LA SICUREZZA ALIMENTARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA SICUREZZA ALIMENTARE"

Transcript

1 LA SICUREZZA ALIMENTARE Con l indagine del Panel agroalimentare viene somministrato periodicamente un questionario ad un campione di 6 imprese dell industria agroalimentare, prevalentemente impegnate nella prima trasformazione, e di 15 imprese della grande distribuzione, ottenendo una serie di valutazioni di carattere qualitativo, ex-post ed ex-ante, sull evoluzione del settore. L indagine permette di raccogliere informazioni sulla dinamica delle principali variabili economiche (vendite, prezzi, costi di produzione, addetti) e sui comportamenti delle imprese riguardo alle politiche commerciali e di approvvigionamento. In particolare, due volte l anno vengono rilevate attraverso le interviste le valutazioni degli operatori sull evoluzione congiunturale del settore, con periodo di osservazione semestrale. Altre due rilevazioni annuali sono destinate all approfondimento di particolari tematiche, di carattere generale e di carattere settoriale, specifiche per ogni comparto. In questa nota sono presentati sinteticamente i risultati dell indagine effettuata all inizio del 1, sul tema scottante della sicurezza dei prodotti alimentari e della loro rintracciabilità che, presente nell agenda dei responsabili di politica agricola già da qualche anno, è saltato alla ribalta in maniera definitiva in tutta Europa alla fine del con il diffondersi della paura di un contagio della versione umana della malattia della mucca pazza (BSE). L indagine è stata effettuata presso tutte le aziende del panel agroalimentare, appartenenti sia alla trasformazione industriale sia alla grande distribuzione alimentare, naturalmente con questionari differenti per adeguare la formulazione delle domande ai due gruppi di operatori. I temi affrontati sono stati i seguenti: Valutazione della situazione in ogni comparto circa la rilevanza di potenziali problemi di sicurezza alimentare.

2 In questa sezione del questionario sono state poste alcune domande volte a rilevare l opinione degli intervistati circa i potenziali rischi per la sicurezza alimentare, la natura di essi e le relative cause. Ciò al fine di individuare gli elementi deboli del sistema (controlli all interno e sui prodotti importati ed anche problemi di trasmissione delle informazioni). Si è indagato, inoltre, sulla problematica relativa agli Ogm e sulle modalità ritenute più opportune per aumentare le garanzie di sicurezza dei prodotti alimentari. Opinioni circa l atteggiamento dei consumatori e le loro aspettative di tutela. In questa parte si è indagato sulla capacità e possibilità del consumatore di acquisire informazioni utili circa la qualità e le caratteristiche dei prodotti alimentari acquistati. Sono stati quindi chiesti suggerimenti circa le azioni ritenute più efficaci al fine di migliorare l informazione. Garanzia di sicurezza alimentare e identificazione delle caratteristiche dei prodotti come fattore competitivo. Qui si è verificata la percezione degli operatori su quali siano i fattori che determinano la decisione di acquisto da parte del consumatore, focalizzando poi sui prodotti tipici e biologici. Modificazione dei processi produttivi in relazione alle spinte della sicurezza alimentare. L ultima sezione del questionario ha cercato di verificare la qualità dei rapporti degli operatori intervistati con i soggetti a monte e a valle, nonché l eventuale modifica di tali rapporti in seguito alle emergenze sulla sicurezza alimentare. L indagine si chiude con la richiesta di un giudizio circa le eventuali ripercussioni di nuove normative di qualità e di sicurezza alimentare sulle relazioni fra i soggetti della catena agroalimentare. L indagine è pubblicata in un Rapporto composto di tre capitoli. Nel primo capitolo è presentata sinteticamente una panoramica sull attuale situazione normativa relativamente al tema della sicurezza alimentare, con alcuni riferimenti applicativi relativi a quei comparti agroalimentari già interessati da alcune norme innovative. 2

3 Il secondo e il terzo capitolo riportano i principali risultati dell indagine ISMEA, l uno sulle aziende di prima trasformazione e l altro sulle imprese della Grande Distribuzione Alimentare. I risultati dell indagine presso l Industria Alimentare L indagine è stata effettuata prima dell approvazione dell ultimo Regolamento 2/178. Tuttavia i temi emersi presentano ancora una loro validità generale. Nel complesso si è rilevato un grado di percezione del problema della sicurezza alimentare molto maggiore presso gli operatori della Grande Distribuzione Alimentare, i quali attribuiscono i maggiori rischi ai prodotti di origine extracomunitaria, non risparmiando però le critiche anche ai prodotti nazionali. Secondo la GDA il problema principale risiede nell inefficiente sistema di controlli pubblici sia sui prodotti di importazione che sui prodotti di origine interna, nonché nell insufficienza dei controlli delle singole aziende. Gli operatori della prima trasformazione, invece, si dicono in generale molto più ottimisti escludendo in più di casi su possibilità di rischi per la salute umana (nella GDA tale percentuale è del 4). Tuttavia alcuni settori specifici evidenziano gravi problemi di sicurezza alimentare (trasformazione del pomodoro, mangimi, olio di oliva). Per gli industriali l esistenza di eventuali rischi sarebbe da attribuire ad insufficienti controlli delle aziende nonché alla carenza delle strutture produttive e di stoccaggio. Discordanti sono anche i giudizi delle due categorie di operatori riguardo all informazione del consumatore e al problema delle etichette o pubblicità ingannevoli. Gli industriali, infatti, ritengono che in generale il consumatore sia in grado di reperire informazioni precise sulle caratteristiche e sulla qualità del prodotto (con l eccezione degli operatori dell olio d oliva, macellazione cunicola, trasformazione dei cereali e mangimi). La GDA sostiene, invece, che il consumatore non solo legge raramente le etichette ma che se anche le leggesse con attenzione non troverebbe lì le informazioni desiderate. Tuttavia, mentre la GDA ritiene in maggioranza che non sia rilevante il problema delle 3

4 etichette o pubblicità ingannevoli, gli operatori industriali (soprattutto quelli dell olio di oliva, della macellazione bovina e del vino) la considerano una pratica frequente. I quesiti posti sulla percezione dei prodotti biologici e tipici da parte dei consumatori hanno messo in evidenza chiaramente quanto affermato nella parte introduttiva. Di fronte all emergenza questi prodotti, specialmente i biologici, hanno beneficiato della loro immagine legata alla salubrità (più che al rispetto ambientale) ed hanno così visto aumentare le vendite. L impulso che il mercato ha dato allo sviluppo dei prodotti biologici e dei prodotti tipici, sull onda emotiva della ricerca di garanzie sulla salubrità e sicurezza, potrebbe tuttavia venir meno nei prossimi anni, in seguito alle nuove normative sulla sicurezza alimentare che interesseranno tutti i prodotti. Dovranno quindi entrare in gioco elementi competitivi più evoluti, in grado di meglio differenziarli qualitativamente. Riguardo i rapporti intersettoriali, dall indagine emerge come i trasformatori siano molto più consapevoli di ciò che accade a monte (ossia dei comportamenti strategici dei propri fornitori) che a valle (ossia dei comportamenti strategici dei propri clienti) e sono comunque i rapporti a monte ad essere stati maggiormente modificati in seguito ai problemi relativi alla sicurezza alimentare. La GDA, invece, oltre ad essere perfettamente a conoscenza dei canali di approvvigionamento, delle modalità e delle procedure seguite dai fornitori ha mutato solo in rari casi tali rapporti, già accuratamente selezionati. Sull impatto futuro delle nuove normative sulla sicurezza alimentare, la stragrande maggioranza dei trasformatori sostiene che sicuramente esse stanno favorendo una migliore organizzazione all interno del proprio settore, rafforzando i legami fra chi produce, chi trasforma e chi commercializza. La GDA si sente meno coinvolta in questi cambiamenti normativi e ritiene solo probabile che essi andranno ad influire sui legami fra i soggetti della filiera agroalimentare. 4

5 La percezione del rischio In generale, gli operatori intervistati non rilevano l esistenza di elevati rischi per la sicurezza della salute dei consumatori relativamente agli alimenti da loro prodotti. Soltanto un 14 afferma la possibilità che vi siano pochi rischi ed un 3 che ve ne siano abbastanza. A livello di area geografica (Graf. 1), si evidenzia una forte fiducia nel grado di sicurezza degli alimenti presso gli operatori del Centro (Area 3) e del Nord Ovest (Area 1). Percentuali inferiori alla media, invece, si ritrovano nel Nord Est (area 2) e al Sud (Area 4). Graf. 1 Grado di sicurezza alimentare percepito dagli operatori, per area geografica ( di risposte per niente alla domanda esistono rischi relativi alla sicurezza per la salute del consumatore nel suo settore? ) Relativamente ai giudizi espressi per settore, il Graf. 2 mostra percentuali di risposte che escludono assolutamente la possibilità di rischi per la salute superiori all in 7 settori su 13, compresi fra il 5 e l in 3 casi e piuttosto basse soltanto in 2 casi. Il settore ritenuto più a rischio è la trasformazione del pomodoro, con solo 3 intervistati su disposti a scommettere sulla sua totale sicurezza, seguito da quello dei mangimi (46) e della trasformazione dell olio di oliva (6). Molto sicuri si dichiarano, invece, 5

6 gli operatori della trasformazione del riso, della macellazione delle carni bovine e suine e della trasformazione del latte ovicaprino e bovino. Graf. 2 Il grado di sicurezza alimentare percepito dagli operatori, per settori alimentari ( di risposte per niente alla domanda esistono rischi relativi alla sicurezza per la salute del consumatore nel suo settore ) Pomodoro Mangimi Olio d'oliva Mac. Cunicola Mac. Avicola Ortofrutta Cereali Vino Latte bovino Mac. Suina Latte ovicaprino Mac. Bovina Riso Il principale tipo di rischio, cui alcuni operatori hanno attribuito una probabilità diversa dallo zero ma comunque assai bassa, è rappresentato dalla contaminazione da agenti microbiologici e/o chimici nocivi come spore, batteri, metalli pesanti, ecc. Le ragioni principali cui sono attribuite tali contaminazioni investono la responsabilità aziendale (insufficienti controlli interni e scarsa serietà delle aziende produttrici), nonché l esistenza di strutture produttive e di stoccaggio/conservazione inadeguate. I prodotti nazionali sono ritenuti sicuramente quelli maggiormente esenti da rischi per la salute, contrariamente ai prodotti di origine extra-comunitaria. Vi è evidentemente una percezione del rischio che aumenta via via che l origine del prodotto si allontana geograficamente dal nostro paese. Comunque, il degli intervistati ha affermato che per i prodotti di importazione non vi sono maggiori problemi ad ottenere informazioni sulle caratteristiche igienico sanitarie e sulla sicurezza alimentare, rispetto a quelli prodotti in Italia. 6

7 Agli intervistati è stata posta la domanda su quale, a loro avviso, sia la fase dell intero processo di produzione-trasformazione-commercializzazione in cui è più probabile che si verifichino problemi per la sicurezza. Coerentemente con quanto dichiarato a livello generale, un quarto di loro ha affermato che nessuna fase è a rischio. La fase comunque ritenuta in assoluto più a rischio è senza dubbio quella agricola, indicata da oltre il degli intervistati come la principale fonte di pericolo per la sicurezza alimentare (Graf. 3). Graf. 3 Fasi a rischio nel processo di produzione-trasformazionecommercializzazione ( di citazioni sul totale) Produzione agricola/allevamento Nessuna fase Trasformazione/confezionamento Magazzinaggio/conservazione/trasporto Importazione materie prime e semilavorati Distribuzione Produzione di mangimi Non so Tutte le fasi Altro Importazione mangimi L identificazione del prodotto come fattore competitivo La quasi totalità degli intervistati (95-96) è consapevole del fatto che la sicurezza del prodotto (in termini di assenza di rischi per la salute) e la relativa garanzia igienico-sanitaria costituiscono un elemento importante per la scelta d acquisto da parte dei consumatori. Il luogo di provenienza è ritenuto molto importante per il consumatore dal 64 degli intervistati e la tipicità riconosciuta con marchio (Dop, Doc, Igp) dal 54. A livello di aree geografiche, se per la sicurezza e la garanzia igienico-sanitaria non si rilevano scostamenti sostanziali dalla media, si evidenzia una particolare attenzione alla provenienza al Centro e nel Nord Ovest ed una maggiore importanza della tipicità nelle regioni del Centro e del Sud (Graf. 4). 7

8 Graf. 4 Elementi importanti per il consumatore, per area geografica ( di citazioni sul totale rispondenti) Provenienza Tipicità Garanzia igienico-sanitaria Sicurezza In ogni caso gli operatori ritengono che sia i prodotti tipici sia i prodotti biologici sono percepiti come più sicuri (per la salute). Graf. 5 Percezione di garanzia di sicurezza nei prodotti tipici e biologici, per settori alimentari ( di risposte Si alle domande dai consumatori, i prodotti tipici (biologici) sono considerati più sicuri (come assenza di rischi per la salute) rispetto agli altri? ) Tipici Biologici Il Graf. 6 mostra percentuali di risposte affermative molto elevate in tutti i settori, specialmente con riferimento ai prodotti biologici. Per i tipici vi è una maggiore variabilità settoriale, con punte di risposte affermative molto alte per 8

9 il vino, la trasformazione del latte (bovino ed ovicaprino) e la macellazione suina e bovina. Relativamente basso il numero di operatori che afferma che il consumatore associa garanzia a tipicità nei settori della macellazione avicola, cunicola e dell olio d oliva. Graf. 6 Percezione di garanzia di sicurezza nei prodotti tipici e biologici, per settori alimentari ( di risposte Si alle domande dai consumatori, i prodotti tipici (biologici) sono considerati più sicuri (come assenza di rischi per la salute) rispetto agli altri? ) Vino Ortofrutta Pomodoro Tipici Olio d'oliva Cereali Riso Mangimi Mac. Bovina Mac. Suina Mac. Avicola Mac. Cunicola Biologici Latte bovino Latte ovicaprino Rapporti con fornitori e clienti In generale i rapporti con i clienti si stabiliscono sulla base di relazioni continuative di fiducia e conoscenza, sempre per il 75 dei casi e con la maggior parte dei clienti per il restante 25. I clienti sono scelti in base alle garanzie di solvibilità e alle condizioni di pagamento ed in base alla serietà in generale. Il rapporto con i clienti risulta molto stabile, al punto che soltanto il 5 degli operatori ha dichiarato di aver modificato i criteri di selezione in seguito ai problemi sulla sicurezza dei prodotti alimentari. La maggior parte dei trasformatori (52) conosce solo in parte i canali commerciali, le modalità e le procedure seguite dai clienti nella fase di commercializzazione delle loro produzioni. Vi è comunque un buon 29 che è perfettamente a conoscenza delle strategie commerciali dei clienti. Il 15, invece, non sa nulla di ciò che accade al proprio prodotto dopo la vendita al 9

10 cliente. La consapevolezza di ciò che accade a valle aumenta man mano che ci si sposta da Sud verso Nord (Graf. 7). Graf. 7 Conoscenza dei comportamenti strategici dei clienti, per area geografica ( di risposte Si, sempre e Si, solo per alcuni clienti alla domanda Siete a conoscenza dei canali commerciali, delle modalità e delle procedure seguite dai vostri clienti nella fase di commercializzazione delle vostre produzioni? Il settore dove la conoscenza del percorso seguito a valle dal proprio prodotto è più scarsa è sicuramente quello dell olio d oliva (Graf. 8).

11 Graf. 8 Conoscenza dei comportamenti strategici dei clienti, per settore alimentare ( di risposte Si, sempre e Si, solo per alcuni clienti alla domanda Siete a conoscenza dei canali commerciali, delle modalità e delle procedure seguite dai vostri clienti nella fase di commercializzazione delle vostre produzioni? Olio d'oliva Latte ovicaprino Pomodoro Latte bovino Mangimi Ortofrutta Riso Mac. Suina Vino Mac. Bovina Cereali Mac. Avicola Mac. Cunicola Per quanto riguarda i fornitori, la totalità degli operatori dichiara di avere con loro un rapporto continuativo di fiducia e conoscenza. Nella selezione di un nuovo fornitore l aspetto cui viene attribuita maggiore importanza è la qualità del prodotto, seguita dalla serietà in generale. Il 62 degli intervistati dichiara di essere sempre a conoscenza dei canali di approvvigionamento, delle modalità e delle procedure seguite dai fornitori di materia prima, mentre il 4 lo è solo per alcuni fornitori. Gli operatori delle regioni del Nord Ovest sono quelli che maggiormente interagiscono con i fornitori approfondendone la conoscenza, seguiti in questo da quelli del Sud. Meno informati su ciò che accade a monte risultano i trasformatori localizzati nelle regioni centrali (Graf. 9). 11

12 Graf. 9 Conoscenza dei comportamenti strategici dei fornitori, per area geografica ( di risposte Si, sempre e Si, solo per alcuni clienti alla domanda siete a conoscenza dei canali di approvvigionamento, delle modalità e delle procedure seguite dai vostri fornitori di materia prima? ) A livello settoriale (Graf. ) si rileva come i settori che conoscono meglio i propri fornitori di materia prima sono quelli dell ortofrutta, della trasformazione del latte (bovino ed ovicaprino), riso e vino. Meno informati, invece, di ciò che accade a monte sono gli operatori dei settori della macellazione cunicola, cereali e mangimi. 12

13 Graf. Conoscenza dei comportamenti strategici dei fornitori, per settore alimentare ( di risposte Si, sempre e Si, solo per alcuni clienti alla domanda siete a conoscenza dei canali di approvvigionamento, delle modalità e delle procedure seguite dai vostri fornitori di materia prima? ) Mac. Cunicola Cereali Mangimi Pomodoro Mac. Avicola Mac. Bovina Olio d'oliva Mac. Suina Vino Riso Latte bovino Latte ovicaprino Ortofrutta I problemi relativi alla sicurezza per la salute dei consumatori hanno inciso sui rapporti con i fornitori in misura assai maggiore che non nei rapporti con i clienti. Il 43 degli intervistati ha infatti dichiarato di aver modificato tali rapporti. In particolare, si rileva un elevata percentuale di operatori localizzati al Sud che ha dichiarato di aver modificato i rapporti con i fornitori (63), mentre vi è una minore incidenza di cambiamenti fra i trasformatori delle regioni del Nord Ovest (37) (Graf. 11). 13

14 Graf. 11 Modificazione dei rapporti con i fornitori in seguito ai problemi relativi alla sicurezza alimentare, per area geografica ( di risposte Si ) Graf. 42 Modificazione dei rapporti con i fornitori in seguito ai problemi relativi alla sicurezza alimentare, per settore alimentare ( di risposte Si ) Pomodoro Mac. Cunicola Latte bovino Mac. Avicola Olio d'oliva Mac. Bovina Vino Mac. Suina Latte ovicaprino Cereali Ortofrutta Mangimi Riso In conclusione, quasi i tre quarti degli intervistati ha dichiarato che sicuramente le normative sulla qualità e sulla sicurezza alimentare stanno favorendo una migliore organizzazione del proprio settore, rafforzando i legami fra chi produce, chi trasforma e chi commercializza. 14

15 I risultati dell indagine presso la GDA La percezione del rischio Gli operatori della Grande Distribuzione Alimentare hanno una visione più pessimista rispetto ai trasformatori riguardo alla sicurezza alimentare. Appena il 39 di loro si è sentito in grado di affermare la totale assenza di rischi per la salute dei consumatori, contro l 83 delle aziende di prima trasformazione alimentare del Panel Ismea. I più ottimisti sono gli operatori del Nord Ovest, con una percentuale comunque relativamente bassa e pari al 56, mentre la quota dei fiduciosi scende al 26 nelle regioni del Sud (Graf. 13). Graf. 13 Il grado di sicurezza alimentare percepito dagli operatori della GDA, per area geografica ( di risposte per niente alla domanda esistono rischi relativi alla sicurezza per la salute del consumatore riguardo i prodotti alimentari in genere? ) Riguardo i canali di vendita, la percezione del rischio alimentare è maggiore presso gli operatori di ipermercati e discount, mentre risulta inferiore nei supermercati e superettes (Graf. 14). 15

16 Graf. 15 Il grado di sicurezza alimentare percepito dagli operatori della GDA, per punti vendita ( di risposte per niente alla domanda esistono rischi relativi alla sicurezza per la salute del consumatore riguardo i prodotti alimentari in genere? ) Ipermercati Supermercati Superettes Discount L 88 degli intervistati attribuisce un rischio sicuramente più elevato ai prodotti provenienti da paesi extra UE, ma non sono risparmiati neanche i prodotti comunitari (71). Oltre un terzo degli operatori, inoltre, ha indicato anche i prodotti nazionali come prodotti a rischio. Va detto che la metà degli operatori ha sottolineato, per i prodotti di importazione, il problema del reperimento di informazioni circa le caratteristiche igienico-sanitarie e in generale sulla sicurezza alimentare. I motivi della scarsa sicurezza alimentare sono soprattutto dovuti, secondo gli intervistati, ad un inefficiente sistema dei controlli pubblici sia sui prodotti interni che di importazione, cui si aggiungono controlli insufficienti da parte delle aziende ed una loro scarsa serietà. Rintracciabilità Il Graf. 16 ed il Graf. 17 mostrano come la rintracciabilità faccia ormai parte integrante delle strategie commerciali della Grande Distribuzione Alimentare. Il 95 degli operatori intervistati ha affermato di disporre di un sistema di rintracciabilità per tutti i prodotti alimentari. Tale percentuale sale al nelle regioni del Nord Ovest e raggiunge il minimo (88) nelle regioni meridionali. 16

17 A livello di canali di vendita, i sistemi di rintracciabilità sono meno diffusi presso le superettes (78). Graf. 16 Presenza di un sistema di rintracciabilità nella GDA, per area geografica ( di risposte Si alla domanda Avete un sistema di rintracciabilità per tutti i prodotti alimentari? )

18 Graf. 17 Presenza di un sistema di rintracciabilità nella GDA, per canali di vendita ( di risposte Si alla domanda Avete un sistema di rintracciabilità per tutti i prodotti alimentari? ) Ipermercati Supermercati Superettes Discount La tutela del consumatore In questa sezione del questionario sono state poste domande sia sulla percezione, da parte degli operatori della GDA, sull atteggiamento dei consumatori relativamente alle tematiche più rilevanti legate alla sicurezza alimentare, sia sugli strumenti utili per una maggiore informazione e tutela dei consumatori. Poco meno della metà degli operatori della GDA intervistati è convinta che i consumatori leggano spesso le informazioni sulle etichette prima di acquistare un prodotto, mentre oltre la metà sostiene che tale lettura avviene raramente. 18

19 Graf. 18 La disinformazione delle etichette secondo la GDA, per area geografica ( di risposte poco e per niente alla domanda Un consumatore attento, con le attuali indicazioni, riesce ad avere informazioni precise sulle caratteristiche e sulla qualità dei prodotti? ) D altra parte gli stessi operatori sostengono che attualmente le informazioni contenute nelle etichette non sono sufficienti per avere informazioni precise sulle caratteristiche e sulla qualità dei prodotti. Ben il 58 di loro è di questa opinione e la percentuale sale al 65 nelle regioni centrali, mentre è pari al 44 nel Nord Ovest (Graf. 18). 19

20 Graf. 19 Informazioni ingannevoli su etichette, confezioni o pubblicità, per area geografica ( di risposte Si, spesso e Si, in alcuni casi alla domanda Capita che attraverso l etichetta o le scritte sulla confezione o la pubblicità vengano fornite informazioni inesatte ai consumatori relativamente alle caratteristiche o alla qualità dei prodotti? Minore, anche se sempre elevata, è la percentuale di operatori che crede che etichette, confezioni o pubblicità diano informazioni inesatte (43), mentre la maggior parte (58) ritiene che la scarsa informazione derivante dalle etichette dipenda da una normativa che non obbliga maggiore dettaglio e precisione. In effetti una normativa più stringente sulle etichette è in assoluto la cosa migliore, per questi operatori, al fine di migliorare l informazione dei consumatori, unitamente ad azioni/campagne informative delle Autorità pubbliche. Inoltre, 3 intervistati su 4 pensano che una maggiore e più precisa definizione normativa delle informazioni contenute in etichetta avrebbe sicuramente ripercussioni positive sulla loro attività. Sicurezza e identificazione del prodotto come fattore competitivo Gli operatori della GDA, in modo concorde con quelli della prima trasformazione, ritengono che i fattori cruciali per la decisione d acquisto da parte dei consumatori siano la sicurezza e le garanzie igienico-sanitarie. In

21 secondo piano si collocano la provenienza geografica, la tipicità, il metodo di produzione biologico (Graf. ). Graf. Fattori ritenuti determinanti dai consumatori per l acquisto di prodotti alimentari secondo la GDA ( di risposte Molto e Abbastanza ) Luogo di provenienza Tipicità (DOC, DOP, IGP) Garanzia igienicosanitaria Sicurezza Biologico Graf. 21 Incremento delle vendite di tipici e biologici dopo gli scandali alimentari, per area geografica Si In alcuni casi In ogni caso, secondo gli stessi operatori, dopo gli scandali alimentari che hanno acuito i timori relativi alla sicurezza alimentare le vendite di prodotti tipici e biologici sono aumentate. Il 46 di loro afferma che l aumento delle 21

22 vendite è stato generalizzato, mentre il 44 sostiene che si è limitato ad alcuni casi particolari. L incremento più diffuso di tali vendite è dichiarato nelle regioni del Nord Est (Graf. 21). Graf. 22 Intenzione dei Cedis e degli ipermercati di incrementare la presenza di prodotti tipici e biologici nei punti vendita, per area geografica Si In alcuni casi Del resto la quasi totalità dei Cedis ed ipermercati intervistati (98) ha dichiarato di avere in programma di aumentare la presenza di prodotti biologici e tipici nei propri punti di vendita. La metà di essi pensa di incrementare tale presenza nella maggior parte delle categorie merceologiche e l altra metà ritiene più opportuno farlo solo in alcune categorie. Anche in questo caso il potenziamento di tali prodotti nella gamma avverrà nel Nord Est in maniera più diffusa, in modo mirato soprattutto nelle regioni del Sud. La tendenza a potenziare i tipici e i biologici solo in alcune categorie merceologiche è legata anche al fatto che non tutti questi prodotti risultano profittevoli per la GDA. Soltanto il 28 degli intervistati ha affermato che questi prodotti riescono a spuntare in generale prezzi più elevati, mentre il 57 ritiene che prezzi maggiori si possono ottenere solo su alcuni prodotti specifici. Tale convinzione risulta particolarmente radicata fra gli operatori della GDA che opera nel Nord Ovest, ma è comunque condivisa da tutti ( Graf. 23). 22

23 Graf. 23 Possibilità di spuntare prezzi più alti su prodotti tipici e biologici, dopo gli scandali alimentari ( di risposte) Si In alcuni casi Rapporti con i fornitori I rapporti con i fornitori, sempre accuratamente selezionati, sono, nella totalità dei casi, basati sulla fiducia conquistata attraverso relazioni stabili e corrette. Graf. 24 Modificazione dei rapporti con i fornitori in seguito ai problemi relativi alla sicurezza alimentare, per area geografica ( di risposte) Si No Ciò è confermato dal fatto che ben pochi Cedis o ipermercati hanno modificato 23

24 i rapporti con i propri fornitori in seguito ai problemi relativi alla sicurezza alimentare (Graf. 24). In generale, l opinione degli intervistati sull impatto delle nuove norme sulla qualità e sulla sicurezza alimentare è che esse probabilmente rafforzeranno i legami fra i vari soggetti che concorrono alla produzione-trasformazionedistribuzione dei prodotti alimentari (Graf. 25). Graf. 25 La normativa sulla qualità e sulla sicurezza alimentare rafforzerà i legami fra produzione, trasformazione e distribuzione? ( di risposte) Certamente Probabilmente Infine, come era piuttosto logico attendersi, gli operatori della GDA individuano nei consumatori i principali interessati ad una maggiore sicurezza alimentare (62), seguiti dalla GDA (47), che come sempre è la diretta interprete dei bisogni del mercato finale (Graf. 26). 24

25 Graf. 26 Chi spinge per una maggiore sicurezza alimentare? ( di risposte. Erano possibili risposte multiple) Non so Operatori a monte Stato/UE Trasformazione Grande distribuzione Consumatori finali Redazione: Unità Osservatori, Panel e Indagini (+39)-(6)

Strategie di internazionalizzazione: delocalizzazione produttiva

Strategie di internazionalizzazione: delocalizzazione produttiva Panel agroalimentari Indagini monografiche Panel Agroalimentari Ismea Strategie di internazionalizzazione: delocalizzazione produttiva 2005 Introduzione Attraverso le aziende del Panel delle aziende di

Dettagli

Panel Ismea. Struttura dell indagine, metodologia di rilevazione e dettaglio informativo

Panel Ismea. Struttura dell indagine, metodologia di rilevazione e dettaglio informativo Indagini di clima Metodologia Panel Ismea Struttura dell indagine, metodologia di rilevazione e dettaglio informativo I Panel Ismea Ismea conduce sistematicamente delle indagini congiunturali e tendenziali

Dettagli

Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario

Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario Panel agroalimentare Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario Novembre 2006

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

Sicurezza alimentare. La percezione dei consumatori. Marzo 2011

Sicurezza alimentare. La percezione dei consumatori. Marzo 2011 Sicurezza alimentare. La percezione dei consumatori Marzo 2011 1 Metodologia Universo di riferimento Popolazione italiana Numerosità campionaria 1.000 cittadini, disaggregati per sesso, età, area di residenza

Dettagli

Le imprese della trasformazione dei cereali nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni protette

Le imprese della trasformazione dei cereali nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni protette Panel agroalimentare Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea Le imprese della trasformazione dei cereali nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni protette Settembre 2006

Dettagli

GLI INVESTIMENTI DELLE IMPRESE AGROALIMENTARI ITALIANE

GLI INVESTIMENTI DELLE IMPRESE AGROALIMENTARI ITALIANE GLI INVESTIMENTI DELLE IMPRESE AGROALIMENTARI ITALIANE Nel seguito si esaminano i risultati dell indagine effettuata da Ismea sulle imprese appartenenti al Panel dell Industria Agroalimentare, volta a

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

CONSUMI E DIMENSIONI DEL

CONSUMI E DIMENSIONI DEL CONSUMI E DIMENSIONI DEL BIOLOGICO IN ITALIA FABIO DEL BRAVO ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA Il contesto Le dinamiche recenti Il valore del mercato bio Il ruolo della GDO

Dettagli

Le imprese della trasformazione vitivinicola nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni di origine

Le imprese della trasformazione vitivinicola nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni di origine Panel agroalimentare Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea Le imprese della trasformazione vitivinicola nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni di origine Ottobre

Dettagli

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE Executive summary DNV GL - BUSINESS ASSURANCE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Sommario Introduzione Metodologia e campione della ricerca Analisi dello scenario attuale Gestione della salute e sicurezza sul

Dettagli

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE Settimana 18 24 giugno 2012 numero 1/12 6 luglio 2012 LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE L andamento dei prezzi al dettaglio nella settimana compresa tra il 18-24 giugno, rispetto

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Indagine sul comparto del trasporto merci e della logistica nell Area Milanese 2006

Indagine sul comparto del trasporto merci e della logistica nell Area Milanese 2006 Studi e Analisi presenta elaborazioni e indagini prodotte dal Centro Studi nei suoi ambiti d interesse Indagine sul comparto del trasporto merci e della logistica nell Area Milanese 2006 a cura di Maria

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

ESPERIENZE DELLE IMPRESE NEI PROCESSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

ESPERIENZE DELLE IMPRESE NEI PROCESSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE ESPERIENZE DELLE IMPRESE NEI PROCESSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Il Gal Città di Castel del Monte ha avuto l incarico di individuare dei casi studio per imprese del settore agroalimentare in relazione ai

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico INDAGINE SULLA CUSTOMER SATISFACTION DELL "HELPDESK REACH 214 Sintesi dei risultati Roma, febbraio 215 Indagine sulla customer satisfaction dell Helpdesk REACH - 214

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

Sostenibilità ambientale e ricadute economiche delle innovazioni Stayfresh

Sostenibilità ambientale e ricadute economiche delle innovazioni Stayfresh UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Dipartimento di Scienze degli Alimenti STAYFRESH Sostenibilità ambientale e ricadute economiche delle innovazioni Stayfresh consumatori - costi di produzione Sillani S.,

Dettagli

COOPERAZIONE AGROALIMENTARE ASSOCIATA «AVANZATA»: TREND 2014

COOPERAZIONE AGROALIMENTARE ASSOCIATA «AVANZATA»: TREND 2014 COOPERAZIONE AGROALIMENTARE ASSOCIATA «AVANZATA»: TREND 2014 a cura di: Bologna, INDICE 2 IL CAMPIONE DELLA «COOPERAZIONE AVANZATA» pag. 4 «COOPERAZIONE AVANZATA»: IL FATTURATO pag. 8 «COOPERAZIONE AVANZATA»:

Dettagli

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo Quesito 1 In linea generale ritieni positiva la tendenza di molti paesi europei a cercare di proteggere alcuni settori ritenuti strategici per

Dettagli

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene GLI SCHEMI INTERNAZIONALI DI CERTIFICAZIONE (IFS, BRC, EUREPGAP E ISO 22000) A SUPPORTO DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI IGIENE, SICUREZZA E RINTRACCIABILITÀ La rintracciabilità e la gestione dei requisiti

Dettagli

FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI

FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI L atteggiamento delle donne verso il generico visto attraverso gli occhi del farmacista Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa Milano, 16 ottobre

Dettagli

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE Il sistema agroalimentare italiano è inserito in un contesto di mercato altamente

Dettagli

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 OSSERVATORIO CONSUMI Panel Famiglie La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 Gli acquisti nazionali Si stima in 301 milioni di euro il valore degli acquisti domestici di prodotti

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

La ricerca il rapporto degli Italiani con il risparmio investimento 1.000 interviste campione nazionale rappresentativo 4 focus group ISPO

La ricerca il rapporto degli Italiani con il risparmio investimento 1.000 interviste campione nazionale rappresentativo 4 focus group ISPO La ricerca La presente indagine, svoltasi nel mese di giugno 2006, aveva l obiettivo di indagare il rapporto degli Italiani con il risparmio e con le attività di investimento. Sono state raccolte 1.000

Dettagli

Auchan Italia ALIMENTARI. Effetti, vantaggi ed esperienze di imprese agroalimentari nell applicazione di sistemi di rintracciabilità alimentari

Auchan Italia ALIMENTARI. Effetti, vantaggi ed esperienze di imprese agroalimentari nell applicazione di sistemi di rintracciabilità alimentari Auchan Italia ALIMENTARI Effetti, vantaggi ed esperienze di imprese agroalimentari nell applicazione di sistemi di rintracciabilità alimentari Marco ANNOVAZZI Servizio Qualità Auchan Sma marco.annovazzi@auchan.it

Dettagli

SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI

SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI Analisi fabbisogni su campione di aziende della provincia di Firenze 2007-2008 Firenze,

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

L OFFERTA E LA DOMANDA DI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA

L OFFERTA E LA DOMANDA DI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA L OFFERTA E LA DOMANDA DI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA Fabio Del Bravo ISMEA Bologna, 6 settembre 2014 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA 1. Come cambiano i consumi alimentari e che ruolo ha assunto

Dettagli

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 Fiere e Comunicazioni commenta con soddisfazione la panoramica aggiornata del bio italiano nel 2010. Con la top ten delle bio-vendite e altre

Dettagli

Abstract indagine sulla contraffazione in Italia

Abstract indagine sulla contraffazione in Italia Abstract indagine sulla contraffazione in Italia Roma Palazzo Valentini 1 marzo - 2011 ABSTRACT INDAGINE SULLA CONTRAFFAZIONE IN ITALIA Nell ambito del Progetto IO NON VOGLIO IL FALSO, realizzato da ADICONSUM,

Dettagli

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO A CURA DEL Centro studi SIC Sanità in Cifre Anno 2013 Nota metodologica Metodologia: Questionario strutturato, somministrato a diverse

Dettagli

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con ATLAZIO Agenzia Regionale

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA

IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA NICOLA LASORSA - ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it IL VALORE DEL MERCATO BIO AL CONSUMO IN ITALIA -2014 STIMA DEL MERCATO RETAIL

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

Analisi economica della sicurezza degli alimenti

Analisi economica della sicurezza degli alimenti Analisi economica della sicurezza degli alimenti Maria Sassi Dipartimento di Ricerche Aziendali Facoltà di Economia Università di Pavia E-mail msassi@eco.unipv.it Definizione di sicurezza degli alimenti

Dettagli

Gli atteggiamenti dei consumatori italiani nei confronti dei prodotti alimentari agricoli

Gli atteggiamenti dei consumatori italiani nei confronti dei prodotti alimentari agricoli Gli atteggiamenti dei consumatori italiani nei confronti dei prodotti alimentari agricoli Principali risultati dell indagine ISPO per Taormina, Marzo 2010 Rif. 1502v110 La ricerca 2 Lo studio ha indagato:

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE

PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE Bolzano, 29 maggio 2015 PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Il Made in Italy Dop e Igp :

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DI PRODOTTI CHIMICI PER L INDUSTRIA

LA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DI PRODOTTI CHIMICI PER L INDUSTRIA LA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DI PRODOTTI CHIMICI PER L INDUSTRIA INDAGINE AssICC - TradeLab - Edizione 2014 Sedicesima edizione - Milano, Agosto 2015 REPORT DI SINTESI 1. INTRODUZIONE Di seguito sono presentati

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

FIG. 2.3 $QGDPHQWRGHOOHYHQGLWHGLROLG ROLYDFRQIH]LRQDWLW

FIG. 2.3 $QGDPHQWRGHOOHYHQGLWHGLROLG ROLYDFRQIH]LRQDWLW ,&2168,',2/,2',2/,9,1,7/, E importante, prima di tutto, fare una macro distinzione tra due aree principali: quella a tradizionale produzione e consumo di olio di oliva, e quella a non tradizionale produzione

Dettagli

Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore. Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012

Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore. Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012 Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012 1 Il contesto strutturale in Italia Numeri importanti, ma c è ancora

Dettagli

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane 2015

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane 2015 C E N S I S OUTLOOK ITALIA Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane 2015 Roma, settembre 2015 1. CLIMA DI FIDUCIA, PREVISIONI PER IL FUTURO Per la prima volta, dall inizio della crisi economica,

Dettagli

BAROMETRO CONSUMATORI

BAROMETRO CONSUMATORI INDICOD BAROMETRO CONSUMATORI Presentazione dei principali risultati 2 a fase A. LA STRUTTURA DEL MERCATO I GRUPPI TIPOLOGICI A1. DIMENSIONE DEI GRUPPI TIPOLOGICI (BASE: SECONDA FASE N=400) FIDUCIOSI NELLA

Dettagli

I RAPPORTI DI STATISTICA E ANALISI DI MERCATO (SAM) IL RAPPORTO SAM 2015. Rapporto SAM2015 02/04/2015. Dipartimento di Economia e Impresa 1

I RAPPORTI DI STATISTICA E ANALISI DI MERCATO (SAM) IL RAPPORTO SAM 2015. Rapporto SAM2015 02/04/2015. Dipartimento di Economia e Impresa 1 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E IMPRESA I RAPPORTI DI STATISTICA E ANALISI DI MERCATO (SAM) Rapporto di Statistica e Analisi di Mercato (SAM 2015) LA SICILIA NEL CARRELLO DELLA SPESA: CHI, COSA E PERCHÈ a cura

Dettagli

UTILIZZO E LIVELLO DI SODDISFAZIONE VERSO I PRINCIIPALI STRUMENTI DI E-GOVERNEMENT TRA I CONSUMATORI ITALIANI.

UTILIZZO E LIVELLO DI SODDISFAZIONE VERSO I PRINCIIPALI STRUMENTI DI E-GOVERNEMENT TRA I CONSUMATORI ITALIANI. 29 marzo 2012 Anno 2011 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto nel 2011 un indagine sull utilizzo

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta.

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. Andrea Payaro Le regole della supply chain devono essere applicate anche al settore dell ortofrutta. Frammentazione degli operatori e dimensioni aziendali ridotte

Dettagli

I sistemi di incentivazione in Italia: stato dell arte ed evoluzioni future

I sistemi di incentivazione in Italia: stato dell arte ed evoluzioni future I sistemi di incentivazione in Italia: stato dell arte ed evoluzioni future Sintesi dei risultati di una ricerca sul campo Milano, Novembre 2007 Arthur D. Little S.p.A. Corso Sempione 66/68 20154 Milano

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Il biologico in Piemonte

Il biologico in Piemonte Quaderno della Il biologico in Piemonte 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione Agri.Bio. Piemonte è stata fondata, nel 2007, quale associazione regionale di promozione dell agricoltura

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO Il Piano di Sviluppo Rurale del Piemonte Qualità e sicurezza alimentare Claudia Cominotti R&P Ricerche e Progetti Torino E- mail : c.cominotti@repnet.it 1

Dettagli

ATTIVITÀ DI INDAGINE SUL FENOMENO DELLA CONTRAFFAZIONE

ATTIVITÀ DI INDAGINE SUL FENOMENO DELLA CONTRAFFAZIONE ATTIVITÀ DI INDAGINE SUL FENOMENO DELLA CONTRAFFAZIONE IMPRESE E CONSUMATORI FOCUS CALZATURE E OCCHIALI SINTESI La Direzione Generale per la lotta alla contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

La previdenza pubblica e privata: cosa ne pensano i lavoratori? Indagine Mefop-Ipsos 2012

La previdenza pubblica e privata: cosa ne pensano i lavoratori? Indagine Mefop-Ipsos 2012 La previdenza pubblica e privata: cosa ne pensano i lavoratori? Indagine Mefop-Ipsos 2012 Agenda 1 Aspetti generali 2 Descrizione del campione 3 Previdenza pubblica e privata. Gli effetti del decreto Salva

Dettagli

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte CONTROLLI NELLA FILIERA ALIMENTARE PER LA RICERCA DI RESIDUI DI SOSTANZE INDESIDERATE DA PARTE DEI SERVIZI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA DELLA REGIONE LAZIO Le diossine sono un gruppo di 210 sostanze

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO SINTESI OSSERVATORIO MEDIA NIMBY FORUM - III EDIZIONE Dall analisi dell Osservatorio

Dettagli

Concrete alternative all auto? Incoraggiare mezzi pubblici e bici!!

Concrete alternative all auto? Incoraggiare mezzi pubblici e bici!! Concrete alternative all auto? Incoraggiare mezzi pubblici e bici!! Una fermata Audimob, di approfondimento su incentivi e investimenti pubblici per politiche di sostegno finalizzate a trovare soluzioni

Dettagli

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004.

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004. PACCHETTO IGIENE L Unione Europea ha da sempre attribuito molta importanza all attività legislativa diretta a regolamentare la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, con l obiettivo primario di tutelare

Dettagli

COME E CAMBIATA LA SPESA DELLE FAMIGLIE

COME E CAMBIATA LA SPESA DELLE FAMIGLIE GLI EFFETTI DELLA CRISI: EROSIONE DEL CETO MEDIO E CRESCITA DELLA POVERTA COLLOCAZIONE SOCIALE DELLE FAMIGLIE IN BASE AL REDDITO, AI COMPORTAMENTI DI CONSUMO E AGLI STILI DI VITA COME E CAMBIATA LA SPESA

Dettagli

N O W L G E F O R E D. Waste Watcher - Knowledge for Expo. Expo Milano Ottobre 2014

N O W L G E F O R E D. Waste Watcher - Knowledge for Expo. Expo Milano Ottobre 2014 K N O W L E D G E F O R Waste Watcher - Knowledge for Expo Expo Milano Ottobre 2014 Waste Watcher 2014 / Knowledge for Expo L osservatorio sullo spreco domestico Waste Watcher è promosso da Last Minute

Dettagli

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani DIPARTIMENTO POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Viale Vincenzo Verrastro, 10-85100 Potenza ass_agricoltura@regione.basilicata.it tel. 0971668710 fax 0971668731 L ASSESSORE Potenza lì 05/05/2014 MATERA 2019

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c i a

Dettagli

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO Analisi elaborata da Chiara Valentini e Toni Muzi Falconi SINTESI

Dettagli

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE 9 maggio 2013 Anno 2012 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto a luglio 2012 la seconda indagine

Dettagli

Pediatri, allattamento al seno e mamme straniere. Rapporto di ricerca quali-quantitativo

Pediatri, allattamento al seno e mamme straniere. Rapporto di ricerca quali-quantitativo Pediatri, allattamento al seno e mamme straniere Rapporto di ricerca quali-quantitativo Padova, 27 Novembre 2009 Obiettivi e metodologia della ricerca 2 La ricerca qui presentata, realizzata da ISPO in

Dettagli

Questo grafico conferma le tendenze evidenziate con il precedente.

Questo grafico conferma le tendenze evidenziate con il precedente. Istituto Paolo Boselli Questionario rivolto alle classi quinte Agenzia Banca Dati a.s. 2011/12 Commento ai risultati del questionario Il tradizionale questionario sottoposto agli allievi delle classi quinte

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con Chi si difende da chi? E perché? I dati della prima ricerca nazionale sulla Medicina Difensiva Roma, 23 novembre 2010 Senato della Repubblica, Sala Capitolare in collaborazione con Chi si difende da chi?

Dettagli

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane nel 2 semestre 2013

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane nel 2 semestre 2013 C E N S I S OUTLOOK ITALIA Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane nel 2 semestre 2013 Roma, 16 ottobre 2013 - Sono sempre più numerose le famiglie che non riescono a far fronte alle spese

Dettagli

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Relazione conclusiva AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA in collaborazione con SEZIONE PR OVINCIALE DI NOVARA ONLUS L ASL NO, in quanto parte del SSN, ha tra i propri compiti

Dettagli

Obiettivi e metodologia della ricerca

Obiettivi e metodologia della ricerca Atteggiamenti e consapevolezza rispetto a salute e lavoro: un confronto tra cittadini italiani e cittadini stranieri provenienti da paesi a forte pressione migratoria (PFPM) Obiettivi e metodologia della

Dettagli

BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI

BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI Il costo per le casse pubbliche non dovrebbe superare i 150 milioni di euro. Secondo un sondaggio della CGIA, negli ultimi 10 anni la quota di spesa

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE in collaborazione I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE RAPPORTO 2015 GENNAIO 2016 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE RAPPORTO 2015 LA SPESA DELLE FAMIGLIE E INFERIORE DEL 6,3% RISPETTO AL 2008 Nonostante un

Dettagli

2012 Secondo Rapporto su. Italiani, agricoltura e sicurezza alimentare. Anticipazione del Focus su Vino

2012 Secondo Rapporto su. Italiani, agricoltura e sicurezza alimentare. Anticipazione del Focus su Vino 2012 Secondo Rapporto su Italiani, agricoltura e sicurezza alimentare Anticipazione del Focus su Vino 1 Metodologia Universo di riferimento Popolazione italiana Numerosità campionaria 1.000 cittadini,

Dettagli

Il valore della pulizia

Il valore della pulizia Il valore della pulizia Indagine tra la popolazione italiana Milano, marzo 01 (Rif. 170v311) Metodologia della ricerca ISPO ha realizzato un indagine ad hoc durante la quale è stato intervistato un campione

Dettagli

La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA

La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA Panel agroalimentari Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA Dicembre 2007 Introduzione La presente indagine monografica è stata condotta

Dettagli

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI impaginato sintesidef 29-04-2008 19:34 Pagina 66 GRAFICO 11 DEDICANO PIÙ DI 20 ORE A SETTIMANA AL LAVORO DOMESTICO E DI CURA * 7 51,8 58,9 62,4 Uomini 29,0 27,3 20,1 Donne Meno di 35 anni Da 36 a 45 anni

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-OVEST OVEST. Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-OVEST OVEST. Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-OVEST OVEST Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere Brescia, 26 febbraio 2007 L INSERIMENTO DELLE MEDIE

Dettagli

Indagine sull insegnamento delle scienze in Italia nell ambito del progetto TRACES

Indagine sull insegnamento delle scienze in Italia nell ambito del progetto TRACES Indagine sull insegnamento delle scienze in Italia nell ambito del progetto TRACES TRACES è un progetto di ricerca internazionale finanziato dalla Commissione Europea che studia il rapporto tra ricerca

Dettagli

EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO

EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO 5144-01:07:15/13:05 - milano, (agra press) - nel 2014 per l'agroalimentare le esportazioni, pari a circa 35 miliardi di euro, sono

Dettagli

Testimonianza 6Sicuro. Economia Cognitivo - Emotiva: presa delle decisioni in campo economico. Monza, 10 giugno 2011.

Testimonianza 6Sicuro. Economia Cognitivo - Emotiva: presa delle decisioni in campo economico. Monza, 10 giugno 2011. Testimonianza 6Sicuro Economia Cognitivo - Emotiva: presa delle decisioni in campo economico Monza, 10 giugno 2011 Chi presenta oggi 2 Agenda dell intervento Il mercato RC in Italia La struttura organizzativa

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli