SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO"

Transcript

1 Regione Marche SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO Approfondimento tematico nell ambito dell attività di valutazione in itinere del POR-FSE Regione Marche Dicembre 2010 ATI Fondazione Giacomo Brodolini Istituto per la Ricerca Sociale

2

3 SINTESI DEL RAPPORTO, CONCLUSIONI ED IMPLICAZIONI PER LE POLITICHE Il rapporto presenta i principali risultati della valutazione tematica sugli interventi per la sicurezza e salute nei luoghi di lavoro nella regione Marche, realizzata nell ambito delle attività di valutazione in itinere del POR FSE Regione Marche, Programmazione Il tema della sicurezza e della salute sul lavoro è una delle principali componenti del concetto multidimensionale di qualità del lavoro adottato dalla regione Marche come obiettivo fondante della strategia regionale (art. 1 della L.R. 2/05), che riprende quanto sancito dai Consigli Europei di Lisbona e Nizza e dalla Comunicazione della Commissione Europea COM(2003) A livello nazionale il crescente numero di incidenti e di morti sul lavoro registrato negli ultimi anni ha, recentemente, riportato il problema della sicurezza sul lavoro al centro dell attenzione del Governo e del Parlamento e ha portato all approvazione del Decreto Legislativo del 9 aprile 2008 n. 81 (Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro). In questo quadro di riferimento, il POR Marche F.S.E tiene esplicitamente conto della necessità di intensificare gli interventi a sostegno dell incremento della qualità del lavoro e prevede tra gli obiettivi operativi dell Asse I Adattabilità, il miglioramento della qualità del lavoro, con particolare attenzione alla salute e alla sicurezza dei lavoratori. All interno di questo Asse è prevista, tra l altro, l implementazione di interventi finalizzati a sostenere l adozione di misure in grado di favorire la sicurezza sul lavoro. In particolare, il FSE può prevedere anche interventi rivolti a migliorare la qualità del lavoro con particolare attenzione alla salute ed alla sicurezza dei lavoratori, quali corsi di formazione in tema di salute e sicurezza e/o azioni di formazione, informazione, sensibilizzazione e tutoraggio in materia di sicurezza ed igiene nei luoghi di lavoro, oltre che progetti rivolti a specifici target della popolazione (quali gli immigrati), per i quali si rilevano significativi problemi connessi alla sicurezza sul lavoro. 1 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO, AL PARLAMENTO EUROPEO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI - Migliorare la qualità del lavoro: un analisi degli ultimi progressi, Bruxelles, 26/11/2003 I

4 Obiettivi della valutazione, metodologia e articolazione del rapporto di valutazione Gli Obiettivi specifici della valutazione tematica sono di: inquadrare concettualmente il tema della qualità del lavoro, entrato a far parte delle priorità di azione non solo della strategia regionale, ma anche di numerose organizzazioni e istituzioni internazionali e nazionali; ricostruire e comprendere le modalità di implementazione della strategia del POR in relazione alla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori (quale tipo di interventi, quali obiettivi, quali gruppi di popolazione sono stati coinvolti); analizzare il ruolo del POR FSE in materia di salute e sicurezza dei lavoratori (quali interventi sono specificamente sostenuti dal FSE, quali benefici per coloro che hanno partecipato alle azioni); identificare buone pratiche in materia di prevenzione, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Ove possibile, si è tenuto conto delle specificità di genere nell analisi della programmazione e del disegno degli interventi in tema di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, anche alla luce della segregazione orizzontale che caratterizza molti settori di attività. L approccio metodologico, descritto in dettaglio nel Disegno della valutazione 2, ha comportato la combinazione di diversi strumenti e metodologie sia di tipo qualitativo che quantitativo, tra cui: a) l analisi desk della documentazione disponibile a livello europeo, nazionale e regionale su interventi e buone pratiche in materia di sicurezza e salute sul lavoro; b) l analisi della normativa di riferimento a livello europeo, nazionale e regionale; c) l analisi statistica dei dati amministrativi INAIL sugli andamenti infortunistici e malattie professionali disponibili a livello regionale e/o provinciale, oltre che dei dati di monitoraggio sugli interventi formativi realizzati nella regione in materia di SSL e sulle caratteristiche dei partecipanti a tali interventi; d) un indagine CATI sull universo dei destinatari di attività formative sulla sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro concluse al 30 aprile 2010, al fine analizzare gli effetti degli interventi formativi sia sui comportamenti individuali dei partecipanti che sugli effetti percepiti nell organizzazione aziendale. Il rapporto presenta i principali risultati della valutazione, evidenziando: 2 RTI FGB-IRS, La valutazione tematica: la sicurezza sul lavoro. Disegno della valutazione e strumenti, Ottobre II

5 Nel capitolo 2, il ruolo della sicurezza e salute sul lavoro nell ambito del concetto multidimensionale di qualità del lavoro, sulla base della prevalente letteratura internazionale sul tema. Nel capitolo 3, il contesto di riferimento degli interventi avviati sul tema della sicurezza e salute sul luogo di lavoro, attraverso: Una breve rassegna delle normative esistenti a livello comunitario, nazionale e regionale sul tema; La ricostruzione del ruolo del FSE per la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro attraverso la rassegna di altre esperienze e pratiche adottate a livello europeo e/o nazionale; Un analisi descrittiva dei dati amministrativi INAIL sugli andamenti infortunistici e le malattie professionali, disponibili a livello regionale e/o provinciale. Nel capitolo 4 si presenta l analisi del quadro regionale degli attori e delle politiche locali (sia FSE che non) in tema di sicurezza e salute sul luogo di lavoro e l individuazione di buone pratiche. Nel capitolo 5 si presentano i principali risultati che emergono dai dati di monitoraggio sui corsi e i destinatari delle azioni approvate e concluse al 30 aprile 2010 e la valutazione degli interventi in tema di salute e sicurezza sul lavoro mediante: La ricostruzione delle caratteristiche dei destinatari degli interventi formativi cofinanziati con il FSE e di quelli finanziati tramite fondi nazionali/regionali. I risultati dell indagine CATI sui lavoratori che hanno partecipato a: i) corsi di formazione su sicurezza e salute nei luoghi di lavoro per le figure obbligatorie (quali i Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS, i Preposti alla sorveglianza, gli Operatori di Gru Edili, ecc.) previste dal d.lgs. 81/2008 e cofinanziati col FSE; ii) corsi di formazione su sicurezza e salute nei luoghi di lavoro per figure obbligatorie finanziati con la l. 236/93 (c.d. "sicurezza sui ponteggi"); iii) altri corsi di formazione genericamente destinati ai lavoratori e non disciplinati dal d. lgs. 81/2008, cofinanziati col FSE; iv) corsi di formazione cofinanziati col FSE all interno dei quali sono stati previsti Moduli su sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. La valutazione delle azioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro diverse dai corsi di formazione. III

6 Il contesto normativo L analisi del contesto normativo ha considerato gli interventi definiti a livello europeo (Direttiva Quadro 89/391/CEE), nazionale (Decreto Legislativo n. 626 del 1994, trasposto nel Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro - d.lgs. 81/2008, a sua volta integrato dal d.lgs. n. 106 del 3 agosto 2009) e regionale (Legge Regionale n. 2 del 21 gennaio 2005) che disciplinano: Il sistema di gestione ed organizzazione delle attività di prevenzione e protezione dai rischi sui luoghi di lavoro individuandone i soggetti responsabili e prevedendone l attivazione. Lo sviluppo di una cultura della prevenzione attraverso: o L informazione; o La formazione tecnica dei lavoratori e delle figure preposte contro gli infortuni; o La partecipazione dei lavoratori all individuazione ed adozione delle contromisure per i rischi; o La collaborazione fra impresa e lavoratori tesa all individuazione di responsabilità comuni, sia da parte del datore di lavoro, che da parte dei lavoratori, che sono responsabili in proprio delle singole azioni od omissioni nel caso di danni a terzi. L analisi degli interventi in tema di SSL attivati con il cofinanziamento del FSE in altri contesti europei e nazionali ha permesso di individuare le principali tipologie d azione e alcune buone pratiche. Le tipologie di azione riguardano in particolare: Formazione ai lavoratori: percorsi formativi rivolti a specifiche categorie di lavoratori, a maggiore rischio di infortuni; Formazione aziendale: attività di formazione rivolte a specifiche realtà aziendali; Formazione nelle scuole/tirocinio: percorsi formativi rivolti a studenti, che integrano l approccio didattico formale e/o concrete esperienze di lavoro; Interventi in azienda: pratiche che incidono sull organizzazione e sulla gestione del sistema di sicurezza aziendale; Campagne informative: attività educative, di informazione e sensibilizzazione. Dall analisi delle buone pratiche realizzate in Europa ed in Italia nell ambito di questa tipologia di azione, non emergono differenze particolarmente rilevanti con quanto viene realizzato in materia di SSL nelle Marche. Il quadro di intervento regionale e il ruolo del FSE I dati amministrativi INAIL sulla frequenza relativa e la gravità degli infortuni relativi al periodo , mostrano nelle Marche indici di frequenza relativa e di gravità più elevati rispetto a IV

7 quelli delle altre regioni del Centro Italia e a quelli nazionali. La struttura produttiva regionale, con un elevata incidenza di piccole imprese nel manifatturiero e nelle costruzioni potrebbe spiegare questi dati, che segnalano comunque la necessità di una elevata attenzione al tema della sicurezza e della salute sul lavoro in questa regione. La ricostruzione del quadro regionale degli attori e delle politiche locali in tema di SSL, realizzata tramite interviste a referenti delle Amministrazioni regionale e provinciali e l analisi della documentazione esistente, ha evidenziato una consapevolezza crescente della rilevanza di questi temi e modalità interessanti di intervento. In particolare emerge che il sistema di governance regionale afferente la tematica SSL è allocato sia a livello regionale che provinciale e che ha un ruolo rilevante la promozione di partenariati istituzionali a livello regionale e provinciale contraddistinti da forme di collaborazione con le organizzazioni datoriali e sindacali, INAIL e altri attori di sistema, con particolare attenzione al sistema dell Istruzione (accordi con l Ufficio scolastico regionale, convenzioni con alcune Università, progetti ed iniziative promosse presso le scuole). Inoltre, a livello provinciale si rileva: Un ampia offerta di formazione mirata sulla sicurezza e salute nei luoghi di lavoro per figure obbligatorie e non obbligatorie e di moduli informativi sulla sicurezza nell ambito di altri corsi di formazione, oltre a corsi di formazione specifici destinati ad addetti ai lavori in quota. Mancano però interventi formativi specificamente rivolti a settori economici non tradizionalmente considerati negli interventi sulla sicurezza e salute sul lavoro, ma che possono comportare elevati rischi (come i servizi alle persone e i servizi sanitari), o a particolari categorie di lavoratori quali gli immigrati, le donne o altri soggetti a rischio; Un offerta molto differenziata di interventi non formativi finalizzati a promuovere la cultura della sicurezza in una logica fortemente preventiva, generalizzata e trasversale. In questo ambito si distinguono, in particolare, le Provincie di Pesaro e Urbino e di Ascoli Piceno. Il quadro degli interventi rivolti a prevenire e a proteggere dai rischi sui luoghi di lavoro e a sviluppare una cultura delle prevenzione appare particolarmente ampio ed articolato, comprendendo: o tavole rotonde a livello provinciale, formali ed informali, quale sede di confronto e di concertazione tra soggetti istituzionali, pubblici e privati; o concorsi provinciali rivolti a studenti con l obiettivo di sensibilizzare i giovani, e l intero corpo docente; V

8 o progetti didattici ed educativi da realizzare nelle scuole, mirati all informazione ed alla formazione; o giornate provinciali dedicate alla sicurezza, rivolte a tutta la cittadinanza, ai sistemi dell istruzione, della formazione e del lavoro; o protocolli di intesa con Istituzioni e parti sociali; o progetti volti a favorire l applicazione dell art. 21 del d.lgs. n. 626/94, e del successivo art. 36 del d.lgs. n. 81/2008, afferenti l informazione ai lavoratori in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Gli interventi posti in essere col FSE sembrano nel complesso riflettere quelli che sono gli elementi di innovazione di cui la Strategia Comunitaria si è fatta portatrice e che risiedono: nell adottare una concezione globale del benessere sul luogo di lavoro, in termini tanto fisici quanto psicologici e sociali (non più misurabili semplicemente in funzione dell'assenza di infortuni o malattie professionali); nel riconoscere la promozione della salute e sicurezza negli ambienti di lavoro come un azione posta in capo a più soggetti di diversa natura, in grado di combinare strumenti differenziati; nell aver posto, infine, l accento sull importanza prioritaria della diffusione e del consolidamento di una cultura della prevenzione a tutti i livelli. Per quanto riguarda gli interventi formativi sulla salute e sicurezza sul lavoro, i dati del sistema di monitoraggio regionale evidenziano la rilevanza dei corsi FSE che rappresentano il 65% dei corsi approvati al 30 aprile 2010 e coinvolgono il 78,6% dei destinatari dei corsi avviati. Emerge inoltre un orientamento a privilegiare la dimensione della addizionalità del FSE, che finanzia soprattutto corsi su SSL destinati alla formazione di figure non obbligatorie o comunque rivolti a tutti i lavoratori e corsi di formazione che includono moduli su SSL nel percorso formativo. Sono in particolare le province di Ancona e Ascoli Piceno che hanno improntato i loro interventi nella direzione dell addizionalità FSE. I dati di monitoraggio mostrano altresì una maggiore capacità di attuazione e conclusione dei corsi FSE: in complesso, sono stati avviati l 85,6% e conclusi il 47% dei corsi FSE approvati, rispetto rispettivamente al 35,5% e al 3% dei corsi finanziati con fondi non comunitari. Gli effetti degli interventi formativi sui partecipanti Al fine di realizzare una analisi degli effetti degli interventi formativi in tema di salute e sicurezza sul lavoro è stata realizzata, con l ausilio di un questionario strutturato, un indagine CATI sui VI

9 destinatari di attività formative su SSL concluse al 30 aprile Sono quindi stati coinvolti i destinatari di: i) corsi di formazione su sicurezza e salute nei luoghi di lavoro per le figure obbligatorie con compiti collettivi (quali i Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS, i Preposti alla sorveglianza, ecc.) previste dal d.lgs. 81/2008 e cofinanziati col FSE; ii) corsi di formazione su sicurezza e salute nei luoghi di lavoro per le figure obbligatorie con compiti individuali (Operatori Gru Edili, ecc.) previste dal d.lgs. 81/2008 e cofinanziati col FSE; iii) altri corsi di formazione non disciplinati dal d. lgs. 81/2008, genericamente destinati ai lavoratori o per figure non obbligatorie, cofinanziati col FSE; iv) corsi di formazione su sicurezza e salute nei luoghi di lavoro per figure obbligatorie finanziati con la l. 236/93 (c.d."sicurezza sui ponteggi"); v) corsi di formazione cofinanziati col FSE all interno dei quali sono stati previsti Moduli su sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. L indagine CATI ha coinvolto destinatari dei corsi conclusi al 30 aprile 2010, pari al 46% dell universo di riferimento (e al 71% dell universo dei destinatari con un recapito telefonico). Essendo i corsi conclusi tutti FSE, ad eccezione di quelli per ponteggisti, i risultati consentono di comprendere meglio gli effetti dei corsi a cofinanziamento FSE. I principali risultati evidenziano che: I destinatari dei corsi sono prevalentemente uomini. Le donne sono presenti in misura mediamente superiore nei soli corsi di formazione con moduli su SSL (FSE) e nei corsi per figure non obbligatorie o corsi generici su SSL (FSE); Coloro che hanno partecipato a corsi per addetti in quota (non FSE) e a corsi per figure obbligatorie con compiti individuali (operatori gru edili) si distinguono dagli altri gruppi per essere mediamente più anziani e meno istruiti dei destinatari delle altre tipologie di corsi, probabilmente perché svolgono mansioni prettamente manuali nelle costruzioni; Come prevedibile, gli addetti ai lavori in quota e gli operatori gru edili sono anche quelli che dichiarano una maggiore esposizione al rischio rispetto agli altri intervistati, soprattutto nell interazione coi propri colleghi o con i lavoratori di altre aziende. Inoltre, i destinatari di questi corsi ritengono che nelle proprie aziende la probabilità di incidenti/malattie professionali sia medio alta, diversamente dai destinatari delle altre tipologie di interventi formativi su SSL dove viene considerata medio-bassa. VII

10 D altro canto, non emergono differenze particolari tra i destinatari dei diversi corsi in relazione alle opinioni in tema di SSL: il problema della SSL è considerato un problema prevalentemente legato alle condizioni di lavoro, da affrontare soprattutto attraverso la formazione e l informazione dei lavoratori ed adeguati investimenti aziendali. Secondo la maggioranza degli intervistati per garantire la SSL dovrebbe intervenire soprattutto l imprenditore o l azienda, che si ritiene disponga degli strumenti necessari (conoscenze, risorse, tecnologie) per assicurare la SSL. Non emergono differenze rilevanti tra i destinatari delle diverse tipologie di corso neppure in relazione alla valutazione delle politiche messe in atto dalle aziende in tema di SSL. Secondo gli intervistati: le aziende informano e bene sui rischi per la salute e la sicurezza derivanti dal lavoro svolto; investono molto o abbastanza per la SSL; adottano tutte le misure possibili in tema di SSL. Si registrano elevati livelli di soddisfazione tra tutti i destinatari delle diverse tipologie di corsi considerati. I corsi ed i moduli su SSL secondo i destinatari hanno aumentato la percezione e la consapevolezza del rischio e la capacità di azione in caso di pericoli. Inoltre, nella maggioranza dei casi, quanto appreso è ritenuto applicabile nel proprio contesto lavorativo. Gli interventi formativi in tema di SSL (inclusi i moduli su SSL), realizzati nella nuova programmazione e conclusi al 30 aprile 2010, mostrano dunque risultati positivi. Nella percezione dei destinatari gli interventi formativi: incrementano la percezione del rischio; forniscono le competenze necessarie per aumentare la consapevolezza dei rischi legati al tipo di lavoro svolto e per essere in grado di adottare i comportamenti più opportuni in situazioni di pericolo; i giudizi sui contenuti, sulle modalità organizzative, sui materiali didattici, sui docenti sono ampiamente positivi. Su molti degli aspetti indagati, pur con le dovute differenze, anche i moduli su SSL all interno dei corsi di formazione sembrano contribuire in modo significativo a sviluppare una cultura della prevenzione e mostrano effetti non significativamente diversi da quelli delle diverse tipologie di corsi su SSL. Un altro risultato rilevante emerso dall indagine è che la gestione della salute e della sicurezza sul lavoro appare costituire parte integrante della gestione delle aziende. VIII

11 Le implicazioni di policy Alla luce dei risultati positivi emersi dell indagine, tenuto conto che la definizione di programmi formativi rivolti a figure e/o a servizi specifici è obbligatoria per legge e data l esistenza di finanziamenti ministeriali per assolvere agli obblighi di legge, il principale suggerimento di policy per valorizzare ulteriormente il ruolo dei cofinanziamenti comunitari in relazione agli interventi in tema di SSL è quello di rinforzare ulteriormente il ruolo addizionale del FSE, continuando sulla strada già intrapresa dalla Regione e da alcune Province marchigiane. In questo senso, le risorse del FSE potrebbero concentrarsi maggiormente: sull introduzione di moduli sulla sicurezza e sulla salute dei lavoratori nell ambito di tutti i corsi, in quanto la prevenzione in tema di SSL è il vero valore aggiunto che queste attività formative possono offrire; nella attivazione di azioni formative specificamente indirizzate a settori non tradizionalmente considerati, pur presentando livelli medio-alti di rischio soprattutto psicologico e mentale (come la sanità, l istruzione, il lavoro di cura), e a gruppi di popolazione particolarmente a rischio, ma più difficili da coinvolgere, come le donne e gli immigrati; nella realizzazione di campagne informative; nell organizzazione di convegni locali/regionali nell ambito di manifestazioni / giornate nazionali / europee in tema di prevenzione e protezione sui luoghi di lavoro; nella pubblicazione, nelle scuole, di concorsi per studenti su sicurezza e salute al lavoro. IX

12

13 Indice 1. Introduzione La qualità del lavoro Il concetto di qualità del lavoro nell azione comunitaria Definizione e misurazione della qualità del lavoro Salute e sicurezza sul lavoro: il contesto La normativa di riferimento a livello comunitario, nazionale e regionale Il ruolo potenziale del FSE: alcune esperienze europee e nazionali Box n. 1 - Lussemburgo Construction Safety Toolbox Box n. 2 - Francia Synergie Box n. 3 - Regno Unito Check it Out Box n. 4 - Toscana Sicurezza e prevenzione sul lavoro: dalla normativa ai comportamenti - Sic_Pras Box n. 5 - Lombardia a scuola di sicurezza! Box n. 6 - Friuli Venezia Giulia Safety café Box n. 7 - Friuli Venezia Giulia Alternanza Scuola Lavoro Pittini Box n. 8 - Provincia Autonoma di Trento Consulenza alle aziende per la prevenzione degli infortuni e la salute dei lavoratori Infortuni e malattie professionali in Italia e nelle Marche: i dati amministrativi INAIL Frequenza relativa degli infortuni e gravità di infortunio In sintesi Attori, politiche locali e buone pratiche a livello regionale e locale Il governo del sistema Gli attori del dialogo sociale e i protocolli di collaborazione I contesti provinciali In sintesi

14 5. Il ruolo del POR FSE: monitoraggio e valutazione degli interventi in materia di salute e sicurezza dei lavoratori I dati di monitoraggio: i corsi di formazione su SSL e i destinatari nella programmazione Gli interventi formativi approvati, avviati e conclusi al 30 aprile I destinatari della formazione Gli effetti degli interventi formativi L indagine sui destinatari dei corsi FSE per figure obbligatorie con compiti collettivi (Tipologia A) L indagine sui destinatari dei corsi FSE su SSL per dei corsi su SSL per figure obbligatorie con compiti individuali (operatori gru edili) (Tipologia B1) L indagine sui destinatari dei corsi FSE su SSL per figure non obbligatorie o generici (Tipologia B2) Indagine sui destinatari dei corsi non FSE per addetti ai lavori in quota (Tipologia B3) L indagine sui destinatari dei corsi FSE con moduli su SSL (Tipologia C) In sintesi Gli altri interventi formativi in materia di salute e sicurezza sul lavoro

15 1. Introduzione In questo rapporto si presentano i risultati della valutazione tematica sugli interventi per la sicurezza e salute nei luoghi di lavoro nella regione Marche, realizzata nell ambito delle attività di valutazione in itinere del POR FSE Regione Marche, Programmazione Nella programmazione del POR FSE della Regione Marche si tiene infatti esplicitamente conto della necessità di intensificare gli interventi a sostegno dell incremento della qualità del lavoro. Il tema della sicurezza e della salute sul lavoro è una delle principali componenti del concetto multidimensionale di qualità del lavoro adottato dalla regione Marche come obiettivo fondante della strategia regionale (art. 1 della L.R. 2/05), che riprende quanto sancito dai Consigli Europei di Lisbona e Nizza e dalla Comunicazione della Commissione Europea COM(2003) 728 3, secondo cui l obiettivo di incrementare la qualità del lavoro impone la realizzazione di azioni in grado di incidere su dieci distinte componenti: la qualità intrinseca del lavoro (misurata dal grado di soddisfazione dei lavoratori in termini di retribuzione, situazione lavorativa e prospettive di carriera); la qualità e l efficienza dei sistemi di istruzione e formazione (che va perseguita allo scopo di promuovere la produttività, la competitività e il prolungamento della vita attiva, la partecipazione degli adulti all istruzione e alla formazione e garantire l accesso alla formazione per tutti); la parità di genere; la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro; il giusto equilibrio tra flessibilità e sicurezza (che va perseguito al fine di garantire modalità di sviluppo socialmente sostenibili); l integrazione sociale (che va perseguita al fine di offrire a tutti i cittadini in età lavorativa disposti e in grado di lavorare la possibilità di entrare e rimanere sul mercato del lavoro); la conciliazione tra vita lavorativa e privata; il dialogo sociale e la partecipazione dei lavoratori ai processi decisionali interni alle imprese; la gestione della diversità e la lotta alla discriminazione basata sul genere, l età, l handicap o l origine etnica; i livelli occupazionali. 3 Comunicazione della Commissione al Consiglio, al Parlamento Europeo, al Comitato Economico E Sociale Europeo e al Comitato delle Regioni - Migliorare la qualità del lavoro: un analisi degli ultimi progressi, Bruxelles, 26/11/2003 3

16 A livello nazionale il crescente numero di incidenti e di morti sul lavoro registrato negli ultimi anni ha, recentemente, riportato il problema della sicurezza sul lavoro al centro dell attenzione del Governo e del Parlamento con l approvazione del Decreto Legislativo del 9 aprile 2008 n. 81 (Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro). In questo contesto, il POR Marche F.S.E prevede tra gli obiettivi operativi dell Asse I Adattabilità, il miglioramento della qualità del lavoro, con particolare attenzione alla salute e alla sicurezza dei lavoratori. All interno di questo Asse è prevista, tra l altro, l implementazione di interventi finalizzati a sostenere l adozione di misure in grado di favorire la sicurezza sul lavoro. In particolare, il FSE può prevedere anche interventi rivolti a migliorare la qualità del lavoro con particolare attenzione alla salute ed alla sicurezza dei lavoratori, quali corsi di formazione in tema di salute e sicurezza e/o azioni di formazione, informazione, sensibilizzazione e tutoraggio in materia di sicurezza ed igiene nei luoghi di lavoro, oltre che progetti rivolti a specifici target della popolazione (quali gli immigrati), per i quali si rilevano significativi problemi connessi alla sicurezza sul lavoro. Gli Obiettivi specifici che questa valutazione tematica intende realizzare sono di: inquadrare concettualmente il tema della qualità del lavoro, entrato a far parte delle priorità di azione, oltre che della strategia regionale, anche di numerose organizzazioni e istituzioni internazionali e nazionali; comprendere le modalità di implementazione della strategia del POR in relazione alla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori (quale tipo di interventi, quali obiettivi, quali target sono stati intercettati); valutare il ruolo del POR FSE in materia di salute e sicurezza dei lavoratori (quali benefici per coloro che hanno partecipato alle azioni); identificare buone pratiche in materia di prevenzione, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Ove possibile, la presente valutazione tematica mira, inoltre, a tenere conto della specificità di genere nell analisi della programmazione e del disegno degli interventi in tema di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, anche alla luce della segregazione orizzontale che caratterizza molti settori di attività. 4

17 Il rapporto si struttura come segue: Il capitolo 2, evidenziando il ruolo della sicurezza e salute sul lavoro, propone una analisi sintetica, sulla base della prevalente letteratura internazionale sul tema, di cosa si intenda per qualità del lavoro, su come sia possibile misurarla e su quale ruolo potrebbe avere il FSE; Il capitolo 3 presenta una analisi di contesto sulla sicurezza e sulla salute nei luoghi di lavoro attraverso: Una breve rassegna delle normative esistenti a livello comunitario, nazionale e regionale in tema di salute e sicurezza dei lavoratori; La ricostruzione del ruolo del FSE per la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro attraverso la rassegna di altre esperienze e pratiche adottate a livello europeo e/o nazionale; Un analisi descrittiva dei dati amministrativi INAIL sugli andamenti infortunistici e le malattie professionali, disponibili a livello regionale e/o provinciale; Il capitolo 4 riporta l analisi del quadro regionale degli attori e delle politiche locali (sia FSE che non) in tema di sicurezza e salute sul luogo di lavoro e l individuazione di buone pratiche, mediante: La ricostruzione delle politiche locali (sia FSE che non FSE) in tema di attenzione alla salute e alla sicurezza dei lavoratori realizzate in regione e nelle diverse province marchigiane. L analisi considera i settori di attività economica, le professioni e le qualifiche e/o mansioni, le aree di rischio e la tipologia di beneficiari, coinvolti nelle diverse misure attivate; L individuazione di alcune buone pratiche in materia di prevenzione, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro adottate sul territorio della regione Marche, finalizzate a migliorare la sicurezza e la qualità negli ambienti di lavoro; Il capitolo 5 propone il monitoraggio e la valutazione degli interventi in tema di salute e sicurezza sul lavoro mediante: La ricostruzione dei destinatari degli interventi formativi cofinanziati con il FSE (ovvero a valere sul POR ) e di quelli finanziati tramite fondi nazionali/regionali. L analisi è condotta per genere, classi di età, titolo di studio, condizione occupazionale, dimensione d azienda e settore di attività attraverso i dati provenienti dal sistema di monitoraggio regionale; 5

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Premessa: obiettivi del documento

Premessa: obiettivi del documento Proposte della Commissione consultiva permanente per una strategia nazionale di prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali Premessa: obiettivi del documento Il presente documento

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli