Disturbi Specifici di Apprendimento e difficoltà a scuola:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Disturbi Specifici di Apprendimento e difficoltà a scuola:"

Transcript

1 Disturbi Specifici di Apprendimento e difficoltà a scuola: DISCALCULIA Paola Bellandi 27 FEBBRAIO 2015 I.C. DON RAFFELLI - PROVAGLIO D ISEO -BS

2 DISTURBI DI APPRENDIMENTO. DISTURBI SPECIFICI DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO

3 LA DISCALCULIA E un disturbo specifico di apprendimento legato ai processi logico-matematici che si manifesta in età scolare, in assenza di disturbi sensorali, cognitivi, neurologici, relazionali, Livello di calcolo Livello di procedure

4 LO STUDENTE DISCALCULICO Presenta problematiche rilevanti nelle seguenti aree disciplinari specifiche: Identificazione e riconoscimento dei numeri: spesso sono presenti difficoltà nella produzione Scrittura dei numeri : hanno quindi grandi difficoltà nella copiatura Associazione del numero alla corretta quantità corrispondente Procedure mentali e non. Tabelline? Effettuare numerazioni orali in senso ascendente e discentente

5 Studente discalculico.. Difficoltà nel calcolo scritto e a mente; nell identificare le grandezze; nel memorizzare le tabelline; nel calcolo in colonna; all indietro; nella lettura e scrittura dei numeri (lessicali e sintattici) 5-S-2-Z-N

6 Studente discalculico. Non automatizza i calcoli; non traduce i simboli con immediatezza e quindi non li ricorda se prima non li riempiono di significato. non decodifica le formule con altre formule.

7 Tipi di Memoria TIPI DI MEMORIA Memoria a lungo termine Memoria a breve termine Esplicita (a livello di coscienza) Memoria dichiarativa Implicita (a livello di automatismi) Memoria procedurale - semantica (conoscenze) - autobiografica - episodica - andare in bici - guidare - leggere - scrivere

8 MEMORIA A BREVE TERMINE Span in avanti misura memoria a breve termine «semplice» Span indietro misura memoria di lavoro Span in avanti normalmente corrisponde a 5 item ± 2

9 Alcune caratteristiche della Memoria a Breve Termine CARATTERISTICHE DELLA MEMORIA A BREVE TERMINE Aumenta lo span se è A D N U B R M V E U S A F B I B B C possibile costruire delle ASSOCIAZIONI Un testo dotato di senso permette uno span maggiore (perché si creano dei chunk) Esempio: ricordare nove cifre (più difficile) 4+2=6 1+5=6 0+6=6

10 Working Memory WORKING MEMORY Nel 1974 Baddeley propose un nuovo modello di memoria a breve termine. La memoria a breve termine veniva chiamata memoria di lavoro ed era strutturata in tre parti: esecutivo centrale, ciclo fonologico e Taccuino visuo-spaziale. A questi elementi Baddeley ha aggiunto nel 2000 il buffer episodico.

11 Memoria a Breve Termine di Lavoro CARATTERISTICHE DELLA MEMORIA DI LAVORO La prima parte è costituita dall'esecutivo centrale che è una struttura di controllo e supervisione su altre due strutture, il ciclo fonologico e il taccuino visuo-spaziale. Il ciclo fonologico è implicato nelle funzioni della memoria a breve termine di tipo uditivoverbale ed è costituito da un magazzino fonologico e da un circuito di ripasso articolatorio (ripetizione mentale di parole/frasi/numeri/etc.). Uno stimolo verbale acquisito per via uditiva passa prima nel magazzino fonologico dove rimane per pochi secondi. Se successivamente passa nel circuito di ripasso articolatorio, viene ritenuto per un tempo maggiore. Il taccuino visuo-spaziale è implicato nella rappresentazione dello spazio sia per elaborare e mantenere informazioni visuo-spaziali sia per generare immagini mentali. Questo sistema è implicato nelle informazioni relative alle caratteristiche degli oggetti (come forma, colore, dimensione ) e a quelle relative a posizioni/movimenti nello spazio. Buffer episodico: è l'ultimo sotto-componente aggiunto da Baddeley nel Viene chiamato "episodico" in quanto ha la capacità di mantenere le informazioni che sono integrate sia dalla working memory che dalla memoria a lungo termine, in rappresentazioni unitarie multidimensionali: ovvero, scene ed episodi.

12 Memoria di Lavoro (M. C. Passolunghi) WORKING MEMORY (M. C. Passolunghi) Circuito fonologico: adibito all elaborazione e al mantenimento delle informazioni, verbale e acustica, è costituito da un magazzino fonologico e da un meccanismo di ripetizione subvocale che permette la reiterazione e, quindi, il mantenimento del materiale da ricordare, nonché la conversione di stimoli visivi nei loro corrispondenti verbali. Taccuino visuo-spaziale: designato all elaborazione e alla conversione dell informazione visuo-spaziale, consente il mantenimento temporaneo delle caratteristiche visive delle informazioni in arrivo. Esecutivo centrale: assolve il compito di supervisione, coordinazione e integrazione delle informazioni che provengono dai due sottosistemi, con la funzione di interagire regolando e controllando la loro attività. È giudicato uno spazio di lavoro flessibile e limitato, dunque «finito», ma sempre attivo. Parte di questa capacità è utilizzata per processare le informazioni di input, mentre la rimanente è adibita a magazzino per i prodotti risultanti dal processamento.

13 WORKING MEMORY e DISCALCULIA: Implicazioni Il deficit nella Working memory da alcuni autori è considerato un marker della discalculia assieme ai problemi visuo-spaziali e a deficit nell intelligenza numerica (comparazione e stima di grandezze, subitizing) Altri autori riconoscono sicuramente la sua importanza e la sua incidenza nei problemi di discalculia ma lo considerano un deficit aspecifico, nel senso che è comune anche ad altri disturbi dell apprendimento (per esempio si ritrova anche nella dislessia)

14 Working Memory e discalculia WORKING MEMORY e DISCALCULIA: implicazioni La Working memory è implicata nei seguenti aspetti: - Uso di strategie nel calcolo a mente - Calcolo scritto e uso del resto/riporto; N = 32+ (20+5) - Risoluzione di problemi e mantenimento in memoria dei dati salienti; - Selezione degli algoritmi e applicazione delle loro proprietà (commutativa- operazione inversa) Updating: un importante funzione della WM è la capacită di fare un updating (aggiornamento) dei dati che si sta elaborando nella risoluzione dei problemi, come in ogni attività di comprensione, alcuni dati vengono selezionati come salienti ma poi, in un secondo tempo, devono essere scartati, perché considerati non più pertinenti.

15 Working Memory e discalculia WORKING MEMORY e DISCALCULIA: implicazioni Sostituzione continua delle informazioni già presenti in memoria con nuove informazioni in ingresso. NON SI TRATTA DI SEMPLICE SOSTITUZIONE DI INFORMAZIONI VECCHIE CON LE NUOVE, perché l aggiornamento coinvolge i processi di attivazione e inibizione Non è solo mantenimento-sostituzione ma implica la funzione di MANTENIMENTO-SELEZIONE La comprensione è correlata non solo dall abilità di richiamare informazioni selezionate in precedenza, ma anche la capacità di sopprimere informazioni potenzialmente rilevanti controllando quelle non più pertinenti

16 Cosa contraddistingue i COSA CONTRADDISTINGUE i solutori non abili» in compiti matematici?? Ritengono un maggior numero di informazioni irrilevanti Tale deficit è stato testato con le prove «dual task» di Daneman e Carpenter (1980) -elaborare semanticamente una frase (decidere se è V/F) -ricordare ultima parola della frase Il deficit nella memoria di lavoro è un dato che è stato individuato da diverse ricerche e replicato in numerosi studi. A differenza dei «solutori non abili» gli studenti con maggior successo in matematica dimostrano migliori capacità nel ricordare il testo (soluzione di problemi)

17 Importanza delle intrusioni IMPORTANZA DELLE INTRUSIONI Il test MT (test degli animali) non misura solamente lo span di memoria, ma va anche ad analizzare il numero di intrusioni, cioè di parole ricordate in modo errato e che fanno parte della lista. Le intrusioni sono un indice importante perché segnalano l incapacită del soggetto di inibire un informazione elaborata in precedenza; se poi l intrusione data da una parola di animale, il dato è ancora più significativo in quanto l elaborazione cognitiva su tale parola è stata più marcata, poiché il soggetto doveva focalizzare l attenzione su di essa e contemporaneamente battere la mano. Secondo questi studi, un ridotto span di memoria e un elevato numero d intrusioni caratterizzano elettivamente i cattivi lettoriper estensione questo deficit caratterizza anche i cattivi risolutori di problemi che «mancano» in una delle prime attività da mettere in atto di fronte ad un problema: comprensione del testo e selezione dei dati pertinenti.

18 Ricerche in ambito matematico RICERCHE IN AMBITO MATEMATICO Sono state condotte diverse ricerche, più volte replicate, che hanno messo in risalto deficit elettivi nella memoria di lavoro con cadute specifiche nella incapacità di inibire informazioni irrilevanti. Queste ricerche hanno selezionato gruppi di soggetti di pari età, identica abilità di comprensione del testo (prova MT), profili di QI sovrapponibili. I gruppi sono poi stati divisi in due sottogruppi : «disabilità specifica in matematica» e gruppo di controllo. Le prestazioni in compiti di memoria di lavoro e «dual task» individuavano elettivamente i soggetti con disabilità specifica in matematica. C. Passolunghi

19 Esempi di memoria di lavoro ESEMPI DI MEMORIA DI LAVORO Calcola a mente: x : 2 (si utilizza il loop fonologico) Trova la strada: Esci dal portone d ingresso, gira a sinistra procedi fino al semaforo, gira a destra (taccuino visuo-spaziale) troverai un bar ti ricordi quello dove l anno scorso c è stata una rapina (buffer episodico)

20 LD Libertà da distraibilità- memoria di lavoro Una prestazione carente nell area della memoria di lavoro può tradursi in difficoltà di comprensione di quello che si legge, impossibilità a ricordare i dati dei problemi se non sono scritti e a eseguire tutte le operazioni a mente, a disortografia e a una povertà espressiva nelle interrogazioni per la fatica a ripetere le informazioni studiate VE Velocità di elaborazione La lentezza di elaborazione delle informazioni impatta negativamente sulle abilità di ragionamento, riduce le abilità di simbolizzazione e astrazione e quindi blocca la possibilità di avere una lettura fluida e di riuscire a pensare concetti da scrivere, impedisce lo sviluppo di automatismi matematici e blocca l'apprendimento delle operazioni matematiche di base.

21 NEI QUADERNI DI MATEMATICA

22 IL PRESTITO DIVENTA RIPORTO (Matteo, 10 anni) Da ventiseimilanove a CONFUSIONE TRA PROCEDURE DI SOTTRAZIONE E ADDIZIONE (Giuseppe, 11 anni) NEI QUADERNI DI MATEMATICA ASSENZA DI MONITORAGGIO: il risultato della sottrazione è superiore al valore di partenza (Marco, 11 anni) ERRORE DI TRANSCODIFICA (Fabio, 11 anni) ERRATA APPLICAZIONE DELLA STRATEGIA (Giuseppe, 11 anni) Io in mente li metto in colonna: : 9 che non si può fare, poi si prende l 1 dall altro numero che diventa 12, poi prendo un numero dall altro numero e faccio la sottrazione, cioè, vedi, è un po complicato (Chiara, I anno Istituto Psicopedagogico)

23 CALCOLARE in termini di apprendimento e di processi cognitivi coinvolti LEGGERE I NUMERI COMPRENDERE LA NUMEROSITÁ (qual è il numero più grande tra 2) RECUPERARE LE TABELLINE E ALTRI FATTI NUMERICI APPLICARE LE PROCEDURE DI CALCOLO (addizione, sottrazione ) Un addizione con numeri interi una divisione con numeri decimali Calcolo a mente calcolo scritto calcolo con sussidi (calcolatrice)

24 Apprendere la matematica sviluppare la CONOSCENZA CONCETTUALE COMPRENSIONE dei principi che governano un determinato dominio e delle correlazioni tra aree di conoscenza e il dominio stesso INTELLIGENZA NUMERICA

25 CONOSCENZA o INTELLIGENZA NUMERICA INTELLIGERE (capire, pensare) IL MONDO IN TERMINI NUMERICI Abilità innata e condivisa da uomo e animali Competenze elementari legate alla RAPPRESENTAZIONE NUMERICA PROCESSI PREVERBALI PROCESSI DI CONTEGGIO

26 NUMEROSITÁ (CARDINALITÁ) Il numero di elementi che costituisce un insieme dalla nascita DISCRIMINARE IL NUMERO DI OGGETTI DI INSIEMI PRESENTATI VISIVAMENTE Il neonato non sa determinare il numero di elementi di un insieme MA percepisce come differenti insiemi con numerosità distinte distingue i cambiamenti di numerosità provocati dall aggiunta/sottrazione di oggetti (possiede aspettative aritmetiche) COME? SUBITIZING Processo specializzato di percezione visiva che consente di determinare la numerosità di un insieme visivo di oggetti (fino ad un massimo di circa 4) in modo immediato, senza contare

27 MODULO NUMERICO (Butterworth, 1999) CIRCUITI CEREBRALI SPECIALIZZATI PER CATEGORIZZARE IL MONDO IN TERMINI DI NUMEROSITÁ (piccoli insiemi di oggetti, fino a 4-5 elementi) abilità matematiche di base ( LA NUMEROSITÁ) geneticamente codificate e presenti fin dalla nascita: non è necessario apprenderle DIFFERENZE INDIVIDUALI Capacità più avanzate riconducibili all istruzione: STRUMENTI CONCETTUALI FORNITI DALLA CULTURA DI APPARTENENZA COMPETENZE LINGUISTICO- SIMBOLICHE - 1, 2, 3 - uno, due, tre

28 PROCESSI DI CONTEGGIO Quanti sono? dai 2 ai 6-8 anni Apprendimento basato sul NUMEROSITÁ concetto di I PRINCIPI DEL COME CONTARE Gelman e Gallistel, 1978 CONOSCENZE INNATE basate sulla COMPETENZA NUMERICA VERBALE ORDINE STABILE: produrre le parole-numero ordinate in una sequenza fissa e inalterabile FINO A 100 A 6-8 ANNI CORRISPONDENZA BIUNIVOCA: a ogni elemento dell insieme contato deve corrispondere una sola parola-numero e viceversa 5 ANNI CARDINALITÁ: l ultima parola numero usata nel conteggio rappresenta la numerosità dell insieme 4 ANNI

29 ABILITÁ DI CONTEGGIO Primo collegamento tra la competenza numerica innata e quella acquisita dall interazione con l ambiente LETTURA e SCRITTURA DEI NUMERI LETTURA evolve, prima della scrittura, gradualmente, da acquisizione del nome dei numeri a riconoscimento dei simboli arabici: 3-4 a.: identificazione errata (non attribuisce il nome corretto e può confondere il segno grafico con lettere o altri numeri) 4-5 a.: lettura dei numeri più semplici e frequenti 5-6 a.: lettura corretta entro 10 SCRITTURA evolve gradualmente: 3-4 a.: notazione con grado - informativo nullo per osservatore esterno, ma con significato personale per bambino (FORMATO PITTORICO-FIGURATIVO) 4-5 a.: notazione basata sulla - corrispondenza biunivoca (SEGNI PIÚ O MENO ASTRATTI) 5-6 a.: notazione convenzionale - (FORMATO NUMERALE)

30 Le tipologie di notazione numerica dai 3 ai 5 anni: ALCUNI ESEMPI

31 Apprendere la matematica sviluppare la CONOSCENZA PROCEDURALE La sequenza di azioni per risolvere ciascun problema: ALGORITMI, ABILITÁ, STRATEGIE PROCEDURE DI CALCOLO

32 CAPACITÁ DI CALCOLO INSIEME DEI PROCESSI CHE CONSENTONO DI OPERARE SUI NUMERI TRAMITE OPERAZIONI ARITMETICHE Anche 1+3 fenomeno cognitivo complesso che richiede l attivazione di diversi processi mentali 1 I SEGNI DELLE OPERAZIONI Per stabilire la natura dell operazione Per accedere ai FATTI NUMERICI qualora l operazione lo consenta RISULTATI DI PROBLEMI ELEMENTARI (tabelline, addizioni semplici) ARCHIVIATI IN MLT

33 Nell esecuzione di un compito aritmetico possono agire 2 TIPI DI STRATEGIE: FATTI NUMERICI CALCOLO RISULTATO VS RISULTATO RECUPERATO DALLA MEMORIA UTILIZZO DI PROCEDURE E STRATEGIE *TIPO DI OPERAZIONE *ETÁ *FAMILIARITÁ DELL ESERCIZIO da LENTE PROCEDURE DI CONTEGGIO all UTILIZZO DI UNA SERIE DI REGOLE APPLICATE IN MODO SEMPRE PI AUTOMATICO

34 LA CONOSCENZA PROCEDURALE NEL CALCOLO A MENTE: opera scomposizioni sui numeri per ottenere operazioni intermedie più semplici UTILIZZA ed ESERCITA STRATEGIE COSTRUTTIVE *n + 1 *raggruppamenti *scomposizioni *arrotondamenti a 10 *recupero fatti numerici CALCOLO SCRITTO: determina la forma grafica della specifica operazionel incolonnamento dei numerila direzione spazio-temporale delle azioni (l ordine di - recupero delle operazioni parziali dalla memoria) il modo di utilizzare le operazioni parziali tramite le regole - vere e proprie UTILIZZA ed ESERCITA APPLICAZIONE DI PROCEDURE PIÚ O MENO AUTOMATIZZATE

35 *CONOSCENZA NUMERICA *ABILITÁ DI CALCOLO I meccanismi di calcolo e manipolazione del sistema numerico possono avere origine solo quando I MECCANISMI PREVERBALI DI RICONOSCIMENTO DELLA QUANTITÁ si sono sviluppati si sono integrati con gli apprendimenti relativi ai sistemi di CONTEGGIO, LETTURA e SCRITTURA MA Come si integrano tali competenze?

36 MECCANISMI DI COMPRENSIONE DEI NUMERI MECCANISMI DI CALCOLO IL MODELLO MODULARE McCloskey et al., 1985 MECCANISMI DI PRODUZIONE DEI NUMERI

37 Il SISTEMA DI COMPRENSIONE trasforma la struttura superficiale dei numeri (diversa a seconda del codice, verbale o arabo) in una rappresentazione astratta di quantità Il SISTEMA DI CALCOLO assume questa rappresentazione come INPUT e la manipola attraverso il funzionamento di 3 componenti: i segni delle operazionii fatti aritmetici o operazioni di basele procedure di calcolo- Il SISTEMA DI PRODUZIONE fornisce le risposte numeriche, l OUTPUT del sistema del calcolo MODELLO SEMANTICO VIA SEMANTICA = unico accesso alla produzione numerica L elaborazione di un numero comporta sempre una RAPPRESENTAZIONE CONCETTUALE comprensione della QUANTITÁ 3 =

38 I 3 SISTEMI adoperano i codici UDITIVO (fonologico) e VISIVO (arabico e grafemico) funzionano in base a MECCANISMI SEMANTICI Regolano la comprensione della quantità 3 = MECCANISMI LESSICALI Regolano il nome del numero 1 11 MECCANISMI SINTATTICI Grammatica interna = valore posizionale delle cifre da U LA POSIZIONE cambia NOME e SEMANTE

39 LE COMPONENTI DELL ABILITÁ DI CALCOLO ARITMETICO

40 LA DISCALCULIA EVOLUTIVA Sintomi delle difficoltà nell elaborazione del numero (ICD-10 e DSM-IV) incapacità di comprendere i concetti di base di particolari operazioni mancanza di comprensione dei termini o dei segni matematici mancato riconoscimento dei simboli numerici difficoltà ad attuare le manipolazioni aritmetiche standard difficoltà nel comprendere quali numeri sono pertinenti al problema aritmetico che si sta considerando difficoltà ad allineare correttamente i numeri o a inserire decimali o simboli durante i calcoli scorretta organizzazione spaziale dei calcoli incapacità ad apprendere in modo soddisfacente le tabelline della moltiplicazione

41 Raccomandazioni per la pratica clinica sui DSA Consensus Conference (2007) 1 Individua 2 PROFILI DISTINTI DI DISCALCULIA Debolezza nella strutturazione cognitiva delle componenti di COGNIZIONE NUMERICA = intelligenza numerica basale subitizingmeccanismi di quantificazione- comparazione- seriazione- strategie di calcolo a mente- CECITÁ PER I NUMERI Incapacità di comprendere e manipolare le numerosità Butterworth, Difficoltà nell acquisizione delle PROCEDURE ESECUTIVE (lettura, scrittura e messa in colonna dei numeri) e degli ALGORITMI DEL CALCOLO (recupero dei fatti numerici e algoritmi del calcolo scritto).

42 MA Perché questa distinzione In Italia segnalati con difficoltà di calcolo 5 bambini per classe (~ 25 alunni) 20% della popolazione scolastica????? DATI IARLD (International Academy for Research in Learning Disabilities) DIFFICOLTÁ NELLA COGNIZIONE NUMERICA IN COMORBILITÁ CON ALTRI DISTURBI: 2,5% della popolazione scolastica DISTURBO DEL CALCOLO (DISCALCULIA): - 0,5-1% della popolazione scolastica - - ~ 90% delle segnalazioni sono FALSI POSITIVI = casi di generale difficoltà di apprendimento non di disturbo specifico del calcolo

43 DISTURBO o DIFFICOLTÁ? RESISTENZA AL CAMBIAMENTO DISCALCULIA DISTURBO DI CALCOLO - base neurologica comorbilità: dislessia, disortografia e disgrafia; difficoltà nella soluzione di problemi specificità: abilità generali e apprendimento in altri - ambiti adeguati ESITO INTERVENTO DIFFICOLTÁ DI CALCOLO: profilo simile al disturbo BUONI RISULTATI IN POCO TEMPO

44 FORME DI DISAGIO GENERALIZZATO che si incontrano spesso PROFILI DI APPRENDIMENTO DEL CALCOLO SIMILI A QUELLI DEI SOGGETTI DISCALCULICI, IN ASSENZA DI TALE DEFICIT COGNITIVO Studenti che non dovrebbero affatto incontrare difficoltà di apprendimento così consistenti ATTEGGIAMENTO EMOTIVO-MOTIVAZIONALE: ansia, resistenza al ragionamento matematico, timore di sbagliare I DIVERSI ASPETTI DELL APPRENDIMENTO MATEMATICO S INTERSECANO: - la rappresentazione della quantità è sottesa a tutte le aree della matematica - soluzione di problemi e geometria richiedono operazioni di calcolo - il calcolo richiede la comprensione dell operazione

45 DAL MODELLO DI McCLOSKEY ANALISI DEGLI ERRORI *SISTEMA DEI NUMERI *SISTEMA DI CALCOLO ERRORI NEL SISTEMA DEI NUMERI in COMPRENSIONE e PRODUZIONE MECCANISMI LESSICALI MECCANISMI SINTATTICI

46 In base al nome ERRORI LESSICALI (nel dire il NOME del numero) NUMERI PRIMITIVI- INCAPACITÁ DI TROVARE L ETICHETTA VERBALE ADEGUATA PUR INDIVIDUANDO CORRETTAMENTE LA CLASSE DIRE cinque PER sette LEGGERE 316 PER 319 ELEMENTI MISCELLANEI - (-cento; -mila; -milioni ): - si aggiungono ai primitivi a seconda della loro posizione all interno di un numero

47 ERRORI SINTATTICI INCAPACITÁ DI STABILIRE I RAPPORTI TRA LE CIFRE IN UNA STRUTTURA SINTATTICA CORRETTA, pur rimanendo integra la capacità di codificare le singole cifre ERRORI DI TRANSCODIFICA dal codice arabico a quello verbale e viceversa: 13 PER 31; 154 PER 145 Errori di conteggio dovuti al mancato controllo della struttura sintattica: 1, 2, 3, 4, 15, 15, 17 ; 13, 14, 40, 41, 42 Mancato riconoscimento del valore dello 0 nella transcodifica da codice verbale ad arabico: DETTATO centoquarantasette SCRIVE 1047 DETTATO ventiseimilanove SCRIVE 2609 Gli elementi miscellanei vengono uniti ai primitivi come potenze di 10 oppure con relazioni additive: RELAZIONI MOLTIPLICATIVE RESE ADDITIVE: trecento : 103; tremilasettanta :1073 RELAZIONI ADDITIVE RESE MOLTIPLICATIVE: centocinque : Provaglio 500; centotrentadue :

48 ERRORI NEL SISTEMA DI CALCOLO ERRORI NEL RECUPERO DI FATTI ARITMETICI ERRORI NEL MANTENIMENTO E NEL RECUPERO DI PROCEDURE E STRATEGIE ERRORI NELL APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE ERRORI DOVUTI ALLE DIFFICOLTÁ VISUOSPAZIALI

49 ERRORI NEL RECUPERO DI FATTI ARITMETICI ERRORI NEL SISTEMA DI CALCOLO SISTEMA DEI NUMERI rappresentato in MLT come rete di informazioni Aschcraft, 1982 Il compito attiva i nodi genitori interessati fino ad attivare il nodo di intersezione tra i due (il risultato di operazioni elementari) MA possono essere attivati anche I NODI CONTIGUI = risposte molto! vicine a quella cercata ma scorrette FAR RIPETERE ESERCIZI ASSOCIAZIONE TRA OPERAZIONE PROPOSTA E RISULTATO IN CUI SI SONO Ogni VERIFICATI risposta numerica ERRORI prodotta automatizzo (corretta l esercizio o sbagliata) registrata ma anche in memoria l errore Aumenta la probabilità di comparsa

50 Nelle TABELLINE ERRORI NEL RECUPERO DI FATTI ARITMETICI ERRORI NEL SISTEMA DI CALCOLO ERRORI DI CONFINE, inappropriata attivazione di tabelline confinanti: 6 x 3 = 21 ERRORI DI SLITTAMENTO, in cui una cifra è corretta e l altra sbagliata: 4 x 3 = 11 Effetto CONFUSIONE tra il recupero di fatti aritmetici di addizione e moltiplicazione: = 9 Effetto INFERENZA: la semplice presentazione di 2 cifre produce un attivazione automatica della somma: 2 e 4 6 Effetto INTERFERENZA, dovuti al lavoro parallelo dei due meccanismi di attivazione indispensabili per il recupero diretto: da parte dei due operatori e dell operazione nel suo complesso 27 x 15 = 55

51 ERRORI NEL SISTEMA DI CALCOLO ERRORI NEL MANTENIMENTO E NEL RECUPERO DI PROCEDURE E STRATEGIE Non utilizzo delle procedure di conteggio facilitanti: partire a contare da 5 per aggiungere 3 Confusione tra semplici regole di accesso rapido n x 0 = 0 e n + 0 = n REGOLE DI ACCESSO RAPIDO AL RISULTATO Incapacità di tenere a mente i risultati parziali DETERMINANO SOVRACCARICO DEL SISTEMA DI MEMORIA: dispendio di energia e accumulo di informazioni in memoria decadimento mnestico

52 ERRORI NEL SISTEMA DI CALCOLO ERRORI NELL APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE Difficoltà nella scelta delle prime cose da fare per affrontare una delle quattro operazioni:incolonnamento o meno, posizione dei numeri Difficoltà nella condotta da seguire per la specifica operazione e nel suo mantenimento fino alla risoluzione 75 6 = 71 dimenticata regola direzione Difficoltà nell applicazione delle regole di prestito e riporto: 75 unità: 5 8 = 0 58 = 20 decine: 7 5 = 2 Difficoltà nel passaggio ad una nuova operazione: perseverazione nel ragionamento precedente Difficoltà nella progettazione e verifica: immediato svolgimento dell operazione senza soffermarsi ad individuare difficoltà e strategie da utilizzare

53 ERRORI VISUOSPAZIALI ERRORI NEL SISTEMA DI CALCOLO Difficoltà nel riconoscimento dei segni di operazione Difficoltà nell incolonnamento dei numeri Difficoltà nel seguire la direzione procedurale

54 SPUNTI DI LAVORO Il quaderno delle regole SCOMPOSIZIONE DEL COMPITO NELLE PROCEDURE Co-costruzione di schemi fruibili dal ragazzo USO DEGLI STRUMENTI COMPENSATIVI Tabella pitagorica Calcolatrice Formulario E DISPENSATIVI Tempi di lavoro più lunghi Riduzione del carico di lavoro

55 Programma PRIMO INCONTRO -5 DICEMBRE ,40/18,40 DSA E DIFFICOLTA A SCUOLA: COME FAVORIRE L AUTONOMIA TRA DISPENSARE E COPMPENSARE SECONDO INCONTRO -23 GENNAIO I DSA E LE STRATEGIE DIDATTICHE: LE MAPPE PROPOSTE STRUMENTI OPERATIVI (SW. GRATUITI) TERZO INCONTRO: -27 FEBBRAIO LA DISCALCULIA E LE LINGUE STRANIERE: STRATEGIE QUARTO INCONTRO: -25 MARZO La personalizzazione a scuola LABORATORIO PER ORDINE DI SCUOLA- QUINTO INCONTRO: -6 MAGGIO LA VALUTAZIONE NEI BES: fra normativa e progetto EVENTUALE INCONTRO FINALE CON LE FAMIGLIE

56 GRAZIE PER L ATTENZIONE!

LA DISCALCULIA EVOLUTIVA Sintomi delle difficoltà nell elaborazione del numero (ICD-10 e DSM-IV)

LA DISCALCULIA EVOLUTIVA Sintomi delle difficoltà nell elaborazione del numero (ICD-10 e DSM-IV) LA DISCALCULIA EVOLUTIVA Sintomi delle difficoltà nell elaborazione del numero (ICD-10 e DSM-IV) incapacità di comprendere i concetti di base di particolari operazioni mancanza di comprensione dei termini

Dettagli

ABILITA DI CALCOLO. Maria Carmela Valente Laura Landi Mortara 21 giugno 2012

ABILITA DI CALCOLO. Maria Carmela Valente Laura Landi Mortara 21 giugno 2012 ABILITA DI CALCOLO Maria Carmela Valente Laura Landi Mortara 21 giugno 2012 I contributi di ricerca nell ambito della lettura e della scrittura dei numeri portano a concludere che: I meccanismi di riconoscimento

Dettagli

Disturbi Specifici dell Apprendimento. Iniziative di formazione per docenti referenti

Disturbi Specifici dell Apprendimento. Iniziative di formazione per docenti referenti Ministero della Pubblica Istruzione USR Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia AID Associazione Italiana Dislessia Disturbi Specifici dell Apprendimento. Iniziative di formazione per docenti referenti

Dettagli

Lo sviluppo della cognizione numerica e i problemi di apprendimento in ambito matematico

Lo sviluppo della cognizione numerica e i problemi di apprendimento in ambito matematico Arezzo - 20 febbraio 2014 Le difficoltà ed i disturbi di apprendimento della matematica: ipotesi di intervento per il primo ciclo scolastico Lo sviluppo della cognizione numerica e i problemi di apprendimento

Dettagli

UNA DIDATTICA PER I DSA, UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI: SUGGERIMENTI PER L AMBITO MATEMATICO/SCIENTIFICO

UNA DIDATTICA PER I DSA, UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI: SUGGERIMENTI PER L AMBITO MATEMATICO/SCIENTIFICO www.aiditalia.org UNA DIDATTICA PER I DSA, UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI: SUGGERIMENTI PER L AMBITO MATEMATICO/SCIENTIFICO RELATORE: Chiara Barausse insegnante, psicopedagogista, formatore AID L APPRENDIMENTO

Dettagli

DIFFICOLTA DI CALCOLO E DISCALCULIA EVOLUTIVA. Osservatorio Locale Bagheria

DIFFICOLTA DI CALCOLO E DISCALCULIA EVOLUTIVA. Osservatorio Locale Bagheria DIFFICOLTA DI CALCOLO E DISCALCULIA EVOLUTIVA Osservatorio Locale Bagheria Molti studenti incontrano difficoltà nell apprendimento della matematica. Due spiegazioni: 1. Difficoltà di calcolo 2. Disturbo

Dettagli

Abilità di calcolo e discalculia. Senago 14 ottobre 2009

Abilità di calcolo e discalculia. Senago 14 ottobre 2009 Abilità di calcolo e discalculia Senago 14 ottobre 2009 L apprendimento: il sistema dei numeri e il sistema del calcolo Abilità aritmetiche di base: meccanismi di apprendimento Sistema dei numeri Sistema

Dettagli

Apprendimenti relativi ai numeri nei bambini prescolari (apprendimento informale)

Apprendimenti relativi ai numeri nei bambini prescolari (apprendimento informale) Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo Neuropsicologia Cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento Formatore AID LA DISCALCULIA EVOLUTIVA E un disturbo delle abilità numeriche e aritmetiche che si manifesta

Dettagli

AC-MT 11-14 Test di Valutazione delle Abilità di Calcolo e Problem Solving dagli 11 ai 14 anni

AC-MT 11-14 Test di Valutazione delle Abilità di Calcolo e Problem Solving dagli 11 ai 14 anni AC-MT 11-14 Test di Valutazione delle Abilità di Calcolo e Problem Solving dagli 11 ai 14 anni Cornoldi & Cazzola, 2003 AC-MT Prova di primo livello: Finalizzata ad un primo screening capace di individuare

Dettagli

LA DIDATTICA DELLA MATEMATICA PER STUDENTI CON BES SPUNTI TEORICI E ESEMPI OPERATIVI

LA DIDATTICA DELLA MATEMATICA PER STUDENTI CON BES SPUNTI TEORICI E ESEMPI OPERATIVI LA DIDATTICA DELLA MATEMATICA PER STUDENTI CON BES SPUNTI TEORICI E ESEMPI OPERATIVI LA DISCALCULIA EVOLUTIVA Secondo quanto indicato nell ICD-10 ed in accordo con quanto descritto nel DSM-IV, i sintomi

Dettagli

dalla teoria alla pratica Cosa fare Come decidere Come intervenire

dalla teoria alla pratica Cosa fare Come decidere Come intervenire dalla teoria alla pratica Cosa fare Come decidere Come intervenire Le certezze 1. Cos è la discalculia 2. Come si costruiscono le conoscenze sui numeri: - competenze innate - principi di conteggio in età

Dettagli

Abilità numeriche e di calcolo: la discalculia nella scuola primaria

Abilità numeriche e di calcolo: la discalculia nella scuola primaria Abilità numeriche e di calcolo: la discalculia nella scuola primaria Sassuolo (MO) 29 ottobre 2009 Abilità numeriche e abilità di calcolo Sistema dei numeri compiti sottesi alla capacità di capire le quantità

Dettagli

Il calcolo a mente. Abbiamo bisogno di ordinare i nostri oggetti mentali con un ordine prestabilito e stabile se vogliamo conservarli in mente.

Il calcolo a mente. Abbiamo bisogno di ordinare i nostri oggetti mentali con un ordine prestabilito e stabile se vogliamo conservarli in mente. Il calcolo a mente Se per la matematica è indifferente come sei mele siano disposte sul tavolo per continuare a essere sei, per la nostra mente è diverso. Abbiamo bisogno di ordinare i nostri oggetti mentali

Dettagli

Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari

Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari Direzione Didattica Gioacchino Gesmundo A.A. 2009-2010 Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari Secondo incontro- 8/2/2010 Programma: Primo incontro:

Dettagli

Abilità di calcolo e discalculia

Abilità di calcolo e discalculia AID Sezione di Pordenone Abilità di calcolo e discalculia Pordenone 12.09.2011 Lorenzo Caligaris Insegnante - Pedagogista Abilità di calcolo e discalculia Premessa: ricaduta scolastica dei DSA La discalculia

Dettagli

LA MATEMATICA Devi esserci proprio portata! i capito nulla! Io non ci ho mai

LA MATEMATICA Devi esserci proprio portata! i capito nulla! Io non ci ho mai LA MATEMATICA portata! Devi esserci proprio portata Io Io non non ci ci ho ho mai mai capito capito nulla nulla! La situazione in Italia Scuola elementare: 5 bambini per classe con difficoltà di calcolo

Dettagli

ESISTE LA DISCALCULIA? 0011 0010 1010 1101 0001 0100 1011

ESISTE LA DISCALCULIA? 0011 0010 1010 1101 0001 0100 1011 Proposte didattiche scuola del infanzia e primaria 00 000 00 0 000 000 0 Ambito matematico Tiziana Turco - Psicologa - Insegnante Formatrice AID ESISTE LA DISCALCULIA? 00 000 00 0 000 000 0 3000 docenti

Dettagli

integrato e formazione in presenza per ridurre i disagi provocati dalla dislessia L Aquila 26 febbraio 2007

integrato e formazione in presenza per ridurre i disagi provocati dalla dislessia L Aquila 26 febbraio 2007 Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo Associazione Italiana Dislessia Progetto di E-learning integrato e formazione in presenza per ridurre i disagi provocati dalla dislessia Seconda giornata L Aquila

Dettagli

scaricato liberamente da matemangano.wordpress.com

scaricato liberamente da matemangano.wordpress.com CHE COS E LA DISCALCULIA scaricato liberamente da matemangano.wordpress.com La discalculia è una difficoltà specifica nell apprendimento del calcolo che si manifesta nel riconoscimento e nella denominazione

Dettagli

Intelligenza numerica e abilità di calcolo

Intelligenza numerica e abilità di calcolo Intelligenza numerica e abilità di calcolo Bergamo, 25/1/2012 Dott.ssa Anna Gallani e Dott.ssa Nicoletta Perini anna.gallani@libero.it nicolettaperini@hotmail.it www.cnis.it www.airipa.it Segnalazione

Dettagli

Percorsi di apprendimento del numero e del calcolo nella scuola dell infanzia e primaria: strategie didattiche di potenziamento

Percorsi di apprendimento del numero e del calcolo nella scuola dell infanzia e primaria: strategie didattiche di potenziamento Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Scienze della Formazione Percorsi di apprendimento del numero e del calcolo nella scuola dell infanzia e primaria: strategie didattiche di potenziamento

Dettagli

LA MATEMATICA E LA DISCALCULIA

LA MATEMATICA E LA DISCALCULIA LA MATEMATICA E LA DISCALCULIA CENTRO PER L ETA EVOLUTIVA GAVARDO Dott.ssa Silvia Mora E SEMPLICE COME FARE 2+3=5 COSA SI NASCONDE DIETRO QUESTO SEMPLICE CALCOLO Leggo 2 2 come come DUE DUE Leggo Penso

Dettagli

Associazione Italiana Dislessia MIUR 8-12 Maggio 2006 Via Pianciani 34 LA DISCALCULIA EVOLUTIVA

Associazione Italiana Dislessia MIUR 8-12 Maggio 2006 Via Pianciani 34 LA DISCALCULIA EVOLUTIVA Associazione Italiana Dislessia MIUR 8-12 Maggio 2006 Via Pianciani 34 LA DISCALCULIA EVOLUTIVA Dr.ssa Luigia Milani Dr.ssa Bruna Mazzoncini Dr. Valerio Corsi Dr.ssa Daniela Pezzella Dr.ssa Irene De Santis

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO R e l a t r i c e : D o t t. s s a C r i s t i n a E l e f a n t e (insegnante, pedagogista) email: elefantecristina@yahoo.it DSA definizione La principale caratteristica

Dettagli

LE DIFFICOLTÀ MATEMATICHE E LA DISCALCULIA EVOLUTIVA

LE DIFFICOLTÀ MATEMATICHE E LA DISCALCULIA EVOLUTIVA LE DIFFICOLTÀ MATEMATICHE E LA DISCALCULIA EVOLUTIVA LA MATEMATICA È UNA DISCIPLINA? CONOSCENZA NUMERICA CALCOLO PROBLEM SOLVING ARITMENTICO GEOMETRIA ALGEBRA Richiede abilità cognitive diverse DIFFICOLTÀ

Dettagli

Disturbo della cognizione numerica e del calcolo

Disturbo della cognizione numerica e del calcolo Disturbo della cognizione numerica e del calcolo Melisa Ambrosini Quanti sono i bambini con Difficoltà in Matematica? Segnalazione di: 3000 docenti intervistati 5 bambini per classe con difficoltà di calcolo

Dettagli

Quando gli errori intelligono

Quando gli errori intelligono Prof.ssa Daniela Lucangeli Quando gli errori intelligono Troina, La Cittadella dell Oasi, 13-14 settembre 2013 Quanti sono i bambini con Difficoltà in Matematica? Come è andata a noi con i numeri? 987654321:12345678=?

Dettagli

MEMORIA. La memoria umana è definita come la capacità di riattivare, in modo parziale o totale, gli avvenimenti del passato;

MEMORIA. La memoria umana è definita come la capacità di riattivare, in modo parziale o totale, gli avvenimenti del passato; MEMORIA La memoria umana è definita come la capacità di riattivare, in modo parziale o totale, gli avvenimenti del passato; La memoria umana è definita anche come la capacità di generare nuove conoscenze,

Dettagli

Il programma della mattina

Il programma della mattina La discalculia evolutiva e le difficoltà di calcolo: intervenire in modo efficace Crema, 21 gennaio 2012 Dott.ssa Anna Gallani Dott.ssa Nicoletta Perini Il programma della mattina La discalculia evolutiva

Dettagli

La discalculia: strategie operative

La discalculia: strategie operative La discalculia: strategie operative 00 000 00 0 000 000 0 29 aprile 200 OBIETTIVI DELLA PRESENTAZIONE: 00 000 00 0 000 000 0 L intelligenza numerica La discalculia evolutiva Indicazioni didattiche per

Dettagli

BES e MATEMATICA. Giornata Pedagogica. Laives, 02 settembre 2014. Valentina Dalla Villa

BES e MATEMATICA. Giornata Pedagogica. Laives, 02 settembre 2014. Valentina Dalla Villa BES e MATEMATICA Giornata Pedagogica Laives, 02 settembre 2014 SONO COINVOLTI MOLTI PROCESSI COGNITIVI E VENGONO ATTIVATE MOLTEPLICI AREE MENTRE FACCIAMO MATEMATICA ATTENZIONE MEMORIA MOTIVAZIONE LINGUAGGIO

Dettagli

Lo sviluppo delle capacità di calcolo e di comprensione del numero La DISCALCULIA EVOLUTIVA

Lo sviluppo delle capacità di calcolo e di comprensione del numero La DISCALCULIA EVOLUTIVA Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Didattica della Matematica Lo sviluppo delle capacità di calcolo e di comprensione del numero La DISCALCULIA EVOLUTIVA G.

Dettagli

COSPES -MI. Dott.ssa Cinzia Morganti COSPES Milano

COSPES -MI. Dott.ssa Cinzia Morganti COSPES Milano COSPES -MI 1 Dott.ssa Cinzia Morganti COSPES Milano COSPES -MI Intelligenza Numerica? l origine e lo sviluppo avviene con l ingresso nella scuola primaria? con le prime operazioni di calcolo? 2 COSPES

Dettagli

Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE

Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia Fucili Dott.ssa Roberta Maltese 1 I Disturbi Specifici dell Apprendimento LESSIA

Dettagli

MATEMATICA U. A. 1 INSIEME PER RICOMINCIARE SITUAZIONI DI APPRENDIMENTO TEMPI

MATEMATICA U. A. 1 INSIEME PER RICOMINCIARE SITUAZIONI DI APPRENDIMENTO TEMPI MATEMATICA U. A. 1 INSIEME PER RICOMINCIARE ABILITA : 1.a Riconoscere il valore posizionale delle cifre. 1.b Individuare e definire numeri pari e dispari. 2.a Stabilire relazioni d ordine, contare in senso

Dettagli

La discalculia evolutiva

La discalculia evolutiva La discalculia evolutiva Dott.ssa Francesca Bellorini Psicologa, psicoterapeuta NPI Ospedali Riuniti di Bergamo Gallarate, 3 dicembre 2011 La discalculia evolutiva Disturbo delle abilità numeriche e aritmetiche

Dettagli

Abilità di calcolo e discalculia. Proposte didattiche per la scuola primaria

Abilità di calcolo e discalculia. Proposte didattiche per la scuola primaria AID Sezione di Bergamo Abilità di calcolo e discalculia. Proposte didattiche per la scuola primaria Albino (BG) 21.11.2011 Lorenzo Caligaris Insegnante - Pedagogista DSA, abilità strumentali, automatismi

Dettagli

DSA. Discalculia Evolutiva (OMS) disturbo a patogenesi organica, geneticamente determinato, espressione di disfunzione cerebrale

DSA. Discalculia Evolutiva (OMS) disturbo a patogenesi organica, geneticamente determinato, espressione di disfunzione cerebrale DSA Discalculia Evolutiva (OMS) disturbo a patogenesi organica, geneticamente determinato, espressione di disfunzione cerebrale Intelligenza numerica Intelligenza innata Neonati e bambini di pochi mesi

Dettagli

30/09/2012. Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com

30/09/2012. Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com DSA: Diversi Strumenti per l Apprendimento Dalla relazione clinica al PEP Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com 1 Nazionale: NORMATIVA:

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Circolo Didattico di Orvieto L. Barzini I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO LETTURA SCRITTURA CALCOLO DISLESSIA 5% della popolazione scolastica DISORTOGRAFIA molti

Dettagli

Lo sviluppo delle capacità di calcolo e di comprensione del numero La DISCALCULIA EVOLUTIVA

Lo sviluppo delle capacità di calcolo e di comprensione del numero La DISCALCULIA EVOLUTIVA Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze della Formazione Laboratorio di Matematica Lo sviluppo delle capacità di calcolo e di comprensione del numero La DISCALCULIA EVOLUTIVA Gianluca Perticone

Dettagli

Lavoro Logico-Matematico dall Infanzia alla Primaria. 12 settembre 2014 Alessandra Scabia

Lavoro Logico-Matematico dall Infanzia alla Primaria. 12 settembre 2014 Alessandra Scabia Lavoro Logico-Matematico dall Infanzia alla Primaria 12 settembre 2014 Alessandra Scabia Che cos è l intelligenza numerica? L intelligenza numerica è la predisposizione a pensare la realtà in termini di

Dettagli

24/04/2014. = Requisito fondamentale per interagire efficacemente con l ambiente. - Che ore sono?

24/04/2014. = Requisito fondamentale per interagire efficacemente con l ambiente. - Che ore sono? - Che ore sono? - Quanto ho speso? - Quanti grammi di pasta butto? Capacità di gestire e manipolare questo tipo di informazione = Requisito fondamentale per interagire efficacemente con l ambiente L intelligenza

Dettagli

26/05/2015. Uno studente su 5 incontra difficoltà scolastiche, tali da richiedere l aiuto di un esperto. 25 maggio 2015. pamela@studioliberamente.

26/05/2015. Uno studente su 5 incontra difficoltà scolastiche, tali da richiedere l aiuto di un esperto. 25 maggio 2015. pamela@studioliberamente. Progetto di screening per Disturbi Specifici dell Apprendimento Tutti imparano a leggere e scrivere L apprendimento della lettura e della scrittura è un processo dato spesso per scontato In realtà richiede

Dettagli

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Un approccio inclusivo per Disturbi Specifici e Difficoltà di Apprendimento Anna Maria Antonucci AIRIPA Puglia Lo sviluppo dell intelligenza

Dettagli

DISLESSIA E DISORTOGRAFIA dalla diagnosi alla presa in carico

DISLESSIA E DISORTOGRAFIA dalla diagnosi alla presa in carico DISLESSIA E DISORTOGRAFIA dalla diagnosi alla presa in carico dr. Antonio Salandi Neuropsichiatra Infantile IRCCS EUGENIO MEDEA Associazione La Nostra Famiglia - Bosisio Parini antonio.salandi@bp.lnf.it

Dettagli

COSA SONO I D.S.A.? circoscritte

COSA SONO I D.S.A.? circoscritte D.S.A. COSA SONO I D.S.A.? Si parla di D.S.A.quando un bambino mostra delle difficoltàcircoscrittenella lettura, nella scrittura o nel calcolo, in una situazione in cui lo sviluppo intellettivo ènella

Dettagli

PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA

PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA Dott.ssa Martina Valente Psicologa master II livello in Psicopatologia dell Apprendimento s.a Psicoterapia cognitivo comportamentale per l infanzia e l adolescenza

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. I.C. di MEDIGLIA Elena Colombo

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. I.C. di MEDIGLIA Elena Colombo DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO D.S.A significa: DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Essi fanno parte di quei disordini evolutivi (= dello sviluppo) che possono manifestarsi nell acquisizione

Dettagli

RELATORE : Dott.ssa Di Campli Irene

RELATORE : Dott.ssa Di Campli Irene DALLA DIAGNOSI AL PDP NELLA DISCALCULIA: STRATEGIE E STRUMENTI RELATORE : Dott.ssa Di Campli Irene Psicologo dello sviluppo e dell educazione, Psicoterapeuta cognitivo comportamentale specializzata nei

Dettagli

Dott.ssa Nicoletta Perini Vicenza, 9/10/2013

Dott.ssa Nicoletta Perini Vicenza, 9/10/2013 Le difficolta e i disturbi di apprendimento della matematica: ipotesi di intervento per il primo ciclo scolastico Come si manifestano le difficolta di calcolo? Potenziare le abilità numeriche e gestire

Dettagli

Intelligenza numerica:

Intelligenza numerica: Intelligenza numerica: intelligere, capire pensare al mondo in termini di numeri e di quantità. Tale capacità è innata e permea il nostro sistema di interpretazione di eventi e fenomeni di diverso grado

Dettagli

PROGETTO DSA DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO. docenti referenti: Monia Gennusa - Valeria Schembari

PROGETTO DSA DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO. docenti referenti: Monia Gennusa - Valeria Schembari PROGETTO DSA DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO docenti referenti: Monia Gennusa - Valeria Schembari PREMESSA: Il DSA, Disturbo Specifico dell Apprendimento, è un disturbo che interessa uno specifico

Dettagli

OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI RILEVAZIONE PRECOCE E ATTIVITA DI RECUPERO MIRATO (PRIMARIA)- Allegato A5

OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI RILEVAZIONE PRECOCE E ATTIVITA DI RECUPERO MIRATO (PRIMARIA)- Allegato A5 OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI RILEVAZIONE PRECOCE E ATTIVITA DI MIRATO (PRIMARIA)- Allegato A5 Le Osservazioni Sistematiche di Rilevazione precoce di seguito previste, devono tener conto delle indicazioni

Dettagli

Fase alfabetica Il bambino

Fase alfabetica Il bambino FASE LOGOGRAFICA 62 Flavio Fogarolo FASE SILLABICA FASE ALFABETICA Fase alfabetica Il bambino applica delle regole di trasformazione per cui si associa ogni suono al corrispondente grafema ragiona sui

Dettagli

LA COMPETENZA NUMERICA I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO PROGRAMMAZIONE DELL INCONTRO. Il caso dei disturbi e delle difficoltà nel calcolo

LA COMPETENZA NUMERICA I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO PROGRAMMAZIONE DELL INCONTRO. Il caso dei disturbi e delle difficoltà nel calcolo PROGRAMMAZIONE DELL INCONTRO I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Il caso dei disturbi e delle difficoltà nel calcolo Dott.ssa Isabella Bellagamba con la supervisione del Prof. Cesare Cornoldi Università

Dettagli

FORMAZIONE LOGICO- MATEMATICA...MA PUO ESSERE ANCHE FACILE! Dott.ssa Luisa Zaccarelli

FORMAZIONE LOGICO- MATEMATICA...MA PUO ESSERE ANCHE FACILE! Dott.ssa Luisa Zaccarelli FORMAZIONE LOGICO- MATEMATICA...MA PUO ESSERE ANCHE FACILE! Dott.ssa Luisa Zaccarelli COS È UN PROBLEMA? Un PROBLEMA sorge quando un essere vivente ha una meta, ma non sa come raggiungerla (Dunker, 1935)

Dettagli

Modelli evolutivi e cognitivi dei processi di lettura scrittura e calcolo. Corso formazione di base sui DSA

Modelli evolutivi e cognitivi dei processi di lettura scrittura e calcolo. Corso formazione di base sui DSA Modelli evolutivi e cognitivi dei processi di lettura scrittura e calcolo Corso formazione di base sui DSA LE COMPONENTI DI ELABORAZIONE DEL SISTEMA COGNITIVO X SISTEMA COGNITIVO CENTRALE X MODULI X TRASDUTTORI

Dettagli

LETTURA DELLA DIAGNOSI E PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Germana Englaro, 9 settembre 2011

LETTURA DELLA DIAGNOSI E PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Germana Englaro, 9 settembre 2011 LETTURA DELLA DIAGNOSI E PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Germana Englaro, 9 settembre 2011 Edoardo, 8 anni, classe III Diagnosi: Disturbo Misto delle Capacità Scolastiche [F81.3] Disturbo Misto degli Apprendimenti

Dettagli

AUTOFORMAZIONE IN MATEMATICA. Daniela Fava Minor

AUTOFORMAZIONE IN MATEMATICA. Daniela Fava Minor AUTOFORMAZIONE IN MATEMATICA Daniela Fava Minor Quanti sono i bambini con Difficoltà in Matematica? In Italia: Scuola primaria: + 20% della popolazione scolastica 5 bambini per classe con difficoltà di

Dettagli

Disturbo del del calcolo. Difficoltà di di calcolo. basi neurobiologiche. il profilo appare simile al disturbo

Disturbo del del calcolo. Difficoltà di di calcolo. basi neurobiologiche. il profilo appare simile al disturbo La discalculia 1. Definizione 2. Sistema dei numeri e del calcolo 3. Sviluppo delle abilità numeriche 4. Intervento riabilitativo 5. Suggerimenti didattici 6. Risoluzione di problemi 7. Caso clinico Disturbo

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Dislessia disgrafia disortografia - discalculia Come si sviluppa un abilità Predisposizione innata: le funzioni superiori si insediano nell uomo per sola esposizione

Dettagli

Dislessia e altri Disturbi dell Apprendimento. Proposte didattiche per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado

Dislessia e altri Disturbi dell Apprendimento. Proposte didattiche per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA Sezione di Parma Dislessia e altri Disturbi dell Apprendimento. Proposte didattiche per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado San Secondo (PR) 23 novembre

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: formazione.online@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La discalculia

Dettagli

Elementi di sospetto, fattori predittivi dei DSA

Elementi di sospetto, fattori predittivi dei DSA Elementi di sospetto, fattori predittivi dei DSA dott. Angelo Maiuri Capaccio 01/06/2012 Vantaggi di una diagnosi precoce Sentirsi compresi PER I BAMBINI: Accrescere l autostima Ridurre il rischio di abbandono

Dettagli

D.S.A. DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO

D.S.A. DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO D.S.A. DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO INDICE 2. INDICE. 3.DEFINIZIONE DI DSA 4. LA DISLESSIA 5.LA DISGRAFIA 6. LA DISORTOGRAFIA 7.LA DISCALCULIA 8. COMPITI DELLA FAMIGLIA 9.COMPITI DELLA SCUOLA

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

Disturbi del calcolo. Emilia Ciccia

Disturbi del calcolo. Emilia Ciccia Disturbi del calcolo Emilia Ciccia Disturbi del calcolo sistema dei numeri meccanismi lessicali matematica meccanismi sintattici fatti numerici numeri primitivi moltiplicatori sistema del calcolo componenti

Dettagli

I numeri e lo spazio. Erickson. Strumenti visuospaziali per il conteggio, primi calcoli e tabelline. 5-8 anni

I numeri e lo spazio. Erickson. Strumenti visuospaziali per il conteggio, primi calcoli e tabelline. 5-8 anni Programmi di potenziamento della cognizione numerica e logico-scientifica Collana diretta da Daniela Lucangeli Silvana Poli, Adriana Molin e Daniela Lucangeli I numeri e lo spazio Strumenti visuospaziali

Dettagli

IL BAMBINO E LE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO. A cura di Sofia Carbonero Fabia Genoni

IL BAMBINO E LE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO. A cura di Sofia Carbonero Fabia Genoni IL BAMBINO E LE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO A cura di Sofia Carbonero Fabia Genoni I DISTURBI DEL FUNZIONAMENTO MOTORIO Disprassia I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO I DISTURBI DI LINGUAGGIO Articolazione linguaggio

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Si parla di disturbo specifico di apprendimento quando un soggetto in età evolutiva presenta difficoltà isolate e circoscritte

Dettagli

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica BES e DSA: Lettura della relazione Dott.ssa Anna Bruno Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Chiara Izzo Logopedista Chi effettua la diagnosi? DISABILITÀ Servizio pubblico specialistico che ha in carico il

Dettagli

Discalculia Evolutiva

Discalculia Evolutiva Daniele De Stefano Discalculia Evolutiva esci Diagnosi Memocalcolo Numeri e calcolo Test SPM Analisi degli errori Risolvere problemi in 6 mosse Strategie di calcolo Risolvere problemi aritmetici Ruolo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA tra la Regione Veneto e l Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto PER LE ATTIVITA DI IDENTIFICAZIONE PRECOCE DEI CASI SOSPETTI DI DSA 4 settembre 2014 Alessandra Scabia Obiettivi

Dettagli

Le difficoltà/disturbi

Le difficoltà/disturbi Le difficoltà/disturbi Scuola primaria 25-30% dei bambini presenta difficoltà nel calcolo e un 30-35% nei problemi (Lucangeli, 2005- Commissione Nazionale). Scuola superiore Indagine OCSE Pisa (2009) ha

Dettagli

Oggetto:RILEVAZIONE PRECOCE delle DIFFICOLTÀ di APPRENDIMENTO/COMPORTAMENTO. Si comunica ai genitori di nato a il

Oggetto:RILEVAZIONE PRECOCE delle DIFFICOLTÀ di APPRENDIMENTO/COMPORTAMENTO. Si comunica ai genitori di nato a il Logo-Intestazione ISTITUTO Prot. Ai genitori dell ALUNNO/A Luogo Oggetto:RILEVAZIONE PRECOCE delle DIFFICOLTÀ di APPRENDIMENTO/COMPORTAMENTO Si comunica ai genitori di nato a il frequentante la scuola

Dettagli

Logopedista Dott.ssa A. Mazzella

Logopedista Dott.ssa A. Mazzella L EDUCAZIONE MATEMATICA CONTRIBUISCE ALLA FORMAZIONE DEL PENSIERO NEI SUOI VARI ASPETTI: DI INTUIZIONE, DI IMMAGINAZIONE, DI PROGETTAZIONE, DI IPOTESI E DEDUZIONE, DI CONTROLLO, DI VERIFICA O SMENTITA.

Dettagli

LA MATEMATICA. Le difficoltà di Apprendimento nel Calcolo. Discalculia evolutiva, difficoltà generali e possibilità di facilitazione.

LA MATEMATICA. Le difficoltà di Apprendimento nel Calcolo. Discalculia evolutiva, difficoltà generali e possibilità di facilitazione. LA MATEMATICA Le difficoltà di Apprendimento nel Calcolo Discalculia evolutiva, difficoltà generali e possibilità di facilitazione. Adria, 20-02-2014 DI COSA PARLEREMO L APPRENDIMENTO DEL CALCOLO LA RISOLUZIONE

Dettagli

4. Disturbo Specifico di Apprendimento

4. Disturbo Specifico di Apprendimento 4. Disturbo Specifico di Apprendimento Disturbo Specifico di Apprendimento Testi di riferimento: Cornoldi C. (a cura di), Difficoltà e disturbi dell'apprendimento, Ed. Il Mulino, Collana "Strumenti", Bologna,

Dettagli

LINEE GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEGLI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

LINEE GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEGLI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO LINEE GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEGLI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Tratte da: Progetto A scuola di dislessia Teramo 28 Ottobre 2010 I.T.C. Pascal Seminario di studio Prospettive

Dettagli

IIS M.GUGGENHEIM. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA per gli studenti con DSA

IIS M.GUGGENHEIM. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA per gli studenti con DSA IIS M.GUGGENHEIM PROTOCOLLO ACCOGLIENZA per gli studenti con DSA 1 L Istituto Michelangelo Guggenheim di Venezia intende promuovere e sostenere la piena integrazione scolastica e sociale di allieve ed

Dettagli

LA DIDATTICA DELLA MATEMATICA E LA DISCALCULIA

LA DIDATTICA DELLA MATEMATICA E LA DISCALCULIA LA DIDATTICA DELLA MATEMATICA E LA DISCALCULIA Prof.ssa Costanza Manni SENSIBILIZZAZIONE E INFORMAZIONE SUI DISTURBI SPECIFICI dell'apprendimento (D.S.A.) Istituto Piccole Ancelle del Sacro Cuore via della

Dettagli

DISTURBO SPECIFICO DI APPRENDIMENTO dalla valutazione alla certificazione

DISTURBO SPECIFICO DI APPRENDIMENTO dalla valutazione alla certificazione Azienda ospedaliera Spedali Civili di Brescia Unità Operativa di Neuropsichiatria dell infanzia e dell adolescenza Direttore: dott.ssa E. Zanetti DISTURBO SPECIFICO DI APPRENDIMENTO dalla valutazione alla

Dettagli

Legge 170, Misure dispensative e Strumenti Compensativi

Legge 170, Misure dispensative e Strumenti Compensativi Legge 170, Misure dispensative e Strumenti Compensativi Sono negato a scuola, e non sono mai stato nient altro che questo da Diario di scuola di D. Pennac I NOSTRI OBIETTIVI Conoscere le leggi a tutela

Dettagli

Apprendere al volo con il metodo analogico!

Apprendere al volo con il metodo analogico! Chiavari, 16 novembre 2013 Apprendere al volo con il metodo analogico! dott.ssa Zara Mehrnoosh pedagogista e vicepresidente O.S.Dislessia ONLUS Il 20% circa degli studenti incontrano difficoltà nella matematica

Dettagli

Tecnologie per la riduzione degli handicap - Laurea in Pedagogia

Tecnologie per la riduzione degli handicap - Laurea in Pedagogia Provate a leggere Probabilmente risulterà difficile leggere queste poche righe. Qualcuno si appellerà agli errori di stampa. Effettivamente abbiamo sostituito qualche lettera, omesso qualcosa, aggiunto

Dettagli

Giornate di supporto alla formazione dei referenti per la dislessia

Giornate di supporto alla formazione dei referenti per la dislessia Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Associazione Italiana Dislessia Formazione MPI-AID Giornate di supporto alla formazione dei referenti per la dislessia

Dettagli

Didattica dell' errore nella scuola di base

Didattica dell' errore nella scuola di base Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia Didattica dell' errore nella scuola di base a cura di Gianluca Perticone - Aidai Toscana marzo 2013 1 FONDAMENTALE

Dettagli

COMPETENZA NUMERICA I SISTEMI DI NUMERAZIONE

COMPETENZA NUMERICA I SISTEMI DI NUMERAZIONE COMPETENZA NUMERICA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Macroindicatori di conoscenze/abilità Comprensione: -del significato dei numeri -dei modi per rappresentarli -della notazione posizionale dei traguardi per

Dettagli

I DSA: un emergenza educativa Condividere i significati Legge n. 170 del 08-10-2010 Linee guida sui D.S.A. La personalizzazione didattica

I DSA: un emergenza educativa Condividere i significati Legge n. 170 del 08-10-2010 Linee guida sui D.S.A. La personalizzazione didattica MASTER DIDATTICA E PSICOPEDAGOGIA PER I D.S.A Dalla Legge 170/2010 alle Linee Guida: un percorso di tutela dei diritti all apprendimento degli alunni con DSA I DSA: un emergenza educativa Condividere i

Dettagli

PER INFORMAZIONI: brescia@ disles s ia.it

PER INFORMAZIONI: brescia@ disles s ia.it S ezione Brescia e P rovincia www.dis lessia.it www.aidlombardia.it PER INFORMAZIONI: brescia@ disles s ia.it 0302770870 3339839327 Ci si vede il primo mercoledì del mese alle ore 20,30 presso l Ist. Abba-Ballini

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo Corso Dsa - I disturbi specifici dell apprendimento: dall

Dettagli

La fatica di imparare: i disturbi di apprendimento

La fatica di imparare: i disturbi di apprendimento La fatica di imparare: i disturbi di apprendimento Ci sono bambini che faticano a studiare, ad apprendere per avere un risultato scolastico soddisfacente. In alcuni casi si tratta di ragazzini che non

Dettagli

Quando i conti non tornano

Quando i conti non tornano Quando i conti non tornano Difficoltà e disturbo specifico d'apprendimento della matematica Elisabetta Robotti DiDiMa s.r.l spin-off ITD-CNR Genova elisabetta.robotti@gmail.com robotti@itd.cnr.it Pavia,

Dettagli

MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO)

MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO) MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO) 1. PREMESSA Il Manuale non è esaustivo di ciò che è necessario sapere sul trattamento didattico dei Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA), ma raccoglie

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Il termine Disturbo Specifico dell Apprendimento (DSA) descrive più profili neuropsicologici a insorgenza in età evolutiva accomunati dalla presenza di una significativa

Dettagli

Tutti pronti per la scuola?

Tutti pronti per la scuola? Dott.ssa Grazia Nonne Tutti pronti per la scuola? L'Intelligenza Numerica alla scuola dell'infanzia: prevenzione e potenziamento. Corso di Formazione La matematica non fa paura Fonni 3-4 Settembre 2015

Dettagli

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Mira, 27 marzo 2015 Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Dott.ssa Barbara Longhi Psicologa Psicoterapeuta Ulss13 Servizio Età Evolutiva Cosa sono i DSA? Disturbi dello sviluppo che riguardano

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON ADHD

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON ADHD I S T I T U TO C O M P R E N S I V O S TATAL E D I S O S S AN O Via San Giovanni Bosco, 4 36040 SOSSANO (VI) Tel. 0444/885284 viic89000e@istruzione.it viic89000e@pec.istruzione.it www.icsossano.it C.F.

Dettagli