Sistema di Confezione in Linea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistema di Confezione in Linea"

Transcript

1 Cap. VI REPARTO CONFEZIONE L assemblaggio dei vari pezzi di modello è l operazione che porta alla realizzazione del capo e che è argomento di riflessione per la scelta del tipo di organizzazione del lavoro e del lay-out del reparto, al fine di minimizzare gli spostamenti ed i trasporti interni. VI.1 VI.1.1 SALA CUCITO L organizzazione del lavoro del reparto confezione può variare da azienda ad azienda e la scelta di un sistema di produzione rispetto ad un altro, deriva dalla politica gestionale, dal marketing e dalla convenienza economica che è correlata al volume di produzione dell azienda. I sistemi più noti usati nell industria della confezione sono i seguenti: sistema in linea (od a nastro) sistema in linea progressiva ( o sistema a synchro) sistema a pacco sistema a pacco progressivo sistema a pacco mobile (o su carrello) sistema a convogliatore selettivo Ognuno di questi sistemi ha pregi e difetti e necessiterebbe una specifica trattazione per illustrarne differenze e convenienze; noi prenderemo in esame solo i due più usati nell industria italiana, ovvero il sistema in linea ed il sistema a pacco, riallacciandoci anche alle modalità di raggruppamento e preparazione dei pezzi dei modelli, trattati negli ultimi paragrafi del Cap. V. Sistema di Confezione in Linea E il sistema più semplice, in cui le operazioni procedono progressivamente lungo la linea di lavoro. Generalmente con questo sistema ogni linea di produzione produce un modello di vestito. Il passaggio del materiale da una fase di lavorazione alla successiva può essere eseguito per mezzo di scivoli, per mezzo di nastri trasportatori sincronizzati tra loro oppure con un semplice passaggio manuale. I vincoli ai quali deve sottostare questo sistema sono i seguenti: L) la linea di produzione ha un ciclo fisso, ossia le operazioni hanno una sequenza precisa dalla quale non si può derogare e devono procedere sempre passando alla fase successiva senza possibilità di effettuare operazioni su fasi precedenti. M) I tempi complessivi delle singole postazioni di lavoro devono essere uguali o pressoché uguali, per permettere l avanzamento simultaneo dei semilavorati; ne consegue che, in caso di fasi con tempi non bilanciati, il tempo conduttore 13 sarà il tempo dell operazione più lunga di tutto il ciclo. Questi tipi di vincolo rendono il sistema poco elastico, poiché al minimo cambiamento di modello occorre ricalcolare i tempi di tutta la catena di produzione e, se i cambiamenti sono sostanziali, a volte occorre addirittura riorganizzare tutte le fasi, spostando qualche operazione per ottenere il nuovo bilanciamento della linea. Come già anticipato i tempi di lavoro devono essere rigorosamente sincronizzati e questo pregiudica la specializzazione delle operazioni di un posto di lavoro, in quanto, per arrivare ad avere tante operazioni elementari tali che la somma dei 13 Per tempo conduttore o tempo di catena s intende il tempo che scadenza l avanzamento sincronizzato dei semilavorati. pag. 97

2 tempi di lavoro sia uguale al tempo di catena, occorre effettuare gli spostamenti ipotizzati. Nel caso non si possa trovare un bilanciamento perfetto a causa di vincoli di assemblaggio (non posso effettuare alcune cuciture prima di altre), si devono accettare postazioni di lavoro con dei tempi supplementari (tempi morti) ed un conseguente aumento del tempo globale di fabbricazione e del costo di lavorazione. Il vantaggio di questo sistema risiede nell eliminazione delle operazioni di manipolazione dei pezzi, poiché il lavoro è svolto sugli stessi pochi particolari ed i pezzi e semilavorati sono fatti avanzare in maniera quasi automatica. Le aziende che operano con il sistema in linea devono prevedere una costante sorveglianza della lavorazione per evitare che si verifichino incidenti su una fase che comporterebbe un brusco calo di produzione globale; per evitare ciò, occorre avere una disponibilità di macchine per sostituire quelle guaste ed personale specializzato ed abile pronto a rimpiazzare eventuali posti mancanti in una qualunque fase della linea. Nel disegno di fig VI-2 sono riportate le planimetrie di due sistemi in linea, ad ogni numero corrisponde un tipo di operazione. L esempio si riferisce alla confezione di un pantalone, e nella tabella di fig VI-2 è riportato il dettaglio di ogni singola operazione: operazione 1: operazione 2: operazione 3: operazione 4: operazione 5: operazione 6: operazione 6: operazione 7: operazione 7: operazione 8: sorgettatura del davanti di un pantalone confezione pinces davanti attaccatura rapporti al davanti stiratura pinces confezione tasche laterali, 1 operazione confezione tasche laterali, 2 operazione confezione tasche laterali, 2 operazione confezione tasche laterali, 3 operazione confezione tasche laterali, 3 operazione stiratura tasche laterali fig VI-1 Operazioni della Confezione in Serie di un Pantalone pag. 98

3 fig VI-2 Esempi di Lay-out di Produzione in Linea di un Pantalone pag. 99

4 VI.1.2 Sistema di Confezione a Pacco Convenzionale Questo sistema è uno dei più vecchi in uso nell industria della confezione in serie ed è tutt ora largamente impiegato in piccole e grandi industrie di confezioni americane ed europee. Come il sistema in linea, anche il sistema a pacco presenta vantaggi e svantaggi. La struttura di questo sistema è abbastanza semplice, normalmente il macchinario è sistemato in file semplici o doppie, come illustrato in seguito nel disegno di fig VI-3. Nella figura A e B si nota come gli scaffali di deposito del lavoro in corso di confezione siano sistemati a fianco delle file di macchine mentre nel lay-out di figura C sono ridotti gli spostamenti in quanto gli scaffali dei semilavorati (polmoni di compensazione) sono direttamente inseriti nel percorso del materiale. Il tragitto di lavoro sarà pertanto il seguente: 1. Dallo scaffale alla macchina operatrice; 2. dalla macchina operatrice allo scaffale; 3. dallo scaffale alla macchina operatrice dell operazione seguente. E così per tutto il percorso fino a capo finito: avremo pertanto un percorso deposito-macchina, macchina-deposito. Il lavoro è composto da pacchi comprendenti pezzi del capo da confezionare: paramonture, davanti, dietro, colli, maniche, tasche ecc. La grandezza dei pacchi è variabile, e dipende dal tipo di politica gestionale scelta dall azienda: ci sono aziende che regolano l avanzamento del lavoro con pacchi di quantità costante (esempio 5 unità per pacco), altre invece che si basano sulla commessa di lavoro, per cui la loro grandezza è variabile da un capo fino ad un massimo di capi. Generalmente i pacchi sono di capi, per un miglior trasporto, specie nelle operazioni finali dove il vestito è completamente assemblato e quindi sono meno facili e veloci gli spostamenti. Per una migliore ottimizzazione del lavoro è importante che i pacchi siano formati dallo stesso colore, anche se di taglia diversa, e richiedano lo stesso filo per un risparmio di tempo da parte dell addetta nel cambio delle spole di filo della macchina da cucire. Lo svantaggio di questo sistema rispetto a quello in linea, è quello del trasporto del materiale che subisce una movimentazione nettamente maggiore: da macchina a deposito, da deposito a macchina e poi di nuovo al deposito contro un avanzamento alla postazione successiva. Tra i vantaggi di questo sistema può essere rilevata la produzione più elastica, dato che si può passare comodamente da un tipo di articolo ad un altro senza grossi problemi, gli addetti possono sviluppare meglio la loro specializzazione ed il lavoro risulta indipendente dall addetto cosa che facilita l intercambiabilità delle persone. Infine dal punto di vista del controllo della lavorazione questo tipo di organizzazione permette di intervenire meglio sulla produzione con controlli delle varie fasi più puntuali e con la possibilità di far eseguire anche piccole riparazioni direttamente all interno di una fase di lavorazione. pag.100

5 fig VI-3 Esempio di Lay-out di Produzione a Pacco Convenzionale pag.101

6 VI.2 STIRATURA E FINISSAGGIO FINALE L organizzazione del lavoro del reparto di stiratura e finissaggio finale può essere organizzato con lavorazioni in linea ed a reparto. A questi tipi di organizzazione possono essere ottenuti disponendo macchine ed accessori secondo i due schemi di lay-out riportati nei disegni della fig VI-4 (lavorazione in linea) e della fig VI-5 (lavorazione a gruppi). Nel sistema in linea, come è illustrato nel disegno di fig VI-4, le presse da stiro sono poste l una a fianco dell altra, per realizzare un ciclo di lavorazione come quello seguente: 1. stiratura fondi 2. stiratura bordi 3. prima bassura collo 4. stiratura interno manica 5. stiratura gomito 6. stiratura fondo manica 7. stiratura davanti destro 8. stiratura davanti sinistra 9. stiratura fianchi o assieme 10. stiratura dietro 11. stiratura spalla sinistra 12. stiratura spalla destra 13. stiratura di appiattitura maniche esterne 14. stiratura giro manica interna 15. stiratura bloccaggio maniche esterne 16. seconda bassura collo 17. stiratura risvolti 18. stiratura di finissaggio 1 parte(togliere impressioni) 19. stiratura di finissaggio 2 parte(togliere impressioni) 20. stirature fodere Non è detto che tutte le industrie usino il ciclo completo riportato precedentemente e non tutte le operazioni devono obbligatoriamente essere eseguite nell ordine elencato od essere eseguite in questo reparto (alcune operazioni possono, per esempio, essere svolte durante la fase intermedia in sala cucito altre possono essere raggruppate usando delle apposite presse, chiamate universali, oppure usando dei semplici ferri a vapore). Nel sistema a gruppo, illustrato nello schema di fig VI-5, cambia solo la disposizione delle macchine ed il conseguente flusso di lavorazione. Dopo le operazioni di stiratura, vengono effettuate le ultime due operazioni di rifinitura del capo: l attaccatura dei bottoni e la confezione delle asole. Queste operazioni sono eseguite dopo la stiratura per evitare che la pressione esercitata dalla stiratura danneggi la confezione delle asole; le asole, a seconda delle aziende, sono confezionate a mano o a macchina. Finita la confezione delle asole e l attaccatura dei bottoni occorre, comunque, effettuare una leggera stiratura dei davanti delle giacche o cappotti, dato che è quasi inevitabile sgualcire i capi durante la confezione delle asole. pag.102

7 presse presse fig VI-4 Lay-out Stiratura in Linea fig VI-5 Lay-out Stiratura a Gruppi pag.103

Manuale di Tecnologia della Confezione

Manuale di Tecnologia della Confezione Cap. VIII DOCUMENTAZIONE UTILIZZATA NELLA CONFEZIONE Nel lavoro è sempre utile avere dei modelli di fogli di lavorazione o di schede per l inserimento di tutti i dati necessari ad un attività. In questo

Dettagli

IL MODELLO INDUSTRIALE

IL MODELLO INDUSTRIALE IL MODELLO INDUSTRIALE Per poter effettuare un piazzamento e un taglio di tipo industriale abbiamo la necessità di possedere un modello, o tracciato, industrializzato. Un modello si può definire industrializzato

Dettagli

Corso di cucito e sartoria

Corso di cucito e sartoria 1 Per scoprire il mondo della moda. E il punto di arrivo per chi vuole imparare per uso proprio e il punto di partenza per chi ne vuole fare la sua professione. Nella prima fase del il corso di cucito,

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - SARTO Addetto alla rifinitura

Dettagli

CLASSE 68/A - TECNOLOGIE DELL'ABBIGLIAMENTO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 68/A - TECNOLOGIE DELL'ABBIGLIAMENTO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 68/A - TECNOLOGIE DELL'ABBIGLIAMENTO Programma d'esame CLASSE 68/A - TECNOLOGIE DELL'ABBIGLIAMENTO Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 68/A - TECNOLOGIE DELL'ABBIGLIAMENTO Programma

Dettagli

A Punti utili Punti per cucire e rammendare capi.

A Punti utili Punti per cucire e rammendare capi. Punti Punti utili Punti per cucire e rammendare capi. Punto Nome del punto/pplicazione Piedino 1, 2, 3 Punto dritto, ago in posizione centro sinistra e destra Per tutti i tipi di cucitura. Toccare la larghezza

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO SEZIONE DIVISE NON SONO AMMESSE OFFERTE SUPERIORI ALL IMPORTO PREVISTO A BASE D ASTA

CAPITOLATO TECNICO SEZIONE DIVISE NON SONO AMMESSE OFFERTE SUPERIORI ALL IMPORTO PREVISTO A BASE D ASTA Allegato A al Capitolato d oneri GARA PER LA FORNITURA DI BIANCHERIA PIANA E DIVISE PER IL PERSONALE PER L AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA. Nr. Gara: 2243409 CAPITOLATO TECNICO SEZIONE DIVISE NON SONO AMMESSE

Dettagli

Analisi del progetto disegnato e della scheda del modello, sulla quale saranno riportate

Analisi del progetto disegnato e della scheda del modello, sulla quale saranno riportate 2. PROGETTAZIONE 1.1 La modellistica industriale Analisi del progetto disegnato e della scheda del modello, sulla quale saranno riportate informazioni relative a: tessuto, accessori, interni, fodere, misura

Dettagli

Operatore dell abbigliamento - Sartoria. Standard formativo minimo regionale

Operatore dell abbigliamento - Sartoria. Standard formativo minimo regionale Operatore dell abbigliamento - Sartoria Standard formativo minimo regionale Denominazione del profilo professionale OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO - SARTORIA Referenziazioni del profilo Professioni NUP/ISTAT

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 3. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 3. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 3 Angelo Bonomi COSA E LA TECNOLOGIA Con il nome di tecnologia si indicano cose con vari significati come una tecnologia

Dettagli

Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione

Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione Ciclo di vita di un sistema produttivo La forma delle cose che verranno Il ciclo di vita di un prodotto La progettazione di un prodotto, e di conseguenza

Dettagli

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali Just-In-Time (JIT) Filosofia produttiva nata presso l azienda giapponese Toyota negli anni 70. Ha l obiettivo di soddisfare la domanda del cliente in termini di cosa e quanto produrre, configurando l intero

Dettagli

SOMMARIO 1. IL MODELLO, GLI STRUMENTI, LE FASI DELLA RICERCA 2 2. L ANALISI DEI DATI. IL SETTORE TESSILE - ABBIGLIAMENTO 6 GLOSSARIO 67

SOMMARIO 1. IL MODELLO, GLI STRUMENTI, LE FASI DELLA RICERCA 2 2. L ANALISI DEI DATI. IL SETTORE TESSILE - ABBIGLIAMENTO 6 GLOSSARIO 67 Analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi tessile Unione Europea Fondo Sociale Europeo Regione Autonoma della Sardegna Lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale 2006

Dettagli

Operatore dell abbigliamento. Standard formativo minimo regionale

Operatore dell abbigliamento. Standard formativo minimo regionale Operatore dell abbigliamento Standard formativo minimo regionale Denominazione della figura professionale OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate 6. Artigiani,

Dettagli

Montatore. La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91:

Montatore. La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91: Montatore La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91: DN 36.1 Fabbricazione di mobili Figure professionali contigue: Contesto produttivo: Taglio

Dettagli

Operatore dell abbigliamento. Standard della Figura nazionale

Operatore dell abbigliamento. Standard della Figura nazionale Operatore dell abbigliamento Standard della Figura nazionale Denominazione della figura OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche di

Dettagli

Prezzo speciale fino a 2 capi 12,90 + IVA cad. Prezzo speciale da 3 capi in poi 11,20 + IVA cad. Azzurro manica lunga con bottoni a pressione

Prezzo speciale fino a 2 capi 12,90 + IVA cad. Prezzo speciale da 3 capi in poi 11,20 + IVA cad. Azzurro manica lunga con bottoni a pressione Camice A1 Camice azzurro manica lunga, allacciatura laterale sul fianco destro con bottoni a pressione, 1 tasca e 1 taschino. Codice: 015130 Camice A2 Camice con allacciatura anteriore sul fianco destro,

Dettagli

OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO SARTORIA. Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT):

OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO SARTORIA. Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): Denominazione del PROFILO Referenziazioni della Figura nazionale di riferimento OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO SARTORIA 6. Artigiani, operai specializzati e agricoltori. 6.5.3.3 Sarti e tagliatori artigianali,

Dettagli

In questo capitolo verranno descritte tutte le operazioni per passare dal modello ai pezzi di tessuto modellati pronti per l assemblaggio.

In questo capitolo verranno descritte tutte le operazioni per passare dal modello ai pezzi di tessuto modellati pronti per l assemblaggio. Cap. V LA SALA TAGLIO In questo capitolo verranno descritte tutte le operazioni per passare dal modello ai pezzi di tessuto modellati pronti per l assemblaggio. V.1 IL DISEGNO O CLICHÉ In questa fase si

Dettagli

ACCESSORI D UFFICIO REALIZZATI CON MATERIALI A BASSO COSTO E MATERIALI DI RECUPERO

ACCESSORI D UFFICIO REALIZZATI CON MATERIALI A BASSO COSTO E MATERIALI DI RECUPERO ACCESSORI D UFFICIO REALIZZATI CON MATERIALI A BASSO COSTO E MATERIALI DI RECUPERO INDICE CAP.1 1.1 Il porta pc - Descrizione dell oggetto 1.2 Caratteristiche dimensionali, geometriche, formali e dei materiali

Dettagli

LA SIMULAZIONE VIRTUALE NEI PROCESSI DI PRODUZIONE

LA SIMULAZIONE VIRTUALE NEI PROCESSI DI PRODUZIONE SIMUL ATORE LA SIMULAZIONE VIRTUALE NEI PROCESSI DI PRODUZIONE Il modulo di simulazione virtuale sviluppato dalla Tebis a partire dalla versione V 3.3 trasferisce integralmente la Vs. officina sulla Vs.

Dettagli

CUCITURA A PUNTI ZIGZAG

CUCITURA A PUNTI ZIGZAG CUCITURA A PUNTI ZIGZAG Portare la rotella di selezione del punto su B. Funzione della rotella larghezza punto La larghezza massima del punto zigzag per la cucitura a punti zigzag è 5, tuttavia, è possibile

Dettagli

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole 1 SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTI: - modalità di manifestazione della domanda - modalità di manifestazione dell offerta - modalità di esecuzione del prodotto modalità di manifestazione

Dettagli

SCHEDA TECNICA N. 18

SCHEDA TECNICA N. 18 SCHEDA TECNICA N. 18 Caratteristiche tecniche giubbino impermeabile con interno trapuntato staccabile colore blu. Introduzione Il giubbino, con guscio esterno impermeabile e corpetto interno staccabile

Dettagli

TESSITURA - ABBIGLIAMENTO PROFESSIONALE CAMICI

TESSITURA - ABBIGLIAMENTO PROFESSIONALE CAMICI 57 TESSITURA - ABBIGLIAMENTO PROFESSIONALE TESSITURA - ABBIGLIAMENTO PROFESSIONALE 56 Indice Camici mod B1 mod B2 mod B3 mod B4 mod B5 mod B6 mod B7 mod B8 mod B9 mod B10 mod B11 mod B12 TESSITURA - ABBIGLIAMENTO

Dettagli

INDICE. Premessa pag. 3 Indice pag. 5 Legenda pag. 9 Abbreviazioni pag. 9

INDICE. Premessa pag. 3 Indice pag. 5 Legenda pag. 9 Abbreviazioni pag. 9 INDICE Premessa pag. 3 Indice pag. 5 Legenda pag. 9 Abbreviazioni pag. 9 1 Metodologia di rilevamento delle misure pag. 10 1.1 Rilevamento delle misure pag. 11 1.2 Misure di circonferenza pag. 13 1.3 Misure

Dettagli

SCHEDA TECNICA FIGURINO

SCHEDA TECNICA FIGURINO ANNO/STAGIONE P/E COLLEZIONE 4E Itas CODICE PRODOTTO pantalone FIGURINO DESCRIZIONE Pantalone a palazzo lunghezza a terra, color panna con cerniera invisibile sul centro dietro, con riprese, due sul davanti

Dettagli

174 Normativa REQUISITI GENERALI PER GLI INDUMENTI AD ALTA VISIBILITÀ

174 Normativa REQUISITI GENERALI PER GLI INDUMENTI AD ALTA VISIBILITÀ ALTA VISIBILITÀ 174 Normativa X Y EQUISITI GENEALI PE GLI INDUMENTI AD ALTA VISIBILITÀ La normativa specifica i requisiti per gli indumenti ad alta visibilità in grado di segnalare visivamente la presenza

Dettagli

INDUMENTI IGNIFUGHI ANTIACIDI E ANTISTATICI

INDUMENTI IGNIFUGHI ANTIACIDI E ANTISTATICI 3 1 0 2 A T I V NO INDUMENTI IGNIFUGHI ANTIACIDI E ANTISTATICI / 91 GIUBBETTO Cod. A10150 75% cotone 24% poliestere 1% fibra conduttiva, COD. A10160 Chiusura anteriore con cerniera centrale coperta da

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO

ITIS OTHOCA ORISTANO ITIS OTHOCA ORISTANO CARATTERISTICHE DEI PROCESSI PRODUTTIVI LAY-OUT IMPIANTI PARTE 1 Il ciclo di produzione La progettazione e il processo produttivo di un prodotto segue un ciclo di vita che qualunque

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione

Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione di Saveri Gianluigi 1. Generalità Un apparecchiatura elettrica in condizioni di normale funzionamento (condizioni specificate dai

Dettagli

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Sicurezza realizzabile Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Imbracatura, stoccaggio e trasporto Nella vostra azienda si lavora in condizioni di sicurezza con gli elementi prefabbricati in

Dettagli

Descrittiva dei capi.

Descrittiva dei capi. Descrittiva dei capi. 1) AUTISTI a) PANTALONI INVERNALI: tessuto in pura lana vergine, colore grigio, peso gr. 450 mq. c.a. eseguito con due tasche laterali ed una posteriore a filetto, cintura rinforzata

Dettagli

Logistica Magazzino: Distinta base

Logistica Magazzino: Distinta base Logistica Magazzino: Distinta base Premessa 2 Centri di lavoro 2 Cicli di lavorazione 3 Fasi cicli di lavorazione 4 Dettaglio costi 4 Distinta base 5 Archivio distinta base 5 Dettaglio distinta 5 Duplicazione

Dettagli

EQUIPAGGIAMENTI INDIVIDUALI PER INDUSTRIA

EQUIPAGGIAMENTI INDIVIDUALI PER INDUSTRIA EQUIPAGGIAMENTI INDIVIDUALI PER INDUSTRIA CATALOGO - Ottobre 2013 Ecosystem srl Via Gritti 11/13-24125 Bergamo [Italy] - tel 035 270837 fax 035 238825 - P.I. 00932910169 - www.ecosystem-bg.com - info@ecosystem-bg.com

Dettagli

COMPLETO ROSA. Un completino comodo ed avvolgente per primi mesi

COMPLETO ROSA. Un completino comodo ed avvolgente per primi mesi COMPLETO ROSA Un completino comodo ed avvolgente per primi mesi Taglia 1 e (4-6 mesi) nel caso di un'unica indicazione questa si riferisce ad entrambe le misure OCCORRENTE: circa 250 gr. Di filato lana

Dettagli

Metodologia del rilevamento delle misure di un soggetto

Metodologia del rilevamento delle misure di un soggetto Cap. II LE MISURE La realizzazione di un capo confezionato si basa sulla conoscenza delle misure del soggetto a cui è destinato e, in funzione del sistema produttivo, potranno essere rilevate direttamente

Dettagli

Collezione Store. Abbigliamento. Linea Tecnica. Kit Scuola Vela. Linea Circoli Vela. Merchandising

Collezione Store. Abbigliamento. Linea Tecnica. Kit Scuola Vela. Linea Circoli Vela. Merchandising Collezione Store Linea Linea Pantaloni Giubbini Felpe Polo T-shirt Bermuda Cappelli T-SHIRT unisex. Girocollo manica corta, colletto e bordo manica in rib con tricolore a contrasto, colletto in rib da

Dettagli

IL BUDGET 05 DISTINTE BASE & CICLI DI LAVORAZIONE

IL BUDGET 05 DISTINTE BASE & CICLI DI LAVORAZIONE 23 marzo 2015 IL BUDGET 05 DISTINTE BASE & CICLI DI LAVORAZIONE Eccoci ad un altra puntata del percorso di costruzione di un budget annuale: i visitatori del nostro sito www.controllogestionestrategico.it

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

TRIBUNALE DI BRESCIA SEZIONE FALLIMENTARE

TRIBUNALE DI BRESCIA SEZIONE FALLIMENTARE TRIBUNALE DI BRESCIA SEZIONE FALLIMENTARE FALLIMENTO HENRIETTE CONFEZIONI SPA N. 98/09 GIUDICE DELEGATO: DOTT. RAFFAELE DEL PORTO CURATORE : RAG. GIOVANNA LOMBARDI * * * * * Il sottoscritto ing. Mario

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

Medicazioni e bendaggi

Medicazioni e bendaggi Medicazioni e bendaggi MEDICAZIONI Con una medicazione è possibile coprire una ferita. Quando possibile una medicazione dovrebbe essere: Sterile. Se non è disponibile una medicazione sterile, usare un

Dettagli

Schedulazione MRP-II

Schedulazione MRP-II modulo Schedulazione MRP-II --------- Carico Risorse Produttive a Capacità FINITA ( FCS ) BREVE GUIDA ( su logiche di funzionamento e modalità d uso ) www.impresa24.ilsole24ore.com 1 Sommario Premessa

Dettagli

I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS. α Quantità prodotte. CUS = cus * q

I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS. α Quantità prodotte. CUS = cus * q I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS 0 α Quantità prodotte CUS = cus * q Esempi di COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA costo dei prodotti:materie prime, semi-lavorati; costo delle lavorazioni esterne; costo

Dettagli

Stampa Transfer Digitale & Off-set

Stampa Transfer Digitale & Off-set Via Guinizelli, 8 41013 Castelfranco Emilia (MO) tel.059922112 fax. 059950231 e-mail:info@euroservice-transfer.com IMPORTANTE: NOTE TECNICHE Stampa Transfer Digitale & Off-set I seguenti consigli sono

Dettagli

Caratteristiche generali

Caratteristiche generali GIS Catenari Caratteristiche generali Il flusso operativo del lancio in produzione dei prodotti finiti è il seguente: inserimento da parte dell ufficio ordini dell ordine cliente visionato ed accettato

Dettagli

... L Unica Via Realisticamente Percorribile per una Ottima Gestione della Produzione di Ceramica

... L Unica Via Realisticamente Percorribile per una Ottima Gestione della Produzione di Ceramica ... L Unica Via Realisticamente Percorribile per una Ottima Gestione della Produzione di Ceramica Dpcode è il Software di Gestione e Controllo della Produzione della Ceramica. L unico Software Italiano

Dettagli

LA PRODUZIONE JUST IN TIME

LA PRODUZIONE JUST IN TIME Economia e Organizzazione Aziendale II Prof. Gestione della Produzione Industriale LA PRODUZIONE JUST IN TIME IL KAN-BAN: LE REGOLE 1. LA FASE DI LAVORO A VALLE DEVE PRELEVARE PRESSO LA FASE DI LAVORO

Dettagli

Antonella Martinucci, Rossana Nencini, 2013 IL PESO. classe quarta

Antonella Martinucci, Rossana Nencini, 2013 IL PESO. classe quarta Antonella Martinucci, Rossana Nencini, 2013 IL PESO classe quarta I bambini utilizzano spontaneamente il concetto di pesante? Collochiamo su un banco alcuni oggetti: penne matite gomme fogli scottex quaderni

Dettagli

Imprenditore industria fabbricazione di mobili

Imprenditore industria fabbricazione di mobili Imprenditore industria fabbricazione di mobili La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91: DN 36.1 Fabbricazione di mobili Figure professionali

Dettagli

Analisi e diagramma di Pareto

Analisi e diagramma di Pareto Analisi e diagramma di Pareto L'analisi di Pareto è una metodologia statistica utilizzata per individuare i problemi più rilevanti nella situazione in esame e quindi le priorità di intervento. L'obiettivo

Dettagli

Bystar L. laser cutting. efficiency in. Impianti di taglio laser di grande formato per lamiere, tubi e profilati

Bystar L. laser cutting. efficiency in. Impianti di taglio laser di grande formato per lamiere, tubi e profilati efficiency in laser cutting Bystar L Impianti di taglio laser di grande formato per lamiere, tubi e profilati 2 Bystar L grande, precisa e autonoma Gli impianti universali di taglio laser della serie Bystar

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Etichette & Frontalini. www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Etichette & Frontalini. www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Etichette & Frontalini www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 3 Etichettare gli articoli presenti in magazzino... 4 Le impostazioni generali... 4 L elenco degli articoli...

Dettagli

Confezionisti. ( Produzione ) TECNOCOMPUTER S.r.l. Gestione distinta base. Storico distinta base SOLUZIONI INFORMATICHE

Confezionisti. ( Produzione ) TECNOCOMPUTER S.r.l. Gestione distinta base. Storico distinta base SOLUZIONI INFORMATICHE ( Produzione ) Gestione distinta base Per ogni modello/cartella (prodotto finito) vengono elencati tutti i componenti (materiali, semilavorati o phantoms) necessari alla produzione del capo. Il numero

Dettagli

Capitolo XIV. La gestione della produzione

Capitolo XIV. La gestione della produzione Capitolo XIV La gestione della produzione La funzione di produzione Approvvigionamenti La funzione di produzione riguarda il processo di trasformazione dei beni, ossia l insieme l di operazioni mediante

Dettagli

Misurazioni. Materiale occorrente per prendere correttamente le misure 1) METRO DA SARTORIA 2) 1 CORDINO

Misurazioni. Materiale occorrente per prendere correttamente le misure 1) METRO DA SARTORIA 2) 1 CORDINO Misurazioni Come potete notare questo formulario contiene 21 misurazioni ed e' MOLTO IMPORTANTE prendere con estrema accuratezza ognuna di esse. Le misure vanno prese esclusivamente svestiti (con la sola

Dettagli

linea d imballo pacchi lamiera

linea d imballo pacchi lamiera linea d imballo pacchi lamiera linea di imballo per pacchi di lamiera mediante filmatura completamente automatica Nuovo metodo d imballo Pesmel ad elevata capacità produttiva La linea d imballaggio è stata

Dettagli

Come possono i metodi di bloccaggio non convenzionali aumentare l affidabilità degli accoppiamenti filettati parte 2

Come possono i metodi di bloccaggio non convenzionali aumentare l affidabilità degli accoppiamenti filettati parte 2 Articolo tecnico Maggio, 2015 Successo garantito con LOCTITE Come possono i metodi di bloccaggio non convenzionali aumentare l affidabilità degli accoppiamenti filettati parte 2 L analisi della causa originaria

Dettagli

PRESSE PER LA TERMOSTAMPA SU TESSUTI

PRESSE PER LA TERMOSTAMPA SU TESSUTI PRESSE PER LA TERMOSTAMPA SU TESSUTI PRESSE PER LA TERMOSTAMPA SU TESSUTI In quanto produttori leader sul mercato di presse per la termo - stampa su tessuti, presentiamo nel presente catalogo un estratto

Dettagli

28 novembre 2011. Il sistema Toyota per le PMI

28 novembre 2011. Il sistema Toyota per le PMI 28 novembre 2011 Il sistema Toyota per le PMI Yoshihito Wakamatsu Sensei Culman LTD Indice 1. Toyota e le crisi come opportunità per crescere 2. Perché utilizzare il TPS per ridurre i costi. 3. Il TPS

Dettagli

per immagini guida avanzata Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Una tabella Pivot usa dati a due dimensioni per creare una tabella a tre dimensioni, cioè una tabella

Dettagli

PRESSE MECCANICHE PRESSE IDRAULICHE E PNEUMATICHE

PRESSE MECCANICHE PRESSE IDRAULICHE E PNEUMATICHE PRESSE MECCANICHE PRESSE IDRAULICHE E PNEUMATICHE Tipologia: Presse meccaniche con innesto a chiavetta Presse meccaniche con innesto a frizione Presse a funzionamento idraulico Presse a funzionamento pneumatico

Dettagli

Abbigliamento Ignifugo Ignifugo Antistatico e Multiprotezione Trivalente

Abbigliamento Ignifugo Ignifugo Antistatico e Multiprotezione Trivalente Abbigliamento Ignifugo Ignifugo Antistatico e Multiprotezione Trivalente giacche giubbotti pantaloni tute pettorine camicie maglioni P&P Loyal 109 P&P Loyal IGNIFUGO GIUBBOTTO IGNIFUGO IGN05128 Norme di

Dettagli

Lista controllo macchine edili

Lista controllo macchine edili Lista controllo macchine edili L uso di macchinario azionabile da «chiunque» è spesso la causa di infortuni. Questi infortuni accadono perché: gli operatori non sono sufficientemente qualificati; il macchinario

Dettagli

GUIDA PRATICA COME PRENDERE LE MISURE DA UNA CAMICIA

GUIDA PRATICA COME PRENDERE LE MISURE DA UNA CAMICIA GUID PRTIC COME PRENDERE LE MISURE D UN CMICI Una valida guida per agevolarla nel rilevare le misure da una camicia in suo possesso che reputa particolarmente comoda e confortevole. Distenda la camicia

Dettagli

INDICE CATALOGO ACCESSORI MACCHINE PER CUCIRE E TAGLIA-CUCE

INDICE CATALOGO ACCESSORI MACCHINE PER CUCIRE E TAGLIA-CUCE INDICE CATALOGO ACCESSORI MACCHINE E SCARPETTA STANDARD PAG 1 SCARPETTA PER SOPRAGGITTO SCARPETTA PER ORLO INVISIBILE PIEDINO OCCHIELLATORE PAG 2 SCARPETTA PER CERNIERE SPOLINE SPOLINE A CARICAMENTO AUTOMATICO

Dettagli

Skadi By Erika Neitzke Traduzione di B.Ajroldi per www.tricotting.com

Skadi By Erika Neitzke Traduzione di B.Ajroldi per www.tricotting.com Occorrente: 2 [2, 3, 3] matasse di filato cascade Yarn venezia (200m x 100 gr) colore grigio 1 matassa di filato color lavanda In totale da 601 801 m di filato Ferri circolari 4mm con cavo da 60 cm Gioco

Dettagli

Macchine ad alta produttività

Macchine ad alta produttività BOIS FACTORY 89, Envie (CN) 077 - Fax +39 0175 278421 - info@pezzolato.it www.pezzolato.it Macchine ad alta produttività Macchine professionali per la produzione di legna da ardere REDLINE BOIS FACTORY

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 10. OPERATORE DEL LEGNO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6. Artigiani, operai specializzati

Dettagli

Gestione dati tecnici di prodotto. Ing. Francesco Grassi - www.consulenzagestionale.it

Gestione dati tecnici di prodotto. Ing. Francesco Grassi - www.consulenzagestionale.it Gestione dati tecnici di prodotto Obiettivo dell attività di Gestione dei Dati Tecnici: Ricercare e Formalizzaretutte le informazioni tecniche di prodotto, generate nelle diverse attività di creazione

Dettagli

Transformer Lifecycle Management (TLM)

Transformer Lifecycle Management (TLM) Transformer Lifecycle Management (TLM) TLM: soluzioni per - prolungare la durata di vita - riparazioni - ristabilimento dei vostri trasformatori di potenza Giornata d informazione «Siemens 2014» Locarno

Dettagli

creazione di un Piano dei Centri di Costo Tramite il programma Piani dei Centri di costo inserire la struttura del proprio piano aziendale.

creazione di un Piano dei Centri di Costo Tramite il programma Piani dei Centri di costo inserire la struttura del proprio piano aziendale. GESTIONE CENTRI DI COSTO La contabilità per centri di costo consente di stabilire dei "contenitori" di costo, normalmente coincidenti con unità organizzative della struttura aziendale. Normalmente i centri

Dettagli

E - GIUBBINO EUROPA RISCHI MINIMI

E - GIUBBINO EUROPA RISCHI MINIMI 8045 E GIUBBINO EUROPA Questa linea di abbigliamento da lavoro è caratterizzata da un prodotto dal taglio classico e dai colori standard più diffusi: blu e verde. Il tessuto in 100% cotone sanforizzato

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Prof.ssa Laura Michelini

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Prof.ssa Laura Michelini ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Prof.ssa Laura Michelini Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Contenuti: - Capitolo 14 Una definizione La funzione di produzione riguarda

Dettagli

Parte 2: Istruzioni per il montaggio. Classe 579

Parte 2: Istruzioni per il montaggio. Classe 579 Indice Pagina: Parte : Istruzioni per il montaggio. Classe 79. Parti componenti della fornitura........................................ Informazioni generali e sicurezze per il trasporto.............................

Dettagli

Press Brake Productivity Guida rapida

Press Brake Productivity Guida rapida Come iniziare Press Brake Productivity Guida rapida Grazie per aver acquistato un prodotto di qualità realizzato da Wila Per più di 80 anni, Wila ha fornito supporti per utensili, utensili e accessori

Dettagli

Internet: www.gdpconsulting.it email: info@gdpconsulting.it Sede legale: Strada San Giorgio Martire, 97/6 70123 Bari (BA) Tel/Fax: 080/5057504

Internet: www.gdpconsulting.it email: info@gdpconsulting.it Sede legale: Strada San Giorgio Martire, 97/6 70123 Bari (BA) Tel/Fax: 080/5057504 SIGeP è la soluzione informatica per la gestione delle attività connesse alla produzione. Sviluppato da GDP Consulting, SIGeP permette una gestione integrata di tutti i processi aziendali. SIGeP è parametrizzabile

Dettagli

Made in Italy. Cycle

Made in Italy. Cycle Cycle Made in Italy Cycle CICLO DI PRODUZIONE Il ciclo produttivo aziendale è completo e particolarmente specializzato per i modelli standard normalmente prodotti dall azienda. Prevede un ottima flessibilità

Dettagli

La soluzione per la gestione completa della produzione nel settore delle confezioni

La soluzione per la gestione completa della produzione nel settore delle confezioni La soluzione per la gestione completa della produzione nel settore delle confezioni ( Magazzino Vendite e Acquisti ) W-CON è un software gestionale concepito per soddisfare le problematiche relative alle

Dettagli

FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton

FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton SOMMARIO CENNI GENERALI... 3 STAMPA ORDINI... 18 STAMPA PACKING LIST... 21 STAMPA SCONTRINI... 24 STAMPA ARTICOLI VENDUTI... 30 STAMPA

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VD07B ATTIVITÀ 14.12.00 CONFEZIONE DI CAMICI, DIVISE ED ALTRI INDUMENTI DA LAVORO ATTIVITÀ 14.13.10 CONFEZIONE IN SERIE DI ABBIGLIAMENTO ESTERNO ATTIVITÀ 14.14.00 CONFEZIONE DI CAMICIE,

Dettagli

NOTA: i pezzi di uno stesso lotto sono fra di loro intercambiabili, ma non è detto che siano intercambiabili con i pezzi di un altro lotto.

NOTA: i pezzi di uno stesso lotto sono fra di loro intercambiabili, ma non è detto che siano intercambiabili con i pezzi di un altro lotto. 1 T I P I D I P R O D U Z I O N E Per PRODUZIONE s intende l insieme delle lavorazioni, dei controlli, dei montaggi necessari alla realizzazione di un particolare o di un complessivo. La produzione può

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Processi snelli terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Processi snelli Corso di Gestione dell Informazione

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento La gestione delle scorte ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA La gestione

Dettagli

Abbigliamento. Linea Tecnica. Team Olimpico. Kit Scuola Vela. Linea Circoli Vela. Merchandising. Pantaloni. Ufficiali di Regata Istruttori.

Abbigliamento. Linea Tecnica. Team Olimpico. Kit Scuola Vela. Linea Circoli Vela. Merchandising. Pantaloni. Ufficiali di Regata Istruttori. Ufficiali di Regata Linea Pantaloni Giubbini Felpe Polo T-shirt Bermuda Cappelli Accessori Logo ITALIA sul retro T-SHIRT unisex. Girocollo manica corta, colletto e bordo manica in rib con tricolore a contrasto,

Dettagli

AREA PROFESSIONALE MODELLISTA DELL ABBIGLIAMENTO TECNICO DELLE PRODUZIONI TESSILI-ABBIGLIAMENTO. pag. 1

AREA PROFESSIONALE MODELLISTA DELL ABBIGLIAMENTO TECNICO DELLE PRODUZIONI TESSILI-ABBIGLIAMENTO. pag. 1 Regione Siciliana Assessorato regionale al Lavoro Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI E FORMATIVI AREA PROFESSIONALE PROGETTAZIONE

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 28.12.2000 IT L 332/41 REGOLAMENTO (CE) N. 2855/2000 DELLA COMMISSIONE del 27 dicembre 2000 relativo alla classificazione di talune merci nella nomenclatura combinata LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

Dettagli

Abbigliamento. Linea Tecnica. Kit Scuola Vela. Linea Circoli Vela. Merchandising. Pantaloni. Giubbini. Felpe. Polo. T-shirt. Bermuda.

Abbigliamento. Linea Tecnica. Kit Scuola Vela. Linea Circoli Vela. Merchandising. Pantaloni. Giubbini. Felpe. Polo. T-shirt. Bermuda. Linea Pantaloni Giubbini Felpe Polo T-shirt Bermuda Cappelli Accessori LOGO MANIFESTAZIONE T-SHIRT unisex. Girocollo manica corta, colletto e bordo manica in rib con tricolore a contrasto, colletto in

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

ProSky Progettare una facciata continua non è mai stato così semplice.

ProSky Progettare una facciata continua non è mai stato così semplice. ProSky Progettare una facciata continua non è mai stato così semplice. Progettare nei minimi dettagli: le facciate continue sono sempre più richieste nell architettura moderna, ma realizzarle richiede

Dettagli

Il carrello saliscale per i professionisti. I problemi di trasporto su scale risolti in modo intelligente. www.aat-online.de

Il carrello saliscale per i professionisti. I problemi di trasporto su scale risolti in modo intelligente. www.aat-online.de Il carrello saliscale per i professionisti C I problemi di trasporto su scale risolti in modo intelligente www.aat-online.de Il superamento delle scale è cosa difficile e faticosa quando si tratta di movimentare

Dettagli

PEZZIEMINOCCHERI.IT ABBIGLIAMENTO MEDICALE. Clothing for medicale use

PEZZIEMINOCCHERI.IT ABBIGLIAMENTO MEDICALE. Clothing for medicale use PEZZIEMINOCCHERI.IT VIA URBANIA 1 48018 FAENZA (RAVENNA) TELEFONO 0546 46385 FAX 0546/607184 ABBIGLIAMENTO MEDICALE Pezzi e Minoccheri opera da oltre 30 anni nella produzione di abbigliamento uso medicale,

Dettagli

Infine, sviluppi a scelta due dei seguenti punti:

Infine, sviluppi a scelta due dei seguenti punti: ISTITUTO TECNICO SETTORE ECONOMICO INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE: RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING (RIM) SECONDA PROVA SCRITTA ESAME DI STATO La Contabilità gestionale

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione completa dei listini. Rev. 2014.4.2 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione completa dei listini. Rev. 2014.4.2 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione completa dei listini Rev. 2014.4.2 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 3 Il listino generale di vendita... 5 Rivalutare un singolo... 7 Ricercare gli articoli nei listini...

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO

CRITERI DI PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO Criteri di Progettazione Del Magazzino Nozioni di base CRITERI DI PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO Impiegare le unità di carico più adatte Utilizzare lo spazio nel modo migliore (soppalchi, larghezza e numero

Dettagli

Securtex INDUSTRIA ENERGIA E PETROLCHIMICA ABBIGLIAMENTO PROTETTIVO E DIVISE

Securtex INDUSTRIA ENERGIA E PETROLCHIMICA ABBIGLIAMENTO PROTETTIVO E DIVISE INDUSTRIA ENERGIA E PETROLCHIMICA Securtex s.r.l. - Roma 00172 - Via Pietro Castelli, 62 - Tel. ++39 062300140-0645420362 Fax ++39 062307808 www.securtex.it email info@securtex.it SECURTEX Articolo : WALL32

Dettagli

Eurocodici Strutturali

Eurocodici Strutturali Eurocodici Strutturali 5 Capitolo Strutture in acciaio Rappresentazione saldature Unificazione viti/bulloni Indicazioni pratiche collegamenti bullonati Rappresentazione bullonature Caratteristiche dimensionali

Dettagli

Visualiner Assetto ruote 3D

Visualiner Assetto ruote 3D Visualiner Assetto ruote 3D Visualiner 3D¹ 3D La tridimensionalità dell allineamento ruote Rapido, preciso e robusto gli allineatori 3D John Bean si distinguono per allineamenti veloci e di alta qualità.

Dettagli