Note sul bilinguismo e problemi con esso correlati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Note sul bilinguismo e problemi con esso correlati"

Transcript

1 MAGDALENA JIMÉNEZ NAHARRO Università di Viterbo Note sul bilinguismo e problemi con esso correlati Volendo affrontare in particolare il tema dell'interferenza tra lingue affini si è sentita l'esigenza di partire da un suo inquadramento nel più generale problema del bilinguismo, in quanto solo individuando le coordinate di cui valersi per affrontare quest'ultimo, sarà possibile comprendere appieno il significato dell' interferenza e adoperarsi per limitarne la portata. In apertura, occorrerà perciò ricordare come siano stati effettuati molti studi in riferimento all'acquisizione di una seconda lingua, partendo da diverse prospettive: psicolinguistica, neurolinguistica, filosofia del linguaggio, psicologia cognitiva, e anche psicoanalisi, e come d'altra parte oggi si convenga nell'adottare un approccio integrato che garantisca un reciproco arricchimento di tali ottiche. Così, passerò in rivista alcuni aspetti pertinenti alle discipline di cui sopra che mi sono sembrati rilevanti per quanto riguarda il bilinguismo. Si inizierà con un tentativo di definizione. A ben vedere, il concetto di bilinguismo non è poi così scontato; secondo il Webster Dictionary ' (1961) si può considerare bilingue colui che è capace di usare abitualmente due lingue con un controllo simile a quello di un parlante di madre lingua; nell'uso popolare (che peraltro concorda col Webster) essere bilingue equivale a parlare due lingue perfettamente; quest'ultimo era anche il parere di Bloomfield 2 (1935). Sulla base di questa accezione, il biliguismo in senso stretto, meglio definito equilinguismo o ambilinguismo, sarebbe proprio soprattutto dei bambini allevati in contesti caratterizzati dall'uso simultaneo di due lingue, o comunque di individui che non hanno la necessità di tra- 1 Citato da J. F. Hamers, M. Blanc, Bilinguality and Bilingualism, Cambridge, Cambridge University Press, 1989, p Ibidem.

2 12 Magdalena Jiménez Naharro durre giacché possiedono due sistemi linguistici indipendenti e paralleli che controllano contemporaneamente. Al contrario, Macnamara 3 (1967) sostiene che è bilingue chiunque possieda un minimo di competenza in ognuna delle seguenti quattro abilità linguistiche: comprensione auditiva, abilità orale, lettura e scrittura in una lingua diversa dalla propria madre lingua. Fra queste due posizioni estreme si collocano altri Autori, che meglio rispecchiano la posizione qui sostenuta, tra cui Titone 4 per il quale "il bilinguismo consiste nella capacità di un individuo di esprimersi in una seconda lingua aderendo fedelmente ai concetti e alle strutture che a tale lingua sono propri, anziché parafrasando la lingua nativa". Su di un altro versante, contrapponendo individuo e contesto, bisognerebbe distinguere, con Hamers e Blanc 5, fra bilinguality e bilingualism ("bilinguità" e "bilinguismo"). La bilinguità contraddistingue lo stato psicologico di un individuo che ha accesso a più di un codice linguistico come mezzo di comunicazione sociale; II concetto di bilinguismo, d'altra parte, include quello di bilinguità (che si riferisce ad un individuo bilingue), ma rimanda anche allo stato di una comunità linguistica nella quale due lingue sono a contatto tra loro. In sintesi, si tratta di un fenomeno multidimensionale nel quale entrano in gioco da un lato aspetti più strettamente tecnici, quali la competenza 6, l'esecuzione, l'età di acquisizione, e il carattere endogeno o esogeno; dall'altro, aspetti cognitivi, sociali, culturali, emotivi e perfino creativi. In riferimento alla competenza va tenuta presente la natura relativa della bilinguità, dal momento che è in gioco la relazione fra la competenza in due codici. Si distingue fra bilingue bilanciato che ha una competenza equivalente in due lingue e bilingue dominante in cui la competenza in una delle lingue, di solito la lingua madre, è superiore. La dominanza o il bilanciamento non sono distribuiti allo stesso modo in tutti i campi e funzioni della lingua. 3 Ibidem. 4 R. Titone, Bilinguismo precoce ed educazione bilingue, Roma, Armando, 1972, p Op. cit., p "La competenza, definita come la capacità linguistica del soggetto che sottintende tutte le possibilità di elaborazione e le forme di intervento sul linguaggio nel quale s'attualizza, non può essere colta ed osservata direttamente. La si può ipotizzare, attraverso atti di inferenza, sulla base delle azioni di esecuzione {performance)" (M. Richelle, Introduzione allo studio della genesi del linguaggio, Firenze, Giunti, 1976, p. 36).

3 Note sul bilinguismo e problemi con esso correlati 13 Già Titone 7, partendo dalla premessa che il bilinguismo è aspetto soggettivo del parlante reputava che fosse opportuno misurarne le caratteristiche con un'osservazione e un'analisi del comportamento bilingue (l'esecuzione), e ribadiva la necessità di tener conto del grado di adeguatezza di tale comportamento, della funzione che assolve l'uso di una lingua o dell'altra, del loro uso alterno e infine delle eventuali interferenze nello stesso parlante. La misurazione del grado di possesso di due lingue dovrebbe essere condotta su due dimensioni: una orizzontale, considerando il grado di capacità per la lingua A e la lingua B; la seconda, verticale, tenendo conto del grado di possesso per ciascuno dei livelli costitutivi della lingua come sistema (fonologico, grammaticale, lessicale, semantico, stilistico). Il grado di perfezione bilingue dipende dalle funzioni, ossia dagli usi che il bilingue fa di ciascuna lingua e dalle condizioni in cui tali usi vengono assolti. Secondo Mackey 8, si può distinguere fra funzioni esterne e interne. Nel primo caso, sono determinate dalle zone di contatto e dalla variazione d'uso di ciascuna lingua secondo la durata, la frequenza e la pressione sociale. Le funzioni interne sono connesse con usi puramente espressivi e non comunicativi, come il linguaggio interiore, e con l'espressione di tratti intrinseci del parlante, che rimandano alla sua capacità di accettare o meno le situazioni con cui viene in contatto. La varietà di perfezione bilingue può dipendere da molteplici varianti: il sesso, l'età, la predisposizione, lo sviluppo di una determinata capacità, ad es., la comprensione in virtù di un più alto grado di intelligenza, il vocabolario dovuto a buona memoria, l'atteggiamento favorevole o sfavorevole verso le lingue, la motivazione personale o la imposizione. Tale misurazione dipende dalle funzioni di ciascuna lingua e dal grado di dominio linguistico del parlante e dei suoi ascoltatori. La prontezza di passaggio dipende dalla capacità in ciascuna lingua e dalle condizioni esterne e interne. Secondo Mackey 9, i fattori implicati più rilevanti sono l'argomento, la persona e la tensione emotiva. In quanto alla misurazione della interferenza interlinguistica, ricordiamo che rappresenta il problema più arduo del bilinguismo nel suo funzionamento. L'interferenza consiste nell'usare elementi o tratti appartenenti ad R. Titone, op. cit., p. 20. Citato da R. Titone, p. 21. Citato da R. Titone, op. cit., p. 24.

4 14 Magdalena Jiménez Naharro una lingua nell'atto del parlare o dello scrivere in un'altra. Ad evitare confusioni, va ricordato che il prestito rappresenta uno scambio fra due sistemi linguistici, mentre Y interferenza è un fenomeno di mescolanze evidente nel comportamento del bilingue. Il primo si riferisce alla langue ed è un fatto persistente, coerente, collettivo; il secondo, ú\z parole ed è oscillante, discontinuo, personale. Il tipo e la rilevanza dell'interferenza variano secondo i momenti e le circostanze. Vi influiscono il mezzo di comunicazione, lo stile, il registro e il contesto di messaggio, ove la vigilanza può essere più o meno attenta. Riprenderemo il tema nella seconda parte di questa comunicazione. L'età e il contesto di acquisizione forse possono portare a stili cognitivi diversi. In tal senso, Ervin & Osgood 10 distinguono fra bilinguismo composito e bilinguismo coordinato; nel primo caso, due serie di segni linguistici sono associate allo stesso significato, mentre nel secondo, ogni serie di segni linguistici ha una sua traduzione corrispondente. Di solito c'è una forte correlazione fra organizzazione cognitiva, età e contesto di acquisizione. Infatti, un individuo che ha appreso le due lingue simultaneamente da bambino nello stesso contesto è più tendente ad avere una sola rappresentazione cognitiva per due traduzioni equivalenti. Per quel che riguarda il contesto, si osserva come l'acquisizione precoce di due lingue avvenga di solito nell'ambiente familiare, mentre l'acquisizione posteriore di una L2 spesso avviene in quello scolastico. Bisognerebbe inoltre distinguere fra bilinguità acquisita nei diversi periodi della vita: infanzia, adolescenza, età adulta. Nel caso della bilinguità infantile, o bilinguismo simultaneo, ci riferiamo alle lingue come La e Lb mentre nel caso del bilinguismo consecutivo, quando l'acquisizione della seconda lingua avviene, anche se precocemente, dopo l'acquisizione della lingua madre, si preferisce indicarle con LI e L2. Mentre lo sviluppo del bilinguismo simultaneo avviene di solito in modo spontaneo, informale e senza intenzionalità, il bilinguismo consecutivo può essere sì informale, come nel caso di una famiglia immigrata, ma anche intenzionale, come in certi programmi di educazione bilingue. D'altra parte, si considera che una lingua è endogena se viene usata come lingua madre in una comunità; in tal caso, può essere utilizzata anche Citato da R. Titone, op. cit., p. 31.

5 Note sul bilinguismo e problemi con esso correlati 15 a livello istituzionale, ma non necessariamente. Di converso, si parla di lingua esogena quando è usata come lingua ufficiale istituzionalizzata ma non come mezzo di comunicazione in una data comunità. Esempi di quest'ultimo caso li troviamo in Paesi del Centro e dell'est dell'africa. Ne derivano sicuramente delle differenze a livello del grado di bilinguismo e dell'interferenza interlinguistica in quanto nel caso di lingue esogene ci può essere maggiore interferenza a causa della possibile non totale identificazione del parlante con una lingua impostasi come ufficiale. Venendo invece agli aspetti d'ordine socio-culturale, i primi che meritano d'essere citati sono quelli cognitivi. Sono molti gli studiosi che si sono preoccupati delle relazioni tra pensiero e linguaggio sotto diverse prospettive u : Piaget, Vygotsky, Sapir, Bruner, etc. Oggi l'approccio più condiviso è quello di quest'ultimo che considera le relazioni di mutua interdipendenza che esistono fra queste due attività: il linguaggio è uno strumento utile all'organizzazione del pensiero e allo stesso tempo l'attività di pensiero sviluppata è alla base dell'attività linguistica. Presumibilmente per tale ragione nei bilingui e multilingui, sia bambini che adulti, si sono riscontrati dei risultati superiori rispetto ai monolingui sia a livelllo cognitivo che mnestico 12. I vantaggi che emergono da ricerche effettuate con i bambini consistono in una maggiore abilità nella ricostruzione percettiva delle situazioni, nelle prove di intelligenza verbale e non verbale e di originalità verbale, nell'individuazione delle relazioni semantiche tra le parole, nelle prove piagetiane consistenti in una elaborazione di concetti, nella scoperta di leggi, nel pensiero divergente, nelle trasformazioni verbali e nei compiti di sostituzioni simboliche. Insomma, i bambini bilingui hanno una creatività e capacità superiori nella riorganizzazione dell'informazione, che può essere estesa anche ai compiti non verbali. Quanto agli aspetti più strettamente sociali, va colta la differenza tra i fenomeni di assimilazione e integrazione. Ad es., in una società con due lingue a confronto, la cultura dominante può agire in modo coercitivo {assimilazione), imponendo i suoi valori attraverso la lingua. Questo può portare a drastici fenomeni di anomia 13, oppure alla costruzione di una falsa identità, 11 Cfr. M. Richelle, op. cit., pp Cfr. J. F. Hamers., M. Blanc, op. cit., pp Termine introdotto dal sociologo E. Durkheim per designare la mancanza di norme interne. E una situazione di disorientamento sociale che si riflette profondamente a

6 16 Magdalena Jiménez Naharro al fine di non essere in dissonanza con la cultura dominante. Attualmente, le strategie si sono modificate e si propende per Y integrazione, il che implica l'acculturazione di un individuo in una nuova cultura senza che perda il suo patrimonio di origine e la sua identità, che beninteso include la lingua stessa. Uno spazio di particolare attenzione, che non può essere ridotto nell'ambito dell'assimilazione o dell'integrazione, meritano le realtà in cui due lingue sono in continuo confronto poiché ambedue "ufficiali"; è il caso del Paraguay, del Canada, della República Sudafricana e di altri Paesi africani o asiatici. In essi si è imposta come ufficiale una lingua europea, accanto a quella locale, come conseguenza delle colonizzazioni cui sono stati sottomessi. In altri Paesi, il bilinguismo data da epoca storica; si pensi, ad esempio, alla realtà spagnola e al fatto che in certe regioni al castigliano si affianca un'altra lingua ufficiale (catalano, vasco o gallego) o un dialetto locale. Questa particolare situazione di due lingue a contatto continuo tra loro può dar luogo a fenomeni particolari come: il prestito linguistico, il code-switching o il code mixing 14. Quanto agli aspetti culturali, si rammenta che II linguaggio implica la possibilità di esprimersi e di mantenere relazioni con altri esseri umani. Ogni lingua è innanzitutto uno strumento, un mezzo di comunicazione che nasce in un determinato contesto culturale. In tal senso, la lingua consente di scoprire, anche attraverso le sue categorie, una visione del mondo ed una realtà concreta 15. Quanto agli aspetti individuali, la scelta di una lingua può essere livello individuale e impedisce al singolo di orientare con precisione il proprio comportamento (AA.W., Psicologia, Madrid, Santillana, 1989, p.33). 14 Tutte e tre sono considerate delle strategie linguistiche al servizio dei parlanti di una lingua, lì prestito è un fenomeno che avviene a livello lessicale, affinchè una lingua possa supplire ad una sua mancanza. Il code-switching consiste nell'uso alternato di due lingue nello stesso discorso, perfino nella stessa frase. È considerato un fenomeno a livello della angue. Il code-mixing è una strategia linguistica mediante la quale il parlante di una lingua x trasferisce elementi o regole della lingua y alla lingua x (quella di base); a differenza del prestito questi elementi non sono integrati nel sistema linguistico di x; è, pertanto, un fenomeno che avviene a livello della parole. 15 In questo senso va, ad es., il contributo di B.Whorf. Si veda : M. Richelle, op. cit., pp

7 Note sul bilinguismo e problemi con esso correlati 17 influenzata da motivi consci e inconsci. Nel primo caso, possono essere in gioco fattori quali: il desiderio di viaggiare, di conoscere altre culture, di comunicare con una determinata persona, di interesse per la letteratura di un dato Paese, etc. Nel secondo caso, le ragioni sfuggono al parlante, ad es. laddove l'acquisizione di una seconda lingua viene mossa da un rifiuto della lingua madre, determinando in tal modo l'acquisizione di una nuova identità: il bilinguismo è qui una difesa, una fuga. Anche nel caso del bilinguismo simultaneo ci possono essere fattori inconsci che fanno si che una delle due lingue (la dominante) sia più accettata e l'altra sia sentita meno propria o in un certo senso rifiutata. A proposito, invece, dell'emozione a volte si è accennato in un certo senso alla doppia personalità dei bilingui ed alla sensazione di spaccatura che avvertono nella propria vita. Del resto, a giustificare ciò, sono da mettere in conto le diverse emozioni legate al momento specifico dell'apprendimento della lingua (i primi giorni di vita, l'infanzia, l'adolescenza o l'età adulta), e altre connotazioni legate ai vissuti e ai percorsi individuali, quali le amicizie, la cultura e le esperienze effettuate nel paese a cui la lingua appartiene. È una specie di doppio e costante riferimento a due mondi diversi che convergono in una personalità unica, quella del bilingue. D'altra parte, sensazioni negative e vissuti di frustrazione possono comparire quando si affronta lo studio di una L2 o quando si vive in una condizione di bilinguismo non bilanciato. C'è la sensazione di non riuscirci mai. Se ha luogo l'interiorizzazione di una funzione troppo autocritica, o addirittura vissuta come persecutoria, ci può essere una deformazione e si può arrivare a pensare che gli altri siano lì, guardinghi, pronti a segnalare l'errore e a deridere. Ciò' può' dar luogo a situazioni di blocco e di interferenza. Altre volte, la conoscenza di una L2 può dar luogo a vissuti di separazione: ci si separa da una LI, la lingua madre, per avviarsi ad una L2, la nuova lingua, o viceversa. Infine, la lingua può essere utilizzata con intenzioni creative, con una funzione espressiva 16. Soprattutto la lingua scritta, per la sua modalità di differimento, consente una maggior riflessione e può permettere una più fine analisi di sé stessi proprio grazie alla funzione di mediazione e distanzia- 16 Secondo Biìhler il linguaggio possiede tre funzioni: rappresentativa: si riferisce al contenuto stesso del linguaggio ed è finalizzata alla comunicazione; espressiva: serve a trasmettere il nostro stato di animo; conativa: ha come scopo agire sull'ascoltatore.

8 18 Magdalena Jiménez Naharro mento consentita dal testo. Infatti, attraverso la letteratura e coltivando l'uso di codici diversi, alcuni scrittori hanno ritrovato sé stessi. Non possiamo perciò fare a meno di domandarci il senso che la genesi della scrittura può avere da tale punto di vista, e di riconoscerne un ruolo che, per certi versi, potrebbe definirsi "terapeutico". Ad es., attraverso la narrazione in prima persona, la protagonista di Lost in translation v riesce a fare un'analisi della sua condizione di bilingue, ripercorrendo la sua storia dal momento dell'immigrazione in Canada. Ci si muove dal mondo degli inizi, ove la lingua madre, il polacco, riempe tutti gli spazi della vita, verso un'altra lingua, quella adulta, l'inglese, che diventa alfine la lingua interiore. Al termine di questo percorso sarà possibile una riconciliazione con la lingua madre proprio attraverso una riflessione sul tema del linguaggio e delle sue valenze connotative. Altri scrittori bilingui o multilingui 18 hanno trovato nella scrittura un canale per costruire e sviluppare un loro mondo interiore e fuggire forse a dei potenziali squilibri. Fra questi: Louis Wolfson, Samuel Beckett, Vladimir Nabokov, Fred Uhlman, Elias Canetti ed Héctor Bianciotti. A partire da queste diverse prospettive, qui appena citate, dovremmo ora porci alcune questioni relative alle tecniche di insegnamento e, per l'appunto, ai rischi di interferenza. Da più parti arriva la conferma della opportunità di iniziare lo studio di una seconda lingua in tenera età per varie ragioni; in primo luogo, per la maggiore plasticità del cervello del bambino che riesce così a pronunciare tutti i suoni di una lingua e la padroneggia più facilmente grazie anche alla sua grande capacità di imitazione. In secondo luogo, per la maggior flessibilità culturale che ne deriva, la quale consente a sua volta di evitare il pregiudizio nei confronti di altre culture. Di conseguenza, si può considerare superato un altro pregiudizio: quello relativo ai danni provocati dall'introduzione di una seconda lingua nella prima infanzia. Ma è altrettanto importante coltivare sin dall'inizio la lingua scritta. Infatti, contributi di orientamento teorico diverso sottolineano il ruolo della narrazione nello sviluppo cognitivo 19 e evidenziano come i bambini abitual- 17 Cfr. E. Hoffman, Lost in Translation, Great Britain, Minerva, Cfr. J. Amati Mehler, S. Argentieri, J. Canestri, La babele dell'inconscio, Cortina, Milano, Cfr. C. Pontecorvo, Narrazione e pensiero discorsivo nell'infanzia, in M. Ammaniti,

9 Note sul bilinguismo e problemi con esso correlati 19 mente imparino ad ordinare le sequenze attraverso la costruzione di storie, apprendimento che la scrittura indubbiamente viene a potenziare. D'altro canto, la narrazione può essere anche un'occasione di gioco importante per lo sviluppo della fantasia e far parte di quello che Winnicott 20 denomina "spazio transizionale": una zona intermedia che può aiutare il bambino a rendersi autonomo e ad avviarsi verso il processo di individuazione e separazione dai genitori. Quello che vorrei sottolineare è che il mondo di oggi privilegia soprattutto l'immagine e ricerca una maggiore attenzione ai mezzi audiovisivi e alla parola. Ciò comporta una certa trascuratezza nei confronti della dimensione scritta delle lingue, in primo luogo dell'italiano stesso. Ne consegue che gli studenti adulti mostrano grandi difficoltà anche nella scrittura della lingua straniera; si dimentica in tal modo che la scrittura costituisce per sua natura un momento di riflessione e perciò di organizzazione del pensiero, una occasione di esprimersi e di rivendicare la propria libertà 21. Inoltre, se oggi si considera unanimemente lo studio e l'acquisizione di almeno una seconda lingua come fondamentale, è però a maggior ragione importante che gli studenti abbiano una buona conoscenza della lingua madre; infatti, molte ricerche hanno dimostrato come il dominio di una L2 sia superiore quando gli studenti presentano un miglior livello nella LI. D'altra parte, bisogna tener conto dei possibili trasferimenti di conoscenze da una lingua all'altra. Quanto agli errori che potrebbero derivarne, si fa una distinzione fra errori conseguenti all'interferenza della lingua madre, ed errori da mancata conoscenza della L2 e delle sue regole. In questo contesto, vorrei fecalizzare i primi e sottolineare le difficoltà che si presentano nel caso LI e L2 siano D. N. Stern (a cura di), Rappresentazioni e narrazioni, Bari, Laterza, 1991 e M. Orsolini, C. Pontecorvo (a cura di), La costruzione nel testo scritto nei bambini, Firenze, La Nuova Italia, II gioco e lo sviluppo della fantasia hanno una grande importanza nello sviluppo infantile (cfr. D. Winnicott, Gioco e realtà, Roma, Armando, 1990). 21 II filosofo spagnolo Lain Entralgo afferma che esprimersi attraverso la scrittura è il mezzo migliore per sviluppare la propria personalità. Chi ci riuscirà avrà più possibilità di trasmettere la propria esperienza e quella degli altri. Tale capacità costituisce il dono più prezioso che ci sia al servizio della libertà. In definitiva "vivir es expresarse" (citato da V. Rodríguez Jiménez, Manual Le Redacción, Madrid, Paraninfo, 1987, p. 17).

10 20 Magdalena Jiménez Naharro due lingue caratterizzate da un elevato grado di affinità, come ad esempio lo spagnolo e l'italiano. Nonostante ciò, continuo a ritenere che nello studio delle lingue straniere sia opportuno un trasferimento di conoscenze e di abilità linguistiche a partire dalla LI. Spesso una persona che ha un buon livello nella sua lingua madre, può riuscire a padroneggiare meglio una determinata lingua estera proprio in quanto certe abilità possono essere trasferite da una lingua all'altra, ad es., l'abilità di riassumere, di sintesi ed analisi, di elaborazione di schemi (gerarchla di idee), di uso della punteggiatura, etc. Ma, naturalmente, ciò apre anche dei problemi. Infatti in tale situazione si è osservata una maggiore difficoltà di apprendimento proficuo. Nei livelli soglia ci possono essere molti progressi e gli studenti ricavano dallo studio consistenti soddisfazioni, ma è molto più difficile avere un buon livello di comando in quanto le interferenze sono numerose, sia a livello orale che soprattutto scritto, derivandone tra l'altro una maggiore frustrazione sia per lo studente che per l'insegnante. Esse possono presentarsi a livello lessico-semantico, morfosintattico, soprasegmentale e fonetico. Inoltre, se a livello pragmatico, non sempre l'interferenza comporta una recezione equivoca del messaggio, rende tuttavia più difficile la consapevolezza dei propri errori. Allora, sempre nel caso di due lingue che si assomigliano molto, è richiesto, per affrontare tali problemi di interferenza, di accentuare non tanto le somiglianze, quanto le differenze. Dunque, è di grande utilità l'uso della grammatica contrastiva e della traduzione, il cui dominio comporta un grado di assimilazione delle regole molto elevato 22. Del resto, la riflessione sulla lingua e, dunque, l'attenzione all'insegnamento del metalinguaggio è fondamentale non solo nello studio di una seconda lingua, ma anche per la conoscenza della propria lingua madre. Costituisce un elemento teorico per controllare e capire gli errori. In gene- 22 Questa posizione recupera in parte l'approccio tradizionale basato sul ruolo prescrittivo della grammatica ma è anche attenta all'integrazione tra i diversi approcci didattici dato che come sostiene Daniel Cassany ciascuno di essi rimanda ad un punto di vista importante per il successo della comunicazione, il che suggerisce di non dimenticare "il non senso di un approccio assolutamente grammaticale, senza funzione, senza testo, senza processo, e con poco contenuto" (D. Cassany, Enfoques didácticos para la enseñanza de la expresión escrita, "Comunicación, lenguaje y educación", 1990, 6, p. 79).

11 Note sul bilinguismo e problemi con esso correlati 21 re, gli studenti di lingua sono poco propensi ad applicarsi su tale versante che, al contrario, è fondamentale, soprattutto a livello della subordinazione e dello studio del testo. Ciò fa comprendere quanto sia auspicabile una maggiore attenzione allo studio del metalinguaggio sin dalla scuola di base, tenendo conto dello sviluppo cognitivo del bambino e delle sue capacità di astrazione, soprattutto alla luce degli studi piagetiani e neopiagetiani 23. Si ricordi che i bambini, così come i parlanti di una lingua, possono avere una conoscenza implicita del metalinguaggio: sanno effettuare delle sostituzioni appropriate e adoperano le regole con abbastanza precisione, ma non sanno spiegare la ragione della correttezza o scorrettezza nell'uso del codice linguistico, di conseguenza la dotazione "naturale" di tale strumento non è sufficiente per una autocorrezione consapevole, e richiede uno studio supplementare. Su di un altro versante, a conferma del rapporto di potenziamento reciproco tra bilinguismo e metalinguaggio, i risultati delle ricerche di Malakoff e coli, fanno pensare che i bilingui sviluppino più abilità metalinguistiche rispetto ai soggetti monolingui 24. In conclusione, con queste mie note ho inteso enfatizzare il ruolo dell'insegnamento di una L2, al di là dello specifico apprendimento in oggetto, per la maggiore flessibilità cognitiva che esso favorisce. Ciò mi sembra coerente con una accezione del bilinguismo in senso lato, riferita ad un apprendimento non solo simultaneo, ma anche consecutivo, tale che possa darsi anche nel corso del periodo scolastico. Infatti, sebbene siano innegabili le differenze di procedura e risultato tra bilinguismo simultaneo e consecutivo, è peraltro evidente anche una similarità dei meccanismi e processi cognitivi in gioco, dal cui approfondimento c'è da attendersi un miglioramento e una maggiore naturalità delle tecniche di insegnamento. Su un altro versante, va ribadita l'analogia tra i processi cognitivi che regolano l'organizzazione della lngua madre e della L2; una gran parte dei problemi che ci troviamo ad affrontare nell'insegnamento sono infatti relativi alla infrastruttura di base, vale a dire, nuovamente, a quella medesima organizzazione cognitiva che regola il linguaggio tanto in LI che in L2. 23 Piaget ipotizza uno sviluppo progressivo della capacità di astrazione e di simbolizzazione che viene definitivamente raggiunta attorno ai 12 anni. 24 Cfr. M. Malakoff, K. Hakuta, Transìation skill and metalinguistic awareness in bilinguals in E. Bialistock (a cura di), Language Processing in Bilingual Children, Cambridge, Cambridge University Press, 1991.

12 22 Magdalena Jiménez Naharro Proprio in quanto rafforzativi di tale organizzazione, le dimensioni della scrittura e del metalinguaggio dovrebbero assumere particolare importanza. Sono essi infatti che consentono (vuoi al momento della elaborazione che del commento) di assumere dimestichezza con il testo, inteso come un tutto che si articola attraverso una serie di rimandi tra le parti, e non come una serie di sequenze private di qualsivoglia gerarchla semantica, sintattica e narrativa.

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue Italian Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue The Italian translation of The right of the deaf child to grow up bilingual by François Grosjean University of Neuchâtel, Switzerland Translated

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Un approccio inclusivo per Disturbi Specifici e Difficoltà di Apprendimento Anna Maria Antonucci AIRIPA Puglia Lo sviluppo dell intelligenza

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine Insegnante Chiara Zanotto Istituto Comprensivo Gianni Rodari di Rossano Veneto Anno scolastico 2014/2015 Disciplina

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE LEZIONE: DAI SAPERI ALLE COMPETENZE PROF.SSA ANGELA ELIA Indice 1 DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE ----------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE COMPETENZE

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) GLI AMBITI CLASSICI DELLO SVILUPPO SV. FISICO-CEREBRALE SV. SENSORIALE-PERCETTIVO SV. MOTORIO SVILUPPO COGNITIVO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO SV.

Dettagli

Modelli teorici sull apprendimento di una L2

Modelli teorici sull apprendimento di una L2 Modelli teorici sull apprendimento di una L2 (D00013) Mauro Pichiassi Università per Stranieri di Perugia Pisa, 2009 ISBN: 978-88-6725-016-5 Ultima revisione 24 Settembre 2012 Presentazione del modulo

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica?

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? RISPOSTE ALLE DOMANDE DEL CAPITOLO 3 1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? I modi di analisi del suono sono tre: il percettivo, l'acustico e l'articolatorio. Possiamo ricondurre

Dettagli

Organizzare uno sfondo per favorire l autonomia dei bambini

Organizzare uno sfondo per favorire l autonomia dei bambini 1) Utilizzo della dialettica figura/sfondo in campo educativo Organizzare uno sfondo per favorire l autonomia dei bambini di Zanelli Paolo Vorrei connettere, in questo intervento, due elementi che vengono

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Kaufman Assessment Battery for Children Second Edition

Kaufman Assessment Battery for Children Second Edition Kaufman Assessment Battery for Children Second Edition Autori Alan S. Kaufman e Nadeen L. Kaufman Data di pubblicazione 2011 Range di età Da 3 anni a 18 anni e 11 mesi Tempo di somministrazione Subtest

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

LE COOPERAZIONI TRA BAMBINI: IMMAGINARE INSIEME

LE COOPERAZIONI TRA BAMBINI: IMMAGINARE INSIEME Nei giochi di far finta sono all'opera differenti processi sociocognitivi. Le idee circolano da un bambino all'altro apportando nuovi elementi alla costruzione del gioco. LE COOPERAZIONI TRA BAMBINI: IMMAGINARE

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli