Progetto di un telaio tridimensionale in. cemento armato. Esempio guidato 2 Pag. 1

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto di un telaio tridimensionale in. cemento armato. Esempio guidato 2 Pag. 1"

Transcript

1 Esempio guidato 2 Progetto di un telaio tridimensionale in cemento armato Esempio guidato 2 Pag. 1

2 Esempio guidato 2 - Progetto di un telaio tridimensionale in cemento armato In questo Tutorial viene eseguito il calcolo completo di una struttura in cemento armato formata da un telaio tridimensionale composto da pilastri, travi (anche di fondazione) e solai di piano, con progettazione sismica statica equivalente eseguita secondo il D.M. 08 agli Stati Limite Ultimi. Per maggiori approfondimenti sulla modellazione di strutture in cemento armato si rimanda al videocorso dedicato disponibile all indirizzo internet Per aprire l archivio predisposto è necessario utilizzare i seguenti comandi: Start Programmi PRO_SAP PROfessional SAP Esempi Esempio2 Viene visualizzata la finestra Informazioni su PRO_SAP, premere quindi. Nelle pagine seguenti, tuttavia, si mostreranno tutti i passi da seguire per la modellazione completa, l analisi e la progettazione della struttura. 1. Normative utilizzate Di seguito si mostra la procedura per la scelta delle Normative da utilizzare. Per accedere alla finestra relativa alle Normative in uso occorre eseguire il comando: Normative Verrà visualizzata la seguente finestra riportata a fianco. Premere il tasto. 2. Definizione dell archivio delle sezioni Di seguito si mostra la procedura per definire l archivio delle sezioni da utilizzare. Sezioni Sezioni generiche Nella Tabella delle sezioni fare doppio clic su Sezione a T rovescia per visualizzare la finestra geometria sezione. Inserire i valori indicati. Premere e successivamente. Premere il contatore per definire la seconda sezione. Esempio guidato 2 Pag. 2

3 Nella Tabella delle sezioni fare doppio clic su Sezione rettangolare, per visualizzare la finestra geometria sezione. Inserire i valori indicati. Premere e successivamente. Premere il contatore per definire la terza sezione. Nella Tabella delle sezioni fare doppio clic su Sezione rettangolare, per visualizzare la finestra geometria sezione. Inserire i valori indicati. Premere e successivamente. Premere il tasto di chiusura della finestra. Per tutte le tre sezione definite lasciare i dati relativi ad Armatura trasversale ed Armatura longitudinale come quelli di default. Salva Permette di assegnare il nome desiderato al file e il percorso di salvataggio. Esempio guidato 2 Pag. 3

4 3. Definizione dell archivio dei materiali Di seguito si mostra la procedura per definire l archivio dei materiali da utilizzare. Materiali Verrà considerato un materiale di tipo Calcestruzzo Classe C25/30 disponibile come materiale numero 1 nell archivio dei materiali. Cliccando sull icona mostrata in figura è possibile accedere alla finestra Definizione proprietà materiale tipo c.a. in cui sono riportati i valori di default per il suddetto materiale. Per effettuare delle modifiche è sufficiente inserire i valori di interesse e premere il comando. Premere quindi il tasto di chiusura della finestra. Nella finestra Tabella dei materiali, premere il comando e successivamente il tasto di chiusura della finestra. Salva Permette di assegnare il nome desiderato al file e il percorso di salvataggio. 4. Modellazione della struttura Di seguito si mostra la procedura per la modellazione della struttura. Telai Permette di accedere alla finestra Generazione telai; considerare la tipologia telaio tipo 4 e premere. Viene quindi visualizzata la finestra Generazione telaio 2d in cui è necessario inserire le informazioni richieste per la generazione automatica del telaio con le travi di fondazione. Premere successivamente i comandi ed. Niente Permette di deselezionare gli oggetti precedentemente selezionati, in questo caso i pilastri. Esempio guidato 2 Pag. 4

5 Salva Permette di assegnare il nome desiderato al file e il percorso di salvataggio. Vista Ass. 1 Pemette la visualizzazione assonometrica del modello. Linee Nasc. Veloce Permette di visualizzare il modello nella modalità linee nascoste veloce come nella figura a lato. Filo di ferro Permette di visualizzare il modello nella modalità linee nascoste veloce. 5. Impostazione e assegnazione delle proprietà agli elementi strutturali Di seguito si mostra la procedura per assegnare le proprietà agli elementi strutturali (pilastri, travi, travi di fondazione, solai). Permette di rendere selezionabili solo gli elementi D2. Permette di selezionare l oggetto più vicino. In questo caso occorre selezionare i pilastri. Permette si impostare le proprietà di riferimento di un elemento D2. Selezionare nelle apposite finestre dati le seguenti caratteristiche: Elemento tipo Trave, Sezione [3] Rettangolare: b=35.00 h =35.00, Materiale [1] Calcestruzzo Classe 25/30. Lasciare le altre proprietà come di default (è possibile comunque cambiarle cliccando sulla voce di interesse e scegliendo dal menu a tendina). Premere quindi il tasto per uscire dalla finestra Imposta proprietà di riferimento D2. Doppio clic sul tasto destro del mouse Permette di assegnare il riferimento precedentemente impostato agli elementi D2 selezionati. Niente Permette di deselezionare gli oggetti precedentemente selezionati, in questo caso i pilastri. Esempio guidato 2 Pag. 5

6 Permette di selezionare l oggetto più vicino. In questo caso occorre selezionare le travi. Permette si impostare le proprietà di riferimento di un elemento D2. Selezionare nelle apposite finestre dati le seguenti caratteristiche: Elemento tipo Trave, Sezione [2] Rettangolare: b=30.00 h =40.00, Materiale [1] Calcestruzzo Classe 25/30. Lasciare le altre proprietà come di default (è possibile comunque cambiarle cliccando sulla voce di interesse e scegliendo dal menu a tendina). Premere quindi il tasto per uscire dalla finestra Imposta proprietà di riferimento D2. Doppio clic sul tasto destro del mouse Permette di assegnare il riferimento precedentemente impostato agli elementi D2 selezionati. Niente Permette di deselezionare gli oggetti precedentemente selezionati, in questo caso le travi. Permette di selezionare l oggetto più vicino. In questo caso occorre selezionare le travi di fondazione. Permette si impostare le proprietà di riferimento di un elemento D2. Esempio guidato 2 Pag. 6

7 Selezionare nelle apposite finestre dati le seguenti caratteristiche: Elemento tipo Trave, Sezione [1] T rovescia: bi= ht =80.00 bs=30.00 hi=30.00, Materiale [1] Calcestruzzo Classe 25/30. Lasciare le altre proprietà come di default (è possibile comunque cambiarle cliccando sulla voce di interesse e scegliendo dal menu a tendina). Premere quindi il tasto per uscire dalla finestra Imposta proprietà di riferimento D2. Doppio clic sul tasto destro del mouse Permette di assegnare il riferimento precedentemente impostato agli elementi D2 selezionati. Niente Permette di deselezionare gli oggetti precedentemente selezionati, in questo caso le travi di fondazione. Permette di rendere selezionabili solo gli elementi solaio. Permette di selezionare l oggetto più vicino. In questo caso occorre selezionare i solai del primo piano. Permette si impostare le proprietà di riferimento di un elemento solaio. Assegnare le caratteristiche come mostrato nella figura seguente. Esempio guidato 2 Pag. 7

8 Doppio clic sul tasto destro del mouse Permette di assegnare il riferimento precedentemente impostato agli elementi solai selezionati. Niente Permette di deselezionare gli oggetti precedentemente selezionati, in questo caso i solai del primo piano. Permette di selezionare l oggetto più vicino. In questo caso occorre selezionare i solai del secondo piano. Permette si impostare le proprietà di riferimento di un elemento solaio. Assegnare le caratteristiche come mostrato nella figura seguente. Doppio clic sul tasto destro del mouse Permette di assegnare il riferimento precedentemente impostato agli elementi solai selezionati. Niente Permette di deselezionare gli oggetti precedentemente selezionati, in questo caso i solai del secondo piano. Salva Permette di assegnare il nome desiderato al file e il percorso di salvataggio. Esempio guidato 2 Pag. 8

9 Come verifica, per accertarsi di aver assegnato il riferimento in modo corretto, può essere utile cliccare sul comando e selezionare a campione alcuni elementi. Sul lato destro dello schermo comparirà la finestra Edita proprietà all interno della quale è possibile apportare le eventuali modifiche. Nella modellazione dei solai occorre tenere conto che lo Spessore membranale rappresenta solamente la dimensione della cappa. Linee Nasc. Veloce Permette di visualizzare il modello nella modalità linee nascoste veloce come nella figura sottostante. Esempio guidato 2 Pag. 9

10 6. Controllo dati struttura Di seguito si mostra la procedura per il controllo del modello della struttura. Permette la riorganizzazione della numerazione nodale, con conseguente riduzione dei tempi di analisi. Permette la riorganizzazione della numerazione degli elementi D2, con conseguente riduzione dei tempi di analisi. Permette la riorganizzazione della numerazione dei solai, con conseguente riduzione dei tempi di analisi. Check dati struttura Permette di effettuare il controllo dei dati della struttura. Viene visualizzata la finestra Controllo dello stato - report in cui vengono riportati i controlli effettuati sulla struttura. Il programma segnala eventuali errori nel modello proponendo ulteriori controlli. Premere il tasto di chiusura della finestra. Nel caso si desideri procedere ad ulteriori controlli, essendo gli oggetti causa di errore selezionati in modo automatico dal programma, è sufficiente cliccare due volte il tasto destro del mouse ed eseguire la procedura Visualizza Isola topologia per isolarli. Durante la fase di modellazione, a scopo di verifica, si consiglia di eseguire più volte il comando per il controllo dei dati della struttura. 7. Definizione dei casi di carico e delle combinazioni Di seguito si mostra la procedura per la definizione dei casi di carico e delle combianazioni. In particolare, saranno considerati: Peso proprio della struttura; Carico permanente e accidentale solai; Carico da neve; Carico permanente generico; Sisma allo Stato Limite Ultimo; Sisma allo Stato Limite di Danno. Assegnazione carichi Vengono nascosti i comandi di generazione della struttura e visualizzati i comandi per la gestione dei carichi. Nel contesto di assegnazione dei carichi vengono effettuate le operazioni di assegnazione dei carichi di progetto che vengono gestiti all interno di Casi di carico, cioè archivi di carichi di tipologia omogenea. Casi di carico Vengono visualizzate in sequenze le finestre seguenti: Esempio guidato 2 Pag. 10

11 In ciascun caso premere il comando. Peso proprio della struttura; peso proprio della struttura (1 caso di carico dell archivio); Permanente solai-coperture; carico permanente dei solai (2 caso di carico dell archivio); Permanente solai-coperture n.c.d; carico permanente dei solai (3 caso di carico dell archivio); Variabile solai; carico accidentale dei solai (4 caso di carico dell archivio); Carico da neve; carico da neve (5 caso di carico dell archivio); CDC=Es (dinamico SLU) alfa=0.0 (ecc. +) sisma dinamico equivalente definito in modo automatico in direzione X con eccentricità accidentale positiva (6 caso di carico dell archivio); CDC=Es (dinamico SLU) alfa=0.0 (ecc. -) sisma dinamico equivalente definito in modo automatico in direzione X con eccentricità accidentale negativa (7 caso di carico dell archivio); CDC=Es (dinamico SLU) alfa=90.00 (ecc. +) sisma dinamico equivalente definito in modo automatico in direzione Y con eccentricità accidentale positiva (8 caso di carico dell archivio); CDC=Es (dinamico SLU) alfa=90.00 (ecc. -) sisma dinamico equivalente definito in modo automatico in direzione Y con eccentricità accidentale negativa (9 caso di carico dell archivio); CDC=Es (dinamico SLD) alfa=0.0 (ecc. +) sisma dinamico equivalente di danno definito in modo automatico in direzione X con eccentricità accidentale positiva (10 caso di carico dell archivio); CDC=Es (dinamico SLD) alfa=0.0 (ecc. -) sisma dinamico equivalente di danno definito in modo automatico in direzione X con eccentricità accidentale negativa (11 caso di carico dell archivio); CDC=Es (dinamico SLD) alfa=90.00 (ecc. +) sisma dinamico equivalente di danno definito in modo automatico in direzione Y con eccentricità accidentale positiva (12 caso di carico dell archivio); CDC=Es (dinamico SLD) alfa=90.00 (ecc. -) sisma dinamico equivalente di danno definito in modo automatico in direzione Y con eccentricità accidentale negativa (13 caso di carico dell archivio); Esempio guidato 2 Pag. 11

12 Permanente generico; azione generiche di tipo permanente (14 caso di carico dell archivio). Cliccare due volte sull icona e selezionare l opzione G1 nella finestra Definizione permanenente. Premere il comando e successivamente il comando. Premere il tasto di chiusura della finestra. Viene visualizzato il primo carico contenuto nell archivio di default. Fare doppio clic sull icona Carico distribuito globale per attivare la finestra dati Carico nodale. Inserire quindi i dati come indicato nella figura seguente. Premere il comando e succesivamente due volte il comando. Premere il tasto di chiusura della finestra. Una volta definiti, per visualizzarli in sequenza occorre premere i tasti di avanzamento del contatore. Vista Y- Pemette la visualizzazione del modello nel piano XZ lungo la direzione Y-. Filo di ferro Permette di visualizzare il modello nella modalità linee nascoste veloce. Box Permette di selezionare tutti i nodi contenuti all interno del box definito. In questo caso selezionare tutte le travi del primo piano. Doppio clic sul tasto destro del mouse Esempio guidato 2 Pag. 12

13 Permette di impostare il riferimento relativo ai carichi generici. Viene visualizzata la Tabella dei carichi applicabili che riporta il Carico corrente, il Caso di carico corrente ed il Riferimento corrente. Selezionare con un clic del mouse il carico distribuito globale DG: Fzi= = Fxf=5.00 e trascinarlo nel caso di carico CDC=G1k (permanente generico). Facendo click sul + a fianco del caso di carico è possibile visualizzare il carico contenuto. Premere il tasto di chiusura della finestra. Doppio clic sul tasto destro del mouse Permette di assegnare il riferimento relativo ai carichi generici. Niente Permette di deselezionare gli oggetti precedentemente selezionati, in questo caso le travi del primo piano. Salva Permette di assegnare il nome desiderato al file e il percorso di salvataggio. Vedi caso di carico Permette di visualizzare il caso di carico selezionato. Posizionarsi con i tasti di scorrimento su quello di interesse per la corrispondente rappresentazione grafica. Nella figura successiva viene mostrato il 14 caso di carico considerato in questo Esempio guidato: 14) CDC Gk (permanente generico). Esempio guidato 2 Pag. 13

14 Casi di carico sismici La località di riferimento, da definire nella cornice Pericolosità e zonazione, è Ferrara (FE). In alternativa, è possibile definire le coordinate geografiche del luogo di interesse. Nella finestra Passo 1 attivare le seguenti opzioni: Classe d uso: II; Premere il comando per aggiornare lo spettro. Pemere il comando. Nella finestra Passo 2 attivare le seguenti opzioni: Categoria di suolo di fondazione: C; Categoria topografica: T1. Premere il comando per aggiornare lo spettro. Premere il comando. Nella finestra Passo 3 definire le grandezze come indicato. Premere il comando per aggiornare lo spettro. Premere il comando. Nella finestra Passo 4 lasciare le grandezze definite così come sono, ad eccezione del N. modi per l analisi dinamica da considerare pari a 15. Premere il comando per aggiornare lo spettro. Premere il comando. Esempio guidato 2 Pag. 14

15 Nella finestra Passo 5 cliccare il comando: per la determinazione delle masse sismiche. Nel corrente esempio i moltiplicatori dei casi di carico sono tutti definiti pari a 1. Viene visualizzata la finestra: Premere il comando e successivamente il comando. Salva Permette di assegnare il nome desiderato al file e il percorso di salvataggio. Combinazioni Permette di visualizzare la Tabella delle combinazioni. Viene visualizzata la finestra riportata nell immagine a fianco. Premere il comando. La definizione avviene in modo automatico con i seguenti comandi: Premere il comando. Nella finestra visualizzata, Parametri per carichi variabili, è possibile controllare (e modificare) i coefficienti assegnati in modo automatico. Premere i comandi ed. Nella finestra visualizzata, Interazione casi di carico variabili, sono riportati un due casi di carico. Premere i comandi ed. Esempio guidato 2 Pag. 15

16 Nella finestra visualizzata, Definizioni durata, è possibile controllare (e modificare) i coefficienti assegnati in modo automatico dal programma. Premere i comandi ed. Nella finestra visualizzata, Scenari di carico DM08, è possibile controllare (e modificare) i valori assegnati in modo automatico dal programma. Premere i comandi e. Nella Tabella delle combinazioni è disponibile l elenco delle combinazioni di carico i cui moltiplicatori possono essere comunque modificati facendo clic con il mouse sul numero riportato. Esempio guidato 2 Pag. 16

17 Premere i comandi,,, e. Premere quindi il tasto. Salva Permette di assegnare il nome desiderato al file e il percorso di salvataggio. 8. Esecuzione dell analisi Di seguito si mostra la procedura per eseguire l analisi della struttura. Check dati di carico Permette di effettuare il controllo dei carichi applicati. Salvataggio dati per l analisi Permette di effettuare il controllo generale dei dati inseriti e la scrittura dei file per l analisi; viene visualizzata la finestra Controllo dello stato - report in cui vengono riportate le risultanti di competenza a ciascun caso di carico. Esempio guidato 2 Pag. 17

18 Esecuzione analisi Permette l elaborazione dei dati del modello mediante il solutore e_sap. Al termine del processo di elaborazione dei dati, viene visualizzata la finestra Controllo dello stato report che riporta l esito dei controlli effettuati dal solutore. Premere il tasto di chiusura della finestra. Salva Permette di assegnare il nome desiderato al file e il percorso di salvataggio. Nel caso di analisi in frequenza, assicurarsi che la massa eccitata sia almeno l 85% di quella totale. 9. Visualizzazione dei risultati relativi all analisi Di seguito si mostra la procedura per la visualizzazione dei risultati dell analisi. In particolare verranno analizzati: Azioni D2, momento 3-3; Spostamenti sismica 1000/H (nodi). Per attivare i comandi di visualizzazione dei risultati è necessario attivare i comandi: Visualizzazione dei risultati Permette di accedere ai comandi per la visualizzazione dei risultati. Vedi combinazione Permette la visualizzazione dei risultati relativi alla combinazione di carico selezionata. Per visualizzare, ad esempio, il momento 3-3 relativo trentasettesima combinazione di carico è necessario posizionarsi con i tasti di scorrimento SLU A1 (SLV sism.) 37 e premere i seguenti comandi: sulla combinazione numero 37) Comb. Esempio guidato 2 Pag. 18

19 Azioni D2 Momento 3-3 Permette la visualizzazione, mediante mappa cromatica, dell azione flettente attorno all asse locale 3-3. Deformazioni Sismica 1000/H (nodi) Permette di visualizzare gli spostamenti sismici. Per la visualizzazione delle altre tipologie di risultati è possibile procedere in modo analogo. Esempio guidato 2 Pag. 19

20 Per effettuare il controllo dei risultati sul singolo elemento D2 è necessario visualizzare una tipologia di risultato (es. movimenti nodi, azioni D2, ecc.) e utilizzare il comando: Controlla Fare clic con il mouse sull elemento che si desidera monitorare. Verrà visualizzata la Finestra di controllo generale dove sono riportati tutti i risultati del calcolo ed il cui valore può essere controllato in varie posizioni dell elemento impiegando l apposito cursore. Premere il tasto per uscire dalla Finestra di controllo generale. 10. Procedura per l esecuzione della progettazione Di seguito si mostra la procedura per la progettazione della struttura con il metodo degli Stati Limite Ultimi. Assegnazione dati di progetto Permette di accedere ai comandi per l assegnazione dei dati di progetto. Criteri di progetto Permette di visualizzare la Tabella dei criteri di progetto per l assegnazione dei parametri di progettazione degli elementi strutturali. Definire i parametri necessari come indicato nelle figure seguenti e premere il comando. Chiudere ciascuna finestra con il tasto. Esempio guidato 2 Pag. 20

21 Tutto Permette di selezionare tutti gli oggetti visualizzati. Clic sul tasto destro del mouse Progetta Stati limite ultimi Nessuno Permette di deselezionare gli oggetti precedentemente selezionati. Salva Permette di assegnare il nome desiderato al file e il percorso di salvataggio. Esempio guidato 2 Pag. 21

22 Travi cls s.l. Permette di visualizzare il menu di controllo degli elementi trave in c.a. progettati con il metodo degli Stati Limite Ultimi. Stato di progetto Permette la visualizzazione, mediante colorazione, dello stato di verifica della struttura. In particolare: (i) colore rosso elementi non verificati, (ii) colore ciano elementi verificati. Nella figura sottostante si nota che le travi in cemento armato sono tutte verificate. Verifica N/M Permette la visualizzazione, mediante mappa cromatica, dei valori massimi del rapporto Sd/Su (Sd = sollecitazione di progetto derivante da N e M33, Su = sollecitazione ultima)ottenuto con incremento proporzionale delle sollecitazioni o a sforzo normale costante (nei criteri di progetto è possibile impostare la verifica a N costante). (D.M. 09/01/1996 par , D.M par ) Esempio guidato 2 Pag. 22

23 Pilastri cls s.l. Permette di visualizzare il menu di controllo degli elementi pilastro in c.a., progettati con il metodo degli Stati Limite Ultimi. Stato di progetto Permette la visualizzazione, mediante colorazione, dello stato di verifica della struttura. In particolare: (iii) colore rosso elementi non verificati, (iv) colore ciano elementi verificati. Nella figura sottostante si nota che i pilastri in cemento armato sono tutti verificati. Verifica N-M Permette la visualizzazione, mediante mappa cromatica, dei valori massimi del rapporto Sd/Su (Sd = sollecitazione di progetto, Su = sollecitazione ultima) con sollecitazioni ultime proporzionali (D.M. 09/01/1996 par ). Esempio guidato 2 Pag. 23

24 Per effettuare la visualizzazione dei risultati della verifica relativi ad un singolo elemento D2 della struttura è necessario eseguire i seguenti comandi: (a) Dal menu a tendina attivare uno dei comandi di verifica, ad esempio S.L.U. Verif. N/M; (b) Premere il comando ; (c) Fare clic con il mouse su un elemento D2 di interesse. Verrà quindi visualizzata la Finestra di controllo generale che permette di effettuare il controllo dei risultati della progettazione. Immagine relativa ad una trave. Premere il tasto per uscire dalla Finestra di controllo generale. Immagine relativa ad un pilastro. Premere il tasto per uscire dalla Finestra di controllo generale. Esempio guidato 2 Pag. 24

25 11. Generazione della relazione di calcolo Di seguito viene mostrata la procedura per la generazione della relazione di calcolo. Viene visualizzata la finestra Opzioni di stampa che contiene le opzioni di scelta dei dati e dei risultati che è possibile inserire nella relazione; per l esempio impostare le opzioni come nella immagine seguente. L opzione Mostra stesura permette la visualizzazione della stesura della relazione da parte di Microsoft Word. Spuntare anche l opzione Progetto D2 (completa). Premere. Nella finestra Salva con nome assegnare il nome al file di relazione (es. Relazione) e la cartella di salvataggio; premere Salva. La relazione verrà redatta automaticamente. Per la produzione di immagini e schemi strutturali usare il comando File Stampa Esporta immagine (per generare l immagine della visualizzazione corrente). Le immagini salvate nella cartella Esempio2_data possono essere inserite in modo automatico nella relazione di calcolo utilizzando, prima della generazione, il comando. 12. Generazione degli esecutivi Di seguito viene mostrata la procedura per la generazione degli esecutivi di piani, di una travata e di una pilastrata. Generazione esecutivi Esecutivi carpenterie. Viene visualizzata la finestra rappresentata nella figura sottostante di sinistra. Premere il comando. Verrà visualizzata una nuova finestra rappresentata nella figura sottostante di destra. Premere i comandi e. Esempio guidato 2 Pag. 25

26 Verrà visualizzata l immagine seguente. È possibile eseguire la generazione dei disegni esecutivi di una travata della struttura seguendo la procedura descritta nel seguito: (a) Premere il comando controlla e fare clic con il mouse sull elemento di cui si desidera l esecutivo; (b) (c) Nella Finestra di controllo generale fare clic con il tasto destro del mouse in corrispondenza della cornice bianca dove è riportata l immagine dell elemento e premere il comando Esecutivo travata. Viene attivato il modulo PRO_CAD Travi; Attivare il comando Genera Armatura per definire i parametri di generazione delle armature. Esempio guidato 2 Pag. 26

27 File Salva con nome Permette di salvare il file con estensione.trv nel percorso di salvataggio. La cartella di default è /Esempio2_data/disegno. Premere il tasto per uscire da PRO_CAD Travi. È possibile eseguire la generazione dei disegni esecutivi di una pilastrata della struttura seguendo la procedura descritta nel seguito: (a) Premere il comando controlla l esecutivo; e fare clic con il mouse sull elemento di cui si desidera (b) Nella Finestra di controllo generale fare clic con il tasto destro del mouse in corrispondenza della cornice bianca dove è riportata l immagine dell elemento e premere il comando Esecutivo pilastrata. Viene attivato il modulo PRO_CAD Travi; (c) Attivare il comando Genera Armatura per definire i parametri di generazione delle armature. Lasciando quelli di default si ottiene la figura sottostante: File Salva con nome Permette di salvare il file con estensione.pil nel percorso di salvataggio. La cartella di default è /Esempio2_data/disegno. Premere il tasto per uscire da PRO_CAD Pilastri. Salva Permette di assegnare il nome desiderato al file e il percorso di salvataggio. Esempio guidato 2 Pag. 27

28 Esempio guidato 2 Pag. 28

Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti)

Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti) Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti) In questa semplice esercitazione di progettazione viene eseguito il calcolo completo di una struttura in

Dettagli

Modellazione mediante importazione di. file.dxf. Esempio guidato 4 Pag. 1

Modellazione mediante importazione di. file.dxf. Esempio guidato 4 Pag. 1 Esempio guidato 4 Modellazione mediante importazione di file.dxf Esempio guidato 4 Pag. 1 Esempio guidato 4 - Modellazione mediante importazione di file.dxf In questo Tutorial viene illustrata la procedura

Dettagli

Modo grafico Solido dinamico viene visualizzata la struttura riportata nell immagine. Premere il tasto x per uscire.

Modo grafico Solido dinamico viene visualizzata la struttura riportata nell immagine. Premere il tasto x per uscire. Esercitazione n. 7 di progettazione con PRO_SAP: Analisi dell interazione terreno-struttura In questa esercitazione guidata sono illustrate alcune semplici procedure che permettono di sperimentare direttamente

Dettagli

Modellazione 3D con elementi solidi. Esempio guidato 10 Pag. 1

Modellazione 3D con elementi solidi. Esempio guidato 10 Pag. 1 Esempio guidato 10 Modellazione 3D con elementi solidi Esempio guidato 10 Pag. 1 Esempio guidato 10 Modellazione 3D con elementi solidi In questo Tutorial si illustra la procedura per la modellazione 3D

Dettagli

Esempio guida n. 4: Modellazione con l ausilio di un disegno architettonico (CAD)

Esempio guida n. 4: Modellazione con l ausilio di un disegno architettonico (CAD) Esempio guida n. 4: Modellazione con l ausilio di un disegno architettonico (CAD) In questa semplice esercitazione di progettazione viene eseguita la modellazione di parti di struttura partendo da un disegno

Dettagli

Generazione delle immagini, degli esecutivi della struttura, della relazione di calcolo e dei computi

Generazione delle immagini, degli esecutivi della struttura, della relazione di calcolo e dei computi Capitolo 14 Generazione delle immagini, degli esecutivi della struttura, della relazione di calcolo e dei computi Questo capitolo presenta una panoramica dei comandi e delle procedure per la generazione

Dettagli

Esempi guidati. Questo capitolo presenta alcuni esempi guidati sull applicazione del programma PRO_VLIM. Verranno presentati i seguenti esempi:

Esempi guidati. Questo capitolo presenta alcuni esempi guidati sull applicazione del programma PRO_VLIM. Verranno presentati i seguenti esempi: Capitolo 4 Esempi guidati Questo capitolo presenta alcuni esempi guidati sull applicazione del programma PRO_VLIM. Verranno presentati i seguenti esempi: Analisi di una sezione rettangolare in c.a. soggetta

Dettagli

Flow!Works Manuale d uso

Flow!Works Manuale d uso Flow!Works Manuale d uso Questa guida ti sarà utile per comprendere le informazioni e le diverse funzioni del software, in modo da permetterti un corretto utilizzo nella più completa autonomia. Smartmedia

Dettagli

Guida rapida dei comandi

Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Questo capitolo presenta una rapida panoramica dei comandi di PRO_SAP con le relative modalità di accesso. Le informazioni presentate per ogni comando

Dettagli

Verifica di resistenza al fuoco di un. edificio in cemento armato. Esempio guidato 9 Pag. 1

Verifica di resistenza al fuoco di un. edificio in cemento armato. Esempio guidato 9 Pag. 1 Esempio guidato 9 Verifica di resistenza al fuoco di un edificio in cemento armato Esempio guidato 9 Pag. 1 Esempio guidato 9 - Verifica di resistenza al fuoco di un edificio in cemento armato In questo

Dettagli

ESEMPIO GUIDATO 6. Verifica di una copertura in legno

ESEMPIO GUIDATO 6. Verifica di una copertura in legno ESEMPIO GUIDATO 6 Verifica di una copertura in legno Esempio guidato 6 Pag. 1 Esempio guidato 6 - Verifica di una copertura in legno In questo Esempio viene eseguita la progettazione e la verifica di una

Dettagli

Gestione Rapporti (Calcolo Aree)

Gestione Rapporti (Calcolo Aree) Gestione Rapporti (Calcolo Aree) L interfaccia dello strumento generale «Gestione Rapporti»...3 Accedere all interfaccia (toolbar)...3 Comandi associati alle icone della toolbar...4 La finestra di dialogo

Dettagli

Modulo 1. Database: concetti introduttivi

Modulo 1. Database: concetti introduttivi Modulo 1 Database: concetti introduttivi Iniziamo questi primi passi introducendo alcune definizioni e concetti fondamentali sul software DBMS, basilare nella moderna gestione dei dati. 2 Il termine informatica

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

1. Le macro in Access 2000/2003

1. Le macro in Access 2000/2003 LIBRERIA WEB 1. Le macro in Access 2000/2003 Per creare una macro, si deve aprire l elenco delle macro dalla finestra principale del database: facendo clic su Nuovo, si presenta la griglia che permette

Dettagli

Breve visione d insieme

Breve visione d insieme Breve visione d insieme Per accedere occorre semplicemente collegarsi alla pagina http://wm.infocom.it/ ed inserire il proprio indirizzo e-mail e password. Inserimento delle Vostre credenziali Multilingua

Dettagli

Guida all uso di Java Diagrammi ER

Guida all uso di Java Diagrammi ER Guida all uso di Java Diagrammi ER Ver. 1.1 Alessandro Ballini 16/5/2004 Questa guida ha lo scopo di mostrare gli aspetti fondamentali dell utilizzo dell applicazione Java Diagrammi ER. Inizieremo con

Dettagli

Gestione delle Cartelle dei Messaggi di Posta Elettronica

Gestione delle Cartelle dei Messaggi di Posta Elettronica CADMO Infor ultimo aggiornamento: febbraio 2012 Gestione delle Cartelle dei Messaggi di Posta Elettronica Premessa...1 Le Cartelle dei Messaggi di Posta Elettronica utilizzate da Outlook Express...2 Cose

Dettagli

Comandi di Excel. Tasti di scelta rapida da Barra delle Applicazioni MAIUSC+F12 CTRL+N. dall utente MAIUSC+F1 ALT+V+Z

Comandi di Excel. Tasti di scelta rapida da Barra delle Applicazioni MAIUSC+F12 CTRL+N. dall utente MAIUSC+F1 ALT+V+Z 2.1 Primi passi con Excel 2.1.1 Introduzione Excel è il foglio elettronico proposto dalla Microsoft ed, in quanto tale, fornisce tutte le caratteristiche per la manipolazione dei dati, realizzazioni di

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 D. MANUALE UTILIZZO DEL VISUALIZZATORE Il Visualizzatore è un programma che permette di

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA FASE PREPARATORIA SCRUTINI SISSIWeb

PROCEDURA OPERATIVA FASE PREPARATORIA SCRUTINI SISSIWeb PROCEDURA OPERATIVA FASE PREPARATORIA SCRUTINI SISSIWeb La segreteria didattica dovrà eseguire semplici operazioni per effettuare, senza alcun problema, lo scrutinio elettronico: 1. CONTROLLO PIANI DI

Dettagli

MODULO DOMANDE INDICE

MODULO DOMANDE INDICE INDICE INDICE... 2 IL PROGRAMMA... 3 LA VIDEATA PRINCIPALE... 4 IL MENU FILE... 7 Esportare i file... 9 LA FINESTRA DELLA RISPOSTA... 11 TUTTI I MODI PER INSERIRE IL TESTO... 11 I Collegamenti... 12 MODELLI

Dettagli

Fondamenti di informatica. Word Elaborazione di testi

Fondamenti di informatica. Word Elaborazione di testi Fondamenti di informatica Word Elaborazione di testi INTRODUZIONE Cos è Word? u Word è un word processor WYSIWYG (What You See Is What You Get) u Supporta l utente nelle operazioni di: Disposizione del

Dettagli

Word_2000 Capitolo 1 Word_2000. lo 1

Word_2000 Capitolo 1 Word_2000. lo 1 Capittol lo 1 Introduzione e Guida in linea 1-1 Introduzione Microsoft Word 2000 è un programma di trattamento testi, in inglese Word Processor, che può essere installato nel proprio computer o come singolo

Dettagli

Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa

Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa Stampa e salvataggio in vari formati. Utilizzare il prodotto per inserirlo in relazioni, come base di disegni In questa lezione vedremo come creare una mappa

Dettagli

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 2 Uso del Computer e Gestione dei file ( Windows XP ) A cura di Mimmo Corrado MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 2 FINALITÁ Il Modulo 2, Uso del computer

Dettagli

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Le pagine che seguono introducono l utente all uso delle principali funzionalità di TQ Tara mediante un corso organizzato in otto lezioni. Ogni lezione spiega

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

Utilizzo di Blue s. Avvio di Blue s C A P I T O L O 7. Come avviare il programma e inserire la password

Utilizzo di Blue s. Avvio di Blue s C A P I T O L O 7. Come avviare il programma e inserire la password Capitolo 7 83 C A P I T O L O 7 Avvio di Blue s Questo capitolo introduce l'utilizzatore all'ambiente di lavoro e alle funzioni di aggiornamento delle tabelle di Blue s. Blue s si presenta come un ambiente

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul web

On-line Corsi d Informatica sul web On-line Corsi d Informatica sul web Corso base di Windows Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo 1 IL DESKTOP Quando si avvia il computer, si apre la seguente schermata che viene

Dettagli

Esempio guida n. 2: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (Modellazione automatica)

Esempio guida n. 2: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (Modellazione automatica) Esempio guida n. 2: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (Modellazione automatica) In questa esercitazione di progettazione viene eseguito il calcolo completo di una struttura in c.a. formata

Dettagli

Indice. Calcolo fondazioni secondo NTC08. Parte III Comandi calcolo geotecnico. Capacità portante. 2012 S.T.A.DATA srl

Indice. Calcolo fondazioni secondo NTC08. Parte III Comandi calcolo geotecnico. Capacità portante. 2012 S.T.A.DATA srl 3 Indice Parte I Piano 2013 4 Parte II Calcolo fondazioni secondo NTC08 5 1 Travi... di fondazione 7 2 Plinti... di fondazione 8 3 Platee... di fondazione 16 Parte III Comandi calcolo geotecnico 17 1 Definizione...

Dettagli

Stampa Unione per lettere tipo

Stampa Unione per lettere tipo per lettere tipo Con Stampa Unione è possibile creare lettere tipo, etichette per indirizzi, buste, elenchi indirizzi e liste per la distribuzione via posta elettronica e fax in grandi quantitativi. Lo

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

Your Detecting Connection. Manuale utente. support@xchange2.net

Your Detecting Connection. Manuale utente. support@xchange2.net Your Detecting Connection Manuale utente support@xchange2.net 4901-0133-4 ii Sommario Sommario Installazione... 4 Termini e condizioni dell applicazione XChange 2...4 Configurazione delle Preferenze utente...

Dettagli

Guida Sistema Trasparenza CRCU Istruzioni per l utilizzo da parte degli Enti

Guida Sistema Trasparenza CRCU Istruzioni per l utilizzo da parte degli Enti Guida Sistema Trasparenza CRCU Istruzioni per l utilizzo da parte degli Enti Accesso al Sistema Trasparenza CRCU All apertura del pannello principale in alto sarà visualizzato il nome del Responsabile

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Word prima lezione. Prof. Raffaele Palladino

Word prima lezione. Prof. Raffaele Palladino 7 Word prima lezione Word per iniziare aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per lavorare su uno già esistente occorre avviare il programma di gestione testi. In ambiente Windows, esistono

Dettagli

Guida Utente Cos è aworkbook Cataloghi e sessioni Prodotti Assortimenti Risorse Presentazioni 11 Procedura d ordine

Guida Utente Cos è aworkbook Cataloghi e sessioni Prodotti Assortimenti Risorse Presentazioni 11 Procedura d ordine Guida Utente V.0 Cos è aworkbook Cataloghi e sessioni Prodotti Assortimenti 7 Risorse 0 Presentazioni Procedura d ordine Cos è aworkbook Prodotti Risorse Presentazione Assortimento aworkbook presenta al

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Sistema WEB-GIS

Dettagli

RELEASE NOTE PROSPETTO DI CONCILIAZIONE CONTO ECONOMICO CONTO DEL PATRIMONIO CON EXCEL 2.00.00

RELEASE NOTE PROSPETTO DI CONCILIAZIONE CONTO ECONOMICO CONTO DEL PATRIMONIO CON EXCEL 2.00.00 PROGETTO ASCOT COD. VERS. : 2.00.00 DATA : 15.04.2002 RELEASE NOTE CONTO ECONOMICO CONTO DEL PATRIMONIO CON EXCEL 2.00.00 AGGIORNAMENTI VER. DATA PAG. RIMOSSE PAG. INSERITE PAG. REVISIONATE 1 2 3 4 5 6

Dettagli

Modulo 6 Strumenti di presentazione

Modulo 6 Strumenti di presentazione Modulo 6 Strumenti di presentazione Gli strumenti di presentazione permettono di realizzare documenti ipertestuali composti da oggetti provenienti da media diversi, quali: testo, immagini, video digitali,

Dettagli

Capitolo 8. Assegnazione carichi: modellazione dei carichi agenti sulla struttura

Capitolo 8. Assegnazione carichi: modellazione dei carichi agenti sulla struttura Capitolo 8 Assegnazione carichi: modellazione dei carichi agenti sulla struttura Questo capitolo presenta una panoramica dei comandi e delle procedure per la modellazione dei carichi agenti sulla struttura,

Dettagli

Guida all uso del portale www.revisoreweb.it per il software Bilancio di previsione 2012

Guida all uso del portale www.revisoreweb.it per il software Bilancio di previsione 2012 Guida all uso del portale www.revisoreweb.it per il software Bilancio di previsione 2012 Per accedere all uso del prodotto Schema di relazione dei revisori al Bilancio di previsione degli Enti Locali per

Dettagli

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra:

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra: Capitolo 9 I GRAFICI Si apra il Foglio3 e lo si rinomini Grafici. Si crei la tabella seguente: Figura 104. Tabella grafico Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico.

Dettagli

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati Antonio Ardolino INTERVENTI LOCALI Apertura vani - Piattabande - Cerchiature - Solai - Sbalzi Dario Flaccovio Editore Manuale d uso del software INTERVENTI LOCALI by Antonio Ardolino 2012 by Dario Flaccovio

Dettagli

STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER.

STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER. STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER. Windows 7 e 8 strumenti per l ipovisione. Windows Seven/8 offrono ottimi strumenti per personalizzare la visualizzazione in caso di ipovisione: - una lente di

Dettagli

Monitor Orientamento. Manuale Utente

Monitor Orientamento. Manuale Utente Monitor Orientamento Manuale Utente 1 Indice 1 Accesso al portale... 3 2 Trattamento dei dati personali... 4 3 Home Page... 5 4 Monitor... 5 4.1 Raggruppamento e ordinamento dati... 6 4.2 Esportazione...

Dettagli

Guida all utilizzo di WellyBorsa

Guida all utilizzo di WellyBorsa Guida all utilizzo di WellyBorsa Indice 1. NOTE TECNICHE PER L UTILIZZO 2. INFORMATIVA FINANZIARIA 3. AZIONI: ORDINI DI ACQUISTO 4. AZIONI: ORDINI DI VENDITA 5. OBBLIGAZIONI: ORDINI DI ACQUISTO 6. OBBLIGAZIONI:

Dettagli

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE INSTALLAZIONE DEL PROGRAMMA Requisisti di sistema L applicazione COMUNICAZIONI ICI è stata installata e provata sui seguenti

Dettagli

Interventi di consolidamento utilizzando elementi di nuova costruzione

Interventi di consolidamento utilizzando elementi di nuova costruzione Interventi di consolidamento utilizzando elementi di nuova costruzione 1. Introduzione Il consolidamento degli edifici esistenti è una problematica alla quale possono essere applicate diverse soluzioni.

Dettagli

Esempi Relazione di Calcolo

Esempi Relazione di Calcolo Esempi Relazione di Calcolo Introduzione Introduzione L ergonomia e la facilità di utilizzo di 3Muri permettono un agevole input e grande facilità di interpretazione dei risultati. La relazione di calcolo

Dettagli

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR PJ-6/PJ-66 Stampante mobile Versione 0 ITA Introduzione Le stampanti mobili Brother, modelli PJ-6 e PJ-66 (con Bluetooth), sono compatibili con numerose

Dettagli

REGISTRAZIONE VALUTAZIONE ED ESITO SCRUTINIO I TRIMESTRE A.S. 2014-2015

REGISTRAZIONE VALUTAZIONE ED ESITO SCRUTINIO I TRIMESTRE A.S. 2014-2015 REGISTRAZIONE VALUTAZIONE ED ESITO SCRUTINIO I TRIMESTRE A.S. 2014-2015 In vista dei prossimi scrutini intermedi si consiglia di seguire la seguente procedura: PER I DOCENTI NON COORDINATORI 1. accedere

Dettagli

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Prodotto da INDICE Pregeo Rilievo Crea righe 3 2 Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3 Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Pregeo Rilievo Crea righe 7 vertice/direzione 11 Pregeo Rilievo Crea righe per frazionamento

Dettagli

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente EasyPrint v4.15 Gadget e calendari Manuale Utente Lo strumento di impaginazione gadget e calendari consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di ordinare in maniera semplice

Dettagli

Calcolo Muri di sostegno e di cantina in c.a.

Calcolo Muri di sostegno e di cantina in c.a. Nuovo Software Muri NTC Calcolo Muri di sostegno e di cantina in c.a. Muri NTC è un software completo, ma semplicissimo da usare per il calcolo dei muri di sostegno e di cantina secondo le NTC 2008. Parametri

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA 2

CORSO DI INFORMATICA 2 CORSO DI INFORMATICA 2 RINOMINARE FILE E CARTELLE Metodo 1 1 - clicca con il tasto destro del mouse sul file o cartella che vuoi rinominare (nell esempio Mio primo file ) 2 - dal menu contestuale clicca

Dettagli

Esempio Guidato 3. Progetto di una struttura in acciaio

Esempio Guidato 3. Progetto di una struttura in acciaio Esempio Guidato 3 Progetto di una struttura in acciaio Esempio guidato 3 Pag. 1 Esempio Guidato 3 - Progetto di una struttura in acciaio In questo Tutorial viene eseguito il calcolo completo di una struttura

Dettagli

Esercitazione n. 9 di progettazione con PRO_SAP: Verifica di resistenza al fuoco di un edificio in c.a.

Esercitazione n. 9 di progettazione con PRO_SAP: Verifica di resistenza al fuoco di un edificio in c.a. Esercitazione n. 9 di progettazione con PRO_SAP: Verifica di resistenza al fuoco di un edificio in c.a. In questa esercitazione guidata sono illustrate alcune semplici procedure che permettono di sperimentare

Dettagli

Realizzare una presentazione con PowerPoint

Realizzare una presentazione con PowerPoint Realizzare una presentazione con PowerPoint Indice Interfaccia di PowerPoint... 1 Avvio di PowerPoint e creazione di una nuova presentazione... 2 Inserimento di titoli e immagini... 4 Inserimento di altre

Dettagli

Lavorare con PowerPoint

Lavorare con PowerPoint 14 Lavorare con PowerPoint In questo spazio iniziamo a parlare di un programma utile per le presentazioni. PowerPoint è sicuramente un programma molto noto ai comunicatori e a quanti hanno bisogno di presentare

Dettagli

FlukeView Forms Documenting Software

FlukeView Forms Documenting Software FlukeView Forms Documenting Software N. 5: Uso di FlukeView Forms con il tester per impianti elettrici Fluke 1653 Introduzione Questa procedura mostra come trasferire i dati dal tester 1653 a FlukeView

Dettagli

ControlloCosti. Manuale d istruzioni. Controllo Costi Manuale d istruzioni

ControlloCosti. Manuale d istruzioni. Controllo Costi Manuale d istruzioni ControlloCosti Manuale d istruzioni Manuale d istruzioni Informazioni generali ed accesso al sistema ControlloCosti si presenta agli utenti come un applicativo web ed è raggiungibile digitando l indirizzo

Dettagli

6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo

6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo 6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo Si supponga di volere determinare lo schema di carico per il calcolo all SLV delle sollecitazioni in direzione del telaio riportato nella Pfigura 1, con ordinata

Dettagli

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO Informazioni preliminari Il primo avvio deve essere fatto sul Server (il pc sul quale dovrà risiedere il database). Verificare di aver installato MSDE sul Server prima

Dettagli

GESTIONE DI FINESTRE, FILE E CARTELLE con Windows XP

GESTIONE DI FINESTRE, FILE E CARTELLE con Windows XP GESTIONE DI FINESTRE, FILE E CARTELLE con Windows XP Desktop (scrivania) Il Desktop è la prima schermata che appare all accensione del computer. icone Barra delle applicazioni Le piccole immagini che appaiono

Dettagli

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 Il Personal Computer Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 1 accendere il Computer Per accendere il Computer effettuare le seguenti operazioni: accertarsi che le prese di corrente siano tutte

Dettagli

CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT

CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT Creare presentazioni per proiettare album fotografici su PC, presentare tesi di laurea, o esporre prodotti e servizi. Tutto questo lo puoi fare usando un programma di

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Maria Maddalena Fornari Aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul Web

On-line Corsi d Informatica sul Web On-line Corsi d Informatica sul Web Corso base di Excel Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo 1 ELEMENTI DELLO SCHERMO DI LAVORO Aprire Microsoft Excel facendo clic su Start/Avvio

Dettagli

Capitolo 9. Figura 111

Capitolo 9. Figura 111 Capitolo 9 I COMPONENTI DI FRONTPAGE 9.1 INSERIRE TESTO SCORREVOLE Creare una nuova pagina e salvarla all interno della cartella Lezione3 con nome file componenti.htm e Titolo I componenti ; aprire la

Dettagli

Quickstart. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Quickstart. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Quickstart Cos è GeoGebra? Un software di Matematica Dinamica in un pacchetto semplice da usare Per l apprendimento e la didattica a tutti i livelli scolastici Comprende geometria, algebra, tabelle, grafici,

Dettagli

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2 Le Palette (parte prima) Come abbiamo accennato le Palette permettono di controllare e modificare il vostro lavoro. Le potete spostare e nascondere come spiegato nella prima lezione. Cominciamo a vedere

Dettagli

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 -

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 - 1-1 - Introduzione Microsoft Excel 2000 è una applicazione software che può essere usata come: Foglio elettronico. Database. Generatore di grafici. Capittol lo 1 Introduzione e Guida in linea Si può paragonare

Dettagli

SIPITEC2 SERVIZI DI DATAWAREHOUSING

SIPITEC2 SERVIZI DI DATAWAREHOUSING SIPITEC2 SERVIZI DI DATAWAREHOUSING MANUALE D USO 1 Indice Indice... 2 1. Accesso ai servizi di Datawarehousing... 3 2. La Home Page... 4 3. L accesso agli Archivi... 6 4. I Report... 8 4.1 I Report Dinamici...

Dettagli

Database Modulo 2. Le operazioni di base

Database Modulo 2. Le operazioni di base Database Modulo 2 Le operazioni di base L architettura concettuale dei dati ha lo scopo di astrarre dal mondo reale ciò che in questo è concettuale, cioè statico. 2 In altri termini gli oggetti del mondo

Dettagli

INTRODUZIONE A WINDOWS

INTRODUZIONE A WINDOWS INTRODUZIONE A WINDOWS Introduzione a Windows Il Desktop Desktop, icone e finestre Il desktop è una scrivania virtuale in cui si trovano: Icone: piccole immagini su cui cliccare per eseguire comandi o

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE. Analisi dello stato tensionale tangenziale per i profili sottili aperti v. 1.00.55 del 14 aprile 2014

GUIDA DELL UTENTE. Analisi dello stato tensionale tangenziale per i profili sottili aperti v. 1.00.55 del 14 aprile 2014 GUSCI Analisi dello stato tensionale tangenziale per i profili sottili aperti v. 1.00.55 del 14 aprile 2014 dott. ing. FERRARI Alberto GUIDA DELL UTENTE centro di taglio; valutazione delle sollecitazioni

Dettagli

IMPORTANTE! DA LEGGERE 1. Prima di effettuare l installazione effettuare un backup dei dati con l apposita procedura UTILITA => BACKUP ARCHIVI

IMPORTANTE! DA LEGGERE 1. Prima di effettuare l installazione effettuare un backup dei dati con l apposita procedura UTILITA => BACKUP ARCHIVI IMPORTANTE! DA LEGGERE 1. Prima di effettuare l installazione effettuare un backup dei dati con l apposita procedura UTILITA => BACKUP ARCHIVI 2. Prima di iniziare l installazione assicurarsi che OrisLAB

Dettagli

INDICE MODLO DOMANDE. epico! è distribuito nelle seguenti versioni:

INDICE MODLO DOMANDE. epico! è distribuito nelle seguenti versioni: INDICE Il programma... 3 La videata principale... 4 Il menu File... 7 º Esportare i file... 10 La finestra della Risposta... 12 º Tutti i modi per inserire il testo... 13 º I Collegamenti... 13 Modelli

Dettagli

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto.

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. Il progetto prevede: la realizzazione di un nuovo intervento strutturale:

Dettagli

POSTA ELETTRONICA Per ricevere ed inviare posta occorrono:

POSTA ELETTRONICA Per ricevere ed inviare posta occorrono: Outlook parte 1 POSTA ELETTRONICA La posta elettronica è un innovazione utilissima offerta da Internet. E possibile infatti al costo di una telefonata urbana (cioè del collegamento telefonico al nostro

Dettagli

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO Capittol lo 5 File 5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO In Word è possibile creare documenti completamente nuovi oppure risparmiare tempo utilizzando autocomposizioni o modelli, che consentono di creare

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058 by Studio Elfra sas Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione Aggiornato a Aprile 2009 Informatica di base 1 Elaborazione testi I word processor, o programmi per l'elaborazione

Dettagli

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Virtual Configurator Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Virtual Configurator Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti

Dettagli

Servizio e-business eni Centro Stampa. Manuale Fornitore

Servizio e-business eni Centro Stampa. Manuale Fornitore Servizio e-business eni Centro Stampa Manuale Fornitore Gentile Utente, questo manuale illustra l utilizzo del servizio di Centro Stampa in qualità di Fornitore. Suggeriamo di dedicare qualche minuto alla

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Credo sia utile impostare fin da subito le unità di misura. InDesign > Unità e incrementi Iniziamo poi creando un nuovo documento. File

Dettagli

Capitolo 3. Figura 34. Successione 1,2,3...

Capitolo 3. Figura 34. Successione 1,2,3... Capitolo 3 INSERIMENTO DI UNA SERIE DI DATI Alcuni tipi di dati possono essere immessi in modo automatico evitando operazioni ripetitive o errori e consentendo un risparmio di tempo. Ad esempio per inserire

Dettagli

Organizzare i file. 1. Le cartelle e i file

Organizzare i file. 1. Le cartelle e i file Guida n 2 Organizzare i file Le cartelle e i file Copiare, cancellare, spostare file e cartelle Cercare file e cartelle Windows funziona come un "archivio virtuale" particolarmente ordinato. Al suo interno,

Dettagli

MODULO 02. Iniziamo a usare il computer

MODULO 02. Iniziamo a usare il computer MODULO 02 Iniziamo a usare il computer MODULO 02 Unità didattica 06 Usiamo Windows: Impariamo a operare sui file In questa lezione impareremo: quali sono le modalità di visualizzazione di Windows come

Dettagli

Il controllo della visualizzazione

Il controllo della visualizzazione Capitolo 3 Il controllo della visualizzazione Per disegnare in modo preciso è necessario regolare continuamente l inquadratura in modo da vedere la parte di disegno che interessa. Saper utilizzare gli

Dettagli

INFOSYS S.r.l. - Via Castromediano, 133-70126 Bari tel 080.2022050 fax 080.5531734 e-mail: infosys@hsnet.it sito: www.e-infosys.it

INFOSYS S.r.l. - Via Castromediano, 133-70126 Bari tel 080.2022050 fax 080.5531734 e-mail: infosys@hsnet.it sito: www.e-infosys.it INFOSYS S.r.l. - Via Castromediano, 133-70126 Bari tel 080.2022050 fax 080.5531734 e-mail: infosys@hsnet.it sito: www.e-infosys.it DESCRIZIONE GENERALE Software di calcolo strutturale, per il progetto

Dettagli

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE MODULO 6

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE MODULO 6 STRUMENTI DI PRESENTAZIONE MODULO 6 2012 A COSA SERVE POWER POINT? IL PROGRAMMA NASCE PER LA CREAZIONE DI PRESENTAZIONI BASATE SU DIAPOSITIVE (O LUCIDI) O MEGLIO PER PRESENTARE INFORMAZIONI IN MODO EFFICACE

Dettagli

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo:

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo: Guida SH.Shop Inserimento di un nuovo articolo: Dalla schermata principale del programma, fare click sul menu file, quindi scegliere Articoli (File Articoli). In alternativa, premere la combinazione di

Dettagli

Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa

Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa Stampa e salvataggio in vari formati. Utilizzare il prodotto per inserirlo in relazioni Utilizzarlo come base di disegni Compositore di stampa Carichiamo il

Dettagli