FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA BILANCIO SOCIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA BILANCIO SOCIALE"

Transcript

1 FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA BILANCIO SOCIALE 2013

2

3 BILANCIO SOCIALE 2013 FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA

4

5 INDICE Lettera del Presidente Pag. 1 Lettera del Vice Presidente Pag. 3 Nota metodologica Pag. 5 Solidarietà intergenerazionale, trasparenza gestionale, salvaguardia del patrimonio professionale del management industriale italiano: l impegno del Fasi Pag. 6 L impegno per gli anziani/pensionati Trasparenza ed efficienza gestionale a garanzia degli stakeholder Salvaguardia del patrimonio professionale del management industriale italiano 1. Una storia lunga 36 anni Pag Chi siamo Pag La nostra storia Pag La carta dei valori Pag Perché i Fondi sanitari integrativi? Pag Il Fasi oggi Pag Gli stakeholder Pag I canali di comunicazione Pag L assetto istituzionale Pag Le attività del Fasi Pag Impatti, rischi e opportunità del Fasi Pag Forme di assistenza Pag Non autosufficienza Pag Contributi e benefici fiscali Pag Prevenzione e pacchetti prevenzione Pag Dematerializzazione Pag Il Sistema Fasi Pag FasiOpen Pag GSR Pag La relazione Sociale Pag Parti Istitutive Pag Iscritti e assistiti Pag Aziende Pag Strutture sanitarie e professionisti Pag Risorse umane Pag. 44 Lettera del Direttore Pag Fornitori Pag Istituzioni Pag Comunità e media Pag Ambiente Pag Generazione e distribuzione del valore Pag Uno sguardo al futuro Pag Gli obiettivi del Fasi Pag Il Fasi verso il 2014 Pag. 57 Appendice Pag. 58 Relazione della società di revisione Pag. 74 Bilancio Sociale

6 4 Bilancio Sociale 2013 Fondo Assistenza Sanitaria Integrativa

7 Lettera del Presidente Era nostra intenzione, apprestandoci a redigere il presente Bilancio, introdurre elementi strutturali d innovazione rispetto alle passate edizioni, che potessero rendere al meglio lo spirito con cui abbiamo operato durante l anno. Lo abbiamo fatto con l obiettivo che il Bilancio Sociale 2013 documenti nel concreto e non solo in via di principio - il nostro impegno etico e di responsabilità sociale in favore degli assistiti, delle imprese contribuenti e di tutti i soggetti con cui interloquiamo. Questo sforzo, che è già in larga parte ricompensato dal sostegno che Confindustria e Federmanager esprimono in favore delle scelte proposte da questa amministrazione, è stato premiato con il massimo livello di compliance attribuibile al documento, segnando un passo avanti ulteriore rispetto ai risultati conseguiti dalle edizioni precedenti. Scorrendo queste pagine, sarà possibile individuare la terna di obiettivi che costituiscono il cuore della nostra azione e ai quali questa pubblicazione dà il meritato risalto. Il primo aspetto riguarda la difesa del principio di solidarietà intergenerazionale che il Fasi onora sin dalla sua costituzione nel La finalità mutualistica che ispira il nostro Fondo consente la protezione della salute dei nostri iscritti per tutto l arco della loro vita, anche dopo il pensionamento. Certo è che, di fronte ai cambiamenti demografici in atto, non adeguatamente compensati dalle dinamiche occupazionali, il reciproco sostegno tra componente in attività e componente in pensione della nostra popolazione assume un significato valoriale inestimabile e impone a chi siede al vertice del Fasi di restare sensibile alle indicazioni delle Parti Sociali. Questo rilievo consente di capire perché, ad esempio, abbiamo scelto di potenziare la tutela della non autosufficienza, di impiegare energie in favore della prevenzione sanitaria, di introdurre per la prima volta il concetto di benessere e di stili di vita tra i nostri assets. In seconda istanza, tra le priorità abbiamo inserito il tema della trasparenza ed efficienza gestionale. È chiaro che le sfide che riguardano la Sanità nel suo complesso richiedono performances di livello e una gestione della spesa trasparente e costantemente monitorata. In collaborazione con le Parti Sociali, abbiamo perciò promosso la redazione di un bilancio tecnico attuariale, qualificato i controlli interni e avviato un programma di investimenti in ICT. Infine, al terzo posto, abbiamo voluto evidenziare il nostro obiettivo di salvaguardia del patrimonio professionale del management italiano. È una priorità per il Paese e per qualsiasi chances di sviluppo che si voglia seriamente prefigurare. Le nostre policies guardano al sostegno al reddito ma soprattutto al rilancio delle professionalità e alla formazione dei dirigenti, sia che operino in aziende piccole, medie o di grandi dimensioni. Se, come avevo enunciato, il 2012 è stato l anno della prevenzione, il 2013 è sicuramente stato l anno del welfare integrato. Il nostro sistema di assistenza, venendo incontro a una domanda di prestazioni crescente, ha svolto la propria funzione offrendo risposte in modo attivo, propositivo, vivace, e in linea con la mission del Fondo. Quello su cui oggi stiamo lavorando e le cui premesse si vedono già in questo report è fare del 2014 l anno dell innovazione e della semplificazione. Il progetto è ambizioso e riguarda lo sviluppo delle nuove tecnologie, lo snellimento delle procedure, la dematerializzazione delle richieste di rimborso. Su questo capitolo stiamo giocando le possibilità che il Fasi, oltre a tagliare i costi che il progresso tecnologico ha reso non più giustificabili, costruisca una relazione più trasparente e immediata con imprese e dirigenti e, in definitiva, si ponga da protagonista nell orizzonte della Sanità Digitale. Stefano Cuzzilla Presidente Fasi Bilancio Sociale

8 2 Bilancio Sociale 2013 Fondo Assistenza Sanitaria Integrativa

9 Lettera del Vice Presidente Siamo giunti alla terza edizione del Bilancio Sociale del Fasi e questa iniziativa continua a crescere, consolidandosi, per rappresentare al meglio con dati reali e quantitativi l impatto del Fondo all interno del sistema della sanità integrativa. La scelta di realizzare il Bilancio Sociale ci ha consentito di migliorare la nostra comunicazione con tutti gli stakeholder, affiancando al tradizionale bilancio di esercizio uno strumento di rendicontazione che consente una lettura a più dimensioni dell attività del Fasi che non si limita al dato economico ma ne descrive anche gli aspetti sociali ed ambientali. Il sistema sociale e sanitario è coinvolto in modo significativo dalla profonda crisi economica che attraversa il nostro Paese ormai da diversi anni. Anche se iniziamo a cogliere alcuni positivi segnali di ripresa, è sotto gli occhi di tutti quanto il clima attuale continui a condizionare le famiglie e le imprese, riducendo benessere, crescita e la possibilità stessa di progettare il futuro. In questo quadro non facile, il Fasi ha mantenuto i suoi standard di servizio e ha continuato a rafforzarsi: lo dimostrano le iniziative poste in essere in favore dei nostri iscritti nonostante ciò abbia significato un forte impegno nella gestione patrimoniale ed operativa del Fondo. Da anni infatti ci siamo attivati per raggiungere un livello di governance interna che ci consenta di monitorare la sostenibilità del Fondo e di poter tempestivamente intervenire per ristabilire gli equilibri grazie anche al supporto delle Parti Sociali. Nella logica della trasparenza valutiamo le nostre azioni e la loro coerenza con la mission del Fasi, convinti che la nostra funzione debba essere sempre più rivolta agli assistiti e alle loro richieste, non solo per saper interpretare i loro bisogni ma per renderci co-partecipi della loro realizzazione. Di qui il nostro ricorso a tecnologie digitali sempre più avanzate che consentano ai nostri iscritti di poter interagire con il Fondo direttamente dalle loro case, in modo snello e veloce e con tempi di risposta da parte nostra notevolmente ridotti. Tutto ciò seguito da un risparmio economico che ci consente di poter mantenere gli equilibri e investire le risorse in progetti ulteriori e innovativi tra i quali ad esempio i servizi che valorizzino l utilizzo delle stesse tecnologie digitali. Il Bilancio Sociale dunque sta per noi diventando anno dopo anno metro e storia della nostra attività, delle nostre idee e progetti, delle nostre relazioni e realizzazioni dandoci la misura di dove siamo arrivati e al tempo stesso del cambiamento che vogliamo essere. Luca Del Vecchio Vice Presidente Fasi Bilancio Sociale

10 4 Bilancio Sociale 2013 Fondo Assistenza Sanitaria Integrativa

11 Nota metodologica Il Bilancio Sociale del Fasi, Fondo di Assistenza Sanitaria Integrativa (di seguito anche Fondo e Fasi ), relativo all anno 2013, è stato redatto in conformità all aggiornamento delle linee guida Sustainability Reporting Guidelines definite nel 2011 (versione 3.1) dal GRI-Global Reporting Iniziative. Trattasi del terzo Bilancio Sociale redatto dal Fondo. Il primo Bilancio Sociale si riferiva all esercizio chiuso al 31 dicembre Le suddette linee guida GRI possono essere adottate per gradi diversi (C, B e A) che riflettono la crescente applicazione delle stesse. Le organizzazioni autodichiarano il livello di reporting e qualora ricevano la revisione da parte di un ente terzo, possono aggiungere un più (+) al livello conseguito. Il Bilancio Sociale 2013 ha raggiunto un livello di applicazione A. Si tratta di un significativo miglioramento in termini di gestione e rendicontazione delle tematiche di sostenibilità che sottolinea l impegno del Fasi a comunicare in maniera sempre più trasparente nei confronti dei suoi stakeholder. Il Bilancio Sociale 2011 e quello 2012 hanno invece rappresentato delle tappe di un percorso che ha permesso quest anno di ottenere il massimo livello di compliance con le linee guida GRI G3.1. Anche per il 2013 il Bilancio Sociale è oggetto di revisione limitata da parte di KPMG, pertanto raggiunge il livello A+. Come richiesto dalle linee guida del GRI, in appendice è riportato il GRI- G3.1 Index che sintetizza il contenuto del Bilancio in riferimento agli indicatori GRI. Il Bilancio Sociale è stato redatto sulla base degli obiettivi del Fondo, in relazione alla performance di sostenibilità e alla rendicontazione dei risultati conseguiti. Il processo di redazione del documento ha previsto l identificazione degli aspetti significativi da rendicontare, così come il miglioramento dei processi di gestione e di controllo interno dei dati e delle informazioni presentate nel Bilancio Sociale. Sono state individuate le informazioni da includere nel presente Bilancio in relazione alla loro utilità informativa per i principali stakeholder. I dati presenti in Bilancio sono stati calcolati in modo puntuale sulla base delle risultanze della contabilità generale e degli altri sistemi informativi del Fasi; in caso di stime, nella determinazione degli indicatori, è stata indicata la modalità seguita per quantificarle. In Bilancio (se non diversamente specificato) è esposta la situazione riguardante il triennio , al fine di fornire al lettore un parametro di confronto della performance economica, sociale, ambientale e di governance. Non ci sono state limitazioni e variazioni che possano significativamente influenzare la comparabilità tra i periodi. L informativa presentata in questo Bilancio riguarda principalmente l attività svolta dal Fasi. Solo in alcuni casi, di volta in volta espressamente esplicitati, l informativa è data, in forma aggregata, per le gestioni Fasi e FasiOpen. Inoltre, al fine di uniformarsi a quanto riportato all interno del Rendiconto di Esercizio 2013, quest anno è stato scelto di inserire i principali dati ed informazioni che descrivono l andamento della Gestione Separata di Sostegno al Reddito (GSR). Bilancio Sociale

12 SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE, TRASPARENZA GESTIONALE, SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO PROFESSIONALE DEL MANAGEMENT ITALIANO: L IMPEGNO DEL FASI L impegno per gli anziani/pensionati Da sempre il Fasi assiste, oltre i dirigenti attivi, anche i pensionati ed i loro nuclei familiari. Questa è una delle caratteristiche più importanti del Fondo, che lo differenzia da molti altri fondi sanitari contrattuali, prevalentemente finalizzati all assistenza dei soli lavoratori attivi, in cui l onere dei contributi è a carico delle aziende e dei dirigenti attivi. L impegno verso i pensionati/anziani è diventato nel corso degli anni via via sempre più significativo. Ciò non solo perché nel tempo la popolazione complessiva degli assistiti Fasi è progressivamente invecchiata portando il rapporto attivi/pensionati ad un valore di 0,83, ma anche perché le nuove generazioni di pensionati sono più informate e proattive verso i loro bisogni di salute, con effetti diretti sulla spesa sanitaria. In altri termini, lo stesso pensionato oggi richiede un impegno, in termini di spesa, superiore del 15% rispetto al 2000 e del 50% rispetto al In considerazione quindi della sempre crescente domanda di prestazioni da parte degli iscritti pensionati, e nonostante il perdurare del ciclo economico negativo, il Fasi ha accresciuto la sua attenzione verso questa categoria di assistiti. Lo ha fatto in particolare potenziando le tutele contro la non autosufficienza e mediante una vasta politica di prevenzione. Il Fondo ha incrementato il suo impegno anche cercando di realizzare in numerosi settori delle azioni di semplificazione nei rapporti con gli assistiti. Il Fasi include nella sua carta dei valori il principio di solidarietà intergenerazionale fra dirigenti attivi (statisticamente meno bisognosi di cure) e i dirigenti in pensione (generalmente più bisognosi). Il Fondo è un ente no profit che, non operando alcuna selezione del rischio, continua ad assistere i propri iscritti anche nel momento in cui cessano la loro attività lavorativa ed entrano in pensione. Altri soggetti che operano nel settore della sanità integrativa, invece, operano la selezione dei propri aderenti sulla base di valutazioni legate al rischio sanitario e alle prospettive di vita, commisurandone anche il relativo premio. I costi delle prestazioni erogate in favore dei dirigenti in pensione sono sostenuti dal Fasi senza ricevere alcun sussidio da parte dello Stato il quale, anzi, ha beneficiato di un significativo risparmio in quanto una parte delle prestazioni usufruite dai pensionati assistiti dall ente non va a gravare sul servizio sanitario pubblico. Per evidenziare l impegno economico del Fasi in favore dei dirigenti pensionati (inclusi i familiari assistiti), si pone a raffronto la tabella dell anno 2013 relativa alle richieste di prestazioni accertate pervenute dai dirigenti pensionati (1) con quella relative alle stesse richieste pervenute dai dirigenti in servizio (inclusi i familiari assistiti) (2). 6 Bilancio Sociale 2013

13 TABELLA 1 N. richieste accertate pensionati: TIPO DI PRESTAZIONE IMPORTO RICHIESTO LIQUIDATO Prestazioni mediche specialistiche , ,02 Degenze , ,62 Interventi chirurgici , ,33 Medicinali in degenza , ,73 Materiali , ,94 Analisi ed accertamenti , ,08 Terapie , ,54 Presidi e protesi , ,98 Cure termali , ,55 Tickets , ,85 TOTALE ESCLUSO ODONTOIATRIA , ,66 Cure odontoiatriche e stomatologiche , ,55 TOTALE COMPLESSIVO , ,21 Assistenza medica Infermieristica* ,87 TOTALE , ,08 IVA ,87 TOTALE LIQUIDATO ,95 *Le prestazioni di infermieristica domiciliare sono erogate in servizi TABELLA 2 N. richieste accertate attivi: TIPO DI PRESTAZIONE IMPORTO RICHIESTO LIQUIDATO Prestazioni mediche specialistiche , ,78 Degenze , ,55 Interventi chirurgici , ,46 Medicinali in degenza , ,60 Materiali , ,92 Analisi ed accertamenti , ,53 Terapie , ,01 Presidi e protesi , ,08 Cure termali , ,25 Tickets , ,68 TOTALE ESCLUSO ODONTOIATRIA , ,86 Cure odontoiatriche e stomatologiche , ,84 TOTALE COMPLESSIVO , ,69 IVA ,53 TOTALE LIQUIDATO ,22 Bilancio Sociale

14 Fondo Assistenza Sanitaria Integrativa Confrontando il 2010 numero delle richieste pervenute e accertate 68655nel 2013 nonché i totali liquidati (tabella 1 e 2) si evidenzia come il Fasi, pur essendo rimaste invariate nell ultimo triennio le quote contributive, ha svolto e continua a svolgere una funzione di supporto ai pensionati, anche a discapito del proprio 2012 equilibrio economico Dal biennio (che possiamo indentificare come periodo in 2013 cui è iniziata la crisi economica del nostro Paese), si è verificata un inversione di tendenza per cui i dirigenti in pensione sono progressivamente aumentati rispetto ai dirigenti in servizio (tabella 3). Dirigenti in servizio Pensionati Bilancio Sociale 2013

15 Dirigenti in pensione 2013 (69.497) 2012 (70.027) 2011 (69.078) La solidarietà intergenerazionale e la non selezione del rischio rappresentano quindi i criteri fondamentali del sistema di assistenza integrativa del Fasi, che contribuisce in tal modo alla crescita del welfare in Italia. Al 31 dicembre 2013, i dirigenti Fasi in pensione risultano concentrati nella fascia d età tra i 70 e gli 80 anni, mentre risultano essere in diminuzione i dirigenti in pensione appartenenti alla fascia d età tra i 60 e i 70 anni. In aumento anche i pensionati con età maggiore di 80 anni. Tale distribuzione evidenzia il progressivo invecchiamento della popolazione iscritta. Questo fenomeno comporta una maggiore attenzione nella gestione delle risorse del Fondo al fine di garantire la sostenibilità economica del sistema. Trasparenza ed efficienza gestionale a garanzia degli stakeholder L assenza di una normativa strutturata di settore per la sanità integrativa, a differenza di altri comparti come ad esempio la previdenza complementare, non impone ai fondi ed alle casse sanitarie particolari obblighi dal punto di vista della gestione, della standardizzazione nel trattamento delle informazioni e della redazione dei bilanci. Gli unici vincoli esistenti riguardano la disciplina civilistica generale relativa alle associazioni non riconosciute prevista dal codice civile, la normativa del Ministero della Salute sugli ambiti di intervento e quella fiscale sul trattamento dei contributi versati ai fondi sanitari. Il Fasi, per la sua storia e per la complessa articolazione operativa, ha rappresentato un modello di riferimento cui le Istituzioni hanno guardato in passato per definire la normativa sugli ambiti di intervento. Ciò, oltre che motivo di orgoglio per il Fondo e per le Parti Istitutive, e nonostante non vi siano obblighi di legge al riguardo, ha spinto il Fasi stesso a proseguire su base volontaria il percorso di miglioramento gestionale interno, attraverso l introduzione di strumenti di grande rilevanza per la vita aziendale in grado di rendere sempre più trasparente la gestione del Fondo e di ottimizzare l attività delle sue principali aree operative. Modello organizzativo D.Lgs 231/01 Nel corso del 2013 è stato individuato, all interno dell organigramma del Fasi, il responsabile del coordinamento delle attività relative al D. Lgs 231/01 e si è proceduto con la selezione della società di consulenza per la definizione del modello. È stata altresì effettuata una prima analisi dei rischi e delle aree sensibili alla commissione dei reati presupposto 1. 1 I reati in cui potrebbe incorrere il Fasi sono: Reati contro la Pubblica Amministrazione, Reati societari, Reati di riciclaggio, Sicurezza sul lavoro, Reati nummari, Reati contro la personalità individuale, Reati contro la proprietà individuale, Reati Ambientali, Reati Informatici, Induzione a rendere dichiarazioni mendaci, Corruzione privata. Bilancio Sociale

16 Manuale delle procedure ed Internal Audit Nel corso del 2013 è stata introdotta la funzione di Internal Audit che ha provveduto a redigere e a far approvare il piano annuale degli audit per l anno Il suo compito è quello di verificare il rispetto delle procedure del Fondo 2, di promuovere il loro eventuale miglioramento ed aggiornamento. Il responsabile dell Internal Audit nello svolgimento delle proprie attività, si interfaccia altresì con il Collegio Sindacale ed il Comitato di Presidenza titolato a formalizzare ogni cambiamento di suddette procedure. Certificazione del Rendiconto di Esercizio e del Bilancio Sociale Anche per il 2013 è proseguita l attività di certificazione del Rendiconto di Esercizio e del Bilancio Sociale che il Fasi ha affidato negli ultimi anni alla Società di Revisione KPMG. Anche queste attività sono state intraprese dal Fondo su base volontaria, non essendoci alcuna disposizione di legge in merito. Bilancio tecnico attuariale Il Fasi, verifica la sostenibilità economica del Fondo nel medio-lungo termine, attraverso la redazione del bilancio tecnico attuariale. Il Bilancio viene sviluppato alla luce delle caratteristiche del Fasi e viene rivisto a seguito di decisione del Consiglio di Amministrazione. Le valutazioni attuariali si fondano sull utilizzo di basi tecniche quali quella demografica ed economico-finanziaria del Fondo. Per un attendibile valutazione della gestione tecnica, viene preso in considerazione un intervallo temporale non inferiore a 3 anni. L ottimizzazione della gestione finanziaria Il Fasi ha rinnovato l incarico ad un Advisor per la verifica dell Asset Allocation Strategica del Fondo, compreso il monitoraggio dell andamento e del rischio della propria gestione finanziaria. Il patrimonio del Fasi risulta essere investito principalmente in: Pronti contro termine; Titoli di Stato Area Euro ed extra Euro; Titoli Obbligazionari Corporate Euro ed extra Euro; Azionario Euro e Monetario Euro; Fondi comuni di investimento; Polizze Assicurative; Gestioni Patrimoniali e Gestioni Patrimoniali in Fondi. L Advisor, oltre a suggerire al Fasi l Asset Allocation Strategica, verifica periodicamente la coerenza della stessa Asset Allocation con il mutare del profilo di rischio dell ente e dei mercati finanziari. 2 Le procedure emanate sono quelle relative: all acquisto di beni e servizi, all acquisizione e gestione dei dati degli assistiti e delle aziende, all incasso dei contributi, al recupero crediti, alla gestione del personale, ai processi specifici del Fasi, alla comunicazione interna ed esterna, all amministrazione, finanza e controllo. 10 Bilancio Sociale 2013

17 Salvaguardia del patrimonio professionale del management industriale italiano La crisi economica che ha coinvolto l Europa negli ultimi anni è responsabile di un aumento del tasso di disoccupazione senza precedenti. La categoria dei dirigenti non è stata risparmiata dai tagli al personale finendo per costituire una delle più colpite dalle ricadute occupazionali della recessione iniziata nel La situazione attuale quindi impone la necessità di confrontarsi con un mercato che lascia pochi spazi ai professionisti che si sono trovati improvvisamente senza un impiego e che desiderano mettere a frutto le proprie competenze accumulate in anni di esperienza. Tale esigenza, si scontra con la realtà di un mondo del lavoro che si trova in una situazione statica (se non regressiva) in cui il riposizionamento professionale appare sempre più difficoltoso. Realizzata in ambito Fasi nel 2006, la Gestione Separata per il sostegno al Reddito rappresenta un innovazione istituzionale nel panorama delle relazioni sindacali italiane. Con tale strumento le Parti Sociali hanno inteso promuovere una forma di sostegno categoriale integrativa di quella pubblica alla luce delle difficoltà economiche e del mercato del lavoro collegate alla crisi in corso in questi ultimi anni. L idea di base non è quella di prevedere unicamente tutele passive di tipo monetario ma anche un supporto finalizzato al ricollocamento del dirigente (servizio di placement). Il patrimonio della GSR si alimenta attraverso il contributo a carico delle aziende aderenti pari a 100 Euro annui per ogni dirigente in servizio. L attività è stata avviata in via sperimentale il 1 gennaio 2007, con durata prevista inizialmente fino al 31 dicembre 2008 ed in seguito estesa al 31 dicembre La messa a regime dello strumento non è stata facile in questi anni. La sperimentazione ha soprattutto scontato le criticità connesse all individuazione di un punto di equilibrio economico per uno strumento nuovo che non aveva una base storica di dati che rendessero possibile effettuare delle stime attendibili relativamente alle uscite finanziarie. Nonostante tali difficoltà, l operatività della Gestione è stata sempre garantita in totale sicurezza ed ha permesso di sperimentare una storia di successo che, non solo sul piano sindacale, ma soprattutto culturale, ha consentito di ridurre i rischi di depauperamento di un know-how professionale e manageriale che ha così significativamente contribuito allo sviluppo industriale e manifatturiero del nostro Paese. L accordo tra Confindustria e Federmanager del 25 novembre 2009 ha prorogato la durata della Gestione al 31 dicembre 2013, considerando esaurita la fase di avvio a carattere sperimentale. Con tale Accordo le Parti hanno confermato il contributo a carico delle aziende in misura pari a 100 Euro annui per ogni dirigente in servizio nel mese di gennaio di ciascun anno ed hanno esteso l accesso alle prestazioni, a decorrere dal 1 gennaio 2009, anche ai casi di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, in presenza delle condizioni previste dalle Parti e riportate nel Regolamento della GSR-Fasi. La prestazione erogabile in caso di risoluzione consensuale ha esaurito i suoi effetti a decorrere dal 31 dicembre Con l Accordo del 18 aprile 2013 le Parti Sociali hanno convenuto sulla necessità di adeguare alcuni aspetti Statutari e Regolamentari della GSR-Fasi. Un aspetto di particolare rilevanza ha riguardato la decisione di far confluire il Bilancio della GSR-Fasi nel Rendiconto del Fasi, andando così a costituire una gestione unica. Bilancio Sociale

18 La GSR-Fasi a partire dal 2009 ha messo a disposizione di chi ne faccia richiesta un servizio di placement, al fine di fornire un aiuto alla ricollocazione professionale dei dirigenti disoccupati, cercando anche di trovare delle soluzioni occupazionali in linea con la carriera e con le caratteristiche di ognuno. Tale strumento di gestione del percorso professionale ha quindi l obiettivo di accompagnare i dirigenti nell attività di autovalutazione e riqualificazione, favorendone il reinserimento nel mondo del lavoro. Le Società convenzionate con la GSR-Fasi al fine di erogare questo servizio si occupano, in particolare, di ricostruire le pregresse competenze, di redigere un piano professionale individuale, di dare assistenza nella compilazione di un nuovo curriculum vitae e di fornire assistenza nella ricerca attiva di offerte di lavoro. La prestazione di placement, aggiuntiva al trattamento economico corrisposto bimestralmente, è la migliore manifestazione del ruolo propulsivo rivestito dalla GSR-Fasi, che intende andare ben oltre la mera logica assistenziale esclusivamente economica. 12 Bilancio Sociale 2013

19 1. UNA STORIA LUNGA 36 anni Il Fasi, Fondo di Assistenza Sanitaria Integrativa per i dirigenti di aziende produttrici di beni e servizi, è un Associazione di secondo grado senza scopo di lucro, con oltre 36 anni di storia, che opera in base agli accordi contrattuali fra Confindustria e Federmanager. Nato nel 1977, su iniziativa sindacale di categoria, si trasforma nel 1982 in un Fondo a gestione paritetica fra Organizzazioni Sindacali e Organizzazioni Imprenditoriali. Il Fasi è l ente di riferimento nell ambito dell assistenza sanitaria integrativa, per tutti i dirigenti (di seguito anche iscritti ) fin dalla loro nomina in ambito aziendale. Dalla sua nascita ad oggi, il Fasi ha effettuato un significativo percorso di sviluppo, nell ambito di un contesto sociale ed economico caratterizzato dalla scarsità di risorse pubbliche, dal mutamento del concetto di salute (che passa dall assenza di malattia ad un più completo stato di benessere psico-fisico del soggetto) e da una regolamentazione di settore sostanzialmente incompleta. Durante questo cammino, il Fondo ha mostrato una capacità di rinnovarsi nel tempo adattandosi ai cambiamenti in modo proattivo e tenendo sempre al centro della propria missione le esigenze degli assistiti. L impegno profuso dalle Parti Sociali, Confindustria e Federmanager, ha portato ad una trasformazione dell ente fino a renderlo un vero e proprio Sistema Fasi, all interno del quale operano anche GSR e FasiOpen. Oggi il Sistema Fasi è una risposta puntuale ed attenta ad alcune tra le più importanti esigenze di welfare; è un sistema che esalta la mutualità e la solidarietà verso anziani e disoccupati. La missione del Fasi è quella di erogare ai dirigenti volontariamente iscritti, in servizio o in pensione, ed ai loro nuclei familiari prestazioni integrative dell assistenza fornita dal Servizio Sanitario Nazionale nell ambito di un sistema di mutualità e solidarietà intergenerazionale. Considerato che attualmente il numero dei dirigenti attivi in Italia è pari a circa 80 mila unità il Fasi, con i suoi dirigenti in attività di servizio presso aziende versanti (dei quali 60 mila sono iscritti al Fondo), è una realtà leader del settore. 1.1 Chi siamo FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA Bilancio Sociale

20 FASIOPEN Si rivolge alle aziende che vogliono offrire ai lavoratori non dirigenti ed ai loro familiari una forma di protezione della salute, che è integrativa rispetto a quanto offerto dal Servizio Sanitario Nazionale. È un Fondo Aperto senza scopo di lucro, nato nel 2008 per rispondere al crescente bisogno di assistenza sanitaria integrativa. GSR Nel 2007, il Fasi ha ampliato i servizi offerti ai dirigenti con la GSR, Gestione Separata di Sostegno al Reddito, che si propone di erogare ai dirigenti involontariamente disoccupati, un trattamento economico integrativo dell A.S.p.I. (Assicurazione Sociale per l Impiego) corrisposta dall INPS. Successivamente, con l accordo del 25 novembre 2009, la prestazione prevista dalla GSR è stata estesa, in via sperimentale e per la durata dell accordo stesso, anche al dirigente che abbia risolto il proprio rapporto di lavoro consensualmente, al ricorrere di particolari condizioni. La prestazione erogabile in caso di risoluzione consensuale ha esaurito i suoi effetti a decorrere dal 31 dicembre Col medesimo accordo del 2009, Confindustria e Federmanager hanno affidato, altresì, alla GSR, il compito di finanziare un servizio di placement, al fine di orientare e favorire il reinserimento lavorativo dei dirigenti disoccupati. Nel 2013, le Parti Sociali hanno convenuto di modificare alcuni aspetti Statutari e Regolamentari della GSR-Fasi, facendo confluire il suo Bilancio all interno del Rendiconto Fasi (unitamente a quello di FasiOpen). 1.2 La nostra storia 1977 Nasce il Fasi, su iniziativa sindacale della FNDAI (Federazione Nazionale Dirigenti di Aziende Industriali). Lo scopo del Fondo è quello di erogare prestazioni sanitarie integrative al Sistema Sanitario Nazionale Inizia la gestione paritetica del Fasi tra FNDAI e Confindustria con INTERSID (organizzazione sindacale delle aziende dei gruppi statali IRI e EFIM) e ASAP (Sindacato Aziende Petrolifere). Entra in vigore il nuovo Statuto, Regolamento e Nomenclatore/Tariffario. dal 1994 al 1996 Convenzionamento con alcune strutture sanitarie, anche odontoiatriche, presenti sul territorio nazionale, dapprima in forma indiretta e, dal 1994, anche in forma diretta Nasce il sito 14 Bilancio Sociale 2013

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli