluzione.

66 Un altro problema che non ha soluzione Un altra variante del problema di Didone: Tra tutte le figure piane di area assegnata trovare quella di perimetro massimo Anche questo problema non ha una soluzione. Fissiamo ad esempio A = 3 cm 2.

67 Un altro problema che non ha soluzione Un altra variante del problema di Didone: Tra tutte le figure piane di area assegnata trovare quella di perimetro massimo Anche questo problema non ha una soluzione. Fissiamo ad esempio A = 3 cm 2.

68 Un altro problema che non ha soluzione Un altra variante del problema di Didone: Tra tutte le figure piane di area assegnata trovare quella di perimetro massimo Anche questo problema non ha una soluzione. Fissiamo ad esempio A = 3 cm 2.

69 Un altro problema che non ha soluzione Un altra variante del problema di Didone: Tra tutte le figure piane di area assegnata trovare quella di perimetro massimo Anche questo problema non ha una soluzione. Fissiamo ad esempio A = 3 cm

70 Un altro problema che non ha soluzione Un altra variante del problema di Didone: Tra tutte le figure piane di area assegnata trovare quella di perimetro massimo Anche questo problema non ha una soluzione. Fissiamo ad esempio A = 3 cm Il perimetro può diventare arbitrariamente grande,

71 Un altro problema che non ha soluzione Un altra variante del problema di Didone: Tra tutte le figure piane di area assegnata trovare quella di perimetro massimo Anche questo problema non ha una soluzione. Fissiamo ad esempio A = 3 cm Il perimetro può diventare arbitrariamente grande, quindi non c è un perimetro massimo

72 L ultima variante: la geometria delle api

73 L ultima variante: la geometria delle api Tra tutte le figure piane che racchiudono un area assegnata

74 L ultima variante: la geometria delle api Tra tutte le figure piane che racchiudono un area assegnata trovare quella di perimetro minimo

75 L ultima variante: la geometria delle api Tra tutte le figure piane che racchiudono un area assegnata trovare quella di perimetro minimo

76 Le api preferiscono non lasciare spazi vuoti tra le celle

77 Le api preferiscono non lasciare spazi vuoti tra le celle Per far le celle tutte uguali e regolari le api cercano di coprire completamente il piano con poligoni regolari:

78 Le api preferiscono non lasciare spazi vuoti tra le celle Per far le celle tutte uguali e regolari le api cercano di coprire completamente il piano con poligoni regolari: tassellazione regolare del piano.

79 Le api preferiscono non lasciare spazi vuoti tra le celle Per far le celle tutte uguali e regolari le api cercano di coprire completamente il piano con poligoni regolari: tassellazione regolare del piano.

80 Le api preferiscono non lasciare spazi vuoti tra le celle Per far le celle tutte uguali e regolari le api cercano di coprire completamente il piano con poligoni regolari: tassellazione regolare del piano.

81 Le api preferiscono non lasciare spazi vuoti tra le celle Per far le celle tutte uguali e regolari le api cercano di coprire completamente il piano con poligoni regolari: tassellazione regolare del piano.

82 Le api preferiscono non lasciare spazi vuoti tra le celle Per far le celle tutte uguali e regolari le api cercano di coprire completamente il piano con poligoni regolari: tassellazione regolare del piano. Ci sono altre tassellazioni regolari del piano?

83 Le api preferiscono non lasciare spazi vuoti tra le celle Per far le celle tutte uguali e regolari le api cercano di coprire completamente il piano con poligoni regolari: tassellazione regolare del piano. Ci sono altre tassellazioni regolari del piano? no!

84 Tasselliamo con poligoni regolari di p lati ciascuno:

85 Tasselliamo con poligoni regolari di p lati ciascuno:

86 Tasselliamo con poligoni regolari di p lati ciascuno: In ogni vertice si incontrano q poligoni:

87 Tasselliamo con poligoni regolari di p lati ciascuno: In ogni vertice si incontrano q poligoni: ) q ( = 360 p

88 Tasselliamo con poligoni regolari di p lati ciascuno: In ogni vertice si incontrano q poligoni: ) q ( = ovvero p p + 1 q = 1 2

89 Tasselliamo con poligoni regolari di p lati ciascuno: In ogni vertice si incontrano q poligoni: ) q ( = ovvero p p + 1 q = 1 2 Tre sole possibilità:

90 Tasselliamo con poligoni regolari di p lati ciascuno: In ogni vertice si incontrano q poligoni: ) q ( = ovvero p p + 1 q = 1 2 Tre sole possibilità: p = 3 e q = 6,

91 Tasselliamo con poligoni regolari di p lati ciascuno: In ogni vertice si incontrano q poligoni: ) q ( = ovvero p p + 1 q = 1 2 Tre sole possibilità: p = 3 e q = 6, p = q = 4,

92 Tasselliamo con poligoni regolari di p lati ciascuno: In ogni vertice si incontrano q poligoni: ) q ( = ovvero p p + 1 q = 1 2 Tre sole possibilità: p = 3 e q = 6, p = q = 4, p = 6 e q = 3.

93 Tasselliamo con poligoni regolari di p lati ciascuno: In ogni vertice si incontrano q poligoni: ) q ( = ovvero p p + 1 q = 1 2 Tre sole possibilità: p = 3 e q = 6, p = q = 4, p = 6 e q = 3. Conclusione: le api scelgono le celle esagonali.

94 Scegliendo celle circolari?

95 Scegliendo celle circolari?

96 Scegliendo celle circolari? Lo spreco è circa il 9%

97 Scegliendo celle circolari? Lo spreco è circa il 9% I 6 esagoni esterni formano gratis il perimetro dell esagono interno:

98 Scegliendo celle circolari? Lo spreco è circa il 9% I 6 esagoni esterni formano gratis il perimetro dell esagono interno: 7 circonferenze sono 7 circonferenze,

99 Scegliendo celle circolari? Lo spreco è circa il 9% I 6 esagoni esterni formano gratis il perimetro dell esagono interno: 7 circonferenze sono 7 circonferenze, ma 7 perimetri esagonali sono in realtà ottenuti con 5 perimetri esagonali

100 Il miracolo della matematica

101 Il miracolo della matematica Abracadabra...

102 Il miracolo della matematica Abracadabra... La disuguaglianza isoperimetrica area perimetro2 4π

103 E ora tante cose si spiegano...

104 E ora tante cose si spiegano... Per il cerchio di raggio r si ha

105 E ora tante cose si spiegano... Per il cerchio di raggio r si ha πr 2 = A

106 E ora tante cose si spiegano... Per il cerchio di raggio r si ha πr 2 = A dis. isoper. (2πr) 2 4π

107 E ora tante cose si spiegano... Per il cerchio di raggio r si ha πr 2 = A dis. isoper. (2πr) 2 4π = 4π2 r 2 4π

108 E ora tante cose si spiegano... Per il cerchio di raggio r si ha πr 2 = A dis. isoper. (2πr) 2 4π = 4π2 r 2 4π = πr 2

109 E ora tante cose si spiegano... Per il cerchio di raggio r si ha πr 2 = A dis. isoper. (2πr) 2 4π = 4π2 r 2 4π = πr 2 A (2p)2 4π diventa A = (2p)2 4π

110 E ora tante cose si spiegano... Per il cerchio di raggio r si ha πr 2 = A dis. isoper. (2πr) 2 4π = 4π2 r 2 4π = πr 2 A (2p)2 4π diventa A = (2p)2 4π Tra tutte le figure piane di perimetro assegnato, il cerchio include area massima

111 E ora tante cose si spiegano... Per il cerchio di raggio r si ha πr 2 = A dis. isoper. (2πr) 2 4π = 4π2 r 2 4π = πr 2 A (2p)2 4π diventa A = (2p)2 4π Tra tutte le figure piane di perimetro assegnato, il cerchio include area massima Tra tutte le figure piane di area assegnata, il cerchio ha perimetro minimo: 2p 2 πa

112 E ora tante cose si spiegano... Per il cerchio di raggio r si ha πr 2 = A dis. isoper. (2πr) 2 4π = 4π2 r 2 4π = πr 2 A (2p)2 4π diventa A = (2p)2 4π Tra tutte le figure piane di perimetro assegnato, il cerchio include area massima Tra tutte le figure piane di area assegnata, il cerchio ha perimetro minimo: 2p 2 πa Se fisso l area non ho una limitazione da sopra per il perimetro

113 E ora tante cose si spiegano... Per il cerchio di raggio r si ha πr 2 = A dis. isoper. (2πr) 2 4π = 4π2 r 2 4π = πr 2 A (2p)2 4π diventa A = (2p)2 4π Tra tutte le figure piane di perimetro assegnato, il cerchio include area massima Tra tutte le figure piane di area assegnata, il cerchio ha perimetro minimo: 2p 2 πa Se fisso l area non ho una limitazione da sopra per il perimetro Se fisso il perimetro non ho una limitazione da sotto per l area

114 Un applicazione curiosa della disuguaglianza isoperimetrica

115 Un applicazione curiosa della disuguaglianza isoperimetrica

116 Un applicazione curiosa della disuguaglianza isoperimetrica

117 Un applicazione curiosa della disuguaglianza isoperimetrica I distributori automatici funzionano necessariamente con monete circolari?

118 Il triangolo di Reuleaux

119 Il triangolo di Reuleaux È una figura a spessore costante, ma non è un cerchio

120 Il triangolo di Reuleaux È una figura a spessore costante, ma non è un cerchio

121 50 pence e 20 pence inglesi: sono eptagoni a spessore costante

122 Il cerchio di raggio r è una figura convessa e ha spessore costante d = 2r,

123 Il cerchio di raggio r è una figura convessa e ha spessore costante d = 2r, dunque 2p = 2πr = πd.

124 Il cerchio di raggio r è una figura convessa e ha spessore costante d = 2r, dunque 2p = 2πr = πd. Nel 1860 il matematico francese Barbier dimostra che ogni figura convessa di spessore costante d ha perimetro 2p = πd.

125 Il cerchio di raggio r è una figura convessa e ha spessore costante d = 2r, dunque 2p = 2πr = πd. Nel 1860 il matematico francese Barbier dimostra che ogni figura convessa di spessore costante d ha perimetro 2p = πd. Fissare lo spessore implica fissare il perimetro

126 Il cerchio di raggio r è una figura convessa e ha spessore costante d = 2r, dunque 2p = 2πr = πd. Nel 1860 il matematico francese Barbier dimostra che ogni figura convessa di spessore costante d ha perimetro 2p = πd. Fissare lo spessore implica fissare il perimetro quindi tra tutte le figure convesse di spessore costante d il cerchio massimizza l area ovvero

127 Il cerchio di raggio r è una figura convessa e ha spessore costante d = 2r, dunque 2p = 2πr = πd. Nel 1860 il matematico francese Barbier dimostra che ogni figura convessa di spessore costante d ha perimetro 2p = πd. Fissare lo spessore implica fissare il perimetro quindi tra tutte le figure convesse di spessore costante d il cerchio massimizza l area ovvero produrre monete circolari vuol dire spendere il massimo possibile in materiale di produzione.

128 Il cerchio di raggio r è una figura convessa e ha spessore costante d = 2r, dunque 2p = 2πr = πd. Nel 1860 il matematico francese Barbier dimostra che ogni figura convessa di spessore costante d ha perimetro 2p = πd. Fissare lo spessore implica fissare il perimetro quindi tra tutte le figure convesse di spessore costante d il cerchio massimizza l area ovvero produrre monete circolari vuol dire spendere il massimo possibile in materiale di produzione. Ma anche gli inglesi non sono i più furbi...

129 Il cerchio di raggio r è una figura convessa e ha spessore costante d = 2r, dunque 2p = 2πr = πd. Nel 1860 il matematico francese Barbier dimostra che ogni figura convessa di spessore costante d ha perimetro 2p = πd. Fissare lo spessore implica fissare il perimetro quindi tra tutte le figure convesse di spessore costante d il cerchio massimizza l area ovvero produrre monete circolari vuol dire spendere il massimo possibile in materiale di produzione. Ma anche gli inglesi non sono i più furbi poiché nel 1915 i matematici Blaschke e Lebesgue dimostrano che tra tutte le figure convesse di assegnato spessore costante, il triangolo di Reuleaux ha area minima.

130 Un altra applicazione del triangolo di Reuleaux

131 Un altra applicazione del triangolo di Reuleaux

132 Da 2D a 3D: le bolle di sapone Gli stessi problemi possono essere posti in 3D,

133 Da 2D a 3D: le bolle di sapone Gli stessi problemi possono essere posti in 3D, e vale ancora la disuguaglianza isoperimetrica, da cui: Tra tutti i solidi che hanno bordo di area fissata la sfera è quella che massimizza il volume

134 Da 2D a 3D: le bolle di sapone Gli stessi problemi possono essere posti in 3D, e vale ancora la disuguaglianza isoperimetrica, da cui: Tra tutti i solidi che hanno bordo di area fissata la sfera è quella che massimizza il volume Tra tutti i solidi che hanno volume fissato la sfera è quella che minimizza l area del bordo

135 Da 2D a 3D: le bolle di sapone Gli stessi problemi possono essere posti in 3D, e vale ancora la disuguaglianza isoperimetrica, da cui: Tra tutti i solidi che hanno bordo di area fissata la sfera è quella che massimizza il volume Tra tutti i solidi che hanno volume fissato la sfera è quella che minimizza l area del bordo

136 Una variante delle bolle di sapone: le superfici minime Un problema simile alle bolle di sapone:

137 Una variante delle bolle di sapone: le superfici minime Un problema simile alle bolle di sapone: data una curva chiusa nello spazio,

138 Una variante delle bolle di sapone: le superfici minime Un problema simile alle bolle di sapone: data una curva chiusa nello spazio, trovare una superficie che ha la curva assegnata come bordo

139 Una variante delle bolle di sapone: le superfici minime Un problema simile alle bolle di sapone: data una curva chiusa nello spazio, trovare una superficie che ha la curva assegnata come bordo e che ha area minima.

140 Una variante delle bolle di sapone: le superfici minime Un problema simile alle bolle di sapone: data una curva chiusa nello spazio, trovare una superficie che ha la curva assegnata come bordo e che ha area minima.

141 Come mai questi problemi sono così difficili?

142 Come mai questi problemi sono così difficili? Semplifichiamo un po il problema di Didone:

143 Come mai questi problemi sono così difficili? Semplifichiamo un po il problema di Didone: Tra tutti i rettangoli di perimetro assegnato trovare quello che ha area massima

144 Come mai questi problemi sono così difficili? Semplifichiamo un po il problema di Didone: Tra tutti i rettangoli di perimetro assegnato trovare quello che ha area massima Questo nuovo problema è decisamente più semplice:

145 Come mai questi problemi sono così difficili? Semplifichiamo un po il problema di Didone: Tra tutti i rettangoli di perimetro assegnato trovare quello che ha area massima Questo nuovo problema è decisamente più semplice: infatti, se denotiamo con x, y le lunghezze dei lati del generico rettangolo di semiperimetro fissato p,

146 Come mai questi problemi sono così difficili? Semplifichiamo un po il problema di Didone: Tra tutti i rettangoli di perimetro assegnato trovare quello che ha area massima Questo nuovo problema è decisamente più semplice: infatti, se denotiamo con x, y le lunghezze dei lati del generico rettangolo di semiperimetro fissato p, abbiamo x + y = p, p > 0 fissato,

147 Come mai questi problemi sono così difficili? Semplifichiamo un po il problema di Didone: Tra tutti i rettangoli di perimetro assegnato trovare quello che ha area massima Questo nuovo problema è decisamente più semplice: infatti, se denotiamo con x, y le lunghezze dei lati del generico rettangolo di semiperimetro fissato p, abbiamo x + y = p, p > 0 fissato, che fornisce y = p x.

148 Come mai questi problemi sono così difficili? Semplifichiamo un po il problema di Didone: Tra tutti i rettangoli di perimetro assegnato trovare quello che ha area massima Questo nuovo problema è decisamente più semplice: infatti, se denotiamo con x, y le lunghezze dei lati del generico rettangolo di semiperimetro fissato p, abbiamo x + y = p, p > 0 fissato, che fornisce y = p x. Dobbiamo massimizzare la quantità xy

149 Come mai questi problemi sono così difficili? Semplifichiamo un po il problema di Didone: Tra tutti i rettangoli di perimetro assegnato trovare quello che ha area massima Questo nuovo problema è decisamente più semplice: infatti, se denotiamo con x, y le lunghezze dei lati del generico rettangolo di semiperimetro fissato p, abbiamo x + y = p, p > 0 fissato, che fornisce y = p x. Dobbiamo massimizzare la quantità xy = x(p x)

150 Come mai questi problemi sono così difficili? Semplifichiamo un po il problema di Didone: Tra tutti i rettangoli di perimetro assegnato trovare quello che ha area massima Questo nuovo problema è decisamente più semplice: infatti, se denotiamo con x, y le lunghezze dei lati del generico rettangolo di semiperimetro fissato p, abbiamo x + y = p, p > 0 fissato, che fornisce y = p x. Dobbiamo massimizzare la quantità xy = x(p x) = px x 2, al variare di x [0, p].

151 Analizziamo il grafico della funzione A(x) := px x 2, al variare di x [0, p] :

152 Analizziamo il grafico della funzione A(x) := px x 2, al variare di x [0, p] :

153 Analizziamo il grafico della funzione A(x) := px x 2, al variare di x [0, p] : Notiamo che A assume massimo per x = p/2,

154 Analizziamo il grafico della funzione A(x) := px x 2, al variare di x [0, p] : Notiamo che A assume massimo per x = p/2, che vuol dire y = p/2:

155 Analizziamo il grafico della funzione A(x) := px x 2, al variare di x [0, p] : Notiamo che A assume massimo per x = p/2, che vuol dire y = p/2: la soluzione è il quadrato di perimetro 2p.

156 Come mai quest ultimo problema è elementare?

157 Come mai quest ultimo problema è elementare? Ce lo potevamo aspettare:

158 Come mai quest ultimo problema è elementare? Ce lo potevamo aspettare: abbiamo infatti ridotto la classe delle figure ammissibili.

159 Come mai quest ultimo problema è elementare? Ce lo potevamo aspettare: abbiamo infatti ridotto la classe delle figure ammissibili. Il problema appena descritto ha però una particolarità dal punto di vista matematico:

160 Come mai quest ultimo problema è elementare? Ce lo potevamo aspettare: abbiamo infatti ridotto la classe delle figure ammissibili. Il problema appena descritto ha però una particolarità dal punto di vista matematico: richiede la massimizzazione di una funzione di una variabile reale, nella fattispecie A(x) = px x 2.

161 Il caso dei triangoli

162 Il caso dei triangoli Una variante del problema del rettangolo di area massima potrebbe essere il seguente:

163 Il caso dei triangoli Una variante del problema del rettangolo di area massima potrebbe essere il seguente: Tra tutti i triangoli di perimetro assegnato trovare quello che ha area massima

164 Il caso dei triangoli Una variante del problema del rettangolo di area massima potrebbe essere il seguente: Tra tutti i triangoli di perimetro assegnato trovare quello che ha area massima Se denotiamo con p il semiperimetro del triangolo,

165 Il caso dei triangoli Una variante del problema del rettangolo di area massima potrebbe essere il seguente: Tra tutti i triangoli di perimetro assegnato trovare quello che ha area massima Se denotiamo con p il semiperimetro del triangolo, per la formula di Erone l area vale A(x, y, z) = p(p x)(p y)(p z), x, y, z lati del triangolo.

166 Il caso dei triangoli Una variante del problema del rettangolo di area massima potrebbe essere il seguente: Tra tutti i triangoli di perimetro assegnato trovare quello che ha area massima Se denotiamo con p il semiperimetro del triangolo, per la formula di Erone l area vale A(x, y, z) = p(p x)(p y)(p z), x, y, z lati del triangolo. Bisogna quindi massimizzare la funzione A(x, y, z) sapendo che:

167 Il caso dei triangoli Una variante del problema del rettangolo di area massima potrebbe essere il seguente: Tra tutti i triangoli di perimetro assegnato trovare quello che ha area massima Se denotiamo con p il semiperimetro del triangolo, per la formula di Erone l area vale A(x, y, z) = p(p x)(p y)(p z), x, y, z lati del triangolo. Bisogna quindi massimizzare la funzione A(x, y, z) sapendo che: x, y, z sono le misure dei lati di un triangolo;

168 Il caso dei triangoli Una variante del problema del rettangolo di area massima potrebbe essere il seguente: Tra tutti i triangoli di perimetro assegnato trovare quello che ha area massima Se denotiamo con p il semiperimetro del triangolo, per la formula di Erone l area vale A(x, y, z) = p(p x)(p y)(p z), x, y, z lati del triangolo. Bisogna quindi massimizzare la funzione A(x, y, z) sapendo che: x, y, z sono le misure dei lati di un triangolo; 2p = x + y + z.

169 Il problema della massimizzazione di A(x, y, z), sotto le condizioni date, si risolve facilmente, per esempio, col calcolo differenziale.

170 Il problema della massimizzazione di A(x, y, z), sotto le condizioni date, si risolve facilmente, per esempio, col calcolo differenziale. Anche il problema dei triangoli ha però una particolarità dal punto di vista matematico, che lo rende trattabile con strumenti ancora elementari, come il calcolo differenziale:

171 Il problema della massimizzazione di A(x, y, z), sotto le condizioni date, si risolve facilmente, per esempio, col calcolo differenziale. Anche il problema dei triangoli ha però una particolarità dal punto di vista matematico, che lo rende trattabile con strumenti ancora elementari, come il calcolo differenziale: richiede la massimizzazione di una funzione di tre variabili reali: A(x, y, z) = p(p x)(p y)(p z).

172 Il problema della massimizzazione di A(x, y, z), sotto le condizioni date, si risolve facilmente, per esempio, col calcolo differenziale. Anche il problema dei triangoli ha però una particolarità dal punto di vista matematico, che lo rende trattabile con strumenti ancora elementari, come il calcolo differenziale: richiede la massimizzazione di una funzione di tre variabili reali: A(x, y, z) = p(p x)(p y)(p z). La filosofia generale è che possiamo risolvere problemi di massimo/minimo con strumenti elementari, come il calcolo differenziale, se

173 Il problema della massimizzazione di A(x, y, z), sotto le condizioni date, si risolve facilmente, per esempio, col calcolo differenziale. Anche il problema dei triangoli ha però una particolarità dal punto di vista matematico, che lo rende trattabile con strumenti ancora elementari, come il calcolo differenziale: richiede la massimizzazione di una funzione di tre variabili reali: A(x, y, z) = p(p x)(p y)(p z). La filosofia generale è che possiamo risolvere problemi di massimo/minimo con strumenti elementari, come il calcolo differenziale, se si richiede la massimizzazione/minimizzazione di una funzione di un numero finito variabili reali.

174 La dimensione infinita: il Calcolo delle Variazioni

175 La dimensione infinita: il Calcolo delle Variazioni Rifacciamo ora delle osservazioni su alcuni dei problemi precedenti:

176 La dimensione infinita: il Calcolo delle Variazioni Rifacciamo ora delle osservazioni su alcuni dei problemi precedenti: Il problema delle determinazione del rettangolo di area massima tra tutti i rettangoli di perimetro assegnato richiede la massimizzazione di una funzione di una variabile reale:

177 La dimensione infinita: il Calcolo delle Variazioni Rifacciamo ora delle osservazioni su alcuni dei problemi precedenti: Il problema delle determinazione del rettangolo di area massima tra tutti i rettangoli di perimetro assegnato richiede la massimizzazione di una funzione di una variabile reale: diciamo che il problema ha dimensione 1;

178 La dimensione infinita: il Calcolo delle Variazioni Rifacciamo ora delle osservazioni su alcuni dei problemi precedenti: Il problema delle determinazione del rettangolo di area massima tra tutti i rettangoli di perimetro assegnato richiede la massimizzazione di una funzione di una variabile reale: diciamo che il problema ha dimensione 1; Il problema delle determinazione del triangolo di area massima tra tutti i triangoli di perimetro assegnato richiede la massimizzazione di una funzione di tre variabili reali:

179 La dimensione infinita: il Calcolo delle Variazioni Rifacciamo ora delle osservazioni su alcuni dei problemi precedenti: Il problema delle determinazione del rettangolo di area massima tra tutti i rettangoli di perimetro assegnato richiede la massimizzazione di una funzione di una variabile reale: diciamo che il problema ha dimensione 1; Il problema delle determinazione del triangolo di area massima tra tutti i triangoli di perimetro assegnato richiede la massimizzazione di una funzione di tre variabili reali: diciamo che il problema ha dimensione 3;

180 La dimensione infinita: il Calcolo delle Variazioni Rifacciamo ora delle osservazioni su alcuni dei problemi precedenti: Il problema delle determinazione del rettangolo di area massima tra tutti i rettangoli di perimetro assegnato richiede la massimizzazione di una funzione di una variabile reale: diciamo che il problema ha dimensione 1; Il problema delle determinazione del triangolo di area massima tra tutti i triangoli di perimetro assegnato richiede la massimizzazione di una funzione di tre variabili reali: diciamo che il problema ha dimensione 3; Non è difficile risolvere i problemi di dimensione finita.

181 La dimensione infinita: il Calcolo delle Variazioni Rifacciamo ora delle osservazioni su alcuni dei problemi precedenti: Il problema delle determinazione del rettangolo di area massima tra tutti i rettangoli di perimetro assegnato richiede la massimizzazione di una funzione di una variabile reale: diciamo che il problema ha dimensione 1; Il problema delle determinazione del triangolo di area massima tra tutti i triangoli di perimetro assegnato richiede la massimizzazione di una funzione di tre variabili reali: diciamo che il problema ha dimensione 3; Non è difficile risolvere i problemi di dimensione finita. Ebbene:

182 La dimensione infinita: il Calcolo delle Variazioni Rifacciamo ora delle osservazioni su alcuni dei problemi precedenti: Il problema delle determinazione del rettangolo di area massima tra tutti i rettangoli di perimetro assegnato richiede la massimizzazione di una funzione di una variabile reale: diciamo che il problema ha dimensione 1; Il problema delle determinazione del triangolo di area massima tra tutti i triangoli di perimetro assegnato richiede la massimizzazione di una funzione di tre variabili reali: diciamo che il problema ha dimensione 3; Non è difficile risolvere i problemi di dimensione finita. Ebbene: Il problema di Didone è un problema di dimensione finita?

183 La dimensione infinita: il Calcolo delle Variazioni Rifacciamo ora delle osservazioni su alcuni dei problemi precedenti: Il problema delle determinazione del rettangolo di area massima tra tutti i rettangoli di perimetro assegnato richiede la massimizzazione di una funzione di una variabile reale: diciamo che il problema ha dimensione 1; Il problema delle determinazione del triangolo di area massima tra tutti i triangoli di perimetro assegnato richiede la massimizzazione di una funzione di tre variabili reali: diciamo che il problema ha dimensione 3; Non è difficile risolvere i problemi di dimensione finita. Ebbene: Il problema di Didone è un problema di dimensione finita? NO!!

184 Il caso dei rettangoli: la variabile x può assumere infiniti valori, ma è una variabile.

185 Il caso dei triangoli: le variabili x, y, z possono assumere infiniti valori ciascuna, ma sono tre variabili.

186 I problema di Didone è un problema di massimo in cui la variabile indipendente è una curva e non una lista finita di numeri reali:

187 I problema di Didone è un problema di massimo in cui la variabile indipendente è una curva e non una lista finita di numeri reali: Per ognuno degli infiniti valori che può assumere la variabile indipendente ho a disposizione infiniti valori per la variabile dipendente.

188 I problema di Didone è un problema di massimo in cui la variabile indipendente è una curva e non una lista finita di numeri reali: Per ognuno degli infiniti valori che può assumere la variabile indipendente ho a disposizione infiniti valori per la variabile dipendente. Il Calcolo delle Variazioni risolve problemi di massimo/minimo nei casi di dimensione infinita, come il caso del problema di Didone,

189 I problema di Didone è un problema di massimo in cui la variabile indipendente è una curva e non una lista finita di numeri reali: Per ognuno degli infiniti valori che può assumere la variabile indipendente ho a disposizione infiniti valori per la variabile dipendente. Il Calcolo delle Variazioni risolve problemi di massimo/minimo nei casi di dimensione infinita, come il caso del problema di Didone, ma non è più elementare come il calcolo differenziale.

190 Altri problemi risolti dal Calcolo delle Variazioni

191 Altri problemi risolti dal Calcolo delle Variazioni Catenaria Qual è la curva formata da una fune appesa a due estremi?

192 Altri problemi risolti dal Calcolo delle Variazioni Catenaria Qual è la curva formata da una fune appesa a due estremi? È sostanzialmente il grafico della funzione y = ex +e x 2 (= cosh x).

193 Brachistocrona Qual è la curva lungo la quale un grave impiega il tempo minimo per scendere da un punto A ad un punto B?

194 Brachistocrona Qual è la curva lungo la quale un grave impiega il tempo minimo per scendere da un punto A ad un punto B? È un arco di cicloide.

195 La bella Elena della matematica

196 La bella Elena della matematica La cicloide come curva descritta da rotolamento senza strisciamento:

197 La bella Elena della matematica La cicloide come curva descritta da rotolamento senza strisciamento: La cicloide è anche la curva tautocrona:

198 Data una curva γ posso sempre costruire la sua evoluta:

199 Data una curva γ posso sempre costruire la sua evoluta: Cosa è l evoluta della cicloide?

200 Data una curva γ posso sempre costruire la sua evoluta: Cosa è l evoluta della cicloide? È ancora una cicloide!

201 Sappiamo costruire un orologio a pendolo perfetto:

202 Sappiamo costruire un orologio a pendolo perfetto:

203 Una variante del problema di Didone in biologia

204 While this interesting combination of properties is clearly related to the chemical makeup of the lipids most importantly, the hydrophobic character of the Una variante tails quantitative del problema and detailed di Didone understanding inofbiologia the phenomenon is still lacking. Here we focus on a simple question that has already been alluded to above: how can we understand the stability of these planar structures, and their pseudo-solid behaviour, if they are constructed from independent, non-bound molecules? This is the main question behind the analysis of this paper. Fig. 1. Lipid molecules aggregate into macroscopically surface-like structures Nel 1973 Wolfgang Helfrich propone un modello matematico per studiare la flessione delle membrane cellulari e quindi per determinarne la forma

205 L energia immagazzinata dalla membrana quando questa si flette è proporzionale a quanto la membrana si curva;

206 L energia immagazzinata dalla membrana quando questa si flette è proporzionale a quanto la membrana si curva; Helfrich propone allora la seguente variante del problema isoperimetrico 3D:

207 L energia immagazzinata dalla membrana quando questa si flette è proporzionale a quanto la membrana si curva; Helfrich propone allora la seguente variante del problema isoperimetrico 3D: Tra tutti i solidi di volume fissato e di area del bordo fissata

208 L energia immagazzinata dalla membrana quando questa si flette è proporzionale a quanto la membrana si curva; Helfrich propone allora la seguente variante del problema isoperimetrico 3D: Tra tutti i solidi di volume fissato e di area del bordo fissata trovare quello che curva il meno possibile

209 Un bel problema, anche se non lo risolvi, ti fa compagnia se ci pensi ogni tanto Ennio De Giorgi ( )

SSIS Toscana - Sede di Siena VI ciclo A.A. 2005/2006 Indirizzo FIM - II anno. I Problemi di Massimo e Minimo

SSIS Toscana - Sede di Siena VI ciclo A.A. 2005/2006 Indirizzo FIM - II anno. I Problemi di Massimo e Minimo SSIS Toscana - Sede di Siena VI ciclo A.A. 005/006 Indirizzo FIM - II anno Laboratorio di Didattica della Matematica Leonardo Teglielli TITOLO MATERIA COLLOCAZIONE PERIODO UNITÁ DIDATTICA Matematica V

Dettagli

1. Particolari terne numeriche e teorema di PITAGORA. 2. Le terne pitagoriche 3. Applicazioni i idel teorema di Pitagora.

1. Particolari terne numeriche e teorema di PITAGORA. 2. Le terne pitagoriche 3. Applicazioni i idel teorema di Pitagora. TEOREMA DI PITAGORA Contenuti 1. Particolari terne numeriche e teorema di PITAGORA. Le terne pitagoriche 3. Applicazioni i idel teorema di Pitagora Competenze 1. Sapere il significato di terna pitagorica

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli

Bolle di sapone, complessita e clima Brera, 2010

Bolle di sapone, complessita e clima Brera, 2010 Bolle di sapone, complessita e clima Brera, 2010 Francesco Tampieri, CNR ISAC, Bologna 10 giugno 2010 1 Con questa conversazione vorrei condurvi a una passeggiata in un bosco (ricordando Eco), o un ginepraio,

Dettagli

Problemi di ricoprimento e ottimizzazione

Problemi di ricoprimento e ottimizzazione Problemi di ricoprimento e ottimizzazione Claudia Passagnoli* Introduzione Non è facile appassionare e coinvolgere i ragazzi con argomenti di matematica, ma, partendo dalla storia antica e da qualche leggenda,

Dettagli

3; 2 1 2 ;5 3;0 1; 2

3; 2 1 2 ;5 3;0 1; 2 Risolvere mediante la fattorizzazione le seguenti equazioni. 1. 4 12 +9=0 0; 3 2 2. 7 +14 8=0 1;2;4 3. 4 12 +9=0 3 2 ; 3 2 4. +2 = 3 4 1 2 ;3 2 +4=0 5. +3 +1=0 + 2 =3 6. + +2 4=15 3; 2 1 2 ;5 3;0 1; 2

Dettagli

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014 CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre, 2. Leggere e scrivere i numeri naturali

Dettagli

I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti

I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti Geometria del piano e dello spazio, trigonometria [2008, ORD] Si consideri la seguente proposizione: Se due solidi hanno uguale volume, allora, tagliati

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari. Il problema di Didone ed altri problemi isoperimetrici

Università degli Studi di Cagliari. Il problema di Didone ed altri problemi isoperimetrici Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Matematica Il problema di Didone ed altri problemi isoperimetrici Relatore Dott. Lucio Cadeddu Tesi

Dettagli

PROBLEMI DI MASSIMO E MINIMO ESEMPI INTRODUTTIVI ELEMENTARI. PROBLEMA 1: Tra i rettangoli di perimetro 20 cm, determina quello di area massima.

PROBLEMI DI MASSIMO E MINIMO ESEMPI INTRODUTTIVI ELEMENTARI. PROBLEMA 1: Tra i rettangoli di perimetro 20 cm, determina quello di area massima. PROBLEMI DI MASSIMO E MINIMO ESEMPI INTRODUTTIVI ELEMENTARI Introduzione Vengono qui presentati alcuni semplici problemi di massimo e minimo. Leggi con attenzione e completa i passaggi mancanti. Prova

Dettagli

Anno 4 Applicazioni dei teoremi di trigonometria

Anno 4 Applicazioni dei teoremi di trigonometria Anno 4 Applicazioni dei teoremi di trigonometria 1 Introduzione In questa lezione descriveremo le applicazioni dei teoremi di trigonometria. Inizieremo, illustrando alcune formule di trigonometria, utili

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA Traguardo per lo sviluppo delle competenze Sviluppa un atteggiamento positivo rispetto alla matematica, attraverso esperienze significative, che gli hanno fatto intuire

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

PROVA DI AMMISIONE AI CORSI DI LAUREA DI SCIENZE (10 SETTEMBRE 2013)

PROVA DI AMMISIONE AI CORSI DI LAUREA DI SCIENZE (10 SETTEMBRE 2013) PROVA DI AMMISIONE AI CORSI DI LAUREA DI SCIENZE (10 SETTEMBRE 2013) Linguaggio matematico di base 1. Qual è l area del triangolo avente i vertici nei punti di coordinate (0,2), (4,0) e (7,6)? A 10 B 30

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

COSTRUZIONI E DISEGNO RELATIVO E NOZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA (SEZIONE DI AGRIMENSURA)

COSTRUZIONI E DISEGNO RELATIVO E NOZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA (SEZIONE DI AGRIMENSURA) Istruzioni e programmi d insegnamento per gli istituti tecnici approvati con regio decreto 2 ottobre 1891 n. 622 (Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del Regno d Italia, Roma, Stamperia Reale,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI MATEMATICA CLASSE SECONDA INDIRIZZI: AMMINNISTRAZIONE FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI MATEMATICA CLASSE SECONDA INDIRIZZI: AMMINNISTRAZIONE FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO PROGRAMMAZIONE MODULARE MATEMATICA CL SECONDA INRIZZI: AMMINNISTRAZIONE FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO MODULO 1 : Frazioni algebriche ed equazioni fratte C1, M1, M3 Determinare il campo

Dettagli

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale

Dettagli

Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana. Anno Scolastico 2002 2003 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore.

Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana. Anno Scolastico 2002 2003 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore. Gruppo di lavoro per la predisposizione degli indirizzi per l attuazione delle disposizioni concernenti la valutazione del servizio scolastico Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana Anno Scolastico

Dettagli

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica a.a. 2006/2007 Docente Ing. Andrea Ghedi Lezione 2 IL PIANO CARTESIANO 1 Il piano cartesiano In un piano

Dettagli

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Competenza chiave europea: MATEMATICA Scuola Primaria DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TAB. A TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della Scuola Primaria

Dettagli

60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo. matematica

60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo. matematica 60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo matematica Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale delle persone e delle comunità, sviluppando le capacità

Dettagli

Convegno Matematica in classe Centro Pristem, Genova, ottobre 2015 M. Dedò. Insegnare la Geometria: qualche esempio

Convegno Matematica in classe Centro Pristem, Genova, ottobre 2015 M. Dedò. Insegnare la Geometria: qualche esempio Convegno Matematica in classe Centro Pristem, Genova, ottobre 2015 M. Dedò Insegnare la Geometria: qualche esempio Domande che cos è la geometria? quale geometria pensiamo per la scuola? quali cose sono

Dettagli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli 3.5 Il toro 3.5.1 Modelli di toro Modelli di carta Esempio 3.5.1 Toro 1 Il modello di toro finito che ciascuno può costruire è ottenuto incollando a due a due i lati opposti di un foglio rettangolare.

Dettagli

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI 1 Ruote dentate Le ruote dentate servono per la trasmissione del moto rotatorio continuo fra due alberi a distanza ravvicinata, con assi paralleli, concorrenti o sghembi. I denti della ruota motrice spingono,

Dettagli

Acqua, sapone e superfici minime

Acqua, sapone e superfici minime SISSA PER LA SCUOLA Acqua, sapone e superfici minime Un gioco matematico per le scuole medie Titolo: Acqua, sapone e superfici minime Area: Matematica Tipo di attività: Gioco A chi è rivolta: Ragazzi delle

Dettagli

Anna Montemurro. 2Geometria. e misura

Anna Montemurro. 2Geometria. e misura Anna Montemurro Destinazione Matematica 2Geometria e misura GEOMETRIA E MISURA UNITÀ 11 Le aree dei poligoni apprendo... 11. 1 FIGURE PIANE EQUIVALENTI Consideriamo la figura A. A Le figure B e C

Dettagli

Programma precorso di matematica

Programma precorso di matematica Programma precorso di matematica a.a. 015/16 Quello che segue è il programma dettagliato del precorso. Si fa riferimento al testo [MPB] E. Acerbi, G. Buttazzo: Matematica Preuniversitaria di Base, Pitagora

Dettagli

MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE TERZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI A NUMERI

MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE TERZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI A NUMERI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE TERZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI A NUMERI L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica

Esercizi di Analisi Matematica Esercizi di Analisi Matematica CAPITOLO 1 LE FUNZIONI Exercise 1.0.1. Risolvere le seguenti disuguaglianze: (1) x 1 < 3 () x + 1 > (3) x + 1 < 1 (4) x 1 < x + 1 x 1 < 3 x + 1 < 3 x < 4 Caso: (a): x 1

Dettagli

I PROBLEMI ALGEBRICI

I PROBLEMI ALGEBRICI I PROBLEMI ALGEBRICI La risoluzione di problemi è una delle attività fondamentali della matematica. Una grande quantità di problemi è risolubile mediante un modello algebrico costituito da equazioni e

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

GEOMETRIA CLASSE TERZA

GEOMETRIA CLASSE TERZA GEOMETRIA CLASSE TERZA Le principali figure geometriche del piano e dello spazio. Rette incidenti, perpendicolari e parallele. Introduzione del concetto di angolo a partire da contesti concreti. Introduzione

Dettagli

IPOTESI di CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012

IPOTESI di CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 IPOTESI di CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 6 IC PADOVA COMPETENZE SPECIFICHE Numeri conoscere e padroneggiare i contenuti

Dettagli

Fate una bolla di sapone e osservatela: potreste passare tutta la vita a studiarla

Fate una bolla di sapone e osservatela: potreste passare tutta la vita a studiarla Bolle di sapone Fate una bolla di sapone e osservatela: potreste passare tutta la vita a studiarla (Lord Kelvin) Potrebbe sembrare una affermazione esagerata, cosa c è di più semplice di una bolla di sapone?

Dettagli

PROGRAMMI PER GLI ESAMI I PATENTE DE MAESTRI E DELLE MAESTRE DELLE SCUOLE PRIMARIE

PROGRAMMI PER GLI ESAMI I PATENTE DE MAESTRI E DELLE MAESTRE DELLE SCUOLE PRIMARIE Programmi per le Scuole normali e magistrali, e per gli esami di Patente de Maestri e delle Maestre delle Scuole primarie approvati con regio decreto 9 novembre 1861 n. 315 (Raccolta ufficiale delle leggi

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Piano Lauree Scientifiche 2011-2012

Piano Lauree Scientifiche 2011-2012 Piano Lauree Scientifiche 2011-2012 «non si può intendere se prima non s impara a intender lingua, e conoscer i caratteri, nei quali è scritto. Egli è scritto in lingua matematica, e i caratteri sono triangoli,

Dettagli

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA Simulazione 01/15 ANNO SCOLASTICO 01/15 PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO PER IL LICEO SCIENTIFICO Il candidato risolva uno dei due problemi Problema 1 Nella

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Matematica Spazio e figure Traguardi per lo sviluppo della competenza della Scuola dell'infanzia

Gruppo di lavoro 1 Matematica Spazio e figure Traguardi per lo sviluppo della competenza della Scuola dell'infanzia Gruppo di lavoro 1 Matematica Spazio e figure Di estrema importanza è lo sviluppo di un adeguata visione della matematica, non ridotta a un insieme di regole da memorizzare e applicare, ma riconosciuta

Dettagli

I Solidi Regolari??-??- 2001

I Solidi Regolari??-??- 2001 I Solidi Regolari??-??- 2001 Cosa sono i Solidi Platonici 1 I Solidi Platonici sono solidi convessi delimitati da facce costitute da poligoni regolari tutti uguali tra loro. Un Solido di questo genere

Dettagli

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Sessione straordinaria - a.s. 9- ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Tema di: MATEMATICA a.s. 9- Svolgimento a cura di Nicola De Rosa Il candidato risolva uno

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Similitudine e omotetia nella didattica della geometria nella scuola secondaria di primo grado di Luciano Porta

Similitudine e omotetia nella didattica della geometria nella scuola secondaria di primo grado di Luciano Porta Similitudine e omotetia nella didattica della geometria nella scuola secondaria di primo grado di Luciano Porta Il concetto di similitudine è innato: riconosciamo lo stesso oggetto se è più o meno distante

Dettagli

UNIONE MATEMATICA ITALIANA. C. I. I. M. Commissione Italiana per l'insegnamento della Matematica

UNIONE MATEMATICA ITALIANA. C. I. I. M. Commissione Italiana per l'insegnamento della Matematica UNIONE MATEMATICA ITALIANA C. I. I. M. Commissione Italiana per l'insegnamento della Matematica ESEMPI DI TERZE PROVE per il NUOVO ESAME DI STATO LA COMPONENTE MATEMATICA ISTITUTO MAGISTRALE Tipologia

Dettagli

I Giochi di Archimede - Soluzioni Biennio 27 novembre 2014

I Giochi di Archimede - Soluzioni Biennio 27 novembre 2014 PROGETTO OLIMPIADI DI MATEMATICA U.M.I. UNIONE MATEMATICA ITALIANA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE I Giochi di Archimede - Soluzioni Biennio 7 novembre 0 Risoluzione dei problemi (l ordine si riferisce

Dettagli

Disegno in quadretti le parti da calcolare; se capisco quanto vale un quadretto è fatta.

Disegno in quadretti le parti da calcolare; se capisco quanto vale un quadretto è fatta. CLASSE III C RECUPERO GEOMETRIA AREA PERIMETRO POLIGONI Disegno in quadretti le parti da calcolare; se capisco quanto vale un quadretto è fatta. ES: se ho fatto questo disegno e so che 1 quadretto vale

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

B. Vogliamo determinare l equazione della retta

B. Vogliamo determinare l equazione della retta Risoluzione quesiti ordinamento Quesito N.1 Indicata con α la misura dell angolo CAB, si ha che: 1 Area ( ABC ) = AC AB sinα = 3 sinα π 3 sinα = 3 sinα = 1 α = Il triangolo è quindi retto in A. La misura

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

Funzioni a 2 variabili

Funzioni a 2 variabili Funzioni a 2 variabili z = f(x, y) Relazione che associa ad ogni coppia di valori x,y (variabili indipendenti) uno ed un solo valore di z (variabile dipendente). Esempi: z = x 2y + 4 z = x 2 y 2 2x z =

Dettagli

LA GEOMETRIA NELLE PIASTRELLE

LA GEOMETRIA NELLE PIASTRELLE LA GEOMETRIA NELLE PIASTRELLE Supponiamo di dover pavimentare delle superfici molto estese e vogliamo evitare le classiche composizioni quadrate, rettangolari o a spina di pesce, per rendere meno banale

Dettagli

Lezione 3: Grafica 3D*

Lezione 3: Grafica 3D* Lezione 3: Grafica 3D* Informatica Multimediale Docente: Umberto Castellani *I lucidi sono tratti da una lezione di Maura Melotti (m.melotti@cineca.it) Sommario Il processo grafico La modellazione 3D Rendering

Dettagli

I Giochi di Archimede-- Soluzioni triennio

I Giochi di Archimede-- Soluzioni triennio PROGETTO OLIMPIADI DI MATEMATICA U.M.I. UNIONE MATEMATICA ITALIANA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE SCUOLA NORMALE SUPERIORE I Giochi di Archimede-- Soluzioni triennio 17 novembre 2010 Griglia delle

Dettagli

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA : MATEMATICA PRIMO BIENNIO L asse matematico ha l obiettivo di far acquisire allo studente saperi e competenze

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Operare in situazioni reali e/o disciplinari con tecniche e procedure di calcolo L alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse e stima la grandezza

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L'alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare

Dettagli

Programmazione per competenze del corso Matematica, Secondo biennio

Programmazione per competenze del corso Matematica, Secondo biennio Programmazione per del corso Matematica, Secondo biennio Competenze di area Traguardi per lo sviluppo delle degli elementi del calcolo algebrico algebriche di primo e secondo grado di grado superiore al

Dettagli

Il teorema di Pitagora

Il teorema di Pitagora Didattica della matematica Il teorema di Pitagora Prof. ssa Maria Rosa Casparriello Scuola media Fontanarosa RIFERIMENTO AL PECUP: adoperare il linguaggio ed i simboli della matematica per indagare con

Dettagli

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr.

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr. Classe I Sc.Primaria Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (Cl. I Sc.Primaria Cl. III Sc.Second. 1 gr.) NUMERO - Confrontare e ordinare raggruppamenti di oggetti

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 20 marzo 2003 Categoria Cadet Per studenti di terza media o prima superiore

Kangourou Italia Gara del 20 marzo 2003 Categoria Cadet Per studenti di terza media o prima superiore 15-20-.qxd 29/03/2003 8.22 Pagina 16 Kangourou Italia Gara del 20 marzo 2003 Categoria Per studenti di terza media o prima superiore I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Quale dei seguenti

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI NELLA PRE-DISCIPLINA MATEMATICA

TRAGUARDI FORMATIVI NELLA PRE-DISCIPLINA MATEMATICA Fo.Svi.Co International s.a.s. Formazione Sviluppo Competenze (per la competitività in campo internazionale) SEDE LEGALE Corso Magenta, 83 20 123 Milano SEDE OPERATIVA 00100 ROMA, via Arduino, 46 SEDE

Dettagli

La sezione di Matematica della prova nazionale

La sezione di Matematica della prova nazionale La sezione di Matematica della prova nazionale Giorgio Bolondi Roma, 18 aprile 2008 Presentazione Prova Nazionale 1 Cosa può valutare? I diversi processi valutativi messi in atto dall insegnante accompagnano

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DEL CHIESE

ISTITUTO COMPRENSIVO DEL CHIESE ISTITUTO COMPRENSIVO DEL CHIESE Piano di studio di istituto di Matematica Competenza 1 al termine del 4 biennio (seconda e terza media) Strumenti 1)Utilizzare con sicurezza le tecniche e le procedure del

Dettagli

LEZIONI DI TOPOGRAFIA

LEZIONI DI TOPOGRAFIA Prof. Ing. Paolo Saija LEZIONI DI TOPOGRAFIA (Appunti per l esame di abilitazione alla professione di Geometra) Anno 2006 II a Edizione 1 SOMMARIO LA TOPOGRAFIA Grandezze geometriche e unità di misura

Dettagli

Fare geometria come e perchè

Fare geometria come e perchè Fare geometria come e perchè La matematica non è una materia, è un metodo. Non è uno scaffale del sapere, quello che contiene formule, costruzioni mentali, astrazioni, che sembrano nascere le une dalle

Dettagli

Proporzionalità diretta k = 60 kcal

Proporzionalità diretta k = 60 kcal Domanda D1. Paola, quando corre, consuma 60 kcal per ogni chilometro percorso. a. Completa la seguente tabella che indica le kcal consumate da Paola al variare dei chilometri percorsi. Chilometri percorsi

Dettagli

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA. Lezione n 7

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA. Lezione n 7 METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA Lezione n 7 In questa lezione percorriamo gli argomenti della geometria che interessano la scuola primaria, in modo essenziale, o meglio ancora sommario.

Dettagli

AREA LOGICO-MATEMATICA

AREA LOGICO-MATEMATICA SCUOLA DELL INFANZIA AREA LOGICO-MATEMATICA TRAGUARDI SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI NUCLEO: NUMERO E SPAZIO PREREQUISITI -Raggruppare e ordinare secondo criteri diversi, confrontare e valutare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1.NUMERI CLASSE PRIMA Comprende il significato Comprendere il significato Insiemi numerici NQZ Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico e algebrico rappresentandole

Dettagli

Programma di Matematica

Programma di Matematica Programma di Matematica Modulo 1. Topologia in R 2. Funzioni in R 3. Limite e continuità di una funzione Unità didattiche Struttura algebrica di R Insiemi reali limitati e illimitati Intorno di un punto

Dettagli

Matematica trasparente... come bolle di sapone

Matematica trasparente... come bolle di sapone UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA ELABORATO FINALE Matematica trasparente... come bolle di sapone Un percorso didattico-sperimentale

Dettagli

Kangourou della Matematica 2015 Coppa a squadre Kangourou Semifinale turno A Cervia, 9 maggio 2015. Quesiti

Kangourou della Matematica 2015 Coppa a squadre Kangourou Semifinale turno A Cervia, 9 maggio 2015. Quesiti Kangourou della Matematica 015 Coppa a squadre Kangourou Semifinale turno A Cervia, 9 maggio 015 Quesiti 1. La busta La figura mostra in che modo, ripiegando opportunamente un foglio di carta a forma di

Dettagli

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno Kangourou Italia Gara del 21 marzo 2002 Categoria Cadet Per studenti di terza media e prima superiore Regole: La prova è individuale. Ogni tipo di calcolatrice è vietato Vi è una sola risposta esatta per

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 20 marzo 2014 Categoria Junior Per studenti di seconda e terza della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 20 marzo 2014 Categoria Junior Per studenti di seconda e terza della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 20 marzo 2014 Categoria Junior Per studenti di seconda e terza della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Una grande nave cargo

Dettagli

PROVA NAZIONALE INVALSI per la classe III della Scuola Sec. Di I grado MATEMATICA- a.s. 2007-08

PROVA NAZIONALE INVALSI per la classe III della Scuola Sec. Di I grado MATEMATICA- a.s. 2007-08 PROVA NAZIONALE INVALSI per la classe III della Scuola Sec. Di I grado MATEMATICA- a.s. 2007-08 4 C1- Le potenze 3 2 2 e 4 3 hanno lo stesso valore? A. No, la prima vale 3 16 e la seconda 9 16. 16 16 B.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corsi di Laurea in Ingegneria Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE Testi dei temi d esame ed esercizi proposti con soluzione breve Versione del 1 settembre

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

MODULO 3/4 - TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE - (Supporto didattico)

MODULO 3/4 - TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE - (Supporto didattico) MODULO 3/4 - TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE - (Supporto didattico) 1. Alcuni obiettivi da far conseguire agli alunni entro la quinta classe della scuola primaria riguardano sostanzialmente un capitolo della

Dettagli

Parte Seconda. Geometria

Parte Seconda. Geometria Parte Seconda Geometria Geometria piana 99 CAPITOLO I GEOMETRIA PIANA Geometria: scienza che studia le proprietà delle figure geometriche piane e solide, cioè la forma, l estensione e la posizione dei

Dettagli

ASSIOMI DELLA GEOMETRIA RAZIONALE

ASSIOMI DELLA GEOMETRIA RAZIONALE ASSIOMI DELLA GEOMETRIA RAZIONALE ASSIOMI DI APPARTENENZA A1 Per ogni coppia di punti A e B di un piano π esiste ed è unica la retta che li contiene. A2 Data nel piano π una retta r esistono almeno due

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Le funzioni elementari. Corsi di Laurea in Tecniche di Radiologia... A.A. 2010-2011 - Analisi Matematica - Le funzioni elementari - p.

Le funzioni elementari. Corsi di Laurea in Tecniche di Radiologia... A.A. 2010-2011 - Analisi Matematica - Le funzioni elementari - p. Le funzioni elementari Corsi di Laurea in Tecniche di Radiologia... A.A. 200-20 - Analisi Matematica - Le funzioni elementari - p. /43 Funzioni lineari e affini Potenze ad esponente naturale Confronto

Dettagli

Programmazione non lineare: dodici esercizi commentati e risolti

Programmazione non lineare: dodici esercizi commentati e risolti Programmazione non lineare: dodici esercizi commentati e risolti Giovanni Righini 6 agosto 2010 Di tutti gli esercizi presentati nel seguito è disponibile il modello con relativa soluzione anche sotto

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

30 o. 60 o. assocubo.ggb. Disegno tecnico + costruzione cartellina. a cura di Manuela Menzaghi 1

30 o. 60 o. assocubo.ggb. Disegno tecnico + costruzione cartellina. a cura di Manuela Menzaghi 1 assocubo.ggb Assonometria monometrica del cubo con gli strumenti geometrici di NOTEBOOK Z Y 60 o 60 o 30 o X L.T. Assonometria monometrica con squadra e righello interattivo a cura di Manuela Menzaghi

Dettagli

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B FUNZIONI Definizione 1 Dati due insiemi A e B, si chiama funzione da A a B una legge che ad ogni elemento di A associa un (solo) elemento di B. L insieme A si chiama dominio della funzione e l insieme

Dettagli

Breve ed euristica introduzione alla Geometria delle superfici

Breve ed euristica introduzione alla Geometria delle superfici Breve ed euristica introduzione alla Geometria delle superfici Abbiamo dimostrato il teorema di classificazione delle 2-varietá compatte (connesse). Rammentiamo che il teorema afferma che ogni 2-varietá

Dettagli

Angius Anna Carla Licheri Daniele Monaco Emanuele Podda Francesco Puddu Alessio Saba Carolina Tedde Gregorio

Angius Anna Carla Licheri Daniele Monaco Emanuele Podda Francesco Puddu Alessio Saba Carolina Tedde Gregorio Angius Anna Carla Licheri Daniele Monaco Emanuele Podda Francesco Puddu Alessio Saba Carolina Tedde Gregorio Per superficie minima si intende quella superficie che minimizza la propria area. E difficile

Dettagli

Quali poligoni tassellano il piano?

Quali poligoni tassellano il piano? Progetto SIGMA dare SIGnificato al fare MAtematica Laboratorio di Geometria a.s. 2013/14 Quali poligoni tassellano il piano? La geometria nella realtà quotidiana, nella natura e nell arte Scuola dell Infanzia

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli