DIRITTO E SCIENZA. Rivista giuridica telematica Anno 2014 Dicembre N. 12. Diritto e scienza 2014/12 Pag. 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIRITTO E SCIENZA. Rivista giuridica telematica Anno 2014 Dicembre N. 12. Diritto e scienza 2014/12 Pag. 1"

Transcript

1 DIRITTO E SCIENZA Rivista giuridica telematica Anno 2014 Dicembre N. 12 Pag. 1

2 Creazione umana e ordine giuridico a cura di Alessia Iacopini e Federica Federici Revisione e coordinamento Francesco Bellomo Pag. 2

3 PRESENTAZIONE DEL NUMERO Si può creare l individuo perfetto? Sono il n. 867 al mondo 1. Ma, probabilmente, se incontrassi uno dei primi 866 non sarei pienamente soddisfatto. Questo dimostra che la perfezione è un aspirazione, più che una realtà. Esiste, ma non sembra raggiungibile. È, tuttavia, l unico standard da tenere in considerazione per l addestramento. «Mi astengo da qualsiasi commento sulle ultime tribolazioni dell Agente Superiore. Ora mi sembra che tutto assomigli, mutatis mutandis, alla scommessa dei fratelli Mortimer e Randolph Duke ne una poltrona per due : possiamo prendere una persona ai margini della società e farla diventare, con l opportuno addestramento, un capitano d industria? Lì la risposta fu alla fine positiva, ma si sa quella è Hollywood» 2. Così una lettrice commenta gli sviluppi della mia ricerca, omettendo di considerare che, come è stato illustrato nel numero precedente, non c è nulla di casuale nella scelta delle persone, che è l esito di una selezione rigorosa. Se gli esperimenti falliscono (solo alcuni peraltro) le ragioni sono di tipo strutturale. La costruzione di modelli empirici dei comportamenti umani avviene formulando astrazioni ipotetico-deduttive, verificate su base induttiva. 1 Proiezione statistica del rapporto 188/100. Ciò posto, 867 : = 1, x 10-7, pari allo 0, % della popolazione umana. L agente superiore generale si colloca entro il 2%. 2 Louis Winthorpe III è un agente di cambio di beni di consumo di successo, nonché esponente della Filadelfia bene. La sua vita trascorre tranquilla tra il lavoro, le partite di tennis al circolo e le serate con la fidanzata. Il lavoro di broker presso la società Duke & Duke gli permette di vivere in una splendida casa e di godere dei servigi del maggiordomo Coleman. Billie Ray Valentine è invece uno straccione, che mendica elemosina per strada simulando di aver perso le gambe e la vista durante la guerra del Vietnam. Le vite dei due si incrociano casualmente, quando Billie Ray viene arrestato a causa di un equivoco: in seguito ad uno scontro fortuito, Louis crede di essere aggredito dallo stesso e spaventato chiede l intervento dei poliziotti. L episodio alimenta uno scambio di opinioni tra i proprietari della società finanziaria per la quale lavora Louis, i fratelli Mortimer e Randolph Duke, tanto ricchi quanto avari. Questi, infatti, sono in disaccordo sulle motivazioni che spingono un uomo al fallimento; da una parte Mortimer sostiene che le persone siano geneticamente predisposte alla miseria o al successo dalla nascita, mentre il fratello Randolph è convinto che sia l ambiente nel quale si vive a determinare l agire e le abitudini, sia positive che negative, di un individuo. Per verificare le proprie posizioni i Duke decidono, a fronte di una scommessa, di fare un esperimento: pongono Billie Ray Valentine nella posizione che era di Luois, con un lavoro e una casa prestigiosi, e fanno in modo che Louis venga arrestato, e perda tutto ciò che ha ottenuto nella vita: amici, fidanzata, conto in banca, lavoro e casa. Billie Ray, nella sua nuova vita, scopre di avere un talento innato per la gestione finanziaria degli scambi di beni di consumo, riuscendo a conquistare anche una prima pagina su un importante giornale economico; messo ulteriormente alla prova sulla sua onestà da Mortimer Duke, che fa cadere di proposito una certa somma di denaro sul pavimento, si comporta brillantemente restituendo ai fratelli l intera cifra. L esperimento riesce e la posta in palio tra i Duke viene saldata. Si tratta di un solo dollaro Pag. 3

4 Preliminarmente, occorre fissare il quadro di riferimento. Il genere umano può essere classificato in quattro categorie. 1. Chi non prova neppure a mutare la mediocrità della propria esistenza. 2. Chi prova, ma fallisce. 3. Chi prova e riesce. 4. Chi non ha neppure bisogno di provare. La categoria che mi interessa è la seconda, perché sono questi i casi da comprendere, se si vuole ottenere il progresso. Posto che i casi considerati riguardano chi agisce non da solo, ma sotto la potente guida dell agente superiore generale 3, si capisce subito che all origine dell insuccesso possono esserci solo le distorsioni emotive dell interessato. Allorquando costui non riesce a spiegare razionalmente una decisione o un comportamento, tacendo, oppure evocando l insondabilità dei sentimenti, l istinto 4, o argomentazioni che violano il principio di contraddizione, vi è la certezza che stia operando sotto l effetto di una distorsione emotiva. In conclusione, non possono che condividersi le parole di un Illustre dell antichità: poiché non ha nessuna razionale comprensione della natura delle cose cui si riferisce, non sa di ciascuna cosa indicare la causa. Perchè l agente superiore non la neutralizza? Perché alla distorsione emotiva si accompagna quasi sempre l illusione, insuperabile dall esterno. La realtà viene prima mentalmente ribaltata dalla persona interessata (verofalso), quindi comunicata ai terzi o all altra parte (falso-falso), infine acquisita come definitiva dalla stessa (falso-vero). Per quanti sforzi si facciano, l illuso continuerà ad ignorare la verità. L illusione rappresenta un ancestrale tecnica di sopravvivenza dell essere umano, nonché garanzia della pace sociale. Attraverso l illusione, l individuo mette apparentemente ordine ad un mondo che non è in grado di dominare a causa delle proprie distorsioni emotive (ansia e stati soggettivi assimilati) e sostituisce le sequenze causali che regolano la realtà con quelle elaborate su base illusoria, mascherando l operazione con la peggiore forma di menzogna: quella a se stessi. 3 Nel mondo imperfetto le funzioni dell agente superiore sono svolte da figure socialmente riconosciute: il genitore, il maestro, l istruttore, il fidanzato, etc. Ad impossibilia nemo tenetur: contare sull agente superiore generale è un privilegio per pochi, che va conquistato. 4 Fà ciò che senti, Và dove ti porta il cuore, e affermazioni simili sono un esempio della perdurante idiozia del genere umano. Cosa suggerireste a chi vi confidasse che sente di doversi suicidare? Pag. 4

5 «Mentire a se stessi peró è tutta un altra cosa. Puó capitare, a volte è necessario per sopravvivere, peró se diventa una regola, è solo un modo per divorziare dalla realtà, per proteggersi dal mondo, per non farsi raggiungere. Ma tanto il mondo e la realtà prima o poi ti raggiungono» 5. L esito dell illusione è che l interessato si rappresenta la resa alla mediocrità come una scelta, così da renderla accettabile, anzi preferibile. «È strano osservare il trionfo di incidenti insignificanti sulla mente: Quanto peso abbiano incredibilmente nel formare e guidare le nostre opinioni, tanto degli uomini che delle cose, sì che quisquilie più leggere dell aria, sospingono nell anima una convinzione, e ve la piantano così irremovibilmente, che tutte le dimostrazioni di Euclide, se potessero essere indotte ad aprirvi una breccia, non riuscirebbero a scalzarla» 6. Gli esempi si sprecano e, questa volta, per fedeltà ad una promessa, non ne faccio. Ma il lettore potrà cercarli nella propria vita: ne troverà in abbondanza. Taluni innocui, altri, semplicemente, distruttivi. Quando come nell ipotesi di addestramento o di rapporto sentimentale la distorsione emotiva si verifica in una relazione di tipo cooperativo, la teoria dei giochi suggerisce l abbandono del gioco (o dell altro giocatore). Ma proprio questo è il suo limite, che intendo superare. Pur nel susseguirsi di episodi negativi, la soluzione è vicina. Forse, la prossima volta sarà quella buona. E, tanto per esser chiari, l amore non è una distorsione emotiva. Ne è, piuttosto, l assenza. Solo chi ha la mente lucida, ama. Se così non fosse, non potrebbe riconoscere l altro e come realmente sta con lui. Fermo restando che si possono amare anche i mediocri. Basta essere come loro 7. «Le leggi scientifiche non si interpretano, né si applicano, ma si subiscono». L agente superiore non le subisce. Le usa. Francesco Bellomo 5 Gianrico Carofiglio, La regola dell equilibrio. 6 Laurence Sterne, Vita e opinioni di Tristam Shandy. 7 È la nota massima di esperienza, di origine popolare, chi si somiglia, si piglia. Oltre che una legge matematica, la convergenza delle serie geometriche (http://www.dirittoscienza.it/2013-dicembre.pdf, 12). Tuttavia, la resa può generare effetti paradossali: una persona afferma di amare il mediocre, ritenendo erroneamente di essere come lui. È una classica fallacia logica a posteriori: il soggetto sostituisce la causa della resa (la distorsione emotiva) con il suo effetto (l esistenza mediocre), e per dimostrare la correttezza della sua decisione si illude di amare il mediocre. Si capisce bene come, in casi simili, ansia e paura annientano il pensiero a tal punto che l individuo, pur di fuggirne, preferisce disconoscere la sua non immeritevole natura, così da rendere accettabile anzi preferibile l infelice scelta operata. Pag. 5

6 GNOSEOLOGIA Alessia Iacopini SOMMARIO: 1. Nozione 2. Scienze naturali e norme del primo tipo 3. Scienze sociali e norme del secondo tipo 4. Scienze morali e norme del terzo tipo 1. Nozione Creare significa dare origine a qualcosa di diverso da sé. La creazione dell essere umano può avvenire con due modalità: la filiazione attraverso la riproduzione sessuata e la clonazione. La riproduzione sessuata consiste nella generazione di un nuovo individuo il cui nucleo (quello della prima cellula, nel caso di organismi pluricellulari) deriva dalla fusione di due nuclei diversi, provenienti da due individui diversi; il genoma dell individuo figlio è quindi diverso da quello di entrambi i nuclei genitori. L unione tra il gamete maschile e quello femminile, che dà vita a una nuova cellula (zigote), può avvenire con modalità naturali oppure attraverso l ausilio di tecniche medicoscientifiche, che saranno esaminate nel successivo paragrafo. Meccanismo affatto diverso è quello della clonazione. La clonazione è il processo, naturale o artificiale, che porta all ottenimento di cellule, individui o geni, tutti identici fra loro (cloni). Il termine deriva dal greco antico κλών (klōn, ramo ramoscello ), e per clonazione, in biologia, si intende la riproduzione asessuata, naturale o artificiale, di un intero organismo vivente o anche di una singola cellula; in natura avviene per alcuni organismi unicellulari, per alcuni invertebrati (platelminti, anellidi, ecc.) e per alcune piante. Nella moderna genetica, e nelle scienze biologiche applicate in genere, la clonazione è la tecnica di produzione di copie geneticamente identiche di organismi viventi tramite manipolazione genetica. Può avvenire con due distinte procedure: con la separazione di singole cellule o suddivisione di singole cellule nelle prime fasi dello sviluppo embrionale, quando le cellule sono totipotenti (cioè, capaci di generare un intero organismo) oppure attraverso il trapianto di nuclei ottenuti da cellule a vari stadi dello sviluppo in cellule-uovo non fecondate o fecondate, dopo aver eliminato fisicamente o reso inattivo il nucleo residente. La clonazione che abbia come oggetto la creazione di esseri umani è una forma di manipolazione genetica che può avere diverse finalità: riproduttive (nei casi di sterilità di coppia); terapeutiche (replicare individui per farne riserve di organi e tessuti); migliorative della specie (replicare gli individui migliori e più sani); di selezione del sesso. Pag. 6

7 La clonazione dell essere umano è oggetto di divieto nell ordinamento giuridico; divieto che trova fondamento nelle scienze esatte, nelle scienze sociali e in quelle morali. Quanto al primo aspetto, con tale procedura si ha un sovvertimento dell ordine biologico naturale che conduce alla fissazione del genotipo, invece di andare verso la diversità che costituisce l opzione scientificamente più vantaggiosa, giacché offre alle specie maggiore capacità di adattamento e di sopravvivenza. Quanto alle scienze sociali, la clonazione rappresenta una violazione dei diritti umani fondamentali, in primis del rispetto per la dignità e l identità personale dell individuo. Quanto alle scienze morali, la contrarietà alla clonazione è argomentata in forza della centralità del concetto di individualità e, nella religione, muove altresì dall assunto della esclusiva pertinenza di Dio del processo di creazione umana; emergono, poi, profili di criticità con riferimento alle possibili conseguenze di tipo eugenetico, avversate in quanto frutto dell opinabile, e, in quanto tale, arbitraria ed inaccettabile scelta dei criteri di selezione. Il divieto di clonazione si intreccia con la disciplina a protezione dell embrione, che ha un raggio di applicazione più ampio, tutelando quest ultimo sia dalla clonazione in senso stretto, sia da qualsiasi intervento volto a modificarlo, selezionarlo, sopprimerlo o effettuarvi sperimentazione, salvo talune deroghe limitate agli interventi diagnostici e terapeutici. A livello internazionale, la Convenzione di Oviedo del 1997 ( Convenzione per la protezione dei Diritti dell Uomo e della dignità dell essere umano nei confronti dell applicazioni della biologia e della medicina ) sancisce il primato dell interesse e del bene dell essere umano sul solo interesse della società o della scienza e pone una serie di divieti: il divieto di ogni forma di discriminazione nei confronti di una persona in ragione del suo patrimonio genetico (art. 11); quello di effettuare test predittivi di malattie genetiche o che permettano sia di identificare il soggetto come portatore di un gene responsabile di una malattia, sia di rivelare una predisposizione o una suscettibilità genetica a una malattia, se non a fini medici o di ricerca medica, e sotto riserva di una consulenza genetica appropriata (art. 12); la limitazione di interventi che hanno come obiettivo di modificare il genoma umano al perseguimento di finalità preventive, diagnostiche o terapeutiche, e solamente se non ha come scopo di introdurre una modifica nel genoma dei discendenti (art. 13); il divieto di selezione del sesso (art. 14). Il Protocollo Addizionale del 12 gennaio 1998, n. 168 vieta espressamente ogni intervento avente per scopo la creazione di esseri umani geneticamente identico ad un essere umano vivente o morto. A livello europeo, l art. 3 della Carta di Nizza prescrive parimenti il divieto della clonazione riproduttiva degli esseri umani. La direttiva 98/44/CE sulla brevettabilità delle invenzioni biotecnologiche precisa, all art. 6, che sono escluse dalla brevettabilita le invenzioni il cui sfruttamento commerciale è contrario all ordine pubblico o al buon costume; lo sfruttamento di un invenzione non puo di per sé essere considerato contrario all ordine pubblico o al Pag. 7

8 buon costume per il solo fatto che è vietato da una disposizione legislativa o regolamentare. Il successivo paragrafo chiarisce che sono considerati non brevettabili in particolare: a) i procedimenti di clonazione di esseri umani; b) i procedimenti di modificazione dell identita genetica germinale dell essere umano; c) le utilizzazioni di embrioni umani a fini industriali o commerciali; [ ]. Si tratta di un elenco non tassativo, come si evince dalla lettura del trentottesimo «considerando» della direttiva, pertanto tutti i procedimenti la cui applicazione reca pregiudizio alla dignità umana devono essere esclusi dalla brevettabilità. La Corte di Giustizia 8, pronunciandosi in via pregiudiziale sull interpretazione della normativa in questione, ha precisato che costituisce un «embrione umano» qualunque ovulo umano fin dalla fecondazione, qualunque ovulo umano non fecondato in cui sia stato impiantato il nucleo di una cellula umana matura e qualunque ovulo umano non fecondato che, attraverso partenogenesi, sia stato indotto a dividersi e a svilupparsi. Inoltre, spetta al giudice nazionale stabilire, in considerazione degli sviluppi della scienza, se una cellula staminale ricavata da un embrione umano nello stadio di blastocisti costituisca un «embrione umano» ai sensi della direttiva n. 98/44. L esclusione dalla brevettabilità relativa all utilizzazione di embrioni umani a fini industriali o commerciali enunciata all art. 6, n. 2, lett. c), della direttiva riguarda altresì l utilizzazione a fini di ricerca scientifica, mentre solo l utilizzazione per finalità terapeutiche o diagnostiche che si applichi all embrione umano e sia utile a quest ultimo può essere oggetto di un brevetto. Inoltre, l art. 5 della direttiva vieta che il corpo umano, nei vari stadi della sua costituzione e del suo sviluppo, possa costituire un invenzione brevettabile. Secondo quanto affermato dalla Corte di Giustizia, il contesto e lo scopo della direttiva rivelano che il legislatore dell Unione ha inteso escludere qualsiasi possibilita di ottenere un brevetto quando il rispetto dovuto alla dignità umana può esserne pregiudicato. Da cio risulta che la nozione di embrione umano ai sensi dell art. 6, n. 2, lett. c), della direttiva deve essere intesa in senso ampio. L art. 12 co. VII della legge n. 40/2004, che disciplina la procreazione medicalmente assistita, punisce chiunque realizza un processo volto ad ottenere un essere umano discendente da un unica cellula di partenza, eventualmente identico, quanto al patrimonio genetico nucleare, ad un altro essere umano in vita o morto. L art. 13 vieta la sperimentazione su embrioni umani. E consentita la ricerca clinica e sperimentale su ciascun embrione umano è consentita a condizione che si perseguano finalità esclusivamente terapeutiche e diagnostiche ad essa collegate volte alla tutela della salute e allo sviluppo dell embrione stesso, e qualora non siano disponibili metodologie alternative (salvo quanto si dirà nel seguente paragrafo). 8 Corte di Giustizia, Grande Sezione, causa C-34/10, sent , Oliver Bru stle v Greenpeace ev, par. 30, consultabile su Internet all indirizzo: Il dispositivo è rinvenibile in Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee, anno 54, Lussemburgo , p. 5. Pag. 8

9 Sono, comunque, vietati: la produzione di embrioni umani a fini di ricerca o di sperimentazione o comunque a fini diversi da quelli previsti dalla legge; ogni forma di selezione a scopo eugenetico degli embrioni e dei gameti ovvero interventi che, attraverso tecniche di selezione, di manipolazione o comunque tramite procedimenti artificiali, siano diretti ad alterare il patrimonio genetico dell embrione o del gamete ovvero a predeterminarne caratteristiche genetiche, ad eccezione degli interventi aventi finalità diagnostiche e terapeutiche; interventi di clonazione mediante trasferimento di nucleo o di scissione precoce dell embrione o di ectogenesi sia a fini procreativi sia di ricerca; la fecondazione di un gamete umano con un gamete di specie diversa e la produzione di ibridi o di chimere. L art. 14 vieta la crioconservazione e la soppressione di embrioni, fermo restando quanto previsto dalla legge 22 maggio 1978, n. 194 sull interruzione volontaria di gravidanza. 2. Scienze naturali e norme del primo tipo Il processo di filiazione, oltre che con modalità naturali, può avvenire anche attraverso l ausilio di tecniche artificiali. Per Procreazione Medicalmente Assistita (P.M.A.) si intende l insieme di tutti quei trattamenti per la fertilità nei quali i gameti, sia femminili (ovociti) che maschili (spermatozoi), vengono trattati al fine di determinare il processo riproduttivo, il che può avvenire con metodiche chirurgiche, ormonali, farmacologiche o di altro tipo 9. Queste tecniche sono utilizzate per aiutare il concepimento in tutte le coppie, laddove questo non possa riuscire spontaneamente. La riproduzione assistita è possibile, quindi, mediante una gamma di opzioni terapeutiche, a diverso grado di invasività. Nel nostro Paese sono state suddivise, tenendo conto della loro complessità e necessità o meno di anestesia, in tecniche di I, II e III livello. L Inseminazione Intrauterina semplice (HIUI homologous intra uterine insemination), che avviene con seme del partner, è qualificata come tecnica di I livello. Questa tecnica prevede l introduzione del seme maschile nella cavità uterina contemporaneamente al monitoraggio dell ovulazione della donna per favorire l incontro spontaneo nel corpo femminile dei due gameti. Può essere effettuata su ciclo spontaneo o con la stimolazione farmacologica. Sono tecniche di II livello la FIVET (fecondazione in vitro embrio transfer) o IVF (in vitro fertilization) e la ICSI (iniezione intracitoplasmatica di un singolo spermatozoo). La prima tecnica prevede una serie di azioni: a) stimolazione farmacologica dell ovaio per produrre più ovociti; b) prelievo chirurgico degli ovociti prodotti; c) 9 Procreazione Medicalmente Assistita (PMA), in pubblicato il Pag. 9

10 inseminazione degli ovociti in laboratorio; d) fecondazione degli ovociti; e) sviluppo degli embrioni 10 ; f) trasferimento degli embrioni in utero. La ICSI è una particolare metodica di fertilizzazione che prevede gli stessi passaggi della Fivet fino al momento della fecondazione, che, però, avviene tramite iniezione diretta di un singolo spermatozoo all interno del citoplasma dell ovocita. Questa tecnica, scoperta nel 1992 dal ricercatore Italiano Giampiero Palermo, nacque per risolvere tutti quei casi di infertilità da fattore maschile, laddove non c era la possibilità o un numero sufficiente o una motilità degli spermatozoi, tale da tentare una fecondazione spontanea. Le tecniche FIVET e ICSI si distinguono nella loro applicazione in cicli a fresco, quando nella procedura vengono utilizzati embrioni, che sono stati appena fecondati, e cicli da scongelamento, se gli embrioni o gli ovociti sono stati precedentemente crioconservati e sono stati scongelati per effettuare quel ciclo di trattamento. La GIFT (gamete intrafallopian transfer) è una tecnica ormai poco utilizzata, che prevede, attraverso una piccola incisione sull addome, il trasferimento degli ovociti non fertilizzati e del liquido seminale nelle tube di Falloppio, attraverso uno strumento a fibre ottiche. Le tecniche di III livello, infine, ricomprendono quelle metodiche che richiedono il prelievo chirurgico degli spermatozoi in caso di azoospermia: Aspirazione Percutanea di Spermatozoi per via Testicolare (TESA), Estrazione di Spermatozoi per via Testicolare (TESE), Aspirazione Microchirurgica di Spermatozoi dall Epididimo (MESA) e Aspirazione Percutanea di Spermatozoi dall Epididimo (PESA). Nelle procedure di procreazione medicalmente assistita rientrano anche le tecniche di crioconservazione dei gameti (ovociti e spermatozoi) e degli embrioni. La fecondazione assistita si distingue poi in omologa ed eterologa, a seconda che essa avvenga, rispettivamente, con un seme proveniente dal partner della donna oppure da un donatore esterno. Essa si distingue dalla cd. surrogazione di maternità, che si verifica quando una donna provvede alla gestazione ed al parto per conto di una coppia sterile, alla quale consegna il nascituro 11 ; la fecondazione può essere effettuata con seme e ovuli sia della coppia sterile che di donatori e donatrici attraverso concepimento in vitro. La legge n. 40 del 19 febbraio 2004 disciplina la procreazione assistita, che viene definita come l insieme degli artifici medico-chirurgici finalizzati al favorire la soluzione dei problemi riproduttivi derivanti dalla sterilità o dall infertilità umana [...] qualora non vi siano altri metodi efficaci per rimuovere le cause di sterilità o di infertilità ed è comunque circoscritta ai casi di sterilità o di infertilità inspiegate documentate da atto medico, nonché ai casi di sterilità o di infertilità da causa accertata e certificata da atto medico. 10 Si tratta di un processo molto delicato che avviene sotto lo stretto controllo dei biologi ed embriologi su delle piastre speciali con dei mezzi di coltura che danno il nutrimento alle cellule, all interno di incubatori, nei quali vengono seguiti tutti i processi di divisione cellulare che porteranno alla formazione dell embrione. 11 La surrogazione di maternità è espressamente vietata dall art. 12, co. VI, della legge n. 40 del Pag. 10

11 La filiazione viene dunque considerata non alla stregua di un accadimento naturale, così come avviene nelle disposizioni della Costituzione o del codice civile, che se ne occupano con riguardo alle conseguenze, bensì come un vero e proprio diritto, che ricomprende la facoltà di ricorrere alla procreazione assistita. Il fondamento scientifico di questa posizione non risiede nelle scienze naturali; infatti, spesso la condizione di infertilità, da un punto di vista strettamente scientificoevoluzionista, costituisce uno degli strumenti di selezione naturale, che conduce ad un miglioramento della specie attraverso la mancata riproduzione del patrimonio genetico degli individui più deboli. Se è così, da un punto di vista prettamente biologico l infertilità meriterebbe di essere superata solo laddove costituisca un dato accidentale dovuto, ad esempio, a un incidente traumatico e non anche nei casi in cui è causata da una intrinseca debolezza del patrimonio genetico, ad esempio, una patologia; inoltre, il ricorso alla P.M.A. dovrebbe ammettersi anche nel caso di rischio di trasmissione di malattie genetiche. Queste previsioni, tuttavia, sono estranee alla legge n. 40; quanto alla prima, nemmeno potrebbe, poiché costituirebbe una violazione dei diritti umani, premesso che l ordinamento è ispirato ai principi di solidarietà e di tutela degli individui deboli, oltre a quello di uguaglianza, e non alla selezione della specie nella prospettiva di un suo miglioramento; quanto alla seconda, le aperture si sono avute su input della CEDU, mentre nella normativa predisposta dal legislatore tale possibilità era radicalmente esclusa. Le scienze naturali, perciò, costituiscono lo strumento tramite cui il diritto in questione è esercitato, mentre l opzione del legislatore in favore della P.M.A. risiede in una scelta politica. Del diritto ad avere figli apparentemente non vi è traccia nella Carta. Di diverso avviso sembra essere la Corte costituzionale, la quale ha affermato che la scelta della coppia di diventare genitori e di formare una famiglia che abbia anche dei figli costituisce espressione della fondamentale e generale libertà di autodeterminarsi, libertà riconducibile agli artt. 2, 3 e 31 Cost., poiché concerne la sfera privata e familiare. Indagando l impatto della fecondazione assistita sulla tavola di valori contenuta nella Carta fondamentale, la Corte ha poi asserito che, poiché la scelta in ordine alla procreazione coinvolge diritti costituzionalmente protetti, la limitazione di tale scelta deve essere il frutto di un bilanciamento con interessi di pari rango 12. Quest argomentazione non è del tutto convincente, atteso che esiste una distinzione fondamentale tra procreazione naturale e artificiale. 12 La scelta della coppia di diventare genitori e di formare una famiglia che abbia anche dei figli costituisce espressione della fondamentale e generale libertà di autodeterminarsi, libertà riconducibile agli artt. 2, 3 e 31 Cost., poiché concerne la sfera privata e familiare. Conseguentemente, le limitazioni di tale libertà, ed in particolare un divieto assoluto imposto al suo esercizio, devono essere ragionevolmente e congruamente giustificate dall impossibilità di tutelare altrimenti interessi di pari rango ( ). La determinazione di avere o meno un figlio, anche per la coppia assolutamente sterile o infertile, concernendo la sfera più intima ed intangibile della persona umana, non può che essere incoercibile, qualora non vulneri altri valori costituzionali [ ]. E questo il primo passaggio argomentativo che ha condotto alla declaratoria di illegittimità del divieto di fecondazione eterologa, che sarà esaminata nel prosieguo. Pag. 11

12 Nel primo caso, ciò che il cittadino richiede allo Stato e alla collettività è una noningerenza, ed è chiaro che qualsiasi limitazione della libertà impatterebbe direttamente su numerosi beni di rango costituzionale (la famiglia, la salute, l autodeterminazione). Nel secondo caso, invece, ciò che il cittadino richiede è un intervento attivo, ossia (l autorizzazione a) un trattamento medico finalizzato a perseguire l obiettivo riproduttivo, e i suddetti diritti sono coinvolti solo mediatamente. Come è stato affermato, «il rifiuto assoluto dell interferenza dello Stato nelle scelte private delle coppie che decidono di ricorrere alla PMA, nel nome di una violazione della libertà di autodeterminazione procreativa, non ha fondamento giuridico. Tanto piu se si pensa che, mentre il concepimento di un figlio che avviene nell incontro sessuale puo relegarsi esclusivamente nell ambito della sfera privata e familiare, non altrettanto puo dirsi per la fecondazione che avviene con le tecnologie riproduttive, collocate in una dimensione collettiva e coinvolgenti la responsabilità pubblica di tutti i soggetti in esse coinvolti» 13. Non si può infatti ritenere che un divieto di ricorso alla P.M.A. leda direttamente tali diritti; non quello alla famiglia, perché come la Corte costituzionale ha espressamente precisato la Costituzione non contempla una nozione di famiglia inscindibilmente correlata alla presenza di figli. Nemmeno il diritto alla salute viene in rilievo; la qualificazione dell infertilità come condizione patologica implica che un intervento volto a rimuoverla, come un trattamento ormonale, costituisce una vera e propria terapia, ma la procreazione assistita non mira al miglioramento della salute del paziente, bensì al superamento, per altra via, di un impedimento alla procreazione che la condizione deficitaria comporta. Pertanto, la limitazione del ricorso a tali tecniche non lede la salute; né può ritenersi che determini un danno alla salute psichica, che, in ogni caso, oltre a dover essere provato caso per caso, costituirebbe una conseguenza mediata e indiretta rispetto alla limitazione del ricorso alla P.M.A G. GAMBINO, La procreazione umana e le sfide della biotecnologia: linee emergenti nella riflessione biogiuridica, in Familia et vita, 2014, I, p Anche tenendo conto delle diversità che caratterizzano dette tecniche, è, infatti, certo che l impossibilità di formare una famiglia con figli insieme al proprio partner, mediante il ricorso alla PMA di tipo eterologo, possa incidere negativamente, in misura anche rilevante, sulla salute della coppia, nell accezione che al relativo diritto deve essere data, secondo quanto sopra esposto. In coerenza con questa nozione di diritto alla salute, deve essere, quindi, ribadito che, «per giurisprudenza costante, gli atti dispositivi del proprio corpo, quando rivolti alla tutela della salute, devono ritenersi leciti» (sentenza n. 161 del 1985), sempre che non siano lesi altri interessi costituzionali. Nel caso di patologie produttive di una disabilità nozione che, per evidenti ragioni solidaristiche, va accolta in un ampia accezione la discrezionalità spettante al legislatore ordinario nell individuare le misure a tutela di quanti ne sono affetti incontra, inoltre, il limite del «rispetto di un nucleo indefettibile di garanzie per gli interessati» (sentenze n. 80 del 2010, n. 251 del 2008). Un intervento sul merito delle scelte terapeutiche, in relazione alla loro appropriatezza, non può nascere da valutazioni di pura discrezionalità politica del legislatore, ma deve tenere conto anche degli indirizzi fondati sulla verifica dello stato delle conoscenze scientifiche e delle evidenze sperimentali acquisite, tramite istituzioni e organismi a ciò deputati (sentenza n. 8 del 2011), anche in riferimento all accertamento dell esistenza di una lesione del diritto alla salute psichica ed alla idoneità e strumentalità di una determinata tecnica a garantirne la tutela nei termini nei quali essa si impone alla luce della nozione sopra posta. Pertanto, va ribadito che, «in materia di pratica terapeutica, la regola di fondo deve essere la autonomia e la responsabilità del medico, che, con il consenso del paziente, opera le necessarie scelte professionali» Pag. 12

13 Infine, non viene direttamente in rilievo neanche il diritto all autodeterminazione, perché, a differenza della libertà di pensiero, la capacità di scelta autonoma ed indipendente (e di attuazione di tale scelta) non è riconosciuta all individuo in modo assoluto, bensì nella complessiva cornice dell ordinamento, e perciò il diritto all autodeterminazione è coinvolto direttamente solo e nella misura in cui esista a monte un diritto ad avere figli (e ad averli con ogni mezzo possibile). Del resto, se tale diritto avesse tendenzialmente natura assoluta, in quanto previsto dalla Costituzione, solo il bilanciamento con beni di rango costituzionale ne consentirebbe una compressione, perciò - a tacer d altro - tutte le fattispecie incriminatrici poste a tutela di beni giuridici costituzionalmente compatibili e non direttamente protetti dalla Carta andrebbero de plano dichiarate incostituzionali, poiché limiterebbero l autodeterminazione in favore di un bene di rango inferiore. Ne consegue che la Costituzione osta a qualsiasi limitazione del diritto di scelta in ordine al se avere figli, mentre il diritto ad ottenere - tramite una prestazione dello Stato o di privati - materialmente un figlio, superando impedimenti di tipo naturale, essendo previsto da una norma primaria, che ne stabilisce anche i limiti, il diritto all autodeterminazione dovrebbe predicarsi unicamente entro quel perimetro. Nonostante il diritto ad avere figli sia assai dibattuto, sul versante giuridico come su quello bioetico, esso costituisce oramai un dato acquisito per la giurisprudenza costituzionale e sovranazionale in tema di diritti umani 15. Tanto premesso, occorre adesso analizzare la disciplina della L. 40/2004 e le sue successive evoluzioni, domandandoci quale ratio abbia orientato l una e le altre. Il ricorso alle tecniche summenzionate, come si evince già dalla lettura del citato art. 1, ha nel nostro ordinamento una applicazione ispirata al principio di extrema ratio, laddove quindi sia certificata la condizione di infertilità o sterilità (a prescindere dalle cause) e non vi siano altri metodi efficaci per rimuoverla (ad esempio, attraverso un trattamento ormonale); precisazione che risulta espressione di un privilegio assegnato alla procreazione naturale. L art. 4 co. 2 della legge specifica che le tecniche di procreazione medicalmente assistita sono applicate in base ai seguenti princípi: a) gradualità, al fine di evitare il ricorso ad interventi aventi un grado di invasività tecnico e psicologico più gravoso per i destinatari, ispirandosi al principio della minore invasività; b) consenso informato, [ ]. Il principio di gradualità, oltre a rispondere alle esplicitate esigenze di rendere l intervento meno gravoso possibile per i destinatari, è coerente con il favor per la (sentenza n. 151 del 2009), fermo restando il potere del legislatore di intervenire in modo conforme ai precetti costituzionali. Non si tratta di soggettivizzare la nozione di salute, né di assecondare il desiderio di autocompiacimento dei componenti di una coppia, piegando la tecnica a fini consumistici, bensì di tenere conto che la nozione di patologia, anche psichica, la sua incidenza sul diritto alla salute e l esistenza di pratiche terapeutiche idonee a tutelarlo vanno accertate alla luce delle valutazioni riservate alla scienza medica, ferma la necessità di verificare che la relativa scelta non si ponga in contrasto con interessi di pari rango. 15 Si v. infra la sentenza della Corte EDU in materia di divieto assoluto di fecondazione eterologa. Pag. 13

14 procreazione naturale che, a ben vedere, permea l intera struttura della normativa in materia. La ratio di questo privilegio mira, inoltre, a evitare che la P.M.A. sia utilizzata per fini eugenetici. Il fatto che le pratiche di P.M.A. non rispondano, nello statuto originario della L. n. 40, ad un esigenza biologica, essendo piuttosto frutto di una scelta politica, è confermato dall esame dei requisiti per ricorrere alle tecniche di procreazione medicalmente assistita. L art. 5 stabilisce che possono accedervi coppie di maggiorenni di sesso diverso, coniugate o conviventi, in età potenzialmente fertile, entrambi viventi. A parte il requisito della maggiore età, la cui ratio è evidente, gli altri requisiti compongono la cornice di una situazione astrattamente idonea a determinare la procreazione in modo naturale, confermando così l idea che le tecniche di PMA intendano superare un limite alla capacità di generare senza tuttavia scardinare, per ciò che concerne gli altri aspetti, la fisiologia del processo di filiazione, di cui si mantiene l apparenza. Infatti, è vero che si tratta di condizioni di capitale importanza per l equilibrata crescita del figlio; tuttavia, non è questa la vera ragione posta a fondamento dei limiti in esame, poiché non si tratta di condizioni indispensabili, tant è che sovente esse vengono a mancare nell ambito della filiazione naturale (o mancano ab origine, come per il requisito della convivenza o del coniugio). Se l ordinamento non vieta la procreazione naturale al di fuori di un nucleo familiare basato su un rapporto di coniugio o convivenza, un simile divieto nell ambito della procreazione medicalmente assistita sembra risiedere in una scelta politica, cioè nel compromesso ricercato con quell ideologia contraria alle tecniche di PMA, di matrice prevalentemente cattolica; compromesso che si estrinseca nella circoscrizione di dette pratiche alla famiglia tradizionalmente intesa e che conduce a una fictio di procreazione naturale. Quella descritta è la cornice della L. 40/2004 nella sua originaria formulazione. Tra le varie problematiche connesse alle tecniche di P.M.A. meritano particolare attenzione quelle della fecondazione cd. eterologa, delle prescrizioni inerenti l esecuzione della P.M.A. e della diagnosi pre-impianto. Su tali questioni vi è stata un apertura che ha portato il quadro normativo a mutare il proprio assetto, con modifiche della disciplina tanto nevralgiche da spostarne il baricentro e il fondamento stesso dall area delle scienze sociali e morali a quella delle scienze naturali 16. Quanto alla prima questione, recentemente, la scure della Corte costituzionale si è abbattuta sull art. 4, comma 3, che vietava il ricorso a tecniche di procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo 17. Detto divieto non costituiva il frutto di una scelta consolidata nel tempo, in quanto è stato introdotto nel nostro ordinamento giuridico proprio dal censurato art. 4, co. III. 16 Nel successivo paragrafo sarà approfondita, in particolare, la fecondazione eterologa sotto il profilo dell incidenza sul rapporto tra genitorialità biologica e giuridica. 17 Corte cost., sent. 13 novembre 2014 n. 254, G.U. 048 del Pag. 14

15 Anteriormente, l applicazione delle tecniche di fecondazione eterologa era, infatti, lecita, tanto che, nell anno 1997, era praticata da 75 centri privati 18. Siffatto divieto non è previsto dalla Convenzione di Oviedo del 4 aprile 1997, che si limita a vietare la PMA a fini selettivi ed eugenetici, né dal Protocollo addizionale n. 168 del 12 gennaio 1998 sul divieto di clonazione di esseri umani (entrambi recepiti nel nostro ordinamento con la legge 28 marzo 2001, n. 145 Ratifica della Convenzione di Oviedo ). A livello internazionale, tuttavia, si deve segnalare la sentenza della Corte Europea dei Diritti dell Uomo del 1 aprile 2010 n. 158, secondo cui l impossibilità totale di utilizzare le tecniche di fecondazione assistita di tipo eterologo non è compatibile con la CEDU, in quanto determinerebbe una discriminazione irragionevole e non proporzionata tra coppie che possono, o meno, accedere alle tecniche procreative senza necessità di ricorrere alla donazione di ovuli o alla donazione di spermatozoi per una fecondazione in vitro 19. La Corte costituzionale ha evidenziato dapprima il fondamento costituzionale del diritto ad avere figli, come sopra anticipato, ed ha poi fatto leva sulla normativa in tema di adozione per dimostrare che nell ordinamento la nozione di famiglia prescinde dal dato genetico, principio che si applicherebbe anche alla tecnica di PMA di tipo eterologo 20. L ulteriore argomentazione della Corte è volta a collocare questa tecnica sotto l ombrello dell art. 3 Cost., ravvisando nel dettato normativo la violazione del principio di ragionevolezza 21. Sebbene soltanto la PMA di tipo omologo renda possibile la nascita 18 Relazione della XII Commissione permanente della Camera dei deputati presentata il 14 luglio 1998 sulle proposte di legge n. 414, n. 616 e n. 816, presentate nel corso della XII legislatura. Tali centri operavano nel quadro delle circolari del Ministro della sanità del 1 marzo 1985 (Limiti e condizioni di legittimità dei servizi per l inseminazione artificiale nell ambito del Servizio sanitario nazionale), del 27 aprile 1987 (Misure di prevenzione della trasmissione del virus HIV e di altri agenti patogeni attraverso il seme umano impiegato per fecondazione artificiale) e del 10 aprile 1992 (Misure di prevenzione della trasmissione dell HIV e di altri agenti patogeni nella donazione di liquido seminale impiegato per fecondazione assistita umana e nella donazione d organo, di tessuto e di midollo osseo), nonché dell ordinanza dello stesso Ministero del 5 marzo 1997, recante «Divieto di commercializzazione e di pubblicità di gameti ed embrioni umani» (avente efficacia temporalmente limitata, poi prorogata per ulteriori novanta giorni da una successiva ordinanza del 4 giugno 1997). 19 CEDU, sez. I, sent. S. H. ed altri c. Austria, 1 aprile 2010, ricorso n /00, in Fam. e dir., 2010, p. 977, con nota di U. SALANITRO, Il divieto di fecondazione eterologa alla luce della convenzione europea dei diritti dell uomo, ibidem, p Sebbene la Costituzione non contempli una nozione di famiglia inscindibilmente correlata alla presenza di figli ( ), nondimeno, il progetto di formazione di una famiglia caratterizzata dalla presenza di figli, anche indipendentemente dal dato genetico, è favorevolmente considerata dall ordinamento giuridico, in applicazione di principi costituzionali, come dimostra la regolamentazione dell istituto dell adozione. La considerazione che quest ultimo mira prevalentemente a garantire una famiglia ai minori ( ) rende, comunque, evidente che il dato della provenienza genetica non costituisce un imprescindibile requisito della famiglia stessa. 21 La giurisprudenza costituzionale «ha desunto dall art. 3 Cost. un canone di razionalita della legge svincolato da una normativa di raffronto, rintracciato nell esigenza di conformità dell ordinamento a valori di giustizia e di equita [ ] ed a criteri di coerenza logica, teleologica e storico-cronologica, che costituisce un presidio contro l eventuale manifesta irrazionalità o iniquità delle conseguenze della stessa» (Corte cost., sent. n. 87 del 2012). Lo scrutinio di ragionevolezza, in ambiti connotati da un ampia discrezionalità legislativa, impone di verificare che il bilanciamento degli interessi costituzionalmente rilevanti non sia stato realizzato con modalità tali da determinare il sacrificio o la compressione di uno di Pag. 15

16 di un figlio geneticamente riconducibile ad entrambi i componenti della coppia, secondo la Corte, la preclusione assoluta di accesso alla PMA di tipo eterologo introduce un evidente elemento di irrazionalità, poiché la negazione assoluta del diritto a realizzare la genitorialità, alla formazione della famiglia con figli, con incidenza sul diritto alla salute, nei termini sopra esposti, è stabilita in danno delle coppie affette dalle patologie più gravi, in contrasto con la ratio legis. Non rileva che le situazioni in comparazione non sono completamente assimilabili, sia perché ciò è ininfluente in relazione al canone di razionalità della norma, sia perché «il principio di cui all art. 3 Cost. è violato non solo quando i trattamenti messi a confronto sono formalmente contraddittori in ragione dell identità delle fattispecie, ma anche quando la differenza di trattamento è irrazionale secondo le regole del discorso pratico, in quanto le rispettive fattispecie, pur diverse, sono ragionevolmente analoghe» (sentenza n del 1988). La Corte ha poi affrontato il problema più spinoso della fecondazione eterologa, ovvero quello dell interesse del figlio, che potrebbe essere leso a causa sia del rischio psicologico correlato ad una genitorialità non naturale, sia della violazione del diritto a conoscere la propria identità genetica. Anche in relazione a questo aspetto, i Giudici hanno richiamato l attenzione sull istituto dell adozione, nonché sull intervento legislativo che ha disciplinato l an ed il quomodo del diritto dei genitori adottivi all accesso alle informazioni concernenti l identità dei genitori biologici dell adottato (art. 28, co. IV, L. 4 maggio 1983, n. 184, recante Diritto del minore ad una famiglia ), e sul superamento del dogma della segretezza dell identità dei genitori biologici 22. Questa disciplina, che risolve problematiche analoghe a quelle della fecondazione eterologa, renderebbe perciò irragionevole il divieto di quest ultima motivato sull esigenza di tutela del figlio. Se il problema è focalizzato unicamente sulla questione della conoscibilità dell identità genetica, il ragionamento della Corte è incontrovertibile. Tuttavia, il problema è più ampio e riguarda le conseguenze, anche psicologiche, che deriverebbero al nascituro da una doppia genitorialità, rispetto alle quali il parallelo con l adozione è del tutto inconferente. Si deve rammentare, infatti, che l istituto dell adozione non si limita a garantire il diritto alla genitorialità, ma presiede anche a interessi e principi, come quello di solidarietà, che nella fecondazione eterologa non vengono in rilievo; e che - dato ancor essi in misura eccessiva e pertanto incompatibile con il dettato costituzionale. Tale giudizio deve svolgersi «attraverso ponderazioni relative alla proporzionalità dei mezzi prescelti dal legislatore nella sua insindacabile discrezionalità rispetto alle esigenze obiettive da soddisfare o alle finalità che intende perseguire, tenuto conto delle circostanze e delle limitazioni concretamente sussistenti» (sentenza n del 1988). A questo scopo può essere utilizzato il test di proporzionalità, insieme con quello di ragionevolezza, che «richiede di valutare se la norma oggetto di scrutinio, con la misura e le modalità di applicazione stabilite, sia necessaria e idonea al conseguimento di obiettivi legittimamente perseguiti, in quanto, tra più misure appropriate, prescriva quella meno restrittiva dei diritti a confronto e stabilisca oneri non sproporzionati rispetto al perseguimento di detti obiettivi» (sentenza n. 1 del 2014). 22 In forza dell art. 28, co. V, L. n. 184 del 1983 e della sentenza della Corte costituzionale n. 278/2013, che sarà esaminata nel paragrafo successivo. Pag. 16

17 più rilevante - nel caso dell adozione, il legislatore interviene disciplinando una realtà esistente, ricercando la migliore composizione dei vari interessi nell ipotesi in cui l adottando è già nato. In quel caso, l unica alternativa alla doppia genitorialità sarebbe quella di escludere l adozione, con tutte le problematiche che ne conseguirebbero, e con il rischio danni gravissimi per lo stesso adottando che, dunque, prevalgono su quelli eventualmente derivanti dallo sdoppiamento delle figure genitoriali. Si tratta, con tutta evidenza, di una situazione totalmente difforme da quella della fecondazione eterologa, la cui ammissione rischia di pregiudicare la salute psichica del nascituro per realizzare un interesse non suo, ma dei possibili genitori. Infine, la Corte costituzionale ha rilevato l irragionevolezza del divieto di fecondazione eterologa, sulla base del fatto che, essendo questa ammessa in altri Paesi, il divieto creerebbe una discriminazione tra individui dotati delle capacità economiche sufficienti per recarsi all estero a praticare la P.M.A. e soggetti privi di tali possibilità; argomento, questo, privo di autonomia, poiché vale soltanto dopo che si sia affermata, per altre vie, l irragionevolezza della disciplina nazionale. Altrimenti, si potrebbe affermare che anche il divieto di surrogazione di maternità crea discriminazione, essendo ammessa in alcuni Stati. Circa le tecniche di applicazione della tecnica di procreazione assistita, si deve premettere che l art. 14 della L. 40/2004 prevedeva il divieto della crioconservazione degli embrioni soprannumerari, la formazione di un numero limitato di embrioni (fino ad un massimo di tre) da impiantare contestualmente, consentendo, solo per grave e documentata causa di forza maggiore relativa allo stato di salute della donna, la crioconservazione degli embrioni stessi fino alla data del trasferimento, da realizzare comunque non appena possibile. La Corte ha osservato che l esclusione di ogni possibilità di creare un numero di embrioni superiore a quello strettamente necessario ad un unico e contemporaneo impianto, e comunque superiore a tre, determina la necessità della moltiplicazione dei cicli di fecondazione (in contrasto anche con il principio di gradualità e della minore invasività della tecnica di procreazione assistita), poiché non sempre i tre embrioni eventualmente prodotti risultano in grado di dare luogo ad una gravidanza 23. I Giudici hanno concluso che il limite legislativo finiva per favorire l aumento dei rischi di insorgenza di patologie collegate a tale iperstimolazione e determinare, nelle ipotesi in cui maggiori siano le possibilità di attecchimento, un pregiudizio diverso alla salute della donna e del feto, in presenza di gravidanze plurime, avuto riguardo al divieto di riduzione embrionaria selettiva di tali gravidanze di cui all art. 14, co. IV, salvo il ricorso all aborto. Al riguardo, ha segnalato che la giurisprudenza costituzionale ha ripetutamente posto l accento sui limiti che alla discrezionalità legislativa pongono le acquisizioni scientifiche e sperimentali, che sono in continua evoluzione e sulle quali si 23 Le possibilità di successo variano, infatti, in relazione sia alle caratteristiche degli embrioni, sia alle condizioni soggettive delle donne che si sottopongono alla procedura di procreazione medicalmente assistita, sia, infine, all età delle stesse, il cui progressivo avanzare riduce gradualmente le probabilità di una gravidanza. Pag. 17

18 fonda l arte medica: sicché, in materia di pratica terapeutica, la regola di fondo deve essere la autonomia e la responsabilità del medico, che, con il consenso del paziente, opera le necessarie scelte professionali (sentenze n. 338 del 2003 e n. 282 del 2002). Da quanto premesso, consegue che la previsione della creazione di un numero di embrioni non superiore a tre, in assenza di ogni considerazione delle condizioni soggettive della donna che di volta in volta si sottopone alla procedura di procreazione medicalmente assistita, si pone in contrasto con l art. 3 Cost., sotto il duplice profilo del principio di ragionevolezza e di quello di uguaglianza, nonché con l art. 32 Cost., per il pregiudizio alla salute della donna ed eventualmente, come si è visto, del feto ad esso connesso. La Corte costituzionale ha così dichiarato l illegittimità costituzionale della citata disposizione, mantenendo salvo il principio secondo cui le tecniche di produzione non devono creare un numero di embrioni superiore a quello strettamente necessario, secondo accertamenti demandati, nella fattispecie concreta, al medico, ma esclude la previsione dell obbligo di un unico e contemporaneo impianto e del numero massimo di embrioni da impiantare, con ciò eliminando sia l irragionevolezza di un trattamento identico di fattispecie diverse, sia la necessità, per la donna, di sottoporsi eventualmente ad altra stimolazione ovarica. Tale decisione ha introdotto anche una deroga al principio generale di divieto di crioconservazione quale logica conseguenza della suddetta decisione, ed ha comportato, altresì, la declaratoria di incostituzionalità del comma III, nella parte in cui non prevedeva che il trasferimento degli embrioni, da realizzare non appena possibile, come previsto in tale norma, dovesse essere effettuato senza pregiudizio della salute della donna. Passando alla questione della diagnosi pre-impianto, la Corte Europea Diritti dell Uomo 24 ha stabilito che lo Stato italiano ha violato l art. 8 della CEDU (il diritto al rispetto della propria vita privata e familiare), in quanto la normativa legislativa italiana non ammetteva l accesso alle tecniche di P.M.A. alle coppie non soggette a problematiche riproduttive, ma interessate da patologie genetiche, né tantomeno ammetteva l effettuazione della diagnosi pre-impianto. Si sta configurando, cosi, nella giurisprudenza piu recente anche l idea di un diritto al figlio invocato anche in relazione a casi di coppie fertili portatrici di patologie genetiche trasmissibili ai figli. Su questo punto la legge 40/2004 è già stata piu volte investita da ricorsi volti ad abbattere il divieto di selezione pre-impianatoria degli embrioni in ragione del diritto a diventare genitori. Nella specie, di recente, la sentenza della Corte Europea dei diritti umani, sul caso Costa e Pavan vs. Italy, ha stabilito che esiste un diritto per le coppie fertili, ma portatrici di malattie genetiche, di accedere alla fecondazione artificiale per poter selezionare gli embrioni. La Corte Eropea ha infatti ritenuto che la disciplina italiana contrasti con l art. 8 CEDU, che tutela la vita privata e familiare degli individui dalle ingiustificate interferenze statali, poiché, da un lato, non è sostenibile l assimilazione tra 24 Corte Europea dei diritti dell uomo, sez. II, sent. 28 agosto 2012 n /10. Pag. 18

19 embrione coltivato in vitro e bambino già nato, dall altro, sussiste un incoerenza tra l impianto normativo della legge 40/2004, che da una parte vieta la selezioni degli embrioni coltivati in vitro e non affetti dalla fibrosi cistica ai fini dell impianto nell utero materno, mentre dall altra ammette l aborto terapeutico nel caso in cui il medesimo embrione abbia la medesima patologia. A seguito della pronuncia di Strasburgo, i ricorrenti hanno ottenuto ex art. 700 c.p.c. un provvedimento d urgenza con cui è stata ordinata l effettuazione della diagnosi pre-impianto sulla base di due argomentazioni. 25 La prima riguarda l interpretazione evolutiva degli artt. 13, co. II e 14 co. V, della legge 40/2004, secondo cui la sola diagnosi proibita è quella a fini eugenetici, non quella espletata a fini diagnostici e terapeutici, formulazione che si presterebbe ad una interpretazione conforme alla pronuncia della Corte di Strasburgo. La seconda argomentazione concerne l efficacia diretta che la decisione Costa e Pavan avrebbe nell ordinamento italiano, sulla base delle sentenze gemelle della Corte costituzionale 348 e 349 del 2007, per cui l art. 46 CEDU, relativo alla forza vincolante e all esecuzione delle sentenze, è diretto non solo allo Stato-persona, bensì anche ai suoi organi, giudici compresi. Pertanto, il giudice è necessariamente tenuto a dar seguito alle decisioni di condanna del giudice europeo senza necessità di sollevare l ulteriore pregiudiziale di costituzionalità, ogni qualvolta la regola ricavabile dalla sentenza CEDU sia sufficientemente precisa ed incondizionata da sostituirsi, senza margini di ambiguità, a quella interna riconosciuta contraria alla Convenzione. Il giudice medesimo trova un unico esclusivo limite a tale applicabilità, ovvero ove la rimessione alla Corte Costituzionale dovrà essere limitata alle sole questioni che pur in presenza di una regola CEDU autoapplicativa, evidenzino un possibile contrasto tra quest ultima e i principi supremi dell ordinamento costituzionale. In questo modo, la diagnosi pre-impianto finisce per mutare anche il fondamento della disciplina nazionale, che si avvicina a quello biologico e genetico sopra menzionato, pur non identificandosi sic et simpliciter con esso. Da questa breve analisi appare evidente come gli assi portanti della struttura della legge 40/2004 siano stati radicalmente stravolti. La ragione di questo significativo percorso si comprende recuperando le considerazioni svolte in precedenza: la L. 40 disciplina le moderne acquisizioni biotecnologiche preferendo nelle scelte di fondo un impostazione morale e politica, in sostanza ideologicamente orientata ed è, dunque, costruita su debolissime fondamenta, fino a violare palesemente, rispetto a talune tematiche, il principio di non contraddizione. Per contro, gli innesti ad opera delle Corti, seppur parzialmente sorretti da motivazioni non del tutto condivisibili, muovono nella direzione di una laica aderenza e coerenza rispetto alle scienze naturali, da un lato, e della tutela degli interessi degli individui ispirata al principio di ragionevolezza, di non discriminazione e, più in generale, ai principi costituzionali. 25 Tribunale Roma, sez. I civile, ord. 23 settembre Pag. 19

20 3. Scienze sociali e norme del secondo tipo Il tema investe la contrapposizione tra genitorialità giuridica e biologica ed è segnato dal passaggio dalle presunzioni della filiazione in costanza di matrimonio all equiparazione dei figli naturali a quelli legittimi. La filiazione è disciplinata dal Codice civile, Titolo VII ( Della filiazione ) del Libro I ( Delle persone e della famiglia ), che ricomprende gli artt c.c.; la materia è stata profondamente rivisitata dalla L. 10 dicembre 2012, n. 219, nonché dal D.Lgs. 28 dicembre 2013, n. 154 che ha dato attuazione alla delega contenuta nella legge. Quando le norme disciplinano la materia della filiazione, occorre verificare se si è in presenza di una norma del primo tipo, e dunque i termini genitori e figli rinviano alle corrispondenti definizioni proprie delle scienze naturali, ovvero se si tratta di norme del secondo tipo che rinviano alle scienze sociali. Sebbene il punto di partenza sia ovviamente costituito dal referente scientifico, la legge ammette un rapporto di filiazione anche in conclamata assenza del vincolo biologico e adotta presunzioni che, a talune condizioni, non ammettono la prova contraria, e che dunque creano un equivalenza tra filiazione e apparenza di filiazione, discostandosi dal dato naturalistico. Occorre tuttavia tracciare l evoluzione di questa disciplina, in cui la distanza tra dato naturalistico e dato sociale si è andata attenuando. Nel testo originario del codice civile le presunzioni di paternità potevano essere superate solo a talune condizioni piuttosto stringenti e la filiazione legittima era nettamente contrapposta a quella illegittima. L obiettivo della legge era quello di conferire dignità e, quindi, rafforzare la sola famiglia legittima, discriminando le situazioni giuridiche soggettive che non si inserivano in tale contesto. Le plurime riforme in materia, nonché gli interventi della Corte costituzionale, hanno dato luogo a una progressiva erosione delle aree di divaricazione tra genitorialità e filiazione biologiche, da un lato, e giuridiche, dall altro, con quest ultima categoria che si avvicina sempre più al substrato scientifico. In linea generale, ciò è avvenuto seguendo due direttrici fondamentali: da un lato, aumentando le ipotesi di superamento delle presunzioni di paternità attraverso il ricorso alle indagini genetiche; dall altro, diminuendo, prima, ed eliminando, poi, ogni distinzione tra figli legittimi e naturali 26. La già esaminata fecondazione eterologa e l equiparazione dei figli adottivi a quelli biologici sembrano apparentemente muovere nella direzione contraria. In realtà, occorre precisare che in questi casi non si ha una sovrapposizione tra genitorialità giuridica e biologica (come avviene invece con le presunzioni di paternità), ma un affiancamento dell uno all altro. In sostanza, il concetto di genitorialità giuridica può incardinarsi su quello di genitorialità biologica, oppure prescindere da esso; in questo secondo caso, si hanno due ulteriori opzioni: la prima, nella quale le due posizioni coesistono (e, dunque, si ha uno 26 Anche se quest ultima riguarda non direttamente la nozione di figlio, bensì una sua qualificazione successiva, non v è dubbio che l eliminazione di questa sovrastruttura avvicini il sistema giuridico della filiazione alla scienza biologica, per cui il rapporto giuridico tra i genitori è irrilevante. Pag. 20

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO PRIMA SEZIONE CASO S. H. E ALTRI c. AUSTRIA (Ricorso n 57813/00) SENTENZA STRASBURGO 1 aprile 2010 Pendente alla Grande Camera domanda di deferimento

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

L adempimento della notificazione al Garante per la Privacy

L adempimento della notificazione al Garante per la Privacy L adempimento della notificazione al Garante per la Privacy Una delle principali semplificazioni introdotte dal D.Lgs. n. 196 del 30-6-2003 riguarda l adempimento della notificazione al Garante, ovvero

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

I DIRITTI FONDAMENTALI NELLA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE

I DIRITTI FONDAMENTALI NELLA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE I DIRITTI FONDAMENTALI NELLA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE Relazione predisposta in occasione dell incontro della delegazione della Corte costituzionale con il Tribunale costituzionale della

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08)

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Diritto ad un processo equo In ordine alla retroattività delle leggi

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli