CPTPREVENZIONE INFORTUNI 02/11/2011 CPT PREVENZIONE INFORTUNI. della provincia di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CPTPREVENZIONE INFORTUNI 02/11/2011 CPT PREVENZIONE INFORTUNI. della provincia di"

Transcript

1 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA ASTI BELLUNO - BIELLA BRESCIA COMO - LATINA NOVARA PERUGIA PORDENONE - TORINO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - PONTEGGI PIMUS LAVORI IN FUNE BUONE PRASSI DEI GRUPPI DI LAVORO CPT SUI PONTEGGI REGUZZONI PIERANGELO Coordinatore gruppo di lavoro CNCPT Prevenzione Infortuni Lucca 28 ottobre CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA ASTI BELLUNO - BIELLA BRESCIA COMO - LATINA NOVARA PERUGIA PORDENONE - TORINO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - PONTEGGI PIMUS La normativa Nei lavori in quota devono essere adottate seguendo lo sviluppo dei lavori stessi adeguate impalcature o ponteggi o idonee opere provvisionali o comunque precauzioni atte ad eliminare i pericoli di caduta di persone e di cose. 1

2 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA ASTI BELLUNO - BIELLA BRESCIA COMO - LATINA NOVARA PERUGIA PORDENONE - TORINO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - PONTEGGI PIMUS La normativa Viene definito il concetto di lavoro in quota : attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile. > 200 cm CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA ASTI BELLUNO - BIELLA BRESCIA COMO - LATINA NOVARA PERUGIA PORDENONE - TORINO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - PONTEGGI PIMUS La normativa il datore di lavoro deve scegliere le attrezzature di lavoro più idonee a garantire e mantenere condizioni di lavoro sicure con priorità alle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale. 2

3 LAVORI IN QUOTA SCALE A PIOLI PONTEGGI PIATTAFORME SISTEMI DI ACCESSO E DI P0SIZIONAMENTO MEDIANTE FUNI LAVORI SU COPERTURE PONTI AUTOSOLLEVANTI 5 Quali ponteggi? Ponteggio in legno Ponteggio metallico ponteggio a telaio prefabbricato (PTP) ponteggio a tubo e giunto (PTG) ponteggio multidirezionale a montanti e traversi prefabbricati (PMTP) 6 3

4 Quali ponteggi? Ponteggio su ruote Trabattello Ponte sospeso ponte a sbalzo Ponteggio autosollevante Sono esclusi i ponti su cavalletti, intendendo quelli sfilabili fino a 2 metri, poiché risultano attrezzature che non espongono il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile 7 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA ASTI BELLUNO - BIELLA BRESCIA COMO - LATINA NOVARA PERUGIA PORDENONE - TORINO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - PONTEGGI PIMUS ponteggio a telaio prefabbricato (PTP) a portale 4

5 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA ASTI BELLUNO - BIELLA BRESCIA COMO - LATINA NOVARA PERUGIA PORDENONE - TORINO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - PONTEGGI PIMUS ponteggio a telaio prefabbricato (PTP) ad acca CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA ASTI BELLUNO - BIELLA BRESCIA COMO - LATINA NOVARA PERUGIA PORDENONE - TORINO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - PONTEGGI PIMUS ponteggio multidirezionale a montanti e traversi prefabbricati (PMTP) 5

6 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA ASTI BELLUNO - BIELLA BRESCIA COMO - LATINA NOVARA PERUGIA PORDENONE - TORINO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - PONTEGGI PIMUS ponteggio a tubo e giunto (PTG) TABELLA RIEPILOGATIVA ADEMPIMENTI tipologia PiMUS FORMAZIONE Ponteggio in legno Ponteggio metallico PTP PTG - PMTP SI SI Art. 6 D.Lgs 81/08 e Accordo Conferenza Stato-Regioni del 26 gennaio 2006 Durata minima 28 ore Art. 6 D.Lgs 81/08 e Accordo Conferenza Stato-Regioni del 26 gennaio 2006 Durata minima 28 ore Ponte su ruote trabattello Ponte sospeso ponte a sbalzo Ponteggio autosollevante SI Art. 73 D.Lgs. 81/08 NO Art. 73 D.Lgs. 81/08 NO Art. 73 D.Lgs. 81/

7 Chi è il redattore? Il redattore del PiMUS (piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio) deve essere una persona competente. Per competente si può intendere: il datore di lavoro che in qualche modo ha direttamente maturato esperienze nel campo dei ponteggi il tecnico interno/esterno abilitato a progettare un ponteggio 13 Chi è il redattore? il preposto ai lavori come definito dagli artt. 2 e 136 del D.Lgs 81/08 il soggetto RSPP che deve effettuare la valutazione dei rischi e scegliere le attrezzature idonee e le procedure per il loro uso il soggetto ASPP o altro con competenze tecniche nel campo dei ponteggi L eventuale nomina di un soggetto competente per la redazione del PiMUS, non esonera completamente il datore di lavoro da eventuali responsabilità (culpa in eligendo). 14 7

8 PiMUS POS IL PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEL PONTEGGIO non è una valutazione dei rischi è il documento di una attrezzatura quale il ponteggio, da allegare al piano operativo di sicurezza (POS) 15 DATORE DI LAVORO persona competente redige PiMUS Consegna a Aggiornamento dei contenuti PREPOSTO DELL IMPRESA ADDETTA AL MONTAGGIO, TRASFORMAZIONE, SMONTAGGIO DEL PONTEGGIO PREPOSTO DI OGNI IMPRESA CHE UTILIZZERA IL PONTEGGIO IL PIMUS VIENE REDATTO PER IL SINGOLO CANTIERE, E PER OGNI PONTEGGIO DA ALLESTIRE. E UN DOCUMENTO DA TENERE SEMPRE IN CANTIERE QUALE ALLEGATO AL POS. 16 8

9 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA BIELLA BRESCIA COMO - LATINA NOVARA PERUGIA PORDENONE - TORINO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - PONTEGGI PIMUS Strumento caratteristiche Criticita PiMUS Flessibile e integrabile facilmente leggibile quindi ricco di schemi e disegni Foglio esecutivo di cantiere Solo formale Procedure estratte da internet Procedure solo scritte e laboriose difficili da comprendere 17 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA BIELLA BRESCIA COMO - LATINA NOVARA PERUGIA PORDENONE - TORINO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - PONTEGGI PIMUS TIPOLOGIA PREGI CRITICITA PONTEGGIO A TELAIO PREFABBRICATO TIPO AD ACCA NESSUN RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI CON DISPOSITIVO DI PROTEZIONE COLLETTIVA DEFINITIVO PARAPETTO DEFINITIVO NON OCCORRONO SISTEMI ANTICADUTA COSTI 18 9

10 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA BIELLA BRESCIA COMO - LATINA NOVARA PERUGIA PORDENONE - TORINO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - PONTEGGI PIMUS TIPOLOGIA PREGI CRITICITA PONTEGGIO A TELAIO PREFABBRICATO TIPO A PORTALE CON DISPOSITIVO DI PROTEZIONE COLLETTIVA PROVVISORIA VELOCITA NEL MONTAGGIO RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO NELLE TESTATE PARAPETTO NON UNIVERSALE PARAPETTO PROVVISORIO IN ATTESA DEL DEFINITIVO FERMAPIEDE PARAPETTO COSTI 19 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA BIELLA BRESCIA COMO - LATINA NOVARA PERUGIA PORDENONE - TORINO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - PONTEGGI PIMUS TIPOLOGIA PREGI CRITICITA PONTEGGIO A TELAIO PREFABBRICATO TIPO A PORTALE CON DISPOSITIVO DI PROTEZIONE COLLETTIVO PROVVISORIO LEGGEREZZA E FACILITA DI POSA DUBBI SULLA SOLIDITA IMPONE AD OGNI IMPALCATO LE ASTE DI SUPPORTO DIFFICOLTA DI PORTARE IN QUOTA I TELAI SUCCESSIVI DIFFICOLTA DI FISSAGGIO SULLE TESTATE PROGETTO E COSTI 20 10

11 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA BIELLA BRESCIA COMO - LATINA NOVARA PERUGIA PORDENONE - TORINO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - PONTEGGI PIMUS TIPOLOGIA PREGI CRITICITA PONTEGGIO A TELAIO PREFABBRICATO TIPO A PORTALE CON DISPOSITIVO DI PROTEZIONE COLLETTIVO PROVVISORIO UNIVERSALE BUONA LA RESISTENZA E LA SOLIDITA RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO NELLE TESTATE - USO DI DPI LIMITE DI ESTENSIBILITA ATTENZIONE NEL TRASPORTO PROGETTO PONTEGGIO 21 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA BIELLA BRESCIA COMO - LATINA NOVARA PERUGIA PORDENONE - TORINO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - PONTEGGI PIMUS TIPOLOGIA PREGI CRITICITA PONTEGGIO A TELAIO PREFABBRICATO TIPO A PORTALE CON SISTEMA ANTICADUTA COSTI CONTENUTI UNIVERSALE PER TUTTI I PONTEGGI FLESSIBILITÀ DEI TIPI DI SISTEMI ANTICADUTA CERTIFICAZIONE SISTEMA ANTICADUTA RIMANE IL RISCHIO DI CADUTA (CONTROLLATA) CULTURA DEL DPI DOPPIO CORDINO - LINEA VITA - TIRANTE D ARIA SALVATAGGIO/RECUPERO DEL SOSPESO 22 11

12 PIMUS - ESTREMI DEL PONTEGGIO ESTREMI DEL PONTEGGIO TIPOLOGIA Metallico Legname Altro Ponteggio a telaio prefabbricato (PTP) Ponteggio a tubo e giunto (PTG) Ponteggio multidirezionale a montanti e traversi prefabbricati (PMTP) Ponte su ruote - Trabattello NATURA MARCA Costruzione Manutenzione XXXX PONTEGGI Costruzione = carico max 300 dan/mq Manutenzione = carico max 150 dan/mq MODELLO Portale Y105 telaio prefabbricato portale a perni 23 PIMUS DATI DEL CANTIERE DATI DEL CANTIERE SITO Indirizzo, località, città, provincia, cap CONTESTO c/o ditta, ente, scuola, galleria, altre strutture, cantiere OPERA muratura, clsa, metallica RECAPITO Telefono,

13 PIMUS ANAGRAFICA SOGGETTI ANAGRAFICA SOGGETTI REDATTORE PIMUS PROPRIETARIO PONTEGGIO IMPRESA/DITTA MONTAGGIO/TRASFORMAZIONE SMONTAGGIO PONTEGGIO IMPRESA/DITTA MANUTENZIONE/VERIFICA PONTEGGIO IMPRESA/DITTA USO PONTEGGIO nominativo per conto di...ruolo recapito ragione sociale sede legale ragione sociale sede legale ragione sociale sede legale ragione sociale sede legale Altra ditta 25 PIMUS ELENCO PREPOSTI/LAVORATORI ADDETTI ELENCO PREPOSTI / ADDETTI NOMINATIVO Ruolo (preposto / addetto) c/o ditta dipendente o altro Formazione o esperienza professionale Quasimodo Salvatore Preposto addetto Corso di formazione base Aprile 2010 Timo Giovanni Lavoratore addetto Corso di aggiornamento giugno 2011 Resto Luca Lavoratore addetto Corso di formazione base maggio

14 PIMUS - DOCUMENTAZIONE DEL PONTEGGIO DOCUMENTAZIONE PONTEGGIO AUTORIZZAZIONE CERTIFICAZIONE LIBRETTO DISEGNO ESECUTIVO Piante, prospetti e sezioni con indicazione dei punti di appoggio e di ancoraggio Tipo di impalcato (metallico, in legno) con indicazione dei sovraccarichi massimi PROGETTI O SCHEMI PARTICOLARI altro Presenza di reti, teli, affissi pubblicitari 27 PIMUS - DOCUMENTAZIONE DEL PONTEGGIO AUTORIZZAZIONE CERTIFICAZIONE LIBRETTO Autorizzazione ministeriale n /PR7-A-52 del 7 dicembre

15 PIMUS - DOCUMENTAZIONE DEL PONTEGGIO DISEGNO ESECUTIVO Piante, prospetti e sezioni con indicazione dei punti di appoggio e di ancoraggio Tipo di impalcato (metallico, in legno) con indicazione dei sovraccarichi massimi 29 PIMUS - DOCUMENTAZIONE DEL PONTEGGIO PROGETTI O SCHEMI PARTICOLARI Progetto redatto da Ing. REGUZZONI PIERANGELO iscritto all Ordine degli Ingegneri della prov. di Varese altro Presenza di reti, teli, affissi pubblicitari 30 15

16 PIMUS ELENCO ATTREZZATURE/MACCHINE ELENCO ATTREZZATURE / MACCHINE PER IL MONTAGGIO, TRASFORMAZIONE, SMONTAGGIO PONTEGGIO TIPOLOGIA MARCA MODELLO Condizioni d uso Vincolo Argano scorrevole Portata massima 300 KG Collegato al ponteggio con tubi e giunti 31 PIMUS ELENCO DPI ELENCO DPI (dispositivo di protezione individuale) TIPOLOGIA destinatari note SCARPE ANTINFORTUNISTICHE GUANTI Lavoratori e preposti addetti ponteggio dell impresa. Lavoratori e preposti addetti ponteggio dell impresa. Calzatura in pelle scamosciata e nylon traspirante, puntale in acciaio, suola con lamina antiforo Guanto in maglia di cotone e lattice di gomma 32 16

17 PIMUS ELENCO DPC ELENCO DPC (dispositivo di protezione collettiva) TIPOLOGIA CERTIFICAZIONE ISTRUZIONE DI MONTAGGIO/SMONTAGGIO PARAPETTO DI SICUREZZA (provvisiorio) Vedi schema montaggio 33 PIMUS SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA SISTEMA DI PROTEZIONE ANTICADUTA TIPOLOGIA CERTIFICAZIONE NOTE ancoraggio connettore dissipatori cordini imbracatura anticaduta punto di ancoraggio linea di trattenuta paletto 34 17

18 PIMUS SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA TIPOLOGIA CERTIFICAZIONE NOTE connettore Norme UNI EN 362 cordini Norme UNI EN PIMUS SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA TIPOLOGIA CERTIFICAZIONE NOTE dissipatori Norma UNI EN

19 PIMUS SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA TIPOLOGIA CERTIFICAZIONE NOTE imbracatura anticaduta DPI di terza categoria 37 PIMUS SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA TIPOLOGIA CERTIFICAZIONE NOTE linea di trattenuta Sicurissimi nr. 3597/03 a Norma UNI EN 795 paletto 38 19

20 PIMUS SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA Schema grafico del sistema di protezione 39 PIMUS STOCCAGGIO e VERIFICA VERIFICA E STOCCAGGIO DEGLI ELEMENTI DEL PONTEGGIO INDIVIDUAZIONE AREA planimetria con ubicazione TIPO DI STOCCAGGIO modalità dello stoccaggio e accessori per la movimentazione TIPO DI VERIFICA Visiva o altro 40 20

21 PIMUS STOCCAGGIO e VERIFICA INDIVIDUAZIONE AREA planimetria con ubicazione 41 PIMUS STOCCAGGIO e VERIFICA TIPO DI STOCCAGGIO modalità dello stoccaggio e accessori per la movimentazione 42 21

22 PIMUS STOCCAGGIO e VERIFICA TIPO DI VERIFICA Visiva e funzionale degli elementi Prima di montare il ponteggio tutti gli elementi da utilizzare devono essere controllati e selezionati seguendo le indicazioni della Circolare del Ministero del Lavoro n. 46/ PIMUS SUPERFICI DI APPOGGIO E DI ANCORAGGIO CARATTERISTICHE DELLE SUPERFICI DI APPOGGIO E DI ANCORAGGIO TIPO SUPERFICIE NOTE PIANO DI APPOGGIO SUPERFICIE DI ANCORAGGIO terreno marciapiede/strada solaio pavimentazione altro calcestruzzo muratura struttura metallica con contrappesi altro orizzontale inclinata verticale piana inclinata ANCORAGGIO Caratteristiche e schemi 44 22

23 PIMUS SUPERFICI DI APPOGGIO E DI ANCORAGGIO TIPO SUPERFICIE NOTE PIANO DI APPOGGIO terreno marciapiede/strada solaio pavimentazione altro orizzontale inclinata La basetta deve essere di tipo snodabile 45 RIPARTIZIONE SCORRETTA RIPARTIZIONE CORRETTA 23

24 Appoggio instabile Pavimentazione in conglomerato bituminoso Tipologia Tipo di piano pregio criticità Tavole da ponte Orizzontale (si consiglia posa parallela alla costruzione) Universale Costi contenuti Idonea resistenza Buona ripartizione dei carichi Movimentazione Ingombro Maggiore deterioramento/usura Inclinato (posa della tavola seguirà la linea di pendenza) Universale Idonea resistenza Buona ripartizione dei carichi Costi Difficoltà d esecuzione Ingombro 48 24

25 Pavimentazione in conglomerato bituminoso Tipologia Tipo di piano pregio criticità Orizzontale Costi moderati Facile posa (adattabilità, movimentazione, stoccaggio) Visibilità Non adatta per superficie irregolari Scarsa resistenza Scarsa e limitata ripartizione dei carichi Non vincolabile alla basetta Sottobasette in plastica Inclinato Costi moderati Ingombro limitato Visibilità Non adatta per superficie irregolari Scarsa resistenza Scarsa e limitata ripartizione dei carichi Non vincolabile alla basetta Scarsa aderenza su piano d appoggio E vietato l uso di elementi quali pannelli d armatura, laterizi, elementi non idonei di spessore e consistenza. 49 Pavimentazione in pietre, cls, grigliati Tipologia Tipo di piano pregio criticità Orizzontale (si consiglia posa parallela alla costruzione) Universale Costi contenuti Idonea resistenza Buona ripartizione dei carichi Movimentazione Ingombro Maggiore deterioramento/usura Tavola da ponte Inclinato (posa della tavola seguirà la linea di pendenza) Universale Idonea resistenza Buona ripartizione dei carichi Costi Difficoltà d esecuzione Ingombro Scarsa aderenza 50 25

26 Pavimentazione in pietre, cls, grigliati Tipologia Tipo di piano pregio criticità Sottobasette in plastica Orizzontale Inclinato Costi moderati Facile posa (adattabilità, movimentazione, stoccaggio) Visibilità Costi moderati Ingombro limitato Visibilità Non adatta per superficie irregolari Pessima resistenza Pessima ripartizione dei carichi Scarsa aderenza Suscettibile a variazioni termiche Non vincolabile alla basetta Scarsa resistenza Non adatta per superficie irregolari Scarsa e limitata ripartizione dei carichi Non vincolabile alla basetta Scarsa aderenza su piano d appoggio 51 PER EVITARE SCIVOLAMENTI DEI MONTANTI SU PIANI INCLINATI IN CLS. UTILIZZARE BASETTE SPECIALI 26

27 Pavimentazione su superfici inclinate Tipologia pregio criticità Tavola da ponte Universale Costi contenuti Idonea resistenza Buona ripartizione dei carichi Movimentazione Ingombro Maggiore deterioramento/usura Sottobasette in plastica Costi moderati Facile posa (adattabilità, movimentazione, stoccaggio) Visibilità Pessima resistenza Pessima ripartizione dei carichi Scarsa aderenza Suscettibile a variazioni termiche Non vincolabile alla basetta 53 PIMUS SUPERFICI DI APPOGGIO E DI ANCORAGGIO TIPO SUPERFICIE NOTE SUPERFICIE DI ANCORAGGIO calcestruzzo muratura struttura metallica con contrappesi altro Verticale piana Inclinata 54 27

28 Tipologia: a cravatta Tipologia: a vitone (VIETATO) 28

29 Tipologia: ad anello Tipologia: a tassello 29

30 Tipologia: ad anello con tassello Tipologia: rinforzato 30

31 Tipologia: speciali Ancoraggi lunghi Ø48 Ø48 morsetto Ø48 L = ~ 100 Ø48 ancoraggio con golfari Ø50 31

32 3,30 3,30 3, , Ancoraggi in corrispondenza dei balconi SI NO Sbalzi Eseguire sempre un ancoraggio in prossimità dello sbalzo 32

33 raddoppio montante Diagonali in pianta Per tutti i piani ancorati è obbligatorio eseguire una controventatura in pianta, essa può essere eseguita in due modi: con diagonale semplice in tutti i campi con tavole metalliche omologate Ancoraggi per argano Oltre ai normali ancoraggi previsti deve essere raddoppiato il montante da terra fino all argano; devono essere aggiunti ancoraggi ulteriori per l argano ANCORAGGI AGGIUNTIVI 33

34 raddoppio montanti raddoppio montanti raddoppio ancoraggi raddoppio ancoraggi Ancoraggi per mantovane anche in questo caso oltre ai normali ancoraggi previsti devono essere aggiunti ancoraggi ulteriori per la mantovana ANCORAGGI Aggiuntivi Ancoraggi per interruzione stilata

35 ANCORAGGIO Collegamento strutturale del ponteggio a punto stabile Il punto stabile deve garantire una resistenza minima pari quella prevista dal libretto o da apposito calcolo progettuale Il ponteggio deve essere efficacemente ancorato alla costruzione almeno in corrispondenza ad ogni due piani di ponteggio e ad ogni due montanti, con disposizione di ancoraggi a rombo o di pari efficacia. A cravatta Tipologia pregio criticità Verticale Inclinata Universale (possibilità di utilizzarlo per tutte le tipologie di strutture) Idonea resistenza Buona ripartizione dei carichi Non interviene sulla struttura di appoggio Movimentazione Assemblaggio Ingombro Vincoli degli schemi di realizzazione Richiede la presenza di aperture nella struttura di appoggio 69 Pavimentazione in conglomerato bituminoso Tassello Tipologia pregio criticità Meccanico Adatto a strutture in clsa Chimico Adatto a tamponamenti ottima resistenza Buona ripartizione dei carichi Movimentazione Costi moderati Buona ripartizione dei carichi Movimentazione Buona resistenza Non utilizzabile nelle strutture metalliche Esecuzione a regola d arte interviene sulla struttura di appoggio maggiori manutenzioni Non utilizzabile nelle strutture metalliche e cementizie Esecuzione a regola d arte interviene sulla struttura di appoggio costi condizionato dalle basse temperature 70 35

36 PIMUS SUPERFICI DI APPOGGIO E DI ANCORAGGIO TIPO SUPERFICIE NOTE ANCORAGGIO Caratteristiche e schemi Modalità infissione tassello e tipi Gli ancoraggi devono resistere bene a trazione e compressione Il tassello deve essere infisso ad espansione o con resina nel cls o nella muratura piena (tassello consigliato Ø barra M12 - L barra 160mm - Ø foro 14 - profondità foro 110 mm - trazione ~ 1000 kg 71 PIMUS SUPERFICI DI APPOGGIO E DI ANCORAGGIO TIPO SUPERFICIE NOTE ANCORAGGIO CON ZAVORRA Caratteristiche e schemi Ancoraggi con zavorra - Il peso del ponteggio più la zavorra >1,3 azione vento - Momento stabilizzante > 1,5 Momento ribaltante 72 36

37 PIMUS PROCEDURE PER IL MONTAGGIO PROCEDURE PER IL MONTAGGIO TRACCIAMENTO LINEARITA VERTICALITA SEGNALETICA PREASSEMBLEAGGIO DI ALCUNI ELEMENTI Soprattutto per il tubo e giunti PROCEDURE PER IL MONTAGGIO E PER L ANCORAGGIO VERIFICA FINALE PER L IDONEITA ALL UTILIZZO 73 PIMUS PROCEDURE PER IL MONTAGGIO TRACCIAMENTO LINEARITA VERTICALITA 74 37

38 PIMUS PROCEDURE PER IL MONTAGGIO SEGNALETICA L area verrà delimitata con rete zincata su supporti in clsa La zona di ingombro del ponteggio è segnalato con luci... La zona di passaggio pedonale sottostante il ponteggio è segnalato con nastro biancorossso. 75 PIMUS PROCEDURE PER IL MONTAGGIO PREASSEMBLEAGGIO DI ALCUNI ELEMENTI Soprattutto per il tubo e giunti 76 38

39 PIMUS procedure di sicurezza durante il montaggio del ponteggio Procedure di sicurezza durante il montaggio del ponteggio - Esempio per ponteggio a telaio prefabbricato a portale con linea vita - 1. il primo impalcato deve essere allestito posizionandosi al piano di appoggio 2. gli elementi di appoggio (basette e/o altri supporti) e i montanti devono essere collocati secondo lo schema esecutivo e sono necessari due addetti per tenere in posizione gli elementi verticali prima del loro vincolo 3. posizionamento degli elementi orizzontali (aste e diagonali secondo lo schema tipo del ponteggio) e messa in bolla della struttura tramite livella regolazione delle basette e loro fissaggio 4. controllo della linearità del ponteggio 5. montaggio dell impalcato (tavola da ponte o tavole metalliche) 6. posizionamento della scala in corrispondenza dell apertura orizzontale prevista 7. esecuzione degli ancoraggi come da disegno esecutivo 8. posizionamento dei supporti (su cui tendere la fune di ancoraggio) collegati ai montanti interni del ponteggio tramite due giunti paralleli. La distanza tra i supporti si consiglia non superi i 3.60 m. 9. tendere una fune, di acciaio o in poliammide, fra i montanti su cui far scorrere il moschettone collegato a D.P.I. anticaduta; in alternativa un dispositivo retrattile a richiamo automatico, con l attenzione che lo stesso non permetta cadute dell addetto cosiddette a pendolo (l utilizzo è consigliato durante la fase di montaggio in verticale) 10. posizionamento in quota del sistema di trattenuta (far scorrere i supporti lungo i montanti verticali) 11. gli operatori devono indossare una idonea imbracatura di sicurezza completa di bretelle e cosciali da collegarsi al dispositivo di trattenuta 12. tutte le attrezzature e/o materiale necessario deve essere sempre vincolato a punto stabile in particolare la chiave per il serraggio dei bulloni deve essere assicurata alla cintola con adeguato sistema anziché con gli usuali ganci metallici 13. l addetto prima del raggiungimento dell impalcato di lavoro aggancia il cordino di trattenuta alla fune di ancoraggio 14. raggiunto il piano di lavoro l addetto deve tendere adeguatamente la fune di trattenuta 15. uno degli addetti fornisce l elemento verticale (telaio o tubo o altro) all operatore addetto al posizionamento 77 PIMUS procedure di sicurezza durante il montaggio del ponteggio Procedure di sicurezza durante il montaggio del ponteggio - Esempio per ponteggio a telaio prefabbricato a portale con linea vita l operatore movimenta l elemento verticale (telaio o tubo o altro) collocandolo secondo lo schema tipo 17. posiziona un secondo elemento quindi procede con il posizionamento degli elementi orizzontali ed obliqui (correnti, diagonali,aste, ), coassiali, completando l allestimento di una campata 18. le operazioni di cui al i punti 15,16,17 vengono ripetute sequenzialmente fino al completamento dell intero piano di ponteggio (compresi i parapetti di testata) 19. un operatore procede ad allentare la fune di trattenuta e sposta i supporti verticali e relativa fune al piano superiore 20. controllo della linearità del ponteggio 21. montaggio dell impalcato (tavola da ponte o tavole metalliche) 22. posizionamento della scala in corrispondenza dell apertura orizzontale prevista 23. esecuzione degli ancoraggi (se necessari) come da disegno esecutivo 24. l addetto prima del raggiungimento dell impalcato di lavoro aggancia il cordino di trattenuta alla fune di ancoraggio 25. raggiunto il piano di lavoro l addetto deve tendere adeguatamente la fune di trattenuta 26. uno degli addetti fornisce l elemento verticale (telaio o tubo o altro) all operatore addetto al posizionamento 27. l operatore movimenta l elemento verticale (telaio o tubo o altro) collocandolo secondo lo schema tipo 28. posiziona un secondo elemento quindi procede con il posizionamento degli elementi orizzontali ed obliqui (correnti, diagonali,aste, ), coassiali, completando l allestimento di una campata 29. le operazioni di cui ai punti 15,16,17 vengono ripetute sequenzialmente fino al completamento dell intero piano di ponteggio (compresi i parapetti di testata) 30. le operazioni di cui dal punto 19 al punto 29 vengono ripetute sequenzialmente fino al completamento dell intero ponteggio 78 39

40 PIMUS PROCEDURE PER IL MONTAGGIO 79 PIMUS PROCEDURE PER IL MONTAGGIO 80 40

41 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA BIELLA BRESCIA COMO - LATINA NOVARA PERUGIA PORDENONE - TORINO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - PONTEGGI PIMUS PONTEGGIO A TELAIO PREFABBRICATO A PORTALE APERTO Ricerca e verifica compatibilità del parapetto provvisionale dpc in relazione al ponteggio in uso. 1. L addetto opera in un piano di lavoro senza rischi di caduta dall alto. 2. L addetto posiziona il parapetto provvisorio nel piano superiore. 3. L addetto procede all allestimento dell impalcato superiore posizionando le tavole/pedane metalliche e/o di legno, predisponendo le aperture per gli accessi al piano nelle campate intermedie diverse da quelle di testata. 4. *(SE POSSIBILE, POSIZIONARE LA FERMAPIEDI PRIMA DELL ALLESTIMENTO DELL IMPALCATO) 5. Nel caso esista il parapetto provvisionale di testata, si provvede ad iniziare l operazione sopracitata da una delle testate. 6. L addetto posiziona la scala di accesso in corrispondenza dell apertura prevista accedendo al piano superiore. 7. Le zone dell impalcato che presentano rischi di caduta dall alto devono essere adeguatamente segnalate. 8. L addetto procede al posizionamento delle tavole fermapiedi. 9. L addetto inizia il posizionamento dei telai prefabbricati e i relativi giunti coassiali/spina di collegamento. 10. L addetto provvede all allestimento del parapetto definitivo con i relativi elementi. 11. Nel caso non fosse disponibile il dpc parapetto di testata, si provvede a far uso di dpi anticaduta per la posa del telaio prefabbricato e relativo parapetto definitivo di testata. 12. Completato l impalcato in tutte le sue parti, l addetto inizia il posizionamento dei parapetti provvisori della parte superiore rimuovendoli dalla parte inferiore. 81 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA BIELLA BRESCIA COMO - LATINA NOVARA PERUGIA PORDENONE - TORINO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - PONTEGGI PIMUS Sequenze 82 41

42 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA BIELLA BRESCIA COMO - LATINA NOVARA PERUGIA PORDENONE - TORINO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - PONTEGGI PIMUS Condizioni generali: Riflessioni: 1. L operatore deve sempre indossare dpi quali scarpe antinfortunistiche, elmetto, guanti. 2. Tutte le operazioni che vengono eseguite sul ponteggio che prevedono la parziale rimozione di elementi di protezione, dovranno essere eseguite con idonei sistemi anticaduta/trattenuta. 3. L efficacia di questo sistema (buona prassi) è legata alla possibilità di avere a disposizione un numero di elementi (dpc) adeguato all opera da realizzare. 4. È consigliabile la scelta di una tipologia di dpc, provvisti di parapetti di testata. 1. L utilizzo del DPC permette agli addetti di lavorare liberamente senza vincoli ed interferenze tra gli operatori e il sistema anticaduta. Inoltre viene limitato l utilizzo di dpi anticaduta per brevi e specifiche operazioni. 2. L attivazione della procedura di salvataggio è prevista solo nei casi in cui si fa uso dei dpi anticaduta. 3. L uso dei dpc riduce notevolmente il rischio di caduta dall alto. 4. Per alcune tipologie di DPC il sistema di montaggio può risultare disagevole per addetti di bassa statura. 83 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA BIELLA BRESCIA COMO - LATINA NOVARA PERUGIA PORDENONE - TORINO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - PONTEGGI PIMUS 84 42

43 PIMUS PROCEDURE PER LA TRASFORMAZIONE PROCEDURE PER LA TRASFORMAZIONE TRACCIAMENTO LINEARITA VERTICALITA SEGNALETICA PREASSEMBLEAGGIO DI ALCUNI ELEMENTI Soprattutto per il tubo e giunti PROCEDURE PER LA TRASFORMAZIONE VERIFICA FINALE PER L IDONEITA ALL UTILIZZO 85 PIMUS PROCEDURE PER LO SMONTAGGIO PROCEDURE PER LO SMONTAGGIO SEGNALETICA PROCEDURE PER LO SMONTAGGIO SMONTAGGIO DI ALCUNI ELEMENTI Soprattutto per il tubo e giunti 86 43

44 PIMUS PROCEDURE PER LO SMONTAGGIO 1 FASE PROCEDURE PER LO SMONTAGGIO 2 FASE 3 FASE 4 FASE 87 LE PROCEDURE per il montaggio, lo smontaggio e la trasformazione del ponteggio I sistemi con DPI ammettono un grado di rischio Quando si usano occorre limitare i danni agli addetti ai lavori 44

45 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA - BELLUNO - BRESCIA - LECCO - MILANO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 - BUONE PRASSI - LAVORI IN FUNE 89 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA - BELLUNO - BRESCIA - LECCO - MILANO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 - BUONE PRASSI - LAVORI IN FUNE 90 45

46 TIRANTE D ARIA Cordino + Dissipatore + Persona + Margine sic. PIMUS PROCEDURE PER L USO DEL PONTEGGIO Visiva o altro a firma del responsabile di cantiere VERIFICHE PERIODICHE ORDINARIE E STRAORDINARIE Ordinarie cadenza trimestrale Straordinarie dopo violente perturbazioni atmosferiche o prolungata interruzione del lavoro 46

47 DPI MANUTENZIONE Verifica Modalità Cadenza Responsabile Verifica cuciture Visivo Prima dell uso Operatore Verifica integrità bretelle (tagli, lacerazioni, ) Verifica stato anelli metallici (saldature,..) Verifica dello stato di fibbie (deformazioni..) Verifica a cura di tecnico abilitato Verifica ancoraggi permanentemente installati Verifica dispositivi di arresto di caduta Visivo Visivo Visivo Strumentale Strumentale Prima dell uso Prima dell uso Prima dell uso Annuale Annuale o a seconda di quanto indicato su libretto Annuale o a seconda di quanto indicato su libretto Operatore Operatore Operatore Personale competente Personale competente Personale competente Intervalli e modalità indicate dal fabbricante e presenti nel libretto d uso e manutenzione Elementi Tipo di verifica Modalità di verifica GENERALE TELAIO Controllo esistenza del libretto di cui all autorizzazione ministeriale, rilasciata dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Controllo marchio come da libretto Controllo stato di conservazione della protezione contro la corrosione Controllo verticalità montanti telaio Controllo spinotto di collegamento fra montanti Controllo attacchi controventature: perni e/o boccole Controllo orizzontalità traverso Elementi scartati n VISIVO VISIVO VISIVO E STRUMENTALE (calibro) VISIVO (ad esempio con utilizzo filo a piombo) VISIVO e/o funzionale VISIVO e/o funzionale VISIVO Misura adottata Se non esiste il libretto, il ponteggio non può essere utilizzato, Occorre richiedere il libretto, che deve contenere tutti gli elementi del ponteggio, al fabbricante del ponteggio. Se il marchio non è rilevabile, o è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l elemento. Se il controllo è negativo, procedere al controllo degli spessori: se il controllo degli spessori è negativo (tenuto conto delle tolleranze previste dal fabbricante del ponteggio), scartare l elemento; se il controllo degli spessori è positivo, procedere al ripristino della protezione, in conformità alle modalità previste dal fabbricante del ponteggio. Se la verticalità dei montanti non è soddisfatta, occorre scartare l elemento. Se il controllo è negativo, occorre scartare l elemento. Se il controllo è negativo occorre: scartare l elemento, o ripristinare la funzionalità dell elemento in conformità alle modalità previste dal fabbricante del ponteggio. Se il controllo è negativo, occorre scartare l elemento. Esito verifica o eventuali provvedimenti impartiti 47

48 Ponteggio metallico a telai prefabbricati Marca.. modello Verifiche degli elementi del ponteggio effettuate in data prima del montaggio ELEMENTI TIPO DI VERIFICA MODALITA DI VERIFICA Generale Generale Controllo esistenza del libretto di cui all autorizzazione ministeriale, rilasciata dal Ministero del Lavoro e previdenza Sociale Controllo che gli elementi in tubi e giunti che sono stati utilizzati sono di tipo autorizzato appartenenti ad un unico fabbricante Visivo Visivo Telaio Controllo marchio come da libretto Visivo Telaio Controllo stato di conservazione della protezione contro la corrosione Visivo Telaio Controllo della verticalità dei montanti del telaio Visivo Con uso di filo a piombo Telaio Controllo spinotto di collegamento fra i montanti Visivo Funzionale Telaio Controllo attacchi controventature: perni e/o boccole Visivo Funzionale Telaio Controllo orizzontalità del traverso Visivo Correnti e diagonali Controllo marchio come da libretto Visivo Correnti e diagonali Controllo stato di conservazione della protezione contro la corrosione Visivo Correnti e diagonali Controllo della linearità di tutti gli elementi Visivo Correnti e diagonali Controllo stato di conservazione dei collegamenti al telaio Visivo Funzionale Firmato il datore di lavoro utilizzatore Ponteggio metallico identificato come Marca modello 1 - Verifiche effettuate in data durante l uso del ponteggio TIPO DI VERIFICA E stato controllato che il disegno esecutivo è conforme allo schema tipo fornito dal fabbricante del ponteggio E stato controllato che il disegno esecutivo sia firmato dal responsabile del cantiere per conformità agli schemi tipo forniti dal fabbricante del ponteggio Il disegno esecutivo è tenuto in cantiere, a disposizione degli organi di vigilanza, unitamente alla copia del libretto di cui all autorizzazione ministeriale E stata controllata la presenza della documentazione relativa all esecuzione, da parte del responsabile di cantiere, dell ultima verifica del ponteggio, al fine di assicurarne l installazione corretta ed il buon funzionamento E stato controllato il mantenimento di un distacco non superiore a 20 cm tra il bordo interno dell impalcato del ponteggio e l opera servita E stato controllato il mantenimento dell efficienza dell elemento parasassi, capace di intercettare la caduta del materiale dall alto E stato controllato il mantenimento dell efficienza del serraggio dei giunti, secondo le modalità previste dal fabbricante del ponteggio e riportate nel libretto di cui all autorizzazione ministeriale E stato controllato il mantenimento dell efficienza del serraggio dei collegamenti fra gli elementi del ponteggio, secondo le modalità previste dal fabbricante del ponteggio e riportate nel libretto di cui all autorizzazione ministeriale E stato controllato il mantenimento dell efficienza degli ancoraggi, secondo le modalità previste dal fabbricante del ponteggio riportate nel libretto di cui all autorizzazione ministeriale E stato controllato il mantenimento della verticalità dei montanti con l utilizzo di filo a piombo E stato controllato il mantenimento dell efficienza delle controventature di pianta e di facciata mediante: controllo visivo della linearità delle aste delle diagonali di facciata e delle diagonali in pianta; controllo visivo dello stato di conservazione dei collegamenti ai montanti delle diagonali di facciata e delle diagonali in pianta; controllo visivo dello stato di conservazione degli elementi di impalcato aventi funzione di controventatura in pianta. E stato controllato il mantenimento in opera dei dispositivi di blocco degli elementi di impalcato E stato controllato il mantenimento in opera dei dispositivi di blocco o dei sistemi antisfilamento dei fermapiedi. Firmato il datore di lavoro utilizzatore 48

49 PIMUS CONDIZIONI PARTICOLARI PRESENZA DI OSTACOLI Tutti gli ostacoli presenti all interno del ponteggio devono essere segnalati mantenendo uno spazio minimo di passaggio di almeno 60 cm 97 PIMUS CONDIZIONI PARTICOLARI CONDIZIONI DI CARICO 98 49

50 PIMUS CONDIZIONI PARTICOLARI VICINANZA LINEE ELETTRICHE AEREE NUDE 99 PIMUS PIANO DI SALVATAGGIO PIANO DI SALVATAGGIO ISTRUZIONI PER LA MESSA IN SICUREZZA E IL RECUPERO IN QUOTA DEL SOGGETTO IN SOSPENSIONE 50

51 Sistema di paranco autobloccante per recupero Kit di soccorso Discensore assicuratore (EN 341 classe A) Dispositivo automatico o manuale che comprende un mezzo di discesa mediante il quale una persona può scendere ad una velocità limitata, da sola o con l aiuto di un altra persona. Deve essere possibile mantenere la velocità di discesa tra 0,5 e 2 m/s 51

52 STOCCAGGIO IN MAGAZZINO TIPO DI STOCCAGGIO modalità dello stoccaggio e accessori per la movimentazione 103 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA - BELLUNO - BRESCIA - LECCO - MILANO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 - BUONE PRASSI - LAVORI IN FUNE LA FUNE NEI LAVORI SU PIANI INCLINATI La definizione degli ambiti operativi ove si possono o devono impiegare le funi presuppone anche una definizione di dove si deve considerare presente il pericolo di caduta, che automaticamente avvia le considerazioni previste dall articolo 107 se sopra i due metri rispetto il piano stabile (ove la caduta si fermerà) si tratta di un lavoro in quota e le successive considerazioni dell art. 111 relative a, in che caso e cosa usare per prevenire o proteggere la caduta? (tra cui le funi). In merito è quindi importante la definizione della valenza base dei piani inclinati, siano essi le scarpate naturali o le falde delle coperture. La definizione del rischio esistente permette un ulteriore definizione dei luoghi ove vige il principio del lavori su funi puro e dove si può permettere il così detto lavoro con funi ausiliarie. Ricordiamo che la definizione dei piani inclinati di lavoro parte dal presupposto che esiste possibilità di movimento libero della persona in ogni direzione senza ausili particolari (equilibrio ed aderenza)

53 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA - BELLUNO - BRESCIA - LECCO - MILANO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 - BUONE PRASSI - LAVORI IN FUNE Proposta di standardizzazione delle varie situazioni che richiedono l impiego di DPI di posizionamento o anticaduta Definizione * Pendenza E un Rischio Valutazione da eseguirsi Protezione bordo per pericolo caduta Lavoro funi? Operatività Orizzontale 0-10 Piano sicuro nessuno nessuna Parapetto CLASSE A NO Equilibrio totale Debole pendenza Pendio o copertura ove è richiesta una limitata attenzione scivolamento o rotolamento LIEVE. ollecitazione dinamica lieve Valutazione del supporto e se particolarmente scivoloso approntamenti integrativi Parapetto CLASSE B Eventuale FUNE AUSILIO DI SICUREZZA Equilibrio condizionato dal supporto. Eventuale posizionamento con EN 358 o fune. Forte pendenza Pendio o copertura ove si richiede la locale specifica valutazione delle conseguenze del rischio scivolamento o rotolamento GRAVE Sollecitazione dinamica rilevante Danni causati dallo stesso rotolamento Valutazione del supporto (presenza pericoli), del contesto (lunghezza del rotolamento) e degli apprestamenti e se pericolosi in caso di scivolamento o rotolamento riduzione dei dislivelli ai m 2 o DPC o DPI Parapetto CLASSE B (fino a 2 m dislivello di caduta) oltre protezione bordo parapetto CLASSE C Eventuale FUNE AUSILIO DI SICUREZZA Generalizzate operazioni di limitazione della possibile scivolata con adozione di idonee misure (anche DPI). Equilibrio condizionato dal supporto. Eventuale posizionamento con EN 358 o fune. Fortissima pendenza Pendio o copertura da parificare alla verticalità PERICOLO DI CADUTA SE > 2 M LAVORO IN QUOTA nessuna Parapetto CLASSE C Per lavori entro i 2 m di caduta LAVORO FUNI PURO Adottare tecnica completa lavoro con funi Verticale o sub verticale Oltre 60 PERICOLO DI CADUTA SE > 2 M LAVORO IN QUOTA nessuna inesistenti LAVORO FUNI PURO 105 Adottare tecnica completa lavoro con funi CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA - BELLUNO - BRESCIA - LECCO - MILANO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 - BUONE PRASSI - LAVORI IN FUNE Proposta PROGRAMMA DEI LAVORI FUNIPL CANTIERE APPROCCIO VALUTATIVO Cantiere descrizione Squadra di lavoro Attrezzi di lavoro Valutazione di approccio al sito Caratteristiche del sito Accesso alla zona di lavoro Indicazioni di evacuazione per eventi straordinari Piano delle emergenze VALUTAZIONE DI RISCHI PRESCRIZIONE RIDUZIONE RISCHI TIPOLOGIA OPERATIVA tipo di sospensione tipo di accesso alla zona di lavoro fasi operative e tecniche DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE omologazione dei DPI DPI in dotazione Attrezzatura di recupero per emergenze Caratteristiche di sicurezza dei DPI Misure di prevenzione VERIFICA DEI D.P.I... TECNICHE E PROCEDURE OPERATIVE Funi in uso Ancoraggi Accesso e posizionamento in parete Accesso dall alto ed operatività in discesa sospensione tipo S01 Accesso dal basso ed operatività in salita in generale. PROCEDURE DI EMERGENZA Attrezzatura adatta al recupero in parete Attrezzatura adatta al primo soccorso Situazioni possibili Il recupero dell infortunato verso l alto Il recupero dell infortunato verso il basso

54 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA - BELLUNO - BRESCIA - LECCO - MILANO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 - BUONE PRASSI - LAVORI IN FUNE FORMAZIONE LAVORATORI ADDETTI AI SISTEMI DI ACCESSO E POSIZIONAMENTO MEDIANTE FUNI MODULO BASE PRIMA VERIFICA MODULO SPECIFICO PRATICO 12 ORE 20 ORE VERIFICA FINALE AGGIORNAMENTO QUINQUENNALE 4 ORE PREPOSTI CON FUNZIONE DI SORVEGLIANZA DEI LAVORI ADDETTI AI SISTEMI DI ACCESSO E POSIZIONAMENTO MEDIANTE FUNI MODULO SPECIFICO 8 ORE VERIFCA FINALE AGGIORNAMENTO QUINQUENNALE con VERIFICA PER GIUDIZIO DI AFFIDABILITA 8 ORE AGGIORNAMENTO QUINQUENNALE LAVORATORE questionario di ingresso per valutare quanto e come lavora + Aggiornamento sui DPI + Tecniche di salvataggio applicazione AGGIORNAMENTO QUINQUENNALE PREPOSTO 107 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA BIELLA BRESCIA COMO - LATINA NOVARA PERUGIA PORDENONE - TORINO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - PONTEGGI PIMUS LAVORATORI E PREPOSTI ADDETTI AL MONTAGGIO SMONTAGGIO TRASFORMAZIONE PONTEGGI MODULO GIURIDICO TECNICO 14 ORE PRIMA VERIFICA MODULO PRATICO 14 ORE VERIFCA FINALE AGGIORNAMENTO QUADRIENNALE 4 ORE AGGIORNAMENTO QUADRIENNALE per LAVORATORI 1 ora di teoria Questionario di ingresso sulla applicazione Le ultime novità legislative Le nuove tecnologie - nuovi DPC DPI reti di sicurezza 3 ore pratica Trasformazione di un ponteggio Particolari strutture di ponteggi partenze ristrette trave carraia Procedure di emergenza - Recupero di sospeso AGGIORNAMENTO QUADRIENNALE per PREPOSTO 1 ora teorica Questionario di ingresso sulla applicazione del proprio ruolo e delle procedure di lavoro in sicurezza Le ultime novità legislative Le nuove tecnologie - nuovi DPC DPI reti di sicurezza 3 ore pratica Dato un ponteggio verifica rispetto ad un disegno o progetto verifiche iniziali e periodiche Particolari strutture di ponteggi partenze ristrette trave carraia castelli di carico Organizzazione della emergenza per Recupero di sospeso

55 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA - BELLUNO - BRESCIA - LECCO - MILANO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 BUONE PRASSI - LAVORI IN FUNE DEFINIZIONI AMBITI LAVORATIVI E LAVORO SU FUNI QUANDO E NECESSARIA LA FUNE (CORDA SEMISTATICA EN 1891 A) IN QUANTO IL LAVORO DEVE SVILUPPARSI SU UNA FASCIA DA INCLINATA A STRAPIOMBANTE PIU O MENO LUNGA OVE L OPERATORE PUO MUOVERSI E FERMARSI SOLO MEDIANTE LA FUNE STESSA A CUI SI AFFIDA ANCHE DURANTE IL LAVORO, E QUINDI ABBISOGNA DI UNO STRUMENTO IDONEO DI MOVIMENTO SULLA FUNE DENOMINATO DISCENSORE NORMATO EN 341 A. La presenza dei due elementi qualifica la necessità della formazione art. 116 Il lavoro con funi entra di diritto nell ambito dei lavori con impiego di DPI anticaduta risultando peraltro un lavoro ove la caduta è assolutamente limitata ad una parte dell attrezzatura fune di sicurezza o ad un limitato ed assolutamente delicato tipo di approccio al lavoro costituito dall accesso tipo B-B (accesso dal basso ed uscita dal basso). In effetti il lavoro su funi è di principio un lavoro di posizionamento in sospensione garantito da sistemi anticaduta, in caso di danno alla fune di lavoro (sospensione) nel concetto generalizzato della doppia sicurezza. Gli stessi DPI con integrazioni e variazioni del caso fanno parte di altri ambiti lavorativi, ove la fune potrebbe integrare le procedure operative divenendo un ausilio di sicurezza o il sistema per raggiungere il posto di lavoro. Del resto i DPI soprattutto di posizionamento, rientrano in pratiche operative già accettate ed integrate nelle prassi comuni, come certi lavori su scale. 109 CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di AOSTA - BELLUNO - BRESCIA - LECCO - MILANO - VARESE GRUPPO DI LAVORO 5 - BUONE PRASSI - LAVORI IN FUNE Proposta di standardizzazione delle varie situazioni che richiedono l impiego di DPI di posizionamento o anticaduta Lavoro caratteristiche Presupposto Concetto operativo ancoraggio Su funi puro Sviluppo verticale a fasce Sospensione necessaria sulle funi in ogni fase Doppia fune EN 795 o validato equivalente Con funi ausiliarie Su pendenze ove non esiste il pericolo di caduta (vedi sotto) o ove la fune serve per raggiungere il posto di lavoro Pendenze inferiori a 45 o la fune non è luogo di lavoro ma è ausilio per il raggiungimento del posto di lavoro (ove si opera con altri sistemi) Singola fune EN 795 o validato equivalente Con DPI di posizionamento Operatore fermo o in limitati movimenti laterali fattore caduta massimo 0,5 Il DPI può essere usato anche in sospensione. Mai deve essere possibile caduta superiore a 50 cm. Almeno doppio DPI, soprattutto durante il lavoro Idoneo alle sollecitazioni prevedibili (5 volte il peso?) Con DPI anticaduta Attuabile in ogni direzione Lavoro temporaneo in quota Doppio DPI Validato con resistenze almeno 10 KN

56 PIMUS CONDIZIONI PARTICOLARI PRESENZA DI OSTACOLI Tutti gli ostacoli presenti all interno del ponteggio devono essere segnalati mantenendo uno spazio minimo di passaggio di almeno 60 cm

Le lavorazioni in quota sono, per loro natura, estremamente pericolose per gli addetti ai lavori, che sono esposti al rischio di caduta dall alto.

Le lavorazioni in quota sono, per loro natura, estremamente pericolose per gli addetti ai lavori, che sono esposti al rischio di caduta dall alto. I PONTEGGI: il PIMUS Le lavorazioni in quota sono, per loro natura, estremamente pericolose per gli addetti ai lavori, che sono esposti al rischio di caduta dall alto. Un recente decreto, il D.Lgs235 del

Dettagli

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi D.Lgs.81/08 - TITOLO IV - SEZIONE V - PONTEGGI FISSI Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi Art. 136 (ex art. 36 quater D.Lgs 626/94) in vigore dal 19/07/2005 "Il datore di lavoro provvede a

Dettagli

commissione nazionale per la prevenzione infortuni, l igiene e l ambiente di lavoro (ance, feneal-uil, filca-cisl, fillea-cgil)

commissione nazionale per la prevenzione infortuni, l igiene e l ambiente di lavoro (ance, feneal-uil, filca-cisl, fillea-cgil) commissione nazionale per la prevenzione infortuni, l igiene e l ambiente di lavoro (ance, feneal-uil, filca-cisl, fillea-cgil) AGRIGENTO ASTI AOSTA - BARI BERGAMO CPTA BERGAMO CPT BERGAMO S.E. BIELLA

Dettagli

Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota

Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota Parte 2/2 PONTEGGI ED OPERE PROVVISIONALI Criticità, buone prassi ed esempi applicativi alla luce del D.Lgs. 81/08 e ss. mm. Le norme per la prevenzione

Dettagli

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs.

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. 235/2003 A) PARTE GENERALE (Anagrafica) Premesso che il PIMUS deve essere specifico

Dettagli

Redazione PIMUS Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT

Redazione PIMUS Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT Maggio 2014 Redazione PIMUS Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT 1 Art. 136. (Montaggio e smontaggio) 1. Nei lavori in quota il datore di lavoro provvede a redigere a mezzo di persona competente un piano

Dettagli

PROPOSTA DI REDAZIONE DEL PIMUS. PIANO DI MONTAGGIO USO E SMONTAGGIO PONTEGGI (ALLEGATO XXII D.Lgs. 9 aprile 2008, n 81)

PROPOSTA DI REDAZIONE DEL PIMUS. PIANO DI MONTAGGIO USO E SMONTAGGIO PONTEGGI (ALLEGATO XXII D.Lgs. 9 aprile 2008, n 81) Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo del Comitato Regionale di

Dettagli

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il PiMUS

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il PiMUS Corso di aggiornamento RSPP aziende edili Lezione: Il PiMUS In questa unità didattica esamineremo le caratteristiche del PiMUS, il Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio di Ponteggi, previsto dall art. 136

Dettagli

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi Dipartimento di Sanità Pubblica Ente Scuola Edile di Piacenza Comitato Paritetico Territoriale SICUREZZA IN EDILIZIA - Il lavoro in quota 3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

Pi.M.U.S. Piano di Montaggio Uso e Smontaggio del ponteggio. conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XXII del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Pi.M.U.S. Piano di Montaggio Uso e Smontaggio del ponteggio. conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XXII del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Pi.M.U.S. Piano di Montaggio Uso e Smontaggio del ponteggio conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XXII del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. DITTA montatrice del ponteggio INDIRIZZ CANTIERE CMUNE 1 Il

Dettagli

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro.

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. I pioli devono essere privi di nodi. Tali pioli devono essere trattenuti

Dettagli

PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI. (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) Prov. di

PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI. (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) Prov. di PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) COMUNE DI Prov. di Committente: Cantiere Ubicazione Località Natura dell'opera Inizio

Dettagli

ALLEGATO XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi

ALLEGATO XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi ALLEGATO XIX Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi Si ritiene opportuno sottolineare che nel metallico fisso la sicurezza strutturale, che ha un rilievo essenziale, dipende da numerosi parametri,

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio Argomenti verbale di consegna I CRITERI DI GESTIONE DEL PONTEGGIO Lodi, 28 Ottobre 2014 ing. Marco Antonio Fusco Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie Uso dei sistemi anticaduta durante

Dettagli

Allegato XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi

Allegato XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi Allegato XIX Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi Si ritiene opportuno sottolineare che nel ponteggio metallico fisso la sicurezza strutturale, che ha un rilievo essenziale, dipende da numerosi

Dettagli

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO COSA PREVEDE LA NORMATIVA SUI D.P.R. 164/1956 Art. 16 Ponteggi e opere provvisionali Nei lavori che sono eseguiti ad un altezza

Dettagli

Il programma. I lavori in quota

Il programma. I lavori in quota Il programma I lavori in quota Definizioni Obblighi del datore di lavoro Scale a pioli Scale fisse a gradini Scale fisse a pioli Scale semplici portatili Definizione D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 Titolo IV,

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

Luca Mangiapane ingegnere

Luca Mangiapane ingegnere NOVITA SU PONTEGGI METALLICI FISSI E PIMUS secondo il D.LGS 81/2008 e s.m.i. Loc. Vedole, 39-43052 Colorno (PR) tel. 0521313291 fax 0521521405 e mail mangiapane@ingegneriasicurezza.it LE NOVITA DELL ART.

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE. PiMUS. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE. PiMUS. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E CUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE PiMUS prof. ing. Pietro Capone 1 Piano di montaggio, uso e smontaggio (PiMUS) Già D.lgs. n 235 del 08/07/2003 Il montaggio, lo smontaggio

Dettagli

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO La scheda di rilevazione dei rischi di caduta dall alto è stata pensata come strumento di analisi sia per gli addetti del settore che per i funzionari

Dettagli

LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta

LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta Lucca 1-06 - 2010 Stefano Cesari Amorini Srl - Perugia Lavoro in quota: le variabili per individuare il metodo di accesso

Dettagli

CHE COSA E IL PiMUS?

CHE COSA E IL PiMUS? Relatore: ing. Antonio Scalzi Napoli 11gennaio 2010 CHE COSA E IL PiMUS? E il documento operativo, da realizzare per ogni specifico lavoro in cui è presente un ponteggio, che deve essere preso a riferimento

Dettagli

PiMUS PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI. (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) IL MODELLO DI A.S.E.

PiMUS PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI. (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) IL MODELLO DI A.S.E. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) IL MODELLO DI A.S.E. rev. 1 Aprile 2006 Via Bismantova 7 42100 Reggio Emilia tel. 0522 293003

Dettagli

PIMUS -PONTEGGI. Dott. Giusti Daniele USL 3 PT -2014

PIMUS -PONTEGGI. Dott. Giusti Daniele USL 3 PT -2014 PIMUS -PONTEGGI Dott. Giusti Daniele USL 3 PT -2014 1 CSE -ponteggio? DLgs 81/08 e smi Art.92 comma 1 lettera e segnala al committente o al responsabile dei lavori, previa contestazione scritta [ ], le

Dettagli

PONTEGGI E OPERE PROVVISIONALI. Ing. Caterina Lapietra

PONTEGGI E OPERE PROVVISIONALI. Ing. Caterina Lapietra PONTEGGI E OPERE PROVVISIONALI Ing. Caterina Lapietra Il ponteggio metallico nasce nel mondoagliinizideglianni 20,in Inghilterra e negli Stati Uniti d America. Falasuacomparsanelnostropaese nel 1933, con

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa P.S.A.L. Via Collodi 13-17100 Savona Direttore dott. Angelo SERGI Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 la figura del

Dettagli

Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio

Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio Viale XXV Aprile n. 29 19038 - Sarzana (SP) Telefono 0187.622198 - Fax 0187.627172 e-mail: info@studioql.it Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio OGGETTO: Ristrutturazione ed ampliamento di

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94)

Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) ID. Commessa Localizzazione cantiere Impresa esecutrice incaricata del montaggio/trasformazione

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO

OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO PONTEGGI NON A NORMA Ponteggio su tettoia 2 Totale assenza di parapetti e impalcati incompleti Ponteggio su tettoia 3 Basi di appoggio instabili Rischio di crollo dell

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA -

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - Identificazione dell edificio e dei soggetti coinvolti nella realizzazione dell opera: Edificio sito in: Via O. Bravin 151/B 30023 Comune

Dettagli

CARPENTIERI / FERRAIOLI

CARPENTIERI / FERRAIOLI POSA DEL FERRO: MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Per quanto possibile, si dovrà ridurre la movimentazione manuale dei carichi ricorrendo all utilizzo di apparecchi di sollevamento. Le norme vigenti danno specifiche

Dettagli

built build to ponteggi ALLUMINIO PLA

built build to ponteggi ALLUMINIO PLA uilt build to ponteggi ponteggi ALLUMINIO PLA Ponteggio di facciata in alluminio P.L.A. 186 Azienda Progetti Prodotti PONTEGGIO PER MANUTENZIONE E RESTAURO Il ponteggio prefabbricato di facciata P.L.A.

Dettagli

built build to ponteggi

built build to ponteggi uilt build to ponteggi Ponteggi e Coperture PONTEGGI Ponteggi prefabbricati K-KZ 110 PE 120 SE 132 Ponteggi multidirezionali Tubo e Giunto 144 Multidirezionale MP 150 Piazzole di carico MP 162 Scale di

Dettagli

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO Gemona del Friuli, 23 maggio 2012 Dott.ssa Francesca Piva Tecnico della Prevenzione A.S.S. n. 3 Alto Friuli CLASSIFICAZIONE COPERTURE CLASSIFICAZIONE COPERTURE TIPOLOGIA Fortemente

Dettagli

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni SPISAL Asl 20 Asl 21 Asl 22 Direzione Provinciale del Lavoro Comitato Paritetico Territoriale Polizia Municipale Campagna Cantieri Sicuri 2007 Elementi di giudizio Cantieri sotto il Minimo Etico Cadute

Dettagli

D.Lgs. 81/2008 Lavori in altezza

D.Lgs. 81/2008 Lavori in altezza CONVEGNO 20 DICEMBRE 2012 PONTEGGI METALLICI FISSI: PROGETTAZIONE E MESSA IN OPERA Dott. Ing. Dario CASTAGNERI T.d.P. SPreSAL ASL TO 3 Reg. Piemonte D.Lgs. 81/2008 Lavori in altezza Capo II Sez. I Art.

Dettagli

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160)

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160) TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160) CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA N 8 SEZIONI -

Dettagli

Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici

Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici Tractel Italiana www.tractel.edilio.it SICUREZZA Sistemi anticaduta per lavori in quota Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici non protette, la cui altezza dal suolo è maggiore di

Dettagli

PONTEGGI allegato XVIII D.lgs 81/08

PONTEGGI allegato XVIII D.lgs 81/08 PONTEGGI allegato XVIII D.lgs 81/08 SPINA A VERME TIPOLOGIE PIU COMUNI Legno Metallici tubi & giunti Metallici a cavalletti Multidirezionali >> CORRENTE DI PARAPETTO CORRENTE INTERMEDIO TAVOLA FERMAPIEDI

Dettagli

S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENTENZA BB.CC. I PONTEGGI. Servizio Prevenzione e Protezione. Corso di formazione Quaderno N

S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENTENZA BB.CC. I PONTEGGI. Servizio Prevenzione e Protezione. Corso di formazione Quaderno N S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENTENZA BB.CC. Corso di formazione Quaderno N I PONTEGGI Servizio Prevenzione e Protezione I ponteggi sono opere provvisionali che si usano nei lavori di ingegneria civile,di

Dettagli

Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI ATTENZIONE: LA COPIA DEVE ESSERE PRESENTE IN CANTIERE IMPRESA ...

Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI ATTENZIONE: LA COPIA DEVE ESSERE PRESENTE IN CANTIERE IMPRESA ... Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI ATTENZIONE: LA COPIA DEVE ESSERE PRESENTE IN CANTIERE IMPRESA...... COMMITTENTE... INDIRIZZO CANTIERE... TIPO di INTERVENTO...

Dettagli

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012)

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012) ISTRUZIONI TECNICHE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA (DGRV 2774/09 così

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

CIRCOLARE D INFORMAZIONE N. 15 - II parte - SICUREZZA SUL LAVORO

CIRCOLARE D INFORMAZIONE N. 15 - II parte - SICUREZZA SUL LAVORO CIRCOLARE D INFORMAZIONE N. 15 - II parte - SICUREZZA SUL LAVORO In relazione alla prossima entrata in vigore del Decreto Legislativo 8 luglio 2003, n. 235: Attuazione della direttiva 2001/45/CE relativa

Dettagli

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI INCONTRI CON LE IMPRESE Lodi, 21 Luglio 2015 LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI ing. Marco Antonio Fusco CPT Milano, Lodi, Monza Brianza Principali fasi di lavorazione nella prefabbricazione 1.

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA

Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA LAVORI IN QUOTA Attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile. (art.107

Dettagli

SCHEDE di VERIFICA della corretta MESSA IN OPERA di PONTEGGI e dell efficienza degli ELEMENTI che lo compongono

SCHEDE di VERIFICA della corretta MESSA IN OPERA di PONTEGGI e dell efficienza degli ELEMENTI che lo compongono SCHEDE di VERIFICA della corretta MESSA IN OPERA di PONTEGGI e dell efficienza degli ELEMENTI che lo compongo Le 4 schede di valutazione della corretta messa in opera dei ponteggi e dell efficienza dei

Dettagli

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti Le problematiche di sicurezza per l allestimento del

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP09 Rev: 09/07/2009 9.47.00 Pagina 1/8 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA CON PIANTA AD L E PADIGLIONE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Si tratta

Dettagli

La scelta delle attrezzature nella gestione del rischio di caduta dall alto. ing. PASTA NICOLA

La scelta delle attrezzature nella gestione del rischio di caduta dall alto. ing. PASTA NICOLA La scelta delle attrezzature nella gestione del rischio di caduta dall alto ing. PASTA NICOLA Quale approccio alla gestione del rischio di caduta dall alto alto D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. - Art. 15 Le misure

Dettagli

Rischi di caduta dall alto. Ponteggi e opere provvisionali

Rischi di caduta dall alto. Ponteggi e opere provvisionali Ordine degli Ingegneri di Trento Corso coordinatori per la sicurezza cantieri Rischi di caduta dall alto. Ponteggi e opere provvisionali dott. Mirko Mazzurana La prevenzione dei lavori in altezza Cos è

Dettagli

TEST DI VERIFICA INTERMEDIA DEL CORSO: ADDETTI AL MONTAGGIO, SMONTAGGIO E TRASFORMAZIONE DI PONTEGGI

TEST DI VERIFICA INTERMEDIA DEL CORSO: ADDETTI AL MONTAGGIO, SMONTAGGIO E TRASFORMAZIONE DI PONTEGGI NOME E COGNOME CORSISTA: LUOGO E DATA: ESAMINATORE: TEST DI VERIFICA INTERMEDIA DEL CORSO: ADDETTI AL MONTAGGIO, SMONTAGGIO E TRASFORMAZIONE DI PONTEGGI Per ogni domanda indicare una sola risposta 1. Qual

Dettagli

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2 A NORMA UNI EN 795 A2 Uso e manutenzione Dichiarazione di conformità Relazione di calcolo degli elementi di fissaggio Istruzioni di montaggio Anticaduta Mistral Srl Corso Marconi 25-10125 TORINO tel: 011.6509102

Dettagli

Entreranno in vigore nuovi obblighi

Entreranno in vigore nuovi obblighi InsiemeaPOSePSC,ilPIMUSèunostrumentodiprogrammazioneedigestionedellasicurezzaincantiere Obbligatorio dal 19 luglio 2005 il Piano di montaggio dei ponteggi di Damiano Romeo, consulente in materia di sicurezza

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

I ponteggi metallici fissi

I ponteggi metallici fissi I ponteggi metallici fissi 10 errori da evitare 10 regole da seguire Ing. Luca Mangiapane Ing. Emiliano Davolio ASE Fuga da Alcatraz Divieto di arrampicarsi sui ponteggi Montare in sicurezza Sfortunato

Dettagli

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112 UNI EN 795:2012 Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità di un ancoraggio strutturale o elemento di fissaggio per essere solidale alla struttura

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO OBBIETTIVI PRINCIPALI Sviluppare nei progettisti la cultura della sicurezza Formarli alla previsione progettuale di attrezzature di

Dettagli

LAVORI SU COPERTURE Sistema di protezione dei bordi

LAVORI SU COPERTURE Sistema di protezione dei bordi LAVORI SU COPERTURE Tratto dal Documento predisposto dal Gruppo Interregionale Edilizia e licenziato dal Comitato Interregionale PISLL nella seduta del 29 novembre 2011 11 maggio 2012 Negrello obiettivi

Dettagli

Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro

Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro che delle strutture per lo spettacolo come palchi, tribune,

Dettagli

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario.

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario. Sistemi anticaduta CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO È volontario UNA CADUTA È involontaria E quindi è ammortizzato E quindi non è ammortizzata Buon assorbimento d energia IMPATTO DEBOLE Minimo assorbimento

Dettagli

Vista la legge 1 marzo 2002, n. 39, ed in particolare l'articolo 1, commi 1, 3 e 5;

Vista la legge 1 marzo 2002, n. 39, ed in particolare l'articolo 1, commi 1, 3 e 5; Attuazione della direttiva 2001/45/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l'uso delle attrezzature di lavoro da parte dei lavoratori IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli

Dettagli

Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795

Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795 Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795 363 Sistemi di arresto caduta (2002) 517 Ganci di sicurezza da tetto (1998) 795 Dispositivi di ancoraggio (2002) Sistema di arresto caduta UNI EN 363

Dettagli

Pi.M.U.S. per tipologie di ponteggio. Collana Software Applicativi per il settore edile. Vincenzo Calvo Elisabetta Scalora

Pi.M.U.S. per tipologie di ponteggio. Collana Software Applicativi per il settore edile. Vincenzo Calvo Elisabetta Scalora SOFTWARE Collana Software Applicativi per il settore edile Vincenzo Calvo Elisabetta Scalora Pi.M.U.S. per tipologie di ponteggio ponteggi a telai prefabbricati ponteggi a montanti e traversi prefabbricati

Dettagli

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI DISPOSITIVI TEMPORANEI PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI NORMA DI RIFERIMENTO UNI EN 795:2012 DEFINIZIONE TIPO B Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità

Dettagli

TORRE MOBILE DA LAVORO T21

TORRE MOBILE DA LAVORO T21 TORRE MOBILE DA LAVORO T21 ISTRUZIONI PER L USO, Il MONTAGGIO E LA MANUTENZIONE Il presente manuale contiene le informazioni necessarie all utilizzo, il montaggio, lo smontaggio e la manutenzione del Ponteggio

Dettagli

Sistemi di protezione individuale dalle cadute

Sistemi di protezione individuale dalle cadute Sistemi di protezione individuale dalle cadute Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

OPUSCOLO PER I LAVORATORI

OPUSCOLO PER I LAVORATORI 1 OPUSCOLO PER I LAVORATORI A cura: del Dott. Davide Antonelli 2 SCALE A MANO Tale attrezzatura È prevista per superare dislivelli e per effettuare lavorazioni straordinarie a carattere eccezionale e temporaneo.

Dettagli

INTRODUZIONE. Si riporta di seguito una proposta di regolamento sui corsi di formazione per lavoratori/preposti addetti a lavori in quota.

INTRODUZIONE. Si riporta di seguito una proposta di regolamento sui corsi di formazione per lavoratori/preposti addetti a lavori in quota. REGOLAMENTO SUI CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI A LAVORI IN QUOTA. Schema di Regolamento su soggetti formatori, durata, indirizzi e requisiti minimi di validità dei corsi per lavoratori e preposti

Dettagli

NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI

NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI Per. Ind. Michele Luongo - C.P.T. LUCCA INTRODUZIONE Nelle costruzioni vengono utilizzate

Dettagli

Codice Descrizione u.m. Prezzo %m.d'o.

Codice Descrizione u.m. Prezzo %m.d'o. P OPERE PROVVISIONALI P.01 RECINZIONI P.01.10 RECINZIONI PROVVISIONALI P.01.10.10 Recinzione provvisionale di cantiere di altezza non inferiore a 2.00 m con sostegni in paletti di legno o tubi da ponteggio,

Dettagli

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08)

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08) 146 LAVORI SPECIALI (Articolo 148 D.Lgs 81/08) Prima di procedere alla esecuzione di lavori su lucernari, tetti, coperture e simili, fermo restando l obbligo di predisporre misure di protezione collettiva,

Dettagli

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO Cantieri temporanei o mobili Titolo IV DLgs. 81/2008 1 Capo che sostituisce DPR 164/56, parte del DLgs. 626/94 ad altri provvedimenti minori abrogatiindirettamente indirettamente CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Argomenti trattati: Il ruolo del Coordinatore

Argomenti trattati: Il ruolo del Coordinatore Pimus Allegati Verifiche Corso Formativo 2010 dott. Marco Pecoraro Argomenti trattati: Il ruolo del Coordinatore 1. Pi.M.U.S.; 2. Gli ancoraggi; 3. I D.P.I.; 4. Le verifiche; 5. La formazione dei lavoratori.

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA A cura di Pier Luigi Ghisi OBIETTIVO PRINCIPALE Descrivere l approccio che è stato utilizzato nella

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza.

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza. Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 2 MISURE E DISPOSITIVI DA PREDISPORRE DA PARTE DEI DATORI DI LAVORO

Dettagli

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22 Lavori in quota 1/22 D.Lgs 81/08 e s.m.i., art. 111 1. Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche

Dettagli

Soluzioni Progettuali Scheda: SP15 Rev: 28/09/2009 16.17.00 Pagina 1/6

Soluzioni Progettuali Scheda: SP15 Rev: 28/09/2009 16.17.00 Pagina 1/6 Soluzioni Progettuali Scheda: SP15 Rev: 28/09/2009 16.17.00 Pagina 1/6 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A FALDE INCLINATE A GRONDA COSTANTE PIANTA RETTANGOLARE Nuova Esistente Praticabile

Dettagli

IL PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI

IL PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI IL PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI (PiMUS) Proposta operativa per la redazione e la gestione Luca Mangiapane Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio E. Le

Dettagli

ALLEGATO XXI. Accordo Stato, regioni e province autonome sui corsi di formazione per lavoratori addetti a lavori in quota

ALLEGATO XXI. Accordo Stato, regioni e province autonome sui corsi di formazione per lavoratori addetti a lavori in quota ALLEGATO XXI Accordo Stato, regioni e province autonome sui corsi di formazione per lavoratori addetti a lavori in quota Soggetti formatori, durata, indirizzi e requisiti minimi di validità dei corsi per

Dettagli

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili.

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili. Come utilizzare le scale a mano o portatili. SCALE A MANO NORME GENERALI Bisogna innanzitutto avere presente il concetto che le scale a mano devono servire esclusivamente per lavori assolutamente particolari

Dettagli

IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEL PONTEGGIO. (Pi.M.U.S.)

IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEL PONTEGGIO. (Pi.M.U.S.) IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) PIA DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEL PONTEGGIO (Pi.M.U.S.) (ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Titolo IV Capo II Sez. IV, Art. 134 e Art. 136 e dell allegato

Dettagli

commissione nazionale per la prevenzione infortuni, l igiene e l ambiente di lavoro (ance, feneal-uil, filca-cisl, fillea-cgil)

commissione nazionale per la prevenzione infortuni, l igiene e l ambiente di lavoro (ance, feneal-uil, filca-cisl, fillea-cgil) commissione nazionale per la prevenzione infortuni, l igiene e l ambiente di lavoro (ance, feneal-uil, filca-cisl, fillea-cgil) AGRIGENTO ASTI AOSTA - BARI BERGAMO CPTA BERGAMO CPT BERGAMO S.E. BIELLA

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

Piano di Montaggio Uso e Smontaggio di Ponteggio

Piano di Montaggio Uso e Smontaggio di Ponteggio Piano di Montaggio Uso e Smontaggio di Ponteggio ( ai sensi del D.lgs 81/08 ) Lavori di : manutenzione straordinaria relativi al prospetto del Condominio denominato Santa Caterina sito in Reggio Calabria

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI INTERVENTI DI: ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA RISCHI CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI DI COSTRUZIONE, MANUTENZIONE, MODIFICA STRUTTURE TRADIZIONALI

Dettagli

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA?

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Presenta SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Con il patrocinio di: Città di GROSSETO Grosseto 4 marzo 2011 1 perché oggi parliamo di linee vita : Le cadute dall alto sono

Dettagli

E' obbligatorio l'uso del ponteggio per ogni lavoro svolto ad altezza superiore a 2 m. (Art.122 del D.lgs. n.81/08 )

E' obbligatorio l'uso del ponteggio per ogni lavoro svolto ad altezza superiore a 2 m. (Art.122 del D.lgs. n.81/08 ) OPERA PROVVISIONALE: PONTEGGIO METALLICO FISSO Il ponteggio fisso è un opera provvisionale realizzata per eseguire lavori ad altezze superiori ai 2 metri. Si tratta di una struttura reticolare realizzata

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP02 Rev: 22/10/2009 17.58.00 Pagina 1/1 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A CAPANNA A FALDE SOVRAPPOSTE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Il fabbricato

Dettagli

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini M.EN.S. Engineering Dott. Ing. Corrado Giromini Sistemi Anticaduta dall Alto Linee Vita Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010 M.EN.S. Engineering Sommario Normativa D.Lgs.81/08

Dettagli

PI.M.U.S ( Piano di Montaggio Uso e Smontaggio ) dei ponteggi, dei castelli di carico e dei trabattelli.

PI.M.U.S ( Piano di Montaggio Uso e Smontaggio ) dei ponteggi, dei castelli di carico e dei trabattelli. PI.M.U.S ( Piano di Montaggio Uso e Smontaggio ) dei ponteggi, dei castelli di carico e dei trabattelli. Dopo i piani di sicurezza: P.S.C., P.S.S., P.O.S., P.d.L., arriva il PI.M.U.S. ed è subito caos.

Dettagli