..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità"

Transcript

1 ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità susanna neuhold responsabile nazionale area food

2 il glutine negli alimenti CONOSCERE: (consumatore) COMUNICARE: (azienda) LA PRESENZA / ASSENZA DI GLUTINE ETICHETTATURA

3 Informazione negativa (questo prodotto NON è idoneo alla dieta del celiaco) GLUTINE tra gli ingredienti (obbligatorio per Direttiva CE/2003/89, recepita in Italia dal decreto allergeni 114/2006 e attualmente sostituita dal Reg. CE 1169/2011) non è obbligatorio riportare l indicazione circa la potenziale presenza di tracce accidentali ( può contenere tracce di glutine )

4 Informazione positiva (questo prodotto è idoneo alla dieta del celiaco) la dicitura SENZA GLUTINE era ammessa fino al 2009 solo per i PRODOTTI DIETETICI cioè per i SOSTITUTIVI degli alimenti in cui il glutine è parte degli ingredienti caratterizzanti la dicitura NON CONTIENE FONTI DI GLUTINE era ammessa solo per i PRODOTTI A BASE DI CARNE (SALUMI) e per i GELATI PRECONFEZIONATI IN VASCHETTE DI PRODUZIONE INDUSTRIALE.

5 Regolamento CE 41/2009 Il Regolamento CE 41/2009 è entrato in vigore il 1 gennaio Da questa data, tutti i prodotti commercializzati in Unione Europea con la dicitura «senza glutine - gluten free» (e analoghe traduzioni) devono garantire il limite dei 20 ppm e possono quindi essere consumati con tranquillità dai celiaci. Finalmente "senza glutine" ha un unico significato contenuto di glutine < 20 mg/kg

6 Gli alimenti naturalmente senza glutine (non contenenti glutine e non trasformati, come frutta, verdura, carne, latte, uova, acqua in bottiglia) non potranno riportare il claim "senza glutine la norma è finalizzata all'aiuto al celiaco per l'identificazione, tra i prodotti a rischio, di quelli idonei alla propria dieta non è destinata ai prodotti naturalmente senza glutine che, per loro natura, non necessitano di dichiarare l'assenza di glutine.

7 Il Ministero della Salute ha pubblicato alcuni elementi esplicativi sul Reg. 41/2009 sulla Gazzetta Ufficiale del 27 novembre 2009 (all interno della Circolare ministeriale del 5 novembre 2009 Linee di demarcazione tra integratori alimentari, prodotti destinati ad una alimentazione particolare e alimenti addizionati di vitamine e minerali - Criteri di composizione e di etichettatura di alcune categorie di prodotti destinati ad una alimentazione particolare).

8 Il punto più importante di queste note esplicative è costituito da quello dedicato agli alimenti di uso corrente. Il Ministero ha sancito che l impiego della dizione senza glutine in etichetta sia ammesso qualora l azienda possa assicurare: - non solo l assenza di ingredienti derivati da cereali contenenti glutine - ma anche l assenza di potenziali fonti di contaminazione durante il processo produttivo.

9 A tale riguardo, il Ministero richiede che l azienda adegui il proprio piano di autocontrollo specificamente al fine di garantire che il tenore residuo di glutine nei propri prodotti dichiarati come senza glutine non superi i 20 ppm. E specifica che in detto piano va inserito il punto critico relativo al glutine, prevedendone un controllo e una gestione adeguati, con particolare riferimento alle materie prime impiegate, al loro stoccaggio, al processo produttivo, ai piani di sanificazione e pulizia.

10 -nulla cambia per quanto riguarda i prodotti dietetici, che restano soggetti alla pratica di notifica (decreto legislativo 111/92) possono essere definiti senza glutine anche i prodotti ottenuti con l'impiego di materie prime derivanti da cereali vietati, come l amido di frumento per il pane, purché garantiscano un contenuto in glutine < 20 ppm nel prodotto finito. La decisione, impensabile fino a poco tempo fa, è stata favorita dai progressi della tecnologia alimentare, che permettono l'impiego dell'amido di frumento garantendo il limite dei 20 ppm nel prodotto finito.

11 sintesi Norme sull etichettatura degli alimenti per celiaci TIPOLOGIA di PRODOTTI PRODOTTI CONVENZIONALI o "PER TUTTI" NORMATIVA di RIFERIMENTO Reg CE 41/2009 < 20 ppm SENZA GLUTINE Reg CE 41/ ppm PRODOTTI DIETETICI per CELIACI con contenuto di glutine molto basso < 20 ppm D. Leg. 111/92 < 20 ppm SENZA GLUTINE

12 Regolamento CE 1169/2011 Resta invariata la lista dei cereali vietati (grano, segale, orzo, avena, farro, kamut e loro ceppi ibridati) e degli ingredienti esentati dall obbligo di glutine in etichetta. Resta non obbligatorio indicare l eventuale presenza di allergeni non aggiunti volontariamente al prodotto, ma presenti per contaminazione accidentale. Restano quindi non disciplinate le condizioni di utilizzo del claim "può contenere tracce di.", lasciato alla libera volontà delle aziende, non disciplinato da alcuna norma. Novità di rilievo: obbligo di usare un carattere ben distinguibile per riportare il nome degli allergeni eventualmente presenti.

13 Regolamento CE 1169/2011 Come la precedente Direttiva Allergeni, il Regolamento UE 1169/2011 comporta l obbligo di dichiarare il glutine solo se presente come ingrediente, mentre non è obbligatorio dichiarare l eventuale presenza potenziale di glutine per contaminazione accidentale. La dicitura "può contenere tracce di...", quindi, utilizzata dalle aziende proprio per indicare una potenziale presenza di glutine per contaminazione accidentale, non è contemplata tra gli obblighi della normativa vigente e l assenza del claim "può contenere tracce di glutine" non può essere considerata una garanzia per il celiaco. Per queste ragioni, l AIC da tempo richiede che ne vengano stabilite per legge le condizioni di utilizzo e la soglia di riferimento (20 ppm).

14 Regolamento CE 1169/2011 L Articolo 36 - Informazioni volontarie sugli alimenti stabilisce, però, che la Commissione Europea deve adottare atti di esecuzione circa le informazioni sugli alimenti fornite su base volontaria, tra cui le informazioni relative alla presenza eventuale e non intenzionale nei prodotti alimentari di sostanze o prodotti che provocano allergie o intolleranza. Questo significa che, in futuro, le condizioni di utilizzo del claim può contenere tracce di, saranno disciplinate da una norma europea, pur restando, nella previsione, una dicitura volontaria e non obbligatoria.

15 Alimenti sostitutivi pane pasta prodotti da forno dolci (biscotti, torte, pasticceria) e salati (grissini, crackers, ecc.) mix di farine

16 Decreto legislativo 111/92, alimenti dietetici L iter si divide in due fasi: 1. autorizzazione dello stabilimento produttivo (ASL) 2. notifica dei prodotti al Ministero della Salute Ministero della Salute concesso da AIC sia alimenti sostitutivi, sia alimenti di consumo corrente solo alimenti sostitutivi

17 Alimenti per celiaci Reg. (UE) 1169/2011 Reg. (CE) 41/2009 Decreto legislativo (Italia) 111/92 ma il quadro normativo è in evoluzione

18 Regolamento (UE) 609/13 relativo agli alimenti destinati ai lattanti e ai bambini e agli alimenti destinati a fini medici speciali 1. Abroga il concetto di alimento dietetico 2. Stabilisce un nuovo quadro normativo contenente indicazioni generali per un numero limitato di categorie alimentari ben definite considerate essenziali per certi gruppi vulnerabili della popolazione : lattanti ed alla prima infanzia alimenti destinati a fini medici speciali ( utilizzabili sotto supervisione medica ) regimi dietetici totalmente sostitutivi per il controllo del peso 3. Abroga il Regolamento 41/2009, proponendo, solo a livello di preambolo (26), che i claim senza glutine e con contenuto di glutine molto basso siano inseriti nel FIC (FIC=Food Information to Consumers) Regolamento 1169/2011, il nuovo regolamento sull etichettatura.

19

20 Cosa NON CONDIVIDIAMO: 1. N1 A

21 Diagnosi Paziente Terapia Diagnosi Arriva in 6 anni(media) 1,5: 600 anziché 1: 100 Celiaco Terapia UNICA RIGOROSA PERENNE DIETA SENZA GLUTINE «ESSENZIALE» = FARMACO SALVAVITA

22 malattia rara - cronica generale zio Abitudine a ol p po Consuetudine Alimentare na sa Celiachia ne Diagnosi (in 6 anni) Sintomi i Celiaco Complicanze (anche gravi, in assenza di terapia) Lattanti? non è vulnerabile? è meno vulnerabile dei prima infanzia? fini medici speciali oppure i sostitutivi per dimagrire?

23 Reg. (UE) 609/2013 Oggi diventa quindi necessario vigilare sul trasferimento, che sia coerente ed esaustivo, delle indicazioni del Regolamento 41/2009 all interno del FIC. Contestualmente, in cooperazione con le Istituzioni italiane, che si sono distinte in ambito europeo per l impegno a difesa dei celiaci, con AIIPA ed UNC, occorre lavorare ad eventuali correttivi delle norme nazionali, per mantenere, almeno a livello italiano, le garanzie fino ad oggi previste per i celiaci nel nostro Paese. 23

24

25 Cosa aspettarsi? Nessun pericolo/modifica per gli alimenti di consumo corrente: - senza glutine, 20 ppm Per quanto riguarda gli alimenti ex-dietetici : - mette a rischio il Decreto legislativo 111 del 1992 e quindi il Registro Nazionale dei prodotti dietetici sg - importante che nell inserimento nel FIC sia mantenuta la distinzione tra alimenti di consumo corrente sg e alimenti specificamente formulati per celiaci, individuando una denominazione specifica, ad es. per celiaci, cui affiancare apposite norme che ne garantiscano sicurezza e qualità, anche solo a livello nazionale

26 La moda del senza glutine

27 ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Grazie per l attenzione susanna neuhold responsabile nazionale area food

Nuovo regolamento europeo CE 41/2009 sulla composizione ed etichettatura dei prodotti alimentari adatti alle persone intolleranti al glutine

Nuovo regolamento europeo CE 41/2009 sulla composizione ed etichettatura dei prodotti alimentari adatti alle persone intolleranti al glutine Associazione Italiana Celiachia Onlus Area Food Nuovo regolamento europeo CE 41/2009 sulla composizione ed etichettatura dei prodotti alimentari adatti alle persone intolleranti al glutine Susanna Neuhold

Dettagli

Etichettatura dei prodotti per celiaci

Etichettatura dei prodotti per celiaci Etichettatura dei prodotti per celiaci Elisabetta Toti toti@inran.it Introduzione Nella dieta della popolazione generale, i cereali contribuiscono alla gran parte del consumo energetico giornaliero in

Dettagli

Alimenti privi di glutine e prontuario AIC. Dietista: Francesco Macrì

Alimenti privi di glutine e prontuario AIC. Dietista: Francesco Macrì Alimenti privi di glutine e prontuario AIC Dietista: Francesco Macrì LA CELIACHIA La CELIACHIA è un intolleranza permanente al glutine; Il GLUTINE è una sostanza proteica contenuta in alcuni cereali, farine

Dettagli

NORME VIGENTI. Dott. SILVIO MORETTI ASSOCIAZIONE ITALIANA CELIACHIA

NORME VIGENTI. Dott. SILVIO MORETTI ASSOCIAZIONE ITALIANA CELIACHIA NORME VIGENTI Dott. SILVIO MORETTI ASSOCIAZIONE ITALIANA CELIACHIA LEGISLAZIONE L. 4 luglio 2005, n 123 Norme per la protezione dei soggetti malati di celiachia 1. Celiachia come malattia sociale 2. Diagnosi

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Etichettatura degli alimenti Il Regolamento (CE) 41/2009 sulla composizione ed etichettatura dei prodotti alimentari adatti alle persone intolleranti al glutine Il Regolamento (CE) 41/2009 è entrato ufficialmente

Dettagli

La sanitàpubblica locale e le associazioni pazienti: AIC

La sanitàpubblica locale e le associazioni pazienti: AIC ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Convegno Nazionale SIAN FOCUS SU INTERVENTI EFFICACI E SOSTENIBILI DIPREVENZIONE NUTRIZIONALE NELLA RETE DELLA COMUNITÀ

Dettagli

Quando il frumento è un contaminante: alimenti per celiaci

Quando il frumento è un contaminante: alimenti per celiaci Quando il frumento è un contaminante: alimenti per celiaci Susanna Neuhold Nuovi scenari di mercato dei cereali e il ruolo dei contaminanti Torino - 28 febbraio 2012 1 CHE COSA È LA CELIACHIA? è una condizione

Dettagli

..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf

..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf I progetti dell AIC: Prontuario e Marchio Spiga Barrata, le procedure ambra corsi responsabile marchio Spiga Barrata Firenze,

Dettagli

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Dr.ssa Simona De Stefano Direzione Generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio V Nutrizione - Ministero della Salute Roma,

Dettagli

Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati. Gli alimenti senza glutine in commercio.

Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati. Gli alimenti senza glutine in commercio. Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. NUTRIZIONE Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Azienda USL di Modena DIETISTA DOTT.SSA MARIANGELA CIRILLO Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati.

Dettagli

Il Reg. 1169/2011/UE, la nuova etichettatura degli alimenti e la gestione degli allergeni, aspetti applicativi e opportunità

Il Reg. 1169/2011/UE, la nuova etichettatura degli alimenti e la gestione degli allergeni, aspetti applicativi e opportunità Il Reg. 1169/2011/UE, la nuova etichettatura degli alimenti e la gestione degli allergeni, aspetti applicativi e opportunità Orientamenti ministeriali sull applicazione della nuova normativa sull etichettatura

Dettagli

Alimentare Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa

Alimentare Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa Alimentare Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa Roma, 2 marzo 2010 Presidenza Cna Alimentare Circolare n. 5 Consiglio Cna Alimentare Referenti Provinciali e Regionali

Dettagli

Ricette, calorie e valori nutrizionali: come nasce l etichetta nutrizionale di un alimento?

Ricette, calorie e valori nutrizionali: come nasce l etichetta nutrizionale di un alimento? PROGETTO AGRICOLTURA E ALIMENTAZIONE: BIODIVERSITÀ, CULTURA, AMBIENTE, INNOVAZIONE, SICUREZZA Ricette, calorie e valori nutrizionali: come nasce l etichetta nutrizionale di un alimento? Milena Casali Istituto

Dettagli

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DI PARTE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI VERONA GESTITO DA AGEC PERIODO 1.7.2013 / 30.06.2016 ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI

Dettagli

Ivana Losa delegata AIC in AOECS-- Firenze 30 marzo 2012

Ivana Losa delegata AIC in AOECS-- Firenze 30 marzo 2012 ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf European Licensing System: finalmente un Marchio Europeo Convention per l industria alimentare Ivana Losa delegata AIC in

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE Elementi informativi

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC DICEMBRE 2009 PREMESSA L agricoltura biologica è un particolare metodo di gestione della produzione

Dettagli

LA CELIACHIA: GESTIONE DEL RISCHIO NELLA RISTORAZIONE PUBBLICA

LA CELIACHIA: GESTIONE DEL RISCHIO NELLA RISTORAZIONE PUBBLICA LA CELIACHIA: GESTIONE DEL RISCHIO NELLA RISTORAZIONE PUBBLICA ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO ATTRAVERSO L AUTOCONTROLLO E PROCEDURE PER LA NOTIFICA DELL ATTIVITA Carignano 4 febbraio 2013 Corso Base 2013

Dettagli

Celiachia Regole e consigli per i produttori

Celiachia Regole e consigli per i produttori Celiachia Regole e consigli per i produttori L analisi chimica è solo uno dei controlli da effettuare di Luca Guercio Tecnologo alimentare, Ordine dei tecnologi alimentari Lombardia e Liguria 44 Produrre

Dettagli

Vivere con le allergie e le intolleranze alimentari

Vivere con le allergie e le intolleranze alimentari A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO III DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE

Dettagli

I prodotti dell agricoltura biologica

I prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti privi di residui chimici ed assolutamente identici possono essere l uno il

Dettagli

QUIZ: CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SUI CONTROLLI UFFICIALI PER GLI ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA BOLOGNA, 18 NOVEMBRE 2010

QUIZ: CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SUI CONTROLLI UFFICIALI PER GLI ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA BOLOGNA, 18 NOVEMBRE 2010 QUIZ: CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SUI CONTROLLI UFFICIALI PER GLI ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA BOLOGNA, 18 NOVEMBRE 2010 1) Gli alimenti per la prima infanzia sono disciplinati a livello comunitario:

Dettagli

I progetti AIC per i professionisti dell alimentare: Prontuario e Spiga Barrata

I progetti AIC per i professionisti dell alimentare: Prontuario e Spiga Barrata ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf I progetti AIC per i professionisti dell alimentare: Prontuario e Spiga Barrata susanna neuhold responsabile nazionale

Dettagli

susanna neuhold responsabile area food - Firenze 30 marzo 2012

susanna neuhold responsabile area food - Firenze 30 marzo 2012 Come stare alla larga dal glutine: requisiti tecnici per le produzioni senza glutine Convention per l industria alimentare susanna neuhold responsabile area food - Firenze 30 marzo 2012 1 Cosa mangia il

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE Allegato Tecnico n. 4 al Capitolato Speciale

Dettagli

Aspetti di sicurezza alimentare: manuali nazionali di corretta prassi operativa e piani di autocontrollo Carlo Donati

Aspetti di sicurezza alimentare: manuali nazionali di corretta prassi operativa e piani di autocontrollo Carlo Donati Aspetti di sicurezza alimentare: manuali nazionali di corretta prassi operativa e piani di autocontrollo Carlo Donati Ufficio II Igiene generale degli alimenti Roma CONTENUTO DELLA PRESENTAZIONE Organizzazione

Dettagli

Grosseto, 26 febbraio 2015 Allergie ed intolleranze alimentari 2 Le allergie alimentari interessano il 2 4% circa dell intera popolazione generale, con una incidenza maggiore nei bambini, dove raggiunge

Dettagli

susanna neuhold responsabile area food - Firenze 31 marzo 2012

susanna neuhold responsabile area food - Firenze 31 marzo 2012 AIC nell alimentazione fuori casa Celiachia: oltre la sicurezza alimentare, ristorazione fuori casa e qualità susanna neuhold responsabile area food - Firenze 31 marzo 2012 1 alimentarsi non è solo un

Dettagli

ETICHETTA NUTRIZIONALE NEI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI REGOLAMENTO (UE) 1169 / 2011 MACOMER 23 APRILE 2016

ETICHETTA NUTRIZIONALE NEI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI REGOLAMENTO (UE) 1169 / 2011 MACOMER 23 APRILE 2016 ETICHETTA NUTRIZIONALE NEI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI REGOLAMENTO (UE) 1169 / 2011 MACOMER 23 APRILE 2016 Marcella Cabiddu, Ignazio Ibba, Danilo Muggianu Contribuire ad assicurare un livello elevato di

Dettagli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli SCEGLI IL GUSTO 7 febbraio 2013 Body Worlds Anna Caroli Terminato l iter diagnostico esami del sangue biopsia enterica Oggi so di essere celiaco Cosa faccio e cosa mangio Il Medico fornisce le prime e

Dettagli

Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura

Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura Corso di formazione sugli additivi alimentari 23 gennaio 2013 I edizione 24 gennaio 2013 II edizione Benevento Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura Antonella Semeraro

Dettagli

Responsabile del progetto Dr. Roberto Puggioni - Direttore del Servizio

Responsabile del progetto Dr. Roberto Puggioni - Direttore del Servizio La celiachia è una intolleranza permanente al glutine, che si manifesta in soggetti geneticamente predisposti con sintomi e segni estremamente variabili che spesso rendono la diagnosi difficile e/o tardiva.

Dettagli

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali Torino 27 marzo 2013 Laura Bersani L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali REQUISITI OBBLIGATORI PER L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI PRECONFEZIONATI

Dettagli

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Etichettature alimentari- le sanzioni sugli errori dopo le modifiche del regolamento UE n. 1169/2011 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che recentemente

Dettagli

3. Morbo celiaco, compresa la variante clinica della dermatite erpetiforme.

3. Morbo celiaco, compresa la variante clinica della dermatite erpetiforme. D.M. 8-6-2001 Assistenza sanitaria integrativa relativa ai prodotti destinati ad una alimentazione particolare. Pubblicato nella Gazz. Uff. 5 luglio 2001, n. 154. Epigrafe Premessa 1. Ambito di applicazione.

Dettagli

GIORNATA CON MENU SPECIALE FACCIAMO FESTA 30 GENNAIO 2014 Nelle scuole di Milano servite da Milano Ristorazione

GIORNATA CON MENU SPECIALE FACCIAMO FESTA 30 GENNAIO 2014 Nelle scuole di Milano servite da Milano Ristorazione GIORNATA CON MENU SPECIALE FACCIAMO FESTA 30 GENNAIO 2014 Nelle scuole di Milano servite da Milano Ristorazione Il prossimo 30 gennaio 2014 nelle scuole d infanzia, primarie e secondarie di Milano, in

Dettagli

E. Monica Russo. Integratori alimentari e novel food

E. Monica Russo. Integratori alimentari e novel food E. Monica Russo Integratori alimentari e novel food enza.russo@lab-to.camcom.it Isernia, 2 aprile 2014 1 MINISTERO DELLA SALUTE www.salute.gov.it TEMI E PROFESSIONI ALIMENTI ALIMENTI PARTICOLARI integratori

Dettagli

LA CELIACHIA: UN'INTOLLERANZA AL GLUTINE DIFFUSA, POCO CONOSCIUTA, FACILE DA DIAGNOSTICARE. al tuo servizio I CONSIGLI DEL FARMACISTA.

LA CELIACHIA: UN'INTOLLERANZA AL GLUTINE DIFFUSA, POCO CONOSCIUTA, FACILE DA DIAGNOSTICARE. al tuo servizio I CONSIGLI DEL FARMACISTA. In collaborazione con Claudia Koll - Presidentessa Onoraria Associazione Italiana Celiachia Associazione Italiana Celiachia Piemonte - Valle d Aosta I CONSIGLI DEL FARMACISTA. LA CELIACHIA: UN'INTOLLERANZA

Dettagli

Celiachia: linee guida per la produzione gluten-free e attività AIC rivolte agli OSA

Celiachia: linee guida per la produzione gluten-free e attività AIC rivolte agli OSA Celiachia: linee guida per la produzione gluten-free e attività AIC rivolte agli OSA Dove si trovano i prodotti? Che cos è questa malattia? Cosa si mangia? OLTRE Oggi le persone affette da celiachia trovano

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Ministero della Salute Direzione generale igiene e sicurezza alimenti e nutrizione Ufficio IV ex DGSAN 1 ALIMENTO Come sono definiti sul piano

Dettagli

susanna neuhold responsabile area food - Firenze 30 marzo 2012

susanna neuhold responsabile area food - Firenze 30 marzo 2012 Come stare alla larga dal glutine: requisiti tecnici per le produzioni senza glutine Convention per l industria alimentare susanna neuhold responsabile area food - Firenze 30 marzo 2012 1 Produrre senza

Dettagli

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014 Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura Roma 18 dicembre 2014 Il Nuovo Regolamento Regolamento (UE) n. 1169/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla fornitura di informazioni

Dettagli

Ivana Losa delegata AIC in AOECS-- Firenze 30 marzo 2012

Ivana Losa delegata AIC in AOECS-- Firenze 30 marzo 2012 ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf European Licensing System: finalmente un Marchio Europeo Convention per l industria alimentare Ivana Losa delegata AIC in

Dettagli

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE 1.Premessa Nell ambito della ristorazione scolastica è prevista la possibilità di richiedere Diete speciali per motivi di salute per venire

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE Normativa nazionale MINISTERO DELLA SALUTE Decreto 9 agosto 2005, n.199 Regolamento recante recepimento della direttiva 2003/115/CE 1 che modifica la direttiva 94/35/CE sugli edulcoranti destinati ad essere

Dettagli

LE ALLERGIE ALIMENTARI

LE ALLERGIE ALIMENTARI UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 LE ALLERGIE ALIMENTARI Corso di Medicina Interna Docente: PROF. Gaetano Serviddio ALLERGIE-INTOLLERANZE L allergia alimentare è una reazione di ipersensibilità

Dettagli

le criticità rilevate: - illustrazione e commento, soluzioni

le criticità rilevate: - illustrazione e commento, soluzioni Etichettiamo: le nuove regole di presentazione degli alimenti Convegno di studio Reg. (UE) 1169/2011 le criticità rilevate: - illustrazione e commento, soluzioni Etichettiamo Luca Bucchini Fini dell etichettatura

Dettagli

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014 Bologna, 03 ottobre 2014 Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari Graziella Lasi Resp. Consumer Care, Leg.Alimentare, Nutr, Com. medico-scient. Gruppo GRANAROLO

Dettagli

Celiachia e dermatite erpetiforme: il contesto di riferimento

Celiachia e dermatite erpetiforme: il contesto di riferimento Celiachia e dermatite erpetiforme: il contesto di riferimento 1. Evoluzione della definizione clinica di celiachia La celiachia è un intolleranza permanente al glutine, un complesso proteico presente in

Dettagli

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 SOMMARIO ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 ALLERGENI ED OVOPRODOTTI...12 2/12 ALIMENTI In un quadro di salvaguardia dei diritti dei consumatori, il piano della Regione Piemonte per il Controllo Ufficiale

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA

DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA Linee guida per la vigilanza sulle imprese alimentari che preparano e/o somministrano alimenti preparati con

Dettagli

DGISAN. Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

DGISAN. Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli

Dettagli

NOVEL FOOD: QUADRO TECNICO NORMATIVO

NOVEL FOOD: QUADRO TECNICO NORMATIVO Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA SICUREZZA ALIMENTARE E GLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE Direzione Generale dell Igiene e Sicurezza, degli Alimenti

Dettagli

DIRETTIVA 94/35/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 30 giugno 1994 sugli edulcoranti destinati ad essere utilizzati nei prodotti alimentari

DIRETTIVA 94/35/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 30 giugno 1994 sugli edulcoranti destinati ad essere utilizzati nei prodotti alimentari Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 30 giugno 1994 sugli edulcoranti destinati

Dettagli

Cosa comporta per la produzione

Cosa comporta per la produzione Cosa comporta per la produzione Con il presente decreto, il Ministero della Salute italiano ha recepito in Italia la Direttiva 2010/69/UE, che ha emendato la normativa comunitaria previgente in materia

Dettagli

Regolamenti UE 609/2013 e 828/2014: impatto sulla norma italiana e possibili evoluzioni

Regolamenti UE 609/2013 e 828/2014: impatto sulla norma italiana e possibili evoluzioni ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Regolamenti UE 609/2013 e 828/2014: impatto sulla norma italiana e possibili evoluzioni INDICE 1. La normativa sul «senza

Dettagli

EXPO Milano 2015 11 ottobre 2015 CELIACHIA. La dieta «in pillole» Donatella Noè SSD Servizio Dietetico

EXPO Milano 2015 11 ottobre 2015 CELIACHIA. La dieta «in pillole» Donatella Noè SSD Servizio Dietetico EXPO Milano 2015 11 ottobre 2015 CELIACHIA La dieta «in pillole» Donatella Noè SSD Servizio Dietetico Esclusione TOTALE del glutine dall alimentazione in modo permanente e rigoroso EDUCAZIONE Evitare trasgressioni

Dettagli

Roma, 12 febbraio 2014 Patrizia Ippolito Direzione Generale per l igiene, la sicurezza alimentare e la nutrizione - Uff. I

Roma, 12 febbraio 2014 Patrizia Ippolito Direzione Generale per l igiene, la sicurezza alimentare e la nutrizione - Uff. I Nuovo S.INTE.S.I.S. - Strutture IL CONTESTO NORMATIVO ED ORGANIZZATIVO Roma, 12 febbraio 2014 Patrizia Ippolito Direzione Generale per l igiene, la sicurezza alimentare e la nutrizione - Uff. I SG Strutture

Dettagli

settore Socioculturale Ai GENITORI degli ALUNNI Scuole dell Infanzia Scuole Primarie Scuole Secondarie di 1 grado Asili Nido LORO SEDI

settore Socioculturale Ai GENITORI degli ALUNNI Scuole dell Infanzia Scuole Primarie Scuole Secondarie di 1 grado Asili Nido LORO SEDI www.comune.paderno-dugnano.mi.it settore Socioculturale segreteria.socioculturale@comune.paderno-dugnano.mi.it Responsabile procedimento: dott.sa Pina Di Rago Autore: Catania Silvia 10 giugno 2008 - p.1/3

Dettagli

LINEE GUIDA DELLA REGIONE VENETO PER LA PREVENZIONE NUTRIZIONALE NELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA SCOLASTICA. Dott. Saverio Chilese

LINEE GUIDA DELLA REGIONE VENETO PER LA PREVENZIONE NUTRIZIONALE NELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA SCOLASTICA. Dott. Saverio Chilese LINEE GUIDA DELLA REGIONE VENETO PER LA PREVENZIONE NUTRIZIONALE NELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA SCOLASTICA Dott. Saverio Chilese DECRETO MINISTERO DELLA SALUTE 16-10-98: LA NUTRIZIONE E DETERMINANTE PER

Dettagli

L etichetta del cacao e del cioccolato

L etichetta del cacao e del cioccolato L etichetta del cacao e del cioccolato La normativa vigente (All. I, d.lgs. n. 178/2003) definisce per i prodotti di cacao e di cioccolato le seguenti denominazioni di vendita: 1. Burro di cacao. Sostanza

Dettagli

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO Avv. Michele Mea Avv. Michele Mea NORMATIVA ATTUALE DI RIFERIMENTO 1. 1. Direttiva CE n. n. 18/2001 2. 2. Regolamento CE n. n. 1829/2003

Dettagli

Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per I Assistenza Sanitaria n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE

Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per I Assistenza Sanitaria n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per I Assistenza Sanitaria n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE Marca da bollo MODELLO RIC data: 02.01.2015 Rev: 01 Oggetto:Istanza di

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 32 - Venerdì 09 agosto 2013

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 32 - Venerdì 09 agosto 2013 Bollettino Ufficiale 109 D.G. Salute D.d.g. 31 luglio 2013 - n. 7310 Indicazioni alle ASL per il controllo ufficiale delle imprese alimentari che producono e/o somministrano e/o vendono alimenti non confezionati

Dettagli

FOCUS: Test Made in Italy: i laboratori TÜV Italia per vincere sui mercati globali. Etichettatura alimentare e laboratori. TÜV Italia Journal 29

FOCUS: Test Made in Italy: i laboratori TÜV Italia per vincere sui mercati globali. Etichettatura alimentare e laboratori. TÜV Italia Journal 29 Etichettatura alimentare e laboratori TÜV Italia Journal 29 Le etichette alimentari e i controlli analitici indicati. L esperienza dei laboratori ph per scoprire cosa si nasconde dietro l etichettatura

Dettagli

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova.

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del 19 giugno 2006. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. (pubbl. in Gazz. Uff. dell Unione

Dettagli

Le nuove linee guida dalla teoria alla pratica

Le nuove linee guida dalla teoria alla pratica Mille menùper una grande città Le nuove linee guida dalla teoria alla pratica Paola Boni SIAN AUSL di RE CHE COSA E LA CELIACHIA? La celiachia è una intolleranza permanente al glutine in soggetti geneticamente

Dettagli

NoProtein - Rm. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti.

NoProtein - Rm. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti. Pagina 1 di 5 CODICE PRODOTTO: 2009 CARATTERISTICHE: è un preparato per la produzione di prodotti da for in generale senza glutine. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 29.6.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 181/35 REGOLAMENTO (UE) N. 609/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 giugno 2013 relativo agli alimenti destinati ai lattanti e ai bambini

Dettagli

UNINDUSTRIA BOLOGNA Workshop - giovedì 3 aprile 2008

UNINDUSTRIA BOLOGNA Workshop - giovedì 3 aprile 2008 UNINDUSTRIA BOLOGNA Workshop - giovedì 3 aprile 2008 Copyright by Total Quality Food Consultants s.r.l. Ogni marchio, segno distintivo o testo contenuto nella presente pagina non è riproducibile né trasmissibile

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92 TITOLO DOCUMENTO Etichettatura degli alimenti: le nuove disposizioni del Reg. UE 1169/11 AREA TEMATICA Ambiente ed Energia SETTORE Qualità e Sicurezza alimentare ARGOMENTO SPECIFICO Sicurezza degli alimenti

Dettagli

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni Carni bovine Le carni bovine, a seconda della modalità con cui vengono vendute, possono essere sottoposte sia alle norme di carattere generale sull etichettatura dei prodotti alimentari sia a quelle specifiche

Dettagli

CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA QUINOA QUINOANDO "DE LOS ANDES A MILAN Y AL MUNDO. 30-31 Ottobre 2013 - Milano

CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA QUINOA QUINOANDO DE LOS ANDES A MILAN Y AL MUNDO. 30-31 Ottobre 2013 - Milano ..\..\Leggi+Articoli \Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA QUINOA QUINOANDO "DE LOS ANDES A MILAN Y AL MUNDO 30-31 Ottobre 2013 - Milano

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA 00000379-SERV.VETERINARIO E IGIENE DEGLI ALIMENTI PG/2013/0156251 del 27/06/2013 Giunta

REGIONE EMILIA-ROMAGNA 00000379-SERV.VETERINARIO E IGIENE DEGLI ALIMENTI PG/2013/0156251 del 27/06/2013 Giunta REGIONE EMILIA-ROMAGNA 00000379-SERV.VETERINARIO E IGIENE DEGLI ALIMENTI PG/2013/0156251 del 27/06/2013 Giunta L 162/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 14.6.2013 DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

Le novità del Regolamento (UE) n. 1169/2011: come etichettare correttamente gli alimenti

Le novità del Regolamento (UE) n. 1169/2011: come etichettare correttamente gli alimenti Seminario Assolatte Etichettatura dei prodotti lattiero-caseari: IL REGOLAMENTO CONSUMER INFORMATION: NOVITÀ E APPLICAZIONE Le novità del Regolamento (UE) n. 1169/2011: come etichettare correttamente gli

Dettagli

La legislazione sui Nutraceutici, Alimenti funzionali e gli integratori dott. Antonio Verginelli

La legislazione sui Nutraceutici, Alimenti funzionali e gli integratori dott. Antonio Verginelli La legislazione sui Nutraceutici, Alimenti funzionali e gli integratori dott. Antonio Verginelli Definizione di farmaco ogni sostanza o associazione di sostanze presentata come avente proprietà curative

Dettagli

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL)

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) 9 febbraio 2010 Ing. Fabio DATTILO Direttore Centrale della Direzione Centrale per

Dettagli

Normativa alimentare delle produzioni senza glutine: evoluzione nazionale e comunitaria, nuova etichettatura

Normativa alimentare delle produzioni senza glutine: evoluzione nazionale e comunitaria, nuova etichettatura Normativa alimentare delle produzioni senza glutine: evoluzione nazionale e comunitaria, nuova etichettatura Susanna Neuhold Responsabile nazionale Area Food AIC, Board member - Association of European

Dettagli

FARINE prive di GLUTINE MAIS, RISO, QUINOA, AMARANTO, TAPIOCA, SOIA, AMIDI

FARINE prive di GLUTINE MAIS, RISO, QUINOA, AMARANTO, TAPIOCA, SOIA, AMIDI FARINE prive di GLUTINE MAIS, RISO, QUINOA, AMARANTO, TAPIOCA, SOIA, AMIDI 500 500 12 FARINA DI MAIS BRAMATA Per polenta 540 500 12 FARINA DI MAIS PRECOTTA Per polenta istantanea 541 500 12 FARINA DI MAIS

Dettagli

La produzione artigianale e la somministrazione due regioni a confronto : Az. USL Bologna - Emilia Romagna

La produzione artigianale e la somministrazione due regioni a confronto : Az. USL Bologna - Emilia Romagna MASTERING THE COELIAC CONDITION Celiachia oltre la sicurezza alimentare: ristorazione fuori casa e qualità Firenze 31 marzo 2011 La produzione artigianale e la somministrazione due regioni a confronto

Dettagli

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS Avv. Neva Monari Studio Avv.Corte e Andreis Cremona, 1 dicembre 2006 1 DEFINIZIONE (Linee guida Min. Salute

Dettagli

Sistemi alimentari sostenibili e fasce deboli della popolazione

Sistemi alimentari sostenibili e fasce deboli della popolazione Sistemi alimentari sostenibili e fasce deboli della popolazione Verona, 16 Ottobre 2013 Caterina Pilo, DG Associazione Italiana Celiachia CELIACHIA DISUGUAGLIANZA SOSTENIBILITA 1 2 3 Breve presentazione

Dettagli

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti assolutamente identici possono essere l uno il risultato del metodo di produzione

Dettagli

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative PIANO FORMATIVO REGIONALE 2012 Evento N 7 La gestione delle allerte sanitarie in ambito di sicurezza alimentare Pisa 10 giugno 2013 Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida

Dettagli

Prodotti da forno particolare attenzione al pane e ad alcuni prodotti dolciari della tradizione DM del 20 dicembre 1994

Prodotti da forno particolare attenzione al pane e ad alcuni prodotti dolciari della tradizione DM del 20 dicembre 1994 Prodotti da forno Oltre alle norme di carattere generale sull etichettatura, esistono diverse norme nazionali che regolamentano il settore dei prodotti da forno; la legislazione italiana presta particolare

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI

INTEGRATORI ALIMENTARI MODENA 02-10-2011 CNA ERBE Giorgio Giorgini INTEGRATORI ALIMENTARI NORMATIVA E POSSIBILI SCENARI FUTURI sullo sfondo : Passiflora incarnata L. fiore 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DECRETO LEGISLATIVO n.169

Dettagli

Gli aspetti tecnici e le linee guida per la conformità delle etichette alimentari. Giovanna Rufo Milano, 18 novembre 2013

Gli aspetti tecnici e le linee guida per la conformità delle etichette alimentari. Giovanna Rufo Milano, 18 novembre 2013 Gli aspetti tecnici e le linee guida per la conformità delle etichette alimentari Giovanna Rufo Milano, 18 novembre 2013 CHI SIAMO AIDEPI, Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane,

Dettagli

MANUALE. per la cucina professionale. senza glutine

MANUALE. per la cucina professionale. senza glutine MANUALE per la cucina professionale senza glutine INDICE La filosofia Gluten Free del Gruppo Lo Conte COS È LA CELIACHIA? La celiachia è una condizione di intolleranza permanente al glutine che può manifestarsi

Dettagli

Informazione al consumatore suiprodotti alimentari, reg.ue n. 1169/11

Informazione al consumatore suiprodotti alimentari, reg.ue n. 1169/11 Informazione al consumatore suiprodotti alimentari, reg.ue n. 1169/11 Avv. Dario Dongo responsabile Politiche UE e Regolative, Federalimentare dongo@federalimentare.it - GSM (+39) 335 7313 726 Background

Dettagli

2. Requisiti della formazione rivolta agli OSA e agli alimentaristi

2. Requisiti della formazione rivolta agli OSA e agli alimentaristi FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI E DEGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE (OSA) AI SENSI DELLA D.G.R. LIGURIA 29/06/2012 N. 793 1. Introduzione Un efficace formazione e un adeguato addestramento del personale

Dettagli

Nota illustrativa dell articolo

Nota illustrativa dell articolo Art.2 1. Con regolamento adottato dal Ministro della salute ai sensi dell articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400 sono stabilite, nel rispetto della normativa dell Unione europea, disposizioni

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Intolleranze alimentari? È ora di agire!

Intolleranze alimentari? È ora di agire! Intolleranze alimentari? È ora di agire! In Svizzera, ben oltre 1 milione di persone soffre di un intolleranza alimentare. L intolleranza al lattosio (zucchero del latte) e al glutine (proteine dei cereali)

Dettagli

Cesena, 13 maggio 2014 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E INFORMAZIONE DEI CONSUMATORI. Maria Severina Liberati

Cesena, 13 maggio 2014 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E INFORMAZIONE DEI CONSUMATORI. Maria Severina Liberati Cesena, 13 maggio 2014 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E INFORMAZIONE DEI CONSUMATORI Maria Severina Liberati 1 La nuova ratio Etichettatura e informazione dei consumatori Direttiva 2000/13/CE relativa

Dettagli

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Il Regolamento (UE) 1169/2011 è entrato in vigore il 13 dicembre 2011 e verrà applicato in modo graduale, tramite tappe intermedie. Il testo unico raccoglie

Dettagli

I PERCORSI NORMATIVI dello Sportello Alimentare. Revisione 1. Scrivi per inserire testo. I Percorsi Normativi dello Sportello Alimentare.

I PERCORSI NORMATIVI dello Sportello Alimentare. Revisione 1. Scrivi per inserire testo. I Percorsi Normativi dello Sportello Alimentare. I PERCORSI NORMATIVI dello Sportello Alimentare ETICHETTATURA CONFINDUSTRIA CUNEO Sportello Alimentare Corso Dante 51 - Cuneo Rif.: d.ssa Elisabetta Nocera 31.12.2013 Revisione 1 TELEFONO 0171 455408 MOBILE

Dettagli

SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO. Sciroppo di glucosio 44 D.E.

SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO. Sciroppo di glucosio 44 D.E. SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO Sciroppo di glucosio 44 D.E. Rev. 2 - Pag 1 di 4 Sciroppo di Glucosio Sciroppo di Glucosio a 44 D.E. purificato e concentrato ad alto contenuto di maltosio, con diversi

Dettagli