NUTRIZIONE E CANCRO ROBERTO BENELLI NUTRIZIONE E CANCRO. Aspetti di biologia molecolare e di prevenzione alimentare del carcinoma della prostata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUTRIZIONE E CANCRO ROBERTO BENELLI NUTRIZIONE E CANCRO. Aspetti di biologia molecolare e di prevenzione alimentare del carcinoma della prostata"

Transcript

1 ROBERTO BENELLI ROBERTO BENELLI NUTRIZIONE E CANCRO Edizioni isbn: Partner-Graf NUTRIZIONE E CANCRO Aspetti di biologia molecolare e di prevenzione alimentare del carcinoma della prostata Prefazioni di Bharat B. Aggarwal Marco Carini

2 Roberto Benelli Nutrizione e Cancro Aspetti di biologia molecolare e di prevenzione alimentare del carcinoma della prostata Prefazioni di Bharat B. Aggarwal Marco Carini

3

4 INDICE PREFAZIONE: Bharat B. Aggarwal 5 PREFAZIONE: Marco Carini 7 INTRODUZIONE: Roberto Benelli 9 NUTRIZIONE E CANCRO 11 MACRONUTRIENTI E MODELLI ALIMENTARI 14...Le Proteine 14...I Lipidi 15...Gli acidi grassi polinsaturi essenziali omega-3: attività 23...I Carboidrati 25...L indice glicemico 27...I modelli alimentari 29 NUTRIZIONE E CANCRO DELLA PROSTATA: ASPETTI DI BIOLOGIA MOLECOLARE, EPIDEMIOLOGICI E CLINICI 33...Insulina, sistema IGF e cancro della prostata 34...Regime alimentare, insulina e sistema IGF 40 ATTIVITÀ FISICA E TECNICHE ANTISTRESS 45 LA PREVENZIONE ALIMENTARE DEL CANCRO DELLA PROSTATA 47...Alimentazione e cancro: la nutriterapia 47...I polifenoli: potenzialità terapeutiche 50...Le molecole biologicamente attive 57...I flavonoidi della frutta 59...Gli isotiocianati delle verdure crocifere 64...I flavanoni del cardo mariano 65...Gli isoflavoni della soia 66...I flavanoli del tè verde ed i flavoni della camomilla 68...Gli acidi grassi omega-3 vegetali ed i lignani dei semi di lino e di sesamo 71...I polifenoli dell olio extravergine di oliva 75 3

5 ...I composti solforati dell aglio 76...I flavonoli della cipolla e dei porri: la quercetina 78...I composti antitumorali delle spezie e delle erbe aromatiche: il peperoncino, la curcuma longa (Turmeric) 79...I carotenoidi del pomodoro: il licopene 84...I polifenoli del cacao nero/cioccolato fondente 85...I polifenoli del vino rosso: il resveratrolo 86...I polisaccaridi dei funghi 87 IL MODELLO ALIMENTARE CON AZIONI PREVENTIVE 90 ORIENTAMENTO NELLA COMPOSIZIONE DEI PASTI 99 TABELLE ALIMENTARI 113 DISCUSSIONE E CONCLUSIONI 124 ABBREVIAZIONI 133 BIBLIOGRAFIA 135 RINGRAZIAMENTI 151 4

6 PREFAZIONE Fai che il cibo sia la tua medicina e che la tua medicina sia il tuo cibo è il ben noto detto attribuito ad Ippocrate che non differisce molto da quello del popolo americano you are what you eat o dalle raccomandazioni del National Institute of Health degli Stati Uniti secondo le quali dodici porzioni di frutta e verdura alla settimana possono prevenire il cancro. Ma possono gli alimenti essere considerati tutti uguali nell azione preventiva? Certamente no! Mentre alcune varietà di cibo possono incrementare l incidenza del cancro, altre possono ridurla. Molti frutti e vegetali sono raccomandati per la prevenzione del cancro e di altre patologie. Estese ricerche iniziate alla fine del 900 hanno identificato numerosi agenti che possono interferire su vie di segnale cellulare implicate nelle affezioni tumorali. Fra i vari alimenti una particolare attenzione è sicuramente rivolta alle spezie alle quali sono attribuite azioni antitumorali, antiossidante, antiinfiammatoria e antimicrobica. Non c è da meravigliarsi se Vasco de Gama e Cristoforo Colombo partirono dal Portogallo, cinque secoli fa (1498), alla ricerca delle spezie. Vasco de Gama scoprì in India il pepe nero e Cristoforo Colombo scoprì in America il pepe rosso. Le popolazioni che consumano spezie presentano una minore incidenza di tumori e fra questi, in particolare, il cancro della prostata risulta cinquanta volte inferiore. Oggi sappiamo che in natura esistono più di 50 differenti spezie fra cui il Turmeric (Curcuma longa) che è il pigmento giallo presente nella polvere di curry. Gli studi effettuati negli ultimi cinquanta anni hanno messo in evidenza come possano essere attribuite al curcumin, presente nel turmeric, le vere azioni medicinali. Il Curcumin è stato associato con la prevenzione di una varietà di neoplasie incluso il cancro della prostata. Quali siano le azioni molecolari con cui il curcumin può agire nella prevenzione del cancro ed in particolare nel cancro della prostata costituiscono uno dei numerosi aspetti di cui è ricca la monografia di Roberto Benelli che ha affrontato problematiche nutrizionali e di biologia molecolare riportandole nella pratica urologica. È con grande piacere che ringrazio e mi congratulo con l amico Roberto che ha sviluppato il nostro lavoro in questa monografia. Spero vivamente che la pubblicazione rappresenti un utile stimolo all introduzione della nutriterapia nell armamentario preventivo e terapeutico del carcinoma della prostata. Bharat B. Aggarwal Professor of Cancer Research Professor of Cancer Medicine (Biochemistry) and Chief, Cytokine Research Laboratory, Department of Experimental Therapeutics, The University of Texas M. D. Anderson Cancer Center Houston (USA) mail: 5

7

8 PREFAZIONE Il carcinoma della prostata rappresenta la neoplasia più comune del sesso maschile nel mondo occidentale ed è al secondo posto come causa di morte con un incidenza che appare in progressivo aumento. Essendo un tumore che raramente compare prima dei 50 anni e che aumenta la sua incidenza nella VII-VIII decade di vita, il prolungamento della vita nella popolazione generale può essere un dato importante per spiegare l incremento dell incidenza della neoplasia generale, rilevato in vari studi epidemiologici, così come l utilizzo di tecniche diagnostiche più sofisticate e la maggiore sensibilizzazione nella popolazione maschile. Numerosi studi e pubblicazioni scientifiche hanno cercato di definire le fasi della cancerogenesi del tumore prostatico e hanno dimostrato che oltre alla stimolazione ormonale sul recettore androgenico molti altri meccanismi oncogenetici possono determinare lo sviluppo di tale neoplasia e tra questi i più importanti sono rappresentati dagli stress ossidativi, flogistici, tossici e metabolici. Una dieta ricca di carboidrati, proteine animali e grassi saturi viene da tempo considerata un fattore predisponente il carcinoma della prostata. Recenti acquisizioni hanno posto l attenzione anche sul possibile ruolo dell infiammazione, già chiamata in causa nell etiopatogenesi del tumore dello stomaco, colon retto, del fegato e della cervice uterina. Anche nel tumore prostatico l infezione sembra giocare un ruolo molto importante poiché favorisce lo sviluppo di lesioni precancerose come l atrofia infiammatoria proliferativa (PIA), una atrofia epiteliale che si caratterizza per uno spettro di lesioni con basso indice apoptotico, alto indice proliferativo e frequente associazione con infiltrato infiammatorio. L atrofia infiammatoria proliferativa è spesso adiacente ad aree di PIN di alto grado e di carcinoma prostatico. La fisiopatologia del legame fra flogosi cronica e neoplasia può essere spiegata attraverso lo sviluppo eccessivo di radicali liberi dell ossigeno che determinano la formazione di addotti con macromolecole intracellulari con conseguenti modificazioni del DNA post-traduzionali e quindi induzione o progressione tumorale. Quindi, l infiammazione può condizionare significativamente lo sviluppo e la progressione della neoplasia prostatica. Numerosi composti presenti in vari cibi e in molte piante si caratterizzano per un azione antitumorale conosciuta fin dall antichità e che oggi appare chiara per le caratteristiche antinfiammatorie/antiflogistiche, antiossidanti e antiproliferative di tali molecole. In questi ultimi anni la nutriterapia e la fitoterapia hanno avuto un notevole sviluppo per la cura delle malattie andrologiche, grazie al supporto di studi scientifici e clinici che hanno chiarito meccanismi di azione e proprietà curative di molte sostanze contenute in numerose piante ed alimenti, togliendo alla nutriterapia e alla fitoterapia quell empirismo che le caratterizzava. Roberto Benelli, da molto tempo si dedica allo studio delle numerose funzioni esercitate dai composti naturali, presenti nelle piante e negli alimenti: ruolo fondamentale che svolgono in numerosi processi che comprendono l apoptosi, l immortalizzazione cellulare, la promozione e la metastatizzazione tumorale, la neoangiogenesi, l infiammazione e l autoimmunità. Si può dire senza paura di essere smentiti che Roberto è stato un antesignano della nuova scienza detta 7

9 nutracetica che attribuisce un ruolo cardine nella prevenzione e nella cura dei tumori ai complessi di origine naturale. Le conoscenze più recenti sui rapporti tra nutrizione, biologia molecolare e devianza cellulare ha dato impulso negli ultimi anni allo sviluppo della fitoterapia in cui al posto di molecole sintetiche prodotte in laboratorio si utilizzano composti o estratti presenti in natura, non solo a scopo curativo ma anche a scopo preventivo per contrastare l insorgenza di svariate condizioni morbose. La letteratura, in questo campo, si è enormemente arricchita ma un trattato che prendesse in considerazione i vari alimenti, analizzando i principi attivi e le implicazioni terapeutiche in modo così preciso e dettagliato, non mi sembra fosse ancora disponibile. Roberto Benelli fornisce in questo libro una analisi attenta di queste molecole con particolare attenzione ai macronutrienti e ai numerosi composti quali polifenoli, flavonoidi ed isotiocianati presenti in numerosi alimenti e piante e caratterizzati da proprietà antiossidanti come molecole scavenger, proprietà antiflogistiche ed antiproliferative. Il libro di Roberto Benelli: Nutrizione e Cancro oltre a trattare in maniera sistematica tutti i principi attivi presenti in natura, valutando la loro interazione con processi di biologia molecolare, ha inoltre il pregio e l originalità di presentare tabelle didatticamente importanti per una concreta attuazione delle conoscenze alimentari riportate, fornendo inoltre, modelli alimentari facilmente applicabili nella pratica quotidiana, con una ampia scelta tra gli alimenti da consumare a colazione, pranzo e cena. Questo manuale, destinato a tutti coloro che, specializzandi o specialisti, vogliano approfondire le loro conoscenze in campo nutrizionale e le possibili attuazioni pratiche di tali concetti, si caratterizza, oltre che per l alto valore scientifico anche per la praticità e pragmaticità che lo rendono fruibile anche da parte dei non addetti ai lavori che volessero approfondire le loro conoscenze allo scopo di attuare una vera e propria prevenzione primaria. Marco Carini Direttore Clinica Urologica Università degli Studi di Firenze 8

10 INTRODUZIONE Numerosi studi, alla fine del 900, hanno messo in evidenza i rapporti esistenti fra alimentazione ed eventi patologici ad alta incidenza quali malattie dismetaboliche, cardiovascolari, infiammatorie, degenerative e patologia tumorale. La componente qualitativa dei cibi ha dimostrato un ruolo preminente nel favorire o, al contario, prevenire tali eventi. Studi di biologia molecolare hanno inoltre permesso di comprendere ciò che è stato tramandato con la tradizione millenaria. È stato osservato che un regime dietetico costituito da alimenti ad alto indice glicemico, un eccesso di proteine animali ed in particolar modo un elevato consumo di carne rossa, di grassi saturi e polinsaturi trans, un rapporto squilibrato fra acidi grassi polinsaturi omega-6/omega-3 a favore dei primi, favoriscono tali quadri patologici. Al contrario una alimentazione ricca di frutta, verdure, legumi, pesce grasso ad alto contenuto in acidi grassi omega-3, l impiego di olio extravergine di oliva, tipici della dieta mediterranea, l equilibrato rapporto fra acidi grassi omega-6/omega-3, il consumo quotidiano di alimenti contenenti composti fitoterapici biologicamente attivi, l impiego di supplementi di olio di pesce dimostrano azioni preventive. Se l alimentazione è prevalentemente o totalmente vegetariana gli effetti favorevoli appaiono ancora più evidenti. Per una sana ed equilibrata alimentazione sono stati elaborati numerosi modelli nutrizionali con rappresentazioni grafiche in forma di piramidi alimentari virtuali. I vari alimenti sono suddivisi in più livelli per indicare l iter di un corretto comportamento nutrizionale, protettivo, ma che al tempo stesso può manifestare azioni terapeutiche. Ritorna così attuale il detto di Ippocrate fai che il cibo sia la tua medicina e che la tua medicina sia il tuo cibo. Occorre quindi trattare il cibo proprio come se fosse una medicina. A tutti gli effetti, il cibo ha il potenziale per diventare il più efficace <<farmaco disponibile>> (Sears, 2002) Intervenendo sui modelli alimentari e sullo stile di vita possono verificarsi modificazioni funzionali del sistema endocrino, riduzione dei fenomeni infiammatori e la modulazione della trascrizione genetica. Tale aspetto risulta estremamente importante tenendo presente che il cancro è una affezione dovuta a mutazioni genetiche che si instaurano come conseguenza di un danno del DNA cellulare. Secondo l American Institute for Cancer Research ed il World Cancer Research Fund il 30-40% di tutti i tipi di cancro si possono prevenire adottando idonee norme dietetiche, la regolare attività fisica quotidiana e mantenendo il peso forma. Inoltre attuando lo stesso programma la mortalità dovuta al cancro della prostata, del colon-retto, mammella, pancreas potrebbe essere ridotta addirittura del 50% (DeMarini, 1998). Nel carcinoma della prostata il cambiamento del regime dietetico e dello stile di vita assume un evidente significato di prevenzione della neoplasia, ma anche quello di modificarne il comportamento nelle fasi di sviluppo, nel rallentarne la progressione quando il tumore è manifesto o la ricorrenza dopo un intervento con intento radicale. In questa pubblicazione vengono presi in esame i rapporti fra alimentazione e tumori con particolare riferimento al cancro della prostata. 9

11 Molte evidenze emerse dagli studi di biologia molecolare hanno permesso di spiegare gli stretti rapporti fra nutrizione e cancro ed hanno, in parte, chiarito la dinamica degli eventi. È questo un motivo di più per affrontare un area di studio molto complessa che riguarda il ruolo della nutrizione nella patologia oncologica e nel carcinoma della prostata in particolare. Roberto Benelli già Direttore della U.O. Urologia dell Ospedale Misericordia e Dolce Prato 10

12 NUTRIZIONE E CANCRO NUTRIZIONE E CANCRO Il progressivo invecchiamento della popolazione si accompagna ad incremento della diagnosi di nuovi casi di cancro. Gli studi più recenti dimostrano come il 60% dei tumori sono attribuibili a fattori alimentari ed al tabagismo. Il 25% sono il risultato dell azione di obesità, fattori professionali, infezioni, alcol, esposizione ai raggi UV, droghe, inquinamento. Solo il 15% sono da riferire a fattori primariamente genetici. Ne consegue che le cause più frequenti di cancro sono riconducibili a fattori ambientali ed a mutazioni genetiche conseguenti a danni del DNA. Sono di conseguenza in parte controllabili e suscettibili di interventi mirati che nel tempo possono portare a riduzione della incidenza tumorale. Mi riferisco a quei fattori direttamente correlati con lo stile di vita quali le abitudini alimentari, il fumo, l inattività fisica e l obesità, il consumo di alcol ed alcolici. Cancro: fattori di rischio 30% fattori alimentari 30% fumo 15% fattori ereditari 25% altri Béliveau e Gingras, 2006 Il cancro della prostata, della mammella, del colon ed altri tumori sono influenzati dalle abitudini alimentari. Basta pensare come nei paesi asiatici l incidenza di queste neoplasie è decisamente inferiore rispetto ai paesi occidentali. Il cancro della prostata, in modo particolare, è in India ed in Cina agli ultimi posti per tassi di incidenza e di mortalità (Parkis, 2002) anche se lesioni precancerose e carcinomi latenti sono dimostrati parimenti in popolazioni asiatiche e nei paesi occidentali. Il tumore, al contrario, aumenta nei migranti che modificano il loro stile di vita e adottano un modello alimentare di tipo occidentale basato prevalentemente sul consumo di farine bianche raffinate, proteine di origine animale, grassi saturi 11

13 NUTRIZIONE E CANCRO (salumi, carne rossa, uova, prodotti caseari, burro), grassi trans che portano al sovraccarico calorico e all obesità. Il cambiamento dello stile di vita e l abbandono di peculiari abitudini alimentari fatte di frutta, verdura, legumi (soia), pesce, spezie e povero di grassi e carboidrati complessi ad alto indice glicemico assume nei migranti un ruolo rilevante nello sviluppo di neoplasie quali il carcinoma della prostata. Regime alimentare, stile di vita, flogosi cronica sono quindi da considerare elementi di grande importanza per la trasformazione di un carcinoma latente in una forma clinicamente manifesta. La patologia molecolare del carcinoma prostatico è molto complessa. Molti geni sono implicati nella patogenesi e fattori ambientali, dietetici, infiammatori, agiscono su di essi modificandone l attività e interferendo sulle vie di segnale intracellulare. Studi epidemiologici e clinici hanno messo in evidenza significative correlazioni tra regime alimentare e incidenza del carcinoma della prostata, ma anche la possibile interferenza dello stile di vita sull evoluzione della neoplasia quando questa è accertata o trattata con chirurgia radicale, radioterapia e/o terapia medica (ormono e chemioterapia). Età standardizzata x Parkin el al.,

14 NUTRIZIONE E CANCRO Dal momento che i cambiamenti delle abitudini alimentari hanno un impatto sul rischio di numerose neoplasie è anche possibile che siano responsabili di tumori primitivi maligni multipli (TPMM). Tali tumori che si osservano più frequentemente con l avanzare dell età potrebbero pobabilmente essere contrastati modificando il regime alimentare. Questa pubblicazione inizia con l analisi della composizione degli alimenti ed indaga sui rapporti fra regime alimentare e cancro. Un alimentazione varia, ricca di frutta e verdura, come nella dieta mediterranea, il controllo dell apporto calorico e l acquisizione di caratteristiche culinarie proprie delle culture asiatiche rappresentano l obiettivo da raggiungere in una strategia preventiva che ha lo scopo di ridurre l incidenza del carcinoma prostatico e di altri tumori nelle popolazioni occidentali. 13

15 MACRONUTRIENTI E MODELLI ALIMENTARI MACRONUTRIENTI E MODELLI ALIMENTARI Gli alimenti sono composti da macronutrienti (proteine, grassi, carboidrati), micronutrienti (vitamine, minerali ed oligoelementi), fitocomposti, fibre, acqua in percentuali variabili. Modificazioni qualitative e quantitative dei nutrienti possono indurre alterazioni nell organismo che, se persistenti nel tempo, sono in grado di determinare la rottura dell omeostasi e l insorgenza di eventi patologici fra cui quelli tumorali. Studi di biologia molecolare hanno dimostrato che alcuni alimenti contengono fitocomposti che presentano azioni target favorevoli. Tali composti di cui sono ricchi frutta e verdure, ma anche legumi (soia), spezie (curcuma longa), ecc., manifestano azioni protettive antitumorali. Prenderemo di seguito in esame i macronutrienti, le molecole biologicamente attive presenti in numerosi alimenti, i modelli alimentari, i rapporti fra alimentazione, infiammazione e cancro e le azioni preventive che possono derivare da un corretto regime alimentare. Le Proteine Le proteine, presenti in quasi tutti gli alimenti, sono costituite da una o più catene peptidiche formate da aminoacidi legati l uno all altro. Di questi aminoacidi solo venti, di cui otto essenziali, sono utilizzati per la sintesi proteica. Le proteine hanno azione plastica (rappresentano i mattoni di tutti i tessuti), modulano l espressione genetica e sono le regolatrici di importanti molecole biologiche (ormoni, neurotrasmettitori, ecc) oltre a costituire enzimi ed ormoni. Hanno infine azione energetica potendo gli aminoacidi trasformarsi in zuccheri per rimozione della componente azotata. Le proteine possono essere di origine animale (carni, pesci, latticini, uova, crostacei e frutti di mare) o vegetale (legumi, cereali, semi e frutta oleaginosa, alghe). Non si ritrovano negli zuccheri, negli oli e nelle bevande alcoliche. Una volta assorbite vengono scomposte negli aminoacidi costituenti per poter essere utilizzate. L albume dell uovo può essere considerato un alimento completo per composizione proteica. Ad esso si riferiscono i nutrizionisti per stabilire il valore biologico delle proteine da un punto di vista qualitativo. Le proteine ad alto valore biologico provengono dalle carni, pesce, uova, latte, latticini. La dose giornaliera raccomandata è di 0,8 gr per Kg di peso corporeo. Le proteine che presentano minor valore biologico, in quanto prive di alcuni aminoacidi essenziali, sono invece quelle provenienti da ortaggi, legumi, cereali. Le proteine vegetali si accompagnano a fibre, carboidrati complessi ed a pochi grassi. Un corretto apporto proteico deve provenire dalle varie fonti alimentari. In una dieta equilibrata le proteine devono rappresentare non più del 15% delle calorie totali. Se l apporto è eccessivo (dieta iperproteica) l organismo trasforma gli aminoacidi in zuccheri che possono prendere la via metabolica dei grassi con incremento della massa adiposa. 14

16 MACRONUTRIENTI E MODELLI ALIMENTARI I Lipidi I lipidi rappresentano un gruppo di composti molto importanti per le normali funzioni cellulari. Possono essere distinti in lipidi di deposito (trigliceridi), lipidi cellulari (fosfolipidi, colesterolo, glicolipidi) e con funzioni biologiche (ormoni, messaggeri intracellulari, pigmenti assorbenti la luce). I lipidi cellulari hanno funzioni strutturali essendo i normali costituenti di membrana. I grassi possono avere origine animale o vegetale. Vengono metabolizzati in acidi grassi che sono composti da una lunga catena di idrocarburi con gruppo carbossilico terminale. In base alla loro struttura possono essere distinti in acidi grassi saturi e acidi grassi insaturi: -gli acidi grassi saturi sono caratterizzati da legami semplici. Non presentano invece doppi legami che, al contrario, sono rappresentati, in misura diversa, nei grassi insaturi. Gli acidi grassi saturi comprendono l acido butirrico, caproico, laurico, miristico, palmitico, stearico ed altri; -gli acidi grassi insaturi vengono a loro volta distinti in monoinsaturi (caratterizzati da un solo doppio legame) e polinsaturi (con più di un doppio legame). La presenza dei doppi legami rende un acido grasso più sottoposto ad alterazioni (ossidazione, ecc) se esposto alla luce, all ossigeno atmosferico, al calore. Un esempio di grassi monoinsaturi è rappresentato dall acido oleico. I grassi polinsaturi (PUFAs=Polyunsaturated Fatty Acids) sono classificati, in base alla localizzazione dei doppi legami all interno della loro molecola, in acidi grassi essenziali omega-6 ed omega-3. Tali grassi, in quanto essenziali, non sono fabbricati dall organismo ma vengono acquisiti solo con l alimentazione. Dall olio di pesce si ricava un tipo di PUFA che viene utilizzato come supplemento dietetico. I grassi polinsaturi possono esistere in natura oltre che nella forma cis (quella comune) anche nella forma trans e cioè con una differente posizione spaziale degli atomi di idrogeno. Tale categoria è denominata grassi trans o grassi idrogenati. Gli acidi grassi saturi sono grassi per lo più di origine animale presenti in abbondanza in alcuni salumi (salame Milano, mortadella, salsiccia), nei wurstel, nella pancetta, nella carne rossa (manzo, agnello, maiale), nel tuorlo d uovo, nel latte e yogurt interi, burro, margarina, formaggi grassi, panna, oli tropicali di palma, di cocco. Sono grassi solidi a temperatura ambiente necessari all organismo. Se consumati in eccesso e in modo continuativo sono implicati nell arteriosclerosi, nelle malattie cardiovascolari e tumorali. La quantità giornaliera non dovrebbe superare l 8% dell energia totale. L alimentazione ricca di grassi saturi determina un incremento della colesterolemia che, in studi sperimentali, ha dimostrato accelerare la crescita di carcinomi prostatici. Al contrario la riduzione dei livelli di colesterolo, con dieta appropriata e terapia farmacologica, rallenterebbe la crescita neoplastica (Solomon, 2009). Gli acidi grassi insaturi si distinguono in monoinsaturi e polinsaturi. Tali grassi sono liquidi a temperatura ambiente. 15

17 MACRONUTRIENTI E MODELLI ALIMENTARI Gli acidi grassi monoinsaturi hanno come componente principale l acido oleico, l acido palmitoleico ed altri. L acido oleico viene definito anche con il termine di acido grasso monoinsaturo omega-9. Si ritrova in alimenti di origine vegetale ed animale. È una componente dell olio extravergine di oliva (69,4 gr/100 gr di prodotto), della frutta secca (nocciole=45,8 gr/100; pistacchi=34,2 gr/100; mandorle=32,6gr/100; anacardi=24,4gr/100; arachidi=22,7gr/100; noci=10,8gr/100), del frutto avocado (15 gr/100 gr di prodotto), del cioccolato fondente (10,79 gr/100 di prodotto) e alimenti quali pesce (tonno, salmone), carne (piccione, manzo, salame, prosciutto), pane (panino all olio), uovo di gallina, ecc. Gli acidi grassi polinsaturi omega-6 sono composti essenziali per l organismo in quanto partecipano alla struttura della membrana cellulare ed hanno un ruolo nelle vie di segnale cellulare e nella funzione delle cellule epiteliali. Sono contenuti per lo più negli oli vegetali (olio di mais, di girasole, di soia) e nella carne rossa, salumi, tuorlo d uovo, ecc. Hanno come capostipite l acido linoleico che una volta introdotto per via alimentare viene trasformato, per via enzimatica, rispettivamente in ac. gamma linolenico (per azione di desaturasi) e successivamente in ac. diomogamma-linolenico (DGLA) (per azione di elongasi). Da questo acido, per azione dell enzima delta-5-desaturasi, deriva l acido arachidonico (AA). Tali grassi pur essendo essenziali e quindi indispensabili per l organismo 1 non devono essere consumati in quantità eccessiva altrimenti diventano nocivi. Il metabolismo dell acido arachidonico infatti è in grado di generare substrati proinfiammatori noti come eicosanoidi mediante gli enzimi ciclossigenasi e lipossigenasi. Gli eicosanoidi (prostaglandine, leucotrieni, trombossani) rappresentano determinanti critici dell infiammazione e sono coinvolti nelle malattie infiammatorie, cardiovascolari e tumorali. La maggior parte delle prostaglandine e trombossani derivanti dalla linea omega-6 hanno, in campo cardiologico, preminenti azioni negative (vasocostrizione, incremento dell aggregabilità piastrinica ed azioni favorenti la coagulazione). L acido arachidonico per conversione a PGE2 giuoca un ruolo importante nella stimolazione dei geni correlati alla crescita e proliferazione cellulare attraverso la via di segnale PI3K/Akt e la traslocazione nucleare di NF-kB attivato (Hughes-Fulford, 2006). Recenti osservazioni indicano che l attivazione della via di segnale PI3K/Akt riveste un ruolo chiave nella progressione del carcinoma prostatico. Inoltre la deprivazione androgenica messa in atto nella terapia della neoplasia in fase avanzata stimola tale via ed incrementa la resistenza all apoptosi e la progressione verso l ormonoindipendenza. L eccessivo consumo alimentare di omega-6 e l incremento di acido linoleico e arachidonico, che possono essere convertiti a PGE-2, può attivare le vie di segnale PI3K/Akt e NF-kB che rappresentano fattori chiave nella proliferazione ed oncogenesi prostatica (Benelli e Gavazzi, 2007). Di conseguenza la riduzione del consumo di omega-6 con la dieta potrebbe ridurre l attivazione della via PI3K mediata dagli eicosanoidi e rallentare la progressione del 1 Gli acidi grassi omega-6 entrano in giuoco nel metabolismo degli ormoni steroidi sessuali. L acido arachidonico rappresenta un componente di membrana nel sistema nervoso centrale e costituisce 1/3 di tutti i lipidi della materia grigia cerebrale. 16

18 MACRONUTRIENTI E MODELLI ALIMENTARI cancro. Inoltre il concomitante impiego di inibitori PI3K/Akt potrebbe rappresentare una possibilità terapeutica nel carcinoma prostatico ed in altre neoplasie. Gli acidi grassi polinsaturi omega-3 hanno come capostipite l acido alfa-linolenico (ALA). Si tratta di un acido grasso essenziale costituito da 18 atomi di carbonio che viene assunto per via alimentare (oli vegetali fra cui l olio di semi di lino, l olio di soia, la carne rossa, prodotti caseari). Da ALA si sintetizzano, per attività enzimatica (desaturasi ed elongasi), gli acidi EPA (ac. eicosapentaenoico) e DHA (ac. docosaesaenoico) la cui molecola è costituita da un maggior numero di atomi di carbonio. Anche se la sintesi di EPA e DHA può realizzarsi attraverso un percorso diretto a partire da ALA in pratica l organismo utilizza tale meccanismo solo in minima parte. Per acquisire EPA e DHA occorre assumere olio di pesce con l alimentazione o come supplemento dietetico. Come dall acido arachidonico, per gli omega-6, da EPA, per gli omega-3, derivano eicosanoidi. Quest ultimi, al contrario di quelli derivati da omega-6, hanno azioni preminentemente favorevoli (vasodilatazione, riduzione dell aggregabilità piastrinica) tanto da essere definiti eicosanoidi buoni. L acido alfa-linolenico, come vedremo, non sembra tuttavia avere gli stessi effetti fisiologici di EPA e di DHA. EPA è un acido grasso benefico in quanto inibisce l enzima delta-5-desaturasi. Così facendo blocca la trasformazione di omega-6 ad acido arachidonico e riduce la formazione di eicosanoidi cattivi ed in particolare di PGE2. Quando viene mantenuto un corretto equilibrio alimentare e si assumono solo limitate quantità di omega-6 e dosi adeguate di EPA, gli omega-6 tendono ad accumularsi come DGLA in quanto EPA inibisce l enzima delta-5-desaturasi. Si ha quindi produzione di eicosanoidi buoni. Se, al contrario, la dieta si basa su un eccesso di grassi omega-6 e di alimenti ad alto indice glicemico (IG), che inducono elevati livelli di insulina, si verifica l attivazione di delta-5-desaturasi da parte dell ormone pancreatico con incremento della produzione di acido arachidonico a spese di DGLA. L eccesso di insulina in tal caso indirizzerà la via metabolica verso eicosanoidi cattivi. Per evitare tale condizione occorre mantenere un basso rapporto omega-6/omega-3 e fra proteine e carboidrati (Sears, 2002). La dieta di tipo occidentale è spesso caratterizzata da un rapporto omega-6/omega-3 pari a 20-30:1. Tale rapporto, troppo spostato verso gli omega-6, favorisce l aggregazione piastrinica, il rischio di malattie cardiovascolari, l infiammazione, la patologia tumorale. Il rapporto ideale omega-6/omega-3 non dovrebbe essere superiore a 4:1. Come precedentemente detto gli acidi grassi omega-3 non sono comunemente rappresentati nei cibi che consumiamo quotidianamente. Sono infatti contenuti nei pesci, in alghe marine, nell olio di semi di lino, nei semi di lino, nelle noci. Sono grassi salutari che, se consumati regolarmente, ed incrementati con supplementi dietetici 2 (olio di pesce) determinano un miglioramento del quadro 2 Un esempio di integratore omega-3 è rappresentato da Seacor (SPA). Si tratta di esteri etilici di acidi grassi polinsaturi omega-3 (EPA+DHA) all 85% derivati da olio di pesce dei mari del nord concentrato e 17

19 MACRONUTRIENTI E MODELLI ALIMENTARI lipidico, favoriscono il dimagrimento, inibiscono la patologia infiammatoria, migliorano la sintomatologia dell osteoartrite e contrastano la patologia cardiovascolare. A questo proposito è stato osservato che gli Eschimesi, gli abitanti dell isola di Creta e dell isola di Okinawa (Giappone), che seguono una dieta molto ricca di omega- 3, hanno la più bassa mortalità per malattie cardiovascolari. Pare che l effetto protettivo si manifesti già per una quantità di un 1 gr/die di EPA e di DHA (Nannicini, 2008). Gli acidi alfa-linolenico, EPA e DHA hanno inoltre un effetto cardiaco antiaritmico 3, contrastano la malattia arteriosclerotica con le sue complicanze e la patologia tumorale. Gli acidi grassi polinsaturi trans, o idrogenati, sono grassi la cui struttura chimica viene modificata con la cottura o il trattamento industriale (idrogenazione) che viene attuato per conservare i cibi e non correre il rischio di irrancidimento. Sono scarsamente rappresentati nei cibi animali mentre si ritrovano come risultato dei processi di idrogenazione dei grassi vegetali che li rende solidi a temperatura ambiente. Sono presenti nelle margarine e nei prodotti da forno. Si ritrovano nel pane industriale, nelle paste, nei biscotti e prodotti di pasticceria, nei piatti precotti, nelle patatine fritte preconfezionate, ecc. Sono caratterizzati dagli stessi effetti negativi degli acidi grassi saturi. Determinano infatti incremento del colesterolo LDL, di lipoproteine aterogene, dei trigliceridi mentre riducono il colesterolo HDL 4. Aumentano, di conseguenza, i fattori di rischio cardiovascolare e tumorale. distillato più volte per ottenere un prodotto più puro. La distillazione molecolare permette di eliminare inquinanti ambientali, residui marini, acidi grassi a catena corta, ecc. La posologia consigliata è di oltre 2 gr al giorno di acidi grassi omega-3 a catena lunga. Soggetti che assumono più di 3 gr/die di acidi grassi omega-3 presentano un maggior rischio di sanguinamento. È stata segnalata la possibilità di infarto emorragico cerebrale. 3 EPA e DHA riducono il rischio di fibrillazione ventricolare agendo sui meccanismi elettrici ed in particolare inibendo i canali del sodio e del calcio. 4 Colesterolo e trigliceridi sono composti lipidici indispensabili per l organismo in quanto svolgono funzioni energetiche e fanno parte della struttura della membrane cellulari. Il colesterolo è prodotto in parte nel fegato ed in parte deriva dall alimentazione. È necessario per la sintesi ormonale e della vitamina D. I trigliceridi sono lipidi che possono essere assunti con la dieta o formati dall organismo e si presentano soprattutto nel tessuto adiposo sottocutaneo dove rappresentano una riserva energetica (lipidi di deposito). Il colesterolo viene trasportato nel sistema circolatorio dalle lipoproteine fra cui risultano le HDL (lipoproteine ad alta densità) e le LDL (lipoproteine a bassa densità). Le prime lo trasportano via dalle cellule mentre le seconde lo trasportano nelle cellule. Il colesterolo HDL è definito colesterolo buono perché svolge l utile ruolo di spazzino delle arterie in quanto trasporta il colesterolo dalle arterie al fegato per essere eliminato. Il colesterolo LDL, al contrario, rappresenta il colesterolo cattivo che, se in eccesso, si accumula all interno della parete arteriosa. L ossidazione di LDL determina il maggior danno arterioso in quanto dà inizio al processo infiammatorio che richiama cellule proinfiammatorie che contribuiscono alla formazione di placche arteriosclerotiche ed al rischio cardiaco (Libby, 2006). I livelli ematici di colesterolo totale rappresentano la somma di quello presente sotto forma di lipoproteine LDL 18

20 MACRONUTRIENTI E MODELLI ALIMENTARI PESCI ALIMENTI RICCHI DI ACIDI GRASSI OMEGA- 3 Omega-3 (mg x 100 gr di alimento) (da Nannicini, 2008) ALA (%) EPA (%) DHA (%) Tonno fresco ,7 37,6 56,5 Aringa fresca ,2 73,3 24,3 Sardine sott olio ,7 46,3 47,8 Sgombro ,4 31,4 56,1 Salmone fresco ,1 38,1 43,7 Sardine fresche ,0 40,4 56,4 Triglia ,4 69,5 Pesce spada ,5 12,7 64,7 Salmone affumicato 810 3,7 40,7 55,5 Trota 659 6,3 21,2 72,3 Acciughe/Alici 530 5,6 39,6 54,7 Nasello 416 8,4 56,9 34,6 Spigola 300 3, ,6 Coda di rospo 263 0,7 18,6 80,6 FRUTTA SECCA/SEMI OLEOSI Concentrati oleosi di semi di lino Semi di lino Noci Arachidi Farina di soia Semi di soia Mandorle ALIMENTI RICCHI DI ALA (gr x100 gr di alimento) 54,2 gr 16,7 gr 7,5 gr 0,54 gr 1,4gr 0,93gr 0,26 gr e di HDL. Molto importante per la valutazione del rischio vascolare è il rapporto fra colesterolo totale e colesterolo HDL che deve essere inferiore a 5 per l uomo e a 4,5 per la donna. Riveste importanza anche il rapporto trigliceridi/colesterolo HDL (TG/HDL) che se elevato significa che nel sangue sono predominanti particelle LDL piccole e dense che accelerano la formazione di placche arteriosclerotiche. Inoltre un rapporto elevato è anche un segno di eccesso di insulina. Il rapporto TG/HDL può essere migliorato con una dieta povera di carboidrati integrata con olio di pesce. 19

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

SIAMO CIO CHE MANGIAMO Come l alimentazione può aiutarci a mantenerci in salute. Chiara Segré, PhD Giornata Nazionale della Previdenza 14 Maggio 2014

SIAMO CIO CHE MANGIAMO Come l alimentazione può aiutarci a mantenerci in salute. Chiara Segré, PhD Giornata Nazionale della Previdenza 14 Maggio 2014 SIAMO CIO CHE MANGIAMO Come l alimentazione può aiutarci a mantenerci in salute Chiara Segré, PhD Giornata Nazionale della Previdenza 14 Maggio 2014 L alimentazione è il più importante fattore ambientale

Dettagli

Nutrizione. Protidi. Lipidi. Glucidi. Vitamine. Minerali. Acqua Alcool

Nutrizione. Protidi. Lipidi. Glucidi. Vitamine. Minerali. Acqua Alcool Nutrizione E il processo attraverso il quale l organismo utilizza i nutrienti ingeriti con il cibo. La nutrizione valuta: - le interazioni tra organismi viventi e cibo - le azioni ed interazioni dei nutrienti,

Dettagli

Salute, Benessere, Carattere. Guida la tua vita! Il mio benessere? Una questione di stile!

Salute, Benessere, Carattere. Guida la tua vita! Il mio benessere? Una questione di stile! ri-esco Salute, Benessere, Carattere. Guida la tua vita! Il mio benessere? Una questione di stile! Esistono molti modi di alimentarsi, e un solo modo di nutrirsi STATO NUTRIZIONALE Adattato da: Bedogni

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it I macronutrienti 1 Ogni alimento può essere composto da: Carboidrati Proteine Grassi Questi sono conosciuti come macronutrienti 2 Il cibo va forse valutato solo in funzione del suo apporto calorico? ASSOLUTAMENTE

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione ALIMENTAZIONE Appunti di lezione CORRETTA ALIMENTAZIONE Un adolescente (13-15 anni) Ha bisogno per crescere di: Energia e Nutrienti Ossia di alimentarsi, ma con misura nè troppo, ne troppo poco. Il termine

Dettagli

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 Data: 10/01/2011 Paziente: ROSSI MARIO ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA Glicemia Insulinemia Indice HOMA ANALITA DESCRIZIONE

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Educazione alimentare Anno Accademico 2010-11. I nutrienti. Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi

Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Educazione alimentare Anno Accademico 2010-11. I nutrienti. Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Educazione alimentare Anno Accademico 2010-11 11 I nutrienti Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi I nutrienti che hanno un ruolo importante nel nostro organismo

Dettagli

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione Gli alimenti sono indispensabili alla vita. Consentono all organismo di

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti L ALFABETO DELLA CORRETTA NUTRIZIONE Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti delle membrane cellulari hanno destato negli ultimi anni maggior interesse. E ormai

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore I TUMORI Il Rapporto Mondiale dell Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, dell Organizzazione Mondiale della Sanità, evidenzia come il cancro sia divenuto uno dei maggiori problemi per la sanità

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

GLICIDI, GRASSI, PROTEINE

GLICIDI, GRASSI, PROTEINE SPECIALE: "ALIMENTAZIONE E SPORT" GLICIDI, GRASSI, PROTEINE Testo e disegni di Stelvio Beraldo I GLICIDI (ZUCCHERI, CARBOIDRATI) Hanno come compito principale la produzione di energia, indispensabile per

Dettagli

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO Dr.ssa SABRINA BUGOSSI DIETISTA L alimentazione rappresenta uno dei cardini fondamentali nella terapia del diabete mellito Più che parlare di

Dettagli

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Al fine di comporre correttamente la propria dieta è bene conoscere le qualità dei principali alimenti che in base alle loro principali caratteristiche nutrizionali

Dettagli

ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto tra acidi grassi omega6 e omega3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto tra acidi grassi omega6 e omega3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 CCV: 574 Data: 01/01/2013 Paziente: Rossi Mario Referto a cura di: NatrixLab Via Cavallotti, 16 42122 Reggio Emilia Aut.n. 67 del 26.01.10 Direttore Sanitario Dott. Michele

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

ALIMENTAZIONE E DIABETE

ALIMENTAZIONE E DIABETE ALIMENTAZIONE E DIABETE Dott.ssa Elena Cimino Scuola di Specializzazione in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo Università dell Insubria Sede Milano Bicocca UOS Diabetologia Clinica Medica Ospedale

Dettagli

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi:

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi: Legumi I legumi sono considerati la carne dei poveri per il loro contenuto proteico. Sono utilissimi ai vegetariani e ai vegani (questi, a differenza dei vegetariani, non utilizzano neanche i latticini

Dettagli

Come Eseguire la dieta Zona

Come Eseguire la dieta Zona Come Eseguire la dieta Zona 1 blocco è dato da 7g di proteine + circa 3 g di grassi + circa 9 g di carboidrati. La pasta, come tutti i derivati delle farine, viene generalmente evitata è consigliato dunque

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

Gli acidi grassi omega-3 sono detti polinsaturi a causa del fatto che la loro catena comprende vari doppi legami.

Gli acidi grassi omega-3 sono detti polinsaturi a causa del fatto che la loro catena comprende vari doppi legami. A cura del Dott Giancarlo Piovaccari Direttore Dipartimento Malattie Cardiovascolari-Rimini Gli Omega-3 (o PUFA n-3) sono una categoria di acidi grassi essenziali (ai quali appartengono anche gli Omega

Dettagli

Nutrizione e Sport Piergiorgio Pietta. Verona 15 aprile 2012 IV Congresso Nazionale DMSA

Nutrizione e Sport Piergiorgio Pietta. Verona 15 aprile 2012 IV Congresso Nazionale DMSA Nutrizione e Sport Piergiorgio Pietta Verona 15 aprile 2012 IV Congresso Nazionale DMSA L'alimentazione dello sportivo non è molto diversa dall'alimentazione indicata per la popolazione in generale. Non

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Siamo quello che mangiamo

Siamo quello che mangiamo Siamo quello che mangiamo Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento di prevenzione a tutela della salute e dell armonia psico-fisica organismo è una macchina biochimica che consuma carburante

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Serena Missori Specialista in Endocrinologia. U.O. D Geriatria Ospedale S. Andrea Roma II Facoltà di Medicina Università La Sapienza di Roma

Serena Missori Specialista in Endocrinologia. U.O. D Geriatria Ospedale S. Andrea Roma II Facoltà di Medicina Università La Sapienza di Roma Serena Missori Specialista in Endocrinologia U.O. D Geriatria Ospedale S. Andrea Roma II Facoltà di Medicina Università La Sapienza di Roma IL FULCRO della SM è l'obesita' CENTRALE SINDROME METABOLICA

Dettagli

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE 15 L aspettativa di vita.........................................17 La grande illusione.........................................17

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione)

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Comune di Bologna Settore Istruzione (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Anno 2012 a cura di: Alves Carpigiani Nutrizionista Responsabile della U.O. Igiene Nutrizione Controllo pasti nidi

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010 Lezione di alimentazione Claudio Caldini i Una corretta alimentazione non è sufficiente per vincere una gara ma un alimentazione insufficiente può sicuramente farla perdere Prof. Giuseppe Masera Responsabile

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

GLI ACIDI GRASSI OMEGA 3 ACIDO ALFA LINOLENICO. inibisce. stimola

GLI ACIDI GRASSI OMEGA 3 ACIDO ALFA LINOLENICO. inibisce. stimola GLI OMEGA 3 PARTE I NOTA BENE: QUANTO SEGUE HA SOLO UN VALORE INFORMATIVO GENERICO E MAI PRESCRITTIVO. PERTANTO PRIMA DI INTRAPRENDERE TUTTA, O ANCHE IN PARTE, LA PROCERURA SOTTOSCRITTA, E ASSOLUTAMENTE

Dettagli

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO PROGETTO ALIMENTAZIONE E CULTURA Impariamo a nutrirci per crescere meglio CIRCOLO DIDATTICO DI ARICCIA Centro Studi Regionale per l Analisi e la Valutazione del Rischio Alimentare (CSRA) - IZS Lazio e

Dettagli

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA Speciale FARINE di Maurizio De Pasquale www.orlandipasticceria.com LA RICERCA DELLE PROTEINE N utrirsi bene è fondamentale

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE. Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A.

ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE. Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A. ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A. Nutraceutica Nome dato a quella branca della ricerca scientifica, svolta in numerosi laboratori, sugli alimenti

Dettagli

Informazioni sugli elementi nutritivi

Informazioni sugli elementi nutritivi Informazioni sugli elementi nutritivi Nella terra e nello spazio Gli zuccheri Gli zuccheri (detti anche glucidi o carboidrati)) sono i composti organici più comuni sulla Terra. Le piante li producono con

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

colesterolo sotto controllo

colesterolo sotto controllo Come tenere il colesterolo sotto controllo LAVORIAMO INSIEME PER PROTEGGERE LA TUA VITA Cos è il colesterolo alto (ipercolesterolemia)? Come succede a molti di noi, non hai mai pensato al colesterolo o

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

E tutta colpa della Biochimica ovvero

E tutta colpa della Biochimica ovvero E tutta colpa della Biochimica ovvero Yin Yang degli alimenti Paola Palestini Grassi animali o grassi vegetali???? Glucosio o fruttosio???? Antiossidanti contro i radicali liberi ma cosa sono???? Allergie

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

L oro Liquido ALIMENTO FUNZIONALE:

L oro Liquido ALIMENTO FUNZIONALE: L oro Liquido Considerare l olio come un semplice condimento è sbagliato. L olio è a tutti gli effetti un Alimento ricco di sostanze benefiche per l organismo. ALIMENTO FUNZIONALE: Alimenti caratterizzati

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

False credenze e nuove certezze Reggio Emilia 22.11.2014

False credenze e nuove certezze Reggio Emilia 22.11.2014 I consumi di proteine 1861-2007 Come sono fatte le proteine? Le proteine sono uno dei tre macronutrienti (gli altri sono carboidrati e grassi), su cui si basa principalmente la nostra alimentazione.

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115 Sommario Introduzione Conosci l indice glicemico e perdi peso senza sacrifici 7 Capitolo 1 La glicemia dei cibi e i meccanismi che fanno ingrassare 13 Capitolo 2 L importanza dell indice glicemico 33 Capitolo

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico

Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della glicemia conseguente

Dettagli

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA Regione PIEMONTE- ASL2-Torino Ambulatorio di Cardiologia OSPEDALE S. Giovanni Bosco Tel.011-2402310 Progetto GIOTTO Responsabile Drssa Bianca BIANCHINI DIETA Ovvero MANGIARE PER LA VITA Questo piccolo

Dettagli

Alimentazione e salute

Alimentazione e salute ASL Napoli 1 Centro Progetto Quadrifoglio: educare alla salute Alimentazione e salute Dott. Giuseppe Manco, UOMI Distretto 23 Dott. Pio Russo Krauss, Settore Educazione Sanitaria ed Ambientale Dott.ssa

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

ISTRUZIONI PER MANGIAR SANO PER GRANDI E PICCOLI

ISTRUZIONI PER MANGIAR SANO PER GRANDI E PICCOLI EDUCAZIONE ALIMENTARE PER TUTTA LA FAMIGLIA PRIMA PARTE ISTRUZIONI PER MANGIAR SANO PER GRANDI E PICCOLI PRIMA PARTE IL PERCORSO DEGLI ALIMENTI Gli alimenti, dopo essere stati ingeriti, arrivano al tubo

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

I Composti Organici. Le Biomolecole

I Composti Organici. Le Biomolecole I Composti Organici I composti organici sono molecole tutte contenenti carbonio. Essi comprendono. 1. composti di interesse energetico che sono gli Idrocarburi ( i derivati del petrolio), 2. composti a

Dettagli

L ALIMENTAZIONE NEL BAMBINO E ADOLESCENTE CON DIABETE

L ALIMENTAZIONE NEL BAMBINO E ADOLESCENTE CON DIABETE L ALIMENTAZIONE NEL BAMBINO E ADOLESCENTE CON DIABETE Silvana Salardi Università degli Studi di Bologna Centro Regionale di Riferimento per la Diabetologia Pediatrica dell Emilia-Romagna Storia Inizialmente

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

L'alimentazione del giovane praticante corsa

L'alimentazione del giovane praticante corsa L'alimentazione del giovane praticante corsa Prof. Danilo Gambarara L alimentazione è uno dei fattori che incidono più fortemente sull accrescimento, sullo sviluppo fisico e mentale, sull aspetto estetico,

Dettagli

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI DIETA VEGETARIANA Nella realizzazione di una dieta vegetariana frequentemente viene seguito un percorso che passa attraverso un procedimento di eliminazione di gruppi di cibi dall architettura tipica della

Dettagli

More details >>> HERE <<<

More details >>> HERE <<< More details >>> HERE http://urlzz.org/curacolest/pdx/nasl3715/

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

Senza il dolce, il cuore è più leggero.

Senza il dolce, il cuore è più leggero. Il diabete Il diabete Opuscolo redatto da Franco Veglio*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*, appartengono anche i seguenti titoli: Senza il dolce, il cuore è più leggero. L attività fisica

Dettagli

Se un giorno deciderai di scoprire la forza della vita che è in te, fermati a guardare un seme mentre germoglia. Pietro Farnedi

Se un giorno deciderai di scoprire la forza della vita che è in te, fermati a guardare un seme mentre germoglia. Pietro Farnedi Se un giorno deciderai di scoprire la forza della vita che è in te, fermati a guardare un seme mentre germoglia. Pietro Farnedi 1 I GERMOGLI ( sprouts ) 2 Fa che il cibo sia la tua medicina Ippocrate 460-370

Dettagli

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori alimentari, nella vita quotidiana, sono prodotti specifici che favoriscono l'assunzione di sostanze quali macronutrienti (carboidrati e proteine)

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO una corretta informazione per un benessere psicofisico Mangiare o nutrirsi? Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico Nutrirsi

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

3) Il Colesterolo. Le diverse forme di colesterolo, HDL e LDL, note al grande pubblico come colesterolo buono e cattivo, non 1

3) Il Colesterolo. Le diverse forme di colesterolo, HDL e LDL, note al grande pubblico come colesterolo buono e cattivo, non 1 3) Il Colesterolo Il colesterolo è un normale e indispensabile costituente del nostro organismo, per la maggior parte presente nel bilayer fosfolipidico delle membrane cellulare, alle quali conferisce

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

10 REGOLE PER UNA SANA ALIMENTAZIONE

10 REGOLE PER UNA SANA ALIMENTAZIONE 10 REGOLE PER UNA SANA ALIMENTAZIONE A cura della dietista Nicoletta dott.ssa Colombi In collaborazione con Fondazione casa dei Premolesi La figura del dietista Il dietista è un professionista sanitario

Dettagli

INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI.

INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI. INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI. Prof. Roberto Calcagno Ho già trattato in un precedente articolo dell indice glicemico degli alimenti ( G.I. Glicemic Index), ora vorrei integrare questo concetto

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

Trasporto di glucosio, fruttosio e galattosio attraverso l epitelio intestinale

Trasporto di glucosio, fruttosio e galattosio attraverso l epitelio intestinale Trasporto di glucosio, fruttosio e galattosio attraverso l epitelio intestinale Membrana apicale SGLT1: permette il trasporto attivo di glucosio e galattosio contro gradiente di concentrazione (co-trasporto

Dettagli