in evidenza La diagnosi della SLA per una persona è come una doccia gelata fatta con una secchiata in testa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "in evidenza La diagnosi della SLA per una persona è come una doccia gelata fatta con una secchiata in testa"

Transcript

1 ottobre N 3 Il periodico di informazione sulla Sanità Integrativa in evidenza La diagnosi della SLA per una persona è come una doccia gelata fatta con una secchiata in testa

2 sommario Health Online periodico bimestrale di informazione sulla Sanità Integrativa editoriale pag. 1 da mutualità a mutua a cura dell Ing. Roberto Anzanello - Direttore responsabile Anno 1 - Ottobre N 3 Direttore responsabile Ing. Roberto Anzanello Direttore editoriale Massimiliano Alfieri Comitato di redazione Manuela Fabbretti Fabio Vitale Luciano Dragonetti Redazione e produzione Fabio Vitale Direzione e Proprietà HHG S.p.A. Via di Santa Cornelia, Formello (RM) Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte può essere riprodotta in alcun modo senza permesso scritto del direttore editoriale. Articoli, notizie e recensioni firmati o siglati esprimono soltanto l opinione dell autore e comportano di conseguenza esclusivamente la sua responsabilità diretta. IN EVIDENZA pag. 2 la moda dell ice-bucket ed il sostegno alla ricerca sulla sla a cura di Maria Cagnoni pag. 4 cancro Stop al nutrimento delle cellule tumorali a cura di Giulia di Michele gli italiani e la sanità integrativa a cura di Manuela Fabbretti pag. 6 struttura e organizzazione di un team gestinone sinistri sanità integrativa a cura di Ivo Fiorelli Registrazione del Tribunale Civile di Roma N 29 del 10 Marzo 2014 Imaginazione e grafica Fabio vitale Copia inviata a il Museo del Mutuo Soccorso - sito in Via di Santa Cornelia, Formello (RM) - ha al suo interno più di 500 reperti di valore storico mutualistico. Aperto dal lunedì al venerdì solo su appuntamento contattando il numero telefonico

3 editoriale Da mutualità a mutua di Roberto Anzanello Negli anni 70 nel nostro paese furono assunte alcune decisioni politiche in campo sanitario di cui ancora oggi subiamo gli effetti e precisamente: Nel 1972 le funzioni sanitarie statali furono trasferite alle regioni; Nel 1977 le funzioni degli enti mutualistici furono trasferite alle regioni; Nel 1978 fu istituito il Servizio Sanitario Nazionale. E risaputo che le decisioni furono assunte con l obiettivo di governare al meglio il sistema sanitario che già mostrava le prime crepe dopo il baby boom degli anni 60, di avvicinare i servizi al cittadino, di integrare organizzativamente in un unica istituzione la pluralità di modelli che allora operavano nel campo sanitario, di controllare al meglio i costi. Con il senno di poi è facile sicuramente criticare ma in questo caso possiamo dire, senza timore di smentita, che difficilmente delle decisioni politiche hanno poi influito in modo così significativo sulla popolazione tutta. Infatti gli effetti di quelle decisioni sono ancora oggi sotto gli occhi di tutti noi: 1. La regionalizzazione dei servizi sanitari ha portato a una continua proliferazione e duplicazione di attività ed organizzazioni con un totale disservizio nei confronti della popolazione; 2. Il ridimensionamento degli enti mutualistici ha determinato la destrutturazione di tutta una serie di servizi gestiti in modo cooperativo con costante diminuzione dei servizi sanitari prestati agli individui ed alle famiglie; 3. La creazione del servizio sanitario ha creato un mostro a molte teste che è divenuto incontrollabile con una costante incremento dei costi sanitari. Le conseguenze di questi effetti hanno inciso ed incidono tutt ora sulla nostra vita quotidiana con uno sviluppo incontrollato della spesa pubblica sanitaria che ha avuto un incidenza importante nel determinare il volume della spesa pubblica nazionale globale e di conseguenza ha causato il continuo crescente aumento della tassazione verso imprese e famiglie, con la creazione di potentati economici e politici spesso causa di malversazione, con la creazione di livelli di servizio sanitario differenziati in modo ingestito da regione a regione in direzione contraria allo spirito sociale di un servizio sanitario equo. E però indispensabile analizzare il perché di questo fenomeno ed andare alle radici del problema per comprenderlo e risolverlo. Sopra abbiamo infatti esposto le decisioni assunte e le loro conseguenze ma il vero danno è stato fatto per mancanza di coerenza con lo spirito di fondo che un servizio sanitario per i cittadini deve avere. Infatti nessun servizio sanitario nazionale, soprattutto in periodi in cui l invecchiamento della popolazione diviene un fenomeno naturale imprescindibile, può sostenere i costi sanitari di un intero popolo, non si tratta di un pensiero ma di una semplice realtà matematicamente calcolabile. Ed è per questo che l errore, a distanza di circa quarant anni non è ancora stato corretto, ma sono stati solo prodotti interventi che si sono rilevati un palliativo per un sistema in crescente crisi. L elemento determinante è infatti che i servizi sanitari per la popolazione non possono che essere gestiti basandosi sul principio della mutualità, ed è questo l aspetto che è stato annullato con le decisioni degli anni 70. La mutualità infatti consente che il contributo di tutti possa aiutare chi ha necessità, ma proprio per questo la mutualità non può essere mediata perché questo ne distorce le valenze. Non può essere mediata dallo Stato dove i contributi versati per la Sanità Nazionale molto spesso vengono spesi per il sostenimento dei modelli organizzativi e la quota destinata ai servizi sanitari diviene sempre minore e dove, molto spesso, le risorse economiche vengono destinate ad altre necessità nazionali. Non può essere mediata dalla Compagnie di Assicurazione ove i premi versati dai clienti devono essere gestiti in una logica di redditività imprenditoriale con conseguente limitazione dei servizi prestati e aumento dei costi e ove l interesse privato dei singoli prevale sull interesse dell insieme degli assicurati. La mutualità può essere quindi solo diretta e gestita dagli enti che hanno come obiettivo solo una corretta gestione della stessa e cioè: Società di Mutuo Soccorso, Casse di Assistenza Sanitaria, Fondi Sanitari. Dagli inizi degli anni 2000 anche la nostra politica ha iniziato a ripensare il sistema sanitario in questa logica ineluttabile prendendo ed applicando tutta una serie di decisioni che dirigono verso la creazione di un sistema sanitario nazionale che fornisca un assistenza sanitaria di base e enti mutualistici che forniscano un assistenza sanitaria integrativa basata sulle logiche della mutualità non mediata. La strada è tracciata e, per il bene della salute di tutti noi, non dobbiamo che percorrerla con convinzione senza lasciarsi condizionare da quelle lobby che per loro interesse economico, personale, politico, imprenditoriale, spingono verso altre decisioni. La soluzione ora è possibile ed attuabile ed è quella corretta e cioè gestire la sanità integrativa secondo il principio della mutualità, compiendo l ultimo passo: trasferire in un quadro legislativo coerente il compito di fornire i servizi sanitari integrativi a chi lo fa per ruolo e non solo per redditività, passando dal concetto di mutualità ad una gestione mutualistica. 1

4 LA MODA DELL ICE-BUCKET ED IL SOSTEGNO ALLA RICERCA SULLA SLA La diagnosi della SLA per una persona è come una doccia gelata fatta con una secchiata in testa Se la secchiata ricevuta per partecipare all Ice Bucket è certamente gelata, è nulla al confronto rispetto a quello che si prova a toccare con mano la realtà della SLA. Una malattia terribile, blocca i muscoli, i pazienti muoiono con tutte le funzioni cognitive funzionanti ma il corpo non risponde più. La similitudine con l acqua gelata a mio avviso è la diagnosi. Ma è una secchiata gelata con anche il secchio in testa. Inizia tutto con sintomi banali quali possono essere una penna che cade di mano oppure un braccio che si blocca, e per arrivare ad un responso sicuro ci vogliono circa sei mesi. In questo tristissimo scenario l Ice Bucket non può che avere risvolti positivi. La metodica può piacere o meno, però fa conoscere il problema. Allo stato attuale non sono molte ma sono destinate ad aumentare, le Associazioni a sostegno della SLA e dei pazienti affetti. Quest ultime più che un sostegno economico costituiscono un sostegno morale ed un appoggio perché è molto brutto per i pazienti quando capita loro dire cos hanno e dover oltretutto spiegare che tipo di malattia è. In questo l Ice Bucket può essere di aiuto. Già, ma con tutte gli auto-gavettoni d acqua gelata che decine di personaggi, più o meno noti hanno postato su Facebook, sono piovute fior di donazioni al momento ma per il futuro in realtà potrebbe non essere così. Negli ultimi tempi con il diffondersi della malattia e conseguentemente della sua conoscenza le donazioni sono aumentate. Negli ultimi mesi soprattutto con la moda dell Ice bucket, se così si può chiamarla, sono 2

5 si aumentate ma quanto questo fenomeno continuerà ancora? Forse si esaurirà? Unico dato certo è che i pazienti malati rimarranno e forse saranno destinati ad aumentare. Non esiste una cura a questa patologia, che progredisce molto velocemente, penso a una donna che conoscevo con una famiglia splendida che all età di 56 anni, mentre programmava di godersi la pensione tanto agognata insieme al marito, le hanno diagnostica la SLA. Nel giro di un anno si è trovata costretta su di una sedia a rotelle non più autosufficiente. C è un farmaco che rallenta la SLA, ma non la guarisce. In Italia sono ancora pochi ma destinati ad aumentare i casi di pazienti affetti da SLA, di tutte le fasce d età. Ovviamente vi sono forme diverse di questa terribile malattia, alcune più aggressive altre meno. Esibizionismo, moda, vera sensibilità umana e sociale, difficile sapere che cosa c è dietro ogni video che si vede su Facebook. Dati certi per esempio certificano che attraverso l Ice Bucket Challenge si è riusciti a raccogliere solo per l AISLA 1,5 milioni di euro. Vale la pena soffermarsi sull AISLA (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica), la quale promuove iniziative in tutta Italia per innovare l attenzione dell opinione pubblica, delle autorità politiche, sanitarie e socio assistenziali sui bisogni di cura e assistenza dei malati per giungere finalmente ad un appropriata gestione della SLA, ad un adeguata presa in carico dei pazienti e dei loro familiari e per raccogliere fondi di sostegno della ricerca mirata su questa malattia, al momento inguaribile ma non per questo incurabile. Come si sa nel 2014 nessuno può esimersi dalle mode che si diffondono sui social network, nessuno si può sentire da meno. Ciò che ci si augura è che almeno il 50% di chi si getta l acqua addosso si chieda che cosa vuol dire essere malati di SLA e che almeno un passo in più nella ricerca attraverso la diffusione possa avvenire. a cura di Maria Cagnoni 3

6 cancro stop al nutrimento delle cellule tumorali La notizia, pubblicata su The Journal of Clinical Investigation, arriva da uno studio coordinato da Ugo Cavallaro, ricercatore del Programma di Medicina Molecolare dello IEO, l Istituto Europeo di Oncologia, con un passato di studi ed incarichi internazionale. Il gruppo di ricerca ha scoperto un modo per colpire L1, attraverso la sua inattivazione, una molecola endoteliale del sistema nervoso, presente in modo abbondante nei vasi sanguigni tumorali e quasi assente nei vasi sani. Questo processo, effettuato tramite specifici anticorpi o altra metodica, rallenterebbe la crescita tumorale riducendone la vascolarizzazione e pertanto normalizzando e migliorando il flusso sanguigno all interno del tumore stesso. Apparentemente, come specifica Cavallaro, questo potrebbe risultare un controsenso in quanto, migliorare la rete vascolare, significa aumentare l apporto di ossigeno e nutrienti alle cellule malate. Nello stesso tempo, però, il medesimo processo costituirebbe la soluzione alla scarsa penetrazione dei farmaci antitumorali poiché il tessuto neoplastico risulterebbe molto più ricettivo. L inattivazione di L1 avrebbe così un doppio effetto: il blocco della vascolarizzazione e il potenziamento della chemioterapia o di altri trattamenti anti-tumorali. Il processo interessato è quello dell angiogenesi, cioè la formazione di nuovi vasi sanguigni da cui le cellule tumorali traggono il nutrimento ed in tal modo possono moltiplicarsi in maniera incontrollata. La categoria di farmaci interessati a contrastare il cancro, i cosiddetti inibitori dell angiogenesi, mirano a bloccare l azione del VEGF-A, la sostanza prodotta dalle cellule tumorali che funge da fertilizzante per i vasi sanguigni e ne promuove la crescita. Questa classe di farmaci e il nuovo approccio di intervento sulla ricerca molecolare mostrano che esistono nuovi percorsi che possono rappresentare una valida alternativa al colpire direttamente il gene alterato nelle cellule cancerose e che questo potrebbe rappresentare il futuro della lotta al tumore. Fonte The Journal of Clinical Investigation a cura di Giulia di Michele gli italiani e la sanità integrativa Sappiamo tutti che l Italia sta affrontando, sotto il profilo del welfare sanitario, un periodo particolarmente difficile, con la crisi e le problematiche che il Paese sta vivendo ed i cittadini sentono sempre più il peso delle rinunce che sono costretti a fare relativamente alle cure mediche. Guardando però con un ottica positivistica la situazione c è da dire che una possibile soluzione in relazione all assistenza sanitaria, in Italia, è presente da molti anni ma sconosciuta a molti. Si parla appunto della previdenza sanitaria complementare o sanità integrativa per la quale, secondo una recente indagine del Censis, risulta che il 33,6% degli intervistati non conosce l esistenza di fondi sanitari integrativi e polizze malattia, mentre un ulteriore 34,9%, anche se ne è a conoscenza, non sa esattamente cosa siano e come funzionino. Dall indagine emerge inoltre che il 53% non è informato sulle differenze tra un fondo sanitario integrativo ed una polizza malattia, e oltre il 57% invece non è 4

7 al corrente del vantaggio fiscale che i fondi sanitari privata, ecco quindi che assume un importanza integrativi garantiscono rispetto alle polizze malattia. > fondamentale l integrazione degli strumenti del L indagine prosegue ed interroga un ampio campione welfare privato con quello pubblico, in modo da nazionale di lavoratori Gli la Italiani quale afferma e la Sanità che esiste Integrativa una fornire operatori privati specializzati e qualificati scarsa conoscenza di Gli alcuni Italiani aspetti e la essenziali Sanità inerenti Integrativa sia per prestazioni sanitarie che assistenziali, la previdenza complementare: Sappiamo tutti il 35% che dichiara l Italia sta di affrontando, non attraverso sotto il profilo servizi del welfare resi decisamente sanitario, un periodo accessibili particolarmente con conoscere il rapporto difficile, Sappiamo benefici con tutti fiscali la che crisi della l Italia e le previdenza problematiche sta affrontando, che strumenti sotto il Paese il profilo sta integrativi vivendo del welfare ed i sanitario, rendendoli cittadini sentono un periodo più sempre particolarmente adeguati. più il peso complementare e quelli difficile, delle rinunce relativi con la che ad crisi sono altre e le costretti problematiche forme a di fare che relativamente il Paese sta alle vivendo cure mediche. i cittadini Guardando sentono però sempre con più un il ottica peso investimento; il 33% non delle positivistica è rinunce informato la che situazione sui sono parametri costretti c è da dire per a fare che una relativamente Per possibile rimediare soluzione alle cure a questa in mediche. relazione scarsa Guardando all assistenza comunicazione però sanitaria, con un in e ottica Italia, la rivalutazione dei contributi è positivistica presente versati la da situazione mentre molti il anni c è 16% da ma non dire sconosciuta che una conoscenza possibile a molti. soluzione del Si mondo parla in relazione appunto sanitario all assistenza della integrativo, previdenza sanitaria, alcune sanitaria in Italia, è a conoscenza della complementare è possibilità presente o da meno o molti sanità di disporre anni integrativa ma sconosciuta per la Società quale, a di secondo molti. Mutuo Si una Soccorso parla recente appunto e indagine Fondi della Sanitari del previdenza Censis, integrativi risulta sanitaria che il tutto o in parte del capitale complementare 33,6% degli prima intervistati del o pensionamento. sanità non integrativa conosce per l esistenza la hanno quale, di introdotto secondo fondi sanitari una una recente integrativi nuova indagine e figura, polizze del il malattia, Censis, Promotore risulta mentre che un il Pertanto tirando le somme ulteriore 33,6% degli di 34,9%, quanto intervistati anche appena non se conosce ne detto, è a l esistenza conoscenza, Mutualistico, di non fondi sa sanitari figura esattamente apposita integrativi cosa a e svolgere polizze siano e malattia, come operazioni funzionino. mentre abbiamo un deficit Dall indagine ulteriore conoscitivo 34,9%, emerge anche dell argomento inoltre se ne che è il 53% a conoscenza, non di è tipo informato non informativo, sa sulle esattamente differenze diffusione tra cosa un siano fondo e di e sanitario connessione come funzionino. integrativo Italiani Gli che Italiani e la si aggira Sanità e la Sanità intorno Integrativa ed Dall indagine ai una 16 polizza milioni emerge malattia, di lavoratori inoltre e oltre che che il il 57% 53% invece non tra è esigenze informato non è al corrente degli sulle differenze utenti del vantaggio e le tra soluzioni un fondo fiscale sanitario possibili che i fondi integrativo che sanitari Italiani non e la conoscono Sanità Integrativa o conoscono integrativi ed una polizza garantiscono in malattia, maniera rispetto e errata oltre alle il la 57% polizze invece il malattia. welfare non è L indagine al offre corrente sul prosegue del piano vantaggio ed sanitario interroga fiscale assistenziale. un che ampio i fondi campione sanitari piamo Sappiamo tutti che tutti l Italia che sta l Italia affrontando, sta affrontando, sotto sotto il profilo profilo del del welfare welfare sanitario, un periodo Italiani previdenza e la Sanità complementare Integrativa nazionale integrativi e di garantiscono lavoratori sanità la integrativa. rispetto quale afferma alle polizze che L informazione esiste malattia. una L indagine scarsa particolarmente è conoscenza fondamentale, prosegue di ed alcuni interroga consente aspetti un agli essenziali ampio utenti campione di inerenti difficile, con la crisi e le problematiche che il Paese sta vivendo ed i cittadini sentono sempre più il peso icile, piamo con tutti la che crisi l Italia e le problematiche sta affrontando, la nazionale previdenza che sotto di il lavoratori Paese il complementare: profilo sta la vivendo del quale welfare afferma ed il i 35% sanitario, cittadini che dichiara conoscere esiste sentono un periodo una di non scarsa sempre le diverse particolarmente conoscere conoscenza più alternative il peso il rapporto di alcuni e possibilità aspetti di benefici essenziali presenti, fiscali inerenti della delle rinunce che sono costretti a fare relativamente alle cure mediche. Guardando però con un ottica icile, piamo rinunce con tutti Abbiamo la che che crisi sono l Italia e le le costretti problematiche sta risorse affrontando, a la previdenza fare previdenza ma che relativamente sotto non il complementare Paese il complementare: profilo sta alle conosciamo, vivendo del cure welfare e quelli mediche. il i 35% sanitario, cittadini relativi dichiara Guardando avendo ad sentono un altre periodo di così non però forme sempre particolarmente un conoscere di panorama più un investimento; il ottica peso il rapporto completo il 33% di benefici non dei è servizi informato fiscali e della sui positivistica la situazione c è da dire che una possibile soluzione in relazione all assistenza sanitaria, in Italia, icile, itivistica rinunce con possiamo è presente la la che situazione crisi sono e le da costretti utilizzarle problematiche molti c è da anni dire a parametri previdenza fare ma ma una che relativamente non sconosciuta per possibile il complementare Paese sappiamo rivalutazione sta a soluzione molti. alle vivendo cure e come Si in quelli parla dei mediche. relazione contributi i cittadini relativi appunto Guardando all assistenza modalità ad sentono versati altre con della previdenza mentre però forme sempre sanitaria, cui con il di accedervi, più sanitaria 16% un investimento; il ottica Italia, non peso è per a conoscenza decidere il 33% non quindi della è informato possibilità quale sui o presente le itivistica rinunce complementare funzionano la da che situazione molti sono costretti o anni c è e sanità non da ma dire a integrativa meno parametri c è sconosciuta fare che nessuno una di relativamente per disporre per possibile la quale, che a rivalutazione molti. in soluzione ce secondo tutto alle lo Si cure o spieghi. in parla una in dei parte mediche. relazione contributi recente appunto del indagine capitale Guardando all assistenza sia versati della la del soluzione prima previdenza mentre però Censis, sanitaria, del con risulta migliore pensionamento. il 16% un sanitaria che in ottica Italia, non il in base è a conoscenza Pertanto alle proprie tirando della esigenze. le possibilità somme di o presente itivistica plementare 33,6% la da situazione degli o molti sanità intervistati anni c è integrativa da ma non dire quanto meno conosce sconosciuta che per una di la appena l esistenza disporre quale, possibile a detto, secondo molti. in di soluzione tutto fondi abbiamo Si sanitari o una in parla in recente parte un relazione integrativi appunto deficit del indagine capitale all assistenza conoscitivo e polizze della del prima previdenza malattia, Censis, dell argomento sanitaria, pensionamento. mentre risulta sanitaria in Italia, che un che il Pertanto aggira intorno tirando ai 16 le somme milioni di presente 6% plementare degli ulteriore Purtroppo intervistati da o molti 34,9%, sanità non esiste anni anche integrativa conosce ma una se lavoratori quanto ne sconosciuta grande per l esistenza è a appena conoscenza, quale, che lacuna a non di detto, secondo molti. fondi conoscono in non abbiamo sanitari termini Si una esattamente parla recente o integrativi un di conoscono appunto deficit indagine cosa conoscitivo Da e polizze della siano un indagine maniera del e previdenza malattia, Censis, come dell argomento errata funzionino. risulta realizzata mentre la sanitaria previdenza che che un il dal si aggira Censis complementare intorno risulta ai che 16 e milioni la al sanità di 6% riore plementare degli Dall indagine 34,9%, conoscenza intervistati o anche sanità emerge non se per integrativa inoltre conosce ne quanto è integrativa. lavoratori che a per l esistenza conoscenza, il concerne 53% quale, che non è non di informato secondo non fondi tutto conoscono sa sanitari il sulle esattamente una mondo differenze recente o integrativi conoscono indagine cosa tra 27% e un polizze siano fondo maniera degli del sanitario e malattia, Censis, come intervistati errata integrativo risulta funzionino. mentre la previdenza che è accaduto il complementare di dover pagare e la sanità 6% l indagine riore degli ed 34,9%, del una intervistati emerge welfare, polizza anche inoltre malattia, non il se quale conosce ne che e è il oltre integrativa. potrebbe 53% a l esistenza conoscenza, il non 57% è invece e informato dovrebbe di non fondi è sa al sulle sanitari affiancare corrente esattamente differenze integrativi del vantaggio tra cosa un e polizze siano fondo ticket fiscale e malattia, sanitario che su come i una fondi funzionino. integrativo mentre prestazione sanitari sanitaria superiore al integrativi garantiscono rispetto alle polizze malattia. L indagine prosegue ed interroga un ampio campione l indagine una riore polizza 34,9%, l SSN emerge malattia, anche sofferente inoltre e se oltre ne che è e il Grafico 57% 53% a appesantito, conoscenza, invece non percentuale è informato non non a è partire della sa corrente sulle esattamente conoscenza differenze dalla del vantaggio tra cosa sui costo un Fondi siano fondo fiscale che e sanitario che avrebbe come i fondi funzionino. integrativo sostenuto sanitari se avesse acquistato la nazionale di lavoratori la quale afferma che esiste una scarsa di alcuni aspetti essenziali inerenti l indagine una grativi polizza garantiscono sanità emerge malattia, integrativa inoltre rispetto e oltre che alle che il il 57% 53% polizze invece non malattia. è informato non è L indagine corrente sulle differenze prosegue del vantaggio tra ed un interroga fondo fiscale sanitario un che ampio i fondi integrativo campione sanitari non hanno mai sentito di la previdenza complementare: sanitari Grafico ad percentuale il 35% integrativi oggi conta dichiara di e della previdenza più conoscenza 11 non conoscere complementare. sui prestazione Fondi nel privato pagando l intero costo di tasca il rapporto di benefici fiscali della una ionale grativi polizza previdenza di garantiscono lavoratori malattia, complementare rispetto quale e oltre afferma alle il 57% e polizze quelli che invece relativi esiste malattia. non ad una è altre L indagine scarsa al corrente forme conoscenza di prosegue del vantaggio investimento; di ed alcuni interroga fiscale il 33% aspetti non un che essenziali è ampio i fondi informato campione inerenti sanitari F.Sanitari non hanno e mai polizze sentito malattia di milioni di assistiti, sanitari alla previdenza integrativi complementare e previdenza complementare. propria. Questo dimostra il grande squilibrio attuale sui F.Sanitari e polizze malattia previdenza ionale grativi parametri di garantiscono che lavoratori complementare: invece per la rispetto rivalutazione quale registra afferma alle il 35% polizze dei oltre che contributi dichiara esiste malattia. 6 milioni versati una di L indagine non scarsa mentre di conoscere conoscenza iscritti. il prosegue 16% non il rapporto di è ed alcuni a tra conoscenza interroga pubblico aspetti di benefici un della essenziali ampio e possibilità privato fiscali campione inerenti della che, o a causa dei grandi tagli hanno sentito parlare ma non previdenza ionale meno di lavoratori di complementare: disporre la quale in tutto e quelli afferma o il in 35% parte relativi che dichiara del esiste ad capitale altre una di prima non scarsa forme conoscere del 16,0% conoscenza di pensionamento. investimento; il rapporto di alcuni Pertanto il 33% aspetti di tirando benefici non essenziali è le informato somme fiscali inerenti 33,6% fatti al settore sanitario, sanno di della provoca sui confusione e rende hanno cosa sentito siano parlare i F.Sanitari ma non e previdenza ametri quanto per La la spesa complementare: appena rivalutazione out detto, of e abbiamo pocket quelli dei il contributi 35% relativi intermediata un deficit dichiara ad versati conoscitivo altre di in mentre non forme Italia, dell argomento conoscere 16,0% il di ovvero 16% investimento; non il 33,6% che rapporto è a si complessa conoscenza aggira il 33% di intorno benefici non anche della ai è 16 informato possibilità fiscali milioni l erogazione polizze sanno di della sui o cosa malattia del siano servizio i F.Sanitari e le e cure. no ametri videnza di disporre lavoratori per complementare rivalutazione in che tutto non o conoscono in e quelli dei parte contributi del o relativi conoscono quella gestita attraverso assicurazioni capitale ad versati altre in prima maniera mentre forme integrative del pensionamento. errata il di 16% investimento; la o non previdenza è a conoscenza Pertanto il complementare 33% non tirando della è informato e le possibilità la somme sanità polizze sui non di conoscono o malattia le differenze tra integrativa. no ametri nto di appena disporre per strumenti la detto, rivalutazione in tutto abbiamo simili, o in risulta dei parte un contributi deficit del essere capitale conoscitivo versati una prima tra mentre dell argomento le più pensionamento. il 16% basse non che è a conoscenza Pertanto aggira Fonte dati intorno tirando statistici della ai 16 le possibilità Censis somme milioni F.sanitario non Centro di conoscono o Studi integrativo le Investimenti differenze e polizza Sociali tra no nto ratori di appena disporre che d Europa non detto, in conoscono tutto abbiamo o il in 13,4% parte o un conoscono deficit del capitale totale conoscitivo in della maniera prima spesa dell argomento errata pensionamento. sanitaria la previdenza che Pertanto aggira complementare 34,9% intorno tirando ai 16 le e somme milioni la sanità malattia F.sanitario a cura di di integrativo Manuela e Fabbretti polizza > Grafico percentuale della conoscenza sui Fondi nto grativa. ratori appena che non detto, conoscono abbiamo o un conoscono deficit conoscitivo in maniera dell argomento errata la previdenza non che hanno si aggira 34,9% mai complementare sentito intorno di ai 16 e milioni malattia la sanità non di conoscono i vantaggi fiscali sanitari integrativi e previdenza complementare. grativa. ratori che non conoscono o conoscono 35,0% in maniera errata la previdenza F.Sanitari e polizze complementare malattia e la sanità dei non F.sanitari conoscono integrativi i vantaggi fiscali fico grativa. percentuale della conoscenza sui 35,0% dei F.sanitari integrativi Fondi hanno sentito parlare ma non 16,0% non hanno mai sentito di itari fico percentuale integrativi e della previdenza conoscenza complementare. sui 33,6% Fondi non conoscono il rapporto tra sanno cosa siano i F.Sanitari e F.Sanitari non e polizze malattia polizze hanno malattia mai sentito di benefici fiscali della itari fico percentuale integrativi e della previdenza conoscenza complementare. sui Fondi non conoscono il rapporto tra F.Sanitari non hanno e mai polizze sentito malattia di Previd.complementare benefici fiscali della itari integrativi e previdenza complementare. non conoscono 53,0% le differenze tra hanno F.Sanitari 16,0% F.sanitario sentito e integrativo polizze 53,0% parlare malattia Previd.complementare e polizza non non conoscono i parametri per la 33,6% 34,9% 57,0% sanno hanno malattia cosa sentito siano parlare i F.Sanitari ma non e valutazione non conoscono dei contributi i parametri versati per la 16,0% polizze 33,6% 57,0% sanno hanno non conoscono cosa sentito malattia siano parlare i vantaggi i F.Sanitari ma fiscali non e valutazione dei contributi versati 16,0% 35,0% 33,6% non polizze sanno dei conoscono F.sanitari cosa malattia siano integrativi le i differenze F.Sanitari e tra non sanno della possibilità di F.sanitario polizze malattia non conoscono integrativo le differenze e polizza tra disporre non sanno del della capitale possibilità prima di del 34,9% malattia F.sanitario non conoscono integrativo il rapporto e polizza tra non conoscono le differenze tra pensionamento disporre del capitale prima del 34,9% benefici fiscali della non malattia F.sanitario Previd.complementare conoscono integrativo i vantaggi e polizza pensionamento fiscali 34,9% 53,0% 35,0% dei malattia non F.sanitari integrativi non conoscono i parametri vantaggi per fiscali la 35,0% 57,0% Abbiamo le risorse ma non le conosciamo, dei non valutazione F.sanitari conoscono possiamo dei integrativi contributi i vantaggi utilizzarle versati fiscali ma non sappiamo come funzionano e non 35,0% c è Abbiamo nessuno le risorse che ce ma lo spieghi. non le conosciamo, Purtroppo non dei F.sanitari conoscono esiste possiamo integrativi il rapporto una utilizzarle grande tra lacuna ma non in termini sappiamo di come conoscenza funzionano per quanto e non c è nessuno che ce lo spieghi. Purtroppo esiste una grande lacuna in termini di conoscenza per quanto 57,0% 53,0% 53,0% 53,0% benefici non conoscono sanno fiscali della della il possibilità rapporto di tra Previd.complementare benefici non disporre conoscono fiscali del capitale della il rapporto prima del tra pensionamento non Previd.complementare benefici conoscono fiscali della i parametri per la valutazione Previd.complementare non conoscono dei contributi i parametri versati per la 5

8 STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE DI UN TEAM GESTIONE SINISTRI SANITA INTEGRATIVA La tutela della Salute Pubblica, nel suo complesso e come comunemente intesa, è un servizio che uno Stato fornisce ai cittadini, secondo le proprie capacità e possibilità. Oggi i cittadini sono europei e i diversi membri della UE (ben ventotto) hanno diverse capacità e possibilità di fornire questo essenziale servizio, inoltre la libera circolazione dei beni e servizi, oramai consolidata, offre un panorama di possibile concorrenza in un settore così delicato, costringendo gli operatori a continui confronti con altre strutture, non sempre vincenti per il nostro Paese. In Italia la carenza di risorse mette a dura prova la sostanziale bontà del Servizio Sanitario Nazionale, che contiene molte forme e strutture di eccellenza, che vengono però penalizzate da tale carenza e non riescono a garantire il livello e la tempestività che il cittadino si aspetta. Il successo dell assistenza integrativa e il prevedibile suo futuro sviluppo, quindi, dipendono in gran parte dalla qualità del servizio reso. Gli operatori che gestiscono le singole pratiche, che sono l interfaccia primo con l utenza, sono la base della struttura e devono (si ribadisce: devono) possedere ampie capacità comunicative, semantica adatta all argomento trattato, pazienza e cortesia, oltre, ovviamente, a una buona cultura di base in campo sanitario (che non è materia di insegnamento nel nostro sistema scolastico), cultura non comune in giovani aspiranti a tale occupazione. E un lavoro non facile, a volte faticoso e stressante, pertanto la cura nella selezione e nella formazione di questo personale deve essere massima e deve avvalersi, possibilmente, dell ausilio di coloro che, già operando nel settore a livello più elevato, abbiano la capacità di individuare le potenzialità insite in ogni singolo candidato. La selezione e la formazione di questo personale è un compito delicato, che richiede buone capacità manageriali, dato che si tratta di un investimento in risorse umane preziose: se un buon elemento ben formato si allontana dalla struttura, questa ha perso un capitale non indifferente, che avrà un costo elevato, in termini di tempo e denaro, per essere validamente sostituito. Altrettanto indispensabile è l organizzazione di un buon supporto informatico, che necessita di continua cura e aggiornamento da parte di 6

9 personale dedicato, perché non rischi di dare risposte insoddisfacenti agli operatori, che sono costretti ad appoggiarvisi molto (a volte troppo: è indispensabile sempre un attenzione critica da parte dell utente alle risposte fornite dalla macchina). Molto deve essere speso, in termini di tempo, su questo punto: come è arcinoto, la macchina elabora e restituisce ciò che gli viene immesso, (trash in, trash out!), ed è importante che ogni operatore sia in grado di confrontare i dati forniti automaticamente con quello che potremmo chiamare risultato atteso. Questa è la base della struttura, ma non sono sufficienti una discreta conoscenza della materia e la capacità di interpretare correttamente le norme: occorre affiancare alla base la competenza di un team medico di comprovata esperienza, possibilmente anche in ambito sanitario (medicina legale e contrattuale), cui il singolo operatore possa fare riferimento per ogni necessità, dubbio o conferma di sue interpretazioni su casi inconsueti, su applicabilità delle norma in modo corretto secondo il tipo e le modalità di prestazione medica, sulla congruità e la durata dei ricoveri, sulla correttezza, anche formale, delle spese di cui si richiede il rimborso. più consono alla sua personalità, il più gratificante possibile, insomma il meno stancante possibile. Questa attività è di per sé faticosa, a volte stressante, spesso ripetitiva. E necessario essere sempre presenti a sé stessi e l interfacciarsi con l utenza è spesso sfibrante. Inoltre, dover a volte contemperare la gestione materiale dei fascicoli, soprattutto se non cartacei ma trasmesse via web, quindi esaminabili solo sullo schermo del PC, con le risposte da dare, con i dovuti modi come sopra indicato, può indurre in errore, magari minimo (e per questo più difficilmente rilevabile a posteriori da uno screening, anche accurato). Un management efficiente e attento deve tenere presente tutte le implicazioni di una gestione così complessa, adottando, anche in corso d opera, eventuali modifiche che si rivelino più efficaci affinché il lavoro scorra, dalla presa in carico, all avvenuta liquidazione dell assistenza. a cura di Ivo Fiorelli Infine, deve essere istituzionalizzato lo screening, un controllo finale del lavoro svolto dalla struttura - normalmente a campione, ma a tappeto in casi particolari - sulle pratiche lavorate, per evitare pagamenti e rimborsi errati, sia per il costo materiale e per il tempo-lavoro richiesto per eventuali revisioni, sia per l immagine verso l utenza, come singolo assistito e come Ente di appartenenza, in quanto la qualità del servizio, fonte di successo, emerge anche dalla correttezza e tempestività con cui si danno risposte, che vanno improntate all equità: dare il giusto è sempre pagante! Tutto ciò deve essere poi coordinato da un management che organizzi la complessa struttura in sezioni che si occupino dei diversi settori: prestazioni in convenzione diretta con le strutture sanitarie, ove l assistito a esse indirizzato non entri nel merito dell erogazione di pagamenti, prestazioni indirette (ovvero a rimborso), o miste (pagamenti parte alla struttura sanitaria e parte all assistito), implementando ogni singola sezione secondo le capacità, l esperienza, le attitudini dei singoli, in modo da rendere il lavoro di ognuno 7

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

Proposte per un welfare equo e sostenibile

Proposte per un welfare equo e sostenibile Proposte per un welfare equo e sostenibile Il Forum ANIA Consumatori ha tra i propri compiti statutari quello di stimolare la riflessione sul ruolo sociale dell assicurazione nei nuovi assetti del welfare.

Dettagli

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it 1 La Mutua per la Maremma La Banca della Maremma che, coerentemente con i propri principi ispiratori, valorizza la centralità della persona, ha deli berato

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 205 273 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L empowerment degli operatori fa la buona sanità Nella tensione alla razionalizzazione

Dettagli

BUDGET SANIT 24 GIUGNO 2010. apportate dalla L. 883/78 che cancellava completamente. il sistema mutualistico e rappresentava a tutti gli effetti

BUDGET SANIT 24 GIUGNO 2010. apportate dalla L. 883/78 che cancellava completamente. il sistema mutualistico e rappresentava a tutti gli effetti IL DIRETTORE GENERALE BUDGET SANIT 24 GIUGNO 2010 Le profonde trasformazioni nel settore della Sanità apportate dalla L. 883/78 che cancellava completamente il sistema mutualistico e rappresentava a tutti

Dettagli

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE SANITANEWS:

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE SANITANEWS: CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE SANITANEWS: MALATTIE RARE E FARMACI ORFANI LA DIFFICOLTA DI CONIUGARE BISOGNO ASSISTENZIALE E SCARSITA DI RISORSE 1. Il quadro di riferimento 1.1 Le Patologie Una malattia è considerata

Dettagli

Il paziente e la ricerca: cosa sapere

Il paziente e la ricerca: cosa sapere Il paziente e la ricerca: cosa sapere 1 Perché è importante la ricerca? Negli ultimi decenni la ricerca scientifica ha conseguito importanti risultati nella lotta contro i tumori. La qualità e l eccellenza

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio.

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. Ultimo punto: Mozione in ordine alla istituzione dei tumori

Dettagli

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr. Roberto Benelli TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr.ssa Maria Nincheri Kunz Terapie a bersaglio molecolare

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RAISI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RAISI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 639 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato RAISI Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per i pazienti terminali Presentata

Dettagli

Residenzialità permanente per persone con disabilità alla luce della DGR 1299/2009 1

Residenzialità permanente per persone con disabilità alla luce della DGR 1299/2009 1 Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Residenzialità permanente per persone con disabilità alla luce della DGR 1299/2009 1 Obiettivo di questo contributo è analizzare le novità introdotte dall Accordo per

Dettagli

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI Il mio programma elettorale è frutto della voce delle persone che ho incontrato lungo il mio cammino e che sto incontrando nel corso della mia campagna elettorale SANITA Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE

Dettagli

Ministro Lorenzin alla Giornata nazionale per la ricerca sul cancro

Ministro Lorenzin alla Giornata nazionale per la ricerca sul cancro Ministro Lorenzin alla Giornata nazionale per la ricerca sul cancro Il discorso pronunciato dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin alla Cerimonia di Celebrazione della Giornata Nazionale per la Ricerca

Dettagli

Welfare, integrazioni e necessità private e possibili soluzioni come le polizze LTC

Welfare, integrazioni e necessità private e possibili soluzioni come le polizze LTC Welfare, integrazioni e necessità private e possibili soluzioni come le polizze LTC La recente pubblicazione del rapporto Censis/Unipol Welfare, Italia 214 propone alcuni spunti e temi di riflessione su

Dettagli

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer Gruppo di studio SIGG LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer evelina bianchi Firenze 53 Congresso nazionale SIGG 2008 Firenze 53 congresso SIGG evelina

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO

LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO LEZIONE: LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO PROF.SSA PAOLA ZOCCOLI Indice 1 LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO --------------------------------------------- 3 2 OBIETTIVI

Dettagli

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi Roma, 19 settembre 2013 Indice 1. L integrazione familiare dell offerta sanitaria

Dettagli

Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni

Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni http://salute24.ilsole24ore.com/articles/17936-un-paziente-su-cinque-con-cancro-al-polmone-sopravvive-dopo-3-anni Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni Un paziente su cinque,

Dettagli

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO 12949_09 Disparità nell accesso dei malati oncologici ai trattamenti terapeutici e assistenziali 4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO ONCOLOGICO: ASSISTENZA DOMICILIARE, SOSTEGNO PSICOLOGICO E INFORMAZIONE

Dettagli

Rapporto tra malattie croniche e mercato del lavoro

Rapporto tra malattie croniche e mercato del lavoro @bollettinoadapt, 14 maggio 2015 Rapporto tra malattie croniche e mercato del lavoro Intervista a Rosanna D Antona * di Fabiola Silvaggi Tag: #malattieoncologiche #lavoro #informazione #mansione #flessibilità

Dettagli

Obiettivo formativo: Principi, procedure e strumenti per il governo clinico delle attività sanitarie

Obiettivo formativo: Principi, procedure e strumenti per il governo clinico delle attività sanitarie Mostra Dettagli Obiettivo formativo: Principi, procedure e strumenti per il governo clinico delle attività sanitarie Il sistema sanitario è un sistema complesso in cui interagiscono molteplici fattori

Dettagli

Società Generale di Mutuo Soccorso Mutua Basis Assistance di seguito definita anche MBA. E Unione Nazionale Chinesiologi di seguito definita anche UNC

Società Generale di Mutuo Soccorso Mutua Basis Assistance di seguito definita anche MBA. E Unione Nazionale Chinesiologi di seguito definita anche UNC CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI SANITARI stipulata tra Società Generale di Mutuo Soccorso Mutua Basis Assistance di seguito definita anche MBA Sede Legale:Via di Santa Cornelia, 9 00060 - Formello

Dettagli

UN LASCITO A FAVORE DELL ASSOCIAZIONE

UN LASCITO A FAVORE DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE FABIO SASSI O N L U S DIGNITA ALLA FINE DELLA VITA UN LASCITO A FAVORE DELL ASSOCIAZIONE FABIO SASSI ABBIAMO ANCORA BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO PER FARE DI PIÙ E SEMPRE MEGLIO Cara amica, caro

Dettagli

Comunicato stampa Roma, 30 settembre 2014

Comunicato stampa Roma, 30 settembre 2014 Comunicato stampa Roma, 30 settembre 2014 Presentato il XVII Rapporto Pit Salute "(Sanità) in cerca di cura": cittadini sacrificano la propria salute per costi insostenibili. In aumento segnalazioni su

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Il ruolo delle Mutue Sanitarie Integrative

Il ruolo delle Mutue Sanitarie Integrative Il ruolo delle Mutue Sanitarie Integrative Matteo Lippi Bruni e Cristina Ugolini Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna Roma, 3 Ottobre 2012 Le motivazioni di una ricerca sulle Mutue

Dettagli

d iniziativa del deputato CALDEROLI

d iniziativa del deputato CALDEROLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 70 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CALDEROLI Norme per fronteggiare la sclerosi multipla Presentata il 9 maggio 1996 ONOREVOLI

Dettagli

Le iniziative di Promozione Salute in eni

Le iniziative di Promozione Salute in eni Convegno Progetto Ricerca Stargate People Care: dalle malattie critiche alle prassi relazionali aziendali Le iniziative di Promozione Salute in eni www.eni.it Milano 26 ottobre 2011 Auditorium Assolombarda

Dettagli

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura)

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Presidente V. Presidente Assessori Giancarlo Fabio Renato Giancarlo Marialuisa Antonio Marino Massimo Raffaele Antonio Floriano Ermanno Raffaele

Dettagli

Società Generale di Mutuo Soccorso Mutua Basis Assistance di seguito definita anche MBA

Società Generale di Mutuo Soccorso Mutua Basis Assistance di seguito definita anche MBA CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI SUSDI SANITARI stipulata tra Società Generale di Mutuo Soccorso Mutua Basis Assistance di seguito definita anche MBA Sede Legale: Via di Santa Cornelia, 9 00060 Formello

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI DELLA MALATTIA DI HUNTINGTON. Le famiglie in alleanza con il sistema di cura.

CARTA DEI DIRITTI DELLA MALATTIA DI HUNTINGTON. Le famiglie in alleanza con il sistema di cura. CARTA DEI DIRITTI DELLA MALATTIA DI HUNTINGTON. Le famiglie in alleanza con il sistema di cura. PREMESSA 1. La malattia di Huntington e le sue implicazioni 1 La Malattia di Huntington (MH) è una patologia

Dettagli

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale?

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale? DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE Intervista a Luca Omodei Direttore Generale di Codess Sociale Intervista e testi a cura di Michela Foschini Giugno 2005 D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale

Dettagli

BISOGNO, DOMANDA E OFFERTA

BISOGNO, DOMANDA E OFFERTA BISOGNO, DOMANDA E OFFERTA Bisogno e domanda Il particolare stato di bisogno che accompagna l insorgenza di una malattia non è confrontabile con altri bisogni (ad es. fame, sete, sonno) Per molti bisogni

Dettagli

Non siamo nati per soffrire

Non siamo nati per soffrire Non siamo nati per soffrire Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT con il sostegno di Non siamo nati per soffrire. Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT Non siamo nati per soffrire.

Dettagli

Generalità Assistenza Sanitaria Integrativa. Differenze principali tra Fondi Sanitari e Compagnie assicurative

Generalità Assistenza Sanitaria Integrativa. Differenze principali tra Fondi Sanitari e Compagnie assicurative Generalità Assistenza Sanitaria Integrativa Differenze principali tra Fondi Sanitari e Compagnie assicurative Nuovo welfare e sviluppo dell assistenza sanitaria integrativa Il crescente invecchiamento

Dettagli

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità A11 703 Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità Temi, problemi e opportunità Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A

Dettagli

Comitato scientifico. Federazione delle Banche, delle Assicurazioni e della Finanza. Roma 6 Dicembre 2010

Comitato scientifico. Federazione delle Banche, delle Assicurazioni e della Finanza. Roma 6 Dicembre 2010 Comitato scientifico Federazione delle Banche, delle Assicurazioni e della Finanza Roma 6 Dicembre 2010 1 I problemi della sanità pubblica Pur senza entrare nei dettagli delle stime di crescita della spesa

Dettagli

Welfare aziendale: un opportunità per per uscire vincenti dalla crisi

Welfare aziendale: un opportunità per per uscire vincenti dalla crisi Welfare aziendale: un opportunità per per uscire vincenti dalla crisi Sfide per le imprese in un contesto di crisi: valorizzare il capitale umano e intellettuale, fattore chiave di successo competitivo

Dettagli

Lega Atletica Leggera Piemonte

Lega Atletica Leggera Piemonte Lega Atletica Leggera Piemonte Podistica Leinì ASCOM Associazione Commercianti Leinì edizione Luglio Leinì5 2 2015 SLA e Noi 7K la Voi La SLA sclerosi laterale amiotrofica Prigionieri del proprio corpo,

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Oltre 500 associazioni aderenti, di cui: 104 federate; 47 delegazioni di livello regionale e provinciale;

Oltre 500 associazioni aderenti, di cui: 104 federate; 47 delegazioni di livello regionale e provinciale; Le reti oncologiche: presente e futuro Auditorium i Ministero i della Salute, Roma Il ruolo del volontariato nelle reti oncologiche Davide Petruzzelli Membro Esecutivo Nazionale F.A.V.O. Federazione Italiana

Dettagli

Sostenibilità delle nuove terapie personalizzate

Sostenibilità delle nuove terapie personalizzate Intervista a 1 e 2 Sostenibilità delle nuove terapie personalizzate nel cancro al colon retto Abstract Il Cancro Colon Rettale (CCR) rappresenta uno dei tumori più diffusi e aggressivi. I nuovi farmaci

Dettagli

Fernando De Benedetto Chieti. La pneumologia nel contesto della programmazione sanitaria: quale futuro?

Fernando De Benedetto Chieti. La pneumologia nel contesto della programmazione sanitaria: quale futuro? Fernando De Benedetto Chieti La pneumologia nel contesto della programmazione sanitaria: quale futuro? L incremento Delle Cronicità La programmazione sanitaria nei paesi sviluppati è condizionata dall

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PEZZOLI, SCARPA BONAZZA BUORA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PEZZOLI, SCARPA BONAZZA BUORA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7384 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PEZZOLI, SCARPA BONAZZA BUORA Istituzione di centri a carattere scientifico per la prevenzione

Dettagli

SANITÀ, WELFARE E MUTUALITÀ" Alceste SANTUARI P&D.IT

SANITÀ, WELFARE E MUTUALITÀ Alceste SANTUARI P&D.IT SANITÀ, WELFARE E MUTUALITÀ" Alceste SANTUARI P&D.IT Qualche tempo fa su questo sito ci siamo chiesti che ne fosse stato del federalismo. Le recenti indagini pubblicate su il Sole 24 Sanità testimoniano

Dettagli

CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUI DIRITTI DEL MALATO

CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUI DIRITTI DEL MALATO CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUI DIRITTI DEL MALATO Cittadinanzattiva/ Active Citizenship Network ha realizzato la Carta Europea dei Diritti del Malato Questa guida vuole essere uno strumento per portare

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 257-348 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L onda lunga della comunicazione sulla salute Il boom dell informazione sanitaria

Dettagli

L anziano ammalato e la sua famiglia Giornata Mondiale del Malato 2008 La famiglia nella realtà della malattia

L anziano ammalato e la sua famiglia Giornata Mondiale del Malato 2008 La famiglia nella realtà della malattia L anziano ammalato e la sua famiglia Giornata Mondiale del Malato 2008 La famiglia nella realtà della malattia Il Gruppo di Ricerca Geriatrica di Brescia contribuisce al dibattito sulla tematica della

Dettagli

Probabilmente chiunque

Probabilmente chiunque INVENTARI L inventario. Le attività necessarie e il metodo Costretti ad affrontarlo almeno una volta l anno, l inventario è sentito come un male necessario, un attività da sbrigare nel minor tempo possibile

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Fondi Pensione e Casse di Previdenza:

Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Cattolica Previdenza: un veicolo per gestire il rischio finanziario e demografico. Massimo Montecchio Responsabile Sistema di Offerta Vita e Previdenza Gruppo Cattolica

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C.

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Data inizio: Novembre 2006 Durata: 2 anni Dove: Comune di Roma Soggetto proponente:

Dettagli

SANITÀ, COMMISSIONI CAMERA: TICKET PARAMETRATO A REDDITO. INCENTIVARE ASSICURAZIONI

SANITÀ, COMMISSIONI CAMERA: TICKET PARAMETRATO A REDDITO. INCENTIVARE ASSICURAZIONI SANITÀ, COMMISSIONI CAMERA: TICKET PARAMETRATO A REDDITO. INCENTIVARE ASSICURAZIONI Si va oltre la proposta Unipol-Censis ipotizzando il sostengo alla previdenza integrativa con forme di defiscalizzazione.

Dettagli

UniSalute: la 1 assicurazione sanitaria per clienti gestiti. La vostra salute, la nostra specialità

UniSalute: la 1 assicurazione sanitaria per clienti gestiti. La vostra salute, la nostra specialità UniSalute: la 1 assicurazione sanitaria per clienti gestiti La vostra salute, la nostra specialità Edizione aprile 2014 CHI SIAMO UniSalute specialisti nell assicurazione salute Prima Compagnia in Italia

Dettagli

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina Classe 2^D A.S. 2003/2004 Scuola Media Statale Vibo Marina 1 Presentazione Introduzione La composizione del sangue Cos è il midollo osseo Alcune malattie del sangue: anemia mediterranea e leucemia. Il

Dettagli

D.B. Service S.r.l Sede legale Via San Martino, 16 20122 - Milano Sede Commerciale - Via Regina Elena, 46 74123 Taranto Tel 099.

D.B. Service S.r.l Sede legale Via San Martino, 16 20122 - Milano Sede Commerciale - Via Regina Elena, 46 74123 Taranto Tel 099. Carta Dei Servizi Indice Fondamenti della Carta dei Servizi Cos è la Carta dei servizi Principi fondamentali generali Principali riferimenti normativi Validità e aggiornamento La Carta dei Servizi : diffusione

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia oggi: i risultati dell Osservatorio Tematiche esplorate Cittadini No Profilo campionatura del rispondente

Dettagli

Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali

Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali Giordana Fauci IL DIABETE: ASPETTI MEDICO-LEGALI, PSICOLOGICI E SOCIALI www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Giordana Fauci Tutti i diritti

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Le attività non profit

Le attività non profit Qualche frase: «Quando sento parlare di volontariato sono sempre sospettoso!» «Se non ci pensa lo Stato, chi ci deve pensare?» «Ma lo Stato non può occuparsi di tutto!» «Tutte le imprese hanno un solo

Dettagli

Tumore al Seno: Il rapporto lavoratriceazienda e il rientro post malattia

Tumore al Seno: Il rapporto lavoratriceazienda e il rientro post malattia Tumore al Seno: Il rapporto lavoratriceazienda e il rientro post malattia SINTESI DEI RISULTATI Milano, febbraio 2015 Premessa Quando si affronta un dramma come il tumore al seno, la vita di una donna

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione Dott. Giovanni Battista Bochicchio Direttore Centro Integrato Medicina dell Invecchia Dott. Gianvito Corona Resp. Unità di Terapia del Dolore, Cure Palliative e Oncologia Critica Terr Un punto unico di

Dettagli

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria Dott.ssa Fiammetta Fabris Vice Direttore Generale Area Operativa UniSalute S.p.A Torino - 13 Dicembre 2013 1 UNISALUTE: SPECIALISTI

Dettagli

Corporate Social Responsability

Corporate Social Responsability Corporate Social Responsability elemento strategico per il successo dell impresa Il significato La Corporate Social Responsability, in italiano Responsabilità Sociale delle Imprese, può essere definita

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA SULL E- GOVERNMENT

LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA SULL E- GOVERNMENT LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA SULL E- GOVERNMENT (THE PRESERVATION OF THE ELECTRONIC RECORDS WITHIN THE ITALIAN E-GOVERNMENT PROCEDURES) Maria Guercio Il quadro normativo

Dettagli

La realtà del medico. Le realtà prospettiche in sanità

La realtà del medico. Le realtà prospettiche in sanità La realtà del medico Le realtà prospettiche in sanità VENETO Popolazione 4,928 milioni (31 lug 2014) MMG: 3.442 Media pazienti per MMG: 1.240 Fonte Ministero della Salute 2011 INDAGINE FIMMG 2014 MMG:

Dettagli

l esperienza degli artigiani

l esperienza degli artigiani 1 l esperienza degli artigiani 2 Perché una mutua degli artigiani? L Associazione Artigiani si sta impegnando ormai da tempo per trovare soluzione alla questione ormai urgente e presente della copertura

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino Pianezzola Giulia In questi ultimi anni le adozioni nazionali

Dettagli

Valutare un test. Affidabilità e validità di un test. Sensibilità e specificità

Valutare un test. Affidabilità e validità di un test. Sensibilità e specificità Valutare un test 9 Quando si sottopone una popolazione ad una procedura diagnostica, non tutti i soggetti malati risulteranno positivi al test, così come non tutti i soggetti sani risulteranno negativi.

Dettagli

Il manuale è concentrato su questi articoli:

Il manuale è concentrato su questi articoli: Questo manuale è stato creato per aiutare i team leader e gli assistenti nel loro lavoro, dandoli una dritta specifica su alcuni dei loro doveri principali nel dirigere i propri gruppi di lavoro. La dirigenza

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI DI MEDICINA GENERALE FIMMG E EUROPA DONNA ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI DI MEDICINA GENERALE FIMMG E EUROPA DONNA ITALIA PROTOCOLLO D INTESA FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI DI MEDICINA GENERALE FIMMG E EUROPA DONNA ITALIA Protocollo d intesa tra FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI di MEDICINA GENERALE e EUROPA DONNA ITALIA Il giorno

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 CARTA DEI SERVIZI NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 Presentazione La Cooperativa sociale NeuroImpronta ha scelto di

Dettagli

Welfare pubblico - privato Proposte di integrazione per il Piemonte. Torino Incontra 13 dicembre 2013 Dott.Emiliano Mazzoli LegaCoop

Welfare pubblico - privato Proposte di integrazione per il Piemonte. Torino Incontra 13 dicembre 2013 Dott.Emiliano Mazzoli LegaCoop Welfare pubblico - privato Proposte di integrazione per il Piemonte Torino Incontra 13 dicembre 2013 Dott.Emiliano Mazzoli LegaCoop La spesa sanitaria mondiale Evoluzione del concetto di famiglia Invecchiamento

Dettagli

RELAZIONE INTRODUTTIVA ALLA INIZIATIVA CGIL FP INCA DEL 26 NOVEMBRE RENDIMENTI PENSIONI TFR TFS E FONDI COMPLEMENTARI PERSEO - SIRIO

RELAZIONE INTRODUTTIVA ALLA INIZIATIVA CGIL FP INCA DEL 26 NOVEMBRE RENDIMENTI PENSIONI TFR TFS E FONDI COMPLEMENTARI PERSEO - SIRIO RELAZIONE INTRODUTTIVA ALLA INIZIATIVA CGIL FP INCA DEL 26 NOVEMBRE RENDIMENTI PENSIONI TFR TFS E FONDI COMPLEMENTARI PERSEO - SIRIO Care compagne e cari compagni, sono molte le ragioni che ci hanno convinto

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012 POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA Novembre 2012 Premessa 1. Il Codice etico aziendale contiene i principi di comportamento per la conduzione dell attività di

Dettagli

NOTIZIE DAI REPARTI DI SONDALO E MORBEGNO

NOTIZIE DAI REPARTI DI SONDALO E MORBEGNO NOTIZIE DAI REPARTI DI SONDALO E MORBEGNO Dati statistici relativi all attività del 2010 Anche quest anno dobbiamo segnalare un aumento del numero totale dei ricoveri nei nostri due Hospice. Per il primo

Dettagli

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere Focus su... Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di, non il piacere Aristotele 2 Il può essere definito come un campanello d allarme che ci avverte quando qualcosa nel nostro organismo non funziona

Dettagli

SUGGERIMENTI E STRUMENTI PER CREARE UN FONDO DI SOLIDARIETÀ SANITARIA PRESENTAZIONE PER PRO CARUGATE

SUGGERIMENTI E STRUMENTI PER CREARE UN FONDO DI SOLIDARIETÀ SANITARIA PRESENTAZIONE PER PRO CARUGATE SUGGERIMENTI E STRUMENTI PER CREARE UN FONDO DI SOLIDARIETÀ SANITARIA PRESENTAZIONE PER PRO CARUGATE Le Ricerche socio - economiche Il Censis, Centro Studi Investimenti Sociali, è un istituto di ricerca

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE INTEGRATA A SUPPORTO DEI SERVIZI DIAGNOSTICI ED AMBULATORIALI DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE INTEGRATA A SUPPORTO DEI SERVIZI DIAGNOSTICI ED AMBULATORIALI DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO REGIONE BASILICATA Contratto di prestazione di servizi PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE INTEGRATA A SUPPORTO DEI SERVIZI DIAGNOSTICI ED AMBULATORIALI DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO ALLEGATO

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI LICEO SCIENTIFICO MUSICALE MARCONI PESARO PROGETTO REALIZZATO DA: LETIZIA CARONI, THOMAS PARADISI, DENIS ESPOSITO

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

IDEE PER LA SANITA PROF. VITO D ANDREA

IDEE PER LA SANITA PROF. VITO D ANDREA IDEE PER LA SANITA PROF. VITO D ANDREA Il Servizio Sanitario Nazionale Italiano è universale e garantisce a tutti l assistenza sanitaria gratuita, fondandosi sulla medicina di famiglia, sulla continuità

Dettagli

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE Descrizione dell iniziativa/progetto ed ambiti operativi di intervento L idea Nel nostro paese la partecipazione alla vita scolastica e sociale in

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO

CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO DOLORE FederAnziani

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 APRILE 2008 Disposizioni per l assistenza globale dei pazienti

Dettagli

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie Roma, 25 Novembre 2014 Tiziana Sabetta Nulla rende più fragile e vulnerabile una famiglia dell esordio di una malattia

Dettagli

La previdenza pubblica e privata: cosa ne pensano i lavoratori? Indagine Mefop-Ipsos 2012

La previdenza pubblica e privata: cosa ne pensano i lavoratori? Indagine Mefop-Ipsos 2012 La previdenza pubblica e privata: cosa ne pensano i lavoratori? Indagine Mefop-Ipsos 2012 Agenda 1 Aspetti generali 2 Descrizione del campione 3 Previdenza pubblica e privata. Gli effetti del decreto Salva

Dettagli

PARTE TERZA Le conoscenze preliminari e la loro verifica

PARTE TERZA Le conoscenze preliminari e la loro verifica INDICE 7 Introduzione PARTE PRIMA Che cos è la Fisica oggi 13 1. Ambito, scopo e obiettivi generali 15 2. Il metodo scientifico: teoria ed esperimento 21 3. Relazioni e differenze con la matematica e l

Dettagli