Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI"

Transcript

1 Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI Riferimenti di legge L Assistenza Sanitaria protesica è sancita dalla L. 118/71, art. 3, comma 1, ulteriormente precisata dal D.M.S. 332/99 a cui è allegato il Nomenclatore tariffario che contiene 3 elenchi: nel 1 vi sono i dispositivi che richiedono modifiche (carrozzine, plantari, scarpe ortopediche); nel 2 senza modifiche: cateteri, comunicatore simbolico, cuscini; nel 3 acquistati dall Usl.. La fornitura agli Invalidi del lavoro è disciplinata dal DPR 1124/65 e garantita dall Inail. Chi ha diritto all assistenza protesica a carico del S.s.n. (art. 2, DMS 332/99): * Gli Invalidi civili con Certificato di Invalidità rilasciato dalla Commissione provinciale di cui all'art. 7 della L.118/71 (con invalidità non inferiore al 34%). Non è valido il certificato rilasciato dall'inps.; * I minori con difficoltà persistenti a svolgere funzioni e compiti propri dell età; * Gli Invalidi di guerra e di servizio (polizia, carabinieri); * I disabili sensoriali (ciechi e sordomuti); * Istanti in attesa di accertamento (aventi presentato domanda di accertam. ma non aventi effettuato la visita); * Istanti in attesa di riconoscimento (aventi effettuato la visita ma non ancora in possesso del Certificato); * Ricoverati in struttura pubblica o privata convenzionata cui in Medico abbia prescritto ausili per menomazione grave e permanente (contestualmente alla fornitura occorre avviare pratiche per il Certificato); * Gli Invalidi del lavoro (a cui però l assistenza protesica è fornita dall Inail); * Gli affetti da incontinenza urinaria permanente, i laringectomizzati, tracheotomizzati, urostomizzati. Come ottenere la Prescrizione Per Ausili e Ortesi: * Se l utente è trasportabile si prenota visita specialistica ambulatoriale dopo aver ottenuto l Impegnativa del Medico di base per Visita fisiatrica per ausili: a Rimini al Cuptel (774629); a Riccione Uff. Invalidi Ospedale ( ). Nel giorno dell appuntamento portare Impegnativa del Medico di base e Verbale (o fotocopia Domanda). * Se l Utente non è trasportabile si prenota la visita specialistica domiciliare dopo aver ottenuto l Impegnativa del Medico di base per Visita fisiatrica domiciliare per ausili: a Rimini: presentandosi di persona alla St. 3 di via Tiberio 26. Portare Impegnativa del Medico di base e Verbale (o fotocopia Domanda); a Riccione: P.zza Unità 10, ( ). 1 - Per Protesi acustica: è indispensabile il Certificato di Invalidità. Se l utente non ha il Verbale di invalidità lo specialista può solo effettuare la misurazione del residuo visivo o uditivo. Per ottenere la Prescrizione (con indicazioni sul tipo di protesi necessaria) occorre esibire presso lo specialista, il Certificato di invalidità con accenno alla patologia sensoriale. Quindi occorre munirsi di quel Certificato e recarsi nuovamente al Reparto dove ci si era sottoposti a visita. La Visita per protesi acustica si prenota telefonicamente (a Rimini, al ). Nel giorno dell appuntamento si porta l Impegnativa del medico di base ed il Verbale di Invalidità. 2 - Per sostituzione Protesi oculare (Per la prima fornitura provvede il Reparto dove l Utente si opera): si prenota al Cuptel al Nel giorno dell appuntamento si porta l Impegnativa del medico di base ed il Verbale di Invalidità Per Protesi mammara: occorre l esame istologico (rilasciato dall Oncologia) o il Verbale di Invalidità e la prescrizione dell oncologo o del fisiatra. Poi alla Sanitaria per Preventivo. Infine, Ufficio Ausili. 4 Per Protesi agli arti: L Utente si rivolge al Fisiatra o Ortopedico che deciderà se redigere la Prescrizione o indirizzarlo ad un Centro fornitore (Inail di Budrio, ; Rtm di Bologna, ). Presso questi Centri ha luogo una valutazione tecnica. In seguito, lo specialista Usl, sulla base di essa, redigerà poi la prescrizione.

2 5 Per Protesi dentaria : Adulti: Occorre rivolgersi al dottor Masi che valuta l effettiva necessità e lo stato di indigenza dell utente.l Invalidità è ininfluente. Anziani: Occorre rivolgersi all Odontoiatria della Medicina di base.l Invalidità è ininfluente. L USL fornisce dentiera mobile che va pagata interamente.(si paga solo il materiale) Competenze per la Prescrizione: L Ortopedico: prescrive solo il busto; - Il Geriatra: la comoda 001 e 003, stampelle, tripodi, deambulatori, letto, materasso, ausili per decubito (tallone, gomito, bendaggi e spray); - Il Reparto di Medicina: il letto, comoda 001, materasso, pannoloni, ecc.; - L Urologia: cateteri e pannoloni; - L Oncologia: letto, comoda 001, materasso, pannoloni, ecc.; - Il Fisiatra: di tutto. Cosa fare con la Prescrizione Prescrizione: può farla lo specialista di qualunque Usl o con essa convenzionato. Autorizzazione: solo presso l'usl di residenza. Fornitura: dove si vuole. Collaudo: solo presso lo specialista prescrittore. Se la prescrizione è relativa ad una Protesi o a un Ortesi, l Utente si reca presso una Sanitaria con questi documenti: * Prescrizione per protesi od ortesi; * Copia Certificato di Invalidità (per le protesi, ad eccezione di quelle mammarie, sostituito dall esame istologico.). Per l'ortesi basta copia domanda. Nessun certificato in caso di minore. Se la prescrizione è relativa ad un Ausilio l Utente si reca all Uff. Protesi e ausili.a Rimini:Via Tiberio 26,stanza 4; a Riccione:presso ufficio protesi e ausili dell ospedale Ceccarini.Occorre avere questi documenti: * Prescrizione per Ausilio; * Copia Certificato di Invalidità.o fotocopia della domanda * Certificato di Residenza o Autocertificazione (se fatta dal disabile o parente) La Prescrizione di protesi od ortesi con preventivo, è consegnata all ufficio Ausili dalla Sanitaria o dall Utente per l autorizzazione all acquisto. A Rimini, (st.4) di via Tiberio, 26. A Riccione Ospedale Ceccarini, 1 piano. Se l Ausilio prescritto è del tipo disponibile in magazzino (cioè: comoda, carrozzina, letto, ortopedico, sponde, deambulatore), viene messo a disposizione dell Utente nella modalità recupero ausili. Se non è disponibile perché tutti consegnati, dovrà aspettare. Questi ausili infatti, non sono acquistati dall'utente ma dall'usl. Se l Ausilio non è posseduto dall'usl, la Prescrizione è consegnata ad una Sanitaria che poi la restituisce all uff. ausili corredata di Preventivo. L autorizzazione Il Responsabile dell Uff. Ausili e protesi dell Usl in cui risiede l'utente verifica la corrispondenza fra l ausilio (o protesi od ortesi) in preventivo di spesa e la Prescrizione dello specialista, nonché l ammontare della spesa. Se tutto è regolare il Responsabile firma l autorizzazione all acquisto. Nel caso di Ausilio messo a disposizione tramite la modalità recupero ausili, è il TdR a verificare la pertinenza fra ausilio e prescrizione e passa la pratica al Responsabile per la firma.

3 La Prescrizione autorizzata torna alla Sanitaria che provvede alla fornitura. La Fornitura La Sanitaria contatta telefonicamente l Utente per il ritiro dell ausilio (o protesi od ortesi). Se l ausilio è ricondizionato, è già a disposizione e l Utente è contattato dal Magazzino Recupero Ausili ( ) per la consegna. Il Collaudoooo Nel caso di ortesi e protesi il Collaudo è effettuato dal Medico prescrittore. L Utente può prenotare telefonicamente l appuntamento per il Collaudo (che avverrà ad opera di Trebbi, Galassi, Lolli, Bindi), presso l ufficio Ausili (Rimini: ; Riccione: ) o recandovisi di persona. Nel caso di ausili per la mobilità (tutte le carrozzine, i sollevatori, i deambulatori) si prenota presso i Terapisti al , il martedì, giovedì e venerdì, dalle 9 alle 12. Il Terapista verifica l adeguatezza dell ausilio alle necessità dell utente. Infine l ausilio è consegnato all Utente. Nel caso di ausilio ricondizionato, il Collaudo avviene in Magazzino, prima della consegna. Viene poi consegnato e l iter è concluso. Nel caso di Protesi dentaria, l utente anziano (oltre 65 anni) contribuisce per un terzo alla spesa e l Usl per i restanti due terzi. Se è indigente, ci si rivolge ai Serv. Sociali di via Brighenti. Nel giorno dell appuntamento l Utente si presenta dallo Specialista prescrittore o attende al suo domicilio se non è trasportabile, con: * l ausilio (o protesi od ortesi); * l Impegnativa del Medico di base per Collaudo ausilio. La riconducibilità E facoltà del disabile di sceglie un dispositivo non incluso nel Nomenclatore tariffario ma riconducibile per omogeneità funzionale a quello prescritto. Può ad es. preferire una carrozzetta elettrica a tre ruote, se ha piena abilità agli arti superiori, anziché una motocarrozzetta. Su giudizio dello specialista quell ausilio può essergli prescritto. Naturalmente l Usl coprirà il costo del prodotto scelto solo fino alla tariffa prevista dal Nomenclatore per quel prodotto indicato dal Nomenclatore stesso e simile a quello prescelto. L Utente, a proprie spese, pagherà la differenza. La simultaneità delle Prescrizioni E possibile farsi prescrivere simultaneamente più di un ausilio. Ogni ausilio infatti ha una funzione ben precisa e che può essere diversa da quella di un altro ausilio simile o diverso. Naturalmente la simultaneità delle prescrizioni si giustifica solo a condizione che gli ausili richiesti abbiano finalità riabilitative o di recupero differenziate (ad es. prescrizione contemporanea di due tipi di carrozzina: elettrica e manuale). La restituzione In caso di decesso dell'utente o di ricovero in struttura (ad es. un anziano inserito al Valloni), gli ausili posseduti devono essere riconsegnati. L'Utente contatta telefonicamente l Ufficio Ausili (Rimini: st.4 di via Tiberio 26, Riccione: Ospedale Ceccarini, 1 piano) o vi si reca di persona per comunicare il decesso. La St. 4 provvederà a spedire un Fax al Magazzino ausili per informarlo del decesso e della necessità di ritirare a domicilio gli ausili.

4 Casi particolari Se la riconsegna avviene a carico dei parenti, essi si recano direttamente in via Portogallo, 10 dove alla riconsegna viene rilasciata loro una ricevuta. Se i parenti non sono in grado di restituire personalmente gli ausili (per mancanza di mezzi o ingombro degli ausili), occorre attivare il servizio di recupero a domicilio. Poiché tale servizio richiede una documentazione scritta, l'utente deve telefonare alla st.4 ( ) o recarvisi di persona. Verrà emesso un fax che attiverà il sevizio di recupero. In caso di patologie temporanee Se la patologia è temporanea, gli ausili non verranno concessi dal SSN. Essi però possono essere reperiti presso una Sanitaria. Richiesta scarpe ortopediche per diabetico Il diabete può provare lesioni ai piedi con necessità di scarpe ortopediche. Per sveltire la procedura, si consiglia all'utente di rivolgersi alla Capo Sala del reparto di diabetologia per richiedere visita fisiatrica in ospedale al fine di ottenere la necessaria prescrizione. Essa verrà rilasciata se sul verbale è riportata la malattia diabetica. La prescrizione andrà consegnata alla stanza 4. Cambio modello carrozzina Quando l Utente necessita di cambio modello carrozzina (ad es. una da passeggio anziché una comoda, perché sono migliorate le condizioni di salute), deve effettuare visita fisiatrica per verificare il tipo di carrozzina e il motivo del cambiamento. Riparazione protesi non funzionante Chi possiede una protesi deve recarsi periodicamente presso la Ditta fornitrice per il controllo. In caso di deterioramento della protesi (ad es. acustica), subentra la seguente procedura: *L'Utente (o suo parente) si reca presso una Ditta per verificare la riparabilità e poi dal Medico specialista che aveva prescritto la protesi (non è necessaria alcuna impegnativa né il Verb. Di invalid. se l Utente è conosciuto); * Il Medico specialista prescrive la riparazione; * La prescrizione passa d'ufficio alla Ditta specializzata (ad es. Amplifon) che formula un preventivo spesa per la riparazione oppure informa lo specialista circa la non riparabilità; * Se la protesi è riparabile, l'utente la consegna alla Ditta per la riparazione. Se non è riparabile lo specialista ne prescrive una nuova. N.B.: Non tutti i tipi di riparazione sono a carico del S.S. Nazionale. Richiesta sponde per letto ortopedico Quando un Utente (in genere anziano) tende a cadere dal letto, è necessario utilizzare le sponde. Vi sono sponde universali che si adattano a qualsiasi tipo di letto (anche normale) Occorre contattare l ufficio Ausili. Se l utente è ricoverato in RSA e le sponde universali non sono disponibili, è opportuno chiedere una proroga al ricovero, in attesa che si rendano disponibili le sponde richieste. Per le sponde da letto ortopedico, l Utente va rimandato alle Terapiste che verificheranno chene verificheranno tipo e codici. Ortesi consigliate e non prescritte Se sul documento il fisiatra Usl o con essa convenzionato, consiglia (e non prescrive) una ortesi (ad es. plantari per minore con piede piatto), significa che quel presidio non è indispensabile (ma utile alla correzione di una malformazione). In tal caso, l Utente può solo acquistare il prodotto.

5 Cambio residenza da un'usl all'altra Quando un Utente va a risiedere nel territorio di un'altra Usl, porta con sè gli ausili che gli erano stati assegnati. Li riconsegnerà quando gli e ne saranno assegnati dei nuovi dall'usl in cui va a risiedere.

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 Allegato alla Deliberazione Azienda USL 2 Lucca n. 505 del 08/08/2007 REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 PREMESSA Il presente regolamento

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili «Ripartiamo dal territorio 2015 Lavori in corso» Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili Dott. Giuseppe Coluzzi Azienda ASL LATINA DISTRETTO 2 ASSISTENZA RIABILITATIVA SONO UTILIZZATI, A SECONDA

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA

ASSISTENZA PROTESICA Trieste, 11 giugno 2005 Aspetti medico-legali nella gestione dei pazienti con Sclerosi Multipla ASSISTENZA PROTESICA Dott.ssa Viviana VARONE ASS n. 5 Bassa Friulana Dipartimento di Prevenzione SOGGETTI

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE NOMENCLATORE TARIFFARIO DM 332/1999 Il Nomenclatore Tariffario è l'elenco delle Protesi e degli Ausili Tecnici (Dispositivi) diretti al recupero funzionale e sociale dei soggetti affetti da minorazioni

Dettagli

L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti

L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti REGIONE PIEMONTE ASL NO SEDE LEGALE: VIA DEI MILLE 2-28100 NOVARA P.IVA 01522670031 L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti dott. Lorenzo Brusa Novara 17

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA

ASSISTENZA PROTESICA Aventi diritto alle prestazioni ANFFAS Brescia Onlus ASSISTENZA PROTESICA 1) invalidi civili (con valutazione superiore al 33%), di guerra, per servizio, ciechi e sordomuti 2) minori di anni 18 che necessitano

Dettagli

CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO:

CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO: CARTA DEI SERVIZI Azienda convenzionata con il Servizio Sanitario Nazionale 7 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO: - invalidi civili, di guerra e per servizio

Dettagli

PROCEDURA APPLICATIVA. Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA

PROCEDURA APPLICATIVA. Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA pag. 1 di 18 DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE: Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA 1 Eliminate linee guida plantari e sostituite con Indirizzi per la prescrizione di ausili per la mobilita personale, scarpe e plantari

Dettagli

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA Certificazioni di invalidità civile e handicap La certificazione di invalidità civile e la certificazione di handicap non sono la stessa cosa e danno diritto a benefici

Dettagli

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI REGIONE ABRUZZO Azienda Sanitaria Locale di Teramo DIPARTIMENTO ASSISTENZA SANITARIA TERRITORIALE Direttore: Dott. Valerio F. Profeta SERVIZIO TERRITORIALE DI RIABILITAZIONE Dirigente Responsabile: Dott.sa

Dettagli

ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE

ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE Aventi diritto alle prestazioni di assistenza protesica

Dettagli

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità S.It.I. Milano 8 febbraio 2012 Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità 16-02-2012 1 Nomenclatore Tariffario delle Protesi DECRETO MINISTERIALE n. 332. 27 agosto

Dettagli

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona PROGRAMMA Ausili ortesi protesi (definizione e concetti generali) Nomenclatore tariffario (concetti generali) Ausili: per la deambulazione, antidecubito Carrozzina e sistemi di postura (componenti e criteri

Dettagli

ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18

ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18 ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18 Dott. Leonardo Bonafede Medico del distretto Fossano-Savigliano NORME DI RIFERIMENTO NORMATIVA

Dettagli

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Allegato 4 Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Premessa Il documento fornisce le indicazioni operative all utilizzo

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI Il presente regolamento, condiviso con l UOC Anziani ed A.D.I. è parte integrante delle Linee Guida per l Assistenza Protesica, e la modulistica

Dettagli

PROTES Assistenza Integrativa e Protesica. Definizione dei Cataloghi Regionali

PROTES Assistenza Integrativa e Protesica. Definizione dei Cataloghi Regionali ASSISTENZA INTEGRATIVA E ICA Pag. 1 di 11 Assistenza Integrativa e Protesica Definizione dei Cataloghi Regionali Versione 1.0 VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE

Dettagli

PROTESICA E PRESIDI IN DIMISSIONE Dott. Maurizio Maria Fiorentino ASL RM C Responsabile UOSD Medicina Legale D9 Coordinatore Attività Protesica Aziendale Roma, 13 Giugno 2015 DECRETO MINISTERIALE 332/99

Dettagli

Distretto Socio-Sanitario

Distretto Socio-Sanitario Distretto Socio-Sanitario Direttore: Dr.ssa Giuliana Pieracci E-mail: dss@aslvallecamonicasebino.it Il distretto socio sanitario è struttura complessa (UOC) extra dipartimentale, che assicura il coordinamento

Dettagli

Assistenza Riabilitativa

Assistenza Riabilitativa Assistenza Riabilitativa Che cos è l assistenza riabilitativa Chi può chiederla Il piano di intervento riabilitativo La fornitura di ausili e protesi Prescrizione di dispositivi protesici La fornitura

Dettagli

Come acquistare ALLERT:

Come acquistare ALLERT: Come acquistare ALLERT: da privato (vai alla slide 2) tramite richiesta di contributo ASL come comunicatore simbolico (vai alla slide 3) Da privato: Dopo aver scelto ALLERT, per cui consigliamo vivamente

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI COME CURARSI A CASA. Per gli anziani e le famiglie del distretto 29 (ex 49) Stella, S. Carlo all Arena

COMUNE DI NAPOLI COME CURARSI A CASA. Per gli anziani e le famiglie del distretto 29 (ex 49) Stella, S. Carlo all Arena COMUNE DI NAPOLI COME CURARSI A CASA Per gli anziani e le famiglie del distretto 29 (ex 49) Stella, S. Carlo all Arena INDICE AUSILI PER L INCONTINENZA AUSILI ORTOPEDICI OSSIGENOTERAPIA DOMICILIARE MEDICAZIONI

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227)

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 27 agosto 1999, n. 332 "Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell'ambito del Servizio sanitario nazionale: modalità

Dettagli

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227)

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 27 agosto 1999, n. 332 "Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell'ambito del Servizio sanitario nazionale: modalità

Dettagli

Fornitura dell apparecchio acustico a carico del Servizio Sanitario Nazionale

Fornitura dell apparecchio acustico a carico del Servizio Sanitario Nazionale Fornitura dell apparecchio acustico a carico del Servizio Sanitario Nazionale Lo sapevi che la sanità italiana eroga un contributo a favore dei cittadini italiani con particolari problemi di udito? In

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA FORNITURA PRESIDI PROTESICI

SCHEDA INFORMATIVA FORNITURA PRESIDI PROTESICI 1 corsetti, busti, reggispalle, collari, minerve docce e tutori per arto superiore docce,stecche, staffe e tutori per arto inferiore o invalidi civili, di guerra e di servizio o minori di anni 18 per i

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER L ASSISTENZA PROTESICA

LINEE GUIDA REGIONALI PER L ASSISTENZA PROTESICA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA E POLITICHE SOCIALI LINEE GUIDA REGIONALI PER L ASSISTENZA PROTESICA INDICE 1. PERCORSO DI ASSISTENZA PROTESICA

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria. degliausili. Come orientarsi nel mondo

Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria. degliausili. Come orientarsi nel mondo Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria degliausili Come orientarsi nel mondo Sommario GLI AUSILI 6 CHE COS È UN AUSILIO? 6 A CHI PUÒ ESSERE NECESSARIO UN AUSILIO? 7 COME OTTENERE UN AUSILIO? 7 DOVE

Dettagli

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 1 Le minorazioni civili L invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa

Dettagli

S.O.C. CURE PRIMARIE E DOMICILIARI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA PROTESICA CRITERI, PROCEDURE E MODULISTICA

S.O.C. CURE PRIMARIE E DOMICILIARI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA PROTESICA CRITERI, PROCEDURE E MODULISTICA Via Vida, 10 12051 ALBA (CN) Tel +39 0173.316111 Fax +39 0173.316480 e-mail: aslcn2@legalmail.it www.aslcn2.it P.I./Cod. Fisc. 02419170044 S.O.C. CURE PRIMARIE E DOMICILIARI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE

Dettagli

ALL. 1 LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI SUI PERCORSI ORGANIZZATIVI NELL ASSISTENZA PROTESICA, ORTESICA E FORNITURA DI AUSILI TECNOLOGICI

ALL. 1 LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI SUI PERCORSI ORGANIZZATIVI NELL ASSISTENZA PROTESICA, ORTESICA E FORNITURA DI AUSILI TECNOLOGICI ALL. 1 LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI SUI PERCORSI ORGANIZZATIVI NELL ASSISTENZA PROTESICA, ORTESICA E FORNITURA DI AUSILI TECNOLOGICI 1. OBIETTIVO DEL DOCUMENTO Il D.M. 332/99 e ss. mm. reca le norme e

Dettagli

Le agevolazioni per le persone disabili:

Le agevolazioni per le persone disabili: Le agevolazioni per le persone disabili: percorso attraverso le principali normative ed i servizi per le persone con disabilità. Come accedere: per accedere ai servizi ed alle agevolazioni legate alla

Dettagli

Disabili: integrazione dalla A alla Z

Disabili: integrazione dalla A alla Z Disabili: integrazione dalla A alla Z Riconoscimento invalidità A cura dell Associazione Nazionale Subvedenti Finito di stampare dicembre 2005 Il progetto è stato realizzato grazie al contributo del Ciessevi

Dettagli

Classificazione: DI PUBBLICO DOMINIO

Classificazione: DI PUBBLICO DOMINIO Carta Regionale dei Servizi Sistema Informativo Socio Sanitario Manuale utilizzo Assistant-RL (Protesica) CRS-FORM-MES#481_v02 INDICE DEI CONTENUTI 1 INTRODUZIONE... 6 1.1 DESCRIZIONE GENERALE DEL SERVIZIO...

Dettagli

Esercitazione: casi clinici. Dr: Lorenzo Tullio BRUSA Dr: Maria Giovanna NUCCI

Esercitazione: casi clinici. Dr: Lorenzo Tullio BRUSA Dr: Maria Giovanna NUCCI Esercitazione: casi clinici Dr: Lorenzo Tullio BRUSA Dr: Maria Giovanna NUCCI Caso clinico n. 1 Uomo, anni 72, affetto da: Cardiopatia ischemica cronica, ipertensione arteriosa Ipoacusia di grado medio

Dettagli

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI La conoscenza di quelli che sono i diritti di chi è affetto da una disabilità, permette ai familiari di compiere i giusti passi per agevolare il reinserimento

Dettagli

Nuove modalitàdi di presentazione delle domande di InvaliditàCivile e per il riconoscimento dei benefici delle leggi n. 104/1992 e n.

Nuove modalitàdi di presentazione delle domande di InvaliditàCivile e per il riconoscimento dei benefici delle leggi n. 104/1992 e n. Nuove modalitàdi di presentazione delle domande di InvaliditàCivile e per il riconoscimento dei benefici delle leggi n. 104/1992 e n. 68/1999 A decorrere dall 1.1.2010 le domande per il riconoscimento

Dettagli

Le agevolazioni e i contributi per l acquisto degli ausili e dei sussidi informatici di Carlo Giacobini

Le agevolazioni e i contributi per l acquisto degli ausili e dei sussidi informatici di Carlo Giacobini Le agevolazioni e i contributi per l acquisto degli ausili e dei sussidi informatici di Carlo Giacobini Il tema delle agevolazioni e dei contributi in materia di ausili e sussidi informatici va inquadrato

Dettagli

Diritti, opportunità, del malato reumatico Invalidità civile

Diritti, opportunità, del malato reumatico Invalidità civile ANMAR Associazione Nazionale Malati Reumatici ONLUS Diritti, opportunità, del malato reumatico Invalidità civile Premessa Questo opuscolo vuole essere un aiuto ai malati che spesso, oltre che contro la

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI E LAVORATIVE

LE AGEVOLAZIONI FISCALI E LAVORATIVE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E LAVORATIVE AGEVOLAZIONI PER L'ACQUISTO DI VEICOLI I disabili, in caso di acquisto di un autovettura, senza limiti di cilindrata, nuova od usata, alla condizione che il veicolo

Dettagli

Manuale ad uso interno del personale DS H3

Manuale ad uso interno del personale DS H3 Pagina 1 di 26 Manuale ad uso interno del personale DS H3 PIANIFICAZIONE LAVORO UFFICIO ASSISTENZA PROTESICA INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragrafi variati Pagine variate 1.0 18.04.2013

Dettagli

SINTESI PERCORSO ORGANIZZATIVO EROGAZIONE DI: PROTESI, ORTESI, AUSILI TECNICI, PRODOTTI DIETETICI. NELLA ASL 6 DI SANLURI

SINTESI PERCORSO ORGANIZZATIVO EROGAZIONE DI: PROTESI, ORTESI, AUSILI TECNICI, PRODOTTI DIETETICI. NELLA ASL 6 DI SANLURI SINTESI PERCORSO ORGANIZZATIVO EROGAZIONE DI: PROTESI, ORTESI, AUSILI TECNICI, PRODOTTI DIETETICI. NELLA ASL 6 DI SANLURI Il presente documento è stato elaborato facendo particolare riferimento alle linee

Dettagli

PARTE TERZA CURE PRIMARIE

PARTE TERZA CURE PRIMARIE PARTE TERZA CURE PRIMARIE a cura del Dott. Oliviero Zanardi UNITA ORGANIZZATIVA COMPLESSA CURE PRIMARIE E l Unità organizzativa che all interno del D.S.S.B. comprende i servizi e gli interventi rivolti

Dettagli

MODELLO A : per persone maggiorenni ( + di 18 anni)

MODELLO A : per persone maggiorenni ( + di 18 anni) MODELLO A : per persone maggiorenni ( + di 18 anni) ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ACCERTAMENTO/AGGRAVAMENTO DI - INVALIDITÁ CIVILE (comprende anche l indennità di accompagnamento) -

Dettagli

1 LA TUTELA ASSISTENZIALE

1 LA TUTELA ASSISTENZIALE 20 Novembre 2010 CONVEGNO LA MALATTIA DI PARKINSON Stato dell arte e modalità assistenziali TRE FORME DI TUTELA principali: 1. La tutela assistenziale 2. La tutela provvidenziale 3. La tutela legale. 1

Dettagli

FORNITURA DI PROTESI ED AUSILI nella continuità terapeutica e assistenziale tra ospedale e territorio

FORNITURA DI PROTESI ED AUSILI nella continuità terapeutica e assistenziale tra ospedale e territorio FORNITURA DI PROTESI ED AUSILI nella continuità terapeutica e assistenziale tra ospedale e territorio OGGETTO DELLA SEGUENTE PROCEDURA AUSILI ANTIDECUBITO (cuscini, materassi) AUSILI PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Riferimenti Normativi

Riferimenti Normativi PROCEDURE PER LA FORNITURA DI PROTESI ED AUSILI DEL DM 332/99 L'ASP della Provincia di Catania, ha ritenuto necessario affrontare il problema dell'erogazione delle Protesi e degli Ausili fornite dal SSN,

Dettagli

n. 120 posti letto suddivisi in 6 nuclei da 20 ospiti. Ogni nucleo è composto da: 6 cam. Singole 5 cam. doppie ed 1 cam. quadrupla

n. 120 posti letto suddivisi in 6 nuclei da 20 ospiti. Ogni nucleo è composto da: 6 cam. Singole 5 cam. doppie ed 1 cam. quadrupla R. S. A. S A N G I U S E P P E (RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE) Via delle Ande n. 11 20151 Milano (MI) Tel. 02/33400809 02/38008727 Fax 02/33404144 E-mail : rsa.sangiuseppe@hsr.it S C H E D A I N F

Dettagli

TOMBOLINI CARTA DEI SERVIZI. specialisti in ortoprotesica 2010-2011

TOMBOLINI CARTA DEI SERVIZI. specialisti in ortoprotesica 2010-2011 TOMBOLINI CARTA DEI SERVIZI 2010-2011 specialisti in ortoprotesica DAL 1930 3 Indice Nasce la carta dei servizi per testimoniare il nostro impegno e la nostra volontà a migliorare la qualità del servizio

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASL NO

REGIONE PIEMONTE ASL NO REGIONE PIEMONTE ASL NO SEDE LEGALE: VIA DEI MILLE 2-28100 NOVARA P.IVA 01522670031 DISTRETTO DI NOVARA UFFICIO ASSISTENZA PROTESICA VIALE ROMA 7 28100 NOVARA a cura di Lorena PERTA Ufficio Assistenza

Dettagli

CHI SIAMO. Corpora, infatti, nasce con l obiettivo di offrire un servizio di eccellenza, di produzione e fornitura di ausili ortopedici.

CHI SIAMO. Corpora, infatti, nasce con l obiettivo di offrire un servizio di eccellenza, di produzione e fornitura di ausili ortopedici. CHI SIAMO Corpora, società specializzata da oltre 15 anni in campo medico-sanitario, all avanguardia nella produzione e fornitura di ausili ortopedici. Ciò che ha sempre attirato l attenzione sul gruppo

Dettagli

DATI IDENTIFICATIVI DEL FAMILIARE RICHIEDENTE (se diverso dal destinatario)

DATI IDENTIFICATIVI DEL FAMILIARE RICHIEDENTE (se diverso dal destinatario) Spett.le Azienda Sanitaria Locale Provincia di Monza e Brianza Viale Elvezia n. 2-20900 Monza Oggetto: Domanda per Richiesta di Finanziamenti L.R. n. 23/99, art. 4, commi 4 e 5 (Decreto Direzione Generale

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

comma 2 : in alternativa possono chiedere al datore di lavoro di usufruire di 2 ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del 3 anno

comma 2 : in alternativa possono chiedere al datore di lavoro di usufruire di 2 ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del 3 anno GUIDA PER IL RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI HANDICAP (LEGGE 104/92) La legge sull handicap prevede interventi volti concretamente a prevenire e rimuovere le condizioni invalidanti che impediscono lo sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO SANITARIO PER L EROGAZIONE IN REGIME AMBULATORIALE DI PRESTAZIONI DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE A FAVORE DI PAZIENTI ESTERNI

REGOLAMENTO SANITARIO PER L EROGAZIONE IN REGIME AMBULATORIALE DI PRESTAZIONI DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE A FAVORE DI PAZIENTI ESTERNI A.P.S.P. GIUDICARIE ESTERIORI Frazione Santa Croce nr. 41 38071 BLEGGIO SUPERIORE (TN) REGOLAMENTO SANITARIO PER L EROGAZIONE IN REGIME AMBULATORIALE DI PRESTAZIONI DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE

Dettagli

Dati identificativi del familiare richiedente (se diverso)

Dati identificativi del familiare richiedente (se diverso) Domanda per il contributo alle famiglie di persone con disabilità o al singolo soggetto disabile per l acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati L.R. 23/99 - ANNO 2011 (Decreto n. 9815 del 25.10.2011)

Dettagli

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza:

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza: Informazioni sulle strutture e i servizi forniti Questa parte della Carta dei Servizi contiene informazioni sintetiche sulle strutture e i servizi dell Azienda Sanitaria Provinciale. Per le informazioni

Dettagli

1) Servizi di Emergenza Territoriale

1) Servizi di Emergenza Territoriale Disposizioni relative agli oneri dei Servizi di Soccorso e Trasporto Sanitario (DGRV 1411/2011) 1) Servizi di Emergenza Territoriale Interventi di soccorso sanitario Attribuzione dell onere: A carico del

Dettagli

AUDIT CIVICO SICILIA 2013

AUDIT CIVICO SICILIA 2013 AUDIT CIVICO SICILIA 2013 Ambito: ASSISTENZA PROTESICA E INTEGRATIVA Questionario livello Azienda Sanitaria (rivolto alla Direzione Generale o alla Direzione Sanitaria) Azienda Sanitaria.. Data compilazione

Dettagli

Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie

Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie LEGGI IN GIOCO DIRITTI E OPPORTUNITA a cura della dott.ssa Laura Gatti (assistente sociale reparto NPIA Esine) DISABILITA E HANDICAP

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309

Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ANNO 2014 Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA

Dettagli

Diritti e opportunità I BENEFICI CONNESSI AL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE

Diritti e opportunità I BENEFICI CONNESSI AL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE fase di remissione di malattia. Una gravidanza che insorge in fase di attività di malattia è infatti molto più a rischio di problemi materni e fetali. Secondo molti autori, una gravidanza può essere intrapresa

Dettagli

Comune di Marigliano Prov. di Napoli VII SETTORE-POLITICHE SOCIALI TEL.081/8858340

Comune di Marigliano Prov. di Napoli VII SETTORE-POLITICHE SOCIALI TEL.081/8858340 Comune di Marigliano Prov. di Napoli VII SETTORE-POLITICHE SOCIALI TEL.081/8858340 BENEFICI ECONOMICI A FAVORE DEGLI INVALIDI CIVILI INDICE: LE FASI DEL PROCEDIMENTO L ACCERTAMENTO SANITARIO DELL ASL DOVE

Dettagli

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono obbligatori: -cognome, nome dell assistito o iniziali, dove prescritto

Dettagli

6. STRUMENTI PER QUALIFICARE IL LAVORO DI CURA A DOMICILIO. Orientamento nella rete dei servizi

6. STRUMENTI PER QUALIFICARE IL LAVORO DI CURA A DOMICILIO. Orientamento nella rete dei servizi 6. STRUMENTI PER QUALIFICARE IL LAVORO DI CURA A DOMICILIO Orientamento nella rete dei servizi 1 opuscolo 6.indd 1 13-03-2004 16:15:43 Realizzazione a cura della Regione Emilia-Romagna - Direzione Generale

Dettagli

C O M U N E DI C A M P A G N A

C O M U N E DI C A M P A G N A C O M U N E DI C A M P A G N A PROVINCIA DI SALERNO UFFICIO INVALIDI CIVILI GUIDA ALLE PRESENTAZIONI RELATIVE ALL INVALIDITA CIVILE 1 INDICE - PRESENTAZIONE 1)- INVALIDITA CIVILE 2)-PROCEDIMENTO 3)-MODALITA

Dettagli

Malattie reumatiche e diritti sociali ANMAR. Associazione Nazionale Malati Reumatici ONLUS

Malattie reumatiche e diritti sociali ANMAR. Associazione Nazionale Malati Reumatici ONLUS Malattie reumatiche e diritti sociali ANMAR Associazione Nazionale Malati Reumatici ONLUS Il presente opuscolo è stato realizzato con la collaborazione di ALOMAR e AMARV Terminato di stampare ad aprile

Dettagli

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali di erogazione delle prestazioni di assistenza

Dettagli

QUADRO RIASSUNTIVO DELLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER DISABILI

QUADRO RIASSUNTIVO DELLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER DISABILI QUADRO RIASSUNTIVO DELLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER DISABILI (*) L agevolazione spetta solo ai non vedenti NOTE AL QUADRO RIASSUNTIVO DELLE AGEVOLAZIONI (1) TIPO DI HANDICAP A - Il trattamento fiscale indicato

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

Assistenza protesica e integrativa

Assistenza protesica e integrativa Assistenza protesica e integrativa Il servizio di assistenza protesica della AUSL di Bologna: contesto, aspettative, esperienze, prospettive Bologna, 21 settembre 2012 Oratorio Santa Maria della Vita Roberta

Dettagli

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO PROGETTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE RIVOLTO AD ANZIANI, PORTATORI DI HANDICAP E FAMIGLIE MULTI PROBLEMATICHE Il servizio di assistenza domiciliare consiste nel

Dettagli

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN)

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) 1 Sanità 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) Il Servizio Sanitario Nazionale è l insieme di strutture e servizi che assicurano la tutela della salute e l assistenza sanitaria a tutti i

Dettagli

Carta Regionale di Trasporto (CRT)

Carta Regionale di Trasporto (CRT) Carta Regionale di Trasporto (CRT) A cura dello Sportello Disabili Regione Lombardia La Tessera Regionale dei Trasporti (CRT) è un titolo di viaggio agevolato che permette ai residenti in Lombardia di

Dettagli

GESTIONE DEGLI HOME CARE DEVICE: ESPERIENZA DI UN AZIENDA SANITARIA. Annalisa Cozzarini, Università degli Studi di Trieste.

GESTIONE DEGLI HOME CARE DEVICE: ESPERIENZA DI UN AZIENDA SANITARIA. Annalisa Cozzarini, Università degli Studi di Trieste. GESTIONE DEGLI HOME CARE DEVICE: ESPERIENZA DI UN AZIENDA SANITARIA Annalisa Cozzarini, Università degli Studi di Trieste. Nelle nazioni industrializzate l aspettativa di vita della popolazione è in continuo

Dettagli

I servizi dell A.S.L. 1 per la persona anziana non autosufficiente

I servizi dell A.S.L. 1 per la persona anziana non autosufficiente I servizi dell A.S.L. 1 per la persona anziana non autosufficiente INDICE Premessa... 3 Prestazioni sanitarie a domicilio... 5 Medico di medicina generale... 5 La visita domiciliare... 5 L'assistenza domiciliare

Dettagli

1. OBIETTIVI 2. BENEFICIARI

1. OBIETTIVI 2. BENEFICIARI REGOLAMENTO GESTIONE DOMANDE PER L OTTENIMENTO DEL CONTRIBUTO REGIONALE PER L ACQUISTO DI STRUMENTI TECNOLOGICAMENTE AVANZATI EX L.R. 23/99 ART. 4, COMMI 4 e 5. 1. OBIETTIVI L obiettivo che la legge regionale

Dettagli

INFORMA DISABILITÀ Via S. Secondo 29 bis TORINO Tel. 011.5662039 www.aslto1.it/informadisabili

INFORMA DISABILITÀ Via S. Secondo 29 bis TORINO Tel. 011.5662039 www.aslto1.it/informadisabili INFORMA DISABILITÀ Via S. Secondo 29 bis TORINO Tel. 011.5662039 www.aslto1.it/informadisabili DIRITTI E AGEVOLAZIONI PER LA PERSONA DISABILE E I SUOI FAMILIARI Tipo di agevolazione Aventi diritto Riferimenti

Dettagli

PRESENTAZIONE DOMANDE DI INVALIDITÀ CIVILE / HANDICAP

PRESENTAZIONE DOMANDE DI INVALIDITÀ CIVILE / HANDICAP PRESENTAZIONE DOMANDE DI INVALIDITÀ CIVILE / HANDICAP Per presentare domanda di invalidità o di handicap occorre seguire i seguenti passaggi: 1. Il cittadino richiede al proprio medico curante (medico

Dettagli

Il giorno DODICI del mese di FEBBRAIO dell anno DUEMILADIECI in Alessandria, presso la Sala riunioni della Direzione Generale

Il giorno DODICI del mese di FEBBRAIO dell anno DUEMILADIECI in Alessandria, presso la Sala riunioni della Direzione Generale PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA SPERIMENTALE DI EROGAZIONE DI PRODOTTI DI ASSISTENZA INTEGRATIVA ASSORBENTI URINA E PRESIDI PER DIABETICI TRA L AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA

Dettagli

Nomenclatore Tariffario

Nomenclatore Tariffario Nomenclatore Tariffario MINISTERO DELLA SANITÀ REGOLAMENTO RECANTE NORME PER LE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA EROGABILI NELL AMBITO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE: MODALITÀ DI EROGAZIONE E TARIFFE

Dettagli

Capitolo 10 L assistenza protesica e integrativa

Capitolo 10 L assistenza protesica e integrativa Osservatorio Civico sul Federalismo in Sanità Rapporto 2011 Capitolo 10 L assistenza protesica e integrativa di Angelo Tanese e Rosapaola Metastasio 10.1. Un settore dell assistenza critico per i cittadini

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROTES FASE 2 EVOLUZIONE TECNOLOGICA E FUNZIONALE DEFINIZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI

REGIONE PIEMONTE PROTES FASE 2 EVOLUZIONE TECNOLOGICA E FUNZIONALE DEFINIZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI Pag. 1 di 46 PROTES FASE 2 Evoluzione tecnologica e funzionale Medicina Integrativa e Protesica Definizione dei requisiti funzionali Versione 2.0 VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO APPROVAZIONE

Dettagli

CONTRIBUTI ORDINARI. La percentuale di contributo erogabile è fissata nella misura del 30% per i dirigenti e del 60% per il personale del comparto.

CONTRIBUTI ORDINARI. La percentuale di contributo erogabile è fissata nella misura del 30% per i dirigenti e del 60% per il personale del comparto. CRITERI GENERALI PER L UTILIZZO DEI FONDI DI CUI ALLA L.R. 54/1976, IN ORDINE AL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA ASSISTENZIALI A FAVORE DEL PERSONALE REGIONALE 1 - Spese mediche CONTRIBUTI ORDINARI Visite

Dettagli

1. OBIETTIVI 2. BENEFICIARI

1. OBIETTIVI 2. BENEFICIARI All.1 alla Deliberazione n 389 del 10 agosto 2007 REGOLAMENTO GESTIONE DOMANDE PER L OTTENIMENTO DEL CONTRIBUTO REGIONALE PER L ACQUISTO DI STRUMENTI TECNOLOGICAMENTE AVANZATI EX L.R. 23/99 ART.4, COMMI

Dettagli

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE INDICE assegno di cura per anziani non autosufficienti... 3 assegno di cura per disabili non autosufficienti... 4 voucher sociale... 5 servizio assistenza

Dettagli

CASSINI AGENZIA SERVIZI TERZA ETA

CASSINI AGENZIA SERVIZI TERZA ETA PRESENTAZIONE DELL AZIENDA CASSINI AGENZIA SERVIZI TERZA ETA DAL 1992 LA PRIMA AGENZIA DI SERVIZI PER LA TERZA ETÀ L'Agenzia Servizi Terza Età Cassini è stata creata nel 1992 per venire incontro alle diverse

Dettagli

Vademecum in caso di infortunio sul lavoro

Vademecum in caso di infortunio sul lavoro Vademecum in caso di infortunio sul lavoro Questo documento vuole essere un ausilio a tutti i lavoratori si trovassero nella necessità di denunciare un infortunio, una malattia professionale, un danno

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Ausili per il superamento delle barriere architettoniche

Ausili per il superamento delle barriere architettoniche Ausili per il superamento delle barriere architettoniche Spesso le abitazioni private non sono completamente accessibili per coloro che si spostano con una carrozzina o che comunque hanno difficoltà nella

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

La Tutela della salute e l Organizzazione sanitaria in provincia di Pavia

La Tutela della salute e l Organizzazione sanitaria in provincia di Pavia La Tutela della salute e l Organizzazione sanitaria in provincia di Pavia Capitolo 1 Le regole generali dell assistenza sanitaria in Italia La Costituzione italiana tutela la salute di tutti gli individui;

Dettagli

GLI AUSILII AL DOMICILIO; COME SCEGLIERLI, PRESCRIVERLI E FORNIRLI PERCHÉ SIANO DAVVERO UTILI?

GLI AUSILII AL DOMICILIO; COME SCEGLIERLI, PRESCRIVERLI E FORNIRLI PERCHÉ SIANO DAVVERO UTILI? CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA: La Medicina Fisica e Riabilitativa in ambito territoriale e domiciliare Treviso, 21-22-23 novembre 2013 GLI AUSILII AL DOMICILIO; COME SCEGLIERLI,

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

LEGGE N. 13 del 9 GENNAIO 1989

LEGGE N. 13 del 9 GENNAIO 1989 CHE LAVORI FINANZIA LEGGE N. 13 del 9 GENNAIO 1989 Tutti i montascale, le piattaforme elevatrici, le vasche con porta apribile e quant altro dedicato in esclusiva alla disabilità rientrano nei finanziamenti

Dettagli