RICHIAMI DI GEOTECNICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RICHIAMI DI GEOTECNICA"

Transcript

1 1/60 RICHIAMI DI GEOTECNICA La resistenza al taglio. La compressione o la flessione sono azioni più facili da comprendere perché più intuitive. Si deve innanzitutto capire il significato delle τ. Cosa sono? Quando intervengono? Legge di Coulomb τ = c + σ tg ψ Le tensioni tangenziali dipendono da quelle normali (σ) e da proprietà intrinseche del materiale ( c e ψ). Un esempio pratico potrebbe essere una pila di libri rigirata orizzontalmente e tenuta in equilibrio da una forza di compressione orizzontale (come quella esercitata da due mani che stringono la pila di libri come farebbero con una fisarmonica). Se fra le copertine ci fosse colla (coesione) i libri non cadrebbero, ma se ci fosse olio, ci vorrebbe una maggiore forza di compressione (sigma) per mantenere l equilibrio (l attrito sarebbe più basso). L equilibrio verticale della pila di libri è dunque garantita perchè alle forze peso dei libri (che tenderebbero a farli cadere verso il basso) si oppongono le forze di taglio che ci sono sia tra le copertine dei libri che tra le mani e le copertine.

2 2/60 RICHIAMI DI GEOTECNICA La spinta delle terre. Consideriamo dei bicchieri riempiti rispettivamente di acqua, di zucchero e di nutella. Rompendoli nella stessa maniera fuoriuscirà ciò che contenevano ed ogni tipo di materiale avrà spostamenti diversi. Si può intuire che se con la rottura si muove il materiale contenuto, ciò significa che il materiale stesso prima della rottura esercitava una forza sulle pareti dello stesso, cioè una spinta. Trasferendo questo concetto in campagna, a seguito dell abbattimento di un muro di sostegno, vedremmo un cuneo di terra originariamente a tergo del muro che si sposta: evidentemente quel cuneo è proprio quello che generava la spinta sul muro. Questa spinta dipenderà dal materiale costituente il terreno e dalle condizioni al contorno (coesione( ed attrito). Essa si esplicherà attraverso le tensioni tangenziali. Il blocco che si sposta si chiama cuneo di spinta e tenderebbe a far ruotare il muro attorno ad A; se invece elimino il muro il cuneo scorrerà lungo il piano di scorrimento.

3 3/60 RICHIAMI DI GEOTECNICA La spinta delle terre. Per dimensionare un muro di sostegno si deve innanzitutto capire: qual è la parte di terra che spinge? (conoscendo il cuneo si può calcolare lare la spinta) In che maniera spinge? Data quindi una generica distribuzione delle terre, dati gli eventuali carichi che agiscono sulle terre, dato un muro di sostegno, si deve individuare il cuneo di spinta la spinta - direzione - punto d applicazioned - intensità La spinta del terreno che ha una distribuzione particolare (come indicato in fig.) può essere sostituita da un unico vettore con un suo punto di applicazione.. Tale sostituzione non è semplice, pertanto siamo costretti a fare delle schematizzazioni che vedremo in seguito.

4 4/60 RICHIAMI DI GEOTECNICA Spinta attiva e spinta passiva Se l azione l considerata è delle terre contro una struttura (come negli esempi presi in considerazione finora) ) siamo in presenza di: spinta attiva Il cuneo di terra è a contatto sia del muro che del terreno, pertanto il movimento di scivolamento è sia del tipo terra-cls che terra-terra. terra. σ τ τ σ α1

5 Spinta attiva e spinta passiva RICHIAMI DI GEOTECNICA Supponiamo di avere adesso un bicchiere di gomma ed una mano che lo comprime. Il materiale contenuto fuoriuscirà.. Ci si potrebbero aspettare piani di scorrimento simili al caso visto il precedenza, ma in realtà avvengono spostamenti su piani di scorrimento differenti. In questo secondo caso gli angoli di inclinazione del cuneo sono diversi e più ampi. Quando l azione l considerata è di una struttura contro i materiali costituenti il terreno, siamo in presenza di: Spinta passiva Generalmente Sp > Sa Casi tipici di spinte passive si hanno per le strutture spingenti ad arco e a volta,, per esempio per i rivestimenti in galleria, in particolare per l azione l dei piedritti sul terreno circostante. Questo potrà reagire fino ad un valore limite: la spinta passiva. σ τ τ σ il cuneo di spinta passiva è diverso dal cuneo di spinta attiva, generalmente è più ampio! α2 5/60

6 6/60 Stabilità delle scarpate RICHIAMI DI GEOTECNICA Pensiamo agli ammassi conici di ghiaia che si possono incontrare in una comune cava d estrazione. La loro configurazione geometrica è una configurazione stabile. Potendo osservare ammassi di altri materiali si noterebbe un diverso angolo d inclinazione d (rispetto all orizzontale) della generatrice del cono. Per ogni materiale esiste una pendenza specifica, al di làl della quale non c èc più stabilità. Per ammassi di roccia compatta (per esempio di marmo) ) però la stabilità è verificata per una pendenza qualunque. Oltre al tipo di materiale l altra componente essenziale per la stabilità delle scarpate è la loro altezza: : si può definire un altezza limite al di làl della quale non c è più stabilità.. Per altezze molto elevate diventa comunque molto difficile assicurare la stabilità di una scarpata.

7 7/60 RICHIAMI DI GEOTECNICA Stabilità delle scarpate Schematizzazione delle forze in gioco per lo studio della stabilità di una scarpata (CASO DI AMMASSO OMOGENEO E ISOTROPO).

8 8/60 Stabilità delle scarpate RICHIAMI DI GEOTECNICA Con un intervanto del genere (terrazzamenti) si stabilizza la scarpata soggetta ad erosioni superficiali agendo sia sull angolo d inclinazione che sull altezza. acqua sabbia Strato impermeabile Esempio schematico di scivolamento di una scarpata in trincea per infiltrazioni d acqua lungo un piano di stratificazione.

9 Stabilità delle scarpate RICHIAMI DI GEOTECNICA Per studiare la stabilità di scarpate si devono conoscere le proprietà del terreno, in particolare la distribuzione granulometrica e la suscettibilità all acqua acqua,, e le forze agenti sull ammasso ammasso; tra queste spesso si devono considerare i carichi stradali. I carichi gravanti su una strada hanno problemi legati alla loro dinamicità e periodicità. Per risolvere i problemi di stabilità di una scarpata, si considerano zone più o meno estese della stessa, delimitate dalle possibili superfici di scorrimento e se ne studia l equilibrio. l carichi stradali La natura, per la rottura, sceglie proprio la superficie per la quale il rischio è maggiore. Al contrario, la rigidezza di una struttura attira i carichi (es.. di galleria in costruzione) e quindi i consolidamenti di una scarpata vanno progettati essenzialmente rispetto rispetto a queste nozioni essenziali. 9/60

10 10/60 Stabilità delle scarpate RICHIAMI DI GEOTECNICA Come faccio a conoscere la superficie di scorrimento? Esistono soluzioni: forme di superfici di scorrimento, punti di intersezione della superficie di scorrimento sul piano della scarpata, angoli di scorrimento 3 Esistono soluzioni! 3 In teoria si dovrebbero analizzare le possibili superfici di scorrimento e calcolare le azioni e le reazioni. Affinchè non ci sia scorrimento la sommatoria delle massime reazioni possibili deve essere maggiore della sommatoria delle azioni, tale rapporto è il coefficiente di sicurezza. La superficie in cui tale rapporto è minimo è quella di minima resistenza.

11 11/60 MURI DI CONTENIMENTO I muri di contenimento si inseriscono sia per costruzioni di rilevati che di trincee per : limitare problemi di espropri (se non avessimo il muro ci sarebbe la scarpata, e quindi maggiore estensione). limitare problemi di instabilità dei pendii per rilevati in cui la pendenza della scarpata è simile a quella del terreno. I muri di contenimento si suddividono in tre categorie: Muri di sostegno -rilevato- Muri di controripa -trincea- Muri di sottoscarpa -rilevato ma non a tutt altezza-

12 12/60 MURI DI CONTENIMENTO Generalmente per i muri di controripa i carichi da considerare per il calcolo del muro sono relativi alla spinta delle terre e al peso proprio. Negli altri casi si devono tener presenti i carichi stradali variabili in entità e frequenza. Usando il calcolatore generalmente si fissa una coesione c ed un angolo ψ, ossia si suppone il materiale omogeneo. Questo può essere rispondente alla realtà soltanto a livello locale ma non a livello macro. Basti pensare all attraversamento di compluvi che possono contenere terreni alluvionali di natura diversa rispetto a quelli adiacenti o alla presenza di falde cha cambiano completamente il regime delle spinte. Si deve quindi procedere per gradi: 1. Schematizzare il modello d interazione strada-terreno in 3D 2. Studio geologico e geotecnico in numerose sezioni 3. studio sia delle azioni fisse che di quelle variabili agenti sui muri (in fase di regime le prime e di costruzione le seconde, cioè potrebbe capitare che in fase di costruzione ci siano carichi maggiori che in fase di regime) 4. determinare le tipologie ed il numero dei differenti muri lungo il tracciato 5. specificare nella tavola del profilo longitudinale il profilo dei muri che rimanda ai muri standard adottati (A, B, C, A1, ) a seconda dell altezza, del fatto che siano trincee o rilevati, ecc.

13 MURI DI SOSTEGNO Per la variabilità e la numerosità delle azioni agenti su di un muro prima del mero calcolo del muro si devono progettare le caratteristiche al contorno. Progettare il modello Scegliere il materiale e la geometria (se in c.a. o prefabbricati, per esempio) (variabile progettuale) Calcolo Il muro in fig. è necessario perché la terra non deve invadere la corsia 13/60

14 CLASSIFICAZIONE DEI MURI Prima classificazione - Muri a secco (elementi non legati) - Muri con materiali legati - Muri in cemento armato Seconda classificazione - Muri con fondazioni legate alla struttura di elevazione - Muri con fondazioni slegate dalla struttura in elevazione È necessario cioè verificare se la struttura in elevazione è ancorata o meno con armature alla fondazione! 14/60

15 DRENAGGI Una delle principali caratteristiche al contorno da progettare sono i drenaggi. La spinta delle terre può cambiare notevolmente in dipendenza dalla presenza di acqua perché aumenta il peso del terreno e possono cambiare significativamente coesione e attrito. Un muro può alterare l assetto idrogeologico dell ambiente circostante: basti pensare che una falda può trovarsi a diretto contatto con il muro stesso. Nel caso in cui a tergo del muro vi sia un drenaggio l acqua, perdendo pressione nei vuoti del drenaggio e soggetta alla sola forza di gravità, si incanala lungo tubazioni poste alla base del muro e viene successivamente smaltita a valle. 15/60

16 DRENAGGI Il drenaggio avviene con un opportuna granulometria di inerti (sabbie monogranulari o pietrame) da porre a tergo del muro. L acqua incontra i vuoti e perde pressione cadendo verso il basso, raggiunge la fondazione e si incanala, attraverso dei fori posti sulla parte superiore, nel tubo di drenaggio o canaletta posta sulla fondazione (la pendenza interna della fondazione deve Strato permettere il deflusso). impermeabile L acqua trascina materiale in sospensione o soluzione, questi materiali arrivano sul drenaggio e possono intasarlo; a lungo andare si forma uno strato (o patina) di argilla sulla parete esterna del drenaggio che diventa impermeabile. L acqua potrebbe bloccarsi e la spinta in tal caso aumenta. Per evitare ciò viene inserito un telo di tessuto non tessuto che ha una maglia opportuna per permettere all acqua di penetrare ma blocca le particelle senza intasare il drenaggio. Altra soluzione alternativa al drenaggio (esteticamente spregevole e funzionalmente discutibile) è predisporre fori sul muro a mezza altezza, attraverso i quali l acqua può fuoriuscire (per muri in calcestruzzo). 16/60

17 17/60 DRENAGGI Per garantire lunga vita al drenaggio, e di conseguenza al muro, (fino a 50 anni) si utilizzano strati di geotessili (tessuto non tessuto) che, contornando il drenaggio impediscono l intasamento dello stesso. Con un buon drenaggio la spinta ricavata dal calcolo è maggiore di quella che effettivamente agirà sul muro (vantaggio di sicurezza).

18 18/60 PROGETTARE UN MURO DI SOSTEGNO Progettare un muro di sostegno è un operazione difficile che richiede l analisi attenta delle varie casistiche nelle quali ci possiamo trovare. In sintesi è necessario: Valutare le condizioni al contorno. Costruire un modello che corrisponde a realtà. Calcolare la spinta Predimensionare la struttura Effettuare le verifiche. Come nella gran parte delle opere di ingegneria il PROGETTO di un muro di sostegno viene effettuato con predimensionamento e VERIFICHE. Il progettista affronterà il problema del calcolo solo come ultima operazione ed in base alle scelte progettuali ed alle modalità costruttive prese in considerazione. Il suo maggior impegno progettuale è a monte del mero calcolo.

19 CALCOLARE LA SPINTA TEORIE CLASSICHE PER LA DETERMINAZIONE DELLA SPINTA DELLE TERRE. Le teorie classiche possono ridursi alle seguenti: a) Teoria di Coulomb o del cuneo di masima spinta; b) Teoria del Rankine o dell ammasso illimitato; e prendono le mosse da ipotesi identiche: 1. ammasso privo di coesione, omogeneo, isotropo, dotato di solo attrito interno; 2. scorrimento su di un piano passante per il piede del muro; 3. distribuzione lineare della spinta lungo la parete del muro( spinta agente ad h/3 dalla base del muro di altezza h ) In figura è rappresentata la distribuzione delle forze e la spinta risultante secondo le ipotesi di Coulumb (in rosso) e nel caso reale(in nero) S NOTA = Con riferimento al piano di Mohr (σ,τ) si definisce coesione ed angolo di attrito interno di una terra rispettivamente il segmento intercettato sull asse delle ordinate dalla retta di inviluppo dei cerchi rappresentativi dello stato tensionale limite (di provini sollecitati a compressione assialmente e radialmente) e l angolo che tale retta forma con l orizzontale. 19/60

20 CALCOLARE LA SPINTA CRITICHE ALLE IPOTESI DELLE TEORIE CLASSICHE Le ipotesi su cui si fondano le teorie classiche non sono verificate sperimentalmente: 1. ogni ammasso di terra non sarà mai privo completamente di coesione, tranne casi molto particolari di terreni assolutamente incoerenti (sabbie); S 2. lo scorrimento non avviene su un piano, ma, generalmente secondo una superficie assimilabile ad un cilindro con direttrice circolare o cicloidale; 3. la distribuzione della spinta non è lineare, ma segue un andamento simile a quello in figura per cui il punto di applicazione della spinta dovrà considerarsi, anche per terre estradossate secondo un piano, più in alto di 1/3 h, come risulterebbe dalle teorie classiche. 20/60

21 CALCOLARE LA SPINTA L azione del prisma o cuneo di spinta sul muro formerà con la normale al paramento interno del muro un angolo, dipendente dalla natura delle terre e dal tipo di muratura (ψ( = = angolo di attrito fra terra e muro), mentre sul piano di scorrimento la reazione del rimanente ammasso o formerà con la normale a detto piano l angolo di attrito interno ψ delle terre. IPOTESI DELLA TEORIA DEL COULOMB 1. Il Coulomb assunse per quest ultimo ultimo angolo il valore ψ = ϕ =angolo di natural declivio. 2. Nell istante in cui il cuneo sta per scorrere, l azione l delle terre sul muro raggiunge il max valore che rappresenta la spinta della terra sul muro ovvero la spinta attiva. Si conclude che nel caso di paramento interno piano e di terre estradossate secondo un piano la distribuzione della spinta sulla parete segue una legge lineare: TRIANGOLARE (per terreni non sovraccaricati) TRAPEZOIDALE (per terreni sovraccaricati). Terreno sovraccaricato 21/60

22 22/60 CALCOLARE LA SPINTA Fig.xii.5 AC = piano di scorrimento delimitante il prisma ABC di peso P (considerando la larghezza di 1 m ) R = reazione del muro contro le terre, inclinata rispetto alla normale al paramento dell angolo, Q = reazione sul piano AC di scorrimento delle terre sulle terre, inclinata rispetto alla normale alla traccia AC dell angolo Ψ di attrito interno. Trovato il valore del peso P del cuneo di base ABC ed altezza unitaria, conosciute le direzioni di R e di Q, per la determinazione di queste due reazioni basterà costruire il poligono delle forze P,R,Q.

23 In figura si è indicato con β l angolo che il piano di probabile scorrimento AC forma con l orizzontale, e con l angolo che il paramento interno del muro (supposto piano) forma con l orizzontale. l Osservando il triangolo delle forze, al variare dell angolo beta si ottiene una funzione R=R(β). Si calcola il valore β per cui R sia massimo tale da avere il valore della spinta. Rmax = S In questa condizione si assume = Ψ =angolo di attrito tra terra e muro. CALCOLARE LA SPINTA Il valore di Rmax si ricava da considerazioni geometriche. In conclusione: S = Con Ka = 1 γ h 2 2 Ka Ka ( α, ε, ϑ, ψ ) Il punto di applicazione è ad h/3 dalla base del muro ( in fig. h è l altezza del muro, in altri casi h è l altezza totale muro- fondazione ) 23/60

24 24/60 CALCOLARE LA SPINTA Ka = Ka ( α, ε, ϑ, ψ ) Per la determinazione di Ka si utilizzano le tabelle seguenti : =10

25 25/60 =0 CALCOLARE LA SPINTA Ka = Ka ( α, ε, ϑ, ψ )

26 26/60 CALCOLARE LA SPINTA AZIONE DEL SOVRACCARICO Se il terrapieno è sovraccaricato con un carico uniformemente distribuito p (carico per metro lineare), si trasforma tale carico in altezza di terra. se γ è il peso specifico del terreno, l altezza l fittizia h h sarà data da: h' = p γ terra

27 CALCOLARE LA SPINTA CENNI SULLA TEORIA DEL RANKINE Si considera un ammasso di materiale incoerente limitato da un piano p ed esteso indefinitamente. Questa impostazione conduce alle seguenti conclusioni circa direzione, modulo e punto di applicazione della spinta: 1. La forza agente sul piano verticale è parallela alla superficie che delimita l ammasso. l 2. Se la superficie dell ammasso si suppone orizzontale e senza sovraccarico la spinta su un muro altezza h è data da S = γh tg (45 ψ / 2 2) Con: γ = peso specifico del terreno. Ψ = angolo di attrito interno del terreno ed è applicata ad h/3 dalla base. La spinta dovuta al sovraccarico p, se con h =p/ h γ si indica l altezza l fittizia di terra che determina la pressione p, risulta S 1 2 = γh h' tg (45 ψ / 2 2) ed è applicata ad h/2 dalla base. 27/60

28 28/60 CALCOLARE LA SPINTA Tale formula è un caso particolare della formula del Coulumb: S = 1 / 2γh 2 K Ponendo infatti: K = tg 2 (45 ψ / 2) si ottiene la spinta del Rankine. La spinta a meno del fattore k è proporzionale al quadrato dell altezza h del muro!

29 CALCOLARE LA SPINTA S La spinta del terreno, che ha una distribuzione particolare, può essere sostituita da un unico vettore S con un suo punto di applicazione. Tale sostituzione non è semplice, pertanto siamo costretti a fare delle schematizzazioni. In genere la spinta si calcola come: γ è il peso specifico del terreno. φ è l attrito muro-terreno. Possiamo anche scrivere: S = γh tan (45 ϕ / 2 1 γ h 2 K = costante che dipende dalla indeterminazione dovuta alle condizioni al contorno. La spinta a meno del fattore k è proporzionale al quadrato dell altezza h del muro. S = 2 K 2) 29/60

30 30/60 EFFETTUARE LE VERIFICHE 1. ROTTURA GLOBALE 2. SCHIACCIAMENTO Dobbiamo verificare che il muro non ceda sul terreno anche se resiste nella sua struttura. Non deve essere superato il carico limite. 2. SCORRIMENTO 3. RIBALTAMENTO

31 31/60 EFFETTUARE LE VERIFICHE 1. ROTTURA GLOBALE E una verifica terra-muro, tutto il blocco può essere instabile e potrei risolvere il problema per esempio con pali in fondazione.

32 32/60 Verifica allo SCHIACCIAMENTO EFFETTUARE LE VERIFICHE È la verifica del materiale in sè. È necessario cioè effettuare una verifica a compressione. (le tensioni σ di compressione devono essere minori delle tensioni di rottura del materiale). Il calcolo viene effettuato per una lunghezza unitaria [1m] (rispetto al calcolo su tutta la lunghezza è a vantaggio di sicurezza). La risultante R (somma della spinta, del peso proprio e dei carichi stradali) si scompone nelle componenti N e T di cui la prima normale e la seconda parallela alla base d appoggio. A seconda del punto d applicazione della N ricadiamo in tre casi che vediamo in seguito.

33 33/60 Verifica allo SCHIACCIAMENTO EFFETTUARE LE VERIFICHE Se ho un muro con fondazione slegata devo verificare la sezione b-b oltre che la sezione c-c. Sez.b-b: la verifica si fa sempre per il materiale meno resistente! se la struttura in elevazione è in muratura su fondazione in cls la sez più debole che dunque potrebbe rompersi è quella del muro. A A Sez c-c: si verifica la sezione più debole tra terreno è fondazione (cls). In questo caso nel calcolo di R si considera non solo il peso del muro ma anche il peso della fondazione e quello del terreno che grava sulla fondazione. C B B C

34 34/60 Verifica allo SCHIACCIAMENTO Se il muro è a sezione costante devo fare la verifica a compressione solo nella sezione che si trova nella situazione peggiore cioè alla base del muro. Se voglio risparmiare materiale (ma in questo caso aumenta il costo della manodopera!) progetto il muro a sezione variabile (più stretto in sommità). Devo fare verifiche anche in sezioni intermedie. Se ho muro in cls non armato, fondazione e terreno, faccio le verifiche sulle sezioni terra fondazione, sezione fondazione-muro, sezione intermedia del muro (sez a-a, b-b, c-c). EFFETTUARE LE VERIFICHE A B C A B C Se ho un muro in cls non armato o muratura su terreno devo fare la prima verifica sulla sezione più debole a compressione,cioè sulla sezione terra-muro, poi devo verificare le sezioni intermedie (più piccole) per vedere se il muro resiste anche lì;

35 Verifica allo SCHIACCIAMENTO EFFETTUARE LE VERIFICHE La regione definita dal nocciolo centrale d inerzia della sezione longitudinale del muro forma un nastro continuo di larghezza pari ad 1/3 dello spessore del muro (indicato con l in figura). Verifico una sezione di lunghezza pari a 1m e di larghezza l. A seconda di dove cade N si hanno i seguenti quattro casi: 1 caso) il centro di pressione C coincide con il centro del nocciolo centrale di inerzia (C=G) : La distribuzione delle tensioni è uniforme e il valore minimo coincide con il massimo. Deve risultare : C La tensione ammissibile include implicitamente un coefficiente di sicurezza. 35/60

36 36/60 EFFETTUARE LE VERIFICHE Verifica allo SCHIACCIAMENTO 2 caso) il centro di pressione C è interno al nocciolo. La distribuzione delle tensioni è trapezoidale e il valore minimo non coincide con il massimo. Deve risultare : 3 caso) il centro di pressione C coincide con l estremo del nocciolo centrale di inerzia. La distribuzione delle tensioni è triangolare. Deve risultare :

37 37/60 Verifica allo SCHIACCIAMENTO EFFETTUARE LE VERIFICHE 4 caso) il centro di pressione C è interno alla sezione ma esterno al nocciolo. La distribuzione delle tensioni è triangolare nella zona in cui la sezione reagisce (e non a farfalla poiché non c è possibilità di resistenza a trazione per il cls). Se a è la distanza tra il centro C e il bordo esterno della sezione la parte reagente è rettangolare di area 3ax100 Deve risultare :

38 38/60 Verifica allo SCHIACCIAMENTO EFFETTUARE LE VERIFICHE Se non è verificato lo schiacciamento? si può utilizzare un altro materiale ( per aumentare la resistenza σamm ) si può agire sulla sezione del muro (cioè sullo spessore indicato in sezione con l) si può cercare di ridurre i carichi (le spinte e quindi anche N) Se ho una struttura monolitica muro-fondazione aumento la lunghezza della fondazione dalla parte in cui grava il carico del terreno in modo da riportare C all interno del nocciolo.

39 si possono inserire dei pali di fondazione. 39/60 Verifica allo SCORRIMENTO EFFETTUARE LE VERIFICHE Abbiamo detto che R (risultante di S e P) si scompone in N e T. Dobbiamo verificare che T(che è la forza che determina lo scorrimento) sia minore della massima resistenza di attrito pari a fmax N. Per cautela si introduce un coefficiente di sicurezza pari ad 1,3. : Con f = da 0.5 a 0.7 Se non è verificato lo scorrimento? si può inclinare la fondazione (nel verso in cui T si riduce). si possono inserire dei denti che si oppongono allo scorrimento. si può rendere lo scavo più profondo.

40 EFFETTUARE LE VERIFICHE Verifica al RIBALTAMENTO Il ribaltamento può essere dovuto alla presenza di strati di terreno a tergo del muro che scorrono l uno sull altro (lesioni longitudinali). se c è discontinuità fra muro e fondazione la verifica si effettua nei punti A e B intorno ai quali avverrebbe la rotazione. se c è continuità muro fondazione (muro in c.a.) la verifica si effettua solo nel punto B. Mr A B Se la fondazione è su pali questa verifica non ha più senso. 40/60

41 Verifica al RIBALTAMENTO Se la risultante R ricade all esterno della fondazione o della base d appoggio del muro (a seconda dei casi), sicuramente c è ribaltamento. Se è interna alla base si può procedere alla verifica. Si individuano le azioni stabilizzanti (che impediscono il ribaltamento e cioè il peso) e quelle destabilizzanti (che lo favoriscono e cioè la spinta). Si calcola il momento stabilizzante e quello destabilizzante (ribaltante) rispetto al centro di rotazione scelto e deve risultare: EFFETTUARE LE VERIFICHE M M s r 1.5 Il coefficiente di sicurezza è pari a 1,5. 41/60

42 EFFETTUARE LE VERIFICHE Verifica al RIBALTAMENTO Nel caso in figura si deve considerare il peso della terra (P1) che grava sulla fondazione a tergo del muro o quello su eventuali riseghe. Tale peso è a vantaggio di stabilità poiché genera un momento stabilizzante rispetto al punto di rotazione (F per muro in c.a.). Si deve effettuare la verifica considerando i carichi stradali e non, scegliendo il caso più sfavorevole. P2 E P1 Ms F P3 ESEMPIO DI MURO CON RISEGHE 42/60

43 43/60 EFFETTUARE LE VERIFICHE Se non è verificato il ribaltamento? Per muro in c.a. si può spostare la fondazione o da una parte per aumentare il braccio del momento stabilizzante (nel caso in figura verso sinistra) o dall altra (verso destra) per aumentare il cuneo di terra stabilizzante cioè il peso. Se ho un muro in muratura possiamo aumentare il peso e cioè la sezione dello stesso. P1 = peso del prisma di terra da aggiungere al peso del muro per la ricerca della condizione di stabilità.

44 Valutare le condizioni al contorno Costruire un modello che corrisponda a realta prima della verifica è opportuno fare alcune considerazioni 44/60

45 45/60 ALCUNI ESEMPI (1) Ai fini della verifica di un muro di sostegno è importante conoscere il materiale utilizzato e quindi la sua resistenza ma soprattutto le MODALITÀ DI COSTRUZIONE. Che altezza bisogna mettere nel calcolo della spinta di un muro di sostegno? S = 1 / 2γh 2 K Se abbiamo un blocco monolitico fondazione-muro in c.a. devo prendere l altezza totale del muro e della fondazione h1. Se non ho un monolite cioè non ho armature continue tra muro e fondazione l altezza sarà solo quella del muro h2. h2 h1

46 46/60 ALCUNI ESEMPI (2) Se la sezione del muro è costante la verifica sarà fatta solo in una sezione. Dove si devono effettuare le verifiche nel caso di muro a sezione variabile? Potrei farla per ogni sezione di discontinuità o solo su quella minore superiore. ESEMPIO DI MURO CON RISEGHE

47 47/60 ALCUNI ESEMPI (3) La fondazione non può essere progettata prescindendo dai carichi che dovrà sopportare. Se ad esempio c è discontinuità fra muro e fondazione dovrà essere verificata la sezione di discontinuità.

48 48/60 ALCUNI ESEMPI (4) Se lo scavo avviene su roccia richiederà molto meno spazio rispetto a scavo su sabbia. In quest ultimo caso (così come in presenza di scavi in materiale di riporto) la fondazione si può spostare (scorrere) e si fanno ulteriori verifiche. Se si utilizzano pali di fondazione non ha senso effettuare la verifica allo scorrimento

49 49/60 ALCUNI ESEMPI (4) Se si utilizza un muro a gravità questo non saprà resistere a flessione ed avrà problemi di scorrimento se appoggiato su fondazione in cemento armato. I muri a gravità sono costituiti da elementi non continui, per ogni sezione posso avere scorrimenti, per questo devo fare delle verifiche in sezioni intermedie, non solo nella sezione di appoggio muro fondazione.

50 50/60 ALCUNI ESEMPI (5) In genere possiamo dire che la fase di costruzione è diversa dalla fase di esercizio, cambiano le condizioni al contorno ed è necessario fare ulteriori verifiche. Se il progetto viene realizzato in una zona dove si andrà ad edificare, il carico in esercizio sarà maggiore di quello nella fase di progetto. N.B.: I programmi di calcolo dei muri di sostegno devono essere adeguati alle varie casistiche,cioè devono permettere di introdurre degli input relativi alle varie condizioni al contorno, per poter garantire la correttezza dei risultati!

51 51/60 MURI IN CLS ARMATO Rappresentano la tipologia utilizzata maggiormente negli ultimi decenni per le loro ottime qualità di resistenza ai carichi, per la loro versabilità e durabilità. Ultimamente si cerca di rivestirli o di sostituirli con altre tipologia che abbiano un impatto visivo migliore e che si integrino maggiormente con l ambiente circostante.

52 52/60 MURI IN CLS ARMATO

53 MURI PREFABBRICATI Perché si utilizzano? 1. Riducono notevolmente le spese di manodopera (l incidenza di questa spesa è ridotta grazie alla produzione industriale).si va infatti verso una fase di industrializzazione del cantiere stradale che porta ad una diminuizione di aleatorietà. 2. Per motivi estetici Si possono utilizzare soluzioni a salti per confacersi ai diversi terreni di fondazione o alle diverse spinte laterali che si incontrano lungo il tracciato stradale.si presenta dunque la necessità di realizzare muri ad altezza variabile, ma i pannelli prefabbricati sono di altezza costante, per questo si introducono pezzi speciali di altezza variabile. Il problema principale è dato dalla discontinuità muro fondazione (la fondazione è progettata e gettata in opera mentre il muro è un pannello prefabbricato).sul muro si pone un coronamento.le costole permettono una migliore resistenza alle spinte del terreno. Altro problema è quello relativo alle giunzioni dei pezzi prefabbricati (i pannelli hanno lunghezza che varia da 1mt a 1.5 mt.) 53/60

54 54/60 MURI SPECIALI Ultimamente si cercano nuove soluzioni per rendere i muri non solo efficaci funzionalmente ma anche più gradevoli esteticamente. Generalmente si cerca di sfruttare il principio della gravità. Sono costituiti da contenitori che si possono incastrare fra loro orizzontalmente e verticalmente e che si riempiono di terreno vegetale. Il peso e gli incastri garantiscono il sostentamento. Il peso del terreno è positivo infatti per lo scorrimento e il ribaltamento del muro. Hanno uno spessore molto più elevato dei muri in calcestruzzo (dell ordine del metro) e gradonandoli si possono facilmente inerbire. terreno

55 55/60 MURI SPECIALI

56 56/60 MURI RIVESTITI Il rivestimento viene realizzato rivestendo il cassero di pietrame e poi effettuando il getto del cls.

57 MURI A GABBIONI Si usano per suoli franosi, non si rompono ma si deformano. La conformazione li rende stabili al ribaltamento e allo scorrimento. 1.5 mt MURO A GRADONI ESTERNI CANALETTA DRENAGGIO SOLETTA IN CLS CLS MAGRO 3 mt 57/60

58 58/60 TERRE RINFORZATE Sono costituite da un insieme di geotessili riempiti di terra(spessore 50cm circa), ripiegati e sovrapposti. Grazie al peso proprio ed al carico dei veicoli questi cuscini di geotessile lavorano a trazione e quindi permettono forti pendenze.le azioni tangenziali tra i vari strati si oppongono allo scorrimento dovuto alla spinta del terreno. Si usano quando ci sono rischi di cedimenti su sottofondi cedevoli, grazie all ottima distribuzione dei carichi, impedendo cedimenti differenziali. Schema costruttivo di un rilevato in terra rinforzata di 3 conci visto in sezione Variabili geometriche di una sezione tipo di terra rinforzata A: altezza del concio singolo (generalmente da 0,5 a 0,8 metri) H: altezza della terra rinforzata (data da n conci di altezza A) β : inclinazione del fronte di scarpata L : lunghezza di ancoraggio delle geogriglie che è l'ampiezza di fondazione della terra rinforzata.

59 59/60 TERRE RINFORZATE In figura sono rappresentate scarpate di un rilevato costruito con terre rinforzate. La sua forte pendenza limita il problema relativo agli espropri. Attraverso un inerbimento esterno (idrosemina) l effetto può essere abbastanza gradevole. Quello delle Terre armate è un sistema simile a quello dei geotessili è realizzato stendendo lamine di metallo a più strati, intermediati da materiale per rilevato, incastrate da rivestimenti esterni. La rottura potrebbe avvenire solo per un eventuale sfilamento di una lamina, ma grazie al forte attrito questo non avviene. Uno dei problemi legati a questa modalità costruttiva è rappresentato dalle correnti galvaniche che potrebbero corrodere il metallo.

60 60/60 Fasi esecutive per la costruzione di terre rinforzate. Particolare rinverdito Opera ultimata con rinverdimento

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale CORSO DI LAUREA QUINQUENNALE a.a. 2012/13 MATERIALI PER L'ARCHITETTURA Prof. Alberto De Capua Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZION PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì OPERE DI SOSTEGNO I

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZION PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì OPERE DI SOSTEGNO I Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZION PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì OPERE DI SOSTEGNO I AGGIORNAMENTO 24/01/2015 OPERE DI SOSTEGNO Conoscenze Programma Abilità

Dettagli

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno;

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; OPERE DI SOSTEGNO Occorre: determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; regolare il regime delle acque a tergo del muro; determinare le azioni esercitate in fondazione; verificare

Dettagli

Progetto di un muro di sostegno in cemento armato

Progetto di un muro di sostegno in cemento armato ITG Cassino Corso di costruzioni prof. Giovanni Di Lillo Per il progetto dei due muri si sceglie la tipologia in cemento armato per il muro con altezza di 5.00 m, mentre il muro con altezza di.50 m sarà

Dettagli

Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare

Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare Esercitazione 6 Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare Si esegua la verifica di stabilità allo scorrimento nella sola fase di cresta dell

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

FONDAZIONI DIRETTE prof. Stefano Catasta

FONDAZIONI DIRETTE prof. Stefano Catasta La scelta ed il dimensionamento di una soluzione fondale di tipo diretto superficiale è legata oltre alle caratteristiche del terreno su cui sorgerà la costruzione anche dal tipo di soluzione strutturale

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

1. Normative di riferimento

1. Normative di riferimento INDICE 1. Normative di riferimento... 2 2. Calcolo della spinta sul muro... 3 3. Verifica a ribaltamento... 4 4. Verifica a scorrimento... 4 5. Verifica al carico limite... 5 6. Verifica alla stabilità

Dettagli

Lezione 9 GEOTECNICA

Lezione 9 GEOTECNICA Lezione 9 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it - Lezione 9 A. Fondazioni su pali: requisiti di progetto B. Tecnologie esecutive nella realizzazione dei pali C. Pali

Dettagli

Applicazioni di utilizzo Le terre rinforzate possono essere utilizzate per vari scopi come si vede dagli esempi sotto riportati:

Applicazioni di utilizzo Le terre rinforzate possono essere utilizzate per vari scopi come si vede dagli esempi sotto riportati: Terre rinforzate Nella costruzione di strutture in terra per realizzare scarpate con angolo di inclinazione maggiore di quello permesso dal rilevato vengono utilizzate armature in strati orizzontali che

Dettagli

Arch. Giuliano Moscon SERVIZIO TECNICO ASSOCIATO COMUNI DI FONDO E MALOSCO

Arch. Giuliano Moscon SERVIZIO TECNICO ASSOCIATO COMUNI DI FONDO E MALOSCO COMUNE DI MALOSCO Provincia di Trento PROGETTO INTERVENTO DI SOMMA URGENZA RECUPERO E CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE DEL MURO DI SOSTEGNO SU P.F. 666 C.C. MALOSCO I IN VIA MIRAVALLE. Relazione di calcolo COMMITTENTE

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

Fasi del progetto geotecnico di una fondazione

Fasi del progetto geotecnico di una fondazione 1 Fasi del progetto geotecnico di una fondazione 1. Indagini per la caratterizzazione geotecnica del sottosuolo. Analisi di entità e distribuzione delle azioni di progetto in esercizio (carichi fissi +

Dettagli

RELAZIONE RISPOSTA A DOMANDA N. 2. Generalità. Fondazioni. Caratteristiche del terreno

RELAZIONE RISPOSTA A DOMANDA N. 2. Generalità. Fondazioni. Caratteristiche del terreno RISPOSTA A DOMANDA N. 2 RELAZIONE Generalità La presente relazione illustra gli aspetti geotecnici e delle fondazioni relativi alle strutture delle seguenti opere: EDIFICIO SERVIZI BUNKER PROTEXIMETRICO

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 D. Lgs. 81/2008: Art. 100 Piano di Sicurezza e Coordinamento comma 1: il Piano di Sicurezza e Coordinamento è corredato..da una tavola tecnica

Dettagli

Corso di Tecnologia degli elementi costruttivi + Organizzazione del cantiere - a.a. 2002/2003 - 9 e 10 gennaio 2003 - il calcestruzzo - Alcuni avvisi

Corso di Tecnologia degli elementi costruttivi + Organizzazione del cantiere - a.a. 2002/2003 - 9 e 10 gennaio 2003 - il calcestruzzo - Alcuni avvisi Corso di Tecnologia degli elementi costruttivi + Organizzazione del cantiere - a.a. 2002/2003 - ghiaia sabbia cemento acqua Il calcestruzzo: casseratura getto e maturazione 1 Alcuni avvisi lezione breve

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati MURI DI SOSTEGNO PROGETTAZIONE E CALCOLO

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati MURI DI SOSTEGNO PROGETTAZIONE E CALCOLO FRANCESCO INTAGLIATA GIOVANNI TRIGILI MURI DI SOSTEGNO PROGETTAZIONE E CALCOLO @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on line: files di aggiornamento

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

0.00 m. 1,75 m. ghiaiosa); γ 3 = 14,5 kn/m 3 c = 0 kpa ϕ = 35. 10.00 m. 21.75 m

0.00 m. 1,75 m. ghiaiosa); γ 3 = 14,5 kn/m 3 c = 0 kpa ϕ = 35. 10.00 m. 21.75 m ESERCITAZIONE n. 5 Carico limite di un palo trivellato Si calcoli, con le formule statiche, il carico limite di un palo trivellato del diametro di 0,4 m e della lunghezza di 11 m, realizzato in un sito

Dettagli

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio prof. Renato Giannini LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio (arch. Lorena Sguerri) PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO Norme per il predimensionamento

Dettagli

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE PROF. ING. BRUNO PALAZZO Prof. Bruno Palazzo - TIPOLOGIE: PALIFICATE Le fondazioni indirette sono un opzione quando:

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

SETTI O PARETI IN C.A.

SETTI O PARETI IN C.A. SETTI O PARETI IN C.A. Parete Pareti accoppiate SETTI O PARETI IN C.A. Na 20% Fh i i h i Na/M tot >=0.2 SETTI O PARETI IN C.A. IL FATTORE DI STRUTTURA VERIFICHE SETTI O PARETI IN C.A. SOLLECITAZIONI -FLESSIONE

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO

PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO prof. Gianmarco de Felice, arch. Lorena Sguerri PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO Norme per il predimensionamento Analisi dei carichi permanenti Sovraccarichi variabili Combinazioni di

Dettagli

Caratteristiche fisiche delle terre

Caratteristiche fisiche delle terre 1 Caratteristiche fisiche delle terre Peso volumico reale Il peso volumico reale di una terra è il rapporto tra il peso dei suoi granuli non considerando i vuoti dei pori, e il peso di un uguale volume

Dettagli

2. NORMATIVA. Il progetto e stato redatto nel rispetto delle seguenti norme:

2. NORMATIVA. Il progetto e stato redatto nel rispetto delle seguenti norme: 1 INDICE 1. GENERALITA... 2 2. NORMATIVA... 3 3. MATERIALI E LIMITI TENSIONALI... 4 4. ANALISI DEI CARICHI... 5 5. CARATTERISTICHE GEOMETRICHE... 9 6. CARATTERISTICHE DI SOLLECITAZIONE... 10 7. VERIFICHE

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Taggia Provincia di Imperia PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DI MURO DI SOSTEGNO VILLA CURLO

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Prof. Giacomo Sacco LEZIONI SUL CEMENTO ARMATO Sforzo normale, Flessione e taglio CONCETTI FONDAMENTALI Il calcestruzzo ha una bassa resistenza

Dettagli

Gabbioni e Gabbioni drenanti

Gabbioni e Gabbioni drenanti 1 Gabbioni e Gabbioni drenanti Utilizzo dei Gabbioni Come vengono utilizzati oggi I gabbioni: In edilizia per la costruzione di muri di recinzione, complessi residenziali, industrie, muri di sostegno,

Dettagli

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue 1 Pali di fondazione Si possono avere: a) pali in legno: oggi quasi totalmente abbandonati e impiegati solo per modeste costruzioni che trasmettono carichi limitati, per lo più in zone con abbondante legname,

Dettagli

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 I SISTEMI DI CONNESSIONE Tipologie di connettori Calcolo della sollecitazione nei connettori Connettori a totale ripristino di resistenza Connettori a parziale ripristino

Dettagli

Normative di riferimento

Normative di riferimento Aztec Informatica CARL 9.0 Relazione di calcolo 1 RELAZIONE DI CALCOLO GEOTECNICO Normative di riferimento - Legge nr. 1086 del 05/11/1971. Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio,

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

LINEA MURI DI CONTENIMENTO

LINEA MURI DI CONTENIMENTO LINEA MURI DI CONTENIMENTO Costruisce il futuro Sistemi di contenimento dei pendii - Tipologie: I muri ottenuti tramite la posa in opera dei blocchi di contenimento della MA.CE.VI. in condizioni di : -

Dettagli

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3 INDICE 1. Premesse pag. 2 2. Regime normativo pag. 3 3. Plinto di fondazione torre faro pag. 4 3.1 Sollecitazione massime di calcolo pag. 4 3.2 Determinazione massimi sforzi sui pali pag. 4 3.3 Dimensionamento

Dettagli

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI 1.0 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DEI PALI Il dimensionamento dei pali viene eseguito tenendo conto dei criteri appresso riportati. a) Inizialmente vengono determinati i carichi

Dettagli

RESISTENZA A TAGLIO. Università degli Studi di Trento - Facoltà di Ingegneria Geotecnica A / Geotecnica B (Dr. A Tarantino) 1.1

RESISTENZA A TAGLIO. Università degli Studi di Trento - Facoltà di Ingegneria Geotecnica A / Geotecnica B (Dr. A Tarantino) 1.1 RESISTENZA A TAGLIO 1.1 Capacità portante di una fondazione F W ribaltante W stabilizzante mobilitata La stabilità del complesso terreno-fondazione dipende dalle azioni tangenziali che si possono mobilitare

Dettagli

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il trasporto a superficie libera presenta, rispetto a quello in pressione, il vantaggio che l acqua è ovunque a pressione molto bassa. È possibile quindi impiegare

Dettagli

TECNICA DELLE COSTRUZIONI: PROGETTO DI STRUTTURE LE FONDAZIONI

TECNICA DELLE COSTRUZIONI: PROGETTO DI STRUTTURE LE FONDAZIONI LE FONDAZIONI Generalità sulle fondazioni Fondazioni dirette Plinti isolati Trave rovescia Esecutivi di strutture di fondazione Generalità Le opere di fondazione hanno il compito di trasferire le sollecitazioni

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali...

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali... 1 Relazione Generale sull Intervento... Determinazione dei parametri geotecnici... 3 Normativa di riferimento...3 4 Relazione sui materiali...3 5 Verifiche statiche...4 5.1 Formule di calcolo delle azioni...4

Dettagli

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI Alcune proprietà della deformata dei portali Si esaminano nel seguito alcune proprietà della deformata dei portali. Queste proprietà permettono

Dettagli

2 STATO ATTUALE E LINEE GUIDA DI INTERVENTO

2 STATO ATTUALE E LINEE GUIDA DI INTERVENTO 1 PREMESSA La A.S.P. San Domenico (altrimenti nota come Casa di Riposo San Domenico) intende procedere alla sistemazione della aree esterne dello stesso Istituto al fine di ricavarvi la strada interna

Dettagli

Prof. Stefano Lonati 23/09/2013. Tipologie. Prof. Stefano Lonati. Prof. Stefano Lonati LE FONDAZIONI

Prof. Stefano Lonati 23/09/2013. Tipologie. Prof. Stefano Lonati. Prof. Stefano Lonati LE FONDAZIONI 23/09/2013 Tipologie LE FONDAZIONI? 1 23/09/2013 FUNZIONE DELLE FONDAZIONI Le strutture portanti di fondazione costituiscono l elemento di trasmissione al terreno dei carichi agenti sull edificio. Il sedime

Dettagli

LANDMARK. Il muro che abbatte le difficoltà. L a n d m a r k. s.p.a PER LE CASE E LE PIAZZE PIÙ BELLE D ITALIA

LANDMARK. Il muro che abbatte le difficoltà. L a n d m a r k. s.p.a PER LE CASE E LE PIAZZE PIÙ BELLE D ITALIA s i s t e m i v e r t i c a l i LANDMARK s.p.a PER LE CASE E LE PIAZZE PIÙ BELLE D ITALIA premessa L idea: la connessione positiva Un surplus tecnologico Landmark razionalizza la quantità di geogriglie

Dettagli

Le piastre Precompresse

Le piastre Precompresse Corso di Progetto di Strutture POTENZA, a.a. 2012 2013 Le piastre Precompresse Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/ PIASTRE

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

MAMMUT. Muri di sostegno prefabbricati

MAMMUT. Muri di sostegno prefabbricati MAMMUT Muri di sostegno prefabbricati La gamma Mammut a sostegno della tua impresa mammut M Faccia vista mammut ME Cemerba mammut MP PIETRA mammut MK PIETRERBA mammut MT TOP Mammut Mammut è l ultima creazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

CASE HISTORY DRENAGGIO VIGNETI- IDROSAC-MONTALCINO (SIENA)

CASE HISTORY DRENAGGIO VIGNETI- IDROSAC-MONTALCINO (SIENA) CASE HISTORY DRENAGGIO VIGNETI- IDROSAC-MONTALCINO (SIENA) 1 - Descrizione dell intervento a difesa del suolo1 Lo scopo dell intervento è quello di realizzare un drenaggio a bassa profondità in trincea

Dettagli

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione.

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione. Battitura di pali duttili Generalità: Grazie agli escavatori idraulici leggeri e maneggevoli, i lavori per fondazioni di pali possono essere eseguiti anche in condizioni difficili oppure quando lo spazio

Dettagli

Ricordiamo ora che a è legata ad x (derivata seconda) ed otteniamo

Ricordiamo ora che a è legata ad x (derivata seconda) ed otteniamo Moto armonico semplice Consideriamo il sistema presentato in figura in cui un corpo di massa m si muove lungo l asse delle x sotto l azione della molla ideale di costante elastica k ed in assenza di forze

Dettagli

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni LABORATORIO DI COSTRUZIONI DELL ARCHITETTURA II MODULO DI GEOTECNICA E FONDAZIONI Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Dipartimento di Ingegneria Strutturale

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

MURI DI SOSTEGNO. a cura del professore. Francesco Occhicone

MURI DI SOSTEGNO. a cura del professore. Francesco Occhicone MURI DI SOSTEGNO a cura del professore Francesco Occhicone anno 2014 MURI DI SOSTEGNO Per muro di sostegno si intende un opera d arte con la funzione principale di sostenere o contenere fronti di terreno

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. RICCARDO

Dettagli

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo PALO tipo SP Il Soil Displacement (SP) è una metodologia di esecuzione del palo di fondazione eseguita senza asportazione di terreno, quindi alternativa ai pali battuti, vibroinfissi e trivellati. La tecnologia

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi 1 Forza Si definisce forza una qualunque causa esterna che produce una variazione dello stato

Dettagli

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

SOMMARIO CITTA DI BIELLA DISSESTO STRADA DI CANTONE VINDOLO OPERE STRUTTURALI DI RIPRISTINO PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO RELAZIONE DI CALCOLO

SOMMARIO CITTA DI BIELLA DISSESTO STRADA DI CANTONE VINDOLO OPERE STRUTTURALI DI RIPRISTINO PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO RELAZIONE DI CALCOLO SOMMARIO 1 GENERALITA... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3 DATI GEOTECNICI E MATERIALI... 2 4 VERIFICHE... 2 5 Verifica a s.l.e. in combinazione rara (Vindolo_2_Rara.PRT)... 3 5.1 Modello Strutturale...

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Sezione geotecnica (www.dicea.unifi.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Sezione geotecnica (www.dicea.unifi. UNIVERSIT DEGLI STUDI DI FIRENZE Dipartimento di Ingegneria Civile e mbientale Sezione geotecnica (www.dicea.unifi.it/geotecnica) SINT DELLE TERRE Corso di Geotecnica Ingegneria Edile,.. 00\0 Johann Facciorusso

Dettagli

Generalità e note di teoria

Generalità e note di teoria Capitolo 1 Generalità e note di teoria In questo capitolo sono riportate alcune note delle teorie utilizzate, riguardanti: Verifiche di resistenza. Dati del problema e convenzioni. Ipotesi fondamentali.

Dettagli

Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008

Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008 Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008 Esercizio 1 Una prova triassiale CU è stata eseguita su tre provini preparati a partire da un campione indisturbato di argilla satura. Nella prima fase i tre

Dettagli

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton La Dinamica studia il moto dei corpi in relazione il moto con le sue cause: perché e come gli oggetti si muovono. La causa del moto è individuata nella presenza

Dettagli

Fondazioni a platea e su cordolo

Fondazioni a platea e su cordolo Fondazioni a platea e su cordolo Fondazione a platea massiccia Una volta normalmente impiegata per svariate tipologie di edifici, oggi la fondazione a platea massiccia viene quasi esclusivamente adottata

Dettagli

AMPLIAMENTO CIMITERO DI POZZECCO

AMPLIAMENTO CIMITERO DI POZZECCO REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI BERTIOLO AMPLIAMENTO CIMITERO DI POZZECCO PROGETTO ESECUTIVO DELLE STRUTTURE Asseverazione classificazione categoria Relazione sulle caratteristiche

Dettagli

MURETTI A SECCO PER ARREDO GIARDINO

MURETTI A SECCO PER ARREDO GIARDINO MURETTI A SECCO PER ARREDO GIARDINO MURETTI A SECCO PER ARREDO GIARDINO MURAGO VENETO pag 2 MURO LAVAREDO pag 8 PALIZZATE pag 12 COLONNE pag 14 MURO DI CONTENIMENTO TERRA PISA2 pag 15 I muretti a secco

Dettagli

PARTE IV: RESISTENZA AL TAGLIO

PARTE IV: RESISTENZA AL TAGLIO PARTE IV: RESISTENZA AL TAGLIO Resistenza al taglio in corrispondenza dei contatti fra le particelle Definizione dell angolo di attrito Φ μ tgφ μ = f con f = coefficiente di attrito Interpretazione micromeccanicistica

Dettagli

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera FONDAZIONI ETEROGENEE 1.04 Edificio uso magazzino costituito da un mantello cilindrico periferico in calcestruzzo armato precompresso e da un silo centrale. Fondazioni del mantello mediante pali e con

Dettagli

RELEO S.r.l. Sede Operativa: Via Ravenna, 562 Fossanova San Marco 44124 Ferrara Tel. +39 0532 740625 www.releo.it commerciale@releo.

RELEO S.r.l. Sede Operativa: Via Ravenna, 562 Fossanova San Marco 44124 Ferrara Tel. +39 0532 740625 www.releo.it commerciale@releo. RELEO S.r.l. Vai al sistema GEOPIER Vai al sistema IMPACT RELEO S.r.l. Il Sistema Geopier, attraverso l utilizzo di colonne di ghiaia compattata, è un valido ed efficace metodo di consolidamento di terreni

Dettagli

Fasi del progetto geotecnico di una fondazione

Fasi del progetto geotecnico di una fondazione Fasi del progetto geotecnico di una fondazione 1. Indagini per la caratterizzazione del sottosuolo. Analisi di entità e distribuzione delle azioni di progetto in esercizio (carichi fissi e sovraccarichi

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO PREMESSA DELLO STUDIO ESEGUITO L edificio oggetto d intervento (fig.1) è situato nel Comune di Vittoria in Provincia di Ragusa. Si tratta di un edificio esistente con struttura portante mista, telai in

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE 1 PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE Sono le perdite di carico (o di pressione) che un fluido, in moto attraverso un condotto, subisce a causa delle resistenze

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

Comune di SELARGIUS. Provincia di CAGLIARI. Relazione geotecnica

Comune di SELARGIUS. Provincia di CAGLIARI. Relazione geotecnica Comune di SELARGIUS Provincia di CAGLIARI Relazione geotecnica OGGETTO: OPERE DI INFRASTRUTTURAZIONE RURALE. LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE RURALI BIA E MESU E SESTU SETTIMO COMMITTENTE: Comune

Dettagli

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di Marineo Provincia di Palermo PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: Lavori di completamento ed adeguamento degli impianti sportivi siti nel

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte prima

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte prima parte prima FONDAZIONI FONDAZIONI A POZZO FONDAZIONE A POZZO GETTO FONDAZIONE A PLATEA SCAVO FONDAZIONI SU PALI IN LEGNO STRUTTURE DI SOTTERRANEO MURATURE IN SOTTERRANEO FINESTRE SOTTERRANEI DRENAGGIO

Dettagli

SOLAI SOLAI RIFERIMENTO NORMATIVA D.M. 14.02.1992 CAPITOLO 7 Art.7.0 CLASSIFICAZIONE SOLAI PIENI IN C.A. o C.A.P. PER QUESTO TIPO DI STRUTTURE VALGONO TOTALMENTE LE INDICAZIONI STRUTTURALI E DI CALCOLO

Dettagli

75 CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE

75 CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE 75 CAPTOLO 6: PROVE EDOMETRCE CAPTOLO 6: PROVE EDOMETRCE La prova edometrica è una prova di compressione assiale senza deformazione laterale, serve a determinare le caratteristiche di comprimibilità dei

Dettagli

Operazioni sui vettori Scomposizione di un vettore F in un vettore e in una coppia

Operazioni sui vettori Scomposizione di un vettore F in un vettore e in una coppia Operazioni sui vettori Scomposizione di un vettore F in un vettore e in una coppia F (non baricentrico) = F (baricentrico) + Momento orario F. b F (diretto verso il basso) = vettore spostato a sinistra

Dettagli

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it 12.1 Sistemi Bonded Tubo doppio 12.1.1 Generalità / Sistemi Bonded / Metodi di posa... 12 / 1-2 12.1.2 Prospetto dei vantaggi e degli svantaggi... 12 / 3 12.1.3 Lunghezze di installazione L max Tubo singolo...

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

DISCARICA DI BUDAPEST STUDIO PER UN PROGETTO DI COPERTURA

DISCARICA DI BUDAPEST STUDIO PER UN PROGETTO DI COPERTURA DISCARICA DI BUDAPEST STUDIO PER UN PROGETTO DI COPERTURA DISCARICA DI BUDAPEST STUDIO PER UN PROGETTO DI COPERTURA IL SISTEMA DI COPERTURA (CAPPING) Il sistema di copertura di una discarica: - Confina

Dettagli

Manutenzione straordinaria della copertura e dell'impianto fotovoltaico della scuola elementare A. Baodo

Manutenzione straordinaria della copertura e dell'impianto fotovoltaico della scuola elementare A. Baodo 0 15/03/2011 Emissione M. Macciò REVISIONE DATA SPECIFICHE TECNICHE / MODIFICHE REDATTO Manutenzione straordinaria della copertura e dell'impianto fotovoltaico della scuola elementare A. Baodo PROGEOS

Dettagli

Modellare una copertura a falde

Modellare una copertura a falde 4 Modellare una copertura a falde Costruire un tetto a falde partendo dalla posizione dei muri. Utilizzeremo sia strumenti di creazione sia strumenti di deformazione dei solidi. Introduzione In questo

Dettagli

CONSIDERAZIONI GENERALI

CONSIDERAZIONI GENERALI CONSIDERAZIONI GENERALI FUNZIONI DELLE FONDAZIONI La funzione delle fondazioni è quella di trasferire i carichi provenienti dalla struttura in elevazione al terreno sul quale l edificio poggia. La scelta

Dettagli

INDICE. Adeguamento SR435 Lucchese nel Comune di Pescia (PT) Dicembre 2005 1. GENERALITA...1 ALLEGATO A...2

INDICE. Adeguamento SR435 Lucchese nel Comune di Pescia (PT) Dicembre 2005 1. GENERALITA...1 ALLEGATO A...2 Adeguamento SR435 Lucchese nel Comune di Pescia (PT) P R O G E T T O E S E C U T I V O Dicembre 2005 INDICE 1. GENERALITA...1 ALLEGATO A...2 STR_02_Verifica_Terra_Armata_05122310_Rev_A.doc Adeguamento

Dettagli

Sistema innovativo per la gestione e la raccolta delle acque meteoriche. www.geoplast.it

Sistema innovativo per la gestione e la raccolta delle acque meteoriche. www.geoplast.it Sistema innovativo per la gestione e la raccolta delle acque meteoriche www.geoplast.it NUOVO ELEVETOR TANK USO E CARATTERISTICHE Base Elevetor / Vantaggi e caratteristiche Cassero Elevetor / Vantaggi

Dettagli