DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE. N. 126 del 18 dicembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE. N. 126 del 18 dicembre 2014"

Transcript

1 R E G I O N E C A L A B R I A DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE N. 126 del 18 dicembre 2014 Oggetto: Variazione al Bilancio Assegnazioni di risorse dallo Stato in relazione a capitoli di pertinenza del dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie.. Il Dirigente Responsabile Previo controllo degli atti richiamati, attesta la regolarità e la legittimità del presente atto Il Dirigente Generale Reggente (Dott. Filippo De Cello) F.to Filippo De Cello Pubblicato sul BURC n. del

2 IL PRESIDENTE DELLA REGIONE Premesso che: in data 9 dicembre 2014 l'on. Gerardo Mario Oliverio è stato proclamato Presidente della Regione Calabria dall'ufficio centrale circoscrizionale della Corte di Appello di Catanzaro; ai sensi dell art.33, comma 2, dello Statuto della Regione Calabria Il Presidente della Giunta entra nell esercizio delle sue funzioni all atto della proclamazione ; ai sensi dell art. 33, comma 8, dello Statuto della Regione Calabria nei dieci giorni successivi alla proclamazione il Presidente della Giunta regionale compie gli atti improrogabili ed urgenti di competenza della Giunta ; il Presidente della Giunta regionale non ha ancora nominato i componenti della Giunta; ai sensi del combinato disposto dell art. 23, comma 2, della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8 e dell articolo 12, comma 1, della legge regionale 30 dicembre 2013, n. 58 recante Bilancio annuale di previsione della Regione Calabria per l anno finanziario 2014 e bilancio pluriennale per il triennio 2014/2016 la Giunta regionale è autorizzata ad effettuare variazioni al bilancio nel corso dell esercizio finanziario 2014; Atteso che Il decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 ha introdotto Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42; In particolare, l art. 20 comma 2 lett. a) e 2bis) prevede che per garantire effettività al finanziamento dei livelli di assistenza sanitaria, le regioni accertano ed impegnano nel corso dell esercizio l intero importo corrispondente al finanziamento sanitario corrente. nonché gli importi delle manovre fiscali regionali destinate, nell esercizio di competenza, al finanziamento del fabbisogno regionale standard ; Premesso, altresì, che La legge 23 dicembre 1993, n. 548 recante Disposizioni per la prevenzione e la cura della fibrosi cistica prevede una serie di interventi diretti a favorire la diagnosi precoce della fibrosi e delle sue complicanze nonchè le azioni volte alla cura e alla riabilitazione a domicilio; La legge 14 ottobre 1999, n. 362 recante Disposizioni urgenti in materia di sanità dispone il rifinanziamento della precedente legge n. 548/1993 e stabilisce che gli importi assegnati saranno ripartiti in base alla consistenza numerica dei pazienti assistiti nelle singole regioni, alla popolazione residente e alla documentata funzione dei centri specializzati di riferimento per la ricerca; La legge 31 marzo 1980, n. 126 e s.m.i. relativa a Indirizzo alle Regioni in materia di provvidenze a favore degli hanseniani e loro familiari prevede che i cittadini italiani affetti dal morbo di Hansen, riconosciuti tali da una pubblica autorità sanitaria individuata dalle regioni, abbiano diritto al sussidio ed ad una integrazione per ogni familiare a carico; L articolo 2, comma 283, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 prevede che, al fine di dare completa attuazione al riordino della medicina penitenziaria, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, sono definiti, nell'ambito dei livelli essenziali di assistenza previsti dalla legislazione vigente,e delle relative risorse finanziarie disponibili, il trasferimento al Servizio sanitario nazionale di tutte le funzioni sanitarie svolte dal Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria e dal Dipartimento della giustizia minorile del Ministero della giustizia, le modalità e le procedure per il trasferimento dei rapporti di lavoro in essere, delle risorse finanziarie da ripartire tra le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, delle attrezzature, degli arredi e dei beni strumentali nonché i criteri per la ripartizione tra le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano delle risorse finanziarie complessive, destinate alla sanità penitenziaria; L art. 6, comma 1, del DPCM del 1 aprile 2008 ha definito le Modalità e criteri per il trasferimento al Servizio sanitario nazionale delle funzioni sanitarie, dei rapporti di lavoro, delle risorse finanziarie e delle attrezzature e beni strumentali in materia di sanità penitenziaria; L articolo 6, comma 1, lettera c) della legge 21 ottobre 2005, n. 219 recante Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione nazionale degli emoderivati promuove l individuazione, da parte delle regioni, delle strutture e degli strumenti necessari per garantire un coordinamento intraregionale ed interregionale delle attività trasfusionali; L articolo 17, comma 5, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito dalla legge 15 luglio 2011, n. 111 prevede che lo Stato assegni alle pubbliche amministrazioni interessate risorse necessarie per sostenere gli oneri per gli accertamenti medico-legali sui dipendenti assenti dal servizio per malattia effettuati dalle aziende sanitarie locali;

3 L art. 3, commi 34 e 34bis, della legge 23 dicembre 1996, n. 662 prevede che il CIPE possa vincolare quote del Fondo Sanitario Nazionale alla realizzazione di specifici obiettivi del Piano Sanitario nazionale con priorità per i progetti sulla tutele della salute materno-infantile, della salute mentale, della salute degli anziani nonché per quelli finalizzati alla prevenzione e in particolare alla prevenzione delle malattie ereditarie, per i quali le Regioni elaborano specifici progetti; L articolo 5 del decreto-legge 8 febbraio 1988, n. 27 convertito nella legge 8 aprile 1988, n. 109 prevede che una quota del Fondo Sanitario nazionale sia riservato alla realizzazione di programmi speciali di interesse nazionale, tra i quali l'erogazione di borse di studio biennali a medici neolaureati per lo svolgimento del tirocinio teorico-pratico per la formazione specifica in medicina generale; L art. 33 della legge 6 marzo 1998, n. 40 dispone che ai cittadini stranieri presenti sul territorio nazionale, non in regola con le norme relative all'ingresso ed al soggiorno, siano assicurate, nei presidi pubblici ed accreditati, le cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti o comunque essenziali; L art. 72, comma 6 della legge 23 dicembre 1998, n. 448 prevede che, al fine di promuovere il miglioramento qualitativo delle prestazioni sanitarie, è istituito un fondo per l'esclusività del rapporto dei dirigenti del ruolo sanitario che hanno optato per l'esercizio della libera professione intramuraria; L art. 3 ter del decreto legge 22 dicembre 2011, n. 211, convertito nella legge 17 febbraio 2012, n. 9 ha introdotto disposizioni per il definitivo superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari; La legge 5 giugno 1990, n. 135 prevede l attuazione di una serie di interventi diretti al contrasto della diffusione delle infezioni da HIV mediante le attività di prevenzione nonché ad assicurare idonea assistenza alle persone affette da tali patologie; Considerato che sul bilancio di previsione della Regione sono stati iscritti, tempo per tempo, gli importi assegnati dallo Stato per le finalità determinate dalle citate leggi, in particolare: Sul capitolo dell Entrata recante Assegnazione di fondi dallo Stato per la prevenzione e la cura della fibrosi cistica (legge , n legge , n.362) e sul corrispondente capitolo della spesa ' relativo a Spese per la prevenzione e la cura della fibrosi cistica (legge , n. 548) sono stati iscritti euro ,53 per l anno 2013 mentre, per gli anni 2012 e 2014, in assenza di specifico decreto di assegnazione, non è stata effettuata alcuna previsione; Sul capitolo dell Entrata recante Assegnazione di fondi dallo Stato per sussidi a titolo di soccorso giornaliero agli hanseniani e spese di spedalità (legge , n.4 - legge , n legge , n legge , n.31 e legge , n.433) e sul corrispondente capitolo della spesa relativo a Assegnazione ai Comuni della Calabria interessati alla erogazione delle provvidenze a favore degli hanseniani e loro familiari a carico (leggi , n , n , n.463 e l , n.31) sono stati allocati per l anno 2012, tenuto conto delle variazioni intervenute in sede di chiusura dei conti 2013 a causa di un decreto dello Stato che riduceva l originaria assegnazione, euro ,46 e per l anno 2014 euro ,00; Sul capitolo dell Entrata recante Assegnazione di somme dallo Stato per il trasferimento delle funzioni sanitarie, dei rapporti di lavoro, delle risorse finanziarie e delle attrezzature e beni strumentali in materia di sanità penitenziaria dai dipartimenti dell'amministrazione penitenziaria e della giustizia minorile del Ministero della Giustizia al Servizio Sanitario Nazionale (art. 2, comma 283, della legge 24 dicembre 2007, n art. 6, comma 1, del DPCM del 1 aprile 2008) e sul corrispondente capitolo della spesa relativo a Spese per il trasferimento delle funzioni sanitarie, dei rapporti di lavoro, delle risorse finanziarie e delle attrezzature e beni strumentali in materia di sanità penitenziaria dai dipartimenti dell'amministrazione penitenziaria e della giustizia minorile del Ministero della giustizia al Servizio Sanitario Nazionale (art. 2, comma 283, della legge 24 dicembre 2007, n art. 6, comma 1, del DPCM del 1 aprile 2008) sono stati iscritti per l anno 2013, euro ,00 mentre non è stata effettuata alcuna iscrizione per l anno 2014; Sul capitolo dell Entrata recante Assegnazione di fondi dallo Stato per garantire il coordinamento intraregionale ed interregionale delle attività trasfusionali, dei flussi di scambio e di compensazione nonchè il monitoraggio del raggiungimento dei relativi obiettivi (art. 6, comma 1, lettera c) della legge 21 ottobre 2005, n. 219, D.lgs 6 novembre 2007, n. 207 e D.lgs 6 novembre 2007, n. 208) e sul corrispondente capitolo della spesa relativo a Spese per garantire il coordinamento intraregionale ed interregionale delle attività trasfusionali, dei flussi di scambio e di compensazione nonchè il monitoraggio del raggiungimento dei relativi obiettivi (art. 6, comma 1, lettera c) della legge 21 ottobre 2005, n. 219, D.lgs 6 novembre 2007, n. 207 e D.lgs 6 novembre 2007, n. 208) non è stata iscritta alcuna somma per l anno 2014; Sul capitolo dell Entrata recante Assegnazione di fondi dallo stato per il finanziamento dei progetti per il perseguimento degli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale previsti nel

4 piano sanitario nazionale (art. 1,commi 34 e34bis, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, introdotto dall'art. 33,comma 1, della legge 27 dicembre 1997, n. 449) e sul corrispondente capitolo della spesa relativo a Spese per il finanziamento di progetti per il perseguimento degli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale previsti nel piano sanitario nazionale (art. 1, commi 34 e 34 bis, della legge , n.662, introdotto dall'art. 33, comma 1, della legge ,n.449) non è stata allocato alcun importo per l anno 2014; sul capitolo dell entrata recante Assegnazione di fondi dallo Stato per l'erogazione di borse di studio biennali ai medici neolaureati per lo svolgimento del tirocinio teorico-pratico per la formazione specifica in medicina generale, secondo la direttiva del consiglio della CEE n. 86/457 del (art. 5 della legge , n legge , n.833) e sul corrispondente capitolo della spesa relativo a Spese per l'erogazione di borse di studio biennali ai medici neolaureati per lo svolgimento del tirocinio teorico-pratico per la formazione specifica in medicina generale, secondo la direttiva del consiglio della CEE n. 86/457 del (art.5 della legge , n legge , n.833) è stata allocata la somma di euro ,00 per l anno 2013 mentre per l anno 2014, in mancanza di un provvedimento di assegnazione, non è stata iscritta alcuna somma; al capitolo dell Entrata relativo ad Assegnazione di fondi dallo Stato per il finanziamento dell'assistenza sanitaria agli stranieri temporaneamente presenti nel territorio nazionale (art.32 legge , n ordinanza del Ministro della Sanità del art.33, legge , n.40) ed al corrispondente capitolo della spesa recante Spese per l'assistenza sanitaria agli stranieri temporaneamente presenti nel territorio nazionale (art.32, legge , n ordinanza del Ministro della Sanità del , art. 33, legge , n.40) non è stato allocato alcun importo per l anno 2014; al capitolo dell entrata relativo ad Assegnazione da parte dello Stato del fondo per l'esclusività del rapporto per il personale dirigente del ruolo sanitario (art. 72, comma 6, legge , n. 448) ed al corrispondente capitolo della spesa recante Fondo per l'esclusività del rapporto per il personale dirigente del ruolo sanitario (art. 72, comma 6, legge , n.448) per l anno 2013 è stata iscritta la somma di euro ,00 mentre, in assenza di specifico decreto di assegnazione, non è stata effettuata alcuna previsione per l anno 2014; al capitolo dell entrata recante Assegnazione di fondi dallo Stato per il completamento del processo di superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari (art. 3 ter del decreto legge 22 dicembre 2011, n. 11 convertito nella legge 17 febbraio 2012, n. 9) ed al corrispondente capitolo della spesa relativo a Spese per il completamento del processo di superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari (art. 3ter del decreto legge 22 dicembre 2011, n. 11 convertito nella legge 17 febbraio 2012, n. 9) per l anno 2013 è stata iscritta la somma di euro ,82 mentre, in assenza di specifico decreto di assegnazione, non è stato allocato alcun importo per l anno 2014; sul capitolo dell entrata relativo ad Assegnazione di fondi dallo Stato per il potenziamento dei servizi di assistenza ai tossicodipendenti nonchè per il trattamento domiciliare dei soggetti affetti da AIDS,nell'ambito del programma di interventi urgenti per la prevenzione e la lotta contro l'aids (art.51 della legge ,n.833-art.1,comma 1,lett. c), d) e e), e comma 2, della legge , n.135) e sul corrispondente capitolo della spesa recante Spese per il potenziamento dei servizi di assistenza ai tossicodipendenti nonchè per il trattamento domiciliare dei soggetti affetti da AIDS,nell'ambito del programma di interventi urgenti per la prevenzione e la lotta contro l'aids (art.51 della legge , n.833-art.1,comma 1,lett.c),d) e e), e comma 2, della legge , n.135) per l anno 2014 non è stata iscritta alcuna somma; Considerato, altresì, che In base all Intesa n. 129/CSR sancita dalla Conferenza Stato-Regioni nella seduta del 25 ottobre 2014 sulle proposte del Ministero della Salute di deliberazione CIPE di assegnazione alle Regioni della quota vincolata per le finalità di prevenzione e cura della fibrosi cistica, a valere sul fondo sanitario nazionale 2012 e 2013, alla Regione Calabria è stata assegnata la somma di euro ,00 per l anno 2012 e di euro ,16 per l anno 2013; In base alla proposta del 22 settembre 2014, del Ministro della Salute di deliberazione CIPE di assegnazione alle Regioni della quota vincolata per l assistenza agli hanseniani e loro familiari a carico, a valere sul fondo sanitario nazionale per l anno 2012, alla Regione Calabria è stata assegnata la somma di euro ,33; In base alla proposta del 22 luglio 2014 relativa alla nuova ripartizione della quota destinata al finanziamento della sanità penitenziaria per l anno 2013, alla Regione Calabria è stata assegnata la somma di euro ,00;

5 In base all Intesa sancita dalla Conferenza Stato-Regioni nella seduta del 25 settembre 2014 sulla proposta del Ministero della Salute di ripartizione alle Regioni, per l anno 2014, dei fondi di cui all art. 6, comma 1, lettera c), della legge 21 ottobre 2005, n. 219, alla Regione Calabria è stata assegnata la somma di euro ,21; In base alla proposta del 15 ottobre 2014 del Ministro della Salute concernente la ripartizione dei fondi 2012 da attribuire alle Regioni a fronte degli oneri sostenuti per gli accertamenti medico-legali sui dipendenti assenti dal servizio per malattia, effettuati dalle Azienda Sanitarie Locali, alla Regione Calabria è stata assegnata la somma di euro ,36; Con nota n del 11 novembre 2014 il dirigente generale del dipartimento Tutela della Salute ha chiesto le necessarie variazioni al bilancio in modo da garantire le iscrizioni derivanti dalle suddette assegnazioni dello Stato; In base all intesa della Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano n. 172 del 4 dicembre 2014 relativa alla ripartizione delle quote vincolate agli obiettivi di Piano Sanitario Nazionale per l anno 2014, alla Regione Calabria è stata assegnata la somma di euro ,00; Con comunicazione mail del 28 novembre 2014 del Ministero della Salute è stata trasmessa la proposta di riparto delle risorse statali per le seguenti finalità: Per la prevenzione e cura della fibrosi cistica per l anno 2014 sono stati assegnati euro ,00; Per i sussidi agli hanseniani per l anno 2014 sono stati assegnati euro ,00; Per il trasferimento delle funzioni sanitarie, dei rapporti di lavoro, delle risorse finanziarie e delle attrezzature e beni strumentali in materia di sanità penitenziaria dai dipartimenti dell'amministrazione penitenziaria al servizio sanitario nazionale per l anno 2014 sono stati assegnati euro ,00; Per l erogazione di borse di studio biennali ai medici neolaureati per lo svolgimento del tirocinio teorico-pratico per la formazione specifica in medicina generale per gli anni 2013 e 2014 sono stati assegnati euro ,00, per ciascun anno; per il finanziamento dell'assistenza sanitaria e l emersione dal lavoro degli stranieri temporaneamente presenti nel territorio nazionale per l anno 2014 sono stati assegnati, complessivamente, euro ,00; per il fondo per l'esclusività del rapporto per il personale dirigente del ruolo sanitario per gli anni 2013 e 2014 sono stati assegnati euro ,00, per ciascun anno; per il completamento del processo di superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari è stata assegnata la somma di euro ,00 per l anno 2013 ed euro ,00 per l anno 2014; per il potenziamento dei servizi di assistenza ai tossicodipendenti e per il trattamento domiciliare, nell'ambito del programma di interventi urgenti per la prevenzione e la lotta contro l'aids, per l anno 2014 sono stati assegnati euro ,00; Atteso che si rende necessario iscrivere in bilancio al capitolo dell entrata ed al corrispondente capitolo della spesa l importo di euro ,00 relativo all assegnazione per l annualità 2012 per la prevenzione e la cura della fibrosi cistica e la somma di euro ,00 per l anno 2014; Al capitolo dell entrata ed al corrispondente capitolo della spesa l importo di euro ,00 assegnato dallo Stato per l anno 2014; Al capitolo dell entrata ed al corrispondente capitolo della spesa l importo di euro ,21 assegnato dallo Stato per l anno 2014 per garantire il coordinamento intraregionale ed interregionale delle attività trasfusionali; Al capitolo dell entrata ed al corrispondente capitolo della spesa l importo di euro ,00 quale assegnazione per l anno 2013, al netto della somma già iscritta di euro ,00, ed euro ,00 per l anno 2014; Al capitolo dell entrata ed al corrispondente capitolo della spesa l importo di euro ,00 per l anno 2014; Al capitolo dell Entrata ed al corrispondente capitolo della spesa l importo di euro ,00 assegnato dallo Stato per l anno 2014; Al capitolo dell entrata ed al corrispondente capitolo della spesa la somma di euro 0,18 quale differenza fra la somma definitivamente assegnata dallo Stato per l anno 2013, pari ad euro ,00 e quella già iscritta in bilancio pari ad euro ,82 nonché l importo di euro ,00 assegnato per l anno 2014;

6 Al capitolo dell entrata ed al corrispondente capitolo della spesa l importo di euro ,00 quale quota vincolata agli obiettivi di Piano Sanitario per l anno 2014; Al capitolo dell entrata ed al corrispondente capitolo della spesa l importo di euro ,00 assegnato dallo Stato per l anno 2014; Su capitoli di entrata e spesa di nuova istituzione, la somma assegnata per l annualità 2012 per lo svolgimento degli accertamenti medico-legali sui dipendenti assenti dal servizio per malattia effettuati dalle Aziende Sanitarie pari ad euro ,36; Atteso, altresì, che in relazione alle assegnazioni dallo Stato per la corresponsione di sussidi agli hanseniani, per i quali a fronte di una iscrizione di euro ,00, lo Stato ha assegnato euro ,00, si rende necessario Ridurre di euro ,87 lo stanziamento di competenza al capitolo dell entrata ed al corrispondente capitolo della spesa ; Non iscrivere la somma di euro 324,87 quale differenza fra l importo iscritto per l anno 2012 pari ad euro ,46 e quello successivamente assegnato di euro ,33; Dare mandato al dipartimento Bilancio e Patrimonio di concerto con il dipartimento Tutela della Salute di detrarre la restante somma di euro ,26, che non è stato possibile ridurre poiché il competente dipartimento ha già provveduto ad effettuare le relative liquidazioni, sulle assegnazioni dallo Stato per l anno 2015 per la concessione di sussidi agli hanseniani o, qualora non dovesse essere assegnato alcun importo, su altri trasferimenti statali riferiti alla sanità; Demandare al Settore Ragioneria generale: La riduzione dell accertamento n. 706/2014 sul capitolo di euro ,87; La riduzione dell impegno n. 2570/2014 sul capitolo di euro ,87; Tenuto conto che occorre demandare al Settore Ragioneria generale in sede di chiusura dei conti per l esercizio finanziario 2014: la riduzione dell accertamento n /2013 sul capitolo per euro 2.236,37; la riduzione dell accertamento n /2013 sul, capitolo per euro ,00; la riduzione dell accertamento n /2013 sul capitolo per euro ,00; demandare al dipartimento Tutela della salute, Politiche sanitarie di non assumere impegni di spesa: sul capitolo della spesa per un importo pari ad euro 2.236,37; sul capitolo della spesa per un importo pari ad euro ,00; sul capitolo della spesa per un importo pari ad euro ,00; demandare al Settore Bilancio e Programmazione Economico Finanziaria, in sede di predisposizione del bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2015 il compito di ridurre: il residuo di stanziamento sul capitolo per euro 2.236,37; il residuo di stanziamento sul capitolo per euro ,00; il residuo di stanziamento sul capitolo per euro ,00; Ritenuto necessario apportare le conseguenti variazioni allo stato di previsione dell entrata e della spesa del bilancio per l esercizio finanziario 2014, al documento tecnico di cui alla deliberazione della Giunta regionale n. 488 del , nonché al bilancio dipartimentale di cui alla deliberazione della Giunta regionale n. 499 del ; Visto lo Statuto della Regione Calabria e specificamente l articolo n. 33; Vista la legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8 recante Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione Calabria e, in particolare, l articolo 23, comma 2, lettera a), che dispone in merito alle variazioni di bilancio; la legge regionale 30 dicembre 2013, n. 58 recante Bilancio annuale di previsione della Regione Calabria per l anno finanziario 2014 e bilancio pluriennale per il triennio 2014/2016 e, in particolare, l articolo 12, che autorizza la Giunta regionale ad effettuare nel corso dell esercizio finanziario 2014 variazioni al bilancio di previsione 2014; la deliberazione della Giunta regionale n. 488 del che approva il documento tecnico inerente al bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2014, articolato per unità previsionali di base (UPB) e per capitoli; la deliberazione della Giunta regionale n. 499 del che approva il bilancio dipartimentale per l esercizio finanziario 2014 con il quale, ai sensi dell articolo 10, comma 2, della su citata legge regionale n. 8/2002, sono attribuiti i capitoli e le relative risorse finanziarie ai dirigenti titolari dei centri

7 di responsabilità amministrativa. DECRETA Per le motivazioni espresse in premessa, che qui si intendono riportate quale parte integrante e sostanziale, ai sensi dell articolo n. 33 dello Statuto della Regione Calabria: 1. di apportare le variazioni allo stato di previsione dell entrata e della spesa del bilancio annuale per l esercizio finanziario 2014, indicate nell allegata tabella n. 1, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; 2. di apportare le conseguenti variazioni al documento tecnico, approvato con deliberazione della Giunta Regionale n. 488 del inerente al bilancio annuale 2014, nonché al bilancio dipartimentale 2014, approvato con deliberazione della Giunta Regionale n. 499 del , come indicato nella tabella n. 1, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; 3. di attribuire le risorse finanziarie al Dirigente titolare del centro di responsabilità amministrativa del Dipartimento n. 13 Tutela della Salute, Politiche Sanitarie ; 4. di demandare al Settore Ragioneria generale la riduzione dell impegno e dell accertamento indicato nella tabella n. 2 allegata al presente atto per farne parte integrante e sostanziale; 5. di demandare al Settore Ragioneria generale, in sede di chiusura dei conti per l esercizio finanziario 2014, le riduzioni degli accertamenti riportate nell allegata tabella n. 2, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; 6. di demandare al dipartimento Tutela della salute di non assumere impegni di spesa: sul capitolo della spesa per un importo pari ad euro 2.236,37; sul capitolo della spesa per un importo pari ad euro ,00; sul capitolo della spesa per un importo pari ad euro ,00; 7. di demandare al Settore Bilancio e Programmazione Economico Finanziaria, in sede di predisposizione del bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2015 l eliminazione dei residui di stanziamento indicati nell allegata tabella n. 2, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; 8. di provvedere alla pubblicazione integrale del provvedimento sul BURC e sul sito istituzionale della Regione Calabria. IL PRESIDENTE Gerardo Mario Oliverio F.to Gerardo Mario Oliverio

Ministero della Salute. Decreto 22 ottobre 2013

Ministero della Salute. Decreto 22 ottobre 2013 Ministero della Salute Decreto 22 ottobre 2013 Approvazione del programma, presentato dalla Regione Friuli-Venezia Giulia, per la realizzazione di strutture sanitarie extraospedaliere per il superamento

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 luglio 2014. Ripartizione delle risorse relative al «Fondo per le politiche relative ai diritti e alle pari opportunità» 2013-2014

Dettagli

beneficiario per cui si ritiene che la somma posta in liquidazione con il presente provvedimento costituisce credito certo, esigibile e liquidabile

beneficiario per cui si ritiene che la somma posta in liquidazione con il presente provvedimento costituisce credito certo, esigibile e liquidabile 8605 beneficiario per cui si ritiene che la somma posta in liquidazione con il presente provvedimento costituisce credito certo, esigibile e liquidabile DETERMINA 1. di approvare, ai sensi dell art. 8

Dettagli

Art. 1 (Bilancio di competenza - Stato di previsione dell'entrata e della spesa)

Art. 1 (Bilancio di competenza - Stato di previsione dell'entrata e della spesa) Legge regionale 27 aprile 2015, n. 13 Bilancio di previsione della Regione Calabria per l anno finanziario 2015 e bilancio pluriennale 2015 2017. (BURC n. 27 del 27 aprile 2015) Art. 1 (Bilancio di competenza

Dettagli

- Di rinviare a successivi provvedimenti la ripartizione e la destinazione delle risorse residue.

- Di rinviare a successivi provvedimenti la ripartizione e la destinazione delle risorse residue. 70 17.9.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 38 b) Bilancio: integrazione di ulteriori 70.000 c) Tempi di realizzazione: 1 anno d) Soggetti da coinvolgere: Soggetti toscani partecipanti

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 28/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 98 Pag. 128 di 700 Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 19 novembre 2013, n. 403 Approvazione dell'iniziativa

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 2/7 DEL 22.1.2014

DELIBERAZIONE N. 2/7 DEL 22.1.2014 Oggetto: Intesa tra il Governo e le Regioni, le Province autonome di Trento e Bolzano e le Autonomie locali, ai sensi dell art. 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, concernente l utilizzo di

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 24 Dicembre 2010, n. 8 Bilancio di previsione della Regione Lazio per l'esercizio 2011;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 24 Dicembre 2010, n. 8 Bilancio di previsione della Regione Lazio per l'esercizio 2011; Oggetto: Percorsi triennali di IeFP Sistema di finanziamento e piano di riparto delle risorse finanziarie da erogare alle Province per l anno scolastico e formativo 2011-2012. LA GIUNTA REGIONALE SU PROPOSTA

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE. (Assunto il 08/07/2015 Prot. n. 1199) Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria. n. 7175 del 09/07/2015

DECRETO DEL DIRIGENTE. (Assunto il 08/07/2015 Prot. n. 1199) Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria. n. 7175 del 09/07/2015 DIPARTIMENTO N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione, Politiche Sociali SETTORE N. 4 Politiche Sociali, Politiche della Famiglia Servizio Civile, Volontariato e Terzo Settore DECRETO DEL DIRIGENTE

Dettagli

Approvazione Avviso Pubblico Piani formativi territoriali per la sicurezza sul lavoro - articolo 9 Legge n.236 del 19 luglio 1993"

Approvazione Avviso Pubblico Piani formativi territoriali per la sicurezza sul lavoro - articolo 9 Legge n.236 del 19 luglio 1993 Dipartimento Formazione Lavoro Cultura e Sport 74AB-Ufficio Formazione Continua e A.F Approvazione Avviso Pubblico Piani formativi territoriali per la sicurezza sul lavoro - articolo 9 Legge n.236 del

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SETTORE 1 DECRETO. (ASSUNTO IL 04 dicembre 2014 PROT. N.631 )

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SETTORE 1 DECRETO. (ASSUNTO IL 04 dicembre 2014 PROT. N.631 ) REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SETTORE 1 DECRETO (ASSUNTO IL 04 dicembre 2014 PROT. N.631 ) " Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria " N. 14806 del

Dettagli

(Pubblicato nella Gazz. Uff. 21 settembre 2005, n. 220)

(Pubblicato nella Gazz. Uff. 21 settembre 2005, n. 220) Decreto Ministero del lavoro e delle politiche sociali 22 luglio 2005 Ripartizione delle risorse finanziarie affluenti al Fondo nazionale per le politiche sociali, per l'anno 2005. (Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 683 del 10/12/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 683 del 10/12/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 683 del 10/12/2012 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 1 Prevenzione, Assist. Sanitaria - Igiene sanitaria Oggetto dell'atto: FONDO SANITARIO NAZIONALE. QUOTE A DESTINAZIONE

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 36/6 DEL 14.7.2015

DELIBERAZIONE N. 36/6 DEL 14.7.2015 Oggetto: Adempimenti connessi alla legge 4 luglio 2005, n. 123 Norme per la protezione dei soggetti malati di celiachia : 36.093,10 - Capitolo SC05.0138 della U.P.B. S05.01.007 del Bilancio Regionale 2015

Dettagli

Relatore: Michelangelo mirabello

Relatore: Michelangelo mirabello PROPOSTA Di legge n. 57/x^ Di Iniziativa dei consiglieri REGIONALi m. MIRABELLO, G. GIUDICEANDREA, D. BATTAGLIA, N. IRTO, D. BEVACQUA e S. ROMEO recante: INTERVENTI PER L ASSISTENZA A FAVORE DI PERSONE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 9/21 DEL 10.3.2015

DELIBERAZIONE N. 9/21 DEL 10.3.2015 Oggetto: Disposizioni per il definitivo superamento degli Ospedali psichiatrici giudiziari in attuazione della legge n. 9/2012 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 28 ottobre 2014

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 28 ottobre 2014 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 28 ottobre 2014 Individuazioni di mutui e prestiti obbligazionari ad attivazione differita ovvero attivati con ritardo rispetto alla decorrenza dell'autorizzazione

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A G I U N T A R E G I O N A L E

R E G I O N E C A L A B R I A G I U N T A R E G I O N A L E R E G I O N E C A L A B R I A G I U N T A R E G I O N A L E Deliberazione n. 34 della seduta del 24 febbraio 2015. Oggetto: Nucleo Regionale di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici. Determinazioni.

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri IL MINISTRO PER LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E L INTEGRAZIONE VISTO il decreto legge 16 maggio 2008, n. 85, recante «Disposizioni urgenti per l'adeguamento delle strutture di Governo in applicazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE RISORSE, L ORGANIZZAZIONE E IL BILANCIO SOTTOSCRIZIONE DEFINITIVA ACCORDO UTILIZZO DEL FONDO UNICO DI AMMINISTRAZIONE ANNO 2014 La delegazione di parte pubblica del Ministero

Dettagli

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze,

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, VISTA la Legge 8 luglio 1986, n. 349 e s.m.i., Istituzione del Ministero dell Ambiente e norme in materia di danno ambientale ; VISTA la Legge

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 12 Turismo, Sport, Spettacolo e Politiche Giovanili SETTORE PROMOZIONE ED ORGANIZZAZIONE TURISTICA

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 12 Turismo, Sport, Spettacolo e Politiche Giovanili SETTORE PROMOZIONE ED ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 12 Turismo, Sport, Spettacolo e Politiche Giovanili SETTORE PROMOZIONE ED ORGANIZZAZIONE TURISTICA DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SETTORE (assunto il 12 Dicembre

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE N. 3

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE N. 3 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE N. 3 DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE (Assunto il 11/05/2016 prot. n.1361) Registro

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore CAMPONESCHI MAFALDA. Responsabile del procedimento MAFALDA CAMPONESCHI. Responsabile dell' Area O.

DETERMINAZIONE. Estensore CAMPONESCHI MAFALDA. Responsabile del procedimento MAFALDA CAMPONESCHI. Responsabile dell' Area O. REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: LAVORO AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE N. G14777 del 20/10/2014 Proposta n. 16625 del 30/09/2014 Oggetto: Presenza annotazioni contabili D.G.R. 3 febbraio 2012,

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE PROGETTO TRIENNALE DI POTENZIAMENTO DELL ASSISTENZA DOMICILIARE NEL LAZIO, ANNI 1998/2000. Premessa Il programma di assistenza

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 104 13/01/2014 Identificativo Atto n. 9 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI

Dettagli

2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 TOTALE 1.585.620 1.500.000 1.500.000 1.500.000 1.500.000 1.500.000 1.500.000 10.585.620

2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 TOTALE 1.585.620 1.500.000 1.500.000 1.500.000 1.500.000 1.500.000 1.500.000 10.585.620 REGIONE PIEMONTE BU4 28/01/2016 Codice A1705A D.D. 24 novembre 2015, n. 753 Oneri per il piano di comunicazione PSR 2014-2020. Postalizzazione di un numero della rivista "Quaderni Agricoltura". Impegno

Dettagli

Le modifiche sono riportate tra i segni ((... )).

Le modifiche sono riportate tra i segni ((... )). Decreto Legge 28-12-1998 n. 450 Disposizioni per assicurare interventi urgenti di attuazione del Piano sanitario nazionale 1998-2000. Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 29 dicembre 1998, n. 302 Testo

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze la legge 31 dicembre 2009, n. 196 Legge di contabilità e finanza pubblica ; il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, con particolare riguardo all articolo 3-septies

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 06-05-2013 (punto N 13 ) Delibera N 330 del 06-05-2013 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Politiche Sociali SETTORE : Locci Lucia. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 07/02/2013. in data

COMUNE DI SESTU. Politiche Sociali SETTORE : Locci Lucia. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 07/02/2013. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Politiche Sociali Locci Lucia DETERMINAZIONE N. in data 245 07/02/2013 OGGETTO: Leggi regionali n. 11/1985 e n. 43/1993 - Erogazione delle provvidenze economiche

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri IL MINISTRO PER LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E L INTEGRAZIONE VISTO il decreto legge 16 maggio 2008, n. 85, recante «Disposizioni urgenti per l'adeguamento delle strutture di Governo in applicazione

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE. Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria OGGETTO:

DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE. Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria OGGETTO: REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO 7 SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI SETTORE 2 Procedure FESR, attività economiche: programmazione ed attuazione DECRETO DEL DIRIGENTE

Dettagli

private autorizzate e accreditate del Dipartimento di Salute Mentale dell Azienda U.S.L. Valle d Aosta, secondo la normativa vigente, come segue:

private autorizzate e accreditate del Dipartimento di Salute Mentale dell Azienda U.S.L. Valle d Aosta, secondo la normativa vigente, come segue: LA GIUNTA REGIONALE - visto l articolo 3-septies del decreto legislativo n. 502 del 30 dicembre 1992, così come modificato ed integrato dal decreto legislativo n. 229 del 19 giugno 1999, che prevede le

Dettagli

COMUNITA VALSUGANA E TESINO SETTORE SOCIO - ASSISTENZIALE

COMUNITA VALSUGANA E TESINO SETTORE SOCIO - ASSISTENZIALE COMUNITA VALSUGANA E TESINO SETTORE SOCIO - ASSISTENZIALE DETERMINAZIONE NR. 447 ASSUNTA IN DATA 10/12/2015 OGGETTO : L. 448/98: annullamento in autotutela del provvedimento del Responsabile del Settore

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 26 marzo 2013. Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientiþ che che chiedono il loro accreditamento per lo svolgimento di attività

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 14/10/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 82 - Supplemento n.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 14/10/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 82 - Supplemento n. Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 7 ottobre 2014, n. 647 Istituzione dell'osservatorio regionale per l'attuazione della legge 7 aprile 2014, n. 56 «Disposizioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per la politica finanziaria

Dettagli

R E G I O N E C A L A B RIA

R E G I O N E C A L A B RIA R E G I O N E C A L A B RIA G I U N T A R E G I O N A L E D i p a r t i m e n t o N. 10 Politiche del Lavoro, della Formazione, Pari Opportunità, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato DECRETO

Dettagli

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2 4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 Legge regionale 2 agosto 2013, n. 45 famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Interventi di sostegno finanziario

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie (in GU 6 giugno 2001, n. 129) IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI ISCRITTI ALLE UNIVERSITÀ LOMBARDE. APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BANDO REGIONALE

PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI ISCRITTI ALLE UNIVERSITÀ LOMBARDE. APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BANDO REGIONALE Giovanni Rossoni PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI ISCRITTI ALLE UNIVERSITÀ LOMBARDE. APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BANDO REGIONALE Olivia Postorino Roberto Albonetti 2 VISTO il regolamento

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 13/21 DEL 15.3.2011

DELIBERAZIONE N. 13/21 DEL 15.3.2011 IBERAZIONE N. 13/21 15.3.2011 Oggetto: Attribuzione alle aziende sanitarie regionali delle risorse destinate al finanziamento della spesa sanitaria di parte corrente per l esercizio 2010. L Assessore dell

Dettagli

REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA'

REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale dell' Istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento dell' Istruzione e della Formazione Professionale MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA

Dettagli

Oggetto: Prodotti senza glutine ai soggetti celiaci. Ampliamento delle modalità di erogazione. LA GIUNTA REGIONALE

Oggetto: Prodotti senza glutine ai soggetti celiaci. Ampliamento delle modalità di erogazione. LA GIUNTA REGIONALE Oggetto: Prodotti senza glutine ai soggetti celiaci. Ampliamento delle modalità di erogazione. LA GIUNTA REGIONALE Su proposta del Presidente della Regione Lazio, VISTO lo Statuto della Regione Lazio;

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU44 31/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 7 ottobre 2013, n. 10-6456 Art.6 comma 8 L.184/83: approvazione criteri in materia di interventi a sostegno delle adozioni di minori

Dettagli

\Ä ` Ç áàüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx. \Ä ` Ç áàüé wxääëxvéçéå t x wxääx Y ÇtÇéx. di concerto con

\Ä ` Ç áàüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx. \Ä ` Ç áàüé wxääëxvéçéå t x wxääx Y ÇtÇéx. di concerto con \Ä ` Ç áàüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx di concerto con \Ä ` Ç áàüé wxääëxvéçéå t x wxääx Y ÇtÇéx VISTO il decreto legislativo 26 febbraio 1994, n. 143, recante istituzione dell Ente nazionale per le strade;

Dettagli

DGR 2889 DD. 26.9.2003

DGR 2889 DD. 26.9.2003 DGR 2889 DD. 26.9.2003 VISTO il documento di indirizzo programmatico per l anno 2003 predisposto, ai sensi dell art. 6 della L.R. 27 marzo 1996, n. 18 e successive modificazioni ed integrazioni, dalla

Dettagli

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Interventi di sostegno finanziario in favore delle famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Pubblicata

Dettagli

SERVIZIO 1 - AFFARI GENERALI - SEGRETERIA. n. 1 del 12.01.2015

SERVIZIO 1 - AFFARI GENERALI - SEGRETERIA. n. 1 del 12.01.2015 REGISTRO GENERALE DETERMINE Atto n.ro 9 del 12/01/2015 - Pagina 1 di 6 SERVIZIO 1 - AFFARI GENERALI - SEGRETERIA ORIGINALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO n. 1 del 12.01.2015 OGGETTO : LIQUIDAZIONE

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ABITATIVE Divisione V Direzione Programmazione

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 318 del 01/04/2015

Delibera del Direttore Generale n. 318 del 01/04/2015 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1243 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Assegnazione all'università degli studi di Trento di risorse per l'esercizio finanziario

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 27 ottobre 2011 Modifica ed abrogazione del decreto 4 febbraio 2010 concernente i criteri e le modalita' di ripartizione delle disponibilita' del

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimen t o Ist ru zi on e, Formazi on e e La vo r o Sistema Scolastico - Educativo regionale - Settore

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimen t o Ist ru zi on e, Formazi on e e La vo r o Sistema Scolastico - Educativo regionale - Settore O GG E TTO : Parametri di spesa per percorsi di IeFP (II e III annualità) triennio IeFP 2013/2016 (dgr 190/12), modalità e termini per la presentazione dei progetti di dettaglio I annualità 2014/15 (triennio

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 69/ 23 DEL 10.12.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 69/ 23 DEL 10.12.2008 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 69/ 23 Oggetto: LR 20/ 97, art. 3. Finanziamento di progetti d intervento a favore di persone con disturbo mentale e di persone con disabilità intellettive.

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia; Oggetto: Piano di utilizzazione annuale 2011 degli stanziamenti per il sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali. Approvazione documento concernente Linee guida ai Comuni per l utilizzazione

Dettagli

Decreto ministeriale n. 21

Decreto ministeriale n. 21 Decreto ministeriale n. 21 Il Ministro della Pubblica Istruzione Roma, 1 marzo 2007 VISTA la legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello

Dettagli

DPGR - CA n. 69 del 29 maggio 2013

DPGR - CA n. 69 del 29 maggio 2013 REGIONE CALABRIA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE (nella qualità di Commissario ad acta per l'attuazione del piano di rientro dai disavanzi del settore sanitario della Regione Calabria, nominato

Dettagli

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GALEOTTI UGO

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GALEOTTI UGO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE ORGANIZZAZIONE AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Il Dirigente Responsabile: GALEOTTI UGO Decreto

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO AGRICOLTURA 21 gennaio 2013, n. 23

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO AGRICOLTURA 21 gennaio 2013, n. 23 3134 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 13 del 24-01-2013 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO AGRICOLTURA 21 gennaio 2013, n. 23 Misura Investimenti Piano Nazionale di Sostegno Vitivinicolo

Dettagli

- il D.P.C.M. 14.02.2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni sociosanitarie ;

- il D.P.C.M. 14.02.2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni sociosanitarie ; REGIONE ABRUZZO DELIBERAZIONE NR. 742 DEL 12/11/2012 GIUNTA REGIONALE Omissis LA GIUNTA REGIONALE Visti - il D.P.C.M. 14.02.2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni sociosanitarie

Dettagli

Direzione Regionale: SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Area: INVEST. IN EDIL. SANIT., HTA E NUCLEO DI VALUTAZ. PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE

Direzione Regionale: SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Area: INVEST. IN EDIL. SANIT., HTA E NUCLEO DI VALUTAZ. PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. 176 DEL 28/04/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 6259 DEL 21/04/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Area: INVEST. IN EDIL.

Dettagli

SCHEMA TRA. parti della presente convenzione

SCHEMA TRA. parti della presente convenzione ALLEGATO 3 Ministero delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti S.p.A. SCHEMA Convenzione per la gestione delle risorse destinate al finanziamento del Programma Straordinario di Edilizia Residenziale

Dettagli

Ripartizione dei finanziamenti ai programmi regionali sulla "Carbon Tax"

Ripartizione dei finanziamenti ai programmi regionali sulla Carbon Tax N.d.R.: il testo è coordinato con le modifiche apportate dal Dm 5 marzo 2002 (Gazzetta ufficiale 13 giugno 2002 n. 137). Tutte le modifiche di carattere aggiuntivo sono evidenziate in neretto. Decreto

Dettagli

MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 19 marzo 2015: Aggiornamento della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private di cui al decreto 18 settembre

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

triennale di c 337.500,00 ; triennale di c 337.500,00; (N. 329 gratuito)

triennale di c 337.500,00 ; triennale di c 337.500,00; (N. 329 gratuito) 1936 Catanzaro e codice 33 TARGET di Crotone occorre assegnare nell immediato l attività formativa, per non far disperdere gli allievi che parteciperanno a tali attività e creare un ulteriore danno ai

Dettagli

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra Allegato A alla delibera avente per oggetto: Piano nazionale di edilizia abitativa. D.P.C.M. 16 luglio 2009. Accordo di Programma tra il Ministero delle Infrastrutture e i Trasporti e la Regione Piemonte

Dettagli

366/98, DM 557/99, L.R.

366/98, DM 557/99, L.R. BILITÀ DI DELI BERAZI ONE UNTA REGI ONALE ionale della Sicurezza Stradale Variazione al Bilancio di previsione 2014 ai sensi dell art. 42 E GESTIONE DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE 1 L Assessore alle Infrastrutture

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI d) relazioni bilaterali con la Turchia, i Paesi del Caucaso, le Repubbliche centrasiatiche e la Russia; e) temi trattati nell ambito delle Nazioni Unite e delle Agenzie Specializzate; f) temi relativi

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 18 novembre 2009 Istituzione di una rete nazionale di banche per la conservazione di sangue da cordone ombelicale. (09A15289) IL MINISTRO

Dettagli

Il provvedimento che si pubblica - emanato del Direttore dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, d intesa con il Ragioniere Generale dello Stato e

Il provvedimento che si pubblica - emanato del Direttore dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, d intesa con il Ragioniere Generale dello Stato e Il provvedimento che si pubblica - emanato del Direttore dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, d intesa con il Ragioniere Generale dello Stato e sentita la Banca d Italia - contiene le istruzioni operative

Dettagli

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2013 e Pluriennale 2013/2015 SOMMARIO

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2013 e Pluriennale 2013/2015 SOMMARIO Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2013 e Pluriennale 2013/2015 Preambolo SOMMARIO Art. 1 Art. 2 - Bilancio annuale - Bilancio pluriennale Art. 3 - Allegati ex art.

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia di formazione continua, definendone le finalità, i

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 646 23/11/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 18299 DEL 23/11/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: BILANCIO PROGRAM. ECONOMICA, BILANCIO, DEMANIO E PATRIMONIO

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 26-08-2013 (punto N 6 ) Delibera N 715 del 26-08-2013 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Politiche Sociali SETTORE : Locci Lucia. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 17/11/2015. in data C O P I A

COMUNE DI SESTU. Politiche Sociali SETTORE : Locci Lucia. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 17/11/2015. in data C O P I A COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Politiche Sociali Locci Lucia DETERMINAZIONE N. in data 1749 17/11/2015 OGGETTO: Finanziamento Regionale per inquilini morosi incolpevoli -accertamento del finanziamento

Dettagli

N. 0100885 - DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. UFFICIO X - IL DIRIGENTE

N. 0100885 - DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. UFFICIO X - IL DIRIGENTE N. 0100885 - DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. UFFICIO X - IL DIRIGENTE VISTO il decreto-legge 8 luglio 2002 n. 138, convertito, con modificazioni, nella legge 8 agosto 2002,

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

REGIONE LAZIO. 10/07/2012 - prot. 340 GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE

REGIONE LAZIO. 10/07/2012 - prot. 340 GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 361 13/07/2012 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11849 DEL 12/06/2012 STRUTTURA PROPONENTE Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale:

Dettagli

Art. 1 1 Educazione sanitaria motoria e sportiva e tutela sanitaria delle attività sportive

Art. 1 1 Educazione sanitaria motoria e sportiva e tutela sanitaria delle attività sportive LEGGE REGIONALE 30 novembre 1981, n. 66 Norme per la promozione dell educazione sanitaria motoria e sportiva e per la tutela sanitaria delle attività sportive. (B.U.R. 2 Dicembre 1981, n. 48, 1 suppl.

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1422/2014 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno mercoledì 23 del mese di luglio dell' anno 2014 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Delibera CIPE del 21 marzo 1997 Criteri per la ripartizione dei finanziamenti relativi al programma operativo di metanizzazione del Mezzogiorno e direttive per l istruttoria delle domande di ammissione

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SETTORE (ASSUNTO il / prot. n.

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA III^ Commissione Permanente Attività Sociali - Sanitarie - Culturali - Formative

CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA III^ Commissione Permanente Attività Sociali - Sanitarie - Culturali - Formative Disegno di legge n. 41/9^ Norme per il sostegno delle persone non autosufficienti. Fondo per la non autosufficienza Proponente: Giunta regionale Depositato presso la Segreteria Assemblea del Consiglio

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 11345 01/12/2014 Identificativo Atto n. 1172 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE PROGETTO SPERIMENTALE DI MASTER RIVOLTO AD APPRENDISTI ASSUNTI AI SENSI DELL ART. 5 DEL D.LGS.

Dettagli

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT DETERMINAZIONE. Estensore ORLANDI MARIA CRISTINA. Responsabile del procedimento DI TULLIO PATRIZIA

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT DETERMINAZIONE. Estensore ORLANDI MARIA CRISTINA. Responsabile del procedimento DI TULLIO PATRIZIA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA DETERMINAZIONE N. G19250 del 30/12/2014 Proposta n. 22841 del 30/12/2014 Oggetto: Presenza

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 agosto 2006, n. 580. Approvazione accordo integrativo regionale dei medici di medicina generale

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 agosto 2006, n. 580. Approvazione accordo integrativo regionale dei medici di medicina generale 16-9-2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - PartiIeII-n.17 20295 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 agosto 2006, n. 580 Approvazione accordo integrativo regionale dei medici di medicina

Dettagli

Pubblicazione su internet dei bilanci preventivi e consuntivi

Pubblicazione su internet dei bilanci preventivi e consuntivi LexItalia.it Rivista internet di diritto pubblico http://www.lexitalia.it/a Pubblicazione su internet dei bilanci preventivi e consuntivi D.P.C.M. 22 settembre 2014* (in G.U. n. 265 del 14 novembre 2014)

Dettagli