MASTER IN COMUNICAZIONE PUBBLICA CALL CENTRE IPOTESI DI LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MASTER IN COMUNICAZIONE PUBBLICA CALL CENTRE IPOTESI DI LAVORO"

Transcript

1 MASTER IN COMUNICAZIONE PUBBLICA CALL CENTRE IPOTESI DI LAVORO

2 MASTER IN COMUNICAZIONE PUBBLICA Il CALL CENTRE DI UN UNIVERSITA FIORENZA CAMPELLLI FRANCESCO GIOVANNI FORTINO LAURA COMERIO A CURA DI UNIVERSITA DI PADOVA UNIVERSITA CAMPUS BIO- MEDICO DI ROMA COMUNE DI GALLARATE Negli ultimi anni abbiamo assistito a uno sviluppo formidabile di servizi di assistenza al cliente, solitamente numeri verdi (gratuiti o a pagamento) che rappresentano un punto di contatto costantemente attivo tra cliente e azienda. È interessante notare come dietro questi numeri si sia evoluta un organizzazione fatta di operatori, manager, team, tecnologie, regole e procedure. Stiamo parlando dei Call Centre. Una struttura che nasce negli anni settanta come servizi di assorbimento reclami (ufficio reclami ), per diventare un modo importante del sistema di comunicazione e vendita verso la clientela. Un 15% di azienda europee possiede un Call centre proprio o fornisce servizi customer care in outsourcing, mentre nelle aziende italiane viene rilevata una diffusione dell 80% con incremento previsto del 50% per i prossimi due anni. 2

3 INDICE Premessa 4 Analisi della situazione.. 6 Articolazione del servizio.. 7 Obiettivi 10 Articolazione dei contatti. 15 Volumi e dimensionamento del Call Centre 17 La gestione integrata dei contatti. 18 Attività di controllo qualitativo e quantitativo. 23 Gestione del servizio/modalita operative ipotesi di soluzione organizzative. 25 Le figure professionali.. 28 Risorse.. 33 Considerazioni finali

4 PROGETTO CALL CENTRE PREMESSA L istituzione di un Call Centre d Ateneo risponde ai cambiamenti che stanno imponendo alle Università di considerarsi in un ottica d impresa e quindi di costruire un rapporto con gli studenti in termini di offerta dei servizi. Il Call Centre costituisce uno strumento organizzativo particolarmente efficace, sia per soddisfare i nuovi bisogni dell utenza, sia per realizzare l obiettivo di fornire agli studenti non solo un informazione unica e corretta ma anche un servizio di indirizzo ed orientamento alla nuova offerta formativa. Appare quindi opportuno riorganizzare il sistema informativo telefonico in modo da soddisfare efficacemente, grazie alle sue caratteristiche dinamiche, le esigenze di tutti gli utenti in qualche misura interessati alle novità in atto, avvalendosi di una struttura altamente professionalizzata. Il Call Centre nasce con la finalità di erogare un servizio informativo efficiente verso gli utenti, che fornisce informazioni e documentazione direttamente o attraverso il supporto di un secondo livello specializzato. L avvio di un Call Centre permette infatti di aggiungere valore al lavoro svolto, grazie all incremento di efficienza e di efficacia, che si traducono rapidamente in un incremento dei risultati dell organizzazione con una immediata percezione da parte dell utente finale della migliore qualità nell erogazione dei servizi. La caratteristica principale di un progetto di realizzazione e di gestione di un Call Centre è di essere multidisciplinare. 4

5 Questo concetto deve essere tenuto nella debita considerazione nell approccio di ogni singola area del progetto (tra cui quella dell organizzazione e gestione delle risorse e del controllo qualitativo e quantitativo) che non possono essere affrontate in maniera indipendente dalle altre, ma devono essere sempre svolte e dettagliate in un rapporto costante di causa-effetto. La realizzazione e la gestione di un Call Centre prevede le seguenti aree generali di intervento: a) Processi (Flussi) b) Risorse Umane (Selezione, Formazione, Organizzazione) c) Tecnologia (Telecomunicazioni e Information Tecnology) d) SLA (Service Level Agreement) Gli obiettivi dell Intervento, nell ambito del progetto Call Centre DI UNA UNIVERSITA, sono da ricondursi alla gestione di una struttura o area di Call Centre che ha lo scopo di gestire totalmente il traffico telefonico relativo al servizio di Orientamento, Segreteria Studenti e Diritto allo Studio. 5

6 ANALISI DELLA SITUAZIONE Ogni anno, nel periodo di pre-immatricolazione ed immatricolazione (aprilenovembre), arrivano all Università un rilevante numero di telefonate da parte di potenziali studenti per raccogliere informazioni finalizzate a valutare presso quale Ateneo iscriversi, tra i diversi poli universitari. Ogni eventuale innovazione e cambiamento in ambito formativo dovrà essere supportata da solerti e puntuali informazioni. Più l utente, sarà sollecitato da nuovi processi formativi, più il Call Centre, nella sua struttura logistica e funzionale, dovrà esser pronto alla risposta. I processi di cambiamento portano necessariamente ad un aumento delle richieste e ad una risposta adeguata e professionale. Infatti nella scelta dell Ateneo, la facilità di accesso alle informazioni, interpretato come segno di efficienza ed affidabilità dell intero sistema, influenza la decisione in modo determinante e incide di conseguenza sul numero di immatricolazioni annue. Inoltre l Università è tenuta ad aiutare lo studente nel processo di scelta della facoltà al fine di contenere il rischio di decisioni sbagliate che causano alte percentuali di abbandono degli studi. Ecco che si aggiunge allora la necessità di personale adeguatamente formato all orientamento. La molteplicità delle fonti di informazione potrebbe impedire una comunicazione omogenea ed attendibile ai potenziali studenti e fornire inoltre un immagine dell Ateneo non organica ed univoca. L ottimizzazione del servizio sia in termini quantitativi, sia qualitativi ed un attenta valutazione del monitoraggio consentono una più precisa e focalizzata programmazione tecnico-funzionale per la scelta futura. 6

7 ARTICOLAZIONE DEL SERVIZIO Per la prima fase, in relazione alle diverse tipologie, il servizio viene strutturato sulla base di tre livelli di informazioni: 1º livello: informazioni di tipo generale, che sono il patrimonio conoscitivo del personale del Call Centre, e che non necessitano di supporto informativo specifico; 2º livello: informazioni di tipo generale, presenti anche sul sito Internet, variabili in funzione di vari parametri, e che necessitano del supporto del sistema informativo; 3º livello: informazioni particolari, che necessitano di un analisi del problema ed un colloquio con l utente; per questo tipo di informazioni è necessario l intervento di una persona esperta, appartenente al settore di competenza. 1º livello Rientrano in questa categoria le informazioni di carattere generale, richieste con maggiore frequenza, che non sono variabili in funzione del corso di studio o della facoltà, quali: La riforma universitaria in generale; Titoli di studio per l ammissione; Regole base per gli studenti stranieri (numeri chiusi, regole generali per l ammissione, ); Materiale informativo disponibile; Servizi generali quali il supporto di un Tutor (ruolo, disponibilità, modalità di accesso.); Disponibilità di test di orientamento; 7

8 Opzioni ai nuovi corsi da parte di iscritti di vecchi ordinamenti (regole generali); Studenti lavoratori; Studenti disabili; Preiscrizioni orientative del Ministero e preiscrizioni presso l Università; Crediti formativi in entrata; Test d ingresso per più facoltà; Rinvio servizio militare; Trasferimenti (regole generali, scadenze); Borse di studio; Risposte diplomatiche ( confronti tra corsi, facoltà, sedi, ). 2º livello Rientrano in questa categoria le informazioni variabili in funzione del corso di studio, o articolate secondo altri parametri, per le quali è necessario un supporto informativo automatizzato. Gran parte delle informazioni necessarie sono già disponibili sul sito attuale, anche se molte di queste dovranno essere riorganizzate. Risulta opportuno realizzare un interfaccia, che stabilisca i collegamenti automatici con le pagine maggiormente richieste attraverso la creazione di pagine Web dedicate al Call Centre per rendere più veloce il reperimento delle informazioni. Elemento fondamentale, nel sistema informativo del Call Centre, è la sezione dell offerta didattica, strutturata secondo una tabella riassuntiva che fornisce il quadro generale dei corsi di studio disponibili, e da schede dettagliate, per ognuno dei corsi di studio, nelle quali sono raggruppate tutte le relative informazioni. 8

9 Per gli altri tipi di informazioni sono previsti direttamente i link alle relative sezioni. Per l orientamento ed il diritto allo studio si prevede il collegamento sia alla pagina dedicata sia alla sezione specifica. Molte informazioni gestite a questo livello non sono aggiornate tempestivamente. Quindi si rende necessario prevedere un adeguamento progressivo del sistema informativo del Call Centre. E inoltre importante che dal Call Centre sia possibile inviare, via fax ed , documenti ricavati dal sito, quali moduli di iscrizione e di immatricolazione, bandi di concorso, informazioni strutturate. 3º livello Per questo tipo di informazioni sono richieste conoscenze specifiche, che implicano il ricorso alle competenze dei singoli settori. Rientrano ad esempio in questa categoria informazioni quali: Trasferimenti da altre università; Riconoscimento di titoli di studio stranieri; Valore dei titoli di studio italiani all estero; In questo caso il servizio informativo fornisce l elenco dei referenti, ai quali eventualmente trasferire la chiamata, gli orari e le modalità del servizio. 9

10 OBIETTIVI L analisi sopra esposta porta a identificare nella creazione di un Call Centre uno strumento organizzativo particolarmente efficace, sia per soddisfare i nuovi bisogni dell utenza, sia per realizzare l obiettivo di fornire agli studenti non solo una unica e corretta informazione ma anche, come già detto, un servizio di orientamento momento alla didattica. La struttura del Call Centre è una struttura finalizzata alla gestione di un elevato numero di interlocutori, attraverso un attento impiego delle risorse umane e tecnologiche,: Permette un elevata flessibilità nell erogazione dei servizi; Fornisce, in modo controllato, risposte adeguate con personale specificatamente formato all individuazione dei bisogni e al soddisfacimento degli stessi; Automatizza tutte le attività che non richiedono l intervento dell operatore, coinvolto solo per la componente più importante, il contatto diretto con l utente; Permette di avere in forma statistica un numero rilevante di dati per una più efficiente realizzazione dell attività, costituendo fonte insostituibile di informazioni anche per altri settori; Consente un monitoraggio costante dei bisogni degli utenti permettendo di strutturare in tempo reale nuovi servizi; Permette di controllare la qualità delle informazioni fornite e le modalità delle stesse. 10

11 Con la creazione di un Call Centre si progetta un nuovo servizio che dà valore aggiunto all Università stessa e che rappresenta pertanto un nuovo modello organizzativo e funzionale di aggregazione delle diverse realtà interne; contestualmente questo permette di ottimizzare e risolvere problemi gestionali e amministrativi. L iter procedurale amministrativo trova così una sua precisa collocazione e struttura. Si raggiungono, infatti i seguenti obiettivi strategici: 1. creare un unica immagine dell Università, omogeneizzando le diverse facoltà/dipartimenti; 2. razionalizzare i servizi offerti attualmente, riducendone i costi; 3. migliorare la comunicazione interne ed esterna; 4. assicurarsi il corretto e costante funzionamento del servizio tramite un efficace organizzazione del lavoro degli operatori; 5. inserirsi nella struttura dell Ateneo come modello funzionale di riferimento per le attività; 6. informative dirette al pubblico; 7. garantire sensibili risultati in termini di immagine presso l utenza esterna ed interna. Gli interventi per la realizzazione del Call Centre possono essere così riassunti: elaborazione di progetto dettagliato; progettazione e realizzazione del sistema informatico e telefonico; progettazione ed avviamento del sistema di gestione; selezione del personale; formazione dello stesso; 11

12 gestione delle risorse e del servizio. Nella tabella che segue sono dettagliati i dati utili per una verifica del servizio da non considerarsi esaustivi, ma sufficienti per la finalità Data Ora Operatore Durata stimata della telefonata Utente età studente potenziale studente iscritto Italiano Città da dove si chiama Straniero: Nazionalità Sesso M F Macro area di interesse: informazioni generali Logistica offerta didattica Orientamento Immatricolazioni richiesta documentazione segnalazioni lamentele diritto allo studio Azione intrapresa dall operatore risposta telefonica attivazione di servizi aggiuntivi (fax- ) Livello di chiusura della consulenza Chiusa passata al 3 livello ricontattare lo studente Utente Cognome e nome Recapito Telefono Fax Note 12

13 In particolare si deve considerare l aspetto Tecnologico e quello del Service Level Agreement. Tecnologia (Telecomunicazioni & Sistemi Informativi) La tecnologia di base in una struttura di Call Centre, al fine di una corretta gestione da parte delle risorse dedicate, dovrebbe prevedere i seguenti sistemi: a) ACD (Automatic Call Distribution) b) On-Line Support (Strumenti di supporto informativo all operatore) c) Call Tracking (Applicativi per il tracciamento delle chiamate) d) Trouble Ticketing (Applicativi per il tracciamento dei problemi) e) Sistemi di Reporting (On line e statistico) In particolare l elemento fondamentale che costituisce nel tempo il valore aggiunto della struttura di Call Centre è il sistema di Call Tracking che permette non solo una rintracciabilità nel tempo dei dati relativi ad un singolo contatto ma, insieme a tutte le altre informazioni relative ai contatti, costituisce una preziosa banca dati. L utilizzo di queste informazioni opportunamente rielaborate in termini statistici, permette, attraverso una analisi qualitativa e quantitativa, di procedere agli opportuni interventi per garantire in funzione all evoluzione dei servizi che l Università vorrà fornire, il raggiungimento ed il mantenimento dei livelli di servizi erogati. Andrà altresì valutata la possibilità di mettere a disposizione del Call Centre i dati presumibilmente già in possesso dell Università e riguardanti gli iscritti; in futuro si potrà prevedere e/o l utilizzo di un codice di accesso al Call Centre con l attivazione di un sistema di screen-pop che permette di presentare al video dell operatore i dati pertinenti al chiamante prima che questi riceva la chiamata in cuffia. 13

14 S.L.A.(Service Level Agreement) Tutta l organizzazione del Call Centre deve tendere al raggiungimento ed al mantenimento nel tempo dei livelli di servizio che l Università ritiene soddisfacenti per la propria utenza. E opportuno quindi che in una fase immediatamente precedente all avvio del servizio si proceda alla definizione dei livelli di servizio che il Call Centre dovrà erogare attraverso la messa a punto di specifici parametri/obiettivi. A titolo esemplificativo si evidenziano le variabili relative al canale telefonico che hanno l impatto più significativo sul dimensionamento e l organizzazione della struttura di Call Centre: Orario del Servizio Durata delle chiamate Tempi di attesa per il contatto Tempi medi di risposta Percentuale di risposta Percentuale di abbandono Gestione dei contatti fuori orario Produttività degli operatori E da notare come al variare anche solo di un parametro varia sensibilmente, ad esempio, il dimensionamento degli operatori. Inoltre i livelli di servizio possono avere diverse modalità a seconda dell utente che contatta il Call Centre (ad esempio il servizio erogato agli iscritti può avere livelli di performance più alti rispetto ai non iscritti o viceversa). 14

15 ARTICOLAZIONE DEI CONTATTI La struttura di Call Centre può anche essere definita proprio per sottolineare la pluralità di modalità di contatto con il cliente. Infatti, a seconda dei servizi offerti, della strategia marketing perseguita nella comunicazione, della disponibilità del servizio, delle caratteristiche e della cultura degli utenti, possono essere utilizzati diversi mezzi per gestire o promuovere i contatti, con modalità ed intensità variabili. Resta inteso che la modalità di contatto principale tra l Università e l utente resta, per questa fase, il telefono. Inoltre è opportuno valutare l eventualità che al Call Center non si possa rivolgere solo l utente finale ma, ad esempio, anche un utente interno. I contatti tra Università ed utente possono infatti avvenire: secondo diverse modalità: tramite contatto telefonico (inbound e outbound) tramite corrispondenza ordinaria (inbound e outbound) tramite chat web e mail secondo diversi contenuti: informativa sui servizi operativo di orientamento 15

16 in base allo stato dell utente: iscritto (riconosciuto) non iscritto (da riconoscere) fuori corso altro e gestiti dalla diversa figura professionale: agente informativo agente operativo agente di orientamento 16

17 VOLUMI E DIMENSIONAMENTO DEL CALL CENTRE Gli elementi necessari per procedere alla definizione dei volumi e, in relazione ai livelli di servizio prestabiliti, al dimensionamento della struttura sono i seguenti: numero contatti in entrata e in uscita frequenza contatti distribuzione contatti (oraria, giornaliera, ecc.) durata di pre-processing dei contatti durata di processing dei contatti durata di post-processing dei contatti durata di risoluzione delle istanze Una volta definiti i suddetti parametri si può procedere ad un primo conteggio delle ore necessarie e quindi delle persone necessarie per la gestione delle attività. In realtà ciò permette di stabilire in una prima fase uno staff ideale in quanto la distribuzione delle chiamate gioca un ruolo fondamentale, così come le risorse tecnologiche impiegate. Infatti la distribuzione non è costante e quindi occorrerà tenere presente il possibile accodamento e i relativi tempi che si vogliono tollerare per la gestione delle code. Si arriva così a definire uno staff reale che sarà inevitabilmente maggiore di quello ideale. Naturalmente a parità di durata complessiva di tutte le chiamate in un determinato periodo di tempo, non comprendenti il tempo impiegato per l accodamento, maggiore è il tempo accettato per la attesa in coda e minore è lo staff richiesto. Se si accettasse un ritardo infinito lo staff reale coinciderebbe con quello ideale. 17

18 Al momento il numero degli operatori risulta essere stabilito dall Università in 14 operatori, 4 team leader ed un supervisor. In funzione dell orario ipotizzato si prevederà una distribuzione degli operatori secondo criteri di utilizzo delle linee telefoniche da parte dell utenza che varia secondo le diverse fasce orarie. Ovviamente la struttura organizzativa ipotizzata può far fronte in tempi rapidi ad una ripianificazione dei turni in funzione dei volumi e di eventuali picchi telefonici. Ovviamente il monte ore messo a disposizione dall insieme delle risorse operative (supervisor escluso) non potrà superare il totale di chiamate gestibile. Ovviamente esiste anche un problema di dimensionamento delle linee telefoniche. L argomento andrà ulteriormente approfondito sulla base di ulteriori elementi di servizio come, ad esempio, la distribuzione oraria e giornaliera delle chiamate. LA GESTIONE INTEGRATA DEI CONTATTI La gestione del flusso di contatti mediante operatori di Call Centre deve considerare tre fattori principali: un utilizzo di metodologie e tecniche di supporto informativo un attribuzione corretta delle problematiche un definito processo di escalation Come è stato evidenziato nei paragrafi precedenti nel caso dell Università si presuppone che l utente finale possa entrare in contatto con il Call Centre secondo le diverse modalità. Si pone così un problema tecnico-organizzativo di gestione integrata dei diversi contatti. 18

19 Le ipotesi che si possono formulare sono sostanzialmente due: 1. Distribuzione dei contatti su tutti gli agenti secondo criteri di disponibilità 2. Suddivisione degli agenti in isole virtuali Nel primo caso si dovrà prevedere la possibilità che l agente si possa escludere temporaneamente dalla ricezione di contatti telefonici per dedicarsi al disbrigo degli altri tipi di contatto. Questa prima ipotesi prevede un alta produttività delle risorse ma apre diverse problematiche legate alla priorità delle risoluzioni. Il secondo caso invece presenta gli stessi spunti ma in senso opposto: la suddivisione rigida dei contatti permette sicuramente una gestione più razionale della priorità ma abbassa inevitabilmente la produttività degli agenti. Figure professionali Le diverse figure professionali individuate per il Call Centre sono le seguenti: Operatore Team leader Supervisor Ad ogni profilo specifico potranno corrispondere professionalità o responsabilità crescenti. Le competenze e le capacità che ogni operatore potrà avere si possono riassumere in quattro quattro macro categorie: 1. Comprende la conoscenza delle tecnologie e dei prodotti utilizzati per l erogazione del servizio; 19

20 2. Comprende la conoscenza di tutti gli aspetti del servizio offerto: funzionalità, modalità di processo, vincoli normativi, procedure, ecc.; 3. Comprende gli aspetti di marketing e le potenzialità del servizio; 4. Comprende la capacità di comunicazione interattiva e la predisposizione al problem solving. Area tecnica Gestire in modo appropriato le tecnologie di base dei servizi Gestire in modo appropriato le tecnologie/applicazioni di supporto Interagire coerentemente con le funzionalità di Call Centre Area comunicazione e problem solving Gestire in modo professionale la componente comunicativa Essere autonomi nella gestione delle singole istanze Area azienda e servizi Presentare correttamente l azienda erogatrice del servizio Conoscere in modo puntuale ed approfondito i servizi offerti e le modalità di erogazione Comprendere e condividere il marketing e le potenzialità del servizio 20

21 Poiché il servizio, soprattutto nella fase iniziale, subirà un forte sviluppo, si dovranno prevedere interventi successivi di aggiornamento sui tempi e sulle modalità operative. Processo e sue criticità In particolare le fasi di processo relative alla gestione delle telefonate possono essere così elencate: Ricezione delle chiamate Qualificazione del chiamante Smistamento delle chiamate Apertura scheda della chiamata Raccolta Informazioni Fornitura di informazioni Chiusura scheda Eventuale trasferimento delle chiamate Funzionalità L erogazione di un servizio efficiente di un Call Centre presuppone un attenzione particolare alle relazioni tra azienda e cliente. In questo senso, una gestione puntuale ed appropriata di ogni singolo contatto, costituisce uno dei maggior fattori di successo per il mantenimento e/o il miglioramento della competitività aziendale. 21

22 Inoltre, se da un lato il cliente avverte positivamente il trattamento personale delle sue relazioni, dall altra l azienda è in grado di accellerarne i processi di fidelizzazione. Le funzionalità di base che una struttura di Call Centre deve possedere possono essere così riassunte: Chiamata per ogni contatto con la struttura di Call Centre devono essere acquisite almeno le seguenti informazioni: identificativo dell utente (ove possibile in automatico) anno, mese, ora, minuti del contatto nominativo dell interlocutore nominativo dell operatore motivazione del contatto soluzione del contatto SCHEDA ogni contatto deve prevedere la gestione dell istanza (sia essa di tipo informativo, che operativo o di orientamento o altro ancora) che il cliente sottopone alla struttura, tramite la gestione di una schedat che dovrà registrare le seguenti informazioni: 22

23 identificazione del cliente dati relativi al contatto anno, mese, ora, minuti dell apertura della scheda nominativo dell operatore che ha aperto la scheda problema soluzione chiusura della scheda Risoluzione del problema L operatore, che deve avere a disposizione tutte le informazioni di tipo gestionali e di produzione deve essere supportato da un sistema di INFORMAZIONI GENERICHE (tecniche, commerciali, legali, di processo, ecc.) e da un ALBERO DEI PROBLEMI contenente le possibili soluzioni a cascata e recuperabili anche con ricerche di parole chiave. ATTIVITÀ DI CONTROLLO QUALITATIVO E QUANTITATIVO Per un efficace gestione delle attività di Call Centre sono fondamentali due gruppi di indicatori di controllo: quelli statistici che su base periodica permettono di analizzare l andamento delle attività e quelli on-line che permettono di monitorare le attività in corso. I primi sono necessari per valutare i livelli di servizio erogati, per identificare le aree critiche o le possibili inefficienze, per stimare i volumi di crescita, ecc.; i 23

24 secondi sono invece quelli che permettono di intervenire in tempo reale sulle modalità di gestione del Call Centre (per esempio nel caso si verifichino dei picchi telefonici il responsabile della struttura può sospendere attività non prioritarie ed indirizzare le risorse che si liberano all evasione delle telefonate in arrivo). Qui di seguito vengono indicati i dati che, in linea di massima, saranno oggetto di controllo purchè supportati opportunamente dalla tecnologia attivata: Monitor on line Telefonate (Call in coda, tempo medio coda, tempo max coda, ) Mail (da evadere, tempo medio di attesa, tempo max di attesa, ) Operatori (attivi, disponibili, ) Schede (aperte, evase, ) Report I report dovranno essere definiti o progettati per rispondere ai diversi obbiettivi: Valutazione o analisi del comportamento degli utenti Valutazione del servizio offerto Individuazione delle aree critiche o delle possibili inefficienze Valutazione della produttività degli agenti Pianificazione delle risorse Per ognuno degli obbiettivi sopra elencati dovranno essere raccolti dati relativi a: Contatti telefonici (in/out, persi, durata, tempo d attesa, fuori orario, ) 24

25 Contatti mail (in/out, tempo di risposta, ) Tempo di risposta al contatto mail Scheda (tempo medio, tempo max, attribuzione ai vari livelli, ) Operatori (tempo di processing, di pre-processing, ) Con la seguente frequenza: Oraria Giornaliera Settimanale Mensile Annuale Indagine di Customer Satisfaction La struttura del Call Centre effettuerà periodicamente delle valutazioni sulla soddisfazione degli utenti. In particolare procederà ad una prima valutazione qualitativa per identificare i punti critici evidenziati dagli utenti e, successivamente, ad una misurazione quantitativa per stabilire statisticamente le valutazioni. GESTIONE DEL SERVIZIO Il servizio è stato disegnato senza poter contare su una esperienza consolidata. Diventa pertanto opportuno, soprattutto nella fase iniziale, poter effettuare una analisi del tipo di richieste più frequenti e del livello di autonomia del Call Centre. La centrale telefonica che supporterà il Call Centre dovrà essere dotato di una piattaforma tecnologica adeguata. Qualora per ragioni dovute a vincoli economici e/o a scelte di indirizzo si dovesse scegliere, nella fase di avvio del progetto, di non 25

26 dotare il Call Centre di una piattaforma tecnologica che preveda anche le funzioni di monitoraggio del servizio, ci si potrà avvalere di uno strumento di facile utilizzo e compilazione. L analisi del servizio può essere effettuata in questo caso mediante la registrazione di una scheda manuale, con alcuni dati sintetici, per ogni telefonata gestita. Tali schede verranno successivamente elaborate per ricavare informazioni sulla disponibilità, quali efficienza ed efficacia del servizio. IPOTESI DI SOLUZIONE ORGANIZZATIVE La gestione del Call Centre può avvenire secondo modalità organizzative differenti, con propri vantaggi e criticità. 1. GESTIONE DIRETTA Il Call Centre viene strutturato con gestione diretta da parte dell Università, impiegando personale che dipende dall Ateneo, amministrativamente e gerarchicamente. In tale ipotesi, l Università si assicura il massimo controllo sull operato dei collaboratori e la gestione dei flussi informativi facilitando il raggiungimento dei propri obiettivi qualitativi e quantitativi. L attività di selezione e formazione del personale potrebbe essere gestita direttamente oppure delegata a struttura esterna. 26

27 In questo caso l attività di controllo di gestione, individuazione degli obiettivi specifici, organizzazione e definizione degli standard di servizio, monitoraggio dei risultati,identificazione e realizzazione di interventi correttivi nonché la supervisione quotidiana vengono effettuati direttamente dall Università. Ci si avvale di consulenza esterna solo in caso di non disponibilità di competenze interne. 2. GESTIONE IN OUTSOURCING Il Call Centre diviene un servizio dell Università (nel suo ruolo di committente) gestito in outsourcing da Ente specializzato, all interno della struttura universitaria (a) o presso il fornitore (b). Una volta stabilita la natura del servizio che si vuole offrire ed i parametri di misurazione del livello di ciò che viene erogato, sono delegate all Ente fornitore tutte le attività inerenti organizzazione, gestione e controllo, finalizzate a garantire la prestazione a fronte della quale viene corrisposto un importo mensile. Nell ipotesi (a) il personale è generalmente dedicato, pertanto l utente è gestito solo dal singolo servizio ed è possibile ottenere una buona integrazione fornitore/utente. Nell ipotesi (b) il personale, anche quando è dedicato, gestisce in simultanea più servizi, molto diversi tra loro, secondo uno script a computer predisposto dal cliente. E molto complesso raggiungere un discreto livello di coinvolgimento nel servizio prestato, ance se l attività avviene in maniera molto professionale. 27

28 Le figure professionali, in entrambi i corsi (a) e (b) devono essere adeguatamente formate da esperti del settore. Il piano formativo che si esplicita più avanti è stato realizzato con la consulenza di una ditta esperta in materia. LE FIGURE PROFESSIONALI SUPERVISOR Obiettivi: quella del supervisor è una figura professionale che ha il preciso ruolo di coordinatore dell attività del Call Center da un punto di vista operativo e non strategico. Il supervisor infatti si pone i seguenti obiettivi: raccogliere le istanze dei group leader in termini di fabbisogno di aggiornamento e le necessità formative sia per gli operatori sia per gli stessi team leader; organizza riunioni di lavoro con i team leader e fornisce supporto agli stessi sulla loro attività di gestione del gruppo di lavoro; fornisce supporto sulle modalità di (ri)collocazione di ruolo e di (ri)motivazione allo stesso ai team leader; partecipa alle riunioni di lavoro con la direzione del Call Centre recependone la mission e gli obiettivi strategici. Competenze: il supervisor possiede, oltre alle competenze di tipo relazionale e comunicativo sopra esposte, competenze manageriali nell operare per obiettivi, promuove la qualità del servizio e individua le procedure che possono consentire di entrare in un ottica di miglioramento continuo del servizio stesso. Tali competenze possono essere così sintetizzate: 28

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Contact Center Manuale CC_Contact Center

Contact Center Manuale CC_Contact Center Contact Center Manuale CC_Contact Center Revisione del 05/11/2008 INDICE 1. FUNZIONALITÀ DEL MODULO CONTACT CENTER... 3 1.1 Modalità di interfaccia con il Contact Center... 3 Livelli di servizio... 4 1.2

Dettagli

SERVIZI DI COMUNICAZIONE ITC CONTACT

SERVIZI DI COMUNICAZIONE ITC CONTACT ALLEGATI A - B ALLEGATO A SERVIZI DI COMUNICAZIONE ITC CONTACT Enterprise Contact ha intercettato la difficoltà dei Comuni nel comunicare con le grandi realtà territoriali, in specie nei in casi straordinari

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

IL MANAGER DIDATTICO:

IL MANAGER DIDATTICO: IL MANAGER DIDATTICO: RUOLO, FUNZIONI, COMPETENZE DI ANNA COMACCHIO * * Professore associato in Organizzazione Aziendale Università Cà Foscari di Venezia Anna Comacchio 50 ,, F RR UU OO LL L II, I FF UU

Dettagli

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1. LIVELLO STRATEGICO Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1.1 POLITICA DELLA QUALITÀ La dirigenza di Unindustria Perform Srl intende perseguire, quale mission dell Organizzazione, il miglioramento

Dettagli

AFFIDAMENTO SERVIZIO CALL CENTER INFORMAZIONI RUZZO RETI SPA

AFFIDAMENTO SERVIZIO CALL CENTER INFORMAZIONI RUZZO RETI SPA AFFIDAMENTO SERVIZIO CALL CENTER INFORMAZIONI RUZZO RETI SPA CAPITOLATO TECNICO 1 di 11 ART. 1 OGGETTO, DURATA 1.1 Oggetto del contratto: SERVIZIO CALL CENTER INFORMAZIONI - RUZZO RETI SPA 1.2 Durata del

Dettagli

ADMIN CLIENT. è il software definitivo di gestione del Call Center, sia inbound che outbound.

ADMIN CLIENT. è il software definitivo di gestione del Call Center, sia inbound che outbound. è il software definitivo di gestione del Call Center, sia inbound che outbound. Disponibile in versione Standard e Professional Rebacall si pone l obiettivo di gestire ogni tipo di problematica relativa

Dettagli

solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici

solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici La nostra azienda, oltre a produrre, distribuire e installare i propri software presso la clientela, eroga a favore di quest ultima una serie di servizi

Dettagli

Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina

Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina COMUNE DI FIRENZE Area Comunicazione Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina Forum P.A. - Roma, 08 maggio 2006 I PERCORSI DI CAMBIAMENTO E INNOVAZIONE NEL COMUNE DI FIRENZE

Dettagli

IL CRM NELL ERA DEL CLIENTE. modi in cui un CRM moderno può aiutarti a deliziare i tuoi clienti e contribuire alla tua crescita.

IL CRM NELL ERA DEL CLIENTE. modi in cui un CRM moderno può aiutarti a deliziare i tuoi clienti e contribuire alla tua crescita. IL CRM NELL ERA DEL CLIENTE modi in cui un CRM moderno può aiutarti a deliziare i tuoi clienti e contribuire alla tua crescita ebook 1 SOMMARIO Introduzione Allineare meglio le vendite e il marketing Creare

Dettagli

Allegato III CONDIZIONI DI SERVIZIO

Allegato III CONDIZIONI DI SERVIZIO CONSORZIO COMUNI B.I.M. DI VALLE CAMONICA Procedura per l individuazione di un socio privato che partecipi alla costituzione di una società di capitali nella forma di società a responsabilità limitata

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI NOVAFRIGOR

CARTA DEI SERVIZI NOVAFRIGOR CARTA DEI SERVIZI NOVAFRIGOR Che cos è la Carta dei Servizi? Perché sentiamo il bisogno di questo strumento? Natura e finalità della Carta dei Servizi La Carta dei Servizi rappresenta uno strumento di

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study SET Contact Center di Successo con VoIp e Crm In breve Profilo aziendale La storia di SET inizia nel 1989 dalla ferma volontà di Valter Vestena, che dopo aver creato

Dettagli

PERCHE CW CREIAMO VALORE PER LA VOSTRA AZIENDA

PERCHE CW CREIAMO VALORE PER LA VOSTRA AZIENDA CHI SIAMO Call World, business unit di GGF GROUP, è un contact center multicanale specializzato in servizi in outsourcing multilingua,, H24, 7*7, di direct marketing, Customer Care ed Indagini di Mercato.

Dettagli

Capitolato tecnico per il servizio di CALL CENTER

Capitolato tecnico per il servizio di CALL CENTER GENERALITA Capitolato tecnico per il servizio di CALL CENTER L Ufficio Nazionale per il Servizio Civile (UNSC) per far fronte alle diverse ed aumentate necessità derivanti dal nuovo quadro normativo per

Dettagli

D.D. 11126 PREMESSO CHE

D.D. 11126 PREMESSO CHE D.D. 11126 BANDO DI SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO AI FINI DELL AMMISSIONE AL CORSO DI FORMAZIONE PER MANAGER DIDATTICO DI ATENEO E MANAGER DIDATTICI DI FACOLTA PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA:

Dettagli

www.softwaretelemarketing.com SOLUZIONE CRM E CTI PER CALL E CONTACT CENTER

www.softwaretelemarketing.com SOLUZIONE CRM E CTI PER CALL E CONTACT CENTER www.softwaretelemarketing.com SOLUZIONE CRM E CTI PER CALL E CONTACT CENTER SOFTWARE PER LA GESTIONE E P SOFTWARE PER LA due. CRM è lo strumento dedicato alla gestione e pianificazione delle azioni di

Dettagli

ONC Srl. Il nostro valore aggiunto

ONC Srl. Il nostro valore aggiunto ONC Srl Il nostro valore aggiunto grave crisi economica fase recessiva mercati instabili terremoto finanziario difficoltà di crescita per le aziende Il mercato La nuova sfida per le aziende: Riuscire a

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

IL SISTEMA DI HELP DESK UNA APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO

IL SISTEMA DI HELP DESK UNA APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO IL SISTEMA DI HELP DESK UNA APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO INDICE INTRODUZIONE...3 GLOSSARIO...4 PARTE PRIMA...6 1. GUIDA UTENTE PER L USO DEL SISTEMA DI HELP DESK...6

Dettagli

SIG-FIN UN CRM PER TUTTE LE ESIGENZE

SIG-FIN UN CRM PER TUTTE LE ESIGENZE SIG-FIN UN CRM PER TUTTE LE ESIGENZE SIG-FIN (Sistema Informativo Gestionale Finanziario) è la soluzione di CRM (Customer Relationship Management) sviluppato da Cesaweb per tutte le società Finanziarie

Dettagli

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON GESTIONE FIERE CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, la gestione di una fiera si rivolge, come nel caso del telemarketing, ai

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: LA CASA DELLE GENTI SETTORE e Area di Intervento: A12 Assistenza ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO FINALITA GENERALE Finalità generale del progetto

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA GESTIONE

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome FIGONE TIZIANA Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità Data di nascita 31/01/1967 VIA MONTALDO, 2-16137

Dettagli

INDICE del documento. Contact Center

INDICE del documento. Contact Center INDICE del documento 1 Descrizione del servizio di... 2 1.1 Obiettivi del... 2 1.2 Servizi del in Fase Transitoria... 2 1.3 Supporti informativi per il... 3 2 Modello Organizzativo del servizio di... 4

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Video Comunicazione su Rete Internet

Video Comunicazione su Rete Internet Video Comunicazione su Rete Internet 1 Introduzione alla comunicazione video su rete Internet. La rapida evoluzione dell Information Technology negli ultimi anni ha contribuito in maniera preponderante

Dettagli

, progettati e realizzati in loco ricorrendo alle risorse umane presenti nelle strutture d Ateneo

, progettati e realizzati in loco ricorrendo alle risorse umane presenti nelle strutture d Ateneo PROGETTO FORMATIVO COMUNICAZIONE DI QUALITA CON GLI UTENTI INTERNI ED ESTERNI PREMESSA Ormai da anni è unanimemente riconosciuta l importanza, soprattutto per i servizi di prima accoglienza e front office,

Dettagli

Easy Time. Software per la Rilevazione Presenze. Via Vic.le Terracina Infermeria, 10-80125 Napoli (NA)

Easy Time. Software per la Rilevazione Presenze. Via Vic.le Terracina Infermeria, 10-80125 Napoli (NA) Easy Time Software per la Rilevazione Presenze Easy Time... 1 Software per la... 1 Rilevazione Presenze... 1 2M... Errore. Il segnalibro non è definito. 1. PRESENTAZIONE... 3 2. DESCRIZIONE... 3 3. ANAGRAFICA

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING Il servizio, fornito attraverso macchine server messe

Dettagli

HELP DESK STARTER KIT

HELP DESK STARTER KIT HELP DESK STARTER KIT Centralino VoIP Risponditore automatico (IVR) Gestione servizi Gruppi operatori Barra telefonica Team Leader Statistiche Apertura scheda cliente Gestione ticket Evolvi Livecare Support

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Criteri fondamentali per un sistema CRM

Criteri fondamentali per un sistema CRM Criteri fondamentali per un sistema CRM Definizione di C.R.M. - Customer Relationship Management Le aziende di maggiore successo dimostrano abilità nell identificare, capire e soddisfare i bisogni e le

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

JOY MARKETING trae origine dall'esperienza di Marasco s.r.l., società nata nel 1980, operante nel settore dei call center.

JOY MARKETING trae origine dall'esperienza di Marasco s.r.l., società nata nel 1980, operante nel settore dei call center. Joy Marketing JOY MARKETING trae origine dall'esperienza di Marasco s.r.l., società nata nel 1980, operante nel settore dei call center. Prima in Italia ad istituire un sistema di call center per conto

Dettagli

CRM per l Innovazione

CRM per l Innovazione Webinar 12 giugno 2015 CRM per l Innovazione Istruzioni per partecipare Sul pannello di Gotomeeting identificarsi con l indirizzo email dove si è ricevuto l invito al webinar Impostare Audio del computer

Dettagli

Retail L organizzazione innovativa del tuo punto vendita

Retail L organizzazione innovativa del tuo punto vendita fare Retail L organizzazione innovativa del tuo punto vendita fareretail è una soluzione di by www.fareretail.it fareretail fareretail è la soluzione definitiva per la Gestione dei Clienti e l Organizzazione

Dettagli

CentralixCallCenter Descrizione del sistema. Allinone1 Srl Piazza Roma, 2 - Santa Maria a Vico - 81028 (CE) - TEL. 0823 758929 info@allinonesrl.

CentralixCallCenter Descrizione del sistema. Allinone1 Srl Piazza Roma, 2 - Santa Maria a Vico - 81028 (CE) - TEL. 0823 758929 info@allinonesrl. CentralixCallCenter Descrizione del sistema Allinone1 Srl Piazza Roma, 2 - Santa Maria a Vico - 81028 (CE) - TEL. 0823 758929 info@allinonesrl.net 2 Descrizione del sistema Sommario Centralix 4 Introduzione

Dettagli

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale Attività Informa - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale opera dal 1988. Certificato ISO 9001 dal dicembre 1997. E la scuola per dirigenti,

Dettagli

SCOPRI G2 AUTOMOTIVE L ESCLUSIVO SISTEMA PERSONALIZZATO CHE GESTISCE IL TUO PARCO CLIENTI. E GENERA NUOVO BUSINESS.

SCOPRI G2 AUTOMOTIVE L ESCLUSIVO SISTEMA PERSONALIZZATO CHE GESTISCE IL TUO PARCO CLIENTI. E GENERA NUOVO BUSINESS. SCOPRI G2 AUTOMOTIVE L ESCLUSIVO SISTEMA PERSONALIZZATO CHE GESTISCE IL TUO PARCO CLIENTI. E GENERA NUOVO BUSINESS. Efficiente, rapido, su misura. G2 Automotive è l innovativo sistema di gestione specifico

Dettagli

Un call center in ogni luogo. Strutture operative con minimi investimenti, massima produttività anche da casa.

Un call center in ogni luogo. Strutture operative con minimi investimenti, massima produttività anche da casa. Un call center in ogni luogo. Strutture operative con minimi investimenti, massima produttività anche da casa. Thelgo è un CRM nato per rispondere alle esigenze di ogni call center. È facile da usare e

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study NETSI e GAT.crm danno voce alla tua azienda IN BREVE Profilo aziendale NETSI è attiva da diversi anni sul molti fronti: ad esempio, è infatti uno dei maggiori partner

Dettagli

CRM : I SISTEMI DI CONTATTO. Scopo dei sistemi di contatto Il modello tecnologico Il modello applicativo Il modello funzionale Diffusione

CRM : I SISTEMI DI CONTATTO. Scopo dei sistemi di contatto Il modello tecnologico Il modello applicativo Il modello funzionale Diffusione CRM : I SISTEMI DI CONTATTO Scopo dei sistemi di contatto Il modello tecnologico Il modello applicativo Il modello funzionale Diffusione Scopo dei sistemi di contatto Si basano sulla attività di operatori

Dettagli

Master Universitario di II livello

Master Universitario di II livello C O N S O R Z I O P E R I L L A V O R O E L E A T T I V I T A I N N O V A T I V E E F O R M A T I V E UNIVERSITA DELLA CALABRIA Facoltà di INGEGNERIA Master Universitario di II livello Sistemi di Gestione

Dettagli

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 189 del 12/06/2012 Introduzione Il sistema

Dettagli

SEDE LEGALE: Strada Iovita, n.4 settore 5 Bloc P24 scala 8 app. 35, Bucarest (Romania)

SEDE LEGALE: Strada Iovita, n.4 settore 5 Bloc P24 scala 8 app. 35, Bucarest (Romania) SEDE LEGALE: Strada Iovita, n.4 settore 5 Bloc P24 scala 8 app. 35, Bucarest (Romania) Sede Operativa: Bd Unirii n. 37 et.2 - Bacau (Romania) Tel: +4 0334-405434 Fax: +4 0334-405435 e-mail:bites.info@euroservicegroupspa.com

Dettagli

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI. Carta della qualità dei servizi

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI. Carta della qualità dei servizi MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Biblioteca Carta della qualità dei servizi 2007 I. PRESENTAZIONE CHE COS È LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI La Carta della qualità dei servizi risponde all

Dettagli

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE. Manuale applicativo

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE. Manuale applicativo IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE Manuale applicativo Firenze, 23 luglio 2009 INDICE 1. PREMESSA 2. I PRINCIPI DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE 3. COSA SI VALUTA 4. LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI

Dettagli

L'evoluzione della comunicazione: la multicanalità il video call center

L'evoluzione della comunicazione: la multicanalità il video call center L'evoluzione della comunicazione: la multicanalità il video call center 25 Ottobre 2013 White paper 1. CONTESTO ED ESIGENZE DEL MERCATO Imprese e Pubbliche Amministrazioni sono pressate dall esigenza di

Dettagli

Contact Center. solutions

Contact Center. solutions Contact Center solutions Rafforzate le relazioni con i clienti e proteggete i profitti Il contact center è l interfaccia principale che la vostra organizzazione presenta alla sua risorsa più preziosa:

Dettagli

AFTER SALES MANAGEMENT

AFTER SALES MANAGEMENT Esperienza e Innovazione AFTER SALES MANAGEMENT L approccio proposto da M&IT per trasformare il post-vendita in un Service Eccellente Consulenza di Direzione Risorse Umane Sistemi Normati Information Technology

Dettagli

Creare un rapporto duraturo con i clienti. Realizzare una completa integrazione. Investire nel futuro. CRM. Customer Relationship Management

Creare un rapporto duraturo con i clienti. Realizzare una completa integrazione. Investire nel futuro. CRM. Customer Relationship Management Creare un rapporto duraturo con i clienti. Realizzare una completa integrazione. Investire nel futuro. CRM Customer Relationship Management Cosa vuol dire CRM? L espressione significa letteralmente gestione

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. Foggia, 10/07/2013. Protocollo n. 18157-I/7. Rep. A.U.A. n. 294-2013

IL RETTORE DECRETA. Foggia, 10/07/2013. Protocollo n. 18157-I/7. Rep. A.U.A. n. 294-2013 Protocollo n. 1157-I/7 Foggia, 10/07/2013 Rep. A.U.A. n. 294-2013 Area Didattica, Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso

Dettagli

Project Automation S.p.a.

Project Automation S.p.a. PROJECT AUTOMATION S.P.A. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ è la denominazione assunta nel 1999 da Philips Automation S.p.a., a sua volta costituita nel 1987 rilevando dalla Divisione Industrial & ElectroAcustic

Dettagli

SUITE SISTEMI. la suite di soluzioni dedicate all ufficio Sistemi Informativi. White Paper

SUITE SISTEMI. la suite di soluzioni dedicate all ufficio Sistemi Informativi. White Paper SUITE SISTEMI la suite di soluzioni dedicate all ufficio Sistemi Informativi White Paper Introduzione Suite Sistemi è un pacchetto di soluzioni per la gestione di tutte le attività che coinvolgono l ufficio

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

ConCert - CTP Certified Telemarketing Professional Syllabus area teleselling/telemarketing

ConCert - CTP Certified Telemarketing Professional Syllabus area teleselling/telemarketing ConCert - CTP Certified Telemarketing Professional Syllabus area teleselling/telemarketing Indice degli argomenti 2. Modulo 2 Teleselling/Telemarketing...2 2.1. Servizi e tecnologie...2 2.1.1. Call Center...2

Dettagli

1. Architettura del sistema

1. Architettura del sistema 1. Architettura del sistema La proposta offerta da Solari di Udine spa è concepita nell ottica della modularità, con possibilità di ampliare e modificare in qualsiasi momento l impianto esistente. La stessa

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - OPERATORE CALL CENTER

Dettagli

Valutazione del servizio di outsourcing informatico

Valutazione del servizio di outsourcing informatico Valutazione del servizio di outsourcing informatico 1. Premessa Dall inizio del 1999 lo IUAV ha affidato, ad una ditta esterna la fornitura di servizi informatici. In particolare sono esternalizzate le

Dettagli

Lab4 per l innovazione della piccola e media Impresa

Lab4 per l innovazione della piccola e media Impresa Lab4 per l innovazione della piccola e media Impresa Indice 1. CHI SIAMO... 1 1.1 I servizi... 2 1.2 I Corsi... 2 2. CMV - LA MISSION, LA VISION... 3 2.1 I risultati del metodo CMV... 4 3. PING PONG Il

Dettagli

La Sapienza per tutti

La Sapienza per tutti 800410960 800410960 Numero verde N. Verde 800410960 Numero verde La Sapienza per tutti Servizi per gli studenti disabili 800410 Numero v 1 Indice La Sapienza per tutti Servizi per gli studenti disabili

Dettagli

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Rev 0 del 21/10/2011 Firma PREMESSA FORMAPI S.r.l. è l Ente di formazione della Confimi Impresa Abruzzo (Confederazione dell Industria Manifatturiera

Dettagli

Soluzioni per Call Center

Soluzioni per Call Center Secure Online Desktop & Gruppo Tecnocontrol presentano Powered by S. O. D. Soluzioni per Call Center www.secure-od.com info@secure-od.com www.gruppotecnocontrol.com info@gruppotecnocontrol.com Il contenuto

Dettagli

in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA

in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA INDICE 1) Premessa 2) Obiettivo 3) Il profilo professionale in uscita: lo Store Manager 4) Organizzazione delle attività 5) Programma

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

Customer Service Trends 2011

Customer Service Trends 2011 Sondaggio sul Customer Service in Europa: Il punto di vista del cliente CONTATTI CON I CLIENTI DI NUOVA GENERAZIONE www.customerservicetrends.com Il sondaggio Obiettivi Il sondaggio Aspect Customer Service

Dettagli

RETE LOMBARDIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA ECONOMICO LOMBARDO. CARTA DEI SERVIZI 2008 LombardiaPoint Estero

RETE LOMBARDIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA ECONOMICO LOMBARDO. CARTA DEI SERVIZI 2008 LombardiaPoint Estero RETE LOMBARDIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA ECONOMICO LOMBARDO CARTA DEI SERVIZI 2008 LombardiaPoint Estero 1 LA RETE LOMBARDIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA ECONOMICO LOMBARDO LombardiaPoint

Dettagli

C O M U N E D I M O D I C A Provincia di Ragusa Patrimonio SEGRETERIA GENERALE

C O M U N E D I M O D I C A Provincia di Ragusa Patrimonio SEGRETERIA GENERALE dell Unità C O M U N E D I M O D I C A Provincia di Ragusa Patrimonio SEGRETERIA GENERALE LA CREAZIONE DELL URP DEL COMUNE DI MODICA 1. Intro L introduzione degli Uffici per le Relazioni con il Pubblico

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

La cultura della gestione della conoscenza è diventata

La cultura della gestione della conoscenza è diventata RAGONAMENT 41 La rete per insegnare D FABRZO EMER Tecnologie e modelli per l e-teaching La cultura della gestione della conoscenza è diventata il punto focale dell apprendimento. Questa innovazione comporta

Dettagli

VoipNet. La soluzione per la comunicazione aziendale

VoipNet. La soluzione per la comunicazione aziendale VoipNet La soluzione per la comunicazione aziendale grave crisi economica fase recessiva mercati instabili terremoto finanziario difficoltà di crescita per le aziende Il mercato La nuova sfida per le aziende:

Dettagli

eprogress la soluzione completa per la gestione della relazione e del contatto

eprogress la soluzione completa per la gestione della relazione e del contatto eprogress la soluzione completa per la gestione della relazione e del contatto eprogress eprogress è la piattaforma per la gestione del contatto e della relazione sviluppata da ONC. Le principali caratteristiche

Dettagli

Il software paghe per professionisti e associazioni di categoria PROFESSIONISTI E ASSOCIAZIONI

Il software paghe per professionisti e associazioni di categoria PROFESSIONISTI E ASSOCIAZIONI PAGHE WEB Il software paghe per professionisti e associazioni di categoria PROFESSIONISTI E ASSOCIAZIONI AUTOMATICO Cedolino? Click. Fatto! Paghe Web Zucchetti è una soluzione che facilita l operatività

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, le attività di Direct Marketing si posizionano

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study Contact Center in Outsourcing Il gruppo PHONEMEDIA B-SERVICES Un caso di successo con SISECO In breve Profilo aziendale Phonemedia-B-Services è la prima struttura italiana

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 2005, in Roma ABI e.. premesso che: il d. lgs. n. 276 del 10 settembre 2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolando all art. 49, la fattispecie dell apprendistato

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Corso in Store Management

Corso in Store Management in collaborazione con presenta Corso in Store Management EDIZIONE SICILIA INDICE 1) Premessa 2) Obiettivo 3) Il profilo professionale in uscita: lo Store Manager 4) Organizzazione delle attività 5) Programma

Dettagli

CAPO I: OGGETTO ED AMMONTARE DELL'APPALTO, DESCRIZIONE, STRUTTURA E REQUISITI DEL PRODOTTO Art. 1 Oggetto dell appalto Oggetto del presente appalto è la realizzazione della Intranet dell Amministrazione

Dettagli

Servizi digitali per il cittadino nell ambito Sanitario: il CUP RECALL

Servizi digitali per il cittadino nell ambito Sanitario: il CUP RECALL Servizi digitali per il cittadino nell ambito Sanitario: il CUP RECALL La sanità in Italia ed all estero sta dimostrando negli ultimi anni di investire in tecnologie ICT in tutti i processi chiave, da

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

Sede Legale e Operativa: Bd Unirii nr. 30 et.2 - Bacau (Romania) Tel: +4 0334-405434 Fax: +4 0334-405435 e-mail:bites.info@euroservicegroupspa.

Sede Legale e Operativa: Bd Unirii nr. 30 et.2 - Bacau (Romania) Tel: +4 0334-405434 Fax: +4 0334-405435 e-mail:bites.info@euroservicegroupspa. Sede Legale e Operativa: Bd Unirii nr. 30 et.2 - Bacau (Romania) Tel: +4 0334-405434 Fax: +4 0334-405435 e-mail:bites.info@euroservicegroupspa.com CHI SIAMO Bites Credit Management, nata nel 2012 dalla

Dettagli

WHITE PAPER CRM Novembre 2003

WHITE PAPER CRM Novembre 2003 WHIT E PAPER Novembre 2003 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT Parlare di CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT significa parlare di come l Azienda gestisce il suo business. Se vogliamo dare una definizione di

Dettagli

1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE

1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE 1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE 1.1 Introduzione Il sistema informatico gestionale, che dovrà essere fornito insieme ai magazzini automatizzati (d ora in avanti Sistema Informatico o semplicemente Sistema),

Dettagli

di Giorgia Facchini (*)

di Giorgia Facchini (*) strategica Strategie di Customer Relationship Management di Giorgia Facchini (*) Il Customer Relationship Management ha costituito negli ultimi anni un opportunità a disposizione delle PMI per poter valutare

Dettagli

WP7 IMPLEMENTAZIONE A REGIME SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITATIVO- QUANTITATIVO DEI SERVIZI EROGATI. Deliverable di Progetto # (cod.

WP7 IMPLEMENTAZIONE A REGIME SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITATIVO- QUANTITATIVO DEI SERVIZI EROGATI. Deliverable di Progetto # (cod. WP7 IMPLEMENTAZIONE A REGIME SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITATIVO- QUANTITATIVO DEI SERVIZI EROGATI Deliverable di Progetto # (cod. A7P2) Versione 1.0 del 26.03.10 1 Indice 1. Premessa 3 2. Qualità e miglioramento

Dettagli

Introduzione 3. Vademecum della Valutazione 5. Manuale Operativo 8. Contenuti del KIT. Reporting e Monitoraggio 26

Introduzione 3. Vademecum della Valutazione 5. Manuale Operativo 8. Contenuti del KIT. Reporting e Monitoraggio 26 KIT del Valutatore Contenuti del KIT Introduzione 3 Vademecum della Valutazione 5 Manuale Operativo 8 Reporting e Monitoraggio 26 2 Introduzione Il Sistema di Performance Management di Poste Italiane Il

Dettagli

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI I consumatori sono saturi e hanno poco tempo, ha sentenziato recentemente Enrico Finzi, presidente di Astra/Demoskopea,

Dettagli