Città di CHIOGGIA. Piano per il Commercio su Aree Pubbliche. Regolamento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Città di CHIOGGIA. Piano per il Commercio su Aree Pubbliche. Regolamento"

Transcript

1 Città di CHIOGGIA approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 6 del 27/01/2004 modificato con delibera del Consigliio Comunale n. 93 del 30/09/2004 Piano per il Commercio su Aree Pubbliche Regolamento 1

2 Indice TITOLO I NORME GENERALI Pag. 7 Articolo 1 Norme e atti posti a base del regolamento.. Pag. 7 Articolo 2 Definizioni.. Pag. 7 Articolo 3 Finalità del provvedimento.. Pag. 9 Articolo 4 Termini e validità del provvedimento. Pag. 9 TITOLO II MERCATI.. Pag. 10 Articolo 5 Estremi degli atti di istituzione. Pag. 10 Articolo 6 Localizzazione, configurazione, periodo di svolgimento e orari dei mercati... Pag. 10 Articolo 7 Pianta organica del mercato.. Pag. 11 Articolo 8 Modifica della giornata di svolgimento Pag. 11 Articolo 9 Mercati straordinari... Pag. 11 Articolo 10 Trasferimento del mercato e/o dei posteggi. Pag. 612 Articolo 11 oppressione di posteggi e di mercati.. Pag. 13 Articolo 12 Orari di svolgimento Pag. 13 Articolo 13 Modalità di corretta sistemazione delle attrezzature e di svolgimento delle attività di vendita... Pag. 14 Articolo 14 Circolazione veicolare e pedonale nell area di mercato.. Pag. 15 Articolo 15 Gestione del mercato Pag. 15 2

3 Articolo 16 Autorizzazione su posteggio Pag. 15 Articolo 17 Domanda e rilascio dell autorizzazione su posteggio: procedure Pag. 16 Articolo 18 Migliorie e ampliamenti... Pag. 17 Articolo 19 Modalità di assegnazione dei posteggi ai precari Pag. 18 Articolo 20 Modalità di tenuta e consultazione della graduatoria.. Pag. 19 Articolo 21 ospensione dell autorizzazione.. Pag. 19 Articolo 22 Revoca dell autorizzazione... Pag. 19 Articolo 23 Rilascio, durata, scadenza, rinnovo, rinuncia, decadenza e revoca della concessione Pag. 20 Articolo 24 Criteri per il rilascio delle autorizzazioni e delle relative concessioni di posteggio agli imprenditori agricoli.. Pag. 21 Articolo 25 ubingresso nelle autorizzazioni Pag. 22 Articolo 26 Reintestazione dell autorizzazione e della concessione dell area Pag. 23 Articolo 27 Norme igienico sanitarie.. Pag. 24 TITOLO III FIERE. Pag. 25 Articolo 28 Estremi degli atti di istituzione Pag. 25 Articolo 29 Localizzazione, configurazione, periodo di svolgimento e orari della fiera. Pag. 25 Articolo 30 Pianta organica della fiera Pag. 25 Articolo 31 Istituzione di nuove fiera.. Pag. 25 Articolo 32 Localizzazione, caratteristiche dimensionali e tipologiche delle nuove fiere Pag. 26 Articolo 33 Norme in materia di funzionamento Pag. 26 Articolo 34 Criteri e modalità per l assegnazione dei posteggi.. Pag. 27 Articolo 35 Graduatorie. Pag. 27 3

4 Articolo 36 Concessione di posteggio. Pag. 28 Articolo 37 Modalità di corretta sistemazione delle attrezzature e di svolgimento delle attività di vendita... Pag. 29 Articolo 38 Criteri per il rilascio delle autorizzazioni e delle relative concessioni di posteggio agli imprenditori agricoli. Pag. 29 Articolo 39 Rispetto della normativa igienico sanitaria.. Pag. 30 TITOLO IV AUTORIZZAZIONI TEMPORANEE Pag. 31 Articolo 40 Ambito di applicazione.... Pag. 31 Articolo 41 agre parrocchiali, festival e similari su aree e spazi privati... Pag. 31 TITOLO V COMMERCIO ITINERANTE. Pag. 32 Articolo 42 Autorizzazione: rilascio, revoca, sospensione. Pag. 32 Articolo 43 Esercizio del commercio in forma itinerante sulle aree demaniali e marittime. Pag. 33 Articolo 44 Zone vietate.. Pag. 34 Articolo 45 Zone consentite, obblighi dell operatore. Pag. 34 Articolo 46 Rappresentazione cartografica. Pag. 34 Articolo 47 Vendite a domicilio.. Pag. 35 Articolo 48 Determinazione degli orari.. Pag. 35 TITOLO VI MERCATINO DELL ANTIQUARIATO E DEL COLLEZIONIMO... Pag. 36 Articolo 49 Estremi degli atti di istituzione Pag. 36 4

5 Articolo 50 Localizzazione, configurazione, periodo di svolgimento e orari del mercatino... Pag. 36 Articolo 51 Pianta organica del mercatino.. Pag. 36 Articolo 52 Istituzione di un nuovo mercatino dell antiquariato e del collezionismo.. Pag. 36 Articolo 53 Affidamento a terzi della gestione... Pag. 37 Articolo 54 Disposizioni per gli operatori non professionali (c.d. hobbisti)... Pag. 38 Articolo 55 Disposizioni per gli operatori professionali.. Pag. 40 TITOLO VII DIPOIZIONI FINALI.. Pag. 42 Articolo 56 Variazione dimensionale e localizzazione dei posteggi... Pag. 42 Articolo 57 Imprenditori agricoli Pag. 42 Articolo 58 Attività stagionali. Pag. 42 Articolo 59 anzioni... Pag. 42 Articolo 60 Rinvio a disposizioni di Legge Pag. 43 Articolo 61 Abrogazione di precedenti disposizioni... Pag. 43 CHEDE Pag.44 cheda n 1 Mercato maggiore settimanale del giovedì. Pag. 44 cheda n 2 Mercato maggiore giornaliero di Riva Vena.. Pag. 45 cheda n 3 Mercato maggiore giornaliero di Fondamenta Marangoni. Pag. 46 cheda n 4 Mercato maggiore stagionale giornaliero di. Felice ottomarina Pag. 47 cheda n 1A Posteggio isolato annuale n 1A... Pag. 48 cheda n 2A Posteggio isolato annuale n 2A... Pag. 49 5

6 cheda n 3A Posteggio isolato annuale n 3A... Pag. 50 cheda n 4A Posteggio isolato annuale n 4A... Pag. 51 cheda n 5A Posteggio isolato annuale n 5A... Pag. 52 cheda n. 5Abis Posteggio isolato annuale n. 5Abis Pag. 53 cheda n 6A Posteggio isolato annuale n 6A... Pag. 54 cheda n 7A Posteggio isolato annuale n 7A... Pag. 55 cheda n 8A Posteggio isolato annuale n 8A... Pag. 56 cheda n 9A Posteggio isolato annuale n 9A... Pag. 57 cheda n 10A Posteggio isolato annuale n 10A... Pag. 58 cheda n 11A Posteggio isolato annuale n 11A... Pag. 59 cheda n 12A Posteggio isolato annuale n 12A... Pag. 60 cheda n 13A Posteggio isolato annuale n 13A... Pag. 61 cheda n 14A Posteggio isolato annuale n 14A... Pag. 62 cheda n 15A Posteggio isolato annuale n 15A... Pag. 63 cheda n 1 Posteggio isolato stagionale n 1 Pag. 64 cheda n 2 Posteggio isolato stagionale n 2 Pag. 65 cheda n 3 Posteggio isolato stagionale n 3 Pag. 66 cheda n 4 Posteggio isolato stagionale n 4 Pag. 67 cheda n 5 Posteggio isolato stagionale n 5 Pag. 68 cheda n 6 Posteggio isolato stagionale n 6 Pag. 69 cheda n 5 Fiera dei anti Patrono an Felice e an Fortunato Pag. 70 cheda n 6 Mercatino dell antiquariato Pag. 71 Elenco delle planimetrie Pag. 72 Elenchi degli operatori... Pag. 74 6

7 TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 Norme e atti posti a base del Regolamento 1. Il presente regolamento detta norme e direttive per lo svolgimento del commercio al dettaglio su area pubblica nel territorio del comune di Chioggia, ai sensi e per gli effetti delle seguenti Leggi e Decreti: - Decreto Legislativo n 114 Riforma della disciplina relativa al settore del commercio, a norma dell art.4, comma 4, della Legge n Legge Regionale n 10 Nuove norme in materia di commercio su aree pubbliche. - Delibera Giunta Regionale n 1902 del Criteri applicativi ai sensi dell art.1, comma 7 e dell art.3, comma 1, della Legge Regionale n Delibera Giunta Regionale n 2956 del : mercatini dell antiquariato e del collezionismo - Disposizioni attuative dell art.9 L.R n Delibera Giunta Regionale n 633 del modifiche alla D.G.R. n 1902 del Ordinanza Ministeriale, Ministero della anità del e successive, ultima quella del Decreto Legislativo n 228 Orientamento e modernizzazione del settore agricolo. Articolo 2 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende: a) Per commercio su aree pubbliche: l attività di vendita di merci al dettaglio e la somministrazione di alimenti e bevande effettuate su aree pubbliche, comprese quelle demaniali o sulle aree private delle quali il Comune abbia la disponibilità, attrezzate o meno, coperte o scoperte. b) Per aree pubbliche: le strade, le piazze, i canali, comprese quelle di proprietà privata gravate da servitù di pubblico passaggio ed ogni altra area di qualunque natura destinata ad uso pubblico. c) Per mercato: l area pubblica o privata della quale il Comune abbia la disponibilità, composta da più posteggi, attrezzata o meno e destinata all esercizio dell attività per uno o più o tutti i giorni della settimana o del mese per l offerta integrata di merci al dettaglio, la somministrazione di alimenti e bevande, l erogazione di pubblici servizi. d) Per mercato minore: un mercato costituito da un numero di posteggi da sei a venti. e) Per mercato maggiore: un mercato costituito da un numero di posteggi superiore a venti. f) Per mercato stagionale: un mercato il cui periodo di svolgimento è inferiore all anno, con un minimo di 30 giorni. g) Per mercatino dell antiquariato e del collezionismo: mercato che può svolgersi anche in giorni domenicali e festivi sul suolo pubblico e sul suolo privato in convenzione con il 7

8 Comune, con cadenza mensile o con intervalli di più ampia durata, avente come specializzazione merceologica esclusiva o prevalente, in particolare l antiquariato, le cose vecchie, l oggettistica antica, i fumetti, o libri, le stampe, gli oggetti da collezione. h) Per mercato straordinario: un mercato autorizzato in via straordinaria, nello stesso periodo in cui sono previste le deroghe alla chiusura degli esercizi per il dettaglio in sede fissa. A tale mercato, considerato come prolungamento dei rispettivi mercati settimanali, partecipano gli operatori titolari dei posteggi di tale mercato. i) Per mercato a merceologia esclusiva: un mercato in cui le merceologie ammesse sono individuate in modo specifico dal Comune, e che può anche svolgersi nello stesso periodo in cui sono previste le deroghe stabilite per il commercio al dettaglio in sede fissa. j) Per autorizzazione all esercizio del commercio su aree pubbliche: l atto rilasciato dal Comune sede di posteggio per gli operatori con posteggio, dal Comune di residenza o quello in cui ha sede legale la società di persone per gli operatori itineranti. k) Per autorizzazione temporanea: l atto rilasciato dal Comune a ditte iscritte al Registro delle Imprese, in possesso dei requisiti di cui all art.5 del D.Lgs. 114/98, che abilita all esercizio del commercio sulle aree pubbliche in occasione di manifestazioni straordinarie con durata non superiore a 30 gg. l) Per imprenditore agricolo: imprenditore così come definito dall art.1 del D.Lgs n 228, che esercita l attività di vendita alle condizioni e con le limitazioni previste dall art.4 del D.Lgs. stesso. m) Per settore merceologico: il settore alimentare/non alimentare previsto dall art.5 del D.Lgs. 114/98 per l esercizio dell attività commerciale. n) Per tipologia merceologica: eventuale tipologia merceologica dei singoli posteggi determinata dal Comune ai sensi dell art.28 comma 15 D.Lgs. 114/98 e dell art.2 della L.R. 10/01. o) Per posteggio: la parte di area pubblica o di area privata della quale il Comune abbia la disponibilità che viene data in concessione all operatore autorizzato all esercizio dell attività commerciale. p) Per miglioria: la possibilità, per un operatore con concessione di posteggio, in una fiera o in un mercato, di scegliere un altro posteggio purché non assegnato. q) Per posteggi isolati: un mercato costituito da un gruppo di posteggi fino a cinque. r) Per presenze in un mercato: il numero delle volte in cui l operatore si è presentato nel mercato, prescindendo dal fatto che vi abbia potuto o meno svolgere l attività commerciale, purché ciò non dipenda da sua rinuncia per motivi non legati ad una obiettiva insufficienza delle dimensioni del posteggio. s) Per spunta: l operazione con la quale all inizio dell orario di vendita dopo aver verificato assenze e presenze degli operatori titolari della concessione di posteggio, si provvede all assegnazione, per quella giornata, dei posteggi occasionalmente liberi o non ancora assegnati. t) Per operatore precario: l operatore già titolare di un autorizzazione per il commercio su aree pubbliche che, non essendo titolare di concessione di posteggio, aspira ad occupare occasionalmente un posto non occupato dall operatore in concessione, o non ancora assegnato. u) Per fiera: la manifestazione caratterizzata dall afflusso, nei giorni stabiliti sulle aree pubbliche o private delle quali il Comune abbia la disponibilità, di operatori autorizzati ad esercitare il commercio su aree pubbliche, in occasione di particolari ricorrenze, eventi o festività. v) Per presenze effettive in una fiera: il numero delle volte che l operatore ha effettivamente esercitato l attività in tale fiera. 8

9 Articolo 3 Finalità del provvedimento 1. Il presente provvedimento che definisce le norme per l esercizio del commercio su aree pubbliche persegue le seguenti finalità: a) La riqualificazione e lo sviluppo delle attività su aree pubbliche e, in particolare, dei mercati e delle fiere, al fine di migliorare le condizioni di lavoro degli operatori e le possibilità di afflusso e di acquisto dei consumatori; b) La trasparenza del mercato, la concorrenza, la libertà di impresa e la circolazione delle merci; c) La tutela del consumatore, con particolare riguardo alla possibilità di approvvigionamento, al servizio di prossimità, all assortimento, all informazione e alla sicurezza dei prodotti; d) Il pluralismo e l equilibrio fra le diverse tipologie delle strutture distributive e le diverse forme di vendita, con particolare riguardo al riconoscimento e alla valorizzazione del ruolo delle piccole e medie imprese; e) La valorizzazione e la salvaguardia del servizio commerciale nelle are urbane, rurali e la promozione del territorio e delle risorse comunali; f) L efficienza, la modernizzazione e lo sviluppo della rete distributiva, nonché l evoluzione tecnologica dell offerta, anche al fine del contenimento dei prezzi. Articolo 4 Termini e validità del provvedimento 1. Il presente provvedimento ha validità triennale ed efficacia, comunque, fino all adozione di un nuovo provvedimento. 9

10 TITOLO II MERCATI Articolo 5 Estremi degli atti di istituzione 1. Nel territorio del Comune di Chioggia si svolgono i seguenti mercati: a) Mercato maggiore settimanale del giovedì, con sede in Corso del Popolo, istituito con Delibera del C.C. n 417 del b) Mercato maggiore giornaliero di Riva Vena, con sede in Riva Vena, da Ponte an Giacomo a Ponte. Andrea, esistente da decenni, della cui presenza il Consiglio Comunale prende atto. c) Mercato maggiore giornaliero di Fondamenta Marangoni, mercato ittico istituito con Delibera C.C. n 151 del 12.02,1986. d) Mercato maggiore giornaliero di an Felice ottomarina mercato stagionale istituito con Delibera C.C. n 412 del e) Posteggi isolati in n di 21, di cui 15 annuali e 6 stagionali, come da schede allegate al presente Regolamento; di questi, 15 posteggi (9 annuali e 6 stagionali) esistono da anni e di tale presenza il Consiglio Comunale prende atto. ono istituiti con il presente provvedimento n. 6 posteggi annuali, di cui n. 4 riservati al settore alimentare n. 1 riservato ad un produttore agricolo e n.1 riservato al settore non alimentare. Articolo 6 Localizzazione, configurazione, periodo di svolgimento e orari dei mercati 1. Il mercato maggiore settimanale del giovedì, di Corso del Popolo, di cui all art.5 punto a), presenta le caratteristiche riportate nella scheda n 1 allegata, che fa parte integrante del presente Regolamento. 2. Il mercato maggiore giornaliero di Riva Vena di cui all art.5 punto b), presenta le caratteristiche riportate nella scheda n 2 allegata, che fa parte integrante del presente Regolamento. 3. Il mercato maggiore giornaliero di Fondamenta Marangoni di cui all art.5 punto c), presenta le caratteristiche riportate nella scheda n 3 allegata, che fa parte integrante del presente Regolamento. 4. Il mercato maggiore giornaliero di an Felice ottomarina, mercato stagionale, di cui all art.5 punto d), presenta le caratteristiche riportate nella scheda n 4 allegata, che fa parte integrante del presente Regolamento. 5. I posteggi isolati annuali e stagionali, di cui all art.5 punto e), presentano le caratteristiche riportate rispettivamente nelle schede dal n 1A al n 15A, e nelle schede dal n 1 al n 6 allegate, che fanno parte integrante del presente Regolamento. 10

11 6. Non è consentita la vendita di prodotti appartenenti a settori merceologici diversi da quelli previsti per i singoli posteggi. 7. Non è consentita la modificazione della tipologia merceologica dei posteggi del settore alimentare in cui si esercita il commercio di prodotti ittici; non è inoltre consentita la modificazione della tipologia merceologica dei posteggi stagionali 1, 2, 3, Nel mercato possono operare solamente commercianti su aree pubbliche in possesso della prescritta autorizzazione, e gli imprenditori agricoli che vendono in misura prevalente, secondo i criteri definiti dal Dlgs. n. 228 del , i prodotti provenienti dalle rispettive aziende. Articolo 7 Pianta organica del mercato 1. Presso l Ufficio commercio ed il Comando di Polizia Municipale è tenuta a disposizione degli operatori e di chiunque ne abbia interesse, copia delle planimetrie delle aree destinate all esercizio del commercio su aree pubbliche con l indicazione dei posteggi. Copia delle succitate planimetrie viene altresì inviata all Azienda UL ettore Igiene Pubblica. 2. Ogni qualvolta siano assunti provvedimenti comunali al riguardo, l Ufficio commercio ha l obbligo di provvedere all aggiornamento degli atti, e darne comunicazione alla Regione se previsto dalla normativa vigente. Articolo 8 Modifica della giornata di svolgimento 1. e la giornata di svolgimento del mercato cade in giorno festivo, ai sensi dell art. 8 comma 4 della L.R n 10, la stessa deve essere anticipata o posticipata oppure effettuata in deroga, nella medesima giornata, come previsto dal calendario di cui comma 3 del medesimo articolo. 2. In casi particolari nei quali la normale data di svolgimento del mercato venga a coincidere con altre pubbliche iniziative o manifestazioni di preminente pubblico interesse, oppure per esigenze connesse all esecuzione di lavori od interventi manutentivi da effettuarsi sulle aree mercatali, oppure per gravi intemperie o per altre cause di comprovata necessità, con Ordinanza del Dirigente del ervizio competente, sentite le rappresentanze locali delle Associazioni degli Operatori del commercio sulle aree pubbliche e delle Organizzazioni dei consumatori maggiormente rappresentative a livello regionale, potrà essere provvisoriamente stabilita una diversa giornata di svolgimento del mercato. Articolo 9 Mercati straordinari 1. L effettuazione di un mercato settimanale in giorni diversi da quelli previsti in calendario può essere disposta dalla Giunta Municipale di propria iniziativa, procedendo preventivamente alla rilevazione degli operatori interessati, o su proposta presentata per iscritto: a) da almeno il 50% degli operatori del mercato; b) dalle Associazioni di categoria degli operatori su area pubblica che garantiscano la presenza di almeno il 50% degli operatori del mercato. 11

12 2. La proposta deve pervenire al Comune almeno 30 gg prima della data prevista per l effettuazione della edizione straordinaria od aggiuntiva del mercato. 3. La Giunta Municipale deve decidere entro 10 gg dalla presentazione della proposta, sentiti i rappresentanti locali delle Associazioni degli operatori del commercio su aree pubbliche e delle Organizzazioni dei consumatori maggiormente rappresentative a livello regionale. 4. L effettuazione di una edizione aggiuntiva o straordinaria del mercato deve essere comunicata agli interessati, almeno 15 gg. prima della data prevista. 5. La presenza al mercato straordinario non è obbligatoria. L eventuale assenza non giustificata non verrà computata nel numero delle assenze al mercato ordinario ai fini della adozione di eventuali provvedimenti ex art. 5, L.R. 10/ Per l assegnazione dei posteggi liberi si applicano le disposizioni relative alla spunta durante lo svolgimento normale del mercato. Nel caso in cui il numero dei partecipanti sia inferiore al totale è possibile delimitare le aree riducendo la superficie complessiva del mercato. 7. Gli operatori titolari di posteggio in una via soppressa scelgono secondo graduatoria e secondo il settore merceologico, nell ambito dei posteggi rimasti liberi. Gli operatori precari effettuano la spunta solo per i posteggi non occupati nell ambito del mercato ridotto. Articolo 10 Trasferimento del mercato e/o dei posteggi 1. In caso di trasferimento di tutto il mercato, o di singoli posteggi, devono essere adottate le soluzioni che consentono agli operatori di usufruire di una superficie avente le stesse dimensioni e di un posteggio il più possibile simile a quello originario. 2. Il trasferimento definitivo del mercato, o di singoli posteggi, in aree diverse da quelle previste all art.6 del presente Regolamento, è deliberato dal Consiglio Comunale, sentite le Associazioni di Categoria maggiormente rappresentative a livello regionale. La riassegnazione dei nuovi posteggi, è disposta dal Dirigente del ervizio competente, sentite le Associazioni di Categoria maggiormente rappresentative a livello regionale; lo stesso provvede anche ad aggiornare la planimetria del mercato. La riassegnazione dei posteggi sarà effettuata sulla base delle preferenze espresse dagli operatori, i quali sono chiamati a scegliere secondo l ordine risultante nella graduatoria assegnatari di cui al successivo art Il trasferimento definitivo di singoli posteggi nell ambito dell area di mercato, per sopravvenute situazioni di fatto o necessità tecniche, è disposto dal Dirigente del ervizio competente, su conforme parere del Comando Polizia Municipale, sentite le Associazioni di categoria maggiormente rappresentative a livello regionale. Il Dirigente provvederà altresì a dare disposizioni per l aggiornamento della planimetria del mercato. Anche nella fattispecie in esame i criteri di riassegnazione dei posteggi di cui al precedente comma, saranno applicati con riferimento ai soli operatori interessati al trasferimento. 4. Nel caso di temporanea indisponibilità dell area mercatale o di parte di essa, per sopravvenute situazioni di fatto o per straordinarie esigenze il Dirigente del ervizio competente, sentite le Associazioni di categoria maggiormente rappresentative a livello regionale, provvede al 12

13 trasferimento temporaneo di tutto o parte del mercato in altra area fino a che si renda nuovamente disponibile la sede originaria. I posteggi saranno riassegnati secondo l ordine della graduatoria assegnatari, e, ricorrendone le condizioni, secondo la graduatoria precari. 5. Qualora dovesse accertarsi l improvvisa ed imprevedibile indisponibilità di parte dell area mercatale, ove possibile, il Comando di Polizia Municipale provvede al trasferimento momentaneo dei posteggi interessati in altra area sino a che non sarà nuovamente disponibile la sede originaria. I posteggi saranno riassegnati con le modalità di cui al comma precedente. Articolo 11 oppressione di posteggi e di mercati 1. L Amministrazione Comunale può disporre, sentite le rappresentanze locali delle Associazioni degli Operatori del commercio sulle aree pubbliche e delle Organizzazioni dei consumatori maggiormente rappresentative a livello regionale, la soppressione di mercati esistenti o la soppressione di singoli posteggi in presenza di almeno uno dei seguenti elementi: a) caduta sistematica della domanda: b) rilevante riduzione della capacità attrattiva del mercato; c) mancato utilizzo dei posteggi esistenti, anche da parte di operatori precari, per 12 mesi; d) mancata assegnazione del posteggio dopo due pubblicazioni sul B.U.R.. 2. Gli spazi relativi a posteggi resisi liberi, possono essere utilizzati per soddisfare esigenze di razionalizzazione dell area mercatale, prioritarie rispetto alla riassegnazione degli stessi. In tal caso, quindi, l Amministrazione Comunale procede alla soppressione degli stessi utilizzando gli spazi per le suddette esigenze. Articolo 12 Orari di svolgimento 1. Gli orari di svolgimento dei mercati di cui all art.6, sono i seguenti: a) mercato maggiore settimanale del giovedì, di Corso del Popolo, dalle ore ( per alimentari e calzature) alle ore (14.30 per i posteggi di tipologia merceologica calzature); b) mercato maggiore giornaliero di Riva Vena, dalle ore alle ore 14.00, con possibilità di protrazione fino alle ore 19.00; c) mercato maggiore giornaliero di Fondamenta Marangoni, dalle ore alle ore 14.00; d) mercato maggiore giornaliero di an Felice ottomarina - mercato stagionale, apertura facoltativa fino alle ore 18.00; apertura obbligatoria dalle ore fino alle ore 24.00; e.1) posteggi isolati annuali, come da schede allegate; e.2) posteggi isolati stagionali, come da schede allegate. 2. I concessionari di posteggio devono installare il proprio banco autoservizio e le attrezzature consentite (se previsto) - nell area relativa al posteggio a ciascuno assegnato, non prima delle ore (06.30 per alimentari e calzature per il mercato maggiore del giovedì) ed entro le ore 08.00, e devono sgomberare il posteggio entro le ore 14 (14.30 per i posteggi di tipologia merceologica calzature) in modo che, a tale ora l intera area mercatale risulti sgombra e ne possa essere eventualmente ripristinato l uso non commerciale. Nel periodo invernale è consentito ai concessionari di posteggi di piante e fiori, di ritardare l inizio delle operazioni di vendita, comunque non oltre le ore

14 3. Il Dirigente del ervizio competente può fissare, in caso di comprovate esigenze pubbliche, gli orari di allestimento delle attrezzature di vendita, di carico e scarico delle merci e di sgombero dell area di mercato anche in deroga a quanto stabilito al precedente comma E consentito lo sgombero anticipato del posteggio solo per avverse condizioni atmosferiche (acqua alta, vento forte, in conformità delle indicazioni impartite dalla Polizia Municipale) o per comprovata necessità, nel qual caso ogni operatore commerciale è tenuto a facilitare il transito e lo sgombero. Articolo 13 Modalità di corretta sistemazione delle attrezzature e di svolgimento delle attività di vendita 1. I banchi, gli autoservizi, le attrezzature devono essere collocati nello spazio appositamente delimitato dalla planimetria. Tale spazio dovrà essere delimitato in modo visibile con dei segni posti a terra, o, ove questo non sia possibile, con dei chiari punti di riferimento. In ogni caso i concessionari non possono occupare superficie maggiore e/o diversa da quella assegnata. 2. Deve essere assicurato il passaggio di automezzi di pronto intervento (ambulanze, Vigili del Fuoco, P). Gli operatori sono obbligati ad agevolare le operazioni di pronto intervento ed a garantire in ogni caso il transito dei relativi mezzi. 3. Le tende di protezione dei banchi, e quant altro avente tale finalità, non possono sporgere oltre mt dalla verticale del limite di allineamento. Deve essere garantito in ogni caso il transito dei mezzi di pronto intervento. 4. I pali di sostegno e quant altro analogo, da misurarsi dal suolo al lato inferiore della frangia, devono avere lunghezza non inferiore a mt I posteggi, devono essere posti a distanza adeguata ai fini di non intralciare il passaggio pedonale e devono essere separati l'uno dall'altro di almeno 50 cm. I posteggi devono essere posti ad una distanza minima di m. 1,50 dal fronte vetrine delle attività commerciali su area privata in sede fissa. 6. Con il preventivo assenso degli operatori interessati, è permesso sovrapporre, lateralmente tra banco e banco, le tende di copertura. Il calcolo della superficie, in questo caso non dovrà tenere conto della porzione di tenda che supererà lateralmente la concessione assegnata. 7. Con l uso del posteggio, il concessionario assume tutte le responsabilità verso terzi derivanti da doveri, ragioni e diritti connessi all esercizio dell attività. 8. Gli operatori sono obbligati a tenere pulito lo spazio da loro occupato ed al termine delle operazione di vendita debbono raccogliere i rifiuti, depositandoli negli appositi contenitori. 9. E obbligatoria la permanenza degli operatori per tutta la durata del mercato, anche in caso di suo prolungamento, fatte salve cause di forza maggiore dovute a particolari condizioni climatiche, a problemi di salute o ad impossibilità documentata di permanenza di mercato. In caso contrario, l operatore sarà considerato assente a tutti gli effetti. 14

15 10. E vietato annunciare con grida, clamori e mezzi sonori il prezzo e la qualità delle merci poste in vendita. è consentito l uso di apparecchi atti all ascolto di dischi, musicassette, CD e similari, sempre che il volume sia al minimo e tale da non recare disturbo agli operatori collocati negli spazi limitrofi, nonché ai residenti. 11. Gli operatori sono obbligati al rispetto della normativa in materia di pubblicità dei prezzi. secondo quanto disposto dall art.14 del D.Lgs. 114/98. Articolo 14 Circolazione veicolare e pedonale nell area di mercato 1. Dalle ore (06.30 in Campo Marconi) alle ore (14.30 in Campo Marconi) è vietata la circolazione dei veicoli nell area destinata a mercato, fatti salvi i mezzi di emergenza. 2. E vietata la sosta dei veicoli nei tratti liberi. I veicoli per il trasporto della merce e dell altro materiale in uso agli operatori del settore possono sostare sull area di mercato, purché lo spazio globale occupato rientri nelle dimensioni del posteggio loro assegnato. 3. Il Comune assicura il rispetto del divieto di circolazione veicolare posizionando idonea transennatura ed assicurando la necessaria sorveglianza da parte della Polizia Municipale. 4. Nel caso in cui la sosta dei veicoli di trasporto merce e di altro materiale in uso agli operatori non sia possibile, gli stessi dovranno essere posteggiati secondo le indicazioni fornite dal locale comando di Polizia Municipale. Articolo 15 Gestione del mercato 1. I mercati sono gestiti dal Comune che assicura l espletamento delle attività di carattere istituzionale e l erogazione dei servizi di mercato, salvo che non si proceda, per questi ultimi, all affidamento a soggetto esterno sulla base di specifica convenzione. 2. Ai sensi dell art.7 comma 3, della L.R n 10, i mercati, previa convenzione con il Comune, che preveda comunque, a garanzia di tutti gli operatori, l espletamento da parte dello stesso delle attività istituzionali, possono essere svolti su aree private, e possono essere gestiti da Consorzi di operatori. Queste aree devono essere previste dagli strumenti urbanistici, ed inserite nella programmazione comunale. 3. Gli Uffici preposti, sentite le rappresentanze locali delle Associazioni degli operatori su aree pubbliche maggiormente rappresentative hanno facoltà di emanare i provvedimenti necessari a garantire il regolare svolgimento delle attività di mercato. 4. Al servizio di vigilanza annonaria provvede la Polizia Municipale. Al servizio di vigilanza igienico-sanitario provvede, nell ambito delle proprie competenze, l Azienda UL. Articolo 16 Autorizzazione su posteggio 15

16 1. Il commercio su aree pubbliche su posteggi dati in concessione decennale di cui all art.28, comma 1, lett. a), D.Lgs n 114, è soggetto ad apposita autorizzazione rilasciata a persone fisiche o a ocietà di persone regolarmente costituite secondo le norme vigenti. 2. L autorizzazione di cui al comma precedente è rilasciata in base alla L.R n 10, dal Dirigente del servizio competente ed abilita anche all esercizio in forma itinerante nel territorio regionale, nonché alle fiere che si svolgono in tutta Italia (art.3, comma 3, L.R. 10/02). Articolo 17 Domanda e rilascio dell autorizzazione su posteggio: procedure 1. La domanda per ottenere il rilascio dell autorizzazione di cui all art.16, deve essere inviata al Comune tramite lettera raccomandata con avviso di ricevimento o anticipate a mezzo telefax. La stessa può essere presentata direttamente presso l Ufficio Protocollo, che appone la data di deposito. 2. La domanda deve essere spedita, trasmessa o depositata nel termine di trenta giorni dalla data di pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione dell elenco dei posteggi liberi. Essa va redatta secondo le modalità indicate nel facsimile che verrà pubblicato ogni volta nello stesso B.U.R.. 3. La spedizione, la trasmissione o la consegna della domanda oltre il termine indicato e/o la redazione di una richiesta non conforme al modello pubblicato o priva dei dati essenziali richiesti comporterà l inammissibilità della domanda. Nel facsimile saranno indicati quelli che sono considerati dati essenziali. 4. Il Comune, verificati i requisiti soggettivi previsti all art.5 del D.Lgs. 114/98, entro 60 giorni dalla data di scadenza della presentazione delle domande, rilascia l autorizzazione, assegnando i posteggi liberi esistenti nel proprio territorio secondo la graduatoria redatta in base ai seguenti criteri di priorità; nell ordine: a) Maggior numero di presenze, sullo stesso mercato, effettuate come operatore precario, dalla data di entrata in vigore dell abrogata legge , n 112, dal soggetto che fa la domanda e, in caso di subingresso, anche dall operatore che ha ceduto la propria azienda al richiedente; b) Maggiore anzianità di iscrizione al R.E.A. (ex registro ditte) per l attività di commercio su aree pubbliche, tenendo conto che, in caso di conferimento in società, viene fatta salva la data di iscrizione più favorevole; per la formazione della graduatoria, nell ipotesi di operatori già iscritti all ex registro Ditte si considera la data di iscrizione al R.E.A. per l attività di commercio su aree pubbliche indicata nella visura camerale. Viceversa, nel caso l iscrizione al R.E.A. avvenga sin dall origine, accertato che i codici dell attività esercitata dall operatore (classificazione ATECO) comprendono il commercio su aree pubbliche,si considera la data di inizio attività indicata nella visura camerale (1); c) Ordine cronologico di presentazione della domanda. Per le domande inviate tramite raccomandata A.R. si ha riguardo al timbro postale di spedizione. Per le domande anticipate a mezzo telefax si ha riguardo alla data e ora di ricezione del fax stesso. 5. La graduatoria delle domande pervenute, con riguardo a ciascun mercato deve essere unica con riferimento a ciascun settore merceologico per tutti i posteggi liberi pubblicati nel B.U.R.. Contro la citata graduatoria è ammessa istanza di revisione da presentarsi al Comune entro 16

17 quindici giorni dalla sua pubblicazione. ull istanza il Comune si pronuncia nel termine massimo di 60 giorni fissato per il rilascio delle autorizzazioni. 6. La scelta del posteggio da assegnare viene effettuata dall operatore secondo l ordine di collocazione nella graduatoria formata per ciascun settore merceologico; il primo in graduatoria ha priorità nella scelta rispetto il secondo e così di seguito, sino all assegnazione di tutti i posteggi liberi pubblicati nel BUR. 7. Nell ipotesi in cui l operatore nella sua domanda abbia indicato una o più preferenze, ma il posteggio sia già stato assegnato a chi lo precede in graduatoria, il Comune attribuirà un posteggio il più possibile simile tra quelli pubblicati e non ancora assegnati. 8. Il rilascio dell autorizzazione e della concessione, nel termine dei 60 gg previsti dalla Delibera G.R. n 1902/2001, sono contestuali. La concessione ha validità decennale e si rinnova automaticamente per ulteriori dieci anni, salva rinuncia da parte dell operatore da comunicarsi al Comune competente secondo le modalità stabilite dall Art.23 comma 6, del presente Regolamento. In sede di rinnovo, il Comune verifica la permanenza in capo all operatore dei requisiti morali e professionali che avevano legittimato il rilascio dell autorizzazione e della relativa concessione. In caso di subingresso l acquirente subentra nelle restanti annualità della concessione. 9. L operatore ha l obbligo di esibire il titolo autorizzatorio in originale su richiesta dei competenti organi di vigilanza. 10. Le presenze al mercato effettuate come operatore precario, utilizzate quale titolo per l assegnazione di un posteggio, non costituiscono titolo per l assegnazione di un secondo posteggio nello stesso mercato. A tal fine, le presenze maturate nel mercato che permettono di ottenere la concessione di posteggio, sono azzerate all atto del ritiro della nuova autorizzazione. Articolo 18 Migliorie e ampliamenti 1. Per consentire alla Giunta Regionale di pubblicare sul Bollettino Ufficiale della Regione l elenco dei posteggi liberi nel territorio regionale, il Comune è tenuto, per ogni posteggio da assegnare, a comunicare alla Regione la localizzazione, il numero, le dimensioni, le caratteristiche, il settore e l eventuale tipologia, la cadenza del mercato in cui è inserito ed, infine, se trattasi di posteggio annuale o stagionale. 2. Prima di comunicare alla Regione l elenco dei posteggi liberi, il Dirigente provvede ad informare dei posteggi resisi disponibili gli operatori della categoria corrispondente, con i metodi ritenuti più idonei e stabilendo un congruo tempo per la presentazione delle domande. In caso di più richieste per uno stesso posteggio, l assegnazione dello stesso avverrà nel rispetto della graduatoria assegnatari. 3. L assegnazione dei posteggi viene effettuata secondo i seguenti criteri: a) Anzianità di frequenza del mercato come risultante dalla graduatoria assegnatari ; b) Anzianità della autorizzazione originaria c) Ordine cronologico di presentazione della domanda. 17

18 4. L operatore può, in ogni caso, chiedere la miglioria connessa all ampliamento del posteggio assegnato e in caso di risposta affermativa, si procederà solamente all aggiornamento della pianta di mercato e dei riferimenti collegati. Articolo 19 Modalità di assegnazione dei posteggi ai precari 1. I concessionari di posteggi non presenti all ora stabilita ai sensi del precedente art.12 comma 2, non potranno più accedere alle operazioni mercatali della giornata e saranno considerati assenti. 2. I posteggi liberi all orario di inizio delle attività mercatali, sono assegnati, per quel giorno, agli operatori aventi titolo, definiti precari. Il procedimento di selezione ed assegnazione è definito spunta. 3. L operatore precario, prima o contestualmente alla sua partecipazione alla spunta, comunica al ervizio di Polizia Municipale i dati identificativi della ditta e dell autorizzazione di riferimento. Nei giorni in cui si tiene il mercato, il succitato ervizio provvede alla registrazione delle presenze con esclusivo riferimento all autorizzazione indicata nella predetta comunicazione, a nulla rilevando i dati anagrafici dell operatore. Non è consentito ad una stessa persona fisica presentarsi per la spunta con titoli diversi da quello comunicato ed effettuare la spunta contemporaneamente sia a nome proprio che per conto altrui. Il titolare di autorizzazione per il commercio su area pubblica su posteggio può partecipare alle operazioni di spunta sulla stessa area di mercato fino all ottenimento di due autorizzazioni con relativa concessione di posteggio decennale, salvi sempre i diritti acquisiti al momento dell entrata in vigore della L.R. 10/2001. In tal caso non può essere utilizzata, ai fini dell assegnazione occasionale, la stessa autorizzazione relativa al posteggio già in concessione decennale su quello stesso mercato. Può essere quindi utilizzata un autorizzazione per il commercio su aree pubbliche su posteggio in un altro mercato o un autorizzazione per il commercio su area pubblica, in forma itinerante. 4. L assegnazione dei posteggi avviene in base all ordine della Graduatoria precari, che viene formata secondo le seguenti priorità: a) All operatore che vanta il più alto numero di presenze nel mercato secondo la definizione di cui all art.2 comma 1 lettera r) del presente Regolamento; b) All operatore che vanta la maggiore anzianità nell attività desumibile dal R.E.A., ex Registro Ditte. 5. Per conseguire una presenza, secondo la definizione di cui al comma precedente, lettera a), l operatore deve essersi presentato alle operazioni di spunta. Qualora l operatore precario assegnatario di posteggio non eserciti l attività di vendita per sua volontà, perde la presenza maturata in quel giorno ed il posteggio è assegnato a chi segue in graduatoria; la rinuncia è giustificata esclusivamente nel caso di impossibilità fisica ad aprire il banco nel posteggio assegnato. La rinuncia deve avvenire in forma scritta su stampati predisposti dalla Amministrazione Comunale. L operatore precario pur presente alle operazioni di spunta, privo di merce e registratore di cassa, è considerato assente. 6. I posteggi in cui si trovino strutture fissate stabilmente al suolo di proprietà del titolare della concessione, o qualora si tratti di un box, chiosco o vano in muratura, non possono essere assegnati. 18

19 Articolo 20 Modalità di tenuta e consultazione della graduatoria 1. I competenti uffici del Comune provvedono a stilare due distinte graduatorie al fine della corretta applicazione delle norme contenute nel presente regolamento: a) La graduatoria degli assegnatari di posteggio detta Graduatoria assegnatari, redatta dall Ufficio commercio in base ai seguenti criteri: 1. Anzianità di presenza nel mercato; 2. In caso di parità, sulla base dell anzianità dell impresa risultante dall iscrizione al REA; b) La graduatoria degli operatori precari, detta Graduatoria precari redatta dal Comando Polizia Municipale, distinta tra settore alimentare e non alimentare e imprenditori agricoli, aggiornata in base alle presenze dei precari nel mercato stesso. 2. Le graduatorie di cui al precedente comma sono tenute rispettivamente nell Ufficio commercio e dalla Polizia Municipale che provvede all aggiornamento, di volta in volta, rendendole disponibili, su richiesta, a tutti gli interessati. Articolo 21 ospensione dell autorizzazione 1. In caso di violazioni di particolare gravità accertate con provvedimenti definitivi, o di recidiva, il Dirigente del ervizio preposto, quale autorità competente ex L. 689/81 può disporre, ai sensi dell art.29 comma 3, del D.Lgs. 114/98, la sospensione dell attività di vendita su area pubblica per un periodo di tempo non superiore a 20 gg. di mercato nel caso di mercati giornalieri annuali, 10 giorni di mercato nel caso di mercati giornalieri stagionali, 4 giorni di mercato nel caso di mercati settimanali annuali. 2. i considerano di particolare gravità: a) Le violazioni relative al mancato rispetto delle disposizioni inerenti la pulizia del posteggio e delle aree mercatali; b) Il danneggiamento della sede stradale, degli elementi di arredo urbano e del patrimonio arboreo; c) La vendita di prodotti di tipologia merceologica diversa da quella specifica autorizzata in particolari posteggi; d) L occupazione di una superficie maggiore e/o diversa da quella prevista in concessione. 3. La recidiva si verifica qualora sia stata commessa la stessa violazione per almeno due volte in un anno solare, anche se si è proceduto al pagamento della sanzione in misura ridotta. 4. Nella procedura sanzionatoria deve essere rispettata la normativa di cui alla legge 689/81. Articolo 22 Revoca dell autorizzazione 1. L autorizzazione per l esercizio del commercio su area pubblica viene revocata quando venga accertata la sussistenza di almeno una delle seguenti condizioni: a) Il titolare dell autorizzazione non inizia l attività entro sei mesi dalla data di rilascio dell autorizzazione stessa, salvo proroga in caso di comprovata necessità, su richiesta presentata almeno 15 gg prima della scadenza. L attività in forma itinerante si considera iniziata con l iscrizione al registro delle imprese e l apertura della partita IVA; 19

20 b) Per decadenza dalla concessione del posteggio per mancato utilizzo del medesimo, in ciascuno anno solare, per periodi di tempo complessivamente superiori a quattro mesi, salvo i casi di assenza per malattia, gravidanza o servizio militare; c) Il titolare non risulta più in possesso dei requisiti soggettivi di cui all art.5 comma 2 del D.Lgs. 114/ In caso di revoca di autorizzazione rilasciata a seguito di affidamento in gestione, nelle fattispecie previste al comma 1 punti a) e b), il relativo proprietario decade dal diritto di reintestazione. 3. Il Dirigente del ervizio competente accertata una delle fattispecie di cui al comma 1, la contesta all interessato fissando un termine per eventuali contro deduzioni, decorso inutilmente il quale, provvede alla emanazione del provvedimento di revoca. Il provvedimento di revoca, congruamente motivato, è comunicato all interessato, a mezzo di lettera raccomandata con avviso di ricevimento o notifica. Nel caso di cui al comma 2 il provvedimento deve essere comunicato anche al proprietario dell azienda. Articolo 23 Rilascio, durata, scadenza, rinnovo, rinuncia, decadenza e revoca della concessione 1. L atto di concessione è rilasciato al titolare di autorizzazione al commercio su aree pubbliche. 2. Fatti salvi i diritti acquisiti prima dell entrata in vigore della L.R n 10, ogni ditta operante in un mercato non può essere concessionaria di più di due posteggi nello stesso mercato, anche se ciò avvenga per conferimento in società di persone regolarmente costituite secondo le norme vigenti. 3. La concessione del posteggio ha la durata di 10 anni e può essere rinnovata su apposita domanda fatta pervenire al Comune, almeno tre mesi prima della scadenza. 4. Il Dirigente del servizio competente, verificata la sussistenza dei requisiti soggettivi, appone il visto di rinnovo sulla concessione di posteggio, entro 60 giorni dalla presentazione della domanda. 5. Il Dirigente del servizio competente per motivi di pubblico interesse, o altri gravi motivi, può decidere di non procedere al rinnovo della concessione. In questo caso, dovrà darne motivata comunicazione scritta, a mezzo lettera raccomandata a.r., almeno sei mesi prima della scadenza, agli interessati. 6. La concessione decade in caso di mancato utilizzo del posteggio assegnato per periodi di tempo superiori complessivamente a quattro mesi in ciascun anno solare, ovvero superiore ad un terzo del periodo di operatività del mercato, ove questo sia inferiore all anno solare. Nel caso di mercato settimanale, si ha decadenza della concessione per assenze superiori ai 17 gg. di mercato. ono fatti salvi i casi di assenza per malattia, gravidanza o per servizio militare (2). Le assenze devono essere giustificate da comunicazione scritta, accompagnata da idonea documentazione, che deve pervenire al Comune entro 30 giorni dal verificarsi dell assenza stessa. In caso di società l assenza per malattia, gravidanza o servizio militare deve riguardare tutti i legali rappresentanti contemporaneamente per essere giustificata. Qualora l operatore sia 20

21 titolare di più posteggi nella stessa giornata, anche in più mercati, può usufruire delle citate cause giustificative purché risulti assente in tutti i predetti posteggi. Nel caso di subingresso o reintestazione il calcolo delle assenze decorre dalla data di presentazione al Comune della richiesta di subingresso o reintestazione. Accertato il mancato utilizzo del posteggio nei termini suindicati, la decadenza è automatica e deve essere immediatamente comunicata all interessato contestualmente alla revoca dell autorizzazione, con le modalità previste dall art E disposta la revoca dell atto di concessione, qualora l operatore non sia più in possesso dei requisiti di Legge, e gli sia stata revocata l autorizzazione amministrativa di commercio su aree pubbliche. 8. La concessione del posteggio può essere revocata per motivi di pubblico interesse o necessità, con esclusione di qualsiasi onere a carico del Comune stesso. 9. I motivi della revoca vanno preventivamente comunicati all interessato ai sensi dell art.7 della Legge 241/90, indicandogli l esistenza di eventuali posteggi liberi in altre aree pubbliche comunali, in modo da consentirgli di orientare opportunamente le proprie scelte operative. 10. In caso di revoca, l interessato ha diritto di ottenere un altro posteggio nel territorio comunale, fino alla scadenza del termine già previsto nella concessione revocata. Il nuovo posteggio, concesso in sostituzione non può avere una superficie inferiore e deve essere il più possibile simile a quello revocato. 11. La revoca debitamente motivata negli elementi di fatto e di diritto, è disposta dal Dirigente competente che ne cura anche la comunicazione all interessato, a mezzo di lettera raccomandata con avviso di ricevimento oppure notifica Articolo 24 Criteri per il rilascio delle autorizzazioni e delle relative concessioni di posteggio agli imprenditori agricoli 1. I posteggi destinati agli imprenditori agricoli, ai sensi dell art.4 comma 4 del D.Lgs. 228/01, sono indicati nella planimetria di cui al precedente art.7. Essi sono assegnati con le modalità previste ai commi successivi. 2. Nel caso si renda disponibile un posteggio, si provvede, entro il termine di trenta giorni dalla data dell effettiva e piena disponibilità del posteggio, a darne avviso all albo pretorio. L avviso deve contenere il numero e le dimensioni del posteggio, l indicazione che esso è riservato agli imprenditori agricoli, il termine entro il quale gli aventi titolo possono presentare al Comune la relativa domanda di assegnazione. 3. La domanda di assegnazione del posteggio disponibile va presentata entro 30 giorni dall avviso di cui al comma due, con le modalità di cui all art.17 comma 1, e deve contenere i seguenti dati: Generalità, indirizzo e codice fiscale dell imprenditore agricolo (persona fisica o società di persone) o del legale rappresentante delle cooperative e consorzi agricoli. Nel caso di società vanno indicate anche la ragione sociale, la sede legale, il codice fiscale. In entrambi i casi va indicato: a) Il numero di iscrizione al Registro Imprese; 21

22 b) Il numero di posteggio del quale si chiede l assegnazione, come individuato nell avviso esposto all albo pretorio del Comune; c) Il possesso della qualifica di imprenditore agricolo; la data di inizio dell attività di imprenditore agricolo attestata nel REA; d) L ubicazione del fondo di produzione, il tipo di prodotti che si intende porre in vendita; e) La dichiarazione di eventuali presenze effettuate nello stesso mercato. 4. Qualora la domanda risulti incompleta l Ufficio preposto ne da comunicazione al richiedente, indicando il termine per la regolarizzazione, fissato in 30 gg, trascorso il quale le domande non saranno valutate ai fini della graduatoria. 5. La concessione di posteggio viene rilasciata in applicazione ai seguenti criteri: a) Maggior numero di presenze, nello stesso mercato, effettuate come imprenditore agricolo precario; b) Maggiore anzianità di iscrizione al REA come imprenditore agricolo; c) Ordine cronologico di presentazione delle domande. Per le domande inviate tramite raccomandata a.r., fa fede il timbro postale di spedizione. 6. La concessione del posteggio per i produttori agricoli ha durata decennale ed è rilasciata per un utilizzo annuale, stagionale o per periodi inferiori, strettamente correlati alla fase di produzione dei beni da porre in vendita. A tal fine il Comune, in sede di definizione del piano per il commercio su aree pubbliche, può determinare le tipologie merceologiche dei posteggi riservati agli agricoltori, con particolare riguardo alle produzioni tipiche del territorio, legandole ai relativi periodi di produzione. E consentita la cessione del posteggio da parte dell agricoltore unitamente all azienda agricola di riferimento. 7. Per quanto compatibili si applicano le altre norme del presente regolamento. 8. Non è permesso il frazionamento del posteggio. 9. Gli imprenditori agricoli non possono essere titolari di più di una concessione nell ambito dello stesso mercato. Articolo 25 ubingresso nelle autorizzazioni 1. Il trasferimento, in gestione od in proprietà, dell azienda o di un suo ramo, per l esercizio del commercio su aree pubbliche, per atto tra vivi od a causa di morte, comporta di diritto il trasferimento della titolarità dell autorizzazione amministrativa a chi subentra nello svolgimento dell attività, a condizione che il subentrante sia in possesso dei requisiti di legge per gestire l attività. Il trasferimento è soggetto ad autorizzazione. 2. Il trasferimento dell azienda o di un suo ramo, se avviene per atto tra vivi, deve essere effettuato per atto pubblico notarile o con scrittura privata autenticata, ai sensi della Legge 310/93; se avviene per causa di morte, il trasferimento dell azienda o di un suo ramo, deve essere effettuato nelle forme e modi previsti dalla normativa vigente per la devoluzione dell eredità e comporta di diritto il subentro nella titolarità della autorizzazione, ed altresì della concessione per il periodo residuo del decennio in corso. 22

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI LAMPORECCHIO Provincia di Pistoia C.F.: 00300620473 DELIBERA C.C. N. 6 DEL 18 GENNAIO 2013 ALLEGATO A1 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE (Art. 117 comma 6 della Costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI

REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI Art. 1 Svolgimento 1. Il Mercatino dei libri è un mercatino specializzato, riservato alla vendita esclusiva di libri, che si svolge nel centro storico da ottobre a giugno

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 144 del 30.11.2000 Modificato con Deliberazione di C.C. n. 102 del

Dettagli

MERCATINO DELLE PULCI E DELL ANTIQUARIATO Allegato alla deliberazione consiliare n.96 del 30 novembre 2006, esecutiva dal 27 dicembre 2006 REGOLAMENTO

MERCATINO DELLE PULCI E DELL ANTIQUARIATO Allegato alla deliberazione consiliare n.96 del 30 novembre 2006, esecutiva dal 27 dicembre 2006 REGOLAMENTO MERCATINO DELLE PULCI E DELL ANTIQUARIATO Allegato alla deliberazione consiliare n.96 del 30 novembre 2006, esecutiva dal 27 dicembre 2006 SOMMARIO NORME DI RIFERIMENTO REGOLAMENTO TITOLO I CARATTERISTICHE

Dettagli

Art. 1 Svolgimento. Art. 3 Circolazione pedonale e veicolare

Art. 1 Svolgimento. Art. 3 Circolazione pedonale e veicolare REGOLAMENTO MERCATO PIAZZALE FORO BOARIO DI VILLA POTENZA Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 9 febbraio 2010 Esecutiva il 26 febbraio 2010 Art. 1 Svolgimento 1. Il Mercato del Foro Boario

Dettagli

MERCATINO ARTISTICO. di SAN PANTALEO IL DIRIGENTE

MERCATINO ARTISTICO. di SAN PANTALEO IL DIRIGENTE MERCATINO ARTISTICO di SAN PANTALEO ORDINANZA Disciplinante il mercatino artistico di San Pantaleo ORDINANZA n 3 del 26/01/2007 IL DIRIGENTE VISTO il D.Lgs. n 114 del 31.03.1998 Riforma della disciplina

Dettagli

Città di Cosenza Settore Programmazione e Sviluppo Economico Servizio AA.EE.PP.

Città di Cosenza Settore Programmazione e Sviluppo Economico Servizio AA.EE.PP. Città di Cosenza Settore Programmazione e Sviluppo Economico Servizio AA.EE.PP. FIERA DI SAN GIUSEPPE EDIZIONE 2010 AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI LA DIRIGENTE DEL SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE

Dettagli

V ààõ w fxäätéétçé WxÇàÜÉ @ cüéä Çv t w ctwéät @

V ààõ w fxäätéétçé WxÇàÜÉ @ cüéä Çv t w ctwéät @ V ààõ w fxäätéétçé WxÇàÜÉ @ cüéä Çv t w ctwéät @ PIANO DEL COMMERCIO SULLE AREE PUBBLICHE Legge Regionale n. 10 del 6 aprile 2001 recante Nuove norme in materia di commercio su aree pubbliche ; Deliberazione

Dettagli

INDICE ARTICOLO TITOLO PAGINA

INDICE ARTICOLO TITOLO PAGINA REGOLAMENTO DEI MERCATI Approvato con delibera CC n. 204 del 19/11/2003 INDICE ARTICOLO TITOLO PAGINA Art. 1 Finalità... 3 Art. 2 Definizioni... 3 Art. 3 Ambito di applicazione... 4 Art. 4 Recepimento,

Dettagli

Criteri di attuazione del commercio su aree pubbliche

Criteri di attuazione del commercio su aree pubbliche Allegato alla Delib.G.R. n. 15/15 del 19.4.2007 Criteri di attuazione del commercio su aree pubbliche Art. 1 Definizioni Con il presente provvedimento vengono definite le direttive ed i criteri di attuazione

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATINO NATALIZIO

REGOLAMENTO MERCATINO NATALIZIO REGOLAMENTO MERCATINO NATALIZIO Art. 1 Svolgimento 1. Il mercatino Natalizio è una fiera specializzata del settore alimentare e non alimentare per la vendita di prodotti tipici dell artigianato; si svolge

Dettagli

Comune di Portobuffolè (Provincia di Treviso)

Comune di Portobuffolè (Provincia di Treviso) Comune di Portobuffolè (Provincia di Treviso) Mercatino dell Antiquariato e del Collezionismo Istituito con deliberazione C.C. n. 80 del 23/10/1989 Confermato con deliberazione C.C. n. 4 del 21/2/2002

Dettagli

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE INDICE ARTICOLO 1 definizione ARTICOLO 2 - zone ed aree commerciali ARTICOLO 3 distanze

Dettagli

COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona. Piano comunale per il commercio su aree pubbliche durante sagre, feste o manifestazioni occasionali.

COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona. Piano comunale per il commercio su aree pubbliche durante sagre, feste o manifestazioni occasionali. COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona Piano comunale per il commercio su aree pubbliche durante sagre, feste o manifestazioni occasionali. 1 Indice Art. 1 - Finalità Pag. 3 Art. 2 - Individuazione delle

Dettagli

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina)

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI RISERVATI (Simbolo e contrassegno redatto

Dettagli

CITTÀ DI BRA Provincia di CUNEO REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO E DEL PICCOLO ANTIQUARIATO

CITTÀ DI BRA Provincia di CUNEO REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO E DEL PICCOLO ANTIQUARIATO CITTÀ DI BRA Provincia di CUNEO REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO E DEL PICCOLO ANTIQUARIATO (approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 15/2002) 1 Art. 1 - Oggetto del regolamento...... 3 Art.

Dettagli

COMUNE DI SASSO MARCONI

COMUNE DI SASSO MARCONI COMUNE DI SASSO MARCONI Provincia di Bologna SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE REGOLAMENTO "MERCATO ORDINARIO" Giugno 2000 1 art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina il mercato ordinario

Dettagli

Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche

Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche Comune di SAN MARTINO BUON ALBERGO Provincia di Verona Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche ***** Regolamento per lo svolgimento del commercio su aree pubbliche e nei posteggi isolati Approvato

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento, in ottemperanza agli obblighi derivanti dalla legge 14.12.1963 n. 161

Dettagli

Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche

Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche L. R. 06 aprile 2001 n. 10 e D.G.R. 20 luglio 2001 n. 1902 NOTA: Il presente Piano e Regolamento per il commercio su aree pubbliche è stato approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA L ORGANIZZAZIONE E LO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI COMUNALI IN MATERIA DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - 1 -

REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA L ORGANIZZAZIONE E LO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI COMUNALI IN MATERIA DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - 1 - COMUNE DI MONTE SAN SAVINO Corso Sangallo 38 52048 Monte San Savino Telefono: 0575 8177220 Fax: 0575 843076 Web: www.citymonte.it E-mail: commercio@citymonte.it C.F. e P.I. 00272160516 REGOLAMENTO CHE

Dettagli

Comune di Avigliana. Disciplinare

Comune di Avigliana. Disciplinare Comune di Avigliana Provincia di Torino Disciplinare Mercato riservato all esercizio della vendita diretta da parte degli imprenditori agricoli gestito da Federazione Coldiretti Torino ai sensi del d.m.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER

REGOLAMENTO COMUNALE PER COMUNE DI SAN MARTINO DI VENEZZE PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI D.Lgs. 114/98 e L.R. n. 37/99 Aggiornato al 5 dicembre 2001 Allegato alla deliberazione

Dettagli

Piano e Regolamento Commercio aree pubbliche PIANO E REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE

Piano e Regolamento Commercio aree pubbliche PIANO E REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE Piano e Regolamento Commercio aree pubbliche PIANO E REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE (art. 40 L.R.T. 7 Febbraio 2005 n. 28 e successive modifiche

Dettagli

LISTA LINEE DI CONTROLLO NELLE IMPRESE

LISTA LINEE DI CONTROLLO NELLE IMPRESE LISTA LINEE DI CONTROLLO NELLE IMPRESE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE commercio su aree pubbliche su posteggio Titolo abilitante (all esercizio di commercio su aree pubbliche al dettaglio su posteggio) art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione C.C. n. 11 del 30.04.2010 pubblicata all Albo Pretorio dal 14.05.2010

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano Regolamento comunale per la disciplina del mercato per la vendita diretta dei prodotti agricoli. Approvato con delibera C.C. n 06 del 28.01.2011 (allegato

Dettagli

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale.

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Norme per l esercizio delle attività di vendita al dettaglio in sede fissa. Decreto legislativo 31 marzo

Dettagli

CITTA DI SAN MAURO TORINESE

CITTA DI SAN MAURO TORINESE ALLEGATO DELIB. C.C. n. / 2010 CITTA DI SAN MAURO TORINESE REGOLAMENTO FIERA DEI CORPI SANTI 1) Richiami normativi. D. legislativo 114/98 riforma della disciplina del commercio a norma dell articolo 4

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA ANNONARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA ANNONARIA ALLEGATO A) Allegato alla delibera di Consiglio Comunale n. 95 del 24/07/2007 REGOLAMENTO DI POLIZIA ANNONARIA Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Finalità Art. 3 - Recepimento, funzione attuativa e integrativa

Dettagli

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI E DEFINIZIONE DEI CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER PUNTI VENDITA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMMERCIO SU AREE PUBBLICHE 96 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N.56 Reg.Del./7 Prop.Del NELLA SEDUTA DEL 28/03/2011 TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 Contenuto

Dettagli

ALLEGATO C COMUNE DI CASTELNOVO NE MONTI

ALLEGATO C COMUNE DI CASTELNOVO NE MONTI ALLEGATO C COMUNE DI CASTELNOVO NE MONTI REGOLAMENTO DELLE FIERE E FIERE STRAORDINARIE (Tipologia a art. 6, comma 1, L.R. 25.6.1999 n. 12) INDICE 1. TIPOLOGIA DELLE FIERE E FIERE STRAORDINARIE 2. LOCALIZZAZIONE

Dettagli

Comune di Abbiategrasso Provincia di Milano

Comune di Abbiategrasso Provincia di Milano Comune di Abbiategrasso Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con delibera di C.C. n. 38 del 09.04.2002 e successive modificazioni: con delibera

Dettagli

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 99 del 26.10.2001 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE CRITERI PER LA CIRCOLAZIONE E ASSEGNAZIONE DEI POSTI - AUTO NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.).

REGOLAMENTO RECANTE CRITERI PER LA CIRCOLAZIONE E ASSEGNAZIONE DEI POSTI - AUTO NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.). Città di Sondrio REGOLAMENTO RECANTE CRITERI PER LA CIRCOLAZIONE E ASSEGNAZIONE DEI POSTI - AUTO NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.). Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 75 del 31.10.2008

Dettagli

CITTA DI CASTELLAMONTE Provincia di Torino REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO DEL PICCOLO ANTIQUARIATO

CITTA DI CASTELLAMONTE Provincia di Torino REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO DEL PICCOLO ANTIQUARIATO CITTA DI CASTELLAMONTE Provincia di Torino REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO E DEL PICCOLO ANTIQUARIATO approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 4 in data 17/03/2008-1 - ART. TITOLO PAG. 1

Dettagli

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma)

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE E DISCIPLINA DELLE FIERE E MANIFESTAZIONI OCCASIONALI Approvato con deliberazione consiliare n. 5 del 21 febbraio 2005 Indice Art. 1 Norme

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI Art. 1 LICENZA D'ESERCIZIO La licenza per l esercizio di sale pubbliche o per altre giochi

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO (PROVINCIA DI PORDENONE)

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO (PROVINCIA DI PORDENONE) COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO (PROVINCIA DI PORDENONE) APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI; MERCATI COSIDETTI A KM 0. (Testo integrale riportate

Dettagli

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Comune di Padova NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47 dell'8 ottobre 2012 In vigore dal

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER L AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE E PER L OSPITALITA TEMPORANEA IN ALLOGGI DI E.R.P, DI CUI AGLI ARTT. 25, c. 6 d) E 27 DELLA L.R. N. 24/2001. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

PROVINCIA DI TRIESTE AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture

PROVINCIA DI TRIESTE AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture PROVINCIA DI TRIESTE AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITÀ DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

REGOLAMENTO comunale

REGOLAMENTO comunale Servizio AA.PP. REGOLAMENTO comunale per la disciplina del pagamento del C.O.S.A.P. per i posteggi ed altra area pubblica utilizzata per l esercizio di attivita economiche Approvato con deliberazione di

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 7644 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 38 del 14-03-2011 REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 Procedimenti amministrativi in materia di commercio: Attuazione della direttiva 2006/123/CE

Dettagli

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO. Regolamento della manifestazione Mercatino dell usato non professionale

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO. Regolamento della manifestazione Mercatino dell usato non professionale COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO Regolamento della manifestazione Mercatino dell usato non professionale Approvato con Deliberazione di C.C. n. 22 del 15/03/2012 Art. 1 OGGETTO

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

Città di Bari RIPARTIZIONE SVILUPPO ECONOMICO Largo Chiurlia, 27

Città di Bari RIPARTIZIONE SVILUPPO ECONOMICO Largo Chiurlia, 27 Città di Bari RIPARTIZIONE SVILUPPO ECONOMICO Largo Chiurlia, 27 BANDO COMUNALE ASSEGNAZIONE AREE IN CONCESSIONE NEI MERCATI DI BARI (la legge regionale n. 11/2003 e successive modificazioni e integrazioni)

Dettagli

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005.

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005. LEGGE REGIONALE 20 novembre 2007, n. 17 Disciplina dell'attività di acconciatore e di estetista (B.U. 29 novembre 2007, n. 104) INDICE DELLA LEGGE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Competenze della Regione, delle

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO

COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO INDICE TITOLO I - PRESCRIZIONI GENERALI Art 1 Definizione e ambito di applicazione Art 2 Licenza amministrativa Art 3 Requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI ATTIVITA DI SPETTACOLO VIAGGIANTE PRESSO AREE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI ATTIVITA DI SPETTACOLO VIAGGIANTE PRESSO AREE COMUNALI ALLEGATO B) ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 5.3.2012 N. 45/86570 P.G. COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI ATTIVITA DI SPETTACOLO VIAGGIANTE PRESSO

Dettagli

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO n. 65

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO n. 65 Prot. Gen.: 2000/67452 IE COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO n. 65 CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI AL COMMERCIO PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA E REGOLAMENTO DEL

Dettagli

REGOLAMENTO DI AUTODISCIPLINA DEGLI OPERATORI E FREQUENTATORI DEL CENTRO AGROALIMENTARE ALL INGROSSO DI FONDI. Art. 1

REGOLAMENTO DI AUTODISCIPLINA DEGLI OPERATORI E FREQUENTATORI DEL CENTRO AGROALIMENTARE ALL INGROSSO DI FONDI. Art. 1 allegato D REGOLAMENTO DI AUTODISCIPLINA DEGLI OPERATORI E FREQUENTATORI DEL CENTRO AGROALIMENTARE ALL INGROSSO DI FONDI Art. 1 L Ente Gestore del Centro agroalimentare all ingrosso di Fondi pone fra i

Dettagli

COMUNE DI SCICLI PROVINCIA DI RAGUSA

COMUNE DI SCICLI PROVINCIA DI RAGUSA ALLEGATO A) ALLA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 66 DEL 16.05.2011 COMUNE DI SCICLI PROVINCIA DI RAGUSA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO Bando pubblico per il rilascio di autorizzazioni di commercio su aree pubbliche

Dettagli

LE SANZIONI E I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI PREVISTI DAL D. LGS. N. 114 DEL 1998 IN MATERIA DI COMMERCIO

LE SANZIONI E I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI PREVISTI DAL D. LGS. N. 114 DEL 1998 IN MATERIA DI COMMERCIO LE SANZIONI E I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI PREVISTI DAL D. LGS. N. 114 DEL 1998 IN MATERIA DI COMMERCIO di Claudio Venturi Sommario: 1. Premessa. 2. Le sanzioni per il commercio all ingrosso e al dettaglio

Dettagli

Comune di Borgio Verezzi Provincia di Savona

Comune di Borgio Verezzi Provincia di Savona Allegato A alla deliberazione C.C. n. 22 in data 14.6.2011. Comune di Borgio Verezzi Provincia di Savona REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI SAGRE GASTRONOMICHE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO

COMUNE DI SPILIMBERGO COMUNE DI SPILIMBERGO PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUDCENTE CON AUTOBUS DA RIMESSA E PER LE MODALITA DI RILASCIO E DI RINNOVO DELLE RELATIVE

Dettagli

COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO DELLE SALE DA GIOCO

COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO DELLE SALE DA GIOCO COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO DELLE SALE DA GIOCO ART. 1 Disposizioni generali L esercizio di una sala pubblica per biliardi o per altri giochi leciti, in seguito definita convenzionalmente

Dettagli

COMUNE DI GAMBASCA Provincia di CUNEO DETERMINAZIONI DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 05/SEGR.

COMUNE DI GAMBASCA Provincia di CUNEO DETERMINAZIONI DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 05/SEGR. COPIA COMUNE DI GAMBASCA Provincia di CUNEO DETERMINAZIONI DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 05/SEGR. OGGETTO: Bando pubblico per l assegnazione di posti fissi del mercato settimanale della domenica mattina

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI.

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI. COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI. approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 15 del 26 febbraio

Dettagli

Regolamento comunale per l assegnazione delle aree agli spettacoli viaggianti,circhi e simili

Regolamento comunale per l assegnazione delle aree agli spettacoli viaggianti,circhi e simili Regolamento comunale per l assegnazione delle aree agli spettacoli viaggianti,circhi e simili [Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 141 del 26/11/2009] ART.1 FINALITA 1. Il presente regolamento

Dettagli

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza)

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO COMUNALE DEI MERCATI SU AREA PUBBLICA Il presente Regolamento è stato approvato con delibera di Consiglio Comunale n 39 del 21 ottobre 2014,

Dettagli

CITTA DI PISTICCI COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE CRITERI PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI COMMERCIALI INERENTI MEDIE STRUTTURE DI VENDITA

CITTA DI PISTICCI COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE CRITERI PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI COMMERCIALI INERENTI MEDIE STRUTTURE DI VENDITA CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE CRITERI PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI COMMERCIALI INERENTI MEDIE STRUTTURE DI VENDITA (Art. 8 D.Lgs. n. 114/98 ed art. 19

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANA. AREA AMMINISTRATIVA Settore Attività Economiche e Produttive REGOLAMENTO

CITTÀ DI AVIGLIANA. AREA AMMINISTRATIVA Settore Attività Economiche e Produttive REGOLAMENTO CITTÀ DI AVIGLIANA AREA AMMINISTRATIVA Settore Attività Economiche e Produttive REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGI SINGOLI IN CONCESSIONE DECENNALE

Dettagli

COMUNE DI BORETTO P r o v i n c i a d i R e g g i o E m i l i a

COMUNE DI BORETTO P r o v i n c i a d i R e g g i o E m i l i a BANDO PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE DI POSTEGGI NEL MERCATO SETTIMANALE DEL GIOVEDI IL RESPONSABILE DEI SERVIZI GENERALI ALLA PERSONA Visto il D.Lgs. 31.03.1998 n. 114 recante "Riforma della disciplina

Dettagli

Corpo di Polizia Municipale Via M. Spadola n 56 97100 Ragusa Tel. 0932 244211 676771 Fax 0932 248826 e mail polizia.municipale@comune.ragusa.

Corpo di Polizia Municipale Via M. Spadola n 56 97100 Ragusa Tel. 0932 244211 676771 Fax 0932 248826 e mail polizia.municipale@comune.ragusa. CITTÀ DI RAGUSA www.comune.ragusa.it SETTORE XIV Corpo di Polizia Municipale Via M. Spadola n 56 97100 Ragusa Tel. 0932 244211 676771 Fax 0932 248826 e mail polizia.municipale@comune.ragusa.it BANDO DI

Dettagli

TITOLO I NATURA E DEFINIZIONI

TITOLO I NATURA E DEFINIZIONI PIANO DI PROGRAMMAZIONE COMUNALE CONCERNENTE I CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ED I CRITERI DI PROGRAMMAZIONE ALL APERTURA, AL TRASFERIMENTO DI SEDE E ALL AMPLIAMENTO DI SUPERFICIE DELLE MEDIE

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 14 Informativa OGGETTO: Attività Produttive. Commercio su area pubblica. Determinazione

Dettagli

COMUNE DI TARANTO DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E PRODUTTIVO BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI/BOX IN CONCESSIONE/LOCAZIONE NEI MERCATI DI TARANTO.

COMUNE DI TARANTO DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E PRODUTTIVO BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI/BOX IN CONCESSIONE/LOCAZIONE NEI MERCATI DI TARANTO. COMUNE DI TARANTO DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E PRODUTTIVO BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI/BOX IN CONCESSIONE/LOCAZIONE NEI MERCATI DI TARANTO. IL DIRIGENTE Considerato che: si deve procedere alla

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL NOLEGGIO CICLI, CICLOMOTORI A DUE E TRE RUOTE, MOTOCICLI E QUADRICICLI PER IL TRASPORTO DI PERSONE

REGOLAMENTO PER IL NOLEGGIO CICLI, CICLOMOTORI A DUE E TRE RUOTE, MOTOCICLI E QUADRICICLI PER IL TRASPORTO DI PERSONE REGOLAMENTO PER IL NOLEGGIO CICLI, CICLOMOTORI A DUE E TRE RUOTE, MOTOCICLI E QUADRICICLI PER IL TRASPORTO DI PERSONE Articolo 1 Dichiarazione inizio attività 1-L esercizio del noleggio di cicli, ciclomotori

Dettagli

estratto pubblicato esclusivamente a carattere informativo del Regolamento comunale di Ancona

estratto pubblicato esclusivamente a carattere informativo del Regolamento comunale di Ancona estratto pubblicato esclusivamente a carattere informativo del Regolamento comunale di Ancona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 58 del

Dettagli

IN MATERIA DI RILASCIO DI

IN MATERIA DI RILASCIO DI COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis REGOLAMENTO IN MATERIA DI RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE PER LA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE (APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 168 DEL 02.12.2003)

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSEGNAZIONE DI SPAZI PRESSO I CIMITERI IN OCCASIONE DELLA COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI PER RACCOLTA FONDI

REGOLAMENTO DELL ASSEGNAZIONE DI SPAZI PRESSO I CIMITERI IN OCCASIONE DELLA COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI PER RACCOLTA FONDI CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO DELL ASSEGNAZIONE DI SPAZI PRESSO I CIMITERI IN OCCASIONE DELLA COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI PER RACCOLTA FONDI Approvato con deliberazione C.C. n. 171 del 10.11.2008, esecutiva

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 REGIONE VENETO Direzione Regionale Mobilità Bando pubblico per la concessione di finanziamenti agevolati per il settore

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE COMUNE DI FUSIGNANO

UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE COMUNE DI FUSIGNANO Servizio Attività Economiche Largo della Repubblica 12 48022 Lugo Tel. 0545 38541 Fax 0545 38371 I.D. 87461 sportellounico@unione.labassaromagna.it Allegato alla Determina n. 1333 del 01/12/2011 UNIONE

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

COMUNE DI CERCEMAGGIORE

COMUNE DI CERCEMAGGIORE COMUNE DI CERCEMAGGIORE PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA COMMERCIALI AL DETTAGLIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA PROVINCIA DI NAPOLI R E G O L A M E N T O PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU SUOLO PUBBLICO Delibera di C.C. n.44 del 22/12/2010 1 NORME PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. TITOLO I: Norme generali e mercati Articolo 1 Ambito di applicazione Articolo 2 Definizioni Articolo 3 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 133 del 20.11.1968, esecutiva

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MERCATINO DELL ANTIQUARIATO DI GODEGA DI SANT URBANO

REGOLAMENTO DEL MERCATINO DELL ANTIQUARIATO DI GODEGA DI SANT URBANO Comune di Godega di Sant Urbano Provincia di Treviso REGOLAMENTO DEL MERCATINO DELL ANTIQUARIATO DI GODEGA DI SANT URBANO L.R. 6 aprile 2001 n. 10 D.G.R. 20 luglio 2001 n. 1902 D.G.R. 9 novembre 2001 n.

Dettagli

COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO CRITERI DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE PER L INSEDIAMENTO DELLE MEDIE STRUTTURE COMMERCIALI E NORME PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI VENDITA AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA

Dettagli

PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE

PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE Approvato con delibera C.P. n. l5 del 25 marzo 2003 ARTICOLO 1 1. ll presente regolamento disciplina l uso, in orario

Dettagli

Regolamento procedurale per il rilascio delle autorizzazioni di medie strutture di vendita

Regolamento procedurale per il rilascio delle autorizzazioni di medie strutture di vendita Regolamento procedurale per il rilascio delle autorizzazioni di medie strutture di vendita (ai sensi dell art.8 D.Lgs.114/98 Regolamento regionale n.3/2000 Delibera C.C. n.14 del 05.04.2004) pag. 1 TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DELLE AREE A FAVORE DEGLI ESERCENTI LE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E CIRCENSE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DELLE AREE A FAVORE DEGLI ESERCENTI LE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E CIRCENSE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DELLE AREE A FAVORE DEGLI ESERCENTI LE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E CIRCENSE approvato con delibera di C.C. n. 54 del 02.07.1998 Art. 1 Norme generali

Dettagli

COMUNE DI SUELLI (Provincia di Cagliari)

COMUNE DI SUELLI (Provincia di Cagliari) COMUNE DI SUELLI (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO QUOTIDIANO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN CHIOSCHI ED ALTRE STRUTTURE SU POSTEGGI ISOLATI Approvato con delibera di

Dettagli

Regolamento comunale per il commercio su aree pubbliche

Regolamento comunale per il commercio su aree pubbliche Regolamento comunale per il commercio su aree pubbliche - Approvato con deliberazione C.C. n. 1 del 17 gennaio 2005 - Modificato con deliberazione C.C. n. 19 del 07 marzo 2007 a seguito dell entrata in

Dettagli

Comune di AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo. Regolamento per la DISCIPLINA del COMMERCIO su AREE PUBBLICHE

Comune di AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo. Regolamento per la DISCIPLINA del COMMERCIO su AREE PUBBLICHE Comune di AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Regolamento per la DISCIPLINA del COMMERCIO su AREE PUBBLICHE ai sensi della Legge Regionale n 6 del 2 febbraio 2010 e del d.lgs n 59 /2010 Approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO REGOLAMENTO

COMUNE DI BRUGHERIO REGOLAMENTO COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AREE COMUNALI ALLE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO AI SENSI DELL ART. 9-5 COMMA- DELLA LEGGE

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER TITOLI PER L ASSEGNAZIONE DI N. 08 AUTORIZZAZIONI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI NOLEGGIO AUTOVEICOLI CON CONDUCENTE DA RIMESSA

BANDO PUBBLICO PER TITOLI PER L ASSEGNAZIONE DI N. 08 AUTORIZZAZIONI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI NOLEGGIO AUTOVEICOLI CON CONDUCENTE DA RIMESSA BANDO PUBBLICO PER TITOLI PER L ASSEGNAZIONE DI N. 08 AUTORIZZAZIONI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI NOLEGGIO AUTOVEICOLI CON CONDUCENTE DA RIMESSA IL RESPONSABILE DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ

Dettagli

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 ALLEGATO A D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 TESTO COORDINATO CON NORME SUCCESSIVE D.G.R. N. 47-2981 del 14/5/2001 pubblicata su B.U. n. 21 del 23.5.2001 D.G.R. N. 50-3471 del 9/7/2001 pubblicata su B.U.

Dettagli

Comune di Cortazzone

Comune di Cortazzone Comune di Cortazzone REGOLAMENTO del MERCATO RISERVATO ALL ESERCIZIO DELLA VENDITA DIRETTA DA PARTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI Articolo 1 (Finalità ed impegni di carattere generale) 1) Il presente Regolamento

Dettagli

Definizione delle procedure di assegnazione e vendita dei terreni agricoli in territorio del Fucino, provenienti dalla riforma fondiaria

Definizione delle procedure di assegnazione e vendita dei terreni agricoli in territorio del Fucino, provenienti dalla riforma fondiaria Consiglio Regionale Definizione delle procedure di assegnazione e vendita dei terreni agricoli in territorio del Fucino, provenienti dalla riforma fondiaria Art. 1 (Finalità) 1. La Regione, in attuazione

Dettagli

COMUNE DI FANO SETTORE SERVIZI ECONOMICI U.O. COMMERCIO ***************

COMUNE DI FANO SETTORE SERVIZI ECONOMICI U.O. COMMERCIO *************** COMUNE DI FANO SETTORE SERVIZI ECONOMICI U.O. COMMERCIO *************** REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA FIERA MERCATO DELL ANTIQUARIATO Approvato con deliberazione del consiglio

Dettagli

COMUNE DI VIGONZA. Provincia di Padova

COMUNE DI VIGONZA. Provincia di Padova COMUNE DI VIGONZA Provincia di Padova REGOLAMENTO per l individuazione dei soggetti aventi accesso e priorità per l acquisto o la locazione degli immobili di edilizia convenzionata. Artt. 17 e 18 del D.P.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA COMUNE DI ROVATO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 53 DEL 20.12.2000) CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Oggetto del Regolamento)

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 305 del 29.11.2006 modificato con deliberazioni del C. C. n. 183 del 03.08.2007, n. 270

Dettagli