in evidenza La diagnosi della SLA per una persona è come una doccia gelata fatta con una secchiata in testa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "in evidenza La diagnosi della SLA per una persona è come una doccia gelata fatta con una secchiata in testa"

Transcript

1 ottobre N 3 Il periodico di informazione sulla Sanità Integrativa in evidenza La diagnosi della SLA per una persona è come una doccia gelata fatta con una secchiata in testa

2 sommario Health Online periodico bimestrale di informazione sulla Sanità Integrativa editoriale pag. 1 da mutualità a mutua a cura dell Ing. Roberto Anzanello - Direttore responsabile Anno 1 - Ottobre N 3 Direttore responsabile Ing. Roberto Anzanello Direttore editoriale Massimiliano Alfieri Comitato di redazione Manuela Fabbretti Fabio Vitale Luciano Dragonetti Redazione e produzione Fabio Vitale Direzione e Proprietà HHG S.p.A. Via di Santa Cornelia, Formello (RM) Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte può essere riprodotta in alcun modo senza permesso scritto del direttore editoriale. Articoli, notizie e recensioni firmati o siglati esprimono soltanto l opinione dell autore e comportano di conseguenza esclusivamente la sua responsabilità diretta. IN EVIDENZA pag. 2 la moda dell ice-bucket ed il sostegno alla ricerca sulla sla a cura di Maria Cagnoni pag. 4 cancro Stop al nutrimento delle cellule tumorali a cura di Giulia di Michele gli italiani e la sanità integrativa a cura di Manuela Fabbretti pag. 6 struttura e organizzazione di un team gestinone sinistri sanità integrativa a cura di Ivo Fiorelli Registrazione del Tribunale Civile di Roma N 29 del 10 Marzo 2014 Imaginazione e grafica Fabio vitale Copia inviata a il Museo del Mutuo Soccorso - sito in Via di Santa Cornelia, Formello (RM) - ha al suo interno più di 500 reperti di valore storico mutualistico. Aperto dal lunedì al venerdì solo su appuntamento contattando il numero telefonico

3 editoriale Da mutualità a mutua di Roberto Anzanello Negli anni 70 nel nostro paese furono assunte alcune decisioni politiche in campo sanitario di cui ancora oggi subiamo gli effetti e precisamente: Nel 1972 le funzioni sanitarie statali furono trasferite alle regioni; Nel 1977 le funzioni degli enti mutualistici furono trasferite alle regioni; Nel 1978 fu istituito il Servizio Sanitario Nazionale. E risaputo che le decisioni furono assunte con l obiettivo di governare al meglio il sistema sanitario che già mostrava le prime crepe dopo il baby boom degli anni 60, di avvicinare i servizi al cittadino, di integrare organizzativamente in un unica istituzione la pluralità di modelli che allora operavano nel campo sanitario, di controllare al meglio i costi. Con il senno di poi è facile sicuramente criticare ma in questo caso possiamo dire, senza timore di smentita, che difficilmente delle decisioni politiche hanno poi influito in modo così significativo sulla popolazione tutta. Infatti gli effetti di quelle decisioni sono ancora oggi sotto gli occhi di tutti noi: 1. La regionalizzazione dei servizi sanitari ha portato a una continua proliferazione e duplicazione di attività ed organizzazioni con un totale disservizio nei confronti della popolazione; 2. Il ridimensionamento degli enti mutualistici ha determinato la destrutturazione di tutta una serie di servizi gestiti in modo cooperativo con costante diminuzione dei servizi sanitari prestati agli individui ed alle famiglie; 3. La creazione del servizio sanitario ha creato un mostro a molte teste che è divenuto incontrollabile con una costante incremento dei costi sanitari. Le conseguenze di questi effetti hanno inciso ed incidono tutt ora sulla nostra vita quotidiana con uno sviluppo incontrollato della spesa pubblica sanitaria che ha avuto un incidenza importante nel determinare il volume della spesa pubblica nazionale globale e di conseguenza ha causato il continuo crescente aumento della tassazione verso imprese e famiglie, con la creazione di potentati economici e politici spesso causa di malversazione, con la creazione di livelli di servizio sanitario differenziati in modo ingestito da regione a regione in direzione contraria allo spirito sociale di un servizio sanitario equo. E però indispensabile analizzare il perché di questo fenomeno ed andare alle radici del problema per comprenderlo e risolverlo. Sopra abbiamo infatti esposto le decisioni assunte e le loro conseguenze ma il vero danno è stato fatto per mancanza di coerenza con lo spirito di fondo che un servizio sanitario per i cittadini deve avere. Infatti nessun servizio sanitario nazionale, soprattutto in periodi in cui l invecchiamento della popolazione diviene un fenomeno naturale imprescindibile, può sostenere i costi sanitari di un intero popolo, non si tratta di un pensiero ma di una semplice realtà matematicamente calcolabile. Ed è per questo che l errore, a distanza di circa quarant anni non è ancora stato corretto, ma sono stati solo prodotti interventi che si sono rilevati un palliativo per un sistema in crescente crisi. L elemento determinante è infatti che i servizi sanitari per la popolazione non possono che essere gestiti basandosi sul principio della mutualità, ed è questo l aspetto che è stato annullato con le decisioni degli anni 70. La mutualità infatti consente che il contributo di tutti possa aiutare chi ha necessità, ma proprio per questo la mutualità non può essere mediata perché questo ne distorce le valenze. Non può essere mediata dallo Stato dove i contributi versati per la Sanità Nazionale molto spesso vengono spesi per il sostenimento dei modelli organizzativi e la quota destinata ai servizi sanitari diviene sempre minore e dove, molto spesso, le risorse economiche vengono destinate ad altre necessità nazionali. Non può essere mediata dalla Compagnie di Assicurazione ove i premi versati dai clienti devono essere gestiti in una logica di redditività imprenditoriale con conseguente limitazione dei servizi prestati e aumento dei costi e ove l interesse privato dei singoli prevale sull interesse dell insieme degli assicurati. La mutualità può essere quindi solo diretta e gestita dagli enti che hanno come obiettivo solo una corretta gestione della stessa e cioè: Società di Mutuo Soccorso, Casse di Assistenza Sanitaria, Fondi Sanitari. Dagli inizi degli anni 2000 anche la nostra politica ha iniziato a ripensare il sistema sanitario in questa logica ineluttabile prendendo ed applicando tutta una serie di decisioni che dirigono verso la creazione di un sistema sanitario nazionale che fornisca un assistenza sanitaria di base e enti mutualistici che forniscano un assistenza sanitaria integrativa basata sulle logiche della mutualità non mediata. La strada è tracciata e, per il bene della salute di tutti noi, non dobbiamo che percorrerla con convinzione senza lasciarsi condizionare da quelle lobby che per loro interesse economico, personale, politico, imprenditoriale, spingono verso altre decisioni. La soluzione ora è possibile ed attuabile ed è quella corretta e cioè gestire la sanità integrativa secondo il principio della mutualità, compiendo l ultimo passo: trasferire in un quadro legislativo coerente il compito di fornire i servizi sanitari integrativi a chi lo fa per ruolo e non solo per redditività, passando dal concetto di mutualità ad una gestione mutualistica. 1

4 LA MODA DELL ICE-BUCKET ED IL SOSTEGNO ALLA RICERCA SULLA SLA La diagnosi della SLA per una persona è come una doccia gelata fatta con una secchiata in testa Se la secchiata ricevuta per partecipare all Ice Bucket è certamente gelata, è nulla al confronto rispetto a quello che si prova a toccare con mano la realtà della SLA. Una malattia terribile, blocca i muscoli, i pazienti muoiono con tutte le funzioni cognitive funzionanti ma il corpo non risponde più. La similitudine con l acqua gelata a mio avviso è la diagnosi. Ma è una secchiata gelata con anche il secchio in testa. Inizia tutto con sintomi banali quali possono essere una penna che cade di mano oppure un braccio che si blocca, e per arrivare ad un responso sicuro ci vogliono circa sei mesi. In questo tristissimo scenario l Ice Bucket non può che avere risvolti positivi. La metodica può piacere o meno, però fa conoscere il problema. Allo stato attuale non sono molte ma sono destinate ad aumentare, le Associazioni a sostegno della SLA e dei pazienti affetti. Quest ultime più che un sostegno economico costituiscono un sostegno morale ed un appoggio perché è molto brutto per i pazienti quando capita loro dire cos hanno e dover oltretutto spiegare che tipo di malattia è. In questo l Ice Bucket può essere di aiuto. Già, ma con tutte gli auto-gavettoni d acqua gelata che decine di personaggi, più o meno noti hanno postato su Facebook, sono piovute fior di donazioni al momento ma per il futuro in realtà potrebbe non essere così. Negli ultimi tempi con il diffondersi della malattia e conseguentemente della sua conoscenza le donazioni sono aumentate. Negli ultimi mesi soprattutto con la moda dell Ice bucket, se così si può chiamarla, sono 2

5 si aumentate ma quanto questo fenomeno continuerà ancora? Forse si esaurirà? Unico dato certo è che i pazienti malati rimarranno e forse saranno destinati ad aumentare. Non esiste una cura a questa patologia, che progredisce molto velocemente, penso a una donna che conoscevo con una famiglia splendida che all età di 56 anni, mentre programmava di godersi la pensione tanto agognata insieme al marito, le hanno diagnostica la SLA. Nel giro di un anno si è trovata costretta su di una sedia a rotelle non più autosufficiente. C è un farmaco che rallenta la SLA, ma non la guarisce. In Italia sono ancora pochi ma destinati ad aumentare i casi di pazienti affetti da SLA, di tutte le fasce d età. Ovviamente vi sono forme diverse di questa terribile malattia, alcune più aggressive altre meno. Esibizionismo, moda, vera sensibilità umana e sociale, difficile sapere che cosa c è dietro ogni video che si vede su Facebook. Dati certi per esempio certificano che attraverso l Ice Bucket Challenge si è riusciti a raccogliere solo per l AISLA 1,5 milioni di euro. Vale la pena soffermarsi sull AISLA (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica), la quale promuove iniziative in tutta Italia per innovare l attenzione dell opinione pubblica, delle autorità politiche, sanitarie e socio assistenziali sui bisogni di cura e assistenza dei malati per giungere finalmente ad un appropriata gestione della SLA, ad un adeguata presa in carico dei pazienti e dei loro familiari e per raccogliere fondi di sostegno della ricerca mirata su questa malattia, al momento inguaribile ma non per questo incurabile. Come si sa nel 2014 nessuno può esimersi dalle mode che si diffondono sui social network, nessuno si può sentire da meno. Ciò che ci si augura è che almeno il 50% di chi si getta l acqua addosso si chieda che cosa vuol dire essere malati di SLA e che almeno un passo in più nella ricerca attraverso la diffusione possa avvenire. a cura di Maria Cagnoni 3

6 cancro stop al nutrimento delle cellule tumorali La notizia, pubblicata su The Journal of Clinical Investigation, arriva da uno studio coordinato da Ugo Cavallaro, ricercatore del Programma di Medicina Molecolare dello IEO, l Istituto Europeo di Oncologia, con un passato di studi ed incarichi internazionale. Il gruppo di ricerca ha scoperto un modo per colpire L1, attraverso la sua inattivazione, una molecola endoteliale del sistema nervoso, presente in modo abbondante nei vasi sanguigni tumorali e quasi assente nei vasi sani. Questo processo, effettuato tramite specifici anticorpi o altra metodica, rallenterebbe la crescita tumorale riducendone la vascolarizzazione e pertanto normalizzando e migliorando il flusso sanguigno all interno del tumore stesso. Apparentemente, come specifica Cavallaro, questo potrebbe risultare un controsenso in quanto, migliorare la rete vascolare, significa aumentare l apporto di ossigeno e nutrienti alle cellule malate. Nello stesso tempo, però, il medesimo processo costituirebbe la soluzione alla scarsa penetrazione dei farmaci antitumorali poiché il tessuto neoplastico risulterebbe molto più ricettivo. L inattivazione di L1 avrebbe così un doppio effetto: il blocco della vascolarizzazione e il potenziamento della chemioterapia o di altri trattamenti anti-tumorali. Il processo interessato è quello dell angiogenesi, cioè la formazione di nuovi vasi sanguigni da cui le cellule tumorali traggono il nutrimento ed in tal modo possono moltiplicarsi in maniera incontrollata. La categoria di farmaci interessati a contrastare il cancro, i cosiddetti inibitori dell angiogenesi, mirano a bloccare l azione del VEGF-A, la sostanza prodotta dalle cellule tumorali che funge da fertilizzante per i vasi sanguigni e ne promuove la crescita. Questa classe di farmaci e il nuovo approccio di intervento sulla ricerca molecolare mostrano che esistono nuovi percorsi che possono rappresentare una valida alternativa al colpire direttamente il gene alterato nelle cellule cancerose e che questo potrebbe rappresentare il futuro della lotta al tumore. Fonte The Journal of Clinical Investigation a cura di Giulia di Michele gli italiani e la sanità integrativa Sappiamo tutti che l Italia sta affrontando, sotto il profilo del welfare sanitario, un periodo particolarmente difficile, con la crisi e le problematiche che il Paese sta vivendo ed i cittadini sentono sempre più il peso delle rinunce che sono costretti a fare relativamente alle cure mediche. Guardando però con un ottica positivistica la situazione c è da dire che una possibile soluzione in relazione all assistenza sanitaria, in Italia, è presente da molti anni ma sconosciuta a molti. Si parla appunto della previdenza sanitaria complementare o sanità integrativa per la quale, secondo una recente indagine del Censis, risulta che il 33,6% degli intervistati non conosce l esistenza di fondi sanitari integrativi e polizze malattia, mentre un ulteriore 34,9%, anche se ne è a conoscenza, non sa esattamente cosa siano e come funzionino. Dall indagine emerge inoltre che il 53% non è informato sulle differenze tra un fondo sanitario integrativo ed una polizza malattia, e oltre il 57% invece non è 4

7 al corrente del vantaggio fiscale che i fondi sanitari privata, ecco quindi che assume un importanza integrativi garantiscono rispetto alle polizze malattia. > fondamentale l integrazione degli strumenti del L indagine prosegue ed interroga un ampio campione welfare privato con quello pubblico, in modo da nazionale di lavoratori Gli la Italiani quale afferma e la Sanità che esiste Integrativa una fornire operatori privati specializzati e qualificati scarsa conoscenza di Gli alcuni Italiani aspetti e la essenziali Sanità inerenti Integrativa sia per prestazioni sanitarie che assistenziali, la previdenza complementare: Sappiamo tutti il 35% che dichiara l Italia sta di affrontando, non attraverso sotto il profilo servizi del welfare resi decisamente sanitario, un periodo accessibili particolarmente con conoscere il rapporto difficile, Sappiamo benefici con tutti fiscali la che crisi della l Italia e le previdenza problematiche sta affrontando, che strumenti sotto il Paese il profilo sta integrativi vivendo del welfare ed i sanitario, rendendoli cittadini sentono un periodo più sempre particolarmente adeguati. più il peso complementare e quelli difficile, delle rinunce relativi con la che ad crisi sono altre e le costretti problematiche forme a di fare che relativamente il Paese sta alle vivendo cure mediche. i cittadini Guardando sentono però sempre con più un il ottica peso investimento; il 33% non delle positivistica è rinunce informato la che situazione sui sono parametri costretti c è da dire per a fare che una relativamente Per possibile rimediare soluzione alle cure a questa in mediche. relazione scarsa Guardando all assistenza comunicazione però sanitaria, con un in e ottica Italia, la rivalutazione dei contributi è positivistica presente versati la da situazione mentre molti il anni c è 16% da ma non dire sconosciuta che una conoscenza possibile a molti. soluzione del Si mondo parla in relazione appunto sanitario all assistenza della integrativo, previdenza sanitaria, alcune sanitaria in Italia, è a conoscenza della complementare è possibilità presente o da meno o molti sanità di disporre anni integrativa ma sconosciuta per la Società quale, a di secondo molti. Mutuo Si una Soccorso parla recente appunto e indagine Fondi della Sanitari del previdenza Censis, integrativi risulta sanitaria che il tutto o in parte del capitale complementare 33,6% degli prima intervistati del o pensionamento. sanità non integrativa conosce per l esistenza la hanno quale, di introdotto secondo fondi sanitari una una recente integrativi nuova indagine e figura, polizze del il malattia, Censis, Promotore risulta mentre che un il Pertanto tirando le somme ulteriore 33,6% degli di 34,9%, quanto intervistati anche appena non se conosce ne detto, è a l esistenza conoscenza, Mutualistico, di non fondi sa sanitari figura esattamente apposita integrativi cosa a e svolgere polizze siano e malattia, come operazioni funzionino. mentre abbiamo un deficit Dall indagine ulteriore conoscitivo 34,9%, emerge anche dell argomento inoltre se ne che è il 53% a conoscenza, non di è tipo informato non informativo, sa sulle esattamente differenze diffusione tra cosa un siano fondo e di e sanitario connessione come funzionino. integrativo Italiani Gli che Italiani e la si aggira Sanità e la Sanità intorno Integrativa ed Dall indagine ai una 16 polizza milioni emerge malattia, di lavoratori inoltre e oltre che che il il 57% 53% invece non tra è esigenze informato non è al corrente degli sulle differenze utenti del vantaggio e le tra soluzioni un fondo fiscale sanitario possibili che i fondi integrativo che sanitari Italiani non e la conoscono Sanità Integrativa o conoscono integrativi ed una polizza garantiscono in malattia, maniera rispetto e errata oltre alle il la 57% polizze invece il malattia. welfare non è L indagine al offre corrente sul prosegue del piano vantaggio ed sanitario interroga fiscale assistenziale. un che ampio i fondi campione sanitari piamo Sappiamo tutti che tutti l Italia che sta l Italia affrontando, sta affrontando, sotto sotto il profilo profilo del del welfare welfare sanitario, un periodo Italiani previdenza e la Sanità complementare Integrativa nazionale integrativi e di garantiscono lavoratori sanità la integrativa. rispetto quale afferma alle polizze che L informazione esiste malattia. una L indagine scarsa particolarmente è conoscenza fondamentale, prosegue di ed alcuni interroga consente aspetti un agli essenziali ampio utenti campione di inerenti difficile, con la crisi e le problematiche che il Paese sta vivendo ed i cittadini sentono sempre più il peso icile, piamo con tutti la che crisi l Italia e le problematiche sta affrontando, la nazionale previdenza che sotto di il lavoratori Paese il complementare: profilo sta la vivendo del quale welfare afferma ed il i 35% sanitario, cittadini che dichiara conoscere esiste sentono un periodo una di non scarsa sempre le diverse particolarmente conoscere conoscenza più alternative il peso il rapporto di alcuni e possibilità aspetti di benefici essenziali presenti, fiscali inerenti della delle rinunce che sono costretti a fare relativamente alle cure mediche. Guardando però con un ottica icile, piamo rinunce con tutti Abbiamo la che che crisi sono l Italia e le le costretti problematiche sta risorse affrontando, a la previdenza fare previdenza ma che relativamente sotto non il complementare Paese il complementare: profilo sta alle conosciamo, vivendo del cure welfare e quelli mediche. il i 35% sanitario, cittadini relativi dichiara Guardando avendo ad sentono un altre periodo di così non però forme sempre particolarmente un conoscere di panorama più un investimento; il ottica peso il rapporto completo il 33% di benefici non dei è servizi informato fiscali e della sui positivistica la situazione c è da dire che una possibile soluzione in relazione all assistenza sanitaria, in Italia, icile, itivistica rinunce con possiamo è presente la la che situazione crisi sono e le da costretti utilizzarle problematiche molti c è da anni dire a parametri previdenza fare ma ma una che relativamente non sconosciuta per possibile il complementare Paese sappiamo rivalutazione sta a soluzione molti. alle vivendo cure e come Si in quelli parla dei mediche. relazione contributi i cittadini relativi appunto Guardando all assistenza modalità ad sentono versati altre con della previdenza mentre però forme sempre sanitaria, cui con il di accedervi, più sanitaria 16% un investimento; il ottica Italia, non peso è per a conoscenza decidere il 33% non quindi della è informato possibilità quale sui o presente le itivistica rinunce complementare funzionano la da che situazione molti sono costretti o anni c è e sanità non da ma dire a integrativa meno parametri c è sconosciuta fare che nessuno una di relativamente per disporre per possibile la quale, che a rivalutazione molti. in soluzione ce secondo tutto alle lo Si cure o spieghi. in parla una in dei parte mediche. relazione contributi recente appunto del indagine capitale Guardando all assistenza sia versati della la del soluzione prima previdenza mentre però Censis, sanitaria, del con risulta migliore pensionamento. il 16% un sanitaria che in ottica Italia, non il in base è a conoscenza Pertanto alle proprie tirando della esigenze. le possibilità somme di o presente itivistica plementare 33,6% la da situazione degli o molti sanità intervistati anni c è integrativa da ma non dire quanto meno conosce sconosciuta che per una di la appena l esistenza disporre quale, possibile a detto, secondo molti. in di soluzione tutto fondi abbiamo Si sanitari o una in parla in recente parte un relazione integrativi appunto deficit del indagine capitale all assistenza conoscitivo e polizze della del prima previdenza malattia, Censis, dell argomento sanitaria, pensionamento. mentre risulta sanitaria in Italia, che un che il Pertanto aggira intorno tirando ai 16 le somme milioni di presente 6% plementare degli ulteriore Purtroppo intervistati da o molti 34,9%, sanità non esiste anni anche integrativa conosce ma una se lavoratori quanto ne sconosciuta grande per l esistenza è a appena conoscenza, quale, che lacuna a non di detto, secondo molti. fondi conoscono in non abbiamo sanitari termini Si una esattamente parla recente o integrativi un di conoscono appunto deficit indagine cosa conoscitivo Da e polizze della siano un indagine maniera del e previdenza malattia, Censis, come dell argomento errata funzionino. risulta realizzata mentre la sanitaria previdenza che che un il dal si aggira Censis complementare intorno risulta ai che 16 e milioni la al sanità di 6% riore plementare degli Dall indagine 34,9%, conoscenza intervistati o anche sanità emerge non se per integrativa inoltre conosce ne quanto è integrativa. lavoratori che a per l esistenza conoscenza, il concerne 53% quale, che non è non di informato secondo non fondi tutto conoscono sa sanitari il sulle esattamente una mondo differenze recente o integrativi conoscono indagine cosa tra 27% e un polizze siano fondo maniera degli del sanitario e malattia, Censis, come intervistati errata integrativo risulta funzionino. mentre la previdenza che è accaduto il complementare di dover pagare e la sanità 6% l indagine riore degli ed 34,9%, del una intervistati emerge welfare, polizza anche inoltre malattia, non il se quale conosce ne che e è il oltre integrativa. potrebbe 53% a l esistenza conoscenza, il non 57% è invece e informato dovrebbe di non fondi è sa al sulle sanitari affiancare corrente esattamente differenze integrativi del vantaggio tra cosa un e polizze siano fondo ticket fiscale e malattia, sanitario che su come i una fondi funzionino. integrativo mentre prestazione sanitari sanitaria superiore al integrativi garantiscono rispetto alle polizze malattia. L indagine prosegue ed interroga un ampio campione l indagine una riore polizza 34,9%, l SSN emerge malattia, anche sofferente inoltre e se oltre ne che è e il Grafico 57% 53% a appesantito, conoscenza, invece non percentuale è informato non non a è partire della sa corrente sulle esattamente conoscenza differenze dalla del vantaggio tra cosa sui costo un Fondi siano fondo fiscale che e sanitario che avrebbe come i fondi funzionino. integrativo sostenuto sanitari se avesse acquistato la nazionale di lavoratori la quale afferma che esiste una scarsa di alcuni aspetti essenziali inerenti l indagine una grativi polizza garantiscono sanità emerge malattia, integrativa inoltre rispetto e oltre che alle che il il 57% 53% polizze invece non malattia. è informato non è L indagine corrente sulle differenze prosegue del vantaggio tra ed un interroga fondo fiscale sanitario un che ampio i fondi integrativo campione sanitari non hanno mai sentito di la previdenza complementare: sanitari Grafico ad percentuale il 35% integrativi oggi conta dichiara di e della previdenza più conoscenza 11 non conoscere complementare. sui prestazione Fondi nel privato pagando l intero costo di tasca il rapporto di benefici fiscali della una ionale grativi polizza previdenza di garantiscono lavoratori malattia, complementare rispetto quale e oltre afferma alle il 57% e polizze quelli che invece relativi esiste malattia. non ad una è altre L indagine scarsa al corrente forme conoscenza di prosegue del vantaggio investimento; di ed alcuni interroga fiscale il 33% aspetti non un che essenziali è ampio i fondi informato campione inerenti sanitari F.Sanitari non hanno e mai polizze sentito malattia di milioni di assistiti, sanitari alla previdenza integrativi complementare e previdenza complementare. propria. Questo dimostra il grande squilibrio attuale sui F.Sanitari e polizze malattia previdenza ionale grativi parametri di garantiscono che lavoratori complementare: invece per la rispetto rivalutazione quale registra afferma alle il 35% polizze dei oltre che contributi dichiara esiste malattia. 6 milioni versati una di L indagine non scarsa mentre di conoscere conoscenza iscritti. il prosegue 16% non il rapporto di è ed alcuni a tra conoscenza interroga pubblico aspetti di benefici un della essenziali ampio e possibilità privato fiscali campione inerenti della che, o a causa dei grandi tagli hanno sentito parlare ma non previdenza ionale meno di lavoratori di complementare: disporre la quale in tutto e quelli afferma o il in 35% parte relativi che dichiara del esiste ad capitale altre una di prima non scarsa forme conoscere del 16,0% conoscenza di pensionamento. investimento; il rapporto di alcuni Pertanto il 33% aspetti di tirando benefici non essenziali è le informato somme fiscali inerenti 33,6% fatti al settore sanitario, sanno di della provoca sui confusione e rende hanno cosa sentito siano parlare i F.Sanitari ma non e previdenza ametri quanto per La la spesa complementare: appena rivalutazione out detto, of e abbiamo pocket quelli dei il contributi 35% relativi intermediata un deficit dichiara ad versati conoscitivo altre di in mentre non forme Italia, dell argomento conoscere 16,0% il di ovvero 16% investimento; non il 33,6% che rapporto è a si complessa conoscenza aggira il 33% di intorno benefici non anche della ai è 16 informato possibilità fiscali milioni l erogazione polizze sanno di della sui o cosa malattia del siano servizio i F.Sanitari e le e cure. no ametri videnza di disporre lavoratori per complementare rivalutazione in che tutto non o conoscono in e quelli dei parte contributi del o relativi conoscono quella gestita attraverso assicurazioni capitale ad versati altre in prima maniera mentre forme integrative del pensionamento. errata il di 16% investimento; la o non previdenza è a conoscenza Pertanto il complementare 33% non tirando della è informato e le possibilità la somme sanità polizze sui non di conoscono o malattia le differenze tra integrativa. no ametri nto di appena disporre per strumenti la detto, rivalutazione in tutto abbiamo simili, o in risulta dei parte un contributi deficit del essere capitale conoscitivo versati una prima tra mentre dell argomento le più pensionamento. il 16% basse non che è a conoscenza Pertanto aggira Fonte dati intorno tirando statistici della ai 16 le possibilità Censis somme milioni F.sanitario non Centro di conoscono o Studi integrativo le Investimenti differenze e polizza Sociali tra no nto ratori di appena disporre che d Europa non detto, in conoscono tutto abbiamo o il in 13,4% parte o un conoscono deficit del capitale totale conoscitivo in della maniera prima spesa dell argomento errata pensionamento. sanitaria la previdenza che Pertanto aggira complementare 34,9% intorno tirando ai 16 le e somme milioni la sanità malattia F.sanitario a cura di di integrativo Manuela e Fabbretti polizza > Grafico percentuale della conoscenza sui Fondi nto grativa. ratori appena che non detto, conoscono abbiamo o un conoscono deficit conoscitivo in maniera dell argomento errata la previdenza non che hanno si aggira 34,9% mai complementare sentito intorno di ai 16 e milioni malattia la sanità non di conoscono i vantaggi fiscali sanitari integrativi e previdenza complementare. grativa. ratori che non conoscono o conoscono 35,0% in maniera errata la previdenza F.Sanitari e polizze complementare malattia e la sanità dei non F.sanitari conoscono integrativi i vantaggi fiscali fico grativa. percentuale della conoscenza sui 35,0% dei F.sanitari integrativi Fondi hanno sentito parlare ma non 16,0% non hanno mai sentito di itari fico percentuale integrativi e della previdenza conoscenza complementare. sui 33,6% Fondi non conoscono il rapporto tra sanno cosa siano i F.Sanitari e F.Sanitari non e polizze malattia polizze hanno malattia mai sentito di benefici fiscali della itari fico percentuale integrativi e della previdenza conoscenza complementare. sui Fondi non conoscono il rapporto tra F.Sanitari non hanno e mai polizze sentito malattia di Previd.complementare benefici fiscali della itari integrativi e previdenza complementare. non conoscono 53,0% le differenze tra hanno F.Sanitari 16,0% F.sanitario sentito e integrativo polizze 53,0% parlare malattia Previd.complementare e polizza non non conoscono i parametri per la 33,6% 34,9% 57,0% sanno hanno malattia cosa sentito siano parlare i F.Sanitari ma non e valutazione non conoscono dei contributi i parametri versati per la 16,0% polizze 33,6% 57,0% sanno hanno non conoscono cosa sentito malattia siano parlare i vantaggi i F.Sanitari ma fiscali non e valutazione dei contributi versati 16,0% 35,0% 33,6% non polizze sanno dei conoscono F.sanitari cosa malattia siano integrativi le i differenze F.Sanitari e tra non sanno della possibilità di F.sanitario polizze malattia non conoscono integrativo le differenze e polizza tra disporre non sanno del della capitale possibilità prima di del 34,9% malattia F.sanitario non conoscono integrativo il rapporto e polizza tra non conoscono le differenze tra pensionamento disporre del capitale prima del 34,9% benefici fiscali della non malattia F.sanitario Previd.complementare conoscono integrativo i vantaggi e polizza pensionamento fiscali 34,9% 53,0% 35,0% dei malattia non F.sanitari integrativi non conoscono i parametri vantaggi per fiscali la 35,0% 57,0% Abbiamo le risorse ma non le conosciamo, dei non valutazione F.sanitari conoscono possiamo dei integrativi contributi i vantaggi utilizzarle versati fiscali ma non sappiamo come funzionano e non 35,0% c è Abbiamo nessuno le risorse che ce ma lo spieghi. non le conosciamo, Purtroppo non dei F.sanitari conoscono esiste possiamo integrativi il rapporto una utilizzarle grande tra lacuna ma non in termini sappiamo di come conoscenza funzionano per quanto e non c è nessuno che ce lo spieghi. Purtroppo esiste una grande lacuna in termini di conoscenza per quanto 57,0% 53,0% 53,0% 53,0% benefici non conoscono sanno fiscali della della il possibilità rapporto di tra Previd.complementare benefici non disporre conoscono fiscali del capitale della il rapporto prima del tra pensionamento non Previd.complementare benefici conoscono fiscali della i parametri per la valutazione Previd.complementare non conoscono dei contributi i parametri versati per la 5

8 STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE DI UN TEAM GESTIONE SINISTRI SANITA INTEGRATIVA La tutela della Salute Pubblica, nel suo complesso e come comunemente intesa, è un servizio che uno Stato fornisce ai cittadini, secondo le proprie capacità e possibilità. Oggi i cittadini sono europei e i diversi membri della UE (ben ventotto) hanno diverse capacità e possibilità di fornire questo essenziale servizio, inoltre la libera circolazione dei beni e servizi, oramai consolidata, offre un panorama di possibile concorrenza in un settore così delicato, costringendo gli operatori a continui confronti con altre strutture, non sempre vincenti per il nostro Paese. In Italia la carenza di risorse mette a dura prova la sostanziale bontà del Servizio Sanitario Nazionale, che contiene molte forme e strutture di eccellenza, che vengono però penalizzate da tale carenza e non riescono a garantire il livello e la tempestività che il cittadino si aspetta. Il successo dell assistenza integrativa e il prevedibile suo futuro sviluppo, quindi, dipendono in gran parte dalla qualità del servizio reso. Gli operatori che gestiscono le singole pratiche, che sono l interfaccia primo con l utenza, sono la base della struttura e devono (si ribadisce: devono) possedere ampie capacità comunicative, semantica adatta all argomento trattato, pazienza e cortesia, oltre, ovviamente, a una buona cultura di base in campo sanitario (che non è materia di insegnamento nel nostro sistema scolastico), cultura non comune in giovani aspiranti a tale occupazione. E un lavoro non facile, a volte faticoso e stressante, pertanto la cura nella selezione e nella formazione di questo personale deve essere massima e deve avvalersi, possibilmente, dell ausilio di coloro che, già operando nel settore a livello più elevato, abbiano la capacità di individuare le potenzialità insite in ogni singolo candidato. La selezione e la formazione di questo personale è un compito delicato, che richiede buone capacità manageriali, dato che si tratta di un investimento in risorse umane preziose: se un buon elemento ben formato si allontana dalla struttura, questa ha perso un capitale non indifferente, che avrà un costo elevato, in termini di tempo e denaro, per essere validamente sostituito. Altrettanto indispensabile è l organizzazione di un buon supporto informatico, che necessita di continua cura e aggiornamento da parte di 6

9 personale dedicato, perché non rischi di dare risposte insoddisfacenti agli operatori, che sono costretti ad appoggiarvisi molto (a volte troppo: è indispensabile sempre un attenzione critica da parte dell utente alle risposte fornite dalla macchina). Molto deve essere speso, in termini di tempo, su questo punto: come è arcinoto, la macchina elabora e restituisce ciò che gli viene immesso, (trash in, trash out!), ed è importante che ogni operatore sia in grado di confrontare i dati forniti automaticamente con quello che potremmo chiamare risultato atteso. Questa è la base della struttura, ma non sono sufficienti una discreta conoscenza della materia e la capacità di interpretare correttamente le norme: occorre affiancare alla base la competenza di un team medico di comprovata esperienza, possibilmente anche in ambito sanitario (medicina legale e contrattuale), cui il singolo operatore possa fare riferimento per ogni necessità, dubbio o conferma di sue interpretazioni su casi inconsueti, su applicabilità delle norma in modo corretto secondo il tipo e le modalità di prestazione medica, sulla congruità e la durata dei ricoveri, sulla correttezza, anche formale, delle spese di cui si richiede il rimborso. più consono alla sua personalità, il più gratificante possibile, insomma il meno stancante possibile. Questa attività è di per sé faticosa, a volte stressante, spesso ripetitiva. E necessario essere sempre presenti a sé stessi e l interfacciarsi con l utenza è spesso sfibrante. Inoltre, dover a volte contemperare la gestione materiale dei fascicoli, soprattutto se non cartacei ma trasmesse via web, quindi esaminabili solo sullo schermo del PC, con le risposte da dare, con i dovuti modi come sopra indicato, può indurre in errore, magari minimo (e per questo più difficilmente rilevabile a posteriori da uno screening, anche accurato). Un management efficiente e attento deve tenere presente tutte le implicazioni di una gestione così complessa, adottando, anche in corso d opera, eventuali modifiche che si rivelino più efficaci affinché il lavoro scorra, dalla presa in carico, all avvenuta liquidazione dell assistenza. a cura di Ivo Fiorelli Infine, deve essere istituzionalizzato lo screening, un controllo finale del lavoro svolto dalla struttura - normalmente a campione, ma a tappeto in casi particolari - sulle pratiche lavorate, per evitare pagamenti e rimborsi errati, sia per il costo materiale e per il tempo-lavoro richiesto per eventuali revisioni, sia per l immagine verso l utenza, come singolo assistito e come Ente di appartenenza, in quanto la qualità del servizio, fonte di successo, emerge anche dalla correttezza e tempestività con cui si danno risposte, che vanno improntate all equità: dare il giusto è sempre pagante! Tutto ciò deve essere poi coordinato da un management che organizzi la complessa struttura in sezioni che si occupino dei diversi settori: prestazioni in convenzione diretta con le strutture sanitarie, ove l assistito a esse indirizzato non entri nel merito dell erogazione di pagamenti, prestazioni indirette (ovvero a rimborso), o miste (pagamenti parte alla struttura sanitaria e parte all assistito), implementando ogni singola sezione secondo le capacità, l esperienza, le attitudini dei singoli, in modo da rendere il lavoro di ognuno 7

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

DONAZIONE e TRAPIANTO di ORGANI e di TESSUTI

DONAZIONE e TRAPIANTO di ORGANI e di TESSUTI DONAZIONE e TRAPIANTO di ORGANI e di TESSUTI A cura del Coordinatore Locale Donazione e Trapianti Asl 1 dott. Ezio Szorenyi I TRAPIANTI NON ESISTONO SENZA DONAZIONI Ad oggi non è possibile sostituire un

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RAISI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RAISI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 639 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato RAISI Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per i pazienti terminali Presentata

Dettagli

l esperienza degli artigiani

l esperienza degli artigiani 1 l esperienza degli artigiani 2 Perché una mutua degli artigiani? L Associazione Artigiani si sta impegnando ormai da tempo per trovare soluzione alla questione ormai urgente e presente della copertura

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

FONDO SANITARIO INTEGRATIVO ITALIA LAVORO

FONDO SANITARIO INTEGRATIVO ITALIA LAVORO FONDO SANITARIO INTEGRATIVO ITALIA LAVORO GUIDA OPERATIVA Edizione 01/2014 Questo manuale è stato predisposto in modo da costituire un agile strumento esplicativo; in nessun caso può sostituire il contratto,

Dettagli

L assistenza libero professionale in sanità e settore sociosanitario: per gli infermieri una opportunità da costruire

L assistenza libero professionale in sanità e settore sociosanitario: per gli infermieri una opportunità da costruire L assistenza libero professionale in sanità e settore sociosanitario: per gli infermieri una opportunità da costruire Carla Collicelli Fondazione CENSIS SOMMARIO 1. Un nuovo «amore» tra professione infermieristica

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

Welfare, integrazioni e necessità private e possibili soluzioni come le polizze LTC

Welfare, integrazioni e necessità private e possibili soluzioni come le polizze LTC Welfare, integrazioni e necessità private e possibili soluzioni come le polizze LTC La recente pubblicazione del rapporto Censis/Unipol Welfare, Italia 214 propone alcuni spunti e temi di riflessione su

Dettagli

Condizioni per accedere alla professione di Promotore Commerciale on line e off line di Formula Start Up

Condizioni per accedere alla professione di Promotore Commerciale on line e off line di Formula Start Up Condizioni per accedere alla professione di Promotore Commerciale on line e off line di Formula Start Up Formula Start Up (di seguito chiamato FSU, sito internet www.formulastartup.it ) sta selezionando

Dettagli

Oltre 500 associazioni aderenti, di cui: 104 federate; 47 delegazioni di livello regionale e provinciale;

Oltre 500 associazioni aderenti, di cui: 104 federate; 47 delegazioni di livello regionale e provinciale; Le reti oncologiche: presente e futuro Auditorium i Ministero i della Salute, Roma Il ruolo del volontariato nelle reti oncologiche Davide Petruzzelli Membro Esecutivo Nazionale F.A.V.O. Federazione Italiana

Dettagli

Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015

Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015 La sanità nel welfare che cambia Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015 La sostenibilità del sistema Spesa pubblica per

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Prima di allegarvi il materiale diffuso in Conferenza, vi elenchiamo i punti principali della Conferenza medesima.

Prima di allegarvi il materiale diffuso in Conferenza, vi elenchiamo i punti principali della Conferenza medesima. Si è svolta stamani, 1 ottobre, la prevista Conferenza Stampa, promossa dalla Cooperativa A.S.S.O. di Pescara sull'iniziativa di Assistenza gratuita agli anziani di Pescara svolta nei mesi di Agosto e

Dettagli

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi «Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi #1] Premessa, scenario #2] Missione: «Confidi 2.0» #3] Sintesi delle nuove attività Milano, Lunedi 5 ottobre 2015 Leonardo Marseglia - Fidicomet Milano 1 Premessa

Dettagli

Lega Atletica Leggera Piemonte

Lega Atletica Leggera Piemonte Lega Atletica Leggera Piemonte Podistica Leinì ASCOM Associazione Commercianti Leinì edizione Luglio Leinì5 2 2015 SLA e Noi 7K la Voi La SLA sclerosi laterale amiotrofica Prigionieri del proprio corpo,

Dettagli

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati.

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 1 ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 2 Indice generale Abstract...3 Integrare: perché?...3 Le soluzioni attuali...4 Cos'è un ESB...5 GreenVulcano ESB...6 3 Abstract L'integrazione

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Convegno CRITERI DI APPROPRIATEZZA. STRUTTURALE NELL ASSISTENZA ALL ANZIANO 18 Gennaio 2011

RASSEGNA STAMPA Convegno CRITERI DI APPROPRIATEZZA. STRUTTURALE NELL ASSISTENZA ALL ANZIANO 18 Gennaio 2011 RASSEGNA STAMPA Convegno CRITERI DI APPROPRIATEZZA CLINICA, TECNOLOGICA E STRUTTURALE NELL ASSISTENZA ALL ANZIANO 18 Gennaio 2011 Aggiornamento 20 Gennaio 2011 SOMMARIO TESTATA DATA Agenzie ADNKRONOS SALUTE

Dettagli

La vostra salute, la nostra specialità

La vostra salute, la nostra specialità La vostra salute, la nostra specialità UniSalute: la prima assicurazione sanitaria in Italia per numero di clienti gestiti Leader nel mercato dei Fondi nazionali e delle Casse di assistenza. UniSalute

Dettagli

SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA FORMAZIONE PUBBLICA TRA SPENDING REVIEW E RIORGANIZZAZIONE PRESENTAZIONE DEL 15 RAPPORTO SULLA FORMAZIONE DEI DIPENDENTI PUBBLICI 21 MAGGIO 2013

Dettagli

24-NOV-2015 da pag. 37 foglio 1

24-NOV-2015 da pag. 37 foglio 1 Tiratura 09/2015: 391.681 Diffusione 09/2015: 270.207 Lettori Ed. II 2015: 2.458.000 Quotidiano - Ed. nazionale Dir. Resp.: Ezio Mauro da pag. 37 24/11/2015 Responsabilità professionale. Intervista a Trojano

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

CONOSCERE L ASSICURAZIONE

CONOSCERE L ASSICURAZIONE CONOSCERE L ASSICURAZIONE VIDEO N. 6 Quando c è la salute, c è tutto LA SALUTE, IL BENE PIÙ PREZIOSO Da quando nasciamo, e per tutta la vita, la salute è il bene più prezioso che abbiamo. Spesso però non

Dettagli

La realizzazione di un manufatto in odontoiatria protesica

La realizzazione di un manufatto in odontoiatria protesica La realizzazione di un manufatto in odontoiatria protesica Dott. Michele Rossini Parole chiave: Costo di produzione Valore di produzione Prototipo Lowcost Se neparla molto e il dialogo sembra ancora agli

Dettagli

Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti

Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti La sanità integrativa è una realtà destinata a crescere in Italia per ragioni strutturali che metteranno sottopressione soprattutto alcuni settori

Dettagli

ASSOCIAZIONE PER L ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA AI LAVORATORI DELL ATC E DELLA MOBILITA CONVENZIONE CON ISTITUTO RAMAZZINI

ASSOCIAZIONE PER L ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA AI LAVORATORI DELL ATC E DELLA MOBILITA CONVENZIONE CON ISTITUTO RAMAZZINI ASSOCIAZIONE PER L ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA AI LAVORATORI DELL ATC E DELLA MOBILITA A SEGUITO DELLA FUSIONE DI ATC SPA E FER SRL COME DA ORDINE DI SERVIZIO DEL 31-2-2012, L AZIENDA PUBBLICA DI

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA Ricordare che l 80% dei malati vive in famiglia! (indagine Censis 2006) Chi è il caregiver? (letteralmente: colui che presta assistenza) Un familiare Un

Dettagli

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari Nono Seminario regionale della Rete europea dei difensori civici Cardiff 22 24 giugno Seconda sessione: Promuovere i diritti di una popolazione che invecchia Invecchiare con cura: tutelare la libertà di

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008 Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG L infortunio è una tragedia e una sconfitta, una tragedia per le conseguenze che trascina,

Dettagli

Società Generale di Mutuo Soccorso Mutua Basis Assistance di seguito definita anche MBA. E Unione Nazionale Chinesiologi di seguito definita anche UNC

Società Generale di Mutuo Soccorso Mutua Basis Assistance di seguito definita anche MBA. E Unione Nazionale Chinesiologi di seguito definita anche UNC CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI SANITARI stipulata tra Società Generale di Mutuo Soccorso Mutua Basis Assistance di seguito definita anche MBA Sede Legale:Via di Santa Cornelia, 9 00060 - Formello

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ

INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ FONDAZIONE MANODORI Bando 2013 rivolto al Terzo Settore INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ 1. PREMESSA Stiamo vivendo un periodo storico connotato da una crisi economica che

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti LAURA PAPALEO Sempre più donne risultano attive nel settore dell information technology e la salvaguardia dei loro diritti e delle

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1 Oggetto: Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1, art. 3, comma 2, lett. e). Fondo di garanzia etica. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale riferisce in ordine

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

1. Introduzione al corso

1. Introduzione al corso E107 WEB SYSTEM Corso on line di progettazione siti dinamici: livello base R E A L I Z Z A Z I O N E D I 1. Introduzione al corso By e107 Italian Team Sito web:http://www.e107italia.org Contatto: admin@e107italia.org

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti terminali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti terminali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5951 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE IX Legislatura Proposta di legge "Interventi regionali in favore di soggetti affetti da malattia di Alzheimer e sindromi dementigene ad essa correlate" Proponente Michelangelo

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

in una rete efficiente

in una rete efficiente Servizi su misura Con la Cassa dei Medici in una rete efficiente 2 Professionalità Servizi su misura Servizi su misura L obiettivo principale della Cassa dei Medici consiste nel liberare gli studi medici,

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer Gruppo di studio SIGG LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer evelina bianchi Firenze 53 Congresso nazionale SIGG 2008 Firenze 53 congresso SIGG evelina

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora.

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora. Dieci anni di sanità in Puglia 19 maggio 2011 Brindisi di Emilio Gianicolo È arduo il compito di mostrare in poche righe punti di forza e punti di debolezza di un sistema sanitario in confronto ai sistemi

Dettagli

SERVIZI LIONS A FAVORE DEI BAMBINI VALUTAZIONE DEI BISOGNI COMUNITARI

SERVIZI LIONS A FAVORE DEI BAMBINI VALUTAZIONE DEI BISOGNI COMUNITARI SERVIZI LIONS A FAVORE DEI BAMBINI VALUTAZIONE DEI BISOGNI COMUNITARI Le statistiche attuali mostrano un numero impressionante di bambini che, in tutto il mondo, vivono in condizioni di vita precarie e,

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e le organizzazioni in genere. Gestire

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING Guida Pratica per Evitare gli Errori da Principianti e Imparare a Guadagnare con il Forex 2 Titolo LE BASI DEL FOREX TRADING Autore Davide Colonnello Editore

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 143 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BIONDELLI, ANTEZZA, BINI, BOCCIA, CARRA, COCCIA, COVA, D INCECCO, FEDI, FIANO, CINZIA MARIA

Dettagli

Welfare pubblico - privato Proposte di integrazione per il Piemonte. Torino Incontra 13 dicembre 2013 Dott.Emiliano Mazzoli LegaCoop

Welfare pubblico - privato Proposte di integrazione per il Piemonte. Torino Incontra 13 dicembre 2013 Dott.Emiliano Mazzoli LegaCoop Welfare pubblico - privato Proposte di integrazione per il Piemonte Torino Incontra 13 dicembre 2013 Dott.Emiliano Mazzoli LegaCoop La spesa sanitaria mondiale Evoluzione del concetto di famiglia Invecchiamento

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f.

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f. Egregio Dirigente, Le scrivo per informarla che sono state avviate le procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l anno scolastico 2009/10 nell ambito del Servizio

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI. Sussidi Sanitari Integrativi

ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI. Sussidi Sanitari Integrativi ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI Sussidi Sanitari Integrativi Roma 1 Giugno 2015 "La salute è il primo Dovere della Vita" Oscar Wilde La Presidenza Nazionale dell ANAE, per tu3 i suoi iscri3 e familiari

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE Le seguenti disposizioni compongono la Politica di Tutela dei Dati relativi alle Risorse Umane del Gruppo Dassault

Dettagli

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PARLA CON NOI (Approvato con delibera di Giunta Provinciale n. 85 del 16/03/2007) Fernanda Marotti Loredana Milito 2 INDICE 1. PERCHÉ MONITORARE L UTENZA DELL

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi

Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi Per poter competere con successo nei mercati stranieri è fondamentale la consapevolezza delle regole del gioco, dei rischi da evitare e delle

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie La Regione Lombardia in data 06 agosto 2008 con D.G.R.n. 8/7915 ha pubblicato il decreto relativamente a Determinazione in ordine al miglioramento quali-quantitativo dell assistenza garantita a persone

Dettagli

Il Gruppo Marsh & McLennan Companies Servizi e Società

Il Gruppo Marsh & McLennan Companies Servizi e Società Il Gruppo Marsh & McLennan Companies Servizi e Società Marsh & Mc Lennan Companies è un team di aziende di servizi professionali che offre ai clienti consulenza e soluzioni nelle aree del rischio, della

Dettagli

Sarà perché la popolarità delle

Sarà perché la popolarità delle Banca etica Adulta a 15 anni Nata nel 1999, è ormai una struttura consolidata, che finanzia 7.500 progetti coniugando solidarietà e mercato di Nerina Trettel Sarà perché la popolarità delle banche continua

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 4139 Seduta del 10/10/2012

DELIBERAZIONE N IX / 4139 Seduta del 10/10/2012 DELIBERAZIONE N IX / 4139 Seduta del 10/10/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

I Fondi sanitari. Ugo Ascoli Università Politecnica delle Marche, u.ascoli@univpm.it

I Fondi sanitari. Ugo Ascoli Università Politecnica delle Marche, u.ascoli@univpm.it I Fondi sanitari Ugo Ascoli Università Politecnica delle Marche, u.ascoli@univpm.it Tre caratteristiche del SSN La spesa pubblica sanitaria pro-capite inferiore alla media Europa Occidentale e cresciuta

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Capo del Dipartimento per l Istruzione SEDE Ai Direttori Generali

Dettagli

PERSONA. con il Cliente

PERSONA. con il Cliente con il Cliente inprima PERSONA La necessità degli imprenditori di trasferire una quantità sempre maggiore di rischi, deve essere supportata da una continua evoluzione del prodotto assicurativo. La vera

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

UniSalute: la 1 assicurazione sanitaria per clienti gestiti. La vostra salute, la nostra specialità

UniSalute: la 1 assicurazione sanitaria per clienti gestiti. La vostra salute, la nostra specialità UniSalute: la 1 assicurazione sanitaria per clienti gestiti La vostra salute, la nostra specialità Edizione aprile 2014 CHI SIAMO UniSalute specialisti nell assicurazione salute Prima Compagnia in Italia

Dettagli

Il futuro della medicina trasfusionale. 7 Corso Regionale di formazione per Operatori Centri di Raccolta Sangue Crotone 19-20 Settembre

Il futuro della medicina trasfusionale. 7 Corso Regionale di formazione per Operatori Centri di Raccolta Sangue Crotone 19-20 Settembre Il futuro della medicina trasfusionale 7 Corso Regionale di formazione per Operatori Centri di Raccolta Sangue Crotone 19-20 Settembre Il ruolo delle Associazioni nella gestione della raccolta Dottor Alberto

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

Implementazione e certificazione del sistema di gestione per la qualità in conformità alle norme ISO 9001 -ISO 3834

Implementazione e certificazione del sistema di gestione per la qualità in conformità alle norme ISO 9001 -ISO 3834 I.S.I.S. A. Malignani - Udine Implementazione e certificazione del sistema di gestione per la qualità in conformità alle norme ISO 9001 -ISO 3834 09/06/2011 Franco Diracca - Quasar srl Cosa chiede la legge?

Dettagli

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 05/2014

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 05/2014 NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 05/2014 Caro associato, con grande piacere ti informiamo che Fondo Espero ha raggiunto i 100.000 aderenti! Espero è da sempre un associazione in

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO

CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO DOLORE FederAnziani

Dettagli

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013 Seminario "La qualità della scuola: che cosa fa il mondo, che cosa può fare l'italia" Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro Milano,

Dettagli

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto:

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto: Oggetto: Modifica di alcune condizioni di svolgimento del Telelavoro nella Provincia di Bologna. Approvazione del relativo Progetto Generale e autorizzazione alla sottoscrizione del Contratto Collettivo

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli