Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "818.141.11 Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1"

Transcript

1 Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1 del 13 gennaio 1999 (Stato 1 gennaio 2008) Il Dipartimento federale dell interno, visto l articolo 3 capoverso 3 dell ordinanza del 13 gennaio sulla dichiarazione, ordina: Art. 1 Oggetto 1 La presente ordinanza definisce le osservazioni soggette all obbligo di dichiarazione da parte di medici e laboratori relativamente alle malattie trasmissibili dell uomo. Essa ne fissa pure i criteri e i termini e stabilisce quali dichiarazioni devono permettere l identificazione delle persone (allegato 1). 2 I termini di dichiarazione indicati negli allegati valgono anche per i medici cantonali nonché per l Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Art. 2 Prime dichiarazioni Le osservazioni che i medici sono tenuti a dichiarare sono menzionate nell allegato 2. Art. 3 Dichiarazioni dei laboratori Le osservazioni che i laboratori sono tenuti a dichiarare sono menzionate nell allegato 3. Art. 4 Dichiarazioni complementari Le dichiarazioni complementari che i medici cantonali richiedono ai medici dopo una prima dichiarazione o una dichiarazione di laboratorio sono menzionate nell allegato 4. Art. 4a 3 Disposizione transitoria della modifica del 16 gennaio 2006 Per tutti i medici e laboratori vale fino al 30 settembre 2006 un termine di denuncia di un giorno riguardo alle osservazioni che devono essere dichiarate entro due ore secondo agli allegati 2 e 3. RU Nuovo testo giusta il n. I dell O del DFI del 15 dic (RU ). 2 RS Introdotto dal n. I dell O del DFI del 16 gen (RU ). 1

2 Lotta contro le malattie Art. 5 Entrata in vigore La presente ordinanza entra in vigore il 1 marzo

3 Dichiarazioni di medici e laboratori Dichiarazioni che permettono l identificazione delle persone Allegato 1 4 (art. 1) (Stato gennaio 2008) Elenco delle dichiarazioni che i medici e i laboratori devono sempre effettuare in modo da permettere l identificazione delle persone (con cognome e nome della persona interessata). Prima dichiarazione del medico Dichiarazione del laboratorio Antrace Bacillus anthracis Botulismo Clostridium botulinum, Clostridium botulinum-toxin Difterite Corynebacterium diphtheriae Epiglottite Haemophilus influenzae Febbri emorragiche virali/ Virus delle febbri emorragiche febbre gialla/vaiolo Gonorrea Neisseria gonorrhoeae Influenza A (nuovo subtipo, «influenza aviario») Virus Influenza A (nuovo subtipo, HxNy) Malattia di Creuzfeldt-Jakob Prioni Malattia invasiva da meningococchi Neisseria meningitidis Morbillo Virus del morbillo Peste Yersinia pestis Poliomielite Virus della poliomielite Rabbia Virus della rabbia SARS (sindrome respiratoria acuta SARS-Coronavirus severa) Sifilide Treponema pallidum Tubercolosi Complesso mycobacterium tuberculosis Tularemia Francisella tularensis 4 Nuovo testo giusta il n. I dell O del DFI del 20 nov. 2007, in vigore dal 1 gen (RU ). 3

4 Lotta contro le malattie Prima dichiarazione del medico Dichiarazione del laboratorio Vaiolo (Variola/Vaccinia) Virus del vaiolo (Variola/Vaccinia) West-Nile-Virus Legionella Salmonella Virus dell epatite A Virus dell epatite B Virus dell epatite C Virus della rosolia 4

5 Dichiarazioni di medici e laboratori Allegato 2 5 (art. 2) Prime dichiarazioni dei medici (Stato gennaio 2008) Elenco delle osservazioni che i medici che lavorano negli ospedali devono dichiarare di propria iniziativa ai medici cantonali competenti. Oggetto Criteri di dichiarazione e altre indicazioni necessarie Dichiarare entro due ore; via telefono Antrace (Carbonchio) Sospetto clinico dopo consultazione*, conducendo ad un esame di laboratorio specifico al germe. Botulismo Sospetto clinico che determina un esame di laboratorio (non si tratta di botulismo da ferita o botulismo infantile). Febbri emorragiche virali-ebola, Marburg, Crimea-Congo, Lassaed altri virus d Arena Peste SARS (sindrome respiratoria acuta severa) Vaiolo Influenza A (nuovo subtipo, «influenza aviario») Sospetto clinico dopo consultazione*, conducendo ad un esame di laboratorio specifico al germe. Sospetto clinico dopo consultazione*, conducendo ad un esame di laboratorio specifico al germe. Sospetto clinico dopo consultazione*, conducendo ad un esame di laboratorio specifico al germe; legame epidemiologico. Sospetto clinico dopo consultazione*, conducendo ad un esame di laboratorio specifico al germe. Sospetto clinico dopo consultazione*, conducendo ad un esame di laboratorio; specifico al germe legame epidemiologico. * di un/a collega con un titolo di specialista FMH per le malattie infettive (o medicina tropicale e medicina di viaggio) Elenco delle osservazioni che i medici devono dichiarare di propria iniziativa ai medici cantonali competenti. 5 Nuovo testo giusta il n. I dell O del DFI del 20 nov. 2007, in vigore dal 1 gen (RU ). 5

6 Lotta contro le malattie Oggetto Criteri di dichiarazione e altre indicazioni necessarie Dichiarare entro un giorno Aumento dei casi 2 casi inattesi (per la stagione, le persone, ecc.) o minacciosi provenienti dallo stesso luogo anche quando provocati da agenti patogeni non soggetti all obbligo di dichiarazione. Difterite Somministrazione di antitossina. Epiglottide triade: 1. febbre, 2. mal di gola, 3. stridore inspiratorio (non dichiarare lo pseudocrup). Febbre gialla ed altre febbri emorragiche (differenti da quelli elencati sopra) Morbillo Poliomielite Rabbia Sospetto di malattia invasiva da meningococchi Tularemia Dichiarare entro una settimana Malattia di Creutzfeldt-Jakob Malaria (Paludismo) Tetano Tubercolosi triade: 1. soggiorno in regioni endemiche 3 settimane prima o sospetto di attentato bioterroristico, 2. febbre senza paludismo, 3. petecchie o eruzioni cutanee o segni di un decorso grave. Indicare la diagnosi e i Paesi visitati. triade: 1. febbre, 2. esantema maculo-papuloso, 3. tosse, rinite o congiuntivite. sospetto clinico. sospetto clinico. meningismo o disturbi della coagulazione (in particolare emorragie cutanee) o di altri sistemi organici (p. es. annebbiamento della coscienza, calo della pressione sanguigna). sospetto clinico. dopo indagine neurologica residenziale, secondo i criteri europei per CJD sporadica: 1. demenza progressiva, 2. reperto EEG o proteine, 3. 2 di 4 segni clinici. febbre e test positivo del paludismo (microscopico o test rapido). diagnosi clinica. inizio di terapia con 3 antitubercolotici diversi o la messa in evidenza in coltura di micobatteri del complesso m. tubercolosis (escluse la chemioprofilassi e la reazione positiva alla tubercolina). 6

7 Dichiarazioni di medici e laboratori Allegato 3 6 (art. 3) Dichiarazioni dei laboratori (Stato gennaio 2008) Elenco delle osservazioni che i laboratori devono dichiarare di propria iniziativa ai medici cantonali competenti e all UFSP. Metodoa Commento e altri dati necessari Dichiarare entro due ore; via telefono B. anthracis C G A S Data del prelievo, materiale, PCR. C. botulinum C A S Data del prelievo, materiale, metodo sierologico, messa in evidenza della tossina; non si tratta di botulismo da ferita o botulismo infantile. Febbri emorragiche virali-ebola, Marburg, Crimea-Congo, Lassaed altri virus d Arena Virus Influenza A (nuovo subtipo con potenziale pandemico) C G A S C G A IgM o sieroconversione, agente, data del prelievo. Data del prelievo, materiale, tipo; le prove sono da inviare ad uno dei centri di referenza indicati dall UFSP. SARS-Coronavirus C G S Data del prelievo, materiale; devono essere dichiarati sia i risultati positivi che negativi; le prove sono da inviare ad uno dei centri di referenza indicati dall UFSP. Virus del vaiolo C G E S Data del prelievo, materiale, aumento del titolo; le prove sono da inviare al centro di referenza indicato dall UFSP. Y. pestis C G A S Data del prelievo, materiale, metodo sierologico, IgM, aumento del titolo IgG 4 o sieroconversione. Dichiarare entro un giorno Aumento dei casi b Dettagli: cosa, chi, quanto, da quando. C. diphtheriae C Data del prelievo, materiale, metodo, tipo, messa in evidenza della tossina. 6 Nuovo testo giusta il n. I dell O del DFI del 20 nov. 2007, in vigore dal 1 gen (RU ). 7

8 Lotta contro le malattie Metodoa Commento e altri dati necessari Febbri emorragiche virali (differenti da quelli elencati sopra) C G S IgM o sieroconversione, agente, data del prelievo. F. tularensis C G S Data del prelievo, materiale, metodo sierologico, risultato. H. influenzae C Solo da luogo normalmente sterile; data del prelievo, materiale, tipo. N. meningitidis C G M Solo da luogo normalmente sterile, Diplococchi Gram negativi nel liquore, data del prelievo, materiale, sierogruppo. V. cholerae C Virus del morbillo C G A S Data del prelievo, metodo sierologico, IgM, aumento del titolo 4, sieroconversione. Virus della poliomielite Virus della rabbia C G S Aumento del titolo 4, sieroconversione, data del prelievo. C Virus della rosolia C G S Metodo sierologico (IgM, aumento significante del titolo anticorpale, sieroconversione, avidità-igg, persistenza di IgG nel nuovo nato), data del prelievo, materiale. Dichiarare entro una settimana Brucella C Data del prelievo, specie, materiale, risultato. Campylobacter C Data del prelievo, specie. Complesso m. tuberculosis C Data del prelievo, materiale, specie, messa in evidenza dei bacilli acidoresistenti nello sputum, esame della resistenza. C. trachomatis C G A Solo del tratto genitale. Data del prelievo, materiale, metodo. EHEC verotossina pos. Encefalite virale da zecche C G S Data del prelievo, metodo, sierotipo, tipo di tossina. Data del prelievo, metodo, risultato, IgM, aumento del titolo 4, sieroconversione. 8

9 Dichiarazioni di medici e laboratori Metodoa Commento e altri dati necessari HIV C G A S Secondo il concetto di test (Boll. UFSP 2006, n. 51: ), gruppo, tipo. Informazioni supplementari vanno richieste al medico curante mediante la dichiarazione complementare HIV/Aids (allegato 4). Dichiarare all UFSP fino al 31 gennaio dell anno succcessivo: tutti i test che sono stati eseguiti durante l anno, tra i quali il numero dei test reattivi, tra cui il numero dei test confermati positivi. Statistica sui testdiagnostici (senza donazione di sangue) ed elencazione separata dei test eseguiti nel quadro della donazione di sangue. Legionella C G A S Data del prelievo, materiale, metodo sierologico, titolo degli anticorpi, specie, PCR. Dichiarare all UFSP fino al 31 gennaio dell anno succcessivo: tutti i testi che sono stati effettuati durante l anno (secondo il metodo ed il materiale prelevato), ed il numero dei tests positivi tra essi. L. monocytogenes C Data del prelievo, materiale. N. gonorrhoeae C G Data del prelievo. Plasmodium Data del prelievo, specie, metodo (microscopico, test rapido). Prioni Data del prelievo, materiale, istologia, messa in evidenza di PrP Sc, proteine nel liquor in caso di sospetto di CJD. Salmonella C Data del prelievo, materiale, specie, tipo. Shigella C Data del prelievo, specie. S. pneumoniae C G Solo da luogo normalmente sterile; data del prelievo, materiale, tipo. T. pallidum G M S Data del prelievo, materiale, titolo degli anticorpi, metodo sierologico (VDRL/RPR, TPHA/TPPA, FTA-Abs); non è necessaria una dichiarazione per eseguire unicamente un test positivo non specifico VDRL/RPR, anche se combinato con un test negativo specifico [TPHA/TPPA, FTA-Abs]. 9

10 Lotta contro le malattie Metodoa Commento e altri dati necessari Virus della chikungunya Virus dell epatite A Virus dell epatite B Virus dell epatite C Virus dell influenza (stagionale, tipi e subtipi nonpandemici) West-Nile-Virus (WNV) C G S Data del prelievo, IgM. S A S G A S C G A S Anti-HAV-IgM; data del prelievo. HBsAg e/o anti-hbc-igm; data del prelievo. anti-hcv con test di conferma positivo e/o PCR e/o antigene core; data del prelievo, metodo. Data del prelievo, materiale, tipo. G S PCR; eventualmente: differenziare WNV/Kunjin, indicazione sulla provenienza ( I oppure II ) se WNV. a b C=coltura/isolato; G=genoma (DNA/RNA); A=antigene; E=microscopia elettronica, M =microscopia; S=sierologia. > 2 inattesi (per stagione, persone, ecc.) o casi minacciosi provenienti dallo stesso luogo anche quando provocati da agenti patogeni non soggetti all obbligo di dichiarazione. 10

11 Dichiarazioni di medici e laboratori Allegato 4 7 (art. 4) Dichiarazioni complementari dei medici (Stato gennaio 2008) Elenco delle dichiarazioni complementari che i medici cantonali devono richiedere ai medici curanti a. Dopo la prima dichiarazione del medico Dopo la dichiarazione di laboratorio Entro un giorno Antrace Bacillus anthracis Botulismo Clostridium botulinum, Clostridium botulinum-toxin Aumento dei casi (se necessità di indagini) Aumento dei casi (se necessità di indagini) Difterite Corynebacterium diphtheriae Epiglottite Haemophilus influenzae Febbre emorragica virale/ Virus della febbre emorragica febbre gialla Influenza A (nuovo subtipo, «influenza aviario») Malattia invasiva da meningococchi Virus Influenza A (nuovo subtipo, HxNy) Neisseria meningitidis Morbillo Virus del morbillo Poliomielite Virus della poliomielite Rabbia Virus della rabbia SARS (sindrome respiratoria acute SARS-Coronavirus severa) Tularemia Francisella tularensis Vaiolo (Variola/Vaccinia) Virus del vaiolo (Variola/Vaccinia) Peste Yersinia pestis Vibrio cholerae Virus della rosolia 7 Nuovo testo giusta il n. I dell O del DFI del 20 nov. 2007, in vigore dal 1 gen (RU ). 11

12 Lotta contro le malattie Dopo la prima dichiarazione del medico Dopo la dichiarazione di laboratorio Entro una settimana AIDS Virus HI Malattia di Creutzfeldt-Jakob Prioni Paludismo Plasmodium Sindrome neurologica con sospetto di tetano Tubercolosi Complesso mycobacterium tuberculosis Escherichia coli enteroemorragica Legionella Neisseria gonorrhoeae Salmonella (para)typhi Streptococcus pneumoniae Treponema pallidum Virus della chikungunya Virus dell encefalite da zecche Virus dell epatite A Virus dell epatite B Virus dell epatite C West-Nile-Virus a In caso di HIV i laboratori incaricati della conferma inviano il modulo complementare al medico committente. 12

Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori

Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Modifica del 15 dicembre 2003 Il Dipartimento federale dell interno ordina: I L ordinanza del 13 gennaio 1999 1 concernente le dichiarazioni

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Modifica del 18 giugno 2009 Il Dipartimento federale dell interno (DFI) ordina: I Gli allegati 1 4 dell ordinanza del DFI del 13 gennaio

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1 Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1 818.141.11 del 13 gennaio 1999 (Stato 1 gennaio 2014) Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visto l articolo 3 capoverso 3

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Modifica del 20 novembre 2007 Il Dipartimento federale dell interno ordina: I Gli allegati 1-4 dell ordinanza del DFI del 13 gennaio

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1 Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1 818.141.11 del 13 gennaio 1999 (Stato 1 gennaio 2011) Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visto l articolo 3 capoverso 3

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2000D0096 IT 05.09.2012 006.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 22 dicembre 1999 relativa

Dettagli

Ordinanza del DFI sulla dichiarazione di osservazioni relative alle malattie trasmissibili dell essere umano

Ordinanza del DFI sulla dichiarazione di osservazioni relative alle malattie trasmissibili dell essere umano Ordinanza del DFI sulla di osservazioni relative alle malattie trasmissibili dell essere uma del 1 dicembre 2015 (Stato 1 gennaio 2016) Il Dipartimento federale dell inter (DFI), visto l articolo 19 dell

Dettagli

Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive

Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive Aggiornamento alla GU 06/09/98 209. MALATTIE INFETTIVE E SOCIALI A) Malattie infettive e diffusive - Norme generali D.M. 15 dicembre 1990 (1). Sistema

Dettagli

Ordinanza del DFI sulla dichiarazione di osservazioni relative alle malattie trasmissibili dell essere umano

Ordinanza del DFI sulla dichiarazione di osservazioni relative alle malattie trasmissibili dell essere umano Ordinanza del DFI sulla di osservazioni relative alle malattie trasmissibili dell essere uma del 1 dicembre 2015 Il Dipartimento federale dell inter (DFI), visto l articolo 19 dell ordinanza del 29 aprile

Dettagli

Denuncia di Malattia Infettiva

Denuncia di Malattia Infettiva Denuncia di Malattia Infettiva Strumento determinante per la sorveglianza sulle malattie infettive insorgenti sul territorio con applicazione delle misure di profilassi e controllo al fine di impedire

Dettagli

Ordinanza del DFI sulla dichiarazione di osservazioni relative alle malattie trasmissibili dell essere umano

Ordinanza del DFI sulla dichiarazione di osservazioni relative alle malattie trasmissibili dell essere umano Ordinanza del DFI sulla di osservazioni relative alle malattie trasmissibili dell essere uma del 1 dicembre 2015 (Stato 1 gennaio 2017) Il Dipartimento federale dell inter (DFI), visto l articolo 19 dell

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE L 86/44 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 19 marzo 2002 che stabilisce la definizione dei casi ai fini della dichiarazione delle malattie trasmissibili alla rete di sorveglianza comunitaria istituita ai

Dettagli

Prevenzione generale delle malattie infettive

Prevenzione generale delle malattie infettive Prevenzione generale delle malattie infettive la sorveglianza epidemiologica l indagine epidemiologica isolamento e contumacia disinfezione e sterilizzazione Sorveglianza epidemiologica: definizione La

Dettagli

Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale

Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale Regione Emilia-Romagna Deliberazione della Giunta Regionale N 186/2005 del

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino

IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino Torino 17 febbraio 2016 RISULTATI DI 11 ANNI DI ATTIVITÀ (2005-2015)

Dettagli

15. Bioterrorismo. Keystone LaPresse

15. Bioterrorismo. Keystone LaPresse 15. Bioterrorismo Keystone LaPresse Bioterrorismo In relazione allo scenario determinatosi a seguito degli eventi dell 11 settembre 2001, in Italia sono state intraprese iniziative per fronteggiare le

Dettagli

(Atti non legislativi) DECISIONI

(Atti non legislativi) DECISIONI 27.9.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 262/1 II (Atti non legislativi) DCISIONI DCISION DI SCUZION DLLA COMMISSION dell 8 agosto 2012 recante modifica della decisione 2002/253/C che stabilisce

Dettagli

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA Pagina 1 di 6 CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA 1 TITOLO...2 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...2 3 DECRIZIONE DELLE ATTIVITA'...2 3.1 Introduzione...2 3.2 Criteri generali di individuazione dei microrganismi

Dettagli

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV)

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) FSME (Frühsommermeningoenzephalitis) Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) 95 West Nile Virus Foto: CNN Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) DEFINIZIONE La febbre del Nilo

Dettagli

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI S.I.S.P. - U.O.S. Epidemiologia e Profilassi Malattie Infettive Dr.ssa Andreina Ercole La meningite batterica Evento raro, nei paesi industrializzati,

Dettagli

www.bayes.it - Le analisi tradizionali - statistiche area microbiologia per gruppo - ver 1.0 Pagina 1 di 6

www.bayes.it - Le analisi tradizionali - statistiche area microbiologia per gruppo - ver 1.0 Pagina 1 di 6 sierologia virus VIRUS EPATITE C [HCV] ANTICORPI 3 5,66372 sierologia virus VIRUS EPATITE B [HBV] ANTIGENE HBsAg 4 5,61642 sierologia virus VIRUS IMMUNODEF. ACQUISITA [HIV 1-2] ANTICORPI 5 4,10649 sierologia

Dettagli

metodo Denominazione del test regionale

metodo Denominazione del test regionale Denominazione del test Indagini microbiologiche Anaerobi ricerca 90.84.3 Materiale biologico 7 Colturale Anaerobi identificazione biochimica 90.84.2 Da coltura 3 Biochimico Antibiogramma anerobi 90.84.1

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

Esami di qualificazione biologica su ogni donazione

Esami di qualificazione biologica su ogni donazione Esami di qualificazione biologica su ogni donazione HCV Ab, HCV-RNA (da giugno 2002) HIV 1-2 Ab, HIV1-RNA (da giugno 2008) HBsAg, HBV-DNA (da giugno 2008) Sierodiagnosi per la lue Decreto Ministro della

Dettagli

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale UOC di Microbiologia e Virologia DAI di Patologia e Diagnostica AOUI di Verona MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI E SORVEGLIANZA DELLE

Dettagli

Test di laboratorio nelle malattie epatiche e pancreatiche

Test di laboratorio nelle malattie epatiche e pancreatiche Parte 3a. Epatiti Test di laboratorio nelle malattie epatiche e pancreatiche Fiumicino, 16 aprile 2016 www.cos.it/mediter Dr. Ugo Montanari Epatiti: tests diagnostici - 1 Indicazioni cliniche Tipo di richiesta

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Epidemiologia e Prevenzione BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO MALATTIE INFETTIVE AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Epidemiologia e Prevenzione BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO MALATTIE INFETTIVE AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO DIRETTORE GENERALE Ing. Sergio Florio Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Epidemiologia e Prevenzione BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO MALATTIE INFETTIVE AZIENDA SANITARIA LOCALE

Dettagli

Report Malattie infettive situazione gennaio-maggio 2009

Report Malattie infettive situazione gennaio-maggio 2009 NUOVA INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 Le ultime settimane hanno visti impegnati molti operatori del SSR nella pandemia da nuovo virus influenzale A H1N1 : ciò ha consentito di verificare i percorsi e attuare

Dettagli

Come e quando fare i test. Antonino Di Caro INMI

Come e quando fare i test. Antonino Di Caro INMI Come e quando fare i test Antonino Di Caro INMI Come e quando fare il test Antonino Di Caro, antonino.dicaro@inmi.it Maria Rosaria Capobianchi, maria.capobianchi@inmi.it Concetta Castilletti, concetta.castilletti@inmi.it

Dettagli

11 settembre 2001. Niente sarà più come prima

11 settembre 2001. Niente sarà più come prima 11 settembre 2001 Niente sarà più come prima Alle 8,45 un Boeing 767 dell American Airlines si schianta contro la torre Nord del World Trade Center, nel cuore del quartiere finanziario di New York. Alle

Dettagli

I RISULTATI DELL ATTIVITÀ DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE. Anna Barbui S.C. Microbiologia AOU San Giovanni Battista di Torino

I RISULTATI DELL ATTIVITÀ DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE. Anna Barbui S.C. Microbiologia AOU San Giovanni Battista di Torino I RISULTATI DELL ATTIVITÀ DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia AOU San Giovanni Battista di Torino Sorveglianza delle malattie batteriche invasive Diagnosi di laboratorio

Dettagli

L ESSENZIALE IN BREVE

L ESSENZIALE IN BREVE Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Unità di direzione sanità pubblica Direttive e raccomandazioni: Prevenzione di trasmissione ai pazienti delle malattie

Dettagli

Chlamydia MIF IgM. Caratteristiche prestazionali. Codice prodotto IF1250M Rev. I. Distribuzione esclusiva al di fuori degli Stati Uniti

Chlamydia MIF IgM. Caratteristiche prestazionali. Codice prodotto IF1250M Rev. I. Distribuzione esclusiva al di fuori degli Stati Uniti Codice prodotto IF1250M Rev. I Caratteristiche prestazionali Distribuzione esclusiva al di fuori degli Stati Uniti VALORI ATTESI Popolazione con polmonite acquisita in comunità Due sperimentatori esterni

Dettagli

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza Dott.ssa Nadia Gussetti U.O. Malattie

Dettagli

I compiti del Servizio Igiene Pubblica nell ambito della sorveglianza sanitaria delle malattie infettive trasmesse da vettori.

I compiti del Servizio Igiene Pubblica nell ambito della sorveglianza sanitaria delle malattie infettive trasmesse da vettori. West Nile Disease e altre malattie a trasmissione vettoriale nel territorio regionale. I compiti del Dipartimento di Sanità Pubblica Venerdì 15 aprile 2011 Sala Galloni I compiti del Servizio Igiene Pubblica

Dettagli

Valori di Riferimento degli esami eseguiti nell'u.o. Microbiologia

Valori di Riferimento degli esami eseguiti nell'u.o. Microbiologia Pagina 1 di 5 Ab anti Adenovirus IgG Anticorpi anti Adenovirus IgG Ab anti Adenovirus IgG : < 8.5 Ab anti Adenovirus IgM Anticorpi anti Adenovirus IgM Ab anti Adenovirus IgM : < 8.5 Ab anti Bartonella

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI Alcune malattie infettive ad eziologia virale e andamento benigno nei soggetti immunocompetenti, se sono contratte durante la gravidanza, possono rappresentare

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

OBBLIGO E MODALITA' DI NOTIFICA DELLE MALATTIE INFETTIVE: LINEE-GUIDA SCHEDE DI NOTIFICA MALATTIE INFETTIVE OPUSCOLI INFORMATIVI

OBBLIGO E MODALITA' DI NOTIFICA DELLE MALATTIE INFETTIVE: LINEE-GUIDA SCHEDE DI NOTIFICA MALATTIE INFETTIVE OPUSCOLI INFORMATIVI OBBLIGO E MODALITA' DI NOTIFICA DELLE MALATTIE INFETTIVE: LINEE-GUIDA SCHEDE DI NOTIFICA MALATTIE INFETTIVE OPUSCOLI INFORMATIVI A CURA DI: dr.ssa Giuseppina Bartolomei Servizio Igiene e Sanità Pubblica

Dettagli

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma TETANO - Anatossina - Tempi 0, 1, 6 mesi - Richiami ogni 10 anni dopo almeno

Dettagli

Vedi note. 10 Acanthamoeba, coltura. Tempi di

Vedi note. 10 Acanthamoeba, coltura. Tempi di Tempi di N.B. i tempi di risposta riportati si riferiscono ai tempi tecnici per l'esecuzione dell'indagine. In caso di richieste contenenti più esami, il tempo risultante è dato dall'esame più lungo 10

Dettagli

Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita

Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita (riservato al Ministero della Salute) Codice identificativo Regione Provincia Comune Sezione 1 - INFORMAZIONI ANAGRAFICHE del PAZIENTE

Dettagli

ASL Lecco. Regione Lombardia DELIBERAZIONE N. DEL. OGGETTO: CONVENZiONE PER L EFFETTUAZIONE DI INDAGINI DI LABORATORIO.

ASL Lecco. Regione Lombardia DELIBERAZIONE N. DEL. OGGETTO: CONVENZiONE PER L EFFETTUAZIONE DI INDAGINI DI LABORATORIO. INDAGIN I STRUMENTALI E VISITE SPECIALISTICHE EROGABIL I DELLE MALATTIE INFETTIVE E SORVEGLIANZA DELL INFEZIONE DA NELL AMBITO DEGLI INTERVENTI DI PROFILASSI PER IL CONTROLLO OGGETTO: CONVENZiONE PER L

Dettagli

La conferma di laboratorio della rosolia

La conferma di laboratorio della rosolia La conferma di laboratorio della rosolia La risposta anticorpale all infezione post-natale da rosolia IgG Rash IgM Prodromi INCUBAZIONE 0 7 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 27 35 42 VIREMIA ESCREZIONE

Dettagli

VISTO il D.L.vo 30 dicembre 1992 n. 502 e il D.L.vo 7 dicembre 1993 n. 517, in particolare l art. 7;

VISTO il D.L.vo 30 dicembre 1992 n. 502 e il D.L.vo 7 dicembre 1993 n. 517, in particolare l art. 7; DELIBERAZIONE N. VII/18853 del 30.9.2004 Oggetto: Sorveglianza, notifica, controllo delle malattie infettive: revisione e riordino degli interventi di prevenzione in Regione Lombardia LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Antivirale, antibatterico, antifungo nanotecnologico

Antivirale, antibatterico, antifungo nanotecnologico descrizione X-Viral è una soluzione nanotecnologica pronta all uso. Viene usata per disinfettare le superfici. X-Viral si basa sulla tecnologia Bacoban, di cui ne rispetta le percentuali di principio attivo

Dettagli

MILANO - MARTEDÌ, 19 OTTOBRE 2004. Sommario

MILANO - MARTEDÌ, 19 OTTOBRE 2004. Sommario REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - MARTEDÌ, 19 OTTOBRE 2004 1º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XIV - N. 246 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 -

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2011- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - I dati estratti dal

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

ECOLOGICI INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE L AMBIENTE INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE LA FONTE IMMUNOPROFILASSI. primaria CHEMIOPROFILASSI

ECOLOGICI INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE L AMBIENTE INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE LA FONTE IMMUNOPROFILASSI. primaria CHEMIOPROFILASSI ECOLOGICI ambiente INDIRETTA (mediata) Educazione sanitaria DELLA PERSONA Informazione sanitaria Formazione sanitaria DIRETTA (immediata) disinfezione sterilizzazione GENERICA INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE

Dettagli

LE MALATTIE INFETTIVE

LE MALATTIE INFETTIVE LE MALATTIE In base alla loro eziologia (cioè alle loro cause) le malattie possono essere distinte in e NON. Le malattie infettive sono causate da microrganismi, specialmente batteri e virus. Le malattie

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE E TRAUMATISMI ICD-9-CM 1997

CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE E TRAUMATISMI ICD-9-CM 1997 CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE E TRAUMATISMI ICD-9-CM 1997 CODICE 0010 Colera da Vibrio cholerae 0011 Colera da Vibrio cholerae el tor 0019 Colera non specificato 0020 Febbre tifoide 0021 Paratifo A 0022

Dettagli

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Padova 11 giugno 2007 Conferma di Laboratorio della Rosolia e Significato del Dosaggio degli Anticorpi Anna Piazza Giorgio Palù

Dettagli

Laurea in SCIENZE INFERMIERISTICHE CANALE C

Laurea in SCIENZE INFERMIERISTICHE CANALE C Laurea in SCIENZE INFERMIERISTICHE CANALE C (Sede: Policlinico Umberto I Roma) C.I. Promozione della Salute e Sicurezza Docente Igiene: Prof.ssa C. Marzuillo Docente Malattie Infettive: Prof. M Ciardi

Dettagli

MENU MALATTIA INFETTIVA/CONTAGIOSA INDICAZIONI E FORME DI ISOLAMENTO VIE DI TRASMISSIONE BUONE ABITUDINI

MENU MALATTIA INFETTIVA/CONTAGIOSA INDICAZIONI E FORME DI ISOLAMENTO VIE DI TRASMISSIONE BUONE ABITUDINI MALATTIA MENU INFETTIVA/CONTAGIOSA INDICAZIONI E FORME DI ISOLAMENTO VIE DI TRASMISSIONE BUONE ABITUDINI MALATTIA INFETTIVA/CONTAGIOSA Malattia infettiva : Insieme di manifestazioni anatomo-funzionali,

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA. Corso di formazione in materia di igiene e sicurezza del lavoro. Modulo 2 - Rischi chimici, cancerogeni, mutageni e biologici

UNIVERSITA DI PISA. Corso di formazione in materia di igiene e sicurezza del lavoro. Modulo 2 - Rischi chimici, cancerogeni, mutageni e biologici UNIVERSITA DI PISA Corso di formazione in materia di igiene e sicurezza del lavoro Modulo 2 - Rischi chimici, cancerogeni, mutageni e biologici Rischi biologici Prof. Daniela Reali Gennaio 2009 Titolo

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE I casi notificati

MALATTIE INFETTIVE I casi notificati I casi notificati di malattia infettiva sono in diminuzione. Sono in costante decremento nella popolazione generale i casi di tubercolosi; gli aumenti sono confinati a gruppi ad alto rischio; occorre consolidare,

Dettagli

Il supporto del Laboratorio Regionale nelle Emergenze Microbiologiche (CRREM)

Il supporto del Laboratorio Regionale nelle Emergenze Microbiologiche (CRREM) II Corso Nazionale Teorico Pratico Emergenze in Infettivologia Ferrara, 30 Settembre 2009 Il supporto del Laboratorio Regionale nelle Emergenze Microbiologiche (CRREM) Vittorio Sambri Laboratorio CRREM

Dettagli

ECDC SURVEILLANCE. Relazione epidemiologica annuale 2011. Infezioni del tratto respiratorio. Sintesi

ECDC SURVEILLANCE. Relazione epidemiologica annuale 2011. Infezioni del tratto respiratorio. Sintesi ECDC SURVEILLANCE Relazione epidemiologica annuale 2011 Sintesi La presente relazione descrive l'analisi dei dati di sorveglianza riferiti al 2009 per i 27 Stati membri dell'ue e tre Paesi SEE/EFTA, oltre

Dettagli

Pediatria Preventiva e Sociale

Pediatria Preventiva e Sociale Che cos è la meningite? La meningite è un infiammazione delle membrane che ricoprono il cervello e il midollo spinale, che può essere causata da virus o batteri. Le forme virali sono solitamente più lievi

Dettagli

SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA. Primo invio Aggiornamento

SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA. Primo invio Aggiornamento SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA (riservato al Ministero della Salute) Codice identificativo Primo invio Aggiornamento Regione Provincia Comune ASL Sezione 1

Dettagli

TREPONEMA PALLIDUM ANTICORPI ANTI CARDIOLIPINA (Flocculazione) [VDRL] [RPR] qualitativa

TREPONEMA PALLIDUM ANTICORPI ANTI CARDIOLIPINA (Flocculazione) [VDRL] [RPR] qualitativa ESAME COLTURALE DELL' URINA [URINOCOLTURA]; Ricerca completa microrganismi e lieviti patogeni. Incluso: conta batterica 1 15,24631 15,24631 sierologia parassiti TOXOPLASMA ANTICORPI (E.I.A.) Per classe

Dettagli

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI 1 Prima Stesura Redattori : Cosenza Data: 20-01-2014 SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4 DESCRIZIONE ATTIVITÀ...

Dettagli

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Incontriamo i Medici competenti Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Intervento a cura di: Marino Faccini Milano 28 maggio 2014 Le vaccinazioni hanno sempre un impatto di Sanità Pubblica Contesto

Dettagli

DESCRIZIONE FORNITURA DI DIAGNOSTICI METODICHE MANUALI RAPIDE PER EMATOLOGIA, IMMUNOLOGIA E CHIMICA CLINICA PER IL PERIODO DI DODICI MESI IMMUNOLOGIA

DESCRIZIONE FORNITURA DI DIAGNOSTICI METODICHE MANUALI RAPIDE PER EMATOLOGIA, IMMUNOLOGIA E CHIMICA CLINICA PER IL PERIODO DI DODICI MESI IMMUNOLOGIA ALLEGATO A - LOTTO B DESCRIZIONE FORNITURA DI DIAGNOSTICI METODICHE MANUALI RAPIDE PER EMATOLOGIA, IMMUNOLOGIA E CHIMICA CLINICA PER IL PERIODO DI DODICI MESI IMMUNOLOGIA LOTTO B FABBISOGNO ANNUALE REAGENTI

Dettagli

Epidemiologia delle malattie infettive

Epidemiologia delle malattie infettive Relazione Sanitaria 2000 Rapporto n. 6 Epidemiologia delle malattie infettive Riassunto Le misure di frequenza delle malattie infettive risentono in maniera importante del fenomeno della sottonotifica.

Dettagli

Tempi necessari alla esecuzione del. Vedi note NOME DELLA PRESTAZIONE. 10 Acanthamoeba, coltura

Tempi necessari alla esecuzione del. Vedi note NOME DELLA PRESTAZIONE. 10 Acanthamoeba, coltura Tempi necessari alla del test (gg) N.B. i tempi riportati si riferiscono ai tempi necessari non tanto all del test in se stesso, quanto al tempo complessivo necessario. In caso di richieste contenenti

Dettagli

Streptococcus. Streptococcus. pneumoniae. Neisseria meningitidis. coltura positiva. coltura negativa. gruppo B

Streptococcus. Streptococcus. pneumoniae. Neisseria meningitidis. coltura positiva. coltura negativa. gruppo B Diagnosi e tipizzazione di IPD in biologia molecolare direttamente da campione clinico in pazienti con terapia antibiotica in atto Cristina Massai Clinica Pediatrica II Ospedale Meyer Università di Firenze

Dettagli

MALATTIE A TRASMISSIONE AEROGENA

MALATTIE A TRASMISSIONE AEROGENA MALATTIE A TRASMISSIONE AEROGENA Malattie Infettive: cosa sapere? DEFINIZIONE: di cosa si tratta? Quanto ègrave? EZIOLOGIA: di che classe è l agente? Che caratteristiche ha? SERBATOIO: L agente vive normalmente

Dettagli

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE MISURE di ISOLAMENTO 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio 1 PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE La Profilassi mira ad impedire l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive

Dettagli

http://www.pforster.ch/ftc/csa/patologia/infezioni/infezbat... Relatori, Dispense: Dott.essa C. Gutti e Dr. A Bernasconi HOME

http://www.pforster.ch/ftc/csa/patologia/infezioni/infezbat... Relatori, Dispense: Dott.essa C. Gutti e Dr. A Bernasconi HOME Malattie infettive batteriche Appunti: patologia per terapisti complementari Redazione online Autrice: Bianca Buser Illustrazioni, links: P.Forster Relatori, Dispense: Dott.essa C. Gutti e Dr. A Bernasconi

Dettagli

04/04/2011 USO IMPROPRIO DEI MICRORGANISMI: LA GUERRA BIOLOGICA. Non è una idea nuova... caratteristiche ideali di un arma biologica:

04/04/2011 USO IMPROPRIO DEI MICRORGANISMI: LA GUERRA BIOLOGICA. Non è una idea nuova... caratteristiche ideali di un arma biologica: USO IMPROPRIO DEI MICRORGANISMI: LA GUERRA BIOLOGICA Non è una idea nuova... caratteristiche ideali di un arma biologica: 1) facile da produrre Bio weapon Quando si parla di guerra biologica ci si riferisce

Dettagli

LE DENUNCE SANITARIE

LE DENUNCE SANITARIE LE DENUNCE SANITARIE DENUNCIA SANITARIA E l atto con cui il medico informa una pubblica Autorità di fatti o notizie appresi nell esercizio della professione, di cui è obbligato a riferire per disposizione

Dettagli

RILEVAZIONE DI AGENTI CHIMICI, BIOLOGICI, RADIOLOGICI E NUCLEARI (CBRN): PRESENTAZIONE DEGLI ASPETTI TECNOLOGICI

RILEVAZIONE DI AGENTI CHIMICI, BIOLOGICI, RADIOLOGICI E NUCLEARI (CBRN): PRESENTAZIONE DEGLI ASPETTI TECNOLOGICI 186 CDS 05 E Originale: inglese DIMENSIONE CIVILE DELLA SICUREZZA Assemblea parlamentare della NATO RILEVAZIONE DI AGENTI CHIMICI, BIOLOGICI, RADIOLOGICI E NUCLEARI (CBRN): PRESENTAZIONE DEGLI ASPETTI

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE Docente Titolare del corso: Dr. Antonio Romaniello Corso di Laurea : _FARMACIA Obiettivi formativi generali (risultati di apprendimento previsti

Dettagli

Zoonosi occupazionali storia

Zoonosi occupazionali storia Zoonosi come malattie occupazionali DSPVPA storia Fin dall antichità malattie associate ad attività lavorative a contatto con animali: 425 a.c. Tito Livio scabbia in contadini e schiavi IV sec. Renato

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE E TRAUMATISMI ICD-9-CM 2002

CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE E TRAUMATISMI ICD-9-CM 2002 CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE E TRAUMATISMI ICD-9-CM 2002 CODICE 0010 COLERA DA VIBRIO CHOLERAE 0011 COLERA DA VIBRIO CHOLERAE EL TOR 0019 COLERA NON SPECIFICATO 0020 FEBBRE TIFOIDE 0021 PARATIFO A 0022

Dettagli

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Roma, 6 Novembre 2012 HHV-7 ASSOCIATED MENINGOENCEPHALITIS: AN UNFORGETTABLE CLINICAL CASE Relatore: D.ssa Loria Bianchi

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre LE VACCINAZIONI Troverete copia gratis di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

Laboratorio Aziendale di Microbiologia e Virologia (LMV) Elenco delle Analisi Pagina 1 di 6

Laboratorio Aziendale di Microbiologia e Virologia (LMV) Elenco delle Analisi Pagina 1 di 6 Laboratorio Aziendale di Microbiologia e Virologia (LMV) Elenco delle Analisi Pagina 1 di 6 DENOMINAZIONE ANALISI METODO MATERIALE CONTENITORE GG RITIROTARIFFA ADENOVIRUS - RICERCA DIRETTA IFA CAMPIONI

Dettagli

Proteggere la salute in Europa: la nostra visione per il futuro

Proteggere la salute in Europa: la nostra visione per il futuro Proteggere la salute in Europa: la nostra visione per il futuro Obiettivi e strategie dell ECDC per il periodo 2007-2013 www.ecdc.europa.eu Crediti fotografici Tutte le fotografie ECDC, salvo: Prima di

Dettagli

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi IMPFDIENST Opuscolo informativo per genitori e allievi Servizio polmonare Argovia Gentili genitori Cari allievi e allieve Il servizio vaccinazioni, in collaborazione con i medici scolastici e il servizio

Dettagli

Sistema di segnalazione delle malattie infettive, diffusive o sospetto di esserlo e alert organism, nelle strutture ospedaliere INDICE

Sistema di segnalazione delle malattie infettive, diffusive o sospetto di esserlo e alert organism, nelle strutture ospedaliere INDICE Pag. 1 di 20 INDICE MODIFICHE...3 OGGETTO E SCOPO...3 OGGETTO...3 SCOPO...4 CAMPO DI APPLICAZIONE...4 RESPONSABILITA COINVOLTE...4 DEFINIZIONI...5 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...7 CONTENUTO...8 SEGNALAZIONE

Dettagli

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI 1 Prima Stesura Revisione 1 Redattori : Cosenza 20-01-2014 09-11-2015 SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2

Dettagli

832.105 Ordinanza sulla tessera d assicurato per l assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie

832.105 Ordinanza sulla tessera d assicurato per l assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie 832.105 Ordinanza sulla tessera d assicurato per l assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (OTeA) 1 del 14 febbraio 2007 (Stato 1 marzo 2007) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo

Dettagli

LINFOADENOMEGALIE. Reattive -infettive. Neoplastiche. Classificazione eziologica. - autoimmunitarie -metaboliche - tossico-medicamentose - aspecifiche

LINFOADENOMEGALIE. Reattive -infettive. Neoplastiche. Classificazione eziologica. - autoimmunitarie -metaboliche - tossico-medicamentose - aspecifiche LINFOADENOMEGALIE Classificazione eziologica Reattive -infettive Neoplastiche - autoimmunitarie -metaboliche - tossico-medicamentose - aspecifiche LINFOADENOMEGALIE inquadramento eziologico Infettive Cause

Dettagli

Prezzo Unitario (in cifre) Quantità Annuale. Codice. Descrizione Materiale. Prezzo Complessivo. Ditta/A.T.I partecipante. (importo in cifre)

Prezzo Unitario (in cifre) Quantità Annuale. Codice. Descrizione Materiale. Prezzo Complessivo. Ditta/A.T.I partecipante. (importo in cifre) Allegato B al Capitolato Speciale di Appalto Scheda di offerta economica da compilare per partecipare alla gara, procedura negoziata, per l affidamento, per un anno, di una miscellanea di test diagnostici

Dettagli

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali 05-2_rosolia_CG_111109.ppt pag. 1 Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali Età gestazionale (settimane) Tasso di infezione congenita (%) Neonati infetti

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE SANITA' E POLITICHE SOCIALI DETERMINAZIONE N.001925 BOLOGNA 16/02/2006

REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE SANITA' E POLITICHE SOCIALI DETERMINAZIONE N.001925 BOLOGNA 16/02/2006 REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE SANITA' E POLITICHE SOCIALI DETERMINAZIONE N.001925 BOLOGNA 16/02/2006 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL DOCUMENTO CHE DISCIPLINA IL SISTEMA DI SEGNALAZIONE

Dettagli

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione LA SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE PREVENIBILI DA VACCINAZIONE: RISULTATI E IMPLICAZIONI PER LA PREVENZIONE Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione F. Russo, G. Napoletano

Dettagli

Allegato 2: Codici aggiunti alla Classificazione nazionale dei dispositivi medici approvata con Decreto del Ministero della salute 20 febbraio 2007

Allegato 2: Codici aggiunti alla Classificazione nazionale dei dispositivi medici approvata con Decreto del Ministero della salute 20 febbraio 2007 Allegato 2: Codici aggiunti alla Classificazione nazionale dei dispositivi medici approvata con Decreto del Ministero della salute 20 febbraio 2007 24-5-2010 22 A DISPOSITIVI DA SOMMINISTRAIONE, PRELIEVO

Dettagli

Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18

Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18 Convegno La prevenzione delle infezioni nelle strutture sanitarie della Regione Veneto: i progetti regionali e le esperienze locali Castelfranco Veneto, 18 novembre 2005 Le esperienze dei CCIO locali:

Dettagli

810.212.41 Ordinanza del DFI concernente l attribuzione di organi per il trapianto

810.212.41 Ordinanza del DFI concernente l attribuzione di organi per il trapianto Ordinanza del DFI concernente l attribuzione di organi per il trapianto (Ordinanza del DFI sull attribuzione di organi) del 2 maggio 2007 (Stato 1 luglio 2007) Il Dipartimento federale dell interno, vista

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Le informazioni statistiche contenute nel presente capitolo provengono dall Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio e riguardano dati rilevati presso le strutture sanitarie

Dettagli

Nota dell editore. Prefazione

Nota dell editore. Prefazione Autori Nota dell editore Prefazione XI XIII XV 1 Importanza dello studio della microbiologia 1 Cenni di epidemiologia 1 Le infezioni nosocomiali 5 I microrganismi e la microbiologia 7 Microrganismi endogeni

Dettagli

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Versione: 09.10.2013 Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale 1. Cos è il sistema immunitario?

Dettagli

Diagnostica microbiologica delle infezioni delle basse vie respiratorie

Diagnostica microbiologica delle infezioni delle basse vie respiratorie LA DIAGNOSI MICROBIOLOGICA Diagnostica microbiologica delle infezioni delle basse vie respiratorie Lucia Martelli influenza la terapia che è in funzione di permette di individuare cluster epidemici Presenza

Dettagli

Metodiche tradizionali

Metodiche tradizionali Diagnostica microbiologica innovativa INTRODUZIONE Attualmente, per la rilevazione dei microrganismi patogeni accanto alle metodiche tradizionali rappresentate: dall esame colturale, l esame diretto al

Dettagli